Arte e cultura driver dello sviluppo, con il supporto di Start up e di sistemi ICT innovativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Arte e cultura driver dello sviluppo, con il supporto di Start up e di sistemi ICT innovativi"

Transcript

1 Arte e cultura driver dello sviluppo, con il supporto di Start up e di sistemi ICT innovativi Non è nuovo che gran parte del mondo associ l Italia ad un immagine di cultura, di stile e di bellezza. La straordinaria eredità che abbiamo ricevuto dal passato, in termini di beni archeologici, artistici e culturali, oltre che le bellezze naturali, ci pongono in una posizione sicuramente invidiabile. Sappiamo quanta ammirazione ci viene espressa dagli stranieri, specie da quelli che amano il nostro Paese. Ma spesso l ammirazione viene oggi accompagnata da preoccupazione e da un senso di delusione. Cosa state facendo di questo patrimonio? : questa la domanda, che, se non espressa, viene comunque letta, in alcuni casi, negli occhi dei nostri interlocutori d oltre confine. Preoccupazione più che lecita se ci soffermiamo su alcune immagini che spesso mandiamo per il mondo: paesaggi deturpati dal cemento, cumuli di immondizia nelle strade, dimore storiche e siti archeologici abbandonati nel degrado. Certo, il potere della comunicazione spesso finisce per colpire l immaginazione più con il negativo che con il positivo. È facile deturpare un immagine sia essa di un Paese che di un opera d arte, ma è molto difficile ricostruirne una positiva. L eredità che abbiamo ricevuto ci fa quindi pensare a figli che dilapidano il prezioso patrimonio lasciato dai loro padri. Si tratta in effetti di un eredità tanto ampia, fragile e complessa, da porre anche un problema: quello del suo mantenimento e del relativo rapporto costo/benefici, in epoche di competizioni sempre più serrate. È quindi ancor più necessario che questo patrimonio vada sempre più verso una sua chiara collocazione economica, e tutto il contesto, in cui si propone, operi in modo da consentirne da un lato la giusta tutela, dall altro la creazione di quell insieme di fattori che ne esaltino le condizioni per una corretta fruizione da parte di tutti. Di tali problematiche vi è ovviamente una sempre maggiore consapevolezza, ma all atto pratico una serie di viscosità e di cattive pratiche rendono il percorso quanto mai arduo. Numerosi sono, in effetti, gli elementi che possono determinare una migliore fruizione del Cultural Heritage (ormai denominato CH, ma noi preferiremmo Beni Culturali: forse ancora un segno del declino). Fra questi ovviamente la comunicazione, l ICT, ma anche e soprattutto come il Paese si propone nel mondo. C è un indice, come al solito di origine anglosassone, che oggi va per la maggiore e che riassume alcuni dei fattori di questo tipo di valutazione. È il Country Brand Index. IV

2 Questo indicatore è ritenuto, fin dall esordio, il più efficace a valutare la percezione complessiva che si ha di un intero Paese. Non si limita a fotografie statiche, ma analizza le dimostrazioni di dinamismo, l apertura alle sfide della globalità e della contemporaneità, la capacità di valorizzare l eredità storica, artistica, culturale. Alcuni parametri che compongono l indice riguardano aspetti come: Value System, Quality of Life, Good for Business, Heritage & Culture, Tourism. Un indice che non assume a riferimento solo indicatori economici ma pesa la capacità di attrarre clienti, acquirenti, venditori, turisti in un Paese. Nel 2005 l indice generale vedeva l Italia in testa. Il nostro Paese primeggiava per arte e cultura nonché per retaggio storico. Era ben posizionato per accoglienza alle famiglie e godeva di un buon piazzamento per gli affari e per il turismo congressuale. Significativo, allora, era il quinto posto tra i Paesi che la ricerca presumeva dovessero ulteriormente rafforzarsi, alle spalle di Cina, Corea del Sud, Australia ed Emirati Arabi Uniti. Dopo aver perso varie posizioni nella classifica, nel 2012 l'italia scende di ben cinque posizioni rispetto al 2011, attestandosi al 15 posto. Come History e Art and Culture siamo ancora al primo posto. Il che ci deve fare ancor più riflettere! Come dire: i nostri antenati sono i primi nei ranking mondiali e noi occupiamo posizioni sempre più basse. Del resto sono molti altri i parametri che non ci vedono primeggiare. Senza proporre il solito cahier de doleances, non si possono nascondere alcuni dei mali che da anni affliggono lo sviluppo del nostro sistema socio-economico: i costi della politica (e non solo, se si pensa alla vasta area grigia fra pubblico e privato), le difficoltà che incontrano giovani, ricerca, innovazione e creatività, la mancanza di un prodotto ICT nazionale in grado di proporsi strategicamente sui mercati globali, l estrema complessità del sistema normativo, il debito pubblico: tutti fattori, che gravano fra l altro sulle aziende, costrette ad operare nella concorrenza globale. Del resto l Italia, forse più di altri Paesi, si trova oggi a gestire un marchio di tipo nazionale, che, sotto etichette come Made in Italy o Italian Style, tende ad associare un immaginario piuttosto ampio, che collega le bellezze artistiche e paesaggistiche del Paese con alcuni settori produttivi che vanno dal design, alla moda, all enogastronomia. Dunque un vantaggio. L ICT può avere insieme ad altri fattori, come detto, un ruolo determinante, purché ci si liberi finalmente da un ruolo di dipendenza quasi totale dall estero. Il fattore ICT è strategico e richiede per affermarsi una forte componente di innovazione prodotta, spesso confusa dalle nostre parti con quella acquistata. V

3 Mentre i Palazzi nostrani parlano e dibattono di ICT, altri affermano la loro creatività e i prodotti della loro ricerca, creando la trasformazione epocale a cui assistiamo. Del resto non solo la comunicazione, ma anche gli strumenti dell organizzazione e del commercio su basi informatiche non sono di nostra produzione. Il commercio elettronico, la gestione in Rete del turismo, i sistemi di prenotazione online, ecc. sono in massima parte prodotti all estero, per cui non è facile eludere questi passaggi obbligati, peraltro costosi e vincolanti. Ma situazioni analoghe si stanno concretizzando per Biblioteche, Musei, luoghi d arte. Abbiamo più volte ripetuto che a chi produce innovazione all estero va tutta la nostra ammirazione, ma vorremmo anche che una parte di queste sfide appartenessero al nostro Paese, almeno per quanto riguarda la cultura, come continuità con il passato. Molti di questi fattori incidono, infatti, direttamente sulla nostra affermazione a livello globale. Ad esempio, per quanto riguarda i flussi turistici si è avuto negli anni un continuo incremento ed il confronto con gli altri Paesi ci vede oggi al quinto posto su base mondiale dopo Francia, Stati Uniti, Cina e Spagna, negli arrivi, e dopo Stati Uniti, Spagna, Francia e Cina, negli introiti. Va però detto che tutto il turismo mondiale è cresciuto nell ultimo decennio e per quanto riguarda l Italia, pur avendo usufruito della crescita, tuttavia si è registrato un peggioramento del ranking, essendo stata superata da Cina e Spagna. La penetrazione dell online, in questo campo, è piuttosto elevata. A fine 2011 circa il 41% dei viaggi è stato comprato in Europa su Internet, con circa 4 punti di differenza in meno rispetto agli Stati Uniti, con UK, Scandinavia, Francia, Germania, Spagna e Italia ai primi 6 posti. Ma per quanto concerne i sistemi di prenotazione online di linee aeree, alberghi, ecc., il ranking dei Siti maggiormente utilizzati per le prenotazioni sono Olandesi, Americani, Canadesi, Inglesi, ecc.. Si deve arrivare al 76 posto per trovare con Alitalia un Sito italiano. Quindi, come si sa, la Rete e l ICT non solo come strumenti di comunicazione, di promozione e di coinvolgimento, non solo come gestori e ottimizzatori del complesso sistema produttivo e commerciale, ma anche come mezzo di vendita diretta B2C. Tutti settori nei quali si profila una sempre maggiore competizione globale e nei quali poco siamo artefici di soluzioni, strumenti e piattaforme. Le premesse c erano e ci sarebbero ancora i presupposti. E da anni che diciamo che va lasciato spazio ai giovani e alla loro creatività, e gli vada creato quell humus, che in altri Paesi gli ha consentito, da piccoli scantinati, di sviluppare le loro idee rivoluzionarie, ma altrettanto fantastiche. VI

4 E mentre qualcuno imponeva al mondo intero piattaforme, applicativi e apparecchiature uniche, noi eravamo impegnati a riempire la nostra PA di migliaia di SI diversi, che dovevano fare le stesse cose, di migliaia di data center non dialoganti fra loro, ecc.. Pare che ora qualcuno se ne stia accorgendo. Chi scrive ha una lunga esperienza del fare e sa quanti ostacoli e quante asperità si frappongono su questa via nel nostro Paese. L Inforav stessa nasce da grandi progetti ICT, fra cui l Italgiure, la banca dati delle sentenze della Cassazione, che, aprendo la strada all informatica giuridica, costituì all epoca una realizzazione informatica di avanguardia nel mondo, e su cui, anche attraverso vari Congressi internazionali, si concentrò un notevole interesse da parte pure di grandi Paesi fra cui Stati Uniti e Cina. Fu quello un periodo interessante dell ICT nazionale, che durò ancora anni, in cui l Italia, con molte Aziende fra cui in primis l Olivetti, teneva testa per ricerca e creatività alla concorrenza mondiale. Proprio in questo settore ai primissimi anni 90, pensammo, allora al Poligrafico, di realizzare con l ENIT una banca dati in campo turistico-culturale, partendo da alcune pubblicazioni da noi stampate. L idea, che proponemmo, era quella di far arrivare tramite Rete (allora si cominciava a parlare di World Wide Web, non ancora di Internet) un immagine dell Italia sia artistica che ricettiva, allo scopo di attrarre un maggior numero di turisti e di portare meglio nel mondo i suoi prodotti. Mettemmo in Rete Musei, con relative immagini, alberghi, itinerari, eventi, il tutto reso accessibile da un browser fatto in casa e a costi bassissimi. Appena in Rete, arrivarono da tutto il mondo, che dimostravano interesse ed entusiasmo. Era, in effetti, la prima banca dati al mondo in campo turistico e culturale. Aggiungo solo che, con altrettanta lungimiranza, tentammo di introdurre sistemi di prenotazione online per i voli aerei o gli alberghi, e, ricordo, un catalogo del Made in Italy, di cui parlammo con l ICE. Mission impossible. Da allora tante cose, tante storie, il famoso Portale Italia, un Sistema-Paese sempre più complesso e difficilmente penetrabile. Eppure i presupposti ci sono ancora. Quella leadership, che tuttora deteniamo per storia e cultura può essere ancora valorizzata con i nuovi linguaggi e opportunità. Siamo ancora in tempo, ma per le varie esperienze acquisite sentiamo che i margini sono sempre più stretti. Bisogna finalmente liberare le energie migliori per riprendere anche attraverso l ICT le posizioni che ci competono e che gran parte del mondo ci riconosce. VII

5 Per quanto ci riguarda non possiamo tacere che abbiamo idee-progetto, peraltro già in parte realizzate a livello prototipale, molto innovative e capaci di dare un sia pur piccolo contributo alle strategie di sviluppo del Paese. Le difficoltà che si incontrano sono tantissime, ma di questo parleremo in un altro momento. Le Start up fra le possibili soluzioni. Dalle Start up può arrivare un contributo al rilancio tecnologico e innovativo del Paese. Un tema oggi variamente dibattuto, di cui abbiamo voluto cogliere alcuni aspetti. Le economie occidentali sembrano aver esaurito la spinta verso la crescita industriale, soprattutto per quanto riguarda la produzione di beni materiali. Un fenomeno che riguarda molto meno i Paesi emergenti, ma che in Società, già sature per quanto riguarda i consumi dei predetti beni, dovrebbe costituire la premessa per un alternativa di sviluppo. Si tratta ovviamente di una componente che presenta numerose sfaccettature e che può essere interpretato in vari modi. Da un lato, ad esempio, il passaggio alla fruizione di beni immateriali e soprattutto culturali, può essere sicuramente visto come un ulteriore occasione di emancipazione della specie umana, di liberazione dalle necessità meno nobili, di riduzione della tanto discussa dissipazione di risorse del pianeta. Dall altro gli squilibri e le difficoltà che un passaggio del genere comporta propone vari interrogativi a cui rispondere: ad esempio, chi, come e verso quali obiettivi ne prenderà la leadrship? E poi, ancora, se da un lato i Paesi più opulenti vedono ridurre le proprie attività industriali, quale destino aspetta i tantissimi individui, che anche in questi Paesi non raggiungono nemmeno il minimo per il sostentamento? Comunque oggi il percorso verso la smaterializzazione dei consumi è ormai avviato. Sta di fatto che alcuni Paesi, Stati Uniti in testa, hanno intrapreso questa strada, sviluppando un economia postindustriale, certamente più instabile della precedente, ma al tempo stesso ricca di successi. Anche in Europa e nei Paesi asiatici migliaia di nuovi laureati si sono indirizzati verso le professioni dei settori culturali e creativi. I risultati ottenuti in Europa negli ultimi 5-6 anni non sono stati tuttavia soddisfacenti. Il passaggio al postindustriale, tanto conclamato, non è stato così semplice: per quali motivi? C è da dire che il fenomeno della Silicon Valley americana, con grandi successi (e anche qualche tonfo), è da ascrivere ad un humus costruito da un Paese relativamente giovane e pronto al cambiamento e alle sfide globali. VIII

6 In Europa questo è avvenuto in misura molto minore, mentre in Italia si è finito per privilegiare, per quanto riguarda l ICT, la vendita alla creazione di nuovi prodotti capaci di competere a livello internazionale. Si dice che non c è stato l humus adatto, ma in effetti il problema è ancora più ampio. La crisi europea degli ultimi 5 anni dimostrerebbe che il passaggio al modello postindustriale è tutt altro che semplice e scontato, ma bisogna analizzare quanto ciò sia dovuto alle difficoltà intrinseche del passaggio e quanto a fattori come l eccesiva burocrazia europea, la mancanza di una forte volontà collettiva, l invecchiamento della popolazione. Certamente in diverse misure da Paese a Paese. La strategia "Europa 2020" proposta dalla Commissione ha come finalità quella di ricollocare l'europa in un percorso di crescita a lungo termine, con misure specifiche a sostegno della crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva. Il nuovo Programma Quadro Europa Creativa icrementa comunque i finanziamenti alla cultura per quasi il 10%. Un ulteriore scommessa sulle nuove strategie di sviluppo. Ci domandiamo se l'italia sarà in grado, sulla base di questi nuovi stimoli, di sviluppare un tessuto di impresa culturale, diffusa e vincente, che, libera di agire sul mercato, superi i freni dell apparato, gli ostacoli posti dalle posizioni di rendita, la logica perdente basata solo sullo sfruttamento passivo del nostro patrimonio culturale. Al centro di questo cambiamento si sta inserendo il mondo delle Start up culturali, che da circa un decennio si vanno proponendo sul mercato. Alla base vi sono idee, creatività e nuovi modi di sviluppare attività economiche in campo culturale. Le Start up si sviluppano partendo in genere da capitali privati, pronti a scommettere sul successo di idee capaci di affermarsi sui mercati. Un sistema, quello dei venture capital, che parte chiaramente in ritardo rispetto ad altri Paesi come gli Stati Uniti dove ha avuto in gran parte successo, ma che può incontrare maggiori difficoltà in un sistema economico come il nostro, non aperto a questo tipo di soluzioni e che non dispone di un adeguato ecosistema, anche se non sono mancati e non mancano esempi positivi. Fra le caratteristiche di queste nuove Imprese vi sono aspetti come la velocità di adattamento al mutare delle situazioni, l interdisciplinarità, la capacità di cogliere nuove esigenze, la realizzazione di progetti innovativi dai contorni non sempre ben definiti, la rapidità di esecuzione, ecc.. Roba da giovani in gamba! Come farebbe un creativo nel vecchio sistema, quasi sempre pragmatico e legato agli schemi e poteri esistenti, a raccontare una propria idea, nuova, a volte rivoluzionaria? Sarebbe un totale insuccesso, soprattutto se l idea venisse esposta di fronte a decisori pubblici, tanto presi da regolamenti e altre scartoffie (bene che vada), o in contesti come le stesse Call europee nella vecchia concezione, organizzazioni imprenditoriali, esperti commerciali, manager abituati a gestire la concretezza di gare pubbliche, commesse, re- IX

7 lazioni, ecc.. Ma ora almeno il concetto di creatività e la spinta all innovazione sembrano passare. Le Start up culturali devono rispondere, affrontandone anche il rischio, a nuove esigenze, ad un pubblico non più statico fruitore delle bellezze, dell arte e della cultura, ma pronto a partecipare e a relazionarsi in maniera interattiva. Certo, nel modo giusto, che piace, che cattura la fantasia, che crea un nuovo charm o nuove emozioni. Si tratta di creare modelli e strategie in grado di gestire la nuova complessità dei processi sociali, economici e comunicativi interessati. L approccio è sia creativo che razionale. È necessario realizzare ecosistemi, in cui il terzo settore, le istituzioni, l'associazionismo e le imprese si inseriscano in governance articolate, capaci di dialogare con nuove forme di imprese sociali e culturali. È il tema del tempo, quindi, quello su cui occorre lavorare. Il processo non è immediato né semplice, ma complesso. Chi intuisce meglio i nuovi bisogni e li sa assecondare, raggiunge il traguardo. Il Programma Quadro pone dunque delle sfide, per nuove forme di progettazione, produzione e distribuzione di servizi e prodotti culturali. Non è troppo tardi per evitare che altri Paesi conquistino definitivamente anche uno dei beni più preziosi della vecchia Europa e soprattutto dell Italia. Ma i tempi sono stretti se non strettissimi. Ci si domanda se il vecchio pachiderma, lento, burocratico e relazionale, ce la farà ad acquisire l agilità e la libertà di espressione, necessarie a rispondere con la dovuta rapidità al cambiamento. Noi, che abbiamo accumulato tante esperienze in questi campi, abbiamo un certo dubbio, ma stiamo comunque lavorando per dare il nostro contributo, sia pure fra le note difficoltà. Start up può essere in Europa e soprattutto in Italia, sia pure con il ritardo di alcuni anni, un modo per superare l ostacolo, per abbattere i muri e le viscosità di un vecchio sistema, incerto fra pubblico e privato, ma soprattutto certo di conservare se stesso. Start up, finalmente sinonimo di giovane, innovazione, talento e creatività, oltre che di vero mercato. Sarà così? Giuseppe FIANDANESE X

8 PubbliTesi banca dati nazionale delle migliori Tesi a cura di Inforav in collaborazione con il CNR e con il patrocinio del MIUR PubbliTesi (www.pubblitesi.it) è la banca dati nazionale per la raccolta bibliografica in rete delle migliori Tesi di Laurea Specialistica e di Dottorato di Ricerca, presentate negli Atenei italiani, che aderiscono all'iniziativa. La banca dati, che comprende tutte le discipline universitarie, fra cui l Alta Formazione Artistica e Culturale, è stata realizzata dall Inforav, Istituto, senza fini di lucro, per lo sviluppo e la gestione avanzata dell informazione. Gli obiettivi dell iniziativa sono, fra l altro: salvaguardare il patrimonio di idee e di studi, contenuto nelle migliori Tesi renderlo più facilmente disponibile ad Enti, Imprese ed Istituti di Ricerca contribuire a valorizzare talento, creatività ed innovazione promuovere percorsi di eccellenza, nell interesse collettivo. Università + giovani talenti + innovazione + Enti e Imprese = sviluppo Per ulteriori informazioni: Inforav - Via Barberini, Roma - - tel o visitare il sito

9 C'è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti." - Henry Ford PubbliScienze è un progetto Inforav di divulgazione scientifica, approvato dal MIUR nel 2009 Derivato da PubbliTesi, il sistema è finalizzato a contribuire alla diffusione della cultura della ricerca e dell'innovazione in Italia, attraverso la presentazione in rete delle recensioni delle migliori Tesi di Laurea e di Dottorato, o di articoli pubblicati dai giovani Autori nelle Riviste specializzate. A differenza di Pubblitesi, che svolge maggiormente una funzione bibliografica, con la raccolta delle migliori Tesi di Laurea e di Dottorato, PubbliScienze (www.pubbliscienze/inforav.it) è uno strumento più comunicativo, con l intento di facilitare l'interazione fra i giovani migliori Laureati ed Istituzioni, Enti di Ricerca ed Imprese, nell'interesse generale e dei singoli Autori. La divulgazione è infatti indirizzata ad Enti e Imprese, interessate al recruiting di elevato e specifico profilo, o a sviluppare le idee esposte. Lo stesso Autore provvede alla stesura della recensione della sua Tesi o Pubblicazione, utilizzando termini semplici e comprensibili. La recensione viene sottoposta, prima di essere pubblicata, ad una revisione da parte della Redazione In apposite rubriche del Sito o nel Forum, gli Autori possono esprimere in vario modo anche proprie idee innovative, risultati di ricerche, ecc.. La scienza e la cultura costituiscano le fondamenta di un Paese e del suo progresso, ed il fertile terreno per coltivare l'armonia fra i Popoli ed il mondo che li circonda: non vogliamo dimenticarlo, dando un piccolo contributo a tenere unite le forze migliori e più giovani. Inforav - Istituto per lo sviluppo e la gestione avanzata dell informazione Via Barberini, Roma

10

11 In partenza a febbraio la III Edizione dell Executive Master in IT Governance & Management (EMIT), promosso da LUISS Business School in collaborazione con HSPI SpA, e patrocinato da ASSINFORM, itsmf Italia, AIEA, FIDA Inform, CDTI di Roma, Clusit, AUSED, TÜV, IAOP e PMForuM. Il Master è finalizzato allo sviluppo delle competenze manageriali, necessarie alla gestione dell intero ciclo di vita dei Servizi IT consolidando ed integrando: le competenze verticali di processo Demand, Portfolio Mgmt, Architecture Mgmt, Development, Change, SLM, Capacity Mgmt, Security & Compliance Mgmt, Deployment, Asset Mgmt, Service Support, Operation le competenze trasversali Project Management, (re-)ingegnerizzazione dei processi, Performance Mgmt, progettazione organizzativa, gestione del cambiamento, ICT Financial Mgmt, gestione degli aspetti legali e contrattuali, Sourcing & Vendor Mgmt, Audit È rivolto ai professionisti del settore IT di grandi aziende ed organizzazioni pubbliche, con particolare riferimento ai seguenti profili: CIO (Chief Information Officer) e loro prime linee Demand Manager, Service Manager e specialisti di processo e di funzione ICT Auditor di sistemi informativi I numeri di EMIT: 44 giornate di formazione (formula weekend: venerdì 10:00 18:00, sabato 9:30 17:30) 18 mesi sui quali il Master è distribuito (febbraio 2013 giugno 2013) 5 prove di esame per l accesso alle relative certificazioni Certificazione ITIL v3 Foundation Certificazione PMP - Project Management Professional Certificazione COBIT Foundation Qualifica ISO/IEC Lead Auditor Certificazione CISM Certified Information Security Manager 8 moduli formativi Oltre ad un percorso formativo completo e la possibilità di acquisire alcune delle principali certificazioni riconosciute a livello internazionale, EMIT include: - l utilizzo di Business Simulation, giochi di ruolo nei quali i partecipanti sono protagonisti attivi che sperimentano le soluzioni apprese dalle best practice e comprendono gli impatti della specializzazione del processo - l organizzazione di simulazioni di esame delle certificazioni previste - la presenza di testimonianze di professionisti e ospiti di eccellenza Per informazioni o iscrizioni rivolgersi a LUISS Business School: tel n.ri verdi &

Informatica & Documentazione

Informatica & Documentazione Informatica & Documentazione Rivista di studi, ricerca e innovazione ICT, edita dall Inforav 1-2 2013 In copertina Large Hadron Collider, acceleratore di particelle, situato presso il CERN di Ginevra e

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini

EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini In collaborazione con: EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini Strumenti manageriali per la gestione del ciclo di vita dei servizi IT Gennaio 2012 Giugno 2013 II edizione formula

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

EMIT Executive Master in IT Governance & Management "Franco Zuppini"

EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini EMIT Executive Master in IT Governance & Management "Franco Zuppini" Strumenti manageriali per la gestione del ciclo di vita dei servizi IT V EDIZIONE FEBBRAIO 2015 / GIUGNO 2016 - ROMA FORMULA WEEKEND

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Governo dei sistemi informativi

Governo dei sistemi informativi Executive Master Governo dei sistemi informativi > II edizione CONFINDUSTRIA VENEZIA CONFINDUSTRIA PADOVA CONFINDUSTRIA VENEZIA gennaio/luglio 2011 Obiettivi Un numero crescente di organizzazioni appartenenti

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE.

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. Milano, 31 gennaio 2013. Il Gruppo CBT, sempre attento alle esigenze dei propri clienti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

ZCZC7939/SXR OFI89189_SXR_QBXX R SPE S57 QBXX Arte: opere Talani a villa Artimino

ZCZC7939/SXR OFI89189_SXR_QBXX R SPE S57 QBXX Arte: opere Talani a villa Artimino ZCZC7939/SXR OFI89189_SXR_QBXX R SPE S57 QBXX Arte: opere Talani a villa Artimino (ANSA) - FIRENZE, 23 APR - Saranno le opere del pittore e scultore toscano Giampaolo Talani a inaugurare, il prossimo 25

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli