Arte e cultura driver dello sviluppo, con il supporto di Start up e di sistemi ICT innovativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Arte e cultura driver dello sviluppo, con il supporto di Start up e di sistemi ICT innovativi"

Transcript

1 Arte e cultura driver dello sviluppo, con il supporto di Start up e di sistemi ICT innovativi Non è nuovo che gran parte del mondo associ l Italia ad un immagine di cultura, di stile e di bellezza. La straordinaria eredità che abbiamo ricevuto dal passato, in termini di beni archeologici, artistici e culturali, oltre che le bellezze naturali, ci pongono in una posizione sicuramente invidiabile. Sappiamo quanta ammirazione ci viene espressa dagli stranieri, specie da quelli che amano il nostro Paese. Ma spesso l ammirazione viene oggi accompagnata da preoccupazione e da un senso di delusione. Cosa state facendo di questo patrimonio? : questa la domanda, che, se non espressa, viene comunque letta, in alcuni casi, negli occhi dei nostri interlocutori d oltre confine. Preoccupazione più che lecita se ci soffermiamo su alcune immagini che spesso mandiamo per il mondo: paesaggi deturpati dal cemento, cumuli di immondizia nelle strade, dimore storiche e siti archeologici abbandonati nel degrado. Certo, il potere della comunicazione spesso finisce per colpire l immaginazione più con il negativo che con il positivo. È facile deturpare un immagine sia essa di un Paese che di un opera d arte, ma è molto difficile ricostruirne una positiva. L eredità che abbiamo ricevuto ci fa quindi pensare a figli che dilapidano il prezioso patrimonio lasciato dai loro padri. Si tratta in effetti di un eredità tanto ampia, fragile e complessa, da porre anche un problema: quello del suo mantenimento e del relativo rapporto costo/benefici, in epoche di competizioni sempre più serrate. È quindi ancor più necessario che questo patrimonio vada sempre più verso una sua chiara collocazione economica, e tutto il contesto, in cui si propone, operi in modo da consentirne da un lato la giusta tutela, dall altro la creazione di quell insieme di fattori che ne esaltino le condizioni per una corretta fruizione da parte di tutti. Di tali problematiche vi è ovviamente una sempre maggiore consapevolezza, ma all atto pratico una serie di viscosità e di cattive pratiche rendono il percorso quanto mai arduo. Numerosi sono, in effetti, gli elementi che possono determinare una migliore fruizione del Cultural Heritage (ormai denominato CH, ma noi preferiremmo Beni Culturali: forse ancora un segno del declino). Fra questi ovviamente la comunicazione, l ICT, ma anche e soprattutto come il Paese si propone nel mondo. C è un indice, come al solito di origine anglosassone, che oggi va per la maggiore e che riassume alcuni dei fattori di questo tipo di valutazione. È il Country Brand Index. IV

2 Questo indicatore è ritenuto, fin dall esordio, il più efficace a valutare la percezione complessiva che si ha di un intero Paese. Non si limita a fotografie statiche, ma analizza le dimostrazioni di dinamismo, l apertura alle sfide della globalità e della contemporaneità, la capacità di valorizzare l eredità storica, artistica, culturale. Alcuni parametri che compongono l indice riguardano aspetti come: Value System, Quality of Life, Good for Business, Heritage & Culture, Tourism. Un indice che non assume a riferimento solo indicatori economici ma pesa la capacità di attrarre clienti, acquirenti, venditori, turisti in un Paese. Nel 2005 l indice generale vedeva l Italia in testa. Il nostro Paese primeggiava per arte e cultura nonché per retaggio storico. Era ben posizionato per accoglienza alle famiglie e godeva di un buon piazzamento per gli affari e per il turismo congressuale. Significativo, allora, era il quinto posto tra i Paesi che la ricerca presumeva dovessero ulteriormente rafforzarsi, alle spalle di Cina, Corea del Sud, Australia ed Emirati Arabi Uniti. Dopo aver perso varie posizioni nella classifica, nel 2012 l'italia scende di ben cinque posizioni rispetto al 2011, attestandosi al 15 posto. Come History e Art and Culture siamo ancora al primo posto. Il che ci deve fare ancor più riflettere! Come dire: i nostri antenati sono i primi nei ranking mondiali e noi occupiamo posizioni sempre più basse. Del resto sono molti altri i parametri che non ci vedono primeggiare. Senza proporre il solito cahier de doleances, non si possono nascondere alcuni dei mali che da anni affliggono lo sviluppo del nostro sistema socio-economico: i costi della politica (e non solo, se si pensa alla vasta area grigia fra pubblico e privato), le difficoltà che incontrano giovani, ricerca, innovazione e creatività, la mancanza di un prodotto ICT nazionale in grado di proporsi strategicamente sui mercati globali, l estrema complessità del sistema normativo, il debito pubblico: tutti fattori, che gravano fra l altro sulle aziende, costrette ad operare nella concorrenza globale. Del resto l Italia, forse più di altri Paesi, si trova oggi a gestire un marchio di tipo nazionale, che, sotto etichette come Made in Italy o Italian Style, tende ad associare un immaginario piuttosto ampio, che collega le bellezze artistiche e paesaggistiche del Paese con alcuni settori produttivi che vanno dal design, alla moda, all enogastronomia. Dunque un vantaggio. L ICT può avere insieme ad altri fattori, come detto, un ruolo determinante, purché ci si liberi finalmente da un ruolo di dipendenza quasi totale dall estero. Il fattore ICT è strategico e richiede per affermarsi una forte componente di innovazione prodotta, spesso confusa dalle nostre parti con quella acquistata. V

3 Mentre i Palazzi nostrani parlano e dibattono di ICT, altri affermano la loro creatività e i prodotti della loro ricerca, creando la trasformazione epocale a cui assistiamo. Del resto non solo la comunicazione, ma anche gli strumenti dell organizzazione e del commercio su basi informatiche non sono di nostra produzione. Il commercio elettronico, la gestione in Rete del turismo, i sistemi di prenotazione online, ecc. sono in massima parte prodotti all estero, per cui non è facile eludere questi passaggi obbligati, peraltro costosi e vincolanti. Ma situazioni analoghe si stanno concretizzando per Biblioteche, Musei, luoghi d arte. Abbiamo più volte ripetuto che a chi produce innovazione all estero va tutta la nostra ammirazione, ma vorremmo anche che una parte di queste sfide appartenessero al nostro Paese, almeno per quanto riguarda la cultura, come continuità con il passato. Molti di questi fattori incidono, infatti, direttamente sulla nostra affermazione a livello globale. Ad esempio, per quanto riguarda i flussi turistici si è avuto negli anni un continuo incremento ed il confronto con gli altri Paesi ci vede oggi al quinto posto su base mondiale dopo Francia, Stati Uniti, Cina e Spagna, negli arrivi, e dopo Stati Uniti, Spagna, Francia e Cina, negli introiti. Va però detto che tutto il turismo mondiale è cresciuto nell ultimo decennio e per quanto riguarda l Italia, pur avendo usufruito della crescita, tuttavia si è registrato un peggioramento del ranking, essendo stata superata da Cina e Spagna. La penetrazione dell online, in questo campo, è piuttosto elevata. A fine 2011 circa il 41% dei viaggi è stato comprato in Europa su Internet, con circa 4 punti di differenza in meno rispetto agli Stati Uniti, con UK, Scandinavia, Francia, Germania, Spagna e Italia ai primi 6 posti. Ma per quanto concerne i sistemi di prenotazione online di linee aeree, alberghi, ecc., il ranking dei Siti maggiormente utilizzati per le prenotazioni sono Olandesi, Americani, Canadesi, Inglesi, ecc.. Si deve arrivare al 76 posto per trovare con Alitalia un Sito italiano. Quindi, come si sa, la Rete e l ICT non solo come strumenti di comunicazione, di promozione e di coinvolgimento, non solo come gestori e ottimizzatori del complesso sistema produttivo e commerciale, ma anche come mezzo di vendita diretta B2C. Tutti settori nei quali si profila una sempre maggiore competizione globale e nei quali poco siamo artefici di soluzioni, strumenti e piattaforme. Le premesse c erano e ci sarebbero ancora i presupposti. E da anni che diciamo che va lasciato spazio ai giovani e alla loro creatività, e gli vada creato quell humus, che in altri Paesi gli ha consentito, da piccoli scantinati, di sviluppare le loro idee rivoluzionarie, ma altrettanto fantastiche. VI

4 E mentre qualcuno imponeva al mondo intero piattaforme, applicativi e apparecchiature uniche, noi eravamo impegnati a riempire la nostra PA di migliaia di SI diversi, che dovevano fare le stesse cose, di migliaia di data center non dialoganti fra loro, ecc.. Pare che ora qualcuno se ne stia accorgendo. Chi scrive ha una lunga esperienza del fare e sa quanti ostacoli e quante asperità si frappongono su questa via nel nostro Paese. L Inforav stessa nasce da grandi progetti ICT, fra cui l Italgiure, la banca dati delle sentenze della Cassazione, che, aprendo la strada all informatica giuridica, costituì all epoca una realizzazione informatica di avanguardia nel mondo, e su cui, anche attraverso vari Congressi internazionali, si concentrò un notevole interesse da parte pure di grandi Paesi fra cui Stati Uniti e Cina. Fu quello un periodo interessante dell ICT nazionale, che durò ancora anni, in cui l Italia, con molte Aziende fra cui in primis l Olivetti, teneva testa per ricerca e creatività alla concorrenza mondiale. Proprio in questo settore ai primissimi anni 90, pensammo, allora al Poligrafico, di realizzare con l ENIT una banca dati in campo turistico-culturale, partendo da alcune pubblicazioni da noi stampate. L idea, che proponemmo, era quella di far arrivare tramite Rete (allora si cominciava a parlare di World Wide Web, non ancora di Internet) un immagine dell Italia sia artistica che ricettiva, allo scopo di attrarre un maggior numero di turisti e di portare meglio nel mondo i suoi prodotti. Mettemmo in Rete Musei, con relative immagini, alberghi, itinerari, eventi, il tutto reso accessibile da un browser fatto in casa e a costi bassissimi. Appena in Rete, arrivarono da tutto il mondo, che dimostravano interesse ed entusiasmo. Era, in effetti, la prima banca dati al mondo in campo turistico e culturale. Aggiungo solo che, con altrettanta lungimiranza, tentammo di introdurre sistemi di prenotazione online per i voli aerei o gli alberghi, e, ricordo, un catalogo del Made in Italy, di cui parlammo con l ICE. Mission impossible. Da allora tante cose, tante storie, il famoso Portale Italia, un Sistema-Paese sempre più complesso e difficilmente penetrabile. Eppure i presupposti ci sono ancora. Quella leadership, che tuttora deteniamo per storia e cultura può essere ancora valorizzata con i nuovi linguaggi e opportunità. Siamo ancora in tempo, ma per le varie esperienze acquisite sentiamo che i margini sono sempre più stretti. Bisogna finalmente liberare le energie migliori per riprendere anche attraverso l ICT le posizioni che ci competono e che gran parte del mondo ci riconosce. VII

5 Per quanto ci riguarda non possiamo tacere che abbiamo idee-progetto, peraltro già in parte realizzate a livello prototipale, molto innovative e capaci di dare un sia pur piccolo contributo alle strategie di sviluppo del Paese. Le difficoltà che si incontrano sono tantissime, ma di questo parleremo in un altro momento. Le Start up fra le possibili soluzioni. Dalle Start up può arrivare un contributo al rilancio tecnologico e innovativo del Paese. Un tema oggi variamente dibattuto, di cui abbiamo voluto cogliere alcuni aspetti. Le economie occidentali sembrano aver esaurito la spinta verso la crescita industriale, soprattutto per quanto riguarda la produzione di beni materiali. Un fenomeno che riguarda molto meno i Paesi emergenti, ma che in Società, già sature per quanto riguarda i consumi dei predetti beni, dovrebbe costituire la premessa per un alternativa di sviluppo. Si tratta ovviamente di una componente che presenta numerose sfaccettature e che può essere interpretato in vari modi. Da un lato, ad esempio, il passaggio alla fruizione di beni immateriali e soprattutto culturali, può essere sicuramente visto come un ulteriore occasione di emancipazione della specie umana, di liberazione dalle necessità meno nobili, di riduzione della tanto discussa dissipazione di risorse del pianeta. Dall altro gli squilibri e le difficoltà che un passaggio del genere comporta propone vari interrogativi a cui rispondere: ad esempio, chi, come e verso quali obiettivi ne prenderà la leadrship? E poi, ancora, se da un lato i Paesi più opulenti vedono ridurre le proprie attività industriali, quale destino aspetta i tantissimi individui, che anche in questi Paesi non raggiungono nemmeno il minimo per il sostentamento? Comunque oggi il percorso verso la smaterializzazione dei consumi è ormai avviato. Sta di fatto che alcuni Paesi, Stati Uniti in testa, hanno intrapreso questa strada, sviluppando un economia postindustriale, certamente più instabile della precedente, ma al tempo stesso ricca di successi. Anche in Europa e nei Paesi asiatici migliaia di nuovi laureati si sono indirizzati verso le professioni dei settori culturali e creativi. I risultati ottenuti in Europa negli ultimi 5-6 anni non sono stati tuttavia soddisfacenti. Il passaggio al postindustriale, tanto conclamato, non è stato così semplice: per quali motivi? C è da dire che il fenomeno della Silicon Valley americana, con grandi successi (e anche qualche tonfo), è da ascrivere ad un humus costruito da un Paese relativamente giovane e pronto al cambiamento e alle sfide globali. VIII

6 In Europa questo è avvenuto in misura molto minore, mentre in Italia si è finito per privilegiare, per quanto riguarda l ICT, la vendita alla creazione di nuovi prodotti capaci di competere a livello internazionale. Si dice che non c è stato l humus adatto, ma in effetti il problema è ancora più ampio. La crisi europea degli ultimi 5 anni dimostrerebbe che il passaggio al modello postindustriale è tutt altro che semplice e scontato, ma bisogna analizzare quanto ciò sia dovuto alle difficoltà intrinseche del passaggio e quanto a fattori come l eccesiva burocrazia europea, la mancanza di una forte volontà collettiva, l invecchiamento della popolazione. Certamente in diverse misure da Paese a Paese. La strategia "Europa 2020" proposta dalla Commissione ha come finalità quella di ricollocare l'europa in un percorso di crescita a lungo termine, con misure specifiche a sostegno della crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva. Il nuovo Programma Quadro Europa Creativa icrementa comunque i finanziamenti alla cultura per quasi il 10%. Un ulteriore scommessa sulle nuove strategie di sviluppo. Ci domandiamo se l'italia sarà in grado, sulla base di questi nuovi stimoli, di sviluppare un tessuto di impresa culturale, diffusa e vincente, che, libera di agire sul mercato, superi i freni dell apparato, gli ostacoli posti dalle posizioni di rendita, la logica perdente basata solo sullo sfruttamento passivo del nostro patrimonio culturale. Al centro di questo cambiamento si sta inserendo il mondo delle Start up culturali, che da circa un decennio si vanno proponendo sul mercato. Alla base vi sono idee, creatività e nuovi modi di sviluppare attività economiche in campo culturale. Le Start up si sviluppano partendo in genere da capitali privati, pronti a scommettere sul successo di idee capaci di affermarsi sui mercati. Un sistema, quello dei venture capital, che parte chiaramente in ritardo rispetto ad altri Paesi come gli Stati Uniti dove ha avuto in gran parte successo, ma che può incontrare maggiori difficoltà in un sistema economico come il nostro, non aperto a questo tipo di soluzioni e che non dispone di un adeguato ecosistema, anche se non sono mancati e non mancano esempi positivi. Fra le caratteristiche di queste nuove Imprese vi sono aspetti come la velocità di adattamento al mutare delle situazioni, l interdisciplinarità, la capacità di cogliere nuove esigenze, la realizzazione di progetti innovativi dai contorni non sempre ben definiti, la rapidità di esecuzione, ecc.. Roba da giovani in gamba! Come farebbe un creativo nel vecchio sistema, quasi sempre pragmatico e legato agli schemi e poteri esistenti, a raccontare una propria idea, nuova, a volte rivoluzionaria? Sarebbe un totale insuccesso, soprattutto se l idea venisse esposta di fronte a decisori pubblici, tanto presi da regolamenti e altre scartoffie (bene che vada), o in contesti come le stesse Call europee nella vecchia concezione, organizzazioni imprenditoriali, esperti commerciali, manager abituati a gestire la concretezza di gare pubbliche, commesse, re- IX

7 lazioni, ecc.. Ma ora almeno il concetto di creatività e la spinta all innovazione sembrano passare. Le Start up culturali devono rispondere, affrontandone anche il rischio, a nuove esigenze, ad un pubblico non più statico fruitore delle bellezze, dell arte e della cultura, ma pronto a partecipare e a relazionarsi in maniera interattiva. Certo, nel modo giusto, che piace, che cattura la fantasia, che crea un nuovo charm o nuove emozioni. Si tratta di creare modelli e strategie in grado di gestire la nuova complessità dei processi sociali, economici e comunicativi interessati. L approccio è sia creativo che razionale. È necessario realizzare ecosistemi, in cui il terzo settore, le istituzioni, l'associazionismo e le imprese si inseriscano in governance articolate, capaci di dialogare con nuove forme di imprese sociali e culturali. È il tema del tempo, quindi, quello su cui occorre lavorare. Il processo non è immediato né semplice, ma complesso. Chi intuisce meglio i nuovi bisogni e li sa assecondare, raggiunge il traguardo. Il Programma Quadro pone dunque delle sfide, per nuove forme di progettazione, produzione e distribuzione di servizi e prodotti culturali. Non è troppo tardi per evitare che altri Paesi conquistino definitivamente anche uno dei beni più preziosi della vecchia Europa e soprattutto dell Italia. Ma i tempi sono stretti se non strettissimi. Ci si domanda se il vecchio pachiderma, lento, burocratico e relazionale, ce la farà ad acquisire l agilità e la libertà di espressione, necessarie a rispondere con la dovuta rapidità al cambiamento. Noi, che abbiamo accumulato tante esperienze in questi campi, abbiamo un certo dubbio, ma stiamo comunque lavorando per dare il nostro contributo, sia pure fra le note difficoltà. Start up può essere in Europa e soprattutto in Italia, sia pure con il ritardo di alcuni anni, un modo per superare l ostacolo, per abbattere i muri e le viscosità di un vecchio sistema, incerto fra pubblico e privato, ma soprattutto certo di conservare se stesso. Start up, finalmente sinonimo di giovane, innovazione, talento e creatività, oltre che di vero mercato. Sarà così? Giuseppe FIANDANESE X

8 PubbliTesi banca dati nazionale delle migliori Tesi a cura di Inforav in collaborazione con il CNR e con il patrocinio del MIUR PubbliTesi (www.pubblitesi.it) è la banca dati nazionale per la raccolta bibliografica in rete delle migliori Tesi di Laurea Specialistica e di Dottorato di Ricerca, presentate negli Atenei italiani, che aderiscono all'iniziativa. La banca dati, che comprende tutte le discipline universitarie, fra cui l Alta Formazione Artistica e Culturale, è stata realizzata dall Inforav, Istituto, senza fini di lucro, per lo sviluppo e la gestione avanzata dell informazione. Gli obiettivi dell iniziativa sono, fra l altro: salvaguardare il patrimonio di idee e di studi, contenuto nelle migliori Tesi renderlo più facilmente disponibile ad Enti, Imprese ed Istituti di Ricerca contribuire a valorizzare talento, creatività ed innovazione promuovere percorsi di eccellenza, nell interesse collettivo. Università + giovani talenti + innovazione + Enti e Imprese = sviluppo Per ulteriori informazioni: Inforav - Via Barberini, Roma - - tel o visitare il sito

9 C'è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti." - Henry Ford PubbliScienze è un progetto Inforav di divulgazione scientifica, approvato dal MIUR nel 2009 Derivato da PubbliTesi, il sistema è finalizzato a contribuire alla diffusione della cultura della ricerca e dell'innovazione in Italia, attraverso la presentazione in rete delle recensioni delle migliori Tesi di Laurea e di Dottorato, o di articoli pubblicati dai giovani Autori nelle Riviste specializzate. A differenza di Pubblitesi, che svolge maggiormente una funzione bibliografica, con la raccolta delle migliori Tesi di Laurea e di Dottorato, PubbliScienze (www.pubbliscienze/inforav.it) è uno strumento più comunicativo, con l intento di facilitare l'interazione fra i giovani migliori Laureati ed Istituzioni, Enti di Ricerca ed Imprese, nell'interesse generale e dei singoli Autori. La divulgazione è infatti indirizzata ad Enti e Imprese, interessate al recruiting di elevato e specifico profilo, o a sviluppare le idee esposte. Lo stesso Autore provvede alla stesura della recensione della sua Tesi o Pubblicazione, utilizzando termini semplici e comprensibili. La recensione viene sottoposta, prima di essere pubblicata, ad una revisione da parte della Redazione In apposite rubriche del Sito o nel Forum, gli Autori possono esprimere in vario modo anche proprie idee innovative, risultati di ricerche, ecc.. La scienza e la cultura costituiscano le fondamenta di un Paese e del suo progresso, ed il fertile terreno per coltivare l'armonia fra i Popoli ed il mondo che li circonda: non vogliamo dimenticarlo, dando un piccolo contributo a tenere unite le forze migliori e più giovani. Inforav - Istituto per lo sviluppo e la gestione avanzata dell informazione Via Barberini, Roma

10

11 In partenza a febbraio la III Edizione dell Executive Master in IT Governance & Management (EMIT), promosso da LUISS Business School in collaborazione con HSPI SpA, e patrocinato da ASSINFORM, itsmf Italia, AIEA, FIDA Inform, CDTI di Roma, Clusit, AUSED, TÜV, IAOP e PMForuM. Il Master è finalizzato allo sviluppo delle competenze manageriali, necessarie alla gestione dell intero ciclo di vita dei Servizi IT consolidando ed integrando: le competenze verticali di processo Demand, Portfolio Mgmt, Architecture Mgmt, Development, Change, SLM, Capacity Mgmt, Security & Compliance Mgmt, Deployment, Asset Mgmt, Service Support, Operation le competenze trasversali Project Management, (re-)ingegnerizzazione dei processi, Performance Mgmt, progettazione organizzativa, gestione del cambiamento, ICT Financial Mgmt, gestione degli aspetti legali e contrattuali, Sourcing & Vendor Mgmt, Audit È rivolto ai professionisti del settore IT di grandi aziende ed organizzazioni pubbliche, con particolare riferimento ai seguenti profili: CIO (Chief Information Officer) e loro prime linee Demand Manager, Service Manager e specialisti di processo e di funzione ICT Auditor di sistemi informativi I numeri di EMIT: 44 giornate di formazione (formula weekend: venerdì 10:00 18:00, sabato 9:30 17:30) 18 mesi sui quali il Master è distribuito (febbraio 2013 giugno 2013) 5 prove di esame per l accesso alle relative certificazioni Certificazione ITIL v3 Foundation Certificazione PMP - Project Management Professional Certificazione COBIT Foundation Qualifica ISO/IEC Lead Auditor Certificazione CISM Certified Information Security Manager 8 moduli formativi Oltre ad un percorso formativo completo e la possibilità di acquisire alcune delle principali certificazioni riconosciute a livello internazionale, EMIT include: - l utilizzo di Business Simulation, giochi di ruolo nei quali i partecipanti sono protagonisti attivi che sperimentano le soluzioni apprese dalle best practice e comprendono gli impatti della specializzazione del processo - l organizzazione di simulazioni di esame delle certificazioni previste - la presenza di testimonianze di professionisti e ospiti di eccellenza Per informazioni o iscrizioni rivolgersi a LUISS Business School: tel n.ri verdi &

EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini

EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini EMIT Executive Master in IT Governance & Management Franco Zuppini Strumenti manageriali per la gestione del ciclo di vita dei servizi IT 4 Dicembre 2014 Con il patrocinio di Agenda Perché questo master

Dettagli

Informatica & Documentazione

Informatica & Documentazione Informatica & Documentazione Rivista di studi, ricerca e innovazione ICT, edita dall Inforav 1-2 2013 In copertina Large Hadron Collider, acceleratore di particelle, situato presso il CERN di Ginevra e

Dettagli

Informatica & Documentazione

Informatica & Documentazione Informatica & Documentazione Rivista di studi, ricerca e innovazione ICT, edita dall Inforav 1-2 2013 In copertina Large Hadron Collider, acceleratore di particelle, situato presso il CERN di Ginevra e

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

L obiettivo Execution nell era della Big bang disruption

L obiettivo Execution nell era della Big bang disruption L obiettivo Execution nell era della Big bang disruption L impatto dei sistemi economici globali con il rapido divenire delle tecnologie dell informazione mi spinge ad alcune riflessioni, che ritengo doverosa,

Dettagli

In collaborazione con HSPI SpA

In collaborazione con HSPI SpA Master Universitario di I livello in IT Governance II edizione Alto Apprendistato 2012-2014 Docente: In collaborazione

Dettagli

IT governance & management. program

IT governance & management. program IT governance & management Executive program VI EDIZIONE / GENNAIO - maggio 2016 PERCHÉ QUESTO PROGRAMMA Nell odierno scenario competitivo l ICT si pone come un fattore abilitante dei servizi di business

Dettagli

Riprendere il controllo dell iniziativa e della piattaforma ERP

Riprendere il controllo dell iniziativa e della piattaforma ERP INVITO AL WORKSHOP ERP Governance Riprendere il controllo dell iniziativa e della piattaforma ERP Lunedì 12 gennaio 2015, ore 17.00 Bologna Business School - Villa Guastavillani, Via degli Scalini 18 -

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

PROJECT RISK MANAGEMENT EXECUTIVE

PROJECT RISK MANAGEMENT EXECUTIVE PROJECT RISK MANAGEMENT EXECUTIVE 2016 Project Management Project Risk Management Basic In collaborazione con Z1158.1 IV Edizione / Formula weekend 14 16 APRILE 2016 REFERENTE SCIENTIFICO Maria Elena Nenni,

Dettagli

PROJECT RISK MANAGEMENT EXECUTIVE

PROJECT RISK MANAGEMENT EXECUTIVE PROJECT RISK MANAGEMENT EXECUTIVE 2015 Project Management Laboratorio Applicativo di Risk Management In collaborazione con Z1158.2 IV Edizione / Formula weekend 11-13 GIUGNO 2015 REFERENTE SCIENTIFICO

Dettagli

La qualitàdel accoglienza turistica

La qualitàdel accoglienza turistica La qualitàdel accoglienza turistica Turismopertutti: l accoglienzadiqualitàel eccelenzadeiservizi Ciclodiseminariinfo-formativi Roma Febbraio-Luglio2014 Laqualitàpercepitadaicitadininelvivereilteritorio

Dettagli

Corso specialistico AIEA di: ICT Financial Management

Corso specialistico AIEA di: ICT Financial Management Training Partner Corso specialistico AIEA di: ICT Financial Management VALORE ESCLUSIVO DELL OFFERTA AIEA: Numero chiuso per favorire il confronto diretto Focus su Processi, Strumenti e Tecniche di ICT

Dettagli

Security Summit 2011. itsmf Italia. Chiara Mainolfi Consigliere itsmf Italia

Security Summit 2011. itsmf Italia. Chiara Mainolfi Consigliere itsmf Italia Security Summit 2011 itsmf Italia Chiara Mainolfi Consigliere itsmf Italia è un Associazione senza fini di lucro, costituita per promuovere lo scambio di esperienze ed informazioni sulla gestione dei Servizi

Dettagli

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 Evento organizzato in collaborazione con Digital Government: in fondo alle classifiche Il grado di digitalizzazione

Dettagli

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT CDC -Corte dei conti DGSIA Direzione Generale Sistemi Informativi Automatizzati SGCUS Servizio per la gestione del Centro Unico dei Servizi PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio

Dettagli

ICT Financial Management

ICT Financial Management Training Partner Corso specialistico AIEA di: ICT Financial Management Numero chiuso per favorire il confronto diretto Focus su Processi, Strumenti e Tecniche di ICT Fin. Mgt Budgeting, KPI e Pianificazione

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

2009/10 - V EDIZIONE MRE MASTER IN REAL ESTATE

2009/10 - V EDIZIONE MRE MASTER IN REAL ESTATE 2009/10 - V EDIZIONE MRE MASTER IN REAL ESTATE SDA Bocconi School of Management SDA Bocconi School of Management è nata nel 1971 dall Università Bocconi per essere una scuola di cultura manageriale d eccellenza

Dettagli

A PROPOSITO DI ITIL IT SERVICE MANAGEMENT. Dove si trova ITIL...nel framework delle Best Practice?

A PROPOSITO DI ITIL IT SERVICE MANAGEMENT. Dove si trova ITIL...nel framework delle Best Practice? A PROPOSITO DI ITIL ITIL fornisce un framework di linee guida best practice per l IT Service Management. Fornisce un framework per la governance dell IT e si focalizza sulla continua misurazione e miglioramento

Dettagli

PROJECT RISK MANAGEMENT BASIC

PROJECT RISK MANAGEMENT BASIC II Edizione / Formula weekend 9 10-11 OTTOBRE 2014 PROJECT RISK MANAGEMENT BASIC Percorso Base di Project Risk Management 2014 Project Management In collaborazione con Z1090.1 Franco Fontana, Professore

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Roma

Iniziativa : Sessione di Studio a Roma Iniziativa : "Sessione di Studio" a Roma Gentili Associati, AIEA è lieta di invitarvi alla presentazione dei risultati del Gruppo di Ricerca avente come tema il knowledge based information security risk

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Unindustria e la Direzione Generale Imprese e Industria della Commissione Europea Come le politiche industriali di innovazione dei servizi possono contribuire

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO EXECUTIVE

PROJECT MANAGEMENT CORSO EXECUTIVE PROJECT MANAGEMENT CORSO EXECUTIVE 2 OTTOBRE 19 DICEMBRE 2015 Il Sistema JobLeader by CUOA Potenziare le competenze tecnico-specialistiche. Sviluppare le abilità relazionali e manageriali. JobLeader è

Dettagli

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO WHOMADE srl via Tartini 10 20158 Milano T +39 02 89656837 F +39 178 6028554 info@whomade.it www.whomade.it NoemiSatta via Tartini 10

Dettagli

Essere Manager per creare valore

Essere Manager per creare valore FORMAZIONE E SERVIZI INNOVATIVI - RAVENNA CATALOGO CORSI www.ecipar.ra.it/som Essere Manager per creare valore Ecipar di Ravenna School of Management La School Of Management (SOM) realizzata da Ecipar

Dettagli

Un esperienza ASP di successo in un ambito fortemente problematico a livello di compliance e qualità dei servizi

Un esperienza ASP di successo in un ambito fortemente problematico a livello di compliance e qualità dei servizi Servizi ASP Un esperienza ASP di successo in un ambito fortemente problematico a livello di compliance e qualità dei servizi Milano, 8 ottobre 2009 AIEA Sessione di Studio presso UGIS Contenuti I SERVIZI

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

PRINCE2 FOUNDATION & PRACTITIONER

PRINCE2 FOUNDATION & PRACTITIONER -------------------------------------------------------------------------------- AREA PROJECT MANAGEMENT PRINCE2 FOUNDATION & PRACTITIONER -------------------------------------------------------------------------------Formula

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Milano

Iniziativa : Sessione di Studio a Milano Iniziativa : "Sessione di Studio" a Milano Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

ICT Financial Management

ICT Financial Management ICT Financial Management L ICT ha un ruolo decisivo per lo sviluppo di servizi innovativi orientati all incremento dei ricavi ormai non più basati solo sui prodotti tradizionali e rappresenterà una leva

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT BASIC Corso di Project Management per la certificazione ISIPM-Base

PROJECT MANAGEMENT BASIC Corso di Project Management per la certificazione ISIPM-Base Formula weekend 16 17 18 OTTOBRE 2014 PROJECT MANAGEMENT BASIC Corso di Project Management per la certificazione ISIPM-Base 2014 Project Management Con la supervisione scientifica di Z1093.1 Franco Fontana,

Dettagli

CULTURA & TURISMO Una strategia di sistema per l Italia. Roma, 27 maggio 2014

CULTURA & TURISMO Una strategia di sistema per l Italia. Roma, 27 maggio 2014 CULTURA & TURISMO Una strategia di sistema per l Italia Roma, 27 maggio 2014 Decreto Cultura del 22 maggio 2014 DISPOSIZIONI URGENTI PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO CULTURALE, LO SVILUPPO DELLA CULTURA E

Dettagli

DICEMBRE 2007. Caso ZETEMA

DICEMBRE 2007. Caso ZETEMA DICEMBRE 2007 Caso ZETEMA ZETEMA 100% DEL COMUNE DAL 2005 Acquisita nel 2005 da parte del Comune di Roma, Zètema Progetto Cultura opera dal 1998 per favorire e sviluppare una fruizione ottimale del patrimonio

Dettagli

02-18 luglio 2014 I Edizione Z1085

02-18 luglio 2014 I Edizione Z1085 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

Piano nazionale del Turismo

Piano nazionale del Turismo Piano nazionale del Turismo 5 azioni per raddoppiare il PIL del turismo C o n f e r e n z a s t a m p a 22 settembre 2010 Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria Daniel John Winteler, Presidente

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale LA PICCOLA SI FA GRANDE 4 percorsi per la crescita formativa delle PMI RELAZIONE BANCA/IMPRESA Lean thinking Marchi, brevetti e proprietà intellettuale internazionalizzazione Con il patrocinio di Piccolindustria

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

Perché la Corea oggi. Turismo

Perché la Corea oggi. Turismo 14 Milioni di turisti Turismo Nel 2001 erano 6 milioni. Ma nel 2012 il numero dei Coreani che ha fatto un viaggio all estero è più che raddoppiato: sono stati quasi 14 milioni, superando così il record

Dettagli

l identità aziendale

l identità aziendale l identità aziendale i valori cooperativi Crediamo nella CULTURA come valore di tutti. Crediamo che la COOPERAZIONE sia la forma d impresa più innovativa e funzionale alla creazione di un nuovo modello

Dettagli

Il percorso delle aziende italiane verso l IT Governance. Rossella Macinante Practice Leader

Il percorso delle aziende italiane verso l IT Governance. Rossella Macinante Practice Leader Il percorso delle aziende italiane verso l IT Governance Rossella Macinante Practice Leader 11 Marzo 2009 Previsioni sull andamento dell economia nei principali Paesi nel 2009 Dati in % 3,4% 0,5% 1,1%

Dettagli

IT Management and Governance

IT Management and Governance Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative IT Management and Governance Master of Advanced Studies Per un responsabile dei servizi IT è fondamentale disporre

Dettagli

Formazione per le Vendite il Servizio Clienti il Management la Leadership il Cambiamento il Team Work le Relazioni Interpersonali

Formazione per le Vendite il Servizio Clienti il Management la Leadership il Cambiamento il Team Work le Relazioni Interpersonali Formazione per le Vendite il Servizio Clienti il Management la Leadership il Cambiamento il Team Work le Relazioni Interpersonali FORTIA La formazione aziendale davvero World Class Le aziende camminano

Dettagli

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS Corsi di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa Le startup, in special modo quelle caratterizzate da processi, servizi

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO 2016/2017

CATALOGO FORMATIVO 2016/2017 CATALOGO FORMATIVO 2016/2017 Scuola post universitaria di Studi Europei POLO DIDATTICO DI SALERNO ISTITUTO DI STUDI EUROPEI ALCIDE DE GASPERI INSTITUTE OF EUROPEAN STUDIES ALCIDE DE GASPERI Post graduate

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Roma

Iniziativa : Sessione di Studio a Roma Iniziativa : "Sessione di Studio" a Roma Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento, di formazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

INIZIATIVA TESI. ISACA VENICE promuove le best practice proposte da ISACA e la collaborazione fra le Università e le Imprese del triveneto

INIZIATIVA TESI. ISACA VENICE promuove le best practice proposte da ISACA e la collaborazione fra le Università e le Imprese del triveneto INIZIATIVA TESI ISACA VENICE promuove le best practice proposte da ISACA e la collaborazione fra le Università e le Imprese del triveneto In linea con la sua mission e con le indicazioni del Comitato Strategico,

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MET. Master in Economia del turismo

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MET. Master in Economia del turismo MET Master in Economia del turismo Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MET Master in Economia del turismo La crescente attenzione con la quale si guarda oggi al turismo come a un settore

Dettagli

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo

Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Nel turismo è la Spagna il paese più competitivo Mentre i cugini iberici conquistano la vetta del Travel & Tourism Competitiveness Index, l Italia si accontenta di un ottava posizione, dopo Francia, Germania

Dettagli

LUISS Business School

LUISS Business School LUISS Business School per CONFINDUSTRIA L Aquila Executive Program on International Business 2014 1. Presentazione LUISS Business School LUISS Guido Carli - Libera Università degli Studi Sociali Guido

Dettagli

IT Management and Governance

IT Management and Governance Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative IT Management and Governance Master of Advanced Studies IT Management Diploma of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Investire nei social. con ritorno

Investire nei social. con ritorno con ritorno Per le aziende che operano nel turismo la vera opportunità è creare un esperienza sociale che consenta agli web users di sentirsi parte di una community. Così aumentano brand awareness e fatturato.

Dettagli

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA ABSTRACT LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA Per poter comprendere a fondo cosa si intende per lusso e per moda e individuare punti di forza e di debolezza di queste realtà durante la recente crisi

Dettagli

EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini

EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini In collaborazione con: EMIT Executive Master in IT Governance & Management - Franco Zuppini Strumenti manageriali per la gestione del ciclo di vita dei servizi IT Febbraio 2011 Maggio 2012 formula week

Dettagli

BUSINESS TRAVEL MANAGEMENT

BUSINESS TRAVEL MANAGEMENT EXECUTIVE education BUSINESS TRAVEL MANAGEMENT CORSO EXECUTIVE in collaborazione con 20 GENNAIO - 17 MARZO 2012 fondazione cuoa Fondazione CUOA è la prima business school del Nordest e tra le migliori

Dettagli

BUSINESS TRAVEL MANAGEMENT

BUSINESS TRAVEL MANAGEMENT EXECUTIVE education BUSINESS TRAVEL MANAGEMENT CORSO EXECUTIVE in collaborazione con 27 GENNAIO - 12 MAGGIO 2012 fondazione cuoa Fondazione CUOA è la prima business school del Nordest e tra le migliori

Dettagli

Misure di Tutela e Aspetti Legali nel contesto del Cloud Computing

Misure di Tutela e Aspetti Legali nel contesto del Cloud Computing Reg. 05/017 Misure di Tutela e Aspetti Legali nel contesto del Cloud Computing La certificazione di sistema per aumentare il trust cliente-fornitore 25 maggio 2010 AIPSI - Milano 1 The speaker Fabrizio

Dettagli

Giuditta ALESSANDRINI - UNIVERSITÀ ROMA TRE

Giuditta ALESSANDRINI - UNIVERSITÀ ROMA TRE Giuditta ALESSANDRINI - UNIVERSITÀ ROMA TRE Buongiorno a tutti. Il mio intervento potrebbe essere considerato un po una sorta di ritorno al futuro, perchè come diceva anche la Dott.ssa Alfonsi l esperienza

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Un applicazione pratica di business coaching: il caso Prossima Isola

Un applicazione pratica di business coaching: il caso Prossima Isola Un applicazione pratica di business coaching: il caso Prossima Isola Distribuire compiti e ruoli, organizzare meglio il tempo: ovvero, come il coach ha aiutato Marcello e Daniele a partire più tranquilli

Dettagli

Il Kit del Turista per la valorizzazione dei beni culturali, lo sviluppo del turismo e dell impresa locale

Il Kit del Turista per la valorizzazione dei beni culturali, lo sviluppo del turismo e dell impresa locale Il Kit del Turista per la valorizzazione dei beni culturali, lo sviluppo del turismo e dell impresa locale Bruno Francesconi BancoPosta, Pm del progetto Poste Italiane (francesconb@posteitaliane.it) 27

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Essere imprenditori Oggi

Essere imprenditori Oggi Essere imprenditori Oggi Siamo in un mondo di competitori Ancona, 28 Novembre 2010 Gaetano Ascenzi LA MIA STORIA 1996 Inizio della storia professionale: decido che il mio hobby deve diventare la professione

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Soluzioni. per le Imprese CHINA

Soluzioni. per le Imprese CHINA Soluzioni per le Imprese CHINA Il nostro team Fondazione Italia Cina e Camera di Commercio Italo Cinese hanno raggiunto un accordo di integrazione e hanno dato vita ad un unica sezione per l erogazione

Dettagli

Abstract delle relazioni

Abstract delle relazioni Iniziativa : "Sessione di Studio" a Roma Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

IL PORTALE WONDERFULEXPO2015.INFO La piattaforma di prenotazione B2C e B2B. Settembre 2014

IL PORTALE WONDERFULEXPO2015.INFO La piattaforma di prenotazione B2C e B2B. Settembre 2014 IL PORTALE WONDERFULEXPO2015.INFO La piattaforma di prenotazione B2C e B2B Settembre 2014 INDICE 1- Il mercato turistico: ieri ed oggi 2- Il comportamento del turista 3- Le opportunità 4- Gli strumenti

Dettagli

Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1)

Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1) Information Security (ISO/IEC 27001) e IT Service Management (ISO/IEC 20000-1) Analisi delle interdipendenze e delle opportunità di integrazione dei due standard secondo la ISO/IEC FDIS 27013 17/09/2012

Dettagli

CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO. Tavolo 3 Risorse umane, formazione e sostegno al lavoro. Ipotesi di lavoro

CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO. Tavolo 3 Risorse umane, formazione e sostegno al lavoro. Ipotesi di lavoro Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

Document Management Academy

Document Management Academy 2009 www.sdabocconi.it Document Management Academy Nuove competenze manageriali per la gestione ottimale dei processi documentali e l organizzazione del patrimonio informativo aziendale Edizione 2009/2010

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM Master di I Livello - IX EDIZIONE - A.A. 2015-2016 Premessa Il MIGEM è dedicato a tutti coloro che sentono l esigenza di un programma formativo completo e

Dettagli

ICT Financial Management

ICT Financial Management ICT Financial Management L ICT ha un ruolo decisivo per lo sviluppo di servizi innovativi orientati all incremento dei ricavi ormai non più basati solo sui prodotti tradizionali e rappresenterà una leva

Dettagli

7. IULM: REPORT STATISTICO

7. IULM: REPORT STATISTICO 7. IULM: REPORT STATISTICO D A T I D I S I N T E S I 13 Aprile 2015 - Inaugurazione a.a. 2014/15 2 Area Statistica, Valutazione e Qualità Università IULM Via Carlo Bo, 1 20143 Milano Tel. 02.89141.2393

Dettagli

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site

SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site SU MISURA PER IL TUO TEAM, PRESSO IL TUO UFFICIO Training On-site La Tecnologia evolve velocemente ed anche gli esperti IT più competenti hanno bisogno di una formazione costante per tenere il passo Come

Dettagli

COMITATO dei PROBIVIRI AIEA 2015-2018

COMITATO dei PROBIVIRI AIEA 2015-2018 Al servizio dei professionisti dell IT Governance Capitolo di Milano Profili dei Candidati per il rinnovo del COMITATO dei PROBIVIRI AIEA 2015-2018 Giancarlo Butti (LA BS7799), (LA ISO IEC 27001:2013),

Dettagli

PRINCE2 Foundation. Corso per la certificazione Prince 2 Foundation Z1096.1. II edizione - Formula weekend 17 18 19 GIUGNO 2015. Project Management

PRINCE2 Foundation. Corso per la certificazione Prince 2 Foundation Z1096.1. II edizione - Formula weekend 17 18 19 GIUGNO 2015. Project Management PRINCE2 Foundation 2015 Project Management Corso per la certificazione Prince 2 Foundation In collaborazione con Z1096.1 II edizione - Formula weekend 17 18 19 GIUGNO 2015 REFERENTI SCIENTIFICI Maria Elena

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

I promotori Master Team consulenza e formazione professionalità sempre più distintive nuove leve di futuri manager

I promotori Master Team consulenza e formazione professionalità sempre più distintive nuove leve di futuri manager GRANDE MILANO, AUTUNNO 2012 PRIMAVERA 2013 PREPARATI ALL EXPO! La 26ma Edizione Speciale del Master in Hospitality Management nasce dalla necessità di progettare e realizzare un continuum virtuoso che

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Presentazione: Realizzare il piano strategico aziendale: il valore aggiunto dell outsourcing della logistica.

Presentazione: Realizzare il piano strategico aziendale: il valore aggiunto dell outsourcing della logistica. Presentazione: Realizzare il piano strategico aziendale: il valore aggiunto dell outsourcing della logistica. Autore: Andrea Alberio, Logistic Manager Lechler SpA Azienda: Lechler è un azienda italiana

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

INNOVAZIONE E BUONE PRATICHE www.unibo.it

INNOVAZIONE E BUONE PRATICHE www.unibo.it ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Ufficio Programmazione Edilizia INNOVAZIONE E BUONE PRATICHE www.unibo.it BOLOGNA, FEBBRAIO 2008 L ALMA MATER IN CIFRE Oltre 100.000 studenti hanno scelto di

Dettagli

OSSERVO, PIANIFICO, CATTURO.

OSSERVO, PIANIFICO, CATTURO. OSSERVO, PIANIFICO, CATTURO. Incessante, instancabile, senza meta e senza confini, Senza vertigini e maestosa come un aquila eterna. Jim Morrison La crescita e la trasformazione delle aziende e dei territori

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT BASIC

PROJECT MANAGEMENT BASIC Formula weekend 16 17 18 OTTOBRE 2014 PROJECT MANAGEMENT BASIC 2014 Project Management Corso di Project Management per la certificazione ISIPM-Base Con la supervisione scientifica di Z1093.1 Franco Fontana,

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli