Il nostro futuro è nella vostra storia. Wansokou, una storia di successo. dossier

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il nostro futuro è nella vostra storia. Wansokou, una storia di successo. dossier"

Transcript

1 Periodico di Mani Tese, organismo contro la fame e per lo sviluppo dei popoli. anno XLVIII marzo - aprile manitese Poste italiane s.p.a. - Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1 comma 2. LO/MI in caso di mancato recapito inviare al CMP Roserio per la restituzione al mittente che si impegna a corrispondere i diritti postali. Il nostro futuro è nella vostra storia Wansokou, una storia di successo dossier

2 Il nostro futuro è nella vostra storia

3 manitese 477 marzo - aprile Luigi Idili, presidente di Mani Tese indice 6 Le domande sulla crisi: l'esperto risponde 8 Cambogia: condizione femminile e lotta al trafficking 10 La realtà delle crisi globali sulla vita delle donne 12 Lezione di storia 14 Marciamo per il diritto al cibo dossier 15 Wansokou, una storia di successo 19 Guinea Bissau e Senegal 20 Chi si fida delle ONG? 22 Corte Europea Diritti Umani & Immigrazione 24 Le parole della crisi a scuola 26 Il mio servizio civile 27 I regali solidali progetti 28 Diritti umani, sicurezza alimentare e donne Maya 29 Tante iniziative per lo sviluppo integrato dei tribali 30 La comunità Khumi ha ripreso a sorridere di luigi idili, presidente di mani tese La nostra storia Cari Amici, ben ritrovati. In questo nuovo numero del periodico Mani Tese vi racconteremo una bella storia, uno di quei racconti che suscita emozioni e infonde coraggio. Vogliamo infatti festeggiare il compleanno di un progetto voluto soprattutto da Voi donatori, che avete negli anni sostenuto il progetto Wansokou. È il racconto della nascita di una delle prime scuole di Mani Tese in una delle comunità più povere del Benin. Quest'anno ricorre a Wansokou il 25 anno di attività e poter affermare che più di studenti hanno beneficiato della scuola ci rende orgogliosi: questi ragazzi hanno potuto studiare e disegnare il proprio futuro in Africa. Le scelte di Mani Tese partono da lontano, come questo progetto, da quando, negli anni '70, abbiamo coniato lo slogan Contro la fame, cambia la vita, per far comprendere come i comportamenti dei consumatori nel Nord del mondo influiscono sullo sviluppo dei popoli nel Sud. Quest'anno, aggiorniamo il tema con la Marcia per la sovranità alimentare, che riporterà Mani Tese a guardare alla società civile, agli insegnanti, alle scuole, agli enti locali e ai volontari per diffondere il messaggio che occorre ridare sovranità ai popoli e consapevolezza al consumatore sulle scelte alimentari. Un messaggio che contiene speranza ma anche la spinta a un difficile cambiamento, per farla finita con la fame ma anche con la cattiva alimentazione. Il sistema alimentare mondiale sta fallendo: l'incremento della lavorazione industriale degli alimenti, il disinvestimento dalle piccole e medie aziende agricole e la sovrapproduzione di derrate sovvenzionate come il granturco e la soia, ci hanno lasciato fame dove il cibo non arriva o non può essere acquistato, e obesità dove il cibo viene sottoposto in larga misura a lavorazioni industriali e manca di elementi nutritivi. Ricordiamo allora la storia non per voglia di celebrazione ma per riflettere sul futuro. I nostri progetti di cooperazione costruiscono infatti ancora oggi, come 30 anni fa, legami forti con la terra e le comunità dove Mani Tese opera. Dai progetti e dalla collaborazione con i partners locali, nascono le idee, molle per altre azioni, il coraggio per affrontare nuove sfide. In uno scenario mondiale critico, dove la cooperazione internazionale è già in crisi da un pezzo, vogliamo stringere alleanze ancora più forti con i nostri partner locali, per rafforzare le reti internazionali su un piano di parità e di vera cooperazione tra uguali, per agire insieme politicamente. I cambiamenti necessari non possono avvenire senza cambiare di pari passo la nostra percezione e quella di voi sostenitori che con il vostro contributo sostenete i progetti di cooperazione e le nostre azioni politiche. La lotta contro la miseria e contro lo sfruttamento non è fatta di assistenza e aiuto, ma di battaglie comuni per i diritti e la giustizia sociale nel Sud e nel Nord del mondo. redazione Luigi Idili (dir.) Luca Manes (dir. resp.) Chiara Cecotti Angela Comelli Alberto Corbino Giosuè De Salvo Elias Gerovasi Elena Iannone Giovanni Mozzi Giacomo Petitti Lucy Tattoli contributi Chiara Cattaneo Clara Castellucci Nicoletta Dentico Morena Mascarello Giovanni Sartor Stefano Squarcina Giovanna Tedesco Luca Tommasini stampa Staff S.r.l. - Buccinasco (MI) periodico manitese Registrazione al ROC (Registro operatori di comunicazione) al n.154 Registrazione al Tribunale di Milano n del 28 Dicembre periodico in pdf Per ricevere il periodico in formato pdf scrivi a: un piccolo gesto che permette di ridurre la nostra impronta ecologica quotidiana. grafica Riccardo Zanzi sede P.le Gambara 7/9, Milano Tel c.c.p BONIFICO BANCARIO Banca Popolare Etica, cod. IBAN IT 58 W

4 4 il nostro futuro è nella vostra storia istantanea di luca TOMMASINI Il tratto iniziale del Rio Baker, nel cuore della patagonia cilena, dove l'enel tramite la sua controllata Endesa ha intenzione di costruire una delle cinque mega dighe previste dal progetto Hidroaysen

5 manitese 477 marzo - aprile

6 6 il nostro futuro è nella vostra storia rubriche a cura di luca manes, campagna per la riforma della banca mondiale finanza e politica Le domande sulla crisi: l'esperto risponde Perché un giorno ci dicono che i nostri fondamentali economici sono buoni e l'indomani che la situazione è grave e rischia di tracollare? L'equilibrio della sostenibilità di un debito dipende da molte variabili. Il rapporto debito/pil scende (e quindi il debito diventa solvibile e il paese si allontana dal rischio fallimento) se aumenta la differenza tra entrate e uscite, se aumenta l'inflazione (il debito è fissato in valore nominale e l'impennata dell'inflazione aumenta gli introiti fiscali di un paese incrementando le proprie capacità di pagamento), se si riduce il costo a cui il debito si rifinanzia e se aumenta la crescita del paese. La penultima variabile è decisiva. Basta che arrivino notizie negative su altri fattori (per esempio il paese va in recessione) che gli investitori iniziano a dubitare della solvibilità, riducendo la domanda di titoli. Se la domanda scende, il rendimento dei titoli sale e con esso il costo del debito. Questo perché se mi fido meno di un paese, chiedo un rendimento più alto per essere compensato dal rischio di comprarmi i suoi titoli. O, visto dalla parte opposta, lo Stato italiano deve offrire rendimenti più alti per convincere gli investitori a comprare il suo debito. Così il costo del debito o il rendimento dei titoli pubblici fa peggiorare la solvibilità del paese. In un certo senso le predizioni negative dei pessimisti in questo modo hanno la forza per autorealizzarsi se portano a una crescita costante del costo del debito. Data la delicatezza della condizione di solvibilità, ogni piccola notizia può spostare l'equilibrio. Perché il rapporto debito/pil giapponese è doppio del nostro e tutti ce l'hanno con i nostri BTP? Questo è un punto chiave. Il debito giapponese è quasi interamente finanziato dai giapponesi stessi, mentre nel caso italiano il 45% del debito è nelle mani degli investitori stranieri. Il contratto sociale implicito è ben diverso. Gli investitori stranieri guardano solo al rendimento del titolo e al rischio che il debitore non paghi. Non deriva alcun beneficio dalla spesa pubblica del paese che emette i titoli. Per gli investitori nazionali il ragionamento è diverso. Essi sono beneficiari di quella spesa pubblica che genera il debito in termini di beni e servizi e subirebbero inoltre molte altre conseguenze negative, oltre al non ripagamento del prestito, nel caso in cui il proprio paese fallisca. Ecco perché gli acquirenti nazionali dei debiti pubblici sono molto più pazienti e più tolleranti nei confronti della crescita del debito. Perché il sistema di calcolo del rapporto debito/pil tedesco è addomesticato? Se fosse calcolato come il nostro, anche la Germania non se la passerebbe benissimo, perché allora i nostri titoli non li vuole nessuno? Ci sono molte discussioni sul fatto che in Germania e negli Stati Uniti i debiti di importanti imprese a partecipazione statale fuori dal bilancio pubblico, ma di fatto garantite al 100 percento dallo Stato, non sono contabilizzati nel debito pubblico come succede da noi. Con essi il debito tedesco salirebbe circa al 100 percento. Anche in questo caso però la sostenibilità del debito tedesco apparirebbe maggiore della nostra per la reputazione migliore di cui gode la Germania in termini di disciplina fiscale e di capacità di crescere, come dimostrato nel corso degli ultimi decenni. Perché il volume di transazioni finanziarie è diverse volte quello del valore delle materie prime scambiate? Il volume delle transazioni finanziarie è arrivato fino a 16 volte il PIL mondiale ed è sceso a 14 dopo la crisi finanziaria globale. L'aumento del volume è dovuto all'esplosione dei derivati, in particolare quelli over the counter, ovvero scambiati informalmente dalle controparti non su mercati regolamentati. I derivati non Tre dei libri pubblicati da Leonardo Becchetti: "Felicità sostenibile" ed. Donzelli, "Il denaro fa la felicità? ed. Laterza e "Il microcredito" ed. Il Mulino.

7 manitese 477 marzo - aprile Leonardo Becchetti è professore ordinario di economia politica presso la facoltà di Economia dell'università di Roma Tor Vergata. Ha pubblicato circa duecentodieci lavori tra articoli su riviste internazionali e nazionali, volumi, contributi a volumi, quaderni di ricerca. È autore di numerosi saggi tra i quali Felicità sostenibile edito da Donzelli e Il denaro fa la felicità? edito da Laterza. I suoi temi di ricerca sono quelli della finanza, microfinanza, commercio equo e solidale, responsabilità sociale d'impresa, rapporto banca-impresa, sviluppo economico ed economia della felicità. Ha un blog su Repubblica.it intitolato Felicità Sostenibile. sono un male in sé, il problema è il loro utilizzo. Nascono infatti come strumenti assicurativi contro rischi e in questo senso aiutano le persone a investire. La decisione di una banca italiana di fare un prestito a un'istituzione di microfinanza che lavora negli slum di Nairobi per favorire l'espansione della sua attività è frenata dal fatto che, se il cambio dello scellino kenyano si svalutasse del percento per una crisi politica o economica, chi riceve il prestito dovrebbe pagare un interesse del percento. Se ci fosse uno strumento di copertura dal rischio-cambio questo aiuterebbe l'operazione. Il problema è che i derivati non sono più usati prevalentemente per motivi di copertura, ma per fare speculazioni. Se fossero usati per motivi di copertura, il loro valore dovrebbe essere più o meno equivalente a quello delle attività assicurate. Invece sono un multiplo molto più elevato. Nell'economia reale compro una polizza per assicurarmi dal rischio di furto contro la mia auto. Nei mercati finanziari invece moltissimi operatori anonimi comprano una polizza sul furto della mia auto sperando che la probabilità che me la rubino aumenti in modo tale da poter rivendere la polizza a prezzi più alti. In questo modo senza accorgersene si finisce per sperare che succedano catastrofi, che paesi falliscano, che inizino guerre e, ultimamente, con strumenti come i bond della morte, che anziani poveri che hanno venduto le proprie polizze sulla vita per tirare avanti muoiano in modo tale da intascare il premio. Perché e a quali condizioni la Tobin Tax, o tassa sulle transazioni finanziarie, nella forma attualmente promossa può funzionare? La tassa sulle transazioni finanziarie è un primo importante passo nella giusta direzione. È altresì vero che per raggiungere pienamente l'obiettivo di scongiurare crisi finanziarie come quella del 2007, c'è bisogno di interventi ancora più energici, come il divieto alle banche commerciali di fare trading proprietario mettendo a rischio i soldi dei depositanti a loro insaputa. L'obiettivo della tassa è proprio quello di scoraggiare l'uso speculativo rispetto all'utilizzo di copertura ad esempio dei derivati. Chi li compra non per assicurarsi opera con moltissime operazioni a breve (il cosiddetto trading ad alta frequenza). Tassare le transazioni avrebbe costi molto elevati per questo tipo di operazioni, ma molto più contenuti per chi compra l'attività finanziaria e la tiene. Un'obiezione alla tassa è che essa non è praticabile se non a livello globale, perché imporla in un solo paese farebbe fuggire i capitali. Quest'obiezione è falsa perché esistono ad oggi, come documenta una ricerca del Fondo Monetario, ben 23 paesi che applicano unilateralmente la tassa senza che si sia verificata una massiccia fuga di capitali. Il paese con la tassa più alta è il Regno Unito, che prevede una tassa del 5 per mille sui possessori di azioni quotate alla borsa di Londra. La tassa consente di raccogliere circa 3-5 miliardi di sterline al'anno. Per via di tale evidenza, la proposta francotedesca di introduzione della tassa parla correttamente di armonizzazione a livello europeo delle tasse sulle transazioni finanziarie e non di loro introduzione. È questo il motivo per il quale la Francia intanto ha deciso di andare avanti da sola approvandola unilateralmente. Un'altra obiezione sollevata recentemente è che la tassa aumenterebbe di molto i costi per le banche e i fondi pensione. Ma proprio portando avanti questa argomentazione i loro sostenitori confermano che è importante applicare questa tassa. Se l'attuale modo di gestire banche e fondi pensione in modo molto rischioso e speculativo fosse scoraggiato dalla tassa, avremmo ottenuto un risultato importante e reso più stabile sia il sistema che i risparmi dei cittadini. L'economista, direttore di benecomune.net, Leonardo Becchetti

8 8 il nostro futuro è nella vostra storia progetti Di Chiara Cattaneo, responsabile Asia mani tese fai la differenza Cambogia: condizione femminile e lotta al trafficking Indice di disuguaglianza di genere, indice sulla parità di genere, indice di empowerment di genere, indice di occupazione femminile, percentuale di rappresentanza politica femminile Non mancano i tentativi di racchiudere nei confini netti di un'indagine statistica la multiforme realtà della condizione femminile nel mondo. Pensare di poter catalogare infiniti universi in una provetta da laboratorio è un'impresa ammirabile, ma in qualche modo vana. Meglio perdersi allora nell'osservazione di contesti specifici, per coglierne le peculiarità. La Cambogia è un Paese giovane, ma nella peggiore delle accezioni. L'immensa tragedia del regime di Pol Pot, consumatasi alla fine degli anni '70 mentre il mondo girava le spalle per non essere costretto a intervenire, ha falcidiato un'intera generazione, al punto che oggi meno del 4% della popolazione ha oltre 65 anni (contro il 20% dell'italia). Le donne si ritrovano intrappolate tra l'iconografia tradizionale delle apsara, le danzatrici celesti scolpite nei bassorilievi dei templi di Angkor Wat, e un immaginario moderno e per molti versi rivoluzionario. Le mutate condizioni storiche hanno portato le donne ad assumere ruoli sempre più determinanti, anche dal punto di vista economico, ma a questa accresciuta importanza non sempre corrisponde un riconoscimento pubblico e sociale, né una nuova consapevolezza da parte delle donne stesse del proprio nuovo ruolo famigliare e sociale. Anche le ambizioni personali delle donne sono cambiate. La televisione, il turismo di massa, la crescente urbanizzazione, mutati modelli sociali e famigliari portano le giovani donne a coltivare sogni e desideri diversi da quelli delle loro madri. Sempre più di frequente le famiglie sono costrette ad abbandonare le campagne impoverite dove è difficile strappare alla terra raccolti abbondanti e riuscire a vivere dignitosamente, e migrano piene di speranze verso le città cambogiane, alcuni addirittura con lo sguardo rivolto ancora più in là, verso l'apparentemente ricca e sviluppata Tailandia. Queste speranze spesso si infrangono già alle periferie dei grandi centri urbani, quando i migranti si rendono conto che le opportunità a loro disposizione sono esigue, i guadagni miseri e le tentazioni copiose. Accade così che spesso siano gli uomini ad andarsene per primi, fisicamente, abbandonando moglie e figli al loro destino, o ritraendosi lentamente in una spirale di dipendenze e abusi. Le donne, rimaste sole, diventano le uniche artefici del proprio destino e di quello, prezioso, dei loro figli, in un mondo difficile da decodificare con gli strumenti che hanno a loro disposizione. Inoltre, come accade in qualunque altra parte del mondo odierno, nasce e cresce la percezione di accresciuti bisogni materiali, Foto di Sergio Grande anche effimeri e non essenziali, che a volte prevale su altre considerazioni, anche di carattere morale. È in questo nuovo e misconosciuto ruolo di capofamiglia che le donne cambogiane si trovano sempre più spesso a dover fare scelte estreme e a correre rischi altrettanto imponenti. La Cambogia è un paese di partenza, transito e destinazione per le vittime del trafficking, definito come il reclutamento, il trasporto, il trasferimento, l'ospitare o accogliere persone; mediante l'impiego o la minaccia di impiego della forza o di qualsiasi altra forma di coercizione, di rapimento, frode, inganno, abuso di potere sfruttando una posizione di vulnerabilità ( ); a scopo di sfruttamento della prostituzione altrui o di altre forme di sfruttamento sessuale, lavoro forzato, schiavitù o pratiche analoghe, Mani Tese dal 2006 è socio aderente dell Istituto Italiano della Donazione.

9 manitese 477 marzo - aprile La Cambogia è un paese di partenza, transito e destinazione per le vittime del trafficking servitù o prelievo degli organi (Protocollo di Palermo, 2000). Sono le donne, insieme ai bambini, ad essere maggiormente esposte a questo pericolo. Sebbene sia difficile quantificare un fenomeno così sotterraneo, la Cambogia, così come l'intero sudest asiatico, è fortemente interessata dal trafficking, una vera e propria industria che ogni anno risucchia oltre 2 milioni e mezzo di vittime, generando profitti per oltre 32 miliardi di dollari. Le donne vittime di trafficking finiscono generalmente nell'industria dello sfruttamento sessuale e del lavoro forzato nelle industrie locali; una percentuale minore viene impiegata presso le case delle famiglie benestanti in condizioni di schiavitù. Anche i bambini vengono trafficati per lo sfruttamento sessuale, e molti vengono costretti a mendicare per le strade, o a lavorare come venditori. La terribile verità è che spesso a facilitare la caduta nella rete del trafficking sono persone conosciute, famigliari, addirittura le madri stesse che per fiducia, ignoranza o percezioni distorte delle priorità da soddisfare affidano il proprio destino e quello dei loro figli alla schiavitù del trafficking. Intorno alle donne cambogiane e ai loro figli occorre quindi costruire una delicata rete di protezione e prevenzione, di promozione personale ed economica, per far sì che siano sempre più impermeabili al rischio di trafficking. Azioni concrete, quotidiane, come il sostegno all'istruzione dei figli, la formazione professionale, il sostegno all'imprenditorialità, asili dove i loro figli possano giocare al sicuro mentre lavorano, servizi sociosanitari adeguati e gratuiti, e uno specchio dove si possano guardare e vedere riflessa con orgoglio la propria forza. intrattabili Mani Tese, attraverso la campagna intrattabili, in partnership con ONG locali competenti e impegnate, è impegnata nella lotta al trafficking di esseri umani nel sudest asiatico. In Cambogia, in particolare, sono due le zone di maggiore attività: Sihanoukville, città di mare e popolare meta turistica, e Poipet, città di confine con la Tailandia nel nordovest del Paese. Le azioni progettuali si concentrano sui pilastri della prevenzione, della protezione, della cura e dell'istruzione. I bambini sono il cuore della campagna, e intorno al loro benessere si dipanano le varie attività: servizi sociali e di protezione (hotline, centri di prima accoglienza per bambini vittime di trafficking rimpatriati dalla Tailandia, centri drop in), servizi scolastici (scuole, scuole preparatorie per favorirne il reinserimento nella scuola pubblica, scuole di formazione professionale, esercizi commerciali dove poter mettere in pratica le abilità acquisite), servizi di sostegno ai caretakers e alle famiglie. Il sostegno può prendere anche la forma di un sostegno al reddito. Le mamme dei bambini che per vari motivi possono correre il rischio di diventare vittime di trafficking vengono coinvolte in corsi di formazione professionale e aiutate ad avere un reddito maggiore e più regolare attraverso nuove attività commerciali. Per partecipare al progetto le donne firmano un contratto che le impegna a provvedere all'istruzione dei propri figli e a non sfruttarne il lavoro. Per sostenere i progetti avviati in Cambogia: Agraria Laurenzi è un'azienda italiana a conduzione familiare che da molti anni realizza prodotti tipici della terra come olio, miele, vino, ortaggi, sempre nel rispetto della tradizione. A partire da marzo 2012, mese in cui ricorre la Festa della Donna, Agraria Laurenzi si impegna a destinare una quota a favore del progetto di lotta al trafficking, che coinvolge le donne cambogiane, a tutti coloro che sceglieranno di acquistare il kit di cosmesi all'olio d'oliva. Per maggiori informazioni: Giovanna Tedesco Tel

10 10 il nostro futuro è nella vostra storia approfondimento di nicoletta Dentico, Membro del comitato scientifico di Mani Tese e promotrice in Italia di Se Non Ora Quando? La realtà delle crisi globali sulla vita delle donne Retorica dello sviluppo di genere L'orizzonte di una convivenza fra i due generi rispettosa dell'autonomia e della dignità delle donne, e improntata al principio dell'inviolabilità del corpo femminile, allude a una prospettiva che è stata delineata con nettezza da importanti documenti internazionali. Viene subito in mente la Dichiarazione di Vienna approvata nel 1993 durante il summit dell'onu sui diritti umani; essa prende posizione contro la violenza di genere e contro ogni forma di sfruttamento del corpo delle donne come incompatibili con la dignità della persona umana. C'è poi il testo della Piattaforma d'azione di Pechino del 1995, laddove si afferma che la violenza contro le donne è un ostacolo al raggiungimento degli obiettivi di uguaglianza, sviluppo e pace [ ] viola, indebolisce o vanifica il godimento da parte delle donne dei loro diritti umani e delle loro libertà fondamentali. Questi due pronunciamenti sono pietre miliari, punti di non ritorno sulla strada del riconoscimento delle donne come condizione essenziale per realizzare il bene comune e, viceversa, della gravità del loro sfruttamento come barriera allo sviluppo umano. L'ONU poneva così la questione dell'urgenza, per i governi e le comunità nazionali, di un impegno volto a contrastare la mortificazione della dignità delle donne, e la loro discriminazione, con ogni mezzo. Questi principi hanno in buona misura ridisegnato l'agenda dello sviluppo integrando finalmente la prospettiva di genere nella visione generale di un'emancipazione economica e sociale per le realtà dei paesi impoveriti. I linguaggi sono mutati e la semantica ha integrato il tema delle donne. Ufficialmente, tutta la comunità internazionale è impegnata dal 2000 nella corsa per gli obiettivi del millennio (MDGs), due dei quali il 3 ed il 5 sono rispettivamente focalizzati sull'uguaglianza di genere, e sulla salute delle donne. Ma che cosa è veramente cambiato, per la metà del cielo? «Crescere una figlia è come innaffiare l'orto del vicino», recita un proverbio indù, alludendo all'inutile investimento sulla prole destinata alla famiglia del futuro marito. Il risultato è che la più grande democrazia della terra conquista i mercati globali e si afferma con l'innovazione e la capacità tecnologica, ma perde ogni anno 600 mila bambine. Il dato è agghiacciante, e non circoscritto. La guerra globale contro le donne fa sì che nel mondo ne manchino 100 milioni all'appello: una cancellazione di massa prodotta dagli aborti selettivi dei feti di femmine, o in seguito a infanticidi, che in alcuni paesi (India, Corea, Cina) si è decisamente affermata non senza conseguenze inquietanti sul piano demografico e sociale. A tre anni dal traguardo del 2015 fissato dagli MDGs, il genocidio di genere prosegue inesorabile e impunito. Solo uno dei mali acuminati che colpiscono le donne. Eppure l'evidenza empirica dimostra che non può esserci innovazione, modernità, alternativa, a via di escludere la popolazione delle donne dalla costruzione di un futuro

11 manitese 477 marzo - aprile migliore. Nel nord e nel sud del mondo. Lo ha dichiarato la vice Segretaria Generale dell'onu, Asha-Rose Migiro, sono le donne che hanno in mano le chiavi per scardinare le barriere allo sviluppo sostenibile. In tempi di colossale crisi strutturale economica, finanziaria, ambientale sappiamo quanto ne avremmo bisogno di un paradigma nuovo imperniato sulla sostenibilità. E delle donne, dunque, per dargli forma e contenuto. Invece, la metà femminile che popola il mondo gode di una infima parte delle opportunità o delle risorse disponibili sul pianeta. Sono più di mille le donne che, ogni giorno, muoiono solo per il fatto di aver partorito, nelle circostanze di solitudine e di povertà spesso più indicibili. Nelle situazioni di guerre e conflitti armati, la maggior parte delle vittime civili sono donne e bambini che, paradossale ironia, pagano il prezzo più alto per questi conflitti, ma non hanno voce in capitolo, ed ancor meno potere negoziale, quando gli stati trattano di guerra e pace. Talenti sprecati. Le donne se ne intendono, visto che sono loro ad assicurare la sussistenza delle famiglie in mezzo al caos e alla distruzione, e sono ancora loro che seminano solidarietà e pace dentro le piccole comunità devastate dalla guerra. In nessun paese del resto le donne hanno accesso paritario della narrazione che i media fanno del mondo. Men che meno hanno possibilità di formularla, questa narrazione. Solo il 22% delle notizie che si leggono o si ascoltano ogni giorno sono frutto della lettura e dello sguardo delle donne! La 56ma sessione della Commissione sulla Stato delle Donne (www.un.org/ womenwatch/daw/csw/index.html), riunita a New York mentre scriviamo, fa un quadro piuttosto cupo della situazione globale. Le molte piccole luci delle iniziative locali restano soffocate dalle ombre di tendenze strutturali che remano contro le donne. Per esempio, a detta della Commissione, anche quando i programmi di sviluppo sono indirizzati all'uguaglianza di genere, ciò non significa necessariamente che questi si traducano in percorsi significativi per le donne, e neppure il sostegno ai progetti della società civile è sufficiente se non mutano le condizioni in grado di rendere la vita quotidiana delle donne più dignitosa nel lungo periodo. Siamo insomma di fronte ad uno scenario paradossale. Negli ultimi 3-5 anni c'è stato un indubbio incremento dell'interesse e dell'impegno a favore dell'empowerment delle donne e delle bambine, però la crisi finanziaria globale ha ristretto in termini reali il sostegno alle donne nei paesi del sud del mondo, nonché molto peggiorato la loro condizione. Il deterioramento delle condizioni economiche produce in monti casi un sussulto dei fondamentalismi, ed una recrudescenza di pratiche e concezioni domestiche che minano alla radice l'autonomia e l'attivismo femminile. Le donne sono impegnate in prima linea per la difesa della biodiversità e degli ecosistemi vitali, per l'accesso all'acqua, per l'adattamento e la mitigazione dei cambiamenti climatici, per la lotta contro l'inquinamento. Ma l'empowerment delle contadine ed il loro ruolo nella lotta alla fame e nello sradicamento della povertà restano marginali. Secondo la neonata Agenzia dell'onu per le Donne, quelle attive nell'agricoltura rappresentano un quarto dei 7 miliardi di popolazione mondiale. Solo il 5% dei servizi agricoli però viene messo a disposizione delle donne, e nell'africa rurale sub-sahariana meno del 10% del credito disponibile per le piccole iniziative agricole è appannaggio delle donne, anche se il loro accesso paritario alle risorse produttive ridurrebbe il numero delle persone malnutrite di milioni. Forse è arrivato il momento di considerare la costruzione di un mondo a due, di una comunità alla pari fatta di due entità intransitive per dire che è necessario mantenere fra loro una distanza per non cancellare l'altro/l'altra come un bene comune dell'umanità. Constato che questa argomentazione non ha ancora preso piede nella agenda sui beni comuni globali. Potrebbe esserne invece una condizione indispensabile. Se al posto della Lehman Brothers, ci fosse stata la Lehman Sisters, sospetto che il mondo non si troverebbe nella situazione di collasso senza regole che conosciamo da alcuni anni a questa parte.

12 12 il nostro futuro è nella vostra storia approfondimento Lezione di storia a cura di Giosuè De Salvo, capo area advocacy Mani Tese Quello che segue è il testo originale di un audiovisivo (diapositive con note scritte di accompagnamento) che Mani Tese realizzò nel 1984, quasi trent'anni fa, sul tema della fame. Riemerso per caso dall'immenso archivio cartaceo, offre ai lettori l'ennesima conferma di quanto la lotta per la Sovranità Alimentare sia scritta nel DNA di questa associazione. A volte si sente dire che la fame esiste perché sulla terra non c'è cibo sufficiente per nutrire tutti gli uomini. Ma secondo la F.A.O. (l'organizzazione delle Nazioni Unite per l'agricoltura e l'alimentazione) l'attuale produzione di cereali potrebbe fornire ad ogni uomo, donna, bambino che vivono sulla terra più di calorie e ben 65 grammi di proteine al giorno. Inoltre la terra può garantire una produzione di cereali 25 volte superiore a quella attuale. Eppure la fame esiste e assume proporzioni sempre più drammatiche. Stime prudenti indicano che nel mondo almeno 460 milioni di persone soffrono per carenze alimentari molto gravi. E coloro che non mangiano a sufficienza sono ben due miliardi: si tratta degli abitanti dei paesi sottosviluppati dell'africa, dell'asia meridionale e dell'america Latina: il cosiddetto Terzo Mondo. Sono i poveri nel mondo, coloro che hanno un reddito troppo basso per acquistare una sufficiente quantità di cibo. [ ] Le cause della fame: la povertà La fame è una conseguenza della povertà. La malnutrizione e la sottoalimentazione sono determinate dall'insufficienza del reddito della maggior parte delle famiglie che vivono nel Terzo Mondo. La spesa alimentare costituisce una componente importante del reddito dei poveri, fino all'80%, che un qualsiasi aumento del prezzo del cibo si traduce in una diminuzione della quantità e della qualità del cibo acquistato. Nei paesi occidentali la spesa per acquistare gli alimenti rappresenta solo il 25% del reddito famigliare. Questo significa che un aumento, anche sensibile, dei prezzi alimentari, non riduce la popolazione alla fame. Gli abitanti dei paesi sviluppati, grazie alla loro ricchezza, riescono ad accaparrare la maggioranza del cibo disponibile. Secondo i calcoli ufficiali, il 30% della popolazione mondiale consuma il 50% di tutte le risorse alimentari della terra. Secondo l'organizzazione Mondiale della Sanità, gli abitanti del mondo ricco sono supernutriti. L'aumento delle malattie cardiovascolari, del diabete, dell'obesità sono un sintomo di questa supernutrizione. La stessa organizzazione afferma che l'uomo medio dei paesi europei e nord-americani mangia carne tre volte più del giusto. Per nutrire gli animali, allo scopo di produrre carne, si impiega una quantità di cereali 4/5 volte superiore a quella che si impiegherebbe se il nutrimento fosse consumato direttamente dall'uomo. Le popolazioni ricche destinano all'alimentazione del loro bestiame un volume di cereali superiore a quello consumato da tutti gli abitanti del Terzo Mondo, esclusa la Cina. Nei paesi ricchi molti alimenti vengono sprecati: si calcola che nei ristoranti quasi un terzo del cibo finisca in pattumiera, inoltre ogni anno migliaia di tonnellate di prodotti alimentari vengono distrutte per mantenere elevato il livello dei prezzi. Le cause della fame: il latifondo e la monocoltura L'agricoltura mondiale è dominata dalle grandi proprietà fondiarie. Secondo la F.A.O. il 2,5% dei proprietari con oltre 100 ettari controlla circa i ¾ di tutte le terre del mondo. [ ] Nel passato i paesi del Terzo Mondo erano autosufficienti dal punto di vista alimentare. Durante il periodo coloniale però è avvenuto il passaggio dall'agricoltura di sussistenza, destinata al consumo interno, all'agricoltura per l'esportazione. Per soddisfare i bisogni delle potenze coloniali vennero estese le piantagioni di zucchero, caffè, cotone, banane, arachidi, provocando il fenomeno della monocoltura, vale a dire la specializzazione di ogni paese nella produzione di un unico o di pochi prodotti. In numerosi paesi in via di sviluppo la disponibilità alimentare è oggi insufficiente proprio perché nel settore agricolo viene data priorità alle coltivazioni per l'esportazione invece che quelle destinate all'alimentazione locale.

13 manitese 477 marzo - aprile Le cause della fame: le multinazionali agro-alimentari Le multinazionali sono imprese molto grandi che investono e producono in numerosi paesi. Da qualche anno queste imprese mostrano un crescente interesse verso gli investimenti agricoli, acquistando vasti appezzamenti di terreno nei paesi del Terzo Mondo. Dice Mons. Camara, il vescovo brasiliano noto in tutto il mondo per la sua opera in difesa dei poveri: Quando le multinazionali acquistano un terreno nel mio paese, mandano via le famiglie contadine, privandole dell'unica loro fonte di vita. Le multinazionali condizionano, attraverso la pubblicità, i consumi alimentari delle popolazioni povere e analfabete del Terzo Mondo, inducendole spesso all'acquisto di prodotti superflui e di scarso valore nutritivo. La sovrappopolazione: un mito da sfatare Spesso si sente dire che le popolazioni del Terzo Mondo sono affamate perché sono troppo numerose. In realtà la densità demografica non ha alcun rapporto con l'effettiva disponibilità di alimenti. La fame esiste tanto in Bolivia, dove ci sono 5 abitanti per chilometro quadrato, quanto in India dove gli abitanti sono 172 per chilometro quadrato. Ma non esiste fame in Olanda, dove la densità demografica è di 326 abitanti per chilometro quadrato. La fame è un'ingiustizia non una fatalità. Ghandi ha detto: La terra produce abbastanza per soddisfare i bisogni di ognuno, non l'avidità di ognuno. La crisi alimentare mondiale non è provocata dalla mancanza di risorse, ma dalla loro ingiusta distribuzione. Molte persone del mondo ricco sono convinte che la fame sia un flagello di dimensioni tali da essere senza rimedio, ma non è così. Se l'umanità lo volesse, potrebbe porre fine a questa tragedia nel giro di pochi anni. La copertina originale del 1984 La fame si può vincere È necessario che ogni popolo sia messo in grado di produrre il cibo destinato al suo nutrimento. L'agricoltura per il consumo interno deve essere privilegiata rispetto a quella per l'esportazione. Occorre invertire la tendenza attuale che utilizza le terre più fertili e le migliori attrezzature per la produzione destinata all'estero. È necessario che gli aiuti stanziati dai paesi ricchi in favore del Terzo Mondo favoriscono soprattutto il settore agricolo e la popolazione rurale. È necessario che le risorse umane, tecnologiche e finanziarie che oggi vengono sprecate per produrre armamenti, siano utilizzate per soddisfare i bisogni primari delle popolazioni. Si calcola che la cifra che i governi di tutto il mondo spendono per produrre strumenti di morte raggiunga ormai i 550 mila miliardi di lire all'anno: 1 miliardo di lire al minuto. La quota destinata dai governi allo sviluppo è inferiore di 20 volte a quella impiegata nel settore bellico. [ ] È necessario che ognuno di noi si renda consapevole di questa intollerabile ingiustizia e si impegni in prima persona nella lotta contro la fame ed il sottosviluppo. È necessario porre fine agli sprechi degli alimenti e di tutte le altre risorse (acqua, energia, minerali) che non sono patrimonio esclusivo dei popoli ricchi, ma sono state destinate a tutta l'umanità.

14 Realizzato con il contributo dell Unione Europea 14 il nostro futuro è nella vostra storia approfondimento a cura di Clara Castellucci, referente marcia virtuale Food For World 2012 di mani tese campagne Marcia con noi per il diritto al cibo Contro la fame, cambia la vita. È questo uno degli slogan che Mani Tese, già negli anni '70, portava in piazza per diffondere il principio secondo il quale i comportamenti del Nord del mondo influiscono sulla povertà del Sud. È con la Marcia mondiale per la sovranità alimentare che nel 2012 Mani Tese vuole diventare movimento forte di coinvolgimento della società civile, degli insegnanti, delle scuole, degli enti locali e dei volontari per diffondere un importante messaggio: ridare sovranità ai popoli e consapevolezza al consumatore sulle scelte alimentari. Il doppio binario che vede muoversi parallelamente la lotta all'ingiustizia e la promozione della sobrietà negli stili di vita è quello su cui si fonda il principio della sovranità alimentare. Il semplice aumento della produzione di cibo non è più sufficiente per risolvere la causa dello squilibrio: è necessario offrire alle comunità locali la possibilità di decidere cosa produrre, di scegliere metodi di coltivazione sostenibili e di decidere su quali mercati indirizzarsi. Ora il passaggio fondamentale è il coinvolgimento dei consumatori che con il loro stile di vita quotidiano hanno un forte impatto sui Paesi del Sud del mondo. La Marcia è il nostro strumento per portare questa istanza di cambiamento nei dibattiti delle principali istituzioni e tra la gente. Per la prima volta la partecipazione potrà essere anche diversa e tutta virtuale! Il sito internet dedicato alla Campagna Food for world (www. foodforworld.org ) è stato costruito per raccogliere le istanze di tutti, è una grande sfilata di volti, messaggi, pensieri e immagini relative al principio di sovranità alimentare e di diritto al cibo. Questo spazio dedicato permetterà a tutti di partecipare alla mobilitazione in un modo diverso rispetto a quello a cui si è abituati, tramite il proprio computer, e utilizzando i mezzi di comunicazione di massa. La piazza non sarà solo quella delle diverse città in cui marceremo per portare la nostra causa, ma sarà anche quella della rete. Tutti possiamo fare la differenza unendoci ad movimento virtuale che diffonderà un messaggio virale sull'importanza del diritto al cibo. Iscrivendosi al sito attraverso una procedura molto semplice potremo contarci, diffondere il messaggio ed essere sempre aggiornati sul tema della sovranità alimentare e sulle campagne di Mani Tese. Nei prossimi numeri del periodico e sulle prossime newsletter ci sarà l'occasione di approfondire e coinvolgere tutti nella preparazione della marcia perché riteniamo molto importante che il movimento parta dal basso e da tutti coloro che già sostengono e conoscono l'associazione per poi diffondersi capillarmente attraverso parenti e amici. Food for World è il nostro slogan e lo porteremo nella rete come faremo in piazza per affermare un diritto di tutti, il diritto al cibo! In marcia per il diritto al cibo!

15 Wansokou W an a ns nsokou nsok s oko k kou ou u DOSSIER di annalisa stagni, area advocacy mani tese Aprile 2012, Wansokou (Africa). Mani Tese festeggia 25 anni nel piccolo villaggio del distretto di Natitingou in Benin, dove nel 1987 diede vita alla scuola di Wansokou. Un tuffo nel passato per celebrare un compleanno caro a tutti i donatori che sostengono con passione i nostri progetti. Una storia di Lasuccesso scuola di Wansokou Wansokou Valerio Bini, consigliere Mani Tese con un giovane studente.

16 Wansokou Il diario di Valerio Da dieci anni Valerio Bini segue i progetti di sviluppo di Mani Tese in Burkina Faso e in Benin e conosce abbastanza bene la realtà in cui si lavora. Eppure durante la sua ultima missione in Benin ci racconta che vedere una scuola costruita 25 anni fa, grazie a Mani Tese, piena di giovani e giovanissimi studenti mi emoziona, non solo per l ovvio orgoglio di un lavoro ben fatto, ma anche perché quella scuola, quegli studenti e quegli insegnanti testimoniano la continuità del lavoro della cooperazione. La scuola di Wansokou infatti è oggi non solo un esempio di buona cooperazione per Mani Tese ma anche una testimonianza di impegno civile da parte dei giovani africani: lo stesso Direttore della scuola di Wansokou ha studiato in questi edifici ed è oggi protagonista di una nuova generazione di africani, formatasi anche grazie alla cooperazione internazionale, che contribuisce in prima persona al miglioramento della vita del proprio paese. Poter oggi vantare una scuola che comprende l intero ciclo scolastico (6 classi) rende possibile maggiori inserimenti e le famiglie numerose sono più invogliate a iscrivere i propri figli, come ci spiega il nostro collega Achille Tepa, che nativo della regione dell Atacora, è stato testimone proprio a Wansokou dell evoluzione della scuola, fino ad essere oggi il filo diretto con l associazione. Questa scuola è il simbolo della vittoria di una comunità locale che ha creduto nell educazione dei propri figli, ha contribuito a costruire le condizioni perché questa educazione fosse possibile e ha lavorato in tutti questi anni perché questa opportunità per le nuove generazioni potesse continuare ad esistere. Valerio Bini. Valerio Bini con il nostro collega Achille Tepa Carta d identità Cognome: Bini Nome: Valerio Segni particolari: ricercatore universitario presso l università di Sorbona a Parigi, dal 1999 collabora con Mani Tese come volontario. Dal 2010 fa parte del Consiglio Direttivo dell Associazione. Segue i progetti di sviluppo di Mani Tese in Burkina Faso e in Benin. Cognome: Tepa Nome: Achille Segni particolari: nominato rappresentate del Benin per Mani Tese dal 1995 e socio dal 2001, si occupa del controllo e della gestione dei progetti sul posto.

17 Carta d identità Cognome: Comelli Nome: Angela Segni particolari: volontaria di Mani Tese dal 1982 con il gruppo di Gorgonzola, inizia a lavorare in amministrazione nel 2002, è diventata coordinatore nazionale di Mani Tese nel Angela con la figlioletta Lucia nata a Tempegré nel 1981 Angela durante il ritiro del premio Ambasciatrice di pace 2011 Tampegrè Dal 1979 al 1981 Angela, con altri 3 volontari sostenuti dal gruppo Mani Tese e dalla comunità di Gorgonzola, collaborano con gli abitanti di Wansokou e con le istituzioni locali per la realizzazione di alcuni progetti di sviluppo. Si dedicano all implementazione di infrastrutture (dispensari di base, centro culturale di villaggio, centro multifunzionale), poi strutturano programmi di formazione utili alla prevenzione e alla difesa della salute e contemporaneamente sviluppano analisi per rispondere al deficit di produzione agricola e di alfabetizzazione, che costringe i 9000 abitanti della zona a condizioni di sopravvivenza inaccettabili. Nel 1982, in collaborazione con le organizzazioni locali che si occupano del problema, viene avviato un progetto di intervento per la formazione di giovani agricoltori. Con il sostegno delle autorità locali e del Ministero dell agricoltura beninese, Mani Tese si impegna a realizzare un centro di formazione su terreni, concessi dal Ministero dove le condizioni per sviluppare progetti di produzione agricola è particolarmente favorevole. In questa zona oggi si trova il laboratorio per la trasformazione della manioca, inaugurato a novembre 2011 alla presenza della delegazione di Mani Tese (Valerio Bini, Achielle Tepa, Giovanni Sarto, Lucy Tattoli) delle autorità locali e delle tantissime donne che hanno celebrato per tutta la giornata l evento con danze e canti popolari. Il villaggio di Wansokou 1987 La scuola di Wansokou 2012 Valerio in una classe della scuola di Wansokou, 2012

18 Dalla scuola di Wansokou all atelier di Tampegré Mani Tese ha deciso di proporre per l anno 2012 una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi a favore delle donne africane con l obiettivo di valorizzare e far emergere il ruolo delle donne nella società africana: il loro essere madri, contadine e protagoniste della vita dei mercati presenti in ogni villaggio del continente. Le donne sono per noi l icona del diritto al cibo in Africa. Mani Tese infatti sta svolgendo un azione integrata volta a favorire il protagonismo delle donne nell economia delle comunità rurali di riferimento, poiché sono proprio le donne le principali lavoratrici della comunità e assicurano la maggior parte dei lavori domestici ed economici. Le donne hanno però uno scarsissimo accesso alle risorse economiche sia a causa della tradizionale organizzazione familiare (che vede il marito come unico gestore del reddito) sia perché restano inconsapevoli dei loro diritti e non sono quindi in grado di rivendicarli. Gli interventi di Mani Tese si pongono l obiettivo di permettere alle popolazioni beneficiarie di essere protagoniste del proprio sviluppo, nel tentativo di contribuire a far emergere e valorizzare le capacità e competenze locali e introdurre nuove idee, per favorire lo sviluppo di un sistema sostenibile da un punto di vista sociale, economico e ambientale e che garantisca migliori condizioni di vita alla popolazione stessa. Giovanni Sartor, Responsabile Progetti in Africa con le donne di Tampegrè (regione dell Atacora in Benin) durante l inaugurazione del laboratorio per la trasformazione della manioca, lo scorso novembre. Questo laboratorio è una delle azioni di punta del progetto Sviluppo economico per le donne dell Atacora.

19 manitese 477 marzo - aprile Di giovanni sartor, responsabile Africa mani tese aggiornamento paesi Guinea Bissau e Senegal Un'intensa stagione politica vissuta in maniera opposta nei due confinanti Paesi dell'africa occidentale. Una lettura in parallelo delle vicende che caratterizzano la vita politica recente dei due paesi dell'africa occidentale, rileva, al di la della vicinanza geografica, una significativa distanza sulle dinamiche di gestione del potere e sul coinvolgimento della società civile nella vita pubblica. Il mese di marzo è per entrambi mese elettorale. Il 18 le presidenziali in Guinea Bissau anticipate a causa della morte per malattia, avvenuta il 9 gennaio 2012, del Presidente in carica Malam Bacai Saña, sette giorni dopo, il 25 marzo, il secondo turno delle presidenziali in Senegal, che vede contrapposti il presidente uscente Abdoulaye Wade e lo sfidante Macky Sall. I due Paesi arrivano alle elezioni in maniera completamente diversa. In Guinea Bissau, al di la della morte del Presidente, è avvenuto un tentativo di colpo di stato, l'ennesimo nella storia recente del piccolo Paese africano, il 26 dicembre 2011, che ha visto come protagonista il capo della marina Ammiraglio José Americo Bubo Na Tchuto, in passato capo di Stato maggiore dell'esercito ma successivamente destituito perché accusato di un tentativo di colpo di Stato nel Sembra sia stato più un tentativo di mettere in discussione i vertici militari, uno dei centri nevralgici, probabilmente il più forte, del potere nel Paese più che un vero e proprio attacco al Primo Ministro Gomes Junior e al Presidente, che si trovava già in Francia per cure mediche. A salvarsi è stato quindi soprattutto il Generale Indjai, capo di stato maggiore dell'esercito, che circa un anno fa, quasi con le stesse modalità, aveva scalzato dall'incarico il suo predecessore. Il risultato delle elezioni è scontato, il candidato forte è proprio il Primo ministro Gomes Junior, la campagna elettorale avviene in un clima di festa collettiva, dove musica, gadgets e magliette con i volti dei candidati sono i protagonisti e non si sfiorano neppure i grossi problemi del Paese. In parte questo è dovuto ad una sorta di rassegnazione da parte della popolazione e di una società civile ancora molto debole e frammentata; quest'ultimo tentativo di colpo di Stato, ha ribadito che non sono le elezioni ma altre modalità a decidere chi veramente comanda nel Paese. In Senegal, invece, la lotta politica è viva, grandi protagonisti della campagna elettorale sono stati il movimento 23 giugno (M23) che riunisce movimenti, partiti e organizzazioni della società civile nato in seguito alla manifestazione, repressa con la forza, del 23 giugno 2011 contro la modifica della costituzione che Wade voleva attuare per garantirsi la possibilità di ricandidarsi per un terzo mandato e il collettivo giovanile Y'en a marre. Wade si è poi ricandidato per il terzo mandato anche senza riuscire a modificare la costituzione, i due movimenti non sono riusciti ad ottenere il risultato sperato ma hanno dato vita ad un periodo elettorale molto movimentato e ricco di manifestazioni, spesso represse con la violenza, contro la gestione del paese da parte del Presidente nei 12 anni nei quali è fino ad ora rimasto al potere e contro la sua volontà di imporre, in qualche modo, il figlio, come suo successore. Questo clima di partecipazione ha favorito il fatto che l'anziano Presidente non sia riuscito ad ottenere il quorum del 50% dei voti validi per essere eletto al primo turno ed il secondo turno sarà molto combattuto perché le forze di opposizione, molto frammentate al primo, si sono invece quasi tutte unite nel sostegno a Macki Sall nel secondo. Anche il candidato dell'opposizione ha comunque i suoi scheletri nell'armadio perché non è estraneo alla gestione del potere di questi ultimi anni essendo stato fino al 2008 tra i più fedeli uomini di Wade, più volte ministro e Primo Ministro. Infine se è vero che i militari non hanno il ruolo determinante per le sorti politiche del paese che detengono in Guinea Bissau, chi detiene il potere è sempre fortemente influenzato dalla potente confraternita dei Muridi, che riunisce la maggioranza dei musulmani senegalesi. Questi sono solo due casi, curiosamente di una tensione presente in tutta l'africa a sud del sahara tra situazioni nelle quali cresce il protagonismo della società civile nella vita politica e, seppur con ancora molte contraddizioni e con il rischio sempre presente e qualche volta reale di brogli, le elezioni sono partecipate e comunque decisive per decidere chi governa i Paesi, e situazioni nelle quali le elezioni sono solamente uno strumento utilizzato per legittimarsi da chi è già al potere o lo ottiene con la forza.

20 20 il nostro futuro è nella vostra storia rubriche Di elias gerovasi, capo area cooperazione mani tese Chi si fida delle ONG? la cooperazione del futuro Gli italiani e gli europei si fidano delle ONG e chiedono più sforzi per sostenere la cooperazione allo sviluppo Negli ultimi mesi sono stati pubblicati due studi statistici internazionali che misurano il grado di gradimento e di fiducia che i cittadini hanno nei confronti delle ONG e della cooperazione internazionale. In epoca di crisi economica e di deboli slanci ideali ci si sarebbe aspettati un dato negativo con un abbassamento della propensione delle persone a sostenere la lotta contro la povertà attraverso la cooperazione allo 3% sviluppo. I risultati sono invece importanti e incoraggianti, 12% mostrano che le ONG riescono ancora a rappresentare la volontà diffusa dell'opinione pubblica di 9% far crescere la cooperazione e la solidarietà internazionale. 44% La Edelman Trust ha pubblicato l'edizione 2012 dell' Edelman Trust Barometer, una ricerca condotta a livello mondiale, che misura la fiducia dei cittadini rispetto a diverse istituzioni, in particolare i governi, le aziende (settore privato), le ONG e i media. Per il quinto anno consecutivo, le ONG sono l'istituzione ritenuta più affidabile nel mondo, in 16 dei 25 paesi oggetto dello studio, la gente si fida più delle ONG che del settore privato. L'indice di fiducia nelle ONG si attesta al 54% (in discesa di del 5% rispetto al 2011) contro il 47% per media e aziende e 38% per i governi. 49% La fiducia nelle ONG ha raggiunto un picco del 79 % in Cina specialmente tra gli intervista di età compresa tra 35 e 64 anni. Dal 2009, la fiducia nelle ONG si è alzata anche in India fino al 68 %. In Italia si registra una delle percentuali più alte di fiducia nelle ONG e una delle più basse per la politica. Il 77% degli italiani si fida delle ONG e del loro operato mentre solo il 31% si fida della politica. Cresce anche la fiducia nei media dal 41 al 59 % grazie al crescente utilizzo da parte degli italiani dell'informazione in rete. Gli intervistati italiani ritengono più affidabili i Blog e la Eurobarometer settembre 2011 Eurobarometer giugno % Radio rispetto ai giornali tradizionali e la televisione. La fiducia nelle ONG è invece calata vistosamente nei paesi dove si sono registrati scandali pubblici nell'utilizzo dei fondi per la cooperazione internazionale come il Brasile, Giappone e la Russia. 36% Secondo te aiutare le persone dei paesi in via di sviluppo è molto importante, abbastanza importante, non molto importante o non è importante affatto? Molto Abbastanza Totale Non importante Non so L'altro studio interessante è stato pubblicato da Euro-barometro e si intitola Making 4% a difference in the world: Europeans and the future of development 12% aid (Fare la differenza nel mondo: gli europei e il futuro dell'aiuto allo sviluppo). L'indagine è stata condotta nei 27 Stati membri della Eu12% UE nel settembre 2011, intervistando % europei dai 15 anni in su. Lo scopo dello studio era quello di fornire un quadro aggiornato 49% del gradimento da parte degli europei sugli aiuti allo sviluppo e sul futuro della cooperazione allo sviluppo in vista della Conferenza 59% di alto livello sull'efficacia degli aiuti che si è svolta a Busan (Corea del Sud) lo scorso dicembre. In sintesi il sondaggio presenta un'europa più solidale e meno razzista di quanto verrebbe da credere (almeno a parole). L'85% degli europei considerano importante l'aiuto alle popolazioni più povere. Eurobarometer Italia 201 robarometer Europa 2011 Questo favore da parte dei cittadini europei è però in fase decrescente, se si paragonano i dati odierni con quelli del 2010 si può osservare che i cittadini favorevoli agli aiuti ai più poveri scendono dall'89% all'85% (vedi grafico a sinistra). I giovani tra i 15 e i 24 anni sono i più forti sostenitori degli aiuti: «9 su 10 pensano sia importante aiutare i poveri e il 41% lo considera molto importante, a fronte del 35% delle persone di oltre 40 anni». I giovani dimostrano anche maggiore impegno personale per questa causa: «Il 53% dei giovani e il 60% degli studenti, infatti, sarebbe pronto a pagare di più certi prodotti (es. commercio equo e solidale) se ciò andasse a vantaggio delle popolazioni povere del mondo. I giovani hanno inoltre espresso la maggiore determinazione a mantenere l'impegno di aumentare i livelli di aiuto (69%, a

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a MANI TESE ONG/ONLUS Da 49 anni verso un mondo più giusto Mani Tese è un Organizzazione Non Governativa nata in Italia nel 1964 per combattere la fame e gli squilibri

Dettagli

Con le donne per vincere la fame

Con le donne per vincere la fame Con le donne per vincere la fame CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI dal 1 maggio al 1 giugno 2014 Chi è Oxfam Italia Oxfam Italia è parte della confederazione globale Oxfam, presente in oltre 90 paesi del mondo

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO

BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO BAMBINI E ADOLESCENTI IN MOZAMBICO I dati che seguono intendono dare un indicazione di massima della situazione minorile esistente oggi in Mozambico e provengono dall Istituto Nazionale di Statistica del

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

La Sfida agli Squilibri

La Sfida agli Squilibri Progetto Food for Learnig - Somalia La Sfida agli Squilibri GLI OBIETTIVI di SVILUPPO DEL MILLENNIO RAGIONI DELLO SQUILIBRIO C è cibo a sufficienza per sfamare l'intera popolazione mondiale di oltre 7

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

MILIONI DI PICCOLI E MEDI IMPRENDITORI NELLA TRAPPOLA DELLA POVERTÀ

MILIONI DI PICCOLI E MEDI IMPRENDITORI NELLA TRAPPOLA DELLA POVERTÀ RASSEGNA STAMPA - 16 aprile 2010 Tratto da San Marino Notizie www.sanmarinonotizie.com A San Marino la prima Unione Mondiale delle Piccole e Medie Imprese 14/04/10 17:29 [c.s.] San Marino ospita la prima

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame

Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi tramite sms solidale a sostegno della campagna Operazione Fame Milano, giugno 2010 ActionAid ActionAid, organizzazione indipendente impegnata nella lotta

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Società agraria di Lombardia. Contributo al tema dell Expo. Contributo n 116

Società agraria di Lombardia. Contributo al tema dell Expo. Contributo n 116 Società agraria di Lombardia Contributo al tema dell Expo Contributo n 116 COMUNICATO Contributo al tema dell EXPO Il Consiglio Direttivo della Società Agraria di Lombardia, congiuntamente ad un gruppo

Dettagli

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010 UNICEF Missione e organizzazione Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza 23 marzo 2010 I momenti principali della storia dell UNICEF (1) 11 Dic. 1946: l Assemblea Generale dell ONU istituisce l UNICEF

Dettagli

Ottavo Obiettivo: Sviluppare una partnership globale per lo sviluppo

Ottavo Obiettivo: Sviluppare una partnership globale per lo sviluppo Ottavo Obiettivo: Sviluppare una partnership globale per lo sviluppo Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio riconoscono esplicitamente che si può eliminare la povertà solo attraverso una "partnership

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

n. 2 Solo con te risponderemo all emergenza, solo con te vinceremo la sfida per il futuro del mondo!

n. 2 Solo con te risponderemo all emergenza, solo con te vinceremo la sfida per il futuro del mondo! Progetti Iniziative Tutto quello che hai fatto con noi n. 2 luglio 2013 Solo con te risponderemo all emergenza, solo con te vinceremo la sfida per il futuro del mondo! Un mondo di giustizia, equità e dignità

Dettagli

con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo

con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo da sotto il mango con il patrocinio e il contributo di con il patrocinio di CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI TRENTO Servizio Cultura e Turismo da sotto il mango... mostra video-fotografica

Dettagli

Da Il tutto è falso di G. Gaber

Da Il tutto è falso di G. Gaber ma noi siamo talmente toccati da chi sta soffrendo, ci fanno orrore la fame, la guerra e le ingiustizie nel mondo. Com è bello occuparsi dei dolori di tanta, tanta gente, dal momento che in fondo non ce

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

José Graziano da Silva. della

José Graziano da Silva. della 1 9 4 5 Se tutti facciamo la nostra parte, insieme possiamo realizzare l obiettivo fame zero nell arco della nostra vita José Graziano da Silva Direttore Generale della FAO A N N I della 2 0 1 5 i Nostri

Dettagli

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Alcune domande Quanti siamo? Quanti poveri ci sono? Tra questi ultimi, quanti

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Viaggio in Bangladesh, una missione UNICEF

Viaggio in Bangladesh, una missione UNICEF Viaggio in Bangladesh, una missione UNICEF Enrica Costantini * Il Bangladesh è uno dei Paesi più poveri al mondo il 43,3% della popolazione sopravvive con meno di 1 dollaro al giorno ed è anche uno dei

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia.

Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Emergenza alimentare nel Corno d Africa: supporto alle famiglie vulnerabili in Somalia. Agosto 2011 - Donne e bambini nella Bay Region, Sud Somalia, beneficiari del progetto di COOPI. Foto archivio COOPI.

Dettagli

SOGNI DA RIACCENDERE Benin

SOGNI DA RIACCENDERE Benin SOGNI DA RIACCENDERE Benin Il Sole Onlus Soprattutto i bambini Nel 1997 nasce l Associazione Il Sole Onlus. La sua mission è garantire ai bambini di tutto il mondo pari opportunità e dignità, indipendentemente

Dettagli

Sogni da riaccendere Benin

Sogni da riaccendere Benin Sogni da riaccendere Benin Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

La casa delle donne India

La casa delle donne India La casa delle donne India Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il Sole Onlus Il suo obiettivo è, fin da subito, di garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA)

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA) AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA PER IL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA DEL GRUPPO DI LAVORO SULL AIUTO UMANITARIO (COHAFA) Spunti di intervento 1 INTRODUZIONE

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E LA SOSTENIBILITÀ

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E LA SOSTENIBILITÀ L SSOIZIONI I VOLONTRITO L SOSTNIILITÀ lle ssociazioni di volontariato del riuli Venezia iulia lle ssociazioni di promozione sociale del riuli Venezia iulia La sostenibilità, che viene declinata nella

Dettagli

Vite da riprendersi Cambogia

Vite da riprendersi Cambogia Vite da riprendersi Cambogia Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, di garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto

CREDITO AL FUTURO. Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona. Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto CREDITO AL FUTURO Osservare, ascoltare e animare per un credito a misura di persona 1 Incontri formativi per operatori dei Centri di Ascolto Andria, 26 e 27 Aprile, 3 Maggio 2012 Clara Marrone clara.marrone@gmail.com

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

La Casa delle donne Benin

La Casa delle donne Benin La Casa delle donne Benin Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, di garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

ADOZIONI A DISTANZA India

ADOZIONI A DISTANZA India ADOZIONI A DISTANZA India Il Sole Onlus Nel 1997 nasce, a Como, l Associazione Il Sole Onlus. Il suo obiettivo è, fin da subito, garantire ai bambini, soprattutto nei Paesi in Via di Sviluppo, uguaglianza

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA

L ACQUA FONTE DI VITA È UN BENE COMUNE CHE APPARTIENE A TUTTI GLI ABITANTI DELLA TERRA Il Manifesto dell acqua IL DIRITTO ALLA VITA Veniamo dall Africa, dall America Latina, dal Nord America, dall Asia e dall Europa. Ci siamo riuniti nel 1998 con nessun altra legittimità o rappresentatività

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che in passato? le aree del

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale

Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale Fame nel mondo e sicurezza alimentare: l agricoltura familiare come garanzia di sostenibilità sociale ed ambientale WORLD FOOD DAY 2014 Roma - 29 Ottobre Palazzetto Mattei in Villa Celimontana Il ruolo

Dettagli

Linee guida sul sostegno a distanza

Linee guida sul sostegno a distanza Linee guida sul sostegno a distanza in collaborazione con Sostegno o adozione a distanza? Un po' di chiarezza a livello di termini In genere, sono molti i termini utilizzati per indicare questa forma di

Dettagli

di guerra e d Senza spettatori SIERRA LEONE

di guerra e d Senza spettatori SIERRA LEONE 26 Senza spettatori SIERRA LEONE La guerra in Sierra Leone DDal 1991 al 2001 la Sierra Leone ha vissuto 10 anni di una guerra fratricida scatenata dall interesse per le ricche miniere di diamanti presenti

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

IL DIRITTO PER TUTTI ALL ISTRUZIONE. il progetto EAS di

IL DIRITTO PER TUTTI ALL ISTRUZIONE. il progetto EAS di IL DIRITTO ALL ISTRUZIONE PER TUTTI il progetto EAS di Sommario Educazione Allo Sviluppo: il perchè del progetto Grafico:la condizione dell infanzia nel mondo Il nostro progetto di educazione allo sviluppo

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Leonardo Becchetti, Angela Schito - 15/04/2009 (BENE COMUNE:NET) Una delle conseguenze della crisi che stiamo vivendo riguarderà senza dubbio le

Dettagli

Per iniziare, guarda questo breve video:

Per iniziare, guarda questo breve video: Per iniziare, guarda questo breve video: http:///la-carestia-in-somalia.htm Per svolgere le attività proposte, ricava notizie dal tuo libro di geografia e dai seguenti siti: https://it.wikipedia.org/wiki/carestia

Dettagli

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo Comitato Selma Associazione di solidarietà al popolo Saharawi ONLUS - C.F. 94098480489 www.comitatoselma.it Progetto PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE Rivolto agli alunni delle scuole italiane e

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

Spese militari e aiuti allo sviluppo

Spese militari e aiuti allo sviluppo Spese militari e aiuti allo sviluppo La storia dell elefante nella stanza L elefante nella stanza è una espressione idiomatica inglese per indicare una verità evidente che viene ignorata o di cui si continua

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Le funzioni dell ONU

Le funzioni dell ONU Le funzioni dell ONU Allo scopo di tutelare la pace nel mondo, nel 1945 venne istituita l ONU (Organizzazione delle nazioni unite). Oltre che della tutela della pace, l ONU si occupa della salvaguardia

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che in passato? le aree del

Dettagli

UN TESORO PER LA SCUOLA:

UN TESORO PER LA SCUOLA: SCHEDA PROGETTO S 8 SOCIETA' E ORDINAMENTI: L'EUROPA UN TESORO PER LA SCUOLA: LE FAMIGLIE DONANO IL TEMPO Conoscenze Esperienze Competenze Ricordi TITOLO Proponente Oggetto sintetico Modalità A chi è diretto

Dettagli

PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALL ISTRUZIONE DI DONNE E RAGAZZE IN SOMALIA. Galkayo, gennaio 2003

PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALL ISTRUZIONE DI DONNE E RAGAZZE IN SOMALIA. Galkayo, gennaio 2003 PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALL ISTRUZIONE DI DONNE E RAGAZZE IN SOMALIA Galkayo, gennaio 2003 commissione internazionale nord-est milano associazione di cultura e solidarietà PROPOSTA DI SOSTEGNO FINALIZZATO

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Art. 1 Dalla dichiarazione universale dei diritti dell uomo Tutti gli esseri umani nascono

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014

Mani Unite Onlus. Sintesi attività 2014 Mani Unite Onlus Nel 2014 le attività svolte in Mozambico, oltre ad essere state realizzate come negli anni precedenti nell ambito degli obiettivi istituzionali (sostegno scolastico e nutrizionale), si

Dettagli

GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO

GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO ALLEGATO 3 Incontri con esperto del Comune di Terni Assessorato alla Cooperazione Internazionale- sugli Otto Obiettivi del Millennio GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO Proposta formativa educativa per le scuole

Dettagli

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9 INDICE Introduzione pag. I PRIMA PARTE Capitolo 1 Uno sguardo al passato: coordinate di lettura dei processi migratori 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1 1.2. La nostra memoria pag. 9 1.2.1. Ancor

Dettagli

Le buone idee per i tuoi giorni di festa

Le buone idee per i tuoi giorni di festa Le buone idee per i tuoi giorni di festa Una bomboniera non C è sempre una buona occasione per scegliere le Scegli le bomboniere solidali Intervita, rendi indimenticabili i tuoi giorni di festa. Matrimonio,

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

Rassegna del 05/10/2015

Rassegna del 05/10/2015 Rassegna del 05/10/2015 INDICE RASSEGNA STAMPA Rassegna del 05/10/2015 Si parla di noi Avvenire 30/09/2015 p. 2 IL PAPA CONFORTA L'IMPEGNO CON L'AFRICA Mario Raffaelli 1 Corriere Del Trentino 01/10/2015

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa»

La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa» La mostra fotografica del WFP Italia «Tutto Sulla Sua Testa» Cosa fa il WFP Chi sono i beneficiari interviene nelle emergenze umanitarie le vittime di guerre e di disastri naturali promuove lo sviluppo

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD PERDITA VARIETÀ COLTURE AGRARIE La FAO stima che a oggi il 75% delle varietà per colture agrarie siano andate perdute e che

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Giovanni Anania Università della Calabria 28 novembre 2013 ...il piano della lezione esiste oggi un problema di fame nel mondo?

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Cos e EDV Global Foundation?

Cos e EDV Global Foundation? Cos e EDV Global Foundation? EDV Global Foundation si propone di diventare un organizzazione leader a livello mondiale in tema di violenza domestica, contribuendo a combattere per la sua eliminazione.

Dettagli

L'Economia della Buona Vita

L'Economia della Buona Vita L'Economia della Buona Vita Un'intervista con il filosofo brasiliano Euclides André Mance di Anna Chiesura Dalla filosofia della liberazione all'elaborazione di un progetto alternativo alla società capitalistica

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

LA POVERTÀ NEL MONDO. Circa metà della popolazione mondiale (tre miliardi di persone) vive con meno di due dollari al giorno.

LA POVERTÀ NEL MONDO. Circa metà della popolazione mondiale (tre miliardi di persone) vive con meno di due dollari al giorno. LA POVERTÀ NEL MONDO Circa metà della popolazione mondiale (tre miliardi di persone) vive con meno di due dollari al giorno. Le persone che vivono con meno di un dollaro al giorno sono un miliardo e trecento

Dettagli