SOS Dpt Disabilità Adulta/SIL. Conferenza dei Sindaci dell Azienda ULSS 18 PIANO LOCALE DELLA DISABILITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOS Dpt Disabilità Adulta/SIL. Conferenza dei Sindaci dell Azienda ULSS 18 PIANO LOCALE DELLA DISABILITA"

Transcript

1 1 SOS Dpt Disabilità Adulta/SIL Conferenza dei Sindaci dell Azienda ULSS 18 PIANO LOCALE DELLA DISABILITA

2 2 SOS Dpt Disabilità Adulta/SIL Conferenza dei Sindaci dell Azienda ULSS 18 PIANO LOCALE DELLA DISABILITA

3 3 PRIMA PARTE Introduzione Definizione

4 Introduzione 4 La legge 104/ 92 ha promosso il riconoscimento dei diritti delle persone con disabilità e ha indicato i principi fondamentali per la realizzazione di percorsi di integrazione sociale, promuovendo l attivazione di servizi territoriali per l età evolutiva e l età adulta, finalizzati alla prevenzione e alla diagnosi precoce della disabilità, alla riabilitazione, all integrazione scolastica, alla integrazione sociale in contesto lavorativo, alla promozione degli interventi finalizzati a favorire l accessibilità, la vita di relazione e la partecipazione attiva alla comunità. La diffusione di una cultura di inclusione sociale e l implementazione della rete dei servizi diurni e di supporto alla famiglia, hanno permesso di ridurre il fenomeno dell istituzionalizzazione e di sviluppare progressivamente una cultura della domiciliarità per le persone con disabilità. Un ruolo rilevante è stato svolto prioritariamente dalle famiglie e dalle associazioni dei familiari, il cui impegno si è tradotto in un coinvolgimento diretto in formazioni sociale e in soggettività, rendendosi protagoniste con proposte innovative sotto il profilo organizzativo e gestionale di servizi socio-sanitari. Nella Regione Veneto le politiche sociali a favore delle persone con disabilità si sono tradotte nelle seguenti linee e relativi riferimenti normativi: Contributi per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati (L.13/89 e L.R. 41/93); Contributi per l adeguamento di autovetture per le persone con disabilità (art.27 L.104/92 e art. 13 L.R. 41/93); Integrazione scolastica (circolare regionale 33/93); Integrazione lavorativa (L.68/99 e L.R. 16/01); Progetti individuali nelle situazioni di disabilità grave e gravissima (L.162/98); Interventi a favore dei ciechi pluriminorati (L. 284/97); Contributi per i non-autosufficienti assistiti in famiglia (L.R. 28/91); Interventi di sollievo (DGR 3960/01); Contributi ai cittadini veneti portatori di handicap psicofisici che applicano il metodo Doman o Vojta o Fay (L.R. 6/99, art. 10 L.R. 41/03 e art. 41 L.R. 1/04); Contributi agli enti associativi che rappresentano i disabili (Tab. B DPR 616/77); Sostegno al Centro Audiofonologico della Provincia di Venezia (art. 131 L.R. 11/01); Contributi per l adeguamento delle postazioni di lavoro per centralinisti non vedenti (L. 113/85); Contributi per le spese di trasporto e di vitto per le persone con disabilità che frequentano i Ceod (L.R. 7/99); Contributi per progetti sperimentali di miglioramento della qualità della vita della persona con disabilità (art. 131 L.R. 11 /01); Riconoscimento della quota di rilievo sanitario alle persone con disabilità accolte nei servizi residenziali (DGR 751/00 e successive); Contributi in conto capitale per la realizzazione di strutture residenziali, privilegiando quelle di piccole dimensioni (DM 470/00 e L.R.1/04 - art.36) L attuale modello organizzativo dei servizi e degli interventi a favore delle persone con disabilità, presenta tuttavia alcune criticità che riguardano: a) la settorializzazione e la parcellizzazione degli interventi: le diverse politiche sviluppatesi nell ultimo decennio hanno prodotto un maggior numero di opportunità di risposta che talvolta si affiancano o si sovrappongono moltiplicando per la persona i percorsi di valutazione e le modalità di accesso ai servizi;

5 5 b) la necessità di una presa in carico unitaria: la persona con disabilità deve spesso far riferimento a servizi ed enti diversi facendosi carico del raccordo tra i servizi; c) la necessità di una programmazione unitaria nell area della disabilità che coinvolga tutti i soggetti istituzionali e della comunità in un ottica di integrazione e valorizzazione delle opportunità e delle risorse a favore delle persone con disabilità.

6 6 Definizione Piano Locale della Disabilità Il Piano Locale della Disabilità è uno strumento operativo che attua ed integra il Piano di Zona, perseguendo a livello locale le disposizioni regionali sulla programmazione degli interventi e dei servizi rivolti alle persone con disabilità; è articolato in due parti, una relativa alla domiciliarità e l altra alla residenzialità; assicura alle persone con disabilità, soprattutto in età adulta, uniformità ed equità nell accesso alla rete dei servizi. Sono esclusi dal presente provvedimento gli indirizzi per l accesso ai servizi per l integrazione scolastica e di integrazione lavorativa per i quali si rimanda a specifici di settore. Finalità 1) Promozione dell attenzione alle persone in condizioni di gravità attraverso l organizzazione di specifiche risposte ed interventi e di una rete di servizi dotata di strumenti, professionalità e strutture sufficienti a garantire l attivazione di forme di supporto flessibili. 2) Promozione di un nuovo approccio culturale alla disabilità, fondato sull integrazione del modello medico e del modello sociale. La disabilità viene quindi considerata come una complessa interazione di condizioni, personali, sociali ed ambientali che favoriscono o riducono l attività e la partecipazione attiva della persona nella società. 3) Promozione dell integrazione socio-sanitaria in ambito territoriale rafforzando il raccordo e il coinvolgimento dei servizi sanitari e socio-sanitari di sostegno alla persona e alla famiglia dell Azienda Ulss, con i servizi sociali delle amministrazioni locali e con i soggetti pubblici e privati. 4) Definizione delle priorità territoriali individuate attraverso il confronto e la riflessione tra tutti i soggetti territoriali pubblici e privati. Obiettivi 1) Rendere esigibili i diritti dei cittadini in condizione di disabilità. 2) Definire e regolamentare le procedure di accesso ai servizi e le modalità operative che facilitino l approccio della persona alla rete dei servizi, in un ottica di centralità della persona disabile. 3) Favorire la continuità assistenziale della persona disabile attraverso: Ratifica protocollo operativo per il passaggio dei casi tra il servizio età evolutiva e neuropsichiatria infantile e il servizio per la disabilità adulta Integrazione protocollo operativo per il passaggio delle persone disabili con problematiche di salute mentale e/o per la collaborazione nella gestione di situazioni in carico sia al servizio disabilità adulta che al dipartimento di salute mentale. Definizione protocollo operativo per il passaggio dei casi dal Servizio Disabilità Adulta ai Servizi Aziendali e Comunali per gli anziani (Servizi di Assistenza Domiciliare e Unità Operativa Cure Primarie).

7 7 4) Individuare criteri omogenei per la predisposizione dei regolamenti con particolare riferimento a: Presa in carico a. Modalità di accesso e valutazione dei bisogni; - Definizione regolamento per il funzionamento delle UVMD per le persone con disabilità; b. Criteri per la definizione delle priorità; c. Regolamento per la realizzazione delle graduatorie relative alle progettualità ai sensi della Legge 162/98 Piani Personalizzati e Vita Indipendente e Legge 284/97; d. Indicatori e metodi per la verifica e la valutazione dei risultati; e. Responsabilità di tutti i soggetti coinvolti. La metodologia di intervento individua nella presa in carico la modalità operativa peculiare per gli operatori sociali e socio-sanitari. La presa in carico si realizza attraverso la valutazione delle risorse individuali della persona con disabilità effettuata dall Equipe multiprofessionale e l attivazione di un operatore che diviene riferimento principale per la persona stessa e/o la sua famiglia rispetto agli obiettivi (Responsabile del caso) ed agli interventi concertati con l interessato e/o la sua famiglia, coordinando le azioni proprie con quelle degli altri operatori e servizi coinvolti, al fine di seguire e monitorare costantemente l evoluzione della situazione personale. La presa in carico comprende anche l attivazione del sostegno psicologico alla persona con disabilità ed alla sua famiglia, definita nel progetto individualizzato approvato dall equipe multiprofessionale e/o dall UVMD ed erogata dagli psicologi già assegnati sia alla struttura operativa Sos Dpt Disabilità Adulta/SIL che alla Sos Neuropsichiatria Infantile e disabilità Evolutiva. Il progetto individuale Per realizzare la piena integrazione delle persone disabili, l art. 14 della L. 328/2000 prevede la definizione di un progetto individuale che comprende, oltre alla valutazione diagnosticofunzionale, le prestazioni di cura e riabilitazione a carico del servizio sanitario nazionale, i servizi alla persona a carico del comune, nonché le misure economiche necessarie per il superamento di condizioni di emarginazione sociale e di povertà. Il progetto individuale si configura come uno strumento che viene modulato a partire dai bisogni e dalle aspettative della persona con disabilità e della sua famiglia, che dinamicamente viene implementato e riformulato in relazione al ciclo vitale, alle opportunità e alle risorse disponibili. Il progetto individuale, condiviso e concordato con la persona disabile e la sua famiglia, individua il Responsabile del caso. La valutazione La valutazione e l approvazione del progetto individuale spetta alla U.V.M.D. (Unità di Valutazione Multidimensionale Distrettuale) di cui la D.G.R. 3242/2001. Ai fini della composizione e funzionamento della UVMD, l Azienda Ulss adotta il regolamento locale che comprende i criteri e le modalità della composizione dell UVMD nella valutazione dei progetti individuali per le persone disabili e ne trasmette copia alla direzione regionale per i servizi sociali. Tale regolamento conferma che l UVMD è composta dai seguenti operatori: direttore di Distretto o suo incaricato, Medico di Medicina Generale della persona, Assistente Sociale del Comune di residenza della persona, inoltre, prevede l integrazione della stessa con le seguenti figure professionali: psicologo, educatore professionale, fisiatra, terapista della riabilitazione, psichiatra, neurologo, Assistente Sociale del Distretto ed Addetto all Assistenza. La valutazione in UVMD può essere effettuata su

8 8 richiesta della persona, della famiglia o da uno degli altri soggetti coinvolti nella realizzazione del progetto individualizzato. L accesso alla rete dei servizi del sistema della domiciliarità e della residenzialità dell Azienda ULSS 18, avviene quindi attraverso l approvazione del progetto individualizzato da parte della UVMD del Distretto di residenza della persona come previsto dal Regolamento UVMD predisposto dal Direttore del Distretto, allegato n 1, parte integrante del presente piano. Attualmente le risorse impegnate nella valutazione e definizione del progetto tramite UVMD attivate dalla Sos Dpt Disabilità Adulta-Sil sono le seguenti: Tabella n 1: Risorse impegnate nelle UVMD attivate dalla Sos Dpt Disabilità Adulta-Sil Anni 2004/2005 N Operatori partecipanti Anno 2004 Anno 2005 Sos Dpt Disabilità Adulta/SIL MMG Comuni Altri Servizi Aziendali Altri Soggetti Territoriali 5 27 Tabella n 2 : N UVMD attivate dalla Sos Dpt Disabilità Adulta-Sil Anni 2004/2005 N UVMD richieste effettuate % risultato Anno % Anno % Destinatari degli interventi Sono destinatari degli interventi relativi al presente provvedimento le persone con disabilità, come individuate dall art.3 della legge 5 febbraio 1992, n.104 Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate. Il sistema della domiciliarità è rivolto alle persone con disabilità, in età compresa tra gli zero e sessantaquattro anni e alle loro famiglie, residenti o temporaneamente domiciliate nel territorio dell Azienda ULSS 18. Dal compimento del sessantacinquesimo anno di età, le persone con disabilità usufruiscono dei servizi e delle prestazioni previsti per le persone anziane non autosufficienti dall Azienda ULSS 18. Per le persone con disabilità, che diventano sessantacinquenni, l UVMD deve predisporre un progetto individuale, anche a lungo termine, che risulti appropriato e idoneo alla tipologia di interventi maggiormente rispondenti ai bisogni e alle aspettative delle persone con disabilità di età anziana e delle loro famiglie. A tal scopo l Azienda ULSS 18 definirà il regolamento per il passaggio dei casi tra il Servizio Disabilità Adulta e i Servizi Aziendali per gli anziani.

9 9 I soggetti coinvolti Alla realizzazione del sistema dei servizi rivolti alle persone con disabilità concorrono i soggetti istituzionali (Regioni, Comuni e Aziende ULSS) di cui alla Legge 328/00, i soggetti del privato sociale. La Regione La Regione svolge le funzioni di programmazione, di indirizzo, di coordinamento, di vigilanza e di controllo. In particolare: stabilisce livelli minimi di assistenza sanitaria e sociale; individua il sistema dei servizi che afferiscono al sistema della domiciliarità e a quello della residenzialità. Individua gli strumenti per la valutazione dei bisogni delle persone disabili, omogenei per tutto il territorio. Definisce le modalità di integrazione tra il sistema delle domiciliarità e quello della residenzialità. Definisce standard organizzativi e strutturali delle strutture residenziali e semiresidenziali e provvede alla verifica della loro adeguatezza. Programma la formazione per gli operatori dei servizi per la domiciliarità e della residenzialità. Definisce le rette di accoglienza nei servizi residenziali. I Comuni I Comuni collaborano alla predisposizione del P.D.L. con le modalità previste per la formulazione del Piano di Zona e garantiscono l erogazione dei livelli essenziali di assistenza come definito dalla DGR 3972/02, in via diretta, se previsto, in collaborazione con l ULSS o in via delegata. Azienda ULSS 18 L Azienda ULSS sulla base dell art.5 della L.R. n.55/82 e dell art. 132 della L.11/2001 svolge le funzioni di programmazione, progettazione e gestione dei Servizi Sociali in relazione alla gestione obbligatoria dei Servizi Socio-Sanitari rivolti alle persone con disabilità seguendo gli indirizzi della normativa vigente, in coerenza con gli indirizzi espressi dalla Conferenza dei Sindaci. L Azienda Ulss18 gestisce la domanda di assistenza delle persone con disabilità con le seguenti modalità: a. Adotta i provvedimenti a carattere organizzativo e strumentale per l attuazione a livello territoriale degli indirizzi della programmazione regionale nell area della disabilità, sia per il sistema della domiciliarità che per quello della residenzialità; b. Coordina a livello territoriale il sistema dei servizi della domiciliarità secondo le indicazioni e gli accordi del Piano Locale della Disabilità;

10 10 c. Definisce i criteri per la predisposizione e la formalizzazione dei progetti individuali di intervento secondo strumenti e modalità di valutazione approvati dalla Giunta Regionale; d. Istituisce e gestisce il registro della residenzialità per le persone con disabilità secondo le modalità definite dalla Giunta Regionale; e. Rilascia l impegnativa di Residenzialità, attestante l impegno di spesa per l assistenza della persona con disabilità accolta in struttura residenziale; f. Verifica e controlla l andamento delle rette praticate dalle strutture residenziali per persone con disabilità secondo le indicazioni emanate dalla Giunta Regionale; g. Svolge attività di monitoraggio, verifica e controllo sul rispetto degli standard, in applicazione della L.R. 22/2002, secondo le disposizioni regionali. Partecipazione del Terzo Settore Nell area della Disabilità si considerano indispensabili gli apporti delle Associazioni dei famigliari delle persone disabili e delle Cooperazioni Sociali ai fini della programmazione locale. Tali soggetti coinvolti partecipano attivamente con risorse proprie alla predisposizione del Piano Locale della Disabilità nelle aree previste dallo stesso. Il presente Piano riporta la ricognizione effettuata tramite la quale sono state censite le seguenti organizzazioni sociali ed associazioni: Agorà, associazione AISM, associazione Alea, cooperativa ANFASS, associazione Aquatlon, cooperativa Area Rebus srl cooperativa Genitori CEOD Canda, associazione Gruppo Città senza Barriere, associazione Gruppi Informali di genitori di disabili inseriti in alcuni CEOD La Volanda, associazione L Olmo, associazione L ora del bradipo, cooperativa Nike Kai Dike, cooperativa Pianeta Handicap, associazione Porto Alegre, cooperativa Progetto 81, cooperativa Sanithad, cooperativa Speranza, cooperativa UIC, associazione Unisport, associazione Segue breve relazione di presentazione delle attività svolte.

11 11 Associazione Agorà A.G.O.R.A. è un associazione di volontariato ONLUS che opera nel Comune di Gavello, iscritta regolarmente al registro regionale dal 1997 (n. 0085), ha iniziato la sua attività come centro di ascolto. In seguito le iniziative sono state rivolte all urgenza di risposte per adulti diversamente abili. Dalla collaborazione tra l Associazione e i Comuni di Gavello, Ceregnano, Villadose e Crespino è sorto un primo servizio gestito da operatori di una cooperativa sociale del territorio, rivolto a disabili di età post-scolare. Da ottobre 2001 il servizio è diventato un CEOD dell Azienda ULSS 18; i volontari dell Associazione Agorà affiancano gli operatori del Centro nello svolgimento delle attività regolata da un apposita Convenzione con l Azienda ULSS 18 recepita con Decreto del Direttore Generale n 187 del 14/03/2005 e rinnovata annualmente. L Associazione continua il suo impegno anche nel sostegno alle famiglie degli utenti e nella promozione dell integrazione del servizio nel territorio e nella sensibilizzazione alle problematiche legate al mondo del disagio. Associazione Italiana Sclerosi Multipla AISM La sede che ospita l AISM è sita al terzo piano della Cittadella Socio-Sanitaria dell Azienda Ulss 18 Viale Tre Martiri 89, Rovigo. Le Attività comprendono: - Supporto pratico per l ottenimento di ausili Il servizio consiste nell assistenza ai soci per l ottenimento di ausili. L Associazione segue tutto l iter necessario che va dalla prescrizione del fisiatra autorizzato U.L.S.S. al preventivo delle aziende sanitarie preferite dai soci stessi. Per il preventivo, l Associazione provvede a far fare le vidimazioni necessarie, ordine gli ausili, riaccompagnana dal fisiatra i soci con gli ausili per il collaudo. - Rinnovo Patenti speciali Per i soci che devono rinnovare la patente speciale, l AISM prende l appuntamento con la commissione patenti, risparmiando ai soci lunghe e faticose code. - Supporto Psicologico E fornito anche il servizio di sostegno psicologico. Il servizio è offerto soprattutto ai soci neodiagnostici, ma anche a quelli in fase di aggravamento, per aiutarli in un momento così critico della loro vita. - Attività motoria individuale e di gruppo Nelle palestre convenzionate, con le sole interruzioni per il periodo estivo e per le festività, sono fornire ai soci le lezioni di attività motoria in gruppo. Con la prescrizione medica sono forniti cicli di fisioterapia ambulatoriale (presso le strutture convenzionate) oppure a domicilio per casi più gravi. - Socializzazione Vengono organizzati incontri di socializzazione, con frequenza bisettimanale presso la nostra sede. Questi incontri, oltre a costituire un piacevole momento di svago, fuori dalla propria abitazione, sono molto graditi ai soci portatori di Sclerosi Multipla, che hanno così la possibilità di scambiare pareri su argomenti comuni, oltre ad intrecciare nuove relazioni interpersonali e nuove amicizie con persone che non vivono direttamente i problemi connessi con la malattia. Si organizzano vacanze estive presso strutture attrezzate dell AISM. A livello locale vengono programmate uscite per visita a fiere,mostre,musei,ecc. - Supporto informatico

12 12 Tramite internet, si effettuano su richiesta dei soci le ricerche di leggi aggiornate in materia di disabilità, facilitazioni fiscali, ecc. - Trasporto I due pulmini attrezzati per trasporto disabili sono a disposizione quotidianamente per trasportare i soci alle strutture di fisioterapia e agli ospedali. Ci si può prenotare telefonando con anticipo in segreteria per prendere accordi. Cooperativa Sociale Alea La Cooperativa Sociale ALEA nasce nel 2001 per iniziativa e collaborazione di professionisti nel campo della Musicoterapia e delle ArtiTerapie. Finalità della Cooperativa: - Promuovere il pieno sviluppo del potenziale umano; - L evoluzione delle coscienze; - L ecologia della mente: Ambiti di intervento A livello operativo territoriale, le attività della Cooperativa ALEA riguardano: a) sedute individuali e/o di gruppo per bambini, adulti, anziani, malati psichiatrici e terminali; b) interventi attraverso lo Spazio ascolto volti ad offrire un orientamento, un sostegno facilitando le potenzialità di chi chiede aiuto attraverso la scoperta dalle risorse insite nella persona; c) organizzazione di corsi di formazione e di aggiornamento per terapeuti e insegnanti; d) percorsi di gruppo per alunni di ogni ordine e grado; e) corsi propedeutici per bambini; f) corsi strumentali; g) organizzazione di convegni e di seminari; h) interventi in ambito clinico/oncologico. A livello di cooperazione, gli interventi della Cooperativa ALEA sono rivolti ai seguenti Enti territoriali: - U.L.S.S. 18 di Rovigo con convenzione recepita con Decreto del Direttore Generale n 744 del 09/08/ Associazione Pianeta Handicap di Rovigo; - Associazione Bambini Cerebrolesi Mattia Vinceslao ; - Associazione di Volontariato Barriere Invisibili ; - Associazione A.N.F.F.A.S. di Ferrara - Istituto Penitenziario di Rovigo - Azienda ULSS di Ferrara Dipartimento Età Evolutiva di Portomaggiore - Scuole Elementari e Medie della Provincia di Ferrara - Scuole Materne, Elementari, Medie della Città e della Provincia; - Casa Albergo per Anziani di Lendinara - Casa Circondariale di Rovigo - Centro Regionale Educazione Continua in Medicina Cooperativa sociale Aquathlon arl La cooperativa sociale Aquathlon svolge dal 1999 diverse attività a vantaggio di soggetti con handicap. I fronti su cui lavora in tal senso sono due: la pratica sportiva (canoa e kayak) e l inserimento lavorativo presso la struttura dell Ostello Canalbianco. Lo sport della canoa in generale si presta facilmente a pratica fisioterapeutica privilegiata per soggetti motulesi: il centro remiero qui annesso, privo di ogni barriera architettonica, è gestito da sempre da professionisti che seguono gli utenti disabili (che qui possono trovare anche attrezzature tecniche ed imbarcazioni idonee).

13 13 Sono diversi i casi di utenti che si sono avvicinati a questo sport per ritrovare stimoli a seguito di gravi traumi fisici e che poi, visto il clima, hanno deciso di restare e proseguire a livello agonistico. Questo spazio è diventato così terreno di confronto e di crescita, ed i frutti sono visibili: in progettazione gli ultimi dettagli per la nuova squadra locale di basket in carrozzella. Le attività sportive sono tutte possibili grazie alla sinergia con il Gruppo Canoe Polesine (che vede parte dei suoi soci impegnati anche come soci della cooperativa stessa). L ostello invece mette a disposizione l intera struttura (sempre completamente accessibile) ed il personale per l accoglienza di ospiti disabili e per l inserimento lavorativo di soggetti con handicap. Attraverso le formule del tirocinio formativo o socializzante e del contratto stesso di lavoro, la cooperativa conta almeno due realtà di questo tipo durante l anno. Servizi: - Accoglienza ospiti; - Inserimento lavorativo; - Tirocini formativi e socializzanti dell Azienda ULSS 18 SOS Dpt Disabilità Adulta - SIL; - Pratica sportiva, terapia; Associazioni ed Enti locali in rete con la cooperativa: GCP (Gruppo Canoe Polesine); UNISPORT; associazioni sportive del territorio; Amministrazioni; circoli didattici; Target d utenza: giovani e adulti con disabilità in prevalenza motoria, sportivi (professionisti, paraolimpici, amatori), famiglie, associazioni e gruppi specifici con esigenze di accessibilità (squadre sportive, gruppi teatrali e d arte). Cooperativa sociale Area Rebus srl La Cooperativa Area Rebus srl con sede a Rovigosvolge le seguenti attività: - servizi contabili alle imprese - organizzazioni di eventi nel settore musicale - organizzazioni fieristiche - gestione di servizi informagiovani del Comune di Rovigo e del servizio di rete provinciale delle Provincia di Rovigo - gestione di biblioteche all interno dei servizi vengono impiegate persone disabili. Associazione Ancora Famiglie dei ragazzi disabili del Ceod di Canda Denominazione e sede 1. E costituita nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia, l associazione di promozione sociale,denominata Ancora-ONLUS con sede in Castelguglielmo via Novara n L associazione utilizzerà nella denominazione e in qualsivoglia segno distintivo o comunicazione rivolta al pubblico la locuzione Organizzazione non lucrativa di utilità sociale o l acronimo ONLUS. Finalità 1. L associazione è apartitica, non ha finalità di lucro e persegue in modo esclusivo finalità di solidarietà sociale; 2. I proventi delle attività non possono in alcun modo essere divisi fra gli associati, anche in forma indiretta, ma unicamente utilizzati per la promozione delle attività del ceod di Canda; 3. Le finalità che si pone sono in particolare:

14 14 a) Promuovere la cultura che metta in primo piano la dignità della persona valorizzandone la diversità, nella consapevolezza che questo possa creare un mondo più abitabile per tutti. b) Sensibilizzare l opinione pubblica sul fatto che le diverse abilità, possono costituire una ricchezza per la collettività. c) Ribadire con fierezza il diritto all integrazione civile e sociale della persona qualunque sia il suo grado di abilità. d) Costruire sull argomento diverse abilità, un momento incontro confronto nel quale allacciare nuove relazioni partecipate ed in cui sperimentare tutte le intelligenze e le abilità. e) Recuperare il senso del fare quotidiano, trovare gli strumenti adatti per cercare di capire, capire per cambiare lo stato di fatto, passare dalla buona volontà dei sentimenti alla buona volontà organizzata. f) Svolgere un azione di informazione alle famiglie degli associati. g) Facilitare il dialogo e la collaborazione fra cittadini, le famiglie e le istituzioni in materia di politica sociale. - Valorizzare le competenze, le capacità, i prodotti e i lavori delle persone diversamente abili del CEOD di Canda - Promuovere attività ricreative e incontri formativi - L associazione prevede il divieto di svolgere attività diverse da quelle menzionate dall art. 10 lettera a) del Decreto Legislativo 04/12/1997 n 460. Associazione di volontariato Gruppo Città senza Barriere E stata costituita il 06/06/1994 in base alla L. n. 266/91 e alla L.R. n. 40/93 sulle associazioni di volontariato; dal 1997, ed è una associazione ONLUS di diritto. L organizzazione è costituita da disabili, loro familiari, tecnici, operatori, aderenti e volontari. Gli scopi istituzionali riguardano: 1) la sensibilizzazione alle tematiche dell handicap tra cui l abbattimento delle B.A; 2) l informazione come mezzo di conoscenza legislativa, nonché l esigere servizi; 3) la difesa del diritto di cittadinanza della persona disabile; 4) la sensibilizzazione e la promozione dell handicap nelle scuole; 5) il sostegno alle persone disabili e alle loro famiglie. Le attività dell Organizzazione sin dal suo sorgere sono state molteplici e svariano in diversi ambiti: 1. incontri dibattiti sull abbattimento e rimozione delle Barriere Architettoniche; 2. l Informazione, attraverso la realizzazione degli Informahandicap di Rovigo, Taglio di Po, Badia Pol.ne, Lendinara, ecc.. e la rete Prov.le INFO-H-POLESINE, e da ultimo la realizzazione in via sperimentale di spot televisivi sull handicap ed un TG News H settimanale, tramite ROVIGO TIVVU DEL SOCIALE; 3. la difesa dei diritti, delle persone disabili attraverso la partecipazione alle consulte sull handicap Comunale e Provinciale e ad incontri, dibattiti di approfondimento legali, sindacali, fiscali; 4. la sensibilizzazione nelle scuole attraverso i concorsi: LETTERINE A BABBO NATALE IN CARROZZINA e PER UNA CITTA SENZA BARRIERE, al progetto UOMO: sano/disabile: alla ricerca dell uguaglianza nella diversità, ecc...; 5. il sostegno alle famiglie attraverso la costruzione di una Comunità Alloggio per disabili la I in Rovigo IL DIAMANTE DI ROVIGO e la progettazione di altre n. 2 Comunità: IL RUBINO a Rovigo (per persone incidentate e in stato di coma) e il ZAFFIRO presumibilmente a S. Martino di Venezze (RO) al Dopo...di Noi. Contemporaneamente si è avviato un percorso di accompagnamento dei familiari, a questo passaggio, a questo dopo... di noi. 1. Persone con handicap psichico 2. Persone con handicap fisico

15 15 3. Persone con handicap psicofisico 4. Persone in situazione di disagio anche economico 5. Persone ultra 45/50 anni 6. Persone giovani con lavori saltuari. 7. Famigliari di persone disabili 8. Operatori 9. Insegnanti 10. Volontari Gruppi informali di genitori di disabili inseriti nei Centri Diurni Gli incontri di consultazione delle famiglie sono promossi nell ottica della partecipazione attiva dei cittadini nella concertazione degli obiettivi riguardanti l assistenza alle persone disabili. Sono attivi incontri tra le famiglie stesse, la Direzione Aziendale dei Servizi Sociali, la Rappresentanza dei Sindaci, i Responsabili del Servizio. Associazione La Volanda - E una Associazione di promozione sociale nata il 21 dicembre 2004, dall idea di alcuni genitori e ragazzi disabili frequentanti il Centro ESS.AGI. (Essere per Agire) di Badia Polesine, per dare risposta a chi vive la diversabilità ed il disagio sociale con particolare attenzione all inserimento lavorativo e all integrazione. - La Volanda, si è proposta come trait-d union fra il Centro ESS.AGI.- ENAIP ed il mondo produttivo locale avvalendosi degli strumenti offerti dalla legislazione vigente, favorendo ogni sinergia utile all avviamento lavorativo. - Si rivolge ai giovani disabili o a rischio di esclusione sociale in età post-scolare. - La collaborazione con l Azienda ULSS 18 si è concretizzata nella realizzazione di n 18 progetti di integrazione sociale in contesto lavorativo di cui n 2 assunzioni per i quali l Associazione ha individuato il contenuto lavorativo in cui inserire le persone. - Attualmente gli iscritti sono 135 (di cui 53 giovani oggetto della nostra mission). Per il prossimo futuro, l Associazione sta concludendo una convenzione con una Cooperativa Sociale di tipo B, che consentirà un esperienza originale per i ragazzi del Centro ESS.AGI. così riassumibile: assunzione di 4 di loro in Cooperativa e la fornitura di commesse lavorative al Centro per gli altri. L Associazione ha intrecciato collaborazioni con altre associazioni del territorio non dedicate alla disabilità, per consentire agli associati di sperimentare l integrazione anche nel tempo libero. La Regione Veneto ci sostiene finanziando (almeno in parte) il nostro progetto la lampada della speranza dedicato allo scopo. Associazione L Olmo L Associazione L Olmo nacque nel 1992 come associazione sportiva senza fini di lucro, per la pratica e la diffusione degli sport equestri, allo scopo di valorizzare l individuo, inserire i portatori di handicap e chiunque abbia problemi di disagio sociale o relazionale: un aiuto all inserimento nella società con l ausilio del cavallo. Oggi è un Centro di volontariato iscritto regolarmente al Registro Regionale per il volontariato al N. RO 76/96.

16 16 Si è sempre proposta, come finalità principale, la cura di corpo e mente in un habitat idoneo a sviluppare tutte le capacità residue dell individuo, promuovendo l inserimento sociale, non solo del portatore di handicap, ma soprattutto delle famiglie di questi. I destinatari delle attività dell Associazione sono: Soggetti svantaggiati per handicap psicofisico Normodotati volontari per l inserimento sociale Soggetti con disturbi relazionali o handicap vari, Normodotati che auspicano una vera relazione tra cavallo e cavaliere Minori che si avvicinano allo sport dell equitazione Minori inviati dalle scuole per l animazione estiva Tossicodipendenti ed alcoldipendenti della Comunità Terapeutica S.Francesco di Monselice Utenti inviati dall associazione ABC Utenti dell Associazione Aiutiamoli a vivere dalla Bielorussia Collaborazioni: Comunità Terapeutica S.Francesco di Monselice Associazione ABC Associazione Aiutiamoli a Vivere di Lendinara Istituto Tecnico Agrario O. Munerati Comune di Rovigo Comune di Pettorazza Azienda ULSS 18 di Rovigo Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Scienze Motorie e Scienze della Formazione Università degli Studi di Padova Facoltà di Psicologia e Facoltà di Medicina ANIRE, Associazione Nazionale Riabilitazione Equestre FISE, Federazione Italiana Sport Equestri, settore Pony, settore sport, settore sport disabili. Cooperativa sociale L Ora del Bradipo La Cooperativa Sociale denominata l Ora del Bradipo è sorta a Rovigo il 21/02/2005 con sede in Via Badaloni, 86 ed è iscritta alla C.C.I.A.A., all Albo Nazionale delle Cooperative, al Registro Regionale con codice ROB0045. La Cooperativa è sorta per dare opportunità lavorative alle persone svantaggiate (anche con handicap) che trovano grosse difficoltà ad entrare nel mercato del lavoro. La Cooperativa intende inoltre dare risposte lavorative alle fasce deboli (disoccupati, giovani, donne, usciti dal mercato del lavoro). Attualmente si stanno svolgendo piccole attività: - Ricerca di materiale utile per gli sportelli informativi della rete Info-h-pol; - Realizzazione di siti. - Realizzazione di lavori di tipo manuale anche su commissione (decupage e altro). - Attività di assemblaggio di materiale elettrico. Gli utenti che si rivolgono e collaborano con la Cooperativa sono: - Persone con handicap psichico - Persone con handicap fisico - Persone con handicap psicofisico - Persone in situazione di disagio anche economico - Persone ultra 45/50 anni - Persone giovani con lavori saltuari.

17 17 Cooperativa Sociale Onlus NIKE KAI DIKE La Cooperativa NIKE KAI DIKE è sorta nel Giugno del 1982, fondata da un gruppo di volontari in gran parte operatori dei servizi sociali, psichiatrici e tossicodipendenze dell Ulss 29 di Badia Polesine, ed è retta e disciplinata dai principi della mutualità, cioè senza fini di speculazione privata. Svolge attività sociali in base alla L. n. 381 del e alle L.R. 55/82-22/89-28/91 e 56/94 con lo scopo di perseguire l interesse generale della comunità con la promozione umana e l integrazione sociale dei cittadini svantaggiati. Scopo sociale della Cooperativa è quello di contribuire, anche culturalmente, al potenziamento delle risorse riabilitative espresse dal territorio, per reinserire nella società, attraverso l impegno lavorativo, persone svantaggiate altrimenti destinate all emarginazione. È prevista dunque l assunzione di personale svantaggiato affiancato da personale qualificato al fine di inserirlo nel mondo del lavoro, e per favorirne l integrazione sociale. Principali attività svolte attualmente: Tipolitografia Comprende fotocomposizione, grafica, stampa e rilegatura; viene svolta presso la sede di Fiesso Umbertiano In merito a personale svantaggiato occupato presso la tipografia attualmente si possono contare soci lavoratori (tossicodipendenti, disabili fisici e psichici). Numerosi sono pure gli inserimenti nell ambito di progetti di integrazione sociale in ambiente lavorativo in convenzione con il Servizio Integrazione Lavorativa dell Azienda Ulss 18; Servizio trasporto handicap Il Servizio di trasporto ai Centri Diurni dell Azienda ULSS 18 è regolato da apposita convenzione recepita con Decreto Direttore Generale n 973 del 22/12/2006 Gestione comunità Esattamente denominate Comunità Socio-Assistenziali Terapeutiche Protette ubicate una a Bressane di Castelguglielmo, ed una a Canalnovo di Villanova Marhesana,. Servizio portantini Svolto presso l Ospedale Civile di Rovigo, l attività consiste nel portare i pazienti dai vari reparti alla radiologia per gli esami, e riportarli poi in reparto. Gestione magazzino e riparazione ausili protesici La Cooperativa presso un magazzino sito ad Arquà Polesine, gestisce distribuzione e raccolta a domicilio, ricondizionamento, lavaggio ed immagazzinaggio di ausili protesici. Pianeta Handicap L Associazione, fondata il 16 giugno 1999, è iscritta dal 2000 al Registro Regionale del Volontariato al n RO 0132 e confermata in data 09/08/2006. Essa è scaturita dall esigenza di alcuni genitori di ragazzi diversamente abili o meglio speciali, di elaborare insieme percorsi di crescita ed innovativi per i propri figli, nonché per costituire stimolo continuo nei riguardi degli Enti e delle strutture pubbliche. Gli obiettivi di solidarietà che l associazione si propone sono i seguenti: 1) costituire sostegno umano alle famiglie di portatori di handicap; 2) predisporre una corretta informazione dei diritti, in particolare quelli spettanti ai portatori di handicap, vigilando sull applicazione degli stessi nelle strutture pubbliche e sociali; 3) attivarsi per la valorizzazione delle capacità residue dei portatori di handicap e per il raggiungimento delle massime potenzialità ed autonomie personali, fornendo stimoli con attività di vario genere;

18 18 4) collaborare con spirito fattivo ed aperto con le altre associazioni di volontariato esistenti sul territorio, per affrontare e risolvere le difficoltà comuni, costruendo rete unitaria, per costituire interlocutore più significativo con le Istituzioni. Ambiti di Attività Dalla fondazione a tutt oggi, l Associazione Pianeta Handicap ha svolto le seguenti attività: - organizzazione di convegni e conferenze sulle tematiche della disabilità; - attivazione di progetti innovativi sulla Comunicazione Facilitata, la musicoterapia, la danzaterapia; - promozione del coordinamento tra Enti, Istituzioni, Aziende e Famiglie; - consulenze legali individuali per le famiglie; - apertura di un centro di C. F. per l autismo e le persone down, Attualmente è attivo un corso gratuito di ceramica per ragazzi disabili e non, che terminerà l 8 giugno 2007; l attività, rientrante nella Coprogettazione Disabilità 2007 del C.S.V., si svolgerà presso l Istituto I.P.S.S.C.T. Marco Polo di Rovigo. Nello stesso laboratorio si prevede di sviluppare anche un utilizzo creativo del computer, con software specifici. Collaborazioni Istituto Comprensivo di Villadose, Scuola Secondaria I.P.S.S.C.T. Marco Polo di Rovigo e Scuola Primaria Giovanni XXIII di Rovigo, Conservatorio F. Venezze di Rovigo, Fondazione Banca del Monte di Rovigo, l Accademia dei Concordi, Cooperativa Intervento di Mestre, Fondazione CA.RI.PA.RO., C.T.I. Provincia di Rovigo. Cooperativa Porto Alegre Attività in gestione diretta o in regime di convenzione o collaborazione Servizi per persone senza dimora o in condizioni di povertà estrema in convenzione con il Comune di Rovigo Servizi per la popolazione migrante in convenzione con il comune di Rovigo Servizi per persone senza dimora o in condizioni di povertà estrema in convenzione con l associazione Arcisolidarietà di Rovigo Servizi per l inserimento abitativo di persone immigrate o appartenenti a fasce deboli della popolazione, in convenzione con la Fondazione La Casa di Padova Servizi per l inserimento lavorativo di persone con disagio psichico, in convenzione con l Associazione AITSaM, Cooperativa Ariano Verde e Azienda ULSS 19 di Adria, Azienda ULSS 18 di Rovigo Servizi svolti nell area della salute mentale in convenzione con l Associazione AITSaM di Rovigo Servizi di formazione e prevenzione nell area dei disturbi da sostanze in convenzione con Coordinamento Veneto Strutture Terapeutiche e Cooperativa Nike Kai Dike Convenzione con l Azienda ULSS 18 per la realizzazione dei progetti La Bottega, Alcol e mondo del lavoro inseriti nel Piano Triennale per le Dipendenze Servizi e attività di promozione del terzo settore e delle politiche sociali in collaborazione con delega per le politiche sociali regionali Formazione degli adulti in collaborazione con Associazione Scuola di Quartiere collaborazione nell ambito dell organizzazione Progettazione comunitaria La Cooperativa Sociale Porto Alegre gestisce, in collaborazione con la Cooperativa Sociale Progetto 81, un centro occupazionale diurno denominato La Bottega, situato in Viale del Lavoro a Rovigo presso un fabbricato concesso in comodato d uso gratuito dal Comune di Rovigo. Il Centro è stato attivato nel mese di febbraio 2006 ed è inserito all interno dell iniziativa

19 19 comunitaria Equal Ec.Co.Mi. (Economia di Condivisone e Microcredito) per lo sviluppo dell impresa sociale e l inserimento lavorativo di fasce deboli della popolazione. Il Centro, infine, è la struttura operativa del progetto La Bottega, inserito nel Piano Regionale Triennale di Lotta alla droga 2006/2008 e finanziato dalla Regione Veneto. Cooperativa Progetto 81 La Cooperativa Sociale Progetto 81 è un impresa che si occupa di inserimento lavorativo e sociale di soggetti svantaggiati. Inizialmente più attenta ai bisogni dell handicap fisico e psichico, negli ultimi anni su richiesta dei servizi sociali dei comuni e dell Azienda ULSS, è aperta all inserimento anche di altre forme di svantaggio (problemi psichiatrici, alcool e tossicodipendenza, carcere e pene alternative, disagio sociale, povertà estrema e senza fissa dimora). La Cooperativa attualmente svolge le seguenti attività: Copisteria e Legatoria; Assemblaggi in corto terzi Questo settore è quello che negli ultimi anni ha avuto il più ampio mutamento. Ora è in essere un laboratorio per il confezionamento di rotoli di alluminio che vede inserite due persone, soci lavoratori, uno dei quali disabile psichico Raccolta porta a porta e manutenzione del verde - Il servizio di raccolta del verde porta a portaviene svolto in tutto il Comune di Rovigo per il committente ASM spa, e in trenta comuni del medio/alto Polesine per conto dell azienda Ecogest Srl di Rovigo. Pulizie a facchinaggio Le attività sono realizzate in collaborazione con il Comune di Rovigo e il Comune di Villadose, Ecogest Srl di Rovigo, ASM di Rovigo Cooperativa Sociale Quadrifoglio La Cooperativa Quadrifoglio è una società che fornisce un ampia gamma di servizi qualificati, rivolti sia alle imprese che alla persona. Tali servizi comprendono attività di diverso genere che vanno dalla consulenza sulla sicurezza alla gestione di bar, dall elaborazione piani di emergenza all esecuzione di pulizie industriali. Quadrifoglio ha una struttura composta da diverse divisioni che, organizzate secondo un metodo operativo incentrato sull utilizzo delle più moderne tecnologie sono nelle condizioni di rispondere al meglio delle esigenze degli utenti offrendo loro tempestività efficacia e convenienza. Cooperativa Sanithad SANITHAD è una Cooperativa Sociale attiva dal 1982 retta e disciplinata dai principi della mutualità, è senza scopo di lucro e si propone il perseguimento dell interesse generale della comunità alla promozione umana e all integrazione sociale dei cittadini attraverso la gestione dei servizi socio-sanitari ed educativi. La costituzione di SANITHAD come struttura di servizi sociali, si ispira a due motivazioni: realizzare servizi alla persona con elevata professionalità; costituire occasione di lavoro stabile per giovani motivati a spendersi in attività socioassistenziali-sanitarie ed educative. Ambiti di attività La Cooperativa fornisce all Azienda Ulss 18 di Rovigo, personale qualificato impiegato per svolgere le seguenti attività: - Servizio di assistenza domiciliare presso i Comuni del Medio e Alto Polesine con utenza anziana e/o disabile;

20 20 - Servizio inserimenti scolastici età adulta; - Servizio socio-assistenzilae, sanitario ed educativo presso i Centri Diurni di Canda, Girasole di Rovigo, e Arcobaleno di Badia Polesine; - Progetti Individualizzati Disabili Leggi 162/987 e progetti Vita Indipendente. Cooperativa Sociale Speranza La Speranza è una Cooperativa Sociale di tipo B che ha lo scopo di perseguire l interesse generale della comunità alla promozione umana e all integrazione sociale dei cittadini. L integrazione sociale lavorativa e la crescita professionale e culturale dei soci svantaggiati, costituiscono i fondamenti per il raggiungimento dello scopo statutario. La Cooperativa realizza lavorazioni e assemblaggi per conto terzi, occupando persone portatrici di handicap con tirocini socializzanti in contesto lavorativo seguiti dal Servizio di Integrazione Lavorativa dell Azienda ULSS 18. Da diversi anni la Cooperativa gestisce il verde pubblico per conto dell ASM di Rovigo, dell Azienda ULSS 18, del Comune di Badia Polesine, del Comune di Ficarolo. La Cooperativa realizza inoltre lavori di piccole opere murarie e tinteggiature effettuando percorsi di inserimento lavorativo e piccoli servizi di facchinaggio presso gli uffici del Comune di Rovigo. A Marzo 2006 si è instaurata la collaborazione con un piccolo artigiano di San Martino di Venezze, questa ha permesso l apertura di un laboratorio di assemblaggio di materiale elettrico ed elettronico La complessità e la precisione del lavoro consente di accogliere stagisti delle scuole di formazione per l insegnamento quali l'ipsia di Rovigo e ENAIP di Rovigo. A Maggio 2006 la Cooperativa ha aperto un negozio di artigianato per la riparazione di calzature e la riproduzione di chiavi presso il Centro Commerciale La Fattoria. La bottega dell artigiano accoglie due inserimenti sociali in contesto lavorativo della SOS Dpt Disabilità Adulta SIL dell Azienda ULSS 18 di Rovigo. Come obiettivi la Cooperativa si è prefissa di: - Creare contesti lavorativi con mansioni e attività richiedenti abilità tali da poter inserire anche soci lavoratori portatori di disabilità; - creare ambienti di lavoro accoglienti e favorevoli alla massima integrazione socio lavorativa di persone disabili in collaborazione dei servizi di integrazione lavorativa dell'azienda ULSS 18; - permettere anche alle persone disabili di poter essere assunti in forza alla Cooperativa e metterle nelle condizioni di poter svolgere al meglio le proprie mansioni; - favorire l'incrocio tra domanda e offerta di lavoro collaborando con il collocamento mirato della Provincia in base alla Legge 68/99 e alla Legge 381/91; - valorizzare la formazione della persona, anche disabile, per poter crescere ed affinare le proprie abilità socio lavorative. Unione Italiana Ciechi L attività svolta dall Unione Italiana Ciechi- sezione di Rovigo comprende le seguenti azioni: - Prevenzione della cecità in collaborazione con la sezione Italiana dell Agenzia Internazionale per la Prevenzione della cecità - Integrazione scolastica degli alunni disabili visivi dall Asilo Nido all Università - Corsi di formazione riservati ai non vedenti per l uso del computer - Corsi professionali per l accesso all attività lavorativa - Corsi di aggiornamento e formazione per insegnanti educatori ed operatori - Trascrizioni di testi dal nero in braille - Organizzazione di Campi scuola e soggiorni estivi per giovani e per gli anziani - Attività Riabilitativa per i ciechi pluriminorati che si svolge in via continuativa nella Palestra e nei Laboratori dell Unione Italiana Ciechi

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

L INIZIATIVA PROGETTUALE: il CSMA - Centro Specializzato Multisistemico per l Autismo

L INIZIATIVA PROGETTUALE: il CSMA - Centro Specializzato Multisistemico per l Autismo SPETT.LE FONDAZIONE I BAMBINI DELLE FATE PIAZZA SERENISSIMA, 20 31033 CASTELFRANCO VENETO (TV) OGGETTO: PROGETTO VIVIAUTISMO DA REALIZZARE NEL BIENNIO 2013-2014 L INIZIATIVA PROGETTUALE: il CSMA - Centro

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

PIANO DI ZONA anni 2007-2009. Area Disabilità

PIANO DI ZONA anni 2007-2009. Area Disabilità PIANO DI ZONA anni 2007-2009 Area Disabilità 1 Nel Piano di Zona confluiscono Piano locale della disabilità Integrazione scolastica e sociale minori Servizio di integrazione Lavorativa 2 Le nuove linee

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE E DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL TERRITORIO DI SCORDIA AZIENDA UNITÀ

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA Il presente Regolamento si ispira ai principi della Legge-quadro per l'assistenza,

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

AREA PORTATORI HANDICAP

AREA PORTATORI HANDICAP AREA PORTATORI HANDICAP PREMESSA La Legge 104/92 all art. 3 comma 2 recita: E persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA ULSS 21 RIPARTIZIONE ETA ADULTA E ANZIANI / SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (S.I.L.) Il Servizio di integrazione lavorativa (S.I.L.): Percorsi formativi finalizzati al

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA

REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO Comuni di: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere. REGOLAMENTO NUCLEO INTEGRAZIONE LAVORATIVA INDICE ART.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: Diversamente Abili

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

CURRICULUM VITAE OLTRAMARI GISELLA

CURRICULUM VITAE OLTRAMARI GISELLA CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI OLTRAMARI GISELLA Cognome e Nome Indirizzo Via G. Falcone, 34 45035 Castelmassa (RO) Recapiti telefonici cell. 338/3542733 E-mail gisella.olt@alice.it Data di nascita 04/09/1961

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

A livello d Ambito Territoriale vari sono stati i progetti e le iniziative realizzate nel periodo che va dal 2003 al 2006:

A livello d Ambito Territoriale vari sono stati i progetti e le iniziative realizzate nel periodo che va dal 2003 al 2006: DIVERSAMENTE ABILI L inserimento del disabile è un indice di misura della nostra civiltà, segnala quanta accoglienza sociale il singolo cittadino può aspettarsi, quando si riduce il suo indice di normalità.

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: CRESCERE INSIEME ENTE : A.N.M.I.C. Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi Civili Sede Provinciale di Crotone, Piazza A. De Gasperi

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 Titolo progetto Attività Integrative all Assistenza Domiciliare Integrata Tipologia destinatari A06 Disabili Giorni /ore di servizio 5 giorni

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

PROGETTO INNOVATIVO DI RESIDENZIALITÀ ASSISTITA NON ISTITUZIONALE

PROGETTO INNOVATIVO DI RESIDENZIALITÀ ASSISTITA NON ISTITUZIONALE PROGETTO INNOVATIVO DI RESIDENZIALITÀ ASSISTITA NON ISTITUZIONALE Casa Mia Bando CO.GE n.3 28/02/2012 Bando regionale DGR 1626 del 31/7/2012 L.R. n.11/2001- BUR.V. n. 67-10 agosto 2012 Interventi a favore

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMATICA 2013

RELAZIONE PROGRAMMATICA 2013 ALLEGATO N. 1 RELAZIONE PROGRAMMATICA 2013 Premessa La Sezione Provinciale di Brescia dell Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus si impegna ad operare per il perseguimento dei «compiti istituzionali

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

Direzione Politiche Sociali

Direzione Politiche Sociali Direzione Politiche Sociali Commissione Consiliare 13 luglio 2015 1 Assistenza Domiciliare Handicappati Gravi: Servizio di assistenza e sostegno per persone con disabilità dai 18 ai 64 anni per consentire

Dettagli

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare:

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare: DIDATTICA L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI La legge 104/92 (legge quadro per l assistenza, l integrazione scolastica ed i diritti alla persona handicappata) ha posto in essere una serie di adempimenti

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO (Scuola Infanzia - Primaria- Secondaria 1 Grado) Via A. BARTOLI, 53-03013 FERENTINO

Dettagli

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella 1. PREMESSA Il SIL è un servizio dell'azienda ULSS 21 di Legnago, in Staff al Dipartimento Distretto che agisce

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag.

INDICE. Art. 1 Obiettivi pag. 2. Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3. Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. INDICE Art. 1 Obiettivi pag. 2 Art. 2 L Utenza: caratteristiche e bisogni pag. 3 Art. 3 Caratteristiche strutturali degli ambienti pag. 3 Art. 4 Le attività della Comunità pag. 4 Art. 5 Tempi di apertura

Dettagli

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA

ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA ALLEGATO N. 1 ALLEGATO 1C IN ATTUAZIONE DEL DPCM 29 NOVEMBRE 2001 AREA INTEGRAZIONE SOCIO - SANITARIA 2 AREA MATERNO INFANTILE LIVELLI DI ASSISTENZA Assistenza sanitaria e sociosanitaria alle donne, ai

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI

PRINCIPI FONDAMENTALI Carta dei Servizi PRINCIPI FONDAMENTALI EGUAGLIANZA I cittadini accedono ai servizi in condizioni di uguaglianza. Il Comune garantisce loro parità e uniformità di trattamento. Nessuna discriminazione può

Dettagli

Relazione tecnica relativa al Servizio per l affido familiare

Relazione tecnica relativa al Servizio per l affido familiare Relazione tecnica relativa al Servizio per l affido familiare 1.1 Informazioni generali Denominazione intervento: servizio integrato per l affido. 1.2 Soggetto titolare ed enti coinvolti Comuni dell ambito

Dettagli

CENTRO LAVORO E ARTE

CENTRO LAVORO E ARTE LIBERA ASSOCIAZIONE PRO-HANDICAPPATI Via 4 novembre 7 Lodi Vecchio Tel :0371 464188 e mail info@centrolavoroearte.it CENTRO LAVORO E ARTE Modulo A 1. SCHEMA GENERALE DEL CENTRO 2. TIPOLOGIA D UTENZA 3.

Dettagli

VIAGGI DA RACCONTARE Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

VIAGGI DA RACCONTARE Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia VIAGGI DA RACCONTARE Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia 1. IN BREVE Viaggi da raccontare intende progettare e garantire benessere ed una buona qualità di vita alle persone

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome RILEI TIZIANO Indirizzo Telefono 059 7705260 Fax 059 7705200 E-mail VIA F. PETRARCA, 284-41058 VIGNOLA (MO)

Dettagli

Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino. Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica

Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino. Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica A cura di Settore Servizi al Cittadino Assistente Sociale Dott.ssa

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia 1. IN BREVE Il presente progetto intende potenziare la rete di protezione sociale di anziani in particolare situazione di

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE Lo stage in cooperativa. Un esperienza di lavoro per crescere assieme. LABORATORIO SCUOLA COOPERATIVA SOCIALE Via Santa Maria, 17-33087 Azzanello di Pasiano

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI ORZIVECCHI PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A PERSONE

Dettagli

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO Legge regionale 26 aprile 1985, n. 30 NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità La Regione, al fine di concorrere alla realizzazione del diritto allo studio,

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005 Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona A.I.A.S. Ferrara Associazione di Volontariato Associazione Centro H In collaborazione con: - Azienda USL Ferrara - Centro Servizi alla Persona

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

Centro accreditato di Riabilitazione

Centro accreditato di Riabilitazione Centro accreditato di Riabilitazione Carta dei Servizi Revisione 3 del 20.01.2015 INTRODUZIONE: La Carta dei Servizi vuole essere il documento che formalizza il contratto stipulato tra il nostro Centro

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Pagina 1 di 14 Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Il presente questionario intende promuovere un indagine finalizzata a rilevare le informazioni necessarie per la redazione del bilancio sociale

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

DISTRETTO VALLI TARO E CENO

DISTRETTO VALLI TARO E CENO UFFICIO di PIANO DISTRETTO VALLI TARO E CENO PROTOCOLLO OPERATIVO di recepimento delle DELIBERE DI GIUNTA REGIONALE n. 1230 del 28/07/2008 e n. 1206 del 30/07/2007 approvato dal Comitato di Distretto in

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli