TITOLI DI CREDITO E MEZZI DI PAGAMENTO Dott.ssa M. Laura Pavone. [P_1. Caratteristiche generali e funzione dei titoli di credito]

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TITOLI DI CREDITO E MEZZI DI PAGAMENTO Dott.ssa M. Laura Pavone. [P_1. Caratteristiche generali e funzione dei titoli di credito]"

Transcript

1 TITOLI DI CREDITO E MEZZI DI PAGAMENTO Dott.ssa M. Laura Pavone [P_1. Caratteristiche generali e funzione dei titoli di credito] Il titolo di credito costituisce uno strumento predisposto dal legislatore 1 al fine di eliminare gli inconvenienti che possono ricorrere avuto riguardo alla cessione ordinaria dei crediti 2, disciplinata dagli artt e ss. del codice civile, e così agevolare e velocizzare la mobilizzazione della ricchezza. La funzione svolta dai titoli di credito nell economia moderna è, dunque, di notevole rilievo. Chi acquista secondo le regole ordinarie un credito assume, normalmente, il rischio che il cedente non sia titolare del credito ceduto e che il debitore possa sottrarsi legittimamente al pagamento del debito per varie ragioni (perché, per esempio, il credito è prescritto o perché il debitore è a sua volta creditore di una somma uguale o superiore). Se invece il credito è incorporato in un titolo (documento) qualificabile come titolo di credito, questi rischi si riducono notevolmente: l acquirente del documento in cui è incorporato il credito, infatti, se in buona fede, acquista, per effetto del possesso del documento, un diritto autonomo rispetto al precedente titolare, per cui non subirà alcun pregiudizio dalla mancanza di titolarità del cedente o dall esistenza di diritti altrui a lui ignoti; inoltre al possessore del titolo, per ottenere la prestazione del debitore, basterà esibire a questi il documento, senza dover fornire altra prova dell acquisto e senza altra formalità di notifica, mentre il debitore in base a un titolo di credito può legittimamente rifiutare il pagamento solo per ragioni che risultino dal titolo stesso. Il titolo di credito può pertanto definirsi come il documento formale che incorpora il diritto di credito nello stesso indicato 3. Da quanto osservato emergono già delineati quelli che sono i principi fondamentali che regolano la disciplina dei titoli di credito. Per essere tale il titolo di credito deve essere caratterizzato dal principio della letteralità, come statuito dall art c.c, a norma del quale è il testo del titolo che, individuando, come sopra accennato, il contenuto del diritto di credito incorporato nel titolo stesso, limita le eccezioni opponibili dal debitore al soggetto che richiede l adempimento. Da ciò si evince che il titolare del titolo non può pretendere una prestazione diversa o più ampia di quella risultante dal documento ed il debitore non può eseguire una prestazione diversa o più ristretta, né tanto meno disconoscere le obbligazioni inserite nel titolo. Si suole distinguere titoli di credito a letteralità diretta (ad es: la cambiale), nei quali l indicazione del contenuto del diritto incorporato nel titolo deve desumersi integralmente ed esclusivamente dalla lettera del titolo stesso, e titoli di credito a letteralità indiretta (ad es: l azione di società), nei quali i dati esposti nel titolo trovano completamento in altri documenti richiamati nel titolo stesso. 1 La disciplina dei titoli di credito è collocata nel codice civile alla fine del libro IV, delle obbligazioni, come titolo V. Sul punto cfr. LIBONATI, Titoli di credito e strumenti finanziari, Milano, 1999 Il codice civile del 1942 ha profondamente mutato il contesto normativo che si occupa dei titoli di credito: prima, nè il codice civile del 1882, né le leggi speciali dettavano una disciplina generale dei titoli di credito, che doveva desumersi allora dalla disciplina speciale corrente della cambiale, tramite la elaborazione di un concetto e di una serie di regole che si assumevano comuni e caratterizzanti tutte le figure dei titoli di credito. 2 Il meccanismo della cessione del credito prevede che la cessione sia produttiva di effetti nei confronti del debitore ceduto solo quando questi l abbia accettata o gli sia stata notificata (art c.c). 3 Il credito incorporato nel documento è detto credito cartolare. Sulla rilevanza dell incorporazione nella teoria dei titoli di credito cfr. SPADA, Introduzione al diritto dei titoli di credito, Torino, 1992.

2 Altro principio a cui abbiamo fatto riferimento è quello della autonomia, implicitamente fissato dall art c.c, secondo il quale colui che acquista in buona fede il possesso di un titolo di credito, in conformità alla sua legge di circolazione, acquista la proprietà del documento e la titolarità del credito in esso incorporato, a prescindere dalla posizione dell alienante: la posizione dell acquirente, dunque, risulta del tutto autonoma da quella di quest ultimo. L art c.c statuisce, infatti, al secondo comma l inopponibilità all acquirente delle eccezioni personali opponibili all alienante (ed ai suoi danti causa), salvo il caso di dolo di quest ultimo 4. L acquisto del titolo, secondo la sua legge di circolazione, importa l acquisto della c.d. legittimazione, sancita dall art c.c, secondo comma, che fa sì che l acquirente possa chiedere il pagamento delle somme portate dal titolo senza dover fornire la prova di essere venuto legittimamente in possesso del titolo. Da osservare, infine, come il carattere della astrattezza, non costituisce, come vedremo meglio in seguito, un carattere proprio di tutti i titoli di credito, ma caratterizza soltanto alcuni di essi. [P_2. Le eccezioni opponibili dal debitore: eccezioni reali e personali] Il possessore del titolo di credito che, legittimato nelle forme prescritte dalla legge (art. 1991, primo comma), ha diritto alla prestazione in esso indicata verso presentazione del titolo, può comunque vedersi opporre dal debitore eccezioni relative alla validità del titolo (c.d. eccezioni reali, opponibili a qualunque portatore del titolo), nonché eccezioni a questi personali. Le eccezioni reali sono tassativamente indicate dal primo comma dell art c.c. nelle seguenti: a) difetto di forma, consistente nella mancata corrispondenza del titolo ai requisiti obbligatoriamente imposti dalle norme di legge che disciplinano i singoli titoli di credito; b) eccezioni fondate sul contesto letterale del titolo. Questa previsione che sancisce il principio di letteralità di cui sopra, si riferisce ai casi, peraltro rari, di difformità tra pretesa avanzata dal portatore del titolo e quanto indicato nel contesto letterale del titolo (es: il portatore di una cambiale che chiede al debitore il pagamento di una somma maggiore di quella indicata nel titolo). In dottrina si è estesa la previsione in oggetto ai casi di alterazione del titolo intervenuta successivamente all emissione del titolo stesso. c) falsità della firma del debitore. In tale ipotesi vi è la totale mancanza di riferibilità della sottoscrizione del titolo di credito alla volontà del debitore. Rientrano in questa ipotesi anche i casi di firma apposta materialmente dal debitore, ma senza che vi fosse la volontà di quest ultimo di sottoscrivere il titolo di credito. All opposto non vi rientrano le fattispecie di sottoscrizione operate da terzi su autorizzazione del debitore, anche a mezzo di firma apposta meccanicamente, in quanto in questi casi la sottoscrizione è comunque riferibile alla volontà del debitore. d) difetto di capacità (legale) al momento dell emissione del titolo 5. e) difetto di rappresentanza al momento dell emissione 6. 4 Si pensi al classico caso della c.d girata di comodo, che ricorre, ad esempio, quando il possessore di una cambiale al fine di evitare che gli venga opposta una tra le possibili eccezioni personali, gira il titolo ad un amico compiacente che lo presenterà poi al debitore per l incasso. 5 In merito al concetto di incapacità legale si rinvia ai principi di diritto comune che regolano tale fattispecie.

3 f) mancanza delle condizioni necessarie per l esercizio dell azione 7. Eccezioni personali sono, invece, quelle opponibili solo in ragione: a) dei rapporti personali esistenti tra debitore e portatore 8 ; b) exceptio doli generalis, eccezione che ricorre qualora il titolo venga trasferito intenzionalmente a danno del debitore; c) difetto di titolarità. Si ritiene essere questa l esclusiva ipotesi rientrante tra le c.d. eccezioni personali in senso stretto. Questa eccezione può essere sempre opposta dal debitore che sia in possesso della prova della mancanza di titolarità del portatore del titolo (es: nel caso di possesso del titolo acquistato in mala fede). [P_3. Classificazione dei titoli di credito e loro dematerializzazione] Quanto fin qui illustrato costituisce disciplina comune a tutti i titoli di credito; esistono, tuttavia, notevoli varianti di regime. Dal punto di vista contenutistico si suole distinguere quelli che sono i titoli di credito in senso stretto, nei quali il diritto incorporato è un diritto di credito (si pensi alla cambiale e all assegno), dai c.d. titoli di partecipazione nei quali ad essere incorporata nel titolo è la complessa situazione ricollegata allo status di socio con i relativi diritti da essa derivanti (si pensi all azione di società). Altre volte il titolo è collegato ad una merce. Si parla al riguardo di titoli rappresentativi di merci i quali attribuiscono al possessore il diritto alla consegna della merce in essa indicata, in quanto il possesso della merce si trasferisce con il possesso del titolo. Tali sono la fede di deposito, la nota di pegno, la polizza di carico, la lettera di vettura etc. Tali distinzioni rilevano anche sul piano delle eccezioni opponibili al possessore del titolo. Le eccezioni personali, come osservato, di regola non sono opponibili a portatori diversi da quello con cui è intercorso il rapporto che ha dato vita all eccezione, salvo il caso in cui il terzo portatore abbia acquisito il titolo intenzionalmente a danno del debitore. Nel caso, però, di titoli di credito dai quali dalla sola lettera del titolo non sia desumibile il contenuto del rapporto fondamentale che ha determinato la creazione del titolo stesso (si parla in tal caso di titoli causali), come nel caso appunto di un azione di società, è giocoforza che le regole organizzative del gruppo siano comunque opponibili a chi affermi di esserne entrato a farne parte 9. All opposto, in presenza di titoli astratti, come è ad esempio la cambiale, è solo nel contesto letterale del titolo che si ritrova integralmente il contenuto del diritto incorporato nel titolo stesso. 6 Non ricorre naturalmente tale ipotesi laddove il difetto originario sia stato successivamente sanato con la ratifica della sottoscrizione. 7 Tale formula sintetica comprende tutte le fattispecie in cui non si sono verificati i presupposti affinché il portatore del titolo possa pretendere la prestazione, ad esempio perché l azione (cartolare) si è prescritta o perché il debito non è ancora scaduto o, nel caso di cambiali, perché l azione di regresso non è preceduta dal protesto, salvo che risulti diversamente dal titolo, qualora esso contenga la clausola senza protesto. 8 Le ipotesi di eccezioni personali fondate su rapporti personali sono virtualmente illimitate. Così in caso di compensazione con altro credito vantato dal debitore nei confronti del possessore del titolo, ovvero in caso di remissione del debito da parte di costui; o ancora nel caso di inadempimento del rapporto fondamentale che ha dato origine a quello cartolare. 9 Oltre all azione di società, sono titoli causali l obbligazione di un ente pubblico, il duplicato della lettera di vettura, che richiama il contratto di trasporto, nonché la fede di deposito e la nota di pegno che richiamano il contratto di deposito.

4 In relazione, poi, alla natura dell emittente si suole distinguere in dottrina tra titoli privati (ad esempio cambiale e assegno) e titoli pubblici (ad esempio Buoni del Tesoro, C.C.T., obbligazioni di enti pubblici a ciò legittimati 10 ). In relazione al modo in cui sono stati emessi, si distinguono titoli individuali (assegno, cambiale), creati di volta in volta in relazione ad ogni singola operazione, e titoli di massa (azioni, obbligazioni, titoli del debito pubblico), posti in circolazione in misura rilevante in base ad un unica operazione. Sul piano della legittimazione è poi fondamentale distinguere tra titoli al portatore, titoli all ordine e titoli nominativi, i quali circolano secondo regole diverse e peculiari. Non costituiscono invece titoli di credito i documenti di legittimazione e i titoli impropri. Come precisa l art c.c. i documenti di legittimazione servono solo a identificare l avente diritto alla prestazione come nel caso della carta di credito o del libretto di risparmio che la banca rilascia a fronte di un deposito bancario, o ancora i biglietti della lotteria, i biglietti ferroviari, teatrali, cinematografici etc. Documenti di questo genere agevolano la prova della titolarità di un diritto, ma non lo incorporano. Così non sono titoli di credito i titoli impropri che, come precisa ancora l art c.c., consentono semplicemente il trasferimento di un diritto di credito senza l osservanza delle forme proprie della cessione. Trattasi in sostanza di scritture (es: polizze di assicurazione) in cui, oltre ad essere enunciate le condizioni del contratto, è inserita la clausola all ordine, in modo da consentire la cessione del contratto stesso con lo strumento della girata, ma con gli effetti propri della cessione. Di conseguenza, saranno opponibili al portatore, tutte le eccezioni, anche quelle basate sui rapporti con i precedenti possessori, attesa la inapplicabilità dell art c.c. La naturale destinazione alla circolazione di questi titoli comporta peraltro, la possibilità di avvalersi della procedura di ammortamento tipica dei titoli di credito (in caso di smarrimento, furto o distruzione), nonché l applicabilità della regola di cui all art c.c., secondo comma, cosicchè il titolo svolge anche una funzione di legittimazione, in quanto il debitore (l assicuratore, per rifarci all esempio della polizza di assicurazione) è liberato se, senza dolo o colpa grave, adempie la prestazione nei confronti del giratario o del portatore del titolo (della polizza), anche se questi non ne è il titolare (l assicurato). Per il resto, ad entrambe le categorie suddette non si applica la disciplina dei titoli di credito. Si consideri, infine, che pur esistendo un grande numero di titoli per così dire tipici, i titoli di credito non sono un numero chiuso. Sia pure entro determinati limiti l art c.c. stabilisce, infatti, un principio di libertà di emissione di titoli c.d atipici 11 emergenti dalla pratica commerciale. Si deve poi osservare come in merito ai titoli di credito di massa sia in corso un vero e proprio processo di dematerializzazione del titolo, tramite il quale ai documenti si sostituiscono scritturazioni che mediante dispositivi telematici trasferiscono il titolo senza operazioni materiali di movimentazioni di carte. 10 Solo Regioni, Province e Comuni. Non sono pubblici, invece, se non in senso improprio, i titoli emessi da altri enti pubblici. 11 Con riferimento alle azioni di società di capitali, la riforma legislativa operata con $D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6$, Riforma organica della disciplina delle società di capitali e società cooperative, ha rimosso il principio del numero chiuso che per il passato caratterizzava la speciale disciplina di materia. Così per disposizione del nuovo art c.c si possono mettere azioni del più vario genere, per disposizione dell art c.c le società azionarie possono mettere anche strumenti finanziari forniti di loro peculiari diritti patrimoniali o diritti amministrativi; l art c.c stabilisce inoltre la possibilità da parte di società a responsabilità limitata di emettere titoli di debito; l art prevede l emissione di strumenti finanziari come spazio aperto alle società cooperative, in tal modo integrando significativamente il sistema delle loro fonti di finanziamento.

5 Tale procedimento, avviato in un primo momento per i titoli di Stato, ha trovato un particolare impulso a seguito del Decreto Legislativo introduttivo dell euro 12, il quale nel disciplinare espressamente gli strumenti finanziari dematerializzati ha escluso che i medesimi possano essere incorporati in un documento materiale 13. E, infatti, opportuno rilevare che nella generica dizione dematerializzazione vengono compresi istituti differenti quanto a struttura ed effetti: si distingue così la semplice dematerializzazione della circolazione del titolo di credito dalla sua dematerializzazione integrale (o decartolarizzazione). Nel primo caso il documento ancora esiste e la dematerializzazione riguarda solo il profilo della circolazione dei diritti; nel secondo, invece, il documento non viene neppure ad esistenza. Nel sistema italiano le possibili forme con le quali si realizza la dematerilazzazione coesistono. Dato costante ed essenziale del fenomeno è l immissione dei titoli di credito in un sistema c.d gestione accentrata, con il quale viene affidato ad un solo soggetto il compito di custodire, amministrare e sovrintendere alle operazioni di trasferimento ed esercizio dei diritti inerenti ai titoli di credito e agli strumenti finanziari dematerializzati 14. [P_4. Titolarità, legittimazione e forme di circolazione dei titoli di credito] La semplice presentazione del titolo di credito, come già segnalato, dà diritto alla prestazione in esso indicata (art c.c., primo comma). E la situazione fattuale possesso ad avere significato, sicchè questa deve essere estrinsecata al debitore. Poiché, secondo la regola generale (art.1147 c.c.), la buona fede si presume, si comprende come la norma attribuisca presuntivamente al possessore anche la titolarità del diritto incorporato, in applicazione del principio possesso vale titolo. Di regola, dunque, titolarità del diritto e legittimazione ad esercitarlo coincidono 15. L art.1992 c.c. attenua, però, la drasticità di questa soluzione. Innanzitutto, come già evidenziato, il secondo comma della norma de quo impone al debitore di non adempiere la prestazione quando è a conoscenza che il possessore non è il titolare del diritto; in secondo luogo l art c.c. avverte che tale legittimazione in tanto sussiste in quanto siano rispettate le forme prescritte dalla legge. Talvolta, infatti, per operare secondo le forme prescritte dalla legge basta il possesso del titolo, altre volte, invece, occorre un possesso conseguito in base ad una serie continua di girate, altre volte ancora occorrono intestazioni e registrazioni. Si deve perciò distinguere tra titoli al portatore (artt c.c.), all ordine (artt c.c.) e nominativi (artt c.c.). 12 $D.Lgs. 24 giugno 1998, n. 213$, Disposizioni per l'introduzione dell'euro nell'ordinamento nazionale, a norma dell'articolo 1, comma 1, della legge 17 dicembre1997, n. 433, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 157 dell'8 luglio Supplemento Ordinario n. 116; v. anche artt. 84 e ss. del $D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58$. Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, emanato ai sensi degli artt. 8 e 21 della legge delega 6 febbraio 1996, n Cfr. sul punto DI SABATO, Istituzioni di diritto commerciale, Milano, 2004, p. 427, il quale osserva che nonostante l esclusione del dato materiale costituito dal documento, la procedura di dematerializzazione è stata operata in modo tale da non escludere la qualifica di titolo di credito per tutti i titoli dematerializzati, permanendo i più rilevanti caratteri tipici, pur con gli adattamenti del caso, della fattispecie-titolo di credito. 14 Per i primi interventi in tema di dematerializzazione di strumenti finanziari v. Trib. Milano, 26 marzo 2001 e 8 giugno 2001, in Banca, borsa e tit. cred., 2002, II, p Nel corso della circolazione dei titoli di credito tra la qualità di proprietario-titolare e quella di possessore- legittimato si può, tuttavia, verificare una dissociazione. Tale dissociazione può verificarsi già in sede di emissione del titolo, quando questo entra in circolazione senza o contro la volontà di chi lo ha creato (si pensi al caso classico in cui un titolo di credito è stato rubato).

6 Sono al portatore i titoli che recano la clausola al portatore anche se contrassegnati dall indicazione nominativa del beneficiario. I titoli al portatore circolano mediante la semplice consegna del titolo. L emissione di titoli di credito al portatore contenenti l obbligo di pagare una somma di denaro è ammessa solo nei casi stabiliti dalla legge (art c.c.), dato che la semplicità di circolazione li rende idonei a fungere da surrogato della moneta legale. Possono essere al portatore gli assegni bancari, i libretti di deposito, le azioni di risparmio, le obbligazioni di società, le azioni di società 16, le quote di partecipazioni a fondi comuni di investimento, i titoli del debito pubblico. I titoli all ordine (come cambiali e assegni) si qualificano per l intestazione che contengono del nome del soggetto all ordine del quale l adempimento deve essere effettuato a cura del debitore. Il trasferimento del titolo all ordine avviene per mezzo di una dichiarazione apposta normalmente a tergo del titolo, denominata girata. La forma della girata è indicata dall art c.c., ai sensi del quale essa deve contenere necessariamente la sottoscrizione del girante. La girata non può essere né condizionata, né parziale: ed infatti qualsiasi condizione apposta alla girata si ha per non scritta, mentre è nulla la girata parziale. La legge prevede poi ipotesi speciali di girata: potrà infatti darsi girata in bianco 17 nella quale non è contenuto il nominativo del giratario; la girata per l incasso o per procura, in virtù della quale al giratario viene conferita una mera procura ad incassare; la girata a titolo di pegno che si realizza quando alla girata è apposta una clausola (ad es per garanzia ) che importa costituzione di pegno. L art c.c. avverte che la girata trasferisce tutti i diritti inerenti al titolo. Il giratario non può, però, girare ulteriormente il titolo, salvo che per procura. In caso di smarrimento, sottrazione, o distruzione del titolo opera la procedura di ammortamento prevista dall art c.c. E questo uno speciale procedimento diretto ad ottenere la dichiarazione giudiziale che il titolo originario non è più strumento di legittimazione. La procedura di ammortamento inizia con la denuncia al debitore della perdita del titolo e il contestuale ricorso dell ex possessore al presidente del tribunale del luogo in cui il titolo è pagabile, il quale, dopo gli opportuni accertamenti, pronuncia con decreto l ammortamento. Il decreto deve poi essere pubblicato nella Gazzetta Ufficiale e deve essere notificato dal ricorrente al debitore. Dal momento della notifica il titolo perde la sua funzione di legittimazione, anche se il debitore non è liberato se paga all ammortante prima che siano decorsi trenta giorni dalla pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale. Entro questo termine il detentore del titolo può proporre opposizione contro il decreto di ammortamento. Solo se l opposizione viene respinta, o non viene proposta nei termini, il decreto di ammortamento diventa definitivo ed il titolo è consegnato al ricorrente. Titoli nominativi sono i titoli (di regola titoli di massa quali obbligazioni, quote di partecipazione a fondi comuni di investimento, titoli del debito pubblico e azioni di società) che esigono l indicazione del nome del loro possessore e la stessa indicazione su di un registro tenuto dall emittente del titolo. Il possessore di un titolo nominativo è, quindi, legittimato in base a questa duplice intestazione; così anche in caso di circolazione del titolo è in ogni caso necessaria la cooperazione dell emittente dovendosi procedere all intestazione non solo sul titolo, ma anche sul registro da questi tenuto. 16 Cfr. art c.c. così come modificato ad opera del $D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6$. 17 Il possessore può in tale ipotesi riempire la girata con il proprio nome o con quello di altra persona, trasferire il titolo ad altra persona apponendo altra girata in bianco o ancora, trasmettere il titolo ad un terzo senza apporre alcuna girata e senza riempire la girata in bianco fatta in suo favore, quindi semplicemente consegnando il titolo al terzo.

7 La doppia annotazione del nome dell acquirente può avvenire secondo due diverse procedure: o tramite il cambiamento contestuale delle due intestazioni (o il rilascio di un nuovo titolo) a cura dell emittente (cosiddetto transfert); oppure tramite girata autenticata (art c.c), alla quale deve far seguito la presentazione del titolo all emittente e l annotazione da parte di costui del nome del giratario nell apposito registro. La seconda forma di trasferimento prevista per i titoli nominativi è senz altro la più snella e perciò la più diffusa. Da segnalare sono i diversi effetti che produce la girata dei titoli nominativi rispetto a quella dei titoli all ordine: la prima attribuisce, infatti, al possessore solo la legittimazione ad ottenere la legittimazione, ad ottenere cioè l annotazione del trasferimento nel registro dell emittente. Ed è solo in seguito a quest ultima annotazione che il giratario consegue la legittimazione all esercizio dei diritti inerenti al titolo. All ammortamento dei titoli nominativi in caso di smarrimento, sottrazione o sua distruzione si provvede secondo quanto stabilisce l art c.c., che richiama le norme relative ai titoli all ordine. Per i titoli al portatore si prevede, invece, una procedura di piena reintegrazione cartolare solo per il caso di titolo di credito di cui sia provata la distruzione. In tal caso, infatti, l ex possessore del titolo ha diritto di chiedere, a proprie spese all emittente il rilascio di un duplicato o di un titolo equivalente. In ogni altro caso di perdita del titolo al portatore, salvo eccezioni tassativamente previste per titoli a circolazione ristretta (come libretti di deposito, assegni bancari al portatore), la procedura di ammortamento non è ammessa. Nel caso, quindi, di smarrimento, di sottrazione del titolo o di distruzione non provata, chi ha subito tali eventi e li abbia denunciati all emittente, fornendone la relativa prova, ha diritto alla prestazione solo decorso il termine di prescrizione del titolo. Fino a quando tale termine non sarà integralmente decorso, dunque, il debitore che esegue la prestazione a favore del possessore del titolo è liberato, salvo che si provi che egli conosceva il vizio del possesso del presentatore. Al consolidato regime di circolazione dei titoli di credito nel corso degli anni recenti dirompenti variazioni hanno apportato i fenomeni di dematerializzazione che interessano il comparto dei titoli di massa, a seguito dei quali, come si è già avuto modo di evidenziare, alla circolazione cartacea si sostituiscono sistemi di registrazione elettronica dei trasferimenti. Vedasi in proposito [F_3]. [P_5. La cambiale: caratteristiche generali e funzione] La funzione tipica del titolo di credito all ordine cambiale è quella di differire il pagamento di una somma di denaro attribuendo nel contempo al prenditore la possibilità di monetizzare agevolmente il credito riscosso con il trasferimento del titolo. La cambiale è, quindi, essenzialmente uno strumento di pagamento 18. La cambiale, regolata dal $r.d. 14 dicembre 1933, n. 1669$ (noto come legge cambiaria), è il titolo di credito astratto per eccellenza ed infatti non risulta dal contesto letterale del titolo il motivo per il quale la cambiale è stata emessa. Proprio per questa 18 Sulla cambiale tra gli altri cfr. MARTORANO, I titoli di credito. Lineamenti generali. Cambiale. Assegno bancario e circolare, Napoli, 1970; MARTORANO, Titoli di credito (estratto da Enciclopedia del diritto, XLIV), Milano, 1997; PAVONE LA ROSA, La cambiale, in Trattato di diritto civile e commerciale diretto da Cicu e Messineo, Milano, 1982; PARTESOTTI., I titoli all ordine, in Il codice civile. Commentario diretto da P. Schlesinger; PELLIZZI-PARTESOTTI, Commentario breve alla legislazione sulla cambiale e sugli assegni, Padova, 2004.

8 sua caratteristica la cambiale può essere emessa anche se manca un preesistente debito del traente o dell emittente nei confronti del prenditore 19. La cambiale incorpora la promessa di un soggetto (emittente), ovvero l ordine impartito da un soggetto (traente) ad un altro (trattario) di pagare una determinata somma di denaro ad un determinato soggetto (beneficiario o prenditore): nel primo caso si parlerà di cambiale pagherò o vaglia cambiario; nel secondo di cambiale tratta. Il vaglia cambiario ha la struttura di una promessa di pagamento ed in esso figurano solo due persone: l emittente che promette il pagamento assumendo la veste di obbligato cambiario principale ed il prenditore che è il beneficiario della promessa di pagamento; la cambiale tratta ha la struttura di un ordine di pagamento ed in essa figurano tre persone: il traente che dà l ordine e che garantisce per legge l accettazione ed il pagamento del titolo, il trattario che in quanto destinatario dell ordine diventa obbligato cambiario ed obbligato principale in seguito all accettazione e il prenditore beneficiario dell ordine di pagamento. L emissione di una cambiale tratta si fonda perciò su due distinti rapporti causali: un preesistente rapporto di credito verso il trattario (c.d. rapporto di provvista) ed un preesistente rapporto di debito del traente verso il prenditore (c.d. rapporto di valuta). Con l emissione della tratta il traente utilizza il credito verso il trattario per estinguere il suo debito verso il prenditore 20. La cambiale (tratta e pagherò) è un titolo all ordine che circola mediante girata; è un titolo rigorosamente formale che incorpora di regola una pluralità di obbligazioni autonome tra loro: quelle del traente, dell accettante, dei giranti, dei loro avallanti nella cambiale tratta; quelle dell emittente, dei giranti e dei loro avallanti, nel vaglia cambiario. Gli obbligati cambiari sono obbligati in solido tra loro verso il portatore del titolo, ma sono disposti per gradi e distinti in obbligati diretti ed in obbligati di regresso [F_5.7.]. [P_5.1 Requisiti formali] [CP_5.1.] La cambiale si definisce titolo formale in quanto, ai sensi dell art. 2 della legge cambiaria, tale titolo privo di taluno dei requisiti indicati nell art. 1 della medesima legge 21, salvo eccezioni, non vale come cambiale. Sono requisiti della cambiale: La denominazione di cambiale (per la tratta) o di vaglia cambiario o pagherò; L ordine (per la tratta) o la promessa (per il vaglia) incondizionati di pagare una somma determinata di denaro; L indicazione del trattario (nella tratta) o dell emittente (nel vaglia), completa di dati anagrafici o del codice fiscale 22 ; L indicazione della scadenza, del luogo di pagamento, del soggetto all ordine del quale deve farsi il pagamento, della data e del luogo di emissione. In ordine alla data di scadenza va precisato che essa può esser posta a vista (quando il pagamento della 19 E questo il caso della c.d cambiale di favore in cui l emittente (favorente) risulta obbligato cambiariamente nei confronti del prenditore (favorito), mentre in realtà nulla gli deve. Essa viene rilasciata solo al fine di consentire al prenditore di procurarsi temporaneamente disponibilità di denaro mediante lo sconto della cambiale, pur in mancanza di un rapporto fondamentale. Tale circostanza, tuttavia, resterà comunque inopponibile nei confronti dei portatori del titolo che non abbiano agito scientemente a danno del debitore, trattandosi di eccezione personale. 20 Cfr. CAMPOBASSO, Diritto Commerciale, Vol. 3, Torino, 2003, pp. 270 e ss. 21 Così come modificato dall art. 45 della $L. 12 dicembre 2002, n. 273$, Misure per favorire l iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza. 22 Cosi dopo l entrata in vigore della $L.12 dicembre 2002, n. 273$, Misure per favorire l iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza.

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE

LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE E AVALLO PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE ---------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 L'ACCETTAZIONE

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali 1 Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò Contenuto

Dettagli

LA LEGGE DI CIRCOLAZIONE. I TITOLI AL PORTATORE.

LA LEGGE DI CIRCOLAZIONE. I TITOLI AL PORTATORE. I TITOLI DI CREDITO IN GENERALE (PARTE SECONDA) PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LA LEGGE DI CIRCOLAZIONE. I TITOLI AL PORTATORE. -------------------------------------------------- 3 2 I TITOLI

Dettagli

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Vivere l azienda 2 - Modulo 2 Unità 2 verifiche Soluzioni pag. 1 di 5 SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Gli strumenti cartacei di regolamento VERIFICA VELOCE 1 1. V; 2. F; (denaro contante), 3. V; 4.

Dettagli

TITOLI DI CREDITO. artt. 1992, 1993 e 1994 c.c.

TITOLI DI CREDITO. artt. 1992, 1993 e 1994 c.c. 1 TITOLI DI CREDITO Norme primarie di riferimento: artt. 1992, 1993 e 1994 c.c. [La disciplina unitaria del codice nasce dalla convinzione dell esistenza di una funzione economica caratteristica dei titoli

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario.

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario. I TITOLI DI CREDITO Il titolo di credito: a) conferisce un diritto di credito. b) incorpora un diritto di credito. c) vale quale prova di un contratto stipulato fra le parti. L esecutività è: a) caratteristica

Dettagli

Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art.

Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art. Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art. 1 Alle disposizioni contenute nel codice di commercio concernenti

Dettagli

FUNZIONE E CARATTERI ESSENZIALI DEI TITOLI DI CREDITO

FUNZIONE E CARATTERI ESSENZIALI DEI TITOLI DI CREDITO I TITOLI DI CREDITO IN GENERALE (PARTE PRIMA) PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 PREMESSA ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO PRESTA DENARO MUTUANTE MUTUATARIO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO 1 LA SUA MISURA, RAPPORTATA A 100

Dettagli

D. Promesse unilaterali e titoli di credito.

D. Promesse unilaterali e titoli di credito. D. Promesse unilaterali e titoli di credito. a. Promesse unilaterali. 150. Tipicità o atipicità delle promesse unilaterali. La disciplina degli atti e dei fatti diversi dal contratto comprende: le promesse

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

IL PROCESSO CAMBIARIO. LE ECCEZIONI

IL PROCESSO CAMBIARIO. LE ECCEZIONI AZIONI CAMBIARIE E AZIONI EXTRACAMBIARIE PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LE AZIONI CAMBIARIE ---------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento -

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE - regolamento - SCOPI E FUNZIONAMENTO DELLA SEZIONE Articolo 1 In attuazione dell Articolo 1 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni

Dettagli

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 18 DEL 18 MARZO 2008 Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 (art.

Dettagli

Capitolo V LA CIRCOLAZIONE DELLE AZIONI. Introduzione. La circolazione delle partecipazioni sociali senza titoli. di F.G. Panté

Capitolo V LA CIRCOLAZIONE DELLE AZIONI. Introduzione. La circolazione delle partecipazioni sociali senza titoli. di F.G. Panté Capitolo V LA CIRCOLAZIONE DELLE AZIONI di F.G. Panté SOMMARIO: 5.1 Introduzione. - 5.2 La circolazione delle partecipazioni sociali senza titoli. - 5.3 Circolazione delle azioni rappresentate da certificati

Dettagli

Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali

Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali Indivisibilità = necessaria unità e non frazionabilità dei diritti inerenti all azione effetti sul rapporto tra i comproprietari e la società (per i rapporti

Dettagli

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi

Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi DFA Studio Legale Associato In materia di «titoli di credito» possiamo considerare due macro aree: Paesi di Common

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA Approfondimenti legislativi CAI Centrale d Allarme Interbancaria 1/5 Gli archivi informatici La Banca d Italia, con Regolamento del 29/01/2002, ha completato la normativa

Dettagli

VERIFICA DI FINE MODULO 2

VERIFICA DI FINE MODULO 2 erifica di fine modulo 2 pag. 1 di 6 ERIICA DI INE MODULO 2 Strumenti di regolamento degli scambi commerciali 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Il bonifico bancario viene effettuato per

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

I titoli DI CrEDIto LInEAmEntI GEnErALI DEI titoli DI CrEDIto sommario: 1. 1. GEnErALItà trasferendo il documento diritto in esso incorporato

I titoli DI CrEDIto LInEAmEntI GEnErALI DEI titoli DI CrEDIto sommario: 1. 1. GEnErALItà trasferendo il documento diritto in esso incorporato Parte Quarta I titoli di credito Capitolo Primo Lineamenti generali dei titoli di credito Sommario: 1. Generalità. - 2. Titoli impropri, di legittimazione e atipici. - 3. Eccezioni opponibili dal debitore

Dettagli

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Sezione I - Informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997)

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997) REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997) REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Art.1 Art.2 Art.3 Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l..

CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. COPIA PER IL RICHIEDENTE CONTRATTO DI PRESTITO SOCIALE della Cooperativa Solidarietà Soc. Coop. di Volontariato Sociale a r.l.. Il sottoscritto.............., codice fiscale., nato a......, il / /, domiciliato

Dettagli

Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale.

Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale. Art. 1 Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da soci persone fisiche in conformità all'art. 4 dello Statuto Sociale. Tale raccolta, da impiegare esclusivamente per il conseguimento

Dettagli

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO.

MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. 1 MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO. Fenomeni di mutamento della titolarità delle situazioni giuridiche soggettive facenti capo al rapporto obbligatorio: sub-ingresso di un soggetto nell

Dettagli

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933 TITOLI DI CREDITO - Nominativi (es azioni di società) Trasferimento mediante doppia annotazione (o doppio transfert) Del nome del nuovo possessore sia sul titolo sia sul registro dell emittente (es libro

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.2011 REGOLAMENTO GENERALE SUL REGISTRO DEI PROTESTI PREMESSA Art. 1

Dettagli

CONTRATTO DI CESSIONE CREDITI. Tra. Crescent Italia S.r.l. in persona del legale rappresentante pro-tempore Sig

CONTRATTO DI CESSIONE CREDITI. Tra. Crescent Italia S.r.l. in persona del legale rappresentante pro-tempore Sig CONTRATTO DI CESSIONE CREDITI Tra Crescent Italia S.r.l. in persona del legale rappresentante pro-tempore Sig, con sede in Arezzo Piazzetta Sopra i Ponti 2, partita IVA di seguito anche Parte cessionaria

Dettagli

Intermediari finanziari

Intermediari finanziari il LEGALE Intermediari finanziari È diventato praticamente obbligatorio per tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, dovere intrattenere rapporti con Istituti bancari. Vediamo il perché dell

Dettagli

Indice. 1 I titoli di credito in generale ---------------------------------------------------------------------------- 4

Indice. 1 I titoli di credito in generale ---------------------------------------------------------------------------- 4 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE LEZIONE IX I TITOLI DI CREDITO PROF. VALENTINA SCOGNAMIGLIO Indice 1 I titoli di credito in generale ----------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Impa_assegni_4 31-03-2008 14:46 Page 2 C ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Composite M Y CM MY CY CMY K A S S E G N I : C A M B I A T U T T O INDICE Assegni

Dettagli

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE Informativa n. 11 del 2 aprile 2008 Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE 1 Novità in materia di utilizzo del

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura.

2. Il conto di risparmio cooperativo è nominativo ed intestato al Socio che ne ha richiesto l apertura. Articolo1 (Istituzione del servizio) 1. In esecuzione dell articolo 4, comma 5, punto e) e dell articolo 34 dello Statuto Sociale della Cooperativa Edificatrice Ferruccio Degradi S.c.r.l. viene istituito

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 6 ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 3414 Protestabilità di assegni postali Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 3 luglio 2001 Con D.P.R. 14 marzo 2001, n. 144 (in G.U. n. 94 del 23

Dettagli

ALLEGATO. Indicazione degli atti soggetti ad imposta

ALLEGATO. Indicazione degli atti soggetti ad imposta ALLEGATO TARIFFA (PARTE I) Articolo della tariffa Indicazione degli atti soggetti ad imposta 1. 1. Atti rogati, ricevuti o autenticati da notai o da altri pubblici ufficiali e certificati, estratti di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIE RICEVUTE INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario

Commercial Paper. Definizione e presentazione dello strumento finanziario Commercial Paper Definizione e presentazione dello strumento finanziario L accensione di una commercial paper ( polizza di credito commerciale) consente ad un impresa di ottenere un finanziamento da un

Dettagli

Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell

Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria degli Azionisti del 27 febbraio 2015

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

BERARDINO LIBONATI TITOLI DI CREDITO E STRUMENTI FINANZIARI

BERARDINO LIBONATI TITOLI DI CREDITO E STRUMENTI FINANZIARI BERARDINO LIBONATI TITOLI DI CREDITO E STRUMENTI FINANZIARI MILANO - DOTT. A. GIUFFRE EDITORE - 1999 INDICE Premessa XIII Capitolo I CONSIDERAZIONI GENERALI SUI TITOLI DI CREDITO 1. La disciplina dei titoli

Dettagli

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988)

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988) UNIDROIT ISTITUTO INTERNAZIONALE PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO PRIVATO ============================================================= CONVENZIONE UNIDROIT sul FACTORING INTERNAZIONALE (Ottawa, 26 maggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE. Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE. Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Art. 1) Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci (sia persone fisiche che giuridiche) in conformità all'art. 18 lettera 4 dello

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI PREMESSA Il presente lavoro vuole essere un piccolo riassunto dei principali aspetti che è

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Servizio circolari per la clientela Circolari specialistiche sui temi giuridici. tributari e finanziari. Circolare Gennaio 2008 n 3 Milano, 25 gennaio 2008 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Dal 30/04/2008 cambiano

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012

Università Commerciale Luigi Bocconi. 27 Novembre 2012 Università Commerciale Luigi Bocconi 27 Novembre 2012 1 Indice CESSIONE PRO SOLUTO E PRO SOLVENDO: VANTAGGI E CRITICITA La causa del negozio: cessione a titolo oneroso, cessione solutoria, cessione a scopo

Dettagli

Regolamento per la gestione dei Prestiti Sociali

Regolamento per la gestione dei Prestiti Sociali Regolamento per la gestione dei Prestiti Sociali Art. 1 Scopo Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti da Soci, sia persone fisiche che giuridiche, in conformità all art. 4 dello Statuto

Dettagli

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002

Risoluzione n.279/e. Roma,12 agosto 2002 Risoluzione n.279/e Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,12 agosto 2002 Oggetto: Acquisto pro-soluto credito IVA futuro e compensazione tra debiti tributari ante fallimento e crediti emergenti

Dettagli

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA E PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO L Associazione Bancaria Italiana ed il Consiglio Nazionale del Notariato visto l art. 8 del Dl n. 7/2007, convertito

Dettagli

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE Appunti sul libro Economia della Banca DEFINIZIONI Le forme tecniche di raccolta comprendono il complesso degli strumenti che consentono alla banca

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772

CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 EMISSIONE OBBLIGAZIONARIA CASSA DI RISPARMIO DI CARRARA S.p.A. a Tasso Fisso 2,75% 15/03/04-15/03/08 CODICE ISIN IT0003632772 INDICE Documento di Sintesi. Pag. 2 Regolamento del prestito obbligazionario..

Dettagli

EFFETTI AL DOPO INCASSO Foglio informativo

EFFETTI AL DOPO INCASSO Foglio informativo Informazioni sulla Banca Caratteristiche e rischi tipici del servizio Struttura e funzione economica Con questo servizio la banca cura per conto del Cliente l incasso di effetti, ricevute e documenti presentati.

Dettagli

Modulo 1: Introduzione alla Banca

Modulo 1: Introduzione alla Banca Modulo 1: Introduzione alla Banca dott. Claudio Rossi L attività bancaria La legge 12 marzo 1936 n. 375 (Legge Bancaria) detta disposizioni su la raccolta del risparmio fra il pubblico sotto ogni forma

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO Spettabile Consiglio di Amministrazione del CREDITO VALTELLINESE s.c. Piazza Quadrivio, 8 23100 SONDRIO DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO Il/La sottoscritto/a (1) nato/a il a provincia nazionalità residente/con

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI

STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI 1 REGISTRO DELLE IMPRESE STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI 1/2006 febbraio 2006 www.an.camcom.it 1 2 INDICE PREMESSA... 3 1. SOCIETA PER AZIONI: STRUMENTI FINANZIARI... 3 1.1

Dettagli

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI

APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI APPUNTI DI SECONDA di FABIANA BOLOGNINI Economia aziendale è una disciplina che studia l azienda; è un insieme di persone e di beni con un organizzazione e uno scopo: SODDISFARE I BISOGNI. Le aziende si

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) OLIVIERI Membro designato

Dettagli

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Fabrizio Molteni L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Milano, 25 novembre 2014 1 Inquadramento generale (1/2) Ogni operazione di finanziamento determina normalmente

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Procedura per la comunicazione delle operazioni aventi ad oggetto azioni emesse da Bialetti Industrie S.p.A. o altri strumenti finanziari ad esse

Dettagli

REGOLAMENTO PER I PRESTITI SOCIALI

REGOLAMENTO PER I PRESTITI SOCIALI COOPERATIVA EDIFICATRICE LAVORATORI TONOLLI SOCIETA' COOPERATIVA Sede in Via G. Rotondi, 41/A - 20037 PADERNO DUGNANO (MI) Cod. Fisc. 83002100150 - Partita IVA 00985970961 Lega 1104 REA 877488 Reg. Impr.

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DEL CENTROVENETO Credito Cooperativo S.C. - Longare Via Ponte di Costozza, 12 36023 Longare (VI) Tel.:

Dettagli

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI a cura Giuseppe Demauro La complessa fase di erogazione dei finanziamenti stipulati con le banche, si caratterizza anche per la determinazione dell imposta

Dettagli

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Queste clausole e condizioni generali sono valide esclusivamente tra commercianti 1 Luogo dell adempimento, consegna ed

Dettagli

Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 (Definizioni)

Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 (Definizioni) Testo Decreto Delegato Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali TITOLO I Disposizioni Generali Art. 1 (Definizioni) 1. Ai fini del presente decreto delegato si intendono per: a) Assegno

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA DIPARTIMENTO 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE

COMUNE DELLA SPEZIA DIPARTIMENTO 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNE DELLA SPEZIA DIPARTIMENTO 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 19.7.2004 e Modificato con Deliberazione C.C. n. 10 del 29/03/2007 Modificato

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 07 marzo 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 07 marzo 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 07 marzo 2008 OGGETTO: Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 articolo 49, comma 10 Imposta di bollo su assegni bancari o postali

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno de Carolis Presidente Prof. Avv. Pietro Sirena Prof. Avv. Vincenzo Meli Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato

Dettagli

CODICE CIVILE. Libro Quarto Delle obbligazioni. Titolo III Dei singoli contratti. Capo XVII Dei contratti bancari. Sezione I Dei depositi bancari

CODICE CIVILE. Libro Quarto Delle obbligazioni. Titolo III Dei singoli contratti. Capo XVII Dei contratti bancari. Sezione I Dei depositi bancari CODICE CIVILE Libro Quarto Delle obbligazioni Titolo III Dei singoli contratti Capo XVII Dei contratti bancari Sezione I Dei depositi bancari Depositi di danaro. Art. 1834. Nei depositi di una somma di

Dettagli

Famiglia C o o p e r ativa M e z z o c o r o n a e San Michele all A dige Società C o o p erativa

Famiglia C o o p e r ativa M e z z o c o r o n a e San Michele all A dige Società C o o p erativa REGOLAMENTO DEL PRESTITO DA SOCI Scopi e funzionamento Art. 1. In esecuzione dell'art. 4 dello statuto sociale è istituita una sezione di attività denominata, gestita con apposita contabilità sezionale.

Dettagli

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A Programma di Economia Aziendale Classe 2^A Anno scolastico 2014/2015 Docente COIS ANNA Libro di testo: Telepass + Blu Economia aziendale per il primo biennio Istituti tecnici del settore economico P.Costa

Dettagli