IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO 3 - POLITICHE DEL LAVORO, DELLA FORMAZIONE, SOCIALI, CULTURALI E TURISMO GRANDICELLI MASSIMO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO 3 - POLITICHE DEL LAVORO, DELLA FORMAZIONE, SOCIALI, CULTURALI E TURISMO GRANDICELLI MASSIMO"

Transcript

1 Anno Prop. : 2014 Num. Prop. : 56 Determinazione n. 48 del 15/01/2014 OGGETTO: ANNULLAMENTO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 39 DEL 14/01/2014 AD OGGETTO "DISTRETTO CULTURALE EVOLUTO MARCHE - APPROVAZIONE RIMODULAZIONE DEL PROGETTO PROVINCIALE "CREATTIVITA'" E APPROVAZIONE RIMODULAZIONE DI ALCUNI ALLEGATI TECNICI DEL PROGETTO PROVINCIALE "CREATTIVITA'" AMMESSO A FINANZIAMENTO NELL'APPOSITO BANDO REGIONALE DCE MARCHE IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO 3 - POLITICHE DEL LAVORO, DELLA FORMAZIONE, SOCIALI, CULTURALI E TURISMO GRANDICELLI MASSIMO Vista la determinazione dirigenziale n. 39 del 14/01/2013; Premesso: - che la Regione Marche con Decreto 9/CLT dell 11/02/2013 ha Approvato un apposito avviso pubblico per il finanziamento di progetti territoriali nell ambito del Distretto culturale evoluto Marche, di cui alla DGR 1753/12, esecutiva dei dettami della LR 4/10; - che con la Delibera di Giunta Provinciale n. 129 del 6 giugno 2013 sono state approvate le linee di indirizzo per la costituzione del Distretto Digitale e del Distretto Culturale Evoluto (DCE) nella Provincia di Pesaro e Urbino; - che la Provincia si è pertanto attivata nella consultazione territoriale al fine di costituire un apposito partenariato e definire un proprio progetto da presentare nell ambito dell avviso di cui trattasi; - che con Determina Dirigenziale 1235 del 19/06/2013 si è stabilito di affidare l incarico della predisposizione, attuazione e rendicontazione, del progetto da presentare alla Regione Marche in risposta all avviso pubblico di cui al Decreto 9/CLT già citato ad oggetto L.R. 4/10 DGR 1753/12 Distretto culturale evoluto delle Marche Progetti di interesse regionale - Provincia di Pesaro e Urbino Viale Gramsci, n Pesaro Telefono 0721/3591 Fax 0721/ P.IVA Pag. 1

2 Approvazione avviso pubblico e modulistica nell ambito della collaborazione tra i soggetti componenti la rete del paternariato a TecnoMarche, all Università degli Studi di Urbino nella persona del Dott. Tonino Pencarelli Professore ordinario di economia e gestione delle imprese dell Università di Urbino, e a Sistema Museo per le loro specialistiche competenze e perché in possesso dei requisiti di idoneità morale e professionale; - che con la Delibera di Giunta Provinciale n. 141 del 20/06/2013 è stato approvato il progetto denominato CreATTIVITA per la costituzione del Distretto Culturale Evoluto da presentare appunto alla Regione Marche nell ambito dell apposito avviso pubblico per il finanziamento, nonché gli incarichi di progettazione, attuazione e rendicontazione di cui sopra, i dettagli del progetto risultano pertanto in allegato alla delibera citata cui si rinvia; - che il progetto è stato regolarmente presentato entro i termini previsti dall avviso, 21 giugno 2013, prevedendo un valore complessivo di progetto di Euro ,00 per una richiesta di contributo regionale di Euro ,00; - che la copertura finanziaria necessaria per gli incarichi di cui sopra è stata comunque garantita dalla somma di ,00 messa a disposizione dall Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino al cap esercizio 2013 prenotata al n. 883 con D.G. P. n. 219/2013, riservandosi la definizione della stessa solo nel caso di ottenimento del finanziamento regionale; - che i soggetti all interno della rete del paternariato avranno il compito di mettere a disposizione conoscenze e competenze nelle varie forme, spazi e servizi e impegno per il raggiungimento degli obiettivi strategici; - che alcuni di questi soggetti hanno espresso volontà formale di contribuzione economica al progetto del Distretto Culturale Evoluto della Provincia di Pesaro e Urbino nella misura evidenziata nel prospetto economico del progetto così come allegato alla delibera 141/2013 (mod. 2.2) come da bando; Rilevato che la Regione Marche con Delibera n del 14/10/2013 ha approvato i progetti di interesse regionale selezionati a seguito di avviso pubblico e ha disposto per il progetto CreATTIVITA, presentato dalla Provincia di Pesaro e Urbino, che si è collocato al 6 posto in graduatoria con un punteggio di 78/100, una riduzione del contributo richiesto da ,00 ad ,00, rispetto a quanto ipotizzato in sede di redazione progettuale; Visto il decreto della Regione Marche n. 392 del 19/12/2013 che stabilisce che per i progetti ammessi a cofinanziamento con DGR 1426/13 con misura del concorso finanziario regionale inferiore a quella richiesta, è consentita in sede di avvio del progetto una rimodulazione Provincia di Pesaro e Urbino Viale Gramsci, n Pesaro Telefono 0721/3591 Fax 0721/ P.IVA Pag. 2

3 finanziaria in riduzione rispetto al costo totale del progetto presentato in sede di bando in misura strettamente necessaria e proporzionale alla riduzione del contributo assegnato, e nel rispetto delle quote di cofinanziamento del partenariato e dell ammontare minimo del costo di progetto, come da criteri fissati dall avviso pubblico approvato con DDS CLT 9/13, rimodulazione da comunicare alla PF Cultura della Regione Marche entro il 15/01/2014 mediante trasmissione all indirizzo PEC di ogni parte della modulistica di progetto eventualmente sottoposta a modifica. Considerato quindi che a seguito della riduzione del contributo regionale al progetto CreAttività capofila la Provincia di Pesaro e Urbino, si rende necessario rimodulare il progetto stesso in alcuni dei suoi allegati tecnici a fronte delle minori entrate regionali e ad una nuova situazione relativa alla rete del partenariato che ha visto in qualche caso una diminuzione dell apporto finanziario a suo tempo indicato motivata dalle gravi contingenze del mercato e della crisi economica, in parte compensate da nuove adesioni di soggetti pubblici e privati interessati al progetto e cercando comunque di mantenere invariata l efficacia prevista dai contenuti e dalle finalità di progetto e le positive ricadute territoriali stimate. Dato atto: - che in particolare il progetto si arricchisce dell apporto di n. 3 soggetti attuatori così individuati: FormaConf interessato all asse n. 2 Integrazione innovativa di operatori delle filiere turistiche, culturali, tecnologiche e della comunicazione nell ottica della attrattività e dello sviluppo e del marketing territoriale Culturale e Turistico in collaborazione con Sistema Museo. Il suddetto soggetto attuatore conferisce oltre all apporto in termini di risorse umane e tecnologiche pari a 2, ,00 di apporto finanziario; ConfCommercio interessato all asse n. 2 Integrazione innovativa di operatori delle filiere turistiche, culturali, tecnologiche e della comunicazione nell ottica della attrattività e dello sviluppo e del marketing territoriale Culturale e Turistico in collaborazione con Sistema Museo. Tale soggetto atturatore ospiterà un borsista presso la sua struttura; CSV (Convento Santa Vittoria) interessato all asse n. 2 Integrazione innovativa di operatori delle filiere turistiche, culturali, tecnologiche e della comunicazione nell ottica della attrattività e dello sviluppo e del marketing territoriale Culturale e Turistico e all asse n. 4 Le imprese innovative e le imprese manifatturiere creative si Provincia di Pesaro e Urbino Viale Gramsci, n Pesaro Telefono 0721/3591 Fax 0721/ P.IVA Pag. 3

4 occuperà in particolare del recupero di strutture ricettive dotate di tecnologie per il risparmio energetico e delle utenze dei servizi con possibilità di controllo a distanza. Per tale attività ha dichiarato la propria disponibilità ad impegnare le risorse per personale, servizi, per complessivi 2 dei quali la Provincia ha acquisito le relative schede di adesione che sono dunque agli atti presso l Ente; - che i soggetti componenti ad oggi la rete del partenariato e i rispettivi assi di interesse sul progetto risultano dallo schema allegato al presente atto (Allegato A) che sostituisce dunque il punto 2 Partenariato del progetto di cui all avviso pubblico; - che tra questi sono stati evidenziati i soggetti che hanno espresso volontà formale di contribuzione economica al progetto del Distretto Culturale Evoluto della Provincia di Pesaro e Urbino denominandoli nell apposita colonna finanziatori ; - che nello stesso schema, sono indicati anche i soggetti attuatori, cioè coloro che all interno del progetto avranno il compito di apportare importanti risorse per la realizzazione del progetto stesso e garantire l impegno al raggiungimento degli obiettivi strategici e degli obiettivi del singolo asse cui il soggetto attuatore è preposto. Tali soggetti sono chiamati quindi alla messa a disposizione di conoscenze e competenze nelle varie forme e in taluni casi alla messa a disposizione di spazi, servizi per il regolare funzionamento dello stesso ed eventualmente anche ad una compartecipazione finanziaria; - che oltre ai soggetti finanziatori ed ai soggetti attuatori nello schema allegato risultano altresì i soggetti partner sostenitori che hanno manifestato la volontà di aderire al progetto attraverso l apporto di servizi, conoscenze e competenze per il raggiungimento degli obiettivi strategici previsti. Per questi non si prevede una compartecipazione finanziaria; - che è necessario per quanto sopra indicato rimodulare anche il business plan del progetto CreATTIVITA e lo stesso nella nuova versione risulta all allegato B al presente atto che sostituisce dunque il punto 8 Note al Business plan e Business Plan dell allegato 2 di cui all avviso pubblico; - che è altresì necessario rimodulare il diagramma di Gantt come da allegato E al presente atto che sostituisce dunque il punto 2.3 dell allegato 2 di cui all avviso pubblico Dato altresì atto: - che per congruità dei dati tecnici di progetto si rende necessario aggiornate sia l elenco delle spese ammissibili di cui all allegato 2.1 dell avviso pubblico e l elenco delle spese per soggetti Provincia di Pesaro e Urbino Viale Gramsci, n Pesaro Telefono 0721/3591 Fax 0721/ P.IVA Pag. 4

5 partner di cui all allegato 2.2 dell avviso pubblico e gli stessi, nella versione derivante dalla rimodulazione apportata risultano in allegato al presente atto rispettivamente allegato C e allegato D; Ritenuto pertanto di annullare la determina n. 39 del 14/01/2013 avendo rilevato che non sono stati acclusi gli allegati tecnici da rimodulare a seguito di minori entrate regionali; Ritenuto altresì di procedere all approvazione della rimodulazione di alcuni allegati tecnici del progetto provinciale CreATTIVITA ammesso a finanziamento dalla Regione nell ambuito dell apposito bando a seguito della concessione di un contributo minore rispetto al previsto così come segue: Allegato A Partenariato del progetto che sostituisce il punto 2 dell allegato 2 dell avviso pubblico; Allegato B Business plan che sostituisce il punto 8 dell allegato 2 dell avviso pubblico; Allegato C Elenco spese ammissibili che sostituisce il punto 2.1 dell avviso pubblico; Allegato D Elenco spese soggetti partner che sostituisce il punto 2.2 dell avviso pubblico Allegato E Diagramma di Gantt che sostituisce il punto 2.3 dell avviso pubblico quali parti integranti e sostanziali del presente atto; Per quanto sopra esposto: Vista la delibera della Giunta Provinciale n. 167 del 18/07/2013 di approvazione del Piano Esecutivo di Gestione 2011/2013 ai sensi dell'art. 169 del D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli Enti Locali. Visto il D. Lgs. 267/2000 Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli Enti Locali, ed in particolare: - l articolo 107 concernente le funzioni e le responsabilità dei Dirigenti; - l articolo 147 bis in ordine al controllo preventivo di regolarità amministrativa; Visto l allegato parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica di cui all art. 147 bis, comma 1 del D.Lgs. 267/2000, come introdotto dall art. 3 comma 1 del Decreto Legge , n DETERMINA 1) di annullare la determinazione dirigenziale n. 39 del 14/01/2014; 2) di procedere ad la rimodulazione di alcuni degli allegati tecnici del progetto CreATTIVITA a seguito delle minori entrate regionali di cui al relativo avviso pubblico DCE Marche come evidenziato in premessa: Provincia di Pesaro e Urbino Viale Gramsci, n Pesaro Telefono 0721/3591 Fax 0721/ P.IVA Pag. 5

6 Allegato A Partenariato del progetto che sostituisce il punto 2 dell allegato 2 dell avviso pubblico; Allegato B Business plan che sostituisce il punto 8 dell allegato 2 dell avviso pubblico; Allegato C Elenco spese ammissibili che sostituisce il punto 2.1 dell avviso pubblico; Allegato D Elenco spese soggetti partner che sostituisce il punto 2.2 dell avviso pubblico Allegato E Di agramma di Gantt che sostituisce il punto 2.3 dell avviso pubblico quali parti integranti e sostanziali del presente atto; 3) di dare atto che i documenti attestanti le nuove adesioni dei soggetti attuatori nonché gli apporti economici dei soggetti finanziatori sono stati acquisiti da questo Ente e ivi depositate; 4) di demandare a successivi provvedimenti per l assunzione del relativo impegno di spesa finalizzati all attivazione del progetto CreATTIVITA, nonché all apposita Associazione Temporanea di Scopo per disciplinare i rapporti tra il soggetto capofila ed i soggetti attuatori; 5) di rappresentare che il responsabile del procedimento, ai sensi dell art. 5, 1 comma, della Legge 241/90 è il sottoscritto e che gli atti concernenti la presente fattispecie possono essere visionati presso l Ufficio 3.2; 6) della presente determinazione viene data comunicazione alla alla PF Cultura della Regione Marche mediante trasmissione all indirizzo PEC mentre l originale viene trasmesso al competente Ufficio; 7) di rappresentare, ai sensi dell'art. 3, comma 4 della L. 241/1990, che avverso il presente atto è possibile, ai sensi dell'art. 29 del Codice del processo amministrativo di cui al D.Lgs. n. 104/2010, proporre, innanzi al TAR Marche, nel termine di decadenza di sessanta giorni, azione di annullamento per violazione di legge, incompetenza ed eccesso di potere; contro il medesimo atto è ammessa altresì, entro centoventi giorni, la presentazione del ricorso straordinario al Capo dello Stato ai sensi del D.P.R. n. 1199/1971 Il Dirigente GRANDICELLI MASSIMO (Sottoscritto con firma digitale) Provincia di Pesaro e Urbino Viale Gramsci, n Pesaro Telefono 0721/3591 Fax 0721/ P.IVA Pag. 6

7 PARERE DI REGOLARITA TECNICA OGGETTO: ANNULLAMENTO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 39 DEL 14/01/2014 AD OGGETTO "DISTRETTO CULTURALE EVOLUTO MARCHE - APPROVAZIONE RIMODULAZIONE DEL PROGETTO PROVINCIALE "CREATTIVITA'" E APPROVAZIONE RIMODULAZIONE DI ALCUNI ALLEGATI TECNICI DEL PROGETTO PROVINCIALE "CREATTIVITA'" AMMESSO A FINANZIAMENTO NELL'APPOSITO BANDO REGIONALE DCE MARCHE PROPOSTA DI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE: 56 / 2014 ====================================================================== Ai sensi dell art. 147 bis, comma 1 del D. Lgs. 267/2000, si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica della proposta di determinazione, attestando la regolarità e la correttezza dell azione amministrativa Pesaro, lì 15/01/2014 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO GRANDICELLI MASSIMO (Sottoscritto con firma elettronica) Dichiarazione da sottoscrivere in caso di rilascio di copia cartacea Il sottoscritto...in qualità di. funzionario/p.o./dirigente della Provincia di Pesaro e Urbino ATTESTA, ai sensi e per gli effetti di cui all articolo 23 del D.Lgs. 82/2005, che la presente copia cartacea è conforme all originale della determinazione n... del...firmata digitalmente comprensiva di n... allegati, e consta di n...pagine complessive, documenti tutti conservati presso questo Ente ai sensi di legge. Si rilascia per gli usi consentiti dalla legge Pesaro, / / Firma -- TIMBRO Provincia di Pesaro e Urbino Viale Gramsci, n Pesaro Telefono 0721/3591 Fax 0721/ P.IVA Pag. 7

8 2. PARTENARIATO DEL PROGETTO (cfr. sezione 2 della Guida) L Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino ha nelle scelte strategiche di progetto optato ad un sistema di divulgazione e di promozione del processo di costruzione del partenariato particolarmente inclusivo. Tale processo si è concretizzato in numerosi incontri di presentazione del progetto a vari soggetti, a volte eterogenei sia per tipologia di attività svolta che per natura e funzione svolta sul territorio. Inoltre, attraverso un bando pubblico, ha informato direttamente Enti Pubblici territoriali e tutti i soggetti potenzialmente interessati ad intervenire attraverso l adesione formale al progetto. Il bando conteneva scheda informativa dell intervento e le modalità e tipologia di adesione in qualità. Tale attività ha creato un primo e interessate risultato che è stato quello di mettere a confronto diversi settori di attività da cui provenivano i vari soggetti aderenti al partenariato con le loro istanze (portatori di domanda). Così argomenti che a volte potevano sembrare molto diversi, nei tavoli di confronto sono risultati poi congruenti e coincidenti per strumenti e/o processi. Il partenariato che ha formalizzato interesse al progetto risulta dallo schema sottostante; nello stesso sono stati indicati ed evidenziati anche gli Assi su cui gli stessi hanno espresso (mediante progetto indicato nella scheda di adesione) richiesta di attività (offerta/domanda). Tra questi sono stati evidenziati i soggetti che hanno espresso volontà formale di contribuzione economica al progetto del Distretto Culturale Evoluto della Provincia di Pesaro e Urbino. (finanziatori) Sono stati indicati, nella stessa tabella, anche i soggetti attuatori, cioè coloro che all interno del progetto avranno il compito di apportare importanti risorse per la realizzazione del progetto e garantire l impegno al raggiungimento degli obiettivi strategici. Tali soggetti sono chiamati quindi alla messa a disposizione di conoscenze e competenze nelle varie forme e in taluni casi alla messa a disposizione di spazi, servizi per il regolare funzionamento dello stesso.

9 Portatore di interesse su asse Attuatore/ PARTNER Finanziatore/Pa tipo soggetto Asse A Asse B Asse C Asse D rtner Amminstrazione Provinciale di Pesaro e Urbino pubblico Asse A Asse B Asse C Asse D Attuatore Web solute Privato Asse C Asse D Attuatore Tecnomarche Privato Asse C Asse D Attuatore Convento Santa Vittoria Privato Asse B Asse C Asse C Attuatore Sistema Museo pubblico Asse A Asse B Asse C Attuatore Cosmob Privato Asse C Asse D Attuatore Pluservice Privato Asse C Asse D Attuatore Formaconf Privato Asse B Asse C Asse C Asse D Attuatore Confcommercio Privato Asse B Asse C Asse C Asse D Attuatore Redseed Privato Asse C Asse D Partner Biblioteca Archivio Bobbato pubblico Asse A Asse B Asse C Partner Comune Vallefoglia Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore ARCI PS associazione Asse B Asse C finanziatore LIS Laboratorio Idee Sostenibilità Privato Asse A Asse C Partner Museo del Balì fondazione Asse A Asse B Asse C finanziatore Etra tra Arte e Educazione Privato Asse A Asse C Partner Comune Apecchio Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Antonio di Carpegna Privato Asse A Asse B Partner Comune Sant'Ippolito Comune Asse A Asse B Asse C Partner Comune Frontone Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Comune Monteciccardo Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Comune Carpegna Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Confindustria associazione Asse A Asse B Asse C Asse D Partner Comune Fratte Rosa Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore PiQuadro Privato Asse A Asse B Asse C Asse D Partner Ente Olivieri Ente Asse A Asse B Asse C finanziatore Comune Montegrimano Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Comune Pesaro Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Comune Mondavio Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Comune Barchi Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Comune Orciano di Pesaro Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Comune Piagge Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Comune San Giorgio di Pesaro Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Comune Serra Sant'Abbondio Comune Asse A Asse B Asse C Partner Università di Urbino Ente Asse A Asse B Asse C Asse D Partner Comune Acqualagna Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Pitinum Thermae srl Privato Asse B Asse C Partner Hotel Thermae srl Privato Asse B Asse C Partner

10 Cristini Giuseppe Privato Asse A Asse B Asse C finanziatore ERSU di URBINO Ente Asse A Asse B Asse C finanziatore Urbino International Centre Ente Asse A Asse B Asse C Partner Tuquitour Privato Asse B finanziatore Comune Urbino Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Divagando di Davide Barbadoro Privato Asse A Asse B Asse C Partner Comune Mombaroccio Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Comunità Montana del Catria e Nerone comunità m Asse A Asse B Asse C finanziatore Comunità Montana Alto e Medio M comunità m Asse A Asse B Asse C Partner T&C Srl Privato Asse B Partner Confartigianato Imprese associazione Asse B Asse C Asse D Partner Società artigiana vasai Privato Asse B Asse C Partner Riserva naturale statale Gola del Furlo Ente Asse A Asse B Asse C finanziatore Mondo Viaggi Privato Asse B Asse C finanziatore Fondazione Rossini fondazione Asse A Asse B Asse C finanziatore Associazione Apecchio Città della Birra associazione Asse B Asse C finanziatore Birra Amarcord Privato Asse B finanziatore Fabbrica della birra Tenute collesi Privato Asse B Asse C finanziatore CNA associazione Asse B Asse C Asse D Partner Comunità Montana del Montefeltro comunità m Asse A Asse B Asse C Partner ISIA Ente Asse A Asse B Asse C Asse D Partner Coldiretti associazione Asse B Asse C Partner Comune di Cantiano Comune Asse A Asse B Asse C finanziatore Ente Parco Naturale del Sasso Simone e Simoncello Ente Asse A Asse B Asse C finanziatore CTTS Centro Territoriale Turismo Sostenibile Privato Asse B Asse C Asse D Partner Habitiamo Privato Asse C Asse D Partner Cartingegneria del software Privato Asse A Asse B Asse C Asse D Partner Confapi associazione Asse B Asse C Asse D Partner Ami Azienda Trasporto Pubblico Locale Privato Asse B Asse C Asse D finanziatore DMM Privato Asse C Asse D finanziatore Biesse Privato Asse C Asse D finanziatore Omnia Comunicazione Privato Asse B Asse C Asse D partner Ente Parco Naturale Monte San Bartolo Ente Asse A Asse B Asse C finanziatore Comune di Fano Ente Asse A Asse B Asse C Partner Warehouse Privato Asse A Asse B Asse C Partner Comune di Gabicce Mare Ente Asse A Asse B Asse C Finanziatore Comune di Pergola Ente Asse A Asse B Asse C Finanziatore Comune di Fossombrone Ente Asse A Asse B Asse C Finanziatore Comune di Sant Angelo in Vado Ente Asse A Asse B Asse C Finanziatore Comune di Peglio Ente Asse A Asse B Asse C Finanziatore Comune di Mercatello sul Ente Asse A Asse B Asse C Finanziatore

11 Metauro Comune di Urbania Ente Asse A Asse B Asse C Finanziatore ApaHotel Privato Asse A Asse B Asse C Finanziatore Artigianato Metaurense Associazione Asse A Asse B Asse C Finanziatore ACLI provinciali Associazione Asse A Asse B Asse C Finanziatore Le dinamiche di rapporto tra i soggetti componenti il partenariato sanno regolate e normalizzate nella prima fase di gestione del progetto dall Amministrazione Provinciale (nella figura del Presidente o del Dirigente del Servizio Politiche del Lavoro, della Formazione, Sociali, Cultura e Turismo) che ne avrà compito di responsabilità e di governo strategico complessivo. Tale processo di responsabilità rimarrà in capo all Ente fino alla fine del progetto e potrà in fase attuativa essere rappresentato dalla costituzione di una ATS (vedi paragrafo Governance) All interno del partenariato e in particolare per ciascun Asse di intervento verrà nominato tra i soggetti Attuatori un responsabile di Asse (R/A) che avrà il compito di armonizzare quanto più possibile le istanze di richiesta cercando di interpretare al meglio gli obiettivi dei singoli partner, fornendo al tempo stesso una prima attività di supporto-consulenziale attraverso risposte e approfondimenti relativi anche ai tempi e le modalità di rilascio (out put) da parte dell incubatore. Tra i soggetti Attuatori o tra i responsabili di Asse verrà nominato un Responsabile di Progetto (R/DCE) per la gestione ordinaria dei processi di relazione e di comunicazione con l Amministrazione Provinciale. L Amministrazione avrà il compito di informare e comunicare, attraverso una segreteria e (in capo al servizio sopra citato, ma che potrà essere operativamente demandata ad uno o più soggetti attuatori) a tutti i soggetti del partenariato tutte le attività e le iniziative che verranno intraprese. Durante la fase di avvio del progetto e nei suoi passaggi strategici per tutto l arco di attività il DCE ha predisposto come meglio indicato nell apposito paragrafo (Comunicazione) un ufficio stampa e l adozione di una serie di strumenti di comunicazione e disseminazione per informare contemporaneamente partener e la collettività, sollecitando nuove e potenziali adesioni per l allargamento del partenariato. La condivisione degli obiettivi attraverso la realizzazione del progetto sono gli elementi che porteranno alla costruzione e alla messa a punto del piano operativo di azione del distretto. Questo vedrà il contributo di tutti i soggetti (partner) nel rispetto delle competenze e delle conoscenze, sollecitando aggregazioni e alleanze per la costruzione di una massa critica di esperienze, che siano motore e propulsore per una attività concreta di nuovi processi di sviluppo per tutta la comunità e il tessuto imprenditoriale e sociale. Un processo virtuoso che possa sollecitare equilibri tra soggetti omogenei ed eterogenei accomunati non solo dalle istanze comuni ma da prospettive di soluzioni condivise e di crescita attraverso l opportunità che tale aggregato di risorse può complessivamente realizzare.

12 Di seguito le schede di presentazione dei soggetti Attuatori CV - TECNOMARCHE S.C.A.R.L Parco Scientifico e Tecnologico delle Marche. Storia La società TecnoMarche Parco Scientifico e Tecnologico delle Marche si è costituita il 23 luglio 1992 per iniziativa della Federazione Regionale degli Industriali e della Finanziaria Regionale delle Marche. La struttura nel corso degli anni ha qualificato il proprio oggetto sociale che ed oltre all iniziale caratterizzazione ha assunto la valenza Organismo di Ricerca (2006/C 323/01). Attività Progetti autonomi di Ricerca e Sviluppo Commesse di Ricerca e Sviluppo Servizi Tecnologici Standard Progetti di Innovazione e Trasferimento Tecnologico Formazione Avanzata Progetti di sviluppo dei territori Strutture e laboratori Presso il PST Marche sono attivi: 1. il Laboratorio di Ricerca Industriale per il Manifatturiero, accreditato dal MinisteroUniversità e Ricerca, ed articolato nelle unità: 1. ET_LAB Unità Elettronica e Nuove Tecnologie; 2. IT_LAB Unità Information & Communication Technology; 3. P3_LAB Unità Progettazione, Processi e Produzione 1. il Material Point, centro espositivo sui nuovi materiali realizzato in collaborazione con la Camera di Commercio di Macerat, ed attualmente operativo in Macerata. Recentemente è stata insediata una ulteriore struttura anche a Porto S. Elpidio in collaborazione con la Provincia di Fermo. L infrastruttura sostiene l incontro tra domanda e offerta di materiali e tecnologie innovative, destinato ad imprese, a designer e a studi di progettazione, nonché alle Università, alle Scuole e agli studenti interessati a promuovere e sviluppare innovazione di prodotto e all aggiornamento sui materiali innovativi e sui loro possibili impieghi. Domini principali di intervento tecnologico: Domotica ed Ambient Assisted Living Piattaforme digitali per la valorizzazione delle produzioni Made in Italy Nuovi prodotti da materiali innovativi e nuovi processi produttivi Settori target Manifatturiero (calzaturiero, tessile, mobiliero, meccanico, stampi, cantieristica navale, avionica) Informatica e Elettronica Imprese creative Start up Risorse Umane

13 Nel Laboratorio operano attualmente circa 25 progettisti ricercatori, aventi principalmente lauree in ambito tecnologico e scientifico. Negli ultimi tre anni il Laboratorio ha coinvolto un numero complessivo di circa 70 progettisti / ricercatori, contribuendo ad innescare percorsi lavorativi nelle PMI attraverso progetti di ricerca di circa 200 giovani tecnologi. Rapporti con le Imprese Negli ultimi 7 anni sono stati sviluppati rapporti con oltre 700 imprese regionali, principalmente Piccole e Medie Imprese. Le attività progettuali sono state sviluppate per oltre 70 progetti di Ricerca e Innovazione per quasi 100 Milioni di Euro di investimenti delle imprese coinvolte

14 Sistema Museo è una Società Cooperativa che si occupa dal 1990 di fornire servizi e competenze specializzate per la gestione e la valorizzazione di musei e beni culturali. L esperienza dell azienda si è fortemente consolidata nel tempo attraverso una politica costante di formazione ed aggiornamento del personale e lo sviluppo di numerosi interventi, con una professionalità che oggi le consente di garantire servizi per oltre 170 sedi tra musei, monumenti, aree archeologiche, parchi ambientali, teatri, biblioteche, archivi, uffici turistici ed esposizioni temporanee in 11 regioni italiane. Oltre alla fornitura di servizi museali di base, tra le principali attività dell azienda spiccano la progettazione di servizi educativi e progetti per il turismo scolastico, la gestione di bookshop, la comunicazione, la realizzazione di audioguide e videoguide, la formazione professionale, la realizzazione di progetti complessi di valorizzazione e di produzione culturale. Per motivi di sintesi non ci è possibile in questa sede fornire un elenco puntuale ed organico delle gestioni e delle attività in essere; queste informazioni possono facilmente essere reperite nel sito internet Distribuzione attività per Regione nel triennio 2009/2012 La società ha una sede operativa nella provincia di Pesaro e Urbino dal 1999 ed è attiva in diversi comuni del territorio con progetti di gestione e di valorizzazione del patrimonio culturale. Collabora con l Amministrazione Provinciale dal 1999 attraverso progetti e appalti nei settori Cultura-turismo e marketing territoriale.

15 COSMOB Il COSMOB è un Centro Tecnologico per il settore legno-arredo, la nostra missione, da oltre 25 anni, è quella di aiutare le aziende ad aumentare il valore tecnico - prestazionale dei propri prodotti. Il supporto fornito dai nostri esperti si sviluppa a 360 intorno alle necessità delle imprese ed ai 20 anni d esperienza del Laboratorio Tecnologico per la Qualità, con servizi che vanno dalla formazione tecnica del personale, la definizione delle specifiche tecniche, la progettazione e la prototipazione di un prodotto, al controllo della produzione e dei fornitori, la certificazione di materiali, prodotti e processi, fino ad arrivare alla fase di comunicazione e di vendita in cui le assistono nel comunicare tutto il valore aggiunto dei loro prodotti grazie agli sforzi tecnico-economici fatti. Inoltre nostro centro si occupa anche di supportare le aziende nei loro processi d'innovazione tecnologica, facendosi promotore di progetti di ricerca e sviluppo all'avanguardia in partnership con i principali centri tecnologici, enti di ricerca ed università italiani ed europei. Grazie al forte legame del COSMOB sia con il mondo della ricerca che con quello imprenditoriale, i nostri progetti riescono a produrre un innovazione pragmatica e tangibile nel mercato grazie ad un rapido trasferimento del sapere dal ricercatore all'imprenditore. Consapevoli dell'importanza del mercato del sapere, sempre più globale, qui al COSMOB da oltre 15 anni partecipiamo a progetti di cooperazione internazionale ai massimi livelli, oltre che ai tavoli per l'internazionalizzazione della Regione Marche, con lo scopo, tramite il trasferimento di tecnologie e sapere, di aprire la strada alle aziende italiane verso i paesi di maggiore interesse della comunità internazionale. Fondamentali anche i rapporti con le reti di ricerca, sviluppo e cooperazione a livello europeo come la Rete d'innovazione per il settore legno - arredo Innovawood e l'enterprise Europe Network ed a livello internazionale, come la Rete di Servizi Tecnologici Brasiliana RST. Nel ambito della formazione delle risorse umane il COSMOB promuove, tramite la Scuola di Alta Formazione, corsi di formazione dedicati a diplomati, laureati e professionisti che desiderano qualificare le proprie capacità, in particolare nel ambito del design e della progettazione informatizzata. Fiore all'occhiello dei progetti formativi del nostro centro il Master in Product Design, che da 14 anni unisce la tradizione del Made in Italy alla cura dei requisiti di sicurezza, le

16 qualità prestazionali e la cura dell'ergonomia, formando progettisti in grado di creare prodotti ad alto valore aggiunto. Ogni giorno, personale altamente qualificato, pensa, studia e progetta servizi ed attività innovative per assistere al meglio i nostri clienti nei loro percorsi di crescita personale, professionale ed aziendale. I Soci Costituito nel gennaio 1984 come società consortile per azioni pubblico-privata, il COSMOB annovera fra i propri soci, più di 200 aziende (produttori di mobili, di semilavorati e di componenti e costruttori di macchine per la lavorazione del legno), inoltre soci del COSMOB sono: Regione Marche Provincia di Pesaro-Urbino Comune di Pesaro Comune di Fano Comune di Sant'Angelo in Lizzola Camera di Commercio di Pesaro e Urbino Svim - Sviluppo Marche CNA Confindustria Pesaro Urbino API CCGIA Federlegno

17 WEBSOLUTE BUILDING WEBLIFE - COMPANY PROFILE Websolute è una agenzia digitale fondata nel 2001, è composta da 10 dipartimenti, più di 25 profili di competenza professionale, 87 persone di esperienza e un infinita passion per il mondo digitale. Di cosa ci oppupiamo Digital Strategy : Digital Strategy, Perpetual Beta Project Management: Project Management, Accounting, Customer Assistance Interaction Design: User Experience, Web Design, Mobile Web Engineering: Web site development, Multi-site Management, ERP Integration Mobile Engineering: Mobile sites, Web App, Iphone & Ipad Digital Marketing: Search Engine Marketing, Web & Mobile ADV, Analytics, Leads generation, A/B Testing, marketing, Web Monitoring Content Production : Webcast and Video production, Web Copywriting, Article Marketing Platforms: BOM, Newsletter Manager 4.0, Web TV, Digital Signage, C-Netic, Digital presenter, Data Center Social Media: Social media Strategy, Social media marketing, Social media management, Community management E-commerce: Strategy&Consultancy, E-shop management, Outsoursing management Company Portfolio websolute segue più di 200 aziende clienti leader nei loro settori sul mercato italiano e fortemente attivi nei mercati globali spaziando nei più diversi settori: Communities&Associations, Fashion&Beauty, Food&Beverage, Furniture, Health Care, Information Technology, Manufacturing.

18 PLUSERVICE Profilo dell azienda Pluservice é una azienda attiva nelle soluzioni ITS (Intelligent Transport System) per il settore della mobilità pubblica da oltre 25 anni. Più di 250 aziende di trasporto usano le soluzioni Pluservice per la gestione dei processi aziendali, turnazione di mezzi e personale, bigliettazione, monitoraggio dei mezzi, infomobilità, manutenzione dei mezzi, servizi flessibili, contabilità, controllo di gestione, etc.. Molte aziende di trasporto, ma anche granzi città (Roma, Milano, Firenze) e intere regioni (Marche, Toscana, Sardegna) utilizzano oggi i sistemi di Infomobilità (Web, Smartphone, Monitors, DTV) con l obiettivo di informare i cittadini ed i turisti sull offerta di mobilità pubblica presente nel territorio, attraverso sistemi di Travel Planning dinamici in grado di collegare i differenti punti del territorio mediante l utilizzo di mezzi pubblici, anche in maniera intermodale (bus, treni, metro, bike sharing,etc..) Pluservice si distingue anche nel settore dei parcheggi, con soluzioni per il pagamento della sosta attraverso l utilizzo di telefoni e smartphone, e nel settore della Green Mobility, con soluzioni integrate per la gestione dei veicoli elettrici (prenotazione, monitoraggio, ricarica, manutenzione, bigliettazione) La piattaforma MyCicero MyCicero concepito e sviluppato da PluService - è una piattaforma tecnologica multicanale (un app per smartphone, un portale web e totem touch interattivi) e interoperabile che accompagna lo sviluppo del territorio smart. E il luogo di un dialogo dinamico e trasversale tra gli stakeholders, è il progetto di sviluppo integrato e sostenibile della community territoriale. Attraverso tale piattaforma è possibile scoprire il territorio, assaporare l offerta turistica, culturale e commerciale. Ogni soggetto della community è parte attiva, permettendo di trasformare le proprie esigenze in opportunità per altri. Informazione aggiornate in tempo reale, mobilità pubblica e privata, sosta e parcheggi, servizi comunali, cultura-eventi-spettacoli, itinerari e tour personalizzati, MyCicero è l informazione locale in tempo. L affidabilità e la certificazione del dato sono garantiti da fonti certe di tipo istituzionale; i punti di interesse sono georeferenziati. MyCicero favorisce la conoscenza, l accesso e la fruizione delle città, del paesaggio, del patrimonio culturalenaturalistico-enogastronomico; attiva politiche di servizio custom relativamente a mobilità, pacchetti turistici, promozioni anche con politiche di co-marketing, progettate sulle opportunità dei territori per un offerta orizzontale ai cittadini residenti e turisti ospiti. CSV

19 Con l'obiettivo d'intraprendere attività volte alla riqualificazione del contenitore Convento Santa Vittoria, nel 2010 è stata costituita la Società Cooperativa Convento Santa Vittoria, con la finalità di realizzare all'interno del complesso un Centro Territoriale per il Turismo Sostenibile (CTTS) impegnato su vari settori di sviluppo, come: - ricettività e centro di degustazione di prodotti tipici - animazione di eventi artistici e culturali - organizzazione di corsi di formazione professionale - offerta di pacchetti turistici legati alle tipicità del territorio - azioni di marketing e management La Cooperativa Convento Santa Vittoria si configura come una società di gestione generale che garantisce l'unitarietà del progetto integrato di riqualificazione. I criteri di progetto che hanno ispirato il recupero del Convento Santa Vittoria sono basati sull efficienza energetica, impiego di materiali naturali e accurata ricerca di equilibrio ambientale. Nodo e risorsa del progetto è costituito dal Convento Santa Vittoria struttura che, una volta qualificata, sarà in grado di ospitare turisti interessati ad esperienze attive ed innovative, alla riscoperta della cucina tradizionale autentica e sostenibile, studenti e partecipanti a percorsi tematici ispirati a progetti culturali connessi alla green-economy, all integrazione sociale, all intercultura, all apprendimento delle lingue secondo formule già ampiamente sperimentate all estero, in grado di coinvolgere attivamente, anche sotto il profilo economico, la comunità locale. Obiettivo del progetto, infatti, è organizzare e promuovere una rete di servizi turistici che abbia nel Convento Santa Vittoria il suo polo principale. La struttura si propone come polo principale di una rete dove la promozione turistica è integrata con altri servizi: dalla degustazione gastronomica all organizzazione convegnistica e di formazione, dai percorsi ambientali alle iniziative storico culturali e gli eventi ricreativi. Questo consentirà di differenziarsi dalla offerta tradizionale di ricettività e di ristorazione, facendo leva sulla valorizzazione delle tipicità del territorio, intese sia come prodotti della terra e dell enogastronomia, sia come offerte dell artigianato artistico e della manifattura locale, capaci di incorporare e rappresentare la sintesi dell intelligenza imprenditoriale locale. FORMACONF

20 FORMACONF, Consorzio per la Formazione e il Lavoro, promosso dalla Confcommercio della Provincia di Pesaro e Urbino, è stato costituito il 15 settembre Il Consorzio ha raccolto l eredità di Confcommercio (personale e strutture), che hanno costantemente operato nel settore della Formazione e del Lavoro dal 1989, a favore dello sviluppo professionale degli imprenditori nei settori del commercio, turismo e servizi e dell inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. Formaconf è riconosciuto come Ente di formazione accreditato presso la Regione Marche per la formazione professionale. Garantisce la qualità della formazione proponendo contenuti coerenti con le esigenze e i profili professionali più richiesti nella nostra provincia, avvalendosi di consulenti aziendali, professionisti, docenti e tutor formativi, adeguatamente preparati alle moderne metodologie didattiche adottate; dispone di aule formative, laboratori informatici e strutture di supporto all'avanguardia. CONFCOMMERCIO PESARO URBINO La Confcommercio della Provincia di Pesaro e Urbino è un organizzazione datoriale che rappresenta quasi imprese, in particolare è fortemente rappresentata nell ambito del settore turistico-culturale. Si caratterizza nel suo ruolo di sindacato d impresa che le ha permesso di diventare un importante interlocutore per gli organismi istituzionali provinciali e regionali a favore delle imprese associate, fornisce una consulenza globale sulla legislazione d impresa, sui contratti di locazione e quant altro collegato allo start-up aziendale. Si caratterizza inoltre per una importante attività di servizi alle imprese che coprono con competenze e professionalità le esigenze aziendali, in particolare sul turismo e la cultura promuove le attività delle principali strutture ricettive provinciali, delle imprese che organizzano eventi sportivi musicali e congressuali e delle imprese che si occupano di gestione museale.

Provincia di Pesaro Urbino. Distretto Culturale Evoluto della Provincia di Pesaro Urbino

Provincia di Pesaro Urbino. Distretto Culturale Evoluto della Provincia di Pesaro Urbino Provincia di Pesaro Urbino Distretto Culturale Evoluto della Provincia di Pesaro Urbino Contesto di Riferimento DISTRETTO CULTURALE EVOLUTO istituito dalla Regione Marche con L.R. n. 4/2010 come sistema

Dettagli

2. PARTENARIATO DEL PROGETTO (cfr. sezione 2 della Guida)

2. PARTENARIATO DEL PROGETTO (cfr. sezione 2 della Guida) 2. PARTENARIATO DEL PROGETTO (cfr. sezione 2 della Guida) L Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino ha nelle scelte strategiche di progetto optato ad un sistema di divulgazione e di promozione del

Dettagli

Determinazione n. 2189 del 19/11/2014

Determinazione n. 2189 del 19/11/2014 Anno Prop. : 2014 Num. Prop. : 2379 Determinazione n. 2189 del 19/11/2014 OGGETTO: APPRENDISTATO BANDO ANNO 2014: VALUTAZIONE AMMISSIBILITA' PROGETTI PERVENUTI ED APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA FINALE.

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/12 AGGIORNAMENTO DEL CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1. PREMESSA For.Te. é il Fondo

Dettagli

Anni 2015 e 2016. Fondo per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio (Art. 2 L.R. 7 /2014)

Anni 2015 e 2016. Fondo per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio (Art. 2 L.R. 7 /2014) Allegato B Anni 2015 e 2016 Fondo per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio (Art. 2 L.R. 7 /2014) Modalità e criteri per la concessione delle risorse Art. 1 Finalità e risorse 1. La Regione

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

La Regione Toscana. Premesso che

La Regione Toscana. Premesso che Allegato A PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE TOSCANA, UNIVERSITA E PARTI SOCIALI PER DEFINIRE I PROFILI FORMATIVI NEI PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE FINALIZZATI AL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DOTTORE DI RICERCA

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ).

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ). Sostegno dei processi di internazionalizzazione delle Piccole e medie imprese del Lazio in forma aggregata Bando: L.R. n. 5 del 2008 Disciplina degli interventi regionali a sostegno Dell internazionalizzazione

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda

ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda ACCORDO DI PARTENARIATO POLO TECNICO PROFESSIONALE M.S.M. Milano Sistema Moda Istituto di Istruzione Superiore Statale Caterina da Siena soggetto richiedente con..,.. codice fiscale:, rappresentato da:.

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dott.ssa Elena Iacoviello Dipartimento Presidenza Ufficio Turismo Terziario Promozione Integrata 1 Gli Obiettivi Tematici R.A.

Dettagli

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE

POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE POR MARCHE FESR 2014-2020 - ASSE 1 OS 1 AZIONE 1.1 PROMOZIONE DELLA RICERCA E DELLO SVILUPPO NEGLI AMBITI DELLA SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE SCHEDA SINTETICA BANDO 1. DESCRIZIONE Lo strumento intende

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere 6 MARZO 2014 BUSINESS VALUE SRL BUSINESS VALUE è una società di consulenza

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

FONDARE IMPRESA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER N. 10 PROGETTI DI IMPRESA

FONDARE IMPRESA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER N. 10 PROGETTI DI IMPRESA FONDARE IMPRESA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER N. 10 PROGETTI DI IMPRESA A. Obiettivo La Fondazione Cassa di Risparmio di Fano individua come obiettivo specifico per l anno 2012 la partecipazione

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Assessore ai Beni e alle Attività culturali Pietro Marcolini - Servizio 3 - Internazionalizzazione, Cultura, Turismo, Commercio e Attività Promozionali P.F. Conservazione

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca

Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca Indice Art. 1 Norme generali... 2 Art. 2 Strutture e personale coinvolti... 2 Art. 3 Sottomissione delle proposte di progetto e

Dettagli

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO PROGRAMMA ACCEDO PROGETTO FACILITO DINA AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Questi i bandi pubblicati: 1) PRESTITI PARTECIPATIVI:

Questi i bandi pubblicati: 1) PRESTITI PARTECIPATIVI: STARTUP LAZIO! punta a promuovere la nascita e lo sviluppo di nuove imprese innovative, attraverso il finanziamento di 4 nuovi bandi: tra la fine del 2013 e l'inizio del 2014 sono stati stanziati complessivamente

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO FAQ. Come si compila la scheda finanziaria e come si calcola la percentuale del contributo regionale?

AVVISO PUBBLICO FAQ. Come si compila la scheda finanziaria e come si calcola la percentuale del contributo regionale? AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DI PROGETTI DA ATTUARE NELLE SCUOLE DEL LAZIO. PRESENTAZIONE ON DEMAND DELLE PROPOSTE PROGETTUALI FAQ Come si compila la scheda finanziaria

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio Centro Solidarietà e Sussidiarietà

Dettagli

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa 1. DESCRIZIONE E OBIETTIVO Coopstartup Puglia è un progetto di Legacoop Puglia per la nascita di nuove idee di impresa improntate

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

Determinazione n. 564 del 31/03/2014

Determinazione n. 564 del 31/03/2014 Anno Prop. : 2014 Num. Prop. : 649 Determinazione n. 564 del 31/03/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DEGLI OBIETTIVI DI ACCESSIBILITA' INFORMATICA DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO PER L'ANNO 2014 IL DIRIGENTE

Dettagli

MODULISTICA BANDO 2012

MODULISTICA BANDO 2012 MODULISTICA BANDO 2012 Allegato 1 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL COFINANZIAMENTO REGIONALE comprensiva delle dichiarazioni dei partner della rete che dovranno produrre una lettera su carta intestata e firmata

Dettagli

PUBBLICO/PRIVATO: PROGETTARE INSIEME PER VINCERE IN EUROPA

PUBBLICO/PRIVATO: PROGETTARE INSIEME PER VINCERE IN EUROPA PUBBLICO/PRIVATO: PROGETTARE INSIEME PER VINCERE IN EUROPA IL MODELLO DISTRETTO CULTURALE EVOLUTO DELLE MARCHE E LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA Simona Teoldi ECONOMIA E CULTURA Cultura come volano trasversale

Dettagli

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 512 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 21.11.2011 Categoria Previdenza e lavoro Sottocategoria Agevolazioni

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

SETTORE SVILUPPO ECONOMICO DETERMINAZIONE SENZA IMPEGNO DI SPESA

SETTORE SVILUPPO ECONOMICO DETERMINAZIONE SENZA IMPEGNO DI SPESA IP/ANNO 4428/2014 SETTORE SVILUPPO ECONOMICO DETERMINAZIONE SENZA IMPEGNO DI SPESA Oggetto: Procedura comparativa, tramite avviso pubblico, per l'individuazione di un collaboratore cui affidare un incarico

Dettagli

In occasione di. Villa Reale, 8 giugno 2011 Creatività e Impresa La Cultura crea valore

In occasione di. Villa Reale, 8 giugno 2011 Creatività e Impresa La Cultura crea valore Il Distretto Culturale Evoluto MB 2007 Il Bando La Provincia si aggiudica il bando promosso da Fondazione Cariplo I distretti culturali volano economico per il territorio, finalizzato alla realizzazione

Dettagli

Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA

Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA L'attività di supporto alla creazione di imprese innovative è resa possibile grazie

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante istituzione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

7 a edizione. Bando di concorso. Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6

7 a edizione. Bando di concorso. Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6 7 a edizione Bando di concorso Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6 Art.1 Finalità, soggetti promotori e obiettivi Il Premio Impresa Ambiente è promosso dalla Camera di Commercio di Roma - Asset

Dettagli

AVVISO CONTENENTE LE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AVVISO CONTENENTE LE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE D.R. n. 95 del 22 marzo 2011 (modificato con D.R N. 106 del 25 marzo 2011) Il Progetto speciale Ricerca di Eccellenza - Ricercatori si propone di facilitare l'avvio, la prosecuzione o il completamento

Dettagli

Progetto INTEP Innovazione tecnologica e di processo per il Settore Manifatturiero

Progetto INTEP Innovazione tecnologica e di processo per il Settore Manifatturiero Bando Start Intep PER LA SELEZIONE DI IDEE IMPRENDITORIALI PER LA FRUIZIONE DI SERVIZI DI ASSISTENZA TECNICA FINALIZZATI ALLA COSTITUZIONE DI IMPRESE START UP Premessa La presente procedura viene bandita

Dettagli

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di imprese - Azione 2 Progetto realizzato da: Con il contributo

Dettagli

FORMAZIONE COMPETENZE DIGITALI DEI DOCENTI (Avviso DDG. N. 12 DEL 6 NOVEMBRE 2014) RISPOSTE AI QUESITI POSTI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

FORMAZIONE COMPETENZE DIGITALI DEI DOCENTI (Avviso DDG. N. 12 DEL 6 NOVEMBRE 2014) RISPOSTE AI QUESITI POSTI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE FORMAZIONE COMPETENZE DIGITALI DEI DOCENTI (Avviso DDG. N. 12 DEL 6 NOVEMBRE 2014) RISPOSTE AI QUESITI POSTI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE D1: la formazione a distanza è ritenuta valida (con particolare

Dettagli

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 NANOXM - Polo Regionale per le Nanotecnologie Firenze, 8 Febbraio 2012 Il Bando unico di R&S In attuazione del POR CREO FESR 2007/2013 il Bando Unico 2012

Dettagli

SCHEDA BANDO SVILUPPO DELLE RETI E/O DELLE AGGREGAZIONI TRA IMPRESE

SCHEDA BANDO SVILUPPO DELLE RETI E/O DELLE AGGREGAZIONI TRA IMPRESE SVILUPPO DELLE RETI E/O DELLE AGGREGAZIONI TRA IMPRESE Tempistica Presentazione delle domande dalle ore 10.00 del 30 marzo 2015 al 30 novembre 2015 (salvo esaurimento delle risorse disponibili). Oggetto

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. Deliberazione della Giunta Provinciale. Registro Delibere di Giunta N. 278

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. Deliberazione della Giunta Provinciale. Registro Delibere di Giunta N. 278 REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone Deliberazione della Provinciale Registro Delibere di N. 278 OGGETTO: Concessione contributo straordinario al CONSORZIO DI PORDENONE PER LA FORMAZIONE SUPERIORE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra il Ministero

Dettagli

STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA 10 GIORNATE DI AULA E 3 MESI IN AZIENDE INNOVATIVE 1

Dettagli

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE

INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE IN MATERIA DI ALTERNANZA, COMPETENZE E ORIENTAMENTO Regolamento per la selezione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2402 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 e successive modificazioni (legge provinciale

Dettagli

Direzione Organizzazione 2014 02021/004 Servizio Formazione Ente CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Organizzazione 2014 02021/004 Servizio Formazione Ente CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Organizzazione 2014 02021/004 Servizio Formazione Ente CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 615 approvata il 24 aprile 2014 DETERMINAZIONE: AFFIDAMENTO IN ECONOMIA E ISCRIZIONE

Dettagli

AVVISO n. 05/2011: Procedura comparativa per il conferimento di un inca- rico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo senior

AVVISO n. 05/2011: Procedura comparativa per il conferimento di un inca- rico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo senior AVVISO n. 05/2011: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo senior di Esperto in attività di ricerca e sviluppo nel settore dell

Dettagli

Provincia di Rimini SERVIZIO AFFARI GIURIDICO AMMINISTRATIVI - PATRIMONIO - POLITICHE GIOVANILI E PARI OPPORTUNITA

Provincia di Rimini SERVIZIO AFFARI GIURIDICO AMMINISTRATIVI - PATRIMONIO - POLITICHE GIOVANILI E PARI OPPORTUNITA SERVIZIO AFFARI GIURIDICO AMMINISTRATIVI - PATRIMONIO - POLITICHE GIOVANILI E PARI OPPORTUNITA DETERMINAZIONE N 291 del 28/03/2013 OGGETTO: REALIZZAZIONE PRODOTTO DIDATTICO, CON CONNOTAZIONE LUDICO-EDUCATIVA,

Dettagli

PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE

PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE PREVENZIONE E CONTRASTO AL DISAGIO GIOVANILE FINALITÀ Gli ambiti di intervento per i quali possono essere presentate le proposte progettuali sono: 1. la prevenzione e il contrasto al disagio giovanile

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA - SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE ALLEGATO A - CONTENUTI RICHIESTI NELL'ATTO FORMALIZZAZIONE DEL PARTNERIATO I sottoscritti: a) (Impresa proponente).

Dettagli

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000.

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. Art. 1 Principi generali -------------------------------

Dettagli

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior, di Esperto di servizi e tecnologie per l egovernment

Dettagli

Determinazione n. 1661 del 27/08/2013

Determinazione n. 1661 del 27/08/2013 COPIA dell ORIGINALE Prot. N. 64756/ 2013 Determinazione n. 1661 del 27/08/2013 OGGETTO: AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA COMPARATIVA PER IL CONFERIMENTO DI N. 8 INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

Dettagli

L anno duemilaquattordici il giorno 9 del mese di Luglio alle ore 11,00 nella sede della Comunità Montana del Montefeltro in Carpegna

L anno duemilaquattordici il giorno 9 del mese di Luglio alle ore 11,00 nella sede della Comunità Montana del Montefeltro in Carpegna Decreto del Commissario Straordinario N. 4 del Reg. Data 09/07/2014 OGGETTO: PROGETTO WELFARE NELLE MARCHE CON UNIVERSITA CARLO BO DI URBINO APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE L anno duemilaquattordici

Dettagli

TURISMO. Decreto N. 185 del 22-07-2013. Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA

TURISMO. Decreto N. 185 del 22-07-2013. Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA TURISMO Dirigente: PERUZZINI ALBERTO Decreto N. 185 del 22-07-2013 Responsabile del procedimento: Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA Ordinario [X ] Immediatamente

Dettagli

che prevede l obbligo di sostituire la pubblicazione tradizionale all Albo ufficiale con la pubblicazione di documenti digitali sui siti informatici;

che prevede l obbligo di sostituire la pubblicazione tradizionale all Albo ufficiale con la pubblicazione di documenti digitali sui siti informatici; 12094 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 49 del 09 04 2015 Il presente provvedimento, composto da n. 4 pagine: è redatto in unico esemplare è immediatamente esecutivo; si dà atto che per il presente

Dettagli

ALLEGATO A1. Al modulo di domanda del bando pubblico per la presentazione di domande di finanziamento Informazione nel settore agricolo

ALLEGATO A1. Al modulo di domanda del bando pubblico per la presentazione di domande di finanziamento Informazione nel settore agricolo ALLEGATO A1 Al modulo di domanda del bando pubblico per la presentazione di domande di finanziamento Informazione nel settore agricolo Regione Piemonte Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Asse IV Leader

Dettagli

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA La Provincia di Venezia, CF 80008840276 con sede in Venezia,

Dettagli

1) SOGGETTI AMMISSIBILI

1) SOGGETTI AMMISSIBILI BANDO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN EVENTO DI PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE DA PARTE DI ASSOCIAZIONI O GRUPPI INFORMALI GIOVANILI. Ciessevi, Centro

Dettagli

MASTER IN IMPRENDITORIALITA E MANAGEMENT DEL TURISMO SOSTENIBILE E RESPONSABILE

MASTER IN IMPRENDITORIALITA E MANAGEMENT DEL TURISMO SOSTENIBILE E RESPONSABILE MASTER IN IMPRENDITORIALITA E MANAGEMENT DEL TURISMO SOSTENIBILE E RESPONSABILE Il Master Imprenditorialità e Management del turismo sostenibile e responsabile ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla

Dettagli

Regione Veneto Bando per la concessione di contributi per la creazione di FABLAB in Veneto

Regione Veneto Bando per la concessione di contributi per la creazione di FABLAB in Veneto Regione Veneto Bando per la concessione di contributi per la creazione di FABLAB in Veneto Requisiti soggetto proponente Possono partecipare al bando laboratori digitali (FabLab) già esistenti o di nuova

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 90 del

Dettagli

COPIA. Verbale di deliberazione della Giunta

COPIA. Verbale di deliberazione della Giunta COMUNE DI AGNOSINE DELIBERAZIONE N. 54 COPIA in data 24/09/2015 Verbale di deliberazione della Giunta OGGETTO: ADESIONE A DOTE SPORT REGIONE LOMBARDIA CONTRIBUTO FINO A 200 EURO SPESE CORSI ATTIVITÀ SPORTIVE

Dettagli

PIANI TERRITORIALI POLITICHE GIOVANILI SECONDA ANNUALITA 2015-2016 (Dduo 1258 del 19/02/2015) Faq

PIANI TERRITORIALI POLITICHE GIOVANILI SECONDA ANNUALITA 2015-2016 (Dduo 1258 del 19/02/2015) Faq 1 PIANI TERRITORIALI POLITICHE GIOVANILI SECONDA ANNUALITA 2015-2016 (Dduo 1258 del 19/02/2015) Faq CHI PUO PRESENTARE LA DOMANDA (PUNTO 5 DELL AVVISO) 1) Un singolo comune può presentare la domanda senza

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA AVVISO Criteri e modalità di presentazione delle istanze relative al sostegno di iniziative e manifestazioni culturali, artistiche, musicali, coreutiche, teatrali, ricreative,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR

Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR preposti alla formazione del personale docente per il Piano di formazione per lo sviluppo delle competenze linguistico - comunicative e metodologico

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio per il Volontariato Asti e Alessandria, nel perseguire l obiettivo di sostenere e

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

Progetto di Confcommercio Lombardia Meglio Insieme - Better Together. La costruzione di una Rete: l esperienza di Regione Lombardia

Progetto di Confcommercio Lombardia Meglio Insieme - Better Together. La costruzione di una Rete: l esperienza di Regione Lombardia Progetto di Confcommercio Lombardia Meglio Insieme - Better Together La costruzione di una Rete: l esperienza di Regione Lombardia Programma per la realizzazione di reti d Impresa denominato ERGON Azione

Dettagli

Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti di Ricerca e Imprese Bando di selezione imprese We Tech Off

Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti di Ricerca e Imprese Bando di selezione imprese We Tech Off Scadenza 31 dicembre 2011 Scadenza intermedia: 30.04.2010 per servizi pre-incubazione Scadenza intermedia: 16.07.2010 per servizi incubazione Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 740 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 Legge regionale n. 33/2006 Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutti Articolo 5 - Approvazione Protocollo d intesa e Convenzione tra

Dettagli

BANDO MASTER IN INTERNATIONAL BUSINESS STUDIES Accreditato ASFOR IXX edizione Anno 2014/2015 1

BANDO MASTER IN INTERNATIONAL BUSINESS STUDIES Accreditato ASFOR IXX edizione Anno 2014/2015 1 BANDO MASTER IIN IINTERNATIIONAL BUSIINESS STUDIIES Accrediitato ASFOR IIXX ediiziione Anno 2014/2015 1 Indicazioni generali Il CIS è la Scuola per la Gestione d Impresa di Unindustria Reggio Emilia operante

Dettagli

IL DIRIGENTE CULTURA, POLITICHE PER LA TUTELA E VALORIZZAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI ED ARTISTICI

IL DIRIGENTE CULTURA, POLITICHE PER LA TUTELA E VALORIZZAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI ED ARTISTICI Oggetto: L.r.1/2000, art.4, comma 134 lettera a) - Sviluppo dei sistemi museali locali. Affidamento incarico per aggiornamento e implementazione dei contenuti del sito internet dedicato ai Musei, Raccolte

Dettagli

Determinazione n. 1692 del 29/06/2010

Determinazione n. 1692 del 29/06/2010 COPIA dell ORIGINALE Prot. N. 43544/ 2010 Determinazione n. 1692 del 29/06/2010 OGGETTO: L.R. 75/97. ELENCO BENEFICIARI ANNO 2010. IMPEGNO DI SPESA. AREA 1- POLITICHE PER IL LAVORO, SOCIALI, CULTURALI,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 1340 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 59 DEL 17/12/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 1340 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 59 DEL 17/12/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 1340 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 59 DEL 17/12/2014 OGGETTO: FORNITURA ARREDI ED ATTREZZATURE PER IL

Dettagli

Regione Puglia. Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE

Regione Puglia. Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE Regione Puglia Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione DECRETO PRESIDENZIALE N. 041 di repertorio OGGETTO: Progetto Seconda fase del Progetto ILO2 - Creare impresa e diffondere tecnologia a

Dettagli

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014)

(Aggiornamento di lunedì 28 luglio 2014) Decreto Direttoriale n. 2216 del 1 luglio 2014 Regole e modalità per la presentazione delle domande finalizzate alla concessione dei contributi previsti dalla Legge 6/2000 per gli strumenti di intervento:

Dettagli