DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V AL Liceo Linguistico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V AL Liceo Linguistico"

Transcript

1 LICEO STATALE GALILEO GALILEI -VERONA con indirizzi: SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE LINGUISTICO - SPORTIVO Via San Giacomo Verona tel fax : C.F Succ. Via Carlo Alberto tel Verona ANNO SCOLASTICO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V AL Liceo Linguistico Coordinatrice di Classe: Prof.ssa Pesce Patrizia 1

2 SOMMARIO DEL DOCUMENTO PARTE I: STORIA DELLA CLASSE NEL TRIENNIO 1.1. Flussi degli studenti p Variazione nella composizione del Consiglio di Classe p. 3 PARTE II: PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE E SUA REALIZZAZIONE A CURA DEL CONSIGLIO DI CLASSE II.1 Situazione di partenza della classe nell anno scolastico 2014/2015 p. 4 II.2. Obiettivi conseguiti dalla classe e breve nota esplicativa percorso di studio ESABAC p. 4 II.3. Attività programmate e realizzate dal Consiglio di Classe p. 5 II.4. Metodi, criteri e strumenti di valutazione (griglie) p. 6 II.5. Simulazioni di prove di Esame di Stato (breve descrizione) p. 18 PARTE III: ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE DAI SINGOLI DOCENTI (ALL A) Religione p. 19 Italiano p. 21 Inglese 1^ lingua p. 31 Francese 2^ lingua p. 38 Tedesco 2^ lingua p. 45 Spagnolo 3^ lingua p. 50 Storia p. 54 Storia ESABAC p. 57 Filosofia p. 65 Matematica p. 70 Fisica p. 73 Storia dell Arte p. 76 Scienze naturali p. 81 Scienze motorie e sportive p. 85 PARTE IV: ALLEGATI DELLE SIMULAZIONI DI PROVE DI ESAMI DI STATO Simulazione di Prima prova: 6 maggio 2015 p Simulazioni di Terza prova: Terza prova 19 febbraio 2015 p. 99 Terza prova 23 aprile 2015 p.109 Simulazione di Quarta prova: 31 marzo 2015 p.121 2

3 PARTE I: STORIA DELLA CLASSE NEL TRIENNIO I. 1. Flussi degli studenti Iscritti alla classe provenienti dalla stessa sezione AL a.s a.s a.s Iscritti alla classe Promossi Non promossi Ritirati o trasferiti provenienti da ad altra sezione altra sezione o istituto I. 2. Variazioni nella composizione del Consiglio di classe MATERIA a. s a. s a. s Religione Ferrari Mario Ferrari Mario Ferrari Mario Italiano Ferrazza Martina Ferrazza Martina Ferrazza Martina Storia Aere Milena Aere Milena Aere Milena Storia ESABAC Pollini Pierluigi Pollini Pierluigi Pollini Pierluigi Filosofia Aere Milena Galbier Morgan Cecchini Matteo Matematica Meneghello Mauro Meneghello Mauro Meneghello Mauro Fisica Meneghello Mauro Meneghello Mauro Meneghello Mauro 1^lingua Inglese Pesce Patrizia Pesce Patrizia Pesce Patrizia 2^lingua Francese Pedron Paola Pedron Paola Pedron Paola 2^ lingua Tedesco Forese Lucia Forese Lucia Maccaferri Monica 3^lingua Spagnolo Oliva Giusy Frangione Emanuele Ortolani Vania Chimica e Biologia Pigozzi M.Silvia Pigozzi M.Silvia Marcolin Davide Storia dell Arte Menini Sergio Menini Sergio Menini Sergio Scienze motorie e Rancan Bertilla Rancan Bertilla Rancan Bertilla sportive Convers. 1^lingua Mainwaring Raymond Mainwaring Raymond Mainwaring Raymond Convers. 2^ lingua Maroselli Marianne Maroselli Marianne Maroselli Marianne francese Convers. 2^ lingua Pos Jana Pos Jana Pos Jana Tedesco Convers. 3^ lingua Cuesta Pizarro Cuesta Pizarro Cuesta Pizarro Spagnolo Docente di sostegno Guadalupe Perenzoni Maria Grazia Guadalupe Barbarossa Rosanna (poi sostituita da Donatelli Irene) + Ferrari Mario Guadalupe Adami Giulia 3

4 PARTE II: PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE E SUA REALIZZAZIONE A CURA DEL CONSIGLIO DI CLASSE II. 1. Situazione di partenza della classe nell anno scolastico All inizio dell anno scolastico la classe 5 AL, con un gruppo di 18 studenti, che dalla classe terza ha aderito al progetto ESABAC- Diploma bi-nazionale italo - francese ( Esame di Stato e Baccalauréat), presentava un numero complessivo di elementi pari a 27, di cui 21 studentesse e 6 studenti; uno degli studenti era inserito nella classe proveniente dalla 5AL. Uno studente diversamente abile frequenta la classe dall inizio del percorso liceale: si avvale di una propria programmazione ed è seguito da un insegnante di sostegno. Nel corso del primo trimestre è stato predisposto un PDP in alcune discipline per una studentessa. Per quanto concerne la composizione del Consiglio di classe, sono cambiati i docenti di Tedesco, Spagnolo, Filosofia e Scienze, come si rileva dalla tabella di cui sopra. Nella prima fase dell anno scolastico, l analisi dei fattori che concorrono alla valutazione periodica e finale permetteva di rilevare quanto segue: osservazione dei comportamenti scolasticamente rilevanti ( costanza e precisione nello svolgimento del lavoro, dimenticanze ): la valutazione del Consiglio risultava generalmente positiva. analisi dei processi di apprendimento ( livelli di attenzione e modalità di partecipazione al dialogo educativo): il Consiglio riteneva che la classe si impegnasse abbastanza per ottemperare agli impegni di lavoro richiesti; ne conseguiva un atteggiamento improntato nel complesso all attenzione e alla responsabilità. Per quanto riguarda la partecipazione, questa era attiva solo per un limitato numero di studenti, mentre molti preferivano non esporsi e semplicemente ascoltare. obiettivi comuni del Consiglio di classe in ordine a conoscenze, competenze e capacità: a seguito delle prime verifiche formali o informali si segnalavano alcuni casi di mancato raggiungimento degli obiettivi minimi, segno di carenze nella preparazione attuale o di carenze pregresse. II. 2. Obiettivi conseguiti dalla classe VAL alla fine dell anno scolastico In termini generali, ad oggi si può dire che nella classe 5 AL, le finalità comuni di codesto Liceo, miranti a promuovere il processo globale di crescita degli studenti, siano state raggiunte - sia pur a livelli diversi - nelle loro dimensioni fondamentali ed in quelle complementari, e cioè nell acquisizione di consapevolezza, nello sforzo di avere un approccio critico ai molteplici aspetti della realtà e di instaurare rapporti civili e costruttivi con gli altri, pur nella diversità dei caratteri e delle personalità. L analisi dei fattori che concorrono alla valutazione periodica e finale permette di rilevare che, per quanto concerne l osservazione dei comportamenti scolasticamente rilevanti (costanza e precisione nello svolgimento del lavoro, dimenticanze), la maggior parte della classe ha lavorato con costanza e precisione nelle varie discipline. Indubbiamente, sotto questo profilo, non esiste una omogeneità di comportamento in tutte le discipline. Per quanto concerne l analisi dei processi di apprendimento ( livelli di attenzione e modalità di partecipazione al dialogo educativo) la classe risulta piuttosto eterogenea: alcuni studenti hanno partecipato alle lezioni contribuendo con apporti personali, una parte della classe ha dimostrato un interesse per lo più scolastico per le discipline, partecipando soltanto se sollecitata. Per un piccolo gruppo, attenzione e partecipazione al dialogo educativo sono stati piuttosto discontinui e superficiali. Per quanto concerne infine il raggiungimento degli obiettivi in ordine a conoscenze, competenze, capacità, gli esiti di profitto sono in media più che discreti, in qualche caso buoni o molto buoni, 4

5 fermo restando che in discipline specifiche permangono casi isolati di studenti che raggiungono a fatica gli obiettivi minimi. PERCORSO DI STUDIO ESABAC (breve guida esplicativa) - Il termine EsaBac è l acronimo di esame di stato e del suo corrispondente francese baccalauréat. Entrato in vigore a partire da settembre 2010, grazie all'accordo firmato il 24 febbraio 2009 dal ministro italiano dell'istruzione, dell'università e della Ricerca (MIUR) e il ministro francese dell'education Nationale, questo nuovo dispositivo educativo consente agli allievi italiani e francesi di conseguire simultaneamente due diplomi a partire d' un solo esame - l'esame di Stato italiano e il Baccalauréat francese. Questo doppio rilascio di diplomi convalida un percorso scolastico biculturale e bilingue. - Il testo normativo di riferimento è il D.M. 91 del 22/11/ Come si organizza il dispositivo EsaBac: durante il triennio, due discipline specifiche sono integrate alla preparazione dell'esame di Stato: lingua, letteratura e civiltà francese (4h alla settimana) ed histoire (2h alla settimana). Queste due discipline sono impartite in francese per gli allievi italiani e in italiano per gli allievi francesi. - Nella classe 5AL sono 18 le studentesse e gli studenti che hanno seguito il percorso (Tra questi un diversamente abile). Oltre alle 4 ore di letteratura e civiltà francese, di cui una in compresenza con la conversatrice madre-lingua, sono state svolte 2 ore di storia, di cui una in compresenza con la stessa conversatrice. - Per la tipologia delle prove d esame e la valutazione delle stesse si rimanda agli articoli 5,6 e 7 del D.M. 91/ Per i contenuti e le griglie di correzione degli elaborati e delle simulazioni si faccia riferimento agli allegati A delle materie storia e francese. Il commissario di lingua francese ha facoltà di modificare o elaborare le griglie di correzione. I. 3. Attività programmate e realizzate dal Consiglio di Classe CURRICOLARI ( PREVISTE DAL POF o decise dal CONSIGLIO DI CLASSE): Orientamento in uscita alle facoltà universitarie ( COSP ) solo il gruppo di lingua francese) Teatro in lingua francese: Notre Dame des Banlieues al Teatro Alcione il 19 novembre 2014 (solo il gruppo di lingua francese) Teatro in lingua inglese Frankenstein al Teatro S.Teresa il 18 novembre Cineforum: film su G. Leopardi Il giovane favoloso, martedì 25 novembre 2014 al Cinema Fiume Cineforum: film Hannah Arendt il giorno 27 gennaio Talk sul romanzo 1984 di G.Orwell, tenuta dal relatore Sig Quinn, organizzata per gli studenti delle classi quinte, 23 aprile 2015 Educazione alla Salute Educazione alla Sicurezza Stradale: Incontro di mezza mattinata con i Vigili Urbani e l Associazione AIFVS (4 maggio 2015) Viaggio di istruzione con la classe 5C: Dachau-Praga-Vienna dal 23 al 28 marzo

6 EXTRACURRICOLARI PER L ARRICCHIMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA ( OLTRE A QUELLE GIA PREVISTE DAL POF ) Essendo a richiesta individuale, ogni studente è stato libero di scegliere tra quelli proposti dalla scuola: Gruppi di lettura. Certificazione lingua spagnola B2. Certificazione lingua tedesca B1 e B2. Certificazione di lingua francese B2: 5 ragazze/i hanno conseguito la certificazione DELF B2, uno studente la certificazione C1. Certificazione lingua inglese Cambridge Exams B2: quest anno e lo scorso anno 7 studenti/esse hanno ottenuto la certificazione di lingua inglese FCE. Progetto Jeunes matinées pour le français : dopo una preparazione specifica ed il conseguimento della certificazione B2, 6 ragazzi/e si sono recati nella scuola elementare Cangrande della Scala di S. Giovanni Lupatoto dove, in due quinte, hanno svolto delle attività ludiche di approccio alla lingua e civiltà francese. Gruppo Teatrale Galilei : Ariosto M.T., Cordioli F. e Macaluso M. lavorano con professionalità all interno del Gruppo Teatrale da 5 anni. Progetto Tandem. Progetto Archeoscuola: (Rete dei Licei Veronesi per l Archeologia): una serie di lezioni teoriche abbinate ad alcune attività sul campo dedicate all indagine archeologica e allo studio monografico di alcune civiltà antiche dell area mitteleuropea e mediterranea, con attività di formazione specialistica all università di Torino. Quest anno vi hanno partecipato 4 studentesse e uno studente. Due di loro hanno partecipato al progetto dalla classe prima, mentre per altre due studentesse si è trattato della seconda esperienza nel corso del quinquennio. II. 4. Metodi, criteri e strumenti di valutazione (tabella CRITERI E STRUMENTI DELLA MISURAZIONE E DELLA VALUTAZIONE APPROVATI DAL COLLEGIO DOCENTI griglie di valutazione adottate dai Dipartimenti ed approvate dal Collegio docenti per la I e II prova ( lingue), due esempi di griglie per la III prova e le griglie di valutazione della IV prova ESABAC (letteratura e storia) PERFORMANCE GIUDIZIO VOTO L'alunno comprende e conosce in modo approfondito tutti i contenuti svolti, li sa applicare e/o contestualizzare, rielaborare, analizzare, sintetizzare, espone i contenuti, usa il lessico e la terminologia specifica in modo preciso, soddisfa tutti gli obiettivi stabiliti per l'esecuzione delle prove, organizza conoscenze e competenze scegliendo strategie adeguate allo scopo, sa gestire con prontezza od eventualmente con originalità situazioni complesse e/o nuove L'alunno comprende e conosce tutti i contenuti svolti, li sa applicare e/o contestualizzare, rielaborare, analizzare, sintetizzare, espone i contenuti, usa il lessico e la terminologia specifica in modo preciso, soddisfa tutti gli obiettivi stabiliti per l'esecuzione delle prove, ECCELLENTE 10 OTTIMO 9 6

7 organizza conoscenze e competenze scegliendo strategie adeguate allo scopo L'alunno comprende e conosce quasi tutti i contenuti svolti, li sa applicare e/o contestualizzare, espone i contenuti con correttezza e proprietà lessicale usando la terminologia specifica, soddisfa tutti gli obiettivi stabiliti per l'esecuzione delle prove, organizza conoscenze e competenze applicando strategie adeguate allo scopo L'alunno comprende e conosce la maggior parte dei contenuti svolti, li sa applicare e/o contestualizzare, espone i contenuti con correttezza e proprietà lessicale usando la terminologia specifica, soddisfa la maggior parte degli obiettivi stabiliti per l'esecuzione delle prove L'alunno comprende e conosce i contenuti essenziali e li sa applicare, espone i contenuti usando lessico e terminologia specifica in modo sostanzialmente corretto, soddisfa gli obiettivi minimi stabiliti per l'esecuzione delle prove L'alunno manifesta incertezze e lacune nella comprensione e conoscenza dei contenuti essenziali, espone i contenuti in modo poco pertinente, è incerto nell'uso del linguaggio specifico, soddisfa parzialmente gli obiettivi minimi stabiliti per l'esecuzione delle prove L'alunno manifesta numerose incertezze e lacune nella comprensione e conoscenza dei contenuti essenziali, è incerto e scorretto nell'uso della terminologia specifica, soddisfa solo alcuni degli obiettivi minimi stabiliti per l'esecuzione delle prove L'alunno non conosce e non comprende i contenuti essenziali delle materie, non conosce e/o non sa usare la terminologia specifica, non soddisfa nessuno degli obiettivi minimi stabiliti per l'esecuzione delle prove L'alunno non risponde alle domande e/o consegna il foglio del compito in bianco. L'alunno non risponde alle domande e/o consegna il foglio del compito in bianco. BUONO 8 DISCRETO 7 SUFFICIENTE 6 INSUFFICIENTE 5 GRAVEMENTE INSUFFICIENTE TOTALMENTE INSUFFICIENTE NEGATIVO 2 COMPLETAMENTE NEGATIVO

8 CRITERI DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA Criteri generali: Rispetto delle consegne (aderenza all argomento proposto e all ambito scelto, comprensione del testo, rispetto della traccia) Informazione (contestualizzazione dei testi, validità degli argomenti e delle interpretazioni, conoscenze specifiche disciplinari) Capacità di sviluppare un discorso coerente (strutturazione in paragrafi, scansione logica, coerenza argomentativa) Correttezza formale (sintassi, lessico, ortografia, punteggiatura) Criteri specifici: Indicatori Descrittori SAGGIO BREVE E ARTICOLO DI GIORNALE Rispetto delle consegne (tipologia destinazione editoriale misura) Titolo Comprensione dei documenti Utilizzazione della documentazione Individuazione della tesi Argomentazione della tesi Completa Titolo efficace Precisa e acuta Molto efficace (in relazione alla tipologia scelta) Chiaramente espressa Bene articolata e approfondita Completa Titolo poco efficace, ma coerente Corretta Efficace Delineata Sostanzialmente articolata e approfondita Sostanziale Titolo generico, ma non scorretto Corretta negli elementi essenziali Un po rigida Presente Essenziale e/ o superficiale Incompleta Titolo generico e scorretto Scorretta Poco efficace e/o poco coerente (in relazione alla tesi sostenuta e alla tipologia scelta) Appena accennata Molto superficiale Incompleta Titolo scorretto o incomprensibile Molto scorretta Inefficace e incoerente Inesistente Inesistente Struttura del discorso (paragrafazione nessi logici) Ordinata, coerente e organica Ordinata e coerente Ordinata Disordinata e/o talora incoerente Disordinata e incoerente Espressione formale (sintassi ortografia punteggiatura lessico registro linguistico) Punteggi 10 9 (15-14) Corretta ed efficace Sintassi corretta Ortografia corretta Punteggiatura corretta Lessico ricco e appropriato Registro linguistico costantemente adeguato Sostanzialmente corretta 8 7 (13-12) Non sempre corretta 6 1\2 6 (11-10) Scorretta 5 4 (9-7) Molto scorretta 3 (6) 8

9 CRITERI DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA Criteri generali: Rispetto delle consegne (aderenza all argomento proposto e all ambito scelto, comprensione del testo, rispetto della traccia) Informazione (contestualizzazione dei testi, validità degli argomenti e delle interpretazioni, conoscenze specifiche disciplinari) Capacità di sviluppare un discorso coerente (strutturazione in paragrafi, scansione logica, coerenza argomentativa) Correttezza formale (sintassi, lessico, ortografia, punteggiatura) Criteri specifici: ANALISI TESTUALE Indicatori Descrittori Comprensione del testo Analisi del testo Interpretazione complessiva Approfondimenti Argomentazione Struttura del discorso (paragrafatura nessi logici) Espressione formale Completa e approfondita Completa, corretta e precisa Completa, approfondita, personale Bene articolata e approfondita Ordinata, coerente ed organica Corretta ed efficace Esauriente Completa, corretta, sostanzialmente precisa Corretta e adeguata Sostanzialmente articolata e approfondita Complessivamente corretta Talvolta imprecisa o incompleta, ma complessivamente corretta negli elementi fondamentali Essenziale, ma sostanzialmente corretta Essenziale e/ o superficiale Incompleta e\o scorretta Superficiale con scorrettezze ed omissioni anche di elementi fondamentali Schematica e\o imprecisa e\o scorretta Molto superficiale Ordinata e coerente Ordinata Disordinata e talora incoerente Sostanzialmente corretta Non sempre corretta Scorretta Gravemente incompleta e\o scorretta Molto superficiale e\o scorretta e\o incompleta Molto imprecisa e generica Inesistente Disordinata e incoerente Molto scorretta (sintassi ortografia punteggiatura lessico ) sintassi corretta ortografia corretta punteggiatura corretta lessico appropriato Punteggi: 10-9 (15-14) 8-7 (13-12) 61\2-6 (11-10) 5-4 (9-7) 3 (6-1) Voto complessivo: 9

10 CRITERI DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA Criteri generali: Rispetto delle consegne (aderenza all argomento proposto, comprensione del testo, rispetto della traccia) Informazione (contestualizzazione dei testi, validità degli argomenti e delle interpretazioni, conoscenze specifiche disciplinari) Capacità di sviluppare un discorso coerente (strutturazione, scansione logica, coerenza argomentativa) Correttezza formale (sintassi, ortografia, punteggiatura, lessico) Criteri specifici: TEMA Indicatori Descrittori Aderenza alla traccia Completa Adeguata Sostanziale Superficiale e\o incompleta Informazione Esauriente Corretta Un po imprecisa e\o superficiale Sviluppo dei Approfondito Approfondito e/o esteso Essenziale contenuti ed esteso Imprecisa e limitata Appena accennato Scarsa o nulla Scorretta e \ o inesistente Inesistente Argomentazion e Struttura del discorso (paragrafatura nessi logici) Bene articolata e approfondita Ordinata, coerente e organica Sostanzialmente articolata e approfondita Essenziale e/o superficiale Molto superficiale Ordinata e coerente Ordinata Disordinata e/o talora incoerente Inesistente Disordinata e incoerente Espressione formale Corretta ed efficace Sostanzialmente corretta Non sempre corretta Scorretta Molto scorretta (sintassi ortografia - punteggiatura lessico) sintassi corretta ortografia corretta punteggiatura corretta lessico ricco e appropriato Punteggi 10-9 (15-14) 8-7 (13-12) 61\2-6 (11-10) 5-4 (9-7) 4-1 (6) Voto complessivo: 10

11 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA 2^ PROVA SCRITTA 2 prova: criteri di valutazione per la prova di comprensione e produzione del testo sulla base delle domande proposte Indicatori Pertinenza delle risposte a Competenze linguistiche Rielaborazione linguistica. quanto richiesto dalle domande. Capacità di comprendere il testo e di selezionare le informazioni essenziali. Pertinenza del testo prodotto Elaborazione linguistica. alla traccia. Voti Descrittori 14/15 Risponde in modo pertinente, preciso, puntuale a tutte le domande. Dal punto di vista grammaticale la prova può presentare nessun errore / rari errori di distrazione. Rielabora il testo usando con sicurezza una terminologia diversa dallo stesso, ma ricca, Sa cogliere con abilità le informazioni esplicite ed accurata e rigorosamente appropriata. implicite contenute nel testo. Espressione autentica. Seleziona tutte le informazioni essenziali e le organizza in modo logico ed equilibrato. Sviluppa in modo pertinente, personale ed equilibrato tutte le parti proposte dalla traccia 13 Risponde in modo pertinente a tutte le domande. Riesce a cogliere tutte le informazioni importanti, ma un punto poteva essere ampliato e/o approfondito e/o esemplificato. Seleziona le informazioni essenziali e le organizza in modo logico e abbastanza equilibrato. Sviluppa in modo pertinente, equilibrato e abbastanza personale tutte le parti proposte dalla traccia 12 Risponde in modo pertinente e dà la maggior parte delle informazioni importanti; una domanda potrebbe essere fraintesa / alcune informazioni potevano essere ampliate e/o approfondite e/o esemplificate. Seleziona le informazioni essenziali e anche qualche informazione secondaria che organizza in modo logico e abbastanza equilibrato. Sviluppa in modo pertinente, equilibrato tutte le parti proposte dalla traccia. 11 Risponde in modo pertinente, ma dà solo informazioni essenziali alcune approfondite e/o altre solo accennate. Seleziona le informazioni essenziali, ma inserisce anche alcune informazioni secondarie che organizza in modo logico e abbastanza equilibrato. Sviluppa in modo pertinente e abbastanza equilibrato quanto proposto dalla traccia. Sono presenti pochissimi errori in strutture grammaticali complesse. Sono presenti pochi errori in strutture grammaticali complesse. Sono presenti alcuni errori in strutture grammaticali complesse. In generale rielabora il testo utilizzando un lessico accurato e appropriato. Forma scorrevole, a volte complessa, ben articolata. Rielabora parzialmente il testo utilizzando un lessico abbastanza appropriato. Forma scorrevole, chiara. Tenta di rielaborare il testo e vi riesce solo in parte e/o usa qualche termine lessicale poco appropriato. Forma semplice e abbastanza scorrevole. 11

12 10 Risponde in modo pertinente al 60% delle domande. La risposta è generalmente corretta nel contenuto e si limita alle informazioni essenziali Coglie il senso generale del testo, seleziona la maggior parte delle informazioni essenziali, ma inserisce anche informazioni secondarie che organizza in modo abbastanza logico ed equilibrato. Sviluppa in modo pertinente buona parte della traccia. 9/6 Non risponde al 60% delle domande e/o le risposte non risultano del tutto complete, mancano informazioni essenziali e/o alcuni punti sono stati fraintesi. Coglie solo in parte il significato del testo, Seleziona solo alcune informazioni essenziali. Organizza le informazioni in modo poco logico ed equilibrato I contenuti sono solo in parte pertinenti, poco sviluppati, superficiali. 5/3 Risponde solo ad un numero limitato di domande, spesso non sa comprendere correttamente il testo; le risposte risultano lacunose, contengono informazioni del tutto errate e/o non precise. Non ha colto il significato del testo. Seleziona solo alcune informazioni, non sempre pertinenti. Non organizza le informazioni in modo logico ed equilibrato I contenuti sono poco pertinenti, banali o inaccettabili. 2/1 Mancanza di pur minimi indicatori. Sono presenti errori grammaticali che non pregiudicano la comprensione. Sono presenti alcuni errori anche in strutture grammaticali di base. Sono presenti numerosi errori anche in strutture grammaticali di base. Mancanza di pur minimi indicatori. Non vi è rielaborazione del testo. Forma elementare / paratattica. Il lessico è limitato e/o impreciso. Forma scarna / italianizzante. L'esposizione manca di organicità. Il lessico è spesso inadeguato. Forma confusa. Mancanza di pur minimi indicatori. 12

13 GRIGLIA DI VALUTAZIONE COMUNE TERZA PROVA Alunno/a Indicatori Descrittori Indicatori 1. Conoscenze Possiede conoscenze approfondite ed organiche Possiede conoscenze precise e complete Conosce gli argomenti proposti Conosce gli aspetti fondamentali degli argomenti proposti Conosce in modo frammentario e/o parziale i concetti fondamentali Non conosce nemmeno gli aspetti fondamentali 2. Capacità di Applica e rielabora in modo completo, articolato, personale applicazione, Applica e rielabora in modo sicuro ed efficace collegamento e di Applica e rielabora in modo sicuro rielaborazione Applica e rielabora in modo semplice Ha difficoltà nell applicare e rielaborare le conoscenze 3. Forma ed esposizione Non è in grado di applicare e rielaborare le conoscenze Si esprime con fluidità, ricchezza, padronanza lessicale Si esprime in maniera efficace, utilizzando il lessico specifico (lingue: pur con qualche errore) Si esprime in maniera complessivamente corretta e ordinata Si esprime con ordine (lingue: e in modo comprensibile), utilizzando un lessico essenziale Espone con incertezze o difficoltà sia sul piano logico che su quello lessicale (lingue: con errori morfosintattici) Espone in modo confuso e scorretto (lingue: con gravi e/o diffusi errori morfosintattici) Punteggi o Punteggio finale => 13

14 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA 3^ PROVA SCRITTA INDICATORI CONOSCENZE; punti 1-8 Valutazione del grado di possesso dei dati, delle definizioni e dei contenuti essenziali. COMPETENZE: punti 1-5 Valutazione dei seguenti parametri: esposizione corretta ed ordinata dei dati conosciuti; aderenza o pertinenza a quanto richiesto dal quesito; corretto collegamento dei contenuti (sequenza logicotemporale, coerenza, chiarezza espositiva); proprietà linguistica (uso del linguaggio specifico della disciplina CAPACITA :punti 0-2 Valutazione del livello di analisi e di sintesi espresse, oltre ad eventuali spunti originali dovuti a contributi/rielaborazioni personali dei contenuti DESCRITTORI Conoscenze ampie ed approfondite Conoscenze essenziali e corrette Conoscenze parziali, ma corrette Conoscenze insufficienti, ma sostanzialmente corrette Conoscenze insufficienti e non sempre corrette Non conosce gran parte dei contenuti essenziali Totale mancanza di conoscenza dei contenuti essenziali e dei dati Consegna il foglio in bianco Esposizione ordinata e corretta dei dati conosciuti, aderente e pertinente a quanto richiesto, condotta con proprietà linguistica. Esposizione discretamente ordinata e corretta dei dati conosciuti, accompagnata da discreta aderenza e pertinenza a quanto richiesto e condotta con proprietà linguistica. Esposizione sufficientemente ordinata e corretta dei dati conosciuti, accompagnata da discreta aderenza e pertinenza a quanto richiesto. Esposizione disordinata e non sempre corretta dei contenuti, ma aderente e pertinente a quanto richiesto. Esposizione disordinata e scorretta dei dati, poco aderente e pertinente a quanto richiesto. Ottima prestazione sul piano della sintesi; ottimo uso del lessico specifico disciplinare/oppure notevole apporto di contributi personale. Buon uso del lessico specifico e buona prestazione sul piano della sintesi/oppure buona rielaborazione personale dei contenuti 8 punti 7 punti 6 punti 5 punti 4 punti 3 punti 2 punti 1 punto 5 punti 4 punti 3 punti 2 punti 1 punto 2 punti 1 punto 14

15 GRIGLIA DI VALUTAZIONE QUARTA PROVA SCRITTA ESABAC FRANCESE TIPOLOGIA DI PROVA : Commentaire dirigé CANDIDATO/A 1. COMPRENSIONE DEL TESTO massimo 4 punti Il/la candidato/a comprende completa, puntuale e precisa le non del tutto completa, ma pertinente domande e formula le pertinente, ma essenziale risposte approssimativa in maniera: inadeguata 2. ANALISI E INTERPRETAZIONE massimo 3 punti Il/la candidato/a interpreta e pertinente, ampia, e con riferimenti precisi analizza il testo in maniera: pertinente, ma non del tutto approfondita pertinente, ma essenziale parziale, stentata imprecisa, superficiale, lacunosa 3. RIFLESSIONE E RIELABORAZIONE PERSONALE massimo 3 punti Il/la candidato/a svolge una pertinente, approfondita, ben strutturata e personale riflessione sul tema e pertinente, ben strutturata rielabora in maniera: pertinente, ma con un modesto apporto critico e personale superficiale, poco strutturata, non sempre chiara non sempre pertinente, poco strutturata, spesso incomprensibile 4. PADRONANZA DEL LESSICO E CORRETTEZZA GRAMMATICALE massimo 5 punti Il/la candidato/a usa un vario, appropriato, preciso lessico: appropriato, preciso accettabile pur con qualche imprecisione limitato, impreciso Il/la candidato/a usa strutture morfosintattiche: limitato, ripetitivo, scorretto articolate e corrette appropriate ma con qualche errore di modesta entità accettabili, pur con qualche imprecisione inadeguate e con errori che ostacolano la comunicazione numerosi e gravi errori 4 3, , ,5 1 2,5 2 1,5 1 0,5 2,5 2 1,5 1 0,5 TOTALE /15 15

16 GRIGLIA DI VALUTAZIONE QUARTA PROVA SCRITTA ESABAC FRANCESE TIPOLOGIA DI PROVA : Essais bref CANDIDATO/A 1. COMPRENSIONE DEI DOCUMENTI massimo 4 punti Il/la candidato/a comprende completa, puntuale e precisa le non del tutto completa, ma pertinente alla problematica caratteristiche peculiari dei indicata documenti in maniera: pertinente, ma essenziale approssimativa inadeguata 2. ANALISI E INTERPRETAZIONE massimo 3 punti Il/la candidato/a analizza e completa, ampia, e con riferimenti precisi interpreta i documenti in pertinente, ma non del tutto completa maniera: pertinente, ma essenziale parziale, stentata imprecisa, superficiale, lacunosa 3. RIFLESSIONE E RIELABORAZIONE PERSONALE massimo 3 punti Il/la candidato/a svolge una pertinente, approfondita, ben strutturata e personale riflessione sul tema e pertinente, ben strutturata rielabora in maniera: pertinente, ma con un modesto apporto critico e personale superficiale, poco strutturata, non sempre chiara non sempre pertinente, poco strutturata, spesso incomprensibile 4. PADRONANZA DEL LESSICO E CORRETTEZZA GRAMMATICALE massimo 5 punti Il/la candidato/a usa un vario, appropriato, preciso lessico: appropriato, preciso accettabile pur con qualche imprecisione limitato, impreciso Il/la candidato/a usa strutture morfosintattiche: limitato, ripetitivo, scorretto articolate e corrette appropriate ma con qualche errore di modesta entità accettabili, pur con qualche imprecisione inadeguate e con errori che ostacolano la comunicazione numerosi e gravi errori 4 3, , ,5 1 2,5 2 1,5 1 0,5 2,5 2 1,5 1 0,5 TOTALE /15 16

17 GRIGLIA DI VALUTAZIONE QUARTA PROVA SCRITTA ESABAC FRANCESE TIPOLOGIA DI PROVA : Storia EsaBac Voto del compito nel sistema francese Voto del compito nel sistema italiano /20 /15 Il compito attesta le seguenti capacità *: A B C D E F I. CONTENUTI/CONOSCENZE 1 Rispondere alla problematica dell argomento 2 Utilizzare le conoscenze necessarie 3 Restituire conoscenze adeguate in relazione all argomento 4 Organizzare e presentare le proprie conoscenze in modo coerente 5 Addurre esempi pertinenti 6 Rispondere con esattezza ai quesiti posti 7 Trasporre le informazioni in un altra lingua 8 Padroneggiare adeguatamente il vocabolario specifico II. METODO 1 Formulare una problematica in funzione dell argomento 2 Strutturare una risposta 3 Reperire le informazioni 4 Gerarchizzare informazioni e conoscenze 5 Mettere in relazione le informazioni 6 Contestualizzare le informazioni del/dei documento/i 7 Restituire le informazioni del/dei documento/i 8 Padroneggiare l espressione scritta III. RIFLESSIONE 1 Comprendere l argomento o gli argomenti 2 Comprendere gli esercizi richiesti 3 Comprendere le istruzioni 4 Organizzare la riflessione coerentemente con la problematica dell argomento 5 Valutare i punti di vista espressi nel/i documento/i 6 Dar prova di spirito critico 7 Interpretare un documento 8 Interpretare un corpus/insieme di documenti * In funzione del tema trattato dal candidato, saranno precisati gli item da valutare in via obbligatoria A= ottimo; B=distinto; C=buono; D=sufficiente; E=mediocre; F=insufficiente 17

18 I. 5. Simulazioni di prove di Esame di Stato (breve descrizione). Sono state realizzate due simulazioni di terza prova ( tipologia B) nel secondo quadrimestre, ciascuna della durata di 2 ore e 45 minuti, aventi per oggetto 4 discipline con tre quesiti per ogni disciplina per il gruppo di tedesco (prova di storia o filosofia, seconda e terza lingua straniera, scienze) e 3 discipline con 4 quesiti per il gruppo ESABAC (prova di Storia in francese, scienze, filosofia ), come accadrà all Esame di Stato. Inoltre, sempre durante il secondo quadrimestre, è stata realizzata una simulazione di prima prova della durata di cinque ore, predisposta dai docenti del Dipartimento di Lettere e una simulazione di quarta prova, della durata complessiva di ore sei ( quattro per la prova di lingua e letteratura francese, due per la prova di storia Esabac). I testi di queste simulazioni sono consultabili in allegato. Infine, una simulazione di seconda prova è prevista per il 22 maggio. 18

19 PARTE III: ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE DAI SINGOLI DOCENTI (ALL A) RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Prof. Mario Ferrari Materia: IRC Classe V AL a.s. 2014/2015 In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi: nel corso del quinto e ultimo anno della scuola secondaria di secondo grado, l insegnamento della religione cattolica ha avuto come obiettivo didattico principale l approfondimento di alcuni aspetti fondamentali dell esperienza umana e cristiana, ripercorrendo anche argomenti o tematiche già affrontate negli anni precedenti, con l intento di rinforzare negli/le studenti/esse un atteggiamento di apertura, ricerca e riflessione rispetto alla realtà che si dà in maniera complessa. E stato privilegiato il momento riflessivo rispetto a quello informativo, coinvolgendo maggiormente gli/le allievi/e mediante la loro capacità di osservazione e di analisi. All interno del percorso si è dato spazio anche a suggerimenti e istanze che gli/le studenti/esse stessi hanno occasionalmente proposto. 1. METODOLOGIE Il metodo si sviluppa in alcune fasi: Fase proiettiva Fase analitica Fase riespressiva o di riappropriazione Fase finale di verifica 2. MATERIALI DIDATTICI Uso della Bibbia e di alcuni documenti video 3. TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE L osservazione dell'attenzione in classe e della partecipazione attiva all attività didattica (attraverso eventuali domande riguardanti la spiegazione, osservazioni e riflessioni, discussioni sostenute con pertinenza, interessamento con ricerche o contributi personali). Il dialogo rimane, nelle poche ore a disposizione, il feedback più significativo. Verona, 15 Maggio 2015 Firma del docente 19

20 Liceo Scientifico Statale G. Galilei Verona Classe VAL PROGRAMMA DI RELIGIONE a.s. 2014/ CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE Primo Quadrimestre L evoluzione della coscienza morale o Gli stadi dello sviluppo della coscienza psichica e morale secondo Kohlberg o Casi esemplificativi, discussione e confronto o Stadio quattro: il valore delle regole per il buon funzionamento della vita comunitaria o Approfondimento dello stadio cinque attraverso L obbedienza non è più una virtù di don Lorenzo Milani. Il cristiano adulto e l obiezione di coscienza o Il compimento etico nell esperienza dell amore gratuito o Intervista a E. Bianchi e M. Cacciari. L esperienza cristiana come percorso umanizzante. Apertura al concetto di prossimità Progettualità per il futuro Incontro con Paolo Bottura, volontario del carcere, per la giornata nazionale "A scuola di libertà" Secondo Quadrimestre La conoscenza e la percezione di sé attraverso la relazione con gli altri. Illustrazione della finestra di Johari o Valutazione dell'esperienza condotta in classe tra gli studenti o La coscienza umana chiamata a prendere posizione di fronte a situazioni concrete o Gli stili comunicativi Aspetti legati all interpretazione dei testi e dell esperienza umana o Fedeltà alla tradizione e bisogno di cambiamento nell'esperienza ecclesiale o Rapporto tra fede e religione. Confronto sui testi della Passione di Gesù, in Giovanni Avvio all interpretazione scientifica della Scrittura o Esperienza del credere nella tensione tra Scrittura e Dottrina Il gatto del guru: rapporto fra tradizione, dottrina e significato originario delle pratiche religiose Il docente I rappresentanti degli studenti 20

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI LUZZATTI www.istluzzatti.gov.it Mail: VIIS00300P@istruzione.it - Pec: VIIS00300P@pec.istruzione.it Tel. 0445 401197 - Fax 0445 408488 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento concernenti le attività e gli insegnamenti compresi nei piani degli studi previsti per i percorsi

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli