DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V AL Liceo Linguistico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V AL Liceo Linguistico"

Transcript

1 LICEO STATALE GALILEO GALILEI -VERONA con indirizzi: SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE LINGUISTICO - SPORTIVO Via San Giacomo Verona tel fax : C.F Succ. Via Carlo Alberto tel Verona ANNO SCOLASTICO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V AL Liceo Linguistico Coordinatrice di Classe: Prof.ssa Pesce Patrizia 1

2 SOMMARIO DEL DOCUMENTO PARTE I: STORIA DELLA CLASSE NEL TRIENNIO 1.1. Flussi degli studenti p Variazione nella composizione del Consiglio di Classe p. 3 PARTE II: PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE E SUA REALIZZAZIONE A CURA DEL CONSIGLIO DI CLASSE II.1 Situazione di partenza della classe nell anno scolastico 2014/2015 p. 4 II.2. Obiettivi conseguiti dalla classe e breve nota esplicativa percorso di studio ESABAC p. 4 II.3. Attività programmate e realizzate dal Consiglio di Classe p. 5 II.4. Metodi, criteri e strumenti di valutazione (griglie) p. 6 II.5. Simulazioni di prove di Esame di Stato (breve descrizione) p. 18 PARTE III: ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE DAI SINGOLI DOCENTI (ALL A) Religione p. 19 Italiano p. 21 Inglese 1^ lingua p. 31 Francese 2^ lingua p. 38 Tedesco 2^ lingua p. 45 Spagnolo 3^ lingua p. 50 Storia p. 54 Storia ESABAC p. 57 Filosofia p. 65 Matematica p. 70 Fisica p. 73 Storia dell Arte p. 76 Scienze naturali p. 81 Scienze motorie e sportive p. 85 PARTE IV: ALLEGATI DELLE SIMULAZIONI DI PROVE DI ESAMI DI STATO Simulazione di Prima prova: 6 maggio 2015 p Simulazioni di Terza prova: Terza prova 19 febbraio 2015 p. 99 Terza prova 23 aprile 2015 p.109 Simulazione di Quarta prova: 31 marzo 2015 p.121 2

3 PARTE I: STORIA DELLA CLASSE NEL TRIENNIO I. 1. Flussi degli studenti Iscritti alla classe provenienti dalla stessa sezione AL a.s a.s a.s Iscritti alla classe Promossi Non promossi Ritirati o trasferiti provenienti da ad altra sezione altra sezione o istituto I. 2. Variazioni nella composizione del Consiglio di classe MATERIA a. s a. s a. s Religione Ferrari Mario Ferrari Mario Ferrari Mario Italiano Ferrazza Martina Ferrazza Martina Ferrazza Martina Storia Aere Milena Aere Milena Aere Milena Storia ESABAC Pollini Pierluigi Pollini Pierluigi Pollini Pierluigi Filosofia Aere Milena Galbier Morgan Cecchini Matteo Matematica Meneghello Mauro Meneghello Mauro Meneghello Mauro Fisica Meneghello Mauro Meneghello Mauro Meneghello Mauro 1^lingua Inglese Pesce Patrizia Pesce Patrizia Pesce Patrizia 2^lingua Francese Pedron Paola Pedron Paola Pedron Paola 2^ lingua Tedesco Forese Lucia Forese Lucia Maccaferri Monica 3^lingua Spagnolo Oliva Giusy Frangione Emanuele Ortolani Vania Chimica e Biologia Pigozzi M.Silvia Pigozzi M.Silvia Marcolin Davide Storia dell Arte Menini Sergio Menini Sergio Menini Sergio Scienze motorie e Rancan Bertilla Rancan Bertilla Rancan Bertilla sportive Convers. 1^lingua Mainwaring Raymond Mainwaring Raymond Mainwaring Raymond Convers. 2^ lingua Maroselli Marianne Maroselli Marianne Maroselli Marianne francese Convers. 2^ lingua Pos Jana Pos Jana Pos Jana Tedesco Convers. 3^ lingua Cuesta Pizarro Cuesta Pizarro Cuesta Pizarro Spagnolo Docente di sostegno Guadalupe Perenzoni Maria Grazia Guadalupe Barbarossa Rosanna (poi sostituita da Donatelli Irene) + Ferrari Mario Guadalupe Adami Giulia 3

4 PARTE II: PROGRAMMAZIONE COLLEGIALE E SUA REALIZZAZIONE A CURA DEL CONSIGLIO DI CLASSE II. 1. Situazione di partenza della classe nell anno scolastico All inizio dell anno scolastico la classe 5 AL, con un gruppo di 18 studenti, che dalla classe terza ha aderito al progetto ESABAC- Diploma bi-nazionale italo - francese ( Esame di Stato e Baccalauréat), presentava un numero complessivo di elementi pari a 27, di cui 21 studentesse e 6 studenti; uno degli studenti era inserito nella classe proveniente dalla 5AL. Uno studente diversamente abile frequenta la classe dall inizio del percorso liceale: si avvale di una propria programmazione ed è seguito da un insegnante di sostegno. Nel corso del primo trimestre è stato predisposto un PDP in alcune discipline per una studentessa. Per quanto concerne la composizione del Consiglio di classe, sono cambiati i docenti di Tedesco, Spagnolo, Filosofia e Scienze, come si rileva dalla tabella di cui sopra. Nella prima fase dell anno scolastico, l analisi dei fattori che concorrono alla valutazione periodica e finale permetteva di rilevare quanto segue: osservazione dei comportamenti scolasticamente rilevanti ( costanza e precisione nello svolgimento del lavoro, dimenticanze ): la valutazione del Consiglio risultava generalmente positiva. analisi dei processi di apprendimento ( livelli di attenzione e modalità di partecipazione al dialogo educativo): il Consiglio riteneva che la classe si impegnasse abbastanza per ottemperare agli impegni di lavoro richiesti; ne conseguiva un atteggiamento improntato nel complesso all attenzione e alla responsabilità. Per quanto riguarda la partecipazione, questa era attiva solo per un limitato numero di studenti, mentre molti preferivano non esporsi e semplicemente ascoltare. obiettivi comuni del Consiglio di classe in ordine a conoscenze, competenze e capacità: a seguito delle prime verifiche formali o informali si segnalavano alcuni casi di mancato raggiungimento degli obiettivi minimi, segno di carenze nella preparazione attuale o di carenze pregresse. II. 2. Obiettivi conseguiti dalla classe VAL alla fine dell anno scolastico In termini generali, ad oggi si può dire che nella classe 5 AL, le finalità comuni di codesto Liceo, miranti a promuovere il processo globale di crescita degli studenti, siano state raggiunte - sia pur a livelli diversi - nelle loro dimensioni fondamentali ed in quelle complementari, e cioè nell acquisizione di consapevolezza, nello sforzo di avere un approccio critico ai molteplici aspetti della realtà e di instaurare rapporti civili e costruttivi con gli altri, pur nella diversità dei caratteri e delle personalità. L analisi dei fattori che concorrono alla valutazione periodica e finale permette di rilevare che, per quanto concerne l osservazione dei comportamenti scolasticamente rilevanti (costanza e precisione nello svolgimento del lavoro, dimenticanze), la maggior parte della classe ha lavorato con costanza e precisione nelle varie discipline. Indubbiamente, sotto questo profilo, non esiste una omogeneità di comportamento in tutte le discipline. Per quanto concerne l analisi dei processi di apprendimento ( livelli di attenzione e modalità di partecipazione al dialogo educativo) la classe risulta piuttosto eterogenea: alcuni studenti hanno partecipato alle lezioni contribuendo con apporti personali, una parte della classe ha dimostrato un interesse per lo più scolastico per le discipline, partecipando soltanto se sollecitata. Per un piccolo gruppo, attenzione e partecipazione al dialogo educativo sono stati piuttosto discontinui e superficiali. Per quanto concerne infine il raggiungimento degli obiettivi in ordine a conoscenze, competenze, capacità, gli esiti di profitto sono in media più che discreti, in qualche caso buoni o molto buoni, 4

5 fermo restando che in discipline specifiche permangono casi isolati di studenti che raggiungono a fatica gli obiettivi minimi. PERCORSO DI STUDIO ESABAC (breve guida esplicativa) - Il termine EsaBac è l acronimo di esame di stato e del suo corrispondente francese baccalauréat. Entrato in vigore a partire da settembre 2010, grazie all'accordo firmato il 24 febbraio 2009 dal ministro italiano dell'istruzione, dell'università e della Ricerca (MIUR) e il ministro francese dell'education Nationale, questo nuovo dispositivo educativo consente agli allievi italiani e francesi di conseguire simultaneamente due diplomi a partire d' un solo esame - l'esame di Stato italiano e il Baccalauréat francese. Questo doppio rilascio di diplomi convalida un percorso scolastico biculturale e bilingue. - Il testo normativo di riferimento è il D.M. 91 del 22/11/ Come si organizza il dispositivo EsaBac: durante il triennio, due discipline specifiche sono integrate alla preparazione dell'esame di Stato: lingua, letteratura e civiltà francese (4h alla settimana) ed histoire (2h alla settimana). Queste due discipline sono impartite in francese per gli allievi italiani e in italiano per gli allievi francesi. - Nella classe 5AL sono 18 le studentesse e gli studenti che hanno seguito il percorso (Tra questi un diversamente abile). Oltre alle 4 ore di letteratura e civiltà francese, di cui una in compresenza con la conversatrice madre-lingua, sono state svolte 2 ore di storia, di cui una in compresenza con la stessa conversatrice. - Per la tipologia delle prove d esame e la valutazione delle stesse si rimanda agli articoli 5,6 e 7 del D.M. 91/ Per i contenuti e le griglie di correzione degli elaborati e delle simulazioni si faccia riferimento agli allegati A delle materie storia e francese. Il commissario di lingua francese ha facoltà di modificare o elaborare le griglie di correzione. I. 3. Attività programmate e realizzate dal Consiglio di Classe CURRICOLARI ( PREVISTE DAL POF o decise dal CONSIGLIO DI CLASSE): Orientamento in uscita alle facoltà universitarie ( COSP ) solo il gruppo di lingua francese) Teatro in lingua francese: Notre Dame des Banlieues al Teatro Alcione il 19 novembre 2014 (solo il gruppo di lingua francese) Teatro in lingua inglese Frankenstein al Teatro S.Teresa il 18 novembre Cineforum: film su G. Leopardi Il giovane favoloso, martedì 25 novembre 2014 al Cinema Fiume Cineforum: film Hannah Arendt il giorno 27 gennaio Talk sul romanzo 1984 di G.Orwell, tenuta dal relatore Sig Quinn, organizzata per gli studenti delle classi quinte, 23 aprile 2015 Educazione alla Salute Educazione alla Sicurezza Stradale: Incontro di mezza mattinata con i Vigili Urbani e l Associazione AIFVS (4 maggio 2015) Viaggio di istruzione con la classe 5C: Dachau-Praga-Vienna dal 23 al 28 marzo

6 EXTRACURRICOLARI PER L ARRICCHIMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA ( OLTRE A QUELLE GIA PREVISTE DAL POF ) Essendo a richiesta individuale, ogni studente è stato libero di scegliere tra quelli proposti dalla scuola: Gruppi di lettura. Certificazione lingua spagnola B2. Certificazione lingua tedesca B1 e B2. Certificazione di lingua francese B2: 5 ragazze/i hanno conseguito la certificazione DELF B2, uno studente la certificazione C1. Certificazione lingua inglese Cambridge Exams B2: quest anno e lo scorso anno 7 studenti/esse hanno ottenuto la certificazione di lingua inglese FCE. Progetto Jeunes matinées pour le français : dopo una preparazione specifica ed il conseguimento della certificazione B2, 6 ragazzi/e si sono recati nella scuola elementare Cangrande della Scala di S. Giovanni Lupatoto dove, in due quinte, hanno svolto delle attività ludiche di approccio alla lingua e civiltà francese. Gruppo Teatrale Galilei : Ariosto M.T., Cordioli F. e Macaluso M. lavorano con professionalità all interno del Gruppo Teatrale da 5 anni. Progetto Tandem. Progetto Archeoscuola: (Rete dei Licei Veronesi per l Archeologia): una serie di lezioni teoriche abbinate ad alcune attività sul campo dedicate all indagine archeologica e allo studio monografico di alcune civiltà antiche dell area mitteleuropea e mediterranea, con attività di formazione specialistica all università di Torino. Quest anno vi hanno partecipato 4 studentesse e uno studente. Due di loro hanno partecipato al progetto dalla classe prima, mentre per altre due studentesse si è trattato della seconda esperienza nel corso del quinquennio. II. 4. Metodi, criteri e strumenti di valutazione (tabella CRITERI E STRUMENTI DELLA MISURAZIONE E DELLA VALUTAZIONE APPROVATI DAL COLLEGIO DOCENTI griglie di valutazione adottate dai Dipartimenti ed approvate dal Collegio docenti per la I e II prova ( lingue), due esempi di griglie per la III prova e le griglie di valutazione della IV prova ESABAC (letteratura e storia) PERFORMANCE GIUDIZIO VOTO L'alunno comprende e conosce in modo approfondito tutti i contenuti svolti, li sa applicare e/o contestualizzare, rielaborare, analizzare, sintetizzare, espone i contenuti, usa il lessico e la terminologia specifica in modo preciso, soddisfa tutti gli obiettivi stabiliti per l'esecuzione delle prove, organizza conoscenze e competenze scegliendo strategie adeguate allo scopo, sa gestire con prontezza od eventualmente con originalità situazioni complesse e/o nuove L'alunno comprende e conosce tutti i contenuti svolti, li sa applicare e/o contestualizzare, rielaborare, analizzare, sintetizzare, espone i contenuti, usa il lessico e la terminologia specifica in modo preciso, soddisfa tutti gli obiettivi stabiliti per l'esecuzione delle prove, ECCELLENTE 10 OTTIMO 9 6

7 organizza conoscenze e competenze scegliendo strategie adeguate allo scopo L'alunno comprende e conosce quasi tutti i contenuti svolti, li sa applicare e/o contestualizzare, espone i contenuti con correttezza e proprietà lessicale usando la terminologia specifica, soddisfa tutti gli obiettivi stabiliti per l'esecuzione delle prove, organizza conoscenze e competenze applicando strategie adeguate allo scopo L'alunno comprende e conosce la maggior parte dei contenuti svolti, li sa applicare e/o contestualizzare, espone i contenuti con correttezza e proprietà lessicale usando la terminologia specifica, soddisfa la maggior parte degli obiettivi stabiliti per l'esecuzione delle prove L'alunno comprende e conosce i contenuti essenziali e li sa applicare, espone i contenuti usando lessico e terminologia specifica in modo sostanzialmente corretto, soddisfa gli obiettivi minimi stabiliti per l'esecuzione delle prove L'alunno manifesta incertezze e lacune nella comprensione e conoscenza dei contenuti essenziali, espone i contenuti in modo poco pertinente, è incerto nell'uso del linguaggio specifico, soddisfa parzialmente gli obiettivi minimi stabiliti per l'esecuzione delle prove L'alunno manifesta numerose incertezze e lacune nella comprensione e conoscenza dei contenuti essenziali, è incerto e scorretto nell'uso della terminologia specifica, soddisfa solo alcuni degli obiettivi minimi stabiliti per l'esecuzione delle prove L'alunno non conosce e non comprende i contenuti essenziali delle materie, non conosce e/o non sa usare la terminologia specifica, non soddisfa nessuno degli obiettivi minimi stabiliti per l'esecuzione delle prove L'alunno non risponde alle domande e/o consegna il foglio del compito in bianco. L'alunno non risponde alle domande e/o consegna il foglio del compito in bianco. BUONO 8 DISCRETO 7 SUFFICIENTE 6 INSUFFICIENTE 5 GRAVEMENTE INSUFFICIENTE TOTALMENTE INSUFFICIENTE NEGATIVO 2 COMPLETAMENTE NEGATIVO

8 CRITERI DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA Criteri generali: Rispetto delle consegne (aderenza all argomento proposto e all ambito scelto, comprensione del testo, rispetto della traccia) Informazione (contestualizzazione dei testi, validità degli argomenti e delle interpretazioni, conoscenze specifiche disciplinari) Capacità di sviluppare un discorso coerente (strutturazione in paragrafi, scansione logica, coerenza argomentativa) Correttezza formale (sintassi, lessico, ortografia, punteggiatura) Criteri specifici: Indicatori Descrittori SAGGIO BREVE E ARTICOLO DI GIORNALE Rispetto delle consegne (tipologia destinazione editoriale misura) Titolo Comprensione dei documenti Utilizzazione della documentazione Individuazione della tesi Argomentazione della tesi Completa Titolo efficace Precisa e acuta Molto efficace (in relazione alla tipologia scelta) Chiaramente espressa Bene articolata e approfondita Completa Titolo poco efficace, ma coerente Corretta Efficace Delineata Sostanzialmente articolata e approfondita Sostanziale Titolo generico, ma non scorretto Corretta negli elementi essenziali Un po rigida Presente Essenziale e/ o superficiale Incompleta Titolo generico e scorretto Scorretta Poco efficace e/o poco coerente (in relazione alla tesi sostenuta e alla tipologia scelta) Appena accennata Molto superficiale Incompleta Titolo scorretto o incomprensibile Molto scorretta Inefficace e incoerente Inesistente Inesistente Struttura del discorso (paragrafazione nessi logici) Ordinata, coerente e organica Ordinata e coerente Ordinata Disordinata e/o talora incoerente Disordinata e incoerente Espressione formale (sintassi ortografia punteggiatura lessico registro linguistico) Punteggi 10 9 (15-14) Corretta ed efficace Sintassi corretta Ortografia corretta Punteggiatura corretta Lessico ricco e appropriato Registro linguistico costantemente adeguato Sostanzialmente corretta 8 7 (13-12) Non sempre corretta 6 1\2 6 (11-10) Scorretta 5 4 (9-7) Molto scorretta 3 (6) 8

9 CRITERI DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA Criteri generali: Rispetto delle consegne (aderenza all argomento proposto e all ambito scelto, comprensione del testo, rispetto della traccia) Informazione (contestualizzazione dei testi, validità degli argomenti e delle interpretazioni, conoscenze specifiche disciplinari) Capacità di sviluppare un discorso coerente (strutturazione in paragrafi, scansione logica, coerenza argomentativa) Correttezza formale (sintassi, lessico, ortografia, punteggiatura) Criteri specifici: ANALISI TESTUALE Indicatori Descrittori Comprensione del testo Analisi del testo Interpretazione complessiva Approfondimenti Argomentazione Struttura del discorso (paragrafatura nessi logici) Espressione formale Completa e approfondita Completa, corretta e precisa Completa, approfondita, personale Bene articolata e approfondita Ordinata, coerente ed organica Corretta ed efficace Esauriente Completa, corretta, sostanzialmente precisa Corretta e adeguata Sostanzialmente articolata e approfondita Complessivamente corretta Talvolta imprecisa o incompleta, ma complessivamente corretta negli elementi fondamentali Essenziale, ma sostanzialmente corretta Essenziale e/ o superficiale Incompleta e\o scorretta Superficiale con scorrettezze ed omissioni anche di elementi fondamentali Schematica e\o imprecisa e\o scorretta Molto superficiale Ordinata e coerente Ordinata Disordinata e talora incoerente Sostanzialmente corretta Non sempre corretta Scorretta Gravemente incompleta e\o scorretta Molto superficiale e\o scorretta e\o incompleta Molto imprecisa e generica Inesistente Disordinata e incoerente Molto scorretta (sintassi ortografia punteggiatura lessico ) sintassi corretta ortografia corretta punteggiatura corretta lessico appropriato Punteggi: 10-9 (15-14) 8-7 (13-12) 61\2-6 (11-10) 5-4 (9-7) 3 (6-1) Voto complessivo: 9

10 CRITERI DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA Criteri generali: Rispetto delle consegne (aderenza all argomento proposto, comprensione del testo, rispetto della traccia) Informazione (contestualizzazione dei testi, validità degli argomenti e delle interpretazioni, conoscenze specifiche disciplinari) Capacità di sviluppare un discorso coerente (strutturazione, scansione logica, coerenza argomentativa) Correttezza formale (sintassi, ortografia, punteggiatura, lessico) Criteri specifici: TEMA Indicatori Descrittori Aderenza alla traccia Completa Adeguata Sostanziale Superficiale e\o incompleta Informazione Esauriente Corretta Un po imprecisa e\o superficiale Sviluppo dei Approfondito Approfondito e/o esteso Essenziale contenuti ed esteso Imprecisa e limitata Appena accennato Scarsa o nulla Scorretta e \ o inesistente Inesistente Argomentazion e Struttura del discorso (paragrafatura nessi logici) Bene articolata e approfondita Ordinata, coerente e organica Sostanzialmente articolata e approfondita Essenziale e/o superficiale Molto superficiale Ordinata e coerente Ordinata Disordinata e/o talora incoerente Inesistente Disordinata e incoerente Espressione formale Corretta ed efficace Sostanzialmente corretta Non sempre corretta Scorretta Molto scorretta (sintassi ortografia - punteggiatura lessico) sintassi corretta ortografia corretta punteggiatura corretta lessico ricco e appropriato Punteggi 10-9 (15-14) 8-7 (13-12) 61\2-6 (11-10) 5-4 (9-7) 4-1 (6) Voto complessivo: 10

11 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA 2^ PROVA SCRITTA 2 prova: criteri di valutazione per la prova di comprensione e produzione del testo sulla base delle domande proposte Indicatori Pertinenza delle risposte a Competenze linguistiche Rielaborazione linguistica. quanto richiesto dalle domande. Capacità di comprendere il testo e di selezionare le informazioni essenziali. Pertinenza del testo prodotto Elaborazione linguistica. alla traccia. Voti Descrittori 14/15 Risponde in modo pertinente, preciso, puntuale a tutte le domande. Dal punto di vista grammaticale la prova può presentare nessun errore / rari errori di distrazione. Rielabora il testo usando con sicurezza una terminologia diversa dallo stesso, ma ricca, Sa cogliere con abilità le informazioni esplicite ed accurata e rigorosamente appropriata. implicite contenute nel testo. Espressione autentica. Seleziona tutte le informazioni essenziali e le organizza in modo logico ed equilibrato. Sviluppa in modo pertinente, personale ed equilibrato tutte le parti proposte dalla traccia 13 Risponde in modo pertinente a tutte le domande. Riesce a cogliere tutte le informazioni importanti, ma un punto poteva essere ampliato e/o approfondito e/o esemplificato. Seleziona le informazioni essenziali e le organizza in modo logico e abbastanza equilibrato. Sviluppa in modo pertinente, equilibrato e abbastanza personale tutte le parti proposte dalla traccia 12 Risponde in modo pertinente e dà la maggior parte delle informazioni importanti; una domanda potrebbe essere fraintesa / alcune informazioni potevano essere ampliate e/o approfondite e/o esemplificate. Seleziona le informazioni essenziali e anche qualche informazione secondaria che organizza in modo logico e abbastanza equilibrato. Sviluppa in modo pertinente, equilibrato tutte le parti proposte dalla traccia. 11 Risponde in modo pertinente, ma dà solo informazioni essenziali alcune approfondite e/o altre solo accennate. Seleziona le informazioni essenziali, ma inserisce anche alcune informazioni secondarie che organizza in modo logico e abbastanza equilibrato. Sviluppa in modo pertinente e abbastanza equilibrato quanto proposto dalla traccia. Sono presenti pochissimi errori in strutture grammaticali complesse. Sono presenti pochi errori in strutture grammaticali complesse. Sono presenti alcuni errori in strutture grammaticali complesse. In generale rielabora il testo utilizzando un lessico accurato e appropriato. Forma scorrevole, a volte complessa, ben articolata. Rielabora parzialmente il testo utilizzando un lessico abbastanza appropriato. Forma scorrevole, chiara. Tenta di rielaborare il testo e vi riesce solo in parte e/o usa qualche termine lessicale poco appropriato. Forma semplice e abbastanza scorrevole. 11

12 10 Risponde in modo pertinente al 60% delle domande. La risposta è generalmente corretta nel contenuto e si limita alle informazioni essenziali Coglie il senso generale del testo, seleziona la maggior parte delle informazioni essenziali, ma inserisce anche informazioni secondarie che organizza in modo abbastanza logico ed equilibrato. Sviluppa in modo pertinente buona parte della traccia. 9/6 Non risponde al 60% delle domande e/o le risposte non risultano del tutto complete, mancano informazioni essenziali e/o alcuni punti sono stati fraintesi. Coglie solo in parte il significato del testo, Seleziona solo alcune informazioni essenziali. Organizza le informazioni in modo poco logico ed equilibrato I contenuti sono solo in parte pertinenti, poco sviluppati, superficiali. 5/3 Risponde solo ad un numero limitato di domande, spesso non sa comprendere correttamente il testo; le risposte risultano lacunose, contengono informazioni del tutto errate e/o non precise. Non ha colto il significato del testo. Seleziona solo alcune informazioni, non sempre pertinenti. Non organizza le informazioni in modo logico ed equilibrato I contenuti sono poco pertinenti, banali o inaccettabili. 2/1 Mancanza di pur minimi indicatori. Sono presenti errori grammaticali che non pregiudicano la comprensione. Sono presenti alcuni errori anche in strutture grammaticali di base. Sono presenti numerosi errori anche in strutture grammaticali di base. Mancanza di pur minimi indicatori. Non vi è rielaborazione del testo. Forma elementare / paratattica. Il lessico è limitato e/o impreciso. Forma scarna / italianizzante. L'esposizione manca di organicità. Il lessico è spesso inadeguato. Forma confusa. Mancanza di pur minimi indicatori. 12

13 GRIGLIA DI VALUTAZIONE COMUNE TERZA PROVA Alunno/a Indicatori Descrittori Indicatori 1. Conoscenze Possiede conoscenze approfondite ed organiche Possiede conoscenze precise e complete Conosce gli argomenti proposti Conosce gli aspetti fondamentali degli argomenti proposti Conosce in modo frammentario e/o parziale i concetti fondamentali Non conosce nemmeno gli aspetti fondamentali 2. Capacità di Applica e rielabora in modo completo, articolato, personale applicazione, Applica e rielabora in modo sicuro ed efficace collegamento e di Applica e rielabora in modo sicuro rielaborazione Applica e rielabora in modo semplice Ha difficoltà nell applicare e rielaborare le conoscenze 3. Forma ed esposizione Non è in grado di applicare e rielaborare le conoscenze Si esprime con fluidità, ricchezza, padronanza lessicale Si esprime in maniera efficace, utilizzando il lessico specifico (lingue: pur con qualche errore) Si esprime in maniera complessivamente corretta e ordinata Si esprime con ordine (lingue: e in modo comprensibile), utilizzando un lessico essenziale Espone con incertezze o difficoltà sia sul piano logico che su quello lessicale (lingue: con errori morfosintattici) Espone in modo confuso e scorretto (lingue: con gravi e/o diffusi errori morfosintattici) Punteggi o Punteggio finale => 13

14 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA 3^ PROVA SCRITTA INDICATORI CONOSCENZE; punti 1-8 Valutazione del grado di possesso dei dati, delle definizioni e dei contenuti essenziali. COMPETENZE: punti 1-5 Valutazione dei seguenti parametri: esposizione corretta ed ordinata dei dati conosciuti; aderenza o pertinenza a quanto richiesto dal quesito; corretto collegamento dei contenuti (sequenza logicotemporale, coerenza, chiarezza espositiva); proprietà linguistica (uso del linguaggio specifico della disciplina CAPACITA :punti 0-2 Valutazione del livello di analisi e di sintesi espresse, oltre ad eventuali spunti originali dovuti a contributi/rielaborazioni personali dei contenuti DESCRITTORI Conoscenze ampie ed approfondite Conoscenze essenziali e corrette Conoscenze parziali, ma corrette Conoscenze insufficienti, ma sostanzialmente corrette Conoscenze insufficienti e non sempre corrette Non conosce gran parte dei contenuti essenziali Totale mancanza di conoscenza dei contenuti essenziali e dei dati Consegna il foglio in bianco Esposizione ordinata e corretta dei dati conosciuti, aderente e pertinente a quanto richiesto, condotta con proprietà linguistica. Esposizione discretamente ordinata e corretta dei dati conosciuti, accompagnata da discreta aderenza e pertinenza a quanto richiesto e condotta con proprietà linguistica. Esposizione sufficientemente ordinata e corretta dei dati conosciuti, accompagnata da discreta aderenza e pertinenza a quanto richiesto. Esposizione disordinata e non sempre corretta dei contenuti, ma aderente e pertinente a quanto richiesto. Esposizione disordinata e scorretta dei dati, poco aderente e pertinente a quanto richiesto. Ottima prestazione sul piano della sintesi; ottimo uso del lessico specifico disciplinare/oppure notevole apporto di contributi personale. Buon uso del lessico specifico e buona prestazione sul piano della sintesi/oppure buona rielaborazione personale dei contenuti 8 punti 7 punti 6 punti 5 punti 4 punti 3 punti 2 punti 1 punto 5 punti 4 punti 3 punti 2 punti 1 punto 2 punti 1 punto 14

15 GRIGLIA DI VALUTAZIONE QUARTA PROVA SCRITTA ESABAC FRANCESE TIPOLOGIA DI PROVA : Commentaire dirigé CANDIDATO/A 1. COMPRENSIONE DEL TESTO massimo 4 punti Il/la candidato/a comprende completa, puntuale e precisa le non del tutto completa, ma pertinente domande e formula le pertinente, ma essenziale risposte approssimativa in maniera: inadeguata 2. ANALISI E INTERPRETAZIONE massimo 3 punti Il/la candidato/a interpreta e pertinente, ampia, e con riferimenti precisi analizza il testo in maniera: pertinente, ma non del tutto approfondita pertinente, ma essenziale parziale, stentata imprecisa, superficiale, lacunosa 3. RIFLESSIONE E RIELABORAZIONE PERSONALE massimo 3 punti Il/la candidato/a svolge una pertinente, approfondita, ben strutturata e personale riflessione sul tema e pertinente, ben strutturata rielabora in maniera: pertinente, ma con un modesto apporto critico e personale superficiale, poco strutturata, non sempre chiara non sempre pertinente, poco strutturata, spesso incomprensibile 4. PADRONANZA DEL LESSICO E CORRETTEZZA GRAMMATICALE massimo 5 punti Il/la candidato/a usa un vario, appropriato, preciso lessico: appropriato, preciso accettabile pur con qualche imprecisione limitato, impreciso Il/la candidato/a usa strutture morfosintattiche: limitato, ripetitivo, scorretto articolate e corrette appropriate ma con qualche errore di modesta entità accettabili, pur con qualche imprecisione inadeguate e con errori che ostacolano la comunicazione numerosi e gravi errori 4 3, , ,5 1 2,5 2 1,5 1 0,5 2,5 2 1,5 1 0,5 TOTALE /15 15

16 GRIGLIA DI VALUTAZIONE QUARTA PROVA SCRITTA ESABAC FRANCESE TIPOLOGIA DI PROVA : Essais bref CANDIDATO/A 1. COMPRENSIONE DEI DOCUMENTI massimo 4 punti Il/la candidato/a comprende completa, puntuale e precisa le non del tutto completa, ma pertinente alla problematica caratteristiche peculiari dei indicata documenti in maniera: pertinente, ma essenziale approssimativa inadeguata 2. ANALISI E INTERPRETAZIONE massimo 3 punti Il/la candidato/a analizza e completa, ampia, e con riferimenti precisi interpreta i documenti in pertinente, ma non del tutto completa maniera: pertinente, ma essenziale parziale, stentata imprecisa, superficiale, lacunosa 3. RIFLESSIONE E RIELABORAZIONE PERSONALE massimo 3 punti Il/la candidato/a svolge una pertinente, approfondita, ben strutturata e personale riflessione sul tema e pertinente, ben strutturata rielabora in maniera: pertinente, ma con un modesto apporto critico e personale superficiale, poco strutturata, non sempre chiara non sempre pertinente, poco strutturata, spesso incomprensibile 4. PADRONANZA DEL LESSICO E CORRETTEZZA GRAMMATICALE massimo 5 punti Il/la candidato/a usa un vario, appropriato, preciso lessico: appropriato, preciso accettabile pur con qualche imprecisione limitato, impreciso Il/la candidato/a usa strutture morfosintattiche: limitato, ripetitivo, scorretto articolate e corrette appropriate ma con qualche errore di modesta entità accettabili, pur con qualche imprecisione inadeguate e con errori che ostacolano la comunicazione numerosi e gravi errori 4 3, , ,5 1 2,5 2 1,5 1 0,5 2,5 2 1,5 1 0,5 TOTALE /15 16

17 GRIGLIA DI VALUTAZIONE QUARTA PROVA SCRITTA ESABAC FRANCESE TIPOLOGIA DI PROVA : Storia EsaBac Voto del compito nel sistema francese Voto del compito nel sistema italiano /20 /15 Il compito attesta le seguenti capacità *: A B C D E F I. CONTENUTI/CONOSCENZE 1 Rispondere alla problematica dell argomento 2 Utilizzare le conoscenze necessarie 3 Restituire conoscenze adeguate in relazione all argomento 4 Organizzare e presentare le proprie conoscenze in modo coerente 5 Addurre esempi pertinenti 6 Rispondere con esattezza ai quesiti posti 7 Trasporre le informazioni in un altra lingua 8 Padroneggiare adeguatamente il vocabolario specifico II. METODO 1 Formulare una problematica in funzione dell argomento 2 Strutturare una risposta 3 Reperire le informazioni 4 Gerarchizzare informazioni e conoscenze 5 Mettere in relazione le informazioni 6 Contestualizzare le informazioni del/dei documento/i 7 Restituire le informazioni del/dei documento/i 8 Padroneggiare l espressione scritta III. RIFLESSIONE 1 Comprendere l argomento o gli argomenti 2 Comprendere gli esercizi richiesti 3 Comprendere le istruzioni 4 Organizzare la riflessione coerentemente con la problematica dell argomento 5 Valutare i punti di vista espressi nel/i documento/i 6 Dar prova di spirito critico 7 Interpretare un documento 8 Interpretare un corpus/insieme di documenti * In funzione del tema trattato dal candidato, saranno precisati gli item da valutare in via obbligatoria A= ottimo; B=distinto; C=buono; D=sufficiente; E=mediocre; F=insufficiente 17

18 I. 5. Simulazioni di prove di Esame di Stato (breve descrizione). Sono state realizzate due simulazioni di terza prova ( tipologia B) nel secondo quadrimestre, ciascuna della durata di 2 ore e 45 minuti, aventi per oggetto 4 discipline con tre quesiti per ogni disciplina per il gruppo di tedesco (prova di storia o filosofia, seconda e terza lingua straniera, scienze) e 3 discipline con 4 quesiti per il gruppo ESABAC (prova di Storia in francese, scienze, filosofia ), come accadrà all Esame di Stato. Inoltre, sempre durante il secondo quadrimestre, è stata realizzata una simulazione di prima prova della durata di cinque ore, predisposta dai docenti del Dipartimento di Lettere e una simulazione di quarta prova, della durata complessiva di ore sei ( quattro per la prova di lingua e letteratura francese, due per la prova di storia Esabac). I testi di queste simulazioni sono consultabili in allegato. Infine, una simulazione di seconda prova è prevista per il 22 maggio. 18

19 PARTE III: ATTIVITÀ DIDATTICHE SVOLTE DAI SINGOLI DOCENTI (ALL A) RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Prof. Mario Ferrari Materia: IRC Classe V AL a.s. 2014/2015 In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi: nel corso del quinto e ultimo anno della scuola secondaria di secondo grado, l insegnamento della religione cattolica ha avuto come obiettivo didattico principale l approfondimento di alcuni aspetti fondamentali dell esperienza umana e cristiana, ripercorrendo anche argomenti o tematiche già affrontate negli anni precedenti, con l intento di rinforzare negli/le studenti/esse un atteggiamento di apertura, ricerca e riflessione rispetto alla realtà che si dà in maniera complessa. E stato privilegiato il momento riflessivo rispetto a quello informativo, coinvolgendo maggiormente gli/le allievi/e mediante la loro capacità di osservazione e di analisi. All interno del percorso si è dato spazio anche a suggerimenti e istanze che gli/le studenti/esse stessi hanno occasionalmente proposto. 1. METODOLOGIE Il metodo si sviluppa in alcune fasi: Fase proiettiva Fase analitica Fase riespressiva o di riappropriazione Fase finale di verifica 2. MATERIALI DIDATTICI Uso della Bibbia e di alcuni documenti video 3. TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE L osservazione dell'attenzione in classe e della partecipazione attiva all attività didattica (attraverso eventuali domande riguardanti la spiegazione, osservazioni e riflessioni, discussioni sostenute con pertinenza, interessamento con ricerche o contributi personali). Il dialogo rimane, nelle poche ore a disposizione, il feedback più significativo. Verona, 15 Maggio 2015 Firma del docente 19

20 Liceo Scientifico Statale G. Galilei Verona Classe VAL PROGRAMMA DI RELIGIONE a.s. 2014/ CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE Primo Quadrimestre L evoluzione della coscienza morale o Gli stadi dello sviluppo della coscienza psichica e morale secondo Kohlberg o Casi esemplificativi, discussione e confronto o Stadio quattro: il valore delle regole per il buon funzionamento della vita comunitaria o Approfondimento dello stadio cinque attraverso L obbedienza non è più una virtù di don Lorenzo Milani. Il cristiano adulto e l obiezione di coscienza o Il compimento etico nell esperienza dell amore gratuito o Intervista a E. Bianchi e M. Cacciari. L esperienza cristiana come percorso umanizzante. Apertura al concetto di prossimità Progettualità per il futuro Incontro con Paolo Bottura, volontario del carcere, per la giornata nazionale "A scuola di libertà" Secondo Quadrimestre La conoscenza e la percezione di sé attraverso la relazione con gli altri. Illustrazione della finestra di Johari o Valutazione dell'esperienza condotta in classe tra gli studenti o La coscienza umana chiamata a prendere posizione di fronte a situazioni concrete o Gli stili comunicativi Aspetti legati all interpretazione dei testi e dell esperienza umana o Fedeltà alla tradizione e bisogno di cambiamento nell'esperienza ecclesiale o Rapporto tra fede e religione. Confronto sui testi della Passione di Gesù, in Giovanni Avvio all interpretazione scientifica della Scrittura o Esperienza del credere nella tensione tra Scrittura e Dottrina Il gatto del guru: rapporto fra tradizione, dottrina e significato originario delle pratiche religiose Il docente I rappresentanti degli studenti 20

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE

GRIGLIA DI CORREZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA ITCG-LC San Marco Argentano a.s. 0/5 GRIGLIA DI CORREZIONE TIOLOGIA A (Analisi del testo) Candidato/a: Classe: Indicatori Comprensione Sintesi Analisi Commento Interpretazione

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello (5-6) Livello (-5) Livello 5 (2-) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del Difficoltà nel Uso

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE APPENDICE AL POF GRIGLIE DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ANNO SCOLASTICO 0 /03 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PROVA DI RELIGIONE ( in quindicesimi - sufficienza 0 ) INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGIO CONOSCENZA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del lessico Difficoltà

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano 1 Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano Rispetto della traccia e della tipologia testuale 10 9 8 7 6 5 4 Seguita in maniera pertinente e completa in tutte le sue richieste Seguita in

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SPAGNOLO A.S. 2014-2015. Griglie di valutazione approvate dal Dipartimento. valide per entrambi gli indirizzi LL e LES

DIPARTIMENTO DI SPAGNOLO A.S. 2014-2015. Griglie di valutazione approvate dal Dipartimento. valide per entrambi gli indirizzi LL e LES Griglie di valutazione approvate dal Dipartimento valide per entrambi gli indirizzi LL e LES 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE PROVE OGGETTIVE Il voto viene attribuito secondo una scala che va da 1 a 10 dove

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s. 2014 2015 MATERIA : ITALIANO CLASSE IV E Prof.ssa Gigliotti Ginestra ARGOMENTO I: IL SECOLO DEL BAROCCO: G.B. MARINO P. Calderon de La BARCA TOMMASO CAMPANELLA

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Griglie di Verifica e Valutazione a.s. 2012-2013 Pag. 1

Griglie di Verifica e Valutazione a.s. 2012-2013 Pag. 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE ORALI (0/0) Conoscenze Colloquio Descrittori Punteggio Punteggio assegnato Completi ed approfonditi Contenuti (max punti) Precisi, Organizzati Appropriati, Essenziali

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo Liceo Scientifico Classico Linguistico G. Novello P. O. F. PARTE III CURRICOLI DISCIPLINARI Liceo Linguistico CLASSE QUARTA ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI N ore visiona il curricolo Lingua e letteratura

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE MINISTERO DELL ISTRUZIONE. DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE L. MANARA 00152 ROMA VIA BASILIO BRICCI, 4 Fax 06/67663900Tel. 06/121127825 XXIV

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA. RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA. Autore Codice Titolo e Percorso Pagina

FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA. RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA. Autore Codice Titolo e Percorso Pagina I.I.S. Istituto Istruzione Superiore A.Volta LIBRETTO delle GRIGLIE di VALUTAZIONE PROPOSTO APPROVATO FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA Il presente documento è stato

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

Classe 1BL Indirizzo Liceo Linguistico

Classe 1BL Indirizzo Liceo Linguistico Classe 1BL Indirizzo Liceo Linguistico PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DEL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINE DOCENTI 1 ITALIANO ANTONELLA BANFI 2 LATINO FRANCESCO COCCHI 3 STORIA-GEOGRAFIA ANTONELLA BANFI

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

Liceo Classico E. Cairoli Varese

Liceo Classico E. Cairoli Varese ESA BAC Esame di Stato = Baccalauréat Liceo Classico E. Cairoli Varese Accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese relativo al doppio rilascio del diploma d

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo classico Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

Rappresentano le finalità educative di ogni disciplina

Rappresentano le finalità educative di ogni disciplina Il documento di valutazione o pagella Nella pagella che viene consegnata alle famiglie alla fine del primo e del secondo quadrimestre, sono specificati tre parametri, che indicano i passaggi fondamentale

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

METODI E STRATEGIE DIDATTICHE

METODI E STRATEGIE DIDATTICHE METODI E STRATEGIE DIDATTICHE METODOLOGIA Nel nostro modello progettuale l analisi di partenza viene assunta come ipotesi. Essa si fonda sul triangolo paritario della scuola alunno/insegnante/saperi. La

Dettagli

VALUTAZIONE: CRITERI EGRIGLIE

VALUTAZIONE: CRITERI EGRIGLIE VALUTAZIONE: CRITERI EGRIGLIE LETTERE BIENNIO ITALIANO CRITERI di VALUTAZIONE CRITERI PER LA SUFFICIENZA SCRITTO Un elaborato di italiano si può considerare sufficiente se risponde alle seguenti caratteristiche:

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale: PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA LINGUA E LETTERE LATINE Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PRIMO BIENNIO

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO I S T I T U T O M A G I S T R A L E D I B E L V E D E R E M A R I T T I M O (CO S E N Z A ) Via Annunziata, 4 87021 Belvedere Marittimo (Cosenza) - tel. / fax.: 0985 809 PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

Documento del consiglio di classe

Documento del consiglio di classe ANNO SCOLASTICO - Documento del consiglio di classe CLASSE AT Approvato il maggio Composizione del Consiglio di Classe MATERIA LETTERE INGLESE TEDESCO SPAGNOLO FRANCESE TECNICA TURISTICA ARTE E TERRITORIO

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

Classe Quinta Sez. L Liceo linguistico

Classe Quinta Sez. L Liceo linguistico DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ai sensi dell articolo 5 Legge n. 425 del 10.12.1997 Classe Quinta Sez. L Liceo linguistico anno scolastico 2014/2015 Carignano, 15 maggio 2015 Il Dirigente Scolastico

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Liceo Linguistico Regina Mundi LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI

Liceo Linguistico Regina Mundi LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI LICEO LINGUISTICO REGINA MUNDI LA NOSTRA IDENTITÀ Liceo Linguistico Regina Mundi Siamo una scuola cattolica e questa appartenenza ci definisce come uomini e professionisti Siamo impegnati a verificare

Dettagli

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006 ISTITUTO TECNICO STATALE GEOMETRI BLAISE PASCAL AD INDIRIZZO SPERIMENTALE (B.U.S.-T.C.S.) Via Makallè, 12 42100 Reggio Emilia - codice fiscale: 91008310350 Telefono: 0522 512351 - Fax: 0522 516741 E-mail:

Dettagli

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico.

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico. Le proposte dal 2010-2011 Il Liceo Galilei attua la Riforma Gelmini, varata il 4 febbraio 2010, avvalendosi di un esperienza didattica e formativa maturata negli anni e supportata da un attento piano di

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

Quaderno Dipartimenti Disciplinari

Quaderno Dipartimenti Disciplinari Liceo Scientifico Statale Alvise Cornaro Quaderno Dipartimenti Disciplinari A.S. 2012/13 V Edizione a cura del prof. Ferdinando Perissinotto 1 In questo quaderno è raccolto il lavoro svolto dai Dipartimenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZION DISCIPLINAR PR COMPTNZ PRIMO BINNIO LICO SCINTIFICO OPZION SCINZ APPLICAT ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BINNIO disciplina: INSGNAMNTO RLIGION CATTOLICA docenti: PACHRA RICCARDO C O M

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE D ISTITUTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DON MILANI-PERTINI Via XXV Luglio n. 89. 74023 GROTTAGLIE (TA) - Tel. 0995661026 - Fax 0995661029 - www.iisgrottaglie.it Distretto scolastico 54 - C.F. 90122860738 - Codice

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

La valutazione degli alunni nella scuola secondaria di I grado

La valutazione degli alunni nella scuola secondaria di I grado La valutazione degli alunni nella scuola secondaria di I grado Valutazione in ingresso La valutazione diagnostica, attraverso la somministrazione di test d ingresso, permette di individuare il livello

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. II parte

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. II parte ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico Tito Lucrezio Caro 35013 CITTADELLA (PD) - Via Alfieri, 58 tel. 049 5971313 - fax 049 5970692

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli