DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 Liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, CLES DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe 5LA Anno scolastico pag.1

2 INDICE Consiglio di classe 3 Presentazione dell Istituto 4 Caratteri specifici dell indirizzo linguistico e del profilo professionale in uscita 7 Storia della classe 9 Obiettivi trasversali deliberati dal Consiglio di classe 12 Metodi, criteri, attività integrative 13 Attività di preparazione alle prove d esame 15 Griglie di valutazione 16 Lingua e letteratura italiana 20 Lingua e letteratura latina 29 Lingua e letteratura tedesca 37 Lingua e letteratura inglese 41 Lingua e letteratura spagnola 51 Storia 58 Filosofia 62 Matematica 67 Biologia 71 Linguaggi artistici visivi e storia dell arte 74 Educazione fisica 80 Religione 82 Strumento 84 Elenco allegati 85 pag.2

3 CONSIGLIO DI CLASSE Disciplina Docente Firma Italiano Giacomoni Francesca... Latino Giacomoni Francesca... Tedesco Zanchetta Luisa Sanck. Sabine Inglese Lostorto Cristina tre diverse nel corso dell' a.s Spagnolo Pedot Ivana Sarrà Lajusticia Sonia Storia Bombardelli Lorenzo... Filosofia Castelli Silvana... Matematica ed Informatica Carrara Claretta... Scienze George Elizabeth... Linguaggi art., storia dell arte Camagna Tiziano... Educazione Fisica Deledda Gianni... Religione Dionisi Aurora... Strumento musicale chitarra Gallinari Stefano... Strumento musicale flauto Rigotti Elka... Strumento musicale pianoforte Zeni Elisabetta... Strumento musicale percussioni Brusaferri Mauro... Rappresentanti di classe Bert Giada Pichler Elisabeth Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Rossi Tiziana pag.3

4 PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO Il Liceo B. Russell di Cles è nato nell'anno 2000 in seguito all accorpamento tra il Liceo Scientifico B. Russell e l Istituto Magistrale A. Degasperi. Comprende 6 indirizzi di studio di vecchio ordinamento: Liceo Scientifico Piano Nazionale dell Informatica Liceo Scientifico di ordinamento e con lo studio curricolare di due lingue straniere (tedesco, inglese) Liceo Classico Brocca Liceo Linguistico Liceo Socio-Psico-Pedagogico Brocca Liceo delle Scienze Sociali. L Istituto si caratterizza per una offerta formativa orientata a fornire una valida formazione di base ed una equilibrata preparazione in funzione sia di una proficua prosecuzione in un ampio ventaglio di facoltà universitarie, sia di competenze di base anche immediatamente fruibili nel mondo del lavoro. A sostegno di tali progetti formativi, la scuola può contare su alcuni fattori importanti quali l idoneità delle strutture, la preparazione e l aggiornamento del personale docente, l aggiornamento dei corsi. Le finalità L Istituto, considerando essenziale il successo formativo degli alunni, ha posto al centro della propria azione educativa lo studente, il suo vissuto, i suoi processi di apprendimento, le sue concrete abilità di studio, di ricerca ed operatività, proponendosi le seguenti finalità: crescita umana e culturale degli studenti, soggetti centrali del processo educativo e lo sviluppo equilibrato della loro personalità, collaborando anche con altre enti formativi quali la famiglia; promozione del benessere psico-fisico; promozione di un atteggiamento aperto, attento alle sollecitazioni provenienti dal mondo esterno e disponibile al cambiamento; capacità di riconoscere valori culturali, umani e sociali ai quali riferire le propria scelte; acquisizione di un sempre maggiore senso di responsabilità personale e costruzione di positive e tolleranti relazioni interpersonali; acquisizione di competenze trasversali di base spendibili sia nel mondo del lavoro che nella prosecuzione degli studi; sviluppo della competenza comunicativa, uso corretto e consapevole degli strumenti linguistici richiesti dai diversi contesti; acquisizione di un autonoma capacità di pensiero e di giudizio. Al raggiungimento di questi obiettivi, oltre alla quotidiana attività didattica, contribuiscono anche una serie di attività complementari che annualmente vengono realizzate: certificazioni linguistiche e informatiche; Olimpiadi di matematica, informatica, fisica, scienze; filosofia, certamina, attività musicali e teatrali; pratica sportiva; seminari tematici; altri progetti di eccellenza come corsi di astronomia, chimica e biologia, realizzazione di attività teatrali e di concerti. L Istituto favorisce i pag.4

5 processi di internazionalizzazione attraverso viaggi di istruzione, soggiorni linguistici, scambi di studenti, gemellaggi con paesi Europei ed extraeuropei, comunicazione via internet con altre realtà scolastiche. L Istituto promuove, inoltre, a completamento del lavoro fatto in classe, attività di sostegno ed approfondimento attraverso corsi di recupero, sportelli didattici e l uso delle tecnologie didattiche (piattaforma on-line, CD, DVD, lavagne interattive, ecc.) Le finalità proposte dall Istituto si raggiungono attraverso azioni educative e didattiche, dichiarate nel progetto di istituto e sottoposte a valutazione attraverso una serie di strumenti: questionari di gradimento, analisi dei risultati, comparazione di dati, relazioni, verbali delle assemblee degli studenti e dei consigli di classe, ecc.. Caratteristiche del territorio e dell utenza Le Valli del Noce, che rappresentano il bacino di utenza dell Istituto, si estendono su una superficie di 596,74 Kmq (Val di Non) e 609,36 Kmq (Val di Sole) ed hanno una popolazione che nel 2005 contava unità. La particolare conformazione del territorio delle due valli, orograficamente frastagliato, è, soprattutto al di fuori dell orario scolastico, causa di disagio negli spostamenti per un utenza che proviene da piccoli centri sparsi su un territorio ampio, con bassa densità di popolazione. Il tempo impiegato con i mezzi pubblici per raggiungere Cles dai centri più distanti (Vermiglio, Cogolo, Rabbi, Bresimo, Passo della Mendola) supera abbondantemente l ora. La realtà economica delle due Valli del Noce non appare omogenea. La Val di Non sembra presentare come settore economico trainante l agricoltura, specialmente nel settore della frutticoltura. Non mancano comunque aziende zootecniche e attività di gestione delle risorse boschive. Il settore industriale risulta particolarmente sviluppato nel comparto artigianale, nell edilizia e nel legno. Nel settore sono presenti prevalentemente aziende di piccole dimensioni: sono solo una ventina, infatti, le imprese con più di dieci dipendenti, generalmente ben inserite anche nel mercato internazionale. Poco più del 50% della popolazione attiva è comunque impegnata nel terziario: servizi finanziari, pubblica amministrazione, attività commerciali e turismo. Oltre il 30% della popolazione attiva della valle lavora in proprio, dato molto superiore alla media provinciale. La struttura economica della Val di Sole si caratterizza per una incisiva presenza di addetti al terziario, con una rilevante incidenza dell occupazione nel settore turistico. Pur in continuo sviluppo, il turismo si sta spostando da un modello ancorato all offerta turistica tipica delle seconde case (turismo residenziale ), ad un modello in cui cresce il ruolo delle strutture ricettive alberghiere. Gli operatori si stanno dunque sforzando di delineare un modello turistico più articolato, composto da un più ampio pacchetto di iniziative di fruizione dell ambiente e del territorio che consenta un migliore utilizzo delle strutture preposte. Il tasso di disoccupazione è a livelli fisiologici in entrambe le valli. pag.5

6 Profilo in uscita Il Liceo Russell propone una formazione culturale completa, ampia e diversificata; l opportunità di approfondire e valutare interessi e attitudini; un equilibrata preparazione negli specifici campi del sapere caratterizzanti i vari corsi di studio. Questo Liceo punta su un alto livello di formazione degli studenti e sostiene la capacità di apprendere autonomamente lungo l arco di tutta la vita. Il contesto economico richiede, infatti, professionisti qualificati in ogni ambito, capaci di adattarsi alle richieste di un mercato del lavoro in continua evoluzione. Pur nella varietà di indirizzi proposti, si è ritenuto opportuno individuare alcune competenze in uscita comuni. Alla fine del quinquennio, quindi, ciascuno studente avrà raggiunto le seguenti competenze: produzione di testi orali e scritti appropriati al contesto e precisi nell'utilizzo dei linguaggi specifici; comprensione, analisi, interpretazione di tipologie di testi e varie modalità espressive; progettazione, organizzazione e documentazione di un proprio percorso avvalendosi di contributi disciplinari diversi; controllo dei linguaggi e dei modi di operare della scienza: - osservazione sistematica, raccolta ed esame di dati, formulazione di ipotesi; - capacità di operare in contesti matematici diversi con opportuni strumenti di calcolo e relative regole formali; comunicazione in lingua straniera chiara e adeguata al contesto, adottando un atteggiamento positivo e aperto verso realtà culturali diverse; individuazione, comprensione, interpretazione di vari tipi di testo. utilizzo degli strumenti informatici come modalità di autoapprendimento, di costruzione e organizzazione delle proprie conoscenze; interrelazione nel lavoro in team mediante il controllo della propria emotività, la comprensione delle esigenze altrui, l'individuazione di strategie appropriate per negoziare, mettersi in gioco, affrontare e risolvere situazioni nuove e/o problematiche. consapevolezza delle proprie risorse, capacità di individuare aspirazioni e attitudini personali in rapporto alle competenze acquisite; capacità di scegliere, all'interno dei vari percorsi formativi, quello che garantisce maggiori possibilità di riuscita. pag.6

7 CARATTERI SPECIFICI DELL INDIRIZZO LINGUISTICO E DEL PROFILO PROFESSIONALE IN USCITA Il LICEO LINGUISTICO si caratterizza per una moderna impostazione metodologico-didattica, che offre la possibilità di seguire un corso di studi d impianto prevalentemente linguistico, senza trascurare l area scientifica e quella umanistica. E previsto lo studio di tre lingue straniere (tedesco, inglese, spagnolo) al fine sia dell acquisizione di competenze linguistiche e comunicative, sia dell incontro con la letteratura e la civiltà. Per questo, accanto ai docenti delle tre lingue, è prevista la presenza di assistenti madrelingua. L indirizzo consente sia il proseguimento degli studi in ambito universitario, rendendo sicuramente più agevole la frequenza di facoltà estere, sia la frequenza di corsi post-secondari di carattere tecnico-applicativo e di durata variabile: corsi per interpreti e traduttori, per addetti alle pubbliche relazioni, per esperti in comunicazione di massa, per operatori turistici. Il profilo formativo dell allievo al termine del quinquennio risulta quello di una persona consapevole della propria identità culturale, curiosa nei riguardi di altre culture e disponibile a confrontarsi con esse. Perciò (oltre ad avere le competenze comuni ai diversi indirizzi) lo studente dovrà essere in grado: nella comunicazione orale di comprendere e produrre organicamente situazioni e testi, anche complessi, riferiti sia alle esperienze reali e a tematiche di attualità che a produzioni artistiche di vario genere; nella comunicazione scritta di comprendere, analizzare e interpretare un ampia varietà di tipologie di testi e di modalità espressive; di distinguere registri e codici linguistici diversi e operare modificazioni e trasposizioni da un codice linguistico all altro; di dimostrare consapevolezza della varietà della lingua riguardo alla sua dimensione sociale, geografica e cronologica e delle differenze tra i sistemi delle lingue usate. quadro orario DISCIPLINE DEL PIANO DI STUDIO Religione/Attività alternative Italiano Latino Lingua straniera Lingua straniera Lingua straniera Storia e Geografia* Storia Filosofia Matematica e Informatica Fisica Scienze** Ling. Artistici Visivi e Storia pag.7

8 dell Arte Ed. Civica, Giuridica ed Economica Educazione Fisica Totale ore settimanali Numero discipline per anno Strumento musicale facoltativo*** * Nel biennio lo studio della Storia e della Geografia è in lingua tedesca. ** Nel triennio lo studio delle scienze è in lingua inglese. *** Qualora lo studente decida di avvalersi di questa offerta, le ore di strumento musicale rientrano a tutti gli effetti nel curricolo e tale disciplina diventa oggetto di valutazione. L insegnante è componente effettivo del Consiglio di Classe. pag.8

9 STORIA DELLA CLASSE Presentazione della classe La classe si caratterizza per un atteggiamento corretto, ricettivo e complessivamente collaborativo, sebbene non sempre propositivo, un impegno costante da parte di quasi tutti gli studenti in particolare nelle discipline di indirizzo. Permangono alcune difficoltà di tipo espressivo e qualche fragilità concettuale in alcuni alunni piuttosto emotivi, ma comunque seri e motivati nei confronti dello studio e in altri che non hanno sfruttato a pieno le proprie capacità. Elenco dei docenti e continuità didattica nel triennio Discipline classe 3^ classe 4^ classe 5^ Italiano Giacomoni Giacomoni Giacomoni Latino Giacomoni Giacomoni Giacomoni Tedesco Zanchetta/ Bonapace Zanchetta/Bonapace Zanchetta/ Sanck. Inglese Lostorto/Ravina Lostorto/ Ravina Lostorto /tre diverse Spagnolo Pedot /Sarrà Pedot /Sarrà Pedot /Sarrà Storia Tommasini, Comini Bombardelli Bombardelli Villaggi* Filosofia Tommasini, Comini Castelli Castelli Matematica Carrara Carrara Carrara Scienze George** George** George** Storia dell arte Bertol Camagna Camagna Educazione Fisica Deledda Deledda Deledda Religione Dionisi Dionisi Dionisi Strumento musicale, chitarra Colombini Colombini Colombini Strumento musicale, flauto Rigotti Rigotti Rigotti Strumento musicale, pianoforte Zeni Zeni Strumento musicale, percussioni Brusaferri Brusaferri *Lo studio della storia si è svolto su base volontaria in lingua tedesca. **Lo studio delle scienze si è svolto per tutti gli alunni in lingua inglese. pag.9

10 Composizione della classe e provenienza degli alunni Nome Residenza Nome Residenza 1. Anzelini Anna Fondo 11. Gramola Silvia Rabbi 2. Berlanda Alessia Denno 12. Leita Caterina Cles 3. Bert Giada Denno 13. Olaizola Elousa Elisa Cles Maitea 4. Berti Jessica Tassullo 14. Pichler Elisabeth Revò 5. Bertolini Cristina Dambel 15. Pinamonti Federica Tassullo 6. Cattani Daniele Campodenno 16. Rizzi Beatrice Cloz 7. Dallatorre Giada Peio 17. Salsano Veronica Cles 8. Fellin Luisa Revò 18. Santini Luisa Tassullo 9. Fondriest Alice Cles 19. Springhetti Serena Cles 10. Franch Valentina Cloz 20. Troka Eriselda Rabbi pag.10

11 Quadro della carriera scolastica dalla classe 1^ alla classe 4^ N alunni Promossi Non promossi Promossi con carenze Materie in cui si sono registrate carenze Classe 1^ 24* Latino-Storia e Geografia-Ed. civica giuridica economica- Matematica/Informatica-Fisica- Inglese-Tedesco-Storia dell'arte Classe 2^ Latino-Ed. civica giuridica economica-fisica- Storia dell arte-scienze della Terra Classe 3^ Italiano-Latino-Matematica- Chimica Classe 4^ 22** Latino-Storia-Matematica- Inglese-Spagnolo-Storia dell'arte-biologia * Un alunno si trasferisce ad altro istituto. ** Un'alunna frequenta all'estero, si inserisce una ripetente, un nuovo alunno si trasferisce a inizio novembre in altro istituto e un'altra alunna passa durante l'anno con progetto ponte in altro corso. pag.11

12 Obiettivi di tipo cognitivo: OBIETTIVI TRASVERSALI DEL CONSIGLIO DI CLASSE esprimersi in maniera corretta e coerente nella lingua madre e nei linguaggi specifici delle varie discipline contestualizzare l'informazione effettuare collegamenti disciplinari e interdisciplinari rielaborare i contenuti in modo rigoroso e personalizzato portare a termine un compito in un tempo assegnato ricorrendo anche a strategie non note consolidare il proprio metodo di studio, anche attraverso l uso di schemi, immagini, mappe in terne alla disciplina e/o pluridisciplinari. Obiettivi di tipo socio-affettivo: interagire, dialogare e collaborare responsabilmente con compagni e insegnanti rispettare la diversità di idee e comportamenti, riconoscendo il valore dell altro e favorendo la pacifica integrazione riconoscere le proprie emozioni, saperle esprimere e gestire conoscere le proprie possibilità di sviluppo fisico, cognitivo e sociale essere in grado di autovalutare i risultati raggiunti. Obiettivi comportamentali: conoscere e rispettare il regolamento dell istituto e le norme non scritte della educazione basata sul rispetto degli altri dimostrare correttezza e puntualità nello svolgimento delle attività scolastiche ed extrascolastiche, sempre nel rispetto delle regole dell Istituto e della convivenza civili corrispondere in modo preciso e puntuale alle richieste rispettando le consegne ed i tempi di lavoro assegnati limitare le assenze, i ritardi e le uscite, anche durante le lezioni, a casi di assoluta necessità partecipare in modo attivo e costruttivo alla vita di classe. pag.12

13 METODI, CRITERI, ATTIVITÀ INTEGRATIVE Metodi Il lavoro è stato svolto nel rispetto dei programmi previsti dal corso di studi Cratilo ed è stato organizzato sia in modo tradizionale sia secondo un approccio modulare (cfr. i programmi disciplinari). In funzione degli obiettivi didattici specifici dei singoli insegnanti sono state privilegiate modalità diverse di insegnamento/apprendimento: lezione frontale, lezione dialogata, lavoro di gruppo, utilizzo di supporti audiovisivi, lezioni tenute dagli stessi studenti. Il consiglio di classe durante l anno scolastico si è mosso secondo alcune strategie di lavoro comuni, individuate anche in relazione alle caratteristiche della classe: creazione di un clima sereno e produttivo; trasparenza sul contratto formativo e chiarezza su obiettivi didattici, contenuti e criteri di valutazione; coinvolgimento della classe nella scelta dei micro-percorsi; predilezione per un apprendimento e una formazione basati più su competenze procedurali che su conoscenze dichiarative; attenzione per lo sviluppo delle potenzialità del singolo; attenzione per la trasversalità delle competenze; utilizzo di metodologie e strumenti diversificati, adeguati e funzionali agli obiettivi (esercitazioni in gruppo, attività di laboratorio, lezione dialogata, riducendo per quanto possibile la lezione frontale); necessità di selezionare i contenuti in vista degli obiettivi trasversali e disciplinari; riconoscimento e valorizzazione dei cambiamenti in positivo. In particolare ha ritenuto utile potenziare quelle attività finalizzate al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Criteri e strumenti di misurazione e valutazione Le verifiche sono state di tipologia differente, in relazione all obiettivo specifico e al fine di riconoscere la presenza di conoscenze, competenze e capacità diverse. In particolare le verifiche pag.13

14 orali sono state frequenti e non sempre formalizzate, mentre le verifiche scritte hanno visto l alternanza di prove tradizionali e prove strutturate/semistrutturate. La valutazione finale, fatta salva l autonomia individuale del docente e i caratteri della disciplina, ha utilizzato la scala decimale dal quattro al dieci in base alla griglia allegata, approvata dal Collegio dei docenti di questo Istituto e dal Consiglio di classe. In particolare, per le verifiche di Italiano e Lingua straniera e per le simulazioni della Terza prova si è fatto riferimento alle specifiche griglie allegate. I crediti formativi e scolastici sono stati attribuiti in base all articolo 11, comma 2 del Regolamento. Progetti significativi ed attività integrative tutto da integrare Teatro/musica 1. Brunello, Il principio dell'incertezza 2. Huxley, Brave New World 3. Pirandello, Il giuoco delle parti Mostre/uscite 1. Marzabotto, Museo della memoria 2. Gardone, Vittoriale degli Italiani 3. Verona, Job & Orienta Lezioni/conferenze 1. Zeni, Le avanguardie musicali Viaggi/soggiorni Settimana linguistica a Jena Viaggio d istruzione di tre giorni a Orvieto (classe terza) Settimana linguistica a Salamanca/viaggio istruzione a Praga (classe quarta) Viaggio d istruzione di cinque giorni a Parigi (classe quinta) Certificazioni linguistiche: tedesco, inglese e spagnolo pag.14

15 Attività di preparazione alle prove d esame Sono stati proposti due esempi di terza prova prima del , uno dopo tale data; si allega la documentazione relativa alle consegne, in cui è stata utilizzata sempre la tipologia B. Per le due lingue straniere è stato consentito esclusivamente l uso del dizionario monolingue, per matematica l uso della calcolatrice scientifica non programmabile. Entro la fine dell anno scolastico gli studenti avranno l occasione di cimentarsi, su base volontaria, con le modalità di gestione del colloquio pluridisciplinare, partendo dall argomento scelto per il quale avranno a disposizione circa 10 minuti. In tale scelta il Consiglio di Classe ha deciso di lasciare completa autonomia agli studenti, che si sono avvalsi delle indicazioni e del supporto dei docenti soltanto se da loro ritenuto necessario per particolari problemi o dubbi. Il lavoro di apertura del colloquio dei candidati verterà pertanto su un argomento di loro interesse o parte della loro realtà e della loro esperienza, tale da rendere la parte orale dell esame per lo studente, un momento personalizzato e, per la commissione, l occasione per testare la capacità di proporsi attraverso l organizzazione e presentazione di un argomento. Sono state elaborate dai Dipartimenti disciplinari o da commissioni griglie di valutazione, utilizzate a livello di Istituto per la correzione delle varie prove e allegate al presente documento. pag.15

16 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PROVE SCRITTE E ORALI Competenze linguistico-espositive specifiche della disciplina Ottimo 10 Forma sempre corretta, chiara ed efficace, argomentata e organizzata con sicurezza. Buono 9 8 Forma chiara e sostanzialmente corretta ed efficace; terminologia adeguata. Discreto 7 Esposizione lineare, con terminologia globalmente adeguata. Sufficiente 6 Forma sostanzialmente corretta, seppure semplice; alcune incertezze e imprecisioni che non compromettono la chiarezza del messaggio. Insufficiente 5 Forma poco lineare e linguaggio poco appropriato. Gravemente insuff. 4 Conoscenze dell argomento Confusione ed errori ripetuti che inficiano la comprensione Ottimo 10 Buono 9 8 Discreto 7 Sufficiente 6 Insufficiente 5 Gravemente insuff. 4 Conosce gli argomenti in modo completo e approfondito; ricchezza di informazioni anche recuperate e rielaborate autonomamente. Conosce in modo completo, preciso e, almeno a tratti, approfondito. Conosce in modo completo; discreta la padronanza dei percorsi di studio. Risponde solo parzialmente; conosce le linee essenziali degli argomenti. Conosce in modo frammentario e/o superficiale. Possiede conoscenze quasi nulle e confuse. Capacità: pertinenza delle osservazioni e coerenza con le richieste Ottimo 10 Buono 9 8 Discreto 7 Sufficiente 6 Insufficiente 5 Gravemente insuff. 4 Osservazioni coerenti e pertinenti; ottime capacità logiche; sa orientarsi con facilità ed interviene sulla materia. Osservazioni coerenti e pertinenti; buone capacità logiche. Osservazioni sempre pertinenti. Osservazioni quasi sempre pertinenti. Osservazioni non sempre pertinenti; qualche carenza logica. Osservazioni non pertinenti e/o non coerenti; difficoltà ad orientarsi; gravi carenze. pag.16

17 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA Competenza linguistica (grammaticale, lessicale, stilistica) Contenuto e sua organizzazione Competenza di analisi testuale Competenza di analisi testuale e comunicativa Ottimo Buono Sufficiente Insuff. 9-8 Grav.insuff 7-5 Ottimo Buono Sufficiente Insuff. 9-8 Grav.insuff 7-5 Ottimo Buono Sufficiente Insuff. 9-8 Grav.insuff 7-5 Ottimo Buono Sufficiente Insuff. 9-8 Grav.insuff 7-5 Forma corretta, chiara ed efficace, con proprietà e ricchezza lessicale Forma chiara e sostanzialmente efficace, terminologia adeguata Alcuni errori, incertezze e imprecisioni che non compromettono sostanza e chiarezza del testo Diversi errori morfo-sintattici, lessico inadeguato e povertà espressiva Errori morfo-sintattici ripetuti e gravi, che inficiano la comprensione Conoscenza completa e approfondita, ricchezza di informazione anche rielaborata autonomamente Conoscenza completa, almeno a tratti approfondita Conoscenze chiare e corrette dei nuclei essenziali Conoscenze frammentarie e/o superficiali Conoscenze lacunose e confuse Osservazioni precise e argomentate, interpretazione pertinente rispetto alle richieste, coerente nello sviluppo logico-argomentativo e preciso nei riferimenti al testo Osservazioni coerenti e pertinenti, interpretazione corretta Osservazioni generalmente pertinenti e nel complesso coerenti Osservazioni non sempre pertinenti e coerenti, talvolta superficiali Osservazioni non pertinenti e/o non coerenti, difficoltà a orientarsi Interpretazione corretta e discussione critica dei documenti, piena capacità di contestualizzazione e completa conformità alla tipologia, alla destinazione editoriale e al titolo scelti Interpretazione e discussione corrette dei documenti, capacità di contestualizzazione e conformità alla tipologia, alla destinazione editoriale e al titolo scelti Utilizzo e confronto corretti dei documenti; accettabili capacità di contestualizzazione e conformità alla tipologia, alla destinazione editoriale e al titolo scelti Utilizzo e confronto non sempre corretti dei documenti; deboli capacità di contestualizzazione e conformità alla tipologia, alla destinazione editoriale e al titolo scelti Utilizzo e confronto scorretti dei documenti; inadeguate capacità di contestualizzazione e conformità alla tipologia, alla destinazione editoriale e al titolo scelti Tipologia scelta A B C D Competenza di organizzazione del discorso Ottimo Buono Sufficiente Insuff. 9-8 Grav.insuff 7-5 Sviluppo logico sempre coerente e argomentato in modo efficace e rigoroso Sviluppo logico coerente e adeguatamente argomentato Sviluppo logico e sostanzialmente coerente, sostenuto da accettabile argomentazione Sviluppo non del tutto nell argomentazione logico e coerente, debole Sviluppo spesso incoerente, sostanzialmente privo di argomenta pag.17

18 GRIGLIA DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA Indicatori 1 A 1R 1C/T 1 Lessico appropriato e correttezza ortografica Sviluppo logico e/o capacità di contestualizzazione Interpretazione personale e/o critica Comprensione del testo Capacità di sintesi Rielaborazione formale Pertinenza e coerenza alla traccia Conoscenze e informazione 1-3 TOTALE Traccia 1 A= analisi di testo R= riassunto C= composizione o T= tema di ordine generale NB: alla prestazione sufficiente per ciascun indicatore si assegna il valore due (2). pag.18

19 GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA ANNO SCOLASTICO 2012/ cl. QUINTA GRIGLIA DI CORREZIONE DELLA TERZA PROVA COGNOME E NOME DEL CANDIDATO: Punteggio in quindicesimi attribuito al descrittore A : Punteggio in quindicesimi attribuito al descrittore B : Punteggio in quindicesimi attribuito al descrittore C : Media aritmetica dei punteggi dei tre descrittori: VOTO IN QUINDICESIMI ATTRIBUITO ALLA PROVA: Competenze linguistico-espositive specifiche della disciplina Descrittore: A giudizio Voto in quindicesimi ottimo 15 Descrizione degli indicatori buono 13 o 14 Forma chiara e sostanzialmente corretta ed efficace; terminologia adeguata. discreto 11 o 12 Esposizione lineare, con terminologia globalmente adeguata. sufficiente 10 Forma sempre corretta, chjara ed efficace, argomentata e organizzata con sicurezza. Forma sostanzialmente corretta, seppure semplice; alcune incetezze e imprecisioni che non compromettono la chiarezza del messaggio. insufficiente 8 o 9 Forma poco lineare e linguaggio non appropriato. gravemente insufficiente da 5 a 7 Confusione ed errori ripetuti che inficiano la comprensione. Descrittore: B Conoscenze dell'argomento giudizio Voto in quindicesimi ottimo 15 Descrizione degli indicatori Conosce gli argomenti in modo completo e approfondito; ricchezza di informazioni anche recuperate e rielaborate autonomamente. buono 13 o 14 Conosce in modo completo; preciso e, almeno a tratti, approfondito. discreto 11 o 12 Conosce in modo completo; discreta la padronanza dei percorsi di studio. sufficiente 10 Risponde solo parzialmente; conosce le linee essenziali degli argomenti. insufficiente 8 o 9 Conosce in modo frammentario e/o superficiale. gravemente insufficiente da 5 a 7 Possiede conoscenze quasi nulle e confuse. Descrittore: C Capacità: pertinenza delle osservazioni e coerenza con le richieste giudizio Voto in quindicesimi ottimo 15 Descrizione degli indicatori buono 13 o 14 Osservazioni coerenti e pertinenti; buone capacità logiche. discreto 11 o 12 Osservazioni sempre pertinenti. sufficiente 10 Osservazioni quasi sempre pertinenti. Osservazioni coerenti e pertinenti; ottime capacità logiche; sa orientarsi con facilità ed intervenire sulla materia. insufficiente 8 o 9 Osservazioni non sempre pertinenti; qualche carenza logica. gravemente insufficiente da 5 a 7 Osservazioni non pertinenti e/o non coerenti; difficoltà ad orientarsi; gravi carenze. Il Presidente della Commissione pag.19

20 RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO MATERIA DI INSEGNAMENTO INSEGNANTE Lingua e letteratura italiana Giacomoni Francesca COMPETENZE (C) 1. Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura 2. Leggere, analizzare e comprendere testi 3. Produrre testi scritti in relazione a diversi scopi comunicativi 4. Riflettere sulla lingua e sulle sue regole di funzionamento 5. Fruire del patrimonio artistico letterario Dette competenze risultano raggiunte in maniera diversificata dagli studenti, in relazione sia alle capacità individuali sia all applicazione. Mediamente la classe risulta discreta: si va da un livello puù che buono al permanere di qualche difficoltà essenzialmente nell ambito dell autonoma, corretta rielaborazione. Le verifiche orali sono state più frequenti e informali di quelle scritte, soprattutto per l utilizzo della lezione dialogica. Le prove scritte, nel numero di tre/quattro a periodo, sono state di tipologia diversa: analisi del testo, prove semistrutturate, elaborazioni argomentative. La valutazione si è basata sulla griglia approvata dal Collegio dei docenti dell Istituto e fatta propria dal Consiglio di classe e ha tenuto presente, oltre all'acquisizione di competenze, per le conoscenze la ricchezza e correttezza del contenuto e per le capacità la pertinenza/coerenza e l intervento personale e/o critico. Sono stati valutati anche lavori assegnati a casa ed è sempre stata utilizzata l intera scala numerica decimale, spesso assegnando punteggi parziali alle diverse consegne della verifica (ad esempio nel caso della tipologia A, per la quale è stato richiesto uno svolgimento non continuo, ma segmentato in base alle singole richieste). A disposizione della commissione sono depositate in segreteria le verifiche effettuate. CONTENUTI E LORO ORGANIZZAZIONE Il percorso è stato strutturato secondo un approccio modulare che ha comportato un attraversamento della disciplina ed una riorganizzazione selettiva dei suoi contenuti, in vista di obiettivi specifici e di un maggior coinvolgimento della classe. La scelta ha determinato una trattazione di autori/temi/generi mai esaustiva, ma solamente rappresentativa, all interno di unità di tipologia diversa (cfr. schemi seguenti, contenenti l esplicitazione dei contenuti attraverso l elenco dei testi utilizzati per la definizione degli argomenti delle macrounità la (F) dopo il singolo testo indica che lo stesso è stato fornito in fotocopia - ). Alcune ore di lezione sono state dedicate alla didattica della scrittura in relazione alla tipologia B della prima prova dell Esame di stato, altre all'intervento di esperto esterno sulla storia della musica. In relazione all adesione al progetto Il quotidiano in classe, a cura dell Osservatorio Permanente Giovani-Editori, gli studenti hanno inoltre goduto dell opportunità di avere un giorno in settimana dei quotidiani a disposizione, che non sono stati oggetto di un lavoro specifico, ma solo occasione di consigli e indicazioni di lettura. Anche i collegamenti interdisciplinari, non sviluppati in classe, sono stati proposti essenzialmente come input di riflessione. pag.20

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli