MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, UNIVERSITA' E RICERCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, UNIVERSITA' E RICERCA"

Transcript

1 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, UNIVERSITA' E RICERCA Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei Via Mameli, Trieste tel / 290 ; fax + ; Fax C.F ; CLASSE V sez. F DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO A.S. 2014/15 CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE DISCIPLINA FIRMA Del Vecchio Giorgio * Italiano Del Vecchio Giorgio * Latino Angione Olga L2- inglese Emilio Marina (coordinatrice) Matematica Emilio Marina Fisica Sangineto Luigi * Scienze Puglisi Maria Pia Puglisi Maria Pia Ruggeri Maria Rosalba * Storia Filosofia Disegno e Storia dell Arte Tommasini Alessandra Educazione Fisica Nicolari Maria Grazia I. R. C. Lucia Negrisin Dirigente Scolastico 1

2 STORIA DELLA CLASSE La classe è composta da 25 alunni, 14 ragazzi e 11 ragazze. 14 di questi provengono dal nucleo originario della classe. In terza si sono aggiunti 2 alunni e 5 non sono stati ammessi all'anno successivo. In quarta si sono aggiunti altri 4 elementi, in quinta ulteriori 2, tutti elementi che hanno contribuito alla resa generale. Nel corso del quinquennio la classe ha sostanzialmente goduto di continuità didattica nella maggior parte delle materie. I docenti che attualmente compongono il consiglio di classe vi sono entrati a far parte: Lettere e latino dalla terza Inglese dalla seconda Matematica e fisica dalla terza Scienze dalla seconda Storia dell'arte dalla terza Filosofia dalla quarta Storia dalla terza Scienze motorie dalla terza Religione dalla prima. Si tratta nel complesso di una classe di non eccellenti potenzialità, che ha sviluppato appena nel corso del terzo anno la propria identità come gruppo e come modo di vivere la scuola. Se fino a quel momento era stata estremamente carente in quanto a metodo di lavoro ed autoconsapevolezza nello stare in classe, in terza ha risposto alle strategie messe in atto dal consiglio di classe rendendosi protagonista di un significativo processo di maturazione, acquisendo - nei limiti delle proprie possibilità - capacità di concentrazione, attenzione verso il raggiungimento degli obiettivi e una certa sistematicità nello studio. Ciò ha consentito, nei due anni successivi, di ovviare almeno in parte alle generali fragilità cognitive ed alla carenza di motivazioni culturali e di partecipazione personale nei confronti delle tematiche trattate. Il consiglio di classe è concorde nell'affermare che solo un gruppo di non più di 5 studenti si distingue per essere in possesso di motivazioni culturali, buona disponibilità all approfondimento personale dei contenuti proposti, discrete capacità di interazione con il docente e di esposizione. Tutti gli altri, invece, conseguono nell apprendimento e nelle verifiche risultati che in genere risentono della scolasticità dell'approccio e della poca vivacità del dialogo educativo che si riesce a sviluppare in classe. A seconda delle materie, varia il numero di coloro che raggiungono un livello di profitto buono o discreto, ma resta sempre consistente il numero di coloro che non vanno oltre la sufficienza, a causa di una scarsa attitudine alla rielaborazione personale dei contenuti e talvolta anche a carenze di comprensione e assimilazione. Nel corso del quarto e quinto anno la classe ha mantenuto un comportamento costantemente corretto ed ha anche dato prova, nel complesso e seppur con una certa settorialita', di buona volontà'. Ha sviluppato positive dinamiche di relazione interpersonale anche con il corpo docente, ed il clima di lavoro, ancorché poco elevato, è sempre stato sereno, improntato a collaborativita' e generosità. A rimanere sempre marginali, tuttavia, sono stati la partecipazione ed il coinvolgimento 2

3 personale degli studenti, e ciò ha richiesto un azione didattica consistente e continua a rinforzo delle motivazioni culturali e della partecipazione al dialogo educativo. Si segnalano i ripetuti ingressi in ritardo di alcuni alunni. Per quanto riguarda le competenze raggiunte va detto che alcuni, non molti, sono apparsi capaci di operare in termini sia analitici che sintetici, riuscendo a creare opportuni collegamenti tra i diversi contenuti e mettendo in luce sufficienti doti espressive e argomentative. Per la maggior parte degli alunni permangono tuttavia, a seconda degli ambiti disciplinari, approssimazione terminologica e anche, talvolta, difficoltà nel costruire discorsi autonomi. La mancanza di autonomia si avverte in modo particolare in matematica e si manifesta nell'incapacità di sfruttare e coordinare in modo organico gli elementi via via appresi per affrontare problemi strutturati e costruire modelli. Le relazioni con le famiglie sono state corrette e del tutto nei limiti della norma. Nel corso della terza, 11 degli alunni che attualmente fanno parte di questa classe hanno partecipato al soggiorno-studio in Inghilterra. 7 alunni hanno conseguito una certificazione linguistica (5 PET, 2 FCE). Un alunno rientra a far parte del gruppo "Galileo Atleta" per la valorizzazione degli studenti atleti. La classe ha partecipato ai seguenti progetti significativi: Conferenza "l'europa e le guerre attorno a noi" Conferenza sulla Costituzione della Repubblica Progetto "Guida sicura" (tutta la classe) Alcuni alunni, per gruppi d'interesse, hanno partecipato ai seguenti progetti significativi: Progetto "Il treno della memoria" Progetto "Palio degli asinelli" Progetto "Dictynna" Visita ai Laboratori del Gran Sasso Visita alla Macchina di luce "Elettra" (Sincrotrone Trieste) Lezioni Lincee di fisica Stages di fisica c/o Università di Trieste Presentazione per le scuole dell'ictp, International Center for Theoretical Physics. Mostre: "Man Ray" a Villa Manin Corso di pittura Progetto "Galileo Olimpico" Progetto d Istituto Perseus (competizioni e tornei) Incontri pomeridiani di Medicina e Sport Un alunno è stato ammesso alle fasi regionali sia delle Olimpiadi delle neuroscienze sia delle Olimpiadi di biologia. È stato attivato un potenziamento di matematica della durata di 10 ore, Le simulazioni di prima, seconda e terza prova sono state effettuate nelle seguenti date: Prima prova: 11 maggio. Seconda prova: 13 maggio. Terza prova, secondo la tipologia B (4 materie coinvolte, dodici quesiti complessivi, 5 righe per ciascun quesito, 3 ore a disposizione per lo svolgimento della prova): 24 marzo (filosofia, arte, 3

4 fisica, inglese) e 18 maggio (scienze, storia, inglese, latino): il Consiglio di Classe ha infatti ritenuto che tale formulazione meglio permetta di saggiare le conoscenze disciplinari, le abilità specifiche e le competenze di rielaborazione autonoma. Di seguito se ne allegano i testi. Simulazione della III prova: 24 marzo 2015 Filosofia Cognome. Nome. Classe.. Data.. Descrivi la dinamica del rapporto servo-padrone, che è una delle più note figure della Fenomenologia dello Spirito di Hegel. L umanesimo naturalistico è una componente della filosofia di Feuerbach. Esponi il pensiero del filosofo a questo proposito. Indica quali sono le tendenze e le contraddizioni del capitalismo, in base all analisi marxiana. 4

5 Simulazione della III prova Fisica Cognome. Nome. Classe.. Data Corrente elettrica. 2. Campo elettrico all'interno di un condensatore. 3. Resistenze in serie. 5

6 NAME CLASS 5F DATE: march 24th 2015 NAME CLASS DATE 1) What is the role of Nature in Romantic poets? 2) How did O.Wilde and G.B.Shaw criticize their time and why? 3) Evaluate how important the reforms of the Edwardian Age were. Simulazione Terza prova del 24/03/2015 Materia: Disegno e Storia dell arte Classe 5F alunno/a... 6

7 1. Descrivi brevemente l opera di Picasso, Les demoiselles d Avignon. (max 7righe) Quali caratteristica presenta la città futurista dell architetto Antonio Sant Elia? (max 7righe) Descrivi l opera di G.Balla, La bambina che corre sul balcone. (max 7righe) Simulazione della III prova: 18 maggio Storia

8 Cognome. Nome. Classe.. Data.. Alla Conferenza di pace di Versailles, che ebbe inizio il 18 gennaio 1919, si stabilì il nuovo assetto geopolitico dell Europa. Quali imperi crollarono in conseguenza della prima guerra mondiale, quali nuove nazioni si formarono e quali cambiamenti territoriali interessarono la Germania e l Italia? Spiega in che modo durante il New Deal alcuni importanti provvedimenti riguardanti la spesa pubblica e la legislazione sociale adottati dal governo di F. D. Roosevelt dovevano servire a risolvere il problema della disoccupazione, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori e rimettere in moto l economia. 8

9 Descrivi la condizione degli antifascisti in Italia durante il regime fascista, indicando le forme di opposizione al fascismo messe in atto, le scelte obbligate che una parte degli antifascisti furono costretti a fare, le misure repressive a cui altri oppositori al fascismo furono sottoposti. NAME CLASS DATE 1) Explain why, in the inter-war years, there was a tendency in novel to shift from society to man. 2) Explain what is meant by the term "epiphany" and give an example. 3) Consider the themes G. Orwell dealt with and his choice to adopt the "beast-fable" form. 9

10 Simulazione terza prova - Letteratura latina 1. At varios linguae sonitus natura subegit mittere et utilitas expressit nomina rerum, non alia longe ratione atque ipsa videtur protrahere ad gestum pueros infantia linguae, cum facit ut digito quae sint praesentia monstrent. Sentit enim vim quisque suam quod possit abuti. Commenta il passo del De rerum natura qui proposto, contestualizzandolo. 2. Guardandomi tutte le parti del corpo e vedendomi diventato asino e non uccello sentii d essere rovinato. Mi venne voglia di prendermela con Fotide per questo bel guaio, ma privo ormai del gesto e della voce, feci quel che potevo: chinai il muso e guardandola di traverso con gli occhi umidi mi raccomandai a lei in silenzio. Quand ella, intanto, mi vide in quello stato, cominciò a picchiarsi il viso e: «Disgraziata che sono» cominciò a gridare «l emozione e la fretta mi hanno tradita e mi ha ingannata la somiglianza dei vasetti. Meno male che per questa trasformazione è presto trovato il rimedio. Basta che tu mastichi delle rose e subito ti toglierai di dosso questo aspetto d asino e tornerai il mio Lucio. Peccato che ieri sera non ho preparato per noi le solite coroncine di rose perché allora non avresti dovuto aspettare nemmeno una notte. Appena spunta l alba, però, avrai subito la medicina.» Met. III, 25. Quale significato assumono nel romanzo di Apuleio la trasformazione di Lucio in asino e il successivo recupero della forma umana? 10

11 3. Fai alcuni esempi di parodia (almeno due) tratti dal Satyricon di Petronio. Materia: SCIENZE Cognome e nome: Classe 5a F Data: 18/05/ Quali sono i fattori che determinano il clima di un luogo? 2. Come si effettua la clonazione riproduttiva di un mammifero? 3. Le piante come utilizzano le 6 molecole di G3P (gliceraldeide 3-fosfato) che si formano durante il ciclo di Calvin? 11

12 CLIL I percorsi DNL in Lingua Straniera (CLIL) Il tratto distintivo dei percorsi CLIL attivati nelle classi V, nell anno scolastico , secondo quanto prescritto dal quadro di riferimento normativo istituzionale, è stato quello di sostenere l insegnamento di discipline non linguistiche (DNL) in L2 Inglese, garantendo efficacia ai diversi ambienti di apprendimento e salvaguardando i presupposti epistemologici e le finalità precipue della metodologia stessa. La progettazione, pianificazione e implementazione di specifici moduli nelle discipline di Fisica, Scienze, Storia e Filosofia sono state intese a favorire, tra i docenti coinvolti, linee didattiche basate sull autonomia delle scelte riguardo i contenuti e sulla flessibilità degli impianti organizzativi, ma anche sulla ricerca didattica e sulla valutazione dei processi interni all insegnamento della disciplina per il miglioramento dell offerta formativa. Nell ambito specifico della classe V F sono stati svolti i seguenti moduli : Disciplina Contenuto del modulo Periodo di effettuazione FISICA Electromagnetic waves Dicembre 12

13 FISICA Radioactivity Aprile Aspetti di progettazione e di pianificazione del percorso La scelta di percorsi modulari, limitati a specifici elementi del syllabus e con nuclei disciplinari ben identificabili, è stata una scelta ragionata e condivisa, sia a livello di Collegio Docenti che dipartimentale, quale opportuna situazione di apprendimento per favorire l innesto della variabile CLIL, language sensitive, sull impianto curriculare della disciplina stessa, permettendo l integrazione di lingua e contenuti, senza la compartimentalizzazione dei processi cognitivi. Tale impianto didattico è stato giudicato particolarmente idoneo a consentire una più controllabile gestione dei percorsi, e una maggiore verifica didattica degli obiettivi anche attraverso modelli di collaborazione convergente soprattutto con i docenti di L2. In taluni casi tale collaborazione ha previsto interventi formativi, di supporto, di didattizzazione dei materiali, di monitoraggio, di analisi dei risultati permettendo di intrecciare i due curricoli disciplinari e di ricavare momenti diffusi di esposizione alla lingua e a sostegno della metodologia CLIL. Impianto organizzativo: quadro orario, obiettivi, presupposti metodologici La consistenza oraria dei moduli e la loro distribuzione nella programmazione didattica delle singole discipline DNL non è stata rigidamente predefinita, ma è stata determinata dal processo sperimentale in atto nelle singole classi L impegno complessivo, considerata l esposizione disciplinare diretta, le attività laboratoriali, gli interventi di didattica integrata a cura del docente di L2, soprattutto a livello di strategie di supporto, non è stato comunque inferiore alle 20/25 ore complessive La scelta delle discipline coinvolte nella metodologia di insegnamento si è basata sui seguenti principi : 1. Discipline caratterizzanti l indirizzo di studio, come stimolo alla motivazione 2. Discipline che fanno uso di una molteplicità di linguaggi, e strategie di supporto non verbali, per favorire o sostenere l apprendimento della disciplina in L2 3. Il profilo professionale dei docenti impegnati Per quanto concerne le competenze specialistiche i percorsi attivati hanno avuto la presenza di personale specializzato o esperto nella metodologia CLIL con livello di competenza linguistica compreso tra il B2 e il C2, in linea con il profilo tracciato nell allegato A del DD n. 6 del 6 aprile 2012 e ribadito dalla nota MIURAOODGOS prot. n del relativa alle norme transitorie relative all avvio in ordinamento dell'insegnamento di discipline non linguistiche (DNL) con metodologia CLIL Al fine di garantire la piena realizzazione dell attività didattica CLIL, è stato inoltre costituito un team CLIL di coordinamento costituto dal Dirigente scolastico, il referente CLIL d istituto e i docenti del Dipartimento di L2. 13

14 Ogni percorso modulare, illustrato di seguito in questo documento da ogni singolo docente di disciplina, è stato caratterizzato dai seguenti denominatori comuni: - progressione dei contenuti e delle conoscenze e non ripetizione di elementi del curriculum svolti precedentemente in italiano - veicolazione dei contenuti disciplinari in L2 attraverso testi autentici o materiale didattizzato - sviluppo di competenze linguistiche attraverso la presenza di task fortemente legati al contesto disciplinare e attraverso la logica cognitiva della disciplina interessata. - messa in atto di abilità e strategie linguistiche utili ad affrontare contenuti disciplinari complessi anche in L1 (input comprensibile) - presenza di approcci collaborativi nell apprendimento - studio della disciplina caratterizzato fortemente da una prospettiva di matrice interculturale - Nello specifico i percorsi proposti sono stati rivolti a perseguire i seguenti obiettivi: a. Disciplinari:(trasversali): Garantire i fondamenti epistemologici e scientifici della disciplina veicolata in CLIL ; Assicurare progressione nelle conoscenze, abilità e competenze disciplinari Programmare lo svolgimento dei contenuti tenendo costante la connessione tra i moduli CLIL in L2 veicolare ed il resto della programmazione in lingua madre; Favorire l aggiornamento dei contenuti disciplinari in prospettiva europea Favorire l individuazione di strategie di facilitazione di accesso ai contenuti ( input comprensibili) e di materiale idoneo dal punto di vista linguistico b. Cognitivi: Incoraggiare un coinvolgimento nei relativi processi cognitivi, Insegnare ad imparare facendo propria l autonoma ricerca di conoscenze; Condurre gli alunni alla conoscenza in una prospettiva interattiva Favorire la capacità di utilizzare le conoscenze in situazioni e contesti diversi; Favorire la capacità di esprimere conoscenze note in codici linguistici diversi; Incentivare i processi logico cognitivi in funzione del rigore scientifico ed epistemologico; Favorire l acquisizione di un sistema organico ed aggiornato delle conoscenze; c. Metacognitivi: Favorire il superamento delle discipline in funzione dei saperi; Favorire una visione autonoma della realtà partendo da ipotesi e tesi diverse; Favorire il trasferimento di conoscenze ed acquisizioni diverse in situazioni e in codici differenti; Offrire occasioni di costruzione autonoma di ipotesi e tesi,analisi e sintesi; Favorire l utilizzo di conoscenze, competenze e capacità per la comprensione, la progettazione e la soluzione di problemi posti in codici diversi. d. Linguistici (microlingua) e comunicativi: Favorire l acquisizione progressiva e continua di linguaggi specifici delle discipline coinvolte 14

15 Favorire l uso dei linguaggi specifici in un processo di progressiva crescita autonoma del discente sia nella produzione orale che scritta; Favorire l acquisizione di micro lingua in L2 e correlare le competenze di microlingua nella lingua utilizzata con quelle della lingua materna; Favorire l uso di diversi registri comunicativi in contesti e situazioni varie dapprima conosciute e, successivamente, non note e create nell interazione docente discente; Usare la L2 veicolare come naturale veicolo di comunicazione riducendo gli aspetti artificiali insiti nel normale studio curricolare; Favorire interazione in contesti comunicativi reali offerti dal focus sui contenuti e. Interculturali consapevolezza della diverse sensibilità culturali nell approccio alla disciplina f. Di sistema Capitalizzare sull innovazione CLIL per il superamento definitivo del modello didattico d insegnamento tradizionale e delineare un profilo del nuovo docente metacognitivo Mettere a sistema un metodo ricerca-azione, in termini di contributo alla progettazione, pianificazione e gestione dei percorsi didattici. Offrire nuovi percorsi di eccellenza Modalità di accertamento Per quanto riguarda le modalità di accertamento del profitto nella disciplina non linguistica DNL si è ritenuto opportuno individuare, in conformità con quanto espresso nella nota MIURAOODGOS prot. n del , una modalità comune a tutte le classi proponendo, per la disciplina CLIL, una variante minima della consueta terza prova, tipologia B (domande con risposte brevi), in cui una domanda su 3 sia formulata nella lingua straniera veicolare, ovviamente con riferimento a contenuti svolti. ********* LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof. Giorgio Del Vecchio 15 Profilo della classe 5F: Italiano La classe 5F si compone di 25 alunni. La partecipazione della classe al dialogo educativo è stata nel complesso da sufficiente (maggioritaria) a buona (minoritaria), con forti differenze tra gruppi di studenti. Alla luce dei riscontri scritti, il livello generale nell organizzazione e nella presentazione dei contenuti si è confermato nel complesso sufficiente, con punte isolate anche di livello discreto e

16 buono; da sufficiente a casi isolati di discreto/buono è il rendimento all orale, dove si nota, comunque, approssimazione terminologica e anche, talvolta, incapacità di costruire discorsi autonomi; in realtà, ciò avviene presumibilmente perché alcuni alunni sono abituati a concentrare l applicazione allo studio soprattutto in vista delle verifiche e non tutti sono in grado di mantenere una preparazione domestica costante ed efficace. Analisi per gruppi di competenza Nella classe 5F si distingue un gruppo di 4-5 studenti in possesso di motivazioni culturali, buona disponibilità all approfondimento personale dei contenuti proposti, discrete capacità di interazione con il docente e di esposizione sia allo scritto che all orale. Nella maggior parte della classe, invece, il conseguimento di risultati migliori o positivi nell apprendimento e nelle verifiche sembra essere limitato da una scarsa attitudine alla rielaborazione personale dei contenuti e anche da deboli motivazioni culturali. Un gruppo di 5-6 studenti manifesta ancora delle lievi lacune nel dominio delle strutture morfosintattiche e del patrimonio lessicale della lingua italiana sia allo scritto che all orale. Valutazione complessiva del gruppo classe La classe 5F è una classe che, nel suo complesso e salvo il gruppetto segnalato, ha sempre dato risultati solo sufficienti sul piano del profitto scolastico, e pertanto si è resa sempre necessaria un azione didattica consistente e continua a rinforzo delle motivazioni culturali e della partecipazione al dialogo educativo. 1) Obiettivi specifici realizzati in termini di conoscenze, competenze e abilità: conoscenza dei più significativi movimenti letterari della cultura italiana, considerata anche in relazione con quella europea; abitudine a considerare la lettura diretta di un testo come presupposto fondamentale per qualunque interpretazione letteraria; capacità di interpretare un testo distinguendone le fondamentali caratteristiche formali; capacità di collocare un testo nel suo contesto storico-culturale e di stabilire qualche confrontocon altre opere dello stesso autore o di altri autori; potenziamento delle capacità di collegamento pluridisciplinare tra conoscenze storiche, filosofiche, letterarie e artistiche; capacità di organizzare l'esposizione orale e di produrre testi scritti di diverso tipo a livelli discreti di pertinenza, coesione e coerenza, utilizzando una terminologia specifica complessivamente corretta. 2) Metodologie specifiche: lezioni espositive sui contenuti del programma; lettura dei testi con relativa analisi; verifica continua del livello di comprensione; stesura di eleborati; educazione alla diversificazione della scrittura secondo il testo che si vuole produrre; educazione alla chiarezza e alla precisione espositiva e argomentativa; educazione alla riflessione critica su quanto letto o appreso. 16

17 3) Contenuti realizzati: Il programma svolto ha seguito lo sviluppo cronologico della letteratura italiana. Sono stati scelti gli autori considerati i più rappresentativi per illustrare la realtà letteraria e culturale dei secoli XIX e XX, in rapporto ai mutamenti sociali, economici e politici e ai diversi generi letterari. Programma svolto MODULO 1 Leopardi e Manzoni Giacomo Leopardi. La biografia e le opere. Letture dai Canti: T2, p. 496; T3, p. 500; T4, p. 504; T5, p. 509; T8, p. 530; T9, p. 538; T10, p. 542; T12, p. 550; dalle Operette morali: T1, p. 573; T3, p. 584; T4, p Alessandro Manzoni La biografia e le opere. Letture dalle tragedie: T4, p. 323; T6, p Sunto delle lettere a Chauvet e a D'Azeglio, pp. 334 sgg.: i concetti di vero storico e vero poetico. I Promessi Sposi, pp (escluse Storia e tradizione e le Letture critiche). Letture: T1, p. 358; T2, p. 365; T3, p. 371; T4, p. 376; T5, p. 383; T6, p. 390; T7, p. 397; T8, p. 400; T10, p. 411; T11, p. 412; T12, p. 416; T13, p. 424; T14, p MODULO 2 La cultura del Positivismo, pp e p. 65. Il romanzo realista dell'800. L'esempio di Flaubert: lettura da Madame Bovary: T4, p. 89. Il Naturalismo francese: i principi positivistici e le tecniche narrative. Race, milieu, moment. Letture: E. Zola, da L'Assommoir: T5, p. 92. Il romanzo russo, l'esempio di L. Tolstoj; da Guerra e pace: T7, p. 99. MODULO 2A L'ETA' POSTUNITARIA Il verismo italiano. G. Verga: la formazione, i luoghi, i viaggi, la cronologia degli scritti, la visione del mondo, le tecniche narrative. L'ideologia verghiana (pp ). Letture: da Vite dei campi: T4, p. 229; da Novelle rusticane: T5, p La Prefazione a I Malavoglia: i "vinti" e la "fiumana del progresso" T1, p. 197; Da I Malavoglia: T1, p. 255; T2, p. 258; T4, p. 265; T5, p Da Mastro Don Gesualdo: T1, p. 277; T2, p. 280; T3, p

18 MODULO 3 IL DECADENTISMO Da p. 316: origine e significato del termine. Il quadro storico-culturale. I caratteri della modernità. Decadentismo e modernità. l'estetismo e J. K. Huysmans, lettura da Controcorrente: T1, p Il Kitsch. Modelli europei del Decadentismo Ch. Baudelaire: la vita; la poetica, T3, p. 341; T4, p. 342; da I fiori del male lettura e commento di: T5, p. 343; T6, p. 345; T7, p. 346; T8, p. 348; Il cigno (in fotocopia) confrontato con il carme II, 20 di Orazio in traduzione italiana. P. Verlaine: dall' Arte poetica: T9, p A. Rimbaud: da La lettera del veggente: T10, p. 352; MODULO 3A Gabriele D'Annunzio. La vita. L'estetismo, il panismo, il superomismo, apollineo e dionisiaco. Dalle Laudi: T11, p. 437; T13, p. 448; T14, p. 452; T15, p Da Il piacere: T1, p. 397; T2, p MODULO 3B Giovanni Pascoli. La vita. Le raccolte poetiche. I temi della poesia pascoliana. La "rivoluzione" del linguaggio poetico; lessico, simbolismo e fonosimbolismo. Da Il fanciullino: T1, p Da Myricae: T3, p. 489; T5, p. 493; T6, p. 495; T7, p. 497; T8, p. 500; dai Canti di Castelvecchio: T9, p. 502; T12, p. 508; dai Poemetti: T14, p. 515; dai Poemi conviviali: T17, p MODULO 4 LA CRISI DELLE CERTEZZE (L'età dell'ansia) Caratteristiche principali (sul manuale, pp. 568 sgg). Letture: F. Kafka, T9, p. 602; T10, p M. Proust, da La ricerca del tempo perduto: T4, p. 33; F. Kafka, da La Metamorfosi: T9, p. 50; da Il processo: T10, p. 52. I temi della legge e della colpa. R. M. Rilke: cenni biografici, il tema della caducità, testi dalle Elegie Duinesi e dalle Poesie (forniti in fotocopia). R. Musil, da L'Uomo senza qualità, T13, p Th. Mann: cenni biografici; lettura: T14, p. 617 MODULO 4A 18

19 LE AVANGUARDIE STORICHE NELL'INTRECCIO DELLE ARTI Il futurismo, pp. 625 sgg. Lettura: F. T. Marinetti, T2, p La cultura italiana delle riviste, pp. 673 sgg. MODULO 4B LA PROSA DEL MONDO E LA CRISI DEL ROMANZO Italo Svevo. La vita. La formazione e la cultura. I rapporti con Joyce e quelli con la psicoanalisi. La distinzione tra "lottatori e contemplatori". L'inetto (pp. 708 sgg.). Da Una vita: T2, p. 726; da Senilità: T4, p. 738; T4, p. 486; da La coscienza di Zeno: T5, p. 747; T6, p. 749; T7, p. 752; T8, p. 756; T10, p. 763; T11, p. 765; T12, p Luigi Pirandello. La vita e la formazione. Vita e forma; realtà/apparenza; le maschere; il relativismo conoscitivo; l umorismo; l'uomo e le macchine. I romanzi e il teatro. Da L'Umorismo: T1, p. 794; da Novelle per un anno: T2, p. 801; da Il fu Mattia Pascal: T5, p. 825; T6, p. 830; T9, p. 837; T10, p. 838; T11, p. 842; dai Quaderni di Serafino Gubbio: T13, p. 849; T14, p. 852; T15, p. 853; da Uno, nessuno e centomila: T16, p. 860; T17, p. 863; da Così è se vi pare: T18, p. 871; da Enrico IV, T21, p MODULO 4C Eugenio Montale. La vita, la formazione, le opere, la poetica e la teoria del correlativo oggettivo (pp , RFA vol. 6). Da Ossi di seppia: T2, p. 169; T3, p. 173; T4, p. 175; T5, p. 178; da Le Occasioni: T9, p. 189; T11, p. 192; T15, p. 199; da La Bufera: T16, p. 204; T18, p Libro di Testo: Rosa fresca aulentissima, ed. gialla, voll. 4, 5, 6. Sono state svolte fino al 15 maggio 114 ore di lezione di italiano. LINGUA E LETTERATURA LATINA Prof. Giorgio Del Vecchio Profilo della classe 19

20 La classe 5F si presenta poco incline alla partecipazione attiva nel dialogo educativo, pur osservando una condotta abbastanza rispettosa nei confronti del docente e sufficientemente attenta durante le lezioni. Nella comprensione/analisi dei testi originali non vi sono eccellenze né allievi particolarmente versati: si rileva, infatti, solo una padronanza di base della lingua latina, che accomuna la maggior parte della classe; alcuni studenti, comunque, risultano maggiormente abili in quest'attività, anche perché possiedono più solide conoscenze linguistiche. Di conseguenza, nella produzione scritta, il risultato è molto modesto quanto a traduzione a prima vista dei testi originali, mentre è accettabile per ciò che concerne lo studio della letteratura e l'analisi/traduzione/commento dei testi originali preventivamente letti e tradotti in classe. Anche in questo caso, comunque, un folto gruppo di allievi manifesta maggiori difficoltà rispetto a quello più preparato e motivato. Nella produzione orale, pochi studenti riescono a esprimersi e a tradurre/commentare i testi originali precedentemente trattati in classe con una certa sicurezza e proprietà di linguaggio, anche se manca la capacità di svolgere un discorso articolato di media/lunga durata. Gli altri, invece, evidenziano una certa difficoltà espositiva, e preferiscono essere guidati nel colloquio dal tradizionale e scolastico approccio domanda/risposta. 1) Obiettivi specifici realizzati in termini di conoscenze, competenze e abilità: capacità di interpretare e tradurre testi latini già letti e analizzati, riconoscendone le principali strutture morfologiche, sintattiche e le peculiarità stilistiche e lessicali; conoscenza dei caratteri salienti della letteratura latina; in particolare, conoscenza degli elementi caratterizzanti del pensiero e della poetica di alcuni tra i più rappresentativi autori dei secoli dal I a.c. al II d.c. capacità di cogliere aspetti di attualità nell opera degli autori studiati e capacità di individuare analogie tra passato e presente in relazione ad alcune tematiche particolarmente significative. 2) Metodologie specifiche: lezione frontale con verifica continua del grado di attenzione e di apprendimento; attenzione al contenuto e alle particolarità stilistiche dei testi letti in originale oppure in traduzione. 3) Contenuti realizzati: lettura e analisi di testi di autori per la maggior parte in lingua originale: attraverso i testi si è cercato di favorire la conoscenza del patrimonio di civiltà del mondo romano. MODULO 1 Gli autori (in originale e/o traduzione): I e II quadrimestre: Programma svolto LUCREZIO, De rerum natura I, 1-20, T1, p. 253; I, 62-79, T3, p. 260; I, , T4, p. 261; III, ; I, , T5, p. 265; I, , T6, p. 267; II, 1-22, T7, p. 268; III, , T9, p. 270; III, , T10, p. 271; III, , T11, p. 275; IV, , T12, p. 277; V, , T13, p. 278; VI, , T14, p CICERONE, Somnium Scipionis, 1-8 in latino; (su fotocopie in in latino); completo in 20

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE 5 SEZ. B. INDIRIZZO ling. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Cristina Conti Lingua Inglese - Spiazzi-Tavella, ONLY CONNECT-New directions, Vol.2-3

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI 5 -tecnologico pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 -tecnologico DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Sezioni Associate: Liceo Scientifico, Linguistico, I.G.E.A. Ragionieri, Geometri, Scuola ------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15

PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15 LICEO CLASSICO/SCIENTIFICO G. SPINELLI PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15 PROF.SSA AMENDOLAGINE ORIANA QUINTO ANNO Ac 1. COMPETENZE DISCIPLINARI LINGUA 1_ Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative

Dettagli

Classe: 5C Indirizzo: SCIENTIFICO Materia: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Docente: ELENA RUFFATTO

Classe: 5C Indirizzo: SCIENTIFICO Materia: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Docente: ELENA RUFFATTO LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5C Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2011 / 2012 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LINGUA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

M.P.01. Rev. 0. I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello. Pagina 1 di 8. Piano di Lavoro Individuale. Numero ore

M.P.01. Rev. 0. I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello. Pagina 1 di 8. Piano di Lavoro Individuale. Numero ore Pagina 1 di 8 Docente Materia Classe Numero ore Felice Cimmino Inglese Quarta B Tre Pagina 2 di 8 1. Analisi della situazione iniziale della classe a) Comportamento x corretto abbastanza corretto scorretto

Dettagli

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1 Pag 1 di 6 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V. CROCETTI V. Tel. 085-8001757- Fax 085-8028562 - C.F.91041900670

Dettagli

Programmazione annuale a.s. 2011/2012

Programmazione annuale a.s. 2011/2012 Programmazione annuale a.s. 2011/2012 Docente: Prof. Adriana ONNIS Materia: Inglese Classe: V^ D 1. Nel primo Consiglio di Classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE III SEZ C. INDIRIZZO LL PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. MUSSONI ROSSANA INGLESE Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Classe: III Sez. B Materia : Inglese Docente: prof.ssa Francesca Giorgetti 1.ANALISI DELLA CLASSE (giudizi

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A. S. 2009/2010 Fisica Classe quinta C liceo Ore annuali: DOCENTE: Giorgio Follo Obiettivi disciplinari Conoscenze Elettromagnetismo: teoria e semplici applicazioni.

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme Lo sviluppo umano riguarda l essere di più e non l avere di più scelte educative La nostra Scuola si impegna per sostenere motivazione riflessione l imparare ad imparare orientare stili di vita buone pratiche

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE Allegato al documento di classe no. 1.6 Docente Materia Classe Maria Stefania Strati Matematica P.N.I. 5D RELAZIONE FINALE 1. Considerazioni generali La classe ha avuto una stessa insegnante di matematica

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

SCUOLA MEDIA UNIFICATA "PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA" BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013

SCUOLA MEDIA UNIFICATA PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCUOLA MEDIA UNIFICATA "PIUMATI-CRAVERI-DALLA CHIESA" BRA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER LA PRIMA LINGUA STRANIERA - INGLESE E necessario che all apprendimento delle lingue venga

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS Via Sorrisole, 6-21100 - VARESE Esami di stato conclusivi del corso di studi (Legge 425/97 - DPR 323/98 art. 5.2) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Documento predisposto dal

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

Materia : Inglese classe: 3 AL anno scolastico : 2013-14. Il piano di lavoro annuale verrà formulato in NUCLEI DISCIPLINARI.

Materia : Inglese classe: 3 AL anno scolastico : 2013-14. Il piano di lavoro annuale verrà formulato in NUCLEI DISCIPLINARI. PIANO DI LAVORO ANNUALE Docente : Marcon Nicoletta Materia : Inglese classe: 3 AL anno scolastico : 2013-14 L'indirizzo linguistico ha ritenuto prioritarie per il secondo biennio le seguenti COMPETENZE:

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sulla scorta delle indicazioni fornite dal Collegio dei Docenti, dalle riunioni di indirizzo e di dipartimento, i Consigli di Classe di IV e V ginnasio fanno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Pagina 1 di 6 Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale: I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009-10 Contratto Formativo Individuale Classe 3 Sez H Docente: Prof.ssa Piangiarelli Sandra 1. ANALISI DELLA CLASSE: (dare delle definizioni in termini

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico FONDAZIONE MALAVASI Liceo Scientifico PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Storia DOCENTE: Prof.ssa Manuela Maccà CLASSE III SEZ. Tradizionale A.S.2014 /2015 2. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA di LINGUA INGLESE Classe 1 a sez. A a.s. 2013 2014 Prof.ssa Montesano Erminda

PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA di LINGUA INGLESE Classe 1 a sez. A a.s. 2013 2014 Prof.ssa Montesano Erminda ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO SCUOLA INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA I GRADO Via Molinelli, 27-87020 - Verbicaro (CS) - Tel.0985 6114 Fax.0985 60365 pec: csic834009@pec.istruzione.it e-mail: csic834009@istruzione.it

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re COMPETENZE E INSEGNAMENTO Dott.ssa Franca Da Re UN TENTATIVO DI DEFINIZIONE INTEGRATO INTEGRAZIONE DI CONOSCENZE E ABILITA DI TIPO COGNITIVO, PERSONALE, SOCIALE, RELAZIONALE PER SVOLGERE UN ATTIVITA E

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1 I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014 Verbale n. 1 Il presente verbale è frutto del lavoro comune svolto dai docenti del gruppo linguistico dei singoli dipartimenti dell I.I.S. Telesi@: LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

Liceo Artistico Statale Giulio Carlo Argan -III Istituto Statale D Arte. Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma. Via Ferrini, 61 00175 Roma

Liceo Artistico Statale Giulio Carlo Argan -III Istituto Statale D Arte. Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma. Via Ferrini, 61 00175 Roma Liceo Artistico Statale Giulio Carlo Argan -III Istituto Statale D Arte Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma Via Ferrini, 61 00175 Roma SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER SINGOLA DISCIPLINA Anno scolastico

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Elisabetta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina:Educazione fisica Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. A.S.2014-2015 Docente:CARLOTTO MONICA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe 1^A è numerosa, vivace e partecipe anche

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: MATEMATICA PROFESSORE: ANNA ZUMMO CLASSE: IV sez. A informatica A.S.: 2014/2015 DATA: 30/10/2014 SOMMARIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 BIENNIO (S.C., L.S., ITT, T.T.) OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI Il dipartimento linguistico individua obiettivi comportamentali trasversali indispensabili

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ I Docenti della Disciplina Salerno, lì 10/11 settembre 2013 Finalità

Dettagli

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo Liceo Scientifico Classico Linguistico G. Novello P. O. F. PARTE III CURRICOLI DISCIPLINARI Liceo Linguistico CLASSE QUARTA ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI N ore visiona il curricolo Lingua e letteratura

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

PIANO DI LAVORO LINGUA E LETTERATURA INGLESE A.S. 2014/2015

PIANO DI LAVORO LINGUA E LETTERATURA INGLESE A.S. 2014/2015 PIANO DI LAVORO LINGUA E LETTERATURA INGLESE A.S. 2014/2015 CLASSE 4D PROF. MASUZZI A)Dal testo Only Connect New Directions The Restoration The Augustan Age, di Spiazzi Tavella, edizioni Zanichelli, con

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingue straniere. a.s. 2013-2014 NUOVO ORDINAMENTO I S T I T U T O M A G I S T R A L E D I B E L V E D E R E M A R I T T I M O (CO S E N Z A ) Via Annunziata, 4 87021 Belvedere Marittimo (Cosenza) - tel. / fax.: 0985 809 PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA

Dettagli

LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO. Obiettivi formativi:

LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO. Obiettivi formativi: LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO Obiettivi formativi: Acquisire maggiore consapevolezza sia della cultura straniera che della propria esempio di una cultura diversa dalla propria Acquisire ed usare autonomamente

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: CRISTINA FRESCURA MATERIA: FISICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PREMESSA DISCIPLINARE

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli