ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE INDIRIZZO I.G.E.A. CLASSE 5 a SEZ. B

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE INDIRIZZO I.G.E.A. CLASSE 5 a SEZ. B"

Transcript

1 Istituto Statale di Istruzione Tecnica e Professionale per il Commercio "G. A. Cavazzi" Scientifica "A. Sorbelli" Via Matteotti 2/ Pavullo nel Frignano (MO) - Tel 0536/ fax. 0536/21164 E.Mail: - Sito Internet: Codice fiscale Anno Scolastico 2013/2014 ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE INDIRIZZO I.G.E.A CLASSE 5 a SEZ. B 1

2 ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL CORSO DI STUDI (Legge 425/97 - D. P.R. 323/98 ART. 5.2) Contenuto: A) SCHEDA INFORMATIVA GENERALE COMPRENDENTE 1) Composizione del Consiglio di classe, pag. 3 2) Elenco dei candidati, pag. 4 3) Presentazione della classe, pag. 5 4) Obiettivi, trasversali e comuni del C.d.C., pag.7 5) Valutazione complessiva dei risultati raggiunti, pag. 7 B) SCHEDA RELATIVA ALL ESPERIENZA DI STAGE, pag. 8 C) SCHEDE RELATIVE ALLA SIMULAZIONE DI TERZA PROVA pag. 10 D) GRIGLIE DI VALUTAZIONE PROPOSTE DAL CONSIGLIO DI CLASSE: pag 25 E) SCHEDE INFORMATIVE ANALITICHE RELATIVE ALLE DISCIPLINE DELL'ULTIMO ANNO DI CORSO ITALIANO, pag. 33 STORIA, pag. 41 INGLESE, pag. 46 FRANCESE, pag. 53 MATEMATICA, pag. 57 ECONOMIA AZIENDALE, pag. 61 GEOGRAFIA, pag. 68 DIRITTO, pag. 74 SCIENZE DELLE FINANZE pag. 78 SCIENZE MOTORIE, pag. 82 RELIGIONE, pag.85 2

3 A) SCHEDA INFORMATIVA GENERALE 1 - COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTI MATERIE ORE SETT. Serafini Margherita Italiano 3 Tosi Clementina Storia 2 Martini Antonella Inglese 3 Gianelli Paola Francese 3 Manfredini Marilena Matematica 3 Puccini Patrizia Economia aziendale 7 Masotti Laura Geografia generale ed economica 3 Severo Daniela Diritto 3 Severo Daniela Scienze delle finanze 2 Longagnani Paola Educazione fisica 2 Esposito Salvatore Religione 1 3

4 2 - ELENCO CANDIDATI Cognome e Nome AOURZ AFAF BENELLI CINZIA CARDONE SARA CHAHID IKRAM CROCI VALENTINA FRANCHINI MATTIA GHERARDINI GIANMARIA GIORDANI ALESSIA IACCONI DEBORA MARASTI ALESSIA TONI GIULIA VECCHIE YLENIA VIVI ANDREA 4

5 3 - PRESENTAZIONE DELLA CLASSE STORIA DELLA CLASSE Configurazione della classe nel corso del quinquennio La classe 5^B sezione IGEA è ora composta da 14 allievi. Il primo anno gli iscritti alla classe prima erano ventitre, ma nel corso del biennio il numero degli studenti ha subito una forte selezione; nonostante l integrazione di studenti provenienti da altre classi gli iscritti della classe terza risultavano essere soltanto quindici. Durante la classe quarta si è iscritta una ragazza per pochi mesi, alla fine dell'anno scolastico due studentesse non sono state promosse, mentre in quinta si è aggiunto uno studente proveniente dalla V A, non ammesso all'esame l'anno precedente. Gli alunni risiedono a Pavullo e nei comuni vicini. Continuità didattica Disciplina Classe prima Classe seconda Classe terza Classe quarta Classe quinta Italiano Fadda Fadda Fadda Serafini Serafini Storia Storia Fadda Fadda Tosi Tosi Inglese Martini Martini Martini Martini Martini Francese Croci Gianelli P. Gianelli P. Gianelli P. Gianelli P. Matematica Asenova Magnani Magnani Magnani Manfredini Economia dell azienda Puccini P. Puccini P. Puccini P Puccini P. Puccini P. Trattamento Testi Esposito C. Puccini M.R Diritto Lami Verdi Lami Falbo Severo Economia politica - - Lami Falbo - Scienza delle finanze Severo Scienze della materia Orlandi Orlandi Scienze della natura Orlandi Orlandi Geografia - - Minelli Luca Masotti Masotti Educazione fisica Tonozzi Tonozzi Tonozzi Riccò/Buchicchio Longagnani Religione Benedetti Esposito S Esposito S Esposito S. Esposito S. SITUAZIONE PREGRESSA La classe non ha beneficiato nel quinquennio della continuità didattica, soprattutto in riferimento ad alcuni insegnamenti tra cui italiano e storia, diritto ed economia politica, scienza delle finanze e matematica. Dopo la selezione iniziale avvenuta nel biennio, gli studenti si sono dimostrati nel complesso interessati e hanno partecipato attivamente alle proposte didattiche, anche se non tutti si sono organizzati nello studio in maniera sempre efficace. La classe ha lavorato in un clima di collaborazione con gli insegnanti, sebbene nei rapporti interni al gruppo classe a volte si siano verificati episodi di incomprensione. C. SITUAZIONE INIZIALE NELL A.S. IN CORSO Il Consiglio di Classe, nel corso della prima riunione dell anno scolastico, ha esaminato la situazione in ingresso, prestando attenzione alle singole circostanze. In particolare si è preso atto del cambiamento della fisionomia della classe in relazione all ingresso di un nuovo studente proveniente dalla classe V A. 5

6 D. ATTIVITA INTEGRATIVE SVOLTE NELL A.S. IN CORSO Nel corrente anno scolastico sono state svolte le seguenti attività integrative : Conferenza prof. F.M. Feltri Dalla propaganda allo sterminio Educazione alla salute, prevenzione del melanoma Presentazione del progetto Tutti insieme per la protezione civile, partecipazione nel mese di aprile di alcuni ragazzi al campo Orientamento universitario, visita all Università di Modena Orientamento universitario,visita all Università di Bologna E. CONSIDERAZIONI PARTICOLARI Un alunna ha conseguito la certificazione B1 per la lingua francese. Per quanto riguarda la definizione delle aree disciplinari, sulla base del D.M. n. 22 del , il Consiglio di Classe propone la seguente ripartizione delle discipline: area linguistica, storica e letteraria : Italiano, Storia, Lingue straniere, Diritto area tecnico scientifica : Geografia economica, Matematica applicata, ed Economia dell azienda. Tale suddivisione è finalizzata alla correzione delle prove scritte ed alla conduzione del colloquio d esame. 6

7 4 OBIETTIVI TRASVERSALI E COMUNI DEL C. di C. Nella programmazione di inizio anno scolastico il Consiglio di Classe aveva fissato i seguenti obiettivi trasversali : COMPORTAMENTALI Partecipare e collaborare alle attività scolastiche Acquisire una mentalità aperta, flessibile e sviluppare senso critico Il primo obiettivo risulta nella maggior parte dei casi raggiunto, per quanto riguarda il secondo occorre tenere presente le caratteristiche individuali degli alunni, che hanno risposto alle sollecitazioni in maniera differente, c è chi esprime le proprie opinioni con lucidità, c è chi, pur avendo raggiunto gli obiettivi sopra citati, si esprime in maniera ancora riservata. COGNITIVI Sviluppo dell autonomia e della capacità di organizzare e pianificare il proprio studio Si è puntato ad una più precisa conoscenza degli strumenti, sollecitando la riflessione sul proprio metodo di lavoro e spingendo gli alunni a collegare le conoscenze secondo percorsi di interesse personali. Occorre sottolineare come in alcuni casi il metodo sia risultato lento, compromettendo i risultati finali. Sviluppo della competenza comunicativa orale e scritta Un gruppo ha acquisito una capacità comunicativa corretta, precisa nei termini ed efficace, altri hanno invece carenze di base non del tutto risolte e incontrano ancora incertezze ad esprimersi in modo puntuale e scorrevole. Sviluppo della capacità di comprensione, analisi, interpretazione dei testi scritti Obiettivo globalmente raggiunto dalla maggior parte degli alunni, per altri l autonomia in questo ambito non è ancora pienamente consolidata. Sviluppo della capacità di produzione di testi scritti Come sopra. Sviluppo delle capacità logiche Obiettivo del Consiglio di Classe, attraverso lo studio delle discipline, è stata l acquisizione di un atteggiamento mentale volto alla comprensione critica e all ordinamento logico dei contenuti proposti. Tale obiettivo è stato generalmente raggiunto. Acquisizione dei contenuti delle singole discipline Le conoscenze fondamentali possono definirsi acquisite in maniera generale in tutte le discipline e per la maggior parte degli alunni. Acquisizione di competenze professionali L esperienza di alternanza scuola-lavoro e l applicazione tecnica dei contenuti delle discipline d indirizzo ha portato al raggiungimento di un buon livello di competenze professionali. 5 VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEI RISULTATI OTTENUTI Il profitto conseguito è risultato ottimo e buono per un parte della classe che ha raggiunto livelli di eccellenza nella maggior parte delle discipline, discreto e sufficiente per un altro gruppo che ha lavorato in modo costante per superare le proprie difficoltà; soltanto pochi studenti non hanno colmato interamente le incertezze nella preparazione di base in alcune discipline. 7

8 B) SCHEDA RELATIVA ALL ESPERIENZA DI STAGE DELLA CLASSE QUARTA Al progetto Stage, inserito nel Piano dell Offerta Formativa dell Istituto, hanno partecipato 14 alunni. Le finalità principali del progetto sono: Attivare nella scuola concreti momenti di ricerca interdisciplinare a valenza pedagogica e formativa basati sull esperienza educativa del lavoro. Creare momenti di scambio tra realtà scolastica e quella professionale, tra mondo della formazione e mondo del lavoro Permettere agli allievi di incontrare la realtà lavorativa che può essere sperimentata direttamente (formazione in situazione) e in modo privilegiato utilizzando i contesti aziendali come elementi e risorse integrativi per il processo di apprendimento, Favorire nei partecipanti il processo di presa di coscienza di sé attraverso un esperienza che crea l occasione per stimolare una riflessione sulle capacità, sui propri punti di forza e di debolezza in rapporto con le possibilità professionali offerte dal territorio. Far conoscere e far comprendere la realtà socio-economica, le opportunità formative, professionali e occupazionali, sviluppando rappresentazioni del lavoro efficaci e realistiche; Individuare spazi, settori e modalità di diretto interesse lavorativo, indipendentemente dal fatto che, al termine del percorso scolastico intrapreso, intendano proseguire con gli studi universitari, o cercare un inserimento lavorativo Rafforzare l autostima e la capacità di riconoscere e valorizzare le proprie risorse, interessi e motivazioni allo scopo di costruire il progetto personale di scelta; Arricchire il proprio bagaglio culturale e incrementare apertura e flessibilità mentali; Incrementare la capacità di interpretare e correlare i fattori in gioco nei processi di scelta professionale: le variabili personali, le influenze socio-culturali, le caratteristiche del contesto, i cambiamenti in atto nel raccordo scuola formazione professionale lavoro; Sviluppare abilità per fronteggiare positivamente le situazioni di transizione all interno della formazione e dalla formazione al lavoro, attraverso la promozione di atteggiamenti flessibili e di strategie di azione adeguate. Il progetto è stato realizzato in 2 fasi: 1) fase di preparazione in classe (8 ore) con attività teoriche e pratiche relative ai seguenti argomenti: - il curriculum vitae - il colloquio di lavoro - la ricerca attiva del lavoro 2) esperienza diretta in azienda, durata 2 settimane 8

9 Un alunna ha partecipato al progetto: Dal Cimone alla Costa Azzurra: quando l ambiente diventa risorsa turistica. Stage lavorativo internazionale finanziato dalla Camera di Commercio di Modena Periodo di svolgimento: luglio 2013 Obiettivi generali - studiare il mercato nazionale e internazionale del turismo - far conoscere agli studenti le possibilità di interazione tra le imprese nazionali e internazionali riconoscendone le analogie e le differenze - conoscere i circuiti di distribuzione - applicare metodologie di vendita con tecniche di marketing - utilizzare gli strumenti informatici come promozione e vendita di pacchetti turistici - potenziare le competenze linguistiche attraverso la conversazione sul luogo di lavoro e in famiglia Competenze specifiche - prenotare servizi turistici - vendere prodotti turistici - emettere i documenti necessari alla vendita - elaborare preventivi di servizi turistici - intrattenere conversazioni con i clienti nella lingua richiesta (inglese, francese, tedesco) 9

10 C) SCHEDE RELATIVE ALLE SIMULAZIONI DI TERZA PROVA 1 DELIBERAZIONI E MODALITA OPERATIVE DEL C. d. C. Le prove svolte, di carattere interdisciplinare, hanno coinvolto non più di 4 materie. 2 TIPOLOGIE SPERIMENTATE Tipologia B: Quesiti a risposta singola. Il Consiglio di Classe ha scelto di esercitare gli studenti su questa tipologia, in quanto consente di verificare con maggiore puntualità la consistenza della preparazione acquisita e le competenze espositive, permette inoltre di testare la conoscenza dei contenuti, la capacità di approfondimento, di collegamento e di valutazione dei contenuti stessi. La simulazioni sono state effettuate con un tempo di 3 ore. 3 CRITERI DI VALUTAZIONE Il Consiglio di Classe ha utilizzato una griglia di valutazione qui riportata. Punteggio Contenuto GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA 1 Non ha risposto Forma 2-4 Prova decisamente lacunosa Totalmente incomprensibile, numerosi e gravi errori 5-6 Fortemente incompleto Confusa e poco comprensibile, gravi errori 7-8 Prova incompleta Non sempre comprensibile, alcuni gravi errori 9 Prova parziale e limitata Elementare e non sempre chiara 10 Prova essenziale e poco elaborata Incerta, ma comprensibile, lievi errori Contenuto appropriato, rielaborazione corretta anche se Scorrevole, ma non sempre corretta non approfondita Esauriente, pertinente, rielaborato Scorrevole e corretta 10

11 SCHEDE RELATIVE ALLE SIMULAZIONI DI TERZA PROVA SCRITTA 11

12 Istituto di Istruzione Superiore Tecnica e professionale per il commercio G. A. Cavazzi Scientifica A Sorbelli Via Matteotti, 2/ Pavullo nel Frignano (Mo) tel Fax cod fis ANNO SCOLASTICO 2013/14 SIMULAZIONE TERZA PROVA 13 febbraio 2014 CLASSE V B IGEA CANDIDATO MATERIE COINVOLTE: MATEMATICA INGLESE DIRITTO GEOGRAFIA ECONOMICA MATERIALI CONSENTITI: Dizionario lingua italiana, Dizionario lingua inglese, Costituzione non commentata, Calcolatrice Punteggio ottenuto 12

13 Istituto Statale d'istruzione Tecnica per il Commercio G.A. CAVAZZI via Matteotti 2 Pavullo nel Frignano (Mo) ESAME di STATO 2013/ Commissione (n ) TERZA PROVA M A T E M A T I C A - B Cognome e Nome del candidato: QUESITO 1 MASSIMI E MINIMI ( LIBERI ) DI UNA FUNZIONE IN DUE VARIABILI z = f ( x ; y ) P A R T E T E O RI C A P A R T E A P P LI C A TI V A Definire le funzioni in due variabili Completare fornendo la definizione di massimo relativo di una funzione in due variabili z = f ( x ; y ) : P 0 x0;y 0 è un punto di massimo relativo della funzione z = f ( x ; y ) se Determinare col METODO ALGEBRICO i punti di massimo e minimo liberi della funzione in due variabili: z= 4x 2y 2x 2 y 2 [ esegui il procedimento completando le sezioni sottostanti ] Derivate: z x = z y = Punti critici: z xx = z xy = z yx = z yy = Hessiano: H ( x ; y ) = 13

14 Analisi dei punti critici: RISPOSTE: Punti di massimo: Punti di minimo: Punti di "sella": QUESITO 2 P A R T E T E O RI C A RICERCA OPERATIVA Fornire la definizione di Ricerca Operativa. Illustrare le fasi della ricerca operativa P A R T E A P P LI C A TI V A Per l acquisizione di una determinata partita di caffè un azienda di torrefazione può utilizzare tre diverse modalità: provvedere in proprio al trasporto, sostenendo così costi fissi legati alla propria organizzazione e costi variabili dipendenti dal trasporto; affidarsi a una ditta di trasporti A, che chiede solo un compenso proporzionale alla distanza; affidarsi a una ditta di trasporti B, che chiede una quota fissa per la remunerazione delle spese generali e una quota proporzionale alla distanza. Costi ( ) Ditta A Ditta B 1500 Trasporto in proprio Distanza (Km) I costi legati alle diverse opzioni sono rappresentati nel grafico sopra riportato. Stabilisci quando conviene effettuare il trasporto in proprio, quando affidarsi alla ditta A oppure alla ditta B. 14

15 (Fai valutazioni approssimative) Come definiresti questo tipo di problema? RISPOSTE: Quesito n 3 Un'industria, per la produzione di un determinato tipo di biscotti, sostiene giornalmente una spesa fissa di 110 più 0,6 per ogni kg prodotto. Il prezzo di vendita è p = 1,1 per ogni kg Sapendo che la capacità massima di produzione giornaliera del prodotto è di 800 kg, determinare: La quantità minima da produrre per non essere in perdita; La quantità che corrisponde al massimo utile. 15

16 TERZA PROVA INGLESE CANDIDATO Answer the following questions in not more than eight lines. 1)What is the European Union? 2) What are the advantages of the Euro? 3)What are the aims of The Trading Blocs? 16

17 DIRITTO CANDIDATO: DATA:. QUAL E IL PRINCIPALE ORGANO COSTITUZIONALE CHE E ESPRESSIONE DI DEMOCRAZIA RAPPRESENTATIVA? E QUALI FUNZIONI ESERCITA? CHE COS E IL VETO SOSPENSIVO? CHI LO ESERCITA E IN QUALI OCCASIONI? IL DIRITTO DI CITTADINANZA: MODI DI ACQUISTO E DI PERDITA 17

18 GEOGRAFIA ECONOMICA CANDIDATO: DATA:. DOPO AVER BREVEMENTE SPIEGATO LE CARATTERISTICHE DELL AGRICOLTURA DI PIANTAGIONE, EVIDENZIANE I PRINCIPALI PROBLEMI SPIEGA QUALI SONO LE PRINCIPALI CONSEGUENZE DELLA GLOBALIZZAZIONE NEL MONDO DEL LAVORO. LA TEORIA DELLA TRANSIZIONE DEMOGRAFICA 18

19 Istituto di Istruzione Superiore Tecnica e professionale per il commercio G. A. Cavazzi Scientifica A Sorbelli Via Matteotti, 2/ Pavullo nel Frignano (Mo) tel Fax cod fis ANNO SCOLASTICO 2013/14 SIMULAZIONE TERZA PROVA 30 Aprile 2014 CLASSE V B IGEA CANDIDATO MATERIE COINVOLTE: MATEMATICA INGLESE DIRITTO GEOGRAFIA ECONOMICA MATERIALI CONSENTITI: Dizionario lingua italiana, Dizionario lingua inglese, Costituzione non commentata, Calcolatrice Punteggio ottenuto 19

20 Istituto Statale d'istruzione Tecnica per il Commercio G.A. CAVAZZI via Matteotti 2 Pavullo nel Frignano (Mo) TERZA PROVA M A T E M A T I C A - B Cognome e Nome del candidato: QUESITO 1 P A R T E T E O RI C A Che cosa si intende per Ricerca operativa e per problemi di scelta in condizione di certezza? Qual è il modello matematico di un problema di ricerca operativa? Puntualizza il significato del termine lineare : P A R T E A P P LI C A TI V A Determina eventuali punti di massimo o di minimo della funzione Dominio dei vincoli: 1 z x y 7 soggetta ai vincoli 3 1 x y x y x 0 ; y 0 RISPOSTE: Punto di massimo: Punto di minimo: 20

21 Valore corrispondente di z: Valore corrispondente di z: QUESITO 3 P A R T E A P P LI C A TI V A PROBLEMA: Un'azienda, per la produzione di un articolo, sostiene un costo unitario di 40 0,002 x euro, essendo x il numero di articoli prodotti mensilmente, e una spesa fissa mensile di Sapendo che il ricavo per ogni articolo è di 60 e che la produzione massima mensile è di 6000 articoli, determina: il numero di articoli da produrre mensilmente per avere il massimo utile; il massimo utile; la produzione mensile che consente di non essere in perdita. IL PROBLEMA È ( SCEGLIERE ) : in condizioni di certezza in condizioni di incertezza con effetti immediati con effetti differiti a una sola variabile in più variabili a una alternativa quantitativa a più alternative qualitative di massimo utile di minimo costo Costruire il modello matematico: Risoluzione: FUNZIONE OBIETTIVO: VINCOLI DI SEGNO: VINCOLI TECNICI (SE PRESENTI): RISPOSTE: a) b) c) QUESITO 3 Un'azienda ha una domanda di pezzi all'anno. Il costo di magazzinaggio è di euro 7 al pezzo e il costo dell'ordinazione è di euro 26,25. La capacità del magazzino è 350. a)quale è il valore del lotto economico? b)quale è il costo minimo c) Quale è il numero delle ordinazioni? 21

22 TERZA PROVA INGLESE CANDIDATO Answer the following questions in not more than eight lines. 1)What were the consequences of the Industrial Revolution in Great Britain? 2) What were the consequences of the Industrial Revolution in the U.S.A.? 3)What were the consequences of the Wall Street Crash? 22

23 DIRITTO CANDIDATO: DATA:. I CITTADINI POSSONO CHIEDERE CHE LA CORTE COSTITUZIONALE SI PRONUNCI SULLA COSTITUZIONALITA' DI UNA LEGGE? CON QUALE MODALITA'? IL GOVERNO BENCHE' SIA TITOLARE DEL POTERE ESECUTIVO, SVOLGE UN RUOLO FONDAMENTALE NELL'ATTIVITA' NORMATIVA. ESAMINA BREVEMENTE QUALI ATTI NORMATIVI PUO' EMANARE. ESAMINA BREVEMENTE IL SEGUENTE ART. 40 DELLA COSTITUZIONE: IL DIRITTO DI SCIOPERO SI ESERCITA NELL'AMBITO DELLE LEGGI CHE LO REGOLANO. 23

24 CANDIDATO: GEOGRAFIA ECONOMICA DATA:. CON LA GLOBALIZZAZIONE SONO AUMENTATE LE DISUGUAGLIANZE. SPIEGA IN CHE MODO. DESCRIVI QUALI SONO LE FUNZIONI CHE UNA CITTA SVOLGE IMPORTANZA E CARATTERISTICHE DEI SERVIZI PER LA COLLETTIVITÀ 24

25 25

26 D) GRIGLIE DI CORREZIONE PROPOSTE DAL CONSIGLIO DI CLASSE 26

27 Istituto Statale di Istruzione Tecnica e Professionale per il Commercio "G. A. Cavazzi" Scientifica "A. Sorbelli" Via Matteotti 2/ Pavullo nel Frignano (MO) - Tel 0536/ fax. 0536/21164 E.Mail: - Sito Internet: Codice fiscale Candidato. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA: ESAME di STATO 2013/2014 Analisi del testo Indicatori Descrittori Punti COMPETENZA LINGUISTICA (fino a 6 punti) Correttezza ortografica Correttezza sintattica Correttezza lessicale CONOSCENZE E COMPETENZE TESTUALI (fino a 7 punti) Comprensione Analisi Approfondimento CAPACITA CRITICHE ED ESPRESSIVE (fino a 2 punti) Buona Sufficiente (errori di ortografia non gravi) Insufficiente (ripetuti e gravi errori di ortografia) 2 1,5 1 Buona 2 Sufficiente (errori di sintassi non gravi) 1,5 Insufficiente (errori di sintassi) 1 Buona proprietà di linguaggio e lessico adeguato alla tipologia test. 2 Sufficiente proprietà di linguaggio e corretto uso del lessico. 1,5 Insufficiente proprietà di linguaggio, lessico povero e non adeguato 1 Comprensione corretta del brano 1 Analisi testuale completa e approfondita 3 Analisi testuale sufficiente 2 Analisi testuale in cui manchino o siano svolti in modo inadeguato punti della traccia 1 Capacità di contestualizzare il brano e di collegarlo ad altri testi 3 Approfondimento sufficientemente sviluppato 2 Mancanza di approfondimento o difficoltà a contestualizzare testo 1 Capacità di riflessione critica e di sintesi personale 1 Efficacia comunicativa 1 PUNTI TOTALI IN 15 La Commissione 27

28 Istituto Statale di Istruzione Tecnica e Professionale per il Commercio "G. A. Cavazzi" Scientifica "A. Sorbelli" Via Matteotti 2/ Pavullo nel Frignano (MO) - Tel 0536/ fax. 0536/21164 E.Mail: - Sito Internet: Codice fiscale Candidato.. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA: ESAME di STATO 2013/2014 Saggio breve e Articolo di giornale Indicatori Descrittori Punti COMPETENZA LINGUISTICA (fino a 6 punti) Correttezza ortografica Correttezza sintattica Correttezza lessicale CONOSCENZE E COMPETENZE TESTUALI (fino a 7 punti) CAPACITA CRITICHE ED ESPRESSIVE (fino a 2 punti) Buona Sufficiente (errori di ortografia non gravi) Insufficiente (ripetuti e gravi errori di ortografia) Buona Sufficiente (errori di sintassi non gravi) Insufficiente (ripetuti e gravi errori di sintassi) Buona proprietà di linguaggio e lessico adeguato alla tipologia test. Sufficiente proprietà di linguaggio e corretto uso del lessico. Insufficiente proprietà di linguaggio, lessico povero e non adeguato Aderenza alla traccia Approfondimento dell argomento in base alla proprie conoscenze Utilizzo del materiali documentario Pertinenza della tipologia testuale Capacità espositiva e/o argomentativa Capacità di riflessione critica e di sintesi personale Efficacia comunicativa 2 1, , , PUNTI MAX TOTALI IN 15 La Commissione 28

29 Istituto Statale di Istruzione Tecnica e Professionale per il Commercio "G. A. Cavazzi" Scientifica "A. Sorbelli" Via Matteotti 2/ Pavullo nel Frignano (MO) - Tel 0536/ fax. 0536/21164 E.Mail: - Sito Internet: Codice fiscale Candidato.. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA: ESAME di STATO 2013/2014 Tema Storico e di Attualità Indicatori Descrittori Punti COMPETENZA LINGUISTICA (fino a 6 punti) Correttezza ortografica Correttezza sintattica Correttezza lessicale CONOSCENZA DELL ARGOMENTO(fino a 4 punti) ORGANIZZAZIONE DEL TESTO (fino a 3 punti) CAPACITA CRITICHE ED ESPRESSIVE (fino a 2 punti) La Commissione Buona Sufficiente (errori di ortografia non gravi) Insufficiente (ripetuti e gravi errori di ortografia) Buona Sufficiente (errori di sintassi non gravi) Insufficiente (ripetuti e gravi errori di sintassi) Buona proprietà di linguaggio e lessico adeguato alla tipologia test. Sufficiente proprietà di linguaggio e corretto uso del lessico. Insufficiente proprietà di linguaggio, lessico povero e non adeguato Sviluppo di tutti i punti della traccia con ricchezza e precisi riferimenti (C ) Sviluppo di tutti i punti della traccia con ricchezza di riferimenti (D ) Sviluppo di tutti i punti della traccia con sufficienti conoscenze Povertà di contenuti o conoscenze sommarie Parti del tema fuori traccia o sviluppo parziale dei punti della traccia Articolazione coerente ( tip. C ) Argomentazione coerente e strutturata (tip. D) Organizzazione sufficiente del testo Scarsa articolazione del testo Capacità di riflessione critica e di sintesi personale Efficacia comunicativa PUNTI MAX TOTALI IN , , ,

30 Istituto di Istruzione Superiore Tecnica e professionale per il commercio G. A. Cavazzi Scientifica A Sorbelli Via Matteotti, 2/ Pavullo nel Frignano (Mo) tel Fax cod fis Esame di stato 2013/2014 Griglia di valutazione Seconda prova scritta Candidato... 30

31 Articolazione Descrittori Pertinenza Punteggio Max Punteggio assegnato Parte Teorica Sviluppo e comprensione degli argomenti richiesti dalla traccia 2 Utilizzo di terminologia specifica Rispetto dei vincoli posti dalla traccia Parte Pratica Punto Completezza delle voci dello schema e dei valori correlati Scelta oculata e giustificata dei 10 Obbligatorio valori inseriti in bilancio Apporti personali o originalità nelle scelte effettuate Completezza operativa Parte Pratica Punto FACOLTATIVO Coerenza dei valori e correlata chiarezza espositiva Apporti personali o originalità nelle scelte effettuate 3 Punteggio totale La commissione Il presidente della commissione 31

32 Istituto Statale di Istruzione Tecnica e Professionale per il Commercio "G. A. Cavazzi" Scientifica "A. Sorbelli" Via Matteotti 2/ Pavullo nel Frignano (MO) - Tel 0536/ fax. 0536/21164 E.Mail: - Sito Internet: Codice fiscale Esame di stato 2013/2014 Griglia di valutazione Terza prova Candidato Punteggio Contenuto Forma 1 Non ha risposto 2-4 Prova decisamente lacunosa Totalmente incomprensibile, numerosi e gravi errori 5-6 Fortemente incompleto Confusa e poco comprensibile, gravi errori 7-8 Prova incompleta Non sempre comprensibile, alcuni gravi errori 9 Prova parziale e limitata Elementare e non sempre chiara 10 Prova essenziale, poco elaborata Incerta, ma comprensibile, lievi errori Contenuto appropriato, rielaborazione corretta anche se Scorrevole, ma non sempre corretta non approfondita Esauriente, pertinente, rielaborato Scorrevole e corretta Punteggio ottenuto La commissione Il presidente della commissione 32

33 Istituto di Istruzione Superiore Tecnica e professionale per il commercio G. A. Cavazzi Scientifica A Sorbelli Via Matteotti, 2/ Pavullo nel Frignano (Mo) tel Fax cod fis Esame di stato 2013/2014 Griglia di valutazione Colloquio Candidato Punteggio 1-10 Gravemente insufficiente Conoscenza dei contenuti Sostanzialmente inesistente Insufficiente Decisamente lacunosa 19 Non del tutto sufficiente Approssimativa Esposizione ed efficacia argomentativa Netta incapacità di effettuare un discorso organico e corretto Difficoltà nell effettuare un discorso organico e corretto Qualche incertezza Superficiale con qualche Esposizione non sempre 20 Sufficiente incertezza chiara, ma efficace Più che Esposizione corretta e Accettabile sufficiente argomentazione chiara Sviluppo degli argomenti Discreto Completa scorrevole Articolata con Esposizione fluida e Buono arricchimenti personali argomentazione salda 30 Ottimo Approfondita e critica Decisamente brillante Punteggio ottenuto La commissione Il presidente della commissione 33

34 E) SCHEDE INFORMATIVE ANALITICHE RELATIVE ALLE DISCIPLINE DELL'ULTIMO ANNO DI CORSO 34

35 SCHEDA INFORMATIVA DISCIPLINARE CLASSE QUINTA SEZ. B Indirizzo: IGEA Docente: SERAFINI MARGHERITA Disciplina: ITALIANO Testi in uso: P. Di Sacco, Le basi della letteratura, Ed. scolastiche Bruno Mondadori, voll. 3a-3b Altri strumenti o sussidi: fotocopie, schemi/mappe, presentazioni powerpoint, filmati 35

36 1 PROSPETTO RIASSUNTIVO DISCIPLINARE DISCIPLINA: ITALIANO Contenuti Tempi Prove di verifica TRA OTTOCENTO E NOVECENTO 9h Interrogazione Il Positivismo Caratteristiche e diffusione La nuova immagine della scienza (Darwin e il darwinismo sociale) La discussione sul progresso La filosofia del Positivismo Naturalismo e Verismo La poetica del Naturalismo Gli scrittori del Naturalismo francese Il ruolo sociale dello scrittore Un metodo scientifico per la letteratura Dal naturalismo francese al Verismo italiano I veristi siciliani La cultura del primo novecento La crisi del Positivismo: decadenza e tramonto dell Occidente Le nuove teorie scientifiche La fine delle certezze tradizionali: Nietsche, Freud, Marx Il Decadentismo e la letteratura di inizio novecento Oltre il Naturalismo Le diverse fasi del Decadentismo Simbolismo e rinnovamento del linguaggio poetico I poeti maledetti francesi Gli sviluppi del simbolismo La narrativa decadente: i romanzi dell Estetismo e la venerazione per il bello Il trionfo del romanzo a fine ottocento Identikit del romanzo decadente; Huysmans e Wilde Letture: Rimbaud, Lettera del poeta veggente, Vocali Baudelaire, Corrispondenze (p. 244), Spleen (p. 246), L albatro (fotocopia) P. Verlaine, Languore (p. 254), Arte poetica (p. 256) J.K. Huysmans, La casa artificiale del perfetto esteta (p. 273) La Scapigliatura Un modo diverso di essere artisti a fine ottocento: dal poeta-vate agli scrittori scapigliati Il disagio dell artista, il ribellismo, la protesta antiborghese, il rifiuto della tradizione Le avanguardie Il concetto di avanguardia Le avanguardie storiche di primo novecento Il Futurismo 36

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli