Classe Quinta sez. B - Indirizzo Architettura e Ambiente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classe Quinta sez. B - Indirizzo Architettura e Ambiente"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. BROTZU LICEO SCIENTIFICO e LICEO ARTISTICO Via Pitz e Serra Quartu Sant Elena Tel. 070/ Fax. 070/ LICEO ARTISTICO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Classe Quinta sez. B - Indirizzo Architettura e Ambiente DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

2 LICEO ARTISTICO ~ DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2015 ~ CLASSE V A SEZ. B ARCHITETTURA E AMBIENTE I N D I C E Sezione 1. Presentazione dell Istituto p Presentazione dell Istituto p Il Liceo Artistico p L offerta formativa del Liceo Artistico "Brotzu" p Finalità culturali e formative dell'indirizzo architettura e ambiente p Profilo in uscita p. 4 Sezione 2. Presentazione della classe p Composizione della classe p Variazione del Consiglio di Classe nel triennio p Situazione iniziale e progresso della classe nel triennio p Situazione iniziale e progresso della classe nell'anno in corso p Comportamento e partecipazione della classe nell anno in corso p Frequenza p. 7 Sezione 3. Percorso formativo p Conoscenze, competenze, capacità p Valutazione complessiva dei risultati raggiunti nelle varie materie p Griglia di valutazione p Metodi p Strumenti utilizzati per la verifica dell apprendimento p Sussidi didattici p Attività di recupero svolte nell anno in corso p Attività pluridisciplinari e/o extracurriculare svolte nel triennio p Partecipazione individuale a concorsi e/o attività extracurricolari p. 13 Sezione 4. Allegati p Elenco degli allegati p. 14 Sezione 5. Composizione del Consiglio di Classe e firme p. 15 p. 2 di 15

3 LICEO ARTISTICO ~ DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2015 ~ CLASSE V A SEZ. B ARCHITETTURA E AMBIENTE SEZIONE 1: Presentazione dell Istituto 1.1. PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "G. BROTZU" Dall anno scolastico 2009/2010, a seguito del dimensionamento degli Istituti d istruzione secondaria di secondo grado, il Liceo Scientifico e il Liceo Artistico di Quartu Sant'Elena hanno dato vita al nuovo Istituto di Istruzione Secondaria Superiore G. Brotzu IL LICEO ARTISTICO Il Liceo Artistico nasce a Quartu Sant Elena nel 1996, come sede staccata del Liceo Artistico di Cagliari, per rispondere a una crescente richiesta d istruzione artistica del territorio, non solo della città di Quartu Sant Elena ma anche dei comuni limitrofi. In questi diciassette anni l Istituto, oltre ad adempiere alle proprie finalità istituzionali (l attività didattica ed educativa), è stato anche un punto di riferimento culturale nella città e nella provincia e un soggetto attivo nella organizzazione e promozione di proposte artistiche ed espositive. Il nostro istituto, così come si è venuto a configurare, assume nel territorio una doppia valenza: da una parte eredita la tradizione culturale degli studi scientifici, dall altra si è arricchito della connotazione artistica di cui è portatore il nuovo liceo artistico che da tempo, come detto sopra, è radicato nel territorio quartese OFFERTA FORMATIVA DEL LICEO ARTISTICO "BROTZU" Con l A.S. 2010/11 il riordino dell Istruzione Secondaria Superiore prevede un biennio comune e distinti indirizzi dalla classe terza: un monte orario e discipline uguali per tutte le classi del biennio iniziale, al cui termine gli studenti scelgono, secondo le proprie aspettative e obiettivi, l indirizzo a loro più consono. Al Liceo artistico G. Brotzu sono presenti quattro indirizzi: Arti Figurative, Architettura e Ambiente, Grafica, Audiovisivo e multimediale FINALITÀ CULTURALI E FORMATIVE DELL'INDIRIZZO ARCHITETTURA E AMBIENTE L'indirizzo Architettura e Ambiente si propone di sviluppare in particolare, negli allievi, le competenze relative alle forme dell'architettura, che coniugano la funzione comunicativa ed espressiva alla funzione compositiva dei luoghi. p. 3 di 15

4 LICEO ARTISTICO ~ DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2015 ~ CLASSE V A SEZ. B ARCHITETTURA E AMBIENTE L architettura e il paesaggio sono considerati parti complementari di un habitat antropizzato unitario. In tale ambito si persegue l'apprendimento dei metodi, dei sistemi e delle tecniche rappresentative funzionali alla progettazione e alla composizione architettonica PROFILO IN USCITA Il Liceo Artistico G. Brotzu si propone di formare cittadini capaci di inserirsi attivamente nella società contemporanea, dotati di una solida base di conoscenze e competenze, che permetteranno loro di proseguire proficuamente il percorso d istruzione superiore e universitaria. Al termine del percorso formativo del Liceo, lo studente: sviluppa le competenze chiave di cittadinanza; acquisisce un autonomo e flessibile metodo di studio; sa argomentare e valutare con rigore logico, interpretando criticamente le diverse forme di comunicazione; raggiunge la padronanza dei linguaggi verbali, visivi e logico-matematici, nella consapevolezza dei loro aspetti formali e metodologici a loro propri. Lo studente padroneggerà in particolare il linguaggio visivo, che si affianca e coniuga con gli altri linguaggi, propri della licealità: saprà cogliere la complessità e l'interrelazione dei vari aspetti del conoscere; avrà acquisito consapevolezza critica delle opere artistiche, architettoniche e letterarie, rapportandole al contesto sociale, storico, culturale ed estetico; saprà esprimersi e comunicare efficacemente in lingua italiana e inglese; avrà raggiunto adeguate competenze matematiche e scientifiche; avrà conseguito, grazie alle esperienze di laboratorio, le capacità di ricercare, verificare ed elaborare personalmente progetti anche tramite abilità relative alle tecnologie digitali. p. 4 di 15

5 LICEO ARTISTICO ~ DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2015 ~ CLASSE V A SEZ. B ARCHITETTURA E AMBIENTE SEZIONE 2: Presentazione della Classe 2.1 COMPOSIZIONE DELLA CLASSE 5 SEZ. B - ARCHITETTURA E AMBIENTE La classe è composta da 10 studenti, 7 femmine e 3 maschi, uno dei quali negli ultimi mesi ha smesso di frequentare. Nessuno è ripetente. Sono presenti due DSA. Un alunno è diversamente abile; ha seguito una programmazione differenziata e si è avvalso dell insegnante di sostegno per 18 ore settimanali. ELENCO DEGLI ALUNNI PR. ALUNNO/A DATA DI NASCITA PENDOLARE FREQUENZA CLASSE DI PROVENIENZA RIPETE 01 ALESIANO GAIA MARIA 14/06/1996 NO ASSIDUA 4 B NO 02 BACHIS GIACOMO 11/04/1994 NO REGOLARE 4 B NO 03 CABRAS MARIA VERONICA 22/10/1996 NO ASSIDUA 4 B NO 04 CORDA GLORIA 12/03/1996 NO ASSIDUA 4 B NO 05 GHIRONI MIRKO 16/01/1996 SI HA SMESSO DI FREQUENTARE 4 B NO 06 ISOLA IGNAZIO 16/09/1996 NO ASSIDUA 4 B NO 07 MALLUS LUCA 07/09/1993 NO REGOLARE 4 B NO 08 MARCI FRANCESCA 08/06/1996 SI ASSIDUA 4 B NO 09 VACCA SILVIA 09/01/1997 NO ASSIDUA 4 B NO 10 ZUNCHEDDU MARIA FRANCESCA 05/08/1996 NO REGOLARE 4 B NO 2.2 VARIAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE NEL TRIENNIO La classe, nel triennio, ha mantenuto la continuità didattica nella maggior parte delle discipline, eccezion fatta per le seguenti variazioni, intervenute nell A.S , che hanno interessato: FISICA DISCIPLINE PROGETTUALI SOSTEGNO p. 5 di 15

6 LICEO ARTISTICO ~ DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2015 ~ CLASSE V A SEZ. B ARCHITETTURA E AMBIENTE 2.3. SITUAZIONE INIZIALE E PROGRESSO DELLA CLASSE NEL TRIENNIO Il corso di studi prevede, alla fine della classe seconda, la scelta dell indirizzo; ciò comporta inevitabilmente la formazione di classi terze intrinsecamente affette, almeno nella fase iniziale, da problemi di natura diversa. La 3 B Architettura e Ambiente subisce la stessa sorte. Nasce e si forma in modo disomogeneo con alunni provenienti da diverse classi e sezioni. Anche i livelli d ingresso erano diversificati, seppur complessivamente sufficienti in virtù della forte selezione operata nelle classi prime e seconde. All'inizio del triennio la classe era formata da quindici alunni. Essendo poco numerosa, furono inseriti due studenti di Intercultura: una ragazza islandese e un ragazzo filippino; a questi si aggiunse uno studente proveniente da altro indirizzo. Da subito la classe ha mostrato quello che può definirsi un vero e proprio punto di forza: la capacità di accoglienza e d inclusione. Il gruppo classe si è formato intorno all'obiettivo di salvaguardare il benessere di tutti i compagni, di saper solidarizzare con i più deboli o più bisognosi di aiuto. Nell'accettazione e integrazione dell'alunno disabile alcune studentesse si sono distinte per la sensibilità, la generosità e la totale disponibilità nei suoi confronti, rendendo possibile la sua partecipazione a quasi tutte le attività extracurriculari. Durante il corso del terzo anno, si sono registrati significativi progressi e una evidente maturazione. Nel passaggio alla classe quarta, solo pochi alunni non son stati ritenuti idonei a frequentare con profitto il nuovo anno scolastico; ma purtroppo, dato il numero iniziale e la partenza dei due studenti di Intercultura, il risultato è ciò che oggi vediamo: una classe formata da dieci studenti. Nonostante l'esiguo numero di studenti e l'attività didattica individualizzata, nel corso della quarta si sono accentuati alcuni problemi che hanno trovato riscontro in una certificazione di alunno con DSA e nel calo di rendimento di due ragazzi che hanno contratto debiti su più discipline SITUAZIONE INIZIALE E PROGRESSO DELLA CLASSE NELL'ANNO IN CORSO Nella classe quinta è stato certificato un altro caso di studente con DSA (al di là della certificazione formale, le fragilità erano già emerse negli anni scolastici precedenti). Dai colloqui e dalle verifiche effettuate a inizio d anno, è emersa una classe motivata, interessata e creativamente attiva, ma spaccata più o meno in due: da una parte un gruppo con una sufficiente preparazione di base, con punte di eccellenza, dall'altra alcuni casi con non adeguate capacità logiche e linguistiche, poca abitudine alla riflessione critica e metodo di studio prevalentemente mnemonico. p. 6 di 15

7 LICEO ARTISTICO ~ DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2015 ~ CLASSE V A SEZ. B ARCHITETTURA E AMBIENTE Rispetto alla situazione di partenza si sono registrati rilevanti progressi nell acquisizione dei contenuti disciplinari per quasi la totalità della classe. In alcuni casi si ravvisano adeguate capacità di analisi e di giudizio estetico, competenze metodologiche inerenti la specificità tecnica e la ricerca interdisciplinare atte all approfondimento tematico in modo autonomo COMPORTAMENTO E PARTECIPAZIONE NELL ANNO IN CORSO Il comportamento è stato complessivamente corretto e improntato al dialogo e al rispetto. La partecipazione all attività didattica e l interesse mostrato nei confronti delle discipline sono stati quasi sempre positivi, in alcuni casi espressione di solide motivazioni. Alcuni hanno affiancato al lavoro curricolare la partecipazione ai progetti interdisciplinari ed extracurriculari FREQUENZA Tranne che in un caso, gli studenti hanno frequentato regolarmente. p. 7 di 15

8 LICEO ARTISTICO ~ DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2015 ~ CLASSE V A SEZ. B ARCHITETTURA E AMBIENTE SEZIONE 3: Percorso formativo 3.1 CONOSCENZE, COMPETENZE, CAPACITÀ (effettivamente conseguite, di tipo trasversale, in riferimento a quelle programmate a livello di Consiglio di Classe, a inizio d anno scolastico) OBIETTIVI FORMATIVI INTERDISCIPLINARI OBIETTIVI RAGGIUNTI FATTORI STANDARD TUTTI MAGGIORANZA MINORANZA Essere autonomo nel lavoro pratico e nello studio Acquisire una visione cosciente e realistica dei propri interessi Sapersi orientare in maniera autonoma nel proprio contesto sociale e culturale Conoscenza delle proprie risorse e potenzialità AFFETTIVITÀ VERSO SÉ Capacità di autocontrollo ed autocritica in situazioni diverse Capacità di utilizzare le proprie risorse, di sviluppare le proprie potenzialità, di precisare i propri interessi Capacità di autogestione e autovalutazione Capacità di analizzare e valutare diverse situazioni in funzione di determinati obiettivi Capacità di assumere un atteggiamento critico e costruttivo Capacità di confronto e relazione con gli altri AFFETTIVITÀ VERSO L ALTRO Disponibilità all autocritica in vista di un bene comune Capacità di lavorare da soli ed in gruppo, proporre il proprio punto di vista ed accogliere quello altrui, in ambito scolastico ed extrascolastico Capacità di comprendere le necessità altrui e dare risposte adeguate Capacità di analizzare un contesto Essere in grado di collaborare produttivamente in attività scolastiche e parascolastiche AFFETTIVITÀ VERSO IL COMPITO Essere propositivi ed in grado di elaborare e gestire progetti in rapporto ai diversi contesti Capacità di eseguire con professionalità progetti mirati Promuovere iniziative di solidarietà secondo progetti strutturati p. 8 di 15

9 LICEO ARTISTICO ~ DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2015 ~ CLASSE V A SEZ. B ARCHITETTURA E AMBIENTE segue Tabella OBIETTIVI FORMATIVI INTERDISCIPLINARI OBIETTIVI RAGGIUNTI FATTORI STANDARD TUTTI MAGGIORANZA MINORANZA CONOSCENZA ~ Acquisizione motivata delle conoscenze Conoscenza del quadro teorico delle diverse discipline COMPRENSIONE ~ Acquisizione di competenze linguistiche relative ad ogni specifico disciplinare APPLICAZIONE Maturazione del pensiero logico-formale Acquisizione di un metodo storico-comparativo che consenta di svolgere analisi di tipo sia diacronico che sincronico per una più esatta focalizzazione dei problemi Acquisizione di una competenza didattica intesa come: ANALISI ~ SINTESI Consapevolezza della necessità di un metodo che serva a organizzare la trama del rapporto educativo Capacità di individuare e qualificare correttamente aree problematiche relative ai principali destinatari dell intervento formativo Capacità di integrare preparazione artistica, linguistica, tecnico-scientifica Acquisizione di un atteggiamento critico-problematico nei confronti della realtà culturale VALUTAZIONE Capacità di organizzare in forma autonoma ed originale i piani di lavoro Saper confrontare i diversi orientamenti di studio e valutare la loro efficacia in merito ai problemi assunti Saper pianificare un intervento e scegliere le tematiche e le metodologie opportune 3.2. VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEI RISULTATI RAGGIUNTI NELLE VARIE MATERIE * Il giudizio valutativo è stato determinato sulla base dei seguenti indicatori, stabiliti a livello collegiale: il progressivo sviluppo della personalità e delle competenze via via conquistate; i risultati delle verifiche sull'andamento didattico; la considerazione delle difficoltà incontrate; la partecipazione al dialogo e la frequenza. p. 9 di 15

10 LICEO ARTISTICO ~ DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2015 ~ CLASSE V A SEZ. B ARCHITETTURA E AMBIENTE MATERIA VALUTAZIONE (GIUDIZIO SINTETICO) * Italiano Storia dell Arte Matematica Storia Filosofia Lingua e civiltà inglese Fisica Laboratorio architettura Discipline progettuali Scienze Motorie Religione Sostegno DISCRETO DISCRETO SUFFICIENTE PIU' CHE SUFFFICIENTE PIU' CHE SUFFFICIENTE PIU' CHE SUFFFICIENTE PIU' CHE SUFFFICIENTE DISCRETO DISCRETO BUONO DISTINTO DISCRETO * È una valutazione complessiva del triennio (non la media dei profitti). Per le descrizioni complete ed articolate si rimanda agli allegati per disciplina GRIGLIA DI VALUTAZIONE ( COME DA P.O.F. ) Nella seguente griglia sono stati descritti i diversi livelli per ogni indicatore individuato in ambito collegiale. Tale griglia ha costituito una concreta guida per tutti i docenti: la costruzione delle griglie disciplinari, per la valutazione degli obiettivi disciplinari in termini di conoscenze, competenze e capacità degli allievi, è stata coerente con i principi di valutazione stabiliti dal Consiglio di classe (vedi allegati per disciplina). p. 10 di 15

11 LICEO ARTISTICO ~ DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2015 ~ CLASSE V A SEZ. B ARCHITETTURA E AMBIENTE p. 11 di 15

12 LICEO ARTISTICO ~ DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2015 ~ CLASSE V A SEZ. B ARCHITETTURA E AMBIENTE 3.4. METODI Lezione frontale. Lezione dialogata. Dibattito in classe. Esercitazioni individuali in classe. Esercitazioni in piccoli gruppi. Relazioni su ricerche individuali o collettive. Insegnamento per problemi. Esercitazioni grafico-pratiche in laboratorio STRUMENTI UTILIZZATI PER LA VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO Interrogazioni orali. Prove scritte (analisi d opera, temi, esercizi, questionari, problemi). Test a scelta multipla. Test a risposta breve. Saggi brevi. Relazioni individuali. Elaborati grafici. Progettazione architettonica SUSSIDI DIDATTICI Libri di testo. LIM. Computer. Sistema multimediale. Fotocopie ATTIVITÀ DI RECUPERO SVOLTE NELL'ANNO IN CORSO Le lacune e le difficoltà riscontrate sono state affrontate per alcune materie attraverso i corsi di recupero extra curricolari; per altre si è preferito il recupero all interno delle normali ore di lezione attuando pause didattiche. p. 12 di 15

13 LICEO ARTISTICO ~ DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2015 ~ CLASSE V A SEZ. B ARCHITETTURA E AMBIENTE 3.8. ATTIVITÀ PLURIDISCIPLINARI E/O ETRACURRICULARI SVOLTE NEL TRIENNIO Storia dell'arte: Nel corso del triennio sono state effettuate numerose visite a siti archeologici e museali in Sardegna; in queste occasioni alcuni studenti si sono esercitati nel ruolo di guida, esponendo agli altri compagni quanto precedentemente studiato e oggetto della visita. In terza, parte della classe ha partecipato al progetto interclasse: "Vedere, toccare, conoscere l arte contemporanea: un fine settimana alla 54 biennale d arte contemporanea a Venezia". Nel corrente anno scolastico abbiamo visitato ancora una volta il Museo archeologico di Cagliari in occasione dell'esposizione delle Statue di Mont'e Prama. Siamo stati all'antico Palazzo di Città in occasione della retrospettiva dedicata a Maria Lai. Infine, metà della classe ha partecipato al progetto di interclasse:"parigi: dall'impressionismo alle Avanguardie". Lettere: Nel mese di ottobre studenti hanno assistito allo spettacolo L astronomia nelle arti visive presso il Planetarium di Cagliari. L attività è stata inserita in un percorso interdisciplinare che riguardava lo studio della Divina Commedia da un punto di vista astrologico. Laboratorio di architettura: Maggio 2014: Stage formativo Progetto di alternanza scuola lavoro Il mio restauro, laboratorio archeologico Villaggio nuragico Sarcu es Forros Villagrande Strisaili. Maggio 2015: Progetto di alternanza scuola lavoro, Rilievo e ricognizione di una tomba dei giganti nel Villaggio nuragico "Sa Carcaredda", Villagrande Strisaili PARTECIPAZIONE INDIVIDUALE A CONCORSI E/O ATTIVITÀ ETRACURRICULARI Concorso vivo sicuro (Alesiano Gaia, Bachis Giacomo, Vacca Silvia) Corso di fotografia (Alesiano Gaia, Bachis Giacomo, Vacca Silvia) Corso di pittura e arte contemporanea (Alesiano Gaia, Vacca Silvia) Gruppo sportivo di nuoto (Alesiano Gaia, Bachis Giacomo, Vacca Silvia) Gruppo sportivo di tiro con l'arco (Alesiano Gaia, Vacca Silvia) Corso di vela (Alesiano Gaia, Vacca Silvia) p. 13 di 15

14 LICEO ARTISTICO ~ DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2015 ~ CLASSE V A SEZ. B ARCHITETTURA E AMBIENTE SEZIONE 4: Allegati 4.1. ELENCO DEGLI ALLEGATI 1. Testi e tipologie per la terza prova. 2. Griglie di valutazione adottate per la correzione delle prove. 3. Relazioni finali e programmi di tutte le discipline. 4. RISERVATI: relazione per l'alunno diversamente abile e documentazione degli alunni DSA. Quartu Sant Elena 15/05/2015 Per il Consiglio di Classe La coordinatrice Prof. Maria Cristina Sotgia p. 14 di 15

15 LICEO ARTISTICO ~ DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2015 ~ CLASSE V A SEZ. B ARCHITETTURA E AMBIENTE COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E FIRME COMPONENTE FUNZIONE FIRMA SOTGIA Maria Cristina Coordinatrice Maria Cristina Sotgia ALFANO Francesca Segretario Francesca Alfano DOCENTI MATERIA ORE SETTIMANALI FIRMA BUONO Elisabetta Italiano 4 Elisabetta Buono SOTGIA Maria Cristina Storia dell Arte 3 Maria Cristina Sotgia FRAU Gianmauro Matematica 2 Gianmauro Frau CARRUS Cristiana Fisica 2 Cristiana Carrus BORTOLATO Sonia Storia 2 Sonia Bortolato BORTOLATO Sonia Filosofia 2 Sonia Bortolato PIDDIU Paola Lingua e civiltà inglese 3 Paola Piddiu CUCCA Gabriela Laboratorio di architettura 8 Gabriela Cucca MASSENTI Gigino Discipline progettuali 6 Gigino Massenti PIRAS Luigi Scienze Motorie 2 Luigi Piras FOIS Smeralda Religione 1 Smeralda Fois ALFANO Francesca Sostegno 18 Francesca Alfano p. 15 di 15

16 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. BROTZU LICEO SCIENTIFICO e LICEO ARTISTICO Via Pitz e Serra Quartu Sant Elena Tel. 070/ Fax. 070/ LICEO ARTISTICO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Indirizzo Architettura e Ambiente ~ Classe Quinta sez. B DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ALLEGATO n 1: TESTI E TIPOLOGIE PER LA TERZA PROVA

17 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. BROTZU SEZIONE LICEO ARTISTICO QUARTU SANT ELENA ESAME DI STATO A.S / 2015 CLASSE VB - Indirizzo Architettura e Ambiente SIMULAZIONE DI TERZA PROVA DATA : 10 APRILE 2015 DISCIPLINE: FILOSOFIA, INGLESE, SCIENZE MOTORIE, STORIA DELL ARTE TIPOLOGIA : A (MASSIMO 20 RIGHE) TEMPO CONSENTITO: 150 minuti + 30% per chi ne ha diritto STRUMENTI DI CONSULTAZIONE CONSENTITI: DIZIONARIO DI ITALIANO, DIZIONARIO INGLESE- BILINGUE CANDIDATO/A COGNOME: NOME : FIRMA: LA COMMISSIONE IL PRESIDENTE

18 Terza Prova Tipologia A Materia: Filosofia Candidato: «IL MONDO È UNA MIA RAPPRESENTAZIONE», A PARTIRE DA QUESTA AFFERMAZIONE ESPONI LE PRINCIPALI DIFFERENZE TRA KANT E SCHOPENHAUER IN RELAZIONE ALLA CONCEZIONE DEL MONDO FENOMENICO, AVENDO CURA DI EVIDENZIARE A QUALI ALTRE FONTI, OLTRE A KANT, PUÒ ESSERE RICONDOTTA LA VISIONE SCHOPENHAUERIANA DEL MONDO COME RAPPRESENTAZIONE. (MA. 20 RIGHE) Terza Prova Tipologia A Materia: Storia dell'arte Candidato: ATTRAVERSO L ANALISI DI DUE OPERE DI PICASSO SPIEGA IL PASSAGGIO DEL CUBISMO DA ANALITICO A SINTETICO. (MA. 20 RIGHE) Titolo dell opera: Anno di realizzazione: Tecnica: Titolo dell opera: Anno di realizzazione: Tecnica: Terza Prova Tipologia A Materia:Inglese Candidato: WRITE DOWN A SHORT PARAGRAPH OF ABOUT 20 LINES EPLAINING : WHAT BY " VICTORIAN AGE " IS MEANT WHAT MAIN FEATURES CHARACTERIZED THE ERA WHAT IDEALS AND CONTRASTS WERE WIDESPREA Terza Prova Tipologia A Materia: Scienze motorie Candidato: DESCRIVERE LA STRUTTURA DI UN MUSCOLO SCHELETRICO E I PRINCIPI DELLA CONTRAZIONE (MA. 20 RIGHE)

19 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. BROTZU SEZIONE LICEO ARTISTICO QUARTU SANT ELENA ESAME DI STATO A.S / 2015 CLASSE VB - Indirizzo Architettura e Ambiente SIMULAZIONE DI TERZA PROVA DATA : 4 MAGGIO 2015 DISCIPLINE: STORIA DELL ARTE, STORIA, INGLESE, MATEMATICA TIPOLOGIA : B+C Tipologia B: 8 domande a risposta breve (da 5 a max 10 righe) su 4 discipline Tipologia C:16 quesiti a risposta multipla (4 per disciplina) TEMPO CONSENTITO: 120 minuti (30% in più per chi ne ha diritto) STRUMENTI CONSENTITI: CALCOLATRICE, DIZIONARIO DI ITALIANO, DIZIONARIO INGLESE BILINGUE; per chi ne ha diritto anche i FORMULARI. CANDIDATO/A COGNOME: NOME : FIRMA: LA COMMISSIONE IL PRESIDENTE

20 Terza Prova Tipologia B Materia: Inglese Candidato/a: 1. WHAT WEAKNESSES DOES CONSTABLE 1802 DEDHAM VALE SHOW? (MA 5 RIGHE) 2. WHAT WERE PEOPLE LIVING AND WORKING CONDITIONS WHICH WERE BROUGHT ABOUT BY THE INDUSTRIAL REVOLUTION? (MA 5 RIGHE) Terza Prova Tipologia C Materia: Inglese Candidato/a: SCEGLI TRA LE OPZIONI, PER OGNI QUESITO UNA SOLA RISPOSTA E' GIUSTA. NON SONO AMMESSE CANCELLATURE E CORREZIONI 1) A Great Change ( meant as Spirit of Revolt ) occurred in the Western World.. Between the end of the 17 th cent. and the beginning of the 18 th cent. Between the end of the 18th cent. and the beginning of the 19th cent. Between the first half of the 18th cent. Between the first half of the 17th cent. 2) The radical changes brought about by the Industrial Revolution concerned : Politics, Inventions, Establishment. Society and Environment, Politics, Art and Literature. New power sources, New Markets overseas, Labour force. Poetry, Drama, Painting. 3) The Romantic Movement was mainly a reaction against. The French Revolution Ideals of Liberty, Freedom and Brotherhood. The Ideals and Conventions of Classicism. The German Philosophy of Idealism. The British Empiricism.

21 4) In his 1802 Dedham Vale, Constable used.. Thin strokes and dabs of paint in the Background and sky. Longer and wider strokes to paint the Foreground. Thin strokes and dabs of paint in the Foreground. Longer and wider strokes to paint the Poor mother and child. Terza Prova Tipologia B Materia: Storia dell'arte Candidato/a: 1. QUALI SONO I PRINCIPALI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO LA PITTURA DELL' ESPRESSIONISMO? (MA. 5 RIGHE) 2. ESPONI I CARATTERI FONDAMENTALI DELLA POETICA FUTURISTA. (MA. 5 RIGHE) Terza Prova Tipologia C Materia: Storia dell'arte Candidato/a: 1) "La gitana" di Matisse è un'opera: SCEGLI TRA LE OPZIONI, PER OGNI QUESITO UNA SOLA RISPOSTA E' GIUSTA. NON SONO AMMESSE CANCELLATURE E CORREZIONI Ancora legata alla rappresentazione figurativa classica, definita attraverso il disegno e passaggi chiaroscurali morbidi. Di ispirazione impressionista con colori tenui, accostati attraverso passaggi tonali, senza linee di contorno. Realizzata con violente chiazze di colori che si sovrappongono tramite pennellate nervose. Di evidente ispirazione cubista e giapponese, la forma è scomposta per piani geometrici. 2) Il gruppo "Die Brücke" (Il ponte) nasce per: Costruire un "ponte" tra l'arte dell'ottocento e il Novecento, per evitare fratture tra le ricerche degli Impressionisti e gli Espressionisti. Costruire un "ponte" per oltrepassare il vecchio e arrivare al nuovo, contrapponendo all'ottocento realista e impressionista un Novecento violentemente espressionista e antinaturalista.

22 Costruire un "ponte" per non perdere gli insegnamenti della pittura accademica, violentemente messi in discussione dai colori antinaturalistici dei Postimpressionisti. Costruire un "ponte" tra la tradizione artistica della Germania e le ricerche dei pittori francesi, visti con sospetto perchè troppo famosi. 3) Nel quadro "Sera nel corso Karl Johann" di Munch: Il fiume delle persone è rappresentato compatto e concorde, senza defezioni. Rappresenta il rito del passeggio della classe operaia come una orrenda processione di spettri dagli occhi sbarrati, l'unica figura controcorrente è quella del borghese che cammina sul lato opposto della strada. Rappresenta una veduta di città, affollata di persone felici che possono uscire la notte perchè, finalmente, le strade sono illuminate, tutti possono godersi il fresco della sera nel corso Karl Johann. Interpreta il rito del passeggio della classe borghese come una orrenda processione di spettri dagli occhi sbarrati, l'unica figura controcorrente è rappresentata dalla figura dell'artista. 4) Che cos'è l'avanguardia storica? E' un movimento artistico tipicamente novecentesco; in esso convergono temi specifici del tempo, dalla frammentazione della realtà alla continuità dinamica del movimento. E' una corrente artistica del primo Novecento che privilegia la spontaneità espressiva. E' un movimento artistico che si sviluppa sul finire dell'ottocento. gli artisti sono influenzati dalla fotografia e dalle stampe giapponesi. Usano colori antinaturalistici e la bidimensionalità. E' un movimento costituito da artisti innovatori ardimentosi, sperimentano nuove prospettive di sviluppo artistico, creano una frattura con la tradizione. Si sviluppa in un arco di tempo relativamente breve, nei primi decenni del Novecento. Terza Prova Tipologia B Materia: Storia Candidato/a: 1. COSA DETERMINARONO I FATTI DI PALAZZO D ACCURSIO? (MA 5 RIGHE) 2. PERCHÈ IL PERIODO DAL 1929 AL 1932 FU CHIAMATO GRANDE DEPRESSIONE? (MA 5 RIGHE)

23 Terza Prova Tipologia C Materia: Storia Candidato/a: SCEGLI TRA LE OPZIONI, PER OGNI QUESITO UNA SOLA RISPOSTA E' GIUSTA. NON SONO AMMESSE CANCELLATURE E CORREZIONI 1) Perchè gli anni Venti negli Stati Uniti d America furono chiamati anni ruggenti? Perchè erano molto frequenti i conflitti fra bande rivali della criminalità organizzata. Perchè l eccezionale diffusione del benessere propagava entusiasmo e voglia di divertirsi. Perchè l eccezionale diffusione della povertà frenava la produzione e i consumi. Perchè in quel periodo la vita in molte città era caratterizzata da una vera e propria lotta per la sopravvivenza. 2) Come rispose lo Stato di fronte alla marcia su Roma? Rispose affidando il governo a Mussolini. Rispose proclamando lo stato d assedio. Rispose con il compromesso giolittiano. Rispose occupando militarmente la capitale. 3) Quale fu uno degli effetti della Battaglia del grano di Mussolini? La completa bonifica dei terreni paludosi italiani. La creazione di nuovi posti di lavoro nelle industrie. La distruzione delle colture specializzate. La trasformazione dell Italia in paese esportatore di grano. 4) In che cosa consistette il New Deal? In un debole intervento dello Stato nell economia nazionale. In un forte intervento dello Stato nelle esportazioni. In un forte intervento dello Stato nell economia nazionale. In un disinteresse dello Stato nei confronti dell economia nazionale. Terza Prova Tipologia B Materia: Matematica 1) Partendo dal teorema delle proiezioni a = bcosγ + c cos β b = a cosγ + c cosα c = a cos β + b cosα Candidato/a: dimostra il teorema del coseno o di Carnot 2 a = b 2 b = a 2 c = a c + c + b bc cosα 2ac cos β 2ab cosγ

24 2) Verifica che il 2x lim x ( + ) x = (MA 5 RIGHE) Terza Prova Tipologia C Materia: Matematica Candidato/a: SCEGLI TRA LE OPZIONI, PER OGNI QUESITO UNA SOLA RISPOSTA E' GIUSTA. NON SONO AMMESSE CANCELLATURE E CORREZIONI 1) Individua l'insieme di esistenza della seguente funzione: (, 2) ( 2, + ) (, 2) ( 2,2) ( 2, + ) (, 2) ( 2,2) ( 2,2) ( 2, + ) y = x 4 x 2 2) La definizione corretta di lim( 2x + 3) = 5 1 2x 5 < ε 2x + 2 < ε 2x + 3 < ε 2x 2 < ε x è: BASANDOTI SULLA DEFINIZIONE DI LIMITE DI UNA FUNZIONE VERIFICA CHE: V F 3) lim 2 1 = 3 x x 1 4) lim( x 2 2x 5) = 5 x 0 V F

25 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. BROTZU LICEO SCIENTIFICO e LICEO ARTISTICO Via Pitz e Serra Quartu Sant Elena Tel. 070/ Fax. 070/ LICEO ARTISTICO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Indirizzo Architettura e Ambiente ~ Classe Quinta sez. B DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ALLEGATO n 2: GRIGLIE DI VALUTAZIONE ADOTTATE PER LA CORREZIONE DELLE PROVE

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli