LA VALUTAZIONE SCOLASTICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA VALUTAZIONE SCOLASTICA"

Transcript

1 LA VALUTAZIONE SCOLASTICA Si attua sistematicamente durante l anno scolastico e alla fine dei Quadrimestri, attraverso prove di verifica strutturate e/o semi-strutturate, elaborati, osservazioni sistematiche, colloqui individuali e di gruppo, conversazioni. Le classi coinvolte nella rilevazione (II e V Primaria, I e III Secondaria di 1 grado) effettuano nel mese di maggio le prove nazionali INVALSI e, nelle verifiche di fine quadrimestre, una simulazione delle stesse,che viene valutata ed i cui risultati vengono tabulati, confrontati ed analizzati, al fine di individuare le eventuali criticità ed attuare le necessarie strategie. LA VALUTAZIONE nel nostro Istituto: è trasparente (vengono comunicati e descritti i momenti della valutazione a genitori e alunni) è formativa (permette all insegnante di progettare nuovi interventi didattici per conseguire un miglior successo formativo) è orientativa (fornisce alle componenti del Sistema Scolastico informazioni sul processo di apprendimento) è collegiale (richiede condivisione di finalità, criteri e metodologie educative) è individualizzata (rispetta ritmi, tempi e livelli di alunni con difficoltà di apprendimento) è dinamica (prevede un punto di partenza, un itinerario programmato, un punto di arrivo) è globale (prende in esame gli aspetti cognitivi, affettivi, emotivi, relazionali degli alunni). La valutazione trova la propria sintesi: nel documento quadrimestrale di valutazione nei colloqui informativi individuali con i genitori PROVE NAZIONALI I.N.V.A.L.S.I. A partire dall A.S. 2008/2009 l Istituto ha adeguato la valutazione disciplinare e globale al D.L. 137/08, convertito in legge n. 169/08 (Riforma Gelmini) e linee guida e al Regolamento sulla Valutazione scolastica emanato con DPR 122/09. In considerazione dell obbligatorietà delle prove nazionali INVALSI, sancita con la direttiva ministeriale n. 76 del 6/08/09 per tutti gli alunni delle classi seconde e quinte della scuola primaria e per le classi prime e terze della scuola

2 secondaria, il nostro Istituto pone particolare attenzione alla necessità di uniformare metodi, strategie e criteri di valutazione per cui le prove di verifica bimestrali e la valutazione quadrimestrale saranno effettuate in modo parallelo per classi. Tali prove verranno predisposte sulla base delle prove nazionali INVALSI e somministrate da docenti diversi da quelli di classe. Inoltre gli alunni delle classi seconde e quinte di tutti i plessi della scuola primaria effettueranno una simulazione delle suddette prove nell Aula magna della scuola secondaria di primo grado.

3 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL PROFITTO VOTO IN DECIMI CONOSCENZE DISCIPLINARI ABILITA COMPETENZE METODO DI LAVORO PROGRESSI RISPETTO ALLA SITUAZIONE DI PARTENZA 10 Padronanza e completezza delle conoscenze, pieno sviluppo delle abilità e delle competenze, con apporti originali e ben organizzati Funzionale e personale, consente di trasferire le conoscenze apprese in contesti nuovi Costanti e notevoli 9 Conoscenze approfondite, esposte organicamente ed applicate in modo sicuro ed organizzato Autonomo ed efficace Costanti e notevoli 8 Conoscenze consolidate e ben articolate ed applicate in modo sicuro Autonomo e razionale Costanti e significativi 7 Conoscenze abbastanza complete ma non approfondite, applicate in modo nel complesso appropriato Sostanzialmente autonomo Regolari 6 Conoscenze essenziali e complessivamente accettabili. Semplice esecuzione dei compiti assegnati, anche con qualche errore Non sempre organizzato, prevalentemente mnemonico, in fase di strutturazione Alcuni 5 Conoscenze parziali e superficiali e incerto sviluppo delle abilità e delle competenze Prevalentemente mnemonico, in fase di lenta ma graduale acquisizione Alcuni e/o settoriale 4 Conoscenze molto frammentarie e gravemente lacunose; gravi e continui errori nell applicazione Confuso e disordinato, non consente di eseguire semplici consegne; necessita di azioni di supporto Pochi o nulli Il collegio docenti ritiene non opportuno utilizzare questi ultimi livelli di negatività, ritenendoli assimilabili al precedente (voto 4): essi finirebbero per assumere mera valenza sanzionatoria, ben lontana da una concezione condivisa di valutazione formativa

4 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO La valutazione è espressa: Buono Con giudizio sintetico 7 nella Scuola Frequenza Primaria Con voto numerico nella Scuola Secondaria di 1 grado La frequenza, non sempre assidua e costante, è connotata da frequenti ritardi. Sc. Primaria Sc. Secondaria 1 grado Eccellente 10 Ottimo 9 Distinto 8 Indicatori Frequenza Comportamento Partecipazione Organizzazione del lavoro Frequenza Comportamento Partecipazione Organizzazione del lavoro Frequenza Comportamento Partecipazione Organizzazione del lavoro Comportamento Partecipazione Organizzazione del lavoro Descrittori La frequenza è sempre assidua, costante e rispettosa degli orari. Rispetta sempre scrupolosamente tutte le regole della scuola ed utilizza una comunicazione sempre rispondente al contesto ed adeguata alla situazione. Partecipa sempre in maniera propositiva, collaborativa e stimolante alle attività scolastiche ed extrascolastiche. Organizza il lavoro in modo sempre attento e scrupoloso e risponde puntualmente ad ogni richiesta della scuola (comunicazioni, materiali, ecc.). La frequenza è assidua, costante e rispettosa degli orari. Rispetta in modo scrupoloso tutte le regole della scuola ed utilizza una comunicazione rispondente al contesto ed alla situazione. Partecipa in maniera propositiva, collaborativa e stimolante alle attività scolastiche ed extrascolastiche. Organizza il lavoro in modo attento e scrupoloso e risponde puntualmente ad ogni richiesta della scuola (comunicazioni, materiali, ecc.). La frequenza è prevalentemente assidua, costante e rispettosa degli orari. Rispetta in modo per lo più scrupoloso tutte le regole della scuola ed utilizza una comunicazione il più delle volte rispondente al contesto ed alla situazione. Partecipa il più delle volte in modo attento e collaborativo alle attività scolastiche ed extrascolastiche. Organizza il lavoro in modo solitamente attento e scrupoloso e risponde alle richieste della scuola (comunicazioni, materiali, ecc.). Rispetta a fatica le regole essenziali della scuola ed utilizza una comunicazione solitamente poco rispondente al contesto ed alla situazione. Partecipa in modo saltuario e poco collaborativo alle attività scolastiche ed extrascolastiche. Organizza il lavoro in modo superficiale e risponde con discontinuità alle richieste della scuola (comunicazioni, materiali, ecc.).

5 Sufficiente 6 Comportamento Partecipazione Organizzazione del lavoro Frequenza Comportamento Partecipazione Organizzazione del lavoro Rispetta a fatica le regole essenziali della scuola ed utilizza una comunicazione solitamente poco rispondente al contesto ed alla situazione. Partecipa in modo saltuario e poco collaborativo alle attività scolastiche ed extrascolastiche. Organizza il lavoro in modo superficiale e risponde con discontinuità alle richieste della scuola (comunicazioni, materiali, ecc.). La frequenza è connotata da assenze e frequenti ritardi ingiustificati. Poco rispettoso delle regole della scuola, utilizza spesso una comunicazione non adeguata al contesto ed alla situazione. Partecipa in modo selettivo, discontinuo e poco produttivo alle attività scolastiche ed extrascolastiche, effettuando di frequente azioni di disturbo. Organizza il lavoro in modo frettoloso e superficiale; raramente risponde in modo adeguato ed efficace alle richieste della scuola (comunicazioni, materiali, ecc.). Insufficiente 5 Per quanto riguarda l insufficienza, si tengano presenti le indicazioni degli ex artt. 2 e 3 del D. L. 137/2008, del D.P.R. 122/2009 e del Regolamento di Disciplina. Per la Scuola Secondaria l insufficienza sarà illustrata da apposita nota nel documento di valutazione.

6 ISTITUTO COMPRENSIVO Giovanni Paolo II ARCE SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDA DI RILEVAZIONE: ANNI 5 SCUOLA DELL INFANZIA SEZ. A.S. ALUNNO NATO A IL Situazione Iniziale Primo Quadrimestre Secondo Quadrimestre S N P N S N P N S N P N Z V Z V Z V 1. IL CORPO E IL MOVIMENTO 1.1 Riconosce i vari segmenti corporei su se stesso e sull altro 1.2 Ricompone un puzzle della figura umana 1.3 Mantiene una determinata posizione per alcuni secondi 1.4 Lancia la palla in direzioni stabilite 1.5 Taglia usando correttamente le forbici 1.6 Esegue ripassi di linee curve e spezzate 1.7 Riconosce e denomina i colori fondamentali e derivati 1.8 Riconosce e denomina le principali figure geometriche 2.1 Utilizza una adeguata terminologia nella denominazione di immagini 2.2 Esprime verbalmente le proprie esperienze 2. I DISCORSI E LE PAROLE 2.3 Esprime verbalmente i propri bisogni ed emozioni

7 2.4 Ascolta e comprende una storia narrata 3. LA CONOSCENZA DEL MONDO 3.1 Individua e descrive relazioni spaziali 3.2 Esegue classificazioni in base a colore, forma e dimensione 3.3 Conta ed abbina ogni numero pronunciato ad un elemento 3.4 Conosce le principali qualità percettive (visive, tattili ) 3.5 Riordina in sequenza quattro immagini 4. IMMAGINI, SUONI, COLORI 4.1 Colora rispettando i margini 4.2 Illustra una storia ascoltata 4.3 Sostiene il proprio ruolo in una drammatizzazione 4.4 Ripete poesie e filastrocche 4.5 Realizza con il disegno gli eventi di un filmato 5. IL SE E L ALTRO 5.1 Si inserisce adeguatamente in situazioni nuove 5.2 Partecipa alle attività proposte dall adulto 5.3 Interagisce positivamente con i compagni e le insegnanti 5.4 Partecipa alle attività di gruppo 5.5 Assume incarichi di fiducia 5.6 E autonomo nelle azioni quotidiane 5.7 Rispetta le regole di vita quotidiana stabilite 5.8 Porta a termine le attività proposte LEGENDA: S = Si N = No PZ = Parzialmente NV = Non verificato

8 INDICATORI AREA COGNITIVA CLASSI: I e II INDICATORI AREA COGNITIVA CLASSI: III IV - V (1)Partecipazione e motivazione ad apprendere. (1) Interesse e motivazione ad apprendere. (2) Capacità di attenzione e concentrazione. (2) Capacità di attenzione e concentrazione. (3) Ascolto di messaggi verbali e di semplici testi. (3)Capacità organizzativa del lavoro individuale e di gruppo. (4) Comprensione ed esecuzione di consegne. (4)Ascolto, comprensione e produzione orale. (5) Capacità di comunicazione verbale orale. (5)Produzione scritta di testi di diverso tipo. (6) Espressione e creatività non verbale. (6)Lettura corretta ed espressiva. (7) Capacità di comunicazione verbale scritta. (7) Conoscenza delle strutture linguistiche ed arricchimento del lessico. (8) Percezione di relazioni spazio/temporali. (8)Capacità di stabilire relazioni e collegamenti. (9) Rilevazione di dati e situazioni problematiche. (9)Capacità logico-intuitive. (10) Risoluzione di situazioni problematiche. (10)Capacità di risoluzione di situazioni problematiche di vario genere.

9 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCE RILEVAMENTO DELLA SITUAZIONE IN INGRESSO DEGLI ALUNNI CLASSE I Alunno AREA RELAZIONALE AREA COMPORTAMENTALE AREA COGNITIVA INSERIMENTO NELLA REALTA SCOLASTICA AUTONOMIA PERSONALE RELAZIONE CON L ALTRO AUTOCON- TROLLO E STIMA DI SE RISPETTO DI SE STESSO E DEGLI ALTRI RISPETTO DI REGOLE E AMBIENTE

10 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCE RILEVAMENTO DELLA SITUAZIONE IN INGRESSO DEGLI ALUNNI CLASSE II Alunno AREA RELAZIONALE AREA COMPORTAMENTALE AREA COGNITIVA INSERIMENTO NELLA REALTA SCOLASTICA AUTONOMIA PERSONALE RELAZIONE CON L ALTRO AUTOCON- TROLLO E STIMA DI SE RISPETTO DI SE STESSO E DEGLI ALTRI RISPETTO DI REGOLE E AMBIENTE

11 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCE RILEVAMENTO DELLA SITUAZIONE IN INGRESSO DEGLI ALUNNI CLASSE III Alunno AREA RELAZIONALE AREA COMPORTAMENTALE AREA COGNITIVA RELAZIONE: SOCIALIZZAZIONE E INTERAZIONE CON GLI ALTRI. RISPETTO DI SE E DEGLI ALTRI AUTOCON- TROLLO E STIMA DI SE INTERIORIZZAZIONE E RISPETTO DELLE REGOLE RISPETTO DELL AMBIENTE

12 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCE RILEVAMENTO DELLA SITUAZIONE IN INGRESSO DEGLI ALUNNI CLASSE IV Alunno AREA RELAZIONALE AREA COMPORTAMENTALE AREA COGNITIVA RELAZIONE: SOCIALIZZAZIONE E INTERAZIONE CON GLI ALTRI. RISPETTO DI SE E DEGLI ALTRI AUTOCON- TROLLO E STIMA DI SE INTERIORIZZAZIONE E RISPETTO DELLE REGOLE RISPETTO DELL AMBIENTE

13 INDICATORI AREA COGNITIVA CLASSI: I e II INDICATORI AREA COGNITIVA CLASSI: III IV - V (1) Partecipazione e motivazione ad apprendere. (1) Interesse e motivazione ad apprendere. (2) Capacità di attenzione e concentrazione. (2) Capacità di attenzione e concentrazione. (3) Ascolto di messaggi verbali e di semplici testi. (3) Capacità organizzativa del lavoro individuale e di gruppo. (4) Comprensione ed esecuzione di consegne. (4) Ascolto, comprensione e produzione orale. (5) Capacità di comunicazione verbale orale. (5) Produzione scritta di testi di diverso tipo. (6) Espressione e creatività non verbale. (6) Lettura corretta ed espressiva. (7) Capacità di comunicazione verbale scritta. (7) Conoscenza delle strutture linguistiche ed arricchimento del lessico. (8) Percezione di relazioni spazio/temporali. (8) Capacità di stabilire relazioni e collegamenti. (9) Rilevazione di dati e situazioni problematiche. (9) Capacità logico-intuitive. (10) Risoluzione di situazioni problematiche. (10) Capacità di risoluzione di situazioni problematiche di vario genere.

14 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCE RILEVAMENTO DELLA SITUAZIONE DEGLI ALUNNI AL TERMINE DEL SECONDO QUADRIMESTRE CLASSE I Alunno AREA RELAZIONALE AREA COMPORTAMENTALE AREA COGNITIVA INSERIMENTO NELLA REALTA SCOLASTICA AUTONOMIA PERSONALE RELAZIONE CON L ALTRO AUTOCON- TROLLO E STIMA DI SE RISPETTO DI SE STESSO E DEGLI A LTRI RISPETTO DI REGOLE E AMBIENTE

15 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCE RILEVAMENTO DELLA SITUAZIONE DEGLI ALUNNI AL TERMINE DEL SECONDO QUADRIMESTRE CLASSE II Alunno AREA RELAZIONALE AREA COMPORTAMENTALE AREA COGNITIVA INSERIMENTO NELLA REALTA SCOLASTICA AUTONOMIA PERSONALE RELAZIONE CON L ALTRO AUTOCON- TROLLO E STIMA DI SE RISPETTO DI SE STESSO E DEGLI ALTRI RISPETTO DI REGOLE E AMBIENTE

16 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCE RILEVAMENTO DELLA SITUAZIONE DEGLI ALUNNI AL TERMINE DEL SECONDO QUADRIMESTRE CLASSE III Alunno AREA RELAZIONALE AREA COMPORTAMENTALE AREA COGNITIVA RELAZIONE: SOCIALIZZA- ZIONE E INTERAZIONE CON GLI ALTRI. RISPETTO DI SE E DEGLI ALTRI AUTOCON- TROLLO E STIMA DI SE INTERIORIZZAZIONE E RISPETTO DELLE REGOLE RISPETTO DELL AMBIENTE

17 ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCE RILEVAMENTO DELLA SITUAZIONE DEGLI ALUNNI AL TERMINE DEL SECONDO QUADRIMESTRE CLASSE IV Alunno AREA RELAZIONALE AREA COMPORTAMENTALE AREA COGNITIVA RELAZIONE: SOCIALIZZA- ZIONE E INTERAZIONE CON GLI ALTRI. RISPETTO DI SE E DEGLI ALTRI AUTOCON- TROLLO E STIMA DI SE INTERIORIZZAZIONE E RISPETTO DELLE REGOLE RISPETTO DELL AMBIENTE

18 Il Dirigente Scolastico ed il Consiglio di classe MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Ufficio Scolastico Provinciale di Frosinone ISTITUTO COMPRENSIVO DI A R C E Visti gli atti d ufficio relativi alle valutazioni espresse dagli insegnanti e agli esiti conseguiti nei cinque anni di scuola primaria certificano che L alunn nat a il ha conseguito i seguenti livelli di competenza nelle discipline di studio: CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE AREE DISCIPLINE COMPETENZE LIVELLO VOTO Area dei Linguaggi Area Storico Geografica ITALIANO INGLESE FRANCESE 2^ LINGUA STORIA - comprende messaggi orali e scritti di vario tipo, individuandone lo scopo; - comunica oralmente esprimendo i contenuti richiesti in modo chiaro e corretto; - produce elaborati scritti in forme corrette, adeguate allo scopo e al destinatario; - conosce e sa organizzare in maniera logica ed esauriente i contenuti e sa esporre le proprie considerazioni; - comprende gli elementi principali di un discorso e di testi scritti di vario genere; - partecipa a conversazioni su argomenti di tipo quotidiano e di vario genere con accettabile correttezza; - scrive testi coerenti e abbastanza corretti. - comprende e sa utilizzare espressioni d uso quotidiano oralmente e in semplici testi scritti; - interagisce in modo colloquiale con altri su argomenti personali; - scrive testi semplici e abbastanza corretti. - conosce gli eventi storici e coglie le relazioni tra fatti storici; -conosce i fondamenti e le istituzioni della vita sociale e civile; - conosce ed usa i linguaggi e gli strumenti specifici della disciplina.

19 Area Matematica Area Scientifica e Tecnologica Area dei Linguaggi Artistico Musicali e Motori GEOGRAFIA MATEMATICA SCIENZE TECNOLOGIA ARTE E IMMAGINE MUSICA SCIENZE MOTORIE - coglie gli elementi tipici di un ambiente; - usa gli strumenti propri della disciplina; - deduce le interrelazioni tra situazioni ambientali, sociali ed economiche; - conosce e sa usare il linguaggio specifico della disciplina. - sa utilizzare i concetti fondamentali della matematica; - sa leggere la realtà e risolvere problemi concreti e significativi, analizzando le situazioni e traducendole in termini matematici; - usa una terminologia specifica. - osserva e indaga il mondo che ci circonda, usando il metodo scientifico (raccogliere e classificare dati, formulare ipotesi e verificarle); - comprende e sa usare linguaggio specifico utile per la comprensione e l espressione dei contenuti relativi ai fenomeni studiati; - osserva e analizza l ambiente e sa rappresentare processi usando strumenti operativi e un linguaggio specifico corretto; - sa progettare oggetti fisici; - sa ricercare relazioni tra la tecnologia e i contesti socio-ambientali che hanno contribuito a determinarla. - osserva, descrive, rappresenta e ricostruisce la realtà e le esperienze attraverso linguaggi espressivi; - usa in modo corretto le tecniche di base; - conosce, apprezza e propone iniziative di tutela del patrimonio artistico-culturale. - riconosce e comprende vari tipi di messaggio musicale, e le varie caratteristiche del suono; - utilizza la notazione e il linguaggio specifico con correttezza; - usa il linguaggio espressivo musicale nelle sue diverse forme. - utilizza e organizza le abilità sportive in attività individuali e di gruppo; - gestisce le qualità fisiche in situazioni differenti; - conosce, rispetta e applica le regole dei giochi e degli sport praticati in modo adeguato. LEGENDA ECCELLENTE = 10 Impiega le competenze acquisite con completa autonomia, originalità, responsabilità; piena consapevolezza e padronanza delle conoscenze e abilità connesse; elevato livello di integrazione dei diversi saperi.

20 AVANZATO = 9 Impiega le competenze acquisite con autonomia, originalità, responsabilità; buona consapevolezza e padronanza delle conoscenze e abilità connesse; buona integrazione dei diversi saperi. INTERMEDIO = 8 BASE = 6 Impiega le competenze acquisite con buona autonomia; discreta consapevolezza e padronanza delle conoscenze e abilità connesse; integrazione dei diversi saperi. 7 Impiega le competenze acquisite con discreta autonomia; consapevolezza e padronanza delle conoscenze e abilità connesse; parziale integrazione dei diversi saperi. Impiega le competenze acquisite con relativa autonomia; sufficiente consapevolezza delle conoscenze e padronanza delle abilità connesse., Il Dirigente Scolastico I docenti MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Ufficio Scolastico Provinciale di Frosinone ISTITUTO COMPRENSIVO DI A R C E

21 Il Dirigente Scolastico ed il Presidente della Commissione d esame Visti gli atti d ufficio relativi alle valutazioni espresse dagli insegnanti, ai giudizi definiti dal Consiglio di classe, agli esiti conseguiti e alle documentazioni acquisite in sede di esame di Stato certificano che L alunn nat a il ha superato l esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione con la valutazione finale di Tenuto conto del percorso scolastico e delle prove di esame, ha conseguito i seguenti livelli di competenza nelle discipline di studio: CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE AREE DISCIPLINE COMPETENZE LIVELLO VOTO Area dei Linguaggi Area Storico Geografica ITALIANO INGLESE FRANCESE 2^ LINGUA STORIA - comprende messaggi orali e scritti di vario tipo, individuandone lo scopo; - comunica oralmente esprimendo i contenuti richiesti in modo chiaro e corretto; - produce elaborati scritti in forme corrette, adeguate allo scopo e al destinatario; - conosce e sa organizzare in maniera logica ed esauriente i contenuti e sa esporre le proprie considerazioni; - comprende gli elementi principali di un discorso e di testi scritti di vario genere; - partecipa a conversazioni su argomenti di tipo quotidiano e di vario genere con accettabile correttezza; - scrive testi coerenti e abbastanza corretti. - comprende e sa utilizzare espressioni d uso quotidiano oralmente e in semplici testi scritti; - interagisce in modo colloquiale con altri su argomenti personali; - scrive testi semplici e abbastanza corretti. - conosce gli eventi storici e coglie le relazioni tra fatti storici; -conosce i fondamenti e le istituzioni della vita sociale e civile; - conosce ed usa i linguaggi e gli strumenti specifici della disciplina.

22 Area Matematica Area Scientifica e Tecnologica Area dei Linguaggi Artistico Musicali e Motori GEOGRAFIA MATEMATICA SCIENZE TECNOLOGIA ARTE E IMMAGINE MUSICA SCIENZE MOTORIE - coglie gli elementi tipici di un ambiente; - usa gli strumenti propri della disciplina; - deduce le interrelazioni tra situazioni ambientali, sociali ed economiche; - conosce e sa usare il linguaggio specifico della disciplina. - sa utilizzare i concetti fondamentali della matematica; - sa leggere la realtà e risolvere problemi concreti e significativi, analizzando le situazioni e traducendole in termini matematici; - usa una terminologia specifica. - osserva e indaga il mondo che ci circonda, usando il metodo scientifico (raccogliere e classificare dati, formulare ipotesi e verificarle); - comprende e sa usare linguaggio specifico utile per la comprensione e l espressione dei contenuti relativi ai fenomeni studiati; - osserva e analizza l ambiente e sa rappresentare processi usando strumenti operativi e un linguaggio specifico corretto; - sa progettare oggetti fisici; - sa ricercare relazioni tra la tecnologia e i contesti socio-ambientali che hanno contribuito a determinarla. - osserva, descrive, rappresenta e ricostruisce la realtà e le esperienze attraverso linguaggi espressivi; - usa in modo corretto le tecniche di base; - conosce, apprezza e propone iniziative di tutela del patrimonio artistico-culturale. - riconosce e comprende vari tipi di messaggio musicale, e le varie caratteristiche del suono; - utilizza la notazione e il linguaggio specifico con correttezza; - usa il linguaggio espressivo musicale nelle sue diverse forme. - utilizza e organizza le abilità sportive in attività individuali e di gruppo; - gestisce le qualità fisiche in situazioni differenti; - conosce, rispetta e applica le regole dei giochi e degli sport praticati in modo adeguato. LEGENDA ECCELLENTE = 10 Impiega le competenze acquisite con completa autonomia, originalità, responsabilità; piena consapevolezza e padronanza delle conoscenze e abilità connesse; elevato livello di integrazione dei diversi saperi.

23 AVANZATO = 9 Impiega le competenze acquisite con autonomia, originalità, responsabilità; buona consapevolezza e padronanza delle conoscenze e abilità connesse; buona integrazione dei diversi saperi. INTERMEDIO = 8 Impiega le competenze acquisite con buona autonomia; discreta consapevolezza e padronanza delle conoscenze e abilità connesse; integrazione dei diversi saperi. 7 Impiega le competenze acquisite con discreta autonomia; consapevolezza e padronanza delle conoscenze e abilità connesse; parziale integrazione dei diversi saperi. BASE = 6 Impiega le competenze acquisite con relativa autonomia; sufficiente consapevolezza delle conoscenze e padronanza delle abilità connesse. Nel corso del triennio e nelle prove d esame l alunno /a ha mostrato specifiche capacità e potenzialità nel seguente ambito disciplinare (2): Il piano di studi seguito nell ultimo anno del triennio si è caratterizzato in particolare per la partecipazione dell alunno/a ad attività (3):, Il Dirigente scolastico Il Presidente della Commissione 2) linguistico-espressivo/tecnico-scientifico/artistico-motorio (3) linguistiche-sportive-organizzative-socializzantiartistiche-espressive-informatiche

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN :.. classe 3 sez. A.S... Come deciso dal Consiglio di classe l alunno eseguirà le prove scritte d esame di italiano, di matematica ed elementi di scienze e tecnologia

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA LA VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA VALUTAZIONE FORMATIVA Riguarda la valutazione periodica che scandisce il ritmo del curricolo definito dai consigli di classe e ha lo scopo di misurare l effettivo progresso

Dettagli

Standard per la determinazione delle competenze Classe2^ - Scuola Primaria

Standard per la determinazione delle competenze Classe2^ - Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO Via Leopardi 002 Certaldo (Firenze) - tel. 011223-0112 - 0131 - fax. 0131 E-mail:FIIC200@istruzione.it - sito web: www.ic-certaldo.it

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSI PRIME E SECONDE VOTI COMPETENZE -ha ottime capacità di ascolto; riconosce, scrive e legge correttamente parole\frasi in

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

Scuola Primaria Rilevazione delle competenze classe PRIMA

Scuola Primaria Rilevazione delle competenze classe PRIMA Scuola Primaria Rilevazione delle competenze classe PRIMA ITALIANO Voto Descrittori Formula scambi comunicativi con compagni e docenti attraverso messaggi semplici e pertinenti. Esprime in modo chiaro

Dettagli

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE E VALUTAZIONI QUADRIMESTRALI E DEL COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA: ANNO SCOLASTICO 2012/2013. L introduzione della scala numerica ha fatto sì che

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEI PROCESSI DI MATURAZIONE GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI PER I

Dettagli

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia .6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia Nella Scuola dell'infanzia non si parla propriamente di valutazione se non in termine di sviluppo di competenze riferito ai Campi di Esperienza delle Nuove

Dettagli

La valutazione degli apprendimenti

La valutazione degli apprendimenti La valutazione degli apprendimenti La valutazione strumento di conoscenza dell alunno per l alunno Valutazione degli apprendimenti e della qualità del sistema educativo di istruzione e di formazione VALUTAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA CLASSI seconde CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA LINGUA ITALIANA l alunno utilizza in maniera appropriata il codice linguistico per descrivere, narrare argomentare. si esprime in modo

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 213. Oggetto: Scrutini I quadrimestre Giudizio globale alunni di classe prima e classi successive

COMUNICAZIONE N. 213. Oggetto: Scrutini I quadrimestre Giudizio globale alunni di classe prima e classi successive ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE U. Bombieri di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di 1 grado Via Ferrazzi, 6 - VALSTAGNA TEL. 0424-99532 FAX 0424-980042 Codice Scuola VIIC84900X Codice Fiscale 82002990248

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO Via Pertini, 1 73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) tel 036 17370 fax 036 14535 LEIC4300C@istruzione.it www.comprensivouggiano.it codice

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde ALLEGATO2 VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde Impegno a) Negativo Non rispetta le scadenze Non esegue

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA ANNO SCOLASTICO 212/213 Il percorso di autovalutazione dei risultati di apprendimento dell Istituto Comprensivo Nettuno I ha lo scopo di : Scuola dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d'esame

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d'esame ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SERMIDE Via Zambelli, 2 46028 Sermide (Mn) Tel. 0386/61101 Fax. 0386/960476 e-mail istitutocompsermide@virgilio.it Reg. cert. Il Dirigente scolastico e il Presidente della

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME A.S. 2014-2015 ITALIANO 1 - Ascoltare e parlare. Ascoltare, comprendere ed

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

IL CONSIGLIO DI CLASSE

IL CONSIGLIO DI CLASSE Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO XXV APRILE Via Gramsci, 2-4 6 01033 CIVITA CASTELLANA (VT) Tel. 0761513060 Fax. 0761513362

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre ITALIANO (Voto numerico espresso in decimi e riportato in lettere) Prestare attenzione, comprendere e riferire i contenuti di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

Alunn. Sezione CLASSE PRIMA

Alunn. Sezione CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA INDICATORE 1: - Nel corso del primo quadrimestre l'alunn@ [a] - ha mostrato difficoltà nell' allacciare rapporti con i compagni. [b] - ha incontrato alcune difficoltà ad inserirsi. [c] - non

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA FINALITA EDUCATIVE La tecnica è la struttura razionale del lavoro, cioè l uso consapevole e finalizzato di mezzi, materiali e procedimenti operativi

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E COMPORTAMENTALI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E COMPORTAMENTALI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E COMPORTAMENTALI Art.5 D.M. n 5669 del 12.7.2011; Linee guida per il diritto allo studio degli studenti con DSA a.s..

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dante Arfelli Via Sozzi, N 6-47042 Cesenatico (FC) - Cod. fisc. 90041150401 Tel 0547 80309 fax 0547 672888 - Email: fomm08900a@istruzione.it Sito web: www.smcesenatico.net

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d esame CERTIFICANO

Il Dirigente scolastico e il Presidente della Commissione d esame CERTIFICANO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Raffaello Giovagnoli Via Ticino 72 00015 Monterotondo (RM) Tel. 069068053 Fax 0690629007

Dettagli

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO MUSICA classe prima FINALITA OBIETTIVI GENERALI La musica, componente fondamentale

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI. Allegato al POF

1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI. Allegato al POF 1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI Allegato al POF a.s. 2013/2014 Profilo formativo della classe prima competenze riferite agli strumenti culturali Comunicare per iscritto

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SIANO VIA SPINELLI-84088 SIANO (SA) 081/5181021,081/5181355 C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili La valutazione degli alunni disabili, intesa sia come verifica dei risultati, sia come valutazione dei processi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO FOGLIO NOTIZIE DELL'ALUNNO DATI GENERALI

ISTITUTO COMPRENSIVO FOGLIO NOTIZIE DELL'ALUNNO DATI GENERALI ISTITUTO COMPRENSIVO FOGLIO NOTIZIE DELL'ALUNNO DATI GENERALI Anno Scolastico Data iscrizione nella scuola Cognome e Nome Data di nascita Anno di arrivo in Italia Nazionalità Lingua materna Paese di Provenienza

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Corrispondenza tra voti in decimi e giudizi sintetici

Corrispondenza tra voti in decimi e giudizi sintetici LA VALUTAZIONE La valutazione tiene conto processo di apprendimento, comportamento e rendimento scolastico complessivo degli alunni. Ha soprattutto una finalità formativa in quanto permette di individuare

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Allegato: Schede di raccordo Piano Triennale dell Offerta

Dettagli

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 ITALIANO VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 - Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente in modo significativo. - Leggere

Dettagli

INSIEME È PIÙ FACILE

INSIEME È PIÙ FACILE Unità di apprendimento Titolo INSIEME È PIÙ FACILE Plesso D. Alighieri Prozzolo di Camponogara Classe prima Autori: Saltarin Monica - Ardizzon Maria 1 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Insieme è più

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO - MINEO

ISTITUTO COMPRENSIVO - MINEO CURRICOLO di GEOGRAFIA INDICATORI CLASSE PRIMA NELLO SPAZIO Riconoscere ed indicare la posizione di oggetti nello spazio vissuto rispetto a punti di riferimento. Utilizzare correttamente gli organizzatori

Dettagli

Area B.E.S. PROGRAMMA DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI A. S. 2014/2015

Area B.E.S. PROGRAMMA DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI A. S. 2014/2015 Area B.E.S. PROGRAMMA DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI A. S. 2014/2015 Alunna/o Classe. Sezione. Data di nascita Nazionalità.. Data d arrivo in Italia. Numero degli anni di scolarità. di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

Progetto di Valutazione Dell Istituto

Progetto di Valutazione Dell Istituto Progetto di Valutazione Dell Istituto ANNO SCOLASTICO 2013/14 SCUOLA INFANZIA PRIMARIA FINALITA Il presente progetto di valutazione, da attuarsi nell anno scolastico 2013/2014, è volto al potenziamento

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1.

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1. STRUTTURA UDA TITOLO: Macchine elettriche. COD. TEEA IV 05/05 Destinatari A PRESENTAZIONE Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. Periodo Terzo Trimestre

Dettagli

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI SCUOLA INFANZIA Viene proposta una griglia della situazione iniziale (fine Ottobre) e una relazione dettagliata dopo il consiglio di intersezione.

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI E FINALITÀ L insegnamento di Scienze Motorie e Sportive, come espresso anche dalle indicazioni nazionali della disciplina, concorre alla formazione dello studente

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità

CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità CURRICOLO VERTICALE I.C. DI RANICA CURRICOLO VERTICALE DI: LINGUA STRANIERA (INGLESE) Ordine / anno Competenze Principali conoscenze/abilità INFANZIA Ha sviluppato esperienze affettive e relazionali significative.

Dettagli

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Prove meccaniche distruttive e non distruttive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

SCHEMA UNITA DIDATTICA

SCHEMA UNITA DIDATTICA Titolo modulo: Differential calculus Unità didattica n. 2 dal titolo: Differentiation Ore previste per questa unità didattica: SCHEMA UNITA DIDATTICA Eventuali note sulla pianificazione e realizzazione:

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE ITALIANO termine della classe L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e adulti. Legge e comprende brevi testi con correttezza e rapidità; dimostra

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL MONDO

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LA CONOSCENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni. DEL MONDO FISICO E.. Esplorare con curiosità attraverso i sensi. Manipolare materiali diversi. Sperimentare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO SCUOLA DELL INFANZIA IL CORPO E IL MOVIMENTO POTENZIARE LE ATTIVITÀ MOTORIE ALLE ATTIVITÀ DI GIOCO MOTORIO/ SPORTIVO DENOMINARE E INDIVIDUARE LE PARTI DEL CORPO CONTROLLANDOLE GLOBALMENTE. DISCRIMINARE

Dettagli

Storia Classe I- TRAGUARDI DI COMPETENZE ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA

Storia Classe I- TRAGUARDI DI COMPETENZE ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA Storia Classe I- TRAGUARDI DI COMPETENZE ALLA FINE DELLA CLASSE PRIMA L alunno: Riconosce elementi significativi del passato del suo ambiente di vita. Riconosce ed esplora in modo via via più approfondito

Dettagli