La televisione figlia della radio: le prime sperimentazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La televisione figlia della radio: le prime sperimentazioni"

Transcript

1 La televisione

2 Germania La televisione figlia della radio: le prime sperimentazioni primo programma trasmesso 4 ore e mezza alla settimana, nello stesso anno vennero trasmesse per 8 ore al giorno le olimpiadi Gran Bretagna primo ad avviare con la propria emittente pubblica, la BBC, una programmazione quotidiana (solo di due ore e limitata a Londra) Francia e Unione Sovietica trasmettevano per due ore al giorno

3 All'inizio si ebbe una scarsa diffusione, gli apparecchi erano piccoli e costosi. La seconda guerra mondiale interruppe la sperimentazione. Dopo la seconda guerra mondiale si perfezionò la tecnologia. Nel 1953 già venivano prodotti televisori a colori. Nel 1956 venne predisposta la tecnologia di videoregistrazione che permetteva di lavorare in differita.

4 La diffusione: gli Stati Uniti Nel 1948 negli Usa il 4% della popolazione possedeva la televisione. Nel 1955 si passò al 50%. Alla televisione si trasferirono tutti i format della radio: intrattenimento (commedie teatrali, letture di libri), informazione, sport. La televisione ridimensionò nel corso degli anni l utenza del cinema. Negli anni 60 divenne la terza attività per numero di ore dedicate, dopo il lavoro e il sonno.

5 Il finanziamento pubblicitario negli Usa I costi di produzione erano alti. I canali di finanziamento erano gli sponsor e la relazione funzionale/commerciale indici di ascolto e raccolta pubblicitaria. Nei primi anni 50 si ebbe il primo scandalo: un importante game-show veniva manipolato a favore dei concorrenti più telegenici per aumentare gli ascolti, in favore degli sponsor. Così nel 1953 si sviluppò il sistema degli spot, simile all'inserzione usata nella stampa. Ripartiva i rischi e non vincolava il programma a una sola azienda.

6 Un nuovo genere: il telefilm A differenza delle altre forme di fiction veniva trasmesso in differita. Veniva adattato, nei tempi narrativi, agli spazi pubblicitari. La produzione si legò a quella di Hollywood. Il telefilm divenne trainante per l'offerta televisiva.

7 Game-show e telegiornali Un nuovo genere fu il game-show. Dal 1963 si diffusero i telegiornali. La televisione divenne il luogo centrale della rappresentazione dello spazio pubblico. Inizialmente nacque ad uso esclusivo dei produttori per le differite. Grazie alla tecnologia giapponese, dal 1987 il Vhs (video home system) si diffuse a macchia d'olio a livello privato, in tutto il mondo.

8 La televisione satellitare Nel 1964 si ebbe la prima trasmissione satellitare con la trasmissione delle Olimpiadi di Tokio Quello che nella percezione mondiale fu una tappa storica fu la diretta televisiva dello sbarco sulla luna per 28 ore consecutive fra il 20 e il 21 luglio. Il 20 luglio 1969: il primo uomo sbarcò sulla Luna. La RAI trasmise in prima serata la diretta dell evento con la telecronaca del giornalista Tito Stagno.

9 La tv via cavo o pay-tv negli USA Negli Stati Uniti nacque fin dagli anni 60, ma era limitata a pochi eventi sportivi. Con un quadro normativo modificato e con lo sviluppo della tecnologia satellitare la pay-tv ebbe un primo notevole sviluppo negli anni 70. Alla fine degli anni 80 le reti cablate diventano un pilastro dell industria dell intrattenimento statunitense. Negli anni 90 è iniziata la rivoluzione del digitale. Nel 1994, negli Stati Uniti, la Hughes Electronics diede avvio al primo servizio di TV digitale via satellite.

10 La televisione in Europa Il modello europeo, rispetto a quello staunitense, era tendenzialmente basato sul finanziamento e sul controllo pubblico. Come per la radio, la pubblicità ebbe un ruolo secondario fino alla metà degli anni 70. Alla metà degli anni 70 ai monopoli pubblici si affiancarono le televisioni private.

11 La concessione per la TV Nel gennaio 1952 fu stipulata fra lo Stato e la RAI la convenzione che dava in concessione il servizio in esclusiva fino al dicembre Il piano prevedeva che la rete televisiva fosse estesa in tre tappe successive, scendendo da nord a sud, coprendo l intero territorio nazionale entro il In realtà, alla fine del 1954 la rete copriva già gran parte delle regioni del centro-nord e arrivava al 48% della popolazione. La copertura dell Italia fu completata nel 1956.

12 La televisione in Italia La prima trasmissione italiana è del 3 gennaio 1954 quando l annunciatrice Fulvia Colombo presentò fra i programmi del giorno uno show di Mike Bongiorno. Nel 1944 l'eiar si era trasformato in RAI (Radio Audizioni Italiane) e nel 1954 la RAI incluse il servizio televisivo e diventò Radiotelevisione italiana. Mike Bongiorno dopo due anni condusse la prima trasmissione di successo della televisione italiana: Lascia o raddoppia

13 Finanziamento e rete televisiva Il sistema di finanziamento della televisione era, come per la radio, quello dell abbonamento, affiancato dalla pubblicità. La rete televisiva riuscì a coprire nel giro di due anni il 95% del territorio nazionale. A causa dell'alto costo dei televisori inizialmente si seguivano collettivamente i programmi nei bar o nei ritrovi pubblici.

14 L aspetto sociale: l alfabetizzazione Grazie a programmi di taglio pedagogico e popolare, la televisione servì come mezzo d istruzione e di diffusione della lingua italiana. La Chiesa cattolica, referente culturale del partito della Democrazia Cristiana, inizialmente ebbe un atteggiamento di ritrosia verso il nuovo mezzo, ma ben presto ne capì la capacità persuasiva. La televisione fu uno dei principali motori dell identità nazionale.

15 Il maestro Manzi Fra il 1960 e il 1968 la RAI mandò in onda la trasmissione Non è mai troppo tardi, curata dal maestro Alberto Manzi ( ). Il programma riproduceva lezioni di scuola elementare, rivolte ad adulti analfaberti o quasi. La trasmissione fu di grande rilievo sociale: quasi un milione e mezzo di persone conseguirono la licenza elementare con queste lezioni a distanza.

16 I programmi televisivi Dalle alle 19 si avevano programmi per ragazzi, poi il telegiornale e dalle alle 23 i programmi per gli adulti. Secondo una tipologia che è arrivata fino ai giorni nostri, il lunedì era dedicato ai film, il giovedì al quiz (capostipite Lascia o raddoppia ), il sabato al varietà. Quest'ultimo aveva spazi dedicati alla gara musicale, all'umorismo ed era legato alla lotteria di Capodanno. Questa idea, nata per la radio, nel 1957 si trasferì alla televisione dando vita a Canzonissima.

17 Festival di Sanremo e Telesceneggiati San Remo nacque prima per la radio, nel 1951, poi fu passato alla televisione nel La fiction italiana si chiamò telesceneggiato e aveva forti legami con il teatro. I più grandi successi furono: I promessi sposi (1967), visti da 19 milioni di telespettatori e L'Odissea (1968), vista da 18 milioni di telespettatori.

18 A nanna dopo Carosello Dal 1957 fino al 1977 andò in onda Carosello, la più nota e la più seguita fra le trasmissioni italiane. Andava in onda alle dopo il telegiornale e durava 10 minuti. A causa dei rigidi limiti legislativi sulle pubblicità allora vigenti, Carosello aveva riferimenti espliciti al prodotto da promuovere soltanto nel codino (la parte finale in cui c era la réclame del prodotto). Ne derivavano scenette fatte da filmati o cartoni animati che duravano alcuni minuti, che ispirarono la creatività dei registi e di attori famosi. Era molto seguito dai più piccoli, grazie ai cartoni animati delle scenette.

19 Lo sport: le Olimpiadi di Roma Per le Olimpiadi di Roma tenute nell agostosettembre 1960, iniziò la preparazione dal La RAI riuscì a dare prova di una grande capacità tecnica e organizzativa che la poneva al passo con le grandi emittenti europee. Dal 1960 cominciò la trasmissione di una partita del campionato di serie A.

20 RAI 2 e RAI 3 Nel novembre 1961 nacque Rai 2 (che fino al 1973 trasmetteva dalle 21 alle 23). Il contesto politico era quello del centro-sinistra, nel quale i socialisti entravano al governo, prima con l appoggio esterno poi con la presenza di propri ministri. La Democrazia Cristiana, partito di maggioranza relativa, aveva una sorta di controllo su Rai 1, il Partito socialista su Rai 2. Rai 3 nacque nel dicembre1979 per dare spazio alle nuove istituzioni: le Regioni nate nel 1970 (avrà infatti sedi e Tg regionali). Inoltre vi era un nuovo contesto politico, quello del compromesso storico, per cui al partito comunista andava l egemonia sul nuovo canale.

21 La lottizzazione Di fatto Rai 1 fu sotto il controllo della DC, Rai 2 del PSI, Rai 3 del PCI. Questo fenomeno, che sancì la partecipazione attiva dei partiti nella gestione dell'ente, nella delicata gestione dell'informazione, si trasformò in una spartizione di incarichi e nomine. Il fenomeno si chiamò lottizzazione della Rai.

22 La televisione a colori in Italia La televisione a colori in Italia arrivò nel 1977, con un decina d anni di ritardo rispetto agli altri paesi europei, principalmente per l'opposizione di alcuni personaggi politici che temevano gli effetti devastanti sull allora precaria situazione economica italiana dello scatenarsi della corsa all acquisto del nuovo elettrodomestico (costoso e quasi sempre importato dall'estero) da parte delle famiglie italiane. In particolare, vi fu una forte opposizione da parte del partito repubblicano e inoltre dalle case automobilistiche, che avevano appena iniziato, nel 1967 quando era possibile convertirsi alla nuova tecnologia, a vendere alle famiglie la seconda macchina.

23 La nascita delle televisioni private Nel 1971 nacque a Biella la prima televisione privata italiana e cominciò a trasmettere via cavo e fu seguita da altre emittenti, come Telemilano, fondata nel 1974 da Silvio Berlusconi. Nel 1974 la Corte costituzionale sancì il diritto alla diffusione via etere dei programmi provenienti dall'estero e a quella via cavo dei programmi italiani.

24 La riforma della RAI Dopo molte discussioni, nell aprile 1975 fu promulgata la legge n. 103, di riforma del servizio radio-televisivo. Prevedeva: il controllo da parte dello Stato nei programmi nazionali; la nomina dei vertici RAI da parte del Parlamento invece che da parte del governo; la possibilità per i privati di trasmettere a livello locale con TV via cavo; la possibilità di trasmettere per le TV estere come Telemontecarlo e Telecapodistria, purché non avessero pubblicità.

25 La corte costituzionale e le TV private La riforma del 1975 rappresentò il punto di partenza per la crescita delle televisioni private, che in pochi anni demolirono il monopolio della RAI. La sentenza della Corte costituzionale del luglio 1976 dichiarò incostituzionali alcuni articoli della legge dell anno prima, autorizzando le trasmissioni via etere delle TV locali. Non più limitate al cavo, le televisioni cominciarono a proliferare e in seguito si riunirono in network.

26 Telecomando e piccola impresa Due novità consentirono la grande affermazione delle TV private. La prima fu il telecomando, che consentiva di fare zapping, cioè di saltare da un programma all altro. La seconda fu la diffusione della piccola impresa, che faceva pubblicità a livello locale, consentendo alle piccole TV di trovare il proprio sostentamento.

27 La pubblicità L iniziativa privata nel settore radiotelevisivo coincise dunque con la crescita della pubblicità. Dal 1979 al 1985, gli investimenti pubblicitari della TV privata salirono dal 6% della spesa al 34%. La crescita della pubblicità consentì alle emittenti private di avere i fondi per raggrupparsi in network composti di tante emittenti locali, che trasmettevano insieme alcuni programmi, come le telenovele, grazie alle cassette registrate.

28 I network privati Alla fine del 1980, le piccole emittenti locali mostravano evidenti segni di cedimento verso i grandi network. Questi network cominciarono a fare concorrenza alla RAI sul piano dei programmi. Berlusconi ottenne grande successo con il film della Titanus Dallas, una telenovela che la RAI aveva smesso di trasmettere, inoltre con i telequiz di Mike Bongiorno, passato a Canale 5.

29 Il gruppo Fininvest di Berlusconi Canale 5, Italia 1 e Rete 4 Il network di Canale 5 fu la trasformazione di Telemilano e nacque nel Nel gennaio 1982 nacquero i network Italia 1 e Rete 4. Il gruppo Fininvest, nato nel 1978, si finanziava grazie alla pubblicità, attraverso una apposita efficiente società, Publitalia, fondata nel 79. Fu grazie alla raccolta pubblicitaria che Berlusconi poté acquistare Italia 1 (fine 1982) e Rete 4 ( agosto 1984). L arrivo dei grandi network privati costrinse a ripensare le politiche televisive della Rai, che diventarono sempre più commerciali.

30 La legge Mammì Nel 1990 la legge Mammì, dal nome del ministro che l aveva proposta, cercò di trovare un equilibrio politico legalizzando la situazione che si era creata dopo un decennio di assenza di regolamentazione nel campo dei media in generale. La legge riconosceva il duopolio Rai-Fininvest, con tre reti a testa, nel quale convivevano altre 6 reti nazionali tra cui 3 pay-tv. Inoltre concedeva ai network privati, l'accesso alla diretta e l obbligo di trasmettere un telegiornale

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 1. I mezzi di comunicazione nell Italia contemporanea: panoramica attuale

Dettagli

Diritti calcistici televisivi in Italia

Diritti calcistici televisivi in Italia Diritti calcistici televisivi in Italia I diritti calcistici televisivi sono i diritti di riprendere e trasmettere, in diretta o in differita e su qualunque piattaforma televisiva, le partite di calcio.

Dettagli

La nascita e l evoluzione della TV Informazioni agli insegnanti

La nascita e l evoluzione della TV Informazioni agli insegnanti Informazioni agli insegnanti 1/6 Compito Gli alunni svolgono una serie di compiti su diversi temi e presentano i risultati in classe. Obiettivo Gli alunni si fanno un idea della storia della TV e del suo

Dettagli

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro.

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro. Normalmente si usa la parola giornale per una pubblicazione quotidiana dove si trovano le notizie del giorno. In un senso più largo però, questa parola si usa anche per pubblicazioni settimanali, quindicinali

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE UK28U ATTIVITÀ 90.01.01 ATTIVITÀ NEL CAMPO DELLA RECITAZIONE ATTIVITÀ 90.02.02 ATTIVITÀ NEL CAMPO DELLA REGIA Maggio 2010 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di

Dettagli

II) L INDUSTRIA TELEVISIVA

II) L INDUSTRIA TELEVISIVA II) L INDUSTRIA TELEVISIVA A- BREVE STORIA ( ovvero della peculiarissima simbiosi tra TV e politica, in Italia ) 1- La TV nasce commerciale :two sided market (USA1935): si era già affermata la società

Dettagli

Storia del giornalismo

Storia del giornalismo Storia del giornalismo Il giornalismo in vari Paesi dopo gli anni 60 LEZIONE UNIDICESIMA Francia 68, contestazione, rafforzamento della gauche: spostamento di Le Monde, (più a sinistra) nascita di Libération

Dettagli

Allegato C. Classificazione tipologie di programmi

Allegato C. Classificazione tipologie di programmi Allegato C Classificazione tipologie di programmi Tipologia dei programmi Dettagli sul programma Definizioni N Notiziari 1 Telegiornale Trasmissione a carattere informativo con programmazione quotidiana

Dettagli

Supplemento 1.2006 229

Supplemento 1.2006 229 Supplemento 1.2006 229 Augusto Barbera* Cercherò di rispondere alle domande di Enzo Cheli e magari ne farò qualcun altra. Come diceva prima Gentiloni ci sono stati due anni di discussioni aspre attorno

Dettagli

DECALOGO. Il Canone di Abbonamento RAI

DECALOGO. Il Canone di Abbonamento RAI DECALOGO Il Canone di Abbonamento RAI CHE COS E IL CANONE RAI? Il cosiddetto Canone di Abbonamento Rai è in realtà una imposta dovuta per il possesso di un apparecchio atto alla ricezione dei canali televisivi,

Dettagli

Il servizio pubblico Informazioni per gli insegnanti

Il servizio pubblico Informazioni per gli insegnanti Informazioni per gli insegnanti 1/8 Compito Per guardare la TV e ascoltare la radio bisogna pagare. Svolgendo una serie di compiti diversi gli alunni imparano che cosa si intende con il termine «servizio

Dettagli

Delibera n. 481/06/CONS

Delibera n. 481/06/CONS Delibera n. 481/06/CONS Approvazione delle linee-guida sul contenuto degli ulteriori obblighi del servizio pubblico generale radiotelevisivo ai sensi dell articolo 17, comma 4, della legge 3 maggio 2004,

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

La Rai di domani. Restyling and Renaming Di Rebecca Rabozzi, redazione Brandforum.it

La Rai di domani. Restyling and Renaming Di Rebecca Rabozzi, redazione Brandforum.it La Rai di domani Restyling and Renaming Di Rebecca Rabozzi, redazione Brandforum.it Nel 2009 è iniziato lo switch over del segnale televisivo analogico, che regione dopo regione terminerà le trasmissioni,

Dettagli

L'immaginazione che registra il suono

L'immaginazione che registra il suono LA RADIO L'immaginazione che registra il suono 1877 Alva Edison, a New York, inventa il fonografo. Attraverso il fonografo si dette il via all'epoca della registrazione. Inizialmente il fonografo venne

Dettagli

Mass media, comunicazione e opinione pubblica

Mass media, comunicazione e opinione pubblica Mass media, comunicazione e opinione pubblica L1. LA STORIA DEI MASS MEDIA IN EUROPA È STATA ESSENZIALMENTE ED È AORA OGGI LA STORIA CLAUDIO CAPPON VICEPRESIDENTE DELLA UER (UNIONE RADIOTELEVISIONI PUBBLICHE

Dettagli

Baby Consumers. Primo rapporto sui consumi dei minori

Baby Consumers. Primo rapporto sui consumi dei minori Baby Consumers Primo rapporto sui consumi dei minori Numero interruzioni pubblicitarie, n. spot totali, maschili, femminili e alimentari durante 12 giorni totali di monitoraggio. (Canale 5 è stata osservata

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VITA, DI GIOVAN PAOLO, VIMERCATI e ZANDA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14 DICEMBRE 2009 Misure per favorire la

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA TV (per le domande con l asterisco * si possono sbarrare fino a 3 caselle)

QUESTIONARIO SULLA TV (per le domande con l asterisco * si possono sbarrare fino a 3 caselle) Indagine sulla TV Per completare i contenuti sui mass media, la classe 4 A è stata impegnata in un indagine con l obiettivo di fotografare e confrontare gli atteggiamenti dell infanzia e della pre-adolescenza

Dettagli

Cara tv. digitale e a pagamento

Cara tv. digitale e a pagamento la NOSTRA INCHIESTA Con questa inchiesta facciamo il punto sulle abitudini degli italiani di fronte al teleschermo. Programmi preferiti, utilizzo del televisore, scelte fra tv in chiaro e canali a pagamento,

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE Rtv SAN MARINO secondo semestre 2015 (31maggio 2 gennaio 2016)

OFFERTA COMMERCIALE Rtv SAN MARINO secondo semestre 2015 (31maggio 2 gennaio 2016) OFFERTA COMMERCIALE Rtv SAN MARINO secondo semestre 2015 (31maggio 2 gennaio 2016) SAN MARINO TV San Marino Rtv: dalla Repubblica più antica, una finestra sul mondo. La radiotelevisione di Stato, espressione

Dettagli

listino e format di vendita Preserale 6 tlp 120,12 bb cee 5 1 posizione Quotidiano 480.000

listino e format di vendita Preserale 6 tlp 120,12 bb cee 5 1 posizione Quotidiano 480.000 INTRATTENIMENTO Novità e conferme per l autunno di Canale 5, il pomeriggio completamente rinnovato e un nuovo preserale si aggiungono ai classici dedicati al target famiglia. listino e format di vendita

Dettagli

ATTIVITÀ DI PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA, DI VIDEO E DI PROGRAMMI TELEVISIVI ATTIVITÀ DI POST-PRODUZIONE PROGRAMMI TELEVISIVI ATTIVITÀ DI DISTRIBUZIONE

ATTIVITÀ DI PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA, DI VIDEO E DI PROGRAMMI TELEVISIVI ATTIVITÀ DI POST-PRODUZIONE PROGRAMMI TELEVISIVI ATTIVITÀ DI DISTRIBUZIONE STUDIO DI SETTORE UG94U ATTIVITÀ 59.11.00 ATTIVITÀ DI PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA, DI VIDEO E DI PROGRAMMI TELEVISIVI ATTIVITÀ 59.12.00 ATTIVITÀ DI POST-PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA, DI VIDEO E DI PROGRAMMI

Dettagli

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO 1 L ITALIANO SULLE ONDE DEL MEDITERRANEO 2 Il valore aggiunto della lingua e della cultura italiana, analizzato dallo stato più piccolo e più a sud dell Unione

Dettagli

Diritto dellinformazione e della comunicazione

Diritto dellinformazione e della comunicazione PAOLO CARETTI Diritto dellinformazione e della comunicazione Stampa, radiotelevisione, telecomunicazioni, teatro e cinema il Mulino Indice Premessa 11 La libertà di manifestazione del pensiero nella Costituzione

Dettagli

Guglielmo Marconi. Reginald Fessenden Nikola Tesla

Guglielmo Marconi. Reginald Fessenden Nikola Tesla Guglielmo Marconi Reginald Fessenden Nikola Tesla Telefono mobile Telefono fisso L'invenzione della radio è frutto di una serie di esperimenti tenuti alla fine dell'ottocento che dimostravano la possibilità

Dettagli

DELLE!SCUOLE!MEDIE!E!DELLE!UNIVERSITA! IN#COLLABORAZIONE#CON! CON#IL#PATROCINO#DI! ****************!!

DELLE!SCUOLE!MEDIE!E!DELLE!UNIVERSITA! IN#COLLABORAZIONE#CON! CON#IL#PATROCINO#DI! ****************!! UNANUOVACARTAD'IDENTITÀPERLARAI CONCORSONAZIONALERIVOLTOAGLISTUDENTI DELLESCUOLEMEDIEEDELLEUNIVERSITA INCOLLABORAZIONECON MINISTERODELL'ISTRUZIONE,DELL'UNIVERSITÀERICERCA CONILPATROCINODI EUROPEANBROADCASTINGUNION(EBU)

Dettagli

IL CASO RAI IDEAZIONE E LANCIO DI UN NUOVO CANALE NEGLI USA 1

IL CASO RAI IDEAZIONE E LANCIO DI UN NUOVO CANALE NEGLI USA 1 IL CASO RAI IDEAZIONE E LANCIO DI UN NUOVO CANALE NEGLI USA 1 ANTEPRIMA RISERVATA AI SOCI SIMKTG, REFERENTI DI SEDE PREMIO MARKETING ED EX-. PREMESSA La diciannovesima edizione del primo per il Marketing

Dettagli

Il caso RAI Ideazione e lancio di un nuovo canale negli Usa 1

Il caso RAI Ideazione e lancio di un nuovo canale negli Usa 1 Il caso RAI Ideazione e lancio di un nuovo canale negli Usa 1 Premessa La diciannovesima edizione del primo per il Marketing è incentrata sul caso Rai. Gli studenti interessati a partecipare dovranno progettare

Dettagli

L'INFORMAZIONE, PRIMA DI TUTTO, PRIMA DI TUTTI

L'INFORMAZIONE, PRIMA DI TUTTO, PRIMA DI TUTTI L'INFORMAZIONE, PRIMA DI TUTTO, PRIMA DI TUTTI PROGRAMMAZIONE DI LUNEDI 10:00... SHOPPING 11:00... VALLE D'AOSTA IN TV 11:30... SHOPPING 12:00... I TRE MOSCHETTIERI DIRETTA TV 13:30... NORDOVEST.TV RUBRICA

Dettagli

NEBRODI E DINTORNI Gioiosa mare

NEBRODI E DINTORNI Gioiosa mare NEBRODI E DINTORNI Gioiosa mare CAPO D ORLANDO, INCONTRO CON VITTORIO SINDONI AL MIRAMARE Capo d Orlando (Me), 23/08/2010 Mercoledì 25 agosto 2010, alle ore 19.30, alla Terrazza "Miramare" di Capo d Orlando,

Dettagli

Intervento su DDL Gasparri Davide Caparini 1

Intervento su DDL Gasparri Davide Caparini 1 Intervento su DDL Gasparri Davide Caparini 1 Onorevoli colleghi! Domenica 3 gennaio 1954 ebbe ufficialmente inizio il servizio televisivo italiano con la telecronaca in diretta dell inaugurazione degli

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG94U ATTIVITÀ 92.20.0 PRODUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO DISTRIBUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ RADIOTELEVISIVE

STUDIO DI SETTORE TG94U ATTIVITÀ 92.20.0 PRODUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO DISTRIBUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ RADIOTELEVISIVE STUDIO DI SETTORE TG94U ATTIVITÀ 92.11.0 PRODUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ 92.12.0 DISTRIBUZIONI CINEMATOGRAFICHE E DI VIDEO ATTIVITÀ 92.20.0 ATTIVITÀ RADIOTELEVISIVE Giugno 2007 PREMESSA

Dettagli

Linguaggi & Tecnologie Multimediali

Linguaggi & Tecnologie Multimediali Linguaggi & Tecnologie Multimediali TV interattiva e mobile TV Azienda ospitante: Il T- GOV Applicazioni Interattive su piattaforma DTT per la Pubblica Amministrazione Tesi di fine corso di: Tutor del

Dettagli

CORSO PER CONDUZIONE RADIOFONICA

CORSO PER CONDUZIONE RADIOFONICA CORSO PER CONDUZIONE RADIOFONICA Il corso ha finalità di indirizzo e avviamento all attività di conduttore radiofonico, favorendo e ottimizzando l eventuale attitudine degli allievi, ove presente. Diversamente

Dettagli

GREEN TEAM DESIGN. Marco Botto Davide De Rossi Vittorio Bonfatti

GREEN TEAM DESIGN. Marco Botto Davide De Rossi Vittorio Bonfatti GREEN TEAM DESIGN Marco Botto Davide De Rossi Vittorio Bonfatti Negli ultimi decenni il panorama cinematografico mondiale si e espanso in modo considerevole. Le tecnologie in continua evoluzione permettono

Dettagli

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana)

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) FICTION DI PROTOTIPI Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) Le location ed i poli produttivi della serialità televisiva in Italia: un sistema romanocentrico

Dettagli

2.1. Amministrazioni alle quali è rivolta la proposta. 2.2. Profilo dei destinatari e requisiti di ammissione dei partecipanti

2.1. Amministrazioni alle quali è rivolta la proposta. 2.2. Profilo dei destinatari e requisiti di ammissione dei partecipanti 2. DESTINATARI DEL MASTER 2.1. Amministrazioni alle quali è rivolta la proposta Il Master è rivolto alle Amministrazioni dello Stato, anche a ordinamento autonomo, agli Enti pubblici non economici, alle

Dettagli

Comunicazione e media

Comunicazione e media Comunicazione e media (pp. 521 574 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Quanti media abbiamo oggi? Da 8 a 20 C era una volta la televisione e la radio, il giornale,

Dettagli

traduttore/ traduttrice ed editore delle opere audiovisive multimediali

traduttore/ traduttrice ed editore delle opere audiovisive multimediali E una professione che non ha una univoca caratterizzazione rispetto al genere. La presenza delle donne è comunque decisamente marcata, anche come conseguenza diretta della forte presenza femminile nei

Dettagli

Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico

Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico Decreto Ministro Poste e Telecomunicazioni 9 dicembre 1993, n. 581 Regolamento in materia di sponsorizzazioni di programmi radiotelevisivi e offerte al pubblico (G.U. n.8 del 12.1.1994) IL MINISTRO DELLE

Dettagli

Le radio e le tv sul web: F.A.Q.

Le radio e le tv sul web: F.A.Q. Le radio e le tv sul web: FAQ L Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, sulla base delle competenze ad essa assegnate dal decreto legislativo n. 44 del 2010 (cosiddetto decreto Romani, di seguito

Dettagli

BLS Film Fund Alto Adige

BLS Film Fund Alto Adige Mappatura e Monitoraggio di normative e fondi regionali di sostegno al cinema Ufficio Studi ANICA Provincia Autonoma di Bolzano BLS Film Fund Alto Adige Per ogni approfondimento, fare riferimento al testo

Dettagli

PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE ALLEGATO A PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2009 (a cura del Settore comunicazione istituzionale, editoria e promozione dell immagine e dell Agenzia per le attività di informazione

Dettagli

COS' E' LA PUBBLICITA'?

COS' E' LA PUBBLICITA'? COS' E' LA PUBBLICITA'? è una forma di comunicazione, diffusa dai mass media, che tende a influenzare il comportamento del consumatore nei confronti dell'oggetto che viene pubblicizzato L' oggetto può

Dettagli

MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO LIVELLO A1

MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO LIVELLO A1 ANNO ACCADEMICO 2013-2014 COGNOME NOME MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO TEMPO MASSIMO PER LA CONSEGNA DELLA PROVA: 90 MINUTI 1.Inserisci gli articoli determinativi corretti.

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Capo I PRINCIPI GENERALI.

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Promulga. Capo I PRINCIPI GENERALI. Legge 3 maggio 2004, n. 112 Norme di principio in materia di assetto del sistema radiotelevisivo e della RAI-Radiotelevisione italiana S.p.a., nonché delega al Governo per l'emanazione del testo unico

Dettagli

La Tv di Qualità Scuola Primaria A.Ferrarin di Bellaria Igea Marina Classi VA e VC

La Tv di Qualità Scuola Primaria A.Ferrarin di Bellaria Igea Marina Classi VA e VC La Tv di Qualità Scuola Primaria A.Ferrarin di Bellaria Igea Marina Classi VA e VC Il laboratorio ha la finalità di incentivare bambini e ragazzi della scuola primaria all uso più consapevole della televisione,

Dettagli

Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti

Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti Musica, Film, TV e Internet La guida per genitori e insegnanti Musica digitale quello che bisogna sapere Ci sono molti modi per avere accesso in maniera sicura e legale a musica, film e TV sul web. Questa

Dettagli

# IOESISTO 9 AL 15 DICEMBRE TORNA LA STORICA MARATONA TELEVISIVA E RADIOFONICA SULLE RETI RAI, GIUNTA ALLA 24ESIMA EDIZIONE. ANCHE QUEST ANNO LA

# IOESISTO 9 AL 15 DICEMBRE TORNA LA STORICA MARATONA TELEVISIVA E RADIOFONICA SULLE RETI RAI, GIUNTA ALLA 24ESIMA EDIZIONE. ANCHE QUEST ANNO LA DAL 9 AL 15 DICEMBRE TORNA LA STORICA MARATONA TELEVISIVA E RADIOFONICA SULLE RETI RAI, GIUNTA ALLA 24ESIMA EDIZIONE. ANCHE QUEST ANNO LA RACCOLTA FONDI SARÀ DESTINATA A FAR AVANZARE LA RICERCA SCIENTIFICA

Dettagli

Registro Pubblico delle Opposizioni. Ing. Maurizio Pellegrini Dott.ssa Ania Maslova

Registro Pubblico delle Opposizioni. Ing. Maurizio Pellegrini Dott.ssa Ania Maslova Registro Pubblico delle Opposizioni Ing. Maurizio Pellegrini Dott.ssa Ania Maslova Le nuove regole del telemarketing L art. 20 bis della legge n.166/2009 e il D.P.R. 178/2010 hanno introdotto incisive

Dettagli

Comunicazione e media

Comunicazione e media Comunicazione e media (pp.437 490 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Palinsesti fai da te nell era della personalizzazione dei media Nel 2011 l

Dettagli

TV e INTERNET i minori e i mezzi di comunicazione. Novara 10 novembre 2007

TV e INTERNET i minori e i mezzi di comunicazione. Novara 10 novembre 2007 TV e INTERNET i minori e i mezzi di comunicazione Novara 10 novembre 2007 Chi c è in casa? i libri, il giornale (1450 in Germania - 1600 in Inghilterra nasce il primo quotidiano), la fotografia ( 1827

Dettagli

comunicazione Periodico d'informazione sul mondo della comunicazione In questo numero:

comunicazione Periodico d'informazione sul mondo della comunicazione In questo numero: In questo numero: Ragazzi che Tivù Il CORECOM per la tutela dei minori, dal controllo dei media alla prevenzione e informazione. Periodico d'informazione sul mondo della Qualità del servizio internet Banda

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO

ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO ELEZIONI REGIONALI 2015: LEGGE ELETTORALE, CAMPAGNA ELETTORALE E PAR CONDICIO La par condicio e le altre norme sulla campagna elettorale 13 aprile 2015 2 INDICE Le spese elettorali dei candidati 3 La par

Dettagli

65 FESTIVAL DELLA CANZONE ITALIANA DI SANREMO REGOLAMENTO TELEVOTO SEZIONE NUOVE PROPOSTE

65 FESTIVAL DELLA CANZONE ITALIANA DI SANREMO REGOLAMENTO TELEVOTO SEZIONE NUOVE PROPOSTE 65 FESTIVAL DELLA CANZONE ITALIANA DI SANREMO REGOLAMENTO TELEVOTO SEZIONE NUOVE PROPOSTE Fisso 894.001 Mobile 475.475.1 Web App RAI.TV o www.sanremo.rai.it Dal 10 al 14 febbraio 2015 (5 Serate) la RAI

Dettagli

Funzioni e ruolo dei Corecom

Funzioni e ruolo dei Corecom Supplemento 1.2006 101 Funzioni e ruolo dei Corecom Paolo Siconolfi* Le relazioni di questa seconda parte del convegno tratteranno del servizio pubblico televisivo in una prospettiva unitaria costituito

Dettagli

L AUDIOVISIVO E IL FABBISOGNO FINANZIARIO DELLE ATTIVITÀ D IMPRESA

L AUDIOVISIVO E IL FABBISOGNO FINANZIARIO DELLE ATTIVITÀ D IMPRESA L AUDIOVISIVO E IL FABBISOGNO FINANZIARIO DELLE ATTIVITÀ D IMPRESA Lamberto Mancini Segretario Generale per il seminario Il Fondo di garanzia per le PMI al servizio delle imprese cinematografiche Roma,

Dettagli

Domande e risposte Informazioni per gli insegnanti

Domande e risposte Informazioni per gli insegnanti Informazioni per gli insegnanti 1/6 Compito Obiettivo La società Billag spiega sul suo sito come vengono concretamente applicate le disposizioni di legge in materia dei canoni radiotelevisivi, un tema

Dettagli

LA PRIMA CLOUD TV Nella lingua ladina che si parla da millenni nella zona dolomitica, nibla significa nuvola, una parola che da qualche anno evoca un mondo straordinariamente ricco di incontri e di opportunità:

Dettagli

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente.

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente. LABORATORIO-MUSEO TECNOLOGIC@MENTE Tecnologic@mente, coordinato e gestito dalla Fondazione Natale Capellaro, in questi anni ha svolto un importante e fondamentale lavoro volto per la conservazione e, soprattutto,

Dettagli

Nota a Consiglio di Stato Parere, 25 febbraio 2011, n. 872 A cura di Federico Trombetta

Nota a Consiglio di Stato Parere, 25 febbraio 2011, n. 872 A cura di Federico Trombetta Nota a Consiglio di Stato Parere, 25 febbraio 2011, n. 872 A cura di Federico Trombetta Gara cd. beauty contest per l assegnazione del dividendo digitale: spetta all AGCOM la definizione delle condizioni

Dettagli

FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI

FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI CdL Scienze del Comportamento e delle Relazioni Sociali Facoltà di Psicologia Elem. SOCIOLOGIA della COMUNICAZIONE FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI di Greta Brardinoni PREMESSA (pregiudizi) FORMAT = minori

Dettagli

Pirateria: scenario 2011

Pirateria: scenario 2011 Pirateria: scenario 2011 Presentazione della ricerca Ipsos sulla pirateria audiovisiva Casa del Cinema - Roma 19 gennaio 2011 1. Obiettivi e Metodologia 2. Descrizione generale del fenomeno: incidenza

Dettagli

Contratto di Servizio 2007-2009

Contratto di Servizio 2007-2009 Contratto di Servizio 2007-2009 5 aprile 2007 CONTRATTO NAZIONALE DI SERVIZIO TRA IL MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI E LA RAI RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A. VISTO l articolo 49 del Testo Unico della radiotelevisione,

Dettagli

Il sistema televisivo in Europa: mercato, fonti di finanziamento, modelli, regole e strutture

Il sistema televisivo in Europa: mercato, fonti di finanziamento, modelli, regole e strutture : mercato, fonti di finanziamento, modelli, regole e strutture Il sistema televisivo in Europa Osservatorio sulla comunicazione e i media della Fondazione per la Sussidiarietà Responsabili della ricerca:

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E LA DEMOCRAZIA POLITICA ED INFORMAZIONE NEL SISTEMA DEMOCRATICO

LA COMUNICAZIONE E LA DEMOCRAZIA POLITICA ED INFORMAZIONE NEL SISTEMA DEMOCRATICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DOTTORATO IN SCIENZA POLITICA E ISTITUZIONI IN EUROPA XXIII CICLO Tesi di Dottorato LA COMUNICAZIONE E LA DEMOCRAZIA POLITICA ED INFORMAZIONE NEL SISTEMA DEMOCRATICO

Dettagli

65 FESTIVAL DELLA CANZONE ITALIANA DI SANREMO REGOLAMENTO TELEVOTO SEZIONE ARTISTI CAMPIONI

65 FESTIVAL DELLA CANZONE ITALIANA DI SANREMO REGOLAMENTO TELEVOTO SEZIONE ARTISTI CAMPIONI 65 FESTIVAL DELLA CANZONE ITALIANA DI SANREMO REGOLAMENTO TELEVOTO SEZIONE ARTISTI CAMPIONI Fisso 894.001 Mobile 475.475.1 Web App RAI.TV o www.sanremo.rai.it Dal 10 al 14 febbraio 2015 (5 Serate) la RAI

Dettagli

PRIX ITALIA REGOLAMENTO

PRIX ITALIA REGOLAMENTO PRIX ITALIA REGOLAMENTO 1. PREMESSA Il Prix Italia, fondato a Capri nel 1948, organizza ogni anno un Concorso Internazionale a premi per programmi radiofonici, televisivi e multimediali. 1.1. Scopi Gli

Dettagli

Danzatore - Coreografo

Danzatore - Coreografo Spettacolo Danzatore - Coreografo Artisti in grado di eseguire danze classiche o moderne sulla base di una coreografia e di una partitura musicale. o o Profili professionali: Danzatore Coreografo Formazione

Dettagli

icarocommunication.com

icarocommunication.com icarocommunication.com 1 2 TV Video Radio Stampa Internet Vi faremo conoscere con qualsiasi mezzo. 3 Network riminese di comunicazione pubblicitaria, istituzionale ed editoriale che riunisce i maggiori

Dettagli

Aspetti di Marketing Sportivo

Aspetti di Marketing Sportivo Aspetti di Marketing Sportivo Università di Ferrara Corso di Laurea in Scienze Motorie Economia e gestione delle imprese sportive Cesare Mattei Definizione: IL MARKETING E UN INSIEME DI ATTIVITA PROGRAMMATE,

Dettagli

Tariffa A 2012 2017 SUISA. Emissioni della SSR SRG SUISA. Cooperativa degli autori ed editori di musica

Tariffa A 2012 2017 SUISA. Emissioni della SSR SRG SUISA. Cooperativa degli autori ed editori di musica SUISA Cooperativa degli autori ed editori di musica Tariffa A 2012 2017 Emissioni della SSR SRG Approvata dalla Commissione arbitrale federale per la gestione dei diritti d autore e dei diritti affini

Dettagli

LUCIO GARBO editore e presidente

LUCIO GARBO editore e presidente LUCIO GARBO editore e presidente Il mio orientamento di fondo nasce da un progetto ambizioso che rispecchia gli ideali, i valori, le aspirazioni di chi ha fissato gli obiettivi, con azioni concrete: LA

Dettagli

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca.

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. Uno degli aspetti più evidenti della cosiddetta globalizzazione è la diffusione di culture, mode, modi di vivere e pensare, oggetti uguali in tutto il mondo.

Dettagli

PIANIFICAZIONE DEI MEDIA NELLA COMUNICAZIONE D IMPRESA Riassunto del libro di testo. integrato con materiale delle lezioni del Prof.

PIANIFICAZIONE DEI MEDIA NELLA COMUNICAZIONE D IMPRESA Riassunto del libro di testo. integrato con materiale delle lezioni del Prof. PIANIFICAZIONE DEI MEDIA NELLA COMUNICAZIONE D IMPRESA Riassunto del libro di testo integrato con materiale delle lezioni del Prof. Stancati 1. Evoluzione e struttura del mercato pubblicitario italiano

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

DIRETTRICE e DIRETTORE DI PRODUZIONE

DIRETTRICE e DIRETTORE DI PRODUZIONE DIRETTRICE e DIRETTORE DI PRODUZIONE 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze...

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA

NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA 1. Premessa Il Garante per la radiodiffusione e l editoria determina con propri provvedimenti

Dettagli

IL DIGITALE TERRESTRE: LA TIVU SI VEDE MEGLIO SE SAI COME USARLA. Regione del Veneto - Direzione Comunicazione e Informazione 1

IL DIGITALE TERRESTRE: LA TIVU SI VEDE MEGLIO SE SAI COME USARLA. Regione del Veneto - Direzione Comunicazione e Informazione 1 IL DIGITALE TERRESTRE: LA TIVU SI VEDE MEGLIO SE SAI COME USARLA 1 Che cos è il digitale terrestre? E la nuova tecnologia del futuro che utilizza segnali digitali come già avviene per Internet e la telefonia

Dettagli

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre?

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Il digitale terrestre, la cui sigla è DTT, è il nuovo sistema che sarà utilizzato per diffondere il segnale televisivo e che adotta la tecnica digitale, simile

Dettagli

MODULAZIONE DI FREQUENZE AGGIORNAMENTO DEL 22/03/2009 di Bernardo Iovene

MODULAZIONE DI FREQUENZE AGGIORNAMENTO DEL 22/03/2009 di Bernardo Iovene MODULAZIONE DI FREQUENZE AGGIORNAMENTO DEL 22/03/2009 di Bernardo Iovene MILENA GABANELLI IN STUDIO Un paio di mesi fa avevamo ricostruito la tappe dell assegnazione delle frequenze. La storia cominciava

Dettagli

Newsletter nr. 03/11

Newsletter nr. 03/11 Newsletter nr. 03/11 Buongiorno! Infissi Design è lieta di informarvi delle proprie iniziative che andranno ad aggiungere maggiore valore all impegno di tutti e massimo apprezzamento per quello che, insieme,

Dettagli

Il giornale del futuro è senza pubblicità? Uno studio integrale dell Università di San Gallo su incarico di Publicitas

Il giornale del futuro è senza pubblicità? Uno studio integrale dell Università di San Gallo su incarico di Publicitas Il giornale del futuro è senza pubblicità? Uno studio integrale dell Università di San Gallo su incarico di Publicitas Corporate Communications Zurigo 13 Maggio 2014 Il giornale del futuro sarà senza pubblicità?

Dettagli

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori RISULTATI DELLA RICERCA GIOVANI E MEDIA. LA TELEVISIONE CHE VORREI ALESSANDRIA 21 MARZO 2014 L'indagine campionaria è stata realizzata

Dettagli

Cinema e Tv Dott. Francesco Catarinozzi

Cinema e Tv Dott. Francesco Catarinozzi Cinema e Tv Dott. Francesco Catarinozzi Il cinema in Italia 87.043 86.520 97.819 102.464 109.000 112.120 91.000 1990 1995 2000 2005 2008 2011 2012 Spet. (Mln) 1 Il cinema in Italia Dal gli anni 90 inizia

Dettagli

Il sistema televisivo in Italia dal dopoguerra ad oggi

Il sistema televisivo in Italia dal dopoguerra ad oggi Dipartimento di filosofia e di scienze del Liceo scientifico G.B.Quadri di Vicenza Serrada 2003 Corso di auto-aggiornamento su La storia italiana del Novecento Il sistema televisivo in Italia dal dopoguerra

Dettagli

III Edizione. Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO

III Edizione. Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche. la Tv Analogica DIGITALE CHIARO III Edizione Si spegne in: Liguria, Toscana, Umbria e Marche la Tv Analogica DIGITALE CHIARO L Adiconsum spiega come prepararsi alla transizione verso la tv digitale 2011: LIGURIA, TOSCANA, UMBRIA e MARCHE

Dettagli

Spirit of the mountain

Spirit of the mountain Spirit of the mountain BERGAMO MILANO PONTRESINA SESTRIERE VERONA CINQUE FESTIVAL, UN GRANDE NETWORK L IDEA L'Associazione Montagna Italia nasce nel 1996 con lo scopo di promuovere il turismo, il rispetto

Dettagli

La tv innovativa con la più ampia offerta digitale della Svizzera.

La tv innovativa con la più ampia offerta digitale della Svizzera. La tv innovativa con la più ampia offerta digitale della Svizzera. Benvenuti nel mondo della tv digitale. Oggi guardare la tv ha un significato del tutto nuovo. Con cablecom digital tv, per soli CHF 25.

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

La Commissione dà il via libera alla fusione tra Stream e Telepiù, subordinatamente al rispetto di alcune condizioni

La Commissione dà il via libera alla fusione tra Stream e Telepiù, subordinatamente al rispetto di alcune condizioni IP/03/478 Bruxelles, 2 aprile 2003 La Commissione dà il via libera alla fusione tra Stream e Telepiù, subordinatamente al rispetto di alcune condizioni La Commissione europea ha autorizzato la proposta

Dettagli

DRAMMATURGIA DELLA TELEVISIONE I Seminario

DRAMMATURGIA DELLA TELEVISIONE I Seminario DRAMMATURGIA DELLA TELEVISIONE I Seminario DISTRIBUZIONE INTERNAZIONALE, MEDIAZIONE NAZIONALE E FILIERA TELEVISIVA Lezione 1 Luca Barra luca.barra@unicatt.it @luca_barra Presentazione Seminario n. 1 3

Dettagli

Conferenza di Catania 3 Gruppo di Lavoro: Nuove Tecnologie ed Insegnamento a Distanza

Conferenza di Catania 3 Gruppo di Lavoro: Nuove Tecnologie ed Insegnamento a Distanza Conferenza di Catania 3 Gruppo di Lavoro: Nuove Tecnologie ed Insegnamento a Distanza Maria Amata Garito Professore di Tecnologie dell Istruzione e dell Apprendimento Facoltà di Psicologia Università di

Dettagli

Diritti televisivi e radiofonici Serie B TIM 2008/2009

Diritti televisivi e radiofonici Serie B TIM 2008/2009 23 settembre 2008 CIRCOLARE N. 19 Alle SOCIETA della LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI SERIE B TIM Loro sedi Diritti televisivi e radiofonici Serie B TIM 2008/2009 Indice 1. Operatori della comunicazione titolari

Dettagli

MODENA TERRA DI MOTORI

MODENA TERRA DI MOTORI MODENA TERRA DI MOTORI 2011 MODENA TERRA DI MOTORI DODICESIMA EDIZIONE, UN SUCCESSO CHE SI RINNOVA! Nel 2011 Modena Terra di Motori compie 12 anni presentando una serie di appuntamenti imperdibili: il

Dettagli

Il progetto. Imparo la lingua Araba Il Tesoro delle Lettere

Il progetto. Imparo la lingua Araba Il Tesoro delle Lettere Imparo la lingua Araba Il Tesoro delle Lettere Il progetto Combattere l analfabetismo è la grande sfida della mondialità. Secondo i dati forniti dall UNESCO, 774 milioni di persone, un adulto su cinque

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca La piazzaincantata Attività formativo-corale con esecuzione. Evento finale a Napoli, 5 maggio 2015 Premessa Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ha avviato, in questi ultimi anni,

Dettagli

a cura dott.ssa Maria Cristina Theis

a cura dott.ssa Maria Cristina Theis Essere genitori «nell era digitale: implicazioni delle nuove tecnologie (internet, cellulari, televisione, videogiochi) nella crescita dei bambini e modalità di approccio al loro utilizzo. a cura dott.ssa

Dettagli

Risoluzione sul progetto di riposizionamento dell offerta informativa della Rai nel nuovo mercato digitale.

Risoluzione sul progetto di riposizionamento dell offerta informativa della Rai nel nuovo mercato digitale. Risoluzione sul progetto di riposizionamento dell offerta informativa della Rai nel nuovo mercato digitale. (Approvata dalla Commissione nella seduta del 12 febbraio 2015) La Commissione parlamentare per

Dettagli