INCONTRO SIPRe-AFPI. Genova 8 maggio 2010 IL RUOLO DEGLI AFFETTI NELLA VITA PSICHICA NEL LAVORO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO LE PERSONALITA COME SE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INCONTRO SIPRe-AFPI. Genova 8 maggio 2010 IL RUOLO DEGLI AFFETTI NELLA VITA PSICHICA NEL LAVORO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO LE PERSONALITA COME SE"

Transcript

1 INCONTRO SIPRe-AFPI Genova 8 maggio 2010 IL RUOLO DEGLI AFFETTI NELLA VITA PSICHICA NEL LAVORO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO LE PERSONALITA COME SE di Anna Maria Loiacono Il tema di questa giornata è il ruolo degli affetti nell organizzazione psichica del soggetto, nella diagnosi e nel lavoro terapeutico. Ho isolato la questione delle personalità come se in quanto mi sembra paradigmatica: origina nella psicopatologia con Helene Deutsch, che la riferisce alla patologia schizofrenica nel suo scritto del 1942, mentre il biografo ed esecutore testamentario culturale della Deutsch, Paul Roazen, la trasporta nella dimensione sociale della politica e della personalità del politico nel suo scritto del Partirò pertanto dall inquadramento teorico della questione degli affetti e cercherò di chiarire i miei riferimenti concettuali, cominciando con la distinzione tra emozioni, sentimenti ed affetti nel significato dei termini: a) il termine emozioni è riservato alla componente neurobiologica (v. E.Jacobson, La depressione); b) il termine sentimenti sta ad indicare invece quegli affetti legati all Io, cioè quegli affetti che assumono il significato che si attribuisce 1

2 a ciò che si sente, nominati attraverso il linguaggio (Sandler; Lowenstein). c) per il termine affetti prenderò invece come riferimento la teoria degli affetti in David Rapaport. Per Rapaport il significato clinico degli affetti è una questione di enorme complessità, poiché denominiamo affetto una gamma di fenomeni molto ampia, per cui rischiamo di essere fuorviati dal termine sia nel lavoro diagnostico che in quello terapeutico. Secondo Rapaport manca una visione sistematica dei rapporti tra tutti i fenomeni che chiamiamo in tal modo, e mi risulta che attualmente le cose non siano cambiate al riguardo. Cito Rapaport: Chiamiamo affetto non solo la rabbia del bambino (che più tardi incontriamo nelle collere e nelle scariche distruttive di alcuni catatonici) e l ira dell adulto accompagnata dai movimenti espressivi corrispondenti e da altre concomitanti fisiologiche, ma anche i sentimenti soggettivi di quegli adulti ben controllati i quali mostrano scarsa o nulla espressione di affetto, nonché l ira degli individui compulsivi ipercontrollati i quali semplicemente sanno che potrebbero essere o dovrebbero essere arrabbiati. Chiamiamo affetti anche quelle esibizioni che impressionano l osservatore come istrioniche o affettate, e che certi tipi di carattere sono inclini a produrre sia come esagerazione di affetti esperiti che come sostituto di affetti non provati. Non è molto chiaro come queste manifestazioni siano collegate agli affetti come se di quelle personalità schizoidi descritte da Helene Deutsch (1942). potremmo aggiungere che, da un lato, l inibizione nevrotica e la limitazione dell Io decurtano la gamma di intensità e variabilità delle esperienze di affetto; dall altro, i processi di regressione portano alla ribalta accessi affettivi sregolati e sfrenati la cui gamma e variabilità sono minime, pur essendo l intensità notevole. (Rapaport, 1953). Cito quindi la definizione di personalità come se di H.Deutsch: esteriormente vive come se avesse una capacità emotiva completa e sensibile. Per lui 2

3 non c è differenza tra le sue forme vuote e ciò che altri realmente provano -questonon è più un atto di rimozione ma una perdita reale dell investimento dell oggetto. (Deutsch, 1942). Gli affetti, dunque, o sono energia indifferenziata, intrapsichica, che si può scaricare o meno e trovare regolazione e differenziazione attraverso l intensità - da questo prese le mosse il primo Freud per la concettualizzazione sul piano tecnico della teoria catartica della terapia psicoanalitica, in cui attraverso l abreazione l affetto poteva essere scaricato, anziché represso o rimosso -; oppure, gli affetti sono riconoscibili solo quando si legano al pensiero e al linguaggio e prendono la forma di sentimenti. Se poniamo il concetto di affetto come energia indifferenziata che può o meno scaricarsi, l elemento determinante diventa l intensità e la sua regolazione. Questa ipotesi costituisce uno dei cardini delle prospettive traumatologiche oggi in voga. Se prendiamo invece il concetto di affetto che si lega col pensiero e quindi col linguaggio, vediamo che la sua rappresentazione nella coscienza diventa determinante ai fini della rappresentazione di sé e dell identità. In questa direzione la differenziazione degli affetti si presenta sotto forma di sentimenti che prendono contenuto attraverso la differenziazione linguistica. Questa prospettiva si presenta oggi nei collegamenti tra psicoanalisi e fenomenologia. E questa ipotesi che introduce la trappola del come se, in cui lo stesso strumento, la parola, che serve a riconoscere, regolare ed 3

4 esprimere diventa strumento di alienazione degli affetti stessi tramite il linguaggio. In questo senso potremmo riferirci sia alle disquisizioni sulla falsificazione del linguaggio del giovane Torless di Musil, sia all alienazione delle emozioni nel giovane Holden, per evidenziare la reimmissione degli affetti proceduralizzati come affettività da innesto, tramite un pensiero precedentemente esternalizzato. Le esteriorizzazioni formali vengono reimmesse nell individuo non più abituato a riconoscere da solo i propri affetti e le proprie emozioni. Un individuo che finisce col conoscerli nella triangolazione col guru di turno. Assistiamo così al fenomeno dell innesto dei sentimenti, alla affettività da innesto: una specie di vademecum su quello che si deve provare. Viene evitata, quando non uccisa, ogni forma di possibile spontanea autenticità, inaugurando, glorificato come vincente, il più piatto e meschino conformismo. Questa premessa per introdurre la tesi centrale del mio discorso di oggi: sottrarre cioè il concetto di personalità come se alla psicopatologia, nell ambito della quale H.Deutsch lo sviluppa, trasportandolo nell ambito della normalità sociale sulla falsariga della concettualizzazione di Paul Roazen nel contributo Personalità come se e politica, fino a giungere nella stanza d analisi, nel cuore del lavoro analitico. Nel saggio di Roazen, il politico, il leader, esprime il successo dell arrembaggio sociale e individuale. Il processo di legame col leader non è identificatorio ma imitativo, dunque non entra sul livello della memoria, non c è fissazione di continuità possibile, perché non c è nessuna identità a sorreggerlo con capacità di persistenza, a partire dal vestiario, dal Tasmania grigio ferro d obbligo alle scarpette gialline, 4

5 insomma comunque basato sull immagine pura. La cultura della rappresentazione è infatti una cultura visiva e noi sappiamo che la vista è il senso più fallace. Ortega y Gasset ci avvertì già negli anni venti della differenza tra una scatola piena di idee e la facoltà di pensare criticamente: le idee senza pensiero critico possono essere soltanto affermate, e spesso vincere. Pertanto, l affermazione di un idea risulta particolarmente correlata alla possibilità di abbassare il livello di vigilanza, come l uso di quelle funzioni mentali che si oppongono all ipnosi, alla suggestione, alla sostituzione della realtà con la fantasia. Di certo non la fantasia creativa, ma quel sottoprodotto psichico che scambia per fantasia e desiderio individuale la fuoriuscita dalla scatola dei prodotti preconfezionati della massificazione. (Galli, 1995) Continuando ad applicare la profondità del pensiero psicoanalitico alla comprensione dei comportamenti collettivi, applicazione iniziata da Freud con Psicologia delle masse e analisi dell Io, del 1921, non possiamo non vedere come, attraverso la propaganda dei mass media, si procede a quella che potremmo definire una vera e propria educazione a diventare personalità come se, nel senso del contributo di Roazen sopra citato. Cito Galli: Oggi si parla molto di valori, di soggetto, di persona, spesso confondendo individualità e individualismo. Di fatto, non si recupera il singolo ma lo si separa dagli altri, facendo sentire i bisogni come propri in un sistema di ripetizione di bisogni separati e identità. Si formano aggregati di solitudine, di separatezze, di separazioni organizzative che forniscono lo spazio per l identificazione col successo dell arrembaggio. L ingrediente di persistenza è garantito dal senso di impunità, non intesa sul piano individuale, come paura o meno del singolo di essere punito, ma come valore condiviso tramite l azzeramento della memoria storica. E irrilevante che il singolo venga scoperto e punito: egli scompare nel buco della storia, sull onda dei tanti successi rapidi che coltivano il terreno della rapina sociale e dello sfruttamento. Le tragedie che hanno accompagnato, negli ultimi tempi, l irrompere improvviso 5

6 della vergogna in coscienze a lungo addormentate indicano l importanza del recupero collettivo della cultura della vergogna.. (Galli, 1996) In un recente lavoro di Marianna Bolko sul concetto corrente di normalità, è stato dimostrato in senso psicoanalitico, attraverso le ipotesi sviluppate dal Seminario Psicoanalitico di Zurigo, formato da Paul Parin, Goldy Parin-Matthèy e Fritz Morgenthaler, come oggi siano di gran lunga preferite le soddisfazioni narcisistiche a quelle legate all oggetto, con una conseguente perdita progressiva della autonomia critica del pensiero. Cito Bolko: La normalità attuale è anche questo: l alienazione dal mondo interiore, la non consapevolezza dei propri conflitti, ma anche l incapacità di rendersi conto delle forze della realtà esterna che condizionano i propri comportamenti, (2004). Cosa può diventare il lavoro terapeutico rispetto a questo fenomeno sociale? Si dovrebbe avere dei terapeuti che sfuggono a questo processo, ovvero che possano ricoprire quella posizione di sonda indispensabile per cogliere alcuni fenomeni sociali e renderli disponibili alla riflessione collettiva. Ma questa posizione indicherebbe una categoria che possa sottrarsi al conformismo e all adattamento sociale, capace cioè di una opposizione radicale alla massificazione. Ahimè, invece, purtroppo, non mi pare che questo accada in generale, nonostante, mi preme sottolinearlo, la nostra professione avrebbe una tale connotazione etica. La mia sensazione è che attualmente i terapeuti indulgano in un, passatemi il termine, terapeuticismo, al quale sono invitati già dalla formazione. L attenzione massima è alle classificazioni e al risultato terapeutico, all inquadramento della patologia del paziente con conseguenti 6

7 indicazioni sull atteggiamento che si dovrebbe prendere in quel caso. Dunque, indicazioni anche su quello che dovrebbe essere il controtransfert, o comunque indicazioni sulla tonalità emotiva che la relazione paziente-analista dovrebbe avere per ottenere un cambiamento. L icona finale è data dal richiamo costante all autenticità, che spesso ci si guarda bene dal definire in quanto a contenuti, proprio mentre si sciorinano ricette su ciò che si deve fare. Quando faccio lezione agli allievi nelle scuole di specializzazione in psicoterapia, mi intristisco spesso davanti alla frequente domanda: in quel caso o in quell altro, cosa si deve fare? E ovviamente lecito e comprensibile ad apprendisti di un mestiere avere bisogno di riferimenti che danno sicurezza nell affrontare soprattutto le prime esperienze della nostra professione, tuttavia mette in luce quanto sia presente più l esigenza del che fare rispetto a quella del comprendere attingendo alla propria interiorità. In sintesi, mi è facile comprendere quanto il timore di incontrare l altro nella stanza d analisi metta a nudo il proprio bisogno di seguire un tracciato, soprattutto imitando vie già percorse e note. Quello che mi è meno comprensibile sta invece nel fatto che gli analisti più esperti, quelli che, come me, formano i futuri colleghi, siano spesso essi stessi a farsi portatori di un conformismo sconfortante, nel suo ripetersi di ricette sciorinate ed impartite come verità di dottrina che rischia di tramutarsi in verità di fede. La domanda finale è dunque: in che misura il conformismo psicoanalitico è il come se collettivo del nostro mestiere? Vorrei avere risposte al riguardo ma non le ho. 7

8 Generalmente, mi sforzo di trasmettere come cerco di risolvere i problemi che attraverso e non le soluzioni che mi hanno insegnato e/o che ho trovato con fatica nel mio percorso. Insomma, non sono a mio agio con le dottrine e posso trasmettere solo passione per la ricerca. Ritengo che, in un percorso a voce bassa, sommessamente, questo possa essere percepito e toccare le coscienze, senza illusioni messianiche. Un percorso da clerici vagantes, che seminavano spinta alla conoscenza, ma non la gestivano. Io gioco così il mio ruolo. Mi sento un po così, nel percorso, qualche volta ho incontrato me stessa e alcune volte mi sono spaventata. Non so quello che bisogna fare ma ho molte certezze su quello che la nostra storia ci ha insegnato a non fare. In questo periodo sto affrontando con parecchia angoscia il ripetersi e riprodursi di storie senza memoria. CASO CLINICO Ho pensato di portare una esemplificazione clinica per evidenziare la specificità peculiare del concetto di personalità come se e le difficoltà che si possono incontrare nel diagnosticarla. Ringrazio la collega che mi ha dato il permesso di trascrivere la storia del caso, portato in un gruppo di supervisione qualche mese fa. 8

9 P. ha 40 anni. E un bell'uomo dal corpo giovanile ed atletico. E' laureato ed attualmente dirige con un socio più anziano l'azienda paterna. P. è socio di minoranza per volere del padre. E' sposato da alcuni anni con una donna descritta da lui 'bellissima' ed ha un figlio di 3 anni. E' figlio di un imprenditore appartenente ad una famiglia numerosissima, tutti imprenditori nello stesso settore commerciale avviato dal nonno paterno. La madre è una donna che colma il proprio vuoto dedicandosi a spese continue per l'estetica, vestiti, gioielli, regali. Cronicamente depressa, in cura farmacologica, ha tentato il suicidio quando P. aveva 5/6 anni. Ricatta il marito. P. ricorda litigi continui dei genitori e minacce di separazione. P. dice d'aver avuto una funzione di mediazione e di sostegno della mamma. Ha due sorelle: una maggiore e una minore, che attualmente vivono lontano. P. è stato allevato dalla mamma e da una 'tata'. Quest'ultima era una povera ragazza cresciuta nella loro famiglia verso la quale ricorda d'aver provato sentimenti di repulsione. Di lei ricorda scherzi sadici: ad esempio, svegliarlo di notte. Della sua infanzia riferisce di essere stato al centro dell'attenzione in quanto figlio maschio; di aver svolto ruoli di leader di divertimento con i coetanei; di aver vissuto momenti di malinconica solitudine sentendosi l''incompreso'; di aver sempre fatto in modo di corrispondere alle aspettative dei genitori. E' stato operato per fimosi all'età di 4/5 anni. E' vivo in lui il ricordo dell'accudimento eccitante sull'asse del WC da parte sia della mamma che dalla tata. Ha dormito nel lettone fino alla pubertà e poi fino a 16 anni nel letto con le sorelle. Quando non lo volevano, dormiva in terra a fianco del loro letto, oppure in bagno vicino al wc. La madre si dilettava con giornaletti pornografici che lui scopre e adopera come fonte di eccitazione fino a 16 anni; ha il feticismo del piede: si eccita alla vista del piede femminile. 9

10 Da quando ha memoria ha episodi di tipo dissociativo: si vede dall'alto nel mentre il suo corpo è sdraiato, in stato vigile. In età adulta ha avuto parecchie brevi relazioni con belle donne, non sempre soddisfacenti sessualmente: non conclude il rapporto o è impotente. Solo con l'attuale partner il rapporto sarebbe soddisfacente, anche perchè riferisce che lei fa molto perchè ciò avvenga. Per il problema dell impotenza si è sottoposto a due brevi terapie (ipnotica e cognitiva), nel passato. Ha frequentato gruppi di amici di famiglie bene con i quali ha condiviso esperienze goliardiche e comportamenti disordinati. Non ha fatto particolare uso di droghe contrariamente a loro, ma di alcolici. Attualmente sta riprendendone la frequentazione in modo moderato. Viene alla consultazione psicoterapeutica su invio del medico di famiglia per un disturbo depressivo. Nell estate appena passata ha sofferto di una crisi depressiva con attacchi di panico, fobia sociale, in vacanza piangeva in continuazione e non usciva dalla camera. E in cura neurologica con antidepressivi, ansiolitici, sonniferi. Le due cause scatenanti sarebbero state: prima la diagnosi, poi smentita, di tumore fatta al padre, che avrebbe comportato per lui l assunzione di tutte le responsabilità economiche e di conduzione dell impresa e della famiglia d origine; poi l episodio acuto di encefalite, che lui chiama meningite, con coma e ricovero in ospedale per 10 gg. Esce da questa esperienza con un senso di frammentazione, fragilità, intense paure e ansia generalizzata, vissuti paranoidei riguardanti l invalidità. E ricorso, con l idea di aiutarsi, anche alla vena mistica: dice dio mi ha aiutato a far guarire mio padre e dio mi ha fatto accadere questo male fisico per punizione, dunque un dio buono ma anche cattivo. 10

11 La richiesta alla consultazione è quella di riuscire a ritornare sicuro e felice come prima dei traumi. La terapia in questa prima fase si focalizza su ciò che gli è accaduto psichicamente per cui oggi sta così male, di ciò che può aspettarsi da un lavoro psicoterapeutico: ripristinare un equilibrio diverso da quello di prima del crollo. Viene concordata una psicoterapia di tre sedute la settimana, poi ridotte a due. Nella prima settimana a tre sedute, la terza P. non si presentò: anziché andare alla seduta, gioca a calcetto e torna in stampelle mostrando alla terapeuta attraverso il corpo le sue intenzioni di portare a due sedute il lavoro, ma soprattutto mostrando il suo Sé fratturato. Dalle prime sedute P. porta importanti idealizzazioni del lavoro analitico e dell analista (lei chiede sogni, lui li porta; lei chiede dati, lui ne fornisce in abbondanza; etc ma, nonostante ciò, la terapeuta ha spesso la sensazione di qualcosa di vuoto); seduzioni; sogni erotici con figure materne. La terapia si presenta subito molto difficile date queste difese primitive e massicce. Emergono diversi acting: monetine che lascia sul lettino, va in bagno prima e dopo la seduta, lascia acceso il cellulare a cui risponde. Da una parte valorizza la terapia, ma dall altra con questi acting mostra la difesa della svalutazione. Manifesta una debolezza egoica quando mostra di non essere sempre adeguato alla realtà e quando tende a confondersi con l altro. Nella prima parte del lavoro (alcuni mesi: dicembre-aprile) la terapeuta cerca di mostrargli realtà e confini per favorire una maggior separatezza e inizia un cauto lavoro sulle difese in quanto P. tende a cambiarle per compiacerla. La terapeuta ha pensato ad una patologia borderline per i seguenti motivi: innanzitutto il rapporto incestuoso con la mamma con la quale non ha avuto solo fantasie sessuali o sogni, ma elementi confusivi reali. Ha usato ed è stato usato in senso erotico. Fa quello che pensa voglia l altro femminile. Il super-io appare poco sviluppato: un po funziona nel lavoro ma non in altre aree. 11

12 La difficoltà a separarsi è segnalata dal fisico, dagli agiti, perché non è capace di esprimerla mentalmente. Ad es.: prima di una interruzione per le vacanze ha portato in seduta un repertorio di disturbi fisici: gastrici, tachicardie, impotenza sessuale. Così come dovendo fare il suo primo viaggio con sua moglie e il figlio per trascorrere la vacanza senza il clan familiare non ce la fa a non allarmare la mamma con una telefonata con la scusa della febbre del figlio. Alla ripresa delle sedute il transfert viene interpretato. La rabbia sembra più di tipo narcisistico, ma l impulsività, il tendere ad agire sembrano essere all analista più su una linea borderline. L ambiente familiare originario, connotato da disaccordo emozionale e da comportamenti simbiotici compensatori, non ha favorito chiarezza di ruoli, confini, ma ambiguità. Infine, per la terapeuta si tratta di patologia narcisistica con funzionamento ad un livello borderline. COMMENTO AL CASO La prima cosa che si può sottolineare riguarda il fatto che P. tende sin da subito ad idealizzare la terapeuta, ed inoltre è compiacente, mentre i suoi racconti di storia personale rivelano alla terapeuta qualcosa di vuoto. Nell ipotizzare una struttura di personalità narcisistica, è mio parere che si possa pensare in particolare ad una personalità come se : P. infatti non porta ciò che serve all analista, racconti, sogni, ricordi, ma si presenta direttamente con l esibizione degli organi sessuali. Inoltre, chiedendo alla collega se P. la annoiasse, se avvertisse un senso di non vicinanza, se fosse pesante e se lei non lo vedesse volentieri, la risposta è stata negativa. L ipotesi di personalità narcisistica nella sua accezione più 12

13 piena si può quindi escludere, mentre prende forma l ipotesi che P. voglia tenere la terapeuta distante inondandola di una grande quantità di informazioni. Più che alla depressione e al disturbo borderline, del quale non mi pare compaiano elementi sufficienti, P. fa pensare di aver avuto un crollo narcisistico, per cui sviluppa una sintomatologia tipica degli stati narcisistici (ritiro, chiusura, etc ), che va però intesa come reazione ad una grave frustrazione collegabile ad angoscia di castrazione, a causa del crollo regressivo dovuto più al livello edipico che a quello narcisistico. Ciò che intendo sottolineare, è che a) o siamo di fronte ad una situazione di patologia narcisistica originaria, per cui P. va portato verso una relazione d oggetto possibile; b) oppure è una reazione narcisistica regressiva, per cui noi lo incontriamo in quel momento ma una relazione d oggetto c è stata. In questo senso, ricordiamo la differenza fatta dalla Deutsch tra rimozione e perdita della relazione d oggetto, a proposito delle personalità come se. Vale la pena di ricordare che la sua storia personale, infatti, rivela un vissuto di stimolazione sessuale intensa in fantasia, in quanto P. racconta nei particolari come avesse trovato i giornalini porno della madre e come fosse stimolato in fantasia anche dalla tata. In questo senso, P. ripropone alla terapeuta quello che gli è stato fatto cercando di evitare di entrare in rapporto fusionale con lei attraverso l esibizione della sessualità. Secondo questa linea, le risposte più che doviziose su tutti gli accadimenti che P. porta copiose diventano allora espressione del suo bisogno di distanza. Riguardo all esibizione della sessualità, va qui ricordato inoltre che P. è stato circonciso all età di 5/6 anni, al culmine cioè della fase edipica. Questo suscita il timore di castrazione nello scontro col padre. Questo genere di pazienti restano sempre in bilico tra un passo avanti nell edipo, con sfida, da cui deriva loro angoscia di castrazione, e il ritorno indietro. Essi si 13

14 esauriscono in questa lotta. Tali salti avanti e indietro vengono spesso scambiati per salti dell umore, mentre è invece la loro collocazione strutturale di patologia. Sappiamo inoltre che la madre di P., quando il paziente aveva 5/6 anni, aveva tentato il suicidio. Questo ci induce a pensare che fosse una madre che ha cercato invano di riempire il vuoto, tramite lo shopping e il farsi bella. Il padre, invece, si comporta con identificazione col patriarca, ovvero col nonno di P.. La famiglia paterna è una famiglia molto estesa il nonno ha avuto più mogli e numerosi figli. In un certo senso, la famiglia-clan di P.Parin: nel clan lo sforzo per l adattamento è facilitato dal collettivo ma la possibilità di sviluppo dell Io individuale è altamente inficiata. La dipendenza dal senso di sicurezza che offre il clan rende difficile la formazione dell Io, l individuo si sente e viene protetto dal clan, soltanto però se resta dentro il clan e ne rispetta le regole. Nei litigi con i genitori P. era il mediatore e si metteva tra di loro, riuscendo a placarli. Quindi, P. fa da connettore, e infatti non si dà ruolo di comando nell azienda del padre, ovvero non si identifica come capo-clan. All età di 43 anni, poco prima dell attacco definito depressivo, che fu attribuito ad una encefalite acuta contratta da P., ci furono gravi problemi nell azienda paterna ed inoltre fu diagnosticato al padre un tumore, diagnosi risultata in seguito errata. In quella occasione, P. temette di doversi assumere in prima persona ogni responsabilità nell azienda e si ritrovò, accanto ad altre operazioni difensive, persino a pregare intensamente Dio affinché il padre si salvasse. P. ha dunque tutti i meccanismi dei nevrotici, comprese le fantasie magiche e le formazioni reattive. Il padre, adducendo a motivo della decisione l encefalite del figlio e quindi il rischio di menomazione delle capacità mentali, lo diseredò e lo esautorò dalla partecipazione al capitale aziendale, rincarando così la dose di castrazione tramite pesante svalutazione e disconoscimento. 14

15 P. racconta che quando si sdraia vede il suo corpo come addormentato dall alto, ed è per lui una sensazione molto sgradevole. Racconta poi che quando è angosciato stacca la spina e si rifugia nella spersonalizzazione. La sua soluzione è dunque il momento autoerotico, come movimento di autonomia che ha le sembianze di ritiro autistico, pur senza esserlo. Questo tipo di soluzioni si trovano spesso nelle storie emozionali con iperstimolazione. Con la terapeuta P. fa esperienza di una donna non intrusiva né oppressiva, per cui P. può finalmente percepire la stima di sé e fare attenzione alla sua parte adulta. Da Kohut in poi, possiamo pensare al narcisismo positivo come continuum. Quindi possiamo parlare di narcisismo originario non come qualcosa di primario che non muta e che rimane patologia, ma come equilibrio narcisistico. A me sembra che P. avesse un suo equilibrio, viene poi colpito alla testa, viene diseredato, come castrato, e crolla. Non doveva crollare? Questo crollo ha una storia. Infine, il discorso può tutt al più essere di fragilità narcisistica, ma non di patologia narcisistica. P. sviluppa come operazione difensiva il come se, perché non avverte gli affetti, ma li rappresenta, anche con intensità; essi danno però all altro la sensazione che manchi qualcosa. Spesso, riguardo a questo genere di pazienti, si pensa anche al falso Sé di Winnicott. Ma una cosa è considerare una fenomenologia nell ambito dello sviluppo della personalità, l altro è considerare un sistema di concettualizzazione del Sé. In Winnicott il vero Sé è nucleare e immutabile nel tempo e si declina attraverso il falso sé nel rapporto col mondo. E quindi un nucleo di persistenza. La personalità come se, attiene alla organizzazione strutturale della personalità, tramite la quale la persona cerca di evitare di percepire i propri disturbi emozionali, dando al contempo l impressione di una completa normalità. Per finire, il concetto di personalità come se è un concetto strutturale legato alla vita quotidiana della gente Se lo facessimo rientrare in 15

16 classificazioni varie, finiremmo inevitabilmente col perdere di vista la diffusione sociale dei fenomeni, finiremmo, insomma, col tradire proprio una delle funzioni più attinenti alla nostra professione: quella di registrare e denunciare tutte le manifestazioni di massificazione e alienazione dell individuo, come se anche noi fossimo intrappolati a nostra volta in un conformismo, come se, appunto. Anna Maria Loiacono Analista Didatta e Supervisore dell Istituto H.S.Sullivan di Firenze Past President della Associazione Fiorentina di Psicoanalisi Interpersonale Membro Delegato dell International Forum of Psychoanalytic Societies Membro dei Seminari Internazionali di Psicoterapia e Scienze Umane di Bologna Membro OPIFER 16

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro

I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro I primi colloqui dello psicologo in Hospice: uno strumento di lavoro Le riflessioni del Gruppo Geode Anna Porta Psicologa Hospice l Orsa Maggiore Biella HOSPICE EQUIPE Psicologo Medici Infermieri OSS Volontari

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

La depressione: sintomi e cura

La depressione: sintomi e cura La depressione: sintomi e cura a cura di Cinzia Gatti La fine di un amore, la morte di una persona cara, la perdita del lavoro possono suscitare sentimenti di tristezza e desolazione, far nascere sensi

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE?

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? Ogni genitore desidera essere un buon educatore dei propri figli, realizzare il loro bene, ma non è sempre in armonia con le dinamiche affettive, i bisogni,

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante. di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus

Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante. di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus PRINCIPI DELL INTERVENTO EFFICACE NEI CASI DI SOSPETTO ABUSO

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76.

Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76. Relazione psicologica su Bruno Contrada di anni 76. Dott. Marco Lipera Dott.ssa Alessandra Leucata Psicologo, Psicodiagnosta Psicologa Clinica e Giuridica Via Trieste n.19, Catania 95127 Psicodiagnosta

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche. Dr.ssa Laura Cinzia Castro

La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche. Dr.ssa Laura Cinzia Castro La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche Dr.ssa Laura Cinzia Castro L'IMMAGINE CORPOREA L immagine corporea è un elemento chiave dell identità

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Non poter avere figli: il supporto che cura

Non poter avere figli: il supporto che cura Non poter avere figli: il supporto che cura Sterilità, infertilità, fecondazione assistita: diagnosi pesanti, appesantite dal dubbio di non poter avere (mai) figli. Si supera? Ne parliamo con Emilse Dumit,

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Caserta, 10 Gennaio 2014 Psicologa/Psicoterapeuta Consultorio Istituto Toniolo Napoli

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Dottor Gino Aldi Psicoterapeuta Partecipante Sostenitore fondazione Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Definiamo la salute La salute è uno stato

Dettagli

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO ASPETTI BIOETICI, LIVELLI ASSISTENZIALI E RETE DEI SERVIZI Rovereto, 16 ottobre 2009 Auditorium Melotti MaRT L assistenza al morente Massimo Petrini Centro di

Dettagli

EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT

EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT E BUONA NORMA NON SOTTOVALUTARE NESSUN CASO PERCHÉ: In una percentuale significativa di essi si potrebbe andare incontro a patologie ad insorgenza

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra l importanza di una diagnosi precoce GLI INSEGNANTI DICONO CHE mio figlio.. è troppo frettoloso o lento; è intelligente ma svogliato, è distratto,

Dettagli

L HOME VISITING COME ESPERIENZA DI RICONOSCIMENTO DEL PROPRIO SÉ MATERNO. Sara Vessella

L HOME VISITING COME ESPERIENZA DI RICONOSCIMENTO DEL PROPRIO SÉ MATERNO. Sara Vessella L HOME VISITING COME ESPERIENZA DI RICONOSCIMENTO DEL PROPRIO SÉ MATERNO Sara Vessella GENOGRAMMA DELLA FAMIGLIA NUCLEARE S. 42 anni parrucchiera A. 42 anni imbianchino V. neonato Invio: Ospedale Careggi

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Diagnosi : sindrome da alterazione globale dello sviluppo psicologico. Seguito dall insegnante di sostegno (già dallo scorso anno) per 16 ore settimanali. Inserito

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

L OGGETTO TRANSIZIONALE

L OGGETTO TRANSIZIONALE Istituto di Alta Formazione Roma Scuola di Specializzazione in Psicoterapia dinamica breve L OGGETTO TRANSIZIONALE Dott.ssa Porto Immacolata 1 Premessa Vieni al mondo in modo creativo,crea il mondo; è

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino

Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Percezione e Rappresentazione del terremoto nel bambino Salvatore Settineri C. Mento - G. Gioffré N. Gambardella Università degli Studi di Messina Dipartimento di Neuroscienze, Scienze Psichiatriche e

Dettagli

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale

Dolore frustrazione e. legami affettivi. nel ciclo vitale Dolore frustrazione e legami affettivi nel ciclo vitale Dottoressa Tiziana Mizzoni Psicologa e Psicoterapeuta Gestazione Spazio mentale del bambino Pensare Individuale Pensare Comune Maturità della Coppia

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA Ricordare che l 80% dei malati vive in famiglia! (indagine Censis 2006) Chi è il caregiver? (letteralmente: colui che presta assistenza) Un familiare Un

Dettagli

Distruzione e danni in casa. Scritto da Davide Mercoledì 27 Ottobre 2010 09:20 -

Distruzione e danni in casa. Scritto da Davide Mercoledì 27 Ottobre 2010 09:20 - Si tratta di un comportamento tipico dei cuccioli che si manifesta in particolare in relazione al cambiamento dei denti. Può capitare che tale comportamento continui anche una volta che il cane raggiunge

Dettagli

Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta

Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta Confusione nell ambiente: cos è un dsa Fino a che una persona non si mette nei panni dell altro è facile sentir parlare di DSA

Dettagli

Prendersi cura delle relazioni in famiglia. Dott.ssa Arcaini Francesca Centro per il Bambino e la Famiglia Asl di Bergamo Bergamo, 21.05.

Prendersi cura delle relazioni in famiglia. Dott.ssa Arcaini Francesca Centro per il Bambino e la Famiglia Asl di Bergamo Bergamo, 21.05. Prendersi cura delle relazioni in famiglia Dott.ssa Arcaini Francesca Centro per il Bambino e la Famiglia Asl di Bergamo Bergamo, 21.05.14 Prendersi cura, "take care", avere a cuore Credo che il miglior

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

UN SORRISO PER GUARIRE

UN SORRISO PER GUARIRE UN SORRISO PER GUARIRE Mi chiamo Giulia, ho 24 anni e questa è la mia storia. Fino ai 14 anni la mia vita è stata serena, sono sempre stata una bambina vivace, piena di vita, tutti mi definivano un vulcano

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO PERCEPIRE IL PROBLEMA, AVENDO BEN CHIARA LA DIFFERENZA

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Prevalenza e incidenza delle malattie psichiatriche, psichiatriche sistemi di classificazione lassificazione e principi per la valutazione Unità 1 Clinica

Dettagli

Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini

Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini Sento le voci Ricerca e Studio sulle allucinazioni uditive Cristina Contini Enrico Molinari Maria Quarato Alessandro Salvini QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL FENOMENO DELL UDIRE VOCI Se lei ha, o ha avuto,

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

La Valutazione dello Stress del caregiver

La Valutazione dello Stress del caregiver La Valutazione dello Stress del caregiver P.M. Rossini, L. Quintiliani, E. Cassetta AFaR, Ospedale Fatebenefratelli Isola Tiberina, Roma CAREGIVING Insieme di processi assistenziali forniti ad un soggetto

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Omosessualità e normalità

Omosessualità e normalità INTERVENTO DI JOSEPH NICOLOSI PSICOLOGO Omosessualità e normalità Il dott. Joseph Nicolosi si occupa da diversi anni di terapia riparativa dell'omosessualità; è cofondatore e direttore dell'associazione

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano La PdV nella cura della depressione dell anziano Marzia Corigliano Sempre più numerosi sono gli anziani che conservano un buono stato di salute fisica e mentale ma in questa fascia di età aumentano le

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

PRESTO E BENE. Il sostegno nelle situazioni di Pronto Intervento. Relazione di Margherita Gallina Assistente sociale

PRESTO E BENE. Il sostegno nelle situazioni di Pronto Intervento. Relazione di Margherita Gallina Assistente sociale PRESTOEBENE. IlsostegnonellesituazionidiProntoIntervento RelazionediMargheritaGallina Assistentesociale Iltemacheabbiamosceltoperquestocorsoèdinotevoleinteressepoichépresentanotevolidifficoltà perl operatoreeperiresponsabilideiservizi:siaperlagravitàdellesituazionichesipresentanosia

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli