BENZINE. le energie della tua mente. Un ringraziamento particolare. Catalogo testi. Concept allestimento Iosa Ghini Associati.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BENZINE. le energie della tua mente. Un ringraziamento particolare. Catalogo testi. Concept allestimento Iosa Ghini Associati."

Transcript

1

2

3 BENZINE le energie della tua mente Un idea e una produzione Fondazione Marino Golinelli in collaborazione con La Triennale di Milano Un progetto di Giovanni Carrada Scienza a cura di Giovanni Carrada Arte a cura di Cristiana Perrella Assistente curatore Alessandra Troncone con il patrocinio sponsor Con il Patrocinio di Ministero per i Beni e le Attività Culturali Rai Segretariato Sociale Città e siti italiani/patrimonio Mondiale Unesco Accademia Nazionale dei Lincei Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca /USR Emilia-Romagna Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca /USR Lombardia Regione Emilia-Romagna Regione Lombardia Provincia di Bologna Provincia di Milano Comune di Bologna Comune di Milano Alma Mater Studiorum Università di Bologna Expo 2015 Istituto Mario Negri di Milano Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Bologna Main sponsor Alfa Wassermann Sponsor CAST Centro Arte, Scienza e Tecnologia IMA MARPOSS Confcommercio Ascom - Provincia di Bologna Unindustria Bologna Banca Popolare dell Emilia Romagna main sponsor Concept allestimento Iosa Ghini Associati Progetto e testi exhibit Giovanni Carrada Progetto grafico della mostra e della comunicazione Raffaella Ottaviani Maria Teresa Pizzetti Documentazione iconografica Manuela Fugenzi Video e videografiche: storyboard e regia Raffaella Ottaviani Maria Teresa Pizzetti voce Francesco Prando animazione e montaggio Roberto Baldassari ottimizzazione Marcello Rossi musiche Paolo Modugno Marco Rosano post-produzione audio oasi studio Realizzazione allestimento Arredart studio Zola Predosa (BO) Ufficio Stampa Delos servizi per la cultura Milano Catalogo testi Giovanni Carrada Cristiana Perrella con interventi di Marino Golinelli Annamaria Testa progetto grafico Raffaella Ottaviani Maria Teresa Pizzetti coordinamento Fiorella Buffignani redazione schede opere Alessandra Troncone Fotografie e filmati British Movietone collection/ap Archive Archivio e Centro Storico Fiat Archivio Nazionale Cinema d Impresa Fondazione CsC, Ivrea. Filmati Olivetti per gentile concessione dell Associazione Archivio Storico Olivetti Archivio Storico Luce Bridgeman Art Library/Archivi Alinari Getty Images Ken Garland Keystone Archival films from the collections of the Library of Congress Science Photo Library/Contrasto Illustrazioni Darwin: cortesia John van Wyhe ed. The Complete Work of Charles Darwin Online. (http://darwin-online.org.uk/) Contributi video Apple Store New York City di Sumit Soncker Pastry Chef Alban Barta di wbpstarscom BMW Production di clubrt Angry Birds Space di RovioMobile Open rehearsal Sir Roger Norrington di ic247tv Occupy: London Stock Exchange di TheGuardian Working at Google Krakow di Life at Google Bike Blenheim Championships di blenheimpalace Ferrari F1 di Norwell9Productions Elisabetta Ghirardini - laboratorio di restauro; di Silvia Degani Show Me What You re Made di Jnas24 We Are Embraer di Embraer Calcutta life and death di Joelevil Elblog-De Tokyo Echoes di BlueEdenHD Intel Factory Tour di NewsFrom TheShed Un ringraziamento particolare Comune di Bologna per la collaborazione ed il concreto sostegno Fondazione Corriere della Sera per la collaborazione nella realizzazione a Milano degli incontri collegati alla mostra Si ringraziano Gli artisti I prestatori Dale Mc Farland, Toby Kress Frith Street Gallery, London Cristina Guerra, Inês Teixeira Cristina Guerra Contemporary Art, Lisbona Umberto Raucci, Carlo Santamaria Raucci/Santamaria Gallery, Napoli Umberto Di Marino Maria Di Niola Galleria Umberto di Marino, Napoli Sree Banerjee Goswami, Priyanshi Saxena Project 88, Mumbai Nils Staerk, Nikolaj Stobbe, Anne-Mette Schultz Nils Staerk, Copenhagen Heide Häusler Sprüth Magers, London/Berlin Andrew Richards Catherine Belloy Marian Goodman Gallery, New York Bjorn Alfers Galerie Eva Presenhuber, Zürich Si ringraziano inoltre Fondazione Guglielmo Marconi per il prestito dell apparato del primo esperimento di Marconi Jeanette Winterson Extract from The Secret Life of Us by Jeanette Winterson translated into italian reprinted by permission of Peter Fraser & Dunlop (www. peterfraserdunlop.com) on behalf of Jeanette Winterson

4 Fondazione Marino Golinelli Fondatore e Presidente Marino Golinelli Consiglio di Amministrazione Presidente Marino Golinelli Vice Presidente Andrea Zanotti Consiglieri Andrea Bonaccorsi Dario Braga Marco Cammelli Filippo Cavazzuti Luca De Biase Stefano Golinelli Andrea Zanotti Collegio dei revisori Sergio Parenti Antonella Vannucchi Direttore Generale Antonio Danieli Area Formazione ed Educazione Giorgia Bellentani Area Comunicazione e Relazioni esterne Sara Mattioli Area Progetti Speciali Fiorella Buffignani Area Amministrazione Daniele Vandelli Ufficio stampa e Content editor Annalisa Perrone Segreteria generale e organizzativa Cristina Lertora Segreteria didattica e organizzativa: Pier Francesco Bellomaria Lucia Tarantino Responsabile per la sicurezza Marcello Verrocchio Life Learning Center Divisione formativa e didattica Scuole Secondarie Responsabile del laboratorio e delle attività didattiche Raffaella Spagnuolo Didattica e rapporti con le scuole Patrizia Zambonelli Segreteria didattica Stefania Barbieri Assistenti di laboratorio Giuliano Matteo Carrara Maria Chiara Pascerini Tutor di laboratorio Senior Sara Bernardi Alessandro Saracino Tutor di laboratorio Junior Lorenza Camaggi Pia De Paola Paolo Manzi Stefania Zampetti Life Learning Center si avvale del supporto di un gruppo di tutor qualificati laureati, dottorandi o dottorati. Start Laboratorio di Culture Creative Divisione educativa scuole primarie e dell infanzia Responsabile Antonio Danieli Coordinamento operativo Giorgia Bellentani Tutor di laboratorio Gigliola Fuiano Sara Giovacchini Eliana Lacorte Pierdomenico Memeo Vanessa Nicastro Amalia Persico Supervisione scientifica area 2/5 anni START si avvale del supporto dei Servizi educativi del Comune di Bologna Comitato scientifico START si avvale della collaborazione di eminenti esperti scientifici START si avvale inoltre del supporto di un gruppo di tutor qualificati laureati, dottorandi o dottorati. Fondazione Marino Golinelli è partner di La Triennale di Milano per Arte e Scienza Fondazione La Triennale di Milano Consiglio d Amministrazione Claudio De Albertis Presidente Mario Giuseppe Abis Giulio Ballio Renato Besana Ennio Brion Flavio Caroli Angelo Lorenzo Crespi Carlotta de Bevilacqua Alessandro Pasquarelli Collegio dei Revisori dei conti Emanuele Giuseppe Maria Gavazzi Presidente Alessandro Danovi Salvatore Percuoco Direttore Generale Andrea Cancellato Settore Affari Generali Maria Eugenia Notarbartolo Franco Romeo Settore Biblioteca, Documentazione, Archivio Tommaso Tofanetti Claudia Di Martino Elvia Redaelli Settore Iniziative Laura Agnesi Roberta Sommariva Laura Maeran Carla Morogallo Violante Spinelli Barrile Alessandra Cadioli Ufficio Servizi Tecnici Alessandro Cammarata Cristina Gatti Franco Olivucci Xhezair Pulaj Ufficio Servizi Amministrativi Paola Monti Marina Tuveri Ufficio Stampa e Comunicazione Antonella La Seta Catamancio Marco Martello Micol Biassoni Partner per Arte e scienza Fondazione Marino Golinelli Triennale di Milano Servizi Srl Consiglio d Amministrazione Mario Giuseppe Abis Presidente Giulio Ballio Andrea Cancellato Consigliere Delegato Organo di controllo Maurizio Scazzina Ufficio Servizi Tecnici Marina Gerosa Ufficio Servizi Amministrativi Anna Maria D Ignoti Isabella Micieli Ufficio Marketing Valentina Barzaghi Olivia Ponzanelli Caterina Concone Fondazione Museo del Design Consiglio d Amministrazione Arturo Dell Acqua Bellavitis Presidente Maria Antonietta Crippa Carlo Alberto Panigo Anty Pansera Direttore Generale Andrea Cancellato Collegio Sindacale Salvatore Percuoco Presidente Maria Rosa Festari Andrea Vestita Triennale Design Museum Direttore Silvana Annicchiarico Producer attività museo Roberto Giusti Collezioni e ricerche museali Marilia Pederbelli Archivio del Design Italiano Giorgio Galleani Ufficio iniziative Maria Pina Poledda Ufficio stampa e Comunicazione Damiano Gullì Attività Triennale DesignMuseum Kids Michele Corna Web designer Cristina Chiappini Triennale Design Museum Studio Camuffo Triennale Design Museum Kids Logistica Giuseppe Utano Laboratorio di Restauro, Ricerca e Conservazione Barbara Ferriani, coordinamento Alessandra Guarascio Rafaela Trevisan

5 Immaginare e costruire un nuovo mondo Marino Golinelli Con la mostra BENZINE. Le energie della tua mente il percorso della Fondazione Marino Golinelli sull esplorazione delle connessioni tra arte e scienza è giunto alla sua quarta edizione (le edizioni precedenti: ANTRO- POSFERA, nuove forme della vita nel 2010; HAPPY TECH, macchine dal volto umano nel 2011; Da ZERO a CENTO, le nuove età della vita nel 2012). La mostra, con i laboratori che la accompagnano, è uno degli strumenti adottati dalla Fondazione per favorire e stimolare la curiosità, la creatività, e dunque anche il desiderio di bambini, ragazzi, adulti di cimentarsi in maniera proattiva in iniziative creative. La Fondazione Marino Golinelli infatti si pone l obiettivo di fornire ai giovani - futuri cittadini del domani - e alla cittadinanza, indirizzi e strumenti che consentano loro di crescere responsabilmente, civilmente e socialmente, favorendo il sorgere di una società della conoscenza in grado di crescere, innovare e restare competitiva in un mondo globalizzato. La Fondazione vuole concretamente aiutare i giovani a trovare dentro se stessi la capacità di immaginare e poi di creare qualcosa di nuovo fornendo loro anche strumenti interpretativi concreti della realtà che ci circonda. C è infatti sempre una prima intuizione in forma di immagine (quella che François Jacob chiamava la scienza della notte ) alla base di una nuova impresa umana nella scienza come nell arte, nell imprenditoria o in qualsiasi altro tipo di progetto intuizione che ha poi naturalmente bisogno di altre discipline, metodi e molteplici tecnologie ( la scienza del giorno ) per essere portata concretamente nel mondo.

6 10 _11 La Fondazione interpreta questa idea, dal 2010, con il format stesso delle mostre e, tra i primi, ha proposto di esplorare problemi o ambiti della realtà da entrambi i punti di vista, quello dell arte e quello della scienza. Sarà fondamentale il saper imparare ; ancor più dei contenuti, del cosa, occorrerà porre attenzione al come si sviluppano i processi di apprendimento; formazione, educazione e crescita culturale devono essere considerati come tappe fondamentali di un processo continuo, dall infanzia alla maturità. Occorrerà sviluppare nuovi metodi di insegnamento, allineandosi ai sistemi-paese in tal senso più avanzati. Lo studio delle interconnessioni tra l arte e la scienza si manifesta in tutti gli ambiti di intervento della Fondazione: nei progetti educativi e formativi con le scuole e gli insegnanti, nelle attività culturali per stimolare il dibattito sul futuro del mondo e proporre nuove narrazioni alla collettività, per stimolare e intercettare la creatività naturale dei giovani e dei giovanissimi. Imprescindibile per tutti sarà la capacità di emozionarsi, e di provare la passione per superare i propri limiti, passione intesa nelle sue declinazioni anche più irrazionali come l amore e la rabbia. Come la mostra illustra, ragione ed emozione non vanno in direzioni opposte, ma parallelamente possono procedere verso gli stessi obiettivi. In una visione culturale ampia le BENZINE sono le energie della nostra mente. Energie che già tutti noi possediamo e potremo riattivare per poter guardare al futuro e sperare in una ripresa dello sviluppo sociale ed economico del nostro Paese, soprattutto in un momento di forte crisi come questo. Sono sette le benzine raccontate dalla mostra. L arte sarà importante per aiutarci a immaginare qualcosa di nuovo grazie alla possibilità che questa ci offre di una decostruzione dei punti vista per noi usuali a cui ci riferiamo per interpretare il mondo. Il nuovo ha infatti bisogno di matrici interpretative e cognitive e l arte ci può aiutare a produrne di innovative ed originali. La creatività, sarà sempre più una benzina fondamentale per ideare il nuovo e aiutarci a costruirlo. Non si tratta solo della necessità di nuove invenzioni intese come prodotti e servizi, ma occorre ri-pensare e ri-costruire la società in senso più ampio; la creatività è sintesi tra la visione del progetto e la disciplina nella realizzazione, con l obiettivo di una società solidale. Queste BENZINE, assieme ad altre raccontate dalla mostra, sono già dentro di noi, dobbiamo acquisirne consapevolezza e dobbiamo trovare la capacità di utilizzarle al meglio: scopriamo le energie della nostra mente per progettare il futuro e forse, quella che oggi chiamiamo crisi, domani ci sembrerà una grande trasformazione in un nuovo mondo completamente rivoluzionato, ma che noi sapremo interpretare appieno perché ne saremo stati gli artefici proattivi e non le vittime.

7 LA CREATIVITÀ NEGLETTA NEL PAESE CHE FU IL PIÙ CREATIVO DEL MONDO Annamaria Testa 12 _13 Fino a pochi anni fa, qui in Italia, creatività e creativo erano parole impronunciabili. Tali da evocare, nella migliore delle ipotesi, persone e attività vanitose e modaiole, e nella peggiore un ampia gamma di comportamenti non solo irritanti ma disdicevoli (la finanza creativa, per dire truffaldina. Le soluzioni creative, per dire abborracciate, improbabili e inefficaci). Storicamente del tutto differenti l attenzione e l atteggiamento di altri paesi, e specie del mondo anglosassone, in primis gli Stati Uniti ma non solo, verso l idea stessa di creatività intesa come motore del progresso umano: la preziosa e peculiare attitudine degli individui a scovare soluzioni nuove, a scoprire elementi e connessioni sconosciute, a sperimentare e a inventare. Le idee sul produrre idee È un parroco scozzese, William Duff, a pubblicare nel 1767 An Essay on Original Genius, il primo trattato che prova a indagare le dinamiche della creatività. È l inglese Francis Galton, scienziato eclettico, antropologo, cugino di Darwin e pioniere della biometria a formalizzare per primo la distinzione tra nature e nurture, cioè tra eredità e ambiente, e a segnalare, in Hereditary Genius, quanto l educazione può nel bene e nel male influenzare l esprimersi del talento. Risale agli inizi del secolo scorso una delle prime, e forse ancor oggi la più convincente fra le moltissime definizioni di creatività : fa capo al grande matematico francese Henri Poincaré, che nel 1906, in Scienza e metodo, parla di trovare connessioni nuove, e utili, tra elementi distanti tra loro. Pochi anni dopo è il tedesco Wolfgang Köhler, uno dei fondatori della Psicologia della Gestalt, a coniare il termine insight per definire l illuminazione creativa e a intuirne la natura istantanea e inattesa. Val la pena di ricordare che lo fa descrivendo la performace creativa di Sultano, il più sveglio fra gli scimpanzé ospitati nella stazione zoologica di Tenerife, e mentre in buona parte d Europa infuria siamo nel 1917 la prima guerra mondiale. Così, grazie a Sultano e all ingegnosità degli esperimenti di Köhler, l idea di creatività si estende, anche se con tutte le necessarie distinzioni, ad alcune specie animali superiori. Quali? Ce lo dice Alberto Oliverio: sviluppano comportamenti creativi le specie che sono predatrici e non predate, i cui piccoli giocano e, quando dormono, sognano. A partire dal comportamento dei topi nei labirinti è invece l americano Edward Tolman a intuire, verso la fine degli anni Quaranta, quanto flessibilità e finalizzazione siano importanti per raggiungere un obiettivo, e a formulare il concetto di mappa cognitiva. Un paio di decenni prima, il tedesco Karl Jaspers si è interrogato (1922) sui legami tra genio e follia, mentre nel 1926 l inglese Graham Wallas ha concepito un efficace modello in quattro fasi: preparazione, incubazione, insight e verifiche del processo creativo. E ancora: è l americano Joy Paul Guilford a formulare, negli anni Cinquanta, il concetto di pensiero divergente, che l angloungherese Arthur Koestler riprenderà chiamandolo bisociazione. Negli anni Sessanta è l americano Mel Rhodes a definire, mettendo a sistema la mole di studi prodotti fino ad allora, i quattro fattori che concorrono al verificarsi di un fenomeno creativo: le qualità individuali, il processo mentale attivato, la messa a punto di un prodotto originale e valido socialmente, il contesto socioculturale. Person, Process, Product e Place sono le quatto P della creatività. È l americano Sarnoff Mednick a disegnare il RAT (Remote Association Test), che indaga la capacità creativa di scovare connessioni tra elementi eterogenei, ed è l americano Ellis Paul Torrance a sviluppare, a partire dalle intuizioni di Guilford, il primo test affidabile del pensiero creativo, il TTCT, che prende in esame la fluidità, la flessibilità, l originalità e il grado di elaborazione che connotano i diversi prodotti creativi. Sono, tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, gli americani Gardner e Sternberg a divulgare, anche presso il largo pubblico, un idea di intelligenza come complesso di capacità e di attitudini differenti. In tempi più recenti, è il croato-americano Mihaly

8 14 _15 Csikszentmihalyi a mettere a punto il concetto di flow, lo stato di flusso, la condizione psichica di chi è totalmente immerso in un compito creativo e lo padroneggia. È Dean Simonton dell University of California a dare, al fenomeno della creatività e sulla orme di Francis Galton, una dimensione quantitativa. È Teresa Amabile ad analizzare, presso la Harvard Busines School, le mille relazioni tra creatività dei singoli e creatività di gruppo, innovazione, impresa. E si potrebbe continuare accostando nomi a nomi, intuizioni a intuizioni. Meglio ricordare, invece, che l interesse statunitense nei confronti dei fenomeni creativi subisce un enorme impulso già alla fine degli anni Cinquanta grazie a cospicui finanziamenti governativi volti a difendere la supremazia scientifico-tecnologica americana nei confronti dei sovietici in occasione della Space Race, la gara per la conquista dello spazio. In seguito ci si accorge che ragionare di creatività serve anche a sviluppare l innovazione che mantiene competitive le imprese. Barak Obama, nel discorso per la rielezione del 2012, afferma che gli Stati Uniti resteranno un grande paese non perché hanno un grande esercito, ma perché hanno grandi università. Del resto la creatività è anche, non dimentichiamolo, un importantissimo fattore di adattamento e, come tale, costituisce un vantaggio evolutivo non solo per gli scimpanzé come il Sultano studiato da Köhler ma anche per gli esseri umani, e si traduce in vantaggio competitivo per le nazioni. Gli italiani e la creatività: per quasi tutti un po astuzia, un po dono del cielo In Italia, a parte pochi pionieri inascoltati tra questi è necessario ricordare almeno Gabriele Calvi, autore de Il problema psicologico della creatività a metà anni Sessanta, e Aldo Carotenuto per alcuni scritti il mondo accademico e scientifico appare per decenni piuttosto disinteressato all argomento. Silvano Arieti, autore di Creatività, La sintesi magica, lavora negli Stati Uniti. In tempi più recenti, ben che vada, gli imprenditori più curiosi, i manager più attenti e i lettori di saggistica divulgativa vanno a cercarsi sui bestseller americani che vengono tradotti nella nostra lingua (alcuni meritevoli, altri assai meno) qualche ricetta ready to use per avere idee. Solo da una manciata di anni i lavori di Melucci, Antonietti, Legrenzi, Masi e non molti altri cominciano a destare attenzione e a diffondere qualche prospettiva nuova e più consistente. Non c è dunque da meravigliarsi se la prima grande ricerca sull idea che gli italiani nel loro complesso hanno della creatività, svolta da Eurisko nel 2004, restituisce percezioni superficiali e contraddittorie: per un intervistato su due la creatività è importante per moda (60% di risposte positive) e cucina (43%) per poco più di uno su venti (6% di risposte positive) è importante per l economia. Per la maggior parte degli intervistati, compresi i giovani universitari, la creatività si risolve nel rompere (si noti bene: non nel superare, ma nel trasgredire) le regole, ed è un fatto privato che può rendere la vita più gratificante appagando il narcisismo individuale: magari si traduce in un hobby da coltivare senza troppe pretese nel tempo libero, magari coincide con la capacità di destreggiarsi astutamente in campo lavorativo. Insomma: nella pratica quotidiana, per i nostri connazionali, la creatività non è altro che una versione più sofisticata dell arte di arrangiarsi mentre, se viene considerata in una più ampia prospettiva storica, appare come un misterioso dono del cielo che in passato ha benedetto pochi eletti famosissimi (Leonardo, Michelangelo ), e che tuttora, per motivi altrettanto misteriosi, continua a essere una gratuita benedizione permanente per il Paese. Che, qualsiasi cosa creatività significhi, a molti sembra creativo per definizione, anche se gli unici esempi di creatività che le persone hanno in mente ormai riguardano personaggi resi famosi dalla tv. Da segnalare l eccezione di due gruppi: le élite produttive (professionisti, imprenditori ) dichiarano che creatività vuol dire talento e tenacia, conoscenza, competenza, sfida per ottenere risultati che hanno valore. È una visione condivisa anche dagli anziani, e il dato è meno sorprendente di quanto sembri: si tratta delle medesime

9 16 _17 persone che, nel dopoguerra, hanno saputo, con tenacia e talento, ricostruire l Italia, avviandola a una stagione di espansione e benessere. La pratica della creatività è stata concreta nelle loro mani ed è rimasta intatta nella loro memoria. Creatività, istruzione, caratteri personali e situazioni ambientali Nel 2006 viene pubblicato il rapporto UE/Kea intitolato l Economia della cultura in Europa: si tratta di un grande studio sistematico che prova - cosa non facile - a dare una lettura ampia e organizzata delle dinamiche dell intero comparto delle attività culturali e creative, e a valutarne l impatto economico: editoria, moda, design, cinema e fotografia, radio e tv, web, teatro, videogiochi, arti visive, musei, siti archeologici, turismo culturale i risultati sono impressionanti. L intero settore culturale e creativo in Europa vale, nel 2003, più di 654 miliardi di euro. Fattura più del doppio di tutta l industria dell automobile (271 miliardi) e contribuisce al PIL europeo più di tutte le attività immobiliari. Cresce, in cinque anni, del 12,3% in più rispetto alla crescita economica globale. In quasi tutti i paesi europei il settore della cultura e della creatività dà il maggior singolo contributo alla crescita della ricchezza nazionale. In Italia vale il 2,3% del PIL, in Gran Bretagna il 3%, in Francia il 3,4%. E bisogna considerare un fatto rilevante: per come è strutturato, il rapporto non tiene conto (è un gran peccato, e una carenza che andrebbe rimediata) della creatività espressa nella ricerca scientifica e tecnologica: la ricerca di base e quella applicata e le attività che riguardano l innovazione di processo e di prodotto. Se si riuscisse di nuovo: non è facile a valorizzare anche questi ambiti, e a misurarne le ricadute in termini di valore, si potrebbe finalmente avere la sensazione tangibile di quanto, nel loro complesso e per l economia di una nazione, possono contare le idee. Il rapporto UE/Kea passa, nel nostro Paese, del tutto sotto silenzio. Esattamente come da sempre passano sotto silenzio, o quasi, gli sconfortanti risultati dei test Ocse-Pisa, che misurano la performance scolastica dei nostri ragazzi e segnalano un consistente deficit (oggi in leggero miglioramento), e ancor più preoccupanti disparità territoriali per quanto riguarda la capacità di leggere, scrivere e comprendere testi, la competenza matematica e scientifica e, ahimé, la capacità di problem solving. Si tratta di capacità di base, in assenza delle quali di creatività non si parla proprio. Senza formazione di base e senza preparazione specialistica è impossibile per chiunque immaginare, inventare, e dunque produrre innovazione di valore. È il Nobel Herbert Simon, padre dell intelligenza artificiale, a formulare la Teoria dei dieci anni: non si possono ottenere risultati originali in qualsiasi ambito, dagli scacchi alla fisica quantistica, se non dopo almeno un decennio di costante applicazione, e dopo aver interiorizzato almeno cinquantamila chunks (letteralmente: grossi pezzi ) di informazione. Creatività e cultura: un intreccio indissolubile Creatività e cultura sono intimamente intrecciate non solo negli studi che indagano le dimensioni dell ICC, l industria culturale e creativa. Sono intrecciate perché l una alimenta l altra. La capacità di pensare in modo creativo e di inventare qualcosa di nuovo non è un dono del cielo: è una conquista dell individuo che decide di mettere a frutto un proprio grande o piccolo talento: studia, impara, sperimenta con tenacia ostinata, dedizione e passione. Lo fa per affermare se stesso. Per sfidarsi. Per curiosità e irrequietezza, per tenere sotto controllo un disagio, per trovare una ragione di vita. Lo fa essendo disposto a lavorare in modo intensivo (le persone creative sono in genere workaholic, e il problema non è convincerle a lavorare ma, se mai, a smettere). Raramente lo fa su questo tutti gli studiosi concordano solo per soldi: la motivazione intrinseca (il senso di gratificazione e orgoglio che ciascuno trae dal proprio saper pensare e saper fare, e dall essere riconosciuto come persona capace) è, in termini di produzione creativa, molto più potente di quella estrinseca, costituita da premi materiali: la creatività ha una componente epica che andrebbe rispettata, e mai sottovalutata.

10 18_19 L altro dato da non sottovalutare, per il governante che, magari, decidesse di promuovere e sviluppare la capacità creativa nazionale in funzione anticiclica, è l importanza del contesto nel favorire o contrastare la vocazione creativa dei singoli: e contesto significa tante cose. Istruzione e formazione di buona qualità disponibili per tutti, e valorizzazione sociale dell essere istruiti e formati. Fluidità sociale e meritocrazia. Apertura culturale. Disponibilità di risorse e di finanziamenti, e trasparenza nell allocare le une e gli altri. Alta pressione sugli individui perché raggiungano risultati eccellenti, ma disponibilità degli strumenti indispensabili per raggiungerli. E ancora, capacità di integrare conoscenze, esperienze, generazioni, generi: diversi studi dimostrano che la creatività dei gruppi non è correlata tanto alla creatività individuale dei singoli partecipanti quanto alla varietà di competenze, esperienze e prospettive che ciascun gruppo esprime nel suo complesso. In questa logica occorre sottolineare che istituire e promuovere in ogni campo, con forza, un patto generazionale per il trasferimento di conoscenze può fare, per lo sviluppo della creatività nazionale, molto più e meglio che un largo ai giovani detto così, a prescindere. In altre parole: buttar via l acqua sporca insieme all anziano esperto può rivelarsi, nel tempo, una pessima idea. Quali prospettive, nel paese che è stato il più creativo del mondo? Ancora nel 2010 il ministro Giulio Tremonti, varando una Finanziaria che taglia i già modesti investimenti nazionali sulla cultura, giustifica la propria scelta a muso duro sostenendo che la cultura non si mangia. Non è vero, né in senso metaforico né in senso letterale. Poco dopo uno studio European House Ambrosetti dimostra che l impatto economico di ogni euro investito nel settore culturale genera 2,49 euro di risultato economico (diretto, indiretto e indotto). E che per ogni incremento di una unità di lavoro nel settore culturale si ottiene un incremento totale delle unità di lavoro nel sistema economico di 1,65. A riportare questi numeri con una certa soddisfazione è, tra gli altri, Famiglia Cristiana. Gli ultimi dati disponibili riguardanti lo sviluppo delle imprese culturali e creative nazionali fanno capo al Rapporto Civita sull industria culturale e creativa pubblicato a novembre 2012: le imprese private italiane del settore sono poco meno di 180 mila e rappresentano il 4,5% del totale nazionale delle imprese. Solo in Germania ce ne sono di più (190mila). L Industria creativa si addensa al Nord (il 54,2% del totale nazionale) e quella culturale al Centro (39,8%). Nelle regioni meridionali si trovano, rispettivamente, il 21,4% e il 13,1% dei centri di produzione. A Milano e a Roma si concentrano il 17,5% e il 17,2% degli addetti. Spesso le imprese sono piccolissime e stentano non solo a fare sistema e a promuoversi, ma anche a tirare avanti. Stiamo comunque parlando di posti di lavoro, il 2,2% del totale nazionale. È il 2,9% in Germania, il 3,0% in Spagna, il 3,2% in Francia e nel Regno Unito. In rapporto alla popolazione, il peso dell industria culturale e creativa è maggiore nel Regno Unito (105,4 addetti per 10 mila abitanti), seguito da Spagna (88,1), Francia (85,9) e Germania (81,5). In Italia abbiamo solo 60 addetti per 10 mila abitanti. Dunque perfino in Italia, perfino oggi, e con tutti gli evidenti ambiti di miglioramento, i numeri del lavoro creativo restano importanti. E occorre ricordare che, ancora una volta, dall indagine manca ogni cenno alla creatività scientifico-tecnologica. Eppure, alla base dell invenzione di una proteina sintetica, di un film, del nuovo profilo di un alettone o di una scultura o di un brano musicale c è sempre un intuizione, individuale o di gruppo, e un gran lavoro di ricerca e sviluppo. I linguaggi impiegati sono diversi, come sono diversi gli ambiti e i processi nel loro dettaglio ma, come dire?, la materia prima il pensiero che sfida se stesso e la norma esistente per andare oltre è la medesima. Sono identiche le esigenze delle persone che, nonostante i tempi grami e per pura passione, decidono di mettersi in gioco nelle attività creative e troppo spesso si trovano (nei laboratori, negli studi professionali, nelle imprese, nelle case editrici, nelle agenzie o come singoli autori, ricercatori o artisti) ad affrontare situazioni di precarietà insostenibile e di sfruttamento, con scarsissime tutele, poca formazione struttu-

11 La crescita comincia dentro la nostra testa Giovanni Carrada 20 _21 rata, e in un isolamento pressoché totale proprio perché il sistema è frammentato, le imprese sono minuscole, il riconoscimento sociale del lavoro creativo è scarsissimo, le politiche di sviluppo sono inesistenti e l eterogeneità dei compiti e degli ambiti sembra impedire alle persone stesse che svolgono lavori creativi di riconoscersi come appartenenti a un unica, grande, multiforme categoria che potrebbe, e dovrebbe, rivendicare con orgoglio la propria importanza. In questi anni non stiamo attraversando una crisi. Ne stiamo attraversando due. La prima è la crisi finanziaria internazionale iniziata nel 2008, che presto finirà. La seconda è invece iniziata molto prima e probabilmente finirà molto dopo, ed è causata dalla nostra difficoltà ad adattarci a un mondo che sta cambiando rapidamente. Sia personalmente sia come società, continuiamo spesso a regolarci come se vivessimo ancora in un mondo che non c è più. Forse è venuto il momento di cambiare le cose anche nel nostro Paese, che secoli fa non certo oggi è stato sì il più creativo del mondo. E potrebbe tornare, se solo sapesse coltivare i propri talenti, a conquistarsi un buon ruolo nella produzione di idee che generano ricchezza, benessere e crescita, non solo materiale. La pesante crisi sistemica attuale potrebbe trasformarsi in un opportunità. Perché questo succeda, è però indispensabile che si diffonda tra gli italiani la consapevolezza di quanto valgono le idee, e prima ancora di che cosa significa pensiero creativo, e di come questo sia strategico per affrontare un futuro incerto e necessariamente segnato da cambiamenti vorticosi. Quella che oggi chiamiamo crisi domani ci sembrerà forse soprattutto una grande trasformazione. Siamo infatti in mezzo alla transizione fra un economia industrale novecentesca e un economia basata sulla conoscenza e la creatività, nella quale l innovazione, a qualsiasi livello e in qualsiasi settore, ha un valore centrale. Tra una società e un economia in cui tutti sanno che cosa devono fare e una società e un economia in cui sempre più persone devono trovare soluzioni nuove a problemi nuovi. Inizia così la presentazione della mostra Benzine le energie della tua mente prodotta dalla Fondazione Marino Golinelli. Se c è un buon punto da cui partire per svolgere il compito fondamentalissimo di spiegare, mostrare, raccontare, educare, suscitando - anche - l emozione e la speranza che sono indispensabili al nascere di una visione nuova, è proprio questo. Fino a ieri vivevamo infatti in una sorta di isola protetta chiamata mondo occidentale. Protetta da frontiere commerciali, dalla sua superiorità tecnologica, da un livello economico, sociale e culturale incomparabilmente più alto rispetto agli altri paesi. In quel mondo, eravamo noi a dettare le regole. A cominciare dagli anni Novanta, con la fine della Guerra Fredda che direttamente o indirettamente aveva congelato intere regioni in sistemi politici ed economici che non funzionavano, il resto del mondo si è svegliato. Le frontiere si sono aperte al commercio e alla finanza internazionali e profonde riforme economiche hanno rimesso in moto le economie di enormi paesi, come l India e soprattutto la Cina. Il mondo è all improvviso diventato più grande, basti pensare all arrivo sulla scena internazionale di oltre un miliardo e trecento milioni di cinesi, la cui economia negli ultimi trent anni è cresciuta cento volte, fino a diventare la seconda del mondo. E i nuovi protagonisti non forniscono più solo manodopera a basso costo: sempre la Cina è oggi il paese che produce più laureati. In tutto questo, un ruolo fondamentale l ha giocato lo sviluppo delle tecnologie dell informazione e delle telecomunicazioni. Il mondo è diventato più grande anche perché tutti possono comunicare e collaborare in tempo reale con tutti, un privilegio prima riservato a piccole élite. Così oggi nel mondo ci sono già due miliardi e mezzo di connessioni Internet, il 60% delle quali nei paesi emergenti, e sei miliardi di abbonamenti alla telefonia cellulare, tre quarti dei quali nei paesi emergenti. E la possibilità di comunicare ha un impatto enorme sulla vitalità economica: un aumento del 10% nella

12 22 _23 diffusione della banda larga, cioè dell Internet veloce, produce un aumento dell 1% nella ricchezza prodotta da un paese avanzato, e un aumento ancora maggiore in un paese emergente. Il risultato sono state una crescita economica globale come non se ne erano mai verificate prima nel corso della storia, e la diffusione del benessere a enormi masse di persone che ne erano sempre state escluse. Accompagnate, tuttavia, da una serie di forti squilibri sociali, culturali e ambientali. Si è però anche sviluppata una competizione economica molto più intensa, all inizio su produzioni ad alta intensità di manodopera non specializzata, come abbigliamento, giocattoli, assemblaggio di apparecchi elettronici, che poi si è via via estesa anche a prodotti e servizi sempre più sofisticati, dall informatica indiana ai sistemi di telecomunicazione cinesi, agli aeroplani brasiliani. Sotto la spinta di questa competizione, intere industrie e antichi primati del mondo occidentale, quindi anche italiani, sono stati spazzati via o comunque fortemente ridimensionati. Viviamo ormai in mondo multipolare, senza potenze dominanti. Ma la rivoluzione tecnologica ha avuto anche altre profonde conseguenze. Milioni di posti di lavoro un tempo appartenuti ai colletti bianchi o alle aristocrazie operaie delle classi medie nate dopo la Seconda Guerra mondiale sono stati sostituiti dai computer negli uffici e dall automazione nelle fabbriche. Le funzioni basate sull applicazione di regole fisse vengono affidate a delle macchine, più affidabili e soprattutto più economiche. La possibilità di comunicare facilmente e a bassissimo costo da un capo all altro del pianeta ha permesso di portare in altri paesi molte produzioni, dalle scarpe alle automobili, agli stessi computer, oppure di frammentarne la produzione in tanti paesi, salvo poi riunirne i pezzi grazie a lunghe e complesse supply chain. Persino la produzione di un oggetto sofisticato come il nuovo Boeing 787, un grande aeroplano civile, è oggi suddivisa fra oltre cento aziende di dieci paesi fra i quali Cina, Giappone e Italia, oltre che Stati Uniti. Il lavoro va dunque dove è più conveniente produrre, ma sempre più spesso anche dove ci sono le persone capaci di inventare e di progettare. In India per i software, in Italia per l arredamento di design, in California per i computer. Anche i vecchi pilastri della ricchezza di un paese terra, braccia, risorse naturali tendono infatti infatti a contare sempre meno. Al loro posto diventa sempre più importante l innovazione, non solo nell alta tecnologia ma anche nei processi produttivi, nell organizzazione, nella digitalizzazione, nei servizi di ogni tipo: dal cibo alla finanza. Più che sulle economie di scala permesse dalla semplice produzione di massa, come in passato, oggi il valore lo creano le nuove idee, quasi sempre basate però su conoscenze molto complesse. Innovare in agricoltura o nell offerta di viaggi può essere oggi altrettanto complicato che innovare nelle assicurazioni o nella microelettronica. Spesso le nuove idee sono il frutto della connessione fra imprese, conoscenze, servizi o persone diverse resa possibile da Internet: dai servizi di prenotazione del tavolo al ristorante alla vendita online ormai alla portata anche di singole persone, alla creazione collettiva di nuovi software. E siccome le nuove idee nascono da altre idee, che oggi si scambiano come mai era stato prima possibile, ecco che anche l innovazione sta accelerando come mai prima. Se fino a ieri era limitata ai prodotti fatti di bit, oggi la possibilità per chiunque di realizzare qualcosa si sta estendendo anche agli oggetti. Le nuove stampanti 3D consentono infatti di fabbricare oggetti in diversi materiali a basso costo, quasi come le grandi fabbriche. Così possono diventare globali non solo le grandi corporation, ma anche le piccole aziende e i microimprenditori: in pratica, per sempre più persone con una buona idea è possibile sviluppare, produrre e vendere ovunque sia quello producono, sia quello che sanno. Sta quindi rapidamente cambiando anche il mondo del lavoro, dove vecchie competenze e vecchi mestieri muoiono per far posto ai nuovi, ma dove può anche succedere che vecchi mestieri conoscano una seconda vita: persino una produzione

13 24 _25 artigianale di merletti italiana può trovare clienti in Asia o in Nordamerica. Il valore della conoscenza e dell innovazione, unito alla possibilità di spostare produzione e servizi in qualsiasi punto del mondo, non sta solo creando opportunità diverse fra paesi più attrezzati e paesi meno attrezzati. La nuova economia tende anche a creare due classi distinte di lavoratori: quella dei ricchi creatori di prodotti o servizi nuovi e sofisticati e quella dei poveri produttori di oggetti di massa o impiegati nei servizi più basici. Se ieri le distinzioni correvano soprattutto tra una parte del mondo più ricca e un altra più povera, oggi corrono all interno di ciascun paese, dove si può formare una sottoclasse di persone tagliate fuori. Quella che è stata chiamata la classe creativa, e che ha vinto in questi anni, è composta da persone istruite, capaci di creare qualcosa di nuovo, sempre pronte a imparare e a reimparare ancora, a reinventarsi, in grado di capire da sole che cosa fare anche se lavorano per un impresa. E possono essere professionisti come artigiani specializzati, imprenditori come creatori di applicazioni per tablet e smartphone. Ma tutti gli altri? La via d uscita ce la indicano alcuni dati paradossali: nel 2011, cioè in piena crisi, c erano in Italia ben posizioni disponibili per mancanza di persone con la qualificazione necessaria per occuparle. E la stessa cosa è stata registrata nel 2012 negli Stati Uniti, dove le posizioni disponibili erano tre milioni nonostante un tasso di disoccupazione all 8%. Dalla crisi, quella più profonda, possiamo quindi uscire solo se questo tipo di capacità si allargherà anche al resto della società. Dovremo cioè riuscire a compiere uno sforzo paragonabile a quello iniziato cento anni fa, quando i figli di milioni di lavoratori della terra cominciarono ad andare a scuola e poi a lavorare nelle fabbriche o nelle altre organizzazioni della nuova società industriale. Oggi bisogna fare un altro passo avanti e mettere a frutto l enorme patrimonio umano rimasto ancora inespresso, ma anche riparare degli squilibri sociali che non possono essere tollerati a lungo. Rimetterci al passo con i grandi cambiamenti in corso nel mondo dipende naturalmente da grandi scelte collettive, quindi politiche, sul funzionamento delle nostre società. Richiede ad esempio di investire molto di più nell istruzione e nella ricerca, quindi nella formazione dei giovani, tutti beni pubblici i cui benefici si riverberano dalle persone all intera società. Non solo in termini di risorse materiali, ma soprattutto di attenzione, impegno e verifica continua dei progressi fatti. Si può forse avere l impressione, a questo punto, di dover fare un grande sforzo, che dovremmo cambiare solo perché costretti dalle nuove dure circostanze. Prima, non vivevamo forse su un isola protetta? In realtà, questo grande cambiamento offre per la prima volta alla maggior parte delle persone l opportunità di conciliare finalmente la realizzazione economica con la realizzazione personale. Solo gli occhiali della nostalgia ci possono impedire di vedere che nel mondo di ieri quasi tutti erano (e in parte ancora sono) semplici esecutori di obiettivi e procedure pensati da qualcun altro. Possiamo invece sperare di essere molto di più che semplici robot, e diventare tutti persone in grado di creare qualcosa che esprime chi siamo, di crescere personalmente e di scegliere il proprio futuro. Soprattutto se siamo giovani, e la nostra vita la stiamo costruendo o la stiamo cominciando proprio adesso. Poiché è solo nella nostra testa che, grazie alla creatività, la conoscenza può essere trasformata in innovazione, è innanzitutto in noi stessi che dobbiamo trovare le vere risorse che ci servono. Per questo abbiamo scelto di raccontare sette risorse della mente, sette benzine che tutti possiamo conoscere meglio e sviluppare perché sono elementi fondamentali dell essere uomini e donne: l arte, cioè la capacità di vedere in modo nuovo e di immaginare qualcosa di nuovo; le idee, la vera moneta del nuovo mondo; la creatività, ovvero la capacità di produrre idee originali;

14 L energia rinnovabile dell arte Cristiana Perrella 26 _27 gli altri, quindi la collaborazione con le altre persone; il nuovo, cioè la capacità di capire, adeguarsi e guidare i cambiamenti; saper imparare, vale a dire la voglia e gli strumenti per continuare a imparare o a usare quanto già imparato in situazioni nuove; la passione, cioè la capacità di motivarsi da soli per riuscire sempre meglio in vista di obiettivi più grandi del nostro interesse personale. La mostra ne parla attraverso la sensibilità di alcuni artisti, ma anche e soprattutto attraverso quello che oggi sappiamo, più di ieri, sul funzionamento della nostra mente. L altra buona notizia infatti è che tutti possiamo sviluppare queste capacità. Forse la più grande scoperta della psicologia e delle neuroscienze di questi anni è che le risorse della nostra mente non sono fisse, perché il cervello è un organo che si adatta più di tutti gli altri a quello che gli chiediamo o gli permettiamo di fare. Uscire dalla crisi, insomma, dipende alla fine da quello che ciascuno di noi riuscirà a tirare fuori dalla propria mente. La crescita oggi tanto invocata comincia dalla nostra crescita personale. Capri-batterie (1985) è una delle ultime opere di Joseph Beuys, un multiplo costituito da un limone connesso a una lampadina verniciata di giallo, che (potenzialmente) si accende grazie al noto processo per cui corrente a bassa tensione viene prodotta con l uso di acido citrico e rame. Beuys la realizza mentre si trova a Capri, cercando di curare al calore del sole mediterraneo una malattia polmonare. L elettricità che fluisce dal frutto, illuminando la lampadina, sembra rappresentare la carica di energia vitale necessaria per il fisico debilitato dell artista. Allo stesso tempo l opera comunica, con la sua straordinaria sintesi formale, una riflessione poetica e più universale sull energia rinnovabile, tema molto caro a Beuys, noto per l impegno ecologista che lo porta a essere il fondatore del movimento dei Verdi in Germania. Con il suo colore brillante e il suo profumo, il funzionamento elementare e quasi magico, Capri-batterie sembra suggerire che l unione di arte, scienza e natura possa nutrire e risanare una cultura (o un individuo) sofferente. È l ennesimo e ultimo atto di fede di un artista sciamano -che con le sue azioni e le sue sculture ha inteso espandere il concetto d arte, permeando la vita di atti creativi- nella trasformazione, sia spirituale sia materiale, che l arte può operare sulla società contemporanea. Una trasformazione spesso associata, nei suoi lavori, al concetto di energia fisica, usata come potente metafora, immediatamente e universalmente suggestiva. Cambiare lo stato delle cose, trasformarle, produrre il nuovo; nella sua forma più astratta, nella sua definizione più generica, questi sono infatti i poteri attribuiti all energia. Energia è la capacità di un corpo o di un sistema di svolgere un lavoro, di agire e dunque di provocare un cambiamento. L arte è per questo un combustibile essenziale, anzi una fonte rinnovabile di energia, perché proviene da quelle due matrici gemelle, perennemente generative, che sono il linguaggio e l immaginazione. Ogni forma di creazione culturale, sia essa

15 28_29 opera d arte o romanzo, poesia, saggio filosofico, film, è espressione di un energia attraverso la quale i nostri modelli di pensiero interagiscono con il mondo, ci aiutano a vederlo e, così facendo, a giudicare e a orientare la nostra azione su di esso. Senza questa energia culturale una società non può vivere, non meno che senza le risorse energetiche materiali. Non solo, ma è proprio la cultura ad aiutarci a comprendere come fare di quest ultime il miglior uso, alimentando in noi la consapevolezza del legame tra i nostri stili di vita e il mondo, umano e naturale, su cui essi ricadono. A differenza di forme espressive e comunicative che si consumano nell immediato, l arte nutre la coscienza critica di una società. Proprio perché si generano con modi differenti e in tempi più lunghi di quelli del circuito ininterrotto di produzione e consumo, le opere d arte hanno il potere di trasmettere alla società quell energia che le consente di fare i conti con la natura e con se stessa, con i propri bisogni, ma anche con le proprie criticità, permettendole così di reinventarsi continuamente, ripensare i propri valori e i propri stili di vita, proiettarsi verso il futuro. È su questa convinzione, che il circuito energetico della creatività, della cultura, sia la vera grande spinta dinamizzatrice di una società, che si fonda la mostra Benzine. Sulla necessità, come affermava Beuys, della scoperta individuale del proprio potenziale creativo in grado di modificare il mondo, soprattutto in un momento storico, come il nostro, in cui i punti di riferimento, i sistemi di valori cambiano con rapidità sconcertante. Le opere scelte per accompagnare le varie sezioni del percorso espositivo intendono proporre diversi punti di vista sulle energie della mente, le sette benzine, individuate come risorse dal cui sviluppo dipende la nostra possibilità di crescere, di cambiare per il meglio. Ad aprire la mostra è l idea di arte come capacità di vedere la realtà con occhi diversi, stimolando nuove percezioni e nuovi stati d animo. È quello che fa Terence Koh, utilizzando spesso materiali banali, oggetti quotidiani, trasposti in un estetica classica, quasi archeologica, nelle sue installazioni che diventano per il visitatore esperienze surreali. Sottilissime polveri bianche (o talvolta nere) ricoprono oggetti o interi spazi creando una lattiginosa, sospesa e congelata atmosfera di attesa, densa di pathos. Ogni suo lavoro nasconde domande sul senso della vita, interrogativi spesso non risolti che vengono posti dall artista attraverso la giustapposizione di quelli che chiama frammenti d universo, elementi disparati che rimandano a suoi ricordi d infanzia, a immagini fantastiche, all arte, alla storia, al sesso ma anche alle cose più ordinarie, ad esperienze quotidiane, tutto connesso da legami inaspettati e totalmente personali, che, come sinapsi, attivano la trasmissione di un pensiero diverso sul mondo. L abilità di cambiare lo stato delle cose attraverso la creatività, anche solo con spostamenti impercettibili all interno di una situazione data, è ciò che emerge anche dalle fotografie di Gabriel Orozco. Osservando i suoi scatti viene alla luce tutta la poeticità insita nei contesti più scontati, semplicemente grazie al cambio di prospettiva operato dall artista. Nelle foto di Orozco, nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma : basta un abbinamento insolito, un movimento silenzioso, perché la scena cambi completamente e acquisti un nuovo significato. Se le idee sono carburante, è fondamentale garantirne una circolazione; è quello che fanno i Superflex, un collettivo di artisti danesi che dal 1993 dà vita a strategie comunicative appropriandosi di volta in volta di idee già esistenti ma rielaborandole e riattualizzandole in chiave contemporanea. Ne è un chiaro esempio il progetto Copyshop, un vero e proprio spazio commerciale che si propone di discutere il concetto di valore e quindi di originalità, nello stesso luogo dove questo concetto nasce ed è distribuito, cioè il mercato. Forum di discussione sui limiti legali ed etici della riproduzione ma anche vero e proprio negozio, Copyshop propone in vendita prodotti che mettono alla prova il concetto di proprietà intellettuale, che siano originali modificati, copie migliorate, contro-loghi politici come la Mecca Cola o Supercopy, nuovi originali, opere in cui si rivendica la possibilità di creare il nuovo partendo da lavori già esistenti, come in I Copy Therefore I Am, tratto dal celeberrimo I Shop Therefore I Am di Barbara Kruger.

16 30_31 La creazione del nuovo è anche alla base del video di Peter Fischli e David Weiss; stavolta però il processo è attivato in modo (apparentemente) del tutto casuale, tramite una reazione di eventi a catena che sembra annunciare un imminente disastro ma che in realtà mette in campo una sequenza di movimenti e trasformazioni incredibilmente coordinate tra loro. Come registi dietro le quinte, gli artisti innescano il processo in cui ogni movimento, ogni cambiamento di stato, porta una conseguenza, una metamorfosi, una distruzione produttiva. Nell attribuire alle energie della mente un ruolo fondamentale come motore per la costituzione di un nuovo stato di cose, un ruolo rilevante all interno della mostra è stato attribuito ai progetti collettivi che si fondano sull interazione e la condivisione con gli altri per una riuscita corale. Marinella Senatore, artista e filmmaker, ha impostato gran parte della sua ricerca sulla produzione di film collettivi, dove attori, scenografi, sceneggiatori sono reclutati direttamente in loco tramite provini. Il lavoro site-specific e i rapporti interpersonali che di volta in volta si creano rappresentano il focus dell opera, che risulta sempre uno spaccato affascinante su un particolare contesto socio-culturale. Era successo con Noi simu, uno dei film più noti dell artista, succede anche con Variations, nel quale alle fasi di realizzazione fa da sfondo la realtà multietnica del Lower East side newyorkese. Altro esempio di lavoro collettivo è quello che Tim Rollins conduce ormai da trent anni con i K.O.S., i bambini della sopravvivenza, gruppo dalla conformazione sempre diversa dove i singoli sono ormai un unica identità collettiva. Le opere di Rollins sono il risultato di un lungo di lavoro di ricerca e di studio, di confronto e di dialogo, portato avanti con i K.O.S., suoi giovani allievi e non solo. Ancor più dell attività artistica è soprattutto la vocazione didattica a caratterizzare il lavoro di Rollins, volto a stimolare i ragazzi a saper imparare e a dar loro la possibilità di esprimere il proprio potenziale creativo, di dare forma alle loro energie sotto forma di idee. Se l insegnamento ha la funzione di raffinare le idee e di farle crescere, la passione è lo stimolo personale che permette di portarle avanti. Nel suo video Casting, João Onofre ci racconta però come, soprattutto tra le generazioni più giovani, sia sempre più difficile trovare le giuste motivazioni. La gravità della celebre frase pronunciata da Ingrid Bergaman nel finale del film Stromboli di Roberto Rossellini, Che io abbia la forza, la convinzione e il coraggio, sembra risuonare nel vuoto, priva di ogni forza e trasformata in un motto inutile senza alcun significato. A ristabilire il giusto livello di elettricità nell aria ci pensano i RAQS, con i quali simbolicamente la mostra si chiude: tornando all assunto iniziale per cui l energia è il potere di cambiare le cose, il collettivo di artisti indiani fa proprio questo concetto coniando una parola inesistente dall implicita carica rivoluzionaria: Revoltage. Tra voltaggio e rivolta, in un esplosione di energia elettrica che ricorda le luminarie da festa, i RAQS sembrano ricordarci l alto potenziale delle idee, talmente alto da essere l unica cosa davvero in grado di cambiare le cose, ovvero di far esplodere una forse utopistica rivoluzione.

17 ARTE

18 Terence Koh 34 _35 Cinese di nascita, cresciuto in Canada e newyorkese d adozione, Terence Koh (Pechino, 1977; vive a New York) ha fatto della contaminazione di linguaggi e materiali diversi il tratto distintivo della sua ricerca. L utilizzo di media tradizionali, quali pittura, scultura, fotografia, si accompagna alla creazione di libri d artista o prodotti eccentrici come i sex toys. Nella sua opera le influenze punk e underground (che l hanno fatto conoscere nell ambiente artistico con l appellativo di asianpunkboy), con numerose incursioni nel mondo pornografico e delle celebrities, si mescolano ad una spiritualità propria delle sue origini orientali, evidente nella scelta di materiali che alludono alla fugacità della vita e nell uso del monocromo, bianco o nero, a cui viene attribuito un forte valore simbolico. Untitled (White Light #1), già presentata alla Kunsthalle di Zurigo e al Whitney Museum di New York, è un installazione che si compone di 42 vetrine contenenti diverse tipologie di oggetti, compresi alcuni materiali organici. Dipinti di bianco, immersi in una luce accecante e presentati come fossero reperti archeologici della contemporaneità, gli elementi scelti e ingabbiati dall artista sembrano comporre una sorta di moderno reliquiario. L uso del bianco rimanda alla diversa simbologia che questo colore rappresenta nel contesto occidentale - dove è simbolo di nascita e purezza - e in quello orientale, dove invece allude alla morte; allo stesso modo, il contenuto delle vetrine sembra aver subito un processo di purificazione ma anche aver rinunciato alla propria vitalità. Come in molte altre opere, Terence Koh affronta qui il rapporto tra la vita e la morte restituendo l immagine di una bellezza malinconica e portando ad interrogarsi sull identità e sulla storia di oggetti qualsiasi che, trasformati dall artista in qualcosa di prezioso, hanno ormai perso il loro legame originario con la realtà, stimolando nuove percezioni e nuovi stati d animo. Terence Koh Untitled (White Light), 2006 Installazione, materiali diversi tra cui vernice, gesso, cera, porcellana, legno, metallo, ossa, teschi, plastica, bronzo e materiali organici in 42 vetrine di vetro. Dimensioni variabili (in figura 272 x 185 x 190 cm) Collezione privata, Bologna

19 La ragione non è niente senza l immaginazione. Cartesio EXHIBIT 36_37 Prima di fare, dobbiamo immaginare. È vero per qualsiasi cosa: un opera d arte come un attività commerciale, una scoperta scientifica, una casa, una campagna pubblicitaria, un associazione, un invenzione, un progetto qualsiasi. Negli ultimi anni, le neuroscienze hanno cominciato a indagare questa radice comune a ogni nuova impresa umana. Lo studio del cervello con l aiuto della risonanza magnetica funzionale, che permette di vedere quali regioni sono attive mentre svolgiamo un compito, ha rivelato che quando vediamo e quando immaginiamo usiamo molti degli stessi circuiti neurali. In pratica, l immaginazione è un po una visione che funziona al contrario. La visione però non è una semplice registrazione degli stimoli luminosi che raggiungono la retina, ma qualcosa che è stato filtrato dalla mente. Il cervello infatti cerca di risparmiare energie: quando una cosa ci sembra ormai familiare, non la guarda più bene, ma la indovina, per così dire, in base alle proprie aspettative e alle esperienze del passato. E quando la deve immaginare, fa la stessa cosa. Per immaginare come cambiare qualcosa, dobbiamo prima imparare a vederla con occhi nuovi. Non c è quindi cosa migliore per stimolare l immaginazione che vedere qualcosa di insolito, ad esempio frequentando ambienti diversi, coltivando nuovi interessi, conoscendo persone nuove o viaggiando. Le nuove circostanze costringono il nostro sistema visivo a prestare nuova attenzione, a cambiare aspettativa o punto di vista, quindi a notare aspetti o problemi diversi. In pratica a vedere e quindi poi a immaginare cose nuove. Per poter ritrarre il mondo quello esterno come quello interiore in un modo unico e originale, gli artisti l hanno sempre innanzitutto visto con occhi nuovi. La loro immaginazione si distingue poi per una libertà in più. Mentre un imprenditore si deve confrontare con le condizioni del mercato, uno scienziato con le leggi della natura e la verifica sperimentale, e un architetto con i materiali disponibili e i costi, oggi un artista può tradurre in realtà il prodotto della sua immaginazione senza neppure il vincolo delle poche tecniche a disposizione, o di temi e canoni stilistici fortemente condizionati dalla tradizione, come in passato. Un artista ha ormai ben pochi limiti nella sua esplorazione della realtà. L arte può quindi aiutare tutti noi ad abituarci a guardare il mondo con occhi nuovi, liberandoci di vecchi schemi mentali, a immaginare anche nuove soluzioni ai nostri problemi. In famiglia, a scuola, sul lavoro o nella società. L arte insomma non è un semplice abbellimento, ma un modo per riprogrammare la nostra percezione, arricchire la nostra mente e nutrire la nostra immaginazione.

20 LE IDEE

BENZINE. le energie della tua mente. Un ringraziamento particolare. main sponsor. Catalogo testi. Concept allestimento Iosa Ghini Associati

BENZINE. le energie della tua mente. Un ringraziamento particolare. main sponsor. Catalogo testi. Concept allestimento Iosa Ghini Associati BENZINE le energie della tua mente Un idea e una produzione Fondazione Marino Golinelli in collaborazione con La Triennale di Milano Un progetto di Giovanni Carrada Scienza a cura di Giovanni Carrada Arte

Dettagli

BENZINE. le energie della tua mente. Catalogo testi. Concept allestimento Iosa Ghini Associati. Un ringraziamento particolare

BENZINE. le energie della tua mente. Catalogo testi. Concept allestimento Iosa Ghini Associati. Un ringraziamento particolare PAGINA BIANCA BENZINE le energie della tua mente Un idea e una produzione Fondazione Marino Golinelli in collaborazione con La Triennale di Milano Un progetto di Giovanni Carrada Scienza a cura di Giovanni

Dettagli

BENZINE. Le energie della tua mente

BENZINE. Le energie della tua mente BENZINE.Leenergiedellatuamente OPEREcondidascalieeschede ARTE TERENCEKOH Cinesedinascita,cresciutoinCanadaenewyorkesed adozione,terencekoh(pechino,1977;vive anewyork)hafattodellacontaminazionedilinguaggiematerialidiversiiltrattodistintivodella

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI

BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI PROGRAMMA DI ATTIVITÀ PER LE SCUOLE 2010/2011 Bì, il centro per i bambini e i giovani che ospita al suo interno la Biblioteca Civica per i ragazzi, un importante spazio museale

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Per infinite e complicate che possano essere le mosse di una partita di scacchi, persino il gioco

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente.

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente. LABORATORIO-MUSEO TECNOLOGIC@MENTE Tecnologic@mente, coordinato e gestito dalla Fondazione Natale Capellaro, in questi anni ha svolto un importante e fondamentale lavoro volto per la conservazione e, soprattutto,

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO. Anno scolastico 2015/2016 PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO Anno scolastico 2015/2016 Le recenti disposizioni in materia di alternanza scuola / lavoro sono state una preziosa opportunità per sviluppare nuovi progetti di collaborazione

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16

LA SCUOLA IN CAMERA. Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 LA SCUOLA IN CAMERA CAMERA - centro italiano per la fotografia Programma didattico per le scuole, a.s. 2015-16 Camera - Centro Italiano per la Fotografia aprirà al pubblico nell autunno del 2015, istituendo

Dettagli

Indirizzo Grafica e Comunicazione

Indirizzo Grafica e Comunicazione Istituti tecnici Settore tecnologico Indirizzo Grafica e Comunicazione L indirizzo Grafica e Comunicazione ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Piano dell Offerta Formativa

Piano dell Offerta Formativa Direzione Didattica del 1 Circolo di San Giorgio a Cremano (Na) Scuola dei bambini che sorridono nella pace Piano dell Offerta Formativa classi Seconde plesso Gianni Rodari Anno scolastico 2012/13 Piano

Dettagli

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design 21 Bando pubblico di partecipazione per Giovani Architetti, Designer, Artigiani, Artisti, Scuole Scadenza

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

Corso FARE CINEMA: L ATTORE

Corso FARE CINEMA: L ATTORE CREARE FUTURO Nuove competenze culturali e creative per lo sviluppo delle imprese e dei territori dell Emilia-Romagna colpiti dal sisma Attività formativa COLTIVARE IMMAGINARI Corso FARE CINEMA: L ATTORE

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014

Asili nido comunali di Verbania PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2013-2014 L educazione è un diritto di tutti i bambini e ragazzi, che devono poterne fruire senza limitazioni Ma è anche un bene degli adulti, di tutti gli adulti che la difendono e la arricchiscono e con la partecipazione

Dettagli

Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro

Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro realizzazione grafica: Valerio Rosati - Ufficio Stampa Rai Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro italiano:

Dettagli

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado Luglio 2011 Indice Premessa... pag. 3 Documenti e ricerche... pag. 5 Gli obiettivi... pag.

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

ABBIAMO UN SOGNO.. cell.347/6601759

ABBIAMO UN SOGNO.. cell.347/6601759 ABBIAMO UN SOGNO.. 1 ABBIAMO UN SOGNO.. E un SOGNO personale ma anche collettivo: siamo certe che altri lo stanno sognando, che altri lo riconosceranno come proprio, che altri sceglieranno di sognarlo

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Il futuro del lavoro è già qui

Il futuro del lavoro è già qui TARGET CONFINDUSTRIA XXIIª GIORNATA NAZIONALE ORIENTAGIOVANI Il futuro del lavoro è già qui 19 novembre 2015 Milano Teatro Strehler Studenti del IV e V anno delle scuole superiori della Lombardia 1. IL

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

MISTER MUSEO Maurizia Bonavini. Published in Insieme, March 2004

MISTER MUSEO Maurizia Bonavini. Published in Insieme, March 2004 MISTER MUSEO Maurizia Bonavini Published in Insieme, March 2004 James Bradburne una statura imponente e il viso da ragazzino, parla sette lingue, tra le quali russo e giapponese (l arabo lo sta studiando,

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Pier Paolo Maggi, Gianmario Re Sarto AICA pierpaolomaggi@aicanet.it - g.resarto@aicanet.it

Dettagli

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRURDOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD ,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD Scritto con Maria Cristina Piva. Pubblicato su Rassegna Sindacale 2000. Il mercato del lavoro degli Stati Uniti e quello dei grandi

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Essere imprenditori Oggi

Essere imprenditori Oggi Essere imprenditori Oggi Siamo in un mondo di competitori Ancona, 28 Novembre 2010 Gaetano Ascenzi LA MIA STORIA 1996 Inizio della storia professionale: decido che il mio hobby deve diventare la professione

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO PERCORSI CREATIVI PER LA VALORIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO WHOMADE srl via Tartini 10 20158 Milano T +39 02 89656837 F +39 178 6028554 info@whomade.it www.whomade.it NoemiSatta via Tartini 10

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

food&wine EVENTI CULTURALI 46

food&wine EVENTI CULTURALI 46 EVENTI CULTURALI 46 Arturo Mazzeo e l idea vincente Difendere il made in Italy con l accademia A cura di Raffaele Zoppo Arturo Mazzeo, propone da anni un modo nuovo e vincente per valorizzare la gastronomia

Dettagli

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato

Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato Presentazione dell Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini del Comune di Prato La nuova biblioteca pubblica della città di Prato, l Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini, è situata

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 ARTE E IMMAGINE: CINQUE PISTE DI LETTURA * ARTE E IMMAGINE Walter

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

La ricreazione è finita

La ricreazione è finita Roger Abravanel Luca D Agnese La ricreazione è finita Scegliere la scuola, trovare il lavoro Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07571-8 Prima edizione:

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Premessa Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Bastarono pochi mesi perché l impero sovietico si sfasciasse, pochi giorni per modificare radicalmente la situazione del Nordafrica. Potrebbero bastare pochi

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

Gli obiettivi completi della Fondazione sono illustrati nel sito web www.prixphoto.ch.

Gli obiettivi completi della Fondazione sono illustrati nel sito web www.prixphoto.ch. La British American Tobacco Switzerland Foundation (la Fondazione ) è un organismo indipendente senza scopo di lucro che tradizionalmente sostiene la promozione delle arti a livello nazionale. La Fondazione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2011-2012. PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina

ANNO SCOLASTICO 2011-2012. PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina I BAMBINI I GENITORI CONOSCENZA dei COMPAGNI CONOSCENZA degli INSEGNANTI CONOSCENZA del PERSONALE DELLA SCUOLA CONOSCENZA

Dettagli

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design 21 Bando pubblico di partecipazione per Giovani Architetti, Designer, Artigiani, Artisti, Scuole Scadenza

Dettagli

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Premessa Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Partendo dall esperienza dello scorso anno che ha visto impegnate n.8 classi di scuola secondaria di I e di II grado (di Milano e delle

Dettagli

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TAGGIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE QUARTA Ogni équipe pedagogica organizzerà, per gli alunni della rispettiva

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

L Associazione Scuola per Scuola uguale Solidarietà indice la 8^ edizione mostra - concorso 2015. Colora il Pianeta. Cibo e acqua per tutti

L Associazione Scuola per Scuola uguale Solidarietà indice la 8^ edizione mostra - concorso 2015. Colora il Pianeta. Cibo e acqua per tutti SCUOLA PER SCUOLA UGUALE SOLIDARIETÀ Associazione di promozione sociale sulla pace, solidarietà e diritti umani Sede sociale c/o Casa delle Associazioni, Via Canova, 45 20024 Garbagnate Milanese Codice

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Uomini e Computer: La nuova alleanza

Uomini e Computer: La nuova alleanza La curiosità fa lo scienziato. Leggere e condividere la scienza di oggi è tra le principali manifestazioni cittadine di cultura scientifica. Avviato nel 2004 e indirizzato inizialmente alle scuole superiori,

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Inviati speciali nei luoghi del possibile

Inviati speciali nei luoghi del possibile Sperimentazione di esperienze di studio finalizzate all orientamento professionale post diploma rivolte agli studenti dell ultimo biennio delle scuole secondarie statali di secondo grado della Regione

Dettagli

Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie

Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie Acqua T.V.B. TI VOGLIO BERE JUNIOR Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie PREMESSA L ipotesi di progetto è finalizzata ad educare ad un consumo responsabile

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

LA CULTURA COME FATTORE DI PRODUZIONE PER LE PICCOLE IMPRESE: PRESENTAZIONE DELLA RICERCA ARTIGIANATO&CULTURA. Trento 7 maggio 2014

LA CULTURA COME FATTORE DI PRODUZIONE PER LE PICCOLE IMPRESE: PRESENTAZIONE DELLA RICERCA ARTIGIANATO&CULTURA. Trento 7 maggio 2014 LA CULTURA COME FATTORE DI PRODUZIONE PER LE PICCOLE IMPRESE: PRESENTAZIONE DELLA RICERCA ARTIGIANATO&CULTURA Trento 7 maggio 2014 OBIETTIVI Individuare opportunità di mercato per le imprese : diversificare

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL. Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16

Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL. Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16 Alla cortese attenzione del Dirigente scolastico e dei docenti METIS OPEN SCHOOL Diciotto idee di progetti e servizi per le scuole 2015/16 Open School è un insieme di progetti rivolti a studenti, insegnanti

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE

CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE CURRICOLI SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (DALLE INDICAZIONI NAZIONALI) TERMINE SCUOLA INFANZIA Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

Le Giornate del lavoro culturale

Le Giornate del lavoro culturale www.viveredicultura.it Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica Le Giornate del lavoro culturale con l adesione di Progetto di Roma, Auditorium - Parco della Musica 24-25 giugno 2011 con

Dettagli

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE E VALORIZZAZIONE Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico DEL PATRIMONIO ARTISTICO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Discipline della Valorizzazione

Dettagli

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche Donatella Savio Università di Pavia Con il mio intervento intendo proporre alcune riflessioni su 3 opportunità pedagogiche per

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical Rimini, Centro Tarkosvkij - 31 ottobre e 1 novembre 2007 I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista presentano Musical Regia di Christine Joan in collaborazione con Don Alessandro Zavattini e

Dettagli

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA Concorre all educazione armonica ed integrale dei bambini e delle bambine Contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

( Fondazione Pescarabruzzo)

( Fondazione Pescarabruzzo) ISIA ROMA DESIGN MASTER IN DESIGN DELL ACCOGLIENZA ( allegato C) Livello Primo livello AFAM, ( MIUR) Alta Formazione Artistica e Musicale Anno di attivazione Anno Accademico 2008/09 Istituzione ISIA ROMA

Dettagli

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità Progetto Titolo Mut(u)azioni tra arte e scienza: I Licei Artistici dell Umbria, i Musei scientifici dell Ateneo e l Accademia di Belle Arti di Perugia esplorano e sperimentano le interazioni possibili

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

Cooltural projects Progettazione culturale contemporanea

Cooltural projects Progettazione culturale contemporanea Progettazione culturale contemporanea A cura di Gruppo Monti & Taft ARTEPRIMA Courtesy of Darren Almond COOLTURAL PROJECTS è un brand di progettazione culturale contemporanea nato dall integrazione di

Dettagli

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado Fondazione Pirelli Educational 2013 2014 Laboratori Fondazione Pirelli La Fondazione Pirelli si occupa di conservare e valorizzare il patrimonio storico prodotto dall azienda in oltre 140 anni di attività.

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Descrizione dell esperienza.

Descrizione dell esperienza. Descrizione dell esperienza. La scuola B. Marin si trova nel rione di Servola, un borgo ricco di storia e tradizioni ancora molto sentite dalla popolazione locale.l ambiente socioculturale di provenienza

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

di Simona Facchini Foto di Carlo Pozzoni

di Simona Facchini Foto di Carlo Pozzoni di Simona Facchini Foto di Carlo Pozzoni L ESPERIENZA DI COM ON IDEATA DAI GIOVANI INDUSTRIALI. MARCO TAIANA: «MENTRE TANTI TALENTI ITALIANI SE NE VANNO, NOI ABBIAMO CREATO UN SISTEMA CHE LI ATTRAE. CREDIAMO

Dettagli