DELIBERA QUADRO RIGUARDANTE LE POLITICHE DI ASSUNZIONE DEI RISCHI, DEI LIMITI E DELLE DELEGHE OPERATIVE NELL AMBITO DELLA FINANZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERA QUADRO RIGUARDANTE LE POLITICHE DI ASSUNZIONE DEI RISCHI, DEI LIMITI E DELLE DELEGHE OPERATIVE NELL AMBITO DELLA FINANZA"

Transcript

1 DELIBERA QUADRO RIGUARDANTE LE POLITICHE DI ASSUNZIONE DEI RISCHI, DEI LIMITI E DELLE DELEGHE OPERATIVE NELL AMBITO DELLA FINANZA - REVISIONE GENNAIO C. di A. 1/37 Revisione Gennaio 2012

2 INDICE 1. POLITICHE DI ASSUNZIONE DEI RISCHI NELL OPERATIVITA IN TITOLI DI PROPRIETA Processo di revisione dei limiti operativi Definizioni ed ambito di applicazione Limiti operativi comuni a tutti i portafogli Gestione del rischio di concentrazione Gestione del Rischio di controparte e di regolamento Gestione del portafoglio di strumenti finanziari Limiti operativi sui Portafogli di Vigilanza Limiti operativi per la gestione del rischio di liquidità Operatività con la clientela Processo organizzativo in caso di superamento dei limiti operativi POLITICHE DI RISCHIO NEL PORTAFOGLIO TITOLI DI TERZI Profilatura del cliente Valutazione di adeguatezza Monitoraggio e reportistica C. di A. 2/37 Revisione Gennaio 2012

3 1. POLITICHE DI ASSUNZIONE DEI RISCHI NELL OPERATIVITA IN TITOLI DI PROPRIETA 1.1 Processo di revisione dei limiti operativi Il Consiglio di Amministrazione definisce periodicamente il livello complessivo di propensione al rischio della Banca e determina il processo di allocazione del Patrimonio di Vigilanza. Tale processo è il mezzo per la definizione degli obiettivi definiti in termini di rischio/rendimento ed implica che i valori numerici dei limiti operativi siano ricalibrati con cadenza annuale in sede di pianificazione strategica. Di seguito si evidenziano le linee guida relativamente all operatività nel settore finanza. A tale proposito, si provvederà annualmente all esame della validità dei parametri del seguente documento, che potranno esser di volta in volta riconfermati o modificati opportunamente. Ogni modifica ai valori numerici o all impianto dei limiti oggetto della presente proposta, deve essere deliberata dal Consiglio di Amministrazione. 1.2 Definizioni ed ambito di applicazione In linea con quanto previsto dalla Circolare 263/06 della Banca d Italia, si configurano, per l attivo della Banca, due tipologie di portafogli: il Portafoglio di Negoziazione di Vigilanza (PNV) 1, che fa riferimento ad un accezione di portafoglio composto da posizioni caratterizzate da elevata liquidità di mercato, prive di vincoli alla loro movimentazione e che implicano piena capacità, da parte dell intermediario, di effettuarne il pricing e calcolarne, con periodicità almeno giornaliera, il P&L ed il profilo di rischio. La definizione di PNV è, dunque, molto stringente e presume anche che le posizioni in questo ricomprese, siano intenzionalmente detenute per finalità di trading, sulla base di indirizzi approvati dal CdA. Le posizioni appartenenti al portafoglio di negoziazione, sotto il profilo contabile, sono ricomprese tra le Attività finanziarie detenute per la negoziazione HFT. il Portafoglio Bancario (PB) 2, ricomprende tutte le posizioni che non possono essere fatte rientrare nel Portafoglio di Negoziazione di Vigilanza secondo la nuova disciplina. Dal punto di vista contabile, le 1 Il Portafoglio di Negoziazione di Vigilanza (PNV) si viene pertanto a configurare solo ed esclusivamente come il sottoinsieme delle posizioni HFT gestite esplicitamente con intento di trading ammettendo come uniche eccezioni (Delibera quadro riguardante la classificazione degli strumenti finanziari nei portafogli contabili IAS/IFRS) quelle chiaramente previste dalla normativa di vigilanza, ovvero: derivati scorporati da strumenti finanziari del banking book; derivati connessi con l utilizzo della fair value option; derivati a copertura gestionale di strumenti del banking book. 2 Per Portafoglio Bancario (Banking Book) si intende l insieme: dell operatività commerciale effettuata nei confronti della clientela; dell operatività di natura interbancaria e dei certificati di deposito; dei derivati di copertura del rischio inerente ad altri strumenti dello stesso portafoglio; dei titoli identificati come Held to Maturity, Fair Value Option, Loans & Receivables e di quelli Available-For-Sale; dei prestiti obbligazionari emessi e di quelli subordinati; ed in generale, di tutte le operazioni finanziarie che non rientrano nel trading book (Portafoglio di Negoziazione ai fini di Vigilanza). C. di A. 3/37 Revisione Gennaio 2012

4 posizioni che afferiscono al PB fanno parte degli aggregati Held to Maturity (HTM), Loans-And- Receivables (L&R), Fair Value Option (FVO) e Available-For-Sale (AFS); oltre che le residue posizioni Held For Trading (HFT) segnalate come PB. Sul PNV si applica la normativa dei requisiti patrimoniali per i rischi di mercato, salvo specifiche eccezioni, mentre sul PB, la normativa relativa al rischio di credito e di tasso. Entrambi gli aggregati concorrono, per quanto di competenza, nella determinazione degli assorbimenti di capitale. 1.3 Limiti operativi comuni a tutti i portafogli La Banca deve operare principalmente con i soci, nell ambito della zona di competenza territoriale. Pertanto, nelle decisioni di investimento/disinvestimento assunte dai soggetti delegati e/o dal Comitato Rischi, per il tramite dei soggetti delegati stessi, si dovranno sempre controllare gli impatti su: livello di operatività con soci: più del 50% delle attività di rischio deve essere destinato ai soci o ad attività a ponderazione zero. Per adempiere al vincolo evidenziato, deve essere monitorato l importo minimo degli strumenti a ponderazione zero da detenere. Viene dunque stabilito che l importo minimo dei titoli a ponderazione zero da detenere sia superiore al 70% del Portafoglio Titoli complessivo di Proprietà; livello di attività svolta fuori dalla zona di competenza territoriale: non più del 5% delle attività di rischio può essere assunto al di fuori della zona di competenza territoriale 3. Per adempiere al vincolo normativo evidenziato, deve essere monitorato l aggregato massimo complessivamente investito in titoli di emittenti privati non bancari ed in polizze assicurative a contenuto finanziario. Viene, dunque, stabilito che l importo massimo investito in titoli di emittenti privati non bancari ed in polizze assicurative a contenuto finanziario sia al massimo pari al 3% del Portafoglio Titoli complessivo di Proprietà. Tipologie di strumenti ammessi Conti correnti e depositi interbancari a scadenza, con durata massima di 36 mesi; Obbligazioni; Fondi comuni aperti e Sicav; Strumenti derivati di copertura; Strumenti finanziari di tipo azionario; Polizze assicurative a prevalente contenuto finanziario; E.T.F. / E.T.C.; P.C.T.; 3 Non rientrano nel computo le attività di rischio nei confronti delle Banche e delle Società finanziarie Capogruppo di Gruppi Bancari e le attività di rischio a ponderazione zero. C. di A. 4/37 Revisione Gennaio 2012

5 Certificati di Deposito. Resta peraltro inteso che: al fine di rispettare le disposizioni statutarie, l operatività in prodotti derivati deve essere motivata esclusivamente da finalità di copertura; non è ammessa l operatività su tutti quegli strumenti finanziari che si configurano come nuovo strumento e che, pur essendo stati esaminati dalla Banca secondo i processi organizzativi vigenti, richiedono l autorizzazione preventiva del Consiglio di Amministrazione prima di procedere alla loro negoziazione, poiché esposti a fattori di rischio da dettagliarsi in termini assoluti e rispetto allo strumento analizzato; l operatività in strumenti finanziari strutturati è ammessa soltanto per quegli strumenti che garantiscono un rimborso integrale del capitale ed un rendimento minimo alla scadenza. In ogni caso non è ammessa l operatività in strumenti finanziari strutturati con leva finanziaria diversa da 1 come ad esempio reverse floater 4. Emittenti ammessi Governi e Banche Centrali di Paesi della zona A 5 ; organismi sovranazionali (es. B.E.I., B.I.R.S. ecc.); banche aventi sede nei Paesi nella zona Euro con rating almeno investment grade o se con rating inferiori e/o senza rating nei limiti specificati nei paragrafi successivi; altri emittenti, anche senza rating, nei limiti specificati nei paragrafi successivi. Con riferimento alla scala di rating saranno utilizzate le valutazioni rilasciate dall agenzia Moody s Investors Service, coerentemente con quanto deliberato in materia di calcolo del requisito patrimoniale per il rischio di credito. Divise ammesse Al fine di contenere il rischio di cambio, considerando che la posizione netta aperta in cambi deve rientrare nel limite del 2% del Patrimonio di Vigilanza, i titoli del Portafoglio complessivo della banca devono essere prevalentemente denominati in Euro. 4 Cfr. Matrice dei conti Circolare Banca d Italia n. 272/ pag. B30. 5 La zona A comprende tutti i paesi che sono membri a pieno titolo dell'ocse (Arabia Saudita, Australia, Austria, Belgio, Cipro, Canada, Corea del Sud, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Polonia,Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti,Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria) e quelli che hanno concluso speciali accordi di prestito con il Fondo Monetario Internazionale e sono associati agli accordi generali di prestito del Fondo; sono tuttavia esclusi i paesi che abbiano ristrutturato il proprio debito estero negli ultimi 5 anni, che sono equiparati ai Paesi della zona B. L elenco aggiornato è disponibile sulle istruzioni di vigilanza Banca d Italia. C. di A. 5/37 Revisione Gennaio 2012

6 1.4 Gestione del rischio di concentrazione Al fine di dimensionare il rischio di concentrazione e nel rispetto della disciplina normativa dei Grandi Rischi, l ammontare massimo di ogni emittente di titoli - diversi da quelli a ponderazione zero - non dovrà superare ,00 di euro in termini assoluti e il 13% del Patrimonio di Vigilanza in termini percentuali. Si definisce, inoltre, sempre con l obiettivo di assicurare il rispetto della disciplina normativa dei Grandi Rischi, che il totale degli investimenti in prodotti assicurativi a contenuto finanziario non debba superare la somma complessiva di ,00 di euro in termini assoluti ed il 5% del Patrimonio di Vigilanza in termini percentuali; per singola società emittente, altresì, si definisce il limite massimo di valore nominale pari a ,00 di euro, e comunque, entro il 5% del patrimonio di vigilanza. 1.5 Gestione del Rischio di controparte e di regolamento Per la gestione del rischio di controparte 6 e regolamento, come previsto dalle nuove disposizioni di vigilanza prudenziale, la Banca utilizza la seguente suddivisione: controparti di riferimento; controparti accettate. I limiti evidenziati di seguito valgono per l operatività su tutti i portafogli titoli di proprietà, per quella in derivati e per la gestione della liquidità. Con particolare riferimento alla gestione della liquidità, occorre tenere presente che le nuove disposizioni di vigilanza prudenziale sulla concentrazione dei rischi (6 aggiornamento alla circolare n. 263/2006) prevedono che, in caso di esposizioni verso una banca o un impresa di investimento o di un gruppo di clienti connessi di cui faccia parte una banca o un impresa di investimento, la posizione di rischio possa superare il 25% del patrimonio di vigilanza purché siano rispettate le seguenti condizioni: a) l ammontare sia <= 150 mln. Euro; b) la sommatoria delle posizioni di rischio di eventuali clienti connessi diversi da banche o da imprese di investimento non sia > 25% del patrimonio di vigilanza; c) la banca valuti l assunzione dell esposizione coerente con la propria dotazione patrimoniale e la stessa rientri comunque nei limiti del proprio patrimonio di vigilanza. 6 Questo rischio riguarda sia il portafoglio bancario che quello di negoziazione ai fini di vigilanza e si manifesta solo se, prima della data di regolamento, la prestazione che deve ricevere la Banca assume valore positivo. Il rischio di controparte è connesso alle operazioni effettuate in contropartita di altri intermediari finanziari (ad, esempio derivati OTC, gestione liquidità aziendale); per converso lo stesso rischio viene meno ove le operazioni siano effettuate sui mercati regolamentati e/o con controparti aderenti direttamente o indirettamente ai sistemi accentrati di liquidazione. C. di A. 6/37 Revisione Gennaio 2012

7 Criteri di selezione delle controparti Il Consiglio di Amministrazione delibera in merito ai poteri di delega in materia di controparti. Inoltre, il CdA definisce di fondamentale importanza nella conduzione d impresa fruire delle strutture operative del sistema del Credito Cooperativo, verso le quali dovrà confluire il volume principale delle attività finanziarie della Banca, al fine di meglio gestire il rischio di concorrenza proprio e di sistema. A tal riguardo, l operatività finanziaria della banca dovrà risultare coerente con le politiche di assunzione dei rischi stabilite tempo per tempo dal CdA. Nell instaurare un rapporto continuativo con una controparte, è necessario che il Consiglio di Amministrazione assuma una apposita delibera sulla proposta effettuata da parte della Direzione (coadiuvata dal Comitato Rischi, che contenga uno specifico studio di fattibilità dal quale risulti che: esistano le concrete possibilità di realizzo dell'iniziativa; esista la solidità della controparte in termini di riconoscimento da parte del mercato (società quotate sui mercati regolamentati, o appartenente a gruppo quotato sui mercati regolamentati); siano rispettata la velocità di esecuzione degli ordini nonché la rapidità di ritorno delle informazioni (esiti, ecc.); esista la capacità di fornire un supporto di analisi o altro, in termine di valore aggiunto alle attività della Banca; esista una ponderata valutazione dell'economicità della gestione; sia possibile gestire in modo puntuale gli adempimenti amministrativi eventualmente derivanti dall'iniziativa. Per quanto concerne l operatività in strumenti derivati di copertura, l eventuale ricorso a nuove controparti è subordinato alla condizione che le stesse siano in grado di garantire, costantemente nel tempo, modelli valutativi coerenti con i contenuti della delibera-quadro emanata dal C.d.A., riferita all operatività su strumenti finanziari derivati in ottica IAS. Controparti di riferimento ICCREA Banca Spa è la controparte di riferimento, con la quale l azienda ha sviluppato consolidati rapporti d affari e di collaborazione unitamente al contesto dei legami istituzionali. Controparti accettate Risultano accettate le seguenti controparti: 1. Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia; 2. Unicredit Private Banking; 3. Banca Etruria; C. di A. 7/37 Revisione Gennaio 2012

8 4. Banca Popolare di Vicenza; 5. Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni SpA; 6. Poste Italiane. Nella tabella seguente si evidenziano i limiti operativi per la gestione del rischio di controparte della liquidità aziendale (solo per i depositi ed i c/c). Sono esclusi dal computo i depositi detenuti presso la Banca d Italia. Controparte Controvalore massimo giornaliero stipulato Direttore Generale Responsabile Servizio Tesoreria Controvalore massimo di operazioni in essere Direttore Generale ICCREA BANCA SpA , , ,00 Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia , , ,00 Unicredit Private Banking , , ,00 Banca Etruria , , ,00 Banca Popolare di Vicenza , , ,00 Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni SpA Poste Italiane Conto di appoggio utilizzato per regolare le operazioni effettuate da clientela con contratto di Trading On Line DIRECTA SIM Conto di appoggio utilizzato per regolare gli accrediti di fallimenti e/o esecuzioni immobiliari I poteri conferiti sono validi con riferimento a tutti i portafogli gestionali IAS, salvo il portafoglio titoli HTM e le Partecipazioni di competenza diretta del Consiglio di Amministrazione. Rischio di regolamento Nel caso sia stato effettuato il pagamento in contanti o la consegna degli strumenti finanziari o delle valute, senza ricevere il corrispettivo, il Responsabile Servizio tesoreria dovrà informare tempestivamente il Direttore Generale per valutare i provvedimenti da proporre. Le decisioni in merito sono di spettanza del Consiglio di Amministrazione. Ove si registrino due ritardi (a livello annuale) nell adempimento delle obbligazioni di una controparte, il Responsabile Servizio tesoreria dovrà segnalare l anomalia alla Direzione che dovrà farsi carico di informare in merito il Consiglio di Amministrazione. C. di A. 8/37 Revisione Gennaio 2012

9 1.6 Gestione del portafoglio di strumenti finanziari La gestione del portafoglio titoli e della liquidità è orientata al conseguimento degli obiettivi pianificati ed è condizionata da specifici limiti in termini di rischio. Annualmente, in sede di programmazione del piano operativo, la Banca stabilisce obiettivi di rendimento annui per i seguenti aggregati: Portafoglio di Trading (se utilizzato): BENCHMARK Media Giornaliera uribor a 6 mesi Base Punti Base Portafoglio Bancario: BENCHMARK Media Giornaliera uribor a 6 mesi Base 360 flat Intera Tesoreria (Portafoglio di Trading + Portafoglio Bancario + Liquidità): BENCHMARK Media Giornaliera uribor a 6 mesi Base 360 flat La propensione al rischio è definita, in termini quantitativi, tramite la seguente articolazione: limiti e vincoli operativi sui Portafogli di Vigilanza, limiti e vincoli operativi sui Portafogli Contabili costituenti il Portafoglio Bancario, che si articoleranno su due livelli di delega: Direzione e Responsabile del Servizio tesoreria. 1.7 Limiti operativi sui Portafogli di Vigilanza Limiti operativi per la gestione del Portafoglio di Negoziazione di Vigilanza Il portafoglio è, sostanzialmente, composto da titoli classificati nella categoria HFT che la Banca intende rivendere nel breve termine; il portafoglio PNV sarà monitorato attraverso: Limiti di VaR: i limiti operativi sono espressi in termini di VaR, con intervallo di confidenza pari al 99% e periodo di detenzione (holding period) di 10 giorni lavorativi. I limiti di VaR sono definiti sul portafoglio complessivo e declinati sulle singole tipologie di rischio/portafogli (come ad esempio il portafoglio azionario e obbligazionario). Livello di delega Limiti Operativi Direttore Generale Responsabile Servizio Tesoreria VaR , ,00 C. di A. 9/37 Revisione Gennaio 2012

10 Var portafoglio obbligazionario , ,00 Var portafoglio azionario , ,00 Limiti di modified duration: limiti espressi in termini di massima durata finanziaria modificata della componente obbligazionaria del portafoglio. Livello di delega Limite Direttore Generale 25,00 Responsabile Servizio Tesoreria 10,00 Limiti di Stop Loss: è previsto un limite massimo di stop loss mensile ed annuo sulle posizioni HFT segnalate come PNV. Il P&L relativo è calcolato come somma degli utili e delle perdite, delle plusvalenze e delle minusvalenze relativi alle sole posizioni residenti nel Portafoglio di Negoziazione di Vigilanza. Livello di delega Limite Mensile Limite Annuo Direttore Generale , ,00 Responsabile Servizio Tesoreria , ,00 Limiti di Take Profit: è previsto un limite massimo di take profit mensile ed annuo sulle posizioni HFT segnalate come PNV. Il P&L relativo è calcolato come somma degli utili e delle perdite, delle plusvalenze e delle minusvalenze relativi alle sole posizioni residenti nel Portafoglio di Negoziazione di Vigilanza. Livello di delega Limite Mensile Limite Annuo Direttore Generale , ,00 Responsabile Servizio Tesoreria , ,00 Soglia di attenzione per singoli strumenti finanziari: vengono stabilite le seguenti soglie di attenzione (warning level) sulla perdita massima sostenibile, articolate per tipologia di strumento finanziario, C. di A. 10/37 Revisione Gennaio 2012

11 espresse in percentuale dell importo investito e in valore, oltre la quale dovrà essere valutata l opportunità di vendere. Titoli Obbligazionari Limiti Operativi Direttore Generale Livello di delega Responsabile Servizio Tesoreria Minusvalenza espressa in euro , ,00 Minusvalenza in % sul capitale investito 30% 15% Titoli Azionari Minusvalenza espressa in euro , ,00 Minusvalenza in % sul capitale investito 40% 20% OICR Minusvalenza espressa in euro , ,00 Minusvalenza in % sul capitale investito 40% 20% Limiti di concentrazione su strumenti obbligazionari: il portafoglio HFT, dovrà contenere, titoli obbligazionari a ponderazione zero, titoli obbligazionari con rating investment grade emessi da Governi e Banche centrali dei paesi della zona A e da banche area Euro. Per titoli obbligazionari della medesima specie con rating investment grade inferiore (da Baa1 a Baa3 per Moody s), sono stabiliti i seguenti limiti massimi in termini di ammontare investito e di percentuale del portafoglio HFT: Limiti Operativi Livello di delega Concentrazione su titoli obbligazionari con rating investment grade inferiore Direttore Generale Responsabile Servizio Tesoreria Max investimento in valore assoluto , ,00 Max investimento in % del portafoglio HFT 100% 100% Il Consiglio di Amministrazione dovrà autorizzare il mantenimento della posizione, se il rating di qualche emittente/ titolo presente in portafoglio, in un momento successivo all acquisto, scendesse sotto il livello minimo ammesso. Limite di concentrazione su strumenti azionari: per strumenti azionari e obbligazionari convertibili in azioni sono stabiliti i seguenti limiti massimi in termini di ammontare investito e di percentuale del portafoglio HFT: C. di A. 11/37 Revisione Gennaio 2012

12 Limiti Operativi Livello di delega Concentrazione su titoli azionari e obbligazionari convertibili in azioni Direttore Generale Responsabile Servizio Tesoreria Max investimento in valore assoluto , ,00 Max investimento in % del portafoglio HFT 100% 100% Ammontare massimo investito in OICR: per investimenti in OICR sono stabiliti i seguenti limiti massimi in termini di ammontare investito e di percentuale del portafoglio HFT: Limiti Operativi Livello di delega Concentrazione su quote di OICR Direttore Generale Responsabile Servizio Tesoreria Max investimento in valore assoluto , ,00 Max investimento in % del portafoglio HFT 100% 100% Le posizioni del portafoglio di negoziazione non dovranno determinare il superamento del limite individuale di affidamento/esposizione a controparti. Pertanto, la Banca non intende assumere il rischio di concentrazione previsto dalle disposizioni di Vigilanza prudenziale per le Banche. Il livello autorizzato per il Direttore Generale è da intendersi come autonomia complessiva, sia sui portafogli di pertinenza diretta, sia su quelli gestiti da tutti i livelli gerarchicamente sottostanti, e può essere attivato nel momento in cui anche un solo limite del livello inferiore è superato. Limiti operativi per la gestione del Portafoglio Bancario Come previsto dalle precedenti deliberazioni del CdA in materia, il Portafoglio Bancario è composto, oltre che dagli strumenti finanziari classificati nella categoria HFT che non rientrano nel PNV, coerentemente a quanto disposto dagli Organi di Vigilanza 7, dagli strumenti classificati nelle categorie: Available for Sale (AFS). Held to Maturity (HTM); 7 Gli strumenti oggetto della riclassificazione da PNV a PB sono i: derivati scorporati da strumenti finanziari del banking book; derivati connessi con l utilizzo della fair value option; derivati a copertura gestionale di strumenti del banking book. C. di A. 12/37 Revisione Gennaio 2012

13 Loans and Receivables (L&R); Fair Value Option (FVO). Per quanto concerne il livello del rischio di credito 8 dei portafogli titoli che alimentano il banking book (AFS, FVO, HTM e L&R e l eventuale quota di HFT che è imputata al banking book), si stabilisce una soglia di attenzione, calcolata secondo la Metodologia Standard prevista dalle disposizioni di vigilanza prudenziale (Basilea 2), pari a Euro ,00 (esclusi dal calcolo i c/c di corrispondenza). Per quanto attiene al livello di rischio di tasso dei portafogli titoli afferenti al Portafoglio Bancario, viene fissata una soglia di attenzione, calcolata come variazione del valore dei predetti portafogli (sensitivity) a seguito di una variazione di 100 bp del tasso di interesse (+/- 1%), pari a ,00 Euro. All approssimarsi delle soglie di attenzione previste per il presidio del rischio di credito e del rischio di tasso, il Comitato Rischi avrà il compito di analizzare la situazione attuale e prospettica, riferendo in merito, nei tempi opportuni, al CdA e proponendo, altresì, eventuali contromisure o iniziative al riguardo. La composizione degli strumenti finanziari del banking book dovrà essere riconsiderata, in ogni caso, se il rischio di tasso, calcolato secondo le Metodologie Standard previste dalle disposizioni di vigilanza prudenziale (Basilea 2), risultasse superiore al 20% del patrimonio di vigilanza. In ambito operativo (ossia in fase di scelta del Comitato Rischi o dei soggetti delegati), si dovrà porre particolare attenzione a questi livelli quando si valutano riallocazioni significative fra le varie classi di titoli e/o emittenti. Il livello del rischio di credito e di tasso dei portafogli titoli che alimentano il banking book (AFS, HTM, L&R, FVO) sono soggetti a mitigazione anche tramite la determinazione dei seguenti vincoli e limiti stabiliti per ogni tipologia di portafoglio. PORTAFOGLIO AFS In questo portafoglio saranno inseriti i titoli che la banca intende detenere come investimento e le partecipazioni strumentali all attività bancaria (diverse da quelle di controllo e di collegamento) acquistate su decisione del Consiglio di Amministrazione. Il portafoglio AFS può essere movimentato dalla Direzione e dal responsabile Servizio tesoreria, nel rispetto dei seguenti limiti in termini di rischio massimo assumibile. Limiti di VaR: i limiti operativi sono espressi in termini di VaR, con intervallo di confidenza pari al 99% e periodo di detenzione (holding period) di 10 giorni lavorativi. I limiti di VaR sono definiti sul portafoglio complessivo in percentuale del portafoglio: 8 Si veda il Titolo II, Capitolo 1 della Circolare 263/06, dove sono stabilite le modalità di calcolo del rischio di credito secondo la metodologia standardizzata. C. di A. 13/37 Revisione Gennaio 2012

14 Limiti Operativi Direttore Generale Livello di delega Responsabile Servizio Tesoreria VaR complessivo su AFS 1,00% 0,50% Limiti di modified duration: limiti espressi in termini di massima durata finanziaria modificata della componente obbligazionaria del portafoglio. Livello di delega Limite Direttore Generale 25,00 Responsabile Servizio Tesoreria 10,00 Limiti di Stop Loss: è previsto un limite massimo di stop loss mensile ed annuo sulle posizioni segnalate come AFS. Il P&L relativo è calcolato come somma degli utili e delle perdite, delle plusvalenze e delle minusvalenze relative alle sole posizioni residenti nel Portafoglio AFS. Livello di delega Limite Mensile Limite Annuo Direttore Generale , ,00 Responsabile Servizio Tesoreria , ,00 Limiti di Take Profit: è previsto un limite massimo di take profit mensile ed annuo sulle posizioni AFS. Il P&L relativo è calcolato come somma degli utili e delle perdite, delle plusvalenze e delle minusvalenze relativi alle sole posizioni residenti nel Portafoglio AFS. Livello di delega Limite Mensile Limite Annuo Direttore Generale , ,00 Responsabile Servizio Tesoreria , ,00 C. di A. 14/37 Revisione Gennaio 2012

15 Si evidenzia che i meccanismi di stop loss relativi al PNV ed al PB rimangono separati, non essendo ammessa, per loro stessa logica di funzionamento, alcuna possibilità di compensazione tra i due aggregati. Limiti di Rischio Emittente: ai fini della limitazione del rischio emittente e nell ottica di contenimento dell assorbimento patrimoniale, il portafoglio AFS, salvo quanto sotto stabilito, dovrà contenere titoli obbligazionari con rating Moody s fino a Aa3 (1 classe di merito creditizio metodo standardizzato). Per titoli con rating inferiore a tale soglia (da A1, per Moody s), sono stabiliti i seguenti limiti massimi in termini di ammontare investito e di percentuale massima del portafoglio AFS. Limiti Operativi Concentrazione su titoli obbligazionari con rating inferiore a 1 classe di merito Direttore Generale Livello di delega Responsabile Servizio Tesoreria Emittenti con rating Moody s da A1a A3 (investment grade superiore) Max investimento in valore assoluto , ,00 Max investimento in % del portafoglio AFS 12% 2,5% Emittenti con rating Moody s da Baa1 a Baa3 (investment grade inferiore) Max investimento in valore assoluto , ,00 Max investimento in % del portafoglio AFS 2,5% 1,75% Emittenti bancari area Euro con rating speculative grade o senza rating Max investimento in valore assoluto ,00 0,00 Max investimento in % del portafoglio AFS 1,75% 0,00% Il Consiglio di Amministrazione dovrà autorizzare il mantenimento della posizione, se il rating di qualche emittente/titolo presente in portafoglio, in un momento successivo all acquisto, scendesse sotto le soglie individuate. Ammontare massimo investito in OICR: per investimenti in OICR sono stabiliti i seguenti limiti massimi in termini di ammontare investito e di percentuale del portafoglio AFS: Limiti Operativi Livello di delega Concentrazione su quote di OICR Direttore Generale Responsabile Servizio Tesoreria Max investimento in valore assoluto , ,00 Max investimento in % del portafoglio AFS 4% 2% C. di A. 15/37 Revisione Gennaio 2012

16 PORTAFOGLIO HTM In coerenza con le precedenti deliberazioni, la gestione del portafoglio HTM è di competenza esclusiva del CdA. A riguardo, si precisa che acquisti, dismissioni e/o trasferimenti inerenti il portafoglio titoli di proprietà Held To Maturity (HTM strumenti finanziari detenuti fino a scadenza) e le partecipazioni azionarie, come descritto in precedenza, sono riservati esclusivamente alle competenze del Consiglio di Amministrazione. Tipologia di strumenti Quotazione Rating Esclusivamente strumenti di tipo obbligazionario, che non incorporino componenti derivative. Emessi dallo Stato italiano, da banche italiane, da amministrazioni centrali e banche di paesi appartenenti all Unione Europea, da organizzazioni internazionali (Comunità Europea, Fondo Monetario etc.) e da banche multilaterali di sviluppo (BEI, BIRS etc ) Esclusivamente quotati su mercati attivi Investment grade superiore (fino ad A3 di Moody s) al momento dell inserimento in tale portafoglio Duration modificata Non superiore a 20 Divisa Euro Si incarica il Responsabile del Servizio Tesoreria di monitorare il rischio di deterioramento creditizio dell emittente tramite controllo delle eventuali minusvalenze maturate sui singoli strumenti finanziari. Al raggiungimento Early Warning della soglia del 40%, in termini di svalutazione rispetto al prezzo d acquisto di un singolo titolo, dovrà essere fornita comunicazione al Direttore Generale che informerà il CDA alla prima riunione utile. Possibilità di utilizzo per PCT di Sì, ma solo se titolo di Stato. raccolta PORTAFOGLIO L&R L acquisto di titoli da classificare in questa categoria, previa autorizzazione da parte del CdA, avverrà nel rispetto dei seguenti limiti e vincoli: Tipologia di strumenti Emittenti Quotazione Rating Strumenti di tipo obbligazionario e polizze assicurative a prevalente contenuto finanziario. Governi, banche centrali, banche e assicurazioni della zona euro. Non quotati su mercati attivi. Investment grade, tranne che per i titoli rivenienti da proprie operazioni di cartolarizzazione che potranno anche essere privi di rating. Per strumenti finanziari sprovvisti di Rating o con rating Inferiori a Investment grade viene fissato un limite pari a 5% del portafoglio complessivo del PB e comunque non superiore ad euro ,00 C. di A. 16/37 Revisione Gennaio 2012

17 Duration modificata Non superiore a 10 Divisa Euro Si incarica il Responsabile del Servizio Tesoreria di monitorare il rischio di deterioramento creditizio dell emittente tramite controllo delle eventuali minusvalenze maturate sui singoli strumenti finanziari ed informazioni presenti sul mercato. Al raggiungimento della soglia del 10%, in termini di svalutazione rispetto al prezzo d acquisto di un singolo titolo, dovrà essere Early Warning fornita comunicazione al Direttore Generale che informerà il CDA alla prima riunione utile. In caso di necessità ed urgenza, il livello della perdita dovrà essere comunicato al Direttore Generale, che dovrà valutare l opportunità di vendere il titolo. In ogni caso dovrà essere informato il CdA alla prima seduta consiliare utile. Possibilità di utilizzo per PCT di Sì, ma solo se titolo di Stato. raccolta PORTAFOGLIO FVO La Banca intende utilizzare la FVO esclusivamente per: coperture tramite derivati di emissioni obbligazionarie; coperture di derivati di titoli dell attivo; classificazione di strumenti finanziari strutturati con derivati impliciti da scorporare ai fini IAS. Pertanto, non si prevedono deleghe per operatività differente da quella indicata, che deve comunque essere deliberata dal Consiglio di Amministrazione. Nel caso in cui si detengano, nel portafoglio FVO, strumenti finanziari dell attivo con derivati impliciti da scorporare sono applicati i limiti definiti per il portafoglio HFT. Non si prevedono deleghe per operatività differente da quella indicata, che deve comunque essere deliberata dal Consiglio di Amministrazione. 1.8 Limiti operativi per la gestione del rischio di liquidità Per consentire alla Banca di disporre nei tempi opportuni di un quantitativo di liquidità che le consenta di far fronte agli impegni di pagamento quando dovuti, ed in via generale, alle possibili tensioni derivanti da uscite di cassa non previste, la banca determina appositamente un articolata serie di limiti e valori soglia di attenzione. Per quanto attiene ai suddetti limiti e vincoli ed ai poteri di delega concessi alla Direzione Generale, al Risk Controller ed al Responsabile del Servizio Tesoreria, al fine di presidiare opportunamente il rischio di liquidità, si rimanda a quanto contenuto nella Policy di controllo e gestione della liquidità. 1.9 Operatività con la clientela Il Consiglio di Amministrazione, nell intento di assicurare correttezza operativa, da un lato, e favorire una chiara individuazione delle responsabilità dall altro, ad integrazione di quanto già ricompreso nel regolamento C. di A. 17/37 Revisione Gennaio 2012

18 di processo e nelle policy definite in ottemperanza alla Direttiva MIFID, stabilisce le deleghe di poteri per l operatività con clientela in materia di finanza relativamente a: condizioni per la prestazione dei servizi di investimento; poteri di firma connessi allo svolgimento dei servizi finanziari; negoziazione in contropartita diretta. Per quanto concerne il conferimento di deleghe operative in materia di attribuzione di condizioni alla clientela, nell ambito della prestazione dei servizi d investimento, compresa anche l esecuzione di operazioni di PCT passive con la clientela, si rimanda a quanto espresso nelle deliberazioni in materia. Medesime considerazioni sono esprimibili in merito ai poteri di firma relativi allo svolgimento dei servizi di investimento con la clientela: anche in questo caso si rimanda a quanto presente nella regolamentazione generale attualmente in vigore sui poteri di firma. In relazione all operatività connessa alla prestazione del servizio di negoziazione in conto proprio con la clientela aventi per oggetto strumenti finanziari riportati nella policy di esecuzione e trasmissione degli ordini, viene stabilito che questa operatività è riservata alla competenza esclusiva della Direzione Generale che autorizzerà eccezionalmente casi particolari ed espressamente giustificati e, comunque, di importo contenuto (massimo ,00 euro a nominativo). Alla prima riunione utile spetterà al CdA ratificare l operazione conclusa con la preventiva autorizzazione della Direzione Generale. Per quanto attiene, invece, alle obbligazioni di propria emissione, la Banca applica la soluzione individuata per assicurare la condizione di liquidità (negoziazione delle proprie obbligazioni sul mercato Hi-MTF gestito da Hi- MTF Sim SpA) in coerenza con quanto previsto dalle linee guida interassociative Abi Assosim - Federcasse in materia di prodotti finanziari illiquidi e secondo i criteri stabiliti nel regolamento del Processo Finanza. Fanno eccezione ai limiti sopra riportati le eventuali operazioni in contropartita diretta con la clientela effettuate in occasione di sottoscrizioni in asta di titoli di Stato, per le quali non vige alcuna limitazione Processo organizzativo in caso di superamento dei limiti operativi Il superamento di qualsiasi limite determina la richiesta immediata di autorizzazione presso il livello di delega immediatamente superiore. Il monitoraggio dei limiti avviene in accordo alle responsabilità attribuite nel Regolamento del Processo Finanza, mentre la richiesta di autorizzazione alla detenzione delle posizioni di rischio è effettuata dal livello di responsabilità che ha superato il proprio limite presso il livello gerarchico superiore. Pertanto, al raggiungimento di uno o più dei limiti operativi proposti, il Responsabile del Servizio dovrà tempestivamente informare il Direttore Generale il quale potrà, nell ambito delle sue facoltà, autorizzarne il mantenimento. C. di A. 18/37 Revisione Gennaio 2012

19 In ogni caso, qualunque sia stata la decisione intrapresa, la Direzione avrà il compito di informare il Comitato Rischi alla prima seduta utile. Nel caso di superamento delle autonomie del Direttore Generale, il Direttore Generale dovrà comunicare tempestivamente, e comunque alla prima seduta consiliare utile, al Consiglio di Amministrazione, la situazione e proporre, sentito opportunamente il Comitato Rischi, un adeguata soluzione. C. di A. 19/37 Revisione Gennaio 2012

20 2. POLITICHE DI RISCHIO NEL PORTAFOGLIO TITOLI DI TERZI Il Consiglio di Amministrazione in quanto sensibile alla mitigazione dei rischi rivenienti dal portafoglio titoli della clientela ed in generale al contenimento del rischio di immagine e reputazione, tenuto conto anche dei principi di educazione al risparmio sanciti dallo Statuto aziendale, adotta le seguenti politiche di rischio e relativi indirizzi comportamentali sul portafoglio di terzi. L introduzione della Direttiva Mifid ha garantito la protezione degli investitori, ha rafforzato l integrità e la trasparenza dei mercati finanziari e ha disciplinato l esecuzione organizzata delle transazioni da parte delle Borse, degli altri sistemi di negoziazione e delle banche. Tra le principali novità introdotte dalla suddetta Direttiva, infatti, si evidenzia la classificazione della clientela, con l applicazione di regole di condotta e di tutela differenti a seconda della categoria di appartenenza individuata. Per quanto concerne la classificazione citata, poiché il livello di protezione più elevato viene applicato ai clienti al dettaglio, i clienti della Banca sono classificati nella suddetta categoria, salvo diversa richiesta, che deve essere comunque confermata da uno specifico test. Nell ambito della Direttiva MIFID, inoltre, particolare attenzione viene attribuita, nella prestazione dei servizi di investimento, alla valutazione dell adeguatezza e appropriatezza delle operazioni effettuate dalla clientela. Sulla base delle informazioni ricevute dal cliente, la Banca valuta (c.d. test di adeguatezza ) che la specifica operazione consigliata nell ambito del servizio di consulenza in materia di investimenti soddisfi i seguenti criteri: corrisponda agli obiettivi di investimento del cliente; sia di natura tale che il cliente sia finanziariamente in grado di sopportare qualsiasi rischio connesso all investimento compatibilmente con i suoi obiettivi di investimento; sia di natura tale per cui il cliente possieda la necessaria esperienza e conoscenza per comprendere i rischi inerenti all operazione. La Banca, nella valutazione di adeguatezza, adotta un approccio di tipo multivariato. 2.1 Profilatura del cliente Questionario per la profilatura della clientela La Banca ai fini della raccolta delle informazioni del cliente utilizza il questionario per la profilatura della clientela funzionale alla valutazione di adeguatezza multivariata. Il questionario si compone di 18 domande suddivise in 4 distinte sezioni: Sezione A Dati Anagrafici C. di A. 20/37 Revisione Gennaio 2012

Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015

Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015 Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015 Data di deposito in Consob del Glossario: 17/05/2010. Data di validità del Glossario: 01/06/2010.

Dettagli

SISTEMA FONDI ZENIT MC

SISTEMA FONDI ZENIT MC GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO SISTEMA FONDI ZENIT MC ZENIT MC BREVE TERMINE ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO ZENIT MC PIANETA ITALIA ZENIT MC MEGATREND ZENIT MC EVOLUZIONE ZENIT MC PARSEC

Dettagli

Policy di Valutazione e Pricing

Policy di Valutazione e Pricing Policy di Valutazione e Pricing Regole Interne per la Negoziazione ed Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca Alto Vicentino Credito Cooperativo di Schio e Pedemonte Società Cooperativa

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 Art.1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, l Impresa ha costituito

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo.

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo

ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo ALLEGATO 1 Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Art. 1 - Istituzione e denominazione del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita S.p.A. (la Compagnia ) ha istituito, secondo le modalità indicate nel

Dettagli

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Versione settembre 2012 La Comunicazione Consob 9019104 del 2 marzo 2009 ha imposto la necessità per le banche di definire un approccio che consenta di individuare

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli

Policy di Valutazione e Pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

Policy di Valutazione e Pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Policy di Valutazione e Pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Approvazione Consiglio di Amministrazione Data 17/11/2014 Versione 14.01 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. POLITICA DI VALUTAZIONE

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1 Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione / emissione dei prestiti obbligazionari della Banca di Credito Cooperativo di Borghetto Lodigiano s.c. (Adottate ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca

Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca Politica di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi dalla Banca Approvato nella seduta del

Dettagli

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre Le banche La banca - definizioni Definizione minima: raccolta risparmio dal pubblico + concessione credito (art. 10 D.lgs. 385/1993) Molteplicità delle attività possibili (ammesse al mutuo riconoscimento):

Dettagli

Linee Guida per la prestazione del Servizio di Consulenza in materia di investimenti

Linee Guida per la prestazione del Servizio di Consulenza in materia di investimenti Versione 1 del 24.05.2011 BCC dei COMUNI CILENTANI Linee Guida per la prestazione del Servizio di Consulenza in materia di investimenti Aprile 2011 Indice 1. Premessa... 3 2. Il Servizio di consulenza

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

Il rischio di concentrazione nell ambito della valutazione di adeguatezza nella prestazione del servizio di consulenza in materia di investimenti

Il rischio di concentrazione nell ambito della valutazione di adeguatezza nella prestazione del servizio di consulenza in materia di investimenti DI CREDIO COOPERAIVO S.C. Il rischio di concentrazione nell ambito della valutazione di adeguatezza nella prestazione del servizio di consulenza in materia di investimenti Linee Guida Giugno 2015 Presa

Dettagli

Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia

Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia Documento sulle operazioni di fusione autorizzate da Banca d Italia 1 2 Oggetto: Documento di Informazione relativo all operazione di fusione del fondo Arca Capitale Garantito Giugno 2013 nel fondo Arca

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne di Negoziazione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Rovigo Banca Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 365 del 10/02/2011

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

MiFID. POLICY SULLA PRESTAZIONE Direttiva MiFID DEL SERVIZIO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI

MiFID. POLICY SULLA PRESTAZIONE Direttiva MiFID DEL SERVIZIO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI MiFID POLICY SULLA PRESTAZIONE Direttiva MiFID DEL SERVIZIO DI CONSULENZA IN MATERIA DI INVESTIMENTI Aggiornamento Febbraio 2016 Sommario 1 PREMESSA... 3 1.1 Struttura del documento... 3 1.2 Destinatari

Dettagli

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AZIMUT SGR SpA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY AZIMUT SCUDO AZIMUT BILANCIATO AZIMUT STRATEGIC TREND AZIMUT TREND AMERICA AZIMUT TREND EUROPA AZIMUT

Dettagli

PARTE I DEL PROSPETTO D OFFERTA INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO E SULLE COPERTURE ASSICURATIVE

PARTE I DEL PROSPETTO D OFFERTA INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO E SULLE COPERTURE ASSICURATIVE PARTE I DEL PROSPETTO D OFFERTA INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO E SULLE COPERTURE ASSICURATIVE La Parte I del Prospetto d offerta, da consegnare su richiesta all Investitore-contraente, è volta ad illustrare

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Gestione patrimoniale e finanziaria

Gestione patrimoniale e finanziaria Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività svolta nel corso del 2013 Durante il 2013 le politiche di investimento adottate dall area finanza hanno perseguito, in un ottica

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE 1 Delibera istitutiva - C.d.A. del 24.08.2011 1 aggiornamento delibera CdA del 27.06.2013 (mandato a Direttore Generale

Dettagli

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop.

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop. BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE/EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DELLA BANCA (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO PROGETTO SMART 1 Denominazione CNP UniCredit Vita al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti degli Aderenti, in base a quanto stabilito dal Regolamento e dalle

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 2 agosto 2011 Data di entrata in vigore: 8 agosto 2011 Aggiornamento del

Dettagli

Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Cassa www.lacassa.com

Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Cassa www.lacassa.com INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Informativa

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

Linee Guida per la prestazione del Servizio di Consulenza in materia di investimenti

Linee Guida per la prestazione del Servizio di Consulenza in materia di investimenti Linee Guida per la prestazione del Servizio di Consulenza in materia di investimenti 01/09/2010 Indice 1. Premessa... 3 2. Il Servizio di consulenza in materia di investimenti... 3 3. Politiche commerciali...

Dettagli

Il rischio di concentrazione nell ambito della valutazione di adeguatezza nella prestazione del servizio di consulenza in materia di investimenti

Il rischio di concentrazione nell ambito della valutazione di adeguatezza nella prestazione del servizio di consulenza in materia di investimenti Il rischio di concentrazione nell ambito della valutazione di adeguatezza nella prestazione del servizio di consulenza in materia di investimenti Linee Guida Federcasse Presa d atto Consob 30 giugno 2014

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Signa S.c. **********

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Signa S.c. ********** Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Signa S.c. ********** CDA del 13/11/2013 1 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. METODOLOGIA DI PRICING...

Dettagli

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a.

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE PER TITOLI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE PER TITOLI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede Legale: Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Sito Internet: www.bancacarim.it REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE

Dettagli

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da BCC BARLASSINA (ai sensi delle Linee-Guida interassociative ABI-Assosim-Federcasse per l applicazione delle misure di attuazione della Direttiva

Dettagli

Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla

Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo San Giuseppe di Petralia Sottana Adottata con delibera del C.d.A. del

Dettagli

Regolamento per la prestazione del Servizio di Consulenza in materia di investimenti

Regolamento per la prestazione del Servizio di Consulenza in materia di investimenti Regolamento per la prestazione del Servizio di Consulenza in materia di investimenti Approvato con Delibera del C.d.A. del 9 settembre 2015 della Banca di Credito Cooperativo Bergamasca e Orobica S.c.

Dettagli

Regole interne per la negoziazione delle obbligazioni di Banca Agricola Popolare di Ragusa S.c.p.a.

Regole interne per la negoziazione delle obbligazioni di Banca Agricola Popolare di Ragusa S.c.p.a. Regole interne per la negoziazione delle obbligazioni di Banca Agricola Popolare di Ragusa S.c.p.a. Approvata dal Consiglio di Amministrazione 31 maggio 2013 Revisionata: 27 maggio 2014 Bozza per discussione

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A.

Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A. Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A. 1 DESTINATARI. Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014 INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A Versione Aggiornata 28/11/2014 Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c.

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle

Dettagli

Il rischio di concentrazione nell ambito della valutazione di adeguatezza nella prestazione del servizio di consulenza in materia di investimenti

Il rischio di concentrazione nell ambito della valutazione di adeguatezza nella prestazione del servizio di consulenza in materia di investimenti Il rischio di concentrazione nell ambito della valutazione di adeguatezza nella prestazione del servizio di consulenza in materia di investimenti Linee Guida Federcasse Presa d atto Consob 30 giugno 2014

Dettagli

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C.

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C. _ Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C. (Adottata ai sensi delle "Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob di livello

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dal Credito Cooperativo Valdarno Fiorentino

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dal Credito Cooperativo Valdarno Fiorentino Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dal Credito Cooperativo Valdarno Fiorentino Ufficio Organizzazione 1 Delibera CdA 09.03.2016 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. METODOLOGIA

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife, SudPoloVita e CentroVita)

Dettagli

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI PARTECIPAZIONI IN IMPRESE NON FINANZIARIE E DI CLASSIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI INDIRETTI IN EQUITY Delibera C.d.A. n. 26 del 28 giugno 2012 1 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo

Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo Delibera CDA n. 35 del 16/12/2013 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 CARATTERISTICHE DELLE

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca Banca di Credito Cooperativo Dell Alta Brianza Alzate Brianza Società Cooperativa Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca (Adottata ai

Dettagli

Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC

Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC (assunte in attesa delle definitive Linee Guida Interassociative per l applicazione delle

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE Delibera del Consiglio di Amministrazione Padergnone, 16 gennaio 2014 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

GRUPPO BANCARIO TERCAS. Modalità di gestione dell adeguatezza e appropriatezza

GRUPPO BANCARIO TERCAS. Modalità di gestione dell adeguatezza e appropriatezza GRUPPO BANCARIO TERCAS Modalità di gestione dell adeguatezza e appropriatezza Aggiornamenti Versione Data Autore Note 1-18/06/201 2 Giampiero Ferraioli Esclusione dei cd dalla mifid Doppio binario per

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO Società Cooperativa per Azioni Sede sociale: Matera (MT), Via Timmari 25 Direzione Generale: Altamura (BA), Via Ottavio Serena, 13 Capitale Sociale e Riserve al 31/12/2008: Euro 307.364.967 Registro delle

Dettagli

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo TITOLO ABSTRACT TIPOLOGIA CORRELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI Politiche di valutazione, princing

Dettagli

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QS. Data di istituzione e inizio operatività del fondo interno: 15/03/2014

Codice della proposta di investimento e del fondo interno: QS. Data di istituzione e inizio operatività del fondo interno: 15/03/2014 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 7 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina Credito Cooperativo **********

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina Credito Cooperativo ********** Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina Credito Cooperativo ********** 1 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. METODOLOGIA DI PRICING... 3 2.1 PRICING... 5 2 1.

Dettagli

Policy di valutazione e di pricing dei prodotti finanziari emessi dalla Bcc Monterenzio

Policy di valutazione e di pricing dei prodotti finanziari emessi dalla Bcc Monterenzio Policy di valutazione e di pricing dei prodotti finanziari emessi dalla Bcc Monterenzio (ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob di livello 3 in tema di prodotti

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina s.c. Credito Cooperativo

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina s.c. Credito Cooperativo Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina s.c. Credito Cooperativo ********** gennaio 2012 1 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. METODOLOGIA DI PRICING... 3 2.1

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c.

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. Metodologia di pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 11/03/2014 Premessa La presente policy viene redatta sulla base di quanto disposto dalla comunicazione

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Q&A 1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Dicembre 2011 La nuova normativa Il prossimo 1 gennaio 2012 entreranno

Dettagli

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo TITOLO ABSTRACT TIPOLOGIA CORRELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI Politiche di valutazione, pricing

Dettagli

Base Target 04/2022 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8

Base Target 04/2022 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

Sintesi Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Impruneta

Sintesi Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Impruneta Banca di Credito Cooperativo di Impruneta Sintesi Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Impruneta Delibera CdA del 09/06/2015 1 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea

Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea Comunicazione del 31 marzo 2014 SIM e gruppi di SIM: applicazione della nuova normativa prudenziale europea 1. Premessa Dal 1 gennaio 2014 è applicabile la nuova disciplina armonizzata per le banche e

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato Allegato 4 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Comparto 2 Bilanciato ARTICOLO 1 - ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEL FONDO INTERNO La Società ha istituito in data 2 dicembre 2010, e gestisce secondo le modalità

Dettagli

INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6

INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 1.1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE...4 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6 2.1 TITOLI AZIONARI E RELATIVI DIRITTI DI OPZIONE, COVERED WARRANTS,

Dettagli

REGOLAMENTO N. 36 DEL 31 GENNAIO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 36 DEL 31 GENNAIO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 36 DEL 31 GENNAIO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LE LINEE GUIDA IN MATERIA DI INVESTIMENTI E DI ATTIVI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE DI CUI AGLI ARTICOLI 38, COMMA 2, 39, COMMA 3, 40,

Dettagli

Base Target High Dividend Scheda Sintetica - Informazioni specifiche

Base Target High Dividend Scheda Sintetica - Informazioni specifiche 1 di 8 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali caratteristiche del fondo interno. INFORMAZIONI

Dettagli

BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Approvata con delibera del C.d.A. n. 2974 del 31/05/2011 Formalizzata con O.d.S. n. 8 dell 1/06/2011

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Policy di valutazione e pricing delle obbligazioni

Policy di valutazione e pricing delle obbligazioni Banca Area Pratese Credito Cooperativo Società Cooperativa Policy di valutazione e pricing delle obbligazioni Aggiornata con delibera CdA del 13/04/2015 1 INDICE 1. PEMESSA.3 1.1 CARATTERISTICHE DELLE

Dettagli

Policy di pricing e regole di negoziazione per i prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Don Rizzo C.C. della Sicilia Occ.

Policy di pricing e regole di negoziazione per i prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Don Rizzo C.C. della Sicilia Occ. BANCA DON RIZZO CREDITO COOPERATIVO DELLA SICILIA OCCIDENTALE Policy di pricing e regole di negoziazione per i prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Don Rizzo C.C. della Sicilia Occ. In conformità

Dettagli

Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina Credito Cooperativo **********

Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina Credito Cooperativo ********** Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina Credito Cooperativo ********** Delibera CDA del 26 settembre 2011 1 INDICE 1. PREMESSA...3 1.1 CARATTERISTICHE DELLE METODOLOGIE

Dettagli

REGOLAMENTO per la gestione del Patrimonio dell ENPAP

REGOLAMENTO per la gestione del Patrimonio dell ENPAP REGOLAMENTO per la gestione del Patrimonio dell ENPAP INDICE 1. Premesse e riferimenti normativi 2. Contenuti generali 3. Obiettivi della gestione del patrimonio 4. Criteri di attuazione del processo di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 4, punto 10, dello statuto della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, di seguito indicata come

Dettagli