7. Utilizzazione della potenza a bordo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "7. Utilizzazione della potenza a bordo"

Transcript

1 7. Utilizzazione della potenza a bordo Motori termici diesel - otto I motori alternativi per la trazione si dividono in due grandi categorie in funzione del ciclo termico seguito: motori a ciclo otto (scoppio) e motori a ciclo diesel (iniezione), la principale differenziazione è dovuta al fatto che nei primi la fase di co-mbustione della miscela aria-benzina avviene a volume costante, mentre negli altri la fase di combustione del gasolio avviene a pressione costante. Nei motori a scoppio il combustibile è miscelato all aria in un apparato esterno al cilindro (carburatore), oppure in una fase precedente alla combustione (iniezione in aspirazione), successivamente l accensione della miscela avviene per mezzo di una scintilla fatta scoccare da un apposito apparato elettrico (candela). Nei motori diesel il combustibile è iniettato nella camera di combustione immediatamente prima della combustione stessa e l accensione avviene per l elevata temperatura dell aria comburente per effetto della precedente compressione, oppure per la presenza di un punto di ignizione permanente nella camera stessa (candeletta incandescente). I motori alternativi si differenziano, inoltre, per il tipo di regolazione effettuata. Nei motori a scoppio la regolazione avviene per variazione della quantità di miscela aria benzina che viene introdotta all interno della camera di combustione, definita regolazione per quantità; maggiore è la quantità di miscela benzina-aria che si utilizza, maggiore è la potenza che si riesce ad ottenere dal motore. Nei motori diesel la regolazione avviene per variazione della quantità di gasolio iniettato all interno della camera di combustione, definita regolazione per qualità; al variare della quantità di gasolio che si inietta, a parità di aria presente all interno della camera di combustione, varia la composizione percentuale della miscela gasolio aria (miscela più ricca, miscela meno ricca). Di seguito (Figura 68) è rappresentato il ciclo teorico Otto nel diagramma pressione volume del fluido all interno della camera di combustione: - Il fluido operante inizia il ciclo dal punto 1, a pressione e temperatura atmosferica; - da 1 a 2 si ha la fase di compressione adiabatica; - da 2 a 3 si ha la fase di combustione a volume costante; - da 3 a 4 si ha l espansione adiabatica, ossia senza scambio di calore con l esterno (sola fase attiva del ciclo che produce lavoro utile); - nel punto 4 terminano le trasformazioni con lo scarico nell atmosfera. Il ciclo Otto è di tipo aperto, infatti da 4 a 1 si ha la sostituzione dei prodotti della combustione con un nuovo fluido, che inizia il ciclo successivo. Il volume del fluido che ha già operato, punto 4, ed il volume del fluido nuovo, punto 1, sono uguali (essi hanno però temperatura e pressione diversa), quindi la linea da 4 a 1 può assimilarsi ad una trasformazione a volume costante, che chiude il ciclo. Di seguito (Figura 69) è rappresentato, in modo analogo, il ciclo teorico Diesel, che differisce sostanzialmente dal ciclo Otto per il fatto che la trasformazione da 2 a 3

2 avviene a pressione costante; per il resto valgono le medesime considerazioni effettuate per il ciclo Otto. 101 Figura 68 Diagramma ciclo otto Figura 69 Diagramma ciclo diesel 7.2 Motore ideale Si definisce apparato motore ideale quello che eroga sempre la medesima potenza (potenza massima) al variare del numero di giri. La caratteristica di potenza di un motore ideale è costituita da un segmento di retta limitato dai regimi minimo e massimo di funzionamento del motore (Figura 70). Figura 70 curve caratteristiche di un motore ideale La potenza di una macchina è data, a meno di costanti numeriche, dal prodotto tra la coppia motrice e la velocità di rotazione dell albero motore C N = ω m [ CV]. C [ kg m] (1) 75 Poiché la curva di potenza di un motore ideale è una retta orizzontale, la curva

3 102 caratteristica della coppia, in base alle considerazioni precedentemente esposte, sarà data da un iperbole equilatera, che ha come asintoti l asse delle ascisse e l asse delle ordinate, di equazione N C m = [ Kgm], (2) n con: n ω = π, 30 dove n ed ω rappresentano il regime di rotazione del motore, il primo espresso in giri/1' ed il secondo in rad/sec. Si ricorderà che se N m è la potenza erogata dal motore, la potenza necessaria alle ruote è: N r = N m ηt, essendo η t il rendimento della trasmissione. Alla periferia delle ruote motrici perviene uno sforzo di trazione T per effetto della trasmissione della coppia C m del motore alle ruote. L andamento della funzione T = T() v è analogo a quello della curva caratteristica di coppia, infatti la velocità del veicolo è funzione del numero di giri dell albero motore. Indicando con r il raggio delle ruote (in metri) e con m il rapporto di riduzione tra albero motore ed asse delle ruote motrici, si ha: 2 π r n V = 3.6 [ Km/h] ; 60 m C T = r m m η trasm. [ Kg]. Ricavando n dalla prima e C m dalla seconda si ha: 60 m v m n = = 2.65 V ; 2 π r 3.6 r T r Cm =. ηt m Sostituendo nella C m =716.2 N/n, ad n il valore trovato ed uguagliando i due valori di C m, si ha: T r N r =. ηt m 2.65 V m Risolvendo rispetto a T si ha: 270 N T =η t. V Nel caso di motore ideale (cioè N=cost.) la curva T(v), che prende il nome di caratteristica meccanica di trazione è rappresentata da un'iperbole equilatera (Figura 71). Il tratto della curva che interessa è ABC in quanto lo sforzo di trazione massimo è limitato dalla aderenza (T max =f 1 P a ) e il punto C rappresenta la velocità massima

4 ammissibile, per data livelletta e per dato peso. Note la curva di trazione e le parabole delle resistenze al moto, è possibile ricavare tutte le curve caratteristiche del moto del veicolo. Nella Figura 71 è riportato l'andamento della curva (T-R) che rappresenta, in funzione della velocità, la differenza positiva tra sforzo di trazione e resistenza ordinaria al moto, disponibile per la accelerazione, o meglio, naturalmente utilizzata per raggiungere il punto di equilibrio V max. 103 Figura 71 - Caratteristica meccanica di trazione E' da notare ancora che nel tratto AB, fino a quando non è stata raggiunta la velocità V 1, non è possibile utilizzare tutta la potenza disponibile del motore. A seconda del tipo di motore verranno quindi adottati metodi di parzializzazione della potenza che solo a partire dal punto B sarà uguale alla potenza massima disponibile. Le caratteristiche del moto del veicolo durante la fase di avviamento (da V=V 0 a V=V max ), vengono studiate attraverso la determinazione della accelerazione, velocità e spazio in funzione del tempo durante tutta la fase di spunto. Note, infatti, la T e la R tot, funzioni di V, riferendosi allo sforzo acceleratore T Rtot. specifico f a = [ Kg/tonn. ], potrà scriversi: P 1000 ka dv f a =, g dt con k a coefficiente d inerzia, da cui: 1000 ka dv dt =, g f a e quindi: 1000 ka dv t = ; g 0 f a è possibile, quindi, per ogni velocità intermedia tra 0 e V max,(punto in cui f a =0), determinare il tempo necessario a raggiungere la velocità V intermedia in corrispondenza della quale resta determinato anche il valore della accelerazione, pari a: dv f a g =. dt 1000 ka v

5 Per pervenire alle curve caratteristiche a(t), v(t) ed s(t) (curve di spunto) si procede graficamente come in Figura 72; riportato infatti su un diagramma a(v), l'inverso di f a (v), ovvero dello sforzo acceleratore specifico, l'area racchiusa dalla curva 1/f a (v) e 1000 k dagli assi, per una certa velocità V intermedia, rappresenta, a scala a il tempo g necessario a conseguire l'accelerazione a(v) alla velocità V considerata. 104 Figura 72 E' possibile così costruire per punti la curva a(t) da cui, per successive integrazioni grafiche, si perviene alle curve di spunto riportate in Figura 73. Figura 73 Il tempo t p prende il nome di perditempo allo spunto e rappresenta la differenza tra

6 il tempo reale necessario al conseguimento della velocità V max ed il tempo che si impiegherebbe se lo spazio necessario all'avviamento venisse percorso integralmente alla velocità costante V max. 7.3 Curve caratteristiche di un motore a combustione interna Le caratteristiche del motore dipendono esclusivamente dalle specifiche costruttive e dalle condizioni di funzionamento del motore stesso. In un motore a combustione interna la potenza e la coppia dipendono dal numero di giri dell albero motore. Le curve N=N(n) e C=C(n) assumono un andamento del genere (Figura 74). 105 Figura 74 curve caratteristiche di un motore Come si vede la potenza aumenta fino a raggiungere un massimo in corrispondenza al numero di giri n 2 (regime di potenza massima); la coppia invece raggiunge il massimo in corrispondenza al numero di giri n 1 (regime di coppia massima). Al crescere del numero di giri, la potenza comincia a diminuire per effetto della riduzione del rendimento organico, del rendimento volumetrico ed infine per la riduzione dei tempi di introduzione e scarico. In corrispondenza del numero di giri n 2 si annullano quindi potenze e coppie erogate. In realtà il regime n 2 è difficilmente raggiungibile per le inevitabili rotture o danneggiamenti che il motore subisce già prima del raggiungimento di tale regime. Nella pratica il costruttore sceglie, come regime massimo di funzionamento del propulsore, il valore n 1 che prende il nome di numero di giri massimo legale e che comunque è abbastanza vicino al regime di potenza massima. Nella conduzione pratica dei veicoli equipaggiati con motori a combustione interna, non è né possibile né necessario impiegare la piena immissione e quindi la potenza massima ai vari regimi; per cui, come nell'area tratteggiata di Figura 75, al motore verrà richiesta una potenza inferiore alla potenza massima ed in un campo più limitato di numero di giri rispetto all'intervallo n max -n min. La zona di utilizzazione più razionale è quindi definita dall'intervallo compreso tra il

7 numero di giri n 1 corrispondente alla coppia motrice massima e il numero di giri n 2 leggermente al disotto del regime di potenza massima. Approssimativamente il campo di utilizzazione è compreso tra il regime di coppia massima ed il regime di potenza massima. 106 Figura 75 numero di giri massimo legale Le curve caratteristiche sono rilevate con il dispositivo di alimentazione a piena ammissione ( a tutto gas ), al diminuire dell ammissione le curve saranno più basse, perché diminuisce la quantità di combustibile introdotto in camera di combustione (regolazione del motore) e di conseguenza il valore di potenza che il motore fornisce. Man mano che si riduce l ammissione, le curve si modificano abbassandosi, inoltre il valore di potenza massima tende a spostarsi verso un regime di giri inferiore. Di seguito (Figura 76) è mostrato l andamento della curva di potenza di un motore a combustione interna in funzione dei vari gradi di ammissione. ' ' La curva N=N(n) è quella relativa alla massima ammissione (100%), la curva N = N ( n) '' '' N = N n ad ammissione ancora inferiore (30%). ad ammissione ridotta (60%), ed ( ) Figura 76 curve di potenza Figura 77 Curve di coppia L andamento delle curve di coppia cambierà di conseguenza, infatti risulteranno spostate verso il basso al diminuire dell ammissione (C al 100% di ammissione, C al

8 60%, C al 30%), e il valore massimo di coppia si sposterà verso un regime di giri superiore in conseguenza di quanto spiegato al punto 3). Dall analisi delle curve caratteristiche tipiche dei motori a combustione interna utilizzati per l autotrazione, si nota che queste si discostano notevolmente dalle curve proprie del motore ideale. Se nel diagramma di Figura 78 si riportano la resistenza R in funzione della velocità v ed i valori di T anch'essi in funzione della velocità (C m è funzione del numero di giri e quindi della velocità di avanzamento del veicolo), si possono individuare due andamenti delle curve T(v) che definiscono la marcia del veicolo nei due regimi stabile o instabile. Nel caso di regime stabile, una diminuzione di velocità provoca una diminuzione dello sforzo di trazione inferiore rispetto alla rispettiva diminuzione delle resistenze ed un conseguente sforzo acceleratore pari a T-R positivo; il veicolo tende quindi a riassumere la velocità di equilibrio definita dall'uguaglianza T=R. Nel secondo caso, per una diminuzione di velocità la differenza T-R è negativa ed il veicolo tende ad arrestarsi. 107 Figura 78 - Marcia a regime stabile ed instabile Il motore a combustione interna non presenta una caratteristica di trazione stabile; nel caso di motore ideale resta sempre individuata, all aumentare delle resistenze, la velocità di equilibrio, mentre per il motore reale il campo delle resistenze per cui si realizzano regimi di equilibrio risulta limitato. Ne consegue che per il motore reale la stabilità è garantita entro un limitato range di resistenze, da questa limitazione nasce l esigenza di utilizzare un dispositivo che consenta di variare il comportamento del motore in relazione alle diverse condizioni incontrate durante il moto del veicolo (il cambio di velocità). 7.4 Determinazione sperimentale delle curve caratteristiche al banco prova Le curve di potenza e di coppia (dette curve caratteristiche) possono essere rilevate sperimentalmente al banco mediante un freno dinamometrico. Al banco viene rilevata, per punti, la coppia in funzione del numero di giri dell albero motore mentre, il corrispondente valore della potenza si può calcolare mediante la formula:

9 C n N = [ CV ] con C [ kg m], e n giri 716,2 min Le modalità della prova al banco (Figura 79) prevedono di calettare sull albero motore una puleggia di raggio r, questa è ammorsata da due ceppi esterni collegati rigidamente a due staffe basculanti serrate mediante bulloni; i ceppi hanno la funzione di frenare la rotazione della puleggia, i bulloni servono per regolare l ammorsamento dei ceppi sulla puleggia. Su una staffa, a distanza R, sono posti dei carichi F che generano un momento frenante pari a C = F*R, il quale si oppone al momento fornito dal motore. 108 Figura 79 freno Prony Supponendo di voler determinare le curve caratteristiche a piena ammissione, si provvede a mettere il sistema in rotazione, si stringono i bulloni e si obbliga il motore a ruotare ad un dato numero di giri n. Aggiungendo o diminuendo i carichi F, si determina il valore della coppia resistente, uguale alla coppia motrice, che è capace di mantenere il sistema al numero di giri n e si riportano i valori così determinati su un grafico C-n. Ripetendo l esperimento al variare della coppia frenante e quindi del numero di giri (sempre a piena ammissione) si determinano altri punti; interpolando i vari punti così ottenuti si ottiene l andamento della coppia e successivamente, attraverso la relazione sopra esposta, della potenza. Analizziamo alcuni aspetti peculiari della curva di potenza (Figura 76): 1) numero di giri minimo, n min, e massimo, n max ; 2) andamento crescente decrescente della potenza; 3) corrispondenza tra il numero di giri di coppia massima e retta uscente dall origine e tangente alla curva di potenza. 1) L andamento delle curve di potenza e coppia è limitato da due valori limite di numero di giri n min e n max. Il numero di giri minimo è individuato dal fatto che per basse velocità di rotazione l eventuale potenza erogata non è sufficiente a vincere la potenza assorbita dagli attriti interni ai meccanismi del motore ed alle fasi resistenti del ciclo termodinamico (n min può essere abbassato, ove necessario, applicando un volano). Il numero di giri massimo è conseguente del fatto che per alte velocità di rotazione gli elementi rotanti, o dotati di moto alternato, del motore subiscono

10 sollecitazioni così elevate che porterebbero a danneggiamenti o rotture (motore in fuori giri). 2) L andamento della curva di potenza inizialmente crescente, diventa decrescente raggiunto un massimo; questo avviene a causa della comprimibilità dell aria ed alle resistenze che questa incontra nel condotto di aspirazione. Infatti, ad alte velocità, l aria presente nel condotto non riesce ad entrare completamente all interno del cilindro, determinando una caduta nella potenza erogata dal motore. 3) La retta uscente dall origine è tangente alla curva di potenza in corrispondenza di un determinato numero di giri ove si realizzano le condizioni di coppia massima, infatti N essendo per tutti i punti della curva C = 716,2, il massimo di C si ha per il massimo n N del rapporto (coefficiente angolare delle rette uscenti dall origine), che è anche la n 109 tangente alla curva delle potenze. 7.5 Elasticità dei motori La caratteristica meccanica dei motori utilizzati nella trazione e le relative caratteristiche di trazione si discostano da quelle relative al motore ideale, talché è necessario definire il comportamento del motore rispetto a quello del motore ideale. Si introduce a tal fine la definizione di elasticità di un motore da trazione, considerando infinita l'elasticità del motore ideale. Date come in Figura 74 le curve della coppia e della potenza di un motore reale si definisce elasticità in un punto della curva N(n) il rapporto: 1 E =, dn dn cui corrisponde il valore infinito dell'elasticità per N=costante (motore ideale). L'elasticità è quindi variabile nel caso reale per ogni regime di funzionamento del motore. E' opportuno in taluni casi passare dalla elasticità puntuale alla elasticità di un arco che può esprimersi secondo la: n 2 Δ n n2 n1 n2 n1 =. Δ N n N 1 2 N1 C2 n2 C1 n1 Con riferimento alla Figura 74, è possibile dimostrare che il valore di coppia massima si realizza al regime n B relativo al punto B di tangenza della curva N(n) con la retta uscente dall'origine degli assi. Quando si vogliono confrontare le elasticità di due motori diversi è necessario utilizzare formule semi-empiriche, come ad esempio la: CB na E =, C A nb per il confronto dei motori endotermici, ove C B è la coppia massima, C A è la coppia fornita al regime di potenza massima, n A ed n B sono i numeri di giri ai quali viene

11 erogata rispettivamente la potenza massima e la coppia massima. Convenzionalmente si definisce motore rigido un motore che fornisce una coppia costante e quindi una potenza che varia con legge lineare al variare del numero di giri (Figura 80), la potenza erogata dal motore varierà linearmente, di conseguenza l indice di elasticità di tale motore sarà piuttosto basso. 110 Figura 80 motore rigido Il motore con elasticità zero sarà quello che è capace di erogare potenza soltanto ad un determinato numero di giri. Con riferimento alla Figura 81, si indicheranno come molto elastico o poco elastico, i motori la cui caratteristica di potenza si avvicina, più o meno, alla condizione di potenza costante al variare del numero di giri. Figura 81 elasticità dei motori Quanto più la caratteristica della coppia è discendente, tanto più il motore è stabile, perché è in grado di rispondere a sensibili variazioni di carico esterno con piccole variazioni di giri, inoltre cresce l indice di elasticità del motore, determinando la necessità di un cambio con meno rapporti. La tendenza attuale della progettazione motoristica ha portato alla produzione di motori con prestazioni sempre più esasperate, per data cilindrata. Si sono quindi impennate le curve di potenza, con diminuzione dell elasticità dei motori; tutto questo determina la necessità di applicare cambi di velocità con un numero di rapporti elevato.

12 Per l'utilizzazione dei motori endotermici a bordo degli autoveicoli, è necessario equipaggiare il motore stesso con dispositivi che ne permettano il corretto funzionamento, in relazione alle condizioni ambientali, fornendo inoltre potenza ad alcuni organi ausiliari sostituiti, durante il funzionamento del motore al banco prova, da apposite apparecchiature. In particolare: un motore da autotrazione deve essere equipaggiato con un apparato di filtraggio dell'aria di aspirazione, con un sistema silenziatore (ed, eventualmente, catalizzatore) dei gas di scarico, con una pompa di circolazione del liquido refrigerante che permetta lo smaltimento del calore per mezzo di uno scambiatore di calore (radiatore) attraversato, esternamente, da un flusso di aria ambiente attivato dal moto stesso del veicolo e/o da una ventola di raffreddamento; inoltre devono essere dotati di un generatore di energia elettrica (dinamo o, più frequentemente, alternatore) che fornisca l'energia al sistema di accensione e/o avviamento e provveda alla ricarica degli eventuali accumulatori installati a bordo (si ricorda che i motori a ciclo Diesel necessitano del solo sistema di avviamento in quanto l'accensione, a temperatura di regime, è spontanea; i motori a ciclo Otto, invece, funzionando ad accensione comandata da una opportuna scintilla elettrica, richiedono l'installazione di entrambi i sistemi di accensione e di avviamento). Ognuno di questi organi ausiliari assorbe potenza direttamente o indirettamente; infatti pompe, ventilatori e generatori di corrente sono collegati all'albero motore, mentre le resistenze provocate dalla presenza del filtro dell'aria e dei silenziatori dei gas di scarico, deformando il ciclo termodinamico di lavoro per la riduzione del rendimento volumetrico e per la contropressione allo scarico, fanno diminuire la pressione media effettiva. In Figura 82 è riportato un esempio della potenza erogata al banco (curva b a ) e della potenza disponibile a bordo (curva 1) in relazione agli assorbimenti degli organi ausiliari. 111 Figura 82 rendimento del motore

13 112 Si nota, ancora, che occorre, per la misura della potenza disponibile alle ruote, valutare il rendimento della trasmissione motore-ruote che riduce ulteriormente la potenza utilizzabile per la trazione [come valore indicativo del rendimento di trasmissione si può assumere quello del 93%. In tale ipotesi si è segnata in Figura 82 anche la curva pd della potenza ottenibile alle ruote, in presa diretta (*) ]. Poiché la potenza erogata da un motore a combustione interna dipende dalla pressione e dalla temperatura dell'aria in cui opera che in condizioni standard sono pari a 760 mmhg e 15 C, sia nei riguardi delle condizioni di prova al banco che nelle condizioni di esercizio, dovrà operarsi una correzione della potenza misurata o disponibile, utilizzando delle formule proposte dai vari Enti di unificazione e che sono le seguenti: - metodo SAE t corretta tr p ph 2O metodo CUNA (b) t N corretta = N ; p metodo DIN (c) t N corretta = N ; p metodo IGM (d) t N corretta = N. p 544 (a) N = ( N + N ) N ; tr 7.6 Consumi chilometrici e consumi orari I motori a combustione interna, nel trasformare l'energia termica in energia meccanica, consumano, per ogni CV erogato e per ogni h di funzionamento, una certa quantità di combustibile che prende il nome di consumo specifico. Il consumo specifico è funzione, oltre che delle caratteristiche costruttive del motore e quindi del suo rendimento totale, anche del numero di giri e del carico del motore (percentuale della potenza massima che viene utilizzata). Per ogni motore, le curve di potenza e di coppia e la curva del consumo specifico, che si esprime generalmente in gr/cv h, al variare del numero di giri, vengono ricavate sperimentalmente al banco prova motori. Il motore viene fatto funzionare a pieno regime di ammissione e direttamente o indirettamente, al variare del numero di giri, si misurano i tre parametri suddetti. Nel diagramma di fig.107, sono riportate le curve di potenza, coppia e consumo specifico a piena ammissione in funzione del numero di giri. Per il calcolo del consumo orario valgono le seguenti formule: (*) La presa diretta è una particolare condizione di trasmissione del moto rotatorio, per la quale il numero di giri compiuto nell'unità di tempo dall'albero primario del cambio di velocità, eguaglia quello compiuto dall'albero secondario. (l'albero primario è calettato sul volano del motore, il secondario sull'albero di trasmissione del moto alle ruote).

14 q q h1 h2 = q N [ Kg/h] qh q N 1 = = γ γ con γ = peso specifico del carburante utilizzato. ; [ l/h]. 113 Figura 83 curve di consumi Il consumo chilometrico sarà, evidentemente, dato da: qh q N 1 qk = = [ Kg/Km ]; 1 V V qk q q N 1 h 1 qk = = = [ l/km]. 2 γ γ V γ V Dove: q = consumo specifico di combustibile [Kg/CV h]; N = potenza del motore [CV]; γ = peso specifico del combustibile (Kg/l); V = velocità di avanzamento (Km/h). La regolazione dei motori endotermici da trazione tende a far corrispondere la curva di minimo consumo specifico rispetto al carico, con quella relativa a circa 3/4 della potenza massima. Infatti nell'esercizio degli autoveicoli si presuppone che questo carico sia quello più comunemente utilizzato. In ogni caso, per un'esatta valutazione del consumo chilometrico od orario di un autoveicolo, dovrà farsi riferimento alla curva dei consumi specifici relativa al carico reale sul motore.

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Motori endotermici Dipartimento Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari I MOTORI ENDOTERMICI Il motore converte l energia termica del

Dettagli

CAPITOLO 3 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA

CAPITOLO 3 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA CAPITOLO 3 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA 1 CICLO OTTO E CICLO DIESEL MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA I MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA SONO MACCHINE MOTRICI E POSSONO ESSERE BASATI SU

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera

Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera Scelta e verifica dei motori elettrici per gli azionamenti di un mezzo di trazione leggera Si consideri un convoglio ferroviario per la trazione leggera costituito da un unità di trazione, la quale è formata

Dettagli

Introduzione ai Motori a Combustione Interna

Introduzione ai Motori a Combustione Interna IPS Mario Carrara Guastalla (RE) Tecnologie e Tecniche di Installazione e Manutenzione Docente: Prof. Matteo Panciroli Introduzione ai Motori a Combustione Interna 1 Classificazione delle macchine MACCHINE

Dettagli

COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke)

COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke) COMPOSIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL MOTORE QUATTRO TEMPI(4-Stroke) Salve a tutti. In questa recensione spiegherò la composizione e il funzionamento del motore a scoppio Quattro Tempi, in inglese 4-stroke.

Dettagli

TERMODINAMICA. T101D - Banco Prova Motori Automobilistici

TERMODINAMICA. T101D - Banco Prova Motori Automobilistici TERMODINAMICA T101D - Banco Prova Motori Automobilistici 1. Generalità Il banco prova motori Didacta T101D permette di effettuare un ampio numero di prove su motori automobilistici a benzina o Diesel con

Dettagli

Motori e cicli termodinamici

Motori e cicli termodinamici Motori e cicli termodinamici 1. Motore a scoppio 2. Motore diesel 3. Frigoriferi 4. Centrali elettriche XXII - 0 Trasformazioni Trasformazioni reversibili (quasistatiche: Ciascun passo della trasformazione

Dettagli

Funzionamento del motore 4 tempi I componenti fondamentali del motore 4 tempi I componenti ausiliari del motore 4 tempi La trasmissione del moto Le innovazioni motoristiche L influenza dell aerodinamica

Dettagli

Dinamica di un impianto ascensore

Dinamica di un impianto ascensore Dinamica di un impianto ascensore rev. 1.2 L ascensore rappresentato schematicamente in figura è azionato da un motore elettrico tramite un riduttore ed una puleggia sulla quale si avvolge la fune di sollevamento.

Dettagli

Motori 4 tempi a ciclo Otto

Motori 4 tempi a ciclo Otto Motori 4 tempi a ciclo Otto 1. Premessa I motori automobilistici più comuni sono del tipo a combustione interna quattro tempi e appartengono a due grandi famiglie, a seconda del tipo di combustibile impiegato

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in

La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in MOTORI CORRENTE ALTERNATA: CARATTERISTICA MECCANICA La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in funzione della velocità di rotazione del rotore n r Alla partenza la C

Dettagli

La propulsione Informazioni per il PD

La propulsione Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/10 Compito Come funziona un automobile? Gli alunni studiano i diversi tipi di propulsione (motore) dell auto e imparano qual è la differenza tra un motore diesel e uno a benzina.

Dettagli

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel Termodinamica Applicazioni del secondo principio ovvero Macchine a vapore a combustione esterna: macchina di Newcomen e macchina di Watt Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

CALCOLO DEL VOLUME DI GAS NECESSARIO PER IL LAVAGGIO DEI FORNI AD ATMOSFERA CONTROLLATA

CALCOLO DEL VOLUME DI GAS NECESSARIO PER IL LAVAGGIO DEI FORNI AD ATMOSFERA CONTROLLATA CALCOLO DEL VOLUME DI GAS NECESSARIO PER IL LAVAGGIO DEI FORNI AD ATMOSFERA CONTROLLATA Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti. Rivoli To Una domanda, peraltro molto semplice, che può però

Dettagli

PRESTAZIONI. (di Giorgio Sforza)

PRESTAZIONI. (di Giorgio Sforza) PRESTAZIONI (di Giorgio Sforza) Le prestazioni di un motore sono rappresentate dalle sue curve caratteristiche, dai diagrammi cioè che danno le variazioni della potenza, della coppia motrice e del consumo

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione Dall equazione alle

Dettagli

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica ) Definizione di macchina termica È sperimentalmente verificato che nel rispetto del primo principio della termodinamica (ovvero della conservazione

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 Progetto Europeo AIR-BOX AUTOMOTIVE 2014 AIR-BOX (gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 APPARATO AIR-BOX per la riduzione dei NOx e del CO2 e per l incremento delle prestazioni del motore

Dettagli

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto pag. 1 PREMESSA Le prove di collaudo o di verifica delle macchine elettriche devono essere eseguite seguendo i criteri stabiliti dalle Norme CEI a meno che non vi siano accordi particolari tra le parti.

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I processi termodinamici che vengono realizzati nella pratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

Filobus con marcia autonoma semplificata

Filobus con marcia autonoma semplificata Organizzato da Area Tematica - 2 (Veicolo) Filobus con marcia autonoma semplificata Autore: Menolotto Flavio Ente di Appartenenza: distribuzione energia elettrica Contatti: Tel. 0322 259715 Cell. 328 2154994

Dettagli

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro.

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Lezione IX - 9/03/003 ora 8:30-0:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Ciclo di Carnot Si consideri una macchina termica semplice che compie trasformazioni reversibili,

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it SISTEMI DI GENERAZIONE Tipologie più diffuse o in sviluppo Generatori a combustione Caldaie

Dettagli

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase La prova di laboratorio considerata consente di determinare le prestazioni dei motori ad induzione con il metodo

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI CAPITOLO NONO COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI Esempi applicativi Vengono di seguito esaminati alcuni componenti di macchine termiche che possono essere considerati come sistemi aperti A) Macchina termica

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi.

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. Negli ultimi anni, il concetto di risparmio energetico sta diventando di fondamentale

Dettagli

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2 LA LEZIONE Lo studio di una macchina termica ideale [ ] Si può paragonare molto bene la potenza motrice del calore a quella di una cascata d acqua: entrambe hanno un massimo che non si può superare, qualunque

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

Alcune nozioni sui motori in corrente continua

Alcune nozioni sui motori in corrente continua Alcune nozioni sui motori in corrente continua Perché scegliere un motore in corrente continua Molte applicazioni necessitano di una coppia di spunto elevata. Il motore in corrente continua, per natura,

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

ARGOMENTI CONTENUTI OBIETTIVI DIDATTICI TIPO DI VERIFICA

ARGOMENTI CONTENUTI OBIETTIVI DIDATTICI TIPO DI VERIFICA Periodo: Settembre - Ottobre La turbina a vapore La turbina a gas nella propulsione Funzionamento e struttura di una turbina a vapore Gli ugelli per la trasformazione dell entalpia in energia cinetica

Dettagli

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE asdf I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA : UN PRIMO SGUARDO 31 March 2012 Introduzione Il seguente articolo vuole essere una prima introduzione a quelli che sono i motori alternativi a combustione

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3)

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3) CICLI TERMODINAMICI Un ciclo termodinamico è un insieme di trasformazioni tali che lo stato iniziale del sistema coincide con lo stato finale. Un ciclo termodinamico è indivaduato nel diagramma XY generico

Dettagli

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE)

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) PERDITE DI CARICO NEI TUBI Le tubature comunemente utilizzate in impiantistica sono a sezione circolare e costante, con conseguente velocità del liquido uniforme e

Dettagli

Presentazione del progetto. I cicli termodinamici:

Presentazione del progetto. I cicli termodinamici: Presentazione del progetto I cicli termodinamici: OTTO DIESEL Obiettivi Presentare in modo sintetico ed efficace i concetti base relativi ai cicli termodinamici OTTO e DIESEL Organizzare e realizzare con

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

AUTO DIESEL 2400 cc ANALISI

AUTO DIESEL 2400 cc ANALISI HOPE SERGIO BRONDIN DUE CARRARE PADOVA _ ITALIA AUTO DIESEL 2400 cc ANALISI FRATELLI UMANI pag 1 1) Analizziamo un' auto di alta cilindrata ciclo Diesel Volvo V 70 2.4 D5 Momentum Dati: a) Motore 5 cilindri

Dettagli

Impianto Pneumatico. Capitolo 6 - 6.1 -

Impianto Pneumatico. Capitolo 6 - 6.1 - Capitolo 6 Impianto Pneumatico - 6.1 - 6.1 Introduzione In diversi casi è conveniente sfruttare energia proveniente da aria compressa; questo è soprattutto vero quando il velivolo possiede dei motori a

Dettagli

PROBLEMA 1. Soluzione. Indicare quattro requisiti fondamentali che un fluido frigorigeno deve possedere: 1) 2) 3) 4)

PROBLEMA 1. Soluzione. Indicare quattro requisiti fondamentali che un fluido frigorigeno deve possedere: 1) 2) 3) 4) PROBLEMA 1 Indicare quattro requisiti fondamentali che un fluido frigorigeno deve possedere: 1) 2) 3) 4) Deve possedere un elevato calore latente, cioè, deve evaporare asportando molto calore dall ambiente

Dettagli

Complementi di Termologia. I parte

Complementi di Termologia. I parte Prof. Michele Giugliano (Dicembre 2) Complementi di Termologia. I parte N.. - Calorimetria. Il calore è una forma di energia, quindi la sua unità di misura, nel sistema SI, è il joule (J), tuttavia si

Dettagli

MACCHINE Lezione 8 Impianti idroelettrici e Turbine Idrauliche

MACCHINE Lezione 8 Impianti idroelettrici e Turbine Idrauliche MACCHINE Lezione 8 Impianti idroelettrici e Turbine Idrauliche Dr. Paradiso Berardo Laboratorio Fluidodinamicadelle delle Macchine Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Generalità Impianti idroelettrici

Dettagli

Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico

Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico Vieni a vederla dal 14 al 17 aprile al Pressa HC con motore a Risparmio Energetico Questa gamma di macchine di pressofusione è stata studiata per ottenere

Dettagli

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 CONVENZIONI DI NOTAZIONE Calore scambiato da 1 a 2. Calore entrante o di sorgente. Calore uscente o ceduto al pozzo. CONVERSIONI UNITÀ DI MISURA PIÙ FREQUENTI

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

AUTO DIESEL 1560 cc ANALISI

AUTO DIESEL 1560 cc ANALISI HOPE SERGIO BRONDIN DUE CARRARE PADOVA ITALIA AUTO DIESEL 1560 cc ANALISI FRATELLI UMANI pag 1 1) Analizziamo un' auto di media cilindrata ciclo Diesel Mini Cooper D Chili Clubman Dati: a) Motore 4 cilindri

Dettagli

FISICA DELLA BICICLETTA

FISICA DELLA BICICLETTA FISICA DELLA BICICLETTA Con immagini scelte dalla 3 SB PREMESSA: LEGGI FISICHE Velocità periferica (tangenziale) del moto circolare uniforme : v = 2πr / T = 2πrf Velocità angolare: ω = θ / t ; per un giro

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA Termodinamica TERMODINAMICA Cosa è la termodinamica? La termodinamica studia la conversione del calore in lavoro meccanico Prof Crosetto Silvio 2 Prof Crosetto Silvio Il motore dell automobile trasforma

Dettagli

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Il parametro fondamentale per la valutazione di un compressore alternativo è l efficienza volumetrica: η v = (Portata volumetrica effettiva) / (Volume

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE Pompe cinetiche centrifughe ed assiali Prof.ssa Silvia Recchia Classificazione delle pompe In base al diverso modo di operare la trasmissione di energia al liquido le pompe si suddividono in: POMPE CINETICHE

Dettagli

Valutazioni di massima sui motori a combustione interna

Valutazioni di massima sui motori a combustione interna Valutazioni di massima sui motori a combustione interna Giulio Cazzoli v 1.0 Maggio 2014 Indice Elenco dei simboli 3 1 Motore ad accensione comandata 4 1.1 Dati........................................

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Unità 3 PRODUZIONE E MENU VITI A RICIRCOLO DI SFERE TESTA MOTRICE CONTROTESTA CONTROMANDRINO AZIONAMENTO MANDRINO AZIONAMENTO ASSI ELETTROMANDRINI SERVIZI DI MACCHINA

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

VEICOLI IBRIDI: L ALTERNATIVA INTELLIGENTE.

VEICOLI IBRIDI: L ALTERNATIVA INTELLIGENTE. VEICOLI IBRIDI: L ALTERNATIVA INTELLIGENTE. Tutti i lati positivi della motorizzazione elettrica e solo i vantaggi di quella tradizionale. IL MEGLIO IN CIRCOLAZIONE. Minori consumi, più rispetto per l

Dettagli

Lezione 7 (BAG cap. 5)

Lezione 7 (BAG cap. 5) Lezione 7 (BAG cap. 5) I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1. Il mercato dei beni e la curva IS L equilibrio sul mercato

Dettagli

Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica

Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica Programmazione modulare a.s. 2015-2016 Disciplina: Meccanica Classe: 5 Meccanica Docente prof. Angelo Rinaldi Ore settimanali previste: 4 ore ro totale di ore 4x33=132 ore Libro di testo Corso di Meccanica

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

L efficienza incontra la potenza. MAN TGX con nuovi motori D38.

L efficienza incontra la potenza. MAN TGX con nuovi motori D38. L efficienza incontra la potenza. MAN TGX con nuovi motori D38. Prestazioni in una nuova dimensione. In questo prospetto sono raffigurati anche equipaggiamenti che non fanno parte della dotazione di serie.

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

PROVE SULLA MACCHINA A CORRENTE CONTINUA

PROVE SULLA MACCHINA A CORRENTE CONTINUA LABORATORIO DI MACCHINE ELETTRICHE PROVE SULLA MACCHINA A CORRENTE CONTINUA PROVE SULLA MACCHINA A C. C. Contenuti Le prove di laboratorio che verranno prese in esame riguardano: la misura a freddo, in

Dettagli

Criteri di selezione martinetti

Criteri di selezione martinetti Criteri di selezione martinetti I martinetti meccanici trasformano il moto rotatorio in un movimento lineare. Questa trasformazione avviene con una perdita di potenza fra vite e madrevite. Questa perdita

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO:

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO: RSISTZA D MZZO R m 1 C X ρ A v Adimensionale Massa volumica kg/m 3 Velocità m/s Sezione maestra m Valori medi dei coefficienti: Superfici piane normali al moto: acqua: K9,81 60, aria: K9,81 0,08 1 K C

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

Impianti per il trasferimento di energia

Impianti per il trasferimento di energia Capitolo 2 Impianti per il trasferimento di energia 2.1 2.1 Introduzione In molte zone di un velivolo è necessario disporre di energia, in modo controllato; questo è necessario per molte attività, ad esempio

Dettagli

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti

TRASMISSIONE AD INGRANAGGI. Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti TRASMISSIONE AD INGRANAGGI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Prof. Sergio Baragetti GEOMETRIA DELLE RUOTE DENTATE La geometria delle ruote dentate si fonda sul modulo, m, dato da Dal modulo dipendono

Dettagli

Impianti motori termici

Impianti motori termici Impianti motori termici Classificazione: impianto motore termico con turbina a vapore il fluido evolvente nell impianto è acqua in diversi stati di aggregazione impianto motore termico con turbina a gas

Dettagli

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

ENERGIA INTERNA ENERGIA INTERNA SPECIFICA. e = E/m = cv T ENTALPIA. H = E + pv ENTALPIA SPECIFICA. h = H/m = cp T h = e + pv = e + p/d L-1

ENERGIA INTERNA ENERGIA INTERNA SPECIFICA. e = E/m = cv T ENTALPIA. H = E + pv ENTALPIA SPECIFICA. h = H/m = cp T h = e + pv = e + p/d L-1 L - SISTEMI APERTI ENERGIA INTERNA E = n Cv T E = m cv T (Cv molare = J/kmol C) (cv massico = J/kg C) ENERGIA INTERNA SPECIFICA e = E/m = cv T ENTALPIA H = E + pv H = n Cp T H = m cp T (Cp molare = J/kmol

Dettagli

PROVE SU PISTA CAN LCU-ONE. LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi. Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare la messa a punto del kart

PROVE SU PISTA CAN LCU-ONE. LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi. Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare la messa a punto del kart LCU-ONE CAN + TERMOCOPPIA GAS DI SCARICO CONTROLLO PUNTUALE DEL TUO MOTORE PROVE SU PISTA LA PROVA LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi UNO STRUMENTO ESSENZIALE Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare

Dettagli

SMORZATORI TORSIONALI TREVI

SMORZATORI TORSIONALI TREVI SMORZATORI TORSIONALI TREVI CONSIDERAZIONI GENERALI Per meglio comprendere l utilità e la funzionalità degli smorzatori torsionali, sempre più utilizzati e perfezionati (soprattutto con la diffusione dei

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2):

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2): www.barigelli.com www.corimacentrifughe.com ESPOSIZIONE ANALITICA DEI VANTAGGI DELLA TRASMISSIONE IDRAULICA NEI DECANTER CORIMA GROUP 1. REGOLAZIONE EFFICIENTE E UTILIZZO DI BASSI REGIMI DIFFERENZIALI

Dettagli

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore Macchine elettriche La macchina sincrona 07 prof. Struttura Essa comprende : a) albero meccanico collegato al motore primo b) circuito magnetico rotorico fissato all albero (poli induttori) i) c) avvolgimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

IL MOTORE A QUATTRO TEMPI

IL MOTORE A QUATTRO TEMPI IL MOTORE A QUATTRO TEMPI LE QUATTRO FASI Con il nome di ciclo motore si indica il complesso delle trasformazioni subìte dalla msicela di aria e benzina all'interno del cilindro e che si ripetono periodicamente

Dettagli

DYNO TEST Prova al banco dinamometrico VW Golf 6 GTI 2.0TSI 210cv

DYNO TEST Prova al banco dinamometrico VW Golf 6 GTI 2.0TSI 210cv Bi Esse Racing di Bordino Sergio C.so Romano Scagliola, 201 12052 Neive (CN) Tel. e fax 0173/67100 Cell. 338/7253271 www.biesseracing.com e-mail: info@biesseracing.com DYNO TEST Prova al banco dinamometrico

Dettagli

CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO

CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO REGIONE CALDA Liquido saturo o sottoraffreddato Q out 3 2 Vapore surriscaldato valvola di espansione condensatore compressore P c evaporatore 4 1 Miscela bifase liquidovapore

Dettagli

6.2 Pompe volumetriche

6.2 Pompe volumetriche 6.2 Pompe volumetriche Le pompe volumetriche sfruttano gli stessi principi di funzionamento degli omonimi compressori, in questo caso però il fluido di lavoro è di tipo incomprimibile. Si distinguono in

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Lavoro, forza costante: W = F r Problema 1 Quanto lavoro viene compiuto dalla forza di

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

Generalità sulle elettropompe

Generalità sulle elettropompe Generalità sulle elettropompe 1) Introduzione Ne esistono diverse tipologie ma si possono inizialmente suddividere in turbopompe e pompe volumetriche. Le prime sono caratterizzate da un flusso continuo

Dettagli

Esercizio 20 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 2002

Esercizio 20 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 2002 Esercizio 0 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 00 er regolare il regime di rotazione di un gruppo elettrogeno, viene calettato sull albero di trasmissione del motore un volano in ghisa.

Dettagli

Valvole di regolazione

Valvole di regolazione Valvole di Regolazione Valvole di regolazione Sono attuatori che servono a modulare la portata di fluido (liquido o gassoso) nei circuiti idraulici Diffusissime nel controllo di processo industriale (es:

Dettagli

file://c:\elearn\web\tempcontent4.html

file://c:\elearn\web\tempcontent4.html Page 1 of 5 GRANDE PUNTO 1.3 Multijet GENERALITA'' - ALIMENTAZIONE INIEZIONE DIESEL CARATTERISTICHE FUNZIONE Il Common Rail Magneti Marelli MJD 6F3 è un sistema di iniezione elettronica ad alta pressione

Dettagli