Guida pratica ai programmi dell'unione europea di supporto alle Pmi e di cooperazione con i Paesi terzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida pratica ai programmi dell'unione europea di supporto alle Pmi e di cooperazione con i Paesi terzi"

Transcript

1 Guida pratica ai programmi dell'unione europea di supporto alle Pmi e di cooperazione con i Paesi terzi A cura di: Simona Preziuso, Ufficio ICE Bruxelles Febbraio 2000 Per ulteriori informazioni: ICE Bruxelles, tel , I- PROGRAMMI IN FAVORE DELLE PMI La politica comunitaria in favore delle PMI si basa su tre pilastri fondamentali: 1) incoraggiare un ambiente favorevole allo sviluppo delle PMI; 2) migliorare l accesso da parte delle PMI ai finanziamenti comunitari, in particolare all' innovazione; 3) migliorare la competitività delle PMI europee e incoraggiare l europeizzazione e l internazionalizzazione, favorendo in tal modo la crescita, la creazione di posti di lavoro e la coesione economica e sociale nella Comunità. La dimensione Pmi è ormai integrata nelle politiche comunitarie ed esistono numerose possibilità di finanziamento per le imprese dell UE nei programmi comunitari, come quelli dei Fondi strutturali, di ricerca e sviluppo tecnologico, di cooperazione internazionale (formazione di joint ventures) o i programmi in materia ambientale. Il finanziamento comunitario avviene di solito in forma di sovvenzioni, prestiti o garanzie. Le iniziative comunitarie piu recenti mirano a sviluppare i mercati europei dei capitali di rischio, nei quali l azione comunitaria si concreta: a) in un sostegno finanziario diretto alla creazione ed allo sviluppo di Fondi di capitale di rischio o b) in azioni per il miglioramento dell accesso ai finanziamenti e ai capitali di rischio per le PMI europee. In generale, per essere ammessa al finanziamento comunitario, un impresa deve presentare un progetto che soddisfi gli obiettivi specifici di un programma ed i criteri indicati nella descrizione del programma stesso e nei moduli per la domanda. Molti programmi hanno particolari scadenze per la presentazione delle proposte o determinati periodi dell anno in cui le domande possono essere presentate alla Commissione europea. Tali scadenze rispondono, di solito, ad inviti a presentare proposte pubblicati nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee (GUCE, serie C=Comunicazioni, disponibile sul sito dell Ue: Esistono, tuttavia, alcuni programmi accessibili ininterrottamente per vari anni (come le iniziative di cui al punto 1). I-1. MISURE DI ASSISTENZA FINANZIARIA E DI SOSTEGNO A FAVORE DELLE PMI Nell ambito del Terzo programma pluriennale per le PMI ( ), la Commissione ha adottato nuove misure di assistenza finanziaria al fine di migliorare il contesto finanziario per le imprese. L obiettivo dell azione comunitaria consiste nello stimolare la creazione di posti di lavoro agevolando e promuovendo la costituzione e lo sviluppo di PMI aventi un potenziale di crescita ed innovatrici. a) CREA ( Capital-Risque pour les entreprises en phase d amorçage ). 1

2 Tale iniziativa ( ) facilita l accesso delle PMI al capitale d avviamento per finanziarne la creazione o la trasmissione. La Commissione incoraggia la creazione di fondi di capitale di rischio, il cui compito è sostenere le imprese in fase di avviamento, cofinanziando fino al 50% dei costi di funzionamento dei fondi stessi, per un ammontare massimo di EUR e per un periodo massimo di tre anni. I fondi devono essere nuovi (creazione successiva al 1 ottobre 1997 o in fase di creazione), disporre di un capitale minimo di 4 MEUR, di cui al massimo il 50% proveniente dal settore pubblico. b) I-TEC (Innovation and Technology Equity Capital). Attiva dal 1997, tale iniziativa mira ad incoraggiare gli investimenti in PMI tecnologicamente innovative. La Commissione cofinanzia fino al 50% dei costi di funzionamento dei fondi che investono in PMI tecnologicamente innovative (tali imprese, infatti, nonostante il loro livello di redditività e qualità, non sarebbero altrimenti prese in considerazione perchè considerate ad alto rischio), per un ammontare massimo di EUR. I fondi di capitale di rischio devono investire almeno il 25% del loro capitale in neo-imprese (con meno di tre anni) tecnologicamente innovative. Dal 1997, sono stati selezionati 28 fondi. c) MECCANISMO EUROPEO PER LE TECNOLOGIE (MET) o EUROPEAN TECHNOLOGY FACILITY (ETF). La Banca europea per gli investimenti (BEI) investe in fondi specializzati, che sostengono la creazione e lo sviluppo di PMI dell UE ad elevato tasso di crescita ed orientate all alta tecnologia, tramite partecipazioni minoritarie non superiori al 25% del capitale totale di ciascun fondo, con un massimo di 12,5 MEUR per investimento. Tale meccanismo è gestito dal Fondo europeo per gli investimenti (FEI), organismo finanziario controllato dalla BEI (40%), dalla Commissione europea (30%) e da istituti finanziari (30%), creato per accordare garanzie a favore di investimenti in PMI e reti transeuropee ma che, dalla metà del 1996, puo anche assumere partecipazioni di minoranza nei fondi di capitale di rischio. d) SPORTELLO MET PER L AVVIAMENTO o ETF START-UP ( ). Lo sportello MET rafforza di fatto lo strumento precedente, adottando una politica d investimento caratterizzata da un profilo di rischio piu elevato sia per la scelta dei fondi intermediari (fondi di dimensioni piu limitate o di nuova costituzione, fondi attivi in ambito regionale, fondi che finanziano lo sfruttamento dei risultati delle attività di ricerca e sviluppo) sia per le politiche di investimento seguite da questi ultimi. I fondi, infatti, devono fornire capitale a PMI in fase di costituzione o in fase iniziale di sviluppo nonché PMI innovatrici. Lo sportello acquista, generalmente, una partecipazione minoritaria non superiore al 25% del capitale totale dei fondi; in nessun caso l impegno in un solo fondo puo superare i 10 MEUR. e) JOINT EUROPEAN VENTURE (JEV). La Comunità concede contributi finanziari alle PMI per la costituzione di imprese comuni transnazionali nell UE. Il contributo comunitario è volto a coprire una parte delle spese sostenute per la concezione e la costituzione delle imprese comuni transnazionali. Il contributo massimo per ciascun progetto è di Euro, che coprono: a) una percentuale massima del 50% delle spese ammissibili, a concorrenza di Euro ( le spese ammissibili sono le spese essenziali connesse alla concezione ed alla costituzione delle imprese comuni transnazionali); b) una percentuale massima del 10% dell importo totale degli investimenti fissi. Tale sistema è accessibile alle PMI tramite intermediari, che possono essere banche o altri istituti finanziari appropriati. In particolare, ogni richiesta di contributi finanziari viene presentata ad uno degli intermediari, il quale è incaricato di valutarla e di trasmetterla alla Commissione in caso di valutazione favorevole. La Commissione controlla l ammissibilità delle domande ed eroga i contributi comunitari alle PMI beneficiarie tramite l intermediario finanziario. f) BUSINESS ANGELS ( ). La Commissione vuole promuovere reti che colleghino Business Angels da un lato e creatori di PMI e giovani PMI dall altro al fine di aumentare l efficacia del segmento informale del capitale di rischio. I Business Angels sono imprenditori che hanno venduto la propria impresa e che vogliono investire in giovani imprese ed assisterle offrendo la loro esperienza. Il programma include: a) disseminazione del concetto di rete di Business Angels tramite seminari e/o qualsiasi altro strumento di comunicazione; b) studi di fattibilità per la creazione di reti a livello regionale, nazionale e comunitario; c) creazione e animazione di reti; la rete si prefigge di mettere in relazione PMI ed investitori privati (tramite supporti informatici, documenti o riunioni) e di fornire ogni servizio 2

3 supplementare ai suoi membri per facilitare il finanziamento in fondi propri o quasi propri di PMI. La Commissione cofinanzia fino al 50% del costo degli studi di fattibilità per la creazione di queste reti, nonché fino al 50% del costo delle azioni pilota finalizzate a realizzare una rete regionale o nazionale. Il cofinanziamento si limita ad un anno per gli studi di fattibilità, mentre le azioni pilota possono beneficiare del cofinanziamento per un periodo massimo di tre anni. g) SOCIETA DI MUTUA GARANZIA ( ). La Commissione incoraggia la creazione e lo sviluppo di società di mutua garanzia il cui scopo è procurare le garanzie alle PMI allorquando queste cerchino di ottenere un prestito a medio o a lungo termine presso un istituzione finanziaria. La Commissione cofinanzia: a) studi di fattibilità (50%) per la creazione di società di mutua garanzia per un periodo massimo di un anno e b) la costituzione di società di mutua garanzia (50% dei costi) per un periodo massimo di tre anni. h) MECCANISMO DI GARANZIA PER LE PMI (SME Guarantee Facility) ( ). Tale strumento è destinato a migliorare la disponibilità di prestiti alle PMI dotate di un rilevante potenziale di crescita, che incontrano particolare difficoltà nell ottenere finanziamenti (ad esempio imprese di piccole dimensioni o di nuova costituzione) poiché i rischi connessi ai prestiti loro concessi sono percepiti come elevati. La Commissione sostiene i sistemi di garanzia coprendo i costi delle garanzie per prestiti addizionali alle PMI. Le società di garanzia si impegnano ad assicurare che il rischio coperto dal meccanismo sia supplementare rispetto al rischio che esse avrebbero assunto nel normale corso della loro attività. Il meccanismo è gestito dal FEI. i) PROGETTO CRESCITA E AMBIENTE. Il FEI garantisce parzialmente i prestiti concessi da banche a PMI per investimenti che producono benefici ambientali significativi. Le garanzie riguardano prestiti per investimenti con una durata minima di tre anni, di importo inferiore a 1 milione di EUR e coprono fino al 50% dei costi complessivi di ciascun progetto. Possono beneficiare delle garanzie solo prestiti nuovi. Sono eleggibili: a) investimenti che interessano direttamente l ottimizzazione dell ambiente (risparmio di energia e di risorse naturali; prevenzione/riduzione di tutte le forme di inquinamento); b) investimenti che contribuiscono al miglioramento dell ambiente (questa categoria di investimenti non mira direttamente a immediati progressi ecologici, benché questi ultimi costituiscano una parte significante e calcolabile degli effetti prodotti dall' investimento. Gli investimenti potrebbero riguardare la modernizzazione del processo di produzione, lo sviluppo di una nuova linea di prodotti, la crescita dell azienda. I benefici ecologici potrebbero derivare, ad esempio, dalla sostituzione di macchinari esistenti con attrezzature che rispettano l ambiente o consumano meno energia); c) investimenti realizzati da imprese che producono attrezzature, tecnologie, prodotti o servizi puliti (aziende attive nell ecoindustria; aziende che si occupano della raccolta e del riciclaggio dei rifiuti ecc.). I-2. V PROGRAMMA QUADRO DI RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO (RST) Particolare incoraggiamento viene dato nel Quinto Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico ( ) alla partecipazione delle PMI. Il V programma, lanciato dalla Commissione europea nel gennaio 1999, e al quale la Comunità europea contribuisce per un importo di 14,96 miliardi di EUR, è composto da quattro azioni: 1) Prima azione: riguarda quattro programmi tematici: a) Qualità della vita e gestione delle risorse biologiche (2.413 milioni di EUR); b) Società dell'informazione di facile uso (3.600 milioni di EUR); c) Crescita concorrenziale e sostenibile (2.705 milioni di EUR); d) Energia, ambiente e sviluppo sostenibile (2.125 milioni di EUR). Ciascuno dei programmi tematici, che costituiscono la prima azione, a sua volta comprende: -delle azioni chiave, che consistono in progetti di ricerca applicata; -delle attività di ricerca e sviluppo tecnologico di carattere generico, che sono complementari rispetto alle azioni chave; 3

4 -delle attività di sostegno alle infrastrutture di ricerca, il cui obiettivo è promuovere l utilizzazione ottimale delle infrastrutture di ricerca della Comunità. La seconda, la terza e la quarta azione sono dei programmi orizzontali all incrocio tra la politica di ricerca della Comunità europea e le sue politiche in materia di relazioni esterne, innovazione, PMI, risorse umane e occupazione. 2) Seconda azione: Confermare il ruolo internazionale della ricerca comunitaria (475 milioni di EUR); 3) Terza azione: Promuovere l innovazione e incoraggiare la partecipazione delle PMI (363 milioni di EUR); 4) Quarta azione: Accrescere il potenziale umano di ricerca e la base delle conoscenze di base socioeconomiche (1.280 milioni di EUR). I temi di natura orizzontale comprendono sia attività specifiche (legate agli obiettivi generali della politica della Comunità in materia di relazioni esterne, innovazione, PMI e risorse umane che non sono svolte a titolo dei temi della prima azione) sia attività di coordinamento al fine di garantire la coerenza delle attività di natura equivalente svolte a titolo dei temi della prima azione. Le azioni di RST comprendono: azioni a compartecipazione finanziaria, che costituiscono lo strumento privilegiato di attuazione del programma, le borse di formazione, il sostegno alle reti tematiche, le azioni concertate (per il coordinamento con i progetti nazionali di RST) e le misure di accompa-gnamento. Il Quinto programma quadro ed i relativi finanziamenti sono destinati a tutti i soggetti giuridici residenti in uno degli Stati membri dell UE (persone fisiche, imprese di natura industriale e e commerciale incluse le PMI, università o organismi di ricerca). Al programma possono, inoltre, partecipare soggetti giuridici residenti negli Stati associati al programma (Bulgaria, Cipro, Rep. Ceca, Estonia, Lettonia, Lituania, Ungheria, Polonia, Romania, Slovenia, Slovacchia, Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Israele). Poiché le proposte presentate alla Commissione devono avere una dimensione comunitaria, il progetto deve, in linea generale, coinvolgere almeno due soggetti giuridici tra loro indipendenti di due Stati membri diversi oppure di uno Stato membro e di uno Stato associato. Le proposte relative alle diverse componenti del programma sono sollecitate tramite inviti a presentare proposte pubblicati regolarmente nella GUCE, serie C oppure sono disponibili sul servizio telematico CORDIS: Su CORDIS si trova anche l' "Application Form" che puo' essere "downloaded" dal sito web: Salvo casi eccezionali, in cui il finanziamento da parte della Comunità europea assume la forma di un contributo forfettario, generalmente esso consiste nel rimborso dei costi ammissibili sostenuti dai partecipanti. Misura speci fi ca per le PMI, all'interno della ter z a az i one del Quinto Pr ogr amma Quadro e tendente ad incoraggiare e facilitare la partecipazione delle PMI alle attività di RST, è il programma CRAFT (Cooperative Research Action for Technology). Ad esso possono partecipare minimo tre PMI provenienti da 2 Stati membri (o da uno Stato membro e un Paese associato al programma) prive o con limitate capacità proprie di ricerca, che affidano la realizzazione di una parte o dell' insieme dei lavori di ricerca e sviluppo tecnologico ad uno o piu' organismi di ricerca (esecutori della ricerca). I progetti devono essere in linea con gli obiettivi di almeno uno dei quattro programmi tematici. La Commissione sostiene fino al 50% dei costi complessivi del progetto che va da EUR a 2 MEUR. I risultati della ricerca sono di proprietà delle PMI. Per il CRAFT le proposte possono essere presentate in qualsiasi momento mentre le valutazioni sono effettuate a scaglioni. Ulteriori informazioni relative alle condizioni di partecipazione al CRAFT si trovano sul sito CORDIS: I-3. COOPERAZIONE E PARTENARIATO TRA LE IMPRESE PER L EUROPEIZZAZIONE E L INTERNAZIONALIZZAZIONE a) EUROPARTENARIAT 4

5 Iniziativa gestita congiuntamente dalla DG regionale e dalla DG Imprese, stimola la cooperazione transnazionale tra le PMI, offrendo alle imprese la possibilità di incontrare potenziali partner per discutere e negoziare eventuali accordi di cooperazione. Nell UE (regioni ammissibili ai Fondi strutturali) hanno luogo due manifestazioni ogni anno. La loro organizzazione segue tale metodo: scelta di un Paese di accoglienza, scelta delle PMI della zona che desiderano sviluppare una cooperazione (circa 400), edizione di un catalogo contenente i profili delle varie imprese selezionate, diffusione del catalogo nei 15 Stati membri e nei Paesi terzi, organizzazione di appuntamenti d affari personalizzati. EUROPARTENARIAT copre oggi piu di 70 Paesi e la partecipazione è estesa ai partner mediterranei, ai PECO, alla Comunità degli Stati indipendenti, ai Paesi dell America latina e a quelli del sud-est asiatico. La Commissione cofinanzia i 2/3 del budget totale per l organizzazione di tale manifestazione, 1/3 proviene dal Paese che ospita la manifestazione. Nel caso in cui partecipino PMI provenienti da Paesi terzi, una parte dei costi puo essere finanziata dal programma di cooperazione dell UE di cui tali Paesi sono beneficiari (Tacis, Meda ecc.). I prossimi EUROPARTENARIAT si terranno in Danimarca ( l 8/9 giugno 2000) ed in Italia, a Palermo (il 4-6 dicembre 2000). b) INTERPRISE E modellato sul metodo dell EUROPARTENARIAT ma tra i due sussistono alcune differenze. INTERPRISE dà vita a manifestazioni di piccole dimensioni (100 PMI circa), orientate a uno o due settori di attività e rivolte a tutte le regioni europee, non necessariamente ammissibili ai Fondi strutturali. Alla manifestazione devono partecipare almeno tre regioni di tre Stati membri ed il metodo è esteso ai Paesi Phare, Tacis, dell America latina, ai partner mediterranei e ai Paesi del sud-est asiatico. La Commissione cofinanzia fino al 50% del costo totale della manifestazione per un ammontare massimo di EUR. c) IBEX: (International Byers Exhibitions) La Commissione finanzia l organizzazione di saloni della committenza nelle regioni ammissibili ai Fondi strutturali, in particolare quelle ammissibili all obiettivo 1. II- COOPERAZIONE CON I PAESI TERZI II-1. PHARE Con una dotazione annua di 1,56 miliardi di EUR per il periodo , Phare è il principale programma comunitario di finanziamento, sotto forma di aiuti non rimborsabili, a sostegno degli Stati dell Europa centrale e orientale. Inizialmente destinato ad agevolare il processo di riforma economica e sociale in Ungheria e Polonia (1990), con l evolversi della situazione politica nell Europa centrale ed orientale, Phare ha esteso gradualmente la copertura geografica fino a comprendere 14 Paesi (Polonia, Ungheria, Bulgaria, Rep. Ceca, Rep. Slovacca, Albania, Romania, Estonia, Lettonia, Lituania, Slovenia, Fyrom, Bosnia Erzegovina, Croazia 1 ) Oggi, nel contesto della strategia di preadesione, il programma Phare è stato riorientato ed il suo obiettivo è preparare i 10 Paesi candidati dell Europa centro-orientale (Polonia, Ungheria, Bulgaria, Rep. Ceca, Rep. Slovacca, Romania, Estonia, Lettonia, Lituania, Slovenia) all adesione all UE. A tal fine, nel periodo , il sostegno Phare si concentrerà su due priorità : -sviluppo istituzionale o Institution building (30% delle risorse Phare). Il programma fornirà assistenza per aiutare i Paesi candidati ad attuare l acquis comunitario (l insieme delle norme e degli standard comunitari nonché di tutte le misure per l attuazione delle politiche comuni) e a prepararsi a partecipare alle politiche comunitarie. Si tratta di aiutare questi Paesi a dotarsi di istituzioni e amministrazioni moderne capaci di recepire e di applicare concretamente la regolamentazione comunitaria. Bisogna formare degli specialisti nei diversi campi: giustizia, dogane, contabilità pubblica, controllo budgetario, ambiente ecc. tramite soprattutto gemellaggi tra ministeri, istituzioni, amministrazioni locali. Si tratta, inoltre, di aiutare i Paesi candidati a raggiungere una stabilità istituzionale che garantisca la democrazia, lo Stato di diritto, i diritti umani e la protezione delle minoranze (in questo campo, il sostegno è fornito alle autorità pubbliche o alle organizzazioni non governative). 1 L aiuto alla Croazia è sospeso. Inoltre Fyrom, Bosnia Erzegovina e Croazia sono contemporaneamente beneficiari del programma OBNOVA, istituito per rimediare ai danni bellici subiti da tali Paesi. 5

6 -Investimenti (70% delle risorse Phare). Gli investimenti sono necessari per garantire la conformità alle norme e agli standard comunitari da parte delle imprese degli Stati beneficiari nei settori come l ambiente, i trasporti, l energia, la sicurezza nucleare ecc.. Gli investimenti contribuiranno a promuovere il funzionamento dell economia di mercato e rafforzeranno la capacità da parte delle economie dei Paesi candidati di rispondere alle pressioni concorrenziali e alle forze di mercato all interno dell UE. In questo contesto, la strategia di preadesione promuove lo sviluppo di infrastrutture di trasporto, in particolare le grandi reti transeuropee (TEN), essenziali per un funzionamento armonioso del mercato interno e delle politiche comuni. Ulteriori informazioni si possono trovare sul sito: Per il periodo al Phare saranno affiancati altri due strumenti: - ISPA (strumento strutturale di preadesione). Tale strumento, che ha una dotazione annua di milioni di EUR per il periodo , finanzia progetti d investimento nei seguenti settori: a) misure ambientali che permettano ai Paesi beneficiari di conformarsi alle esigenze del diritto comunitario in materia di ambiente; b) misure nel settore delle infrastrutture di trasporto che riguardano, soprattutto, l interconnessione tra le reti nazionali e tra queste e le reti transeuropee nonché l accesso a queste reti. Il costo totale di ciascuna misura non deve essere, in linea di massima, inferiore a 5 MEUR. L assistenza comunitaria fornita dall ISPA puo assumere la forma di aiuti a fondo perduto, aiuti rimborsabili o qualsiasi altra forma di aiuti. Il tasso di sovvenzionamento comunitario puo essere pari ad un massimo del 75% delle spese pubbliche o assimilate ma puo, in casi eccezionali, essere aumentato fino all 85%. - SAPARD (strumento agricolo e di sviluppo rurale). Tale strumento, che ha una dotazione annua di 520 MEUR per il periodo , finanzia progetti nel settore dell agricoltura e dello sviluppo rurale per: a) contribuire all applicazione dell acquis comunitario per quanto riguarda la politica agricola comune; b) risolvere problemi prioritari relativi ad un adeguamento sostenibile del settore agricolo e delle zone rurali nei Paesi candidati (investimenti in aziende agricole, miglioramento del controllo veterinario e fitosanitario e della qualità dei prodotti, metodi di produzione agricola volti alla protezione dell ambiente ecc.). Il contributo comunitario è erogato sotto forma di anticipi, cofinanziamenti e finanziamenti ed ammonta al massimo al 75% della spesa pubblica totale ammissibile. Per ulteriori informazioni consultare il sito: II-2. TACIS Il programma di assistenza TACIS (Technical Aid to the Commonwealth of Indipendent States) dell UE è stato istituito nel 1991 per sostenere la riforma ed il rilancio dell economia nei nuovi Stati indipendenti (Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Federazione russa, Georgia, Kazakistan, Kirghizistan, Moldavia, Tagikistan, Turkmenistan, Ucraina, Uzbekistan) e in Mongolia. L assistenza della Comunità è generalmente prestata sottto forma di aiuti non rimborsabili e nei prossimi sette anni ( ) servirà al conseguimento di due obiettivi fondamentali: a) favorire il passaggio all economia di mercato e b) consolidare la democrazia e lo Stato di diritto nei Paesi beneficiari. Il programma TACIS, che si configura soprattutto come assistenza tecnica, si concentrerà sui seguenti settori di cooperazione: sostegno alle riforme istituzionali, giuridiche e ammministrative; sostegno al settore privato e assistenza allo sviluppo economico; sostegno per far fronte alle conseguenze sociali della transizione; sviluppo delle reti infrastrutturali; promozione della tutela ambientale e gestione delle risorse naturali; sviluppo dell economia rurale. Qualora sia possibile, si presterà assistenza anche nel settore della sicurezza nucleare. Particolare incoraggiamento sarà dato, inoltre, alla cooperazione interstatale, 6

7 interregionale e transfrontaliera tra i Paesi beneficiari, tra i Paesi beneficiari e l UE e tra i Paesi beneficiari e l Europa centrorientale. L importo di riferimento finanziario per l attuazione del programma, per il periodo , è di milioni di EUR; nell anno 2000 al programma sono stati allocati EUR. Per ulteriori informazioni si puo consultare il sito: II-3. OBNOVA Il programma OBNOVA è stato istituito nel 1996 (il regolamento è stato prorogato fino al 2004) per finanziare progetti, programmi e azioni di cooperazione per la ricostruzione, il ritorno dei profughi e degli sfollati e la cooperazione economica e regionale in Bosnia- Erzegovina, in Croazia, nella Repubblica federale di Iugoslavia e nell ex Repubblica iugoslava di Macedonia. Il programma, che nel 2000 ha una dotazione di EUR, finanzia progetti per la ricostruzione delle infrastrutture danneggiate dalla guerra; il consolidamento della democrazia e della società civile; il ritorno dei profughi; la messa a punto dell apparato produttivo per il rilancio dell economia; lo sviluppo del settore privato, in particolare delle piccole imprese, e la promozione degli investimenti; il potenziamento delle organizzazioni non governative. Oggi il programma finanzia, in particolare, programmi di ricostruzione del Kosovo. Ulteriori informazioni si trovano sul sito: II-4. MEDA Il programma MEDA è il principale strumento finanziario della cooperazione euromediterranea 2, per il quale sono stati stanziati, nel periodo , MEUR. Il programma è stato creato per sostenere i processi di riforma delle strutture socioeconomiche dei Paesi mediterranei in vista del raggiungimento della stabilità e della sicurezza a lungo termine e della creazione di una zona di libero scambio euromediterranea entro il Circa il 90% delle risorse MEDA è destinato alla realizzazione di azioni di cooperazione bilaterale tra l UE e 9 dei 12 Paesi partner: Algeria, Egitto, Giordania, Libano, Marocco, Siria, Tunisia, Turchia e Territori palestinesi. Sono esclusi Israele, a causa del suo elevato livello di sviluppo, e Cipro e Malta, la cui situazione è peculiare in quanto Paesi in fase di preadesione all UE. Le aree di intervento sono rappresentate: a) dal sostegno ai programmi di adeguamento strutturale intrapresi dai Paesi partner (aiuti finanziari diretti ai bilanci dei Paesi partner), b) dallo sviluppo del settore privato locale (liberalizzazione del commercio, promozione degli investimenti, sviluppo del settore finanziario), c) dal miglioramento dell equilibrio socioeconomico (sviluppo rurale, sanità, sostegno all istruzione di base). Il restante 10% è destinato al finanziamento di iniziative a carattere regionale che prevedono la partecipazione di almeno due Stati membri dell' UE e due Paesi partner (MED-URBS, il cui obiettivo è migliorare le condizioni di vita delle popolazioni urbane dei Paesi beneficiari e contribuire a sviluppare forme di collaborazione tra le autorità locali delle due sponde del Mediterraneo; MED-CAMPUS, che intende valorizzare le risorse umane nelle amministrazioni pubbliche e nelle imprese private mediante attività di formazioni che si svolgono tramite reti euromediterranee di cooperazione universitaria; MED-MEDIA, il cui scopo è sostenere la cooperazione in rete tra i professionisti, le istituzioni e le organizzazioni del settore dell informazione). Il programma è attualmente in fase di revisione: si vuole accentuare il dialogo politico e l attività di cooperazione si focalizzerà sull assistenza ai processi di riforma locali necessari per l instaurazione della zona di libero scambio. Per il 2000 è stata approvata una dotazione di EUR. Per ulteriori informazioni si puo consultare il sito: II-5. FES 2 I Paesi che beneficiano del programma MEDA sono: Algeria, Egitto, Giordania, Libano, Marocco, Siria, Tunisia, Turchia, Territori palestinesi, Israele, Cipro e Malta. 7

8 I Paesi in via di sviluppo dell area ACP, ovvero dell Africa subsahariana, Caraibi e Pacifico, sono quelli che da piu tempo usufruiscono dell assistenza comunitaria. Infatti il Fondo europeo di sviluppo (FES), il principale strumento finanziario per l aiuto agli ACP, ha la sua base giuridica nella parte IV del Trattato di Roma (1957). Il FES eroga aiuti, essenzialmente delle sovvenzioni, attualmente a 71 Paesi ACP, nell ambito della convenzione di Lomé (ne sono state firmate quattro), ed è finanziato direttamente dagli Stati membri- non rientra infatti nel bilancio comunitario-. La convenzione di Lomé include: a) la cooperazione tecnica e finanziaria, attuata attraverso il FES e b) la cooperazione commerciale. La cooperazione tecnica e finanziaria mira a promuovere lo sviluppo rurale, a sostenere i programmi nazionali di adeguamento strutturale (equilibrio della bilancia dei pagamenti, riduzione del deficit) e a promuovere la cooperazione regionale. Inoltre, il rispetto dei diritti dell uomo, dei principi democratici e dello Stato di diritto e la protezione dell ambiente rappresentano un elemento essenziale della convenzione. La cooperazione commerciale si configura come sistema di preferenze commerciali unilaterali in base al quale i prodotti in provenienza dagli ACP entrano nella CE esenti da dazi doganali o non soggetti a quote. La quarta convenzione di Lomé, entrata in vigore il 1/3/1990, si è conclusa il 29/2/2000 ma è stata prorogata fino a giugno (esclusa la parte relativa al commercio, per la quale è già in applicazione, in via provvisoria, un nuovo accordo di partenariato). Il nuovo accordo, concluso per una durata ventennale, prevede un periodo preparatorio di 8 anni in cui l UE sosterrà la creazione di accordi di partnership economica regionale (APER) ed un periodo transitorio di 12 anni per l entrata in vigore di accordi di libero scambio che sostituiranno il regime attuale di preferenze commerciali unilaterali. Agli ACP saranno destinati, per il periodo , 13,5 miliardi di EUR a cui si aggiungeranno 9 miliardi residui passivi del FES. Ulteriori informazioni si trovano sul sito: II-6. ALA La cooperazione comunitaria con i Paesi in via di sviluppo dell Asia e dell America latina (PVS-ALA), che non fanno parte dei Paesi firmatari della convenzione di Lomé e non beneficiano della politica comunitaria di cooperazione nei confronti della regione mediterranea, è stata ridefinita dal regolamento del La cooperazione, essenzialmente nella forma di aiuti a fondo perduto, comprende principalmente l aiuto tecnico e finanziario allo sviluppo e la cooperazione economica. In tale contesto, la Comunità attribuisce importanza fondamentale alla promozione dei diritti dell uomo, al sostegno ai processi di democratizzazione, ad una gestione pubblica corretta, efficiente ed equa, alla tutela dell ambiente, al rafforzamento della dimensione culturale. L aiuto finanziario e tecnico è teso, in particolare, allo sviluppo del settore rurale e all aumento della sicurezza alimentare. Si prende, inoltre, in considerazione il miglioramento dell ambiente economico, giuridico e sociale per il settore privato, comprese le PMI. La cooperazione economica si effettua soprattutto in tre settori: a) miglioramento del sostegno istituzionale; b) sostegno alle imprese mediante azioni di promozione commerciale, formazione e assistenza tecnica; c) miglioramento del potenziale scientifico e tecnologico e, in generale, del contesto economico, sociale e culturale tramite azioni di formazione e di trasferimento di know-how. La cooperazione regionale è considerata un settore prioritario sia dell aiuto finanziario e tecnico sia della cooperazione economica, in particolare nei settori dell ambiente, dello sviluppo del commercio intraregionale, della ricerca, della cooperazione industriale, delle comunicazioni (in particolare delle telecomunicazioni), dell energia e della formazione. Per la cooperazione con i Paesi in via di sviluppo dell Asia e dell America latina sono stati stanziati, nel 2000, EUR. Per ulteriori informazioni consultare il sito: Nell ambito della cooperazione con i Paesi dell America latina e dell Asia, la Commissione europea ha lanciato due iniziative: a) AL-INVEST ( EUR per il periodo ottobre 2000-ottobre 2006), il cui obiettivo è accrescere gli investimenti europei nell America latina ed incrementare il commercio tra le due regioni. L iniziativa è finalizzata sia alle PMI europee che a quelle dell America latina ed incoraggia incontri tra imprenditori europei e 8

9 latinoamericani, soprattutto attraverso manifestazioni di tipo Interprise (sono organizzati incontri settoriali, della durata di due giorni). Il programma si basa sull azione di organismi rappresentativi del settore privato in America latina (Eurocentri) e in Europa (COOPECO) che propongono ai servizi della Commissione europea, per cofinanziamento, riunioni di un solo settore o multisettoriali (ALPartenariati) o di assistenza personalizzata a gruppi di aziende (ARIEL). La Commissione ha l intenzione di cofinanziare nei prossimi quattro anni circa 200 riunioni settoriali a cui si aggiungeranno 4 Alpartenariati. Ulteriori informazioni si possono trovare sul sito: b) ASIA-INVEST (45 MEUR per il periodo ), vuole facilitare la cooperazione tra operatori economici europei e asiatici. L iniziativa si compone di tre strumenti per stimolare la crescita del commercio e del flusso degli investimenti e per diffondere tra le imprese europee, specialmente PMI, la consapevolezza delle opportunità di affari in Asia. I tre strumenti sono: 1) il Business Priming Fund, la cui finalità è preparare gruppi di imprese dell Ue e dell Asia alla cooperazione; 2) Asia-Interprise e Asia-Partenariat; 3) Asia Investment Facility, che fornisce assistenza tecnica e finanziaria per ricerche volte all identificazione, valutazione e promozione delle opportunità di investmento per operatori economici europei in Asia. Ulteriori informazioni si trovano sul sito: Partecipazione ai programmi di cooperazione con i Paesi terzi Le procedure per la partecipazione ai programmi di cooperazione differiscono da quelle dei programmi specifici per PMI. Infatti, sulla base di un programma indicativo che i Paesi beneficiari concordano con la Commissione europea, vengono preparate delle proposte di finanziamento dettagliate. Tali proposte sono sottoposte dalla Commissione europea al Comitato di gestione, composto dai rappresentanti degli Stati membri dell UE, affinchè le esamini. In caso di parere favorevole del Comitato, la Commissione europea firma un memorandum di finanziamento con il Paese beneficiario e pubblica, nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee serie S (Supplemento), dei bandi di gara per l assegnazione di contratti che possono riguardare l assistenza tecnica (soprattutto), lavori o forniture. Nella GUCE non compaiono, tuttavia, gli appalti di minor valore, i quali vengono attribuiti tramite trattativa privata, o le gare locali, che vengono pubblicizzate solo nelle Gazzette locali. Inoltre sul sito web del Servizio comune per le Relazione esterne (SCR) sono pubblicate tutte le informazioni riguardanti i bandi: L assegnazione dei contratti, poiché si basa sul principio dell invito a presentare offerte, prevede: a) una valutazione tecnica delle offerte che hanno soddisfatto i requisiti di conformità individuati nel bando di gara (la valutazione concerne l esperienza della società, la situazione economica e finanziaria, le capacità tecniche e professionali dei candidati); b) una valutazione finanziaria (vengono valutate le proposte finanziarie per le offerte tecnicamente accettabili e viene selezionata l offerta economicamente piu vantaggiosa). 3 L assegnazione dei contratti avviene seguendo procedure che differiscono a seconda che di tratti di assistenza tecnica, lavori o forniture ed in base al valore degli appalti stessi. Inoltre, le procedure sono diverse per ogni programma. Nel novembre 1999 la Commissione, al fine di garantire una maggiore semplificazione e trasparenza, ha adottato un manuale di istruzione che prevede l utilizzazione di procedure uniformi per tutti i programmi di cooperazione. Le nuove procedure dovrebbero essere applicate a partire dai prossimi mesi. Il manuale è disponibile sul sito: 9

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE 1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE Per secoli l Europa è stata teatro di conflitti, tensioni e divisioni, ma dopo gli orrori della seconda Guerra Mondiale il continente ha visto risorgere

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 13.1.2015 COM(2015) 10 final 2015/0009 (COD) Proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo al Fondo europeo per gli investimenti strategici e che

Dettagli

21.6.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 157/29 PROTOCOLLO

21.6.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 157/29 PROTOCOLLO 21.6.2005 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 157/29 PROTOCOLLO Relativo alle condizioni e modalità d'ammissione della Repubblica di Bulgaria e della Romania all'unione europea LE ALTE PARTI CONTRAENTI,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2006R1083 IT 25.12.2008 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1083/2006 DEL CONSIGLIO dell'11 luglio

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020

Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020 Guida alle opportunità di finanziamento dell Unione europea 2014-2020 Il contenuto di questa pubblicazione non riflette l opinione ufficiale dell Unione europea. La responsabilità delle informazioni in

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese

Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese La presente pubblicazione è stata elaborata nell ambito del progetto Facility for SMEs and Capacity Building (cod. 30), finanziato dall Unione Europea

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA C 17/10 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 20.1.2015 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA INVITO A PRESENTARE PROPOSTE Linee guida EACEA 03/2015 Iniziativa Volontari dell Unione

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 25.06.2008 SEC(2008) 2193 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE CODICE EUROPEO DI BUONE PRATICHE PER FACILITARE L ACCESSO DELLE PMI AGLI

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

L Europa in 12 lezioni. di Pascal Fontaine

L Europa in 12 lezioni. di Pascal Fontaine L Europa in 12 lezioni di Pascal Fontaine Potete trovare questo opuscolo e altre chiare e brevi spiegazioni sull Unione europea sul sito ec.europa.eu/publications/ Commissione europea Direzione generale

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE Nuove regole per i comitati aziendali europei Presentazione della direttiva 2009/38/CE A cosa servono i Comitati aziendali europei? I Comitati aziendali europei (CAE) sono enti che rappresentano i lavoratori

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Per favorire il dialogo con i cittadini la Regione Calabria lancia lo sportello informativo, il servizio on line che consente di avere, in tempi certi,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020

LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020 LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020 Bruxelles, 8 gennaio 2014 0 INDICE PREMESSA... 2 I - I PRINCIPALI PROGRAMMI DELL UE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE... 3 1. I FINANZIAMENTI

Dettagli

Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati.

Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. I TRASPORTI INTERNAZIONALI Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. Per effettuare trasporti internazionali di merci su strada

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

GUIDA AI FINANZIAMENTI EUROPEI 2014

GUIDA AI FINANZIAMENTI EUROPEI 2014 GUIDA AI FINANZIAMENTI EUROPEI 2014 A CURA DI Gian Angelo Bellati, Francesco Pareti, Roberta Lazzari, Marco Boscolo SOMMARIO 1. Introduzione a cura del Presidente di Unioncamere del Veneto - Eurosportello

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue

Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue Dossier tecnico Investire nell Europa del 2020: la nuova strategia e le politiche di sviluppo futuro dell Ue Primo dossier tecnico A cura della Direzione centrale cultura, sport, relazioni internazionali

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La nuova Pac 2014-2020

La nuova Pac 2014-2020 La nuova Pac 2014-2020 Un analisi delle proposte della Commissione A cura di Fabrizio De Filippis Contributi di: Ferdinando Albisinni, Giovanni Anania, Giuseppe Blasi, Vasco Boatto, Gabriele Canali, Mario

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Breve guida agli aiuti di Stato

Breve guida agli aiuti di Stato Breve guida agli aiuti di Stato Indice Lazioeuropa Temi e approfondimenti Breve guida agli aiuti di Stato Introduzione 3 1. Definizione di aiuto di Stato 5 1.1 Il principio dell investitore privato 8 2.

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli