La disomogeneità nei livelli di assistenza specialistica ambulatoriale tra i servizi sanitari regionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La disomogeneità nei livelli di assistenza specialistica ambulatoriale tra i servizi sanitari regionali"

Transcript

1 NUMERO 12- DICEMBRE 2011 La disomogeneità nei livelli di assistenza specialistica ambulatoriale tra i servizi sanitari regionali Federazione nazionale per le tecnologie biomediche, diagnostiche, 1 apparecchiature medicali, servizi e telemedicina

2 Centro studi di economia sanitaria Ernesto Veronesi Direttore: Paolo Gazzaniga 2

3 La disomogeneità nei livelli di assistenza specialistica ambulatoriale tra i servizi sanitari regionali A cura di: Giuseppina Petrarca Maria Cristina Bussone 3

4 INDICE INTRODUZIONE... 5 DATI UTILIZZATI E METODO... 7 RISULTATI Tunnel carpale Radioterapia stereotassica NT probnp CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA

5 INTRODUZIONE Uno dei principi fondamentali su cui si basa il nostro Servizio sanitario nazionale (Ssn) è l equità di accesso ai servizi sanitari da parte di tutti i cittadini 1. Nel 2001, con la riforma del titolo V della Costituzione 2 si è dato avvio al federalismo il che ha comportato tra l altro una complessa redistribuzione di competenze tra Stato e Regioni in tema di sanità. Allo Stato spetta la determinazione dell entità delle risorse finanziarie da attribuire al Ssn e la definizione dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) 3 da garantire a tutti i cittadini. Alle Regioni, invece, è attribuita la potestà legislativa in riferimento a ogni materia non espressamente riservata al Legislatore nazionale. Ne consegue che, le Regioni hanno oggi piena autonomia legislativa in materia sanitaria nel rispetto dei Lea. I Lea oggi in vigore sono ancora quelli definiti dal DPCM del 29 novembre che li classifica nei seguenti tre settori o aree: assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e lavoro assistenza distrettuale assistenza ospedaliera. Lo stesso decreto richiama, per ciascuna tipologia assistenziale, i riferimenti normativi vigenti al 2001 e, laddove esistenti, le liste delle corrispondenti prestazioni da intendersi dunque incluse nei Lea. Inoltre, il disposto normativo indica chiaramente due liste negative, ovvero riferite alle prestazioni escluse dai Lea e a quelle parzialmente escluse in quanto erogabili solo secondo specifiche indicazioni cliniche. La tabella 1 schematizza quanto sopra con riferimento alla specialistica ambulatoriale (ivi compresa la diagnostica strumentale e di laboratorio), all integrativa e alla protesica. Tabella 1 - Livelli essenziali di assistenza (Lea) LEA - Assistenza distrettuale Liste di prestazioni Prestazioni totalmente escluse Liste negative Prestazioni parzialmente escluse Integrativa DM 8/6/2001 Lett. c DPCM 29/11/2001 Specialistica ambulatoriale DM 22/7/1996 Lett. e, f DPCM 29/11/2001 Lett. a, b, c DPCM 29/11/2001 Protesica DM 332/1999 I Lea, da un lato, rappresentano dunque le prestazioni e i servizi che il Servizio sanitario nazionale è tenuto a garantire a tutti i cittadini (gratuitamente o dietro pagamento di un ticket); dall altro, sono un riferimento per determinare il finanziamento che ciascuna regione dispone per l erogazione dei servizi sanitari 5. In teoria un tale modello consentirebbe un equa distribuzione delle risorse finanziarie per l erogazione dei Lea a tutti i cittadini indipendentemente dal luogo di residenza. In realtà, le diseguaglianze nell accesso ai servizi sanitari tra le diverse Regioni sono un evidenza da tempo acclarata che mostrano contesti regionali in cui il Servizio sanitario assicura un assistenza 1 La Legge 833 del 1978 ha istituito il Servizio sanitario nazionale universalistico e solidaristico. I principi fondamentali su cui si basa il Ssn sono la responsabilità pubblica della tutela della salute, l universalità ed equità di accesso ai servizi sanitari. 2 Legge Costituzionale n. 3 del Con il DPCM del 29 novembre del 2001 sono stati definiti, ai sensi del D.Lgs 502 del 1992 ss.mm. ii. i livelli essenziali di assistenza. 4 Si ricorda che i Lea furono dapprima ridefiniti con il DPCM del 23 aprile 2008 che intendeva sostituire integralmente il DPCM del Il nuovo Decreto sarebbe dovuto entrare in vigore il giorno della sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, previa un intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome che invece non ci fu, per cui il nuovo testo non entrò mai in vigore. 5 Secondo il concetto del costo standard, il finanziamento regionale dei Lea è dato da una quota capitaria ponderata determinata mediante il costo standard, ovvero il benchmark praticato dalle Regioni in cui la sanità ha performance migliori rispetto ad altre. 5

6 conforme ai Lea e tendente a migliorare, e altri contesti in cui il Servizio sanitario offre un assistenza inadeguata e tendente a peggiorare. Le prestazioni di specialistica ambulatoriale e di laboratorio rientrano nell area dell assistenza distrettuale. In questo caso il disposto normativo di riferimento per identificare la lista di prestazioni interessate è il vecchio DM del 22 luglio 1996, ormai inadeguato in quanto decisamente superato rispetto agli standard of care che l innovazione, sia clinica che tecnologica, continua a migliorare. Figura 1 - Gap tra Lea e Standard of Care Il mancato aggiornamento del nomenclatore ministeriale del 1996 mette oggi sempre più a rischio la possibilità per un cittadino di vedersi offrire la cura per lui più appropriata; infatti, il concetto di essenziale in linea di principio dovrebbe coincidere con quello di appropriatezza, in realtà, al divergere tra Lea e standard of care, il concetto di essenziale finisce per tradursi in minimo indispensabile. L autonomia riconosciuta alle Regioni ha permesso alle stesse di sopperire a tale mancato aggiornamento, ma ciò è avvenuto in modo eterogeneo andando così ad aumentare le differenze regionali in tema di assistenza sanitaria 6. L obiettivo del presente lavoro è quello di confrontare i vari modelli regionali in relazione alla determinazione delle tariffe di specialistica ambulatoriale e alla definizione di ulteriori prestazioni garantite da ciascun Servizio sanitario regionale (Ssr) rispetto ai Lea definiti dal Ministero. 6 Analoga considerazione, peraltro, potrebbe essere fatta riguardo alle prestazioni di assistenza protesica e integrativa, anch esse rientranti nell area dell assistenza distrettuale; in questo caso il disposto normativo di riferimento per identificare la lista delle prestazioni interessate è il vecchio DM n.332 del 1999 così come modificato dal DM n.321 del 2001 che indicava un Nomenclatore e un regolamento che da allora non sono mai stati aggiornati. 6

7 DATI UTILIZZATI E METODO Il presente lavoro si basa sulle informazioni contenute nel database Tariffari Specialistica Ambulatoriale e di Laboratorio implementato e tenuto costantemente aggiornato dal Centro Studi Assobiomedica. Il database raccoglie e confronta i Tariffari di specialistica ambulatoriale e di laboratorio di ciascuna regione e provincia autonoma (P.A.) con quello nazionale approvato dal DM del 22 luglio Lo studio è focalizzato sulle prestazioni erogate dalle Regioni e PP.AA. e definite aggiuntive rispetto a quelle riportate dal Nomenclatore Nazionale del 22 Luglio del 1996, in quanto appunto non presenti nello stesso. A prima battuta il termine aggiuntive dovrebbe essere sinonimo di extra-lea. In realtà, il mancato aggiornamento a livello nazionale delle liste di prestazioni citate nel DPCM del 2001 (prestazioni che per quanto riguarda la specialistica ambulatoriale risalgono al nomenclatore del 1996) per un periodo così lungo ha fatto sì che oggi le prestazioni cd. aggiuntive comprendano: I. prestazioni un tempo erogate in regime di ricovero ospedaliero (e oggi più appropriatamente erogate in regime ambulatoriale); II. III. prestazioni introdotte in sostituzione di prestazioni ministeriali (o perché considerate obsolete sul piano clinico o tecnologico, oppure semplicemente a seguito di una modifica nella descrizione e/o nel codice); prestazioni che il DPCM 2001 escludeva in modo assoluto dai Lea; IV. altre prestazioni non presenti nelle liste (positive) citate nel DPCM del Ora, è evidente che il buon senso porta a considerare come extra-lea unicamente le prestazioni di cui ai punti III e IV, sebbene anche queste siano state aggiunte soltanto da alcune regioni e non da altre, conseguenza questa dei differenti tempi e criteri di aggiornamento dei tariffari a livello regionale 7. La tabella 2 mostra per ciascuna regione e P.A. l anno dell ultimo aggiornamento del rispettivo Tariffario di specialistica ambulatoriale e di laboratorio 8. 7 Si noti che le prestazioni di specialistica ambulatoriale e di laboratorio erogate a pazienti residenti fuori regione vengono rimborsare con le corrispondenti tariffe in vigore nella regione in cui sono state erogate, e questo vale altresì per le prestazioni aggiuntive di cui ai punti I e II. 8 La Regione Calabria, con la DGR n 396 del 24 maggio 2010 ha previsto, a seguito del parere trasmesso dall Agenas con nota del 12 maggio 2010 n , l adozione delle tariffe delle prestazioni specialistiche ambulatoriali così come previsto nel DM 22 luglio La Regione Sicilia utilizza tariffe così come previsto nel DM 22 luglio 1996, ad eccezione delle prestazioni di diagnostica da laboratorio aggiornate con decreto del 30/12/2010. La regione Molise, con la delibera di Giunta Regionale n.362 del 30 marzo 2007, ha deliberato l accordo tra Ministero della Salute, Ministero dell economia e delle Finanze e il Presidente della Regione Molise per l approvazione del Piano di Rientro dai disavanzi e di individuazione degli interventi per il perseguimento dell equilibrio economico. A tal fine, per le tariffe per la diagnostica di laboratorio e le altre prestazioni specialistiche, si utilizza il Nomenclatore tariffario stabilito dal DM 22 luglio Non avendo reperito il nomenclatore tariffario della Regione Puglia e della Regione Sardegna abbiamo deciso di utilizzare le tariffe stabilite nel DM 22 luglio Il database prevede un aggiornamento annuale. I dati ad oggi raccolti si riferiscono al 1 trimestre

8 Tabella 2 - Aggiornamento tariffario per regione e P.A. REGIONE ANNO DELL ULTIMO AGGIORNAMENTO PIEMONTE 2010 VALLE D AOSTA 2006 LOMBARDIA 2009 P.A. BOLZANO 2010 P.A. TRENTO 2010 VENETO 2006 FRIULI VENEZIA GIULIA 2008 LIGURIA 2001 EMILIA ROMAGNA 2005 TOSCANA 2010 UMBRIA 2010 MARCHE 2010 LAZIO 2010 ABRUZZO 2008 MOLISE 1996 CAMPANIA 2008 PUGLIA 1996 BASILICATA 2007 CALABRIA 1996 SICILIA 2010 SARDEGNA 1996 La maggior parte delle Regioni e PP.AA. hanno rivisto il proprio tariffario negli ultimi anni, anche se con modalità e in misura differenti. Infatti, da una prima analisi dei tariffari si è potuto riscontrare il numero delle prestazioni aggiuntive totali e per i diversi Enti (Tabb. 3-4). Tabella 3 - Prestazioni di specialistica ambulatoriale e di laboratorio PRESTAZIONI: N DA DM 22 LUGLIO AGGIUNTIVE 3177 TOTALE 4892 Le prestazioni aggiuntive una volta individuate sono state analizzate in base alla loro distribuzione nelle diverse categorie specialistiche. 8

9 Tabella 4 - Numero delle prestazioni aggiunte da ciascuna regione e provincia autonoma REGIONE NUMERO PRESTAZIONI AGGIUNTE % PREST. AGGIUNTE SUL TOT PREST. MINISTERIALI PIEMONTE % VALLE D AOSTA 112 7% LOMBARDIA % P.A. BOLZANO 156 9% P.A. TRENTO % VENETO 126 7% FRIULI VENEZIA GIULIA % LIGURIA 5 0,3% EMILIA ROMAGNA 46 3% TOSCANA % UMBRIA % MARCHE % LAZIO 101 6% ABRUZZO 10 1% MOLISE - - CAMPANIA 13 1% PUGLIA - - BASILICATA % CALABRIA - - SICILIA 9 1% SARDEGNA - - Ciascuna regione e P.A. ha modificato il proprio tariffario aggiungendo diverse prestazioni e in diverse branche specialistiche. Il DM del 1996 suddivide le prestazioni ambulatoriali in 16 categorie di prestazioni. La tabella 5 indica per ciascuna categoria la percentuale del numero di prestazioni aggiunte dalle singole Regioni e PP.AA. rispetto al totale introdotte (3177). Tabella 5 - Numero delle prestazioni aggiunte per categoria di prestazioni CATEGORIE DI PRESTAZIONI % N. PREST. AGGIUNTE PER CATEGORIA / TOTALE PRESTAZIONI AGGIUNTE Codice 16 ALTRE PRESTAZIONI DIAGNOSTICHE TERAPEUTICHE (87-99) 80% Codice 3 INTERVENTI SULL'OCCHIO (08-16) 4% Codice 9 INTERVENTI SULL'APPARATO DIGERENTE (42-54) 4% Codice 14 INTERVENTI SULL'APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO (76-83) 2% Codice 1 INTERVENTI SUL SISTEMA NERVOSO (03-05) 2% Codice 5 INTERVENTI SU NASO, BOCCA, FARINGE (21-29) 2% Codice 7 INTERVENTI SUL SISTEMA CARDIOVASCOLARE (37-39) 2% Codice 15 INTERVENTI SUI TEGUMENTI (85-86) 2% Codice 12 INTERVENTI SUGLI ORGANI GENITALI FEMMINILI (65-71) 1% Codice 10 INTERVENTI SULL'APPARATO URINARIO (55-59) 1% Codice 6 INTERVENTI SUL SISTEMA RESPIRATORIO ( 31-34) 1% Codice 4 INTERVENTI SULL'ORECCHIO (18-20) 0% Codice 11 INTERVENTI SUGLI ORGANI GENITALI (60-64) 0% Codice 13 INTERVENTI OSTETRICI (75) 0% Codice 2 INTERVENTI SUL SISTEMA ENDOCRINO (06) 0% Codice 8 INTERVENTI SUL SISTEMA EMATICO E LINFATICO (40-41) 0% 9

10 La categoria delle Altre prestazioni diagnostiche terapeutiche è quella che registra il numero maggiore di prestazioni aggiunte. Si è ritenuto, quindi, opportuno analizzare le prestazioni che rientrano in tale categoria (Tab. 6). Tabella 6 - Numero delle prestazioni aggiunte per la categoria delle Altre prestazioni diagnostiche terapeutiche raggruppate in sottocategorie ALTRE PRESTAZIONI DIAGNOSTICHE TERAPEUTICHE % N. PREST. AGGIUNTE PER SOTTOCATEGORIA / TOTALE PREST. AGGIUNTE PER CATEGORIA LABORATORIO (90 91) 60 % DIAGNOSTICA (87 88) 11% MEDICINA NUCLEARE (92) 7% VISITE (89) 5% PROCEDURE RELATIVE ALLA PSICHE (94) 5% TERAPEUTICHE E RIABILITAZIONE (93) 5% ALTRE PROCEDURE NON OPERATORIE (99) 3% SOSTITUZIONE E RIMOZIONE DI SUSSIDIO TERAPEUTICO (97) 2% INTUBAZIONI E IRRIGAZIONI NON OPERATORIE (96) 1% DIAGNOSI E TRATTAMENTI OFTALMOLOGICI E OTOLOGICI (95) 1% RIMOZIONE NON OPERATORIA DI CORPO ESTRANEO (98) 0% Dall analisi delle prestazioni aggiunte afferenti alla categoria del codice 16 è stato possibile così verificare che la distribuzione non è omogenea tra sottogruppi. Infatti, il 78% della prestazioni aggiunte ricadono in solo 3 sottocategorie su 11: il cluster di prestazioni maggiormente aggiornato risulta essere quello del Laboratorio (60%), seguito dalla Diagnostica (11%) e dalla Medicina Nucleare (7%). La fase successiva consente di individuare, per ciascuna tipologia di prestazione del codice 16, gli Enti che hanno modificato il proprio tariffario (Graff. 1-11) e di osservare come tra le Regioni e PP.AA. sia molto diversa l incidenza delle singole sottocategorie. Grafico 1 - Distribuzione prestazioni di laboratorio Grafico 2 - Distribuzione prestazioni di diagnostica 35% 30% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 10

11 Grafico 3 - Distribuzione prestazioni di medicina nucleare Grafico 4 - Distribuzione prestazioni di visite 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% Grafico 5 - Distribuzione prestazioni di terapia e riabilitazione Grafico 6 - Distribuzione prestazioni di altre procedure non operatorie 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 20% 18% 16% 14% 12% 10% 8% 6% 4% 2% 0% Grafico 7 - Distribuzione prestazioni di sostituzione e rimozione di sussidio terapeutico Grafico 8 - Distribuzione prestazioni di intubazioni e irrigazioni non operatorie 45% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 11

12 Grafico 9 - Distribuzione prestazioni di diagnosi e trattamenti oftalmologici o otologici Grafico 10 - Distribuzione prestazioni di rimozione non operatoria di corpo estraneo 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% Grafico 11 - Distribuzione prestazioni di procedure relative alla psiche 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Da qui in avanti, l analisi si è concentrata sui seguenti tre casi pratici ritenuti esemplificativi di altrettante categorie di prestazioni aggiuntive (vedi pag. 7): 1. Tunnel carpale quale esempio di prestazione aggiuntiva di tipo I 2. Radioterapia stereotassica quale esempio di prestazione aggiuntiva di tipo II 3. Dosaggio NT probnp quale esempio di prestazione aggiuntiva di tipo IV. 12

13 RISULTATI Tunnel carpale L operazione del tunnel carpale è una prestazione inclusa nei DRG definiti inappropriati, quindi, ciascuna regione e P.A., ad oggi, dovrebbe aver trasformato il regime di erogazione della prestazione da ospedaliero ad ambulatoriale. In realtà, non tutte le Regioni hanno attuato azioni di modifica. La tabella 7 consente di individuare le Regioni e PP.AA. che hanno introdotto la prestazione di liberazione tunnel carpale e di confrontare le relative tariffe. Tabella 7 - Prestazione ambulatoriale Liberazione del tunnel carpale PIEMONTE REGIONE CODICE DESCRIZIONE TARIFFA (*) VALLE D AOSTA LIBERAZIONE DEL TUNNEL CARPALE E/O NERVO ULNARE 650,00 LOMBARDIA LIBERAZIONE DEL TUNNEL CARPALE 898,42 P.A. BOLZANO LIBERAZIONE DEL TUNNEL CARPALE 650,00 P.A. TRENTO LIBERAZIONE DEL TUNNEL CARPALE E/O NERVO ULNARE 650,00 VENETO LIBERAZIONE DEL TUNNEL CARPALE 1.000,00 FRIULI VENEZIA GIULIA LIBERAZIONE DEL TUNNEL CARPALE 1.646,20 LIGURIA EMILIA ROMAGNA LIBERAZIONE DEL TUNNEL CARPALE 650,00 TOSCANA LIBERAZIONE DEL TUNNEL CARPALE 290,00 UMBRIA LIBERAZIONE DEL TUNNEL CARPALE LIBERAZIONE DEL TUNNEL CARPALE E/O NERVO ULNARE 290,00 340,00 MARCHE LIBERAZIONE DEL TUNNEL CARPALE 765,56 LAZIO LIBERAZIONE DEL TUNNEL CARPALE 750,00 ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA LIBERAZIONE DEL TUNNEL CARPALE 800,00 CALABRIA SICILIA SARDEGNA (*) Espressi in Euro Su 21 Regioni e PP.AA. 12 hanno attuato modifiche nel proprio tariffario in merito all operazione della liberazione del tunnel carpale. I codici non sono inseriti in modo uniforme così come il valore della tariffa. Infatti, si riscontra una tariffa minima di 290,00 e una massima di 1.646,20, con un valore medio di circa 697,00 9. Il database Tariffari di Specialistica Ambulatoriale e di 9 Abbiamo ritenuto opportuno considerare la media delle due tariffe della Regione Umbria. 13

14 Laboratorio consente di calcolare alcuni indici di variabilità come il campo di variazione (range) e il coefficiente di variazione (CV). Il primo è un indice semplice e rappresenta la differenza tra il dato più grande e il dato più piccolo, ovvero l ampiezza dell intervallo delle tariffe. In questo caso il campo di variazione è pari a 1.356,20, ciò vuol dire che le tariffe hanno una alta dispersione. Il secondo indice, il CV 10, risulta particolarmente utile per valutare la dispersione dei valori intorno alla media in caso di range molto alti e confrontare le distribuzioni di più gruppi di prestazioni con valori medi molto diversi. Per la prestazione della liberazione del tunnel carpale il CV è pari a 47,5%, ciò vuol dire che la variabilità all interno dell intervallo è alta. In continuità con quanto emerso dai dati possiamo affermare che solo 10 Regioni e le 2 PP.AA. hanno introdotto nel proprio tariffario la prestazione di specialista ambulatoriale della liberazione del tunnel carpale e in modo non omogeneo, sia per quanto concerne il codice, ma soprattutto in relazione alla tariffa remunerativa applicata. Radioterapia stereotassica 11 La radioterapia è la disciplina che si occupa dello studio della diversa sensibilità alle radiazioni ionizzanti dei vari tipi di cellule e tessuti normali e patologici. Essa, con l ausilio delle più recenti tecnologie informatiche, può eseguire trattamenti con diverse tecniche: a) conformazionale, ossia con distribuzione della dose conforme al volume tridimensionale da irradiare; b) stereotassica, consiste nell irradiazione di un piccolo volume cerebrale attraverso archi multipli; c) intraoperatoria, utilizzata dopo la rimozione del tumore da parte del chirurgo, la zona viene irradiata direttamente sul letto operatorio. Il presente studio confronta le prestazioni inserite nel tariffario della sola tecnica stereotassica, che rappresenta una moderna evoluzione dell'irradiazione radioterapica classica. Questa tecnica innovativa produce un vantaggio fondamentale che è quello di irradiare sedi e lesioni difficilmente raggiungibili con le metodiche convenzionali e con una durata del ciclo terapeutico molto breve (al massimo una settimana). Gli organi sui quali questa tecnica può essere applicata sono i tumori primitivi e secondari (metastasi) a carico del cervello (diametro massimo tre centimetri), polmone, fegato, pancreas, rene, ma anche masse diverse in sede addominale o pelvica. 10 Il coefficiente di variazione è il rapporto percentuale tra lo scarto quadratico medio e la media. 11 Per maggiori approfondimenti in merito all uso della radioterapia e all evoluzione tecnologica che interessa questa disciplina si rimanda al sito ufficiale dell Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica (AIRO). 14

15 Tabella 8 - Prestazioni ambulatoriali di Radioterapia stereotassica CODICE DESCRIZIONE TARIFFA DM 96 PIEMONTE VALLE D'AOSTA LOMBARDIA P.A. BOLZANO P.A. TRENTO VENETO(*) FRIULI VENEZIA GIULIA LIGURIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA RADIOTERAPIA STEREOTASSICA PRIMA SEDUTA 790, ,00 869,20 790,20 828, ,00 790,18 830, , , ,00 790,18 790,18 790,18 619,75 790,18 790,18 790,18 790,18 790, RADIOTERAPIA STEREOTASSICA 189, RADIOTERAPIA STEREOTASSICA FRAZIONATA (CRANICA ED EXTRACRANICA) PRIMA SEDUTA 1980, , RADIOTERAPIA STEREOTASSICA FRAZIONATA (CRANICA ED EXTRACRANICA) 600, , RADIOTERAPIA STEREOTASSICA UNICA O PRIMA SEDUTA 291,39 871, RADIOTERAPIA STEREOTASSICA SEDUTE SUCCESSIVE (per seduta) 145,70 150,00 189,00 189, A RADIOTERAPIA STEREOTASSICA FRAZIONI SUCCESSIVE 150, B RADIOTERAPIA CON ACCELERATORE LINEARE CON MLC PER IMRT STATICA O DINAMICA CAMPI MULTIPLI O DI MOVIMENTO 200, K L RADIOTERAPIA CON TECNICHE AD INTENSITà MODULATA AD ARCHI MULTIPLI O DI TIPO ELICALE CON CONTROLLO DEL POSIZIONAMENTO DEL PAZIENTE (IGRT) CON TAC INTEGRATA (FINO A 5 SEDUTE) RADIOTERAPIA CON TECNICHE AD INTENSITà MODULATA AD ARCHI MULTIPLI O DI TIPO ELICALE CON CONTROLLO DEL POSIZIONAMENTO DEL PAZIENTE (IGRT) CON TAC INTEGRATA (PIU' DI 5 SEDUTE) 5000, ,00 (*) Per questa prestazione le tariffe della Regione Veneto sono state aggiornate secondo quanto previsto dalla DGR 859 del

16 La prestazione di radioterapia stereotassica rappresenta un esempio di prestazione aggiuntiva di tipo II, quindi consideriamo nell analisi comparativa tra modelli regionali solo quelle prestazioni aggiunte a fronte di una ministeriale. La tabella 7 indica come le Regioni e PP.AA. abbiano disciplinato in merito alla tecnica della radioterapia stereotassica. In grigio sono evidenziate le prestazioni e le relative tariffe introdotte da ciascuna regione e P.A. rispetto a quella ministeriale identificata con codice e descrizione Radioterapia stereotassica prima seduta. Per i motivi di cui sopra, in questa fase si considereranno solo quelle prestazioni sostitutive della Il Veneto e la Lombardia sono le uniche Regioni che hanno eliminato dal proprio nomenclatore tariffario la prestazione ministeriale e aggiunto la prestazione Radioterapia stereotassica unica o prima seduta. Per tale prestazione la Lombardia ha abbattuto notevolmente la tariffa di riferimento, da 790,18 prevista dal tariffario DM 96 è stata modificata a 291,39. Il Veneto, invece, ha aumentato la tariffa a 871,80. Inoltre, dalla tabella 7 si evince che più Regioni hanno distinto le successive sedute dalla prima introducendone una specifica. La Lombardia, il Veneto, l Umbria e le Marche hanno uguale codice e descrizione: Radioterapia stereotassica sedute successive (per seduta). Si differenzia la Regione Piemonte che ha previsto un codice e descrizione differente: A Radioterapia stereotassica frazioni successive. Per rendere confrontabili le tariffe estratte dal database si è ritenuto opportuno distinguere tra prima seduta di radioterapia e sedure successive. Per quanto riguarda la prima seduta di radioterapia gli indici di variabilità indicano che il valore medio è di 1.009,37, il campo di variazione è pari a 3.108,61 e il CV risulta essere pari a 62,8% 12. Per le sedute successive i dati sono i seguenti: valore medio 164,74, range 43,30 e CV 45%. Si può quindi dedurre che, per la prima seduta, gli indici di variabilità confermano l eterogeneità delle modifiche che ciascuna regione e P.A. ha introdotto nel proprio nomenclatore tariffario. Per quanto concerne le successive sedute, anche se con un entità differente rispetto a quella della prima seduta, si registra comunque una differenza di tariffa di remunerazione. NT probnp Lo scompenso cardiaco (SC) è una condizione in cui il cuore perde la sua normale capacità di pompare sangue in quantità sufficiente per soddisfare i fabbisogni metabolici dell organismo. Rappresenta il punto evolutivo finale comune di numerose patologie cardiache quali la cardiopatia ischemica e l infarto miocardico, ipertensione arteriosa, le cardiomiopatie, le cardiopatie valvolari e altre affezioni primarie del miocardio. E una malattia progressiva e irreversibile: il percorso è caratterizzato da un iniziale danno miocardico che induce una disfunzione del ventricolo; il cuore si difende rispondendo con una serie di risposte adattative che tendono a compensare lo stato disfunzionale, fino ad arrivare, se non si interviene in maniera appropriata, ad un rimodellamento del ventricolo e alla comparsa dei sintomi e del quadro clinico tipico dello scompenso. E importante sottolineare che lo scompenso cardiaco può essere anche la manifestazione finale di patologie non strettamente legate al miocardio, ma che comunque ne limitano le corrette performance, come ad esempio il danno renale cronico. Generalmente quindi non si manifesta in modo improvviso, ma tende a svilupparsi lentamente; così possono trascorrere anni prima che emergano sintomi chiari e si possa intervenire. La diagnosi precoce e l attento monitoraggio del decorso della malattia sono fondamentali per fronteggiare questa patologia che rappresenta una delle maggiori cause di morte nei paesi occidentali. 12 Per le regioni del Veneto e della Lombardia si sono considerate le tariffe delle prestazioni aggiunte relative alla prima seduta. 16

17 I sintomi tipici dello scompenso cardiaco sono: dispnea a risposo o in esercizio, fatica, stanchezza, gonfiore alla caviglia. È molto importante che un paziente riferisca al proprio medico i sintomi, anche quelli lievi. Clinicamente, la presenza della patologia si verifica con: radiografia del torace per confermare la presenza di liquidi nei polmoni; elettrocardiogramma per controllare la regolarità del battito cardiaco e per escludere eventuali patologie cardiache; l ecocardiogramma per valutare le dimensioni del cuore, lo spessore delle pareti, la funzione delle valvole, la funzione di pompa; analisi del sangue, tra cui il dosaggio del BNP o dell NT- probnp che aumentano quando si è in presenza di uno scompenso cardiaco e in maniera proporzionale alla gravità della malattia. È in riferimento a quest ultimo esame che si concentra l analisi del caso di studio relativo alle prestazioni aggiuntive di tipo IV. I dati in letteratura indicano che la prevalenza dello SC varia fra il 3/20 per 1000 abitanti della popolazione generale e fra l per 1000 nei soggetti con età superiore a 75 anni (ScardoviAB, 2004). Negli ultimi anni, l attenzione dei ricercatori si è concentrata su alcune sostanze di tipo proteico dotate di azione vasodilatante e natriuretica, tali sostanze sono i peptidi natriuretici cardiaci (PNC) e posso essere così classificati: ANP (atrial natriuretic peptide), prodotto dai cardiomiociti atriali; BNP (brain natriuretic peptide), prodotto dalle cellule ventricolari; CNP (C-type natriuretic peptide), prodotto e secreto dall endotelio e dall SNC; urodilantina, prodotta e secreta dal rene, assente a livello plasmatico e riscontrabile nelle urine; (DNP) dendroapsis natriuretic peptide, isolato nel plasma di alcuni mammiferi, il cui significato fisiopatologico è al momento incerto (ScardoviAB 2004). In particolare, il peptide BNP e la sua frazione NT-proBNP, sono considerati come marcatori diagnostici e prognostici nel decorso dello SC. Di recente molteplici studi clinici ne hanno dimostrato inoltre l utilità prognostica anche in altri contesti clinici (sindromi coronariche acute, ipertensione arteriosa, aritmie, embolia polmonare, diabete mellito, nefropatie croniche), al punto tale che le società di Cardiologia sia Europee che Americane ne raccomandano l utilizzo sia per escludere lo scompenso cardiaco acuto, sia per monitorare la gravità e il rischio di eventi avversi futuri in pazienti con cardiopatie e fattori di rischio cardiovascolare. Il dosaggio dell NT - probnp può assumere una rilevanza nell assistere il clinico nella diagnostica, nel monitoraggio e nel trattamento dello SC. Le attuali strategie di politica sanitaria prevedono per i pazienti con SC un follow-up di tipo prevalentemente ambulatoriale, con controlli periodici a seconda delle caratteristiche cliniche, strumentale e laboratoristico, al fine di ridurre i ricoveri ospedalieri. Questo consentirebbe di identificare precocemente, e con un solo esame di laboratorio, i pazienti con un profilo di rischio maggiore da quelli con un rischio clinico ridotto. L utilità di questo tipo di dosaggio è importante al fine di distinguere i percorsi di cura a seconda della severità del rischio clinico (De Bernardi 2007). 17

18 La tabella 9 mette in evidenza le Regioni e PP.AA. che hanno previsto l introduzione del test di laboratorio nel proprio nomenclatore tariffario, garantendo così una prestazione assistenziale aggiuntiva rispetto ai Lea ministeriali. Tabella 9 - Confronto degli indici di variabilità delle prestazioni del tunnel carpale, radioterapia stereotassica, NT probnp REGIONE CODICE DESCRIZIONE TARIFFA(*) PIEMONTE B BNP 25,00 VALLE D AOSTA BNP o probnp 25,00 LOMBARDIA PEPTIDE NATRIURETICO TIPO B 15,70 P.A. BOLZANO VENETO(**) PEPTIDE NATRIURETICO CEREBRALE (BNP O NT probnp) PEPTIDE NATRIURETICO CEREBRALE (BNP O NT probnp) EMILIA ROMAGNA(***) BNP (Peptide natriuretico tipo B) 16,35 UMBRIA PEPTIDE NATRIURETICO (BNP O NT probnp) 22,20 MARCHE PEPTIDE NATRIURETICO CEREBRALE BNP Immunometrico ABRUZZO(***) PEPTIDE NATRIURETICO (BNP O NT probnp) 22,70 PUGLIA(**) PEPTIDE NATRIURETICO CEREBRALE (BNP O NT probnp) BASILICATA Pro BNP 38,00 23,00 15,70 33,00 15,40 (*) Espressi in Euro (**) Per questa prestazione la tariffa è aggiornata secondo quanto previsto dal nomenclatore approvato nel (***) Queste Regioni hanno assimilato la prestazione extra Lea ad una già esistente nel nomenclatore ministeriale, specificando nella descrizione che si tratta di test di laboratorio NT pro BNP. Il cruscotto statistico fornito dal database in relazione al test NT probnp indica che il valore medio delle tariffe applicate dalle Regioni e PP.AA. è pari a 23,00; la differenza tra tariffa minima e tariffa massima è di 22,60; infine il CV, utile per valutare la dispersione dei valori intorno al valore medio è del 31%. In questo caso è più contenuto rispetto al CV delle altre prestazioni prese in esame, ma comunque si riscontra una assenza di armonizzazione tariffaria tra le Regioni e PP.AA.. In conclusione, possiamo sintetizzare nella tabella 10 quanto emerso dall analisi degli indici di variabilità delle diverse prestazioni. Tabella 10 - Confronto degli indici di variabilità delle prestazioni del tunnel carpale, radioterapia stereotassica, NT probnp PRESTAZIONE N REGIONE PP.AA. VALORE MEDIO(*) RANGE(*) COEFFICIENTE DI VARIAZIONE TUNNEL CARPALE , ,2 47,5 % RADIOTARAPIA STEREOTASSICA(**) 21(***) 1.009, ,61 62,8% NT - probnp 11 23,00 22,60 31% (*) Espressi in Euro (**) si considera solo la prestazione relativa alla prima seduta (***) 2 hanno eliminato la tariffa ministeriale e hanno introdotto una nuova prestazione. 18

19 CONCLUSIONI Nel contesto attuale in cui la pressione finanziaria a contenere la spesa pubblica è molto forte, cresce il rischio che il tema dell equità venga messo al margine pur essendo uno dei principi fondamentali su cui si basa il nostro Ssn. Le domande da cui siamo partiti sono queste: oggi qual è il grado di equità del sistema? Come misurare, tra le Regioni, la maggiore o minore equità del sistema riferita a determinati bisogni assistenziali? L analisi condotta ha messo innanzitutto in luce come negli anni solo alcune regioni e PP.AA. abbiano adottato modifiche nel proprio nomenclatore per la specialistica ambulatoriale e di laboratorio, recependo nuove tecnologie e nuove pratiche cliniche. Dall analisi della normativa è emerso, infatti, che l aggiornamento dei nomenclatori tariffari riguarda 17 Regioni e P.A. su 21, e di queste solo 8 hanno effettivamente introdotto nel proprio tariffario prestazioni aggiuntive rispetto a quelle che lo Stato ha previsto nei Lea (Tab. 4), mentre le restanti 9 Regioni hanno semplicemente modificato la descrizione delle prestazioni o aggiornato le tariffe. Lo studio ha quindi evidenziato la disomogeneità nei livelli di assistenza specialistica ambulatoriale, andando a misurare la disomogeneità di accesso a specifiche prestazioni e tecnologie sanitarie. A tale riguardo, dei tre casi di studio qui esaminati quello del Dosaggio NT probnp è l esempio più eclatante sia della disomogeneità dell assistenza offerta dai vari servizi regionali sia dell attuale divario tra Lea e standard of care. Infatti, malgrado vari studi in letteratura 13 dimostrino la valenza fisiopatologica e clinica (sia diagnostica che prognostica) dei peptidi natriuretici cardiaci (PNC) nella patologia cardiovascolare, in particolare nelle sindromi coronariche acute (SCA) e nello scompenso cardiaco, ad oggi, non tutte le Regioni e PP.AA. prevedono l erogazione di tale prestazione. In particolare, è stato dimostrato scientificamente che il dosaggio dell NT pro BNP sia un ottimo indicatore prognostico per pazienti ambulatoriali con scompenso cardiaco al quale però non tutti i cittadini hanno accesso in regime ambulatoriale. Questa analisi potrebbe essere replicata per tutte le branche specialistiche e fornire indicazioni utili a ridurre le differenze regionali e ad elevare il grado di equità del sistema nel suo complesso. A tale scopo, sarà necessario, ma non sufficiente, definire appena possibile i nuovi Lea e contestualmente occorrerà garantire una manutenzione a livello nazionale degli stessi al passo con l evoluzione della clinica e delle tecnologie. 13 Nel 2004 il comitato di esperti, sia laboratoristi che clinici, hanno definito un Documento di Consenso sotto forma di raccomandazioni per l impiego clinico del PNC, che negli anni successivi ha ricevuto l approvazione e l egida delle Società Nazionali di Biochimica Clinica, Medicina di Laboratorio, Cardiologia e Medicina d urgenza (Christenson 2007). 19

20 BIBLIOGRAFIA Agenas. «Prestazioni specialistiche ambukatoriali - Variabilità ed impatto economico dei nomenclatori tariffari regionali al 31 dicembre 2009.» Arcà S. «I Livelli essenziali di assistenza.» Tendenze nuove, 2003: Balduzzi R. I Servizi sanitari regionali tra autonomia e coerenze di sistema. Milano: Giuffrè Editore, Censis, Forum per la ricerca biomedica. Idee per una sanità migliore. Milano: Franco Angeli, Christenson, Robert H. Biomarkers of acute coronary syndromes and heart failure. American Association for Clinical Chermistry, De Bernardi, et al. «Disaggio dell'nt - pro BNP come indicatore prognostico in pazienti ambulatoriali con scompenso cardiaco.» Cardiologia ambulatoriale, 2007: Emdim M. «Raccomandazioni sull'impiego clinico dei peptidi natriuretici cardiaci.» Ital Heart J, 2005: Fattore G., Torbica A. «Equità territoriale: definizioni, evidenze empiriche e politiche appropriate.» In Rapporto OASI L'aziendalizzazione della sanità in Italia, di Cantù E. Anessi Pessina E., Milano: Egea, Fiorentini G. I servizi sanitari in Italia. Bologna: Mulino, Granaglia E. «Equità orizzontale in un contesto di federalismo sanitario: implicazioni dalla prospettiva della giustizia distributiva.» Politiche sanitarie, ScardoviAB. «Impiego clinico del dosaggio del peptide natriuretico di tipo B.» Ital Heat J, 2004: Studi, Assobiomedica Centro. «Tariffari Specialistica Ambulatoriale e di Laboratorio.» 2011: (accesso ). Taroni F. «Tempi moderni.» Politiche sanitarie, 2011: Trygesen K., et al. «Recommendations for the use of natriuretic peptides in acute cardiac care.» European Heart J, Zuccatelli G., Carbone C., Lecci F. Trent'anni di Servizio Sanitario Nazionale. Milano: Egea,

Università degli Studi di Verona

Università degli Studi di Verona Università degli Studi di Verona L appropriatezza nel campo delle prestazioni sanitarie: i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e le prestazioni della Medicina Fisica Riabilitativa ambulatoriale nella

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE VENETO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE [ fonte: Agenas Novembre 2013 e ricerche aggiornate a Giugno 2014] Dipartimento Contrattazione Sociale

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli

tipologie: 1 Ogni prestazione ha una tariffa omnicomprensiva e predeterminata. Ne esistono, normativamente, tre

tipologie: 1 Ogni prestazione ha una tariffa omnicomprensiva e predeterminata. Ne esistono, normativamente, tre La procreazione medicalmente assistita nei Livelli essenziali di assistenza per garantire prestazioni uniformi e trasparenti nel servizio sanitario nazionale a cura dell avv. Maria Paola Costantini (referente

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 1 Le prestazioni di procreazione medicalmente assistita non sono mai state inserite nei Livelli essenziali di assistenza,

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011

Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011 Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011 L'art. 1, comma 796, punto p) della legge n. 296/2006 (Finanziaria 2007) ha stabilito che Per le

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

La dimensione del fenomeno in Italia

La dimensione del fenomeno in Italia Convegno Insieme si può? Medici e cittadini a confronto sulle liste di attesa Roma 22 maggio 2012 La dimensione del fenomeno in Italia Dr. Fulvio Moirano Agenas - Agenzia Nazionale Servizi Sanitari Regionali

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE NAZIONALE

PROPOSTA DI LEGGE NAZIONALE PROPOSTA DI LEGGE NAZIONALE approvata dal Consiglio regionale ai sensi dell articolo 26 dello Statuto speciale nella seduta antimeridiana n. 56 del 27 febbraio 2014 ----- ----- Consiglio regionale Friuli

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 2 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli ASSESSORATO ALLE POLITCHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli 1 I Livelli essenziali

Dettagli

Presentazione: Indicatori di appropriatezza prescrittiva

Presentazione: Indicatori di appropriatezza prescrittiva Presentazione: Indicatori di appropriatezza prescrittiva Relatore: Luisa Anna Adele Muscolo Data: 24 ottobre 2015, XXXVI SIFO - Catania Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa

Dettagli

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA Sanità ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA. FORMIGONI NON RICORDA NÈ I SUOI VIAGGI NÈ I NUMERI DELLA SANITÀ LOMBARDA La Lombardia è la Regione italiana più

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste

dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Paziente Esperienze di Disease acuto Management: Trieste Paziente Andrea Di Lenarda, MD, FESC, FACC Trieste Osservatorio Incidenza, CV Provincia esiti, e processo di Trieste di (2009-2015) cura dell insufficienza cardiaca in Lombardia. Data base Eco/ECG/(CGF) Ricoveri ospedalieri (SDO) Cartella clinica elettronica

Dettagli

Indagine sulla procreazione medicalmente assistita

Indagine sulla procreazione medicalmente assistita Indagine sulla procreazione medicalmente assistita L indagine relativa alla procreazione medicalmente assistita ha prodotto solo 96 risposte, che è la percentuale del 27% rispetto al totale di 351 dei

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo

Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo Sistema nazionale linee guida Roma, 31.01.2012 Quadro epidemiologico e razionale della linea guida sul taglio cesareo Serena Donati Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale di Epidemiologia Sorveglianza

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli

Misura dell Appropriatezza

Misura dell Appropriatezza Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Misura dell Appropriatezza I ricoveri in Italia per DRG a rischio di inappropriatezza Allegato 2C DPCM Lea Descrizione del trend nel periodo 2001-2003 Appendice

Dettagli

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa 4 Attualità Martedì 5 febbraio 2013 CAMPOBASSO. Gli italiani hanno acquistato, nei primi nove mesi del 2012, un totale di 1 miliardo e 368 milioni di confezioni di medicinali, per una media - ha calcolato

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PRIMA INDAGINE NAZIONALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI (Dicembre 2014 - Febbraio 2015) Programma Azioni Centrali: DEFINIRE

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio Fisica Sanitaria Roma, 17 Febbraio 2012 Michele Belluscio Fisica Sanitaria: Attività La Fisica Sanitaria svolge attività connesse, in modi e misure diverse, con: -Radioterapia oncologica -Medicina nucleare

Dettagli

Ecografia Addominale

Ecografia Addominale AGENZIA REGIONALE DELLA SANITÀ PROGRAMMA LISTE DI ATTESA A R S Sistema di accesso alle prestazioni di specialistica ambulatoriale organizzato per priorità clinica Ecografia Addominale SETTEMBRE 2008 PREMESSA

Dettagli

Progetto Tessera Sanitaria

Progetto Tessera Sanitaria Articolo 50 del D.L. 30 settembre 2003 n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326 e successive modificazioni DM 2 Novembre 2011 Dematerializzazione della ricetta medica

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI Il ruolo dei farmaci come strumento per il controllo della spesa sanitaria RAPPORTO DI SINTESI Febbraio 2010 Da anni il sistema sanitario pubblico italiano

Dettagli

Certificati di malattia digitali

Certificati di malattia digitali Certificati di malattia digitali Decreto legislativo n. 150/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni Roma,

Dettagli

Importanza del diabete

Importanza del diabete PARTNERS Importanza del diabete Quasi 180 milioni persone affette in tutto il mondo Possibile raddoppio dei casi entro il 2025 1.700.000 diabetici in Italia (stima) Terza causa di insufficienza renale

Dettagli

Alessandro Battistella. Alessandro Battistella

Alessandro Battistella. Alessandro Battistella Diversi sistemi di accesso ai servizi sanitari regionali: ripercussioni rispetto ai LEA, al passaggio al sistema privato e alla copertura del bisogno sanitario 2015 Le differenze tra SSR Le regioni si

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

A.L.I.Ce. Italia Onlus

A.L.I.Ce. Italia Onlus ICTUS, PREVENZIONE E (IN)FORMAZIONE Paolo Binelli A.L.I.Ce. Italia Onlus ROMA, 12 novembre 2013 ALIC A.L.I.Ce. Italia Onlus È una Federazione a cui aderiscono 20 Associazioni A.L.I.Ce. Regionali ubicate

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

Tariffari e politiche di rimborsi regionali

Tariffari e politiche di rimborsi regionali L attività di day surgery nella Regione Lombardia è praticata sin dagli anni 70 in diverse strutture ospedaliere della Regione; dove venivano trattate in day hospital alcune patologie ortopediche pediatriche

Dettagli

Il ruolo della Medicina Generale nella gestione integrata del paziente diabetico. Gaetano Piccinocchi Società Italiana di Medicina Generale Napoli

Il ruolo della Medicina Generale nella gestione integrata del paziente diabetico. Gaetano Piccinocchi Società Italiana di Medicina Generale Napoli Il ruolo della Medicina Generale nella gestione integrata del paziente diabetico Gaetano Piccinocchi Società Italiana di Medicina Generale Napoli Caratteristiche della Medicina Generale Primo contatto

Dettagli

valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute)

valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute) valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute) 2 Giovanni Serpelloni Introduzione L analisi qui presentata

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 Obiettivi Fornire informazioni attendibili su: lo stato della salute mentale in Sardegna I programmi di sviluppo previsti e

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 4 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Andamento spesa sanitaria nazionale e regionale 2008-2014 Pubblichiamo l aggiornamento dei dati sulla spesa sanitaria nazionale e regionale relativi al periodo 2008-2014, con particolare attenzione alle

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale.

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale. Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale Davide Croce A che punto siamo? 2015: -4 miliardi? La spending review nella

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Turismo sanitario come opportunità per la promozione della rete delle strutture sanitarie

Turismo sanitario come opportunità per la promozione della rete delle strutture sanitarie PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE WORKSHOP Le sinergie nell Unione Europea tra servizi sanitari nazionali e politiche del turismo Venezia, 14 aprile 2014 Turismo sanitario come opportunità per la promozione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

S.S. di Fisiopatologia della Riproduzione Umana - Banca del Seme e degli Ovociti Responsabile: Dott. Francesco Tomei

S.S. di Fisiopatologia della Riproduzione Umana - Banca del Seme e degli Ovociti Responsabile: Dott. Francesco Tomei TAVOLA ROTONDA La Tutela delle coppie infertili ed il SSN. Roma, 5 giugno 2014, Sala Aldo Moro Palazzo Montecitorio Francesco Tomei Direttore Centro PMA _ Azienda Ospedaliera Pordenone Componente del Gruppo

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

I dati del 2 Rapporto FAVO -Censis - AIOM -INPS Ministero della Salute

I dati del 2 Rapporto FAVO -Censis - AIOM -INPS Ministero della Salute ACCESSO ALLE TERAPIE ONCOLOGICHE SUL TERRITORIO NAZIONALE: I dati del 2 Rapporto FAVO -Censis - AIOM -INPS Ministero della Salute F. De Lorenzo Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in

Dettagli

Ministero della Salute. Regione Toscana

Ministero della Salute. Regione Toscana Ministero della Salute Progetto SiVeAS Sistema di Valutazione della Performance della Sanita' Italiana Proposta primi indicatori Regione Toscana Fonte dati: Ministero e database SDO 2007-2008 A cura del

Dettagli

La ricchezza (vera) delle regioni

La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni Anna Villa Nell'ottava edizione del Rapporto Quars, la classifica del benessere sostenibile. In testa il Trentino Alto Adige, scendono

Dettagli

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia

Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia Premesso che: - il D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni, agli articoli dal 16 al 16 sexies interviene in materia di formazione continua, definendone le finalità, i

Dettagli

L INPS E IL MALATO ONCOLOGICO ATTUALITÀ E PROSPETTIVE

L INPS E IL MALATO ONCOLOGICO ATTUALITÀ E PROSPETTIVE F.A.V.O. IV Giornata nazionale del malato oncologico Taranto, 2-3 maggio 2009 L INPS E IL MALATO ONCOLOGICO ATTUALITÀ E PROSPETTIVE Massimo Piccioni Coordinatore Generale Medico Legale INPS 1 TUTELA PREVIDENZA

Dettagli

L innovazione tecnologica in radioterapia: nuovi standard clinici e problematiche gestionali

L innovazione tecnologica in radioterapia: nuovi standard clinici e problematiche gestionali Congresso Inter-regionale A.I.R.O. Lombardia, Piemonte, Liguria, Valle d Aosta L innovazione tecnologica in radioterapia: nuovi standard clinici e problematiche gestionali TAVOLA ROTONDA Le nuove tecnologie

Dettagli

per i Donatori, i nostri Soci e Dirigenti che nel corso dell anno sono deceduti.

per i Donatori, i nostri Soci e Dirigenti che nel corso dell anno sono deceduti. Roma 8 9 giugno 2013 per i Donatori, i nostri Soci e Dirigenti che nel corso dell anno sono deceduti. . alle tante famiglie che con grande sensibilità hanno acconsentito alla donazione degli organi e dei

Dettagli

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici Fulvio Moirano Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali 1 Introduzione Il ruolo dei dispositivi

Dettagli

Energia da fonti rinnovabili nelle regioni e nelle province autonome italiane

Energia da fonti rinnovabili nelle regioni e nelle province autonome italiane Energia da fonti rinnovabili nelle regioni e nelle province autonome italiane Dati statistici 2012-2014 e monitoraggio degli obiettivi burden sharing 27 giugno 2016 1 1. Premessa In questo documento sono

Dettagli

C.I.P.O.O.O.C.M.F. A.N.P.O.

C.I.P.O.O.O.C.M.F. A.N.P.O. C.I.P.O.O.O.C.M.F. A.N.P.O. COLLEGIO ITALIANO DEI PRIMARI OSPEDALIERI DI ODONTOIATRIA, ODONTOSTOMATOLOGIA E CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE Associazione Nazionale Primari Ospedalieri È stato pubblicato in Gazzetta

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto. La cataratta

SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto. La cataratta Ostuni, 26/08/2005 SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto La cataratta Paolo Spolaore Indicatori SISAV proposti per la cataratta e ricavabili dalle SDO Proporzione di soggetti

Dettagli

FRIULI VENEZIA GIULIA

FRIULI VENEZIA GIULIA FRUL VENEZA GULA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O.

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

Allegato B. Disciplinare Tecnico riguardante il trattamento dei dati da rendere disponibili all Agenzia delle entrate da parte del Sistema TS

Allegato B. Disciplinare Tecnico riguardante il trattamento dei dati da rendere disponibili all Agenzia delle entrate da parte del Sistema TS Allegato B Disciplinare Tecnico riguardante il trattamento dei dati da rendere disponibili all Agenzia delle entrate da parte del Sistema TS INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. TRATTAMENTO E RISERVATEZZA DEI DATI

Dettagli

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia Giovanna Beretta SOTTOGRUPPO 1 Rilevanza della Medicina Riabilitativa Rappresentanti Conferenza Stato-Regioni Abruzzo Campania Emilia Romagna Lombardia

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

CONCLUSIONI FMS. Dott. Jean Pierre Fosson. Osservatorio Tecnico e Gestionale Prof. Riccardo Beltramo Coordinatore

CONCLUSIONI FMS. Dott. Jean Pierre Fosson. Osservatorio Tecnico e Gestionale Prof. Riccardo Beltramo Coordinatore CONCLUSIONI Ad un anno dall avviamento del progetto Osservatorio tecnologico, gestionale e formativo per la sicurezza in montagna, per la tutela dell ambiente montano e delle strutture ricettive alpine

Dettagli

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Giuditta Callea Cergas Università Bocconi La ricerca Impatto del sistema di

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia

L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia A cura di: Andrea Martino, Direttore Generale ARCA Massimiliano Inzerillo,

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI Anno 2012 Inquadramento del tema L inquinamento acustico nelle aree urbane rappresenta una delle principali

Dettagli

Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli. Ospedali romani all avanguardia per. l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una

Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli. Ospedali romani all avanguardia per. l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una IL DIRETTORE GENERALE Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli Ospedali romani all avanguardia per quanto concerne l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una medicina moderna

Dettagli

Le principali linee del nuovo regolamento dell Albo di prossima emanazione. Eugenio Onori Presidente dell Albo nazionale gestori ambientali

Le principali linee del nuovo regolamento dell Albo di prossima emanazione. Eugenio Onori Presidente dell Albo nazionale gestori ambientali Roma. 6 giugno 2014 Le principali linee del nuovo regolamento dell Albo di prossima emanazione Eugenio Onori Presidente dell Albo nazionale gestori ambientali Il nuovo regolamento, oltre ad introdurre

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

I percorsi assistenziali nel post-acuto: la riabilitazione

I percorsi assistenziali nel post-acuto: la riabilitazione Criteri di appropriatezza strutturale, tecnologica e clinica nella prevenzione, diagnosi e cura della patologia cerebrovascolare I percorsi assistenziali nel post-acuto: la riabilitazione Stefano Paolucci

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

PRINCIPALI CONTENUTI DGR N.1169 DELL 8 SETTEMBRE 2015 MANOVRA SANITA 2015

PRINCIPALI CONTENUTI DGR N.1169 DELL 8 SETTEMBRE 2015 MANOVRA SANITA 2015 PRINCIPALI CONTENUTI DGR N.1169 DELL 8 SETTEMBRE 2015 MANOVRA SANITA 2015 BENI E SERVIZI Il testo del decreto legge n.78/2015 convertito con legge 6 agosto 2015, n.125 prevede che la spesa complessiva

Dettagli

Struttura e attività degli istituti di cura

Struttura e attività degli istituti di cura SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza Struttura e attività degli istituti di cura Anno 2003 Contiene cd-rom Informazioni n. 10-2006 I settori

Dettagli

'&(&) '*%%&$'%&'+&!$&#,$'%$

'&(&) '*%%&$'%&'+&!$&#,$'%$ !"#$! %&%' '&(&) '*%%&$'%&'+&!$&#,$'%$ Visti: - la Legge 19 febbraio 2004, n. 40 recante Norme in materia di procreazione medicalmente assistita; - la Direttiva 2004/23/CE del Parlamento Europeo e del

Dettagli

www.fondoest.it Assistenza Sanitaria Integrativa Commercio Turismo Servizi e Settori Affini

www.fondoest.it Assistenza Sanitaria Integrativa Commercio Turismo Servizi e Settori Affini www.fondoest.it Assistenza Sanitaria Integrativa Commercio Turismo Servizi e Settori Affini Responsabilità sociale dell Impresa e Welfare Contrattuale Previdenza Integrativa - Fon.Te Formazione- For.Te

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DAL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL

SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DAL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO L SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE.

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria

Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9 Gli investimenti in tecnologie ed edilizia sanitaria 9.1. Gli investimenti strutturali per la riqualificazione dell offerta sanitaria Le politiche di zione degli investimenti pubblici dedicati al patrimonio

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Report Co.Ge.A.P.S. Statistiche e informazioni delle partecipazioni a eventi regionali e nazionali Friuli Venezia Giulia I dati di seguito presentati sono estrapolati da quelli

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli