Foglio Informativo AnSe

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Foglio Informativo AnSe"

Transcript

1 Foglio Informativo AnSe Anno Numero 5 4 settembre 2014 Anno13 - Numero 2013 Sommario: Lavoratori domestici ANSE Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, ROMA Tel Fax * * * Newsletter per i soci ANSE * * * LAVORATORI DOMESTICI: colf, badanti, baby sitter. Sono lavoratori domestici coloro che prestano un attività lavorativa continuativa per le necessità della vita familiare del datore di lavoro, convivendo o meno con lo stesso. La prestazione resa dal personale domestico deve avere continuità nel tempo e non deve quindi essere di natura meramente occasionale e deve essere resa nell ambito dell'abitazione del datore di lavoro. Ai lavoratori domestici si applica il Contratto Collettivo Nazionale in vigore dal 1 luglio 2013 con scadenza 31 dicembre 2016, ratificato presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nel mese di febbraio u.s. 1. Rientrano nella definizione di collaboratore domestico diverse figure ormai ben familiari nella vita quotidiana delle famiglie italiane: la donne delle pulizie, la tata, coloro che badano ai malati, agli anziani e ai disabili, ecc. Più in generale il lavoro domestico viene suddiviso in tre grandi aree. Una famiglia può aver bisogno di aiuto domestico per: la cura e pulizia della casa ("servizi familiari ); la cura di membri della famiglia ("assistenza familiare ); la direzione dell'andamento della casa ("area direttiva ). A seconda della mansione prevalente, dell'esperienza e delle qualifiche professionali, la collaboratrice o il collaboratore domestico viene classificato in diversi livelli contrattuali 2, da cui discende un diverso trattamento normativo e retributivo, soprattutto in termini di retribuzione minima e durata del periodo di prova. 3 I lavoratori domestici devono essere obbligatoriamente iscritti all INPS, in caso di mancata iscrizione una famiglia incorre in pesanti sanzioni amministrative, civili e penali 4 previste contro il lavoro nero. 1 Vedi Allegato n. 1; in tale allegato è stata riportata parte della sintesi del CCNL in vigore elaborata dalla Direzione Territoriale del Lavoro di Bari. Il testo integrale del CCNL è scaricabile dal sito 2 Vedi art.10 CCNL riportato anche nell allegato n.1. 3 Nell allegato n. 2 è stata riportata la tabella dei minimi retributivi in vigore dal 1 gennaio 2014, nell allegato n. 3 i contributi dovuti in vigore da tale data. 4 In particolare nel caso di impiego in nero di lavoratori extracomunitari soggetti al regime dei flussi di ingresso. ~ 1

2 1 - Cosa fare prima dell assunzione In relazione alla cittadinanza e all età del lavoratore sono richiesti adempimenti diversi sia al datore di lavoro sia al lavoratore. Lavoratore domestico cittadino italiano o di paesi UE Sono equiparati ai cittadini UE i cittadini svizzeri e quelli degli stati appartenenti allo Spazio Economico Europeo - SEE (Norvegia, Islanda, Liechtenstein). Il datore di lavoro può assumere direttamente il lavoratore domestico dopo aver concordato gli elementi del rapporto di lavoro (orario, retribuzione, ferie..). Il lavoratore può essere assunto anche se non iscritto alle liste di collocamento, deve però essere in possesso del codice fiscale, di un documento di identità e della tessera sanitaria. I lavoratori di età compresa fra i 16 (età minima per l assunzione) ed i 18 anni devono presentare anche: il certificato di idoneità al lavoro rilasciato dall ASL con oneri a carico del datore di lavoro; l autorizzazione scritta di chi esercita la patria potestà, se il rapporto di lavoro non comporta la convivenza presso il datore di lavoro, oppure la dichiarazione dei genitori vidimata dal Sindaco del comune di residenza in caso sia richiesta la convivenza. Lavoratore extracomunitario già residente in Italia Dal 15 novembre 2011 il datore di lavoro può assumere direttamente il lavoratore domestico dopo aver concordato gli elementi del rapporto di lavoro (orario, retribuzione, ferie..), senza ulteriori adempimenti legati ai flussi migratori. Il lavoratore deve essere in possesso del permesso di soggiorno valido per lo svolgimento di un attività lavorativa e al momento del rinnovo dovrà esibire in Questura copia del contratto. Lavoratore extracomunitario residente all estero non ancora in Italia Il datore di lavoro per assumere il cittadino extracomunitario deve: attendere la pubblicazione de Decreto Flussi ; a partire dalle scadenze indicate presentare via internet al Ministero dell Interno la domanda di nulla osta al lavoro, inserendo i dati anagrafici propri e del lavoratore ed il luogo dell impiego; recarsi presso lo Sportello Unico per l immigrazione per: 5 esibire la documentazione relativa al reddito; 6 impegnarsi al pagamento delle spese di rientro del lavoratore nel paese di provenienza; assicurare la disponibilità di un adeguato alloggio munito di certificato di idoneità rilasciato dal comune e/o dall ASL; ritirare il nulla osta e firmare il contratto di soggiorno che saranno trasmessi alla rappresentanza diplomaticaconsolare italiana all estero per il rilascio del visto di ingresso. Il lavoratore, ottenuto il visto d ingresso dalla rappresentanza italiana all estero, entro 8 giorni dall ingresso in Italia, deve recarsi presso lo Sportello Unico per l immigrazione per firmare sia il contratto sia la richiesta di permesso di soggiorno, che deve essere spedita con raccomandata A/R alla prefettura per il rilascio dello stesso. 2 - Come formalizzare l assunzione Una volta concordate verbalmente le condizioni di lavoro, è consigliabile (ma non obbligatorio) mettere il tutto per iscritto in una lettera d assunzione o contratto individuale di lavoro. Se per un'assunzione legale è sufficiente la sola denuncia obbligatoria all'inps in caso di controversia può essere utile avere un riferimento scritto alle condizioni pattuite verbalmente tra dipendente e datore di lavoro, in assenza del quale in fase di conciliazione vengono fatte valere le condizioni contrattuali del CCNL. Vero e proprio contratto di lavoro individuale la lettera di assunzione, oltre ad eventuali clausole specifiche, dovrà contenere: 5 Tale adempimento può essere delegato il coniuge, i figli o altri parente in linea diretta o collaterale fino al 3^ grado, rilasciando altresì una dichiarazione contenente l esatto motivo dell impedimento. 6 Obbligo non previsto nel caso di datore di lavoro affetto da patologie o gravi handicap che ne limitano l autosufficienza. 2

3 le generalità ed il codice fiscale dei contraenti; data assunzione e la durata (a tempo determinato e/o indeterminato); qualifica e categoria contrattuale; orario di lavoro e retribuzione convenuta; informazioni su: vitto e alloggio; giorno di riposo; ferie. 7 L assunzione di un lavoratore domestico deve essere comunicata all INPS entro le ore 24 del giorno precedente (anche se festivo) l inizio del rapporto di lavoro. La comunicazione è obbligatoria per qualunque durata del lavoro anche: per il periodo di prova; se il lavoratore è già assicurato presso un altro datore di lavoro, per un altra attività o se già titolare di pensione; se il lavoro è saltuario o discontinuo. L obbligo di comunicazione sussiste anche nei casi di: proroga; trasformazione da tempo determinato a tempo indeterminato; svolgimento dell attività in un abitazione del datore di lavoro diversa da quella comunicata in precedenza; variazione riguardanti l orario, le retribuzioni e gli altri elementi utilizzati per il calcolo dei contributi; cessazione. In questi casi la comunicazione deve essere effettuata entro 5 giorni dall evento. La comunicazione all INPS ha efficacia anche nei confronti dell INAIL e dei Servizi del Ministero del Lavoro e può essere presentata, previa identificazione mediante il proprio PIN (numero identificativo personale) avvalendosi: del Contact Center INPS; della procedura disponibile sul sito internet dell Istituto 8. La comunicazione all INPS non è necessaria nel caso in cui il datore di lavoro intenda far ricorso a prestazioni di lavoro di tipo accessorio di natura occasionale regolate mediante la consegna dei c.d. voucher che contengono la retribuzione del lavoratore e la contribuzione verso INPS ed INAIL. 3 - Come gestire il lavoratore domestico Retribuzione Mensilmente o con una diversa periodicità concordata fra le parti, il datore di lavoro deve predisporre la busta paga in duplice copia evidenziando: le generalità delle parti ed il loro codice fiscale; il periodo di riferimento; tutti gli elementi retributivi e contributivi che determinano la retribuzione netta; il TFR. E opportuno far sottoscrivere dal lavoratore domestico la copia della busta paga di competenza del datore di lavoro. Importi superiori a euro non possono essere corrisposti in contanti. Contributi: calcolo, versamento, sanzioni L INPS provvede ad inviare al datore di lavoro i bollettini MAV per il versamento dei contributi dovuti, da calcolarsi in base alla paga effettiva oraria data da: retribuzione concordata fra le parti; valore convenzionale del vitto e dell alloggio, ripartito in misura oraria; tredicesima mensilità,ripartita in misura oraria. 7 Per i contratti che prevedono la convivenza del lavoratore domestico presso il datore di lavoro è opportuno inserire l obbligo per il lavoratore convivente di seguire nei luoghi di vacanza il datore o la persona che assiste. 8 Le comunicazioni di cessazione per decesso del lavoratore possono essere presentate esclusivamente tramite contact center. 3

4 Per il calcolo l INPS mette a disposizione sul proprio sito un apposito servizio gratuito denominato Simulazione Calcolo Contributi accessibile sul portale dei servizi online. 9 I contributi si pagano per trimestri solari entro i seguenti termini: dal 1 al 10 di aprile per il primo trimestre; dal 1 al 10 di luglio per il secondo trimestre; dal 1 al 10 di ottobre per il terzo trimestre; dal 1 al 10 gennaio per il quarto trimestre. Il pagamento va effettuato entro l ultimo giorno utile indicato che, se coincidente con la domenica o una festività è prorogato al giorno successivo. In caso di cessazione del rapporto di lavoro devono essere versati anche i contributi relativi alle ferie maturate e non fruite ed al preavviso. In questo caso il versamento va effettuato entro i 10 giorni successivi alla data di cessazione. 10 Il versamento omesso, tardivo o parziale comportano per legge l applicazione di sanzioni pecuniarie da parte INPS come stabilito dalla legge 388/ Malattia Il lavoratore deve avvertire immediatamente il datore di lavoro, salvo cause di forza maggiore o impedimenti, farsi rilasciare, entro il giorno successivo all inizio della malattia, il certificato medico da inviare entro i successivi due giorni al datore di lavoro. Il datore di lavoro deve garantire: la conservazione del posto per 10 / 45/ 180 giorni in funzione dell anzianità maturata presso lo stesso datore (fino a 6 mesi; da 6 mesi a 2 anni; oltre 2 anni); il pagamento della metà del salario per i primi tre giorni e dell intero salario per i successivi 8/10/15 in funzione dell anzianità maturata (fino a 6 mesi; da 6 mesi a 2 anni; oltre 2 anni). Infortunio o malattia professionale Il datore di lavoro deve: denunciare l incidente all INAIL ed all autorità di pubblica sicurezza entro: le 24 ore e telegraficamente per gli infortuni mortali; due giorni dalla ricezione del certificato di infortunio per eventi pronosticati non guaribili in 3 giorni; corrispondere l intera retribuzione per i primi 3 giorni di assenza; conservare il posto per 10 / 45/ 180 giorni in funzione dell anzianità maturata presso lo stesso datore (fino a 6 mesi; da 6 mesi a 2 anni; oltre 2 anni). Il lavoratore deve controfirmare la denuncia di infortunio predisposta dal datore di lavoro e presentata all INAIL. Maternità Alla lavoratrice domestica in gravidanza si applicano le garanzie a tutela della maternità e precisamente: dall inizio della gravidanza fino all astensione obbligatoria la lavoratrice può essere licenziata solo per mancanze gravi che non consentono il proseguimento del rapporto, nemmeno in via provvisoria; durante il periodo di astensione obbligatoria la lavoratrice ha diritto alla conservazione del posto, all astensione dal lavoro ed ad una indennità sostitutiva della retribuzione pagata dall INPS 12. Le lavoratrici che si dimettono volontariamente durante la gravidanza possono, se in possesso dei requisiti previsti, presentare all INPS domanda per l ottenimento dell assegno di maternità dello Stato. Dimissioni - licenziamento Il rapporto di lavoro può essere interrotto da ciascuna parte a condizione che si dia regolare preavviso all altra parte entro i termini stabiliti dal CCLN. 9 Indirizzo completo =https%3a%2f%2fservizi2.inps.it%2fservizi%2flavdomesticifrontend%2fsimulazionecalcolocontributi%2fsimulazioneccanoncontain er.aspx 10 La comunicazione di cessazione è obbligatoria e va effettuata entro 5 giorni 11 La sanzione è calcolata in ragione d anno ed è pari al 30% dei contributi evasi fino al raggiungimento del 60% degli stessi. 12 l indennità spetta se nei 24 mesi antecedenti il periodo di astensione obbligatoria risultano versati/ dovuti 52 contributi settimanali oppure nei 12 mesi precedenti l astensione risultano versati/ dovuti 26 contributi settimanali. 4

5 In caso di mancato preavviso da parte del datore di lavoro questo deve versare al lavoratore un indennità pari alla retribuzione corrispondente al periodo di preavviso; in caso di dimissioni del lavoratore il mancato preavviso sarà trattenuto dalla liquidazione. La cessazione del rapporto di lavoro deve essere obbligatoriamente comunicata all INPS entro 5 giorni dall evento. Trattamento di Fine Rapporto - TFR Alla cessazione del rapporto di lavoro il lavoratore domestico ha sempre diritto al TFR anche se il lavoro è precario, saltuario e di poche ore alla settimana, anche nel caso di risoluzione del rapporto durante il periodo di prova se superiore a 15 giorni. La legge consente che il TFR sia pagato ogni anno, se richiesto da una parte con il consenso dell altra. 4 - Agevolazioni fiscali per il datore di lavoro Il datore di lavoro che versa regolarmente i contributi per colf o assistenti familiari (badanti), al momento in cui si sta scrivendo, può usufruire delle seguenti agevolazioni fiscali fra loro cumulabili: colf: il datore di lavoro può dedurre dal proprio reddito un importo massimo di 1,549,37 euro l anno per i contributi versati. Per documentare la deduzione vanno conservati i bollettini di versamento dei contributi versati; assistenti familiari: il datore di lavoro, con un reddito complessivo non superiore a Euro l anno, può detrarre dall imposta il 19% delle spese sostenute per gli addetti all assistenza di persone non autosufficienti per un importo massimo di euro l anno; la deduzione va documentata conservando le ricevute delle retribuzioni erogate e dal certificato medico attestante la condizione di non autosufficienza. 5

6 ALLEGATO N. 1 LAVORO DOMESTICO : sintesi CCNL in vigore dal 1/7/ 2013 al 31/12/2016 (Fonte: Sintesi elaborata dalla Direzione Territoriale Lavoro - BARI - U.O. Conflitti Lavoro Linea Contratti) CONTRATTO INDIVIDUALE LAVORO In due copie con indicazione della data di assunzione, qualifica, categoria, orario di lavoro e retribuzione convenuta; ASSUNZIONE EXTRACOMUNITARI: - già residenti in Italia: comun.on-line sul sito INPS - non residenti in Italia (soggetti al c.d.decreto flussi) - autorizzazione lavoro su richiesta da presentare on-line al MINISTERO dell INTERNO (per info consultare il sito Min.Int o rivolgersi allo sportello unico PREFETTURA U.T.G.) NAZIONALI ED U.E.: - denunzia ON-LINE sul sito dell I.N.P.S. su apposito modello fino alle 24 del giorno precedente la data di assunzione. ORARIO DI LAVORO art.15 CONVIVENTI = 10 ore giornaliere per un totale di 54 ore settimanali NON CONVIVENTI = 8 ore giornaliere pari a 40 ore settimanali; PERIODO DI PROVA art.13 Livelli A - A super.-b -B super. = 8 giorni di effettivo lavoro; Livelli C - C super- D -D super = 30 giorni di effettivo lavoro. RETRIBUZIONE: pattuita con libera contrattazione, comunque non inferiore al minimo contrattuale (vedi tabelle retributive allegate) RIPOSO SETTIMANALE art ore settimanali di cui 24 ore consecutive da godersi nel giorno di domenica e 12 ore da godersi in altro giorno della settimana da concordarsi tra le parti, per rapporti di lavoro a tempo pieno e/o con convivenza; GRATIFICA NATALIZIA art.37 una mensilità a Natale. In caso di convivenza, corresponsione di una mensilità, comprensiva anche della indennità di VITTO e ALLOGGIO; FERIE art giorni lavorativi l anno da godersi, di norma nel periodo tra giugno e settembre, o previo accordo tra le parti anche in due periodi. In caso di convivenza, sarà corrisposta anche l indennità di VITTO e ALLOGGIO; FESTIVITA art.17 a) per conviventi, riposo retribuito in ragione di 1/26 della retribuzione mensile comprensiva dell indennità di VITTO e ALLOGGIO; In caso di prestazione lavorativa, oltre al pagamento della giornata come sopra, verranno retribuite le ore lavorate con la maggiorazione del 60%; b) per lavoratori ad ore, riposo retribuito in ragione di 1/6 della retribuzione settimanale anche se la festività non cade nella giornata di lavoro concordata; SOSPENSIONE DEL LAVORO EXTRAFERIALE art.19 In caso di assenza del datore di lavoro oltre il periodo delle ferie, corresponsione della retr.glob. di fatto. MALATTIA art.26 da documentare con certificazione medica entro il 2 giorno Conservazione del posto di lavoro: Retribuzione: per anzianità sino a 6 mesi = 10 giorni = 8 giorni di calendario * per anzianità da 6 a 24 mesi = 45 giorni = 10 giorni di calendario * per anzianità oltre 24 mesi = 180 giorni = 15 giorni di calendario * * I primi 3 giorni continuativi di malattia saranno retribuiti al 50% - i giorni successivi al 100%. INFORTUNIO art.27 denunzia all INAIL entro le 24 ore e corresponsione della retribuzione per i primi TRE giorni 6

7 PERMESSI RETRIBUITI art.20 per lavoratori a tempo pieno e indeterminato Con anzianità sup. a 24 mesi: 40 ore retribuite per la FORMAZIONE e corsi professionali. Per lavoratori con orario superiore a 30 ore settimanali, per l effettuazione di visite mediche documentate, purché coincidenti con l orario di lavoro,16 ore annue; Per i lavoratori conviventi dei LIV.C B e B super e per lavoratori studenti di età tra 16 e 40 anni per la frequenza di corsi per l acquisizione di titoli di studio: 12 ore l anno; 3 giorni lavorativi per LUTTO familiare (per congiunti sino al 2 grado) 2 giorni al lavoratore padre per nascita di un figlio ore corrispondenti agli esami annuali da documentare (diritto allo studio) (Art. 15) Il lavoro notturno svolto tra le ore 22 e le ore 6, SE ORDINARIO- è compensato con il 20%, STRAORDINARIO art.16 Lavoro notturno (dalle ore 22 alle ore 6) MAGGIORAZIONE del 50% Lav. straord. diurno (dalle ore 6 alle ore 22) MAGGIORAZIONE del 25% Lavoro straordinario domenicale e festivo MAGGIORAZIONE del 60%. Per lavoro diurno eccedente le 40 ore sett./li, sino alle 44 ore, MAGGIORAZIONE del 10% MATERNITA art.24 Divieto di licenziamento, salvo che per giusta causa, dall inizio della gestazione, se insorta nel corso del rapporto di lavoro, e fino a 5 mesi di astensione obbligatoria. D.Lgs.151/2001 CONGEDO MATRIMONIALE art giorni di calendario retribuiti. In caso di convivenza, corresponsione anche dell indennità di VITTO e ALLOGGIO; SCATTI DI ANZIANITA art.35 per ogni biennio il 4% della retribuzione minima contrattuale, fino ad un massimo di 7 scatti; PREAVVISO art.38 Lavoratori con rapporto lav. inferiore alle 25 ore sett/li: per anzianità di servizio fino a 2 anni = 8 gg. di calendario per anzianità di servizio oltre 2 anni = 15 gg. di calendario (indennità in detrazione) Lavoratori a tempo pieno e con più di 24 ore settimanali: In caso di licenziamento: anzianità di servizio fino a 5 anni = 15 giorni di calendario anzianità di servizio oltre 5 anni = 30 giorni di calendario In caso di dimissioni: anzianità di servizio fino a 5 anni = 8 giorni di calendario anzianità di servizio oltre 5 anni = 15 giorni di calendario; TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO (T.F.R.) art.39 Accantonamento di un importo annuo (rivalutabile in base agli indici ISTAT) risultante dalla seguente operazione: percepito dal lavoratore nell anno solare (compresa indennità di VITTO e ALLOGGIO se convivente, 13^ mensilità e ferie) diviso il coefficiente 13,5; anticipazione, su richiesta del lavoratore, del 70% una volta all anno../. 7

8 INQUADRAMENTO DEI LAVORATORI (art.10) A Colf con meno di 12 mesi di esperienza (non addetti alla persona) -addetto agli animali o aree verdi - op.comune AS Addetto alla compagnia (solo pers. Autosuff.) anche Baby-Sitter saltuaria in occasione di assenza temp. dei fam. B COLF GENERICO polifunzionale / baby sitter / custode / cameriere / giardiniere / autista / op.qualificato BS Assistente a persone autosuff. ivi comprese.attività connesse vitto e pulizie domestiche C CUOCO compreso approvvigionamento materie prime CS Assistente a persone non autosuff. (non formato) ivi compr. attività vitto e pulizie D Maggiordomo, Governante, Capo cuoco, Istitutore con requisiti professionali DS (come C super ma in possesso di titolo di studio Specifico) / gestione e coordinaz. Lavori) (omissis tabelle A,B,C,D,E,F, G relative alle retribuzioni minime vedi allegato n.2) 8

9 ALLEGATO N. 2 - MINIMI RETRIBUTIVI 9

10 ALLEGATO N. 3 INPS: circolare n.23/ importo dei contributi dovuti per l anno 2014 per i lavoratori domestici DECORRENZA DAL 1 GENNAIO 2014 AL 31 DICEMBRE 2014 senza contributo addizionale (comma 28, art.2 L. 92/2012) LAVORATORI ITALIANI E STRANIERI RETRIBUZIONE ORARIA IMPORTO CONTRIBUTO ORARIO Effettiva Convenzionale Comprensivo quota CUAF Senza quota CUAF fino a 7,86 6,96 1,39 (0,35) 1,40 (0,35) oltre 7,86 fino a 9,57 7,86 1,57 (0,39) 1,58 (0,39) oltre 9,57 9,57 1,91 (0,48) 1,92 (0,48) Orario di lavoro superiore a 24 ore settimanali 5,06 1,01 (0,25) 1,02 (0,25)./. 10

11 comprensivo contributo addizionale (comma 28, art.2 L. 92/2012) da applicare ai rapporti di lavoro a tempo determinato LAVORATORI ITALIANI E STRANIERI RETRIBUZIONE ORARIA IMPORTO CONTRIBUTO ORARIO Effettiva Convenzionale Comprensivo quota CUAF Senza quota CUAF fino a 7,86 6,96 1,49 (0,35) 1,50 (0,35) oltre 7,86 fino a 9,57 7,86 1,68 (0,39) 1,69 (0,39) oltre 9,57 9,57 2,04 (0,48) 2,06 (0,48) Orario di lavoro superiore a 24 ore settimanali 5,00 1,08 (0,25) 1,09 (0,25) La cifra tra parentesi è la quota a carico del lavoratore CUAF = Cassa Unica Assegni Familiari 11

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Finanze & Lavoro Gruppo Editoriale Esselibri-Simone Appendice di aggiornamento al volume FL 18 C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Edizione Aprile 2003 Questa appendice è scaricabile gratuitamente dal sito internet:

Dettagli

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO Introduzione al mondo del lavoro di cura L inquadramento (Minimi contrattuali in vigore PER L ANNO 2011) LIVELLO TABELLA A CONVIVENTI TABELLA B CONVIVENTI PART-TIME TABELLA

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali)

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali) Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali) Minimi contrattuali in vigore dal 1/1/2016 al 31/12/2016 Livello Profilo Tabella A C Non Conviventi Paga Oraria A Colf

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare

Le spettanze di una collaboratrice familiare Le spettanze di una collaboratrice familiare La retribuzione base, per una collaboratrice familiare deve essere concordata rispettando i seguenti minimi contrattuali: Minimi contrattuali in vigore dal

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore Minimi contrattuali in vigore dal 1/1/2015 al 31/12/2015 Livello Profilo Tabella A C Non Conviventi Paga Oraria A Colf senza esperienza 4,51 A Super Baby

Dettagli

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO UN LAVORO di cura in regola... I diritti e i doveri dei collaboratori familiari e dei datori di lavoro Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO CHI BEN COMINCIA......lettera,

Dettagli

o LA PRESTAZIONE PUÒ ESSERE RESA A FAVORE DI UNA PERSONA, DI UN GRUPPO FAMILIARE O DI UNA COMUNITÀ STABILE SENZA FINE DI LUCRO.

o LA PRESTAZIONE PUÒ ESSERE RESA A FAVORE DI UNA PERSONA, DI UN GRUPPO FAMILIARE O DI UNA COMUNITÀ STABILE SENZA FINE DI LUCRO. 13 01 2010 o E UN RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO; o LA PRESTAZIONE DEL LAVORATORE È FINALIZZATA AL FUNZIONAMENTO DELLA VITA FAMILIARE; o LA PRESTAZIONE PUÒ ESSERE RESA A FAVORE DI UNA PERSONA, DI UN GRUPPO

Dettagli

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI Sono quei lavoratori che prestano la loro attività esclusivamente per le necessità familiari del datore di lavoro e del suo nucleo familiare. Rientrano in questa categoria:

Dettagli

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE Indice IL CONTRATTO DI LAVORO - LE CATEGORIE - I CONTRIBUTI INPS - IL PERIODO DI PROVA - LA TREDICESIMA MENSILITÀ I GIORNI FESTIVI - GLI SCATTI DI ANZIANITÀ - LE FERIE - VITTO E ALLOGGIO - L ORARIO DI

Dettagli

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 SINTESI CCNL LAVORO DOMESTICO decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 Indice della Sintesi Contrattuale Artt.

Dettagli

SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE.

SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE. IMPEGNATIVA DEL NUOVO DATORE DI LAVORO SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE. per mancato perfezionamento procedura di regolarizzazione Il Commissariato del governo per la

Dettagli

Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11

Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11 INDICE Sezione Prima - ASPETTI CONTRATTUALI Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11 Le caratteristiche dei lavoratori

Dettagli

La giusta soluzione in tempi brevi. Chiamaci subito allo: 328 2964969

La giusta soluzione in tempi brevi. Chiamaci subito allo: 328 2964969 In questo documento, abbiamo riportato alcuni passaggi del CCNL(contratto nazionale) del lavoro domestico, in particolare ciò che riguarda le figure di badante e colf/baby-sitter, in modo da fornire una

Dettagli

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione...

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione... SOMMARIO Nota sull Autore... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 Il rapporto di lavoro domestico 1.1 Fonti normative... 3 1.2 Nozione e caratteristiche... 5 1.3 Ambito della prestazione lavorativa... 7

Dettagli

AGEFIS --- Associazione dei Geometri Fiscalisti Corso Vercelli 332/p 10015 Ivrea TO Tel. 0125.61.65.74 - Fax 0125.25.20.28 www.agefis.

AGEFIS --- Associazione dei Geometri Fiscalisti Corso Vercelli 332/p 10015 Ivrea TO Tel. 0125.61.65.74 - Fax 0125.25.20.28 www.agefis. 1. PREMESSA... 2 2. I PROTAGONISTI... 2 3. CCNL... 2 4. LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE... 2 Assunzione... 2 Trasformazione... 2 Trasformazione rapporto di lavoro... 2 Proroga... 2 Cessazione... 2 5. OMESSE

Dettagli

SINTESI CONTRATTO LAVORO DOMESTICO - VALIDITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL)

SINTESI CONTRATTO LAVORO DOMESTICO - VALIDITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL) SINTESI CONTRATTO LAVORO OMESTICO - VALIITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL) MALATTIA Anzianità di servizio Conservazione del posto per 365 giorni decorrenti dall

Dettagli

Ccnl Lavoro Domestico

Ccnl Lavoro Domestico Ccnl Lavoro Domestico Parti contraenti Parti contraenti FIDALDO, DOMINA Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, Federcolf Data CCNL 01/02/2007 Rinnovo economico 20/01/2009 parte economica Decorrenza

Dettagli

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione...

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione... Sommario SOMMARIO Nota sull Autore... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 Rapporto di lavoro domestico 1.1 Fonti normative... 3 1.2 Nozione e caratteristiche... 5 1.3 Ambito della prestazione lavorativa...

Dettagli

L'ASSICURAZIONE PER LE COLF

L'ASSICURAZIONE PER LE COLF L'ASSICURAZIONE PER LE COLF Sono lavoratori domestici coloro che prestano la loro opera esclusivamente per le necessità della vita familiare del datore di lavoro (tuttofare, camerieri, cuochi, bambinaie,

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

QUANTO MI COSTA LA COLF

QUANTO MI COSTA LA COLF Quanto mi costa la colf? NEWS QUANTO MI COSTA LA COLF Chi decide di assumere una colf (o una badante) deve sostenere una serie di costi, che vanno dal corrispettivo della prestazione (con eventuali indennità

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

L attività delle Acli Colf si realizza tramite le seguenti iniziative

L attività delle Acli Colf si realizza tramite le seguenti iniziative Le Acli Colf sono l Associazione professionale delle Acli che organizza le collaboratrici e i collaboratori familiari. Nate nel 1945, operano per: tutelare i diritti delle colf; raccogliere domande ed

Dettagli

Lavoratori Domestici e Collaboratori Familiari

Lavoratori Domestici e Collaboratori Familiari Lavoratori Domestici e Collaboratori Familiari di Luciano Alberti Le formule presenti in questo testo sono disponibili online e sono personalizzabili. Le istruzioni per scaricare i file relativi sono riportate

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 17/2014 del 13/3/2014 ARGOMENTO: LAVORO DOMESTICO: LE NOVITA 2014

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 17/2014 del 13/3/2014 ARGOMENTO: LAVORO DOMESTICO: LE NOVITA 2014 CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 17/2014 del 13/3/2014 ARGOMENTO: LAVORO DOMESTICO: LE NOVITA 2014 Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla che ci sono importanti novità che interessano il mondo

Dettagli

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni F M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE Le Prestazioni R e g o l a m e n t o operante dal 01 gennaio 2014 INDICE: AVENTI DIRITTO Pag. 4 INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MISURA DELLE INDENNITA

Dettagli

IL CONTRATTO DI LAVORO NEL SETTORE DOMESTICO E DELL ASSISTENZA

IL CONTRATTO DI LAVORO NEL SETTORE DOMESTICO E DELL ASSISTENZA IL CONTRATTO DI LAVORO NEL SETTORE DOMESTICO E DELL ASSISTENZA 1. IL CONTRATTO DI RIFERIMENTO Il lavoro domestico è regolato da uno specifico contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL)(24) solitamente

Dettagli

Centro Studi Castelli. VideoLavoro. 15 settembre 2011

Centro Studi Castelli. VideoLavoro. 15 settembre 2011 Centro Studi Castelli VideoLavoro 15 settembre 2011 1 Novità del periodo 1.08.2011-9.09.2011 A cura di Laurenzia Binda 2 NOVITÀ DEL PERIODO MANOVRA DI FERRAGOSTO D.L. 13.08.2011 n. 138 DDL 7.09.2011 n.

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

SINTESI DEL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULLA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO ENTRATO IN VIGORE IL 1 MARZO 2007

SINTESI DEL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULLA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO ENTRATO IN VIGORE IL 1 MARZO 2007 SINTESI DEL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULLA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO ENTRATO IN VIGORE IL 1 MARZO 007 ASSUNZIONE CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO. L

Dettagli

CERCASI ASSISTENTE FAMILIARE. Una guida pratica per le famiglie AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5

CERCASI ASSISTENTE FAMILIARE. Una guida pratica per le famiglie AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 Comuni di: CASSANO D A. POZZUOLO M. INZAGO SETTALA LISCATE TRUCCAZZANO MELZO VIGNATE CERCASI ASSISTENTE FAMILIARE Una guida pratica per le famiglie INDICE I servizi attivati

Dettagli

Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595

Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595 Spa 38100 TRENTO Via Solteri, 74 INFORMATIVA PER L AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595 INFORMATIVA

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER FEBBRAIO 2014

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER FEBBRAIO 2014 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER FEBBRAIO 2014 ISCRITTI ALLA GESTIONE SEPARATA. LE ALIQUOTE PER IL 2014 L Inps con la circolare n. 18/2014 comunica, a seguito delle modifiche introdotte dalla legge

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 17 Febbraio 2009 Circolare n. 20 Allegati 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEI LAVORATORI DOMESTICI

LE CARATTERISTICHE DEI LAVORATORI DOMESTICI Le caratteristiche dei lavoratori domestici LE CARATTERISTICHE DEI LAVORATORI DOMESTICI Per lavoratori domestici si intendono coloro che prestano la loro opera esclusivamente per le necessità della vita

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

SCHEDA SULLA GESTIONE DEI LAVORATORI DOMESTICI

SCHEDA SULLA GESTIONE DEI LAVORATORI DOMESTICI Chi sono i lavoratori domestici SCHEDA SULLA GESTIONE DEI LAVORATORI DOMESTICI Sono lavoratori domestici coloro che prestano un attività lavorativa continuativa per le necessità della vita familiare del

Dettagli

Generalmente le colf possono instaurare con il proprio datore di lavoro tre tipi di contratto a seconda dell impegno richiesto.

Generalmente le colf possono instaurare con il proprio datore di lavoro tre tipi di contratto a seconda dell impegno richiesto. Le categorie dei lavoratori domestici includono non solo le tradizionali "colf", ma tutti quei lavoratori che "prestano a qualsiasi titolo la loro opera per il funzionamento della vita familiare". Pertanto

Dettagli

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli)

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) Adempimenti per l assunzione di una colf... 2 Gli scalini per l accesso alla

Dettagli

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego

ASpI Assicurazione Sociale per l Impiego 11. ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO di Barbara Buzzi Dal 1 gennaio 2013 è istituita una nuova prestazione di sostegno al reddito (Assicurazione Sociale per l Impiego ASpI) che sostituisce le attuali

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO

ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO Addì 2 maggio 2007 Tra ACI Global SpA, rappresentata dalla Dott.ssa I. Galmozzi e dalla Dott.ssa N. Caprioli,

Dettagli

IL LAVORO DOMESTICO: LA DISCIPLINA DEL CCNL

IL LAVORO DOMESTICO: LA DISCIPLINA DEL CCNL IL LAVORO DOMESTICO: LA DISCIPLINA DEL CCNL 29 ottobre 2015 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE di LAVORO sulla disciplina del lavoro domestico 2013-2016 Fonti normative Artt. 2240 e seguenti del codice civile:

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

IMPLEMENTAZIONI. STCOLF: Stampe Colf Il comando STCOLF racchiude le seguenti opzioni: 1. Stampa brogliaccio bollettini; 2. Stampa bollettini.

IMPLEMENTAZIONI. STCOLF: Stampe Colf Il comando STCOLF racchiude le seguenti opzioni: 1. Stampa brogliaccio bollettini; 2. Stampa bollettini. TB1502: Tabella contributi Colf La Tabella contributi Colf viene creata dal comando di conversione (successivamente verrà aggiornata con l aggiornamento delle tabelle fisse) e contiene gli elementi da

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione Come leggere la Busta Paga G.I. G.I. Formazione Formazione La Busta Paga Cos è A Cosa Serve Come è Composta COS E La Busta Paga è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per

Dettagli

Contributi. I lavoratori domestici. Sommario

Contributi. I lavoratori domestici. Sommario Contributi I lavoratori domestici Sommario COLF ITALIANA O DELL'UNIONE EUROPEA... 2 COLF EXTRACOMUNITARIA... 2 LA DENUNCIA DI ASSUNZIONE ALL'INPS... 3 I DOCUMENTI PER L'ASSUNZIONE... 4 I CONTRIBUTI...

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

Modulo A : Richiesta nominativa e numerica di nulla osta al lavoro domestico ai sensi dell'art. 22 del D.Lgs. 25.07.1998, n.286. Informazioni generali

Modulo A : Richiesta nominativa e numerica di nulla osta al lavoro domestico ai sensi dell'art. 22 del D.Lgs. 25.07.1998, n.286. Informazioni generali Modulo A : Richiesta nominativa e numerica di nulla osta al lavoro domestico ai sensi dell'art. 22 del D.Lgs. 25.07.1998, n.286 Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà

Dettagli

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Le parti, visto la Legge n 53 dell 8 Marzo 2000, concernente i Congedi Parentali, hanno convenuto sull opportunità di aggiornare la disciplina contrattuale di tale Istituto

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

e, per conoscenza, Importo dei contributi. Coefficienti di ripartizione.

e, per conoscenza, Importo dei contributi. Coefficienti di ripartizione. Direzione Centrale Entrate Roma, 08/02/2013 Circolare n. 25 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO. regolamento prestazioni

CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO. regolamento prestazioni CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO regolamento prestazioni 9 10 DIRITTO ALLE PRESTAZIONI Hanno diritto alle prestazioni della Cassa Edile di Nuoro gli operai dipendenti di imprese

Dettagli

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA INTEGRAZIONE MALATTIA, INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE CONTROLLI CASSA EDILE, ALIQUOTE PER CALCOLO INTEGRAZIONE E GESTIONE EVENTI NEL MUT IN VIGORE DALLE DENUNCE MUT DEL MESE DI GIUGNO 2012 (INTEGRATIVO

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA Aprile 2012 1 L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA viene riconosciuta agli operai che lavorano in agricoltura iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale MCN001 Secondo il CCNL Logistica, Spedizione e Trasporto Merci, l'impresa che intende chiedere il risarcimento dei danni al

Dettagli

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Ufficio Legislativo Entrate Organizzazione Sistemi Informativi e Tecnologici Bilanci e Servizi fiscali Roma, 24 Marzo 2009 Circolare n. 44 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEGLI ADDETTI AI SERVIZI DOMESTICI

IL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEGLI ADDETTI AI SERVIZI DOMESTICI IL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEGLI ADDETTI AI SERVIZI DOMESTICI Incontro di formazione per Dirigenti provinciali e regionali Acli Colf - 22 marzo 2014 a cura di Avv. Federica Suardi

Dettagli

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro AGENDA In contratto di lavoro in Telecom Italia Sicurezza 1 Contrattazione: la vigenza Principali istituti Lo stato dell arte in Telecom Italia Principali temi trattati nel 1 livello di contrattazione

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 02 2015

NEWSLETTER LAVORO 02 2015 AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 02 2015 Normativa lavoro 1. Jobs Act: approvazione decreto contratto tutele crescenti e novità in via di approvazione 2. Stabilizzazione

Dettagli

INQUADRAMENTO DEI LAVORATORI ADDETTI ALL'ASSISTENZA FAMILIARE

INQUADRAMENTO DEI LAVORATORI ADDETTI ALL'ASSISTENZA FAMILIARE INQUADRAMENTO DEI LAVORATORI ADDETTI ALL'ASSISTENZA FAMILIARE 1. I prestatori di lavoro sono inquadrati in quattro livelli, a ciascuno dei quali corrispondono due parametri retributivi, il superiore dei

Dettagli

DONNE STRANIERE IMMIGRATE

DONNE STRANIERE IMMIGRATE DONNE STRANIERE IMMIGRATE Informazioni di base sui diritti e le opportunità per la donna immigrata in Italia Indice Tutela della maternità Pag. 4 Famiglia Pag. 6 Minori Pag. 6 Assistenza sanitaria Pag.

Dettagli

Il lavoro domestico:

Il lavoro domestico: Stranieri in Italia Il lavoro domestico: una guida per chi assume e per chi lavora www.stranieriinitalia.it CHI SONO I LAVORATORI DOMESTICI? 05 COME ASSUMERE UN LAVORATORE DOMESTICO 07 1) I documenti

Dettagli

Il personale dipendente

Il personale dipendente Il personale dipendente Tra i fattori della produzione di una azienda vanno ricompresi i costi sostenuti per le prestazioni lavorative di soggetti dipendenti e di lavoratori autonomi. Il costo del lavoro

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

CAF Centro Assistenza Fiscale

CAF Centro Assistenza Fiscale CAF Centro Assistenza Fiscale Prestazioni CAF Elaborazione e trasmissione DICHIARAZIONI DEI REDDITI (730 e Modello UNICO) Elaborazione MODELLI ISEE /ISEU Trasmissione all INPS modelli RED ICRIC ICLAV -DETRAZIONI

Dettagli

LAVORODOMESTICO Informazioni utili per chi lavora e per chi assume

LAVORODOMESTICO Informazioni utili per chi lavora e per chi assume "I lavoratori domestici sono coloro che prestano la propria attività lavorativa con continuità all'interno di una comunità di tipo familiare, agevolandone in qualche modo il funzionamento ". La guida al

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro Coordinamento e Supporto attività connesse al Fenomeno Migratorio Gennaio 2008 INDICE Introduzione

Dettagli

P.A.S.S. - Porta di Accesso ai Servizi Sociali

P.A.S.S. - Porta di Accesso ai Servizi Sociali Documenti richiesti per il RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO SUBORDINATO Fotocopia dell ultimo CUD e delle ultime due busta paga; Per chi è stato assunto prima del 15/11/2011: fotocopia del

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DI ESENZIONE DALLA PARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE PER MOTIVI DI REDDITO Il Sottoscritto (dichiarante) Cognome: Nome: Nata/o

Dettagli

TRATTAMENTO ECONOMICO DI MALATTIA ED INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE E CASSA EDILE

TRATTAMENTO ECONOMICO DI MALATTIA ED INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE E CASSA EDILE TRATTAMENTO ECONOMICO DI MALATTIA ED INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE E CASSA EDILE Aspetti essenziali sono i seguenti: NORME COMUNI 1. Il trattamento economico giornaliero malattia, infortunio e malattia

Dettagli

INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992

INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992 INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992 1) Premessa - legislazione di riferimento Il legislatore, con la legge n. 104/1992 ha attribuito un complesso di provvidenze

Dettagli

Chimici - Abrasivi, Impiegati, Industria: CCNL, 30 aprile 1949. Scritto da Silvano Costanzi Mercoledì 05 Settembre 2012 09:49 -

Chimici - Abrasivi, Impiegati, Industria: CCNL, 30 aprile 1949. Scritto da Silvano Costanzi Mercoledì 05 Settembre 2012 09:49 - Tipologia: CCNL Data firma: 30 aprile 1949 Validità: 01.01.1949-31.12.1950 Parti: Associazione Nazionale degli Industriali della Ceramica e degli Abrasivi-Confindustria e Federazione Nazionale Vetrai Ceramisti

Dettagli

Domestici Sindacato SLI

Domestici Sindacato SLI Domestici Sindacato SLI Colf e Badanti conviventi e non conviventi (TESTO DEFINITIVO MODIFICATO CON L ASSEMBLEA DEL 06 marzo 2014) (Dal 01/03/2013 Al 28/02/2016) CCNL 16/2/2013 Verbale di stipula e decorrenza

Dettagli

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT

BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT BLOCK NOTES SUPPLEMENTO INFORMATIVO DI FABI UNINFORM PER GLI ISCRITTI FABI UNICREDIT Ultimo aggiornamento Febbario 2011 17 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Inquadramento... 3 3 Durata...4 4 Tipologia... 4 5

Dettagli

Periodico informativo n. 135/2014. Domestici. Terza rata in scadenza

Periodico informativo n. 135/2014. Domestici. Terza rata in scadenza Periodico informativo n. 135/2014 Domestici. Terza rata in scadenza Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che, il 10 ottobre 2014 scade l ultimo

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

PROGRAMMA SI.CON.TE Sistema di Conciliazione integrato

PROGRAMMA SI.CON.TE Sistema di Conciliazione integrato PROVINCIA DI PORDENONE UFFICIO POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Largo San Giorgio, 12 Pordenone Marca da bollo 14,62 PROGRAMMA SI.CON.TE Sistema di Conciliazione integrato Spazio riservato al protocollo Regolamento

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991)

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) CHI HA DIRITTO AD ESSERE INSERITO NELLE LISTE DI MOBILITA : 1) CON INDENNITA DI MOBILITA : a) Gli operai, impiegati e quadri dipendenti da imprese

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

Caratteristiche del permesso di soggiorno rilasciato.

Caratteristiche del permesso di soggiorno rilasciato. Nel primo caso, qualora la persona inferma non sia in grado, per un impedimento permanente, né a sottoscriverere la domanda di regolarizzazione, né a recarsi allo sportello polifunzionale, sembra che l'unica

Dettagli

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato PART TIME NOZIONI GENERALI 1 L avvio del contratto a part time avviene con la firma del nuovo contratto di lavoro presso la Direzione provinciale del Lavoro. Il part time può essere: a tempo determinato

Dettagli

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 La legge riconosce ai lavoratori disabili e ai loro familiari il diritto di fruire, in presenza di determinate condizioni, di permessi retribuiti o di congedi

Dettagli

Frequently Asked Questions

Frequently Asked Questions EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE DEI LAVORATORI STRANIERI EXTRACOMUNITARI IMPIEGATI NEL SETTORE DOMESTICO Frequently Asked Questions 1. Da quando sono in vigore le procedure per l emersione? Dal 21 agosto

Dettagli

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per Congedo di maternità Estensione del divieto, interruzione della gravidanza, flessibilità del congedo di maternità, documentazione, trattamento economico e normativo, mobilità, prolungamento del diritto

Dettagli

Le domande più frequenti

Le domande più frequenti Le domande più frequenti ACQUISTO E RISCOSSIONE VOUCHER: 1. Che cosa si intende per prestazioni occasionali di tipo accessorio? Per qualificare le prestazioni occasionali di tipo accessorio si deve fare

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI. Regolazione del rapporto di lavoro

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI. Regolazione del rapporto di lavoro COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro Febbraio 2009 Introduzione pag. 3 Assunzione di lavoratori extracomunitari pag. 3 Assunzione di lavoratori neocomunitari pag. 8 Il contratto

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

OGGETTO: Proroga contratto lavoratore socialmente utile fino al 03.09.2014 al sig. Orizio Eligio IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE

OGGETTO: Proroga contratto lavoratore socialmente utile fino al 03.09.2014 al sig. Orizio Eligio IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE DETERMINAZIONE N.13 DEL 19.02.2014 OGGETTO: Proroga contratto lavoratore socialmente utile fino al 03.09.2014 al sig. Orizio Eligio IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE Dott. De Paolo Francesco RICHIAMATO

Dettagli

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ART. 1 - LE PRESTAZIONI In base a quanto previsto dall art. 30 e dagli allegati 3 e 4 del CPL operai agricoli e florovivaisti della provincia

Dettagli