DOSSIER "RINCARI" Tutte le iniziative Adiconsum su tariffe e servizi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOSSIER "RINCARI" Tutte le iniziative Adiconsum su tariffe e servizi"

Transcript

1 anno 11 - numero 32 6 settembre 1999 DOSSIER "RINCARI" Tutte le iniziative Adiconsum su tariffe e servizi sommario: 1267 CONSUMATORI L'amaro rientro dei consumatori italiani - caro benzina - caro mutui - caro scuola - caro assicurazioni - caro energia ADICONSUM associazione italiana difesa consumatori e ambiente sistema servizi cisl Via Lancisi ROMA tel fax homepage: 2 Direttore: Paolo Landi Direttore Responsabile: Francesco Casula Redazione ed Amministrazione: Adiconsum, Via Lancisi ROMA Reg. Tribunale di Roma: n. 350 del Sped. abb. post. comma 20/c art.2 L.662/96 - Filiale di Roma Abbonamento: Lit Abbonamento sostegno: Lit Versamento: su c.c. postale n Stampato in proprio in settembre 99

2 1267 CONSUMATORI L'amaro rientro dei consumatori italiani Non è la prima volta che i consumatori italiani al rientro dalle ferie trovano sgradite sorprese. Del rincaro della benzina e dei tassi di interesse applicati ai mutui tutti hanno sentito parlare. L Adiconsum in merito a tali temi ha inviato in data 24 agosto una lettera indirizzata al Presidente del Consiglio, on. Massimo D Alema, al ministro dell industria, on. Luigi Bersani e al sottosegretario della presidenza del Consiglio, on.massimo Minniti formulando varie proposte. Riportiamo integralmente il testo della lettera inviato. A nostro avviso, il Governo sta sottovalutando il rischio di una ripresa dell inflazione: ci riferiamo agli aumenti effettuati recentemente dalle compagnie petrolifere sulla benzina e all aumento dei tassi sui mutui bancari (nonché agli aumenti che in questi campi si preannunciano nel prossimo futuro). Questi aumenti, spesso ingiustificati e in taluni casi speculativi, sono possibili perché in questi settori c è una evidente assenza di concorrenza, che più volte abbiamo denunciato. Per questo motivo il Governo non può limitarsi agli appelli, quando sarebbero opportuni concreti provvedimenti per ridurre e in parte evitare tali aumenti. In proposito ADICONSUM formula le seguenti proposte: Benzina 1. ADICONSUM non pensa né propone di tornare ai prezzi amministrati del passato. Per limitare l impatto inflazionistico dell aumento del greggio, a nostro avviso, il Governo dovrebbe invitare le Compagnie petrolifere ad aderire ad un meccanismo simile a quello già adottato dall Autorità per l Energia, per calcolare le variazioni del prezzo dei combustibili sulle tariffe elettriche, regolando così in modo trasparente le variazioni al rialzo e al ribasso dei carburanti. 2. Considerando che in Italia persiste una differenza di costo industriale di lire/litro, rispetto ai principali paesi europei, e che tale differenza è dovuta alla mancanza di concorrenza nel settore, è ampiamente giustificato che, in questo caso, il Governo assuma un provvedimento amministrativo per congelare il prezzo del carburante fino al raggiungimento del costo medio europeo. 3. Inoltre, qualora ciò non fosse sufficiente a scongiurare la ripresa dell inflazione, lo Stato, per contenere gli aumenti alla pompa, potrebbe rinunciare (per 6 mesi) alla parte fiscale dovuta a seguito dell aumento. Tale rinuncia sarebbe ampiamente compensata dalle minor spese sugli interessi del debito pubblico. Inoltre si potrebbe favorire ed incentivare l uso di energie poco utilizzate quali GPL e Metano. Costo del denaro 1. I forti aumenti dei tassi sui mutui, praticati dalle banche in funzione preventiva (o meglio speculativa) in relazione ad eventuali decisioni internazionali, non sono giustificati rispetto all andamento dell Euroribor e provocano un pericoloso effetto di trascinamento sull intero sistema economico. 2. Se si considera che tale decisione è stata adottata contestualmente dai maggiori Istituti di credito (assieme alla riduzione dei tassi di interesse sui depositi), anche in questo settore l assenza di concorrenza è evidente, anzi si prefigura l esistenza di un cartello monopolistico. 3

3 Certo, se per sanzionare questo fatto si richiedono le prove di accordi segretei, ben difficilmente sarà possibile ottenerle. 3. Stupisce che tale decisione sia avvenuta dopo che il Governo e il Parlamento hanno risolto a favore delle Banche il problema dell anatocismo, ponendo le stesse al riparo da qualsiasi azione giudiziaria. 4. Per superare la prova di impotenza che anche in questo caso hanno mostrato le Istituzioni, il Governo dovrebbe chiedere esplicitamente alla Banca d Italia e all Antitrust di aprire una procedura contro le Banche coinvolte per infrazione delle regole della concorrenza. Infine, vorremmo porre alla Vostra attenzione alcune domande: 1. Perché la politica dello scambio e della concertazione non è valsa per il provvedimento sull anatocismo? Non si poteva, invece, chiedere alla Banche l impegno a non aumentare i tassi di interesse sui mutui? 2. Perché la Banca d Italia spesso assume decisioni che sembrano più rivolte a tutelare la situazione di oligopolio esistente, che non a favorire processi di concorrenza e trasparenza? 3. Perché anche l Antitrust, quando si tratta dei grandi cartelli assicurativi, bancari, petroliferi si limita a confermare le nostre denuncie, ma non sanziona i fatti con provvedimenti adeguati? 4. Il Governo condivide tali atteggiamenti? Se non è così, che cosa intende fare? Con questi messaggi l inflazione rischia di andare ben oltre il 2%, provocando un nuovo salasso di risorse per lo Stato per maggiori interessi passivi sul debito pubblico, una Finanziaria più pesante, una ripresa economica che, se non è compromessa, si allontana nel tempo. ADICONSUM ritiene che ci siano ancora margini per recuperare questo scenario, ma occorre non solo pensare che siamo nell Euro ma agire per restare nell Europa dell Euro, anche quando ciò significa essere scomodi alle grandi lobby economiche. Con l occasione auguriamo buon lavoro e inviamo cordiali saluti." Il Segretario Generale Paolo Landi Caro benzina Sempre sul rincaro della benzina l Adiconsum è uscita il 26 agosto scorso con un altro comunicato stampa diffondendo i dati sul costo del greggio in barile e rilevando che confrontando i dati dal 1 gennaio 96 al 25 agosto 99 tale costo è rimasto invariato rispetto al febbraio del 97. Per contro il prezzo della benzina è circa 110/120 lire in più a litro. Pubblichiamo un estratto del comunicato e le relative tabelle. Ciò che i petrolieri non dicono Paolo Landi Adiconsum: Ad oggi il petrolio costa esattamente come a febbraio del 1997, cioè 37 mila lire a barile, mentre i carburanti costano oltre 100 lire in più: chi ha incamerato la differenza? Al pianto dei petrolieri rispondono i dati seguenti (elaborati sui dati ufficiali della Staffetta Petrolifera): 4

4 CARBURANTI 1 febbraio agosto 1999 Differenza in lire Benzina Super Benzina Senza Piombo Gasolio GPL Prezzo del Greggio a barile $ 23,16 19,66 Cambio del Dollaro 1.616, ,00 Costo al barile in Lire Fonte: Adiconsum Come si evidenzia, il costo del barile di greggio è oggi esattamente lo stesso del febbraio 1997, con la differenza che i carburanti hanno un prezzo mediamente superiore di oltre 100 Lire. Di queste, a nostro avviso sono giustificate solo circa 15 Lire per la Carbon Tax, prevalentemente sulla benzina verde. Diversamente nell energia e nel gas, ove le tariffe sono regolate dall Authority e quindi le riduzioni sono state trasferite direttamente al consumatore, ancora oggi in questi due settori le tariffe sono inferiori al 97, un ulteriore riprova di quanto denunciato dall Adiconsum nei confronti dei petrolieri. Carburante 1-gen-96 1-feb-96 1-mar-96 1-apr-96 1-mag-96 1-giu-96 Benzina super Benzina senza piombo Gasolio G.P.L Prezzo del greggio al 19,00 16,55 18,85 20,85 19,55 18,15 barile Cambio del Dollaro 1.564, , , , , ,37 Costo al barile , , , , , ,17 Carburante 1-lug-96 1-ago-96 1-set-96 1-ott-96 1-nov-96 1-dic-96 Benzina super Benzina senza piombo Gasolio G.P.L Prezzo del greggio al 19,75 19,05 21,05 23,20 23,35 23,85 barile Cambio del Dollaro 1.534, , , , , ,00 Costo al barile , , , , , ,60 Carburante 1-gen-97 1-feb-97 1-mar-97 1-apr-97 1-mag-97 1-giu-97 Benzina super Benzina senza piombo Gasolio G.P.L Prezzo del greggio al 23,92 23,30 19,46 18,55 18,25 19,01 barile Cambio del Dollaro 1.530, , , , , ,56 Costo al barile , , , , , ,54 5

5

6 Costo dell aumento degli interessi Mutuo 100 milioni durata 15 anni (fonte Adiconsum) Tasso di interesse Costo mese Costo anno aggiuntivo Costo sul mutuo aggiuntivo aggiuntivo + 0,50% L L L % L L L ,5% L L L N.B. Un mutuo di 15 anni il cui tasso passa dal 4,5% al 5,5% (+1% di interessi) comporta, quindi: + L sulla rata mensile (con mutuo di 10 anni +L ) + L nell arco dell anno (con mutuo di 10 anni +L ) + L sull intero mutuo (con mutuo di 10 anni +L ) Tasso di interesse Durata 15 anni Durata 15 anni Durata 10 anni Durata 10 anni Rata mensile Costo intero mutuo Rata mensile Costo intero mutuo 4,5% ,00% ,50% ,0% ,5% Fonte: Adiconsum Euroribor 6 mesi: Euroribor 3 mesi: 2.50 maggio 2.60 giugno 2.88 luglio 3.04 agosto 2.58 maggio 2.67 luglio 2.68 agosto Anche altri temi sono stati affrontati dall Adiconsum in questo ultimo caldo agosto di fine millennio. Diamo qui, alla ripresa dell attività del nostro settimanale dopo la pausa feriale, una panoramica dell attività svolta dalla sede nazionale dell Adiconsum. Caro scuola (Comunicato stampa del ) Paolo Landi Adiconsum: per la prima volta aumenti contenuti sui libri di testo; tuttavia molto può essere ancora fatto per contenere il caro scuola Si riaprono le scuole e le famiglie cominciano a fare i conti di quanto questo inciderà sul proprio bilancio. L Adiconsum ha fatto una prima indagine per valutare quando inciderà il caro scuola sul bilancio familiare. Per un figlio all università fuori sede: circa 15 milioni l anno Tra camera ammobiliata, vitto e iscrizione, libri eccetera, la cifra si aggira sui 15/16 milioni. Se il figlio ha la pretesa di una camera propria e non da dividere a metà, allora la cifra può arrivare anche ai 18/20 milioni annui 7

7 Scuola media: circa 900mila lire per il primo anno e circa 350mila lire per il secondo e terzo anno Per l acquisto dei libri di testo per la prima media occorre mettere in cantiere una spesa di circa a 550/600mila per i libri di testo, 200 mila per 3 dizionari (uno grande e due piccoli) e 150 mila per il corredo scolastico. Se il corredo è firmato, naturalmente la spesa è molto superiore. Nel complesso quindi per un figlio che inizia la prima media la stima di spesa da preventivare è di circa 900mila lire. La spesa è molto inferiore per il secondo e terzo anno, l acquisto dei libri incide, infatti, per circa 200/250 mila lire cui vanno aggiunte circa mila lire per il corredo. In questo caso la stima di spesa da preventivare è di circa 350 mila lire. E evidente che possono esserci variazioni significative a seconda dei testi adottati dalle varie scuole. Quale l aumento? Gli appelli al Governo e l azione svolta dalle varie Associazioni Consumatori e Genitori hanno ottenuto un qualche risultato poiché per molti testi non vi è alcuna variazione di prezzo, mentre la variazione di prezzo è contenuta mediamente sotto il 10% per i testi che registrano aumenti. Complessivamente, quindi, la spesa sui libri di testo, rispetto all anno precedente, registra un aumento stimato intorno al 2/5%. Un risultato quindi positivo rispetto al comportamento degli anni precedenti ove vi erano stati forti aumenti da parte degli editori. E evidente che le per famiglie che si rivolgono al mercato del libro usato queste cifre possono ridursi in modo considerevole. Le proposte per contenere i costi avanzate al mondo della Scuola dall Adiconsum. Restano valide le proposte avanzate al mondo della Scuola e agli Editori per contenere il caro scuola senza pregiudizio alla qualità e all aggiornamento dei testi. Tra queste: Edizioni che abbiano una maggiore durata (5 anni) Nuove edizioni che abbiano significative innovazioni. Edizioni più economiche (meno carta patinata ecc.) Libri a fascicoli modulari, che consentano l acquisto delle parti che s intendono utilizzare. Collegialità nella scelta dei testi fra insegnanti e genitori, per ridurre l influenza dei gadget degli editori Maggiore utilizzo delle biblioteche scolastiche e della Società dell Informazione, cioè degli strumenti didattici multimediali Proposte queste con un duplice obiettivo: ridurre i costi e ridurre il peso degli zainetti. (Per alcuni dei libri più pesanti si è provveduto a realizzarne più volumi). Costo figlio all Università fuori sede Voce di spesa Spesa mensile Spesa annua Camera 400/700 mila ( Ammobiliata letti) x 12* Telefono, luce, 70/100 mila x gas, riscaldamento Trasporto 80/120 mila x Vitto 500/650 mila x Libri Iscrizione Varie TOTALE

8 N.B.: le cifre possono variare in modo considerevole in base al tenore di vita Una stima media porta ad un costo di circa 15 milioni l anno * Per il costo della camera ammobiliata è stato considerato l utilizzo della stessa da parte di 2 persone, nel caso di una camera singola la spesa totale può arrivare anche ai 20 milioni l anno. Stima di spesa per i libri di testo e corredo scolastico scuola media Anno 1999 Classe A - Libri di testo B -Corredo C-Dizionari (n. 3) 1 media 550/600mila media 200/250mila media 200/250mila Costo stimato: Prima media A+B + C = 900mila Seconda media A+B = 350 mila Terza media A+ B = 350 mila Utilizzo dei libri di testo: le risposte di un campione di 236 ragazzi Da una nostra indagine, realizzata lo scorso anno in alcune scuole, risultava anche uno scarso utilizzo degli stessi testi soprattutto in alcune materie (utilizzati in parte 29,7 %, poco 14,3%, molto 56%). Assicurazioni rc ciclomotori ed auto (Comunicatostampa del ) Bonus malus per i ciclomotori, ora le compagnie devono ridurre i premi Paolo Landi - Adiconsum - questa liberalizzazione senza regole non funziona Alcune compagnie stanno attuando un ulteriore aumento dei premi nel corso dello stesso anno, ben venga quindi l osservatorio sulle polizze rc promesso dal Ministro Bersani e più volte sollecitato da Adiconsum per poter rilevare e monitorare gli aumenti effettivi di una polizza obbligatoria per legge; aumenti che anche dalla nostra ultima indagine risultano elevati. Polizza rc auto Classe Roma Perugia Matera 14 (ingresso 18 anni) L ,55% L ,54% L ,54% 4 (dopo 10 anni di guida) L ,46% L ,4% L % 1 (massimo di bonus) L ,7% L ,7% L ,4% indagine Adiconsum agosto 99 su agosto 98 auto 13 cavalli fiscali (fiat uno 1.100) massimale 3 miliardi La liberalizzazione non ha risposto alle attese L assenza di un minimo di regole ha provocato una giungla di tariffe, non solo, ma rende possibile alle stesse compagnie di rifiutare l assunzione di polizze di automobilisti a rischio, scaricando così questi automobilisti su alcune compagnie che operano sul malus e candidando queste compagnie al rischio di una liquidazione coatta amministrativa. Sinistri cioè che finirebbero scaricati sul fondo di garanzia a carico della collettività. 9

9 In altre parole il rischio assicurativo viene scaricato dalle compagnie sulla collettività. A questo vanno aggiunti i tempi di liquidazione che restano lunghi, molte compagnie hanno anche ridotto alcune garanzie attraverso la cosiddetta clausola di esclusione e rivalsa. La liberalizzazione e personalizzazione non ha quindi comportato benefici ne sul prezzo ne sulla qualità del servizio, senza tornare al passato occorrono alcune regole a garanzia dell utente e dello Stato. La salute delle compagnie Le compagnie continuano a sottolineare la chiusura dei bilanci in negativo per giustificare gli aumenti tariffari. Le stesse compagnie non evidenziano, il dato positivo dell andamento dei premi raccolti e delle quote accantonate a riserva; questo dato è in costante miglioramento; negli ultimi anni dal rapporto ISVAP si evidenzia che si è passati dal 160% del 1990 al 184% del 1995, al 191% del Questo evidenzia una buona, se non ottima salute delle compagnie. Per contenere i deficit di bilancio i consumatori indicano: revisione dell accordo carrozzieri che ha incrementato i costi del 50% (trust), più investimento nella prevenzione dei sinistri, superamento del monopolio sui pezzi di ricambio, approvazione della legge sul danno biologico, provvedimenti per più trasparenza e concorrenza Un osservatorio che monitorizzi gli effettivi aumenti e renda pubblici i reclami degli utenti sulle compagnie Il costo di una polizza è divenuto per le famiglie proibitivo, per un neopatentato la polizza di una utilitaria di 13 cavalli fiscali costa da L a L !!. Al Ministero e/o all ISVAP, Adiconsum chiede un monitoraggio su più figure significative (giovane, anziano, uomo, donna) sulle principali città. Informazioni che possono essere un utile strumento per la scelta e il cambio della propria compagnia. Occorre inoltre che l ISVAP renda nota la pagella dei reclami sulle compagnie, quale ulteriore elemento di valutazione sulla qualità del servizio reso. Indagine Adiconsum polizze RC Auto agosto 1999 su agosto 1998 Nelle pagine seguenti riportiamo un raffronto tra la tariffe RC Auto rilevate nel mese di agosto e quelle relative allo stesso periodo dello scorso anno. Nelle tabelle sono state prese in considerazione le città di Roma, come esempio di grande città, Perugia (media) e Matera (piccola). Le tariffe, calcolate su tre differenti classi (14ª, 4ª e 1ª), si riferiscono ad un massimale assicuratro di 3 miliardi e ad una autovettura utilitaria di 13 cavalli fiscali (ad es. Fiat Uno 1100 cc). 10

10 Roma 28 anni - 4ª classe (10 anni di guida senza incidenti) SAI RAS TORO AXA GENERALI ASSITALIA LLOYD ADRIATICO NUOVA MAA NUOVA TIRRENA ALLIANZ GAN SUN PREZZO MEDIO Fonte: Adiconsum incremento %: +16,46 Roma 44 anni - 1ª classe (massimo bonus) SAI RAS TORO AXA GENERALI ASSITALIA LLOYD ADRIATICO NUOVA MAA NUOVA TIRRENA ALLIANZ GAN SUN PREZZO MEDIO Fonte: Adiconsum incremento %: + 29,7 Roma 18 anni - 14ª classe (classe d'ingresso) SAI RAS TORO AXA GENERALI ASSITALIA LLOYD ADRIATICO NUOVA MAA NUOVA TIRRENA ALLIANZ GAN SUN PREZZO MEDIO Fonte: Adiconsum incremento %: + 8,55 11

11 Perugia 28 anni - 4ª classe (10 anni di guida senza incidenti) SAI RAS TORO AXA GENERALI ASSITALIA LLOYD ADRIATICO NUOVA MAA NUOVA TIRRENA ALLIANZ GAN SUN PREZZO MEDIO Fonte: Adiconsum incremento %: +15,4 Perugia 44 anni - 1ª classe (massimo bonus) SAI RAS TORO AXA GENERALI ASSITALIA LLOYD ADRIATICO NUOVA MAA NUOVA TIRRENA ALLIANZ GAN SUN PREZZO MEDIO Fonte: Adiconsum incremento %: + 28,7 Perugia 18 anni - 14ª classe (classe d'ingresso) SAI RAS TORO AXA GENERALI ASSITALIA LLOYD ADRIATICO NUOVA MAA NUOVA TIRRENA ALLIANZ GAN SUN PREZZO MEDIO Fonte: Adiconsum incremento %: + 7,54 12

12 Matera 28 anni - 4ª classe (10 anni di guida senza incidenti) SAI RAS TORO AXA GENERALI ASSITALIA LLOYD ADRIATICO NUOVA MAA NUOVA TIRRENA ALLIANZ GAN SUN PREZZO MEDIO Fonte: Adiconsum incremento %: +16,0 Matera 44 anni - 1ª classe (massimo bonus) SAI RAS TORO AXA GENERALI ASSITALIA LLOYD ADRIATICO NUOVA MAA NUOVA TIRRENA ALLIANZ GAN SUN PREZZO MEDIO Fonte: Adiconsum incremento %: + 27,4 Matera 18 anni - 14ª classe (classe d'ingresso) SAI RAS TORO AXA GENERALI ASSITALIA LLOYD ADRIATICO NUOVA MAA NUOVA TIRRENA ALLIANZ GAN SUN PREZZO MEDIO Fonte: Adiconsum incremento %: + 6,54 13

13 Tariffe energia elettrica (Comunicato stampa del ) E legittimo che l Enel utilizzi i profitti ricavati dalle tariffe elettriche per entrare nella tv digitale? Con i soldi delle tariffe elettriche l Enel si appresta ad entrare nel capitale di Tele+ con una quota del 30%. Se il livello delle tariffe elettriche attualmente pagate dagli utenti consente all Enel livelli di profitto tali da permettergli, dopo la creazione di Wind, di effettuare questo nuovo rilevante investimento, ciò significa che i margini sono troppo elevati. Adiconsum ha chiesto all Autorità per l energia di intervenire per verificare: se è compatibile con lo status di società pubblica di proprietà del Tesoro, che l Enel utilizzi i profitti ricavati dalle tariffe per fare investimenti in ambiti diversi dal settore elettrico; se, anche alla luce di questo nuovo fatto, l Autorità non ritenga di dover riconsiderare gli elementi di costo utilizzati per determinare le tariffe attualmente in vigore, al fine di procedere ad un ulteriore abbassamento. La lettera dell'adiconsum al Presidente dell'autorità per l'energia Roma, 30 agosto 1999 Alla c.a. del Prof. Pippo RANCI Presidente dell Autorità per l Energia Piazza Cavour, 5 MILANO Oggetto: Programmi di attività dell ENEL Caro Presidente, apprendiamo dalla stampa (Il Sole-24 Ore del ) che l ENEL starebbe per entrare nel capitale di Tele+ con una quota del 30%, allargando ulteriormente le proprie attività, dopo la telefonia, al settore televisivo. Ferma restando la libertà d intraprendere nuove attività, propria di ogni S.p.A., ci si chiede con quali risorse finanziarie l ENEL si appresta a compiere questo nuovo rilevante investimento. Vogliamo sperare che sia l azionista a dotare la Società del capitale necessario, poiché in caso contrario dovremmo dedurre che le risorse saranno attinte dagli introiti derivanti dalle tariffe elettriche decise da codesta Autorità: dal ché si dovrebbe dedurre che il livello delle tariffe permette ingiustificati margini di profitto. Invitiamo pertanto l Autorità ad approfondire le questioni indicate, anche per fugare ogni dubbio sul piano della correttezza e della trasparenza delle Vostre deliberazioni. Cordiali saluti 14 Paolo Landi (Segretario Generale)

14 Tariffe e servizi (Comunicato del ) Allarme giustificato, non eccessivo rispettare il tasso di inflazione programmato Paolo Landi ADICONSUM: Gli aumenti estivi portano ad una maggior spesa di circa 750mila lire annue/famiglia per tariffe e servizi Stupisce la dichiarazione del Presidente del Consiglio che considera un allarme eccessivo le denunce fatte dalle Associazioni Consumatori sugli aumenti estivi sui servizi e tariffe poiché per l ISTAT sono variati solo dell 1,4%. Avremmo voluto ascoltare un impegno del Governo a far rispettare il tasso di inflazione programmato. L ADICONSUM ha stimato che gli aumenti estivi tra petrolio, tariffe e servizi comportano sulle famiglie una maggior spesa per il prossimo anno di circa 750mila lire. Tale aggravio di spesa può salire ad 1milione se l abitazione è gravata di un mutuo o se la famiglia è in affitto. Una stima, questa dell ADICON- SUM prudenziale, che può aumentare ulteriormente qualora il Governo non intervenga con decisione per far rispettare il tasso di inflazione programmato su tutte le tariffe. Per l alimentazione/abbigliamento ad oggi NON si registrano sostanziali variazioni di prezzo. La famiglia per l alimentazione dispone di una vasta gamma di prodotti per mantenere la spesa invariata. Inoltre, vogliamo ricordare che l ISTAT non registra molti aumenti nel settore dei servizi che sono effettivi per la famiglia. Per esempio nelle F.S. gli aumenti più sostanziosi sono quelli non dichiarati poiché realizzati con la variazione artificiosa della classe del treno (un maggior costo per avere lo stesso servizio). Nel caso della tassa sui rifiuti passata a tariffa la cosa è ancora più anacronistica. Per l utente vi è un aggravio di costo del 10% di IVA, mentre l ISTAT registra una riduzione di tasse. Stima di maggiore spesa per la famiglia per tariffe e servizi causata dai recenti aumenti (base annua) Benzina + Lire 120/litro Per 1.300/litri annui di consumi- 15 mila Km Assicurazioni + 15% veicoli/famiglia Scuola obbligo + 3% Per di spesa Elettricità + 3,7% Per Kwh anno Acqua e depurazione 7,5% Per 180 mc3 Tassa rifiuti + 15% Di cui 10% per IVA Trasporti + 6% Su una spesa di anno Telefono + 5% Per telefonate verso il mobile Riscaldamento se gas metano (1400 mc 3 ) se gasolio (1.600 litri) TOTALE ABITAZIONE: Mutui +1% tasso interesse Mutuo per 15 anni Per tariffe e servizi: circa Per eventuale mutuo: circa Per alimentazione e abbigliamento: stima invariata 15

15 Confermiamo, quindi le proposte avanzate in questi ultimi giorni al Governo per contenere i prezzi e il rischio di una ripresa dell inflazione: Intervento dell Autorità per l Energia anche per i carburanti. Applicazione rigida del tasso di inflazione programmata sugli aumenti delle tariffe sia per i servizi nazionali sia sui servizi nel territorio Intervento del Governo sulle polizze assicurative riconoscendo all ISVAP (Istituto di Vigilanza delle Assicurazioni) un potere simile a quello delle Authority per l assicurazione RC Auto che è obbligatoria per legge Tariffe e consumatori (Comunicato stampa del ) Paolo Landi ADICONSUM: Il Governo non eluda il problema, sui petrolieri deve intervenire l Italia e non l Europa. Restiamo in attesa di risposte del Governo alle nostre proposte. Le risposte date dal Governo alla denuncia sul caro tariffe e servizi sono del tutto elusive. L Adiconsum, che in queste settimane ha contribuito a sollevare i vari problemi: caro mutuo, caro benzina, assicurazioni e tariffe, fornendo su ognuno di questi settori, dati, cifre e precise proposte d intervento, ritiene del tutto inadeguate le risposte fornite dal Governo. Sull entita degli aumenti L ADICONSUM ha calcolato la maggior spesa della famiglia derivante dagli aumenti estivi sulle tariffe e servizi (benzina, elettricità, gas, riscaldamento, trasporti) per un importo pari a 800mila lire (su base annua.). Una cifra che può superare il milione per i maggior interessi su un mutuo o per l aumento previsto per l affitto. Una stima del tutto prudenziale. Le 132mila lire in più indicate dal Governo per benzina e assicurazione non sono sufficienti neppure per rinnovare una polizza per un ciclomotore. Chi deve intervenire? Apprezziamo la dichiarazione del Governo che concorda sulla mancanza di concorrenza in questi settori ma non condividiamo che ad intervenire debba essere l Europa. Il problema riguarda il nostro Paese ed è il Governo che deve intervenire. I Consumatori ed anche il Sindacato hanno avanzato proposte precise e concrete: Per il caro benzina sorveglianza dell Authority dell Energia. Per le tariffe conferma del tasso d inflazione programmato. Per le assicurazioni, un Authority che ponga alcune regole nell attuale giungla e controlli una polizza obbligatoria per legge. Un antitrust disarmata Il vero problema è che abbiamo costituito un Antitrust priva di strumenti sanzionatori, rispetto ad analoghe strutture in altri Paesi. Ai consumatori, ai Cittadini e al Governo non serve un Antitrust che confermi le nostre denunce, ma un Organismo in grado di sanzionare comportamenti che violano la concorrenza. Per i dati sugli aumenti si vedano nostra indagine e comunicati: Caro mutui del 23 agosto u.s. Caro benzina del 26 agosto u.s. Caro scuola del 27 agosto u.s. Caro assicurazioni del 30 agosto u.s. 16

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Senato della Repubblica X Commissione Permanente Industria, Commercio, Turismo Indagine conoscitiva sulla dinamica dei prezzi della

Dettagli

Fermare la corsa agli aumenti Prezzi e tariffe

Fermare la corsa agli aumenti Prezzi e tariffe Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XV - n. 64 3 settembe 2003 Stampato in proprio in settembre 2003 In questo numero: Conferenza stampa Roma, 29 agosto 2003 Fermare la corsa agli aumenti

Dettagli

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti:

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti: E notizia di tutti i giorni l inarrestabile corsa dei prezzi al consumo e, in particolare, quella dei prodotti appartenenti ai capitoli Prodotti Alimentari e Bevande Analcoliche, Abitazione, Acqua, elettricità

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

L Energia elettrica è un bene essenziale, di cui non si può fare a meno.

L Energia elettrica è un bene essenziale, di cui non si può fare a meno. Intervento di Carlo De Masi, Segretario Generale FLAEI-CISL Voglio innanzitutto ringraziare gli Amici dell Associazione Ambiente e Società, ed in particolar modo il Presidente, l amico Amedeo Scornaienchi,

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

Strategia energetica nazionale nell'ambito della road-map europea al 2050

Strategia energetica nazionale nell'ambito della road-map europea al 2050 Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Strategia energetica nazionale nell'ambito della road-map europea al 2050 Prof.Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna

Dettagli

Liberalizzazione/privatizzazione: un bilancio secondo Adiconsum

Liberalizzazione/privatizzazione: un bilancio secondo Adiconsum Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum anno XVIII - n. 9 10 febbraio 2006 Stampato in proprio in febbraio 2006 In questo numero: Liberalizzazione/privatizzazione: un bilancio secondo Adiconsum Consumatori

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio bollette 2,2% per l elettricità, +2,8%per il gas Con i bonus, riduzioni superiori al 15% per le famiglie più bisognose Milano,

Dettagli

- L euro tre anni dopo

- L euro tre anni dopo Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XVII - n. 28 22 aprile 2005 Stampato in proprio in aprile 2005 In questo numero: Speciale L euro tre anni dopo Euro - L euro tre anni dopo Registrazione

Dettagli

L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita

L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita 1 L inflazione durante il 2002 ed il divario -Italia. Il tasso di variazione medio dell indice dei prezzi al consumo rilevato dall Istat per l

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 931 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LANNUTTI, BELISARIO, ASTORE, BUGNANO, CAFORIO, CARLINO, DE TONI, DI NARDO, GIAMBRONE, LI GOTTI, MASCITELLI, PARDI,

Dettagli

TARIFFE, RINCARI RECORD

TARIFFE, RINCARI RECORD TARIFFE, RINCARI RECORD Negli ultimi 10 anni l acqua è aumentata dell 85,2 per cento, i rifiuti dell 81,8 per cento e i pedaggi autostradali del 50,1 per cento. Purtroppo, le liberalizzazioni non hanno

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro 16 maggio Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio realizzata dall Istat per analizzare le modalità di conversione in euro dei

Dettagli

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici

ANIA. focus rcauto. Executive Summary. Statistica Trimestrale - Dati al 30/06/2005. Andamento degli indicatori tecnici Executive Summary Andamento degli indicatori tecnici Nella prima metà dell anno, la frequenza dei sinistri denunciati al settore assicurativo per il complesso dei veicoli analizzati (pari al 9,00%), risulta

Dettagli

Le modifiche del paniere Istat non incidono sul calcolo dell inflazione Diminuzione del carico fiscale solo a parole

Le modifiche del paniere Istat non incidono sul calcolo dell inflazione Diminuzione del carico fiscale solo a parole Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XVII - n. 8 4 febbraio 2005 Stampato in proprio in febbraio 2005 In questo numero: Le modifiche del paniere Istat non incidono sul calcolo dell inflazione

Dettagli

Dal miglioramento del servizio assicurativo opportunità di risparmio per gli assicurati e per le imprese

Dal miglioramento del servizio assicurativo opportunità di risparmio per gli assicurati e per le imprese Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XVI - n. 32 7 maggio 2004 Stampato in proprio in maggio 2004 In questo numero: Speciale Convegno RCA Dal miglioramento del servizio assicurativo opportunità

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

- Rinegoziazione: pro e contro dell accordo Governo Abi. Istruzioni per l uso a cura di Adiconsum

- Rinegoziazione: pro e contro dell accordo Governo Abi. Istruzioni per l uso a cura di Adiconsum Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 29-30 maggio 2008 Stampato in proprio in maggio 2008 In questo numero: Speciale mutui: Rinegoziazione, pro e contro dell accordo Governo Abi Istruzioni

Dettagli

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI Documento di Osservazioni e Proposte R.ETE. Imprese Italia (Confartigianato, CNA, Casartigiani,

Dettagli

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO DICEMBRE 2005 Roma, febbraio 2006 1. Commento 2. Consumi di energia in fonti primarie (composizione %) 3. Emissioni di CO 2 4. Equazione

Dettagli

Assicurazioni-Indennizzo diretto. - Tariffe ordini professionali. Benzina e gasolio

Assicurazioni-Indennizzo diretto. - Tariffe ordini professionali. Benzina e gasolio Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XVII - n. 64 2 settembre 2005 Stampato in proprio in settembre 2005 In questo numero: Assicurazioni-Indennizzo diretto Tariffe ordini professionali Benzina

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

Coordinato da Valeria Lai. agenzia adiconsum anno XVII - n. 58 25 luglio 2005. Stampato in proprio in luglio 2005. In questo numero: Speciale Rcauto

Coordinato da Valeria Lai. agenzia adiconsum anno XVII - n. 58 25 luglio 2005. Stampato in proprio in luglio 2005. In questo numero: Speciale Rcauto Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XVII - n. 58 25 luglio 2005 Stampato in proprio in luglio 2005 In questo numero: Speciale Rcauto Assicurazioni - Indennizzo diretto e Codice delle assicurazioni:

Dettagli

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA NEL PRIMO SEMESTRE 2005 Roma, settembre 2005 1. Commento 2. Consumi di energia in fonti primarie (composizione %) 3. Emissioni di CO 2 4. Equazione

Dettagli

IL REPORT COMPLETO Innovativo sistema di verifica dell impianto fotovoltaico

IL REPORT COMPLETO Innovativo sistema di verifica dell impianto fotovoltaico IL REPORT COMPLETO Innovativo sistema di verifica dell impianto fotovoltaico FOTOVOLTAICO = INVESTIMENTO Compreresti la macchina senza contachilometri? Faresti un investimento finanziario senza controllare

Dettagli

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006 1.8 Prezzi e inflazione Se nel corso del 2004 i prezzi romani, dopo le tendenze inflazionistiche degli anni precedenti, hanno mostrato un percorso di progressiva decelerazione, l anno 2005 è caratterizzato

Dettagli

LA LIBERALIZZAZIONE FALLITA

LA LIBERALIZZAZIONE FALLITA LA LIBERALIZZAZIONE FALLITA I Monitoraggio del sistema RCA dalla liberalizzazione, al cartello, dalle sanzioni Antitrust all accordo Ania-Governo-Consumatori (1995-2004) (Sintesi) A cura di Clemente Tartaglione

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 8 Febbraio 2013 Ancora senza credito ANCORA SENZA CREDITO I primi segnali di inversione del ciclo economico non trovano ancora conferma nei dati del credito. Il 2012 si è infatti

Dettagli

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione Assicurazione Auto Diritti del consumatore Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione GLOSSARIETTO ANIA: è l'associazione che rappresenta le imprese di assicurazione operanti in Italia.

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

Coordinato da Valeria Lai. Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 35-4 luglio 2008. Stampato in proprio in luglio 2008.

Coordinato da Valeria Lai. Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 35-4 luglio 2008. Stampato in proprio in luglio 2008. Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 35-4 luglio 2008 Stampato in proprio in luglio 2008 In questo numero: Elettricità e gas: ennesimo aumento per le famiglie Mutui a tasso variabile:

Dettagli

Cose da sapere IL BOLLINO BLU

Cose da sapere IL BOLLINO BLU Cose da sapere IL BOLLINO BLU Il Bollino Blu è un certificato che dimostra l avvenuto controllo dei gas di scarico di un automobile, per i Comuni e le aree a traffico limitato delle città in cui questo

Dettagli

INDAGINE APRILE 2016

INDAGINE APRILE 2016 INDAGINE APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA MILANO, 1 APRILE 2016 La crisi è passata anzi no, italiani confusi rispetto alla crisi e alla sua durata: il 33% degli intervistati ritiene che sia in atto una debole

Dettagli

MEMORANDUM DI ALTROCONSUMO AL GOVERNO SUGLI AUMENTI DI PREZZI E TARIFFE Roma 4 settembre 2002 Incontro con il Ministro delle Attività produttive

MEMORANDUM DI ALTROCONSUMO AL GOVERNO SUGLI AUMENTI DI PREZZI E TARIFFE Roma 4 settembre 2002 Incontro con il Ministro delle Attività produttive Associazione Indipendente di Consumatori Via Valassina, 22 20159 Milano Tel 02 668901 Fax 02 66890288 www.altroconsumo.it MEMORANDUM DI ALTROCONSUMO AL GOVERNO SUGLI AUMENTI DI PREZZI E TARIFFE Roma 4

Dettagli

CONTRATTI COLLETTIVI E RETRIBUZIONI CONTRATTUALI

CONTRATTI COLLETTIVI E RETRIBUZIONI CONTRATTUALI 29 aprile 2013 Marzo 2013 CONTRATTI COLLETTIVI E RETRIBUZIONI CONTRATTUALI Alla fine di marzo 2013 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica corrispondono al 59,2% degli

Dettagli

La creazione di nuove imprese in Italia: l andamento degli investimenti minimi e dei costi di gestione nel quinquennio 2002-2007

La creazione di nuove imprese in Italia: l andamento degli investimenti minimi e dei costi di gestione nel quinquennio 2002-2007 La creazione di nuove imprese in Italia: l andamento degli investimenti minimi e dei costi di gestione nel quinquennio 2002-2007 di Massimo D Angelillo Genesis Premessa Il quinquennio 2002-2007 è stato,

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Dipartimento del Tesoro. Direzione I. Ufficio V - Prezzi e regolamentazione L ANDAMENTO DEI PREZZI

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Dipartimento del Tesoro. Direzione I. Ufficio V - Prezzi e regolamentazione L ANDAMENTO DEI PREZZI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento del Tesoro Direzione I Ufficio V - Prezzi e regolamentazione L ANDAMENTO DEI PREZZI 9 140 7 90 5 3 40 1-10 -1-60 -3 Novembre 2005 (Sito Internet: www.dt.tesoro.it/aree-docum/analisi-pr/analisi-ma/index.htm)

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: bollette ancora in calo, dal 1 luglio energia elettrica -1%, gas -7,7% Da inizio anno calo medio totale del 13,1% - La spesa media annua delle

Dettagli

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2011 A cura dell Ufficio Protesti e Prezzi e dell Ufficio Studi e Ricerche Economiche Camera di Commercio di Perugia Indice Introduzione pag.

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

Abi: nessuna differenziazione nella dinamica dei prezzi fra raccolta e prestiti

Abi: nessuna differenziazione nella dinamica dei prezzi fra raccolta e prestiti NOTA PER LA STAMPA DOCUMENTO DELL ABI A GOVERNO, AUTORITA E ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI Abi: nessuna differenziazione nella dinamica dei prezzi fra raccolta e prestiti Non è cambiato lo spread per i tassi

Dettagli

- Acqua: bollette pazze ai Castelli Romani. - Ddl risparmio: audizione in Senato per i consumatori

- Acqua: bollette pazze ai Castelli Romani. - Ddl risparmio: audizione in Senato per i consumatori Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XVII - n. 24 8 aprile 2005 Stampato in proprio in aprile 2005 In questo numero: Acqua: bollette pazze ai Castelli Romani Ddl risparmio: audizione in Senato

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: da aprile bollette elettricità ancora in calo (-3,1%), aumento per il gas (+3,6%) Oltre al caro- petrolio, pesa sul gas il basso grado di concorrenza

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE LOMBARDIA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO PREVISIONALE 2004

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE LOMBARDIA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO PREVISIONALE 2004 ORDINE ASSISTENTI SOCIALI DELLA REGIONE LOMBARDIA RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO PREVISIONALE 2004 Delineando una previsione di bilancio per l anno 2004 è doveroso effettuare alcune considerazioni

Dettagli

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2013 ooo A cura dell Ufficio Prezzi Camera di Commercio di Perugia Indice Introduzione pag. 5 I prezzi del GPL nel I semestre 2013 - Sintesi

Dettagli

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 maggio 2014 Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di maggio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

Coordinato da Valeria Lai. agenzia adiconsum anno XVII - n. 67 16 settembre 2005. Stampato in proprio in settembre 2005. In questo numero: Speciale

Coordinato da Valeria Lai. agenzia adiconsum anno XVII - n. 67 16 settembre 2005. Stampato in proprio in settembre 2005. In questo numero: Speciale Coordinato da Valeria Lai agenzia adiconsum anno XVII - n. 67 16 settembre 2005 Stampato in proprio in settembre 2005 In questo numero: Speciale Giornata di lotta 14 settembre 2005 Consumatori - Speciale

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

VII INDAGINE NAZIONALE SULLE BOLLETTE ELETTRICHE E DEL GAS

VII INDAGINE NAZIONALE SULLE BOLLETTE ELETTRICHE E DEL GAS VII INDAGINE NAZIONALE SULLE BOLLETTE ELETTRICHE E DEL GAS Nel 2006 le famiglie italiane hanno dovuto fronteggiare una spesa annua record per le bollette elettriche e del gas E la bolletta più alta degli

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) 1. A fine 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.830,2 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

COME OTTIMIZZARE I COSTI DI GESTIONE

COME OTTIMIZZARE I COSTI DI GESTIONE FLOTTE AZIENDALI COME OTTIMIZZARE I COSTI DI GESTIONE di Cristiano Benazzi Produzione e logistica >> Sistemi di management La formula del noleggio per la disponibilità di beni e servizi non di proprietà,

Dettagli

Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314

Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314 Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314 5.349 ogni anno. A tanto ammonta la spesa per una famiglia tipo per acqua, luce, gas, rifiuti, bus

Dettagli

NORME PER LA TUTELA DEGLI UTENTI DEI PUBBLICI SERVIZI E PER LA RIDUZIONE DELLE TARIFFE DELL ENERGIA ELETTRICA E DELLA TELEFONIA

NORME PER LA TUTELA DEGLI UTENTI DEI PUBBLICI SERVIZI E PER LA RIDUZIONE DELLE TARIFFE DELL ENERGIA ELETTRICA E DELLA TELEFONIA PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO Ai sensi dell art.121 della costituzione Di iniziativa dei Consiglieri Pieraldo Ciucchi e Giancarlo Tei (Gruppo ) NORME PER LA TUTELA DEGLI UTENTI DEI PUBBLICI SERVIZI E

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

Sommario. Torino, 7 giugno 2011. Filiera Automotive.2. Entrata in vigore della modifica alla Direttiva 2003/96/CE. 3. Effetti prodotti Criticità.

Sommario. Torino, 7 giugno 2011. Filiera Automotive.2. Entrata in vigore della modifica alla Direttiva 2003/96/CE. 3. Effetti prodotti Criticità. Torino, 7 giugno 2011 Proposta di direttiva recante modifica alla Direttiva 2003/96/CE sulla tassazione dei prodotti energetici che ristruttura il quadro comunitario per la tassazione dei prodotti energetici

Dettagli

I cambiamenti recenti... pag. 4

I cambiamenti recenti... pag. 4 CONTENUTI Highlights... pag. 3 I cambiamenti recenti... pag. 4 Autovetture... pag. 7 Andamento del pricing Trend generale Trend per canale Trend per profilo Trend per provincia La Compagnia e il mercato....

Dettagli

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012 Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Benzina verde con servizio alla pompa Ago-08 Set-08 Ott-08 Nov-08 Dic-08 Firenze 1,465

Dettagli

Relazione tecnica alla deliberazione 24 novembre 2011, EEN 12/11

Relazione tecnica alla deliberazione 24 novembre 2011, EEN 12/11 Presupposti e fondamenti per la determinazione del valore del contributo tariffario per il conseguimento degli obiettivi di risparmio energetico per l anno 2012 di cui ai decreti ministeriali 20 luglio

Dettagli

CONCORDATO CAUZIONE CREDITO. Assemblea Roma 18 e 19 giugno 2002. Presenti: ALLIANZ SUBALPINA De Marco. ASSITALIA Nastasi - Gallella

CONCORDATO CAUZIONE CREDITO. Assemblea Roma 18 e 19 giugno 2002. Presenti: ALLIANZ SUBALPINA De Marco. ASSITALIA Nastasi - Gallella Pagina 1 di 8 CONCORDATO CAUZIONE CREDITO Assemblea Roma 18 e 19 giugno 2002 Presenti: ALLIANZ SUBALPINA De Marco ASSITALIA Nastasi - Gallella AXA ASSICURAZIONI Mauri COMMERCIAL UNION Bacchi F.A.T.A. ASSICURAZIONI

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Adiconsum coordina il CEC-Centro europeo consumatori. - Internet: basta a contratti vessatori per i. per i consumatori

Adiconsum coordina il CEC-Centro europeo consumatori. - Internet: basta a contratti vessatori per i. per i consumatori Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum anno XVIII - n. 16 24 marzo 2006 Stampato in proprio in marzo 2006 In questo numero: Adiconsum coordina il CEC-Centro europeo consumatori Internet: basta a contratti

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016)

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati ANIA Agenda Il contesto economico

Dettagli

I FATTI Ad ottobre, Legambiente, che viene a conoscenza di quest intenzione, lancia l allarme pubblicamente.

I FATTI Ad ottobre, Legambiente, che viene a conoscenza di quest intenzione, lancia l allarme pubblicamente. Padova, 8 marzo 2012 Sommario > GLI ANTEFATTI > I FATTI > GLI ATTI (amministrativi) > I MISFATTI > I DATI Emissioni inquinanti Costi Economici > UNA VICENDA OPACA > CONCLUSIONI Allegato 1 RAFFRONTO EMISSIONI

Dettagli

Dati al 31 dicembre 2014

Dati al 31 dicembre 2014 Anno XI I n 25 - Maggio 2015 Executive Summary Con la presente rilevazione si forniscono i risultati dei principali indicatori tecnici del ramo R.C. Auto (e della relativa gestione della convenzione per

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Senato della Repubblica. Audizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi La dinamica dei prezzi dei carburanti

Senato della Repubblica. Audizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi La dinamica dei prezzi dei carburanti Senato della Repubblica Audizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi La dinamica dei prezzi dei carburanti 6 ottobre 2009 Sommario Prezzi al consumo e peso della componente fiscale dei carburanti

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNCATO Energia: da ottobre nessun aumento per l elettricità, gas +5,5% Sui prezzi del gas hanno pesato le quotazioni del petrolio e l incremento dell va Milano,

Dettagli

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale (Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale per) il ruolo dei Confidi 15 Maggio 2012 1 Agenda Premessa (sulle ragioni della crisi) (Divieto d ) d) accesso al credito per le imprese:

Dettagli

settimanale di informazione adiconsum settimanale di informazione ADICONSUM note, studi e proposte su consumi, servizi, ambiente

settimanale di informazione adiconsum settimanale di informazione ADICONSUM note, studi e proposte su consumi, servizi, ambiente settimanale di informazione ADICONSUM note, studi e proposte su consumi, servizi, ambiente anno 10 - numero 40 6 novembre 1998 sommario: L'ENERGIA SOLARE E IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE ABITAZIONI 30 OTTOBRE

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato SCHULLIAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2601 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato SCHULLIAN Introduzione del principio della separazione tra le banche commerciali e le banche

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO E OBIETTIVI

ANALISI DI CONTESTO E OBIETTIVI Allegato 1.1) FAC SIMILE DI SCHEDA-PROGETTO PER PROGETTI A VALENZA REGIONALE PER ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSI DA SOGGETTI PRIVATI SENZA FINI DI LUCRO RIVOLTI A PREADOLESCENTI E ADOLESCENTI PUNTO

Dettagli

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 marzo 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di marzo 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi,

Dettagli

PREZZI CARBURANTI. SQUERI: PROBABILI AUMENTI SOTTO IL LIMITE DI 1

PREZZI CARBURANTI. SQUERI: PROBABILI AUMENTI SOTTO IL LIMITE DI 1 Roma, 9 luglio 2010 METEO-CARBURANTI: IL PREZZO CHE FA Rapporto settimanale Figisc Anisa Confcommercio Settimana sabato 3 luglio giovedì 8 luglio 2010 a cura dell Ufficio Studi & Comunicazione Figisc PREZZI

Dettagli

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 ottobre 2015 Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI 17 Novembre 2014 V Rapporto sui costi degli Atenei italiani II parte: lo studente fuori sede Introduzione Gli studenti universitari in Italia sono circa 1.663.800 1. Questo significa che ci sono altrettante

Dettagli

Trasparenza nei contratti RCA e Regolamento ISVAP n. 35: Un'occasione mancata?

Trasparenza nei contratti RCA e Regolamento ISVAP n. 35: Un'occasione mancata? Trasparenza nei contratti RCA e Regolamento ISVAP n. 35: Un'occasione mancata? Milano, 23 febbraio 2011 A cura della Commissione RCA del SNA - Sindacato Nazionale Agenti Nel vocabolario del nostro tempo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA. Introduzione del principio di separazione bancaria Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2597 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Introduzione del principio di separazione bancaria Presentata il

Dettagli

Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettivita'

Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettivita' Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettivita' - Settembre 2009 - Tassi tendenziali e mensili A Bologna nel mese di tembre 2009 l indice dei prezzi al consumo per l intera collettività

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

Al Fondo SPES Napoli Via Giacinto Gigante, 7-80136 Napoli Tel. 081/5492018 mail: info@fondospes.it

Al Fondo SPES Napoli Via Giacinto Gigante, 7-80136 Napoli Tel. 081/5492018 mail: info@fondospes.it Modulo di richiesta di finanziamento Al Fondo SPES Napoli Via Giacinto Gigante, 7-80136 Napoli Tel. 081/5492018 mail: info@fondospes.it OGGETTO: Programma di microcredito con il sostegno del FONDO SPES

Dettagli

REGOLAMENTO VISITE GUIDATE E VIAGGI D ISTRUZIONE

REGOLAMENTO VISITE GUIDATE E VIAGGI D ISTRUZIONE REGOLAMENTO VISITE GUIDATE E VIAGGI D ISTRUZIONE 1 Indice... 2 Art. 1 Regolamento uscite brevi, visite guidate e viaggi di istruzione... 3 Art. 2 - Destinatari... 4 Art. 3 Destinazione Durata Periodo di

Dettagli

CONVENZIONE CGIL - UNIPOL

CONVENZIONE CGIL - UNIPOL CONVENZIONE CGIL - UNIPOL IL SALTO DI QUALITÀ CHE MIGLIORA LA VITA! Proteggere le persone amate, tutelare le cose importanti, fare il salto di qualità e migliorare la vita? È quello che ogni Iscritto

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: nuovo calo delle bollette, dal 1 aprile energia elettrica -2%, gas -7,5% La spesa media per le famiglie si riduce ulteriormente di 92 euro

Dettagli

NOTA INFORMATIVA Polizza Sempre Protetti

NOTA INFORMATIVA Polizza Sempre Protetti NOTA INFORMATIVA Polizza Sempre Protetti La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP, ma il suo contenuto non è soggetto alla preventiva approvazione dell ISVAP. Il

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 4 gennaio 2012 Dicembre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo

Dettagli

L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI

L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI Vittorio Verdone Direttore Auto, Distribuzione, Consumatori e Servizi Informatici -ANIA Università LUISS Guido Carli Roma, 25 ottobre 2010 1 PROGRAMMA DEI LAVORI

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Dipartimento del Tesoro. Direzione I Ufficio V QUADERNO DEI PRODOTTI PETROLIFERI

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Dipartimento del Tesoro. Direzione I Ufficio V QUADERNO DEI PRODOTTI PETROLIFERI MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento del Tesoro Direzione I Ufficio V QUADERNO DEI PRODOTTI PETROLIFERI Consumi e prezzi interni ed internazionali Dicembre 2002 (Sito Internet: www.dt.tesoro.it/aree-docum/analisi-pr/analisi-ma/index.htm)

Dettagli

forma pura o spuria, in relazione all art. 1917 c.c. (* cfr. note); nonché sugli standards dei livelli di pagamento dei premi.

forma pura o spuria, in relazione all art. 1917 c.c. (* cfr. note); nonché sugli standards dei livelli di pagamento dei premi. COMUNICATO STAMPA AVVOCATI, OUA: la nuova normativa sull obbligo di assicurazione professionale rischia di essere inutile senza adeguati decreti attuativi. serve chiarezza su obbligo a contrarre, oggetto

Dettagli

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico?

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Ing. Paolo M. Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. IEFE Milano 29 Aprile 2005 Il fotovoltaico è ancora troppo costoso: non vale la

Dettagli

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT Automotive con approfondimenti e confronti ISTAT Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine marzo 2013 Dati rilevati nel mese di febbraio 2013 Pubblicazione mensile A cura della

Dettagli

MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile

MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile 1 gen-10 feb-10 mar-10 apr-10 mag-10 giu-10 lug-10 ago-10 set-10 ott-10 nov-10 dic-10

Dettagli

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza 1 Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza In un momento in cui l economia inizia a riprendersi e il Paese a crescere, sono importanti le parole dell Autorità Garante della

Dettagli