A.S. 2014/2015 ELENCO ALUNNI V A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.S. 2014/2015 ELENCO ALUNNI V A"

Transcript

1 Approvato 11/05/2015 La Coordinatrice della Classe (Prof.ssa Emily VECCARI) Il Coordinatore Didattico (Prof. Giovanni MORLEO)

2 A.S. 2014/2015 ELENCO ALUNNI V A N COGNOME NOME DATA DI LUOGO DI CF NASCITA NASCITA 1 CARROZZO ERIKA 02/12/1996 MESAGNE (BR) CRRRKE96T42F152O 2 BUCAREST CRETU STEFAN 20/12/1989 (ROMANIA) CRTSFN89T20Z129R 3 DE LUCA LUCIA G. 19/03/1995 MESAGNE (BR) DLCGYL95C59F152G 4 GIRASOLI SAMUELE 22/09/1996 MANDURIA (TA) GRSSML96P22E882I 5 INDRIZZI GIUSEPPE 22/12/1996 FASANO (BR) NDRGPP96T22D508I 6 LAZZARI LUISA 19/09/1996 GALATINA (LE) LZZLSU96P59D862C 7 MARINGIO FEDERICO G. 12/12/1996 BRINDISI MRNFRC96T12B180X 8 MORLEO JACOPO 24/05/1992 BRINDISI MRLJPG92E24B180G 9 PACCIOLLA FABIANA 26/03/1996 FASANO (BR) PCCFBN96C66D508M 10 SARDIELLO GRETA 17/10/1996 FASANO (BR) SRDGRT96R57D508F 2

3 DOCENTI Indirizzo Linguistico Moderno DOCENTI FIRMA MATERIA CONTINUITÀ DIDATTICA III IV V BARLETTA Mariangela Italiano X X VECCARI Emily Storia e Filosofia X X X GIANNELLI Erika Inglese X DE MILITO Silvia Francese X MAIORANO Maria Concetta Spagnolo X PASTORESSA Andrea Scienze X VERSIENTI Luigi Matematica e Fisica X X X SCARCIGLIA Giuseppe Salvatore Storia dell arte X X X GIULIANO Sac. Raffaele Religione X X X SAPONARO Michele Educazione fisica X X 3

4 Indirizzo Giuridico Economico DOCENTI FIRMA MATERIA CONTINUITÀ DIDATTICA III IV V BARLETTA Mariangela Italiano X X BARLETTA Mariangela Latino X X VECCARI Emily Storia e Filosofia X X X GIANNELLI Erika Inglese X DE MILITO Silvia Francese X MORLEO Giovanni Diritto X X PASTORESSA Andrea Scienze X VERSIENTI Luigi Matematica e Fisica X X X GIULIANO Sac. Raffaele Religione X X X SAPONARO Michele Ed. Fisica X X 4

5 STORIA DELLA CLASSE La VA di questo Liceo per l anno 2014/15, formata all inizio del corrente anno scolastico da 10 studenti, 5 femmine e 5 maschi, provenienti da Erchie, Latiano, Francavilla, Sava, Torre S. Susanna, Lecce. Durante il quinquennio ha subito delle modifiche che sono così illustrate: Classe Anno scolastico Alunne Alunni Totale alunni Nuovi inserimenti Alunni non promossi o ritirati I A 2010/ II A 2011/ III A 2012/ IV A 2013/ V A 2014/ La classe ha subito, com è evidente, nel corso degli anni diversi cambiamenti. Così, dunque, gli iscritti al primo anno sono stati cinque, tre maschi e due femmine; al termine dell anno scolastico, un alunno si è ritirato. Il secondo anno, si sono inseriti quattro alunni. Durante l anno scolastico, una si è ritirata e due non sono state promosse. All inizio del terzo anno si è inserito un nuovo alunno. Al quarto anno, la classe si compone di otto unità: quattro maschi e quattro femmine. Ci sono stati due nuovi inserimenti: un alunna a seguito di idoneità ed un alunno a seguito di trasferimento da altra scuola. Infine, nel corrente anno scolastico, ci sono stati due nuovi inserimenti entrambi per trasferimento da altre scuole a seguito di idoneità; pertanto la classe V risultava inizialmente composta da dieci alunni: cinque maschi e cinque femmine. Sin dal primo anno, nonostante la composizione variabile, la classe si è sempre dimostrata attenta e volenterosa, disponibile al dialogo educativo, interessata alle varie iniziative didattiche curriculari ed extracurriculari, ancorché non dotata di grande spirito di iniziativa. Nel corso degli anni, ha partecipato alle attività, sempre con pari interesse ed impegno. Alcuni alunni, presentano potenzialità molto buone. 5

6 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe è composta da dieci studenti (cinque maschi e cinque femmine). La formazione della stessa non ha avuto molta omogeneità, stante, per alcuni, una diversa provenienza di studi all origine. Essa è articolata nei due indirizzi: Giuridico Economico (ISEV) e Linguistico Moderno (ISFX). Del primo indirizzo fanno parte gli alunni Carrozzo Erika, De Luca Lucia Giusy, Maringiò Federico, Morleo Jacopo, Sardiello Greta; mentre, del secondo indirizzo fanno parte gli alunni Cretu Stefan, Girasoli Samuele, Indrizzi Giuseppe, Lazzari Luisa e Pacciolla Fabiana. La classe si presenta: in generale, compatta e solidale; partecipa in modo diverso all attività didattica; riguardo a situazioni particolari, si è reso necessario una maggiore attenzione da parte dei docenti e uno studio quotidiano più costante avrebbe potuto meglio supportare l interazione didattica; nelle circostanze diverse della vita scolastica, essa ha avuto una condotta solitamente corretta; sostanzialmente è disponibile al dialogo, alla discussione, al confronto. Relativamente all impegno e alla costanza nello studio, il gruppo classe si può dividere in due fasce di livello: una fascia di livello medio-alto che ha studiato con profitto, ha seguito il lavoro scolastico con attenzione costante, ha dimostrato di impegnarsi in modo più che discreto, ha instaurato un buon dialogo educativo, assumendo un comportamento generalmente equilibrato; una fascia di livello sufficiente che ha partecipato alle attività didattiche in modo discontinuo, con scarso impegno, non adottando un metodo di lavoro proficuo; un alunna: in presenza di diagnosi certificata Sindrome di Tourette, come si evince dal PEI, ha seguito la programmazione disciplinare della classe per obiettivi minimi; l alunna, nell esecuzione dei compiti scritti, necessita di un supporto da parte del docente, in rispetto ai suoi differenti ritmi di apprendimento. In generale, ha partecipato alle attività didattiche in modo continuo, con impegno, tuttavia, ha mostrato difficoltà relative alle capacità logiche e a casa non è stata adeguatamente supportata a causa di un contesto familiare socio-culturale molto basso, pertanto, non ha adottato un metodo di lavoro proficuo; un alunno: pur non essendo in possesso di diagnosi certificata, ha mostrato evidenti difficoltà nei processi di apprendimento, imputabili a tratti di tipo autistico/ Sindrome di Asberger ; pertanto, ha seguito la programmazione disciplinare della classe per obiettivi minimi, al fine di ridurre lo stress emotivo legato all eccessivo carico di lavoro a casa e per favorire un maggiore grado di autostima e autoefficacia. Tuttavia lo stesso alunno ha acquisito abilità tali, capaci di performance di apprendimento e divulgazione, talvolta di elevato livello; infine, un alunno: ha frequentato in modo molto saltuario e con alcun profitto, talché il Consiglio di Classe ha reputato di non doverlo ammettere, stante anche il fatto che lo stesso non ha mai presentato la domanda di ammissione agli Esami di Stato di questa sessione. Gli obiettivi finali sono stati raggiunti in modo e livelli differenti, in relazione ai diversi gradi di impegno ed alle capacità dimostrate dai singoli alunni. 6

7 OBIETTIVI SPECIFICI DI INDIRIZZO (P.O.F. d Istituto) - Formazione liceale specifica, caratterizzata dallo studio di tre lingue europee curriculari: inglese, francese, spagnolo, più altre in modo corsuale: tedesco, greco moderno, arabo, ecc.; - acquisizione di competenze linguistiche e comunicative e confronto con diversi patrimoni di storia, letteratura, civiltà; - armonica formazione umana ed apertura mentale, disponibilità intellettuale, psicologica, consapevolezza metodologica e critica marcata, rigore epistemologico. OBIETTIVI FORMATIVI COMUNI (Programmazione comune del consiglio di classe) - Favorire la formazione di un soggetto colto, capace di riflettere autonomamente e criticamente rispetto alle espressioni della cultura e della scienza. - Sviluppare la capacità di assumersi responsabilità, di organizzare il proprio lavoro e di valutare criticamente i risultati. - Potenziare le capacità di apprendimento autonomo. - Promuovere la capacità di assumersi responsabilità, di organizzare il proprio lavoro e di valutare criticamente i risultati. - Impadronirsi consapevolmente della metodologia sperimentale per risolvere situazioni nuove che richiedano flessibilità di pensiero e capacità di intervento operativo. OBIETTIVI COGNITIVI COMUNI Conoscenze - Conoscere in maniera articolata i vari saperi disciplinari. - Conoscere le lingue comunitarie, la storia e la cultura europea. Competenze - Saper analizzare, sintetizzare, generalizzare, astrarre. - Saper argomentare e rielaborare in modo critico e autonomo quanto appreso. - Saper porre e risolvere problemi. - Saper interpretare le nuove conoscenze. DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI: - 1. dimostrare di possedere conoscenze essenziali dei vari saperi disciplinari; - 2. saper applicare i procedimenti metodologici in modo corretto ed appropriato; - 3. essere consapevole della problematicità della realtà socio-culturale e mostrare disponibilità intellettuale nonché apertura mentale al cambiamento. - CONTENUTI INTERDISCIPLINARI (Concetti trasversali) - Il cittadino europeo nel mondo globale. - La rete, le informazioni e le comunicazioni. - I limiti e le possibilità delle conoscenze. - Libertà e giustizia. - Etica e politica. METODI E MEZZI ADOPERATI PER FAVORIRE L APPRENDIMENTO Metodi 7

8 - lezione frontale; - lezione interattiva; - metodo induttivo e deduttivo; - ricerche individuali e/o di gruppo; - problem solving; - lezione dialogata; - metodo esperienziale; - metodo scientifico; - scoperta guidata; - lavoro di gruppo; - brainstorming. Attrezzature e strumenti didattici - libri di testo; - fotocopie; - biblioteca; - L.I.M. - sussidi audiovisivi; - laboratorio linguistico; - laboratorio informatico - multimediale; - laboratorio scientifico; - attrezzature sportive. VERIFICHE La verifica ha avuto come presupposti: - - il rispetto delle caratteristiche personali dello studente; - - l accertamento dei risultati conseguiti da ogni studente; - - l efficacia ed efficienza dell attività programmatica. Gli strumenti di verifica sono stati quelli stabiliti nel nostro POF. VALUTAZIONE Facendo riferimento ai principi contenuti nel POF, la valutazione del processo di apprendimento, ha tenuto conto dell area cognitiva, dell area metacognitiva e dell area comportamentale del processo educativo di ogni alunno. La valutazione ha tenuto in considerazione fondamenti culturali ed educativi, quali: 1) La capacità di giudizio; 2) La generalità; 3) La scientificità. La valutazione, principalmente formativa, non ha non ha funzione definitoria, ma è uno strumento di aiuto, soprattutto per rassicurare e correggere l'alunno nel processo dell'apprendimento. La sua finalità è duplice: l) essa permette al docente di correggere: a) il lavoro dello studente, b) la propria programmazione, c) il proprio metodo didattico. 2) essa permette allo studente di capire qual è il suo livello metacognitivo: a) per il suo studio, b) per la sua comprensione, c) per la sua capacità di elaborazione o di applicazione dei contenuti. 8

9 La valutazione, che si è basata sulle prove scritte e su quelle orali, rispettivamente in numero di tre per ogni quadrimestre e tenuto presente il livello di partenza, l assiduità nella frequenza, l interesse e la partecipazione, l impegno e il comportamento, è la sintesi dei seguenti ambiti: settoriale, relativa a singole conoscenze; formativa, mirante al recupero delle carenze attraverso l analisi dello sbaglio (errata applicazione della norma) e dell errore (non conoscenza della norma stessa); sommativa funzionale alla valutazione finale della preparazione dello studente. La valutazione certifica competenze raggiunte e attribuisce dei crediti. I criteri tenuti presenti al momento della valutazione sono: Conoscenza e comprensione degli argomenti: insufficiente, frammentaria, carente, superficiale, completa, approfondita; Competenze l) osservazione e descrizione del testo impropria, sufficiente, adeguata, completa; 2) applica le conoscenze solo se guidato, in modo meccanico, in modo autonomo; 3) proprietà lessicale e chiarezza espositiva inadeguata, appropriata, efficace; 4) sviluppo logico-argomentativo confuso, schematico, essenziale, coerente, esteso; 5) metodo sistematico nello studio, ordinato nelle categorie, critico, autonomo nel lavoro. Capacità l) analisi errata, lacunosa, parziale, coerente, approfondita; 2) sintesi, scorretta, imprecisa, esatta; 3) interpretazione del testo individuando implicazioni, correlazioni; 4) interazione con i compagni e con i docenti inadeguata, costruttiva; 5) interesse e approfondimento; 6) capacità di sostenere le eventuali difficoltà scolastiche; 7) capacità operativa; 8) elaborazione critica e creativa; STRUMENTI Gli strumenti impiegati nella valutazione si possono così distinguere: l) valutazioni nel corso del lavoro scolastico su domande, interventi, quaderni di esercizi, appunti, l'uso del testo scolastico; 2) verifiche in itinere: colloqui orali, questionari, prove scritte, relazioni; 3) giudizio complessivo: valutazioni trimestrale (al biennio) o quadrimestrale (al triennio) e finale dell'anno, che attuano il criterio della globalità e, necessariamente, della formalizzazione numerica; il voto, benché riferito alle singole discipline, richiede un contesto valutativo più ampio, deputato al Consiglio di classe. CREDITO FORMATIVO Sono attribuiti crediti formativi per esperienze scolastiche ed extrascolastiche documentate, coerenti col corso di studi, che presentino significativi livelli di continuità e impegno personale, quali: - attività culturali; 9

10 - corsi in lingua; - corsi informatici; - attività di volontariato e solidarietà. Gli obiettivi programmati sono stati raggiunti da tutti gli alunni, sia pure a livelli diversi di profitto. La classe si presenta all Esame di Stato con un credito formativo, nel complesso, positivo ed apprezzabile. ATTIVITÀ DI RECUPERO E APPROFONDIMENTO Recupero e sostegno di lingua e letteratura francese; recupero di lingua e letteratura inglese; recupero di latino; recupero di lingua e letteratura italiana; recupero di filosofia; recupero di Matematica recupero di Scienze della Terra ATTIVITÀ INTEGRATIVE ED EXTRACURRICULARI In riferimento al P.O.F. d Istituto, ogni anno sono state proposte alla classe attività aggiuntive al normale curriculum. L adesione degli alunni si è dimostrata motivata e impegnata. 1 anno Progetto full immersion di Francese progetto full immersion Spagnolo Progetto full immersion Inglese Lettorato in lingua Corso di greco moderno Progetto scambio culturale: Liceo Erchie - Liceo Byrona Progetto solidarietà: Colletta Alimentare - Raccolta del Farmaco Partecipazione rappresentazione teatrale in lingua Progetto la difesa dell identità europea: visita alle Città della Grazia Cordoba, Sevilla, Granada Progetto il Novecento nell arte: Picasso - Malaga Percorso all Unità d Italia attraverso la cinematografia Progetto Orientamento universitario. 2 anno Progetto full immersion di Francese progetto full immersion Tedesco Progetto full Immersion Inglese Lettorato in lingua Progetto scambio culturale: Città di Erchie - Malta Progetto solidarietà: Colletta Alimentare - Raccolta del Farmaco Partecipazione rappresentazione teatrale in lingua Settimana di scambio Intercultura 10

11 Viaggio di istruzione a Londra Progetto Dialoghi in Cattedrale Progetto Difesa Donna Progetto Orientamento universitario 3 anno Progetto full immersion di Francese progetto full immersion Spagnolo Progetto full Immersion Inglese Progetto solidarietà: Colletta Alimentare - Raccolta del Farmaco Partecipazione rappresentazione teatrale in lingua Viaggio di istruzione a Bruxelles Viaggio di istruzione a Berlino Visita guidata ad Otranto e visita alla Mostra di Andy Warhol Visita guidata a Lecce sulle tracce del Barocco salentino Visita guidata a Brindisi-Museo provinciale Progetto Dialoghi in Cattedrale Progetto Percorsi di Maturità Progetto Difesa Donna Progetto Tiro con l Arco Progetto Orientamento universitario 4 anno Progetto full immersion di Francese progetto full immersion Spagnolo Progetto full Immersion Inglese Progetto solidarietà: Colletta Alimentare - Raccolta del Farmaco Partecipazione rappresentazione teatrale in lingua Viaggio di istruzione a Praga Visita guidata ad Alberobello Visita guidata a Lecce sulle tracce del Barocco salentino Visita guidata a Brindisi-Museo provinciale Progetto Percorsi di Maturità Progetto Difesa Donna Progetto Tiro con l Arco Progetto Orientamento universitario 5 anno Progetto Open Brains : Keep calm and follow your dreams, full immersion in lingua inglese Progetto Open Brains : La Guerra Civil española, full immersion in lingua spagnola Progetto Open Brains : Les Poetes maudits, full Immersion lingua francese Progetto interdisicplinare: La Grande Guerra tra storia e letteratura Progetto Didattica on-line/flip ClassRoom Progetto solidarietà: Colletta Alimentare - Raccolta del Farmaco Visita guidata a Brindisi- Palazzo Nervegna: Mostra di Andy Warhol Progetto Percorsi di Maturità Partecipazione rappresentazione teatrale in lingua - 11

12 Progetto Orientamento universitario ORIENTAMENTO Le attività formative nell ambito del Progetto Orientamento hanno avuto come fine essenziale quello di aiutare gli alunni a prendere consapevolezza delle proprie potenzialità e attitudini. La scuola ha ritenuto opportuno offrire agli studenti le informazioni essenziali circa i settori del mondo lavorativo e circa i percorsi di studi universitari, oltre che proporre loro alcuni spunti di riflessione sulla corretta metodologia di approccio alla scelta. Gli alunni hanno partecipato nel corso dell anno scolastico a incontri con esperti e referenti del mondo universitario ed a seminari di orientamento. RAPPORTI CON LE FAMIGLIE a. ora settimanale di ricevimento; b. comunicazioni e/o convocazioni in casi particolari; c. incontri collegiali scuola-famiglia. 12

13 ALLEGATI AL PRESENTE DOCUMENTO 1. RELAZIONI E PROGRAMMI DISCIPLINARI 2. SIMULAZIONE SECONDA PROVA 3. SIMULAZIONE TERZA PROVA 4. GRIGLIE DI VALUTAZIONE 13

14 ALLEGATO 1 RELAZIONI E PROGRAMMI DISCIPLINARI 14

15 Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Mariangela BARLETTA QUADRO DELLE COMPETENZE SVILUPPATE NEL CORSO DELL ANNO SCOLASTICO COMPETENZE ABILITA 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa 2. Produrre testi di vario tipo in relazione ai diversi scopi comunicativi. a. Comprendere, analizzare ed esporre le linee fondamentali di un testo in relazione al pensiero dell autore b. Acquisire una sufficiente padronanza delle competenze linguistiche finalizzate all analisi di un testo letterario e non. c. Acquisire una sufficiente padronanza delle competenze linguistiche relative alle diverse tipologie previste per la prima prova di esame (analisi del testo, articolo-saggio breve) Obiettivi d apprendimento Il processo formativo è stato finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi disciplinari: conoscere e saper distinguere i tratti caratteristici della produzione letteraria dell autore in relazione al periodo di riferimento; inquadrare un periodo storico, definendone gli aspetti essenziali; riconoscere le caratteristiche di un testo in prosa o in poesia; cogliere l evoluzione della lingua e il messaggio sotteso dalla lettura dei canti del Paradiso; produrre testi scritti in relazione alla tipologia scelta; effettuare confronti e raccordi interdisciplinari. Giudizio sul livello medio della classe La classe, nel corso dell anno, ha compiuto un percorso didattico di consolidamento e miglioramento delle conoscenze e delle competenze acquisite. La maggior parte degli alunni ha risposto in modo adeguato alle sollecitazioni ricevute, ha contribuito in modo propositivo allo svolgimento e alla discussione dei vari argomenti. In generale, il livello medio della classe si presenta buono, anche se sono da segnalare alcuni casi specifici legati alla presenza di patologie certificate e non che hanno richiesto una maggiore guida e una maggiore facilitazione degli apprendimenti. Dal punto di vista linguistico espressivo, la maggior parte degli alunni possiede un codice ed un lessico appropriato e corretto; dal punto di vista della socialità, si riscontra partecipazione al dialogo educativo e una buona disponibilità a stabilire corretti rapporti interpersonali, sia tra loro, che con il docente. Metodologia d insegnamento La metodologia d insegnamento si è avvalsa di diverse attività: lezione frontale dialogata e partecipativa, usata soprattutto per la trasmissione dei contenuti; il lavoro cooperativo o in piccoli gruppi soprattutto per l analisi e la comprensione dei testi. Inoltre, per promuovere l autonomia nell apprendimento sono stati avviati progetti di didattica on-line, attraverso i quali gli allievi, attraverso un percorso di ricerca personale hanno presentato alla classe alcuni approfondimenti interdisciplinari relativi agli argomenti proposti. 15

16 Tipologia di verifica Sono state effettuate prove orali, verifiche semistrutturate e simulazioni di prima prova. Libro di Testo : G. Baldi, S. Giusto, M. Rametti, G. Zaccaria, La Letteratura, Paravia, 2007 voll. 5/6 PROGRAMMA SVOLTO Il Positivismo e il Naturalismo: caratteri generali Il Verismo: caratteri generali G. Verga: biografia, ideologia, opere Letture: da Vita dei campi: La lupa Rosso Malpelo da I Malavoglia: Prefazione Il Decadentismo: caratteri generali Gabriele D Annunzio: biografia, ideologia, opere Letture : da Il piacere, libro III, cap. II: Un ritratto allo specchio: Andrea Sperelli ed Elena Muti da Il piacere, libro III, cap. III: Una fantasia in bianco maggiore da Le Laudi del cielo, della terra, del mare, degli eroi, da Alcyone: La pioggia nel pineto dal Notturno. La prosa notturna Giovanni Pascoli: biografia, ideologia, opere Letture: da Il fanciullino: Una poetica decadente da Myricae: X Agosto ; Arano ; Novembre La stagione delle Avanguardie Cenni su: - il Futurismo letture: Il Manifesto del Futurismo di F. T. Marinetti Il Manifesto tecnico della letteratura futurista di F. T. Marinetti - I Crepuscolari: S. Corazzini, G. Gozzano, M. Moretti - I Vociani: C. Rebora, Viatico Il Modernismo: caratteri generali 16

17 Italo Svevo: vita, ideologia, opere Letture: da Una Vita: Cap. VIII Le ali del gabbiano da Senilità: Cap. XII Il male avveniva, non veniva commesso da La coscienza di Zeno Cap. VIII: Psico-analisi Luigi Pirandello: biografia, ideologia, opere Letture: da L umorismo: Un arte che scompone il reale da Il fu Mattia Pascal: Capp. VII e IX La costruzione della nuova identità e la sua crisi da Uno, nessuno e centomila. Nessun nome La poesia tra le due guerre: l Ermetismo: caratteri generali Salvatore Quasimodo: biografia, ideologia, opere Letture: da Acque e terre: Ed è subito sera da Acque e terre: Alle fronde dei salici Giuseppe Ungaretti: biografia, ideologia, opere Letture: da L allegria: Il Porto sepolto, Veglia, San Martino del Carso, I fiumi, Mattina, Soldati Eugenio Montale: biografia, ideologia, opere Letture. da Ossi di seppia: Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato Non chiederci la parola. Dante, Paradiso: lettura, analisi e commento dei canti I, III, VI, XV, XXIII, XXXIII. Esercitazioni sulla tipologia A (analisi del testo) e B (saggio breve) della prima prova dell esame di Stato Le figure retoriche (fonetiche, semantiche, sintattiche) Il Docente Gli Alunni 17

18 Disciplina: LINGUA E CULTURA LATINA Prof.ssa Mariangela BARLETTA QUADRO DELLE COMPETENZE SVILUPPATE NEL CORSO DELL ANNO SCOLASTICO COMPETENZE ABILITA 1. Riconoscere le caratteristiche e le tematiche della cultura classica e la loro influenza sulla cultura moderna a. Esporre in forma coerente le nozioni sugli autori e sul contesto culturale studiato. b. Stabilire connessioni motivate tra contesto storico-culturale e produzione letteraria. 1. Comprendere l evoluzione della lingua c. Tradurre testi in prosa non troppo complessi di genere storico, filosofico e retorico Obiettivi d apprendimento Il processo formativo è stato finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi disciplinari: conoscere e saper distinguere i tratti caratteristici della produzione letteraria dell autore in relazione al periodo di riferimento; inquadrare un periodo storico, definendone gli aspetti essenziali; riconoscere le caratteristiche di un testo latino; cogliere l evoluzione della lingua; tradurre testi in prosa relativi agli autori esaminati; effettuare confronti e raccordi interdisciplinari. Giudizio sul livello medio della classe Lo studio della lingua e cultura latina interessa gli alunni dell indirizzo Giuridico-Economico (ISEV). La classe, così strutturata, nel corso dell anno ha compiuto un percorso didattico di consolidamento e miglioramento delle conoscenze e delle competenze acquisite. La maggior parte degli alunni ha risposto in modo adeguato alle sollecitazioni ricevute, ha contribuito in modo propositivo allo svolgimento e alla discussione dei vari argomenti. In generale, il livello medio della classe si presenta quasi buono, anche se è da segnalare un caso specifico legato alla presenza di patologie certificate che hanno richiesto una maggiore guida e una maggiore facilitazione degli apprendimenti; inoltre, per alcuni alunni si riscontra la carenza di alcune conoscenze morfosintattiche relative allo studio della lingua latina. Dal punto di vista linguistico espressivo, la maggior parte degli alunni possiede un codice ed un lessico appropriato e corretto, dal punto di vista della socialità si riscontra partecipazione al dialogo educativo e una buona disponibilità a stabilire corretti rapporti interpersonali, sia tra loro, che con il docente. Metodologia d insegnamento La metodologia d insegnamento si è basata sulla lezione frontale dialogata e partecipativa, usata soprattutto per la trasmissione dei contenuti e sul lavoro cooperativo o in piccoli gruppi soprattutto per l analisi e la comprensione dei testi. 18

19 Tipologia di verifica Sono state effettuate prove orali, verifiche semistrutturate. Libro di Testo: A. Roncoroni, R.Gazich, E. Marinoni, E. Sada, Studia Humanitatis, Carlo Signorelli Editore, Il periodo storico di riferimento: caratteri generali Lucio Anneo Seneca: la vita e le opere. Dialoghi e Trattati; Le Epistulae ad Lucilium; il pensiero filosofico; la concezione del bene, del male, della ricchezza, della morte, del tempo; lo stile. Analisi passi antologici. Marco Fabio Quintiliano: la vita e le opere; Institutio Oratoria; la decadenza dell oratoria; la pedagogia; lo stile. Analisi passi antologici. Publio Cornelio Tacito: la vita e le opere; L Agricola; La Germania; Le Historiae; Gli Annales; Dialogus de Oratoribus; Il metodo storiografico; lo stile. Analisi passi antologici. Gaio Giulio Fedro: la vita e le opere; Le Fabulae; la denuncia sociale; lo stile. Analisi passi antologici. Tito Petronio Nigro : la vita e le opere. Il Satyricon; lo stile. Analisi passi antologici. Lucio Apuleio: : la vita e le opere. Le Metamorfosi (o Asino d oro). lo stile. Analisi passi antologici. Docente Alunni 19

20 Disciplina: STORIA DELL ARTE Prof. Giuseppe SCARCIGLIA QUADRO DELLE COMPETENZE SVILUPPATE NEL CORSO DELL ANNO SCOLASTICO COMPETENZE Individuare le differenze stilistiche di opere a confronto per giungere alla loro collocazione storica; acquisire autonomia nelle esperienze di lettura dell opera d arte, migliorando le capacità di utilizzare Ai contenuti acquisiti- saper collocare l opera artistica nel contesto storico/sociale, individuandone il messaggio visivo- possedere un adeguato lessico tecnico/critico- cogliere le differenze stilistiche fra i diversi artisti ed i diversi ambiti culturali ABILITA Analisi, sintesi e rielaborazione personaleoperare opportuni collegamenti interdisciplinari riconoscere le modalità secondo le quali gli artisti utilizzano e modificano le tradizioni, i modi di rappresentazione ed organizzazione spaziale ed i linguaggi espressivi Riconoscere le relazioni tra le manifestazioni artistiche delle diverse culture- individuare i significati dei messaggi visivi mettendo a fuoco il contesto socio/culturale entro il quale l opera si è formata e l eventuale rapporto con la committenza. Obiettivi d apprendimento Conoscenza degli argomenti di storia dell arte, dal Impressionismo alla Graffiti Art e di percorsi tematici trasversali: la rappresentazione del vero nelle opere della seconda metà dell Ottocento. Il rapporto dell arte nella storia e la sua funzione politico/sociale- la pittura oggettiva e soggettiva, l opposizione all impressionismo nelle opere di Cézanne, Van Gogh e le premesse per i nuovi movimenti del Novecento. I linguaggi del Novecento in relazione con il contesto storico- la deformazione della realtà per esprimere i contenuti. Il distacco dalla realtà e la rivalutazione della parte irrazionale dell uomo, il rapporto arte e comunicazione. Giudizio sul livello medio della classe L analisi della classe, confermata dalle plurime verifiche effettuate nel corso dell anno, manifesta una disomogeneità tra gli alunni, che compongono il gruppo classe. Alcuni alunni, hanno mostrato ottime capacità di ragionamento e di apprezzamento estetico, spirito di creatività e di iniziativa come metodo applicabile in varie problematiche, assumendo un atteggiamento serio e responsabile, raggiungendo un ottimo livello di conoscenze specifiche della materia. Tutti gli argomenti sono stati letti e commentati in classe e integrati dalla visione di filmati e diapositive. Metodologia d insegnamento Lo studio della storia dell arte è stato affrontato partendo dall analisi del contesto storicoculturale in cui l opera si inserisce fino a giungere, attraverso l osservazione e l analisi strutturale dell opera, alla lettura iconologica. Tra le tecniche d insegnamento è stata privilegiata la lezione 20

21 frontale integrata da momenti di discussione collettiva, da ricerche individuali o di gruppo e da eventuali approfondimenti collettivi sviluppati nel quadro dei progetti promossi dal Consiglio di classe. Lo strumento didattico utilizzato principalmente è stato il libro di testo in adozione, integrato da testi disponibili nella biblioteca, proiettori, cd-rom e sussidi audiovisivi. Lo spazio didattico principalmente utilizzato è stato quello dell aula e in alcune occasioni il laboratorio multimediale e la biblioteca. Tipologia di verifica Si sono adottate nel corso dell anno scolastico verifiche periodiche, con prove oggettive e colloqui, per valutare competenze specifiche. Nell'ultimo periodo dell'anno scolastico sono state effettuate verifiche approfondite per permettere di valutare: la comprensione del linguaggio tecnico riferito alle esperienze effettuate; la conoscenza di varie metodologie raggiunta attraverso l'osservazione e l'esperienza personale; lo sviluppo delle capacità creativo-operative riferite alle abilità di realizzazione; le capacità di rielaborazione critica e la preparazione storico-artistica di ogni singolo allievo. PROGRAMMA SVOLTO Lettura dell opera d arte applicata alle opere analizzate durante lo studio dei diversi periodi/stili/correnti: analisi iconografica e individuazione degli aspetti stilistico-formali Tutti i periodi analizzati sono stati esaminati introducendo il relativo contesto storico-culturale allo scopo di comprendere, con maggior consapevolezza, i processi evolutivi creati dall uomo nell espressione artistica e per favorire una visione multidisciplinare dell arte. Di ogni periodo sono stati analizzati i caratteri, le tecniche e i temi più ricorrenti degli stili, dei movimenti e delle correnti artistiche. Per ciascun autore esaminato sono stati osservati: la vita, gli aspetti formativi e le caratteristiche stilistiche oltre all analisi delle opere dettagliate qui di seguito. L IMPRESSIONISMO l Salon Des Refusés (1863) ; La tecnica pittorica; La pittura in Plein Air; Fotografia e pittura a confronto; E. Manet: Colazione sull erba; Il bar delle Folies-Bergères. C.Monet: Impressione sole nascente; Cattedrale di Rouen,pieno sole,armonia blu e oro; Lo stagno delle ninfee E.Degas: La lezione di ballo ; L assenzio. Pierre-Auguste Renoir: Bal au Moulin de la Galette ; Il Post-Impressionismo: Dalla natura alla realtà interiore P. Cèzanne: La casa dell impiccato a Auvers-sur-Oise-I giocatori di carte-la montagna di Sainte- Victoire. Vincent van Gogh: I mangiatori di patate; Autoritratto con cappello di feltro grigio; La camera dell artista ad Arles; Notte stellata; Campo di grano con volo di corvi. Le Secessioni europee IL NOVECENTO L ESPRESSIONISMO I due focolai: Francia e Germania; La pittura soggettiva e l analisi introspettiva; I Fauves (cenni generali); Il Die Brücke (cenni generali); Affinità e differenze tra i due movimenti; - Henri Matisse: La Danza; - Ernest Ludwig Kirchner: 21

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale ISTITUTO COMPRENSIVO ARCOLA-AMEGLIA Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Geografia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione Anno

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli