A.S. 2014/2015 ELENCO ALUNNI V A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.S. 2014/2015 ELENCO ALUNNI V A"

Transcript

1 Approvato 11/05/2015 La Coordinatrice della Classe (Prof.ssa Emily VECCARI) Il Coordinatore Didattico (Prof. Giovanni MORLEO)

2 A.S. 2014/2015 ELENCO ALUNNI V A N COGNOME NOME DATA DI LUOGO DI CF NASCITA NASCITA 1 CARROZZO ERIKA 02/12/1996 MESAGNE (BR) CRRRKE96T42F152O 2 BUCAREST CRETU STEFAN 20/12/1989 (ROMANIA) CRTSFN89T20Z129R 3 DE LUCA LUCIA G. 19/03/1995 MESAGNE (BR) DLCGYL95C59F152G 4 GIRASOLI SAMUELE 22/09/1996 MANDURIA (TA) GRSSML96P22E882I 5 INDRIZZI GIUSEPPE 22/12/1996 FASANO (BR) NDRGPP96T22D508I 6 LAZZARI LUISA 19/09/1996 GALATINA (LE) LZZLSU96P59D862C 7 MARINGIO FEDERICO G. 12/12/1996 BRINDISI MRNFRC96T12B180X 8 MORLEO JACOPO 24/05/1992 BRINDISI MRLJPG92E24B180G 9 PACCIOLLA FABIANA 26/03/1996 FASANO (BR) PCCFBN96C66D508M 10 SARDIELLO GRETA 17/10/1996 FASANO (BR) SRDGRT96R57D508F 2

3 DOCENTI Indirizzo Linguistico Moderno DOCENTI FIRMA MATERIA CONTINUITÀ DIDATTICA III IV V BARLETTA Mariangela Italiano X X VECCARI Emily Storia e Filosofia X X X GIANNELLI Erika Inglese X DE MILITO Silvia Francese X MAIORANO Maria Concetta Spagnolo X PASTORESSA Andrea Scienze X VERSIENTI Luigi Matematica e Fisica X X X SCARCIGLIA Giuseppe Salvatore Storia dell arte X X X GIULIANO Sac. Raffaele Religione X X X SAPONARO Michele Educazione fisica X X 3

4 Indirizzo Giuridico Economico DOCENTI FIRMA MATERIA CONTINUITÀ DIDATTICA III IV V BARLETTA Mariangela Italiano X X BARLETTA Mariangela Latino X X VECCARI Emily Storia e Filosofia X X X GIANNELLI Erika Inglese X DE MILITO Silvia Francese X MORLEO Giovanni Diritto X X PASTORESSA Andrea Scienze X VERSIENTI Luigi Matematica e Fisica X X X GIULIANO Sac. Raffaele Religione X X X SAPONARO Michele Ed. Fisica X X 4

5 STORIA DELLA CLASSE La VA di questo Liceo per l anno 2014/15, formata all inizio del corrente anno scolastico da 10 studenti, 5 femmine e 5 maschi, provenienti da Erchie, Latiano, Francavilla, Sava, Torre S. Susanna, Lecce. Durante il quinquennio ha subito delle modifiche che sono così illustrate: Classe Anno scolastico Alunne Alunni Totale alunni Nuovi inserimenti Alunni non promossi o ritirati I A 2010/ II A 2011/ III A 2012/ IV A 2013/ V A 2014/ La classe ha subito, com è evidente, nel corso degli anni diversi cambiamenti. Così, dunque, gli iscritti al primo anno sono stati cinque, tre maschi e due femmine; al termine dell anno scolastico, un alunno si è ritirato. Il secondo anno, si sono inseriti quattro alunni. Durante l anno scolastico, una si è ritirata e due non sono state promosse. All inizio del terzo anno si è inserito un nuovo alunno. Al quarto anno, la classe si compone di otto unità: quattro maschi e quattro femmine. Ci sono stati due nuovi inserimenti: un alunna a seguito di idoneità ed un alunno a seguito di trasferimento da altra scuola. Infine, nel corrente anno scolastico, ci sono stati due nuovi inserimenti entrambi per trasferimento da altre scuole a seguito di idoneità; pertanto la classe V risultava inizialmente composta da dieci alunni: cinque maschi e cinque femmine. Sin dal primo anno, nonostante la composizione variabile, la classe si è sempre dimostrata attenta e volenterosa, disponibile al dialogo educativo, interessata alle varie iniziative didattiche curriculari ed extracurriculari, ancorché non dotata di grande spirito di iniziativa. Nel corso degli anni, ha partecipato alle attività, sempre con pari interesse ed impegno. Alcuni alunni, presentano potenzialità molto buone. 5

6 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe è composta da dieci studenti (cinque maschi e cinque femmine). La formazione della stessa non ha avuto molta omogeneità, stante, per alcuni, una diversa provenienza di studi all origine. Essa è articolata nei due indirizzi: Giuridico Economico (ISEV) e Linguistico Moderno (ISFX). Del primo indirizzo fanno parte gli alunni Carrozzo Erika, De Luca Lucia Giusy, Maringiò Federico, Morleo Jacopo, Sardiello Greta; mentre, del secondo indirizzo fanno parte gli alunni Cretu Stefan, Girasoli Samuele, Indrizzi Giuseppe, Lazzari Luisa e Pacciolla Fabiana. La classe si presenta: in generale, compatta e solidale; partecipa in modo diverso all attività didattica; riguardo a situazioni particolari, si è reso necessario una maggiore attenzione da parte dei docenti e uno studio quotidiano più costante avrebbe potuto meglio supportare l interazione didattica; nelle circostanze diverse della vita scolastica, essa ha avuto una condotta solitamente corretta; sostanzialmente è disponibile al dialogo, alla discussione, al confronto. Relativamente all impegno e alla costanza nello studio, il gruppo classe si può dividere in due fasce di livello: una fascia di livello medio-alto che ha studiato con profitto, ha seguito il lavoro scolastico con attenzione costante, ha dimostrato di impegnarsi in modo più che discreto, ha instaurato un buon dialogo educativo, assumendo un comportamento generalmente equilibrato; una fascia di livello sufficiente che ha partecipato alle attività didattiche in modo discontinuo, con scarso impegno, non adottando un metodo di lavoro proficuo; un alunna: in presenza di diagnosi certificata Sindrome di Tourette, come si evince dal PEI, ha seguito la programmazione disciplinare della classe per obiettivi minimi; l alunna, nell esecuzione dei compiti scritti, necessita di un supporto da parte del docente, in rispetto ai suoi differenti ritmi di apprendimento. In generale, ha partecipato alle attività didattiche in modo continuo, con impegno, tuttavia, ha mostrato difficoltà relative alle capacità logiche e a casa non è stata adeguatamente supportata a causa di un contesto familiare socio-culturale molto basso, pertanto, non ha adottato un metodo di lavoro proficuo; un alunno: pur non essendo in possesso di diagnosi certificata, ha mostrato evidenti difficoltà nei processi di apprendimento, imputabili a tratti di tipo autistico/ Sindrome di Asberger ; pertanto, ha seguito la programmazione disciplinare della classe per obiettivi minimi, al fine di ridurre lo stress emotivo legato all eccessivo carico di lavoro a casa e per favorire un maggiore grado di autostima e autoefficacia. Tuttavia lo stesso alunno ha acquisito abilità tali, capaci di performance di apprendimento e divulgazione, talvolta di elevato livello; infine, un alunno: ha frequentato in modo molto saltuario e con alcun profitto, talché il Consiglio di Classe ha reputato di non doverlo ammettere, stante anche il fatto che lo stesso non ha mai presentato la domanda di ammissione agli Esami di Stato di questa sessione. Gli obiettivi finali sono stati raggiunti in modo e livelli differenti, in relazione ai diversi gradi di impegno ed alle capacità dimostrate dai singoli alunni. 6

7 OBIETTIVI SPECIFICI DI INDIRIZZO (P.O.F. d Istituto) - Formazione liceale specifica, caratterizzata dallo studio di tre lingue europee curriculari: inglese, francese, spagnolo, più altre in modo corsuale: tedesco, greco moderno, arabo, ecc.; - acquisizione di competenze linguistiche e comunicative e confronto con diversi patrimoni di storia, letteratura, civiltà; - armonica formazione umana ed apertura mentale, disponibilità intellettuale, psicologica, consapevolezza metodologica e critica marcata, rigore epistemologico. OBIETTIVI FORMATIVI COMUNI (Programmazione comune del consiglio di classe) - Favorire la formazione di un soggetto colto, capace di riflettere autonomamente e criticamente rispetto alle espressioni della cultura e della scienza. - Sviluppare la capacità di assumersi responsabilità, di organizzare il proprio lavoro e di valutare criticamente i risultati. - Potenziare le capacità di apprendimento autonomo. - Promuovere la capacità di assumersi responsabilità, di organizzare il proprio lavoro e di valutare criticamente i risultati. - Impadronirsi consapevolmente della metodologia sperimentale per risolvere situazioni nuove che richiedano flessibilità di pensiero e capacità di intervento operativo. OBIETTIVI COGNITIVI COMUNI Conoscenze - Conoscere in maniera articolata i vari saperi disciplinari. - Conoscere le lingue comunitarie, la storia e la cultura europea. Competenze - Saper analizzare, sintetizzare, generalizzare, astrarre. - Saper argomentare e rielaborare in modo critico e autonomo quanto appreso. - Saper porre e risolvere problemi. - Saper interpretare le nuove conoscenze. DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI: - 1. dimostrare di possedere conoscenze essenziali dei vari saperi disciplinari; - 2. saper applicare i procedimenti metodologici in modo corretto ed appropriato; - 3. essere consapevole della problematicità della realtà socio-culturale e mostrare disponibilità intellettuale nonché apertura mentale al cambiamento. - CONTENUTI INTERDISCIPLINARI (Concetti trasversali) - Il cittadino europeo nel mondo globale. - La rete, le informazioni e le comunicazioni. - I limiti e le possibilità delle conoscenze. - Libertà e giustizia. - Etica e politica. METODI E MEZZI ADOPERATI PER FAVORIRE L APPRENDIMENTO Metodi 7

8 - lezione frontale; - lezione interattiva; - metodo induttivo e deduttivo; - ricerche individuali e/o di gruppo; - problem solving; - lezione dialogata; - metodo esperienziale; - metodo scientifico; - scoperta guidata; - lavoro di gruppo; - brainstorming. Attrezzature e strumenti didattici - libri di testo; - fotocopie; - biblioteca; - L.I.M. - sussidi audiovisivi; - laboratorio linguistico; - laboratorio informatico - multimediale; - laboratorio scientifico; - attrezzature sportive. VERIFICHE La verifica ha avuto come presupposti: - - il rispetto delle caratteristiche personali dello studente; - - l accertamento dei risultati conseguiti da ogni studente; - - l efficacia ed efficienza dell attività programmatica. Gli strumenti di verifica sono stati quelli stabiliti nel nostro POF. VALUTAZIONE Facendo riferimento ai principi contenuti nel POF, la valutazione del processo di apprendimento, ha tenuto conto dell area cognitiva, dell area metacognitiva e dell area comportamentale del processo educativo di ogni alunno. La valutazione ha tenuto in considerazione fondamenti culturali ed educativi, quali: 1) La capacità di giudizio; 2) La generalità; 3) La scientificità. La valutazione, principalmente formativa, non ha non ha funzione definitoria, ma è uno strumento di aiuto, soprattutto per rassicurare e correggere l'alunno nel processo dell'apprendimento. La sua finalità è duplice: l) essa permette al docente di correggere: a) il lavoro dello studente, b) la propria programmazione, c) il proprio metodo didattico. 2) essa permette allo studente di capire qual è il suo livello metacognitivo: a) per il suo studio, b) per la sua comprensione, c) per la sua capacità di elaborazione o di applicazione dei contenuti. 8

9 La valutazione, che si è basata sulle prove scritte e su quelle orali, rispettivamente in numero di tre per ogni quadrimestre e tenuto presente il livello di partenza, l assiduità nella frequenza, l interesse e la partecipazione, l impegno e il comportamento, è la sintesi dei seguenti ambiti: settoriale, relativa a singole conoscenze; formativa, mirante al recupero delle carenze attraverso l analisi dello sbaglio (errata applicazione della norma) e dell errore (non conoscenza della norma stessa); sommativa funzionale alla valutazione finale della preparazione dello studente. La valutazione certifica competenze raggiunte e attribuisce dei crediti. I criteri tenuti presenti al momento della valutazione sono: Conoscenza e comprensione degli argomenti: insufficiente, frammentaria, carente, superficiale, completa, approfondita; Competenze l) osservazione e descrizione del testo impropria, sufficiente, adeguata, completa; 2) applica le conoscenze solo se guidato, in modo meccanico, in modo autonomo; 3) proprietà lessicale e chiarezza espositiva inadeguata, appropriata, efficace; 4) sviluppo logico-argomentativo confuso, schematico, essenziale, coerente, esteso; 5) metodo sistematico nello studio, ordinato nelle categorie, critico, autonomo nel lavoro. Capacità l) analisi errata, lacunosa, parziale, coerente, approfondita; 2) sintesi, scorretta, imprecisa, esatta; 3) interpretazione del testo individuando implicazioni, correlazioni; 4) interazione con i compagni e con i docenti inadeguata, costruttiva; 5) interesse e approfondimento; 6) capacità di sostenere le eventuali difficoltà scolastiche; 7) capacità operativa; 8) elaborazione critica e creativa; STRUMENTI Gli strumenti impiegati nella valutazione si possono così distinguere: l) valutazioni nel corso del lavoro scolastico su domande, interventi, quaderni di esercizi, appunti, l'uso del testo scolastico; 2) verifiche in itinere: colloqui orali, questionari, prove scritte, relazioni; 3) giudizio complessivo: valutazioni trimestrale (al biennio) o quadrimestrale (al triennio) e finale dell'anno, che attuano il criterio della globalità e, necessariamente, della formalizzazione numerica; il voto, benché riferito alle singole discipline, richiede un contesto valutativo più ampio, deputato al Consiglio di classe. CREDITO FORMATIVO Sono attribuiti crediti formativi per esperienze scolastiche ed extrascolastiche documentate, coerenti col corso di studi, che presentino significativi livelli di continuità e impegno personale, quali: - attività culturali; 9

10 - corsi in lingua; - corsi informatici; - attività di volontariato e solidarietà. Gli obiettivi programmati sono stati raggiunti da tutti gli alunni, sia pure a livelli diversi di profitto. La classe si presenta all Esame di Stato con un credito formativo, nel complesso, positivo ed apprezzabile. ATTIVITÀ DI RECUPERO E APPROFONDIMENTO Recupero e sostegno di lingua e letteratura francese; recupero di lingua e letteratura inglese; recupero di latino; recupero di lingua e letteratura italiana; recupero di filosofia; recupero di Matematica recupero di Scienze della Terra ATTIVITÀ INTEGRATIVE ED EXTRACURRICULARI In riferimento al P.O.F. d Istituto, ogni anno sono state proposte alla classe attività aggiuntive al normale curriculum. L adesione degli alunni si è dimostrata motivata e impegnata. 1 anno Progetto full immersion di Francese progetto full immersion Spagnolo Progetto full immersion Inglese Lettorato in lingua Corso di greco moderno Progetto scambio culturale: Liceo Erchie - Liceo Byrona Progetto solidarietà: Colletta Alimentare - Raccolta del Farmaco Partecipazione rappresentazione teatrale in lingua Progetto la difesa dell identità europea: visita alle Città della Grazia Cordoba, Sevilla, Granada Progetto il Novecento nell arte: Picasso - Malaga Percorso all Unità d Italia attraverso la cinematografia Progetto Orientamento universitario. 2 anno Progetto full immersion di Francese progetto full immersion Tedesco Progetto full Immersion Inglese Lettorato in lingua Progetto scambio culturale: Città di Erchie - Malta Progetto solidarietà: Colletta Alimentare - Raccolta del Farmaco Partecipazione rappresentazione teatrale in lingua Settimana di scambio Intercultura 10

11 Viaggio di istruzione a Londra Progetto Dialoghi in Cattedrale Progetto Difesa Donna Progetto Orientamento universitario 3 anno Progetto full immersion di Francese progetto full immersion Spagnolo Progetto full Immersion Inglese Progetto solidarietà: Colletta Alimentare - Raccolta del Farmaco Partecipazione rappresentazione teatrale in lingua Viaggio di istruzione a Bruxelles Viaggio di istruzione a Berlino Visita guidata ad Otranto e visita alla Mostra di Andy Warhol Visita guidata a Lecce sulle tracce del Barocco salentino Visita guidata a Brindisi-Museo provinciale Progetto Dialoghi in Cattedrale Progetto Percorsi di Maturità Progetto Difesa Donna Progetto Tiro con l Arco Progetto Orientamento universitario 4 anno Progetto full immersion di Francese progetto full immersion Spagnolo Progetto full Immersion Inglese Progetto solidarietà: Colletta Alimentare - Raccolta del Farmaco Partecipazione rappresentazione teatrale in lingua Viaggio di istruzione a Praga Visita guidata ad Alberobello Visita guidata a Lecce sulle tracce del Barocco salentino Visita guidata a Brindisi-Museo provinciale Progetto Percorsi di Maturità Progetto Difesa Donna Progetto Tiro con l Arco Progetto Orientamento universitario 5 anno Progetto Open Brains : Keep calm and follow your dreams, full immersion in lingua inglese Progetto Open Brains : La Guerra Civil española, full immersion in lingua spagnola Progetto Open Brains : Les Poetes maudits, full Immersion lingua francese Progetto interdisicplinare: La Grande Guerra tra storia e letteratura Progetto Didattica on-line/flip ClassRoom Progetto solidarietà: Colletta Alimentare - Raccolta del Farmaco Visita guidata a Brindisi- Palazzo Nervegna: Mostra di Andy Warhol Progetto Percorsi di Maturità Partecipazione rappresentazione teatrale in lingua - 11

12 Progetto Orientamento universitario ORIENTAMENTO Le attività formative nell ambito del Progetto Orientamento hanno avuto come fine essenziale quello di aiutare gli alunni a prendere consapevolezza delle proprie potenzialità e attitudini. La scuola ha ritenuto opportuno offrire agli studenti le informazioni essenziali circa i settori del mondo lavorativo e circa i percorsi di studi universitari, oltre che proporre loro alcuni spunti di riflessione sulla corretta metodologia di approccio alla scelta. Gli alunni hanno partecipato nel corso dell anno scolastico a incontri con esperti e referenti del mondo universitario ed a seminari di orientamento. RAPPORTI CON LE FAMIGLIE a. ora settimanale di ricevimento; b. comunicazioni e/o convocazioni in casi particolari; c. incontri collegiali scuola-famiglia. 12

13 ALLEGATI AL PRESENTE DOCUMENTO 1. RELAZIONI E PROGRAMMI DISCIPLINARI 2. SIMULAZIONE SECONDA PROVA 3. SIMULAZIONE TERZA PROVA 4. GRIGLIE DI VALUTAZIONE 13

14 ALLEGATO 1 RELAZIONI E PROGRAMMI DISCIPLINARI 14

15 Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Mariangela BARLETTA QUADRO DELLE COMPETENZE SVILUPPATE NEL CORSO DELL ANNO SCOLASTICO COMPETENZE ABILITA 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa 2. Produrre testi di vario tipo in relazione ai diversi scopi comunicativi. a. Comprendere, analizzare ed esporre le linee fondamentali di un testo in relazione al pensiero dell autore b. Acquisire una sufficiente padronanza delle competenze linguistiche finalizzate all analisi di un testo letterario e non. c. Acquisire una sufficiente padronanza delle competenze linguistiche relative alle diverse tipologie previste per la prima prova di esame (analisi del testo, articolo-saggio breve) Obiettivi d apprendimento Il processo formativo è stato finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi disciplinari: conoscere e saper distinguere i tratti caratteristici della produzione letteraria dell autore in relazione al periodo di riferimento; inquadrare un periodo storico, definendone gli aspetti essenziali; riconoscere le caratteristiche di un testo in prosa o in poesia; cogliere l evoluzione della lingua e il messaggio sotteso dalla lettura dei canti del Paradiso; produrre testi scritti in relazione alla tipologia scelta; effettuare confronti e raccordi interdisciplinari. Giudizio sul livello medio della classe La classe, nel corso dell anno, ha compiuto un percorso didattico di consolidamento e miglioramento delle conoscenze e delle competenze acquisite. La maggior parte degli alunni ha risposto in modo adeguato alle sollecitazioni ricevute, ha contribuito in modo propositivo allo svolgimento e alla discussione dei vari argomenti. In generale, il livello medio della classe si presenta buono, anche se sono da segnalare alcuni casi specifici legati alla presenza di patologie certificate e non che hanno richiesto una maggiore guida e una maggiore facilitazione degli apprendimenti. Dal punto di vista linguistico espressivo, la maggior parte degli alunni possiede un codice ed un lessico appropriato e corretto; dal punto di vista della socialità, si riscontra partecipazione al dialogo educativo e una buona disponibilità a stabilire corretti rapporti interpersonali, sia tra loro, che con il docente. Metodologia d insegnamento La metodologia d insegnamento si è avvalsa di diverse attività: lezione frontale dialogata e partecipativa, usata soprattutto per la trasmissione dei contenuti; il lavoro cooperativo o in piccoli gruppi soprattutto per l analisi e la comprensione dei testi. Inoltre, per promuovere l autonomia nell apprendimento sono stati avviati progetti di didattica on-line, attraverso i quali gli allievi, attraverso un percorso di ricerca personale hanno presentato alla classe alcuni approfondimenti interdisciplinari relativi agli argomenti proposti. 15

16 Tipologia di verifica Sono state effettuate prove orali, verifiche semistrutturate e simulazioni di prima prova. Libro di Testo : G. Baldi, S. Giusto, M. Rametti, G. Zaccaria, La Letteratura, Paravia, 2007 voll. 5/6 PROGRAMMA SVOLTO Il Positivismo e il Naturalismo: caratteri generali Il Verismo: caratteri generali G. Verga: biografia, ideologia, opere Letture: da Vita dei campi: La lupa Rosso Malpelo da I Malavoglia: Prefazione Il Decadentismo: caratteri generali Gabriele D Annunzio: biografia, ideologia, opere Letture : da Il piacere, libro III, cap. II: Un ritratto allo specchio: Andrea Sperelli ed Elena Muti da Il piacere, libro III, cap. III: Una fantasia in bianco maggiore da Le Laudi del cielo, della terra, del mare, degli eroi, da Alcyone: La pioggia nel pineto dal Notturno. La prosa notturna Giovanni Pascoli: biografia, ideologia, opere Letture: da Il fanciullino: Una poetica decadente da Myricae: X Agosto ; Arano ; Novembre La stagione delle Avanguardie Cenni su: - il Futurismo letture: Il Manifesto del Futurismo di F. T. Marinetti Il Manifesto tecnico della letteratura futurista di F. T. Marinetti - I Crepuscolari: S. Corazzini, G. Gozzano, M. Moretti - I Vociani: C. Rebora, Viatico Il Modernismo: caratteri generali 16

17 Italo Svevo: vita, ideologia, opere Letture: da Una Vita: Cap. VIII Le ali del gabbiano da Senilità: Cap. XII Il male avveniva, non veniva commesso da La coscienza di Zeno Cap. VIII: Psico-analisi Luigi Pirandello: biografia, ideologia, opere Letture: da L umorismo: Un arte che scompone il reale da Il fu Mattia Pascal: Capp. VII e IX La costruzione della nuova identità e la sua crisi da Uno, nessuno e centomila. Nessun nome La poesia tra le due guerre: l Ermetismo: caratteri generali Salvatore Quasimodo: biografia, ideologia, opere Letture: da Acque e terre: Ed è subito sera da Acque e terre: Alle fronde dei salici Giuseppe Ungaretti: biografia, ideologia, opere Letture: da L allegria: Il Porto sepolto, Veglia, San Martino del Carso, I fiumi, Mattina, Soldati Eugenio Montale: biografia, ideologia, opere Letture. da Ossi di seppia: Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato Non chiederci la parola. Dante, Paradiso: lettura, analisi e commento dei canti I, III, VI, XV, XXIII, XXXIII. Esercitazioni sulla tipologia A (analisi del testo) e B (saggio breve) della prima prova dell esame di Stato Le figure retoriche (fonetiche, semantiche, sintattiche) Il Docente Gli Alunni 17

18 Disciplina: LINGUA E CULTURA LATINA Prof.ssa Mariangela BARLETTA QUADRO DELLE COMPETENZE SVILUPPATE NEL CORSO DELL ANNO SCOLASTICO COMPETENZE ABILITA 1. Riconoscere le caratteristiche e le tematiche della cultura classica e la loro influenza sulla cultura moderna a. Esporre in forma coerente le nozioni sugli autori e sul contesto culturale studiato. b. Stabilire connessioni motivate tra contesto storico-culturale e produzione letteraria. 1. Comprendere l evoluzione della lingua c. Tradurre testi in prosa non troppo complessi di genere storico, filosofico e retorico Obiettivi d apprendimento Il processo formativo è stato finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi disciplinari: conoscere e saper distinguere i tratti caratteristici della produzione letteraria dell autore in relazione al periodo di riferimento; inquadrare un periodo storico, definendone gli aspetti essenziali; riconoscere le caratteristiche di un testo latino; cogliere l evoluzione della lingua; tradurre testi in prosa relativi agli autori esaminati; effettuare confronti e raccordi interdisciplinari. Giudizio sul livello medio della classe Lo studio della lingua e cultura latina interessa gli alunni dell indirizzo Giuridico-Economico (ISEV). La classe, così strutturata, nel corso dell anno ha compiuto un percorso didattico di consolidamento e miglioramento delle conoscenze e delle competenze acquisite. La maggior parte degli alunni ha risposto in modo adeguato alle sollecitazioni ricevute, ha contribuito in modo propositivo allo svolgimento e alla discussione dei vari argomenti. In generale, il livello medio della classe si presenta quasi buono, anche se è da segnalare un caso specifico legato alla presenza di patologie certificate che hanno richiesto una maggiore guida e una maggiore facilitazione degli apprendimenti; inoltre, per alcuni alunni si riscontra la carenza di alcune conoscenze morfosintattiche relative allo studio della lingua latina. Dal punto di vista linguistico espressivo, la maggior parte degli alunni possiede un codice ed un lessico appropriato e corretto, dal punto di vista della socialità si riscontra partecipazione al dialogo educativo e una buona disponibilità a stabilire corretti rapporti interpersonali, sia tra loro, che con il docente. Metodologia d insegnamento La metodologia d insegnamento si è basata sulla lezione frontale dialogata e partecipativa, usata soprattutto per la trasmissione dei contenuti e sul lavoro cooperativo o in piccoli gruppi soprattutto per l analisi e la comprensione dei testi. 18

19 Tipologia di verifica Sono state effettuate prove orali, verifiche semistrutturate. Libro di Testo: A. Roncoroni, R.Gazich, E. Marinoni, E. Sada, Studia Humanitatis, Carlo Signorelli Editore, Il periodo storico di riferimento: caratteri generali Lucio Anneo Seneca: la vita e le opere. Dialoghi e Trattati; Le Epistulae ad Lucilium; il pensiero filosofico; la concezione del bene, del male, della ricchezza, della morte, del tempo; lo stile. Analisi passi antologici. Marco Fabio Quintiliano: la vita e le opere; Institutio Oratoria; la decadenza dell oratoria; la pedagogia; lo stile. Analisi passi antologici. Publio Cornelio Tacito: la vita e le opere; L Agricola; La Germania; Le Historiae; Gli Annales; Dialogus de Oratoribus; Il metodo storiografico; lo stile. Analisi passi antologici. Gaio Giulio Fedro: la vita e le opere; Le Fabulae; la denuncia sociale; lo stile. Analisi passi antologici. Tito Petronio Nigro : la vita e le opere. Il Satyricon; lo stile. Analisi passi antologici. Lucio Apuleio: : la vita e le opere. Le Metamorfosi (o Asino d oro). lo stile. Analisi passi antologici. Docente Alunni 19

20 Disciplina: STORIA DELL ARTE Prof. Giuseppe SCARCIGLIA QUADRO DELLE COMPETENZE SVILUPPATE NEL CORSO DELL ANNO SCOLASTICO COMPETENZE Individuare le differenze stilistiche di opere a confronto per giungere alla loro collocazione storica; acquisire autonomia nelle esperienze di lettura dell opera d arte, migliorando le capacità di utilizzare Ai contenuti acquisiti- saper collocare l opera artistica nel contesto storico/sociale, individuandone il messaggio visivo- possedere un adeguato lessico tecnico/critico- cogliere le differenze stilistiche fra i diversi artisti ed i diversi ambiti culturali ABILITA Analisi, sintesi e rielaborazione personaleoperare opportuni collegamenti interdisciplinari riconoscere le modalità secondo le quali gli artisti utilizzano e modificano le tradizioni, i modi di rappresentazione ed organizzazione spaziale ed i linguaggi espressivi Riconoscere le relazioni tra le manifestazioni artistiche delle diverse culture- individuare i significati dei messaggi visivi mettendo a fuoco il contesto socio/culturale entro il quale l opera si è formata e l eventuale rapporto con la committenza. Obiettivi d apprendimento Conoscenza degli argomenti di storia dell arte, dal Impressionismo alla Graffiti Art e di percorsi tematici trasversali: la rappresentazione del vero nelle opere della seconda metà dell Ottocento. Il rapporto dell arte nella storia e la sua funzione politico/sociale- la pittura oggettiva e soggettiva, l opposizione all impressionismo nelle opere di Cézanne, Van Gogh e le premesse per i nuovi movimenti del Novecento. I linguaggi del Novecento in relazione con il contesto storico- la deformazione della realtà per esprimere i contenuti. Il distacco dalla realtà e la rivalutazione della parte irrazionale dell uomo, il rapporto arte e comunicazione. Giudizio sul livello medio della classe L analisi della classe, confermata dalle plurime verifiche effettuate nel corso dell anno, manifesta una disomogeneità tra gli alunni, che compongono il gruppo classe. Alcuni alunni, hanno mostrato ottime capacità di ragionamento e di apprezzamento estetico, spirito di creatività e di iniziativa come metodo applicabile in varie problematiche, assumendo un atteggiamento serio e responsabile, raggiungendo un ottimo livello di conoscenze specifiche della materia. Tutti gli argomenti sono stati letti e commentati in classe e integrati dalla visione di filmati e diapositive. Metodologia d insegnamento Lo studio della storia dell arte è stato affrontato partendo dall analisi del contesto storicoculturale in cui l opera si inserisce fino a giungere, attraverso l osservazione e l analisi strutturale dell opera, alla lettura iconologica. Tra le tecniche d insegnamento è stata privilegiata la lezione 20

21 frontale integrata da momenti di discussione collettiva, da ricerche individuali o di gruppo e da eventuali approfondimenti collettivi sviluppati nel quadro dei progetti promossi dal Consiglio di classe. Lo strumento didattico utilizzato principalmente è stato il libro di testo in adozione, integrato da testi disponibili nella biblioteca, proiettori, cd-rom e sussidi audiovisivi. Lo spazio didattico principalmente utilizzato è stato quello dell aula e in alcune occasioni il laboratorio multimediale e la biblioteca. Tipologia di verifica Si sono adottate nel corso dell anno scolastico verifiche periodiche, con prove oggettive e colloqui, per valutare competenze specifiche. Nell'ultimo periodo dell'anno scolastico sono state effettuate verifiche approfondite per permettere di valutare: la comprensione del linguaggio tecnico riferito alle esperienze effettuate; la conoscenza di varie metodologie raggiunta attraverso l'osservazione e l'esperienza personale; lo sviluppo delle capacità creativo-operative riferite alle abilità di realizzazione; le capacità di rielaborazione critica e la preparazione storico-artistica di ogni singolo allievo. PROGRAMMA SVOLTO Lettura dell opera d arte applicata alle opere analizzate durante lo studio dei diversi periodi/stili/correnti: analisi iconografica e individuazione degli aspetti stilistico-formali Tutti i periodi analizzati sono stati esaminati introducendo il relativo contesto storico-culturale allo scopo di comprendere, con maggior consapevolezza, i processi evolutivi creati dall uomo nell espressione artistica e per favorire una visione multidisciplinare dell arte. Di ogni periodo sono stati analizzati i caratteri, le tecniche e i temi più ricorrenti degli stili, dei movimenti e delle correnti artistiche. Per ciascun autore esaminato sono stati osservati: la vita, gli aspetti formativi e le caratteristiche stilistiche oltre all analisi delle opere dettagliate qui di seguito. L IMPRESSIONISMO l Salon Des Refusés (1863) ; La tecnica pittorica; La pittura in Plein Air; Fotografia e pittura a confronto; E. Manet: Colazione sull erba; Il bar delle Folies-Bergères. C.Monet: Impressione sole nascente; Cattedrale di Rouen,pieno sole,armonia blu e oro; Lo stagno delle ninfee E.Degas: La lezione di ballo ; L assenzio. Pierre-Auguste Renoir: Bal au Moulin de la Galette ; Il Post-Impressionismo: Dalla natura alla realtà interiore P. Cèzanne: La casa dell impiccato a Auvers-sur-Oise-I giocatori di carte-la montagna di Sainte- Victoire. Vincent van Gogh: I mangiatori di patate; Autoritratto con cappello di feltro grigio; La camera dell artista ad Arles; Notte stellata; Campo di grano con volo di corvi. Le Secessioni europee IL NOVECENTO L ESPRESSIONISMO I due focolai: Francia e Germania; La pittura soggettiva e l analisi introspettiva; I Fauves (cenni generali); Il Die Brücke (cenni generali); Affinità e differenze tra i due movimenti; - Henri Matisse: La Danza; - Ernest Ludwig Kirchner: 21

A.S. 2014/2015 ELENCO ALUNNI V A

A.S. 2014/2015 ELENCO ALUNNI V A Approvato 11/05/2015 La Coordinatrice della Classe (Prof.ssa Emily VECCARI) Il Coordinatore Didattico (Prof. Giovanni MORLEO) A.S. 2014/2015 ELENCO ALUNNI V A N COGNOME NOME DATA DI LUOGO DI CF NASCITA

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

DIPARTIMENTO DI STORIA DELL'ARTE Programmazione disciplinare triennio

DIPARTIMENTO DI STORIA DELL'ARTE Programmazione disciplinare triennio DIPARTIMENTO DI STORIA DELL'ARTE Programmazione disciplinare triennio Classi: terze indirizzo classico, linguistico e scienze umane Prendere consapevolezza del valore estetico dell'opera d'arte nelle varie

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate

FONDAZIONE MALAVASI. SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate FONDAZIONE MALAVASI SCUOLE MANZONI Liceo delle Scienze applicate PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: prof. Alessandro Boselli CLASSE IV SEZ. A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

STORIA (secondo biennio e quinto anno) Finalità disciplinari generali

STORIA (secondo biennio e quinto anno) Finalità disciplinari generali STORIA E FILOSOFIA I programmi delle nostre discipline si ispirano alla scansione individuata dalle indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli della scuola secondaria di secondo grado in

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE "G. V. GRAVINA" VIA UGO FOSCOLO CROTONE

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE G. V. GRAVINA VIA UGO FOSCOLO CROTONE ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE "G. V. GRAVINA" VIA UGO FOSCOLO CROTONE ANNO SCOLASTICO 20012-2013 MATERIA DI INSEGNAMENTO: STORIA CLASSE II SEZ. A INDIRIZZO: SCIENZE UMANE FIRMA LEGGIBILE DELL

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE. Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO:

DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE. Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO: DIPARTIMENTO STORICO-SOCIALE Progettazione delle Attività Didattiche per Competenze QUADRO DI RIFERIMENTO PER IL PRIMO BIENNIO: ALL.1 e ALL..2 D.M. N 139 del 22/08/2007 D.P.R. N 122 art. 8 del 22/06/ 2009

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Allegato N 11 Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Finalità Le finalità generali dell insegnamento della lingua straniera comprendono: l acquisizione

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1) http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 8 15/11/2013 154 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento)

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE P. LEVI PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) LINGUA E CULTURA LATINA / Primo biennio / Secondo biennio / Quinto anno

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s, 2014 2015 DIPARTIMENTO: MATERIE LETTERARIE MATERIA: ITALIANO COORDINATORE: De Benedictis Rosa Maria Classi: Quinte ARGOMENTO I: POSITIVISMO, NATURALISMO, VERISMO.

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Liceo Classico e Scientifico M.Spinelli - Giovinazzo Sede aggregata del Liceo Classico e Linguistico C.Sylos -Bitonto Via A. De Gasperi, 14-70054 Giovinazzo- tel.080/3948679 Fax 080/3042040 cod.scuola

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Classe I Sez D Materia : Geografia Docente: Fabio IONNI 1.ANALISI DELLA CLASSE: Conoscenze Competenze Comportamento

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno LICEO A. MEUCCI - APRILIA (LT) Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno Le linee guida per la programmazione annuale si riferiscono al secondo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Vania Minichiello Materia Psicologia Classe IV Sez. Lsu Testo adottato M. Bernardi, A. Condolf, Psicologia, Clitt Data presentazione

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI STORIA hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO. Indirizzo Scientifico. Indirizzo Scienze Applicate. Classe II. Primo Biennio

LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO. Indirizzo Scientifico. Indirizzo Scienze Applicate. Classe II. Primo Biennio LICEO SCIENTIFICO STATALE «V. VOLTERRA» - FABRIANO SEDE CENTRALE DI FABRIANO SEDE STACCATA DI SASSOFERRATO Indirizzo Scientifico Indirizzo Scienze Applicate Classe II Primo Biennio PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

Didattica per competenze- Introduzione

Didattica per competenze- Introduzione Programmazione biennio Didattica per competenze- Introduzione La didattica delle competenze si fonda sul presupposto che gli studenti apprendono meglio quando costruiscono il loro sapere in modo attivo

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Competenze Abilità dello studente A Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Programmazione didattica : Lingua e letteratura italiana

Programmazione didattica : Lingua e letteratura italiana Programmazione didattica : Lingua e letteratura italiana ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Docente :Iacolare Rosa - Classe V sez. A TITOLO: Le linee evolutive essenziali della letteratura europea dell'ottocento

Dettagli

COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE e CONTENUTI. Saper leggere in modo scorrevole un testo latino

COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE e CONTENUTI. Saper leggere in modo scorrevole un testo latino LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI - PERUGIA PIANO ANNUALE DI CLASSE A.S. 14-15 Classe 4a, sez. L MATERIA: LINGUA E LETTERATURA LATINA DOCENTE: ROSSELLA SPINA 1. Presentazione della classe La classe è composta

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA

ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA ISTITUTO COMPRENSIVO CIRIE II SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO DI SAN CARLO C. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA Premessa Lo studio della disciplina

Dettagli

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Vairano Scalo Liceo Scientifico Statale Leonardo da Vinci Vairano Scalo Programmazione didattica ed educativa A.S. 2015-16 Docente: De Sisto Annamaria Materia : Latino Classe II B 1) Profilo della classe e situazione

Dettagli