Corso di Tecnica Bancaria. Anno Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria"

Transcript

1 Corso di Tecnica Bancaria. Anno Prof. Roberto Malavasi Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria

2 In questa parte. Il rischio di credito Il rischio di liquidità Il rischio di mercato Il rischio di interesse Il rischio di cambio La gestione del portafoglio titoli

3 Una certa quantità di rischio è un tratto caratteristico e positivo delle banche e delle altre istituzioni finanziarie Si pensi, ad esempio, al rischio implicito nella attività di trasformazione delle scadenze: le banche normalmente raccolgono fondi con depositi a vista o a brevissimo termine e li investono anche in prestiti alle imprese a medio lungo termine e a tasso fisso, destinati al finanziamento di progetti pluriennali Ciò chiaramente le espone al rischio che i depositi vengano prelevati prima della scadenza dei corrispondenti prestiti (rischio di liquidità) o che il loro costo aumenti mentre il rendimento degli impieghi è prefissato (rischio di tasso di interesse) Oppure si pensi ai finanziamenti erogati a favore di società e privati, che sono soggetti a un certo tasso di insolvenza (rischio di credito)

4 Si tratta di una attività consistente e redditizia, ma che può portare alla perdita del capitale prestato, senza che questo ovviamente esima la banca dal restituire al pubblico i fondi con cui i prestiti erano stati finanziati Un altro esempio riguarda l attività di negoziazione in titoli, valute, merci, strumenti derivati: si tratta di beni e contratti il cui valore può ridursi in misura considerevole nel giro di poche ore (rischio di mercato) producendo considerevoli minusvalenze per la banca che li detiene in portafoglio E dunque normale che l attività di intermediazione finanziaria implichi l assunzione di rischi. Di conseguenza, una banca correttamente gestita non è quella che evita i rischi o che li riduce al minimo, ma, piuttosto, quella che riesce ad assumere rischi in modo equilibrato, premiando l investimento degli azionisti e insieme evitando di mettere a repentaglio la propria stabilià e quella del sistema finanziario in cui opera

5 A tal fine è necessario che le perdite eventualmente originate dai rischi a cui la banca è esposta trovino capienza nel capitale messo a disposizione dagli azionisti, così che non vengano intaccati i diritti dei terzi finanziatori In altre parole, se una banca sa di essere verosimilmente esposta al rischio di una perdita di 100 milioni di euro, non può operare con un patrimonio pari a 80 milioni di euro, perché se la perdita dovesse davvero realizzarsi, il capitale degli azionisti non sarebbe sufficiente e non risulterebbe possibile rimborsare i depositi, obbligazioni o altre passività per 20 milioni di euro. D altra parte, anche un patrimonio troppo consistente sarebbe inutilmente elevato e costringerebbe gli azionisti a mantenere immobilizzate nella banca risorse che potrebbero essere impiegatoe in maniera più profittevole altrove

6 Affinché il capitale di una banca sia proporzionato ai rischi è dunque necessario: censire e misurare i rischi in essere, arrivando a quantificare le possibile perdite future a essi associate garantire che il capitale sia adeguato a sopportare le perdite, anche alla luce della prevedibile evoluzione dei volumi intermediati e dei rischi Ricordiamo che l attività di misura dei rischi e di gestione del capitale ha ricevuto, negli ultimi vent anni, un fortissimo impulso da parte del comitato di Basilea per la Vigilanza Bancaria. Il Comitato non dispone di alcun potere legislativo o autorità sopranazionale; le sue proposte non hanno dunque valore legale. Il suo compito è quello di definire linee guida e raccomandazioni che vengono poi di norma recepite dalle autorità politiche e di vigilanza (ad esempio, Basilea 2 è stato trasformato in legge dalla Commissione e dal Parlamento dell Unione Europea)

7 Le principali tipologie di rischio E opportuno avvertire che la classificazione utilizzata ha natura non esaustiva e in qualche misura convenzionale Da un lato, infatti, esistono rischi per così dire minori da cui pure possono originare, in particolari circostanze, perdite tutt altro che trascurabili (e l innovazione finanziaria contribuisce a introdurne di continuo nuovi) Dall altro lato, il confine tra le diverse tipologie è in alcuni casi labile (così, ad esempio, un aumento del premio al rischio pagato da un obbligazione quotata può essere ascritto al rischio di mercato, di credito o di liquidità) anche se la classificazione proposta nel seguito è certamente utile dal punto di vista didattico

8 Le principali tipologie di rischio Rischi Mercato Liquidità Altri Credito Default Downgrading Recupero Esposizione Concentrazione Tasso Cambio Interesse Azionario Merci Volatilità Operativi Strategico Reputazionale

9 Il rischio di credito

10 Rischio di credito: prime definizioni In generale il rischio di credito. Si riferisce alla possibilità che una variazione inattesa del merito creditizio di una controparte nei confronti della quale esiste un esposizione generi una corrispondente variazione inattesa del valore di mercato della posizione creditoria Quindi il rischio di credito non è limitato (come spesso si crede) alla sola possibilità di insolvenza della controparte: anche il più banale deterioramento del merito creditizio della controparte stessa può essere considerata una manifestazione del rischio di credito

11 La banca si espone al rischio di credito nell attività di erogazione del credito, nella sottoscrizione di attività finanziarie (acquisto e detenzione di titoli obbligazionari) e nell assunzione di impegni futuri, come ad esempio il rilascio di garanzie alla clientela e più in generale la concessione di crediti di firma (anche l attività di negoziazione in valori mobiliari, in particolar modo quella in strumenti derivati, origina esposizioni al rischio di credito nella forma di rischio di controparte)

12 Una corretta determinazione del prezzo deve tener conto del grado di rischio incorporato in ciascuna operazione. Quando questo non accade, la banca si pone nella condizione di non massimizzare il proprio profitto e, dal punto di vista patrimoniale, di ridurre il proprio valore netto. Nel momento in cui la probabilità di insolvenza si alza, il premio per il rischio aumenta e il valore di mercato dell attività si riduce (il valore di mercato di un prestito subisce una riduzione nel momento che il valore attuale dei flussi futuri di quell attività finanziaria va determinato utilizzando un tasso di sconto che incorpora un premio al rischio che a sua volta riflette la probabilità di insolvenza) Il rischio di credito può essere scomposto in due componenti Rischio di insolvenza Rischio di spread Rischio di perdita conseguente all insolvenza del debitore Rischio di perdita conseguente al deterioramento del merito creditizio del debitore al quale farebbe seguito un aumento dello spread richiesto dal mercato

13 Volendo approfondire le componenti del rischio di credito, è possibile distinguere i seguenti elementi principali: Il tasso di perdita atteso si tratta del valore medio della distribuzione dei tassi di perdita. Proprio perché attesa, è evidente che tale perdita non rappresenta il vero rischio di un esposizione creditizia; in quanto stimata ex ante, infatti, essa viene direttamente caricata in termini di spread sulle condizioni di prezzo applicate dal mercato al creditore (per il suo merito di credito). La perdita attesa, sua volta, dipende dalla probabilità di inadempienza e dal recupero possibile dovuto a garanzie esistenti (tasso di perdita in caso di insolvenza) Se le perdite eguagliassero sempre l ammontare atteso, e la banca accantonasse fondi per pari ammontare, non vi sarebbe alcuna incertezza sulle condizioni di profittabilità e quindi alcuna conseguenza negativa sul reddito futuro

14 la variabilità della perdita attorno al suo valore medio: questa seconda componente rappresenta il vero fattore di rischio, ossia il rischio che la perdita risulti, a posteriori,di ammontare superiore a quella stimata ex ante. Mentre la prima componente la perdita attesa non può essere ridotta mediante un opportuno processo di diversificazione del portafoglio in termini di mercati geografici, settori merceologici, o classi dimensionali dei soggetti affidati, la seconda componente la variabilità di tale perdita (perdita inattesa) può essere ridotta mediante un adeguata politica di diversificazione del portafoglio impieghi della banca Il terzo elemento consiste, pertanto, nell effetto diversificazione, ossia nella diminuzione che il tasso di perdita inattesa subisce nel momento in cui, in uno stesso portafoglio, vengono inseriti impieghi i cui tassi di perdita attesa risultano caratterizzati da una correlazione non perfettamente positiva (inferiore all unità). Si tratta, in altri termini, di un fattore correttivo (al ribasso) della seconda componente che si registra ogni qualvolta un singolo prestito si inserisce in un portafoglio di prestiti preesistente nei confronti del quale la nuova operazione non si muove all unisono (si verifica cioè un effetto di riduzione della rischiosità media analogo a quello osservato per un portafoglio di attività finanziarie)

15 Se, per semplicità, ci concentriamo sul rischio di insolvenza, è possibile calcolare la perdita attesa (Expected Loss, EL) su una esposizione creditizia come: EL = EAD LGD PD Dove PD indica la probabilità di default assegnata al debitore, EAD il valore atteso dell esposizione al momento del default, LGD il valore atteso del tasso di perdita in caso di insolvenza

16 Immaginiamo ad esempio il caso di un cliente a cui una banca sta prestando euro a fronte di un fido di La banca ha stimato che, all approssimarsi di una eventuale insolvenza, il cliente potrebbe aumentare l utilizzo del fido fino a euro (EAD); inoltre, poiché il prestito è assistito da un consistente pegno su titoli in garanzia, la banca ritiene che in caso di insolvenza il 90% dell importo prestato sarebbe comunque recuperabile, mentre solo il 10% (LGD) andrebbe effettivamente perso Infine la probabilità che il cliente possa risultare insolvente nei prossimi 12 mesi è pari, secondo gli analisti della banca, all 1% (PD)

17 Al prestito è dunque associata una perdita attesa pari a: EL = % 1% = 120euro E importante osservare che la perdita attesa, in quanto attesa (cioè preventivata fin dall inizio) non è rischio, e dunque non dà origine a un rischio di credito propriamente detto. La reale componente di rischio è rappresentata dalla possibilità che le valutazioni effettuate su EAD, LGD, e P si manifestino a posteriori errate, ossia che si verifichi un deterioramento della PD della controparte non previsto dall istituzione finanziaria creditrice, oppure un utilizzo del fido superiore alle attese, o ancora un crollo nel valore dei titoli forniti in garanzia che conduca a un tasso di perdita superiore al 10%.

18 Mentre la probabilità di insolvenza dipende dal merito creditizio del debitore, il tasso atteso di recupero dipende principalmente dalla natura del finanziamento e dalle eventuali garanzie che lo assistono. La distinzione tra perdita attesa e perdita inattesa è particolarmente rilevante poiché è un elemento essenziale per le scelte gestionali che riguardano: L ammontare delle svalutazioni dirette e degli accantonamento necessari per fronteggiare la componente delle perdite attese Il mantenimento di una adeguata dotazione di capitale proprio per fronteggiare la componente inattesa di tali perdite La richiesta, al prenditore, di una maggiorazione nel tasso di rendimento che tenga conto delle svalutazioni e degli accantonamenti per le perdite attese e del costo del capitale che fronteggia le perdite inattese E quindi evidente che le metodologie di misurazione delle componenti di perdita attesa e inattesa devono essere particolarmente accurate e capaci di rappresentare il rischio non solo della singola transazione creditizia, ma anche di un insieme di esse, come ad esempio un portafoglio di crediti riferito ad un segmento di clientela o al totale della clientela della banca. Deve cioè essere possibile evidenziare gli effetti dell aggregazione delle singole posizioni creditizie all interno di un portafoglio e quantificarne, se esistono, gli effetti positivi in termini di riduzione del rischio. Come è noto, infatti, l aggregazione delle singole transazioni in un portafoglio può dar luogo a rilevanti benefici di diversificazione

19 Infatti, se da un lato l ammontare complessivo delle perdite attese di un portafoglio è il risultato della somma delle perdite attese delle singole transazioni, dall altro l ammontare complessivo delle perdite inattese può risultare inferiore alla semplice somma delle perdite inattese delle singole transazioni. In questo caso le implicazioni gestionali sono ovviamente rilevanti: mentre l ammontare degli accantonamenti necessari per fronteggiare le perdite attese è pari alla somma degli accantonamenti relativi alle singole transazioni, la quantità di capital complessiva per fronteggiare le perdite inattese può risultare inferiore alla somma dei capitali da detenere a fronte delle perdite inattese per le singole transazioni. Di ciò si terrà conto anche nella determinazione del tasso di interesse che la banca richiederà al prenditore

20 Per la stima del tasso atteso di insolvenza, si seguono, nella prassi, tre possibili approcci Il primo è costituito dai cosiddetti modelli analitico soggettivi, che consentono di tenere adeguatamente in considerazione sia le variabili di natura quantitativa, sia le variabili di natura qualitativa che, al contrario, un modello statistico non è in grado di cogliere. I modelli analitici presentano, tuttavia, lo svantaggio di essere modelli estremamente sensibili agli elementi soggettivi Un secondo possibile approccio consiste nei modelli di natura statistica che vanno generalmente sotto il nome di modello di rating o modelli di scoring. Un forte impulso allo sviluppo dei sistemi di rating interno è giunto alle banche europee, soprattutto quelle di minori dimensioni, dalla revisione dell Accordo di Basilea sui requisiti patrimoniale del 1988, nota come Basilea 2.

21 In merito all aspetto più critico delle metodologie di assegnazione dei rating, Basilea 2 si è limitata ad elencare alcuni requisiti di massima, lasciando alle banche l onere della scelta dell approccio di valutazione Tra queste, particolare attenzione è stata riversata dalle banche sulle tecniche automatiche, tra cui lo scoring, ossia una specifica tecnica di determinazione di una misura di affidabilità del prenditore sulla base di variabili di input e relazioni individuate e stimate su predefiniti campioni di debitori/creditori utilizzando apposite metodologie statistiche nella fase di costruzione del modello predittivo Tornando alla natura dei modelli, preme sottolineare che si tratta prevalentemente di modelli multivariati che, analizzando diversi indici contabili e attribuendo ad ognuno di essi, mediante opportune tecniche statistiche, una ponderazione, giungono ad una valutazione del merito creditizio che viene sintetizzata in un unico valore. Un terzo ed ultimo approccio per la stima dei tassi di insolvenza si fonda sui dati storici prodotti dalle agenzie di rating

22 Calcolo dei requisiti patrimoniali minimi per il rischio di credito secondo Basilea 2 Le banche possono scegliere tra i seguenti metodi per il calcolo dei requisiti patrimoniali minimi Complessità crescente 1. il metodo standard 2. il metodo rating interni di base 3. il metodo rating interni avanzato Requisito patrimoniale decrescente

23 Crediti verso imprese: nuovo accordo (Basilea 2) Portafoglio Imprese Ponderazioni impieghi Nuovo Accordo Da AAA a AA Da A+ a A- Da BBB a BB- Inferiore a BB- Senza rating 20% 50% 100% 150% 100% Capitale 1, necessario (per 100 euro di prestito)

24 Calcolo dei requisiti patrimoniali secondo il metodo dei rating interni Impiego euro ad una impresa Regole Basilea 2 Requisito patrimoniale funzione di (PD; LGD; EAD; M) (da 1,18% a 28,20%) Assorbimento Patrimonio di vigilanza = % Requisito patrimoniale (PD;LGD;EAD:M) x Impiego copertura rischio operativo Più cresce il requisito patrimoniale 0,10% 0,15% 0,18% 0,30% 0,40% 0,50% 0,80% 1,00% 1,30% 1,50% 2,00% 2,50% 3,00% 4,00% 5,00% 6,00% 10,00% 15,00% 20,00% Requisito patrimoniale Probabilità di default Più aumenta il rischio

25 Il calcolo del requisito patrimoniale secondo Basilea 2: metodo standard e metodo IRB Metodo Standard Esposizione Coefficiente di ponderazione fornito dalle agenzie di rating x 8% = Requisito patrimoniale EAD x PD x LGD x M +/- Granularity x 8% = Requisito patrimoniale Valori calcolati dalle banche (metodo del rating interno avanzato) Metodo di base

26 Per la stima del tasso di recupero, invece, va sottolineato come i fattori che determinano tale variabile siano essenzialmente quattro. La gravità dello stato di insolvenza, ossia l entità del divario tra il valore delle attività e il valore delle passività del soggetto affidato Il grado di liquidità delle attività dell impresa e, quindi, la relativa facilità con cui le attività a disposizione possono essere convertite in liquidità al fine di rimborsare i creditori La presenza di eventuali garanzie, sia reali sia personali, con il connesso grado di liquidità. Il Comitato di Basilea ha previsto, nel nuovo schema di regolamentazione del capitale, il riconoscimento di sconti sui requisiti patrimoniali da applicare alle esposizioni caratterizzate dalla presenza di strumenti di mitigazione del rischio di credito, quali le garanzie di natura personale o reale. La disciplina proposta ha una struttura flessibile che consente di variare lo sconto in funzione del tipo di garanzia presentata e della sua capacità di copertura del debito. Le tecniche di mitigazione del rischio, a seconda della loro tipologia, riducono il requisito di capitale agendo su variabili diverse, le garanzie personali sono modificative della probabilità di insolvenza (PD), mentre le garanzie reali (finanziarie o immobiliari) impattano sulla perdita al momento dell insolvenza (LGD) Il grado di esposizione, ossia l eventuale presenza di forme di seniority o di subordinazione nei confronti di altri creditori.

27 Una prima modalità per stimare quanto più puntualmente possibile il tasso di recupero, consiste nella valutazione soggettiva, svolta dalla singola banca, sulla base dell esperienza storica registrata sul proprio portafoglio prestiti; in presenza di una classificazione per tipologia di prestiti e per tipologia di soggetti affidati si può essere in grado di calcolare i tassi medi di recupero registrati in passato ed utilizzarli a scopo previsionale. Una seconda modalità, utilizzata soprattutto dalle banche anglosassoni, si basa sui dati di recovery desumibili dal mercato dei corporate bonds e/o dei prestiti sindacati a loro volta suddivisi per grado di seniority e di garanzia del finanziamento. Da ultimo, per la stima della perdita inattesa, è opportuno riflettere sul fatto che la perdita effettivamente registrata ex post da un portafoglio di impieghi può risultare diversa da quella stimata ex ante fondamentalmente per due ordini di motivi: per il fatto che il tasso di insolvenza risulti a posteriori superiore a quello stimato in origine e/o per il fatto che il tasso di recupero in caso di insolvenza risulti ex post inferiore a quello stimato ex ante. Seguendo una logica di tipo probabilistico, quale quella tipica dei modelli del valore a rischio (VAR), si deve valutare fino a quale punto il deterioramento di queste due variabili può manifestarsi con un certo livello di confidenza.

28 Nel contesto specifico del rischio di credito, questo equivale a stimare il livello al quale potrebbe giungere il tasso di perdita del portafoglio prestiti se si verificassero eventi sfavorevoli quali una recessione o un pesante peggioramento delle condizioni economiche nei settori o nei mercati geografici che sono stati destinatari delle operazioni di affidamento. Gli approcci che possono essere utilizzati per la misurazione della perdita inattesa possono differire tra loro in funzione di: La variabile di cui viene stimata la distribuzione di volatilità: è possibile infatti distinguere tra modelli che si fondano su una distribuzione dei tassi di perdita da quelli basati su una distribuzione dei valori di mercato. Le ipotesi relative alla distribuzione di probabilità, in quanto è possibile distinguere tra gli approcci basati su una distribuzione discreta e gli approcci basati su una distribuzione continua. Le modalità con cui vengono ottenute le misure di VAR con un determinato livello di confidenza desiderato: si distinguono, a tale riguardo, approcci che, una volta ipotizzata una particolare distribuzione, ottengono una misura del VAR corrispondente al livello di confidenza desiderato moltiplicando per un opportuno fattore la volatilità del tasso di perdita o del valore di mercato dell attività finanziaria dagli approcci che, facendo ricorso a metodi di simulazione, generano una distribuzione di probabilità e tagliano quest ultima in corrispondenza del percentile desiderato senza dover effettuare alcuna ipotesi circa la forma della distribuzione stessa.

29 Dopo aver quantificato la perdita attesa e la perdita inattesa relative alle singole posizione creditizie, non resta che stimare il grado di rischio relativo ad un portafoglio di più attività finanziarie. Mentre infatti il tasso di perdita attesa di portafoglio è dato dalla media ponderata dei tassi relativi alle singole esposizioni presenti nello stesso portafoglio, il tasso di perdita inattesa può risultare inferiore alla media ponderata dei tassi di perdita inattesa delle singole esposizioni ogni qualvolta si registri un grado di correlazione non perfettamente positiva tra le diverse attività finanziarie. In termini generali possiamo dire che i modelli di misurazione del rischio di credito, fornendo una stima del grado di rischio di un portafoglio di esposizioni creditizie siano esse prestiti, titoli obbligazionari, linee di credito o strumenti derivati over the counter e giungendo, quindi, a quantificare il conseguente assorbimento di capitale economico di una banca, consentono a quest ultima anche di: Realizzare un pricing più esatto dei propri prodotti determinando, ad esempio, il tasso attivo di un finanziamento coerente con il grado di rischio della controparte affidata: il tasso attivo applicato, infatti, dovrà tener conto del costo marginale del funding della banca, del tasso di perdita attesa e del premio al rischio a sua volta stimato mediante la quantità a rischio (VAR) e il prezzo del rischio, ossia il rendimento che gli azionisti della banca si attendono sul loro capitale Stimare in modo più puntuale la redditività corretta per il rischio della singola operazione o dell unità organizzativa che l ha originata; Sfruttare al massimo le opportunità di diversificazione offerte dal mercato per ottimizzare la composizione geografica o settoriale del portafoglio impieghi; Allocare, in ultima istanza, in modo efficace il capitale a disposizione

30 Rating del debitore Rating del garante Forma tecnica Garanzie reali Forma tecnica Margine disponibile In che percentuale di casi si rischia una perdita? PD Quale percentuale si perderà in caso di default? LGD Su quale esposizione effettiva? EAD Patrimonio (capitale, fondi generali) Copertura della perdita inattesa Accantonamenti/svalutazioni Copertura della perdita attesa Livello dei tassi Redditività cliente Costo del capitale Prezzo Costi operativi Politica commerciale

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea 2 - PMI e Retail Il documento pubblicato nel gennaio 2001 non prevedeva un trattamento delle PMI differenziato rispetto al portafoglio

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Lezione 1 Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Uniformità sistema creditizio Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche Centrali del G10. Obiettivo

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il pricing delle

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Il rating e l impatto sulle imprese Cambiamenti nella relazione banca-impresa Il nuovo Accordo non cambia solo le regole per la quantificazione del capitale regolamentare delle

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Argomenti I prestiti e la gestione del rischio di credito Da Basilea 1 a Basilea 2 Il Basilea 3 2 Da Basilea 1 a Basilea 2

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno Lezione 2 Sistemi di rating, il rating esterno Il rating Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza (LGD) Scadenza

Dettagli

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente Dott. Antonio Muto Vice Direttore Generale Banca di Roma 23 gennaio 2007 Agenda Basilea II e la

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito Corso di CB & F Elementi dell Accordo di Basilea (rischio di credito) Basilea II Si tratta della revisione del complesso di norme regolamentari internazionali che dal 1988 sono imposte alle banche dalle

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto.

Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto. -omissis- 1.7 Il ruolo delle garanzie Da più parti si sente dire e si legge che con Basilea 2 non serviranno più le garanzie o che esse avranno un ruolo ridotto. Riteniamo che queste affermazioni nascano

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI

BASILEA 2. La struttura generale dell accordo LE TAPPE PRINCIPALI BASILEA 2 La struttura generale dell accordo Monica Malta LE TAPPE PRINCIPALI 1974 nasce il Comitato di Basilea dei Paesi del G10 1988 stipula dell accordo "Basilea 1 1996 modifica dell accordo 2001 1

Dettagli

Modelli di portafoglio

Modelli di portafoglio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Modelli di portafoglio Corso di Risk Management Milano, 26 Marzo 2008 Perchè stimare EL e UL: un esempio Actual Portfolio Loss 2.00% 1.80% 1.60%

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1. LE FUNZIONI DELLA BANCA 2. GLI EQUILIBRI DELLA BANCA L EQUILIBRIO ECONOMICO L EQUILIBRIO FINANZIARIO L EQUILIBRIO PATRIMONIALE 3. I RISCHI

Dettagli

Introduzione ANDREA SIRONI

Introduzione ANDREA SIRONI I Introduzione ANDREA SIRONI I.1 Il rischio di credito: un problema di definizione i.2 Il rischio di credito: una classificazione I.3 Le componenti del rischio di credito I.4 Principali approcci alternativi

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

Agenda. Il Gruppo Cariparma Friuladria. Lo scenario economico e bancario. Da Basilea 1 a Basilea 2

Agenda. Il Gruppo Cariparma Friuladria. Lo scenario economico e bancario. Da Basilea 1 a Basilea 2 Agenda Il Gruppo Cariparma Friuladria Lo scenario economico e bancario Da Basilea 1 a Basilea 2 L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria: le garanzie Conclusioni 2 Crédit Agricole è una banca leader

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016) Tecnica Bancaria (Cagliari - 06) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca Argomenti

Dettagli

IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO

IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO Luca Majocchi Credito Italiano Convegno annuale APB Vicenza, 23 giugno 2000 (1) OBIETTIVO Condividere alcuni spunti di riflessione sulla prospettiva

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE?

IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE? IL RUOLO DEL CENTRO FIDI TERZIARIO QUALI GARANZIE? II Forum annuale sulla Finanza d impresa Gli strumenti per affrontare la crisi e sostenere la crescita delle PMI Prato, 23 aprile 2009 Email: a.doti@centrofiditerziario.it

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

Policy di valutazione e pricing. - obbligazioni ordinarie -

Policy di valutazione e pricing. - obbligazioni ordinarie - Policy di valutazione e pricing - obbligazioni ordinarie - 23 maggio 202 INDICE POLITICA DI VALUTAZIONE E PRICING... 3. CARATTERISTICHE DELLE METODOLOGIE DI PRICING E PROCESSO VALUTATIVO... 3.2 MERITO

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2)

STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) STRUMENTI E PRODOTTI FINANZIARI (2) Novembre 2011 Università della Terza Età 1 Le Obbligazioni Le obbligazioni sono titoli di credito autonomo, rappresentativi di prestiti contratti presso il pubblico

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

Modello Interno di Rating del Segmento Retail

Modello Interno di Rating del Segmento Retail Modello Interno di Rating del Segmento Retail Ricerca Newfin FITD Università Bocconi Milano, Framework Piano di lavoro Introduzione Cenni normativi Definizione del segmento Retail Trattamento del segmento

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital SA e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.6.2009 COM(2009) 258 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE Relazione annuale della Commissione sulla situazione e la gestione del Fondo di garanzia

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Le funzioni della banca. Lezione 1 1

Le funzioni della banca. Lezione 1 1 Le funzioni della banca Lezione 1 1 Le principali funzioni svolte dalle banche sono: Funzione monetaria; Funzione creditizia; Funzione di mobilizzazione del risparmio; Funzione di trasmissione degli impulsi

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO L APPLICAZIONE DI BASILEA 2 NEL SISTEMA DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO Juan Lopez Funzione Studi - FEDERCASSE Battipaglia, 17 maggio 2006 Indice della presentazione Il Credito Cooperativo L approccio

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017)

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS UNIATTIVA (scad. 12/2017) 1 - ISTITUZIONE, DENOMINAZIONE E CARATTERISTICHE DEL FONDO INTERNO CREDITRAS VITA S.p.A. (di seguito Società) ha istituito e gestisce,

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE in collaborazione con: Promem Sud Est S.p.A. Società per la Promozione dei Mercati Mobiliari Sud Est S.p.A. GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE a cura del Dott. Aurelio Valente Amministratore

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo

Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Ruolo delle Obbligazioni Bancarie Garantite nella strategia di raccolta di Intesa Sanpaolo Roma, Giugno 2007 Indice Introduzione Uso del CB: il merito di credito di partenza Uso del CB: entità/qualità

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Convegno ABI Basilea 3 Roma, 20 giugno 2011 1 Premessa - Il perimetro di gioco - Quale valore? Contabile? Commerciale? Ragioniamo

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Definizioni La banca può essere definita sotto due diversi profili:

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business -

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - Claudio Queirolo - Responsabile Studi ed Attività Creditizia - Credito Italiano

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni

Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni Offerta al pubblico di LIFE INCOME 360 prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto UL14UI) Regolamento dei Fondi interni REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS INCOME 360 1

Dettagli