Pegno di azioni e quote: presupposti, modalità costitutive ed effetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pegno di azioni e quote: presupposti, modalità costitutive ed effetti"

Transcript

1 062307AVV0907_038Amati.qxd :03 Pagina 38 Pegno di azioni e quote: presupposti, modalità costitutive ed effetti Presupposti ed effetti del pegno sui diritti inerenti agli strumenti partecipativi societari, con particolare riguardo al diritto di voto e al diritto di opzione. Modalità operative per la sua costituzione su azioni di s.p.a. e su quote di s.r.l. a cura di Luca Amati* LA QUESTIONE Una partecipazione sociale può essere oggetto di pegno? Quali sono i presupposti giuridici per poter avvalersi di tale strumento di garanzia? Quali le modalità per rendere operativo il vincolo? Quali sono gli effetti pratici di tale operazione in capo al debitore e al creditore pignoratizio? Cosa accade ai diritti patrimoniali e amministrativi inerenti agli strumenti partecipativi vincolati? INTRODUZIONE La fattispecie del pegno su strumenti partecipativi (azioni e quote sociali) di società di capitali risulta essere, alla luce della prassi, molto diffusa e di primario rilievo per l operatore del diritto. Essa, infatti, costituisce valido strumento di garanzia affinché il titolare delle partecipazioni possa ottenere più agevolmente una linea di credito o affinché il creditore possa tutelare con un adeguato livello di certezza le proprie ragioni nei confronti del socio debitore. È noto, invero, che ogni qual volta si verifica una situazione di crisi anche solo momentanea o paventata dell impresa, i creditori, attuali o potenziali (quali essi siano, privati o istituti di credito), tendono a tutelarsi attraverso strumenti preventivi e successivi. I primi consistono (in una fase prodromica alla concessione del finanziamento) in un analisi economica preventiva (c.d. due diligence) sia del soggetto richiedente il prestito sia della serietà e affidabilità del progetto industriale al cui perfezionamento il finanziamento è preordinato. I secondi consistono, appunto, nel sottoporre l erogazione del prestito al rilascio, da parte del soggetto destinatario del prestito, di idonee garanzie (reali o personali) volte ad as- *Avvocato del Foro di Milano, Studio legale Goltara & associati. 38 N 9 - settembre 2007

2 062307AVV0907_038Amati.qxd :03 Pagina 39 sicurare il rientro dall esposizione debitoria; tra questi rientra il pegno su azioni o quote di società di capitali. La notevole eterogeneità di ipotesi e fattispecie cui lo strumento del pegno su strumenti partecipativi si riferisce rende evidente l interesse che lo stesso riveste, e al tempo stesso ne appalesa le problematiche che, nell applicazione pratica, tendono inevitabilmente a manifestarsi. In particolare, le maggiori difficoltà risultano essere legate all esigenza di conciliare diversi interessi entrambi meritevoli di tutela, e cioè quello alla gestione della società e al suo sviluppo coerente (di cui è titolare il socio debitore) e quello volto alla conservazione e tutela della garanzia patrimoniale (di cui è titolare il creditore). Sinteticamente, con riserva di ulteriori e più ampie precisazioni nelle sezioni dedicate, possiamo anticipare che l orientamento dominante, sia in dottrina sia in giurisprudenza, tende a considerare preminenti (e conseguentemente a tutelare) le ragioni del creditore, titolare della garanzia, attraverso il riconoscimento della legittimazione all esercizio di numerosi diritti amministrativi correlati alla titolarità degli strumenti partecipativi, di cui il debitore è temporaneamente spogliato a favore, appunto, del titolare del diritto di pegno. L essenza del pegno avente a oggetto azioni e quote risiede proprio nel consentire al creditore pignoratizio di potere prendere parte attiva alla vita della società attraverso l esercizio dei principali diritti amministrativi correlati alle stesse azioni e quote, e ciò al fine ultimo di vigilare sull integrità e la capienza del patrimonio sociale. Codice civile Art Pegno Art Pegno, usufrutto e sequestro delle azioni Art Nozione Art Costituzione Art Prelazione del creditore pignoratizio R.D. 29 marzo 1942, n. 239 Norme interpretative, integrative e complementari del R.D. n. 1148/1941 convertito nella legge n. 96/1942 riguardante la nominatività obbligatoria dei titoli azionari. Art. 3 Vincoli reali sulle azioni LE NORME D.Lgs. 9 ottobre 2002, n. 231 Attuazione della direttiva 2000/35/Ce relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali. Il pegno su azioni LA FATTISPECIE L art c.c. stabilisce che possono essere concessi in pegno i beni mobili, le universalità di beni mobili, i crediti e altri diritti aventi per oggetto beni mobili. N 9 - settembre

3 062307AVV0907_038Amati.qxd :03 Pagina 40 L azione, intesa come entità rappresentativa e numerica di una determinata partecipazione sociale è, nella sua materialità, un bene mobile, che può formare oggetto di diritti e che quindi può essere soggetta al diritto di pegno. Essa rileva sotto due profili: il primo, oggettivo, che la vede come una quota proporzionale che va a comporre, assieme alle altre azioni emesse, il capitale sociale, e il secondo, soggettivo, che riguarda la posizione del socio titolare della partecipazione azionaria, partecipazione che lo pone nella titolarità di diritti patrimoniali e amministrativi. In altre parole, il titolo azionario costituisce la sintesi dei poteri e dei doveri del socio all interno della compagine sociale. A livello generale possiamo altresì affermare che i vincoli potranno avere a oggetto tutte le diverse tipologie di azioni. Y Modalità costitutive Il pegno su azioni richiede, affinché la costituzione sia regolare, l osservanza sia delle disposizioni codicistiche, di cui agli artt. 2024, 2026, 2786 e 2787 c.c., sia dei precetti contenuti nella normativa speciale, avuto particolare riguardo al R.D. n. 239/1942. Inoltre, a seguito della c.d. dematerializzazione degli strumenti finanziari negoziati sui mercati regolamentati (D.Lgs. n. 213/1998), il legislatore ha dettato delle disposizioni specifiche circa le modalità di costituzione dei vincoli sui titoli azionari non rappresentati da un supporto cartaceo. In considerazione di quanto sopra sintetizzato, è quindi possibile individuare due regimi diversi di costituzione del pegno su azioni, a seconda che oggetto della garanzia reale siano dei titoli azionari in regime di cartolarizzazione (azioni di società non quotate) oppure in regime di dematerializzazione (azioni di società quotate). Operativamente, cominceremo a trattare del pegno di azioni in regime di cartolarizzazione: esso può attuarsi secondo due ben distinte procedure, tra di loro alternative, e precisamente: la prima prevede la doppia annotazione del vincolo: sul titolo azionario e nel libro soci; la seconda prevede la materiale consegna del titolo, girato dal socio al creditore pignoratizio con l apposizione contestuale della clausola in garanzia. A prescindere dal sistema utilizzato, è di assoluta rilevanza ricordare che, oltre ai predetti adempimenti, per la validità della costituzione della garanzia reale nonché per l efficace esercizio della prelazione da parte del creditore pignoratizio, sarà necessaria la redazione e sottoscrizione della scrittura con data certa (prevista dal comma 3 dell art c.c.), non risultando questa fungibile con l annotazione del vincolo sul titolo e nel libro soci. Si evidenzia che, affinché il pegno sia opponibile alla società, è requisito essenziale e imprescindibile l annotazione del vincolo nel libro dei soci. La costituzione del vincolo (reale) fa sorgere in capo alla società l obbligatorietà di un ulteriore adempimento, costituito dal deposito per l iscrizione nel competente Registro delle imprese dell elenco aggiornato dei soggetti beneficiari dei vincoli che gravano sui titoli. Per quanto riguarda il pegno su azioni in regime di dematerializzazione, la normativa di riferimento (art. 34 D.Lgs. n. 213/1998) precisa che la costituzione del diritto richiede la registrazione del vincolo in uno specifico conto, differente da quello ordinario, detenuto presso l intermediario finanziario. 40 N 9 - settembre 2007

4 062307AVV0907_038Amati.qxd :03 Pagina 41 Il pegno si perfeziona, quindi, con l iscrizione dei vincoli in detto conto, nel quale deve essere specificata la natura del vincolo, le eventuali indicazioni supplementari, in particolare quelle concernenti l attribuzione dei diritti patrimoniali e amministrativi relativi ai titoli concessi in garanzia, la causale dell operazione e la data dell operazione da iscrivere. Non risulta quindi necessaria, a differenza che per il procedimento avente a oggetto le azioni cartolarizzate, l annotazione nel registro della società emittente ai fini della costituzione del vincolo, e (secondo parte della dottrina) neanche ai fini della legittimazione all esercizio dei diritti sociali a cui il creditore pignoratizio è per legge legittimato, risultando sufficiente il rilascio di idonea certificazione da parte dell intermediario autorizzato. Si dubita che occorra, per la valida costituzione del pegno, la redazione e sottoscrizione di scrittura privata avente data certa, in quanto la relativa funzione di certezza appare, a tutti gli effetti, sostituita dall annotazione che l intermediario dovrà effettuare ai sensi degli artt reg. Consob n /1998. Per quanto concerne, da ultimo, gli effetti che si determinano a seguito della costituzione del pegno sulle azioni dematerializzate nei confronti della società emittente, questi sono condizionati al tradizionale adempimento dell annotazione nel libro soci della costituzione del vincolo reale. La realizzazione di tale adempimento viene garantita attraverso la comunicazione che l intermediario deve effettuare alla società emittente ai sensi dell art. 34 (D.Lgs. n. 213/1998). Esercizio dei diritti amministrativi I diritti sociali (patrimoniali e amministrativi) consentono al titolare degli stessi, in proporzione agli strumenti partecipativi posseduti, di incidere sulla vita della società e di trarne utilità economiche. In sintesi, i diritti amministrativi (o corporativi) permettono al socio di incidere (ad esempio attraverso il diritto di voto) sulla politica relativa alle scelte operative della società. I diritti patrimoniali, invece, rappresentano e costituiscono i vantaggi di natura economica cui il socio ha diritto quale titolare di un determinato pacchetto azionario; in essi vengono compresi il diritto a percepire gli utili, di ricevere la quota di liquidazione all esito della relativa fase, il diritto a ricevere il corrispettivo di cui alla liquidazione della quota in caso di esercizio del diritto di recesso, il diritto di opzione in caso di aumento di capitale, gratuito o a pagamento. Ora, nel caso in cui, sulle azioni, sia costituita la garanzia pignoratizia, si pone la questione di come, da un punto di vista operativo, si possano conciliare le caratteristiche proprie del pegno con quelle relative ai diritti spettanti al socio. Certamente non è di aiuto il solo dato normativo, vista la scarsità di disposizioni al riguardo, essenzialmente riconducibili al disposto di cui all art c.c. Verranno qui di seguito analizzate le principali fattispecie utilizzate nella prassi negoziale nell attribuzione dei diritti amministrativi; di seguito, di quelli patrimoniali. Y Il diritto di voto Per quanto riguarda il diritto di voto, il legislatore ha espressamente stabilito che questo N 9 - settembre

5 062307AVV0907_038Amati.qxd :03 Pagina 42 spetti, salvo diversa pattuizione, al creditore pignoratizio (art c.c.). La giurisprudenza, come si vedrà, è orientata a ritenere che il creditore titolare, salvo patto contrario, del diritto di voto incontri, come unico limite nell esercizio dello stesso, quello rappresentato dal divieto di votare in odium socii, il che vuole dire che il voto stesso deve risultare coerente con la ratio della sua attribuzione (tutelare la garanzia patrimoniale del creditore) potendo anche risultare diverso da quello che avrebbe esercitato il socio, purché ciò non sfoci in interessi meramente egoistici o, peggio, in finalità emulatorie in danno al socio debitore, i quali non inficierebbero la validità della delibera assembleare ma rileverebbero solo a livello di rapporti interni tra debitore e creditore, potendo dar luogo a un azione per risarcimento dei danni. Anche al fine di evitare il pericolo appena menzionato, nel contratto costitutivo del vincolo le parti possono, in deroga a quanto previsto dalla norma citata, stabilire che il diritto di voto resti in capo al soggetto debitore, con la previsione di determinati correttivi volti a tutelare anche le ragioni del creditore pignoratizio. Bisognerà porre infine attenzione ai precetti contenuti nello statuto prima di pervenire alla costituzione del pegno stesso, onde evitare di incorrere in una fattispecie vietata dai patti sociali. Salvo quanto sopra premesso, l autonomia contrattuale delle parti consente l inserimento nel contratto di pegno di clausole, di solito anche alquanto articolate, che stabiliscano e regolino nel dettaglio le modalità dell esercizio del diritto di voto. A titolo esemplificativo, si possono rammentare quelle che prevedono un obbligo di consultazione in capo al costituente, che dovrà quindi previamente informare il creditore pignoratizio delle proprie intenzioni di voto e ciò al fine di mantenere una linea comune in merito alle singole deliberazioni che verranno adottate in assemblea. Inoltre, non è raro rinvenire nella prassi delle clausole contrattuali che prevedano il trasferimento del diritto di voto in capo al creditore al verificarsi di una situazione di inadempimento contrattuale riguardante il contratto di finanziamento, causa (in senso tecnico-giuridico) della dazione in pegno. Y Impugnazione delle delibere assembleari Tra i diritti strettamente correlati al diritto di voto in assemblea, il diritto di impugnazione delle delibere assembleari riveste un ruolo preminente a causa dell incidenza che lo stesso può avere sugli assetti societari. Ne deriva che, in assenza di un dato legislativo univoco (infatti l ultimo comma del novellato art c.c. recita: «i diritti amministrativi diversi da quelli previsti nel presente articolo spettano, nel caso di pegno od usufrutto, sia al socio sia al creditore pignoratizio»), l attribuzione di tale diritto in capo al socio debitore o al creditore pignoratizio non è di secondaria importanza. Partiamo dal dato legislativo: in assenza di una chiara e specifica pattuizione sottoscritta dalle parti, il diritto di impugnativa spetta a entrambi i soggetti. In passato, prima della novella del 2003, dottrina e giurisprudenza, in mancanza delle disposizioni (peraltro non univoche, come detto) di cui al novellato art c.c., avevano avuto modo di confrontarsi pervenendo, in estrema sintesi, a tre diverse conclusioni, tutte supportate da congrue motivazioni, che vedevano: a) titolare del diritto di impugnati- 42 N 9 - settembre 2007

6 062307AVV0907_038Amati.qxd :03 Pagina 43 va il solo socio; b) titolare del diritto di impugnativa il solo creditore pignoratizio; c) titolari disgiunti sia il socio sia il creditore pignoratizio. In conclusione, a prescindere dalle (pure importanti) questioni dottrinarie, appare chiaro che, visto il dettato codicistico che attribuisce il diritto di impugnativa delle delibere assembleari sia al socio costituente che al creditore pignoratizio, saranno quanto mai auspicabili, per non dire imprescindibili, specifiche disposizione contenute nel titolo (il contratto di pegno). Y Il diritto di recesso Per quanto attiene l attribuzione del diritto di recesso, pacifica (anche dopo la riforma del 2003) è l opinione secondo la quale esso spetta in via esclusiva al socio. Ciò in base a ragioni sia di ordine sistematico (l art c.c., in tema di recesso, parla esclusivamente del socio), sia di ordine logico: se il legislatore ha espressamente riconosciuto al socio debitore la titolarità del diritto di opzione al fine di tutelare e preservare la misura della sua partecipazione all interno della compagine sociale, è evidente come al solo socio possa spettare la decisione di porre fine al rapporto sociale. Y I diritti amministrativi c.d. minori Per quanto concerne gli altri diritti amministrativi (diritto di intervento, diritto di informazione, diritto di chiedere il rinvio dell assemblea), ne viene riconosciuta quasi pacificamente l attribuzione in capo al creditore pignoratizio, in base alla stretta connessione di tali diritti con quello di voto. Esercizio dei diritti patrimoniali Y Il diritto di opzione Nell ambito dei diritti patrimoniali spettanti al socio, quello di opzione assume una posizione di notevole rilevanza, in quanto permette allo stesso, in presenza di particolari fattispecie, quali l aumento del capitale sociale, di potere sottoscrivere, con preferenza rispetto a soggetti terzi non soci, le azioni di nuova emissione. È evidente l utilità economica correlata al diritto di opzione, che può essere anche ceduto o rinunziato, a particolari condizioni. Ebbene, per quanto concerne tale (importante) diritto, il dettato normativo (art c.c.) è chiaro nell attribuire l esercizio dello stesso in capo al socio. Prosegue la norma: «Qualora il socio titolare dell opzione non provveda almeno tre giorni prima della scadenza al versamento delle somme necessarie per l esercizio del diritto di opzione, e qualora gli altri soci non si offrano di acquistarlo, questo deve essere alienato per suo conto a mezzo banca o intermediario autorizzato alla negoziazione nei mercati regolamentati». Di notevole rilevanza, ai fini dell estensione del pegno alle azioni di nuova emissione, è la distinzione tra aumento di capitale gratuito o a pagamento. Nel primo caso, disciplinato dall art c.c., l aumento di capitale si attua mediante il passaggio di riserve disponibili a capitale, senza quindi un esborso monetario da parte dei soci. L attribuzione (gratuita) di nuove azioni ai soci è perciò considerata come N 9 - settembre

7 062307AVV0907_038Amati.qxd :03 Pagina 44 un estensione di valore delle azioni preesistenti che non altera i rapporti preesistenti all interno della compagine sociale. La neutralità del passaggio da riserve a capitale viene quindi mantenuta nei rapporti intercorrenti tra il socio e il creditore pignoratizio. Ne deriva che «nel caso di aumento del capitale sociale ai sensi dell art. 2442, il pegno, l usufrutto o il sequestro si estendono alle azioni di nuova emissione» (art. 2352, comma 3, c.c.). Diversamente, in caso di aumento di capitale c.d. a pagamento, vi è un acceso dibattito in dottrina avente a oggetto l estensione automatica o meno del pegno alle azioni di nuova emissione. Sembra attualmente prevalere la tesi che vede attribuire alle azioni di nuova emissione (optate) una propria autonomia, basata su una scelta discrezionale del socio debitore, escludendo per ciò stesso l estensione automatica del vincolo pignoratizio alle stesse. Ciò non appare neppure in contrasto con la tutela della posizione del creditore, il quale, in effetti, ben conosceva fin dall inizio la consistenza patrimoniale delle azioni offerte in pegno, e non è perciò pregiudicato dall operazione di aumento. Inoltre, la posizione del creditore risulta anche adeguatamente tutelata dal legislatore in base alla norma contenuta nell art c.c. ( Diminuzione della garanzia ). Infine, consideriamo anche che il legislatore, quando ha voluto attribuire l estensione automatica del pegno alle azioni di nuova emissione, lo ha precisato chiaramente (art. 2352, comma 3, c.c.). Y Il diritto agli utili (dividendi) Per quanto riguarda il riconoscimento del diritto alla percezione degli utili relativamente alle azioni costituite in pegno, questo spetta, salvo patto contrario che dovrà essere specificato nella scrittura costitutiva del vincolo, al creditore pignoratizio, sulla base del disposto di cui all art c.c. Le somme percepite a titolo di dividendo potranno ben essere scomputate dal credito vantato nei confronti del socio debitore. Costituisce un eccezione alla regola il caso in cui il pegno sulle azioni venga a cessare prima della chiusura dell esercizio sociale e della distribuzione dei dividendi; in questo caso le utilità economiche non spetteranno più al creditore, mancando il presupposto giuridico per la loro riscossione. Pegno su quote di s.r.l. Fino all entrata in vigore della riforma del diritto societario, com è noto, la disciplina relativa al funzionamento delle s.r.l. era costituita, in gran parte, da norme di rinvio che richiamavano la normativa prevista in tema di s.p.a. Non faceva eccezione la problematica relativa al pegno su quote, non direttamente positivizzata nel corpo del codice: la lacuna era stata colmata attraverso il ricorso analogico alla normativa dettata in tema di s.p.a. In sintesi, le quote di s.r.l., secondo il prevalente orientamento, erano considerate alla stregua di beni mobili immateriali iscritti in pubblici registri (Registro delle imprese). Di conseguenza, la costituzione del pegno era affidata alla redazione di una scrittura costitutiva del 44 N 9 - settembre 2007

8 062307AVV0907_038Amati.qxd :03 Pagina 45 vincolo con sottoscrizione autenticata, seguita dal deposito presso l ufficio del Registro delle imprese competente per territorio nonché dall annotazione del vincolo sul libro soci. La riforma del 2003 ha dotato di una disciplina autonoma la s.r.l., non più vista come una sorella minore della s.p.a. ma come un soggetto giuridico ben distinto e definibile, in estrema sintesi, una società di persone a responsabilità limitata. Anche la disciplina in tema di pegno è stata positivizzata, attraverso l inserimento dell art bis c.c. che ha riconosciuto il contratto di pegno su quote di s.r.l.: «la partecipazione può formare oggetto di pegno, usufrutto e sequestro. Salvo quanto disposto dal comma 3 dell art. 2471, si applicano le disposizioni di cui all art c.c.». Per quanto riguarda, operativamente, le modalità costitutive, esse non sono sostanzialmente cambiate dal periodo ante riforma e sono affidate alla redazione di un contratto costitutivo di pegno, contenente la descrizione del credito garantito e delle quote concesse in pegno, con sottoscrizione autenticata da notaio. Deve poi seguire il deposito del contratto di pegno presso l Ufficio del Registro delle imprese nella cui circoscrizione ha sede la società. Infine, per rendere conosciuto e opponibile il vincolo alla società, sarà necessaria l iscrizione del pegno nel libro dei soci. Per quanto concerne l esercizio dei diritti patrimoniali e amministrativi relativi alle quote oggetto di pegno, per l espresso rinvio operato dall art bis, si applicheranno le disposizioni previste dall art c.c. previsto per le s.p.a. Pertanto, si rinvia a quanto già esposto precedentemente in tema di s.p.a. LA GIURISPRUDENZA Qui di seguito si riportano alcune decisioni, sia di legittimità sia di merito, aventi a oggetto particolari aspetti operativi inerenti il pegno su azioni, avuto particolare riguardo a tematiche di grande rilevanza come l efficacia dell atto costitutivo di pegno e l esercizio dei diritti patrimoniali e amministrativi. VALIDITÀ ED EFFICACIA DEL CONTRATTO ISTITUTIVO DI PEGNO Cassazione civ., Sez. I, 23 luglio 1996, n Ai sensi dell art. 3 R.D. 29 marzo 1942, n. 239, il pegno di titoli azionari non ha effetto, nei confronti della società emittente, se non in seguito all annotazione nel libro dei soci: ciò non soltanto per l esercizio dei diritti sociali, ma per l effettiva disponibilità del titolo azionario, comportante l esercizio del diritto di credito rappresentato dal titolo stesso. (Le Società, 1997, 283, nota di CU- PIDO). Tribunale di Bologna 26 ottobre 1995 L atto di costituzione in pegno di quote di s.r.l. deve essere depositato ai fini della iscrizione nel registro delle imprese, a norma dell art. 2479, comma 4, c.c., aggiunto dall art. 1 legge 12 agosto 1993, n (Foro it., 1996, I, col. 3796). Corte d Appello di Milano 19 luglio 1988 Perché il pegno su azioni possa avere effetto nei confronti dei terzi non è sufficiente la costituzione nei modi ordinari (consegna del titolo e stipulazione della scrittura di cui all art. 2787, comma 3, c.c.), ma è necessaria anche la certificazione documentale del vincolo mediante annotazione sul titolo e nel registro dell emittente. (Riv. notariato, 1990, 190) N 9 - settembre

9 062307AVV0907_038Amati.qxd :03 Pagina 46 DIRITTO DI VOTO E IMPUGNATIVA DELLE DELIBERE ASSEMBLEARI Cassazione civ., Sez. I, 10 marzo 1999, n Ai fini del raggiungimento del quorum costitutivo dell assemblea di una società per azioni, sono legittimamente computabili le azioni del socio datore di pegno, quand anche questi risulti titolare di gran parte del capitale sociale, considerato che, a differenza di quanto sancito in tema di esercizio del diritto di voto da parte del socio in conflitto di interessi con la società, l art c.c. prevede espressamente la possibilità di stabilire, con apposita convenzione, che il diritto di voto sia esercitato dal socio datore di pegno, anziché dal creditore pignoratizio. (Le Società, 1999, 947, nota di FABRIZIO, e Riv. notariato, 1999, 1548, nota di CASU). La partecipazione all assemblea di una società di capitali da parte di soci titolari della maggioranza del capitale sociale, ma privi del diritto di voto per aver costituito in pegno le proprie azioni, non inficia la validità della costituzione dell organo societario, e non impedisce che la delibera adottata sia, pur sempre, imputabile all ente tutte le volte in cui alla stessa assemblea abbiano, altresì, partecipato soci legittimati, benché detentori della minoranza del capitale sociale, con la conseguenza che la delibera adottata con il voto (eventualmente) determinante dei soci non legittimati è annullabile, ma non inesistente, diversamente dalla ipotesi in cui, all assemblea, abbiano partecipato, esercitando il diritto di voto, esclusivamente i soci non legittimati; il vizio derivante dall esercizio del diritto di voto da parte del socio datore di pegno attiene, difatti, al rapporto tra il socio stesso ed il creditore pignoratizio, e non riguarda, per converso, l organo assembleare, essendo in facoltà del creditore pignoratizio di azioni manifestare tacitamente la volontà di ratificare quel voto astenendosi dall impugnare la delibera adottata con il voto del titolare delle azioni date in pegno. (Nuova giur. civ. comm., 2002, I, 431, nota di CASALE). Tribunale di Milano 11 luglio 1994 Qualora il creditore pignoratizio eserciti il diritto di voto a lui spettante ai sensi dell art in violazione del dovere di conservare il valore delle azioni avute in pegno, ciò non si riflette sulla validità della delibera, ma incide unicamente sul piano dei rapporti interni tra debitore e creditore, legittimando una richiesta di risarcimento dei danni che ne siano eventualmente derivati. (Giur. it., 1995, I, 2, col. 830) Tribunale di Messina 28 dicembre 1985 In ipotesi di pegno e usufrutto di azioni, legittimato all impugnativa delle delibere assembleari annullabili non è il socio, bensì, esclusivamente, il creditore pignoratizio o l usufruttuario. (Foro it., 1987, I, col. 602) RECESSO Cassazione civ., Sez. I, 12 luglio 2002, n Nel caso di pegno di azioni l esercizio del diritto di recesso spetta al proprietario delle azioni stesse quand anche il diritto di voto competa al creditore pignoratizio. (Giur. it., 2003, col. 110, nota di LUONI). DIRITTO DI OPZIONE Tribunale di Monza 10 luglio 2000 In ipotesi di aumento del capitale sociale a pagamento, il pegno eventualmente gravante sulle azioni si estende ai titoli optati ovvero al ricavato della vendita dell opzione. (Giur. comm., 2002, II, 410, nota di GRANATIERO). Impugnazione delle delibere assembleari LA DOTTRINA Il testo dell art c.c., all ultimo comma, dispone che «salvo che dal titolo o dal provvedimento del giudice risulti diversamente, i diritti amministrativi spettano, nel caso di pegno o usufrutto, sia al socio sia al creditore pignoratizio». È perciò evidente che, in caso di assenza di una specifica scelta operata dalle parti (o imposta da un Giudice), a mente della norma citata, il diritto di impugnazione delle delibere assembleari possa essere esercitato sia dal socio debitore che dal creditore pignoratizio. 46 N 9 - settembre 2007

10 062307AVV0907_038Amati.qxd :03 Pagina 47 La dottrina ha approfondito tale questione: ne sono sorti tre differenti orientamenti. Secondo alcuni autori, il diritto di impugnazione spetterebbe al creditore pignoratizio. Le argomentazioni a suffragio di questa tesi si basano su due ordini di considerazioni. La prima si fonda sul principio della unicità delle facoltà correlate all azione, corroborato dalla circostanza che, in caso di comproprietà di azioni, la legge espressamente richiede, per l esercizio dei relativi diritti sociali, la nomina di un rappresentante comune. La seconda argomentazione si basa sul presupposto che il diritto di impugnazione è conseguente, correlato al diritto di voto, ragion per cui la legittimazione a impugnare le delibere assembleari non potrebbe essere disgiunta, soggettivamente e oggettivamente, da quella attinente l esercizio del diritto di voto. Altra parte della dottrina ha invece riconosciuto la facoltà di impugnativa in via disgiunta sia al creditore pignoratizio sia al socio, ciò in base, oltre che alla dizione letterale dell art. 2352, ultimo comma, c.c., alla considerazione dei (diversi) interessi sottostanti in capo al socio e al creditore stesso. In altri termini, il creditore pignoratizio avrà interesse a impugnare la delibera se la stessa (secondo i propri calcoli) potrà essere foriera di conseguenza negative sulla consistenza patrimoniale della garanzia; il socio, diversamente, potrà impugnare quelle delibere che, a suo avviso, potrebbero arrecargli un danno, al di là del profilo strettamente patrimoniale. Vi è, infine, chi sostiene (tesi del tutto minoritaria) che titolare del diritto di impugnativa sarebbe il solo socio. Tale opinione risiederebbe nel fatto che, per effetto dell art c.c., il creditore pignoratizio acquisterebbe la legittimazione all esercizio del diritto di voto nei confronti della società, ma non acquisterebbe, per ciò stesso, tutti i diritti e i poteri collegati attinenti alle azioni, tra i quali quello che ci occupa. Limitazioni all esercizio del diritto di voto L esercizio del diritto di voto da parte del creditore pignoratizio non è esente da vincoli ma va valutato anche alla luce degli interessi del socio debitore e (indirettamente) della società. L argomento riveste un notevole interesse pratico ed è stato affrontato dalla più attenta dottrina. Secondo alcuni Autori (tesi minoritaria), sarebbe soltanto l interesse del socio ad avere rilevanza, per cui il diritto di voto dovrebbe essere utilizzato a fini conservativi. Questa interpretazione, restrittiva, è stata criticata in quanto non tiene conto degli interessi del creditore pignoratizio. Infatti, la dottrina prevalente, in ciò avallata anche dalla giurisprudenza, riconosce un interesse autonomo in capo al creditore che potrebbe anche avere finalità diverse da quelle proprie del debitore. L unico limite a detti interessi viene determinato nell impossibilità, in capo al creditore, di votare per meri fini egoistici, non coincidenti né con l interesse della società, né con quelli del debitore. In caso di violazione di detti limiti, dottrina e giurisprudenza sono concordi nell affermare che ciò non si riverberi negativamente sulla validità della delibera assembleare, rimanendo una questione interna ai rapporti socio-creditore. Il socio potrà fare valere le proprie ragioni attraverso un azione volta al risarcimento del danno. N 9 - settembre

11 062307AVV0907_038Amati.qxd :03 Pagina 48 Aumento di capitale a pagamento e diritto di opzione Ulteriore argomento di cui si è occupata la dottrina è quello relativo all estensione automatica del diritto di pegno alle azioni optate in sede di aumento di capitale a pagamento. Secondo un orientamento più risalente il pegno doveva intendersi esteso anche alla nuove azioni sottoscritte dal socio debitore. A sostegno di detta teoria si è argomentato che l opzione rappresenta comunque una utilitas connessa alle azioni possedute (e date in pegno), per cui i diritti reali di garanzia si estenderebbero in via automatica anche alle nuove azioni (o alle somme ricavate in caso di alienazione del diritto di opzione). Una diversa interpretazione ha attribuito alle azioni di nuova emissione una propria rilevanza autonoma, di fatto escludendo l estensione automatica del pegno alle stesse. Tale autonomia deriverebbe dalla scelta discrezionale del costituente in ordine all operazione di conferimento; l autonomia di tale scelta, operabile solo dal socio si rifletterebbe, simmetricamente, sulle azioni optate. Vero è che, apparentemente, abbracciando questa teoria si potrebbe intravedere un elemento peggiorativo riguardo alla posizione del creditore. Per questa ragione, l estensione del vincolo alle azioni optate (in caso di aumento a pagamento) potrebbe essere inserita come una clausola pattizia all atto di costituzione del pegno, sì da vedere contemperate e altrettanto tutelate le ragioni del socio debitore e del creditore pignoratizio. Per ulteriori approfondimenti dottrinali ANGELICI, «Pegno ed usufrutto di azioni», in Commentario al codice civile, (diretto da) SCHLESINGER, Giuffrè, 1992, 220 ss.; BAGGIO-REBECCA, Il pegno di strumenti finanziari, di azioni e quote, Giuffrè, 2005; CAMPOBASSO, Diritto commerciale, II, Utet, 1998; DISABATO, Manuale delle società, Utet, 1994; PARTESOTTI, «Le operazioni sulle azioni. Usufrutto e pegno di azioni», in Trattato delle società per azioni, (diretto da) CO- LOMBO-PORTALE, Utet, 1991; POLI, Il pegno di azioni, Giuffrè, LE CONCLUSIONI Il presente lavoro ha voluto offrire uno sguardo d insieme sulla tematica, attuale e ricorrente nella prassi, del pegno su strumenti partecipativi di società di capitali. Si è voluto conferire un taglio pratico alla trattazione, offrendo spunti per l operatore del diritto che dovesse trovarsi di fronte alla problematica della redazione di un contratto di pegno (su azioni o su quote), o alla semplice necessità di usufruire di una visione sintetica delle principali problematiche emergenti a seguito della costituzione del pegno nei rapporti societari, che vedono protagonisti due soggetti le cui posizioni, pur opposte sul lato del rapporto obbligatorio, devono per forza trovare, per altri versi, un assetto convergente all interno dei delicati meccanismi di funzionamento delle società di capitali. 48 N 9 - settembre 2007

12 062307AVV0907_038Amati.qxd :03 Pagina 49 LA PRATICA Fac-simile di atto costitutivo di pegno su azioni ATTO COSTITUTIVO DI PEGNO SU AZIONI Fra le sottoscritte Parti: A, nato a < >, il < >, residente a < >, in via < >, cod. fisc. < >, e B, nato a < >, il < >, residente a < >, in via < >, cod. fisc. < > premesso che B, in data < > ha contratto verso A, a fronte di un contratto di mutuo, un debito pari ad euro < > (euro < >); la predetta somma dovrà essere restituita, maggiorata degli interessi legali, entro il < >; B è titolare di n. < > azioni ordinarie, del valore nominale pari ad euro < >, corrispondenti al < > % del capitale sociale della società Alfa s.p.a., con sede legale nel Comune di < >, cod. fisc. < >, iscritta presso il Registro delle imprese di < >, al n. < >; le Parti hanno concordato di garantire il pagamento attraverso la costituzione di garanzia pignoratizia sulle azioni sopra menzionate, tutto ciò premesso, e costituente parte integrante e sostanziale della presente scrittura, si conviene e si stipula quanto segue 1) B costituisce in pegno in favore di A, che accetta a garanzia del puntuale adempimento del debito menzionato in premessa, n. < > azioni del valore nominale pari ad euro < > (euro < >), corrispondenti al < > % del capitale sociale della Alfa s.p.a. 2) Le parti convengono che il diritto di voto, in ossequio al disposto di cui all art c.c., spetti al creditore pignoratizio (in alternativa, si può prevedere che il diritto di voto, in deroga alla norma, resti in capo al debitore, magari prevedendo dei correttivi, tipo l obbligo di informazione preventiva in capo al socio sulle proprie intenzioni di voto). 3) L esercizio dei diritti amministrativi diversi dal voto spettano < > (tre possibilità: o in capo al socio, o in capo al creditore pignoratizio, o in capo a entrambi i soggetti). 4) L esercizio del diritto di recesso spetta al socio. 5) Il diritto di opzione spetta al socio, al quale sono altresì attribuite le azioni sottoscritte in base a esso. Si conviene che il pegno < > (pattuire se il pegno si estenderà o meno alle azioni di nuova emissione). In caso di aumento gratuito del capitale sociale, il pegno, in aderenza a quanto disposto dall art. 2352, comma 2, c.c., si estenderà alla azioni di nuova emissione. 6) Le Parti convengono che A, quale creditore pignoratizio, avrà l onere di provvedere, a mezzo dell organo amministrativo, all annotazione sul libro dei soci, nonché alla relativa annotazione sul titolo. 7) B assicura e garantisce la piena proprietà e assoluta libertà delle azioni oggi costituite in pegno e che le stesse sono interamente liberate. 8) Spese, imposte e tasse del presente atto, annesse e dipendenti tutte, sono a carico di B che se le assume. Luogo e data < > Sottoscrizione delle parti < > Segue autentica notarile delle sottoscrizioni N 9 - settembre

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis). CONSIGLIO NOTARILE DI BOLOGNA (6 Dicembre 2002) CONVEGNO - La nuova disciplina delle società di capitali: prime indicazioni operative I DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri La società tra professionisti (c.r.385) Roma, maggio 2013 Ing. Armando Zambrano Ing. Fabio Bonfà Ing. Gianni Massa Ing. Riccardo Pellegatta Ing. Michele Lapenna

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1. Articolo 1 Denominazione. "(..) s.r.l.".

STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1. Articolo 1 Denominazione. (..) s.r.l.. STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1 1. La società è denominata: Articolo 1 Denominazione "(..) s.r.l.". denominazione Articolo 2 Oggetto 2. La società ha per oggetto (..) 2. Articolo 3 Sede

Dettagli

Lezione III. Indice. 2 di 11

Lezione III. Indice. 2 di 11 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE II IMPUTAZIONE DELL ATTIVITÀ D IMPRESA PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 principio generale della spendita del nome ----------------------------------------------------------

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

L intervento e il voto in assemblea dopo l attuazione della Direttiva sull esercizio di alcuni diritti degli azionisti di società quotate [*]

L intervento e il voto in assemblea dopo l attuazione della Direttiva sull esercizio di alcuni diritti degli azionisti di società quotate [*] L intervento e il voto in assemblea dopo l attuazione della Direttiva sull esercizio di alcuni diritti degli azionisti di società quotate [*] Lucia Calvosa La disciplina introdotta in Italia con il d.lgs.

Dettagli

Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE

Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE (Modulistica Fedra e programmi compatibili) Versione 1.3 rilasciata in data 20.4.2009 Area Studi Giuridici Settore Anagrafico La redazione del documento

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli