Campus Velici, Marinareschi e Naturalistici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Campus Velici, Marinareschi e Naturalistici"

Transcript

1 Comune di Gallipoli Il Progetto Campus Velici, Marinareschi e Naturalistici Gallipoli ORGANIGRAMMA DEL PERCORSO ESPERENZIALE La struttura del percorso velico e marinaresco è predisposto in modo tale che gli allievi apprendano in modo graduale e progressivo gran parte degli elementi della cultura marinaresca. Il programma è studiato e composto in maniera tale da rendere le giornate intense, divertenti, coinvolgenti. SPORT, NATURA E CULTURA, un trinomio perfetto, per dare vita ad una fantastica esperienza a contatto con la natura e con l essenza stessa della vita Sarà molto di più di un semplice percorso di vela.. Argomenti 1.L ambiente (scoperta dell habitat in cui avviene l esperienza) 2. La meteorologia (osservazioni sul vento; le onde; la corrente; le nuvole) 3. I nodi (piano; parlato; savoia; gassa d amante) 4.La nomenclatura (i nomi delle varie parti della barca e il loro uso e la loro funzione) 5. La vela (come funziona; materiali e loro costruzione) 6. Lo scafo (sua evoluzione e materiali di costruzione) Pag. 1

2 7.La navigazione (le andature; le manovre; lo scarroccio; la scuffia; partenza ed arrivo in spiaggia; assetto della barca; vento reale e vento apparente, ecc. 8.La sicurezza in mare (preventiva e attiva; primi cenni delle norme per evitare gli abbordi in mare) 1. Area Sportiva 1.1. L'attività motoria con riferimenti alla vela La nomenclatura 1.3. La conoscenza di vari tipi di imbarcazioni 1.4. Principi di navigazione a vela 1.5. Norme per evitare gli abbordi in mare. Le aree interessate sono: 2. Area Tecnologica 2.1. I materiali per la costruzione delle barche. Dal legno a L uso sostenibile dei vari materiali Le vele: materiali e loro costruzione L'attrezzatura: materiali e loro costruzioni Laboratori per la costruzione Area Ambientale 3.1. L'ambiente marino e lacustre Aree marine protette l acqua: importanza nella società moderna La meteorologia 3.5. Le onde, la corrente e le maree Le realtà veliche e naturalistiche del territorio Pag. 2

3 4. Area Informatica 4.1. L'uso dei sistemi computerizzati nella navigazione Laboratori d'informatica 4.3. La progettazione di vele e di barche al computer 5. Area Letteraria artistica 5.1. Il mare e la marineria nella letteratura e nell'arte Studio del linguaggio tecnico della vela Partecipazione al concorso grafico per la realizzazione dei posters della Coppa Primavela. Le aree indicate produrranno materiale didattico che potrà essere illustrato all interno delle materie scolastiche che di seguito schematicamente indichiamo: - STORIA - GEOGRAFIA - SCIENZE - EDUCAZIONE MOTORIA - MATEMATICA - EDUCAZIONE ALL IMMAGINE - STUDI SOCIALI Che cosa sono i Campus Velici/Marinareschi, Naturalistici, Sportivi e Culturali Sono un viaggio di educazione/formazione attraverso lo sport, la vela e il naturalismo per... Eplorare Riflettere Conoscere Socializzare dove si impara facendo, offrendo alle scuole di ogni ordine e grado, itinerari per sostenere gli alunni nello sviluppo delle competenze cognitive, affettive e socio-relazionali. In definitiva..un PERCORSO ESPERENZIALE LEGATO AI SAPERI CURRICOLARI Pag. 3

4 Il Campus Velico e Marinaresco intende, quindi, ampliare l offerta formativa scolastica in materia di educazione motoria, sportiva ed ambientale, attraverso la pratica qualificata dello sport velico e le attività marinare, finalizzando gli aspetti formativi di queste discipline a un costruttivo impiego del tempo libero, in un progetto di educazione permanente alla salute. L impegno, pertanto, è quello di accompagnare i ragazzi e i loro insegnanti in un esperienza nuova e coinvolgente in grado di rafforzare i rapporti relazionali facendo riscoprire il piacere e l'importanza di far parte di una squadra e crescere nutrendo un sentimento di fiducia verso se stessi, gli altri. In un ottica di sviluppo del progetto, la Flor to, Tour operator specializzato nell offrire proposte di Campi scuola i cui contenuti siano in sintonia con la programmazione scolastica curricolare con percorsi didattico-formativi e di attività laboratoriali, dove si impara facendo, ha l obiettivo di fornire con le sue offerte alle scuole di ogni ordine e grado, supporto ed opportunità per sostenere gli alunni nello sviluppo delle competenze cognitive, affettive, sociali e relazionali, unitamente ai saperi essenziali, in contesti Naturalistici e di Pratica Sportiva che sono potenti mediatori per facilitare l apertura verso gli altri e la vita in generale, con un sapere critico e flessibile. La Flor to ha inteso mirare la scelta della località dove ospitare questa esperienza didatticosportivo-culturale a Gallipoli (grande Salento - Puglia) con le sue bellezze naturalistiche, culturali, artistiche, offrendo tutte le garanzie di successo per la vastità dell area, la qualità delle strutture ricettive, la vicinanza con importanti città d arte (Lecce, Otranto) e suggestivi percorsi naturalistici mozzafiato. Sono state valutate con attenzione le componenti fondamentali del viaggio: gli alloggi all interno di moderni alberghi, le attività sportive, veliche, marinaresche e didattiche in genere svolte da qualificati tecnici e docenti della Federazione Italiana Vela, le attività naturalistiche svolte in collaborazione con Lega Ambiente Puglia sez. di Gallipoli. Il risultato è la possibilità di far vivere ai ragazzi, ma anche agli insegnanti, un soggiorno sicuro e intelligente, sportivamente coinvolgente e senza inutili eccessi. A chi è rivolto E un viaggio di istruzione sportiva e naturalistica, rivolto agli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado con le seguenti possibilità di partecipazione: gruppo classe/i: una o più classi partecipano secondo le modalità del viaggio d istruzione. gruppo scuola: il docente di educazione fisica costituisce un gruppo scolastico di studenti dell istituto. gruppo di più scuole: docenti di più istituti si associano tra loro costituendo un gruppo scolastico di studenti. In questo caso ci si potrà avvalere della collaborazione dei nostri referenti provinciali o regionali che forniranno assistenza per aderire al progetto fino al momento della partenza. Nota: ricordiamo che la programmazione dei viaggi connessi ad attività sportive scolastiche o attività collegate con l educazione ambientale è consentita anche nell ultimo mese di lezione (Cfr. Circolare Ministeriale 14 ottobre 1992, n art. 7). CAMPUS VELICO E MARINARESCO nel Grande Salento tra le altre cose, si rivolge ai docenti di Educazione Fisica di tutta Italia offrendo Pag. 4

5 l opportunità di partecipare a dei corsi regionali e nazionali di aggiornamento, in collaborazione con gli uffici scolastici, su tematiche relative alla vela e attività marinaresche (approfondimento degli aspetti tecnico-didattici e metodologici) Progetto accoglienza per le classi prime delle scuole di I e II grado Lo sport promuove la disciplina, il rispetto per il prossimo e tutte quelle qualità che aiutano ad affrontare le sfide della vita e diventare individui consapevoli. Ma è anche un importante vettore di socializzazione e di integrazione. All inizio di un nuovo percorso didattico, le classi I sono dunque classi di nuova formazione. C è bisogno di conoscersi, solidarizzare,e costruire un clima di collaborazione positiva. Sperimentare insieme, condividere la fatica e aiutarsi per raggiungere una meta comune, costituisce un interessate esperienza, una metafora del percorso scolastico. Allora conoscersi ed imparare a condividere percorsi di apprendimento praticando lo sport velico e le attività marinare in genere, in un ambiente naturale unico per la sua bellezza, significa mettere in pratica valori importanti come l amicizia, la tolleranza, la solidarietà, l autodisciplina, la responsabilità, il lavoro di squadra, condizioni fondamentali per trascorrere un anno scolastico sereno. Si potrà scoprire come l attività velica e quella marinaresca, come tutto lo sport formativo, insegnano a diventare grandi, non solo ai piccoli, anche a chi grande lo è già. Quando si svolge Per l anno scolastico , il CAMPUS VELICO E MARINARESCO nel Grande Salento proposto, si svolgerà a Gallipoli dalla metà di settembre a metà novembre 2013, da marzo a metà giugno 2014 ( Progetto accoglienza per l anno scolastico ) da fine settembre 2013 a metà novembre 2013 Inizio del soggiorno e programma delle attività Sulla base dei giorni di permanenza e degli orari di arrivo e partenza di ciascun gruppo scolastico, la segreteria organizzativa definirà un programma personalizzato delle attività veliche, sportive, naturalistiche e culturali, che sarà inviato al docente di riferimento nella settimana prima dell arrivo, fermo restando che il programma base di ciascuna tipologia di soggiorno rimane quello proposto al momento dell offerta. Pag. 5

6 PROGETTO DIDATTICO VELICO E MARINARESCO PER LA SCUOLA ELEMENTARE (La scuola della scoperta) La scuola primaria rappresenta, date le caratteristiche della sua utenza, un ottimo punto di partenza. La naturale predisposizione dei bambini alla scoperta, lo spontaneo entusiasmo verso le novità e l'incredibile capacità di apprendere, determinerà le condizioni per una corretta educazione civica e marinara. La struttura dovrà però essere predisposta in modo tale che i bambini apprendano in modo graduale e progressivo gran parte degli elementi della cultura marinara, attraverso delle unita didattiche ed in particolare: 1. L'ambiente (scoperta dell'habitat in cui vivono) 2. La meteorologia (osservazioni sul vento; le onde; la corrente; le nuvole) 3. I nodi (piano; parlato; savoia; gassa d'amante) 4. Segnali visivi (le bandiere del C. I. e i fondamenti del regolamento di regata) 5. La nomenclatura (i nomi delle varie parti della barca e il loro uso) 6. La navigazione (le andature; le manovre; lo scarroccio; la scuffia ecc) 7. La sicurezza in mare ( preventiva e attiva) Le Unita Didattiche trattate hanno la finalità di offrire ai bambini le conoscenze di base per poter Riconoscere, Saper osservare e Capire il comportamento adeguato all ambiente marino e alle discipline sportive ad esso legate attraverso i seguenti obiettivi generali: Classi Prime L orientamento Esplora il mondo attraverso i cinque sensi e percorsi La nauticità L interazione tra i tre elementi base delle attività veliche: l acqua, il mezzo (la barca) e il bambino. La nomenclatura Identifica e descrive diversi oggetti nautiche alfabeto I nodi: Coordina e collega in modo fluido il maggior numero possibili di movimenti naturali per fare i nodi. Attività motorie: Muoversi secondo una direzione controllando la lateralità e adattando gli schemi motori in funzione dei parametri spaziali all interno di una barca collocata nella palestra La sicurezza:nozioni di base Classi Seconde L'orientamento I punti cardinali e la rosa dei venti (la sua storia) La nomenclatura :Le parti dell'imbarcazione I nodi Savoia, piano, gassa d'amante, parlato Attività motorie: Esercizi per lo sviluppo delle capacità coordinative. La nauticità: Esercizi di base La sicurezza: Le dotazioni di sicurezza Classi Terze L'orientamento, La bussola la storia e le sue caratteristiche: seguire una rotta La meteorologia, Il mare - le principali caratteristiche Il vento - come si misura direzione ed intensità Le nuvole - le principali caratteristiche La nomenclatura, Armare una barca riconoscendo le varie parti e il loro uso. Le classi veliche L'ambiente, Le caratteristiche del luogo dove si vive L attività e la sostenibilità dell ambiente marino La navigazione, Le andature e le principali manovre Pag. 6

7 I nodi Savoia, piano, gassa d'amante, parlato Attività motorie Esercizi per lo sviluppo delle capacità coordinative Percorsi di destrezza Uscite con barche collettive La sicurezza Primi cenni delle norme per evitare gli abbordi in mare Classi Quarte L'orientamento Simulazioni di una navigazione attraverso simulatori multimediali. La meteorologia (sicurezza in mare) Le onde e la corrente Il vento - come nasce e le sue principali caratteristiche Le nuvole - Conoscere le loro caratteristiche Le previsioni del tempo - generali e locali La nomenclatura Riconoscere le varie parti di un'imbarcazione e conoscere l'uso e le loro caratteristiche. Studio del linguaggio tecnico La vela (come funziona) Le classi veliche Costruzione di un modellino di barca a vela L'ambiente La vita nell'acqua Le attività nautiche del territorio La navigazione Le andature e le principali manovre I fondamentali dello sport velico I nodi Savoia, piano, gassa d'amante, parlato Attività motorie Esercizi per lo sviluppo delle capacità coordinative Percorsi di destrezza Uso dei simulatori Uscite con barche collettive Giocosport della vela Classi Quinte L'orientamento Simulazioni di una navigazione o di una regata. La meteorologia Le onde e la corrente Il vento - come nasce e le sue principali caratteristiche Le nuvole - Conoscere le loro caratteristiche Le previsioni del tempo - generali e locali La nomenclatura Riconoscere le varie parti di un'imbarcazione e conoscerne l'uso e le loro caratteristiche. Studio del linguaggio tecnico La vela (come funziona) Lo scafo (la sua evoluzione nel tempo) Le classi di attività giovanile Costruzione di un modellino di barca a vela L'ambiente L'uomo e l'ambiente marino La salvaguardia dell'ambiente La navigazione Le andature e le principali manovre Pag. 7

8 Esercizi per lo sviluppo delle capacità di orientamento I nodi Savoia, piano, gassa d'amante, parlato Attività motorie Esercizi per lo sviluppo delle capacità coordinative Percorsi di destrezza Uso dei simulatori Uscite con barche collettive Giocosport della vela PROGETTO DIDATTICO VELICO E MARINARESCO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO (L'Orientamento) La Scuola Secondaria di 1 grado è la scuola che ha l obiettivo primario dell orientamento degli studenti per lo sviluppo dell individuo inserito nella società moderna. Attraverso la pratica della Vela si vuole stimolare la conoscenza e il consolidamento della cultura del mare. La parte della conoscenza, comune a tutti gli alunni, è basata sulla conoscenza ed acquisizione generale della cultura marinara, ed una prima esperienza pratica, per poi definirsi in una specializzazione che si evolverà in ambito extra-curriculare con la partecipazione ai G.S.S. La progressione didattica sarà adeguata al livello degli alunni ed in stretta relazione con la programmazione, e si svolgerà in modo graduale e progressivo. Gli argomenti principali saranno: 1. L'ambiente (studio dell'habitat marino) 2. La meteorologia (il vento; le onde; la corrente; le nuvole; ecc) 3. I nodi (piano; savoia; gassa d'amante; parlato) 4. La nomenclatura (le varie parti dell'imbarcazione e il loro uso) 5. Il regolamento di regata (i segnali visivi; le principali regole di regata) 6. La sicurezza in mare 7. La navigazione (le andature; le principali manovre) 8. La partecipazione ai Giochi Sportivi Studenteschi. Come già detto precedentemente l'obiettivo è quello di sviluppare la cultura marinara e far partecipare ai G.S.S. il maggior numero possibile di alunni. attraverso i seguenti obiettivi generali: Classi Prime La nomenclatura Le parti dell'imbarcazione. Armare una barca riconoscendo le varie parti e il loro uso. La meteorologia Il mare - le principali caratteristiche. Il vento - come nasce e le sue principali caratteristiche, la rosa dei venti, direzione, intensità. Le nuvole - le principali caratteristiche. Costruzione di un modellino di barca a vela L'ambiente Le caratteristiche del luogo dove si vive La vela nel proprio ambiente La vita nell'acqua La navigazione Le andature e le principali manovre I fondamentali dello sport velico I nodi Piano; savoia; gassa d'amante; parlato. Attività motorie Esercizi per lo sviluppo delle capacità coordinative. Percorsi di destrezza. Uscite su barche collettive. Partecipazione ai G.S.S. La sicurezza Le principali norme di comportamento in mare. Pag. 8

9 Classi Seconde La nomenclatura Riconoscere le varie parti di un'imbarcazione e conoscerne l'uso e le loro caratteristiche Studio del linguaggio tecnico La vela (come funziona) Lo scafo (la sua evoluzione nel tempo) Le classi olimpiche Conoscenza dell attività sportiva della vela Costruzione di un modellino di barca a vela La meteorologia Le onde e la corrente Il vento - le sue caratteristiche. Le nuvole - conoscere ed approfondire le loro caratteristiche. Le previsioni del tempo La navigazione seguendo i risultati dell analisi meteorologica L'ambiente L'uomo e l'ambiente marino La salvaguardia dell'ambiente La navigazione Le manovre con le varie imbarcazioni Le regole e l applicazione delle tecniche di conduzione dell imbarcazione a vela. I nodi Piano; savoia; gassa d'amante; parlato. Attività motorie Esercizi per lo sviluppo delle capacità coordinative. Percorsi di destrezza. Uso dei simulatori Partecipazione ai G.S.S. La sicurezza Le principali norme di comportamento in mare. Cenni sul codice internazionale di navigazione. Classi Terze La nomenclatura Le differenze tra le varie imbarcazioni La vela (come funziona) Lo scafo (la sua evoluzione nel tempo) Approfondimento ed uso del linguaggio tecnico Costruzione di un modellino di barca a vela La meteorologia Le onde e la corrente Il vento - le sue caratteristiche. Le nuvole - conoscere ed approfondire le loro caratteristiche. Le previsioni del tempo L'ambiente, L'uomo e l'ambiente marino L acqua e la sua salvaguardia La navigazione Le manovre con le varie imbarcazioni Lo sviluppo delle tecniche di conduzione dell imbarcazione a vela I nodi Piano; savoia; gassa d'amante; parlato. Attività motorie Esercizi per lo sviluppo delle capacità coordinative. Percorsi di destrezza. Uso dei simulatori Partecipazione ai G.S.S. La sicurezza Le principali norme di comportamento in mare. Cenni sul codice internazionale di navigazione. Pag. 9

10 PROGETTO DIDATTICO VELICO E MARINARESCO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI 2 GRADO (La Conoscenza) Per dare continuità al programma svolto nella scuola secondaria di 1 grado e data la maggiore età dei ragazzi si propone un'attività diversa in due grandi blocchi: Biennio (1-2 anno) Triennio ( anno) Nel biennio, si svolgerà il lavoro di preparazione di base, in continuità con la scuola media di 1 grado, con l'aggiunta delle necessarie informazioni sull'attività del diporto. Nel triennio il lavoro dovrà essere programmato in funzione dell'indirizzo di studio di ogni singola scuola. In questo modo si potrà utilizzare le prime conoscenze acquisite come fattore motivante e di stimolo all'approfondimento di particolari specifici inerenti l'indirizzo del ciclo di studi. Salvaguardando la parte sportiva, che potrà svilupparsi in ambito extra-curriculare, con la costituzione del Gruppo Sportivo Scolastico sezione vela. I principali argomenti saranno: 1. L'ambiente (studio dell'habitat marino) 2. La meteorologia (il vento; le onde; la corrente; le nuvole; ecc.) 3. I nodi (piano; savoia; gassa d'amante; parlato) 4. La nomenclatura (le varie parti dell'imbarcazione e il loro uso) 5. Le diverse imbarcazioni (le derive; le tavole a vela; i catamarani; le imbarcazioni per l'altura) 6. Il regolamento di regata (i segnali visivi; le principali regole di regata) 7. La sicurezza in mare 8. La tecnica di navigazione (le andature; le principali manovre) 9. La navigazione (le carte nautiche; tracciare una rotta ecc.) 10. La regata e i G.S.S. (percorsi; punteggi; classifiche) 1 Obiettivi generali: Biennio La nomenclatura Le differenze tra le varie imbarcazioni La vela (come funziona) Lo scafo (la sua evoluzione nel tempo) Approfondimento ed uso del linguaggio tecnico La tattica di regata - applicazione della conoscenza del regolamento di regata. Costruzione di modellini di barca a vela La meteorologia Le onde e la corrente Il vento - le sue caratteristiche. Le nuvole - conoscere ed approfondire le loro caratteristiche. Le previsioni del tempo La strategia di regata L'ambiente L'uomo e l'ambiente marino La salvaguardia dell'ambiente La navigazione Le principali manovre con le varie imbarcazioni Le carte nautiche Tracciare e seguire una rotta La tecnica di conduzione in regata. I nodi Piano; savoia; gassa d'amante; parlato. Attività motorie Esercizi per lo sviluppo delle capacità coordinative. Percorsi di destrezza. Pag. 10

11 Uso dei simulatori Uscite su diverse imbarcazioni. Partecipazione ai G.S.S. La sicurezza Le principali norme di comportamento in mare. Cenni sul codice internazionale di navigazione. Per il programma da svolgere nel triennio, oltre la normale attività velica, si dovrà tenere presente l'indirizzo di studio di ogni singola scuola. Per favorire lo sviluppo di un tale programma sarà fondamentale la collaborazione tra gli insegnanti e la FIV. Alcuni esempi di programmi che potrebbero essere utilizzati: Indirizzo di studio Tecnologico 1. Studio dei componenti tecnici di un'imbarcazione: l'albero (materiali, suoi componenti, costruzione, ecc.) le vele (materiali, suoi componenti, costruzione, ecc.) winch (materiali, suoi componenti, costruzione, ecc.) lo scafo (materiali, suoi componenti, costruzione, ecc.) 2. Realizzazione di piccoli modellini partendo da piani di costruzione Informatica 1. L'uso dell'informatica nelle apparecchiature utilizzate per la navigazione 2. Cd-rom sullo sport della vela 3. Studio di software utilizzati nella progettazione d'imbarcazioni 4. Analisi e studio di programmi per la gestione di competizioni veliche Cinematografia 1. Il cinema e lo sport della vela 2. Studio per la realizzazione di filmati sul mare I soggiorni proposti La formula di soggiorno prevede, a scelta, tre, quattro, cinque o sei notti di permanenza. Al fine di soddisfare al meglio le richieste di soggiorno dei gruppi scolastici si consiglia vivamente di formalizzare l iscrizione almeno 60 giorni prima. La ristorazione Il servizio ristorazione (colazioni, pranzi e cene) è previsto all interno di uno degli alberghi Caroli Hotels. La cucina tipica salentina, è sana e genuina, i pasti sono abbondanti e studiati per l età dei partecipanti. Tutti i giorni si potrà scegliere tra due primi, due secondi, contorni e, per finire, frutta fresca. Su richiesta sono disponibili menù personalizzati per diete particolari (es.: celiaci e/o intolleranti, vegetariani, ecc.). A scelta dei partecipanti, il soggiorno potrà iniziare con il pranzo del giorno di arrivo e terminare con la prima colazione del giorno di partenza, oppure iniziare con la cena del giorno di arrivo e terminare con il pranzo a sacco del giorno di partenza. Pag. 11

12 L assistenza sanitaria Durante le attività sportive e comunque per l intero corso di ciascuna giornata di permanenza, un centro di primo soccorso è attivo nelle immediate vicinanze delle strutture alberghiere. Si ritiene utile ricordare che se il partecipante avesse necessità di farmaci particolari è opportuno che ne porti con sé un quantitativo sufficiente con una nota medica che indichi eventuali allergie e interventi sanitari consigliati. I contenuti didattico-sportivi ed educativi Il Campus Velico e Marinaresco nel Grande Salento, si caratterizza per essere un viaggio d istruzione sportiva integrata all insegna di un approccio pluridisciplinare con elementi di trasversalità rispetto alla conoscenza. Attività veliche e marinaresche da svolgere Approccio alle principali discipline marinaresche con articolazione in una fase teorica e una pratica secondo l attività. 1 Fase Socializzazione (conoscenza, regole di convivenza nel gruppo, rapporti interpersonali in contesti marittimi, rispetto dell ambiente) Test attitudinali (questionari, quiz, prove di grado, verifica dell acquaticità ) Esplorazione dell ambiente (rilevazioni spazio-temporali, osservazioni astronomiche, norme pratiche di sicurezza e di educazione ambientale) Proiezioni, simulazioni, rilevazioni, tabulazioni, verbalizzazioni, riflessioni Osservazione e valutazione meteorologica: orientamento e venti Familiarizzazione con la vela, la canoa, l attrezzatura sub o snorkeling (evoluzione, struttura, nomenclatura, simulazione, etc.) Nodi principali utilizzati in mare 2 Fase Approccio alle regole base della navigazione o dell immersione Manovre elementari di governo per il controllo del mezzo e dell attrezzatura Conduzione guidata in sicurezza Prerequisiti Saper galleggiare senza l ausilio di appoggi per almeno cinque minuti. Formalità Certificato medico di idoneità per attività sportiva non agonistica (rilasciato dal medico di famiglia). Pag. 12

13 Il CAMPUS VELICO E MARINARESCO nel Grande Salento è consigliato a coloro che: amano lo sport a cielo aperto, la natura, il mare; credono nella disciplina e nel rispetto per il prossimo; sono convinti che lo sport debba costituire parte integrante dell educazione della persona; praticano attività sportiva per migliorare il benessere fisico e mentale e contribuire positivamente alle proprie capacità di apprendimento; sono consapevoli che lo sport sia una delle attività umane più significative e che, se considerata nelle sue caratteristiche fondamentali, riproduca la realtà della vita, fatta di impegno e sacrificio, di lotta e speranza, soddisfazione e felicità; vogliono vivere la vela come uno sport che taglia ogni strato sociale senza dare mai vita a connotazioni snob o elitarie, nel quale la parità dei sessi si raggiunge non solo andando per mare ma, anche, partecipando in compagnia alle gioie e agli sforzi comuni per raggiungere la meta desiderata. Cosa portare - Indumenti e altro materiale consigliati borsa da viaggio (con nome, cognome e indirizzo); cappellino in tela; bustina con sapone, pettine, spazzolino, dentifricio, bagnoschiuma, shampoo; crema solare protettiva; occhiali da sole; prodotto contro le punture da zanzara; fazzoletti di carta; tuta e scarpe da ginnastica; maglione o felpa; giacca impermeabile (K-way); pantaloncini corti e magliette a manica corta; costume da bagno; cuffia da piscina; asciugamano e/o accappatoio; telo da spiaggia; biancheria intima, calzini; ciabatte da spiaggia o zoccoli con suola in gomma; ciabatte da camera; medicinali di base; carta d identità; tessera sanitaria. N.B.: si consiglia l uso del marsupio per portafoglio, orologio, telefonino e altri valori. Si sconsigliano oggetti e abbigliamento di particolare valore ed elevate somme di denaro. Da consegnare all arrivo: Pag. 13

14 1. certificati medici di sana e robusta costituzione di tutti gli studenti e dei docenti di Educazione Fisica iscritti al corso di aggiornamento; 2. carte d identità dei docenti e degli accompagnatori richieste dalle segreterie delle strutture ricettive; 3. cauzione: il giorno di arrivo, con la consegna delle chiavi, sarà trattenuta dalla segreteria della struttura ricettiva ospitante una cauzione di euro 5,00 per ciascun partecipante che sarà restituita il giorno della partenza ad avvenuto controllo delle unità abitative. Le cauzioni dovranno essere preventivamente raccolte dal docente di riferimento e consegnate alla segreteria della struttura ricettiva. 4. Elenco dei partecipanti al campus con nome, cognome, data e luogo di nascita, codice fiscale Flor T.O. srl Pag. 14

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 -

Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Concorso per le scuole primarie e secondarie di I e II grado - LA SCUOLA PER EXPO 2015 - Dal 1 maggio al 31 ottobre 2015 Milano ospiterà l Esposizione Universale dal tema Nutrire il Pianeta, Energia per

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA!

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! Febbio (1200-2063 m.) Comune di Villa Minozzo, alle pendici del Monte Cusna; località inserita nel meraviglioso contesto

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

L Astrofisica su Mediterranea

L Astrofisica su Mediterranea Is tuto Nazionale di Astrofisica Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale Proge o Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea L Astrofisica su Mediterranea è un progetto d introduzione all Astrofisica

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO

SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO Giorni : GIOVEDI e VENERDI' Durata dell incontro : 9.30 12.30. 9.30-10.40 PARLIAMO DI GEOFISICA Il pianeta Terra e i fenomeni naturali: terremoti, vulcani, tsunami, magnetismo

Dettagli