POLITECNICO DI TORINO Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale. Relatori: Prof. Gianni Guerra Prof. Fulvio Corno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITECNICO DI TORINO Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale. Relatori: Prof. Gianni Guerra Prof. Fulvio Corno"

Transcript

1 POLITECNICO DI TORINO Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale SVILUPPO DI BUSINESS PLAN PER IMPRESA INNOVATIVA NEL SETTORE DEL TURISMO ONLINE: valutazione dell opportunità economica e analisi della fattibilità tecnologica Relatori: Prof. Gianni Guerra Prof. Fulvio Corno Correlatore: ing. Federico Sarti Tesi di Laurea di: Simona Cerrino Anno Accademico

2 A papà

3 INDICE INTRODUZIONE...6 PARTE PRIMA:...7 VALUTAZIONE DELL OPPORTUNITA ECONOMICA...7 CAPITOLO 1- EXECUTIVE SUMMARY...8 L azienda e il servizio...8 Mercato e settore...8 Traguardi principali...9 Quadro finanziario...9 CAPITOLO 2: VALUE PROPOSITION E DESCRIZIONE DELL IDEA...10 MISSION...10 L IDEA...10 CUSTOMER VALUE PROPOSITION...11 CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO...12 Schema logico delle possibilità di un cliente...15 IL TEAM IMPRENDITORIALE...17 CAPITOLO 3: ANALISI DEL MERCATO E DELLA COMPETITIVITA DEL SETTORE...17 ANALISI DEL MERCATO...17 Analisi dei dati primari...18 Ulteriori statistiche...21 Stima degli utenti iscritti al sito BedforBed...21 I drivers del turismo...23 Il turismo mondiale...23 Il turismo in Italia...25 Conclusioni sull analisi del mercato...27 ANALISI DELLA COMPETITIVITA DEL SETTORE...30 ATTRATTIVITA DEL SETTORE...30 Presenza di barriere all ingresso e all uscita: bassa...30 Concorrenza tra imprese esistenti: alta...31 Potere contrattuale dei clienti: alto...32 Potere dei fornitori: alto...33 Minaccia di prodotti sostituti: bassa...33 SOSTENIBILITA DEL VANTAGGIO COMPETITIVO...33 Conclusioni...35 CAPITOLO 4: MARKETING PLAN...35 Marketing Mix...35 Prodotto...35 Prezzo...36 Promozione e gestione del Web Marketing...37 Punto vendita...38 CAPITOLO 5: OPERATION E ORGANIZATION PLANS

4 PIANO OPERATIVO...38 ORGANIZZAZIONE INTERNA...39 Politica e strategia...40 CAPITOLO 6: ANALISI DEI RISCHI...41 Conclusioni...42 CAPITOLO 7: ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA...42 Fissazione della quota associativa annua...42 Ricavi...42 Elenco delle spese principali...43 Flussi di cassa...47 Conto Economico sintetico...51 Calcolo del Break even period punto di pareggio...52 Indici di redditività...52 Conclusioni...52 BIBLIOGRAFIA- SITOGRAFIA...53 PARTE SECONDA:...54 ANALISI DELLA FATTIBILITA TECNOLOGICA...54 CAPITOLO 8: FUNZIONALITA...55 CAPITOLO 9: MACROSTRUTTURA...59 CAPITOLO 10: DETTAGLIO DELLE PAGINE COMPONENTI CIASCUNA FUNZIONE...61 Visualizzazione elenco nei dintorni di una certa città...61 Visualizzazione dei dettagli di una singola città...61 Registrazione nuovo utente...63 Compilare scheda personale...64 Accettare il regolamento...66 Decidere la propria attività...66 Registrazione come tutor...67 Registrazione come host/guest...68 Pagamento della quota associativa...68 Compilazione scheda dell accomodation...68 Offerta tutoraggio...73 Visualizzazione pagina personale...74 Elenco delle località presenti...76 Area Feedback...77 Modulo richiesta di soggiorno...80 Modulo richiesta tutor...83 Aggiunta di altre location/posti letto...83 Modifica password...85 Condivisione della propria esperienza...85 Specificare itinerario...86 Recupero password dimenticata...86 Compilare scheda sulla valutazione del sito

5 Inoltrare domande all amministrazione del sito...87 Conclusione...88 CONCLUSIONE...89 ALLEGATI...90 ALLEGATO 1: CURRICULUM VITAE DI SIMONA CERRINO...91 ALLEGATO 2: QUESTIONARI...93 ALLEGATO 3: ELABORAZIONE QUESTIONARI...95 Elaborazione questionario studenti universitari...95 Elaborazione questionario studenti stranieri...95 Elaborazione questionario studenti scuole medie superiori...96 Elaborazione totale...97 ALLEGATO 4: DATI GENERICI DAL SITO COUCHSURFING.COM...98 Numerosità settimanale degli iscritti dal 2004 al Altri dati...99 ALLEGATO 5: ALTRI INDICATORI TURISTICI ALLEGATO 6: CONDIZIONI LEGALI ALLEGATO 7: REGOLAMENTO Ringraziamenti

6 INTRODUZIONE Questa tesi è il frutto del lavoro di 6 mesi e si pone come obiettivo quello di valutare le potenzialità e i fattori critici per l avvio di una nuova impresa. La trattazione si articola in due sezioni appartenenti ad un corpo unico: la prima parte - Valutazione dell opportunità economica- concerne lo sviluppo del business plan, mentre la seconda parte -Analisi della fattibilità tecnologica-, per la cui comprensione è necessario aver letto il secondo capitolo, studia la realizzazione tecnologica dell idea imprenditoriale. La definizione del business plan occupa i primi 7 capitoli e si apre con l Executive summary, che illustra tutta la prima sezione; seguono la Value proposition e Descrizione dell idea, l Analisi del mercato e del settore -in cui è trattata anche la Sostenibilità del vantaggio competitivo- il piano di definizione della strategia di marketing, dove si analizza il Marketing mix, il Piano operativo e la trattazione sull organizzazione interna. La prima parte è conclusa dall Analisi dei rischi e dal Piano economico e finanziario. La parte tecnologica, più concisa e pragmatica, consta di tre capitoli: il primo sulle Funzionalità, in cui sono riassunte tutte le attività del sito che si intende realizzare, il secondo sulla Macrostruttura, che specifica come le singole funzionalità sono tra loro connesse, ed infine il Dettaglio delle pagine componenti ciascuna funzione. La parte Conclusioni riassume le considerazioni finali all intero lavoro e le valutazioni sulla possibile realizzazione concreta. 6

7 PARTE PRIMA: VALUTAZIONE DELL OPPORTUNITA ECONOMICA 7

8 Capitolo 1: Executive Summary CAPITOLO 1- EXECUTIVE SUMMARY Questo business plan è stato preparato per programmare e valutare le potenzialità e i fattori critici per l avvio di una nuova impresa e presentare il progetto BedforBed ai potenziali finanziatori per reperire i necessari per avviare l attività. L azienda e il servizio La BedforBed è un impresa nuova che si intende costituire nella forma di ditta individuale, gestita da un unica titolare, Simona Cerrino, dottoressa magistrale in Ingegneria Gestionale laureatasi presso il Politecnico di Torino nell a.a. 2006/2007. Nel corso dell ultimo anno, Simona Cerrino ha elaborato un modello alternativo di turismo, fruibile attraverso il web. Si tratta di un servizio che prevede la creazione di una comunità virtuale all interno della quale gli individui, a fronte del pagamento di una quota associativa annuale di importo molto contenuto, possono soggiornare gratuitamente presso le abitazioni dei membri della comunità: dando infatti la disponibilità di un posto letto (e, ovviamente, di tutto ciò che ne deriva, come l utilizzo del bagno) a casa propria per un certo periodo, si acquista automaticamente la possibilità di disporre di un posto letto presso un qualsiasi altro membro della community, in qualsiasi altra parte del mondo, per un periodo di tempo calcolato sulla base di alcuni fattori. Mercato e settore Nel complesso si può afferrmare che sia il mercato sia il settore siano attrattivi: a proposito del mercato di riferimento l analisi dei dati evidenzia come sia il turismo mondiale sia il segmento in cui si intende agire (giovani viaggiatori indipendenti, di età compresa tra i 18 e i 26 anni, con scarsa disponibilità economica, ma con entusiasmo e voglia di conoscere nuove culture, lingue e persone), siano in forte espansione e come l orientamento a pacchetti low cost 8

9 Capitolo 1: Executive Summary stia dilagando. Inoltre si intenderebbe soddisfare i bisogni dei clienti (quali desiderio di soggiornare in maniera economica, sicura, di visitare luoghi nuovi e interessanti e di entrare in contatto con altre culture) offrendo benefici migliori, economici e differenziati rispetto a quelli presenti. Per quanto riguarda la competitività del settore, l analisi delle cinque forze di Porter mostra come le barriere all ingresso siano basse e l uscita dal mercato, così come la presenza di prodotti sostituti, non comporti considerevoli problemi; tuttavia la concorrenza e il potere contrattuale dei clienti e dei fornitori rappresentano una minaccia reale. Il vantaggio competitivo, basato principalmente su un valido modello economico, è sostenibile. Traguardi principali Il principale obiettivo è quello di pianificare una strategia di vendita tale da raggiungere il massimo numero di utenti, al fine di creare una buona base installata. Secondo le stime elaborate, nei primi tre anni di vita del servizio si dovrebbero annoverare utenti, di cui il 40% iscritti a pagamento. Nel caso in cui le previsioni non dovessero verificarsi, si sono elaborate delle contromisure tali da garantire il raggiungimento del punto di pareggio entro il terzo anno. Quadro finanziario In base alle proiezioni finanziarie elaborate in dettaglio dalla titolare, il fabbisogno di capitale stimato per avviare con successo l attività è pari a , necessari per costituire il capitale circolante nel primo anno di vita del servizio. Con l ausilio del capitale a prestito, l azienda sarà in grado di generare profitti entro la fine del primo anno o, se la stima degli iscritti a pagamento dovesse rivelarsi errata, entro la fine del terzo anno. Segue la proiezione economica basata sullo scenario più probabile (tutti i valori sono espressi in euro). 9

10 ANNO PRIMO SECONDO TERZO RICAVI COSTI RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA UTILE NETTO/PERDITE Tabella 1: proiezione economica dei primi tre anni espressa in CAPITOLO 2: VALUE PROPOSITION E DESCRIZIONE DELL IDEA MISSION Creazione di una comunità virtuale, all interno della quale i membri aderenti possono soggiornare gratuitamente, è la mission del servizio in questione. Capitolo 1: Executive Summary Il mercato di riferimento è composto da giovani viaggiatori con limitate possibilità economiche e con facilità di accesso ad internet. L IDEA L idea consiste nella creazione di un sito per giovani viaggiatori eternamente in bolletta: dando infatti la disponibilità di un posto letto 1 (e, ovviamente, di tutto ciò che ne deriva, come l utilizzo del bagno) a casa propria per un certo periodo, si acquista automaticamente la possibilità di disporre di un posto letto presso un qualsiasi altro membro della community, in qualsiasi altra parte del mondo, per un periodo di tempo calcolato sulla base di alcuni fattori (durata della propria disponibilità, luogo in cui si offre il soggiorno 2, ). L idea innovativa riguarda il costo: infatti per entrare a far parte di questa comunità virtuale, si dovrà versare solo una modesta quota associativa e nessun altra forma di affitto, nella forma do ut des ; inoltre il sito, tramite l autocertificazione ed altri interventi, basati sulla logica del trust, non si pone come semplice intermediario tra viaggiatori e ospitanti, ma cerca anche di tutelarli. 1 Nell insieme dei posti letto è compreso anche lo spazio per piantare una tenda. 2 Per ulteriori informazioni su tali variabili, consultare il terzo capitolo della seconda parte. 10

11 Capitolo 2: Value proposition e descrizione dell idea Le condizioni necessarie per entrare a far parte della community saranno registrarsi e dare la propria disponibilità ad ospitare; per una disponibilità di un posto letto potranno soggiornare presso i membri della comunità tutti i componenti della famiglia che lo desiderino, a patto che essi si registrino e paghino la quota associativa. L utilizzo di accessori, elettrodomestici o comfort generici, sarà a discrezione dell ospitante, così come lo sarà un eventuale prezzo; ad esempio, un ospitante può negare l uso della lavatrice, un altro può chiedere il pagamento di una quota per il suo utilizzo (tutto ciò sarà specificato nella scheda dell accomodation). Al fine di evitare che gli utenti si accordino tra loro privatamente, i contatti verranno visualizzati solo dopo aver effettuato la registrazione e aver dato disponibilità; ospitante e viaggiatore possono, naturalmente, tenersi in contatto e scambiarsi (un po come avviene su ebay), nonchè visionare le reciproche schede personali e dell accomodation. Così viaggiare potrebbe essere veramente alla portata di tutti, grazie non solo ai voli low cost, ma anche alla possibilità di soggiornare gratuitamente. CUSTOMER VALUE PROPOSITION La seguente tabella riporta l elenco dei principali bisogni dei clienti rilevati attraverso l analisi di dati secondari e dei questionari. 11

12 Capitolo 2: Value proposition e descrizione dell idea BISOGNI DEI CLIENTI SOLUZIONI PROPOSTE 3 Viaggiare economicamente per il mondo Soggiornare gratuitamente presso i membri della comunità virtuale Autocertificazione, feedbacks, scelta di una Viaggiare in sicurezza seconda accomodation, obbligo di presentazione dei documenti d identità Desiderio di conoscere nuove persone, lingue Possibilità di diventare o richiedere la e culture compagnia dei tutors Visitare luoghi interessanti Estesa rete di possibili destinazioni, tra le quali figurano località turistiche, marine e montane. Tabella 2: la tabella illustra tutti i bisogni dei clienti e come si intende soddisfarli Il servizio offerto si differenzia da quelli già presenti sul mercato in quanto: - rispetto ai siti di Home Sharing, il sito si differenzia in quanto non c è uno scambio di casa, ma si offre la disponibilità di un posto letto; - rispetto ai siti che fungono solo da intermediari tra viaggiatori, il sito offre in più un sistema di controllo e autocertificazione basato sulla logica della fiducia reciproca (un po come avviene su ebay); - possibilità di svolgere la sola attività di tutoraggio; - maggiore sponsorizzazione rispetto agli altri siti. CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Tutoraggio Un servizio aggiuntivo previsto è il tutoraggio: questo consiste nell accompagnamento, da parte di una persona locale, dei turisti in viaggio alla visita della propria città, delle sue attrazioni, dei suoi locali. Questo svolge una duplice funzione: da un lato si concede la possibilità al turista di divertirsi alla scoperta delle tradizioni, dei costumi, del cibo e della lingua, di godere della compagnia di una persona locale e di avere un riferimento 3 La spiegazione del significato delle soluzioni proposte si trova nel paragrafo Caratteristiche del servizio. 12

13 Capitolo 2: Value proposition e descrizione dell idea in caso di urgenza; dall altro si permette ai tutors di venire strettamente a contatto col meccanismo e con la filosofia del servizio. E possibile aderire al tutoraggio non solo per improvvisarsi guide turistiche, ma anche per rappresentare unicamente un riferimento per il viaggiatore in caso di necessità. Al momento della registrazione sarà dunque possibile scegliere se diventare un vero e proprio tutor, o se dare solo la disponibilità ad essere contattati in caso di emergenza. In seguito si parlerà di tutoraggio attivo (dare assistenza) e tutoraggio passivo (ricevere assistenza): il primo indica la possibilità di diventare tutor e accompagnare i turisti alla visita della propria città; il secondo allude all opportunità dei viaggiatori di approfittare della compagnia dei tutors. Il tutoraggio attivo è un attività gratuita: per parteciparvi, infatti, è richiesta la sola registrazione al sito e non il pagamento della quota d iscrizione; il tutoraggio passivo è momentaneamente gratuito, ma non si esclude di rendere obbligatorio, in futuro, il pagamento di un prezzo intorno ai 2 - per i viaggiatori che desiderino ricevere tale servizio. L autocertificazione Per curare l aspetto della sicurezza, si è pensato ad una forma di autocertificazione (un po come avviene su ebay), dove tutti i componenti della famiglia che offre disponibilità si devono autocertificare. Al momento in cui un viaggiatore sceglie la destinazione, le due parti verrebbero messe in contatto, dando anche la possibilità all ospitante di visionare la scheda personale del viaggiatore. Nel caso in cui l ospitante decidesse di non voler ospitare un determinato viaggiatore, può rifiutarsi di ospitare il viaggiatore in questione, ma riceverà automaticamente un feedback negativo. L autenticazione - protezione dell ospitante Gli ospitanti, prima della partenza del viaggiatore, riceveranno una con tutte le generalità di quest ultimo: nome, cognome, residenza e numero di passaporto (numero 13

14 Capitolo 2: Value proposition e descrizione dell idea di carta d identità se si viaggia all interno della comunità europea). All arrivo il viaggiatore sarà obbligato a mostrare il passaporto (o carta d identità), così che l ospitante sia sicuro dell identità dell ospitato; il padrone di casa può ritenersi sollevato dall offerta dell ospitalità, nel caso in cui il turista si rifiuti di esibire i documenti. Protezione del viaggiatore Il viaggiatore è invitato a esprimere due preferenze su dove soggiornare: la prima scelta sarà quella effettivamente perseguita; se l ospitante non si farà trovare o non sarà conforme a quanto dichiarato, il viaggiatore potrà recarsi a casa dell ospitante scelto per secondo (che dovrà comunque essere nei dintorni del primo). I padroni di casa dell accomodation scelta per seconda dovranno tenersi liberi e pronti al ricevimento del viaggiatore per un giorno a partire dall arrivo previsto del viaggiatore presso la prima località scelta, dopodiché potranno ritenersi sollevati dall incombenza dell ospitalità. L ospitante non conforme sarà immediatamente espulso dalla community. Customer care Sarà a disposizione di tutti gli utenti, registrati e non, un indirizzo al quale essi potranno fare riferimento nel caso di dubbi o necessità sorti prima o dopo il viaggio. I feedbacks Al termine di ogni esperienza, sia il viaggiatore sia l ospitante saranno tenuti a rilasciare un feedback sull esperienza, sulla casa e sull ospite. Chi accumula cinque feedback negativi verrà escluso dalla community. Il forum e il diario di viaggio E prevista l istituzione di un forum, all interno del quale i viaggiatori possono scambiarsi impressioni e commenti di ogni genere, e di una sezione dedicata al diario di viaggio, in cui i turisti possono scrivere un tema sulla propria esperienza, visibile a tutti i membri della comunità. 14

15 Schema logico delle possibilità di un cliente Capitolo 2: Value proposition e descrizione dell idea Viene successivamente illustrato lo schema logico rappresentante le macro azioni di un potenziale viaggiatore. Sono tre le possibili via di scelta: tutoraggio: riguarda la parte attiva dell opzione, vale a dire dare la disponibilità ad essere contattati in caso di sola emergenza o per fungere da guida turistica, come precedentemente enunciato; viaggio: è l opzione scelta da coloro che intendono viaggiare; in tale caso è previsto il pagamento della quota associativa e il rilascio della disponibilità ad offrire un posto letto (con il relativo uso, ovviamente, del bagno). L uso della cucina, e di altre stanze o apparecchi (come, ad esempio, la lavastoviglie) è a discrezione dell ospitante, che può deciderne eventuale prezzo e utilizzo solo in determinate ore del giorno. Il viaggiatore può esprimere la volontà di ricevere tutoraggio attivo: egli potrà scegliere chi contattare da una lista contenente nominativi di persone risiedenti entro un raggio di 50 km dalla località scelta. Viaggio + tutoraggio: indica la possibilità di viaggiare, unita a quella di diventare un tutor, nel senso attivo del termine. Dopo essersi registrati, aver pagato la quota associativa e aver compilato le schede personale e dell accomodation, sarà possibile esprimere la propria volontà a diventare dei tutor attivi. 15

16 Capitolo 2: Value proposition e descrizione dell idea INIZIO COSA VUOI FARE? ISCRIZIONE COME TUTOR ATTIVO PAGAMENTO QUOTA ASSOCIATIVA E RILASCIO DISPONIBILITA CONTATTO SOLO IN CASO DI NECESSITA GUIDA POSSIBILITA DI VISIONARE GLI INDIRIZZI VIAGGIO E TUTORAGGIO ATTIVO VIAGGIO SCELTA DELLE LOCALITA VUOI AVERE UN TUTOR? VISIONE DELL ELENCO DI TUTTI I TUTOR DISPONIBILI Figura 1: schema logico delle macro azioni di un cliente 16

17 Capitolo 2: Value proposition e descrizione dell idea IL TEAM IMPRENDITORIALE La BedforBed sarà un impresa nuova che si intende costituire nella forma di ditta individuale, gestita da un unica titolare, Simona Cerrino (per il curriculum vitae di Simona Cerrino vedi allegato ), dottoressa magistrale in Ingegneria Gestionale laureatasi presso il Politecnico di Torino nell a.a. 2006/2007. Nel corso dei primi tre anni di vita del servizio, si intende assumere tre collaboratori, ma la titolarità rimarrà sempre a Simona Cerrino. Le motivazioni personali motrici dell iniziativa imprenditoriale sono: soddisfazione personale nel vedere realizzata un idea propria; volontà di permettere anche, e soprattutto, a coloro che hanno scarsa disponibilità economica di viaggiare; misurazione delle proprie capacità organizzative e imprenditoriali con un progetto reale; creare profitti. CAPITOLO 3: ANALISI DEL MERCATO E DELLA COMPETITIVITA DEL SETTORE ANALISI DEL MERCATO Chi sono i consumatori in termini geografici e comportamentali Il segmento in esame comprende giovani viaggiatori indipendenti con possibilità di accesso a internet, di età compresa tra i 18 e i 26 anni, con scarsa disponibilità economica, ma con entusiasmo e voglia di conoscere nuove culture, lingue e persone. Si è consapevoli che alcuni giovani non hanno la mentalità di partire da soli e armati unicamente di zaino e volontà di fare nuove amicizie, per questo si è pensato di avvicinare queste persone con il servizio di tutoraggio, illustrato nel capitolo precedente. Dove sono i consumatori in termini geografici 17

18 Capitolo 3: Analisi del mercato e della competitività del settore L offerta si rivolge ai giovani di tutto il mondo, contando su una diffusione a macchia d olio attraverso l uso del word of mouth, cioè del passaparola. Analisi dei dati primari L analisi è stata condotta su due differenti campioni tramite la somministrazione di un questionario (vedi allegato 2): - il primo è composto da giovani studenti italiani, di età compresa tra i 18 e i 26 anni - il secondo è composto da giovani stranieri, sempre di età compresa tra i 18 e i 26 anni, provenienti un po da tutto il mondo (USA, Messico, Europa, Korea). Il campione di viaggiatori stranieri è composto da 6 persone. Il campione di giovani italiani, si suddivide, a sua volta, in: - studenti delle scuole medie secondarie (56 rispondenti); - studenti universitari (22 intervistati). Si sono svolte sia un analisi separata sui sottocampioni, sia un analisi generale sul campione totale. I risultati sono raggruppati nella tabella seguente: 18

19 Capitolo 3: Analisi del mercato e della competitività del settore UNIVERSITARI LICEALI STRANIERI INTERVISTATI TOTALI TOT RISPONDENTI % femmine 36% 77% 67% 65% %maschi 64% 23% 33% 35% % di coloro che andrebbero ospiti 82% 80% 83% 81% % di coloro che non andrebbero ospiti 18% 20% 17% 19% % di coloro che sono disponibili al 68% 79% 67% 76% tutoraggio % di coloro che son disponibili al tutoraggio,ma non al 13% 14% 0% 13% viaggiare % di coloro che han rifiutato entrambe le 9% 9% 17% 6% ipotesi % di coloro che viaggerebbero da soli 55% 23% 67% 35% % di coloro che ritiene che la propria famiglia ospiterebbe 58% 45% 67% 43% viaggiatori % di coloro che ospiterebbe giovani turisti se vivesse da 50% 64% 83% 62% solo % di coloro che sono disponibili a viaggiare 27% 64% 67% 39% e ad ospitare turisti Tabella 3: analisi dei dati ottenuti dalla somministrazione del questionario 19

20 Capitolo 3: Analisi del mercato e della competitività del settore Esito del questionario 6% 13% 81% % di coloro che andrebbero ospiti % di coloro che han rifiutato entrambe le ipotesi % di coloro che son disponibili al tutoraggio,ma non al viaggiare Figura 2: suddivisione del campione intervistato Dall analisi dei questionari emergono dati piuttosto incoraggianti: infatti coloro che aderirebbero al sito per entrare a fare parte della comunità dei viaggiatori sono l 81% degli intervistati, coloro che sono disponibili al tutoraggio il 76%, mentre la numerosità di coloro che si registrerebbe al sito per l una o per l altra attività, ammonta al 94%. I punti deboli deducibili dall analisi riguardano: - la percentuale di turisti disponibili a viaggiare da soli: il 35%. Per ovviare a tale incertezza si è pensato al tutoraggio, che consente ai viaggiatori di avere un punto di riferimento in caso di necessità, e all istituzione del forum, all interno del quale i viaggiatori potranno esprimere i proprio dubbi, perplessità e scambiarsi informazioni. - La percentuale di famiglie ritenute disponibili ad offrire alloggio ammonta al 43%: a tale riluttanza si cerca di ovviare con la messa a disposizione delle schede personali dei viaggiatori, con i feedback, con la lettura dell esperienza altrui, con il tutoraggio e con il passaparola. 20

21 Capitolo 3: Analisi del mercato e della competitività del settore Ulteriori statistiche Dall analisi del sito 4, uno dei due principali concorrenti, sono emerse le seguenti statistiche relative al segmento in esame: I dati riportati in tabella si riferiscono a tutte le iscrizioni avvenute da Gennaio 2004 a Luglio NUMERO DI ISCRITTI NUMERO DI VIAGGI STATI COINVOLTI 218 CITTA' COINVOLTE ETA' MEDIA DEI VIAGGIATORI 26 Tabella 4: informazione di carattere generale Trend delle iscrizioni iscritti a quadrimestre numerosità quadrimestri Grafico 1: trend quadrimestrale delle registrazioni al sito Stima degli utenti iscritti al sito BedforBed Per avere una stima reale del numero degli iscritti al sito, bisognerebbe sapere quanti utenti potrebbero registrarsi grazie alla diffusione di a catena e quanti grazie all utilizzo di un pacchetto di web marketing. In seguito, sarebbe opportuno fare il prodotto tra i dati in possesso e i seguenti coefficienti di correzione consideranti che: il servizio che si vuole proporre è a pagamento, mentre quelli offerti dalla concorrenza sono gratuiti; il nuovo servizio sarà sponsorizzato, mentre i siti concorrenti si basano solo sul passaparola; 4 Il sito couchsurfing.com funge da semplice intermediario tra viaggiatori; ogni couchsurfer offre ai turisti l uso di un posto letto. 21

22 Capitolo 3: Analisi del mercato e della competitività del settore nessuno degli intervistati conosce couchsurfing.com e hospitalityclub.org; la numerosità degli iscritti varia a seconda della settimana, del mese e dell anno in cui ci si trova 5 ; da quanto emerso dall analisi dei questionari, solo il 39% degli intervistati sarebbe disposto sia a viaggiare sia ad ospitare turisti; non tutti coloro che visitano il sito si iscrivono. Come stima della numerosità annuale degli iscritti, si possono considerare i dati elaborati sul sito couchsurfing.com relativi all ammontare di utenti registrati nei primi tre anni, che essendo dati reali tengono conto che: la numerosità degli iscritti varia a seconda della settimana, del mese e dell anno in cui ci si trova; solo una percentuale di utenti è disposta sia a viaggiare sia ad ospitare turisti; non tutti coloro che visitano il sito si iscrivono. Non disponendo tuttavia delle altre informazioni, si assume che i coefficienti incogniti rimanenti si annullino tra loro: il fatto che non si conoscano i benefici conseguenti ad una sponsorizzazione capillare si suppone compensi il pagamento della quota associativa del nuovo servizio. Dall analisi dei dati ottenuti tramite la distribuzione di questionari, si evince che solo il 40% degli intervistati è favorevole al soggiorno gratuito, mentre il restante 60% si iscriverebbe come tutor 6 ; pertanto i dati a disposizione andranno corretti per tale informazione. Anno Iscritti al sito couchsurfing.com Anno Stima iscritti come tutor Stima iscritti come viaggiatori Tabella 5: stima degli iscritti al sito per i primi tre anni Il primo anno di vita del sito, dal momento che è ancora sconosciuto, si avranno meno iscritti rispetto agli anni seguenti; nei mesi estivi si avranno più utenti registrati che nei mesi invernali, in quanto ci sono le ferie. Vedi allegato 4 Dati generici dal sito couchsurfing.com. 6 Per l ottenimento di questi dati, vedi allegato 3 Elaborazione questionari. 22

23 Capitolo 3: Analisi del mercato e della competitività del settore I drivers del turismo Sono numerosi i fattori che contribuisco alla crescita del turismo: - prosperità globale; - mercati emergenti; - economie in via di sviluppo; - costante crescita delle compagnie di volo low cost. A tale proposito, è doveroso concentrare l attenzione sul caso europeo della RyanAir, il cui numero di passeggeri è passato da 5000 persone nel 1985, a 42,5 milioni alla fine del Sono previsti 52 milioni di passeggeri nel Si può assimilare il proprio mercato di riferimento a quello della Ryan Air in quanto chi sceglie di viaggiare low cost, probabilmente sceglierà anche di soggiornare low cost. Trend dei passeggeri numerosità anni Figura 3: aumento dei passeggeri della Ryan Air dal 1985 a oggi, espresso in milioni. Dati su Il turismo mondiale Secondo un rapporto reso noto da emarketer, più di un miliardo di persone nel mondo ha accesso a internet. Gli USA sono ancora il paese con il maggior numero di utenti, 175 milioni, mentre guardando alle macro regioni, quella con più utenti internet è l Asia, che conta 315 milioni di navigatori; l America Latina è l area che vede una crescita più veloce delle utenze ad alta velocità, con un incremento pari al 70%. In Europa c è invece una comunità di 233 milioni di navigatori; la Cina, il grande mercato 23

24 di internet nell immediato futuro, conta tra la sua popolazione 111 milioni di persone che hanno accesso alla rete. Capitolo 3: Analisi del mercato e della competitività del settore Distribuzione degli accessi a internet nel mondo Numerosità usa asia eur cina persone con accesso a internet Paesi Figura 4: distribuzione mondiale degli utenti con possibilità di accesso al web espressi in milioni A livello planetario, è stata rilevata una forte crescita del turismo nel 2007; da gennaio ad aprile, infatti, il turismo internazionale è cresciuto del 6%, con 252 milioni di turisti, ben 15 milioni di turisti in più rispetto allo stesso periodo del L Asia e il Pacifico con un aumento del turismo del 9% hanno guadagnato il primato della crescita, seguiti da Africa, con l 8%. 24

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

MARKETING Il piano di marketing

MARKETING Il piano di marketing Università degli studi di Macerata Facoltà di Scienze della comunicazione MARKETING Il piano di marketing Prof. Laura Gavinelli laura.gavinelli@unimc.it Blythe, Fondamenti di marketing, cap. 10 1 Cos è,

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO ALLEGATO B MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile,

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Identificazione Utenti

Identificazione Utenti ALLEGATO: DESCRIZIONE DEL TEST DI USABILITÀ BritishAirways a. OBIETTIVI DEL TEST Verificare la correttezza delle funzionalità principali del sito, trovare eventuali ambiguità e ridondanze. b. METODOLOGIA

Dettagli

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a:

Per raggiungere tale scopo, un Business Plan deve contenere tutte le informazioni necessarie a: GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan Matteo Mangano Il Business Plan: aspetti generali Il Business Plan è un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico DIRITTO DI STAMPA 61 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO IMPRESCINDIBILE PER FARE IMPRESA MATTEO PELLEGRINI AREA ECONOMICO FINANZIARIA LEGACOOP REGGIO EMILIA Giovedì 11 dicembre 2014 Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

PROGETTO LOCAL CASA Local Casa è il progetto mirato sul territorio

PROGETTO LOCAL CASA Local Casa è il progetto mirato sul territorio PROGETTO LOCAL CASA Il mercato immobiliare ha trovato in internet un utile alleato per dare risposte rapide ed efficaci come mai era stato possibile in passato. Il trend degli ultimi anni conferma tale

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR I TOUR OPERATOR Riforma della legislazione nazionale del turismo 135/2001 (art. 2 e ss.) Le imprese che svolgono attività

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

Che cos'è il Business Plan?

Che cos'è il Business Plan? Che cos'è il Business Plan? Sintesi del percorso per un piano d'impresa. Di seguito viene riportato un percorso guidato per la stesura di un business plan: si tratta di una traccia esemplificativa sui

Dettagli

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PERCHÉ ELABORARE UN MARKETING PLAN? Il marketing plan è un componente essenziale del vostro business. Quando si avvia una nuova azienda o si lanciano prodotti o servizi

Dettagli

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Copyright 2008 Antonello Garzoni - Tutti i diritti riservati. Prof. Antonello Garzoni ARTI, 20-21-22 Maggio 2008 Agenda Gli

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN

MODELLO DI BUSINESS PLAN MODELLO DI BUSINESS PLAN Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile, possibilmente non

Dettagli

Quale futuro per le agenzie di viaggio. Valentina Della Corte Università Federico II di Napoli

Quale futuro per le agenzie di viaggio. Valentina Della Corte Università Federico II di Napoli Quale futuro per le agenzie di viaggio Valentina Della Corte Università Federico II di Napoli Fonti d informazione - cliente Le piattaforme online sono le principali fonti d informazione per i viaggi.

Dettagli

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance A CWT White Paper Una panoramica sui temi della travel policy e compliance Carlson Wagonlit Travel (CWT), l azienda leader mondiale nel settore

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

Booking di destinazione con interfaccia PMS - Booking Engine - Channel Manager - Communicator

Booking di destinazione con interfaccia PMS - Booking Engine - Channel Manager - Communicator Booking di destinazione con interfaccia PMS - Booking Engine - Channel Manager - Communicator Azienda ericsoft nasce nel 1995 con l obiettivo di migliorare le performance delle strutture ricettive. In

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

Le rilevazioni trimestrali di T.R.A.V.E.L. EXPO presso le strutture ricettive

Le rilevazioni trimestrali di T.R.A.V.E.L. EXPO presso le strutture ricettive Le rilevazioni trimestrali di T.R.A.V.E.L. EXPO presso le strutture ricettive Il bimestre Giugno-Luglio 2015 Rapporto di sintesi Il team di T.R.A.V.E.L.-EXPO, Settembre 2015 1 Tassi di partecipazione alla

Dettagli

Business Plan. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

Business Plan. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa Business Plan Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa Business Plan - Premessa Idea Mission Pianificazione Strategia Business Plan A che cosa serve un Business Plan? Le forma del

Dettagli

HAPPY MARKET IL MERCATO DELLA FELICITÀ

HAPPY MARKET IL MERCATO DELLA FELICITÀ 1 HAPPY MARKET IL MERCATO DELLA FELICITÀ ᴑ E IL CENTRO COMMERCIALE VIRTUALE DELLA ZONA (CCV) CHE METTE IN CONTATTO IMMEDIATO E DIRETTO LA DOMANDA DEI CLIENTI CON LE OFFERTE DEI VENDORS DELLA STESSA ZONA

Dettagli

GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni

GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni 1 Executive summary...2 2 Business idea...2 3 Analisi di mercato...2 4 Analisi dell ambiente competitivo...2 5 Strategia di marketing...3 5.1 SWOT Analysis...3

Dettagli

Duplice finalità Interna Esterna

Duplice finalità Interna Esterna Business Plan Cos è? Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato a definire un idea imprenditoriale in termini di tempistica, fattibilità concreta, opportunità economica e compatibilità finanziaria

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

crowd travelling network Come connettere 10 milioni di sconosciuti e farli viaggiare insieme Alessandro Pinna CEO

crowd travelling network Come connettere 10 milioni di sconosciuti e farli viaggiare insieme Alessandro Pinna CEO crowd travelling network Come connettere 10 milioni di sconosciuti e farli viaggiare insieme Alessandro Pinna CEO Cagliari, 16 maggio 2014 info@runup.it www.runup.it Il problema Come si possono trovare

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita In costante sviluppo, sempre pronta a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, Holidaytravelpass si è presto consolidata anche come tour operator initalia

Dettagli

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Temi in preparazione alla maturità DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

Dettagli

BrandForum. auto- valutazione riguardo l utilizzo delle suddette applicazioni [4]. In secondo luogo, è stata avviata una valutazione extra-aziendale

BrandForum. auto- valutazione riguardo l utilizzo delle suddette applicazioni [4]. In secondo luogo, è stata avviata una valutazione extra-aziendale Brand on the net - II puntata Gli esiti delle indagini desk e field 1. Metodologia di analisi 2. Analisi dei dati 2.1. Le auto-valutazioni valutazioni 2.2 Le valutazioni extra-aziendali aziendali 3. Conclusioni

Dettagli

Rapporto di Riesame 2016

Rapporto di Riesame 2016 Rapporto di Riesame 2016 Denominazione del Corso di Studio : Laurea in Ingegneria Civile Classe : L-7 Ingegneria civile ed ambientale Sede: Università degli Studi del Sannio (Benevento) - Dipartimento

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Arredoufficio On line S.a.s.

Arredoufficio On line S.a.s. ARREDOUFFICIO ON LINE S.A.S. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ La società nasce nel 1999 da un idea imprenditoriale di Gianfranco Comelli, che, forte di una lunga esperienza nel settore dell arredamento d interni,

Dettagli

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo II Edizione 3 2 chi siamo p 3 l' INDAGINE p 4 SCENARIO p 6 LA VENDITA previsioni CONCLUSIONI p14 p20 p24 3 Chi siamo AIGO è una società di consulenza in marketing e comunicazione

Dettagli

L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER

L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER Sabato 17 ottobre 2009 - TBOX, Padiglione C2. Ore 16.15 17.00 Relatori - Tim Gunstone, managing director Eyefortravel - Enrico Bertoldo, direttore

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

LA MIA IDEA GIUSTA Executive Summary

LA MIA IDEA GIUSTA Executive Summary LA MIA IDEA GIUSTA Executive Summary - Tutti i campi sotto riportati sono obbligatori - INFORMAZIONI GENERALI: (Titolo del Progetto, dati del Capo Progetto; segnalare se impresa già esistente oppure ancora

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

ROMIT Roman Itineraries

ROMIT Roman Itineraries Community Initiative INTERREG III B ROMIT Roman Itineraries Centro Studi EUROPA INFORM Rimini (Italy) Dicembre 2004 INDICE Pag. ABSTRACT 3 INTRODUZIONE 6 CAP. 1 - LA CULTURA NELLE NUOVE TENDENZE DEL TURISMO

Dettagli

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi ALESSANDRO TORTELLI Direttore Centro Studi Turistici Firenze Via Piemonte 7

Dettagli

La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna.

La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna. La Biblioteca ambientale dell ARPA Lazio e l utenza esterna. Rilevazione della qualità del servizio e individuazione delle azioni da intraprendere per migliorarla. 20 Indice Introduzione... 3 La diffusione

Dettagli

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO

TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO TURISMO, ENOGASTRONOMIA E ARTIGIANATO: UNA RETE PER LO SVILUPPO Lo sviluppo turistico dell area sud della Basilicata attraverso la valorizzazione delle risorse e delle produzioni locali e la creazione

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO L'evoluzione della domanda di turismo e le implicazioni per i modelli di offerta turistica

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

tp 1 tourist portal 1 Introduzione... 2 2 Finalità e obiettivi del progetto... 2 3 I vantaggi offerti dal sistema... 4

tp 1 tourist portal 1 Introduzione... 2 2 Finalità e obiettivi del progetto... 2 3 I vantaggi offerti dal sistema... 4 Il distretto Turistico: un opportunità per turisti ed imprenditori. Destinazioni ed itinerari per l allungamento della stagione e un maggior utilizzo delle strutture ricettive. Jesolo, 13 febbraio 2006

Dettagli

Politica sulla privacy

Politica sulla privacy Politica sulla privacy Kohler ha creato questa informativa sulla privacy con lo scopo di dimostrare il suo grande impegno nei confronti della privacy. Il documento seguente illustra le nostre pratiche

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Funzionalità del portale gesgolf.it

Funzionalità del portale gesgolf.it Funzionalità del portale gesgolf.it Il portale gesgolf.it mette a disposizione alcuni servizi utili per il mondo del golf a giocatori, circoli golfistici ed hotel convenzionati. Accesso iniziale La home

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

Costituzione dell azienda

Costituzione dell azienda START UP E PMI INNOVATIVE - DALL IDEA ALL IMPRESA: SVILUPPO E STRUMENTI NORMATIVI I vantaggi, le agevolazioni fiscali, i finanziamenti regionali Costituzione dell azienda Giovedì 26 novembre 2015 Gli Step

Dettagli

PROGETTO D IMPRESA. Guida alla Compilazione del Business Plan 1

PROGETTO D IMPRESA. Guida alla Compilazione del Business Plan 1 PROGETTO D IMPRESA Guida alla Compilazione del Business Plan 1 1 Il seguente format si ispira al modello di Business Plan proposto dal progetto Mambo del Comune di Bologna. INDICE DEL BUSINESS PLAN 1.

Dettagli

Un mondo dedicato a chi. cerca qualcosa di più. in un viaggio. di un viaggio

Un mondo dedicato a chi. cerca qualcosa di più. in un viaggio. di un viaggio Un mondo dedicato a chi in un viaggio cerca qualcosa di più di un viaggio Una mission che è una sfida Creare eventi unici, di grande impatto, dove nulla è lasciato al caso e con una cura del dettaglio

Dettagli

BUSINESS PLAN NATURAL...MENTE SCUOLA

BUSINESS PLAN NATURAL...MENTE SCUOLA NATURAL...MENTE SCUOLA BUSINESS PLAN Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia e per la Campania Direzione Generale Cosa è? Criteri di I livello

Dettagli

INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Ufficio Statistica Comune di Ferrara

INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Ufficio Statistica Comune di Ferrara ASCOLTARE I CITTADINI: SITO WEB DELL UFFICIO STATISTICA - VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE Anno 2010 Sondaggio sulle opinioni degli utenti a cura dell del Agosto 2010 ASCOLTARE I CITTADINI: SITO WEB DELL

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

La redazione del piano marketing per le decisioni aziendali: il caso Kimben. Modelli di Marketing

La redazione del piano marketing per le decisioni aziendali: il caso Kimben. Modelli di Marketing ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale TITOLO DELLA TESI La redazione del piano marketing per

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

IL BUSINESS PLAN E IL PIANO OPERATIVO VERSIONE PER LE SCUOLE

IL BUSINESS PLAN E IL PIANO OPERATIVO VERSIONE PER LE SCUOLE Il presente documento è stato redatto da UniCredit SpA esclusivamente con finalità educative nell ambito del Programma In-formati per la presentazione in aula dei relativi contenuti. L utilizzo ai fini

Dettagli

Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Innovazione e sviluppo commerciale

Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Innovazione e sviluppo commerciale Crescere attraverso la rete di vendita e le attività commerciali Innovazione e sviluppo commerciale Antonio Catalani Indice l innovazione di prodotto vendere l innovazione di prodotto: gli argomenti di

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

PRIVACY & PERMISSION MARKETING REPORT 2011 - ITALIA

PRIVACY & PERMISSION MARKETING REPORT 2011 - ITALIA PRIVACY & PERMISSION MARKETING REPORT 2011 - ITALIA Ricerca realizzata in collaborazione con Human HigWay Settembre 2011 LA METODOLOGIA DELLA RICERCA Diennea MagNews ha commissionato a Human Highway nel

Dettagli

CAPITOLO 6 LE ATTIVITÀ DI DIRITTO ALLO STUDIO

CAPITOLO 6 LE ATTIVITÀ DI DIRITTO ALLO STUDIO CAPITOLO 6 LE ATTIVITÀ DI DIRITTO ALLO STUDIO 6.1. Rilevazione degli interventi per il diritto allo studio Il Politecnico di Torino, a partire dall anno accademico 2000/2001, consente ai propri studenti

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

USA Work & Travel USA 2010

USA Work & Travel USA 2010 USA Work & Travel USA 2010 Work and travel USA permette ai partecipanti di vivere e lavorare in America per un periodo massimo di 4 mesi durante le vacanze estive universitarie. Sia che si lavori come

Dettagli

Rag. Luigi Del Marro Commercialista Revisore dei Conti

Rag. Luigi Del Marro Commercialista Revisore dei Conti Rag. Luigi Del Marro Commercialista Revisore dei Conti Egregio Direttore, Roma, data del fax scrivo la presente per proporre all Organismo che Lei rappresenta un opportunità utile per le attività tradizionali:

Dettagli