SOCIETÀ ITALIANA DI NEUROPSICOLOGIA SINP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOCIETÀ ITALIANA DI NEUROPSICOLOGIA SINP"

Transcript

1 SOCIETÀ ITALIANA DI NEUROPSICOLOGIA SINP Congresso Annuale novembre 2013 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca Piazza dell Ateneo Nuovo 1- Via dell Innovazione Milano

2 Venerdì 15 Novembre SIMPOSIO I Nuove prospettive d intervento nella riabilitazione dell afasia: Tra diagnosi e terapia Organizzatore: P. Marangolo, Università Politecnica delle Marche, Ancona Partecipanti: V. Bambini, F. Meneghello, A. Marini Negli ultimi anni, la ricerca in ambito afasiologico ha subito importanti cambiamenti grazie allo sviluppo di strumenti diagnostici e terapeutici innovativi per i disturbi afasici. Da un lato, si è imposta la necessità di utilizzare metodi di analisi che valutino gli aspetti pragmatici del linguaggio al fine di verificare se l intervento terapeutico sia funzionale alle esigenze comunicative del paziente nella vita di tutti i giorni. Dall altro, l esigenza di attuare programmi di trattamento intensivi del linguaggio ha reso prioritario lo sviluppo di tecniche di riabilitazione che potenzino il processo di recupero del linguaggio e/o che possano essere auto-gestite dal paziente da casa. Il presente simposio ha lo scopo di riunire alcune recenti evidenze sperimentali che indichino come l impiego di nuovi metodi di analisi del linguaggio e l uso di nuove strategie d intervento in ambito terapeutico, come la teleriabilitazione e la stimolazione cerebrale non invasiva, siano degli strumenti efficaci per il recupero del linguaggio. SIMPOSIO II Emozioni, competenze empatiche e contesti sociali. Evidenze della neuropsicologia clinica e sperimentale Organizzatore: M. Balconi, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano Partecipanti: Balconi, Leanza, Morese, Cotelli Fattori ambientali, genetici e correlati neurofisiologici, in particolare, risultano essere salienti nell orientare i comportamenti emotivi degli individui. La relazione intrinseca tra componenti cognitive (come i processi di appraisal fondati su modelli multicomponenziali) e componenti individuali (come la risposta di orientamento riflesso mediata dal sistema autonomico) appare infatti supportata da precisi correlati neurofisiologici che contribuiscono a rendere rilevante e complessa l esperienza emotiva. I contributi del simposio si prefiggono di esplorare tali correlati da differenti prospettive. Il primo (Balconi) ha analizzato le modificazioni dei patterns mimico-facciali (EMG) in relazione a differenti attitudini individuali (alti vs bassi livelli di prosocialità, BEES) a seguito di stimolazione inibitoria TMS delle aree sensorimotorie, al fine di verificare l incidenza di meccanismi di rispecchiamento. Nel secondo (Cotelli et al.) viene indagata la capacità di elaborazione e riconoscimento delle emozioni (IAPS) nelle differenti forme cliniche della demenza frontotemporale(demenza Semantica (SD), Variante Frontale (fv), Afasia lentamente progressiva (NfPPA), Degenerazione Corticobasale (CBD), Paralisi Sopranucleare Progressiva (PSP), rispetto ad altre patologie di natura degenerativa (Alzheimer). Nel terzo (Canavesio et al.,) vengono illustrati gli effetti della fruizione di pattern emotivi complessi in contesti di comunicazione mediata (advertising differenziate in relazione alla valenza e al grado di arousing degli stimoli cue) rispetto alle risposte psicofisiologiche autonomiche e ai comportamenti visivi (eye-tracking) di orientamento alla cue visiva. Nel quarto (Bara et al.) viene discusso, mediante impiego di dati fmri, il contributo di differenti pattern di attivazione corticale in relazione all esperienza emotiva nei contesti prosociali, specificamente in condizioni di interazione ingroup e outgroup.

3 COMUNICAZIONI SCIENTIFICHE If two witches would watch two watches, which witch would watch which watch? tdcs over left Broca s area modulates repetition in healthy subjects Valentina Fiori 1, Susanna Cipollari 1, Carlo Caltagirone 1,2, & Paola Marangolo 1,3 1 IRCCS Fondazione Santa Lucia, Roma, Italia; 2 Università di Tor Vergata, Roma, Italia; 3 Università Politecnica Marche, Ancona, Italia. Recent studies have demonstrated that transcranial direct current stimulation (tdcs) modulates cortical activity in the human brain. In the language domain, it has already been shown that, during a naming task, tdcs enhances vocal reaction times in healthy individuals and speeds the recovery process in left braindamaged aphasic subjects. In this study, we wondered whether tdcs would influence the ability to articulate tongue-twisters during a repetition task. Three groups of ten healthy individuals were asked to repeat a list of tongue-twisters in three different stimulation conditions: one group performed the task during anodal tdcs (20min, 2mA) over the left frontal region; a second group during cathodal tdcs delivered over the same region; and, in a third group, sham stimulation was applied. Accuracy and vocal reaction times in repeating each tongue-twister before, during and one hour after the stimulation were collected. Partic ipants were more accurate and faster in repeating the stimuli during anodal tdcs than at baseline, while cathodal tdcs significantly reduced the performance in terms of accuracy and reaction times. No significant differences were observed among the three time points during the sham condition. We believe that these data clearly confirm that the frontal region is critically involved in the process of speech repetition.the results also suggest that tdcs might act as a useful therapeutic tool for the treatment of articulatory deficits in aphasic persons after stroke. Neuropsychological correlates of tdcs-induced enhancement of language production Alberto Pisoni, Giulia Mattavelli, Leonor J. Romero Lauro, Marta Crespi, & Costanza Papagno Università di Milano-Bicocca, Milano, Italia Several studies report an improvement in language production after anodal-tdcs (a-tdcs) applied over the left Inferior Frontal Gyrus (LIFG). We investigated the neurophysiological correlates of this effect by means of TMS-EEG, before-and-after a-tdcs, coupled with a verbal-fluency task. Four Italian right-handed participants were tested in 3 sessions. Two TMS-EEG recordings for session were acquired before and after a-tdcs. In one session a-tdcs was delivered over F5 (20 minutes, 0.75 ma, 16 cm2), with standard cephalic reference, applying TMS over BA6. During the last 5 minutes of a-tdcs, phonemic and semantic verbal fluencies were administered. In one control session, the same paradigm was used with sham tdcs, while in the other session tdcs was unchanged but TMS was delivered over the left superior parietal lobe (SPL). Global mean field power (GMFP) of TMS-evoked potential (TEPs) was calculated. T-test confirmed improvement in verbal fluency after real stimulation (p=.036). A mixed model with stimulation condition as fix factor and subjects as random effect highlighted a higher GMFP increase for a-tdcs sessions with TEPs recorded from BA6 as compared with sham and SPL conditions (p=.032; p=.037). GMFP in ms timewindow showed similar results. Cohen s d coefficients for Phonemic fluency compared to sham positively correlated with the same parameter calculated for real BA6 sessions compared to sham ones (Spearmanr=1;p<.01). TMS-EEG confirmed that tdcs behavioural effects are linked to excitability changes in the LIFG. Besides GMFP resulted greater when TEPs were elicited over a task-relevant area. Finally, GMFP changes were related to better behavioural performance. Abnormalities of the uncinate fasciculus underly behavioral symptoms in Primary Progressive Aphasia Lucio D Anna 1,2, Marsel M Mesulam 3,4, Michel Thiebaut de Schotten 1,5, Estrid Jakobsen 1, Christina Wieneke 3, Flavio Dell Acqua 1,6,7, Emily Rogalski 3, & Marco Catani 1

4 1 Institute of Psychiatry, King s College London, London, UK; 2 Department of Forensic and Neurodevelopmental Sciences, University of Udine Medical School, and Department of Neurosciences, S. Maria della Misericordia University Hospital, Udine, Italy; 3 Northwestern University (NU) Feinberg School of Medicine, Chicago, IL, USA; 4 NU Feinberg School of Medicine Chicago, IL, USA; 5 INSERM-UPMC UMR S 975, G.H. Pitié-Salpêtrière, Paris, France; 6 Department of Neuroimaging, Institute of Psychiatry, King s College London, London, UK; 7 NIHR Biomedical Research Centre for Mental Health at South London and Maudsley NHS Foundation Trust, London, UK Introduction: In this study we measured cortical thickness of the orbitofrontal cortex (OFC) and anterior temporal lobe (ATL) and we also used diffusion tractography to assess the neuroanatomical basis of behavioural symptoms in Primary Progressive Aphasia (PPA) patients. Methods: Thirty-five patients with PPA and twenty-three healthy controls were recruited. Behavioural symptoms were assessed using the Frontal Behavioural Inventory (FBI) and the Neuropsychiatry Interview (NPI). Diffusion tractography was used to obtain indirect indices of microstructural organization of the uncinate fasciculus, inferior frontooccipital fasciculus and inferior longitudinal fasciculus. Results: Statistically significant differences were found between PPA variants in the FBI (F=5.053; p=0.15) but not in the NPI (F=1.664; p=0.2). After Bonferroni correction S-PPA had higher FBI scores compared to L-PPA for both negative (p=0.03) and positive (p=0.009) symptoms S-PPA showed higher FBI scores compared to G-PPA only for the positive symptoms (p=0.04). Cortical thickness of the OFC was negatively correlated with negative FBI symptoms, whereas cortical thickness of the ATL was negatively correlated with positive FBI symptoms. Significant group differences were also found in the uncinate fasciculus of patients with S-PPA compared to the other two PPA variants and controls. A direct correlation was found between diffusion measurements in the uncinate fasciculus and severity of total FBI symptoms and both negative and positive FBI scores. Discussion: These findings indicate that degeneration of the uncinate fasciculus is associated with behavioural changes in PPA, especially in S-PPA variant. Correlation between OFC with negative symptoms and ATL with positive symptoms suggests a functional specialization within the uncinate network. Overestimation of forearm length in a brain-damaged patient following pathological embodiment of an alien arm performing finalized actions with a tool Francesca Garbarini 1, Marco Neppi-Modona 1, Carlotta Fossataro 1, Francesco Della Gatta 1, Patrizia Gindri 2, Angelo Maravita 3, & Anna Berti 1 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Torino, Torino, Italia; 2 Presidio Sanitario San Camillo di Torino, Torino, Italia; 3 Università di Milano-Bicocca, Milano, Italia Previous evidence in normals has shown that active tool-use modulates the representation of related body parts. Here we investigate the effects of tool use observation on length representation of the left forearm s in one right-brain-damaged patient (G.C.) with left arm hemiparesis who manifested embodiment of the examiner s left arm when located next to his left arm. G.C. and 10 aged-matched healthy-controls were asked to estimate the mid-point of their left forearm before and after 15 min. of tool-use training (i.e. retrieving targets with a garbage plier). In G.C., training was always performed by the examiner s left (alien) arm (observative condition), acting either in a congruent or in a non-congruent position with respect to the patient s trunk midline. Healthy controls performed tool-use training either with their own left arm (active condition) or observing the examiner s left arm perform the task (observative cond ition). Results showed that G.C., after tool-use training in the congruent observative condition, during which he misidentified the alien hand as his own, overestimated the mid-point of his forearm mislocating it more proximally to the hand than before tool-use, similarly to what occurred in normal subjects in the active condition. Conversely, in the non-congruent condition the embodiment of the alien hand did not occur and G.C. correctly estimated his forearm midpoint, similarly to healthy subjects in the observative condition. These findings provide strong evidence that the pathological embodiment of alien body parts can occur not only at the level of body schema but also of action representation.

5 Arousal responses to noxious stimuli in somatoparaphrenia and anosognosia: Clues to body awareness Daniele Romano 1, Martina Gandola 2, Gabriella Bottini 2,3, & Angelo Maravita 1 1 Department of Psychology, University of Milano-Bicocca; Milano, Italy; 2 Department of Brain and Behavioural Sciences, University of Pavia, Pavia; Italy; 3 Cognitive Neuropsychology Centre, Niguarda Ca Granda Hospital, Milano, Italy A critical element of body representation in the brain is the sense of ownership towards our own body parts. Brain damage may disrupt this representation, leading to the striking neuropsychological condition named somatoparaphrenia, i.e., the delusion that one s own limb belongs to someone else. The clinical features characterizing somatoparaphrenia are known, however, physiological clues of the level at which this condition may disrupt sensory functions are still to be clarified. In the present study we measured the anticipatory Skin Conductance Response (SCR) to noxious stimuli approaching either the affected or the intact body side in a group of somatoparaphrenic patients (N=5), as well as in a group of patients with anosognosia for sensory deficits - i.e. preserved ownership but decreased awareness of somatosensory deficit - (N=5) and in a group of hemiplegic patients (N=5) without impairments in ownership or awareness. Results show that anticipatory SCR to noxious stimuli directed to the contralesional hand are reduced as compared to the ipsilesional hand in patients with somatoparaprhenia. By contrast patients affected by anosognosia or pure motor deficits showed normal SCR for both hands. Our results give neurophysiological clues to the notion that the confabulations shown by somatoparaphrenic patients are deeply rooted in the neural system. The reduced monitoring for sensory threats coming from the space near the body witnesses for a deep detachment of the affected body part from the patient s body representation. Action and body representations in spinal-cord injured individuals: Behavioral results and neural hypothesis based on a computational model Massimiliano Sparro 1,2, Gianluca Baldassarre 3, Giulia Galli 1,2, Giorgio Scivoletto 2, Marco Molinari 2, & Mariella Pazzaglia 1,2 1 Dipartimento di Psicologia, University of Rome La Sapienza, Rome, Italy; 2 IRCCS Fondazione Santa Lucia, Rome, Italy; 3 Laboratory of Comptuational Embodied Neuroscience, Institute of Cognitive Sciences and Technologies, National Research Council (ISTC-CNR), Rome, Italy Growing evidence suggests that perceptual-motor codes are associated with bodily states, in particular that alterations to the information flows between the body and brain profoundly influence audio-motor representations. We addressed this issue by testing wheelchair-bound subjects with lower skeletal-level spinal cord injury (SCIs) who are unable to feel and move their lower limbs, but have intact upper limb function. In a two-choice, matching-to-sample auditory discrimination task, participants were asked to determine which of two action sounds matched a sample action sound presented previously. We used sounds generated by wheelchair, upper limb, lower limb, and animal actions. The results indicated that SCIs' inability to move lower limbs did not lead to an impairment in the discrimination of lower limb-related action sounds and SCIs discriminated wheelchair sounds more quickly than individuals with comparable auditory experience (i.e. physical therapists) and inexperienced, able-bodied subjects. These results suggest that SCIs' audio-motor associations appear to be modified and enhanced to incorporate the external salient tool (wheelchair), that now represents an extension of their body schemas. We designed a neurocomputational model that captures neural processes that may underpin these alterations and reproduce decision processes observed in the mpirical experiments. The outputs of the model that simulate subjects' performances are comparable with the results we obtained in the study. Moreover we considered the salience as factor that can modulate the model outputs. To consider the contributions of motivational/emotional and motor learning in these neural networks further implementations are needed.

6 Il network cerebrale della soggettività: Il ruolo del putamen Dario Grossi 1, Antonella Di Vita 2, Liana Palermo 2,3, Umberto Sabatini 2, Luigi Trojano 1, & Cecilia Guariglia 2,3 1 Dipartimento di Psicologia, Seconda Università di Napoli, Caserta, Italia; 2 IRCCS Fondazione Santa Lucia, Roma, Italia; 3 Dipartimento di Psicologia, Sapienza Università di Roma, Roma, Italia; La soggettività, il senso di essere "me", è intimamente legato all interocezione. Nei primi studi il termine interocezione era strettamente riferito alla consapevolezza delle sensazioni viscerali (Sherrington, 1948), mentre teorie recenti hanno ampliato questo concetto per indicare la meta-rappresentazione dello stato fisiologico del nostro corpo (Craig, 2002), o, in altre parole, la consapevolezza del corpo interno. Studi di neuroimmagine (Craig et al., 2000; Critchley et al., 2004) suggeriscono che l insula sia la sede di tale metarappresentazione, tuttavia non c è consenso unanime in letteratura (Philippi et al., 2012). Si rende, quindi, necessario integrare tali conoscenze attraverso studi lesionali capaci di porre in relazione causale il danno neuroanatomico e l eventuale disturbo presentato dai pazienti. Nel presente lavoro abbiamo chiesto a 23 pazienti con lesioni cerebrali unilaterali, sottoposti ad una dettagliata valutazione neuropsicologica e ad un esame RM, di rispondere a semplici domande sulle loro sensazioni interocettive (ad es. Le capita di sentire prurito? ). Per mezzo della Voxel-based Mapping Lesion Analysis, abbiamo evidenziato che le strutture coinvolte nella costruzione del senso di sé sono essenzialmente tre: l insula, l amigdala e il putamen. Queste strutture sono reciprocamente connesse per creare una rete cerebrale necessaria all essere cons apevoli dello stato del proprio corpo, quindi al sentirsi vivi. L insula, l amigdala e il putamen potrebbero agire all interno del network come specifici modulatori, essendo rispettivamente il modulatore interocettivo, emotivo e motorio. Una disfunzione di questa rete potrebbe portare le persone a lamentare sintomi fisici non confermati da esami clinici, potrebbe quindi essere responsabile di disturbi psichiatrici con sintomi somatici. POSTER SESSIONS Serial (recall) killers: Effects of a-tdcs on vstm Anna Benetello, Alberto Pisoni, & Costanza Papagno Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca, Milano, Italia Effects of transcranial direct current stimulation (tdcs) on long-term and working memory are well documented. However, so far, no effective modulations of verbal short-term memory (vstm) is reported. Here we tested the effects of anodal tdcs over the left parietal cortex (P3, BA40) on immediate serial recall. Five Italian right-handed subjects were tested on nonword immediate serial recall in three sessions with different item sets. In order to control for semantic and phonological variables, nonwords were used, which were first learned for familiarization. During this phase, a-tdcs was applied over P3 for 20 minutes at 2 ma with reference over the right supraorbital region. To verify tdcs specificity, a sham and the same stimulation protocol on a control area (T7) were administered in the other sessions. After stimulation, subjects were tested for serial recall using nonwords in 10 different 6-item sequences, which had to be recalled in the same order. Two error scores were computed: item (omissions) and order errors (displacements). Preliminary results using Wilcoxon test showed a significant reduction of mean order errors with parietal compared to sham stimulation (p=.04,.13 and.17 respectively), while no difference was found with temporal stimulation. Item errors did not differ among sessions. As expected, a-tdcs modulated order error scores. Being BA40 involved in vstm, boosting its efficiency enhanced the maintenance of sequences, while item retrieval was not affected.

7 Influenza dell adattamento prismatico sulla termoregolazione Elena Calzolari 1, Alberto Gallace 1, Lorimer Moseley 2, & Giuseppe Vallar 1 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca, Milano, Italia; 2 The Sansom Institute for Health Research, University of South Australia, Adelaide, Australia I risultati di recenti studi suggeriscono che funzioni di controllo omeostatico, quali la termoregolazione, sono influenzati dall attività di aree corticali di ordine superiore preposte alla rappresentazione multisensoriale del corpo e dello spazio peripersonale. Inoltre, la momentanea inattivazione di aree parietali posteriori tramite stimolazione magnetica transcranica produce un temporaneo decremento della temperatura corporea. Sulla base di queste evidenze abbiamo condotto due studi in cui la temperatura dei partecipanti a livello delle mani è stata registrata prima, durante e dopo una sessione di adattamento prismatico (AP) a lenti che deviano il campo visivo verso destra (PD - condizione sperimentale esperimento 1), verso sinistra (PS - condizione sperimentale esperimento 2) e a lenti neutre (LN - condizione di controllo di entrambi gli esperimenti). I risultati mostrano che in seguito ad adattamento a LN e PS vi è un aum ento della temperatura delle mani, mentre durante adattamento a PD (utilizzati per la riabilitazione di pazienti con negligenza spaziale unilaterale - NSU) si assiste ad un decremento della temperatura di entrambe le mani. Questi dati sembrano confermare il coinvolgimento parietale nel funzionamento dell AP e mostrano un asimmetria funzionale tra PD e PS nel modulare un parametro fisiologico come la regolazione omeostatica. Sebbene asimmetrie funzionali delle diverse lenti sono state trovate anche in studi precedenti, sia in pazienti con NSU sia in soggetti sani, suggerendo la presenza di una un asimmetria emisferica parietale nell elaborazione degli errori spaziali durante AP, questo studio è il primo ad evidenziarne l effetto su una funzione più di basso livello come la regolazione omeostatica. Rock VS Roll: Dissecting picture-word phonological facilitation effects in the inferior frontal gyrus with tdcs Milena Cerciello, Alberto Pisoni, Zaira Cattaneo, & Costanza Papagno Dipartimento di Psicologia, Università degli studi di Milano-Bicocca, Milano, Italia Converging evidence indicates a role of the left inferior frontal gyrus (LIFG) in lexical selection. Picture-word interference paradigms (PWI) showed that naming a picture with the interference of an acoustically or visually presented phonologically-related word (facilitator) is faster than a phonologically-unrelated or semantically-related (distracter) one. However, the timing and the mechanisms underlying these effects are still controversial. Here we investigated phonological facilitation and interference stimulating with anodal tdcs the LIFG (F5). Five Italian right-handed subjects were tested. Real (20 minutes 2mA a-tdcs) and Sham stimulation in two different sessions were delivered over F5 with reference on the controlateral supraorbital region. After stimulation, three PWI blocks were administered: one with no interfering word; one with facilitators and distracters with 150ms picture-word Stimulus-Onset Asynchrony (SOA); one with a 300ms SOA. Reaction times were collected. In line with previous behavioural findings, preliminary results (Wilcoxon test) highlighted shorter naming latencies in no-interference condition for real rather than sham sessions (p=.043). In both stimulation conditions, facilitators triggered faster RTs than distracters at 150ms SOA while no difference was detected at 300ms SOA. Distracters and facilitators at 150ms SOA resulted in longer RTs in real vs sham sessions (both p=.043). Even though a-tdcs elicited faster RTs in no-interference condition, the presence of the auditory presented words at 150ms (being either a facilitator or a distracter) in real sessions interfered with word production as compared to sham. Since naming in no interference condition is enhanced, stimulation could have over-activated competing or distracting targets, increasing RTs. Preserved adaptation adn aftereffect to different prism in spatial neglect patients Alessio Facchin 1, Nicoletta Beschin 2,3, Martina Gandola 1, Alessio Toraldo 1, & Gabriella Bottini 1,4 1 Department of Brain and Behavioral Sciences, University of Pavia, Pavia, Italy; 2 Neuropsychological service, Rehabilitation Department, Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate Gallarate, Milano, Italy; 3 Department of

8 Psychology, University of Milano-Bicocca, Milano, Italy; 4 Cognitive Neuropsychology Laboratory, Niguarda Ca Granda Hospital, Milano, Italy Prism Adaptation (PA) is a technique used in the rehabilitation of unilateral spatial neglect (USN). Several papers reported a normal aftereffect (AE) size in USN patients, while other not. The AE size depends on the prism power used in PA and on the technique used to measure it. In normal subjects, AE increases with prism power. On these bases, by using different prism powers, we wished to test: (i) whether prismatic adaptation and AE are impaired in a group of neglect patients; (ii) whether the relationship between AE size and prism power is confirmed in two groups of USN patients. Twenty neglect patients and twenty healthy subjects performed terminal exposure adaptation and open loop pointing measure of AE; half the subjects in each group used 20Δ prismatic diopter prisms, half the subjects used 10Δ. We observed the typical initial pointing error and the subsequent adaptation in both groups, reaching near to zero pointing erro r at the end of the trials. Prism power significantly influenced the size of the initial pointing error, which was larger with the 20Δ prism (p<0.0001) but no difference whatsoever was found between patients and healthy subjects. The same results were observed with the aftereffect size. We confirmed that AE size is proportional to optical shift in both groups. Both adaptation and aftereffect processes were preserved in a group of neglect patients even using 10Δ and 20Δ prisms. Hence high power prisms, like the ones we used, are to be preferred in clinical and rehabilitation practice. EdiTouch: il primo tablet per i bisogni educativi speciali a partire dalla scuola primaria Marco Iannacone Digitally Different Srl EdiTouch è il primo tablet appositamente studiato a supporto dei bambini dislessici, offre funzionalità e strumenti che aiutano e incoraggiano i bambini ad apprendere e comprendere meglio argomenti visti a scuola. Lo sviluppo di EdiTouch è nato dal desiderio di un padre di realizzare uno strumento per aiutare suo figlio nell affrontare le difficoltà che incontrava nello studio. Successivamente una analisi più approfondita ha mostrato che il nostro strumento riesce ad indirizzare i principali limiti che si riscontrano nell utilizzo degli strumenti compensativi tradizionali per i bambini con DSA nelle scuole primarie. Il nostro dispositivo, con i suoi programmi e la piacevole interfaccia di cui è dotato, riesce a proporre una modalità di lavoro che supera la resistenza dei ragazzi e fornisce loro delle gratificazioni, aumentando la motivazione e come conseguenza facilitando il successo scolastico. Attualmente è in corso una importante sperimentazione - coordinata dalla ASL di Roma D - all'interno di sette scuole romane in un progetto scientifico atto a verificare l'efficacia del tablet. Il progetto prevede l impiego di oltre 230 tablet EdiTouch da parte di altrettanti bambini certificati DSA che lo utilizzeranno per 18 mesi a casa e a scuola per svolgere le normali attività di studio. Essenzialmente innovativa è la pianificazione di una alfabetizzazione informatica capillare di alunni, genitori e insegnanti (caratteristica carente nelle altre esperienze simili riportate in letteratura) al fine di creare un ambiente facilitante a casa e a scuola grazie ad una rete competente (insegnanti/studenti/ genitori) che attiva il cambiamento attraverso un contributo partecipato. Aprassia e atrofia corticale posteriore: Studio di tre casi Federica Lucchelli, & Eleonora Martini Centro Alzheimer, Passirana di Rho (MI), Italia Pur essendo di frequente riscontro, le caratteristiche del deficit aprassico nell atrofia corticale posteriore (PCA) sono state finora scarsamente indagate. Abbiamo specificamente esaminato l aprassia degli arti in 3 pazienti con diagnosi di PCA (AL, GT e AP). Sono stati somministrati test di imitazione di gesti, pantomime dell uso di oggetti, uso di singoli oggetti reali ed esecuzione di attività complesse con uso di più oggetti. In tutti e 3 i pazienti l uso di oggetti reali, singoli o in attività complesse, era risparmiato. La prova di pantomime dell uso di oggetti era patologica in 2 pazienti (AL e AP) per produzione di movimenti amorfi o

9 errori tipo body-part-as-object. Ai test di imitazione di gesti sono emersi invece deficit significativi, pur di gravità variabile, in tutti i pazienti, con prestazioni peggiori per i gesti non simbolici e per i gesti in sequenza. In AL e GT i gesti di arto/mano erano più compromessi rispetto ai gesti di singole dita, mentre AP presentava il quadro opposto. L analisi qualitativa degli errori ha evidenziato una netta prevalenza di errori spaziali in AL e in GT e una distribuzione più omogenea degli errori in AP. In questi 3 casi il profilo osservato è indicativo di un risparmio delle componenti prassiche ideative e di una selettiva compromissione dell imitazione di gesti. Si può ipotizzare che la variabilità per gravità e per qualità di errori sia conseguente alla relativa asimmetria o più specifica localizzazione delle alterazioni degenerative a livello della corteccia parietale, occipitale e/o temporale. Anodal transcranial direct current stimulation (tdcs) over the left frontal region improves language comprehension and written language Flavia Mattioli, Patrizia Pasquali, Vera Rota, Chiara Stampatori, Maura Zuelli, & Fabio Bellomi Neuropsicologia Clinica e Riabilitativa, Spedali Civili di Brescia, Italia Several studies have shown that modulating cortical activity by means of tdcs can improve naming in chronic aphasics. The preliminary results of the present study suggest an effect also on comprehension and written language. We randomized 6 chronic ( mean 7 years post stroke) non fluent aphasics (2M, 4F) to have either 20 anodal tdcs (active group) or sham tdcs (sham group) over the Broca area during computerized naming rehabilitation (5 days/week x 2 weeks). Active group (mean age 55.6, mean education 11.3) and sham group (mean age 54,6, mean education 8.6) had three examinations: baseline (T0) with Aachen Aphasie Test (AAT), Raven s CPM, visual naming test (correct answers and latencies) and Cookie theft description; after treatment (T1) with visual naming test and Cookie theft description and 3 months later (T2) with visual naming, Cookie theft and AAT test. Groups were not different at baseline, except for AAT naming (active 74.3, sham 107 /120). Although not significant, T1 follow up showed greater improvement in active group compared to sham on visual naming (correct responses and latencies) and Cookie theft description tasks. At T2 a significantly greater change in visual naming was shown by active group; a significantly higher change also in AAT written language, naming and comprehension subtests was obtained by active compared to sham group (t test p<.05). Preliminary data point to an effect of anodal tdcs over Broca area combined with language rehabilitation beyond naming- also on comprehension and written language in chronic aphasia. Un caso insolito di afasia conseguente a intossicazione da monossido di carbonio Alessia Monti 1, Stefano Zago 2, Mario Rango 2, Andrea Arrighi 2, & Massimo Corbo 1 1 Dipartimento di Scienze Neuroriabilitative, Casa di Cura del Policlinico, Milano, Italia; 2 U.O.C. Neurologia, Dipartimento di Neuroscienze e Salute Mentale, Fondazione I.R.C.C.S. Ospedale Maggiore Policlinico, Milano, Italia Le conseguenze dell intossicazione da monossido di carbonio (CO) includono sequele neurologiche, deficit cognitivi e modificazioni comportamentali spesso misdiagnosticati. I casi riportati in letteratura sono pochi e non è stato identificato un pattern specifico di deficit neuropsicologici, anche se la maggior parte delle descrizioni riportano difficoltà mnesiche, attentive, nelle funzioni esecutive, nelle abilità visuo-spaziali e un globale rallentamento nella processazione delle informazioni. Qui riportiamo il caso di un uomo di 74 anni (RPE) che è stato esposto ripetutamente ad inalazione di CO presso la casa di campagna. I primi sintomi, quali sonnolenza e cefalea furono sottovalutati, sino ad un episodio acuto di confusione e graduale peggioramento dell eloquio associato ad un valore di carbossiemoglobina pari al 31%. In tale occasione RPE fu sottoposto a trattamento in camera iperbarica e successivamente intraprese cic li intensivi di logopedia. Il danno, correlato ad una lesione focale in sede temporo-insulo-parietale sinistra alla RM encefalo, si

10 configurò inizialmente in un quadro di afasia globale con aprassia (orale, ideativa e ideomotoria). Quest ultima regredì, a differenza del deficit di linguaggio che pur migliorando notevolmente nell arco del tempo non scomparve totalmente. Il caso di intossicazione da CO qui descritto e indagato tramite approfondimenti neuroradiologici (spettroscopia di risonanza magnetica) e assesment neuropsicologico, evidenzia un insolita manifestazione clinica esitata in un danno focale di natura ipossico-ischemica la cui insorgenza potrebbe esser stata verosimilmente favorita dall intossicazione stessa. Watching through the mirror: Consequences of altered visual feedback on motor cortex excitability Cristina Russo, Irene Senna, Irene Ferrario, & Nadia Bolognini Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Milano, Italia The Mirror illusion (MI) is a well-known multisensory illusion that has been successfully used for the rehabilitation of motor impairments, especially hemiparesis following stroke. So far, the mechanisms of MIinduced motor recovery are still under investigation. The present study aims at investigating whether, and to what extent, the sensori-motor conflict induced by MI modulates motor cortex excitability. Healthy subjects (N=15) were asked to perform cyclic abduction/adduction movements with the left index finger at a frequency rate of 1 Hz, while watching a movie showing a right hand, superimposed over the (unseen) own right hand, performing the same movements at four different rhythms, namely same, slower, faster, and static. Motor evoked potentials (MEPs) induced by transcranial magnetic stimulation of the left motor cortex (M1) were recorded from the right hand contingent upon the observation of the right index finger movement s. MEPs increased during the observation of the slow movements, as compared to the view of the index finger moving faster, or at the same rhythms of the subject s finger. This increased motor facilitation in the slower condition may represent an attempt of the brain to solve the mismatch between the visual feedback and the motor-proprioceptive information: in order to face the illusory feeling of reduced movement induced by the visual feed-back, the motor cortex increases the output to muscles. This evidence highlights the crucial role of multisensory conflict on motor cortex excitability during the MI. Il ruolo del lessico nelle difficoltà di apprendimento della letto-scrittura in bambini bilingui. Evidenze per la diagnosi di DSA Francesca Scortichini, Giacomo Stella, Maristella Scorza, Gianmarco Fulgeri, & Isabella Morlini Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, Italia Lo studio presentato tenta di inquadrare il ruolo della variabile lessico nei D.S.A. Sempre più spesso gli operatori dei servizi di psicologia clinica e N.P.I.A si trovano davanti ad un progressivo cambiamento della tipologia di utenza: bambini plurilingui con difficoltà di apprendimento scolastico. Ci si chiede quando sia possibile parlare di D.S.A. e quali siano gli indici che permettono di discernere un disturbo di tipo neurobiologico da esiti di una insufficiente esposizione alla L2. Il gruppo sperimentale è costituito da 28 bambini bilingui di età compresa tra i 9 e i 14 anni scolarizzati completamente in Italia ma esposti in modo massiccio alla lingua di provenienza dei genitori (L1); il gruppo di controllo è costituito invece da 28 bambini italiani con diagnosi di D.S.A. Sulla base dei risultati ottenuti è evidente che nel gruppo sperimentale, quasi la totalità del campione raccolto, ha una prestazione deficitaria alle sole prove di natura lessicale. Questo dato si presta a più considerazioni: è verosimile che negli L2 la via lessicale di letto-scrittura sviluppi in ritardo rispetto agli L1 proprio in virtù del loro scarso vocabolario ma anche che, i bilingui siano penalizzati dall uso di test tarati su popolazione italiana. In questo caso, per la diagnosi nei plurilingui, non è pensabile continuare a far riferimento alle attuali tarature. Ulteriori considerazioni sono effettuate in merito al rapporto tra prove linguistiche e relative alla letto- scrittura nel gruppo degli L1 e negli L2.

11 Il profilo neuropsicologico della WISC IV nei soggetti con diagnosi di Dislessia Evolutiva. Dati preliminari Maristella Scorza 1, Sara Pestelli 2 Isabella Morlini 1, Francesca Scortichini 1, Gian Marco Fulgeri 1, & Giacomo Stella 1 1 Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Italia; 2 Sos Dislessia Il presente lavoro ha l obiettivo di verificare il profilo cognitivo nei soggetti aventi diagnosi di dislessia evolutiva attraverso l utilizzo della Scala WISC IV (Wechlser Intelligence Scale for Children, 2012) che prevede una nuova struttura della scala suddivisa in quattro indici: indice di ragionamento visuo-percettivo, indice di comprensione verbale, indice di memoria di lavoro e indice di velocità di elaborazione. Un recente studio francese (De Clercq-Quaegebeur et al., 2010) evidenzia un particolare profilo dei dislessici alla WISC- IV: in particolare l indice di IML è più basso rispetto agli altri tre indici e il punteggio all indice di velocità di elaborazione è più basso dell indice di comprensione verbale e di ragionamento visuo-percettivo (p< 0.01) mentre non risultano esserci differenze tra gli ultimi due indici (ICV e IRP). Il nostro studio ha lo scopo di replicare il lavoro suddetto ed individuare il profilo cognitivo nei dislessici italiani. Il campione è costituito da 120 soggetti dalla classe 3^ primaria alla classe 3^ secondaria di primo grado con diagnosi di Dislessia. I risultati sembrano confermare parzialmente la ricerca del gruppo francese. Multisensory rehabilitation of unilateral spatial neglect Luca Zigiotto 1,2, Roberta Ronchi 2,3, Nadia Bolognini 1,2, Carlotta Casati 1, 2 & Giuseppe Vallar 1,2, 1 Department of Psychology, University of Milano-Bicocca, Milano, Italy; 2Neuropsychological Laboratory, IRCCS Istituto Auxologico Italiano, Milano, Italy; 3Laboratory of Cognitive Neuroscience, Ecole Polytechnique Fédérale de Lausanne, Lausanne, Switzerland Right brain-damaged patients may show unilateral spatial neglect (USN), a debilitating neuropsychological syndrome characterized by the failure to report, respond to or orient towards contralesional left-sided stimuli (e.g., Vallar, 1998; Husain, 2008). Patients with USN may have spared multisensory abilities, which may compensate for the unisensory, modality-specific, spatial impairments (Frassinetti et al., 2005, Bolognini et al., 2013). The present study aimed at developing a new multisensory rehabilitation procedure for USN based on the audio-visual stimulation of the visual field, by comparing its effectiveness with a prismatic adaptation treatment (Fortis et al., 2010). Right-brain-damaged patients with USN were randomized to receive two-weeks (20 sessions, twice per day) of audio-visual treatment (N=10) or prismatic adaptation treatment (N=9). The effects of both treatments were measured with standard neuropsychological tests for USN (e.g., target cancellation, line bisection, drawing) and personal neglect (PN), as well as with the functional evaluation of USN and PN (CBS scale), neurological severity and disability (NIH stroke and FIM scales). The results showed that the multisensory treatment induce an amelioration of USN-related deficits, which is comparable to that induced by the prismatic adaptation procedure. The clinical improvement by the multisensory treatment remained stable up to one month after the treatment, and in some patients even up to six months. In conclusion, the multisensory treatment appears a novel and promising procedure for the rehabilitation of USN.

12 Sabato 16 Novembre COMUNICAZIONI SCIENTIFICHE Il cervello politically correct: Evidenze neurofunzionali dell inibizione del bias razziale implicito Manuela Berlingeri 1, Marcello Gallucci 1, Laura Danelli 1, Matteo Forgiarini 1, Maurizio Sberna 2, & Eraldo Paulesu 1,3 1 Dipartimento di Psicologia, Università Milano-Bicocca, Milano, Italia; 2 Reparto di Neuroradiologia, A.O. Niguarda Cà Granda, Milano, Italia; 3 IRCCS Galeazzi, Milano, Italia La manifestazione dell empatia per il dolore può essere moderata da una serie di fattori psico-sociali come, ad esempio, l etnia di appartenenza del soggetto sottoposto a stimolo doloroso. L esistenza di una diversa risposta empatica (Differential Empathic Activation for Race, DEAR) dovuta a tali fattori è stata riportata anche a livello neurale. Tuttavia, non è mai stato indagato come sia possibile attuare comportamenti politically correct, nonostante la presenza di una risposta DEAR a favore dell in-group (registrata al momento della presentazione di uno stimolo doloroso). A tale proposito è stato condotto uno studio fmri su 16 studenti di etnia Caucasica. I partecipanti sono stati sottoposti alla presentazione di una serie di videoclip che ritraevano attori di etnia africana e caucasica sottoposti a stimoli dolorosi o neutri sulla mano. Al termine di ciascun video, gli osservatori dovevano giudicare su una scala likert il livello di dolore provato dall attore. Il segnale BOLD è stato campionato al momento della presentazione dello stimolo e al momento del giudizio. I risultati mostrano l esistenza di due circuiti neurali distinti. Nel primo localizzato nella pain-matrix si registra un effetto DEAR a favore dell in-group durante la presentazione dei video. Nel secondo localizzato nella corteccia prefrontale - si registra un effetto DEAR a favore dell out-group durante il giudizio. A livello comportamentale i partecipanti hanno giudicato ugualmente dolorose le scene in cui comparivano attori caucasici ed africani. Quest i risultati suggeriscono la necessità di reclutare le aree prefrontali al fine di limitare l effetto del bias razziale implicito e ottenere così un comportamento politically correct. La vincita o la perdita possono modulare l ampiezza dei MEP: studio TMS Emanuele Lo Gerfo 1,2, Alberto Pisoni 2, Stefania Ottone 1, Ferruccio Ponzano 3, Luca Zarri 4, & Leonor J Romero Lauro 2 1 Dipartimento di Economia Metodi Quantitativi e Strategie d Impresa, Università degli studi di Milano- Bicocca, Milano, Italia; 2 Dipartimento di Psicologia, Università degli studi di Milano-Bicocca, Milano, Italia; 3 Università del Piemonte Orientale, Vercelli, Italia; 4 Università degli studi di Verona, Verona, Italia Studi TMS hanno mostrato che l osservazione di azioni compiute da altri influenza l eccitabilità corticospinale dell osservatore e che il potenziale evocato motorio (MEP) del muscolo, che dovrebbe essere attivo durante l azione osservata, tipicamente aumenta di ampiezza (Lo Porto et al 2013). Abbiamo indagato se significati diversi (vincita vs perdita) associati ad una identica azione possano modulare l ampiezza del MEP. 48 soggetti hanno partecipato a due giochi economici: Dictator Game (DG) e Theft Game (TG). Ogni gioco prevede 4 blocchi con un proponente (nostro complice) diverso. Nel DG il proponente decide se dividere una somma di denaro (condizione di vincita) con il ricevente (il soggetto sperimentale) o tenerla per sé (condizione perdita). Nel TG il proponente sceglie se rubare (perdita) o non rubare (vincita) una somma di denaro al ricevente. Il proponente sceglie le due condizioni prendendo uno di due differenti gettoni posti di fronte a lui. Ogni blocco è caratterizzato da percentuali di vincita e perdita prestabilite: (80% vincita) (80% perdita), (60% misto vincita) e (60% misto perdita). Sono stati registrati i MEP dal primo dorsale interosseo (FDI) della mano evocati da un impulso TMS sulla corteccia motoria del ricevente mentre osserva le mani del proponente che afferrano il gettone. I risultati mostrano un aumento dell ampiezza dei

13 MEP quando lo status quo del soggetto si modifica, in particolare: nel DG nel blocco perdita quando il soggetto vince e nel TG nel blocco vincita quando il soggetto perde. Questo risultato suggerisce che il significato veicolato da un azione può modulare l eccitabilità della corteccia motoria. Percezione visiva delle espressioni emotive: il ruolo causativo del solco temporale superiore destro Matteo Candidi 1,2, Bernard M.C. Stienen 3, Beatrice De Gelder 3,4, & Salvatore Maria Aglioti 1,2 1 Dipartmento di Psicologia, Università di Roma Sapienza, Roma, Italia; 2 IRCCS Fondazione Santa Lucia, Roma, Italia; 3 Laboratory of Cognitive and Affective Neuroscience, Tilburg University, Tilburg, The Netherlands; 4 Psychology and Neuroscience Department, Maastricht University, The Netherlands Osservare espressioni corporee e facciali emotive attiva nell uomo e nella scimmia una rete neurale diffusa che comprende il Solco Temporale Superiore (STS). STS svolge un ruolo importante nel combinare aspetti emotivi delle posture osservate con la simulazione e la programmazione del comportamento da adottare attraverso le sue connessioni con l amigdala e con strutture fronto-parietal. Attraverso l uso della stimolazione magnetica transcranica, in due studi, si è indagato per la prima volta il ruolo causale di STS nella percezione di posture corporee e facciali a contenuto emotivo. Nel primo esperimento si è indagato il ruolo di STS destra nella percezione di cambiamenti posturali emotivi in un compito di discriminazione visiva. I risultati mostrano che l attività di STS è essenziale nella percezione di cambiamenti posturali emotivi e non neutrali e che l interferenza con la sua attività determina un miglioramento nell accuratezza percettiva di tali cambiamenti. Nel secondo esperimento si è indagato il ruolo di STS destra nel supportare la percezione consapevole di immagini corporee e facciali con valenza emotiva in un compito di rivalità binoculare. I risultati di questo esperimento indicano che l attività di STS determina la percezione consapevole di face e corpi emotivi. In particolare, in linea con i risultati del primo studio, l inibizione temporanea di STS aumenta la dominanza percettiva di corpi emotivi (riducendo invece quella delle facce). La possibilità di alterare la percezione di stimoli corporei emotivi attraverso la stimolazione di regioni visive offre nuove ipotesi terapeutiche oltre che contribuire alla comprensione dei meccanismi neurali alla base della percezione visiva sociale. Dissociazione fra interazioni imitative e complementari nel solco intra-parietale anteriore: studi rtms sulle joint actions Lucia Maria Sacheli 1,2, Vanessa Era 1, Marco Gandolfo 1, Salvatore Maria Aglioti 1,2, & Matteo Candidi 1,2 1 Dipartmento di Psicologia, Università di Roma Sapienza, Roma, Italia; 2 IRCCS Fondazione Santa Lucia, Roma, Italia; Coordinarsi con gli altri in modo efficace richiede la capacità di anticipare i movimenti altrui per pianificare risposte appropriate. Mentre è noto il coinvolgimento della rete fronto-parietale a supporto dell imitazione, nessuno studio ha finora dimostrato l'esistenza di un sito neurale causalmente coinvolto nella capacità di adattarsi in modo non-imitativo ai movimenti di un altro individuo. Nella presente ricerca abbiamo chiesto a 26 soggetti sperimentali (6 maschi) di afferrare un oggetto con un grasping fine/grossolano contemporaneamente a un compagno virtuale, compiendo azioni uguali (imitative) o opposte (complementari) rispetto ad esso. La "sincronicità del grasping" (i.e. la differenza tra il momento in cui i partner afferrano ciascuno il proprio oggetto) è stata analizzata come variabile cruciale, mentre la cinematica del partecipante è stata monitorata con telecamere a infrarossi. Nel primo esperimento (12 soggetti), il compito era preceduto da stimolazione magnetica transcranica inibitoria (continuous Theta Burst Stimulation, ctbs) del solco intra-parietale (aips) sinistro o del vertice (sito di controllo). Nel secondo esperimento (14 soggetti), la ctbs è stata somministrata su aips, sull area ventrale premotoria (vpm) sinistra o come stimolazione sham. I risultati hanno mostrato che i partecipanti raggiungevano lo stesso livello di sincronicità del grasping durante movimenti imitativi o complementari dopo stimolazione sham, su vertice o vpm. Al contrario, l inibizione di aips causava un peggioramento selettivo durante movimenti complementari ma non imitativi, suggerendo che quest area sia causalmente coinvolta nella capacità di

14 coordinarsi con gli altri, in quanto supporta l integrazione del goal dell azione propria e altrui in un unico piano motorio. Effects of different rtms treatments and the role of attentional bias in a patient with focal hand dystonia Raffaella Ricci 1, Adriana Salatino 1, Gaetano Mazzeo 1, & Marcello Nobili 2 1 Department of Psychology, University of Turin, Italy 2 Unit of Neurology, Koelliker Hospital, Turin, Italy Symptoms in focal hand dystonia (FHD) are associated with deficient cortical inhibition. Recent studies suggest that inhibitory low-frequency repetitive Transcranial Magnetic Stimulation (rtms) over contralateral premotor cortex (PMC) might ameliorate FHD, although no clear evidence of significant improvement has been shown. We investigated the effects of different rtms protocols on complex FHD of the right hand and associated symptoms in a 41-year-old man. In experiment 1, the patient underwent eight days of rtms over left PMC. In experiment 2, the role of rightward attentional bias and the effects of lower doses of stimulation were investigated by comparing the effectiveness of a weekly three days treatment over PMC with a three days treatment over left PPC (Posterior Parietal Cortex). RTMS over left Occipital cortex and sham stimulation constituted two control conditions. Clinical and behavioral evaluation comprised the patient s self-estimation of dystonic symptoms, handwriting, finger tapping, and the use of everyday objects. In experiment 2, a line bisection task was also administered. Findings suggest that: 1) lower doses of rtms over PMC, more distributed in time, may induce better clinical outcomes than higher doses; 2) the rightward attentional bias plaid a role in this patient s FHD and was improved by rtms over PPC; 3) rtms over PPC induced longer term beneficial effects than rtms over PMC. Future doubleblind placebo-controlled studies on groups of patients are needed to further explore optimal doses and effectiveness of multiple rtms treatments targeting different sites of the dysfunctional brain circuit(s) underlying FHD disorder. La Teoria della Mente nei pazienti con malattia di Parkinson De Novo Errico Domenico 1, Barone Paolo 2, Vitale Carmine 3,4, Trojano Luigi 1, Grossi Dario 1, & Gabriella Santangelo 1,5 1 Dipartimento di Psicologia, Seconda Università di Napoli, Caserta, Italia; 2 Centro per le Malattie Neurodegenerative, Università di Salerno, Salerno, Italia; 3 Dipartimento di Scienze Neurologiche, Università Federico II, Napoli, Italia; 4 Università Parthenope, Napoli, Italia; 5 IDC Hermitage Capodimonte, Napoli, Italia Introduzione: La Teoria della Mente (ToM) è la capacità di attribuire emozioni, intenzioni, desideri e credenze agli altri. La ToM è stata poco indagata nella Malattia di Parkinson (MP), soprattutto nei pazienti non trattati con farmaci antiparkinsoniani (MP de novo) [1,2]. Il presente studio, dunque, è stato realizzato per esplorare l aspetto affettivo e cognitivo della Teoria della mente in pazienti con MP de novo. Materiali e metodi: Ventinove soggetti con MP de novo e quarantotto soggetti di controllo sono stati sottoposti a test cognitivi per la valutazione della componente affettiva e cognitiva della ToM, della memoria di lavoro, delle funzioni esecutive e a questionari per la valutazione dell apatia e della qualità di vita (QoL). Risultati: I pazienti hanno mostrato una maggiore gravità dell apatia e una riduzione della QoL rispetto ai controlli. La MANCOVA nella quale le variabili comportamentali sono state inserite come covariate, ha mostrato che i parkinsoniani presentano prestazioni significativamente inferiori rispetto ai controlli nelle prove che valutavano la componente cognitiva e affettiva della ToM (F=4,790; p=0,001; F=2,811; p=0.023, rispettivamente). Conclusioni: I risultati indicano che i parkinsoniani de novo presentano prestazioni significativamente inferiori rispetto al gruppo di controllo nelle prove che valutavano la componente cognitiva e affettiva della ToM, fin dalle fasi iniziali della malattia. Dal momento che la corteccia prefrontale è una area corticale deputata alla componente cognitiva e affettiva della ToM ed è disfunzionale nella MP, i risultati suggeriscono una relazione tra la disfunzione delle due sottocomponenti della ToM e l alterazione della corteccia prefrontale dovuta ad un processo neurodegenerativo della MP. 1. Péron J, Vicente S, Leray E, et al. Are dopaminergic pathways involved in theory of mind? A study in Parkinson s disease. Neuropsychologia 2009;47: Bodden Maren Elisabeth, Richard Dodel and Elke Kalbe, Theory of

15 Mind in Parkinson s Disease and Related Basal Ganglia Disorders: A Systematic Review. MovementDisorders Vol. 25, No. 1, 2010, pp Functional robotic hand develops a crossmodal representation after a prolonged training Chiara F. Tagliabue 1, Francesco Marini 1, Ambra V. Sposito 1, Alejandro Hernandez-Arieta 2, Peter Brugger 3, Natalia Estévez 3, & Angelo Maravita 1 1 University of Milano-Bicocca, Milano, Italy; 2 Noser Engineering AG, Switzerland; 3 University Hospital Zurich, Switzerland The cognitive representation of one s own body is critical in guiding the interaction with the environment. The body representation is strictly connected with the representation of the space immediately surrounding it through the efficient crossmodal integration of tactile input with visual stimuli occurring close in space. Such a body-space integrated representation can be dynamically modulated by the use of external tools. Our study aimed to explore the effect of training with a complex tool, namely a functional robotic hand with sensory feedback, on visuo-tactile spatial interactions in healthy participants. We measured the visuo-tactile interference in the crossmodal congruency task, a widely used paradigm for the study of the crossmodal representation of peri-personal space. A significant pattern of visuo-tactile interference was found at the end of a 20-sessions long training with a functional robotic hand capable of both ex ecuting distal hand movements upon participant control and providing sensory feedback on the participant s arm. The training thus produced an update of body and spatial coordinates compatible with the inclusion of the functional robotic hand in the participant s body representation. From a clinical perspective this finding adds to previous evidence for the embodiment of functional prostheses in amputees and suggests that prostheses use may also improve the crossmodal combination of somatosensory feedback delivered by the prosthesis with visual stimuli in the space surrounding the body. SIMPOSIO III Frontal disorders in MCI and Alzheimer s disease: Integrating clinical practice, experimental studies and neuroimaging data Organizzatore: V. Moro, Università di Verona Partecipanti: Moro, Gambina, Mograbi, Pernigo, Venneri The main aim of the symposium concerns the discussion of recent results in research regarding frontal disorders in subjects affected by Mild Cognitive Impairment (MCI) and Alzheimer Disease (AD). The topic will be addressed thanks to the presence of expert researchers in the field who will present updates on the existing literature and the results of their own original experiments. Indeed, in addition to memory deficits, executive impairment may represent the first non-amnesic symptom in the initial phases of AD and MCI and the most relevant. It has strong impact on the loss of everyday abilities in AD, influencing the subject s decisions concerning medical treatment and financial choices. Nevertheless, although in many patients in the early stages of the illness, executive and decision making functions are shown to be impaired, most of them still seem to be able to make their decisions. In the attempt to clarify this apparent contradiction, Giuseppe Gambina will present the preliminary results of a wide study concerning the relationship between deficits in awareness and clinical competence in mild and moderate AD patients. Although lack of awareness of deficits or illness is a common feature of Alzheimer's disease, there is considerable heterogeneity in the presentation of this phenomenon. Daniel Mograbi will review previous findings and present empirical data suggesting an association between apathy and unawareness. He will also propose a new way of accounting for anosognosia caused by frontal lobe dysfunction, namely an impairment in emotional processing of error information. Recent evidence indicates that emotional changes are also common in Mild Cognitive Impairment (MCI). To date, two main lines of investigation have been explored. The first focuses on recognition of facial emotions

16 and the second on impairment in empathy and its links to affective disorders and/or cognitive components involved in the Theory of Mind. Simone Pernigo will present a study that integrates these two approaches. In one group of MCI subjects, both psychophysical measurements concerning the visual discrimination of emotional stimuli, and quantitative subjective measurements of empathic and emotional interpersonal tracts have been collected. Moreover, the experimental results have been correlated with neuroimaging data (structural Magnetic Resonance Images). Finally, Annalena Venneri will discuss the role of Neuroimaging techniques in the understanding of neural functioning in Alzheimer s disease (AD) and other forms of dementia. These techniques provide valuable tools for improving early diagnosis of AD, monitoring disease progression and evaluating responses to treatment. Recent evidence has suggested that methods of neuroimaging which detect changes in neuronal function (and therefore sensitive to subtle neuronal damage) have a better predictive value with respect to future clinical AD than measurements of whole brain or regional atrophy. Measurements of brain metabolism in the posterior cingulate regions (acquired with PET) or changes in brain activity within the default mode network, especially in the posterior midline brain structures (detected with resting fmri) appear, therefore, to be more sensitive to abnormal changes. When these data are correlated to in depth neuropsychological and clinical observation, they can lead to a better knowledge of these syndromes and permit effective progress in AD research. POSTER SESSIONS L apatia e i deficit cognitivi nella Malattia di Parkinson: Uno studio longitudinale Sofia Cuoco 1, D Pezzella 1, L Trojano 1, G Pisano 1, M Picillo 2, C Vitale 3,4, M Amboni 3, K Longo 4, MT Pellecchia 5, P Barone 5, & G Santangelo 1,4 1 Dipartimento di Psicologia, Seconda Università di Napoli, Caserta, Italia; 2 Dipartimento di Scienze Neurologiche, Università Federico II, Napoli, Italia; 3 Università Parthenope, Napoli, Italia; 4 IDC Hermitage Capodimonte, Napoli, Italia; 5 Centro per le Malattie Neurodegenerative, Università di Salerno, Salerno, Italia Obiettivi L apatia è un disturbo della motivazione riscontrabile nelle fasi sia iniziali che avanzate della Malattia di Parkinson (MP). L obiettivo del presente studio è determinare la progressione del declino nei pazienti parkinsoniani de novo apatici con e senza apatia clinicamente significativa. Materiali e metodi Sessantadue pazienti con una durata di malattia <2 anni, de novo ricevettero una diagnosi di MP e furono inclusi nello studio. I pazienti furono sottoposti all Apathy Evaluation Scale (AES) e ad una batteria neuropsicologica per valutare la memoria, l attenzione, le funzioni esecutive e visuospaziali (T0). Dopo due anni dalla prima valutazione (T1), tutti i pazienti furono rivalutati. Risultati In base al valore-soglia della AES, dei 62 pazienti, 9 sperimentarono apatia sia al T0 che al T1 (A+A+); 8 mostrarono apatia solo al T1 (A-A+), 37 pazienti non sperimentarono mai apatia (A-A-) e 8 pazienti mostrarono apatia solo al T0 (A+A-). La MANOVA per misure ripetute mostrò una riduzione delle prestazioni cognitive nei 4 gruppi. Sia al T0 che al T1, A+A+ mostrarono prestazioni inferiori rispetto ai A-A- nelle prove frontali e visuospaziali. A-A+ presentarono prestazioni peggiori rispetto al gruppo A-A- nella prova interferente dello Stroop. La Regressione Logistica Binaria rivelò che una scarsa prestazione allo Stroop test-(interferenza) al T0 è un significativo predittore dello sviluppo di apatia al T1 (odd ratio=0.128; Wald=5.241, p=0.022). Conclusioni Il presente studio mostra una relazione tra apatia e disfunzioni esecutive nelle fasi iniziali della MP. Inoltre, ridotte prestazioni alla prova interferente dello Stroop può essere un predittore dello sviluppo di apatia nel corso della malattia. Apprendimento senza errori nel GMT: un nuovo approccio nella riabilitazione di pazienti con lesioni cerebrali acquisite e deficit esecutivi. Studio pilota Eleonora Fiorenzato 1, Dirk Bertens 1, Valentina Moro 2,3, Roy PC Kessels 4, & Luciano Fasotti 1,5

17 1 Donders Institute for Brain, Cognition and Behaviour, Radboud University Nijmegen, Nijmegen, The Netherlands; 2 Dipartimento di Riabilitazione, Ospedale Sacro Cuore Don Calabria, Negrar, Italia; 3 Dipartimento di Filosofia, Pedagogia e Psicologia, Università di Verona, Verona, Italia; 4 Rehabilitation Medical Centre Groot Klimmendaal/SIZA Support and Rehabilitation, Arnhem, The Netherlands; 5 Department of Medical Psychology, Radboud University Nijmegen Medical Centre, Nijmegen, The Netherlands Dopo lesioni cerebrali acquisite, molti pazienti manifestano difficoltà di pianificazione, problem-solving, ragionamento organizzazione di comportamenti volti a un obiettivo (goal directed behaviour). Tali deficit esecutivi si manifestano in una difficoltà ad affrontare le attività strumentali della vita quotidiana (IADL tasks). Il Goal Management Training (GMT; Robertson, 1996) è risultato efficace nella riabilitazione delle funzioni esecutive. In particolare esso è mirato al ri-apprendimento di attività complesse (IADL- tasks) attraverso l utilizzo di un algoritmo, in cui tali attività vengono suddivise in sotto-obiettivi (steps) allenati progressivamente con un apprendimento per prove ed errori. Scopo di questo studio è verificare se un approccio di apprendimento-senza-errori (errorless) per la prima volta abbinato al GMT possa aumentarne l efficacia. L ipotesi sottostante è che, impedendo l apprendimento implicito degli errori, si eviti l interferenza che tale processo avrebbe sull acquisizione di un compito aumentando appunto l efficacia del GMT. Due gruppi, composti da 8 soggetti ciascuno, hanno partecipato allo studio (randomizzato in doppio cieco). Tutti i partecipanti presentavano gli esiti di lesioni cerebrali acquisite di diversa eziologia e in fase cronica, con deficit esecutivi, confermati da un esame neuropsicologico. Il gruppo sperimentale effettuava un training di GMT errorless e il gruppo di controllo un GMT standard. L outcome principale della ricerca sono videoregistrazioni dell esecuzione di attività complesse, registrate prima e dopo il trattamento e valutate da un ricercatore esterno. I risultati, preliminari a uno studio su un campione più consistente, dimostrano che il GMT, abbinato all errorless learning è significativamente più efficace del trattamento GMT standard, sia rispetto all apprendimento dell algoritmo GMT che per le ricadute sulla vita quotidiana. Personal Representational Space: Interaction between working memory and attention Gerardo Salvato 1, Anna Sedda 1, & Gabriella Bottini 1,2 1 Department of Brain and Behavioural Sciences, Psychology Section, University of Pavia, Pavia, Italy; 2 Cognitive Neuropsychology Center, Niguarda Ca Granda Hospital, Milano, Italy Working Memory (WM) can influence Selective Attention (SA), guiding our perceptions and actions in the environment. The top-down control is assumed to be exerted from WM, where a template is held directing the allocation of visual SA in perceptual space. The WM content can guide attention also in the representational extrapersonal domain, and it has been suggested that the guidance effect results from a spread of activation to templates of semantically related items. In this study, we aim at investigating the influence of WM on SA in personal representational space. We expect that a semantic correlation between the material to be manipulated, employed by WM and SA tasks, might affect the subjects performance. Twenty seven healthy blindfolded subjects performed simultaneously a SA task searching for targets attached to their body surface, the Stocking Test (ST) and a WM task, the Backward Spelling Task (BST). Half of the subjects were required to manipulate body parts names and half objects names. Our data demonstrate that the group performing the WM task with body related material shows a greater accuracy at the ST (F(1,26) = 5.220; p =.031). On the contrary, the group performing the object WM test shows an opposite pattern. Even though preliminary, our results suggest that the WM content influences the attentional exploration in personal space, depending on the semantic correlation between the material to be manipulated in the two cognitive domains. This specific interaction could be taken into account for selective rehabilitation of body representation impairments. Tactile body image in obesity Federica Scarpina 1, Gianluca Castelnuovo 2, & Enrico Molinari 1,2

18 1 Istituto Auxologico Italiano IRCCS, San Giuseppe Hospital, Psychology Research Lab, Piancavallo (Oggebbio), Italy; 2 Department of Psychology, Catholic University of Milano, Milano, Italy Mental body representations are constructed from and reciprocally influenced by bottom-up sensory input (Serino and Haggard, 2010) and also by top-down cognitive and affective representations (Dijkerman and De Haan, 2007); for example higher level of body dissatisfaction was found to be related to severe tactile body image disturbance in Anorexia Nervosa (Keizer et al., 2011). The aim of the present work was to observe possible disturbance in tactile aspects of body image in obese people, who were reported to show high level of dissatisfaction (Docteur et al., 2010). Obese subjects and healthy weight subjects took part at the present study. They were asked to estimate the distance between two simultaneous tactile stimuli using their thumb and index finger, in absence of visual input; two different body parts were tested: the arm and the abdomen (Tactile Estimation Task TET; Keizer et al., 2011). Moreover they were asked to state the level of satisfaction for their different body parts. The results indicated that obese participants tended to overestimate perceptual distances on the arm compared to those on the abdomen. About psychological component, severe obese people expressed higher level of dissatisfaction respect to morbid obese subjects and healthy ones. In obesity, body image disturbance extended to somatosensory perception; moreover affective components influence the construction of tactile body representation. Il rumore e il sistema visuo-spaziale: Una nuova ipotesi sulle asimmetrie spaziali Luca Suardi 1, A Brooks 2, M Sozzi 3, R Van der Zwan 2, R Daini 1 1 Dipartimento di Psicologia, Università degli studi di Milano-Bicocca, Milano, Italia; 2 Dipartimento di Psicologia, Southern Cross University, Coffs Harbour, Australia; 3 Dipartimento di Scienze Neuro Riabilitative, Casa di Cura del Policlinico, Milano, Italia Il rumore interno è costituito dall attività spontanea neuronale non legata alla trasmissione dell informazione, che dunque interferisce con i processi di analisi. Sono stati confrontati i livelli di rumorosità interna dei sistemi Magnocellulare (M) e Parvocellulare (P) per analizzarne le possibili asimmetrie emisferiche, tramite l aggiunta di rumore esterno unilaterale in soggetti sani e l effetto di lesioni unilaterali in pazienti cerebrolesi. A 20 pazienti cerebrolesi (10 destri,10 sinistri) e 10 controlli sono stati richiesti giudizi destra/sinistra rispetto al punto centrale percepito (PCP) di un display, utilizzando stimoli in grado di attivare preferenzialmente una o l altra via visiva. Per i soggetti sani sono state utilizzate 3 condizioni sperimentali: rumore a destra (RN), a sinistra (LN) e assenza di rumore (NN). I risultati indicano che i due sistemi si caratterizzano per una differente sensibilità al rumor e esterno: la via M è risultata la più sensibile al rumore esterno e inoltre solo la condizione LN è stata in grado di spostare significativamente verso destra il PCP. La via P è risultata, al contrario, ugualmente sensibile al rumore esterno lateralizzato a destra e a sinistra. I pazienti, sottoposti alla sola condizione NN hanno mostrato asimmetria solo per gli stimoli M, con un maggior spostamento verso destra in caso di lesione destra e un minor spostamento a sinistra in caso di lesioni sinistre. I risultati confermano l ipotesi che la lesione cerebrale sia una fonte addizionale di rumore interno e suggeriscono che i bias visuo-spaziali possano originare dall assenza di uniformità nella distribuzione del rumore tra gli emisferi. Le amnesie che accompagnano i delitti: Dalla nosografia alle implicazioni processuali Stefano Zago U.O.C. Neurologia, Dipartimento delle Neuroscienze e Salute Mentale, IRCCS Fondazione Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, Università degli Studi di Milano, Milano, Italia Non è infrequente che dopo aver commesso un omicidio violento, l autore del reato lamenti un amnesia completa dell accaduto o un recupero parziale degli avvenimenti. Il fenomeno, stimato con percentuali che variano dal 10 al 70%, è stato oggetto di numerosi studi e plurimi dibattiti multidisciplinari. Sebbene l amnesia post-crimine inviti immediatamente a pensare alla simulazione adoperata per evadere una responsabilità penale, accurate indagini condotte in campo clinico e con tecniche di neuroimaging e di

19 lie detection hanno consentito di giungere alla conclusione che l amnesia post-crimine rappresenti una realtà molto sfaccettata che include sia l atto simulatorio ma anche amnesie genuine a genesi organica e psicogena. L inquadramento nosografico è mutato in relazione ai metodi di valutazione e alle logiche per definire l amnesia post-crimine scaturiti dalle recenti acquisizioni clinico-sperimentali. Nel caso di una genuina amnesia post-crimine scaturiscono eventuali implicazioni processuali che riguardano sia la capacità di stare in giudizio che la responsabilità penale. L imputato accusato di un omicidio che non può ricordare l evento criminoso potrebbe non riuscire a prender parte in modo significativo alla sua difesa e quindi essere considerato non capace di subire processo. D altro canto l evidenza di un amnesia postcrimine potrebbe ridurre la responsabilità penale dell imputato qualora venga dimostrato che l amnesia sia dovuta ad uno stato organico o dissociativo in grado di alterare la volontà dell individuo durante l atto delittuoso.

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Applicazioni di Realtà

Applicazioni di Realtà Università di Pisa Corso di Laurea in Terapia Occuapazionale Corso di Bioingegneria applicata alla Realtà Virtuale Anno Accademico 2009/2010 Applicazioni di Realtà Virtuale in Riabilitazione i Ing. Stefano

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione

Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione ALTA SCUOLA DI PSICOLOGIA AGOSTINO GEMELLI Facoltà di Psicologia Master Universitario di secondo livello Neuropsicologia: Valutazione, Diagnosi e Riabilitazione V edizione Sedi di Milano e Brescia Master

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Le valutazione neuropsicologica. Camillo Marra Clinica della Memoria

Le valutazione neuropsicologica. Camillo Marra Clinica della Memoria Le valutazione neuropsicologica Camillo Marra Clinica della Memoria Roma 19.3.2015 Affidabilità del test neuropsicologico nella diagnosi differenziale di demenza Lo studio dei profili quantitativi e qualitativi

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Seminario Valutazione PON Roma, 29 marzo 2012 La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Elena Meroni - Università di Padova e INVALSI Daniele Vidoni

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Quando Studiare il DAT

Quando Studiare il DAT Quando Studiare il A.Piccardo, E.O. Ospedali Galliera F. Nobili Università di Genova 123 I-FP-CIT (SCAN ) Pre-sinaptico FP- CIT Post-sinaptico Non interazione tra farmaci dopaminergici e imaging In presenza

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI 90 STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI DISTURBI COGNITIVI: UTILITÀ E LIMITI DI IMPIEGO Marianna Amboni CEMAND, Università di Salerno IDC Hermitage-Capodimonte, Napoli

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino

LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Compagnia di San Paolo LABORATORIO DI INGEGNERIA DEL SISTEMA NEUROMUSCOLARE (LISiN) Via Cavalli 22H, 10138 Torino Comunità Europea European Space Agency Attività extraveicolare sulla Stazione Spaziale

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Working Memory motore di ricerca dell apprendimento Un contributo dalle Neuroscienze Nevegal Luglio 2012

Working Memory motore di ricerca dell apprendimento Un contributo dalle Neuroscienze Nevegal Luglio 2012 Working Memory motore di ricerca dell apprendimento Un contributo dalle Neuroscienze Nevegal Luglio 2012 Dr. Mauro Felletti, Neurologia dello Sviluppo, mauro. felletti@libero. it La memoria Il termine

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A.

LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A. Laboratorio di Epidemiologia e Neuroimaging e UO Alzheimer IRCCS San Giovanni di Dio - FBF LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A. Marina Boccardi

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO Roma, 1 2 o9obre 2010 CONVEGNO QUANDO I CONTI NON TORNANO Modelli neuropsicologici e riabilitazione della discalculia LA DISCALCULIA EVOLUTIVA IN SOGGETTI DISLESSICI FREQUENTANTI LA SCUOLA SECONDARIA DI

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli