Laboratorio Algoritmi 2014 Secondo Semestre

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio Algoritmi 2014 Secondo Semestre"

Transcript

1 Laboratorio Algoritmi 2014 Secondo Semestre Lunedì 14:30 17:30 Aula 2. Ricevimento: inviare a 44 ore (9 CFU) Linguaggio di programmazione: MATLAB Esame : progetto e/o prova scritta di laboratorio Sito del corso

2 MATLAB(Matrix Laboratory) Ambiente per il calcolo numerico per applicazioni tecniche e scientifiche Integra computazione, visualizzazione, e programmazione (linguaggio interpretato) in un ambiente di sviluppo Può essere utilizzato a diversi livelli di complessità: dall utilizzo interattivo per la risoluzione di semplici problemi, fino alla programmazione di applicazioni complesse cui MATLAB fornisce il motore computazionale

3 MATLAB: vantaggi MATLAB è un software di calcolo scientifico che semplifica la scrittura di algoritmi Linguaggio interpretato: stesso codice eseguibile su architetture diverse grazie all'interprete MATLAB Non è necessario specificare il tipo delle variabili E possibile modificare agevolmente le strutture dei dati Implementa molte funzioni già pronte

4 MATLAB: svantaggi Naturalmente MATLAB presenta anche alcuni svantaggi Bisogna prestare attenzione al tipo delle variabili Una script MATLAB è in genere un po più lento di un programma compilato e occupa più memoria La gestione della memoria può essere piuttosto inefficiente E a pagamento

5 MATLAB: interprete Command line INPUT: Comandi MATLAB OUTPUT Interprete MATLAB: codifica per l'architettura sottostante Hard Disk CPU RAM Risorse di Sistema

6 Esecuzione Programmi Memoria centrale (RAM) Memoria centrale (RAM) Istruzione 1 Istruzione2 CPU Istruzione 1 Istruzione2 Secondo passo Istruzione3 Istruzione4 Istruzione3 Istruzione4 CPU Interprete Matlab Interprete Matlab Primo passo Programma pre-compilato Programma MATLAB

7 La Finestra dei Comandi (Command Window) La finestra dei comandi (Command Window) è uno degli strumenti principali in MATLAB per inserire dati, eseguire funzioni ed applicazioni, visualizzare risultati. Il prompt della Command Window, >>, è il punto in cui inserire i comandi. Il prompt indica che MATLAB è pronto ad accettare l input dall utente I comandi immessi nella Command Window vengono immediatamente interpretati ed eseguiti da MATLAB.

8 La Finestra dei Comandi (Command Window)

9 La Finestra dei Comandi (Command Window) Per eseguire un comando è sufficiente digitare il comando stesso e premere invio Esempi: >> 7/5 (INVIO) ans= >> log(1.0) (INVIO) ans= 0

10 Cronologia dei Comandi (Command History) Le istruzioni digitate nella Finestra dei Comandi vengono registrate e memorizzate nella Cronologia dei Comandi (Command History). Dalla Cronologia dei Comandi è possibile risalire ai comandi precedentemente eseguiti, selezionarne alcuni e rieseguirli.

11 Directory corrente e percorsi (paths) Tutte le operazioni su file in MATLAB fanno rifermento alla directory corrente e al search path. Qualunque file si voglia utilizzare in MATLAB, questo deve essere collocato o nella directory corrente o in una directory inclusa nel search path. La directory corrente può essere visualizzata o modificata attravero la toolbar del desktop MATLAB.

12 Workspace Il workspace ( spazio di lavoro ) di MATLAB consiste nell insieme di variabili definite durante una sessione di lavoro e memorizzate da MATLAB. Il workspace browser consente di visualizzare ed ottenere informazioni relative ad ogni variabile presente nel workspace. Il workspace non viene mantenuto dopo la fine di una sessione. Tuttavia può essere salvato e ricaricato per un altra sessione. Per salvare il workspace si seleziona File > Save Workspace As... Il workspace viene salvato in un MAT-file (file binario con estensione.mat)

13 Help Esistono un certo numero di tutorial e libri su MATLAB che coprono gli argomenti più disparati. In genere è comunque sufficiente l help in linea di MATLAB. >>help oppure >> help comando

14 Parole chiave MATLAB riserva alcune parole per usarle come parole chiave del linguaggio. La lista delle parole chiave si ottiene digitando iskeyword nella Finestra dei Comandi Break, case, catch, continue, else, elseif, end, for, function, global, if, otherwise, persistent, return, switch, try, while

15 Variabili Le variabili consentono di memorizzare un valore in un area di memoria. Hanno un tipo specifico. Il valore assegnato ad una variabile può essere modificato durante l esecuzione del programma. Le variabili sono identificate da un nome. Il nome di una variabile in MATLAB deve iniziare con una lettera che può essere seguita da una qualunque combinazione di lettere, numeri e caratteri underscore (_). Nota: MATLAB è case sensitive, ovvero distingue tra lettere maiuscole e minuscole.

16 Tipi di dati Esistono diversi tipi di dati fondamentali (built-in) in MATLAB. Gli utenti possono definire ulteriori tipi di dati attraverso le estensioni object-oriented del linguaggio. Tutti i tipi di dati sono implementati sotto forma di matrice o vettore.

17 Numeri interi Esistono in MATLAB 4 tipi di interi con segno e 4 tipi di interi senza segno. Esempio: x = int16(325);

18 Numeri reali I numeri reali sono memorizzati in formato floating-point a precisione doppia (double 64 bit) o singola (single 32 bit). Per default MATLAB impiega il formato a precisione doppia. I numeri a precisione singola si ottengono convertendo un numero a precisione doppia attraverso l istruzione single. Esempio: x = single(25.783); Whos clear

19 Conversioni e arrotondamenti Per default MATLAB memorizza i numeri in formato floating-point a precisione doppia (double). Per memorizzare un dato come numero intero deve essere operata una conversione esplicita. Nelle conversioni da double a intero per default MATLAB opera l arrotondamento all intero più vicino Esempio:x = ; int16(x) ans = 325 x = x +.001; int16(x) ans = 326 Se occorre un altro tipo di arrotondamento, MATLAB fornisce 4 funzioni: round (per eccesso/difetto), fix (parte intera), ceil (intero superiore) e floor (intero inferiore)

20 Il tipo Logical Il tipo logical è usato per rappresentare variabili booleane che possono assumere il valore true (vero = 1) o false (falso = 0). Gli operatori relazionali ed alcune funzioni MATLAB ritornano output di tipo logical. Possono essere definite singole variabili di tipo logical o matrici di elementi di tipo logical. Esempio: x = [true, true, false, true, false]; y = rand(3) > 0.5;

21 Caratteri e stringhe Si possono specificare caratteri e stringhe racchiudendoli tra Singoli apici Esempio: >> character = a ; >> string = MATLAB ; Per confrontare due stringhe si può usare: strcmp: ritorna 1 se le stringhe sono identiche, 0 altrimenti. ATTENZIONE: è diverso dal C. strncmp determina se i primi n caratteri di due stringhe sono identici.

22 Caratteri: codice ASCII char converte un numero intero positivo nel carattere Equivalente. >> char(126) ans = ~ Esistono 95 caratteri ASCII stampabili, numerati da 32 a 126

23 Conversioni tra numeri e stringhe int2str converte un numero intero in un carattere. str2num converte una stringa in un tipo numerico Esempi: >>char([72 105]) ans = Hi >>str2num( ) ans =

24 Operazioni aritmetiche e... Per le variabili numeriche sono disponibili le usuali operazioni (+, -, *, /), e molte altre (sqrt(), exp(),...). Bisogna prestare attenzione al fatto che le operazioni posso dare risultati diversi a seconda del tipo di dato. La sequenza di comandi a = int8(2) b = int8(3) c = a/b assegna a c il valore 1. La sequenza di comandi assegna a c il valore a = 2 b = 3 c = a/b

25 Valori speciali In MATLAB esistono alcuni valori numerici speciali, in particolare NaN (Not a Number) e Inf (Infinity). NaN indica una operazione per la quale il valore è indefinito, mentre Inf indica un valore infinito. Esempi: >>1/0 Inf >>0/0 NaN Per una spiegazione più precisa del funzionamento di questi valori vi rimando all help in linea.

26 Operatori relazionali

27 Operatori logici Sono disponibili gli usuali operatori logici Operatore Sintassi AND & OR NOT ~ >> 1 & 5 ans = 1 >> 1 0 ans = 1

28 Matrici, vettori e scalari La matrice è il tipo di dato fondamentale in MATLAB Le matrici sono rappresentate come array bidimensionali di numeri. Assumono un significato particolare le matrici 1 x 1, usate per rappresentare gli scalari e le matrici con una sola riga o una sola colonna, usate per rappresentare i vettori. Mentre altri linguaggi di programmazione operano generalmente su scalari, il linguaggio di programmazione MATLAB opera soltanto su matrici.

29 Creare matrici Si può creare una matrice in MATLAB: Inserendo esplicitamente i dati nella matrice Caricando una matrice da un file di dati esterno Generando una matrice per mezzo di una delle funzioni predefinite disponibili in MATLAB Generando una matrice in funzioni predisposte dall utente e salvate in un M-file

30 Creare matrici inserendo manualmente i dati I dati si inseriscono nella Finestra dei Comandi seguendo queste regole: Gli elementi all interno di una riga sono separati da virgola (,) o spazio Le righe sono separate dal punto e virgola (;) L intera lista di elementi deve essere racchiusa tra parentesi quadre ([ ]) >> A = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; >> A(2,1) = 4

31 Generare matrici usando le funzioni predefinite MATLAB fornisce le seguenti funzioni per generare matrici: zeros: genera una matrice in cui tutti gli elementi hanno valore zero ones: genera una matrice in cui tutti gli elementi hanno valore uno rand e randn: generano una matrice in cui tutti gli elementi assumono un valore casuale secondo una distribuzione rispettivamente uniforme e normale eye: genera una matrice in cui tutti gli elementi sulla diagonale principale valgono uno e gli altri elementi valgono zero >> ones(3,6) ; eye(7,8)

32 Matrici La matrici possono avere un numero arbitrario di dimensioni Tuttavia tutti gli elementi della matrice hanno lo stesso tipo Per accedere agli elementi di una matrice uso le parentesi tonde. Posso accedere a gruppi di elementi specificandoli >>A([1 2], 2) mi ritornerà i valori A(1,2) e A(2,2)

33 Matrici Per accedere a valori consecutivi posso usare l operatore : La sintassi generale dell operatore è >> a:b:c dove a, b e c sono valori numerici. In particolare questo comando mi ritornerà un vettore con le componenti a a+b a+2b a+3b... in maniera tale che nessuna componente superi il valore c

34 Matrici Una versione semplificata dell operatore : non ha l incremento In questo caso, si assume che l incremento sia 1. Che valori ottengo usando il comando seguente? >>1.5:4.6 Naturalmente l uso più più ovvio di : è per selezionare delle sottomatrici. >>A(1:2, 1:2) mi ritorna la sottomatrice composta dalle prime 2 righe e 2 colonne. Se invece volessi tutte le righe ma solo le prime 2 colonne dovrei scrivere >>A(:, 1:2)

35 Eliminazione di righe e colonne È possibile eliminare righe e colonne da una matrice utilizzando le parentesi quadre [], attribuite alla riga/colonna che si vuole eliminare. Ad esempio, eliminiamo la seconda colonna della matrice A: >> A(:, 2) = []

36 Dimensioni di una matrice Il comando size permette di ottenere informazioni sulle dimensioni di una matrice: size(m, 1) restituisce il numero di righe della matrice m size(m, 2) restituisce il numero di colonne di m size(m) restituisce un vettore riga contenente il numero di righe e il numero di colonne della matrice m

37 Somma e sottrazione di matrici I comandi di somma e sottrazione operano sulle matrici elemento per elemento. Definiamo ad esempio i vettori riga M = [1 2] e N = [3 4], e calcoliamo la somma M + N, o la differenza M - N Le operazioni di somma e sottrazione richiedono che le matrici che si sommano o si sottraggono abbiano tutte le stesse dimensioni.

38 Moltiplicazione di matrici La moltiplicazione di matrici è definita nel senso di moltiplicazione righe per colonne. Per poter effettuare la moltiplicazione il numero di colonne del primo fattore deve essere uguale al numero di righe del secondo fattore Il risultato sarà una matrice avente un numero di righe pari a quello del primo fattore e un numero di colonne pari a quello del secondo fattore Se R è una matrice m x n e S è una matrice n x p, Q = R * S sarà una matrice m x p.

39 Moltiplicazione di matrici Esempio: definiamo due matrici R e S e ne calcoliamo il prodotto Q = R * S L operatore.* consente di operare il prodotto elemento per elemento. Riconsideriamo ad esempio i vettori riga M = [1 2] e N = [3 4], e calcoliamo il prodotto elemento per elemento M.* N.

40 Esempi x = int16(365) x = int8(365) g = uint64(45) a = int32(1000) whos e = 3.5 r = single(3.5) whos floor(e) fix(e) floor(-e) fix(-e) ceil(e) round(e) ceil(-e) round(-e)

41 Esempi aa = 3.6 ll= aa>5 whos [1 4 0] &[3 0 1] ones(3,6) A=eye(7,8) 8:2:20 8:20 A(:,2:5)

42 Esempi str1 = 'ciao' c = 'c' str2 = 'ciaom' whos strcmp(str1,str2) strncmp(str1,str2,4) strncmp(str1,str2,5)

43 Controllo del flusso Istruzioni: if, else, elseif L istruzione if valuta un espressione logica ed esegue una sequenza di istruzioni se l espressione è vera. Nella sua forma più semplice, la sintassi è la seguente: if logical_expression statements end La sequenza di istruzioni da eseguire è delimitata dalle parole chiave if e end. Nota: non occorrono parentesi come in C

44 Controllo del flusso L istruzione else precede una sequenza di istruzioni che vengono eseguite se l espressione calcolata dall istruzione if a cui è associata risulta falsa. All istruzione else non è associata alcuna espressione da valutare. L istruzione elseif valuta l espressione logica a lei associata solo se l espressione logica associata all istruzione if che la precede e quelle associate ad eventuali altre istruzioni elseif precedenti sono tutte false.

45 Controllo del flusso if expression1 statement1 elseif expression2 statement2 else statement3 end if a~=0 tmp = 1/a; elseif b~=0 tmp = 1/b; else disp('a==0 e b==0') end

46 Controllo del flusso Comandi utili per confronti numerici isequal: ritorna vero se tutte le matrici passate come parametro sono uguali isempty: ritorna vero se la matrice passata come parametro è vuota all: ritorna vero se nessuno degli elementi del vettore passato come parametro vale 0. Sulle matrici opera colonna per colonna. any: ritorna vero se almeno uno degli elementi del vettore passato come parametro è diverso da 0. Sulle matrici opera colonna per colonna.

47 Controllo del flusso Un secondo comando per il controllo del flusso è lo switch: switch expression case value1 statement1 case value2 statement2... otherwise statement_o end L istruzione switch esegue una diversa sequenza di istruzioni in base al valore di una variabile o di un espressione. Le parole chiave case e otherwise delimitano le diverse sequenze da eseguire.

48 Controllo del flusso L istruzione switch può essere seguita da un qualunque numero di blocchi case. Il blocco otherwise è opzionale e si trova sempre dopo tutti i blocchi case e prima di end. Se l espressione da valutare è una stringa, la comparazione con i valori gestiti dai vari blocchi case è operata con la funzione strcmp. Diversamente dal C, dopo l esecuzione di un blocco case, MATLAB passa oltre il termine dell istruzione switch. Le istruzioni break NON sono quindi necessarie. Un singolo case può gestire più valori contemporaneamente.

49 Controllo del flusso switch n Case {1, 2} disp( Positivo ) case 0 disp( Zero ) case {-1,-2} disp( Negativo ) otherwise disp( un altro valore ) end

50 Istruzioni di loop L istruzione for esegue un istruzione o una sequenza di istruzioni un dato numero di volte. La sintassi è la seguente: for index = start:increment:end statements end L incremento predefinito è 1. E tuttavia possibile specificare un incremento diverso, anche negativo. Per indici positivi, l esecuzione termina quando il valore dell indice supera il valore finale Per incrementi negativi, il ciclo si conclude quando il valore dell indice scende al di sotto del valore finale.

51 Istruzioni di loop Per esempio posso usare il for per calcolare il fattoriale di n: fact = 1; for i = 1:n fact = fact*i; end Posso anche usare un for per calcolare la somma dei numeri contenti nel vettore A A = [ ]; j =0; for i = A j = j+i; End Comando sum, vedi help

52 Istruzioni di loop L istruzione while esegue un istruzione o una sequenza di istruzioni ripetutamente finché l espressione a lei associata risulta vera La sintassi è la seguente: while expression statements end Posso usare il while per trovare il numero di fattori 2 di un numero n = 24; i = 0; while mod(n,2) == 0 i = i + 1; n = n/2; end

53 Istruzione break Si può uscire da un ciclo for o while in qualunque momento usando l istruzione break. i = 2 while true i = i*2 if i>100 break end end

54 Istruzione continue L istruzione continue provoca l esecuzione della successiva iterazione di un ciclo for o while saltando l esecuzione della restante parte del ciclo k = 0 for i = 1:10 if mod(i, 2) == 0 continue end k = k+i end

Corso di Visione Artificiale. Matlab per Visione. Samuel Rota Bulò

Corso di Visione Artificiale. Matlab per Visione. Samuel Rota Bulò Corso di Visione Artificiale Matlab per Visione Samuel Rota Bulò Cos'è Matlab? MATLAB MATLAB - - MATrix MATrix LABoratory LABoratory Ambiente Ambiente di di sviluppo sviluppo ed ed esecuzione esecuzione

Dettagli

Introduzione al MATLAB c Parte 2

Introduzione al MATLAB c Parte 2 Introduzione al MATLAB c Parte 2 Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ 18 gennaio 2008 Outline 1 M-file di tipo Script e Function Script Function 2 Costrutti di programmazione

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 1: numeri, variabili ed operatori elementari

Introduzione allo Scilab Parte 1: numeri, variabili ed operatori elementari Introduzione allo Scilab Parte 1: numeri, variabili ed operatori elementari Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro 6 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Matlab: Strutture di Controllo. Informatica B

Matlab: Strutture di Controllo. Informatica B Matlab: Strutture di Controllo Informatica B Tipo di dato logico È un tipo di dato che può avere solo due valori true (vero) 1 false (falso) 0 I valori di questo tipo possono essere generati direttamente

Dettagli

Richiesta pagina PHP (es: index.php)

Richiesta pagina PHP (es: index.php) PHP PHP = personal home page SERVER Richiesta pagina PHP (es: index.php) Server Web (Apache) in ascolto sulla porta 80, si accorge che la pagina richiesta è una pagina PHP in base all'estensione o con

Dettagli

Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2008-2009 Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2008-2009 Lab. 1 - Introduzione a Matlab Laboratorio di Matematica Computazionale A.A. 2008-2009 Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla

Dettagli

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan]

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility awk serve per processare file di testo secondo un programma specificato dall utente. L utility awk legge riga per riga i file ed esegue una o più

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica

CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica CONTROLLI AUTOMATICI E AZIONAMENTI ELETTRICI Ingegneria Meccatronica CONTROLLI AUTOMATICI e AZIONAMENTI ELETTRICI INTRODUZIONE A MATLAB Ing. Alberto Bellini Tel. 0522 522626 e-mail: alberto.bellini@unimore.it

Dettagli

Introduzione al Python

Introduzione al Python Andrea Passerini passerini@disi.unitn.it Informatica Caratteristiche procedurale si specifica la procedura da eseguire sui dati strutturato concetto di visibililtà delle variabili orientato agli oggetti

Dettagli

Laboratorio di Matlab

Laboratorio di Matlab Laboratorio di Matlab Rudy Manganelli Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Siena manganelli@dii.unisi.it http://www.dii.unisi.it/ control/matlab/labmatlab.html Luglio 2008 DII -

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

BOZZA Introduzione a MATLAB

BOZZA Introduzione a MATLAB BOZZA Introduzione a MATLAB BOZZA BOZZA Matlab sta per Matrix Laboratory ed è un ambiente interattivo e un linguaggio di calcolo tecnico di alto livello per lo sviluppo di algoritmi, la rappresentazione

Dettagli

MATLAB. Caratteristiche. Dati. Esempio di programma MATLAB. a = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; b = [1 2 3] ; c = a*b; c

MATLAB. Caratteristiche. Dati. Esempio di programma MATLAB. a = [1 2 3; 4 5 6; 7 8 9]; b = [1 2 3] ; c = a*b; c Caratteristiche MATLAB Linguaggio di programmazione orientato all elaborazione di matrici (MATLAB=MATrix LABoratory) Le variabili sono matrici (una variabile scalare equivale ad una matrice di dimensione

Dettagli

22 Introduzione all uso di MatLab

22 Introduzione all uso di MatLab 22 Introduzione all uso di MatLab INTERFACCIA UTENTE E STRINGHE Per visualizzare su schermo il valore di una variabile a senza farla precedere dalla scritta a=, si usa il comando disp (abbreviazione di

Dettagli

Introduzione al MATLAB c Parte 1

Introduzione al MATLAB c Parte 1 Introduzione al MATLAB c Parte 1 Lucia Gastaldi Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 1-2 maggio 2007 Outline 1 Cos è il MATLAB Componenti principali di MATLAB 2 Avvio Avviare

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E INFORMAZIONE. Script. Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 13 Agosto 2014

DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA E INFORMAZIONE. Script. Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 13 Agosto 2014 Script Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 13 Agosto 2014 1 Obiettivi Script 2 Script (m-file) Uno script è un file di testo contenente una sequenza di comandi MATLAB

Dettagli

Finestre grafiche. >> figure >> figure(n)

Finestre grafiche. >> figure >> figure(n) Finestre grafiche MATLAB ha anche la possibilità di lavorare con delle finestre grafiche sulle quali si possono fare disegni bidimensionali o tridimensionali. Una finestra grafica viene aperta con il comando

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array

MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array Laboratorio di Informatica per Ingegneria elettrica A.A. 2010/2011 Prof. Sergio Scippacercola MATLAB (1) Introduzione e Operazioni con array N.B. le slide devono essere utilizzate solo come riferimento

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Introduzione a Python Dottore Paolo Parisen Toldin - parisent@cs.unibo.it Argomenti trattati Che cosa è python Variabili Assegnazione Condizionale Iterazione in una lista di

Dettagli

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione Automatizzare i compiti ripetitivi I file batch Anno accademico 2000-01 1 Spesso capita di dover eseguire ripetutatmente una data sequenza di comandi Introdurli uno a uno da tastiera è un processo lento

Dettagli

Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C

Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C Un programma il linguaggio C (listato) viene scritto in formato testo ed archiviato in un file: *.c Per scrivere un listato C si utilizza

Dettagli

EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO

EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO EXCEL FINESTRA DI EXCEL BARRE PRINCIPALI CARTELLA DI LAVORO BARRE DI SPOSTAMENTO BARRE PRINCIPALI GESTIONE FILE BARRA DEI MENU BARRA STANDARD Nuovo: si crea un nuovo foglio Apri: si carica un foglio da

Dettagli

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag <script> inserito nella sezione <head> con la seguente sintassi:

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag <script> inserito nella sezione <head> con la seguente sintassi: JAVASCRIPT Introduzione Con l HTML siamo in grado di realizzare pagine web statiche. Con il linguaggio Javascript, invece, possiamo interagire modificando il contenuto della pagina. Il linguaggio javascript

Dettagli

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment 1.0 Ambiente di sviluppo 1.1 Web server e database MySQL Comprendere la definizione dei processi che si occupano di fornire i servizi web

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica Algoritmi, e Programmi D. Gubiani 29 marzo 2010 D. Gubiani Algoritmi, e Programmi

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni

Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni La volta scorsa Abbiamo avuto un primo assaggio! Abbiamo visto come usare l editor per scrivere un programma Java. Abbiamo analizzato riga per

Dettagli

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione

Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione Libreria standard Java possiede un enorme libreria di classi standard organizzata in vari package che raccolgono le classi secondo un organizzazione basata sul campo d utilizzo. I principali package sono:

Dettagli

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata Esempi di Problema: Prendere un Caffè al Distributore Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica, e Programmi D. Gubiani

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015

Visual Basic for Applications (VBA) Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Francesco Brun Fondamenti di Informatica a.a. 2014/2015 Scopo di questo approfondimento Lo scopo di questo approfondimento è rispondere alla domanda: e se nella vita mi troverò a dover utilizzare un linguaggio

Dettagli

Esercitazione Informatica I AA 2012-2013. Nicola Paoletti

Esercitazione Informatica I AA 2012-2013. Nicola Paoletti Esercitazione Informatica I AA 2012-2013 Nicola Paoletti 4 Gigno 2013 2 Conversioni Effettuare le seguenti conversioni, tenendo conto del numero di bit con cui si rappresenta il numero da convertire/convertito.

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell Il sistema operativo UNIX/Linux Gli script di shell Introduzione Le shell permettono La gestione di comandi su linea di comando La shell comprende automaticamente quando il costrutto termina e lo esegue

Dettagli

Strutture di controllo del flusso di esecuzione

Strutture di controllo del flusso di esecuzione Università degli Studi di Milano Laurea Specialistica in Genomica Funzionale e Bioinformatica Corso di Linguaggi di Programmazione per la Bioinformatica Strutture di controllo del flusso di esecuzione

Dettagli

Operazioni di input e output in Fortran 90

Operazioni di input e output in Fortran 90 Operazioni di input e output in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica

Dettagli

Laboratorio di Informatica Lezione 2

Laboratorio di Informatica Lezione 2 Laboratorio di Informatica Lezione 2 Cristian Consonni 30 settembre 2015 Cristian Consonni Laboratorio di Informatica, Lezione 2 1 / 42 Outline 1 Commenti e Stampa a schermo 2 Strutture di controllo 3

Dettagli

Introduzione a MATLAB. Il Laboratorio. MATLAB Cos è? Oltre alle lezioni. Octave ( www.octave.org ) Scilab ( www.scilab.org )

Introduzione a MATLAB. Il Laboratorio. MATLAB Cos è? Oltre alle lezioni. Octave ( www.octave.org ) Scilab ( www.scilab.org ) Introduzione a MATLAB! Informazioni sul laboratorio! MATLAB! Operazioni di base! Variabili ed assegnamento! Comandi utili! Utilizzo dell Help! Formato dei numeri! Numeri complessi Il Laboratorio! Openlab

Dettagli

Python. Valerio Perticone

Python. Valerio Perticone Python Valerio Perticone Python Python è un linguaggio di programmazione molto semplice e conciso Ha il vantaggio di essere semplice da imparare e di poter essere eseguito su diversi sistemi operativi

Dettagli

SOFTWARE. È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software:

SOFTWARE. È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software: 1 SOFTWARE È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software: SOFTWARE DI SISTEMA (o di base), che deve gestire le funzioni

Dettagli

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica GLI SCRIPT DI SHELL Lucidi a cura di B.De Carolis Shell Unix - Linux comandi Interfaccia di alto livello tra utente e SO. Il processore interpreta e mette in esecuzione comandi da: 1) standard input o

Dettagli

Corso di INFORMATICA 2 (Matematica e Applicazioni)

Corso di INFORMATICA 2 (Matematica e Applicazioni) Università di Camerino Scuola di Scienze e Tecnologie Sezione di Matematica Corso di INFORMATICA 2 (Matematica e Applicazioni) Anno Accademico 2014/15 3 Anno Primo Semestre Docenti: Paolo Gaspari Roberto

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C

Introduzione al Linguaggio C Introduzione al Linguaggio C File I/O Daniele Pighin April 2009 Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C 1/15 Outline File e dati Accesso ai file File I/O Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C

Dettagli

Appunti sull uso di matlab - I

Appunti sull uso di matlab - I Appunti sull uso di matlab - I. Inizializazione di vettori.. Inizializazione di matrici.. Usare gli indici per richiamare gli elementi di un vettore o una matrice.. Richiedere le dimensioni di una matrice

Dettagli

Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari

Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari Docente: Roberto Sebastiani - roberto.sebastiani@unitn.it Esercitatori: Mario Passamani - mario.passamani@unitn.it Alessandro Tomasi - alessandro.tomasi@unitn.it

Dettagli

Matlab. Ing. Francesco Licandro. Corso Fondamenti di Telecomunicazioni A.A. 2004-2005

Matlab. Ing. Francesco Licandro. Corso Fondamenti di Telecomunicazioni A.A. 2004-2005 Matlab Ing. Francesco Licandro Corso Fondamenti di Telecomunicazioni A.A. 2004-2005 1 MATLAB: MATrix LABoratory Matlab Ing. Francesco Licandro - 2005 2 Interfaccia Grafica Matlab Ing. Francesco Licandro

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Concetti importanti da (ri)vedere Programmazione imperativa Strutture di

Dettagli

Prof. Nicola Cappuccio ing.nicola.cappuccio@gmail.com

Prof. Nicola Cappuccio ing.nicola.cappuccio@gmail.com Excel e le sue Funzioni Guida Pratica per la realizzazione di Progetti Prof. Nicola Cappuccio ing.nicola.cappuccio@gmail.com Ing. Nicola Cappuccio 1 Sommario INT (funzione INT)... 3 Descrizione... 3 Sintassi...

Dettagli

Breve riepilogo della puntata precedente:

Breve riepilogo della puntata precedente: Breve riepilogo della puntata precedente: 1. In C, il passaggio dei parametri alle funzioni avviene sempre per copia, ovvero il valore del parametro viene copiato all'interno della variabile che rappresenta

Dettagli

Variabili e tipi di dato

Variabili e tipi di dato Variabili e tipi di dato Tutte le variabili devono essere dichiarate, specificandone il tipo La dichiarazione deve precedere l uso Il tipo è un concetto astratto che esprime: L allocazione di spazio per

Dettagli

Programmare in Java. Olga Scotti

Programmare in Java. Olga Scotti Programmare in Java Olga Scotti Linguaggi di programmazione linguaggio macchina assembler linguaggi ad alto livello Linguaggi ad alto livello istruzioni comprensibili linguaggio simile a quello naturale

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Testi Consigliati: A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. M. Ritchie Linguaggio C P. Tosoratti Introduzione all informatica Materiale

Dettagli

Gli algoritmi: definizioni e proprietà

Gli algoritmi: definizioni e proprietà Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Gli algoritmi: definizioni e proprietà La presente dispensa e da

Dettagli

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria

Informatica. Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Informatica Rappresentazione dei numeri Numerazione binaria Sistemi di numerazione Non posizionali: numerazione romana Posizionali: viene associato un peso a ciascuna posizione all interno della rappresentazione

Dettagli

Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL. Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date

Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL. Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date Argomenti della lezione In questa lezione si riprenderanno le strutture di controllo, verrà introdotto

Dettagli

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante Tiipii dii Datii iin Viisuall Basiic Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante l'esecuzione di un'applicazione. Alle variabili è associato un nome, utilizzato

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Industriale. Matlab/Octave - Esercitazione 3

Facoltà di Ingegneria Industriale. Matlab/Octave - Esercitazione 3 Facoltà di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica, Meccanica e dei Trasporti Matlab/Octave - Esercitazione 3 funzioni definizione ed invocazione delle funzioni semantica dell invocazione

Dettagli

SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo

SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html it/~lbiagiotti/sistemicontrollo html INTRODUZIONE A MATLAB Ing. e-mail: luigi.biagiotti@unimore.it

Dettagli

La selezione binaria

La selezione binaria Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia Laurea in Informatica Corso di Programmazione part-time a.a. 2011/2012 Introduzione L esecuzione di tutte le istruzioni in sequenza può non è sufficiente per

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Un esempio:

Dettagli

Descrizione di un algoritmo

Descrizione di un algoritmo Descrizione di un algoritmo Un algoritmo descrive due tipi fondamentali di oper: calcoli ottenibili tramite le oper primitive su tipi di dato (valutazione di espressioni) che consistono nella modifica

Dettagli

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE Training per esperti TECNICHE AVANZATE DI I/O SU FILE Spesso, la decisione di dividere in processi differenti la produzione dei dati dall uso degli stessi viene presa perché occorre scrivere i dati su

Dettagli

Node.js. REPL e oltre. by Stefano Burigat

Node.js. REPL e oltre. by Stefano Burigat Node.js REPL e oltre by Stefano Burigat Cos'è REPL? REPL (Read-Eval-Print-Loop) è un ambiente interattivo a riga di comando che permette di scrivere codice node ed eseguirlo istruzione per istruzione.

Dettagli

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M.

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA1 1.3 - Le strutture di controllo 1 Prerequisiti Istruzioni semplici Strutture di controllo Scittura di semplici applicazioni Java 2 1 Introduzione In molti casi le

Dettagli

Calcolare il massimo di una lista

Calcolare il massimo di una lista Calcolare il massimo di una lista Ieri abbiamo imparato a calcolare il massimo di una lista predefinita: lista = [4,24,-89,81,3,0,-12,31] max = lista[0] # questo e' un commento: primo elemento di lista

Dettagli

Università degli studi di Roma Tor Vergata Ingegneria Medica Informatica I Programma del Corso

Università degli studi di Roma Tor Vergata Ingegneria Medica Informatica I Programma del Corso Obiettivi formativi Introdurre i principi del funzionamento di un elaboratore e della programmazione. Presentare gli approcci elementari alla soluzione di problemi (algoritmi)e al progetto di strutture

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

Corso Introduttivo all utilizzo di R! Prof.ssa D.F. Iezzi stella.iezzi@uniroma2.it

Corso Introduttivo all utilizzo di R! Prof.ssa D.F. Iezzi stella.iezzi@uniroma2.it Corso Introduttivo all utilizzo di R! Prof.ssa D.F. Iezzi stella.iezzi@uniroma2.it Il software R q Il software R è distribuito gratuitamente come software Open Source con licenza GPL (General Public License)

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO. L elaborazione dei files in C

OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO. L elaborazione dei files in C CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SDM ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Docente: R. Sparvoli Esercitazioni: R. Sparvoli, F. Palma OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO L elaborazione dei files

Dettagli

If a cascata, switch, boolean

If a cascata, switch, boolean If a cascata, switch, boolean If a cascata Switch Il tipo boolean Operatori logici, valutazione pigra 1 If a cascata Consideriamo una semplice classe che deve descrivere con una stringa gli effetti di

Dettagli

Esercizio 1. Esercizi 5. Esercizio 3. Esercizio 2 CICLI

Esercizio 1. Esercizi 5. Esercizio 3. Esercizio 2 CICLI Esercizi 5 Esercizio 1 Realizzare una funzione che, chiesto all utente un numero intero pari a N, ricavi e stampi a video tutte le terne pitagoriche con i cateti minori o uguali ad N. CICLI Una terna pitagorica

Dettagli

Java:Struttura di Programma. Fabio Scanu a.s. 2014/2015

Java:Struttura di Programma. Fabio Scanu a.s. 2014/2015 Java:Struttura di Programma Fabio Scanu a.s. 2014/2015 Altre Attenzioni da riservare Java è Case Sensitive: La variabile «a» e la variabile «A» sono diverse Java ha alcune regole di scrittura: I nomi delle

Dettagli

PON 2007 2013 Liceo Scientifico Leonardo da Vinci. Vallo della Lucania

PON 2007 2013 Liceo Scientifico Leonardo da Vinci. Vallo della Lucania PON 2007 2013 Liceo Scientifico Leonardo da Vinci Vallo della Lucania Nuovi percorsi matematici: Osservare, descrivere, costruire. Matlab - 1: Introduzione Vallo della Lucania 26 settembre 2008 Cosa è

Dettagli

Unità B3 Strutture di controllo

Unità B3 Strutture di controllo (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: I/O su console Package Blocco di controllo Oggetto System.out Oggetto System.in Oggetto Tastiera Metodo readline() Strutture

Dettagli

Lezioni su MATLAB. Ingegneria Civile/Meccanica

Lezioni su MATLAB. Ingegneria Civile/Meccanica Lezioni su ali in Ingegneria Civile/Meccanica Corso di laboratorio di informatica 06/07 Sommario ali in 1 2 3 4 ali 5 6 in ali in : MATrix LABoratory È un ambiente per l analisi e la simulazione dei sistemi

Dettagli

Esercizi di programmazione in C

Esercizi di programmazione in C Esercizi di programmazione in C Esercizio 1 Scrivere un programma in linguaggio C che legga da tastiera una sequenza di lunghezza ignota a priori di numeri interi positivi. Il programma, a partire dal

Dettagli

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009. Prof. Raffaele Nicolussi

Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009. Prof. Raffaele Nicolussi Fondamenti di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 19/11/2009 Prof. Raffaele Nicolussi FUB - Fondazione Ugo Bordoni Via B. Castiglione 59-00142 Roma Docente Raffaele Nicolussi rnicolussi@fub.it Lezioni

Dettagli

INTRODUZIONE A MATLAB Matrix Laboratory

INTRODUZIONE A MATLAB Matrix Laboratory INTRODUZIONE A MATLAB Matrix Laboratory Introduzione Linguaggio di programmazione per applicazioni scientifiche e numeriche Vasto set di funzioni predefininte Interprete di comandi Possibilità di scrivere

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E04 Esempi di algoritmi e programmi C. Limongelli - A. Miola Novembre 2011 1 Contenuti q Somma di una sequenza di numeri interi

Dettagli

MATLAB - Introduzione Enrico Nobile. MATLAB - Introduzione. E. Nobile - DINMA - Sezione di Fisica Tecnica, Università di Trieste

MATLAB - Introduzione Enrico Nobile. MATLAB - Introduzione. E. Nobile - DINMA - Sezione di Fisica Tecnica, Università di Trieste Enrico Nobile I a Parte 1 MATLAB (MATrix LABoratory); Versione 5.2; Basato sul concetto - ampio - di Matrici; Calcolo numerico, visualizzazione etc. Facile utilizzo di librerie per il calcolo numerico

Dettagli

Aritmetica dei Calcolatori 2

Aritmetica dei Calcolatori 2 Laboratorio di Architettura 13 aprile 2012 1 Operazioni bit a bit 2 Rappresentazione binaria con segno 3 Esercitazione Operazioni logiche bit a bit AND OR XOR NOT IN OUT A B A AND B 0 0 0 0 1 0 1 0 0 1

Dettagli

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Corso Base Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Java Java è un Linguaggio di Programmazione orientato agli oggetti. Un Linguaggio di Programmazione è un linguaggio ad alto livello, dotato

Dettagli

Introduzione a Matlab

Introduzione a Matlab Introduzione a Matlab 1 Introduzione Matlab (MATrix LABoratory) è un software per il calcolo scientifico, particolarmente sviluppato per quanto riguarda la gestione ed elaborazione di vettori e matrici.

Dettagli

Appunti di Informatica 1. Gianluca Rossi

Appunti di Informatica 1. Gianluca Rossi Appunti di Informatica 1 Gianluca Rossi Versione maggio 2011 Indice 1 Algoritmi, macchine e linguaggi di programmazione 3 1.1 La macchina di Von Neumann........................ 5 1.2 Dal linguaggio macchina

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Per scrivere una procedura che non deve restituire nessun valore e deve solo contenere le informazioni per le modalità delle porte e controlli

Per scrivere una procedura che non deve restituire nessun valore e deve solo contenere le informazioni per le modalità delle porte e controlli CODICE Le fonti in cui si possono trovare tutorial o esempi di progetti utilizzati con Arduino si trovano nel sito ufficiale di Arduino, oppure nei forum di domotica e robotica. Il codice utilizzato per

Dettagli

Complessità computazionale

Complessità computazionale 1 Introduzione alla complessità computazionale Un problema spesso può essere risolto utilizzando algoritmi diversi Come scegliere il migliore? La bontà o efficienza di un algoritmo si misura in base alla

Dettagli

Grafici tridimensionali

Grafici tridimensionali MatLab Lezione 3 Grafici tridimensionali Creazione di un Grafico 3D (1/4) Si supponga di voler tracciare il grafico della funzione nell intervallo x = [0,5]; y=[0,5] z = e -(x+y)/2 sin(3x) sin(3y) Si può

Dettagli