Ente Parco di Montemarcello-Magra Parco Naturale Regionale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ente Parco di Montemarcello-Magra Parco Naturale Regionale."

Transcript

1 Ente Parco di Montemarcello-Magra Parco Naturale Regionale. Progetto Pilota riproducibile mirato alla riabilitazione ed all'inserimento socio lavorativo di soggetti portatori di patologie psichiche attraverso la terapia occupazionale e orticolturale λογοσ Logos servizi

2 Ente Parco di Montemarcello-Magra Parco Naturale Regionale. i n d i c e pag. 2 relazione sul ruolo dell ortoterapia pag. 13 progetto del sito Piano di Beverino pag. 27 relazione minima sulla fitocenosi pag. 33 schede di coltivazione pag. 67 analisi terreno collinare Beverino pag. 70 giardino delle farfalle pag. 74 aspetti gestionali

3 λογοσ Logos servizi

4 Un mazzetto di fiori stretto in una mano, le cui dita rappresentano la frase ti voglio bene e' il simbolo della terapia orticolturale dal sito della Kansas State University. 1

5 Premessa: In tutti i miti la terra ha un ruolo primordiale: è la grande madre, il ventre materno, il linguaggio della natura e il linguaggio dell'anima. L'alchimia proponeva una visione simbolica della natura che è un libro che occorre imparare a leggere per conoscere noi stessi. Il grande giardino della natura è il luogo del medico del corpo e dello spirito. Il giardino, sia naturale che dell'uomo, può essere declinato attraverso l'incontro dei suoi paesaggi, anche agrari, e l'utilizzo che ne viene fatto: giardini di pace, delle emozioni, dei sensi, massonici, simbolici, filosofici, alchemici, fantastici, dell'armonia. di amore e di tolleranza; luoghi che possiamo variamente e diversamente utilizzare in funzione di obbiettivi differenti. Nel passato molte persone hanno tratto positivi benefici dall'interazione con le piante e con la natura: il recente ridestarsi di interesse ha fatto sorgere una terminologia varia che identifica tali attività quali terapia orticolturale HT(Horticultural Therapy), terapia del giardinaggio, orticoltura sociale e giardinaggio terapeutico; questi termini sono spesso usati in maniera interscambiabile e con il termine terapia orticolturale si ricomprendono i vari interventi sia terapeutici che occupazionali. L'HT rappresenta un modello di come l'agricoltura multifunzionale ed il giardinaggio servano per la riabilitazione psichiatrica ed occupazionale. Il progetto pilota ha questi obiettivi: attraverso l impianto dell azienda agricola sociale luogo/laboratorio nel quale la terapia orticolturale ed occupazionale sarà praticata. 2

6 La terminologia da A.H.T.A. (American Horticultural Therapy Association) Terapia orticolturale (HT) E' l'impiego di un utente in attività agricole e di giardinaggio facilitato da un trained therapist con obbiettivi specifici e documentati di trattamento; il processo stesso è considerato attività terapeutica. I programmi terapeutici possono essere adottati in una varietà di cure, riabilitazioni e comunità terapeutiche. Horticultural therapeutic E' un processo che usa le piante e la relazione con esse come mezzo per creare well-being nei partecipanti. Gli obiettivi non sono definiti clinicamente né documentati. Il leader usa il contatto con il giardinaggio e l'orticultura come un medium per il benessere umano. Social horticulture ( o community horticulture) Non vi sono trattamenti né obiettivi terapeutici, infatti non è presente alcun terapeuta: il focus è un'interazione sociale attraverso le attività di giardinaggio ed agricole in generale, in Italia fra le aziende agricole multifunzionali si considerano anche le aziende che praticano agricoltura sociale, sia per inserire disabili nei processi produttivi che come luogo di socializzazione (P.S.R ). Vocational horticulture Consente con la terapia occupazionale l'inserimento (dopo il training) di individui per lavorare in aziende agricole o di gestione del verde al fine di raggiungere l'indipendenza o la semi-indipendenza economica. Questi soggetti possono non essere disabili, ma anche fasce deboli del mercato del lavoro come le donne retravailler. 3

7 Breve storia dell'ht L'utilizzo dell'orticoltura e del giardinaggio in rapporto ai sensi data dal 2000 A.C.. Infatti i fertili fiumi della valle del Tigri e dell'eufrate ispirarono i primi giardini dei sensi. I Persiani, circa nel 500 a.c., crearono giardini per compiacere tutti i sensi, bellezza, fragranza, musica (acqua) e temperature miti. Nel 1100 San Bernardo descrive il giardino del monastero di Clairaux riferendo sui benefìci terapeutici del silenzio, del verde, dei profumi e del canto degli uccelli( Gerlach Spriggs, Kaupfman & Warner, 1998). Nel 1699 Leonard Maeger scriveva che non vi è modo migliore di conservare la propria salute che lavorare in giardino (English gardener). Nel 1812 il Dottor Benjamin Rush professore dell'istituto di Medicina e Pratiche Cliniche dell'università della Pennsylvania (conosciuto per il suo ruolo nello sviluppo della psichiatria moderna) pubblicò il suo libro Medical inquirers and observation upon diseases of the mind che introdusse il metodo scientifico in base al quale la lavorazione del terreno e in rapporto con le piante può avere un benefico effetto sulla salute mentale. Da allora l'agricoltura e le attività di giardinaggio furono incluse negli ospedali psichiatrici: primo esempio conosciuto data nella Philadelphia del Nel 1879 fu costruito il primo giardino terapeutico che iniziò la lunga tradizione della terapia orticolturale. Programmi di HT furono utilizzati in migliaia di interventi di riabilitazione di reduci della prima e seconda guerra mondiale. Negli anni '50 del secolo scorso Alice Burlingame progettò corsi di terapia orticolturale al Pontiac State Hospital e fu attivato il primo master in HT alla Michigan State University. Nel 1960 la Burlingame scrisse il primo libro sulla terapia orticolturale con il Dr. Donald Watson, Therapy through Horticulture (Burlingame & Watson 1960). Negli anni 70 fu istituito il primo corso di laurea universitaria presso la Kansas State University in collaborazione con il National Council Job Therapy, & Rehabilitation. I programmi di HT si sono diffusi in Australia, Giappone, Canada, Gran Bretagna (l'università di Reading rilascia un certificato in Social and Therapeutic Horticulture). In Italia la Scuola Agraria del Parco di Monza organizza corsi professionali in materia. La formazione Il primo master in HT risale agli ani 50 presso la Michigan State University ed il primo corso di laurea universitario è stato istituito 30 anni fa presso la Kansas State University in collaborazione con il National Concil Therapy & Rehabilitation through horticulture. Interessanti programmi di HT sono attuati in Australia dall Horticulturale Therapy Society e Giappone da Japan Horticultural Society. 4

8 In Gran Bretagna Università di Reading rilascia un Certificate in Social and Therapeutic Horticulture. La prestigiosa American Horticulture Therapy Association (AHTA),associazione senza fini di lucro, ha messo a punto uno schema di registrazione volontaria dei professionisti basato su un sistema di accreditamento a punti, ottenibili per lo più frequentando corsi ufficialmente riconosciuti, (ma anche dimostrando attività pubblicistica e ed altre esperienze professionali). organizzato nei seguenti livelli: Horticultural Therapist Assistant (HTA) (personale con ridotta esperienza in HT ma con almeno 500 ore di attività volontaria o retribuita). Horticultural Therapist Registered (HTR) (minimo una esperienza di 2000 ore retribuite). Master Horticultural Therapist (almeno 8000 ore retribuite). I programmi formativi includono le seguenti materie: specializzazione in terapia orticolturale; tecniche di HT tarate sui bisogni della popolazione; programmazione dell'ht (analisi dei bisogni, pianificazione delle attività e definizione degli obbiettivi); ricerca; programmazione (funding); grant writing; scienze orticolturali; management; botanica, propagazione delle piante, scienze del suolo, entomologia, patologia vegetale, fisiologia; progettazione e disegno del paesaggio; disegno dei fiori; scienze terapeutica human; psicologia; sociologia; dinamica di gruppo; riabilitazione vocazionale (occupazionale); Servizi e skills terapeutici; Anatomia e fisiologia; linguaggio dei segni, C.P.R., interventi sulle crisi. In attesa anche in Italia del riconoscimento della figura del terapista orticolturale, anche se alcune esperienze formative sono in atto (come i corsi della scuola Agraria del Parco di Monza o altre agenzie formative) appare necessario formare il personale preparato nella gestione del paziente psichiatrico ed esperto in orticoltura. Il progetto pilota è stato inserito nel programma triennale delle politiche attive del lavoro della Provincia della Spezia, partner del progetto. Le azioni formative richieste sono un corso di qualifica per terapista orticolturale: l'agricoltura e il 5

9 giardinaggio e infatti non sono limitate solamente allo sviluppo di attività simboliche e riabilitative ma anche produttive; corso per operatore agricolo (biologico e biodinamico) rivolto ai riabilitandi: occorre verificare la sperimentabilità e finanziabilità di inserimenti lavorativi di lungo periodo: la terra e la natura hanno propri cicli e la formazione in situazione è essenziale, occorre inoltre verificare eventuali differenze di genere. Esistono diverse interpretazioni dell'operatività dell'ht, da una branca dell'ergoterapia alla declinazione di quelle interazioni non strutturate che riguardano anche il permanere in giardini perchè le immagini, il silenzio e i suoni della natura riducono lo stress, infatti la tipologia di programmi dell'ht e dei giardini terapeutici riguardano: programmi di riabilitazione occupazionale, vocazionale e per-vocazionale; programmi per ospedali psichiatrici e sulla salute mentale; programmi sull'abuso di sostanza stupefacenti; ospedali, cliniche, e centri attrezzati; programmi di cure palliative; centri oncologici; programmi correzionali; rifugi per i senzatetto e vittime di abusi; scuole pubbliche e private; orti sociali; giardini botanici. 6

10 Le possibilità di inserimenti lavorativi Diane Relf, individua quattro elementi per classificare un'attività come HT: una procedura di trattamento centrata su operazioni che riguardano le piante; un paziente a cui sia stata definita sia la diagnosi che la terapia; un obbiettivo dell'intervento opportunamente valutato e misurato; un professionista qualificato che somministri il trattamento. L'HT può far parte a pieno titolo di processi terapeutici-riabilitativi di persone afflitte da rilevanti problemi mentali, fisici o sociali, in quanto offre abilità motorie, stimola le capacità di problem solving, restituisce al paziente fiducia nelle proprie capacità, lo rende consapevole dello spazio, facilita il rapporto con il mondo esterno, contribuendo in maniera determinante al raggiungimento di un fondamentale obiettivo riabilitativo: il recupero di abilità per una qualità di vita accettabile. Ma si può andare oltre: un paziente in buon equilibrio, adeguatamente qualificato nel settore del giardinaggio e della cura delle piante può essere inserito in cooperative sociali che si occupano di manutenzione e sorveglianza del verde ornamentale pubblico e privato, anche se dovranno esservi limiti e vincoli sì che le operazioni complesse e particolarmente pericolose, quali la preparazione e somministrazione dei trattamenti antiparassitari, l'uso di macchine, il lavoro in quota, dovranno essere evitate, o quantomeno essere eseguite sotto la diretta sorveglianza del tutore. Per l'ht, così come per altre forme di riabilitazione di attualità (ippoterapia, pet therapy, musicoterapia), il ruolo del riabilitatore rimane fondamentale. Occorre ottimizzare l'integrazione degli interventi medici, sociali e riabilitativi nel paziente con disagio psichico. Gli elementi qualificanti dell'ht sono di natura fisica e psichica, connessi al fatto che nell'accrescere l'autostima del paziente. riscoprire la propria manualità, e svolgere un'attività fisica. Nell'acquisire competenze strumentali relative alle attività di HT, impara ad interagire con lo spazio circostante e a comprendere il valore del fattore "tempo", inteso come quello "proprio" e quello relativo alle diverse fasi vitali del mondo vegetale. Il rapporto di natura affettiva che si viene ad instaurare tra la persona e la pianta che cresce, grazie alle sue emozioni, risveglia capacità emotive distrutte da anni di malattia. Imparare a prendersi cura di un altro organismo implica una assunzione di responsabilità, con conseguente aumento di fiducia in se stessi e nelle proprie capacità; la non comune soddisfazione di ottenere un risultato concreto e tangibile è un altro elemento qualificante. Il lavoro di gruppo, che spesso utilizza L'HT, poi, sviluppa un senso di appartenenza e favorisce la socializzazione e la necessità di superare gli imprevisti legati alla coltivazione fa sì che ben poche altre attività riabilitative riescono a condensare la capacità del problem solving come L'HT. Esperienze La complessità dell'intervento pone l'esigenza di ricercare best manual practice. Alcune esperienze riguardano il progetto oliveto La Rocca di Pietrasanta che attraverso il progetto 7

11 olivicoltura di qualità in collaborazione con l'a.r.s.i.a. Toscana ha consentito di inserire sette utenti seguiti dal servizio di salute mentale della A.S.L. in un'attività lavorativa, evitando un intervento solo di tipo assistenziale o economico. La comunità montana dell'alta Versilia ha inoltre realizzato un progetto per un centro di onoterapia. Tutti gli interventi che riguardano altre attività produttive sono stati gestiti dall'associazione l'uovo di Colombo ONLUS. Nel parco della Facoltà di Agraria dell'università di Pisa: in collaborazione con la locale ASL, sono in corso programmi di inserimento di pazienti psichiatrici riabilitati e formati professionalmente alla cura del verde. Recentemente sono state emanate dalla Regione Liguria le linee guida relative alla progettazione di un giardino sensoriale per malati di Alzheimer finanziato dalla Fondazione Carispe e realizzato in Comune di Brugnato. Nella Provincia di La Spezia è attiva l esperienza di inserimento di disabili nell attività agricola della Cooperativa CILS. Il ruolo dell'agricoltura sociale e l'ht Il Piano di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 rilancia il ruolo dell agricoltura multifunzionale e sociale e soprattutto della cooperazione sociale La considerazione del lavoro agricolo come fattore di salute mentale era emersa fin dall inizio nel dibattito scientifico che aveva dato vita alla disciplina psichiatrica. In quesiti e osservazioni mediche sui disturbi della mente si ritrova un'osservazione di Benjamin Rush divenuta storica, perché ormai è riportata da tutti i testi anglosassoni che trattano l argomento. Rush osservò che le persone con problemi psichiatrici ospedalizzate miglioravano se, essendo maschi, venivano coinvolte in operazioni di giardinaggio in senso allargato (tagliare legna, preparare il fuoco, zappare) ed essendo donne, collaboravano alle operazioni domestiche (lavare, stirare, pulire i pavimenti). Le persone di classi sociali superiori, invece, che normalmente erano esonerate da compiti di questo genere, languivano, spegnendosi lentamente tra le pareti dell ospedale. In poche parole Rush confermò, nell ambito degli studi psichiatrici del suo tempo, che relegare la persona con problemi psichiatrici in una condizione di assoluta inattività e di mancanza totale di coinvolgimento non fa che peggiorare la sua situazione, mentre un attività manuale, in particolare a contatto con la terra e con la natura, aiuta il processo di guarigione. La funzione sociale dell agricoltura ha subito nel tempo un evoluzione di pari passo con il processo di industrializzazione che ha investito il settore primario e che, come è noto, è avvenuto nel nostro paese con enorme ritardo e con caratteri del tutto peculiari: si diffuse la proprietà coltivatrice e iniziò a prendere corpo il fenomeno dell agricoltura a tempo parziale. Gli addetti agricoli erano ancora 8,6 milioni nel Scesero a meno di 5 milioni dieci anni dopo. Tra il 1951 e il 1971 le campagne persero 4,4 milioni di agricoltori, ma guadagnarono 1,9 milioni di operai, 8

12 impiegati e artigiani. Ogni anno 260 mila contadini lasciavano l agricoltura, negli anni Sessanta diventarono Per la prima volta, da secoli, incominciò a scarseggiare la manodopera agricola e aumentò il costo del lavoro. L esigenza di produrre di più e la minore disponibilità di braccia portarono verso l integrale meccanizzazione delle operazioni colturali. Nel Mezzogiorno l esodo fu imponente. Tra il 1955 e il milioni di persone spostarono la residenza dal Sud in un comune settentrionale, e si trattò per lo più di uomini e giovani, tutti o quasi provenienti dall agricoltura. A seguito di tali processi anche il paesaggio agrario mutò: un nuovo paesaggio rurale veniva a testimoniare gli effetti della grande trasformazione. Negli anni Novanta questo movimento trova un primo assestamento normativo nella cooperazione sociale. Con la legge 381/91 sono state istituite le cooperative sociali, definite anche come enti ibridi, per la finalità sociale che perseguono, per il carattere privato della struttura di impresa e per la proiezione esterna del principio di mutualità, cioè la sua estensione a persone con bisogni sociali. Quella normativa ha previsto esplicitamente che le cooperative sociali potessero svolgere attività agricole. Alla fine del 2001, tra le cooperative di tipo B, cioè quelle la cui attività è finalizzata all integrazione lavorativa di persone svantaggiate, circa il 46% presentava come lavoratori svantaggiati esclusivamente persone con disabilità e tra queste cooperative il 16,7% operava in ambito agricolo. Si trattava complessivamente di 143 cooperative, distribuite fra tutte le regioni italiane, ma per la metà localizzate in Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Lazio e Sicilia. Se si considera che le donne operanti nelle cooperative sociali sono complessivamente il 70% e che la stragrande maggioranza delle esperienze sono basate su forme di gestione familiare e comunitaria, si può agevolmente ritenere che nell Agricoltura Sociale sia notevole il protagonismo femminile. Alla fine del 2003, le cooperative di tipo B sono diventate e le persone svantaggiate coinvolte sono , con un incremento del 26,1% rispetto al La percentuale di soggetti svantaggiati presenti in cooperativa rispetto al totale dei lavoratori si attesta, a livello nazionale, al 46,5%, ben al di sopra del limite minimo (30%) stabilito dalla legge 381 del Le cooperative sociali che operano in ambito agricolo sono 471 su tutto il territorio nazionale. Si tratta di un numero significativo ma ancora limitato, che denota da parte del movimento della cooperazione sociale una scarsa consapevolezza dell effettiva opportunità lavorativa per le persone svantaggiate rappresentata dalle attività agricole. Pur mancando, come si è detto, studi specifici sull inserimento lavorativo in ambito agricolo di persone svantaggiate, un documento redatto da un gruppo di esperti europei sulla situazione occupazionale delle persone con disabilità, quantifica nella misura del 5,7% la quota di occupati in agricoltura sul totale dei disabili che lavorano. Un dato superiore a quello relativo agli occupati complessivi (disabili e non), che a livello comunitario risultano impiegati nel settore primario per il 4%.. Sul finire degli anni Novanta un importante spazio di azione si è aperto grazie alla legge sui beni confiscati alla mafia. Nel 1996 l Associazione Libera, fondata da don Luigi Ciotti, aveva promosso una petizione popolare e presentato al Parlamento un milione di firme per utilizzare a fini sociali i beni 9

13 confiscati alla mafia. Con l emanazione del provvedimento si è avviato quello straordinario processo con cui i beni confiscati alla mafia, in particolare terreni e fabbricati rurali, sono stati recuperati a un utilizzo di interesse collettivo. Si chiama Dopo di noi il progetto che prevede come prendersi carico delle persone disabili quando la famiglia non è più in grado di farlo. Con Decreto Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 13 dicembre 2001, n. 470, si sono fissati criteri e modalità per la concessione di finanziamenti a sostegno di progetti Dopo di noi. Si tratta della legge 109 del 1996 che reca Disposizioni in materia di gestione di beni sequestrati o confiscati., col coinvolgimento, in molti casi, di persone svantaggiate. Sono nate così le prime cooperative agrisociali siciliane e calabresi che sfidano con coraggio le organizzazioni mafiose nel cuore dei loro possedimenti e contendono a queste il controllo del territorio e dell economia locale, su cui la mafia fonda buona parte del suo potere criminale anche sulla società civile. Ma dando uno sguardo a quello che avviene in Europa, il panorama delle potenzialità occupazionali per le persone svantaggiate da parte dell agricoltura diventa ancor più variegato. Le esperienze più significative in Europa ci dicono che il mondo della produzione agricola può cogliere nell Agricoltura Sociale. 10

14 Benefits of Horticultural Therapy and Therapeutic Gardens The benefits of involvement in horticultural activities and exposure to nature can be seen in cognitive, psychological, social, and physical realms and research continues to reveal these connections across many groups of people. The following list includes some of the benefits that have been cited in the literature. Please note that many of these studies report on specific populations and the benefits may or may not be applicable to all groups. Coqnitive Benefits: Enhance cognitive functioning (Kaplan & Kaplan, 1989; Cimprich, 1993; Herzog, Black, Fountaine & Knotts, 1997) Improve concentration (Wells,2000; Taylor et al., 2001) Stimulate memory (Namazi & Haynes, 1994). Improve goal achievement (Willets & Sperling, 1983). Improve attentional capacity (Haftig, Mang & Evans, 1991; Ulrich et al., 1991; Ulrich & Parsons 1992; Ulrich, L999; Taylor et al., 2001) Psvcholoqical Benefits: Improve quality of life (Willets & Sperling, 1983; Waliczeketal., 1996) Increase self-sistem (Moore, 1989; Blair et al., 1991; Smith & Aldous, 1994; Feenstra et al., 1999; Pothukuchi & Bickes, 2001) Improve sense of well-being (Relf et a.1992; Ulrich & Parsons, 1992; Galindo & Rodriguez, 2000; Kaplan, 2001; Jarrott, Kwack & Relf, 2002; Barnicle & Stoelzle Midden 2003; Haftig, 2003) Reduce stress (Ulrich & Parsons, 1992; Whitehouse et al., 2001; Rodiek, 20A2) Improve mood (Wichrowski, Whiteson, Haas, Mola & Rey, 2005; Whitehouse et al., 2001) Decrease anxiety (Mooney & Milstein, 1994) Alleviate depression (Relf, 1978; Mooney & Milstein, 1994; Cooper Marcus & Barnes, 1999) Increase sense of control (Relf et al., 1992) Improve sense of personal wofth (Smith & Aldous, 1994) Increase feelings of calm and relaxation (Moore, 1989; Relf et al., 1992) Increase sense of stability (Blair et al., 1991; Feenstra et al., 1999; Pothukuchi & Bickes, 2001) Improve perconal satisfaction (Blair et al., 1991; Smith & Aldous, 1994; Feenstra et al., 1999; Pothukuchi & Bickes, 2001) Increase sense of pride and accomplishment (Hill & Relf, 1982; Matsuo, 1995) Social Benefits: Improve social integration (Kweon, Sullivan & Wiley, 1998) Increase social interaction (Langer & Rodin, 1976; Moore, 1989; Perrins-Margalis, Rugletic, Schepis, Stepanski, & Walsh 2000). Provide for healthier patterns of social functioning (Langer & Rodin, 1976; Kuo, Barcaicoa & Sullivan, 1998) Improved group cohesiveness (Bunn, 1986) 11

15 Phvsical Benefits: Improve immune response (Haftig, Mang & Evans, 1991; Ulrich et al., 1991; Ulrich & Parsons 1992; Ulrich, 1999) Decrease stress (Rodiek, 2002) Decrease health rate (Wichrowski, Whiteson, Haas, Mola & Rey, 2005) Promote physical health (Ulrich & Parsons, 1992; Kweon, Sullivan & Wiley, 1998; Cooper Marcus & Barnes, 1999; Armstrong, 2000; Rodiek,2002) Improve fine and gross motor skills and eye-hand coordination (Moore, 1989) Bibliografia Barnicle T., Midden K.S. (2003) -The effects of a horticulture activity program on the psychological well-being of older people in a long-term care facility. Horttechnology Calderoni G., Finco R. Esperienze di riabilitazione di persone portatrici di disagio psichiatrico attraverso percorsi formativi e di orientamento al lavoro nel campo dell'attività florovivaistica. Dennis L. (1994) -Garden for life: Horticulture for people with special needs. UEP, University of Saskatchewan. Saskatoon. Canada Ferrini F., E. Trombettoni (2000) - Un bisogno ancestrale: l'importanza della Horticultural therapy, Acer. Ferrini F.. Vaggioli P. (2001) -Horticultural therapy: le relazioni uomo-pianta. Linea Verde. Finuola R., Pascale A. (2008) - L'agricoltura sociale nelle politiche pubbliche Quaderni INEA Hewson M. (1996) -Horticulture as a therapy: A practical guide for using orticulture as a therapeutic tool. Homewood Health Centre, Guelph, Ontario, Canada. Lorenzini G., Lenzi A. (2003) Un nuovo ruolo per il verde urbano: la riabilitazione psichiatrica. Informatori Agrari Malo L. (2003) -HT activity booklet N.1. Canadian Horticulture Therapy Association, Guelph. Ontario. Relf D., DeHart-Bennett M. (1990) -Characteristics of horticultural businesses hiring persons with mental retardation. Journal of Therapeutíc Horticulture. Zerbini S., Ponzellini C. (1997) -La Scuola Agraria del Parco di Monza per l'educazione ambientale e la "terapia orticolturale". III giornate scientifiche SOI, Orto-Floro-Frutticoltura amatoriale. Cesena. 12

16 L agricoltura sociale in Europa L agricoltura sociale in Europa è diffusa nei Paesi Bassi, Norvegia, Italia, Belgio, Slovenia, Svizzera, Germania e Austria. Mentre nel Regno Unito e Svezia è diffusa la terapia orticolturale ed in Finlandia le terapie assistite con animali. Dimensione dell agricoltura sociale in alcuni paesi europei Paesi Bassi 600 Norvegia 500 Italia 500 Austria 300 Germania 150 Fiandre 140 n.b.: Le car farms Olandesi sono decuplicate nell ultimo quinquennio I cantieri aperti In Italia Università della Tuscia e Università di Pisa AIAB: promozione delle biofattorie sociali ARSIA: animazione in Toscana sull AS ALPA: creazione di uno sportello informativo Provincia di Roma: Forum delle Fattorie Sociali La Rete delle Fattorie Sociali Il Lombrico sociale blog dedicato all AS In Europa 13 La COST Action europea Green Care in Agriculture Il progetto europeo SoFar Social Farming La Community of Practice Farming for Health

17 Progetto del sito denominato Piano di Beverino L'Azienda Agricola, luogo laboratorio dell'inserimento lavorativo ha l'esigenza di ampliare la S.A.U. attraverso l'utilizzo di terreni incolti di proprietà demaniale. I terreni individuati quale estensione progettuale ricadono nel comune di Beverino e sono censiti: Terreni demaniali in Beverino F.16 e F.15 Foglio Mappale Mq /p /p Totale foglio /p Totale foglio Totale generale La superficie totale interessata dal progetto è di ha , l area è facilmente accessibile attraverso una strada vicinale e raggiungibile tramite una diramazione della strada dei Tedeschi e quindi collegata al sito di proprietà dell Ente Parco Montemarcello Magra nel quale insiste il fabbricato rurale oggetto di recupero di infrastrutture a fini socio assistenziali. 14

18 Il progetto pilota può essere ampliato attraverso la coltivazione di questa vasta area pianeggiante localizzata sulla destra idrografica del corso del fiume Vara. Il substrato geologico è costituito da depositi alluvionali, il clima di questa zona presenta una piovosità piuttosto elevata (circa mm. annui) con un massimo assoluto autunnale e un massimo relativo primaverile, come da dati termoudometrici e delle precipitazioni predisposti dal C.A.A.R. Sarzana (all. 1). Il clima è mite con inverni non eccessivamente rigidi e temperature medie annuali pari a 13,9 C, l area è interessata da un clima sub-mediterraneo, periumido e fresco, la zona fitoclimatica corrispondente è il lauretum sotto zona fredda. Il suolo, a seguito dei dati di analisi forniti dal Laboratorio Analisi Regionali Terreni e Produzioni Vegetali della Regione Liguria, presenta una classe granulometrica dal triangolo della tessitura francosabbioso con il 72,7% di sabbia e il 7,5% di argilla, con la reazione ph del suolo subalcalina, conducibilità molto bassa, rapporto C/N equilibrato, un contenuto di sostanze organiche relativamente elevato, suolo scarsamente calcareo e capacità di scambio cationico media (pari a 13 meq/100g -1 ). Per quanto attiene al contenuto degli elementi nutritivi si rimanda al grafico allegato. Nell area considerata insistono sia colture foraggere che di frumento tenero e di patata, abbiamo quindi inteso valutare l attitudine del suolo per la gestione aziendale e per la programmazione a livello puntuale del progetto pilota, riferendoci così al frumento tenero ed alla patata, perchè la coltivazione della stessa può rappresentare un interessante prodotto tipico vendibile attraverso i Gruppi d'acquisto Solidale o direttamente in Azienda. Il frumento tenero è stato individuato perchè il sito può diventare sede di un campo varietale per determinare le varietà che meglio si attaglino alla coltura non irrigua, in un momento in cui l'acqua sta diventando un fattore limitante. Il sito si presta inoltre alla realizzazione di un giardino delle farfalle,di seguito esplicitato dalle linee guida progettuali predisposte dalla Prof.ssa Rossi del Dipartimento di Coltivazione e Difesa delle Specie Legnose G.Scaramuzzi Sez. Entomologia Agraria dell Università degli Studi di Pisa, anche in virtù della presenza di esemplari di Zerynthia polyxena Denis & Schiffermüller catturati nell'areale come da all. 2 La relazione minima sulla fitocenosi della zona denominata Piano di Beverino è propedeutica sia all'individuazione di aromatiche coltivabili che alla predisposizione delle relative schede di coltivazione. L'elenco delle specie erbacee può rappresentare un'utile indicazione per la progettazione di un giardino delle aromatiche. 15

19 (Solanum tuberosum, L.) Descrizione della coltura La patata è una pianta erbacea perenne a coltura annuale, provvista di fusti sotterranei carnosi trasformati, detti stoloni, gli ingrossamenti dei quali, i tuberi, costituiscono il prodotto commestibile: le patate. I tuberi sono provvisti di gemme (dette occhi) da cui prende avvio lo sviluppo della parte aerea della pianta. Le foglie sono di un bel colore verde, imparipennate, glabre nella pagina superiore e pelose in quella inferiore. I fiori, riuniti a grappoli, hanno calice verde formato da cinque sepali uniti, e corolla bianca o rosea formata da cinque petali, in parte concresciuti a formare un breve tubo che si apre in un largo lobo. Il frutto è una bacca carnosa, prima verde e poi scura, tondeggiante, contenente numerosi semi piccoli, appiattiti. La patata ha un fusto aereo di colore verde bruno ricoperto di peli, lungo da 50 a 100 cm circa, in posizione eretta nella fase iniziale dello sviluppo e prostrato verso il suolo a crescita avvenuta. La patata è conosciuta circa da 8000 anni, come testimoniano alcuni reperti storici. Gli Spagnoli la conobbero durante la conquista dell America del Sud. La pianta era invece sfuggita a Cristoforo Colombo, perchè la sua coltivazione veniva fatta solo sulle Ande, ma ebbe modo di gustare e di vedere altre piante da radice e tuberi come la manioca e l igname, specie di aree litoranee, con maggiore esigenze termiche. La patata è originaria del Messico e dell'america meridionale, dove è diffusa fino alle estremità meridionali del Cile. Le antiche popolazioni della Cordigliera delle Ande hanno addomesticato questa pianta da tempo immemorabile, più di 4000 anni fa, selezionandone un numero enorme di varietà adatte in pratica a tutti i climi. Il suo nome attuale deriva da batata, voce quechua. Nella nostra mente "patata" è associata a "montagna". In montagna le patate sono più saporite, più sane, perché meno soggette ai parassiti, alla peronospora, ai batteri ed alle virosi trasmesse dagli afidi che, a causa delle basse temperature, hanno un minor numero di generazioni. Portata in Europa dagli Spagnoli nel 1570, solo nel 1586 arrivò in Irlanda, dove venne immediatamente accettata come importante prodotto agricolo ed entrò nella dieta della gente povera. In Italia la patata si diffuse agli inizi dell Ottocento per merito del veneziano Vincenzo Dandolo. Oggi la sua coltivazione è diffusa in tutto il mondo ed è tra i più importanti alimenti del genere umano. Il suo alto contenuto di amido e il suo discreto contenuto di proteine, oltre alla vitamina C, la rendono un cibo ideale. La patata produce più energia dei cereali per unità di superficie coltivata. I tuberi si conservano preferibilmente in locali privi di luce per limitare la germogliazione ed è buona norma, di tanto in tanto, eliminare i germogli che si sviluppano. Le patate che diventano verdi contengono degli alcaloidi velenosi 16

20 (solanina). Le varietà coltivate in Italia sono molto numerose. La varietà locale ligure per eccellenza è la patata quarantina bianca, che è compresa nell'atlante regionale dei prodotti tradizionali coltivata su tutto il territorio dell'entroterra genovese e in parte dello spezzino. Ha un tubero a forma rotonda o rotonda/ovale, buccia liscia di colore giallo; pasta di colore bianco; germoglio a colorazione antocianica della base blu violetto. Fiori con frequenza bassa e colore bianco della parte interna: il germoglio presenta una colorazione antocianica poco intensa, gemme mediamente profonde e sfumature rosa chiara alla base del germoglio. Qualità culinarie di tipo B (adatta a tutti gli usi) con scarsa consistenza della polpa e aspetto umido, non farinoso a granulazione fine; gusto tipico di patata poco pronunciato, senza retrogusti, delicato, è considerato la più antica e la più buona varietà locale. 17

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Scopo della concimazione è

Scopo della concimazione è PECIALE S DOSI, TIPOLOGIE DI CONCIMI E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE La concimazione azotata ideale dipende dall obiettivo produttivo È solo dopo aver definito quantità e qualità della produzione da ottenere

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum Introduzione I cereali utilizzati da secoli sia nell'alimentazione umana che in quella animale, grazie alle loro spiccate doti nutrizionali,

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura 1 Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI:

CALCIOCIANAMIDE. COMPOSIZIONE CONCIME CE AZOTO (N) totale 19,8% di cui nitrico 1,5% OSSIDO DI CALCIO (CaO) 50% CONFEZIONI: CALCIOCIANAMIDE NITRATA GRANULARE È un prodotto microgranulare azotato ideale per ogni coltura orticola, frutticola e floricola; particolarmente indicata per terreni a ph acido svolge un azione fertilizzante

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II AZIENDA AGRARIA TORRE LAMA Via G. Fortunato, 3 84092 BELLIZZI ITALY Tel/Fax.: +39 089 51110 Convenzione tra Pastificio Lucio Garofalo e Azienda Torre Lama Aspetti

Dettagli

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 TECNOZOO, AL FIANCO DEGLI ALLEVATORI DAL SEME AL PRODOTTO FINITO! SOMMARIO SORGO IBRIDO DA SFALCIO KARIM Pag 4 SORGO GENTILE

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Piacenza, 1 dicembre 2009 Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Luciano Trentini CSO - Centro Servizi Ortofrutticoli 1 1 LA PRODUZIONE DI ASPARAGO NEI PRINCIPALI

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

RICERCA SULLA PATATA

RICERCA SULLA PATATA RICERCA SULLA PATATA CLASSIFICAZIONE DELLA PATATA: Specie: tuberosum Genere: solanum Famiglia: solanacee Ordine: tubiflore Gruppo: simpetale Classe: dicotiledoni Sottodivisione: angiosperma Divisione:

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n 23 del 23/09/2008 DISCIPLINARE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS Il mais è tra i prodotti vegetali più soggetti alla contaminazione da parte delle micotossine. I principali funghi tossigeni

Dettagli

orticoltura take-away

orticoltura take-away presenta orticoltura Dispense della lezione 30 maggio 2015 - Orti al Centro Le Solanacee e le Leguminose LA FAMIGLIA DELLE SOLANACEE Le Solanaceae sono una famiglia di piante che comprende più di 2500

Dettagli

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI PRESEMINATO è il biotessile preseminato, interamente biodegradabile, contenente sementi di prima qualità, fornito in rotoli, che consente la realizzazione di inerbimenti in varie situazioni a seguito della

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO.

DISCIPLINARE TECNICO. ERSA DISCIPLINARE TECNICO PRODOTTO ASPARAGO BIANCO Pagina 1 di 12 DISCIPLINARE TECNICO. AI SENSI DELLA L.R. 13 AGOSTO 2002, n. 21 E DEL REGOLAMENTO D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO APPROVATO CON DECRETO DEL

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

COLT COL IVA TIV ZIONE PROFESSIONALE DI PA AZIONE PROFESSIONALE DI P TAT ATATE

COLT COL IVA TIV ZIONE PROFESSIONALE DI PA AZIONE PROFESSIONALE DI P TAT ATATE COLTIVAZIONE PROFESSIONALE DI PATATE Piantagione INDICE Piantagione Letto di semina Struttura del suolo Apporto d umidità Quali sementi usare? Scopo della coltura Densità degli steli Dimensioni del tubero-seme

Dettagli

Le micottossine del mais

Le micottossine del mais Le micottossine del mais Prevenzione, controllo in campo e in azienda 1 definizione Definizione Metaboliti secondari prodotti da funghi parassiti delle piante e agenti di ammuffimenti delle derrate alimentari

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico

Università degli Studi di Torino Facoltà di Agraria. Pietro Piccarolo. Realizzazione e gestione del verde pubblico Realizzazione e gestione Quando si progetta e realizza un area verde, non si può prescindere da quella che sarà la sua gestione. Una manutenzione inadeguata infatti, porta inevitabilmente al degrado dell

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PATATA NOVELLA DI GALATINA D.O.P.

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PATATA NOVELLA DI GALATINA D.O.P. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PATATA NOVELLA DI GALATINA D.O.P. Art. 1 DENOMINAZIONE La Denominazione di Origine Protetta Patata novella di Galatina è riservata esclusivamente ai tuberi che rispondono alle

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

Costantina Righetto Dottoranda c/o Dipartimento di Scienze Agrarie Orticoltura e Orticoltura Urbana. costantina.righetto2@unibo.it

Costantina Righetto Dottoranda c/o Dipartimento di Scienze Agrarie Orticoltura e Orticoltura Urbana. costantina.righetto2@unibo.it Costantina Righetto Dottoranda c/o Dipartimento di Scienze Agrarie Orticoltura e Orticoltura Urbana Università di Bologna costantina.righetto2@unibo.it Numerosi studi confermano l ipotesi che il diretto

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

FERTIL - FERTORGANICO

FERTIL - FERTORGANICO FERTIL - FERTORGANICO 2 Fertil e Fertorganico Una buona strategia di concimazione azotata prevede l utilizzo efficiente dell azoto, riducendone le unità apportate per unità di prodotto utile asportato

Dettagli

Le piante sulla nostra tavola

Le piante sulla nostra tavola Unità didattica Piante e Alimentazione Le piante sulla nostra tavola Durata 0 minuti Materiali necessari - almeno un ortaggio da ciascun organo di una pianta, si consigliano: - carote - piselli o fagioli

Dettagli

Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna*

Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna* Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna* ABSTRACT - - KEYWORDS Maize cultivars, biodiversity, cultivars comparison. Introduzione Dal 2002 il CRAB s.c.r.l. svolge un lavoro di recupero di vecchie varietà

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Erba medica. Medicago sativa L.

Erba medica. Medicago sativa L. Erba medica Medicago sativa L. Erba medica (Medicago sativa L.) L erba medica è tradizionalmente considerata la pianta foraggera per eccellenza rispetto alle altre specie da prato poliennale presenta notevoli

Dettagli

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana IL DNA L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) presente nelle cellule di

Dettagli

Un regalo per un amico

Un regalo per un amico Unità didattica 4 Piante nell arte Un regalo per un amico Durata 2 parti da 40 minuti Materiali - ampia gamma di semi (da frutti di stagione) - utensili di creta o di vetro - vasi - aghi e fili - colla

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

I principi e le tecniche dell Agricoltura Organica e Rigenerativa

I principi e le tecniche dell Agricoltura Organica e Rigenerativa I principi e le tecniche dell Agricoltura Organica e Rigenerativa L'Agricoltura Organica e Rigenerativa (AOR) è una disciplina teorico-pratica che attinge da differenti approcci ed esperienze di agricoltura

Dettagli

TRE PROGETTI PER LE SCUOLE, ASPETTANDO L EXPO

TRE PROGETTI PER LE SCUOLE, ASPETTANDO L EXPO TRE PROGETTI PER LE SCUOLE, ASPETTANDO L EXPO In vista dell Expo 2015 : Nutriamo il pianeta-energia per la vita, proponiamo tre progetti da realizzare nelle scuole. A seconda dello spazio e delle energie

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI. Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto

CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI. Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto CONCETTI BASE SULLA SALINITA DEI SUOLI Quando parliamo di salinità dei suoli o mezzi di coltura ci incamminiamo in un concetto molto vasto con diverse sfumature, per incominciare definiamo che cosa si

Dettagli

GUIDA ALL IMPIEGO DEL COMPOST DI QUALITA

GUIDA ALL IMPIEGO DEL COMPOST DI QUALITA GUIDA ALL IMPIEGO DEL COMPOST DI QUALITA Nella primavera del 2006 Coldiretti e CIC hanno sottoscritto un accordo per il consolidamento dei rapporti tra il mondo agricolo e il settore del compostaggio.

Dettagli

Cos è il farro? farro

Cos è il farro? farro La Storia Il farro è un antico grano le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente vicino a quello che ora è l Iran. Coltivato diffusamente fino al principio del XX secolo

Dettagli

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA CORSO DI FRUTTICOLTURA LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA Lezione 1- L albero da frutto: elementi di anatomia e fisiologia vegetale (dr. Giulio RE) Le funzioni vitali

Dettagli

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi

La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema da latte: azienda, stalla, campi NITROGEN MANAGEMENT OPTIMISATION Gestione dell azoto in conformità alla Direttiva Nitrati Paolo Mantovi Convegno internazionale Reggio Emilia, 14 set 2007 La gestione dell azoto a diverse scale in un sistema

Dettagli

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione

AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione AGRONIX, software on-line per i piani di fertilizzazione Introduzione Megna A. Spada V. Manzini V. A.D.M. srl Agricultural Data Management Via Cairoli, 71 97100 RAGUSA (RG) Italy info@agronix.com adm@adm.it

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2010 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Il 2009 è un anno importante per la storia di due

Dettagli

Concime per piante pluripremiato!

Concime per piante pluripremiato! Concime per piante pluripremiato! Powder Feeding Siamo alla ricerca del perfetto concime per piante da quando abbiamo iniziato a coltivare piante e produrre incroci. I risultati ottenuti con i prodotti

Dettagli

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione TECNICA L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione Solo conoscendo le frazioni e le trasformazioni dell azoto organico nel terreno è possibile risparmiare, rispettare l ambiente e nutrire al

Dettagli

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013 1 www.entecra.it LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it Badoere di Morgano 20 settembre 2013 21/09/2013 CRA-Unità di Ricerca per l Orticoltura (Montanaso

Dettagli

Sviluppo agricolo auto imprenditorialità Selezione donne Fase a Ottobre Novembre 2012

Sviluppo agricolo auto imprenditorialità Selezione donne Fase a Ottobre Novembre 2012 Completamento del sistema integrato di sviluppo rurale sostenibile, migliorando le condizioni di vita delle donne vulnerabili, attraverso la promozione e lo sviluppo agroalimentare a DSCHANG CAMEROUN RELAZIONE

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC

EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC VENEZIA, 19 MAGGIO 2014 EVOLUZIONE DELLE TECNICHE COLTURALI E INTERAZIONI CON LA GESTIONE FAUNISTICA NEL CONTESTO DELLA NUOVA PAC MANUEL BENINCA (COLDIRETTI VENETO) 1 QUALI SONO LE NORME CHE REGOLANO LE

Dettagli

Riforma della PAC Aiuti Diretti. CIA di Treviso - Working Progress - Ultimo Aggiornamento Fine Ottobre Riproduzione Vietata

Riforma della PAC Aiuti Diretti. CIA di Treviso - Working Progress - Ultimo Aggiornamento Fine Ottobre Riproduzione Vietata Riforma della PAC Aiuti Diretti Europa 2020 Aiuti diretti Quadro finanziario Pluriennale (QFP) per l Italia 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 TOTALE 3953,3 3902,0 3850,8 3799,5 3751,9 3704,3 3704,3 26.666,38

Dettagli

Classificazione dei rifiuti solidi

Classificazione dei rifiuti solidi I RIFIUTI Rifiuto solido Qualsiasi sostanza od oggetto, allo stato solido, derivante dall attività umana o dai cicli naturali Potenziale rischio di malattia e/o danno alla salute umana, che può essere

Dettagli

Iperico (Hypericum perforatum L. ) Famiglia: Hypericaceae (Guttiferae)

Iperico (Hypericum perforatum L. ) Famiglia: Hypericaceae (Guttiferae) Iperico (Hypericum perforatum L. ) Famiglia: Hypericaceae (Guttiferae) Descrizione botanica È una pianta erbacea perenne alta dai 20 ai 70 cm. Ha un corto rizoma sotterraneo che produce numerosi fusti,

Dettagli

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide

La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide La coltura del mais in Italia: storia di un grande successo e di nuove sfide Giuseppe Carli, Presidente Sezione colture industriali di ASSOSEMENTI Bergamo, 6 febbraio 2015 Il successo del mais il MAIS

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Salinità delle acque. Ecw: conducibilità elettrica dell acqua. Unità di misura: 1 mmho/cm = 1 ds/m = 0,1s/m = 100 ms/m = 1ms/cm = 1000 μs/cm

Salinità delle acque. Ecw: conducibilità elettrica dell acqua. Unità di misura: 1 mmho/cm = 1 ds/m = 0,1s/m = 100 ms/m = 1ms/cm = 1000 μs/cm Salinità delle acque Ecw: conducibilità elettrica dell acqua Unità di misura: 1 mmho/cm = 1 ds/m = 0,1s/m = 100 ms/m = 1ms/cm = 1000 μs/cm Limiti di accettabilità per la salinità delle acque secondo la

Dettagli

La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina

La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina C. Richard Edwards Professore Emerito Purdue University West Lafayette, Indiana USA

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Agrocllimatollogia e viticolltura Studi di vocazionallità territorialle e zonazioni dii Anttoniino Drrago Assessorato Agriicolltura e Foreste Regiione Siiciilliiana

Dettagli

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Consiglio dell'ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Alberto Giuliani Coordinatore dipartimento Sviluppo Rurale

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Euphorbia x lomi e suoi ibridi in vaso Requisiti

Euphorbia x lomi e suoi ibridi in vaso Requisiti NORMA TECNICA ENR 10002 MAGGIO 2008 Euphorbia x lomi e suoi ibridi in vaso Requisiti R. Zizzo e A. Ferraro Ente Nazionale di Ricerca per la certificazione e la standardizzazione ENR - Riproduzione vietata.

Dettagli

Disciplinare per la coltivazione del frumento tenero e duro

Disciplinare per la coltivazione del frumento tenero e duro Disciplinare per la coltivazione del frumento tenero e duro Versione 1.0-1 - Soci: - Unione Seminativi - Consorzio Agrario Inter Provinciale Forlì Cesena Rimini - Consorzio Agrario Provinciale di Siena

Dettagli

CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione delle colture ortive di pieno campo

CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione delle colture ortive di pieno campo Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Conferenza delle regioni e delle provincie Autonome Regione Siciliana Assessorato Agricoltura e Foreste CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE INDICE PREMESSA I PRODOTTI ALIMENTARI PRODOTTI BIOLOGICI PRODOTTI LOCALI BENI DI CONSUMO 2 PREMESSA Ogni giorno, tutti noi consumiamo una quantità di prodotti per soddisfare

Dettagli

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO

MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO SOLUZIONI PROFESSIONALI PER LA GESTIONE DEL PRATO MALATTIE DEL TAPPETO ERBOSO Marciume Rosa Invernale (Microdochium nivale) Malattia tipica della stagione invernale SINTOMI Si manifesta al principio con

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

Valutazioni economiche delle colture oleaginose per la filiera biodiesel

Valutazioni economiche delle colture oleaginose per la filiera biodiesel EIMA International, Bologna 7-11 Novembre 2012 PLF Unità di Ricerca per le Produzioni Legnose fuori Foresta Colture erbacee oleaginose: potenzialità produttive di brassicacee e girasole, meccanizzazione

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI ***

PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** PROGETTO CORSO DI FORMAZIONE ZOOTECNIA NEVIO LAVAGNOLI *** 1. Soggetti Promotori Dipartimento di Scienze Ambientali e Facoltà di Scienze e Tecnologie dell Università di Camerino (UNICAM-DSA e UNICAM-FST)

Dettagli

Relatore: Caven Elger

Relatore: Caven Elger Relatore: Caven Elger 1. Parametri basali: temperatura, luce, concime ed acqua 2. Cura dopo la fioritura 3. Fioritura ripetuta 4. Danni da parassiti 5. Danni non da parassiti 6. Caduta dei boccioli 7.

Dettagli

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0)

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0) ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura R Documento di lavoro T Sintesi Gestione dei terreni ritirati dalla produzione (Versione 1.0) Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

Dettagli

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION La VER è un azione volontaria che ha lo scopo di ridurre la propria impronta di carbonio (CO2), principale causa dell effetto serra. La VER viene attivata da Aziende sensibili

Dettagli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli

Sostanza organica e potenzialità di sequestro di CO2 nei suoli agricoli emilianoromagnoli Convegno L Agricoltura Conservativa esperienze concrete e misure di incentivazione Giovedì 30 ottobre 2014, ore 9,30 Tecnopolo di Reggio Emilia Piazzale Europa, 1 RE Sostanza organica e potenzialità di

Dettagli

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA

Bilancio (PROVA) DESCRIZIONE AZIENDA Bilancio (PROVA) L imprenditrice agricola professionale xxxxx possiede e gestisce un fondo di circa 45 ettari situato nel comune di xxxxx, provincia di xxx. L imprenditrice vuole valutare la convenienza

Dettagli

REGIONE SICILIANA ENTE DI SVILUPPO AGRICOLO Sezione di Assistenza Tecnica Agricola S.O.P.A.T. n. 64 CAMPOREALE PROVA PARCELLARE

REGIONE SICILIANA ENTE DI SVILUPPO AGRICOLO Sezione di Assistenza Tecnica Agricola S.O.P.A.T. n. 64 CAMPOREALE PROVA PARCELLARE REGIONE SICILIANA ENTE DI SVILUPPO AGRICOLO Sezione di Assistenza Tecnica Agricola S.O.P.A.T. n. 64 CAMPOREALE PROVA PARCELLARE MAIS IBRIDO DA GRANELLA COLTIVATO IN ASCIUTTO IN AMBIENTE CALDO ARIDO DELLA

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani Comune di Giuliano Teatino Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani 100% compostaggio domestico ANALISI DELLE CRITICITÀ E PROPOSTE RISOLUTIVE PER LE UTENZE

Dettagli