ISTITUTO DEI CIECHI DI MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO DEI CIECHI DI MILANO"

Transcript

1 ISTITUTO DEI CIECHI DI MILANO BILANCIO SOCIALE a cura di

2 INDICE LETTERA DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO... 3 GUIDA ALLA LETTURA... 5 IDENTITÀ E RISORSE... 8 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO... 9 LA STORIA ANNI NEL CUORE DELLA CITTÀ LA MISSIONE IL SISTEMA DELLE RELAZIONI LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E LE RISORSE UMANE LE RISORSE ECONOMICO FINANZIARIE OBIETTIVI, ATTIVITÀ E RISULTATI CRESCERE E STUDIARE FORMARSI E LAVORARE ESSERE ACCOLTI CONOSCERE E INNOVARE COMUNICARE E COINVOLGERE CUSTODIRE E RACCONTARE

3 Lettera del Commissario Straordinario L attenzione riservata nel 2007 alla prima pubblicazione del bilancio sociale dell Istituto dei Ciechi di Milano ha fatto crescere in noi la consapevolezza di quanto sia importante rendere conto in modo puntuale e trasparente, anche tramite questo strumento, delle modalità di gestione attuate, dei progetti realizzati e dei programmi da perseguire nel futuro. Il carattere innovativo del primo bilancio sociale, particolarmente apprezzato dalla stampa specializzata, ha dato grande risalto all iniziativa e ha permesso all Ente di farsi conoscere in modo più approfondito da tutti i cittadini che, a vario titolo, sono vicini all Istituzione o si interessano al mondo della disabilità visiva. Soprattutto è stato un eccellente mezzo di divulgazione e diffusione dei traguardi raggiunti - sul piano qualitativo oltre che quantitativo - dai nostri servizi di cui si avvalgono il sistema scolastico, i servizi sociali del territorio, università, imprese e ordini professionali. Il bilancio sociale, infatti, non consiste solo nella compilazione di una serie di tabelle con sequenze di numeri, ma permette di esplicitare le finalità e i risultati di quelle attività e di quei servizi che hanno reso l Istituto indiscusso punto di riferimento della tiflopedagogia nel mondo. La positiva esperienza del primo bilancio sociale ci ha spronato a rinnovare questa forma di comunicazione, nella convinzione che la trasparenza e la conoscenza siano ormai valori indispensabili per accrescere la fiducia nella nostra Istituzione. E la fiducia, oggi, è quanto mai necessaria e imprescindibile per poter attrarre contributi provenienti dalla solidarietà e dalle sponsorizzazioni. Risorse fondamentali in un momento di grave crisi economica in grado di supplire, almeno in parte, al mancato aggiornamento delle tariffe, oltre che al pesantissimo ritardo nei pagamenti da parte degli Enti pubblici convenzionati per conto dei quali si erogano servizi. Se da una parte crescono le difficoltà economiche, da sempre presenti in questo settore, dall altra aumentano gli utenti che chiedono sostegno all Istituto dopo che i tradizionali canali assistenziali hanno di fatto ridotto, per scarsità di risorse, ogni forma di aiuto. A tutto ciò si aggiunge il crescente numero di utenti disabili visivi che, tra l altro, nel corso di un decennio, sono aumentati di oltre un terzo, registrando la presenza di un alta percentuale di soggetti pluridisabili nelle tre fasce del deficit: lieve, grave e gravissimo. In linea con la propria storia, l Istituto dei Ciechi di Milano ha tuttavia saputo fronteggiare le crescenti difficoltà economiche senza compromettere la qualità dei servizi offerti, garantendo ai giovani non vedenti la migliore consulenza tiflologica, tiflopedagogica e tifloinformatica. L Istituto negli ultimi anni ha adottato strategie lungimiranti in particolare nella gestione del patrimonio immobiliare, chiaramente illustrate nel bilancio sociale, che hanno permesso nel tempo di recuperare importanti risorse. 3 3

4 Da segnalare con particolare evidenza l acquisizione nel 2009 del 50% di uno stabile e la realizzazione dei sottotetti in un altro di proprietà dell'ente che hanno prodotto un significativo incremento del patrimonio immobiliare, che è stato oggetto di costanti interventi e di un accurata manutenzione. Oggi non c è parte della Casa di Sede che non sia ristrutturata secondo le norme vigenti, salvo l area della vecchia Casa Famiglia per la quale si stanno cercando risorse utili al rinnovamento, mentre la nuova RSA Casa Famiglia, considerata una delle migliori della città, oltre alle nuove accoglienze continua ad ospitare storici non vedenti a tariffe contenute. Una lucida scelta etica e morale che ha visto prevalere le ragioni dei non vedenti rispetto a quelle del bilancio. una fondamentale funzione sociale. Ad esempio, si è proseguito ad assegnare abitazioni a canone agevolato a non vedenti e a categorie protette, andando oltre a quanto previsto dalla legge 431 del 9 dicembre Certo, molte prospettive sono cambiate, importanti dinamiche sociali stanno trasformando il Paese e anche noi dovremo confrontarci con la nuova realtà sociale ed economica nella consapevolezza, però, che sostenere le legittime aspirazioni e i sogni di chi non vede sia un obbligo morale che l Istituto deve perseguire con tenacia. Una sfida che non vuole vedere il tramonto delle finalità per cui è nato e si è sviluppato l Istituto dei Ciechi di Milano. Le risorse recuperate hanno permesso non solo di garantire gli standard qualitativi dei servizi, ma anche di continuare a svolgere Rodolfo Masto Commissario straordinario dell Istituto dei Ciechi di Milano 4

5 Guida alla Lettura PERCHÉ IL BILANCIO SOCIALE L Istituto dei Ciechi rappresenta una realtà storica per Milano e per i milanesi che lo hanno voluto e sostenuto a partire dal Nel 2010 l anniversario dei 170 anni ha rappresentato un traguardo di grande significato e un importante occasione per riflettere sul percorso compiuto e guardare con consapevolezza alle nuove sfide che attendono l Istituto. Il Bilancio sociale è lo strumento per far conoscere e restituire alla collettività come l istituto interpreta e realizza la sua missione, il valore sociale creato e i principali risultati conseguiti. CHE COS È IL BILANCIO SOCIALE Il Bilancio Sociale è l esito di un processo con cui l Istituto dei Ciechi rende conto delle scelte, dell impiego delle risorse, delle attività e dei risultati ottenuti, in modo da consentire ai diversi interlocutori di conoscere e formulare una valutazione consapevole su come l ente interpreta e realizza la propria missione. COME SI COSTRUISCE: RENDERSI CONTO PER RENDERE CONTO Il processo di rendicontazione, secondo il metodo Refe società di formazione e consulenza esperta in responsabilità sociale e che affianca l Istituto dei Ciechi fin dall inizio di questo percorso si sviluppa su due versanti. L analisi interna (il rendersi conto) dell identità, delle scelte e del funzionamento dell ente, con le verifica puntuale dei servizi e degli interventi realizzati, delle risorse allocate e dei risultati ottenuti. La comunicazione esterna (il rendere conto) per far conoscere in modo trasparente, verificabile e comprensibile a tutti il lavoro svolto. Con un avvertenza: il Bilancio sociale non rappresenta un obiettivo in sé, ma intende rafforzare la cultura della responsabilità sociale, intesa come la capacità dell Istituto di rispondere degli effetti della propria azione, ovvero dei cambiamenti prodotti sul sistema dei bisogni degli utenti. LA STRUTTURA E I CONTENUTI DEL BILANCIO SOCIALE Il Bilancio sociale ricostruisce il senso dell agire dell ente. Ricostruire la catena di senso MISSIONE E VALORI POLITICHE E OBIETTIVI Tratto da C. Rogate, T. Tarquini (2008) RISORSE ALLOCATE INTERVENTI REALIZZATI RISULTATI OTTENUTI EFFETTI PRODOTTI 5 5

6 La sezione Identità e risorse presenta la missione, i valori di riferimento e le specificità della metodologia d intervento. Analizza le risorse umane e verifica l impiego di quelle economiche, facendo emergere le scelte effettuate e il valore sociale creato nel 2010, anno a cui i dati di bilancio fanno riferimento. La seconda sezione Obiettivi, attività e risultati è articolata nelle 6 aree di bisogno su cui l Istituto interviene: CRESCERE E STUDIARE FORMARSI E LAVORARE ESSERE ACCOLTI CONOSCERE E INNOVARE COMUNICARE E COINVOLGERE CUSTODIRE E RACCONTARE Non vedenti Collettività Per ciascuna area sono rendicontate in modo puntuale le attività realizzate e i risultati raggiunti. I dati si riferiscono al periodo Il gruppo Bilancio Sociale dell IdC Rodolfo Masto (Commissario Straordinario) Giancarlo Abba Antonio Picheca Liana Bertolini Paola Bonanomi Silvia De Todaro Franco Lisi Emanuela Migliorini Paola Monti Rosanna Palazzolo Aurelio Sartorio Maria Assunta Torre Marco Villa Bernardina Zini Gli esperti Refe: Cristiana Rogate Valentina Pericoli Margherita Pennati Matteo Monti 6

7 «Tutto ciò che ha valore nella società umana dipende dalle opportunità di progredire che vengono accordate ad ogni individuo» Albert Einstein

8 Identità e Risorse Identità e Risorse

9 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Identità e risorse - IL CONTESTO L Istituto dei Ciechi di Milano, ubicato nel centro della città, costituisce un punto di riferimento riconosciuto per i servizi tiflopedagogici, formativi, socio-assistenziali e della innovation technology, offerti a ciechi e ipovedenti in età evolutiva e adulta primariamente nel territorio della provincia di Milano e della Lombardia, ma anche sul piano nazionale ed europeo. CHE COS È LA CECITÀ O IPOVEDENZA? La popolazione non vedente si divide 1 in ciechi totali, ciechi parziali e ipovedenti che da soli rappresentano il 76% del totale. La cecità consiste in una percezione ottico-visiva ridotta o nulla (cecità parziale o totale rispettivamente), che può essere congenita, può derivare da gravi affezioni dell'apparato visivo (cataratta, vizi refrattivi non corretti, glaucoma, degenerazione maculare legata all età, distacco di retina, etc ) ed extra-visivo (es. diabete) o, può essere conseguenza di incidenti o di particolari traumi. Ancora numerosi sono i casi di persone che hanno perso la vista durante la guerra. Le minorazioni visive vengono classificate e definite 2, secondo le seguenti categorie: ciechi totali: sono colpiti da totale mancanza della vista in entrambi gli occhi, hanno la mera percezione dell'ombra e della luce o del moto della mano in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore, hanno un residuo perimetrico binoculare inferiore al 3 per cento; ciechi parziali: hanno un residuo visivo non superiore a 1/20 in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore, un residuo perimetrico binoculare inferiore al 10 per cento; ipovedenti gravi: hanno un residuo visivo non superiore a 1/10 in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore, un residuo perimetrico binoculare è inferiore al 30 per cento; ipovedenti medio-gravi: hanno un residuo visivo non superiore a 2/10 in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore, un residuo perimetrico binoculare è inferiore al 50 per cento; ipovedenti lievi hanno un residuo visivo non superiore a 3/10 in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore, un residuo perimetrico binoculare inferiore al 60 per cento. IPO VEDENTI 76% Popolazione non vedente in Italia 2009 CIECHI ASSOLUTI 6% CIECHI PARZIALI 18% 1 Come stabilito dalla legge 138/2001e in conformità alle indicazioni dell Organizzazione Mondiale della Sanità. 2 Cfr. Legge 3 aprile 2001 n

10 Identità e risorse - IL CONTESTO QUANTI SONO I DISABILI VISIVI IN ITALIA? In Italia la stima 3 della popolazione disabile visiva raggiunge le unità, pari all 1,2% della popolazione complessiva, con un aumento del 3% negli ultimi 5 anni. La stima della popolazione non vedente in Lombardia raggiunge le unità, con una crescita del 6% negli ultimi 5 anni (dal 2004). L aumento della popolazione disabile visiva in Italia e in Lombardia è legato in parte all aumento dell aspettativa di vita che comporta un aumento dei casi di perdita della vista in età avanzata e in parte alla insufficiente diffusione della cultura della prevenzione. L Istituto dei Ciechi di Milano è uno tra i più antichi e prestigiosi istituti per ciechi in Italia, offre servizi ad un elevato numero di utenti in Lombardia. Raggiunge alcune province del Piemonte e dell Emilia Romagna. Lombardia VA CO Piemonte NO PC Emilia Romagna RE MI - MB AL LO CR 3 La stima è stata calcolata moltiplicando la popolazione residente per un coefficiente 1,2% è risultato da una specifica indagine realizzata dall Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti (UICI). Tale stima deve intendersi per difetto, in quanto le recenti elaborazioni dell'oms individuano l incidenza dei minorati visivi, nell ambito dei Paesi occidentali, attorno all 1,8% della popolazione. 10

11 Identità e risorse - IL CONTESTO A COSA HANNO DIRITTO I CIECHI E GLI IPOVEDENTI? Il riconoscimento dello stato di disabile visivo, effettuato dalle Regioni in seguito alla verifica dei requisiti sanitari da parte di apposite commissioni mediche istituite presso le ASL, consente di ottenere benefici economici erogati dall INPS, che variano a seconda della tipologia di minorazione visiva. I ciechi assoluti percepiscono un indennità di accompagnamento e una pensione non reversibile legata al reddito personale 4 e ad una eventuale situazione di ricovero. I ciechi parziali percepiscono un indennità speciale e una pensione non reversibile legata al reddito personale 5. I ciechi di guerra percepiscono un assegno di superinvalidità, un indennità di assistenza e accompagnamento e una pensione di guerra. Inoltre, i disabili visivi hanno diritto a: - esenzione dal pagamento del ticket sanitario; - ausili e protesi concessi dall ASL in comodato d uso; - supporto e strumenti utili ad esercitare il proprio diritto allo studio e al lavoro; - libera circolazione e sconti sui mezzi di trasporto nazionali; - altre agevolazioni fiscali. Le persone non vedenti hanno bisogni che non riescono ad essere soddisfatti o coperti dai benefici economici ricevuti dal sistema pubblico. La condizione di disabile visivo, le cui peculiarità e difficoltà verranno approfondite nel corso del documento, richiede un sostegno sia per l effettivo riconoscimento dei diritti fondamentali (istruzione, casa, lavoro, salute) sia per poter il più possibile svolgere in autonomia le attività quotidiane. Il ruolo dell Istituto dei Ciechi risulta quindi essenziale per promuovere l autonomia delle persone non vedenti e accompagnarle in tutti i contesti di vita con esperienza e dedizione. 4 Il reddito deve essere inferiore a ,24 annui. 5 Il reddito deve essere inferiore a ,24 annui

12 Identità e risorse - IL CONTESTO QUALI ALTRE ISTITUZIONI PER I CIECHI SONO PRESENTI IN ITALIA? In Italia, i primi istituti per disabili visivi sono stati costituiti nella seconda metà del 1800 con l obiettivo di contribuire ad alleviare la condizione di infermità e di bisogno dei non vedenti, fornendo loro gli strumenti e il supporto per raggiungere l autonomia e il reinserimento nella società. Gli istituti e i centri costituiti successivamente, nel corso del 1900, rispondono sia alla necessità di ampliare i posti per accogliere i numerosi non vedenti rimasti invalidi nella prima e nella seconda guerra mondiale, sia alla necessità di potenziare le strutture specializzate nell educazione, istruzione e riabilitazione ai fini dell emancipazione e dell integrazione sociale. Di seguito si presentano le principali Istituzioni per i ciechi che operano in Italia:. Centro Ciechi San Raffaele, Bolzano (1980) Istituto dei ciechi di Milano (1840) Istituto David Chiossone ONLUS per la riabilitazione della disabilità visiva, Genova (1868) Stamperia Braille di Firenze (1924) Centro Regionale "Sant'Alessio - Margherita di Savoia" per i Ciechi, Roma (1988) Istituto "Domenico Martuscelli" per i minorati della vista d'ambo i sessi, Napoli (1873) Istituto dei ciechi Opere Riunite "Ignazio Florio F. ed A. Salamone", Palermo (1891) Istituto "Luigi Configliachi" per i Minorati della Vista, Padova (1838) Istituto regionale "Rittmeyer" per i ciechi, Trieste (1913) Istituto regionale "Giuseppe Garibaldi" per i ciechi, Reggio Emilia (1882) Istituto F. Cavazza, Bologna (1881) Istituto "Serafico" Assisi - Centro di riabilitazione, Assisi Istituzione Provinciale Centro Educativo Riabilitativo per Videolesi "Gino Messeni Localzo", Bari Rutigliano (1955) Istituto provinciale per i minorati della vista "Anna Antonacci", Lecce (1906) C.R.A.N.V. - Centro regionale per l'autonomia del Non Vedente, Catanzaro (1986) Istituto per ciechi "Ardizzone Gioeni", Catania (1911) Centro Regionale "Helen Keller", Messina (2001) 12

13 Identità e risorse - La storia LA STORIA La fondazione dell Istituto Il convitto L asilo Il laboratorio La nuova sede di via Vivaio L'Istituto dei Ciechi di Milano nacque nella prima metà dell 800 per offrire risposte alla condizione dell infermità e del bisogno dei non vedenti, ma con il fermo proposito di fornire alle persone assistite gli strumenti per raggiungere l autonomia professionale e il reinserimento sociale. Michele Barozzi, allora direttore delle Pie Case d'industria e di Ricovero decise, nel 1836, di affrontare il tema della cecità creando inizialmente una struttura sperimentale all interno degli istituti da lui diretti, nella quale vagliare la possibilità di riuscita di una simile iniziativa. Il 13 luglio 1840, pertanto, fondò l Istituto dei Ciechi in Milano, eretto in Ente Morale con Regio Decreto del 20 settembre 1868, quale terzo istituto in Italia (dopo l Ospizio dei Santi Giuseppe e Lucia fondato a Napoli nel 1818 e l Istituto di Padova costituitosi nel 1838) per l assistenza ai non vedenti. L iniziativa riscosse il consenso dei Milanesi e trovò nel Conte Sebastiano Mondolfo il suo principale benefattore, grazie al quale l Istituto si trasferì in una sede autonoma in Corso di Porta Nuova dove venne allestito un moderno convitto, adeguatamente attrezzato rispetto allo spazio della sede originaria ormai insufficiente per gli assistiti che erano divenuti una cinquantina. Il percorso dei non vedenti si fondava su una formazione teorico-pratica, basata prevalentemente sulla musica e sui lavori manuali. Tra il 1855 e il 1860 l attività dell Istituto acquistò visibilità in Italia e in Europa, ottenendo numerosi riconoscimenti. Nel 1863, a quattro anni dalla scomparsa di Louis Braille, l Istituto dei Ciechi di Milano introdusse, per primo in Italia, il codice che porta il suo nome. Il codice Braille, permette ai ciechi di scrivere e leggere autonomamente; è a punti in rilievo, coglibili al tatto, e i singoli segni vengono combinati secondo una precisa disposizione. Il Braille, dichiarato codice ufficiale per tutti gli Stati, ha fornito ai ciechi lo strumento fondamentale per l accesso alla cultura. Nel 1867 morì Michele Barozzi e il Conte Sebastiano Mondolfo divenne il direttore dell Istituto, manifestando da subito l intenzione di creare un asilo, con lo scopo di ospitare presso l Istituto anche alcuni degli allievi che mancavano di mezzi di sussistenza e pronta occupazione e permettere loro di perfezionare l istruzione e la professione appresa nell Istituto stesso. L Asilo Mondolfo venne fondato nel 1872 e aperto nel marzo del Nel 1879 la Presidenza dell Istituto fu assunta da Francesco Zirotti che intervenne ulteriormente sulla struttura dell ente fondando e aprendo nel 1884 il Laboratorio con il fine di dare lavoro ai ciechi adulti, prevedendo anche la possibilità di lavoro al domicilio. Monsignor Luigi Vitali, direttore dell Istituto dal 1876 al 1914, diede avvio alle pratiche di trasferimento della sede dell Istituto da Corso di Porta Nuova a Via Vivaio, costruita secondo moderni criteri di funzionalità. Il progetto definitivo, affidato all Architetto Giuseppe Pirovano, venne elaborato da Vitali sulla base di approfonditi studi e delle 13 13

14 Identità e risorse - LA STORIA L Istituto si accredita La casa famiglia L Istituto Scolastico e la Scuola di Avviamento Professionale Le difficoltà economiche nel secondo dopoguerra visite effettuate presso gli Istituti dei Ciechi di Parigi, Lione e Marsiglia. Il nuovo edificio venne inaugurato il 3 novembre del 1892 alla presenza del Re Umberto e della Regina Margherita, mentre l impegno personale di Vitali nella realizzazione dell opera fu premiato con la nomina a commendatore della corona d Italia. Le tre entità, Istituto, Asilo e Laboratorio, cominciarono molto presto ad ottenere significativi risultati e traguardi, e fin dai primi anni di vita, essi si resero visibili attraverso una partecipazione attiva a manifestazioni, esposizioni e congressi nazionali e internazionali. L Istituto, inoltre, si è sempre distinto per la pubblicazione di periodici e documenti che hanno contribuito a far conoscere e amare la causa dei ciechi, a far discutere e progredire il livello di assistenza e di educazione e a mettere in comune fra i diversi Istituti i risultati raggiunti, sollecitare l intervento dello Stato. Fu soprattutto con il rettorato di Monsignor Luigi Vitali che si assistette ad un potenziamento dell insegnamento della musica, applicato sia agli strumenti a corde e a fiato sia al canto corale. Vitali era interessato a portare gli allievi al di fuori dell Istituto: dai concerti tenuti dai non vedenti all interno dell Istituto si passò all organizzazione di vere e proprie tournèe internazionali, nonché alla partecipazione a grandi eventi. Nel 1925 Monsignor Pietro Stoppani, direttore dell Istituto dal 1914 al 1933, inaugurò la Casa Famiglia realizzata in un nuovo edificio all interno dell Istituto, quale pensionato per cieche adulte per le quali l unico sbocco professionale era quello di insegnanti di canto o di piano o accompagnatrici musicali presso istituti, educandati, orfanotrofi o asili d infanzia. La Casa Famiglia aveva lo scopo di facilitare l inserimento nel mondo del lavoro, in quegli anni più difficile per le donne che per gli uomini. Il 16 agosto 1926 con regio decreto n 1781 l'istituto dei Ciechi fu dichiarato Istituto Scolastico e posto sotto la sorveglianza del Ministero della Pubblica Istruzione. La nuova legge introdusse l obbligo per i ciechi di frequentare le scuole interne fino alla terza elementare e ciò fece aumentare il numero dei convittori. Pur conservando i fini di assistenza, l Istituto ebbe accesso ai finanziamenti pubblici superando l esclusiva dipendenza dalle elargizioni private. Nel 1933 le Scuole elementari divennero scuole statali. Nel 1939 viene istituita la Scuola di Avviamento Professionale per ciechi che inglobò il laboratorio di vimini, la falegnameria e il maglificio. La minaccia dei bombardamenti, durante la seconda guerra mondiale, comportò nel 1943 lo sfollamento presso l Istituto di Padri Passionisti di Caravate in provincia di Varese. Nel secondo dopoguerra l Istituto dei Ciechi si trovò ad affrontare gravi problemi finanziari che si protrassero per alcuni anni; questo era dovuto al fatto che il valore in entrata delle rette degli allievi non copriva i costi per il mantenimento degli stessi e della struttura nel suo insieme. Il Consiglio di Amministrazione, per risolvere tale situazione, fu costretto a vendere parte del patrimonio fino al 1952, anno in cui fu possibile dichiarare con soddisfazione e orgoglio di aver raggiunto sia il pareggio di bilancio, sia il costante aumento del numero degli ospiti che, dai soli settanta del 1945, passava a centocinquantotto, aumento che può essere considerato un importante simbolo di rinascita dell Ente. 14

15 Identità e risorse - La storia Nuove attività scolastiche e corsi di formazione professionale L integrazione degli alunni non vedenti nelle scuole per vedenti Nel 1951 venne promulgato il nuovo statuto dell Ente che accoglieva le nuove disposizioni di legge del 1926 pur mantenendo fermi i fini di assistenza per cui era sorto. Sul finire degli anni cinquanta, quando ebbe inizio la lunga amministrazione di Virginio Pozzi, presidente dell Istituto dal 1958 al 1983, e durante la direzione di Monsignor Sergio Varesi, rettore dell Istituto dal 1955 al 1985, vennero impostate alcune iniziative che caratterizzarono la storia dell Istituto nel secondo dopoguerra. L Istituto dei Ciechi accoglieva, infatti, una popolazione scolastica composta sia da ragazzi ciechi sia da giovani con problemi visivi e anche non autosufficienti. Per fronteggiare al meglio le necessità formative degli ospiti si cominciò a studiare la possibilità di nuove attività scolastiche e di istruzione professionale che contribuissero in modo caratterizzante al curriculum dei giovani assistiti. Ci si orientò, nel 1961, verso una scuola di massofisioterapia, della durata di tre anni, l ultimo dei quali di pratica quotidiana presso la Clinica Ortopedica dell Università di Milano. A partire dalla metà degli anni sessanta si riattivò la scuola materna e furono istituiti corsi annuali di lingue straniere, corsi di formazione ai lavori femminili, quali la fabbricazione dei tappeti, e di accordatura per pianoforti. Nel 1963 fu istituita la Scuola Media Statale per Ciechi in ottemperanza all istituzione della scuola media unica a livello nazionale. A seguito delle leggi nazionali relative all inserimento e all integrazione dei non vedenti nelle scuole frequentate da alunni vedenti, reso obbligatorio con la legge n 517 del 1977, in soli due anni si raggiunse l integrazione totale della popolazione scolastica elementare non vedente. Per la Scuola media, invece, si scelse una soluzione diversa, che favoriva l integrazione all interno delle aule di Via Vivaio, con l iscrizione di ragazzi vedenti della zona, inserendo anche lo studio dello strumento musicale oltre alle normali lezioni di educazione musicale. L Istituto si trovò a non avere più allievi nel convitto perdendo di conseguenza le rette provenienti dalle Amministrazioni Provinciali. In questi anni avvenne nell Istituto una profonda trasformazione. Dopo la chiusura della Scuola Elementare Statale speciale per Ciechi, i lavoratori del settore educativo svilupparono l idea di trasferire nella scuola di frequenza, dove il bambino cieco era inserito, le metodologie, le tecniche e i sussidi specifici necessari per potergli garantire un percorso di apprendimento adeguato attraverso una didattica differente ma non differenziante, una didattica sviluppata nel contesto della scuola di tutti. Così quello che era diventato il servizio fondamentale dell Istituto, denominato Servizio di Consulenza e di Ricerca Tiflopedagogica per la disabilità visiva, si sviluppò sempre più non solo nella provincia di Milano ma anche in diverse province lombarde e fuori regione. Nel 1976 vennero istituiti, presso la sede dell Istituto, i Corsi Professionali per Centralinisti Telefonici minorati della vista, a tutt oggi ancora attivi, puntando l attenzione sulla capacità della persona di inserirsi con professionalità nel mondo del lavoro. Gli anni ottanta, a seguito delle profonde modificazioni del quadro legislativo e ambientale in cui l Istituto operava, furono caratterizzati da un lato dal tentativo di impostare il nuovo ruolo dell Ente quale punto di riferimento nel campo della formazione del non vedente, e dall altro nell elaborazione di iniziative che permettessero di recuperare progressivamente una stabilità economica necessaria al buon funzionamento delle struttura e al raggiungimento delle nuove finalità

16 Identità e risorse - LA STORIA Verso la trasformazione in Ente non profit La trasformazione della Casa Famiglia in RSA A partire dagli anni novanta sono state stipulate importanti convenzioni con gli Enti Locali e le Università milanesi a supporto dell integrazione degli studenti disabili visivi, attraverso corsi qualificati di informatica, orientamento e mobilità e braille per le lingue straniere e il servizio tiflopedagogico. Negli stessi anni l Istituto ha consolidato e ampliato i suoi servizi mediante l avvio di corsi di tifloinformatica differenziati per livello e per tipologia di utenza, e mediante l attività del Centro Stampa (Braille e a Caratteri Ingranditi) e del Centro Materiale Didattico. Nel 1993 il Ministero, dopo aver sciolto il Consiglio di Amministrazione, ha nominato il Cavaliere di Gran Croce Rodolfo Masto Commissario Straordinario col compito di governare questa importante fase di transizione. Nel 1998, il Provveditorato agli Studi di Milano, sentito il Commissario Straordinario, ha inoltrato al Superiore Ministero una bozza del nuovo statuto in linea con i nuovi orientamenti giuridici in materia di enti non profit. Grazie ad una più solida gestione economica, oltre a mantenere le attività precedentemente impostate, l Istituto ha potenziato il proprio intervento in alcuni ambiti strategici, quali il settore informatico e la ricerca tiflopedagogica. Parallelamente ha avvallato, in modo definitivo, con l organizzazione di corsi di formazione e aggiornamento, il proprio ruolo nel campo della formazione di insegnanti e operatori educativi, nel campo della progettazione e fornitura di materiale didattico e nella ricerca di nuove professioni in cui i giovani non vedenti possano affermarsi allargando la propria sfera di interesse a tutto il territorio nazionale. Dal 1995, con il progressivo invecchiamento delle ospiti della Casa Famiglia, si è messo in atto un processo di radicale trasformazione per adeguare la Casa e i servizi offerti alle nuove esigenze degli anziani, integrando ai servizi assistenziali e di supporto anche servizi sanitari. Da questo momento è iniziato un percorso di adeguamento strutturale, gestionale e di riqualificazione degli operatori della Casa Famiglia che, ai sensi della nuova normativa, è diventata Residenza Sanitaria Assistenziale. Dal 2003 la comunità, fino ad allora esclusivamente femminile, ha iniziato ad accogliere persone anziane vedenti, compresi gli uomini, allo scopo di rispondere alla richiesta dei cittadini e facilitare la socializzazione. Nel 2006, a seguito di un processo di adeguamento degli standard strutturali e gestionali che ha portato alla costruzione di nuovi locali, la Casa Famiglia RSA ha ottenuto l accreditamento di 26 posti letto. Nello stesso anno è stato aperto il Museo storico Louis Braille, che ripercorre la storia dei metodi di scrittura per ciechi e mette a disposizione di tutti il patrimonio artistico-culturale dell istituto: la quadreria, opere d arte, gli strumenti musicali, la biblioteca, l archivio storico e l archivio fotografico. 16

17 Identità e risorse - La storia Nuove iniziative, l assegnazione di premi e riconoscimenti e l accreditamento Dialogo nel Buio Il restauro del Salone Barozzi La sede dell Istituto negli ultimi 10 anni è stata completamente rinnovata nel rispetto delle norme di sicurezza e per i diversi settori sono stati predisposti spazi attrezzati e funzionali alle diverse attività. Un importante ruolo ha assunto negli ultimi anni la partecipazione a progetti internazionali, che ha consentito un proficuo confronto con importanti istituzioni europee similari. Nel 2003 è stato istituito il Premio Giornalistico Pierluigi Golino, per ricordare il professionista, che con fiera determinazione ha esaltato la sua professione, superando con volontà, passione e intelligenza le difficoltà dovute alla sua minorazione visiva. Nel 2004 l Istituto dei Ciechi è stato dichiarato dalla Regione Lombardia Ente di rilevanza regionale, per la competenza ed esperienza consolidata in attività pregresse a carattere formativo e professionale per i disabili visivi. L Istituto viene riconosciuto una realtà unica in Lombarda, a cui tutti i ciechi fanno capo in ragione del suo carattere di eccellenza, di alta specificità e riconoscibilità. Nel febbraio del 2005 è nata la rivista Luce su Luce con l obiettivo di informare, divulgare le attività, le iniziative e i progetti dell Istituto, nonché di costituire un punto di riflessione sulle tematiche tiflopedagogiche. Nel 2007 è stata realizzata l iniziativa L arte del tatto, in collaborazione con il Museo del Louvre di Parigi, allo scopo di avvicinare i visitatori all arte scultorea da una nuova prospettiva, ovvero tramite l utilizzo del tatto. A partire dal 2006, inoltre, l Istituto diviene operatore accreditato per i servizi al lavoro e dal 2007 ottiene l accreditamento anche per i servizi di istruzione e formazione professionale. Nel novembre 2009 l Istituto riceve il Premio Lombardia Eccellente per il suo impegno nell ambito della formazione a favore dell integrazione sociale delle persone con disabilità visiva. A dicembre dello stesso anno, in occasione della giornata della Riconoscenza della Provincia di Milano, l Istituto ha ricevuto il Premio Isimbardi, per l attività di Dialogo nel buio. In particolare, è stato premiato l impegno, la professionalità e l alto valore etico e sociale del lavoro delle guide, che rendono significativa l esperienza del buio. Nel dicembre 2005, a seguito del successo della prima edizione della mostra Dialogo nel buio svoltasi a Palazzo Reale nell anno 2003, l Istituto dei Ciechi ha deciso di riproporla presso la propria Sede per almeno 5 anni. Nel 2008 la mostra Dialogo nel buio, dedicata alla percezione sensoriale, soprattutto del tatto, viene proposta al Carnevale di Venezia e in diverse iniziative, riscuotendo molto successo. Nel 2009 sono stati avviati i lavori per il restauro del Salone Barozzi allo scopo di recuperare e restaurare affreschi rimasti nascosti per più di mezzo secolo. Il centosettantesimo anniversario Il Forum Europeo della Disabilità L Istituto festeggia l anniversario dei 170 anni dalla sua fondazione che viene celebrato con diverse iniziative. Viene terminato il restauro del Salone Barozzi. Nel 2011 l Istituto ospita il Forum Europeo della Disabilità

18 Identità e risorse - LA STORIA 170 ANNI NEL CUORE DELLA CITTÀ Nel 2010 l Istituto ha celebrato il 170 anniversario dalla sua fondazione. Tra gli eventi e le iniziative più significative realizzate per l occasione si ricordano in particolare i seguenti. Convegno internazionale Milano Europa, Istituzioni per ciechi a confronto tra passato e futuro In occasione del centosettantesimo l Istituto dei Ciechi di Milano ha deciso di mettersi a confronto con le Istituzioni per ciechi di Parigi, Londra e Vienna, che sono state punto di riferimento per Michele Barozzi quando nel 1840 ebbe l incarico di fondare l Istituto. Ciascuna delle Istituzioni europee partecipanti al convegno, tenutosi a ottobre 2010, ha avuto modo di raccontare la propria tradizione educativa e scolastica, le proprie esperienze, le iniziative realizzate e i servizi offerti per le persone non vedenti. In particolare, il convegno ha rappresentato un occasione importante per porre le basi per la realizzazione di un progetto comune che sviluppi la ricerca e intervenga a supporto dei paesi poveri in linea con gli obiettivi di Expo. Riapertura della Sala Barozzi La Sala Barozzi, situata al pian terreno con affaccio su un chiostro con colonnato e porticati, conserva decorazioni di grande valore. La sala è considerata un punto di incontro tra i ciechi e la città, ed è luogo privilegiato utilizzato dalle Istituzioni pubbliche e private per l organizzazione di eventi. In occasione dell anniversario la sala Barozzi è stata riaperta e inaugurata in seguito alla realizzazione di un intervento di restauro finanziato in parte da Regione Lombardia. I lavori hanno permesso di recuperare e riportare alla luce affreschi che erano stati coperti nel periodo postbellico. Concerto straordinario alla Scala È stato realizzato un concerto straordinario presso il Teatro alla Scala, Domenica 17 ottobre La serata ha visto protagonisti l'orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi e il pianoforte solista Davide Cabassi sotto la guida del Maestro Helmuth Rilling. 18

19 Identità e risorse - LA MISSIONE Il documentario 170 anni, Istituto dei Ciechi di Milano Grazie al contributo del regista Giacomo Gatti è stato realizzato un film / documentario che racconta l Istituto dei Ciechi di Milano, attraverso le immagini delle persone che vi lavorano e di coloro che beneficiano dei suoi servizi, ovvero delle persone non vedenti che percorrono il loro cammino verso l autonomia e l integrazione nella vita quotidiana. Il documentario è stato proiettato in occasione delle celebrazioni del centosettantesimo anniversario e in seguito distribuito in dvd. Grazie alla consulenza del Centro Informatico dell Istituto il documentario è stato reso accessibile anche alle persone non vedenti

20 Identità e risorse - LA MISSIONE LA MISSIONE Si esplicitano di seguito le finalità, i valori e le specificità dell approccio dell Istituto nel dare risposta ai bisogni dei non vedenti e della collettività. Le nostre finalità L Istituto opera per la piena integrazione scolastica e lavorativa, sociale e culturale dei ciechi, degli ipovedenti e dei pluridisabili visivi, promuovendone l autonomia e valorizzando le aspirazioni personali proprie di ogni età della vita. A tal fine, l Istituto svolge attività educativoformative, di ricerca e di innovazione tecnologica; inoltre, presso la RSA Casa famiglia, accoglie e assiste gli anziani con disabilità visiva e vedenti. In cosa crediamo UGUAGLIANZA DELLE OPPORTUNITÀ e delle POSSIBILITÀ a partire dal riconoscimento delle differenze individuali EDUCAZIONE: l uomo, in qualsiasi condizione si trovi può, tramite l azione educativa, trovare percorsi formativi e strumenti che gli consentano di superare i propri limiti e difficoltà per migliorare se stesso e realizzare le proprie aspirazioni. AUTONOMIA: la persona può e deve essere protagonista del proprio esistere e crescere nella consapevolezza delle sue potenzialità, per poter gestire in modo indipendente la vita quotidiana, familiare, professionale e relazionale. SOLIDARIETÀ: principio della condivisione per far conoscere e dare risposte alle diverse problematiche della disabilità visiva, impegnandosi a promuovere e rafforzare la cultura dell integrazione nella collettività. 20

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli