Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio"

Transcript

1 Luca Masera Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio 1. Per comprendere davvero quello che è successo e sta succedendo a Lampedusa, credo sia utile cercare di inserire tale vicenda all interno del quadro più ampio delle politiche repressive in materia di immigrazione messe in atto dal governo italiano: Lampedusa a mio avviso rappresenta il punto estremo di quella progressiva negazione dei diritti fondamentali dei migranti, che si è verificata in Italia negli ultimi dieci anni e che negli ultimi due-tre anni ha visto un ulteriore accelerazione. Dal momento che la mia formazione è giuridica (insegno diritto penale all università di Brescia), cercherò in primo luogo ed in estrema sintesi di fornire un quadro degli strumenti giuridici con cui tale negazione dei diritti è stata concretamente attuata, distinguendo l analisi in due parti: le modalità con cui gli stranieri irregolari vengono privati della libertà personale in attesa del rimpatrio, e le modalità in cui avvengono i rimpatri. Chiarito il quadro normativo generale e le peculiarità che al suo interno presenta il caso Lampedusa, illustrerò le iniziative giudiziarie che l Arci e le altre associazioni che lavorano a Lampedusa stanno mettendo in atto per cercare di porre fine a questa situazione. 2. La disciplina italiana relativa alla privazione della libertà dello straniero presentava sino al mese di agosto di quest anno una peculiarità rispetto agli altri ordinamenti europei: oltre al trattenimento amministrativo dello straniero irregolare in attesa del rimpatrio (presente in tutti gli ordinamenti europei, e che in Italia sino ad agosto aveva una durata massima di sei mesi), la cd. legge Bossi-Fini prevedeva che lo straniero che non eseguisse entro un termine brevissimo l ordine di rimpatrio, fosse punito con la pena della reclusione sino a cinque anni. La condizione di irregolarità, quindi, costituiva di per sé un delitto, che legittimava la detenzione dello straniero in un carcere: sulla base di questo reato, migliaia di stranieri sono stati tenuti in carcere nel nostro Paese senza che avessero commesso alcun delitto, per il solo fatto di essere clandestini. 1

2 Nella legislazione italiana degli ultimi anni lo straniero irregolare era quindi considerato a tutti gli effetti un criminale, da arrestare e processare immediatamente (arresto obbligatorio e rito direttissimo, come per i reati più gravi come omicidio o rapina) e da mettere in carcere per diversi anni. Il punto più estremo di questa criminalizzazione del clandestino si è avuta nel 2008, quando il legislatore ha introdotto la circostanza aggravante di clandestinità, cioè ha previsto che qualsiasi reato, se commesso da un clandestino, fosse da punire più severamente dello stesso reato commesso da un cittadino italiano o da uno straniero irregolare: una violazione macroscopica del principio di uguaglianza, che è stata dichiarata incostituzionale dalla Corte costituzionale del 2010, e che tuttavia testimonia bene il clima politico-culturale che abbiamo vissuto in questi anni in Italia. Le cose sono radicalmente cambiate quest anno, dopo l entrata in vigore della direttiva europea 2008/115 relativa proprio alla disciplina dei rimpatri e dei trattenimenti. Prima i giudici italiani, poi la Corte di giustizia europea (con la nota sentenza El Dridi) hanno stabilito che il diritto comunitario vieta di punire come un criminale, con la pena del carcere, lo straniero clandestino: la Corte europea ha stabilito che uno Stato può decidere di sanzionare penalmente lo straniero irregolare (ed infatti in Italia la mera condizione di irregolarità, prima dell emanazione di un ordine di allontanamento, costituisce una contravvenzione, punita con pena pecuniaria), ma non può prevedere il carcere per uno straniero solo perché non obbedisce all ordine di tornare nel proprio Paese. Sulla base di questa sentenza, centinaia di clandestini sono stati liberati, e diverse migliaia di processi si sono conclusi con l assoluzione dell imputato. Di fronte alla chiara bocciatura del sistema interno da parte della Corte europea, il governo italiano è ben presto intervenuto con un decreto (convertito in legge in agosto), in cui, vista l impossibilità di ricorrere al carcere nei confronti del clandestino, si è deciso di prolungare sino a un anno e mezzo (dai precedenti sei mesi) il periodo in cui lo straniero può essere trattenuto in via amministrativa in attesa del rimpatrio, come del resto previsto nella direttiva comunitaria. La situazione attuale è dunque questa. Per quanto riguarda la privazione di libertà personale, lo straniero irregolare non può essere tenuto in carcere, ma l autorità di polizia (previa convalida entro 48 ore del provvedimento da parte di un giudice di pace) può trattenerlo in un Centro di identificazione ed espulsione per diciotto mesi in attesa di eseguire la decisione di rimpatrio emanata sempre dall autorità di polizia. Quanto poi alle modalità del rimpatrio, la legge prevede che il decreto di allontanamento emanato dall autorità di polizia sia anch esso sottoposto entro 48 ore alla convalida dell autorità giudiziaria, garantendo quindi allo straniero (almeno formalmente) la possibilità di esercitare il diritto di difesa. 2

3 3. Il quadro generale è, quindi, assai preoccupante quanto a rispetto dei diritti fondamentali del migrante. L elevazione sino a diciotto mesi del termine per la detenzione amministrativa dello straniero viola senza dubbio il principio di proporzionalità delle sanzioni privative della libertà personale, ed anche il controllo giurisdizionale sui provvedimenti dell autorità di polizia (affidato a giudici non professionali, che addirittura tengono udienza nelle questure) garantisce ben poco i diritti di difesa del migrante. In questo contesto già così grave, la situazione di Lampedusa rappresenta un nuovo gradino nella violazione dei diritti fondamentali dello straniero, ponendosi ed è bene sottolinearlo con chiarezza da subito, perché è questa la vera peculiarità del caso Lampedusa del tutto al di fuori del sistema legale, tanto nazionale che sovranazionale. Il centro dove gli stranieri vengono trattenuti dopo lo sbarco (in condizioni di totale privazione della libertà personale, essendo rinchiusi e guardati a vista dalle forze dell ordine e dall esercito) non è un CIE, dove la legge prevede (come abbiamo appena visto) che gli stranieri possano essere trattenuti, ma è un Centro di primo soccorso ed accoglienza, dove in teoria gli stranieri dovrebbero rimanere al massimo 4 giorni, e comunque in strutture dalle quali sia possibile uscire (quindi senza privazione della libertà). Cosa succede in realtà a Lampedusa? Gli stranieri vengono detenuti nel Centro anche per diverse settimane, senza che venga loro notificato alcun atto ufficiale che spieghi le ragioni per cui si trovano privati della libertà, senza avere la possibilità di consultare un avvocato, e senza che alcun giudice possa verificare la legittimità del loro trattenimento. Quando poi l autorità di polizia decide di procedere al rimpatrio, gli stranieri vengono imbarcati con la forza sugli aerei, ricevendo solo in questo momento un provvedimento di respingimento, che non è peraltro neppure sottoposto alla convalida del giudice di pace. 4. La situazione di Lampedusa è dunque del tutto al di fuori della legge. Non vengono rispettate nemmeno le garanzie formali che la legge italiana, per quanto come abbiamo visto assai repressiva, comunque riconosce allo straniero irregolare. La questione decisiva da un punto di vista giuridico è che a Lampedusa gli stranieri vengono privati della propria libertà personale dall autorità di polizia senza alcuna convalida dell autorità giudiziaria: una prassi che è in frontale contrasto in primo luogo con l art. 13 della Costituzione italiana, che prevede che nessuna persona (cittadino o straniero, regolare o irregolare) può essere pri- 3

4 vato della libertà personale dall autorità di polizia per più di 48 ore senza che sia richiesta la convalida dell autorità giudiziaria. E una regola fondamentale di ogni democrazia, l habeas corpus come garanzia minima di tutela dell individuo dall autorità di polizia. Questa regola non vale per gli stranieri di Lampedusa, che rimangono per settimane rinchiusi sotto sorveglianza della polizia senza poter avere accesso ad un giudice, e vengono allontanati dal nostro Paese (altro provvedimento che, secondo la nostra Corte costituzionale, è coperto dalle garanzie dell art. 13 Cost.) senza ancora che alcun giudice abbia verificato la legittimità del provvedimento di polizia. E importante capire quindi che quello che avviene a Lampedusa non è paragonabile alla situazione normale degli altri Centri di detenzione amministrativa presenti in Italia o in Europa, dove almeno vengono formalmente rispettate le garanzie minime di uno stato di diritto (l intervento di un giudice indipendente quando si priva una persona della propria libertà). Lampedusa, come ha detto qualcuno, è oggi una no man s land in cui la polizia italiana agisce al di fuori di qualsiasi controllo di legalità: sotto gli occhi di tutti (media ed opinione pubblica) viene platealmente negato agli stranieri il diritto alla libertà personale, i principi dello stato di diritto non si applicano a chi sbarca sull isola. 5. Cosa si è fatto e cosa si sta facendo, per quanto riguarda le iniziative giudiziarie, per contrastare questa prassi? Si stanno percorrendo due diverse strade. La prima concerne il ricorso alla Corte europea dei diritti dell uomo (CEDH). Fra pochi mesi la Grand Chambre della CEDH deciderà un ricorso presentato da diversi cittadini somali e eritrei che nel maggio 2009 erano stati respinti in mare dalle autorità italiane e riportati in Libia (caso Hirsi), occasione in cui la Corte deciderà sulla legittimità dei rimpatri effettuati senza convalida del giudice. L Arci, con altre associazioni, sta poi preparando un nuovo ricorso alla Corte di Strasburgo in relazione ai fatti degli ultimi mesi di Lampedusa, tanto sotto il profilo dell illegalità del trattenimento (art. 5 conv.), che dell illegalità del rimpatrio, effettuato senza garanzie di difesa (art. 13 conv.) ed in forma collettiva (art. 4 prot. 4). Non ho qui lo spazio per discutere nel merito il ricorso, se qualcuno è interessato ne possiamo discutere. La seconda strada, che è stata intrapresa in questi ultimi giorni, consiste invece nel denunciare tali violazioni alla magistratura penale italiana, perché accerti se le condotte tenute dalle forze dell ordine configurino dei delitti. E quanto è stato fatto pochi giorni fa da alcuni cittadini (su iniziativa di Vassallo Paleologo) che hanno denunciato alla Procura di Palermo la situazione dei cittadini stranieri trattenuti da giorni su alcune navi in attesa di rimpatrio, senza nessuna garanzia giuri- 4

5 sdizionale; con l Arci nei prossimi giorni depositeremo presso la Procura di Agrigento una denuncia per sequestro di persona in relazione ai fatti ai quali abbiamo personalmente assistito a Lampedusa. Credo si tratti di iniziative importanti, sulle quali sarebbe importante riuscire a far convergere un sostegno ampio da parte di tutte le organizzazioni qui presenti. Si tratta di avere il coraggio di chiamare le cose con il loro nome. A Lampedusa non si stanno soltanto e genericamente violando i diritti umani, il Governo italiano sta commettendo dei crimini gravissimi (i delitti di violenza privata e di sequestro di persona, puniti con pene che arrivano sino a 8 anni di reclusione) che l autorità giudiziaria ha il dovere di perseguire. Da un punto di vista giuridico è importante sottolinearlo non sto dicendo nulla di eversivo o di radicale. Quando ho parlato della mia esperienza a Lampedusa con un vecchio professore milanese (uno dei penalisti più noti in Italia, e tutt altro che politicamente radicale), è rimasto incredulo di quanto gli raccontavo, e non aveva dubbi sulla rilevanza penale delle condotte tenute dalla polizia a Lampedusa; stessa cosa quando ho parlato della questione con alcuni magistrati penali. Il problema è proprio questo. Quello che sta accadendo a Lampedusa è sotto gli occhi di tutti, ma sino ad oggi anche le forze di opposizione si sono limitate a denunciare politicamente la gestione dell emergenza senza parlare esplicitamente della natura criminale delle condotte del Governo. E su questo che voglio concludere. Quando ci si trova di fronte ad un Governo che priva delle persone della libertà senza alcuna delle garanzie minime di uno stato di diritto, bisogna avere il coraggio di dire come giuristi e come cittadini che questo Governo sta compiendo delle azioni criminali, ed i suoi responsabili devono essere processati da un Tribunale penale. Per quanto si tratti di una richiesta forte o che può sembrare poco realistica, credo sia un opzione necessitata: se siamo ancora in uno stato di diritto, non possiamo rinunciare a pensare che la magistratura penale (che in Italia, per fortuna, è ancora un potere davvero indipendente dal governo) possa perseguire i responsabili di crimini gravissimi, anche se essi sono al vertice delle istituzioni. Perché però questa iniziativa possa avere successo, è necessario un forte movimento di opinione, che costringa i magistrati siciliani competenti per territorio a fare sino in fondo il proprio dovere, pur sapendo che saranno attaccati da una larga parte dell opinione pubblica e dei media. Se siamo in uno stato di diritto, non possiamo tollerare che la libertà dei migranti sia considerata così poco importante da non giustificare alcuna tutela da parte della magistratura: per questo credo sia importante riuscire ad essere chiari (politicamente e giuridicamente) nel denunciare questa gestione criminale del fenomeno migratorio. 5

6 6

Vademecum per il Testimone nel processo civile

Vademecum per il Testimone nel processo civile Vademecum per il Testimone nel processo civile 10 regole da conoscere per non sbagliare 1 1) A ciascuno di noi può capitare di essere citato davanti al Giudice per rendere testimonianza di un fatto conosciuto.

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

NOTE SU. obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria. obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio

NOTE SU. obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria. obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio NOTE SU obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio 1 È previsto dall art 365 codice penale quale delitto

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione)

ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione) ORDINANZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 21 marzo 2013 (*) «Articolo 99 del regolamento di procedura Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Direttiva 2008/115/CE Norme e procedure comuni in materia di rimpatrio

Dettagli

ud unità democratica giudici di

ud unità democratica giudici di ud unità democratica giudici di pace.it INTERVENTO AL XIX CONGRESSO NAZIONALE DI MAGISTRATURA DEMOCRATICA di Diego Loveri In occasione del XIX Congresso Nazionale di Magistratura Democratica Unità Democratica

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

Il DDL 733/2009: le disposizioni in materia di immigrazione Un disegno di legge contrastato

Il DDL 733/2009: le disposizioni in materia di immigrazione Un disegno di legge contrastato Il DDL 733/2009: le disposizioni in materia di immigrazione Un disegno di legge contrastato Il 5 febbraio 2009 il senato ha approvato il disegno di legge di iniziativa del governo recante disposizioni

Dettagli

anno I, n.2, 2011 Recensioni

anno I, n.2, 2011 Recensioni L. Salamone, La disciplina giuridica dell'immigrazione clandestina via mare, nel diritto interno, europeo ed internazionale, Torino, Giappichelli 2011, pp. XXVI-406 Come è noto, gli arrivi irregolari per

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Avocats sans Frontières Italia

Avocats sans Frontières Italia Avocats sans Frontières Italia BAMBINI SOLDATO IN AFRICA UN DRAMMA NEL DRAMMA Presentazione del Rapporto di Amnesty International 21.000 bambini soldato in Liberia Roma 8 Novembre 2004 Processabilità e

Dettagli

Modifiche al Regolamento per l individuazione delle. modalità di assegnazione degli alloggi E.R.P. e per la

Modifiche al Regolamento per l individuazione delle. modalità di assegnazione degli alloggi E.R.P. e per la Allegato 1) PUNTO N. 2 all O.d.G.: Modifiche al Regolamento per l individuazione delle modalità di assegnazione degli alloggi E.R.P. e per la gestione della mobilità dell utenza. Legge regionale n. 24/2001

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5668 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Modifiche agli articoli 624, 624-bis e 625 del codice penale, concernenti le pene

Dettagli

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea di Valentina Bazzocchi Dopo la celebre sentenza Pupino 1, la Corte di giustizia

Dettagli

L arbitrato internazionale: perchè e come

L arbitrato internazionale: perchè e come 12 PROMOZIONE FIRENZE n.1, gennaio/giugno 2006 L arbitrato internazionale: perchè e come * Professore ordinario dell Università di Firenze; Avvocato Vincenzo Vigoriti * I - L arbitrato è l istituto che

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE. Di iniziativa dei Senatori DE PETRIS. "Riconoscimento degli animali nella Costituzione"

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE. Di iniziativa dei Senatori DE PETRIS. Riconoscimento degli animali nella Costituzione DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Di iniziativa dei Senatori DE PETRIS "Riconoscimento degli animali nella Costituzione" Onorevoli Senatori. - Perché gli animali in Costituzione? Stiamo assistendo ad un

Dettagli

Codice Penale art. 437

Codice Penale art. 437 Codice Penale art. 437 TITOLO VI Dei delitti contro l'incolumità pubblica Dei delitti di comune pericolo mediante violenza Rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro. [I]. Chiunque

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica

E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica E l Europa decide di non decidere, ma non rinuncia a farci la predica Sulla crisi della Libia e dei profughi del Nord Africa che sbarcano sulle coste italiane l Europa ha rivelato la sua assenza più clamorosa.

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Legislazione minorile. Indice. 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE V LA COMPETENZA AMMINISTRATIVA DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 Le misure rieducative ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Incidenti stradali: le nuove disposizioni

Incidenti stradali: le nuove disposizioni INCONTRO DI STUDIO PER OPERATORI DI POLIZIA LOCALE LE NOVITA LEGISLATIVE PER LA P.M. FAENZA (RA) - 19 maggio 2006 Incidenti stradali: le nuove disposizioni LEGGE 21 febbraio 2006, n. 102 Disposizioni in

Dettagli

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora 1. Il punto di partenza indiscutibile è quello, sottolineato più volte da tutti, che l iscrizione anagrafica

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Formazione civica. Materiali per la programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri

Formazione civica. Materiali per la programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri Formazione civica Materiali per la programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri EUROPA e ITALIA EUROPA L'UNIONE EUROPEA 28 paesi (fino al 1945 spesso in guerra fra loro) Norme e istituzioni

Dettagli

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI Cartella: L esperienza del contare Attività: CONTIAMO I FAGIOLI www.quadernoaquadretti.it Attività testata da Martina Carola (Gruppo di ricerca sulla scuola primaria del Seminario di Didattica della Matematica

Dettagli

CARTA DEI VALORI DI AREA

CARTA DEI VALORI DI AREA approvata dall Assemblea di Roma l 8 giugno 2013 1. Identità e scopo 1. Siamo magistrati italiani ed europei, orgogliosi di far parte di una magistratura indipendente e autonoma, che, proprio perché tale,

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

INTERVISTA A RENÉ MAJOR LA FORMAZIONE DELLO PSICANALISTA E LA RECENTE SENTENZA DELLA CASSAZIONE IN MATERIA DI PSICANALISI

INTERVISTA A RENÉ MAJOR LA FORMAZIONE DELLO PSICANALISTA E LA RECENTE SENTENZA DELLA CASSAZIONE IN MATERIA DI PSICANALISI INTERVISTA A RENÉ MAJOR LA FORMAZIONE DELLO PSICANALISTA E LA RECENTE SENTENZA DELLA CASSAZIONE IN MATERIA DI PSICANALISI Alessandra Guerra: Abbiamo aperto il sito del Manifesto per la difesa della psicanalisi

Dettagli

ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI di LUCA MARIO MASERA

ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI di LUCA MARIO MASERA ELENCO DELLE PUBBLICAZIONI di LUCA MARIO MASERA 1) articolo dal titolo Leasing ed infortuni sul lavoro, in Rivista trimestrale di diritto penale dell economia, 2000, 153-178; 2) nota a sentenza dal titolo

Dettagli

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009 Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Decreto legislativo 3 ottobre 2008, n. 159 Modifiche ed integrazioni al decreto

Dettagli

Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti

Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 450 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 451 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 452 Senato della Repubblica Camera dei

Dettagli

Immigrazione come fenomeno incompreso dal suo primo verificarsi nel nostro paese; Condizione giuridica dello straniero precaria e incerta;

Immigrazione come fenomeno incompreso dal suo primo verificarsi nel nostro paese; Condizione giuridica dello straniero precaria e incerta; Immigrazione come fenomeno incompreso dal suo primo verificarsi nel nostro paese; Evento disordinato, straordinario, temporaneo; Condizione giuridica dello straniero precaria e incerta; Tardività di un

Dettagli

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Si parla disottrazione internazionale del minore in due casi: a) Quando il minore viene condotto all estero dal genitore non affidatario senza il consenso dell altro

Dettagli

L ESPERIENZA ITALIANA. Angela Della Bella Università degli Studi di Milano

L ESPERIENZA ITALIANA. Angela Della Bella Università degli Studi di Milano L ESPERIENZA ITALIANA 1 Angela Della Bella Università degli Studi di Milano ANDAMENTO POPOLAZIONE CARCERARIA 1991-2014 80.000 70.000 60.000 50.000 40.000 30.000 20.000 10.000 0.000 2 Fonte: Dipartimento

Dettagli

Si è immaginata l esistenza, in definitiva, di una Italia diversa.

Si è immaginata l esistenza, in definitiva, di una Italia diversa. Alla ricerca dell etica della responsabilità. di Rosario SCALIA Magistrato della Corte dei conti Nel momento in cui nel nostro ordinamento giuridico si è introdotto il reato di traffico di influenze illecite,

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo)

Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo) Antiriciclaggio: potenziali conflitti tra normative di Paesi diversi. Il caso Filippine (Giovanni Imbergamo) Altalex.it In tema di segnalazione di operazioni sospette di riciclaggio o di finanziamento

Dettagli

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato?

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Innanzitutto perché l adolescenza è un periodo della vita in cui, rispetto a quello precedente dell

Dettagli

L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne

L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne Che cosa è successo e succede in Afghanistan Che cosa hanno vissuto e vivono le donne Donne speciali: RAWA, HAWCA, OPAWC, Malalai

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione Avvocato Gianluca Lo Bianco Direttore Analisi Giuridiche e Contenzioso ENAC Il Reg. (CE) n. 261/2004 Il reg. (CE) n. 261/2004 dell 11 febbraio

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE

PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE www.forzearmate.org Servizi di Informazione Assistenza - Consulenza legale Diritti - Banca dati - Convenzioni CHI SIAMO E COSA FACCIAMO SIDEWEB è una società di servizi nata dall entusiasmo e dall esperienza

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Giurisprudenza Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Giurisprudenza IL REATO DI CLANDESTINITÀ NELLA PRASSI DEL GIUDICE DI PACE DI MILANO Relatore: Chiar.mo

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Diritti dei cittadini e responsabilità della Pubblica Amministrazione nei servizi della Famiglia e della Tutela minori

Diritti dei cittadini e responsabilità della Pubblica Amministrazione nei servizi della Famiglia e della Tutela minori DirittideicittadinieresponsabilitàdellaPubblicaAmministrazioneneiservizidellaFamigliae dellatutelaminori Milano,17Novembre2011 L assistentesocialetradeontologia,dirittievincoli MargheritaGallina Il codice

Dettagli

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Con la legge n. 189/2004 è stato introdotto nel Codice Penale il TITOLO IX-BIS DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI il quale modifica

Dettagli

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI SOMMARIO Presentazione... XIII PARTE PRIMA ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI CAPITOLO 1 L INGRESSO DELLO STRANIERO NEL TERRITORIO DELLO STATO 1. Stranieri e apolidi... 3 2. Le condizioni

Dettagli

La sicurezza sul lavoro nella P.A.

La sicurezza sul lavoro nella P.A. La normativa italiana D.Lgs. 81/2008 Le disposizioni contenute nel D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 costituiscono attuazione dell art. 1 della Legge 3/8/2007, n. 123 per il riassetto e la riforma delle norme

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

Legge federale concernente la protezione dell emblema e del nome della Croce Rossa

Legge federale concernente la protezione dell emblema e del nome della Croce Rossa Legge federale concernente la protezione dell emblema e del nome della Croce Rossa 232.22 del 25 marzo 1954 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, viste le convenzioni

Dettagli

I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli)

I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli) I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli) Se il proprietario di un edificio soggetto al vincolo storico-artistico lo modifica senza aver ottenuto preventivamente

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

PARTE PRIMA DEI REATI IN GENERALE

PARTE PRIMA DEI REATI IN GENERALE PARTE PRIMA DEI REATI IN GENERALE GUIDA Sezione Prima. DIRITTO PENALE E LEGGE PENALE. Sezione Seconda. IL REATO. Sezione Terza. LE FORME DI MANIFESTAZIONE DEL REATO. Sezione Quarta. LE SANZIONI PENALI.

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5579 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BONGIORNO, CARFAGNA Modifiche agli articoli 576 e 577 del codice penale, in materia di circostanze

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO INIZIAMO COL DARE UNA DEFINIZIONE AL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ PENALE

Dettagli

Legge 5 dicembre 2005, n. 251

Legge 5 dicembre 2005, n. 251 Legge 5 dicembre 2005, n. 251 " Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per

Dettagli

Info: Susanna Pietra-3406676706 susanna.pietra@gmail.com Ufficio stampa chiesa valdese di piazza Cavour

Info: Susanna Pietra-3406676706 susanna.pietra@gmail.com Ufficio stampa chiesa valdese di piazza Cavour APERTO AL PUBBLICO OGNI MERCOLEDÌ ORE 18 UNO SPORTELLO PER DEPOSITARE IL PROPRIO TESTAMENTO BIOLOGICO PRESSO LA CHIESA EVANGELICA VALDESE DI ROMA PIAZZA CAVOUR Il diritto alla vita comprende anche il diritto

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano

Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano Dr. Domenico Rosati Giudice di Pace Coordinatore di Scandiano TERMINE: 60gg dalla contestazione o dalla notificazione, sia per verbali con sanzioni pecuniarie, sia con aggiunta di sanzioni accessorie SOGGETTI

Dettagli

Convenzione europea relativa al rimpatrio dei minori. L'Aja, 28 maggio 1970

Convenzione europea relativa al rimpatrio dei minori. L'Aja, 28 maggio 1970 Convenzione europea relativa al rimpatrio dei minori L'Aja, 28 maggio 1970 Gli Stati membri del Consiglio d'europa, firmatari della presente Convenzione: Considerando che la loro stretta unione si manifesta,

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento reca misure urgenti per far fronte alle criticità derivanti, sotto il profilo della tutela della salute, dall emanazione della sentenza n. 32/2014 della

Dettagli

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE TRADUZIONE NON UFFICIALE ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042. Avv. Ivan Tosco, PhD. Studio Legale Secci & Medda

Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042. Avv. Ivan Tosco, PhD. Studio Legale Secci & Medda Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042 Avv. Ivan Tosco, PhD Studio Legale Secci & Medda 1 XXIII CONGRESSO NAZIONALE GIQAR Ospedaletto di Pescantina

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

Iniziativa parlamentare Divieto di compiere mutilazioni sessuali

Iniziativa parlamentare Divieto di compiere mutilazioni sessuali ad 05.404 Iniziativa parlamentare Divieto di compiere mutilazioni sessuali Rapporto della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale del 30 aprile 2010 Parere del Consiglio federale del

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 ORDINANZA

TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 ORDINANZA N. R.G. 2015/435 TRIBUNALE ORDINARIO di BRESCIA lavoro, previdenza ed assistenza obbligatoria Nella causa civile iscritta al n. r.g. 435/2015 Il Giudice del Lavoro dott. Mariarosa Pipponzi, a scioglimento

Dettagli

Preambolo (1789) Preambolo (1793)

Preambolo (1789) Preambolo (1793) Confronto fra la Dichiarazione dei Diritti dell uomo e del cittadino del 26 agosto 1789 e la Dichiarazione dei Diritti dell uomo e del cittadino dell Anno Primo (23 giugno 1793). Preambolo I rappresentanti

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2004 Commissione per le petizioni 2009 21.10.2008 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 1285/2007, presentata da Giovanni Maria Turra, cittadino italiano, a nome della Società Centro

Dettagli

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE A) PREMESSA Il Consiglio Comunale di Lecce con la deliberazione n. 56 del 01 agosto 2012 ha approvato il regolamento per la definizione agevolata della

Dettagli

GIUSTIZIA RIPARATIVA.

GIUSTIZIA RIPARATIVA. GIUSTIZIA RIPARATIVA. Motori di questo approccio originale alla giustizia sono forse due presupposti fondamentali quanto semplici: - l insoddisfazione verso i precedenti modelli di giustizia (retributivo/riabilitativo)

Dettagli

La Giustizia Penale a Parma

La Giustizia Penale a Parma La Giustizia Penale a Parma Alessandra Mezzadri Il presente breve contributo ha preso in considerazione i dati statistici relativi all attività svolta dal Tribunale Penale di Parma negli anni 2006-2010.

Dettagli

(Signor Presidente,) Onorevoli Parlamentari, Autorità, Signore e Signori,

(Signor Presidente,) Onorevoli Parlamentari, Autorità, Signore e Signori, (Signor Presidente,) Onorevoli Parlamentari, Autorità, Signore e Signori, permettetemi innanzitutto di esprimere la mia gratitudine agli organizzatori per la possibilità che mi viene offerta di contribuire

Dettagli

Il pubblico ufficiale e l Incaricato di pubblico servizio

Il pubblico ufficiale e l Incaricato di pubblico servizio info@sav.bs.it Il pubblico ufficiale e l Incaricato di pubblico servizio Convegno di formazione specialistica S. PIERO A GRADO (PI) 23 e 24 settembre 2010 La nozione di PUBBLICO UFFICIALE si ricava dall

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Le parlamentari di Fli e Pdl propongono di modificare le aggravanti dell'omicidio quando la violenza nasce da un atteggiamento discriminatorio".

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA Presso il Tribunale di Teramo

PROCURA DELLA REPUBBLICA Presso il Tribunale di Teramo Si presenta qui il Protocollo per l identificazione e l approccio alle possibili vittime di tratta elaborato congiuntamente dalla Procura di Teramo, dall Associazione On the Road, dall Ufficio Immigrazione

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

nome classe data la repubblica, la costituzione Quanti voti ha ricevuto la monarchia? Quanti la repubblica?...

nome classe data la repubblica, la costituzione Quanti voti ha ricevuto la monarchia? Quanti la repubblica?... Giugno 946, nasce la Repubblica Leggi il testo poi osserva la tabella con i dati del referendum e rispondi alle domande. Dopo la guerra era necessario creare uno Stato nuovo in cui venissero riconosciuti

Dettagli

Conversione in legge, con modificazioni, del Dl 14 settembre 2004, n. 241, recante disposizioni urgenti in materia di immigrazione

Conversione in legge, con modificazioni, del Dl 14 settembre 2004, n. 241, recante disposizioni urgenti in materia di immigrazione Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Legge 12 novembre 2004, n. 271 Gazzetta Ufficiale 13 novembre 2004, n. 267 Conversione in legge, con modificazioni, del Dl 14 settembre 2004, n. 241, recante disposizioni

Dettagli

L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat

L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat L'analisi del fenomeno della violenza attraverso le rilevazioni dell'istat Maria Giuseppina Muratore Pisa, 26 novembre 2013 Gli omicidi di donne: un quadro costante nel tempo Gli omicidi risultano in forte

Dettagli

La prevenzione e il contrasto dei reati ambientali. polizia municipale. Normativa, casi pratici, modulistica. Mar c o Ma s s a v e l l i

La prevenzione e il contrasto dei reati ambientali. polizia municipale. Normativa, casi pratici, modulistica. Mar c o Ma s s a v e l l i Mar c o Ma s s a v e l l i La prevenzione e il contrasto dei reati ambientali. Il ruolo della polizia municipale Normativa, casi pratici, modulistica Aggiornato con la Legge 22 maggio 2015, n. 68 Il testo

Dettagli

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni

Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi. Sintesi e Conclusioni Relazione Osservatorio sulla prostituzione e sui fenomeni delittuosi ad essa connessi Sintesi e Conclusioni Due le questioni emergenti su cui l Osservatorio si è soffermato: la condizione di sfruttamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Test d ipotesi. Statistica e biometria. D. Bertacchi. Test d ipotesi

Test d ipotesi. Statistica e biometria. D. Bertacchi. Test d ipotesi In molte situazioni una raccolta di dati (=esiti di esperimenti aleatori) viene fatta per prendere delle decisioni sulla base di quei dati. Ad esempio sperimentazioni su un nuovo farmaco per decidere se

Dettagli

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria Stampa Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria admin in A circa sei anni dalla introduzione della nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari e postali (d.lgs n. 507 del 30

Dettagli