INDICE RASSEGNA STAMPA PROTEZIONE CIVILE SAN DONÀ. Pagina I. Indice Rassegna Stampa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE RASSEGNA STAMPA PROTEZIONE CIVILE SAN DONÀ. Pagina I. Indice Rassegna Stampa"

Transcript

1

2 INDICE RASSEGNA STAMPA PROTEZIONE CIVILE Gazzettino Venezia 12/06/14 P. 18 Arriva la fanfara per l'inaugurazione della caserma 1 Gazzettino Venezia 12/06/14 P. 22 Allarme calda L'Asl coordina Comuni e i medici 2 SAN DONÀ Nuova Venezia 12/06/14 P. 33 Una ventina di malori per il caldo L'Asi 10 ha attivato il protocollo Giovanni Cagnassi 3 Indice Rassegna Stampa Pagina I

3 L Arriva la fanfara per l'inaugurazione della caserma MARTELLAGO - Estate di inaugurazioni per la Giunta Barbiero. Dopo quello, il 28 maggio scorso, della mensa scolastica delle elementari di Olmo, il prossimo, atteso taglio del nastro riguarda una delle più importanti opere pubbliche degli ultimi anni, la caserma dei carabinieri di via Roma, che è operativa da novembre ma che sarà ufficialmente inaugurata il 26 giugno con una cerimonia in pompa magna: per l'occasione arriverà da Milano anche la Fanfara dell'arma. A ruota, sarà inaugurata anche la nuova sede della Protezione civile, presso l'ecocentro di via Roviego, a Maerne. Costata 83mila euro, essa è costituita da una struttura prefabbricata in acciaio e su due piani assemblata dentro il presidente capannone dell'ecocentro. All'interno, la sala operativa, una sala riunioni, spogliatoi, bagni e docce e uno spazio di 200 metri quadrati per tutte le attrezzature del gruppo di protezione civile. Sempre in tema, è stato approvato il progetto definitivo dell'impianto ciclistico di via Trento che sarà realizzato entro l'anno: si tratta di un circuito lungo un chilometrom e largo 4 metri che sorgerà a sud dello stadio su aree acquisite dal Comune a seguito di accordi urbanistici, e che darà modo ai giovani atleti delle società locali, e in generale a tutti i cittadini, di praticare in sicurezza l'attività ciclistica. (n.der.) FANFARA La nuova caserma dei carabinieri di Martellago Protezione Civile Pagina 1

4 Allarme caldo L'Asl coordina Comuni e i medici PORTOGRUARO - Task force dell'asl per difendere gli anziani dal gran caldo. Con l 'arrivo delle alte temperature, l'azienda sanitaria ha attivato il "Protocollo per la prevenzione delle patologie da elevate temperature", che interessa tutti i venti comuni del Veneto Orientale. E tra le iniziative messe in atto c 'è proprio l'attivazione di una rete protezione e d'intervento che coinvolge vari servizi distrettuali (dall'assistenza domiciliare integrata ai servizi sociali), ospedalieri (dalle unità di emergenza ai reparti di degenza), e del Dipartimento di Prevenzione che ha iniziato a distribuire materiale informativo per l'utenza. Parallelamente è stata avviata la procedura per aggiornare gli elenchi delle cosiddette persone "fragili " in carico ai Servizi sociali comunali e ai medici di famiglia. Il protocollo prevede che ciascun Comune sia provvisto di un proprio "Piano d'intervento " concordato con i rispettivi servizi sociali, associazioni di volontariato, Protezione civile, allo scopo di raggiungere e monitorare anziani, diabetici, ipertesi e persone non autosufficienti nonché, in caso di bisogno, intervenire in stretta collaborazione con i servizi preposti dell'as110. In caso di allarme climatico il numero telefonico di riferimento per l'asl 10 è quello dell'ospedale di San Donà, allo E inoltre disponibile un numero verde istituito dalla Regione Veneto attivo nelle 24 ore, , con cui è possibile ottenere informazioni e consigli utili per sopperire al clima afoso di questo periodo. (f.cib.) riproduzione riservata F Stop alle rn ne.. Protezione Civile Pagina 2

5 Una ventina di malori per il caldo L'Ast 10 ha attivato il protocollo 1 casi sono stati registrati in questi giorni nei pronto soccorso di San Donà, lesolo e Portogruaro i consigli per combattere l'alta temperatura che dovrebbe comunque calare già nel weekend SAN DONA Afa e caldo torrido, iniziano i primi malori. Non solo sulle spiagge, non più affollate in questi giorni, almeno fino al weekend, ma anche in città dove la temperatura si è alzata all'improvviso. Già una ventina i casi di anziani e cardiopatici o soggetti a rischio che ieri si sono rivolti ai pronto soccorso di Jesolo, San Donà e Portogruaro. Non si tratta di casi gravi o da ricoveri, ma, come hanno spiegato i medici, di malesseri dovuti al caldo che hanno creato tensione nei soggetti e le loro famiglie subito rivolte al pronto soccorso. Ci sono, trai soggetti a rischio, anche bambini da 0 a 4 anni, diabetici, ipertesi, non autosufficienti, chi è sottoposto a trattamenti farmacologici, chi soffre di malattie venose o di patologie renali. L'As110 ha attivato per tutti il "Protocollo per la prevenzione delle patologie da elevate temperature" a cui aderiscono i 20 comuni che rientrano nel proprio ambito di competenza. Il protocollo prevede che ciascun Comune sia provvisto di un proprio "Piano d'intervento" con- Molti gli anziani che si sono rivolti al pronto soccorso, ma non ci sono stati ricoveri cordato con i rispettivi Servizi Sociali, associazioni locali di volontariato, protezione civile. Saranno così tenute sotto controllo le persone più deboli predisponendo tutti gli interventi di emergenza. Già avviata la procedura per aggiornare gli elenchi delle cosiddette persone "fragili" in carico ai servizi sociali comunali, ai medici di Medicina Generale. L'As110 ha inoltre attivato larete di protezione e d'intervento in presenza di allarme climatico, scattato proprio in questi giorni, che coinvolge vari servizi distrettuali: dall'assistenza domiciliare integrata ai servizi sociali, ospedalieri, dalle unità di emergenza ai reparti di degenza. Il dipartimento di prevenzione ha iniziato a distribuire materiale informativo per l'utenza. In caso di allarme climatico il numero telefonico di riferimento per l'asllo è quello dell'ospedale di San Donà ( ). È inoltre disponibile un numero verde istituito dalla Regione attivo nelle 24 ore, , per ottenere informazioni e consigli utili per affrontare il clima afoso di questo periodo. Il decalogo da seguire è quello che i medici dell'asl 10 hanno elaborato già nelle torride estate scorse. 1) Bere molti liquidi (un litro e mezzo - due litri di acqua al giorno); 2) stare in casa nelle ore calde (tra le 12 e le 17); 3) ventilare gli ambienti; 4) indossare abiti leggeri, di colore chiaro, non sintetici; 5) seguire una dieta bilanciata, caratterizzata da molta frutta e verdura; 6) usare cappelli e occhiali da sole; 7) non fare attività fisica nelle ore calde; 8) non bere alcol e limitare i caffè; 9) non sostare al sole e bagnarsi spesso; 10) non modificare le cure che si stanno seguendo. Agli anziani che non hanno il climatizzatore in casa si consiglia di frequentare i centri comunali nelle ore più calde. Già stasera la temperatura dovrebbe abbassarsi e l'emergenza caldo finire con le prime piogge a rinfrescare l'aria. Giovanni Cagnassi (,,,.enpou,dinuilnnv- a'riao lrlsl l01 auivart i5 P, San Donà Pagina 3

PREVENZIONE DELLA SALUTE DALLE ONDATE DI CALORE OPUSCOLO INFORMATIVO

PREVENZIONE DELLA SALUTE DALLE ONDATE DI CALORE OPUSCOLO INFORMATIVO PREVENZIONE DELLA SALUTE DALLE ONDATE DI CALORE ESTATE 2006 OPUSCOLO INFORMATIVO A cura del Dipartimento Regionale della Protezione Civile SERVIZIO RISCHI AMBIENTALI ED INDUSTRIALI serviziorischiambientali@protezionecivilesicilia.it

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Comunicato stampa n. 303 23 giugno 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA Prevenzione dei rischi per la salute derivanti dalle ondate di calore Attivo numero verde

Dettagli

Cooperativa Comunità e Servizio

Cooperativa Comunità e Servizio CENTRALINO TELEFONICO OPERATIVO 24 ORE SU 24 Cooperativa Comunità e Servizio Componendo questo numero saranno sensibilizzati i servizi competenti, a seconda delle necessità. ISTITUZIONI IMPEGNATE NEL PROGRAMMA

Dettagli

Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane A.S.L. Roma "C" Estate 2008

Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane A.S.L. Roma C Estate 2008 Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane A.S.L. Roma "C" Estate 2008 Il problema Le ondate di calore sono condizioni meteorologiche che si verificano

Dettagli

U.L.S.S. 16 di Padova

U.L.S.S. 16 di Padova Regione Veneto U.L.S.S. 16 di Padova Piano operativo per prevenire la mortalità da elevate temperature nella popolazione anziana nell estate estate 2010 1 Dati demografici all 1/1/2010 Popolazione residente

Dettagli

Colpo di calore: come affrontarlo

Colpo di calore: come affrontarlo Colpo di calore: come affrontarlo Con le ondate di calore aumenta il rischio di subire il colpo di calore, il collasso o il colpo di sole. Di cosa si tratta, come si prevengono? Perché anziani e bambini

Dettagli

ESTATE SICURA : COME VINCERE IL CALDO

ESTATE SICURA : COME VINCERE IL CALDO ESTATE SICURA : COME VINCERE IL CALDO La Struttura Complessa Sicurezza Alimentare e la Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica, afferenti al Dipartimento Prevenzione, allo scopo di fornire consigli

Dettagli

COSA FARE PER DIFENDERE LA NOSTRA SALUTE DAI RISCHI DELLE ONDATE DI CALORE

COSA FARE PER DIFENDERE LA NOSTRA SALUTE DAI RISCHI DELLE ONDATE DI CALORE COSA FARE PER DIFENDERE LA NOSTRA SALUTE DAI RISCHI DELLE ONDATE DI CALORE QUALCHE CONSIGLIO PERTUTTI vestitevi in modo leggero e comodo. Ideali gli abiti in cotone o lino. Evitate di uscire all aperto

Dettagli

Il problema. Il Piano Operativo Regionale e Aziendale

Il problema. Il Piano Operativo Regionale e Aziendale Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di c alore s u lla s alu te delle pers one anziane A. S. L. R oma " C " E s tate 2 0 0 7 Il problema Le ondate di calore sono condizioni meteorologiche

Dettagli

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 (15 MAGGIO- 30 SETTEMBRE) Premessa L Azienda USL di Bologna

Dettagli

Programma di contrasto agli effetti dannosi sulla salute delle ondate di calore in Friuli Venezia Giulia per l anno 2007.

Programma di contrasto agli effetti dannosi sulla salute delle ondate di calore in Friuli Venezia Giulia per l anno 2007. Programma di contrasto agli effetti dannosi sulla salute delle ondate di calore in Friuli Venezia Giulia per l anno 2007. Introduzione Le ondate di calore sono definite come la successione di almeno tre

Dettagli

ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio di ondate di calore. www.anpanacosenza.it

ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio di ondate di calore. www.anpanacosenza.it A.N.P.A.N.A. (Associazione Nazionale Protezione Animali Natura e Ambiente) Sezione Provinciale di Cosenza e COMUNE DI PAOLA PROVINCIA DI COSENZA presentano ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio

Dettagli

INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE PROTEZIONE CIVILE. Pagina I. Indice Rassegna Stampa

INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE PROTEZIONE CIVILE. Pagina I. Indice Rassegna Stampa INDICE RASSEGNA STAMPA AMBIENTE Gazzettino 18/11/14 P. 6 A rischio 6.600 comuni, in Friuli il 92% 1 PROTEZIONE CIVILE Gazzettino 18/11/14 P. 6 L'Italia è fragile, sono 6.600 i comuni a rischio 2 Gazzettino

Dettagli

Le attività di prevenzione nella Regione Sicilia

Le attività di prevenzione nella Regione Sicilia Le attività di prevenzione nella Regione Sicilia I piani di intervento e di assistenza alla popolazione nelle Città di Palermo e Catania. Estate 2007 S. Scondotto A. Marras Il Sistema Nazionale di Sorveglianza

Dettagli

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie 1 Descrizione dell Intervento Sulla base delle evidenze della letteratura è rilevante, ai fini dell

Dettagli

state in salute per vivere bene nel caldo estivo Conferenza dei Sindaci Azienda USL 1 Imperiese

state in salute per vivere bene nel caldo estivo Conferenza dei Sindaci Azienda USL 1 Imperiese e Regione Liguria Prefettura di Imperia Provincia di Imperia Un progetto per gli anziani, della provincia di Imperia Azienda USL 1 Imperiese Conferenza dei Sindaci con il patrocinio dell Amministrazione

Dettagli

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME.

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. www.regione.lombardia.it 10 REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. Ecco uno strumento utile per combattere il caldo estivo. Una serie

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 83 ATTENTI AL CALDO! Ciò che bisogna sapere per difendersi dai rischi delle ondate di calore

Bollettino Epidemiologico n. 83 ATTENTI AL CALDO! Ciò che bisogna sapere per difendersi dai rischi delle ondate di calore Dipartimento di Prevenzione E & P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 83 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - Tel. 0824-308 284-5-6-9 - Fax 0824-308302 - e-mail sep@aslbenevento1.it ATTENTI

Dettagli

REGIONE LAZIO Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane

REGIONE LAZIO Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane REGIONE LAZIO Programma per la Prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute delle persone anziane Progetto Aziendale A.S.L. Roma "C" Estate 2012 1 Indice 1. Il problema pag. 3 2. Il Piano

Dettagli

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere Ministero della Salute La salute dell anziano Vademecum per la promozione e il mantenimento del benessere Care amiche e cari amici, questo piccolo opuscolo racchiude alcuni semplici ma importanti consigli

Dettagli

TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL RELATORE ADOTTATO COME TESTO BASE

TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL RELATORE ADOTTATO COME TESTO BASE Disposizioni in materia di assistenza psichiatrica. C. 919 Marinello, C. 1423 Guzzanti, C. 1984 Barbieri, C. 2065 Ciccioli, C. 2831 Jannone, C. 2927 Picchi, C. 3038 Garagnani e C. 3421 Polledri. TESTO

Dettagli

Progetto Helios ESTATE SICURA. Come vincere il caldo 800.450.020. Consigli alla popolazione per affrontare le ondate di calore

Progetto Helios ESTATE SICURA. Come vincere il caldo 800.450.020. Consigli alla popolazione per affrontare le ondate di calore Progetto Helios ESTATE SICURA Come vincere il caldo 800.450.020 Consigli alla popolazione per affrontare le ondate di calore 2 Progetto Helios Il Dipartimento della Protezione Civile della Regione Marche,

Dettagli

Cos è un ondata di calore?

Cos è un ondata di calore? Cos è un ondata di calore? Il termine ondata di calore è entrato a far parte del vocabolario corrente per indicare un periodo prolungato di condizioni meteorologiche estreme, caratterizzato da temperature

Dettagli

3URYLQFLDGL%ULQGLVL 6HWWRUH3URWH]LRQH&LYLOH

3URYLQFLDGL%ULQGLVL 6HWWRUH3URWH]LRQH&LYLOH 3URYLQFLDGL%ULQGLVL 6HWWRUH3URWH]LRQH&LYLOH Il termine ondata di calore indica un periodo prolungato di condizioni meteorologiche estreme caratterizzate da elevate temperature ed in alcuni casi da alti

Dettagli

Rassegna Stampa. Venerdì 27 gennaio 2012

Rassegna Stampa. Venerdì 27 gennaio 2012 Rassegna Stampa Venerdì 27 gennaio 2012 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 27 gennaio

Dettagli

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente.

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Ecco una serie di consigli pratici per prevenire e affrontare i pericoli del caldo estivo. Questi consigli, validi

Dettagli

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia Comune di Imperia Comune di Sanremo Comune di Ventimiglia In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia *** E-state IN SALUTE! *** 1 di 5 Obiettivo generale Realizzazione

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Consigli alla popolazione per affrontare le ondate di calore ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Cos

Dettagli

Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza

Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza Pochi e semplici consigli per un estate in salute per la futura mamma ed il suo bambino sapere che... In estate, il caldo può nuocere alla mamma che non

Dettagli

Sorveglianza Eventi Avversi fra gli ospiti dei RSA e Residenze Alzheimer del Lazio nell estate 2006

Sorveglianza Eventi Avversi fra gli ospiti dei RSA e Residenze Alzheimer del Lazio nell estate 2006 LazioSanità Agenzia Sanità Pubblica Sorveglianza Eventi Avversi fra gli ospiti dei RSA e Residenze Alzheimer del Lazio nell estate 2006 Domenico Di Lallo La prevenzione degli effetti sulla salute delle

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DI PREVENZIONE CALDO INFORMAZIONI PER LA POPOLAZIONE 1 PREVENZIONE CALDO: INFORMAZIONI PER LA POPOLAZIONE Sommario Condizioni climatiche e rischio per la salute: il piano di

Dettagli

3. Quali sono le ore della giornata in cui è opportuno ridurre l esposizione all aria aperta durante le ondate di calore?

3. Quali sono le ore della giornata in cui è opportuno ridurre l esposizione all aria aperta durante le ondate di calore? FAQ - Emergenza caldo 1. Quando il caldo comporta un rischio per la salute? Il caldo comporta un rischio per la salute quando si registrano temperature elevate, al di sopra dei valori usuali, per almeno

Dettagli

Il ruolo e le potenzialità della Teleassistenza Il Gruppo Televita

Il ruolo e le potenzialità della Teleassistenza Il Gruppo Televita Il ruolo e le potenzialità della Teleassistenza Il Gruppo Televita al fianco di Enti e Istituzioni Gruppo Televita_MISSION E OBIETTIVI Il Gruppo si compone di due società: Televita s.p.a. e Tesan-Televita

Dettagli

di Gianni Poli in collaborazione con Stefano Nobili, medico di medicina generale

di Gianni Poli in collaborazione con Stefano Nobili, medico di medicina generale Approfondimento Le insidie del caldo Disagi di poco conto (crampi) e di maggiore entità (collassi e colpi di calore) si accompagnano alle temperature elevate e all umidità estiva. Si possono prevenire

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

Rassegna Stampa. Sabato 23 febbraio 2013

Rassegna Stampa. Sabato 23 febbraio 2013 Rassegna Stampa Sabato 23 febbraio 2013 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 23 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.)

REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) COMUNE DI SOSPIROLO Provincia di Belluno REGOLAMENTO del SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) In vigore dal 01.07.2008. Pagina 1 di 6 Approvato con delibera C. C. 16/2008 Art. 1 UTENZA Il SAD è rivolto

Dettagli

Regione Siciliana E S T A T E. AUSL 6 Palermo. che caldo fa... ecco cosa fare

Regione Siciliana E S T A T E. AUSL 6 Palermo. che caldo fa... ecco cosa fare Regione Siciliana E S T A T E 2 0 0 8 AUSL 6 Palermo che caldo fa... ecco cosa fare Ecco una serie di consigli pratici per prevenire e affrontare i pericoli del caldo estivo. Questi consigli, validi per

Dettagli

Regione Siciliana. AUSL 6 Palermo. ma che caldo fa... ecco cosa fare

Regione Siciliana. AUSL 6 Palermo. ma che caldo fa... ecco cosa fare Regione Siciliana AUSL 6 Palermo ma che caldo fa... ecco cosa fare Ecco una serie di consigli pratici per prevenire e affrontare i pericoli del caldo estivo. Questi consigli, validi per tutti, sono rivolti

Dettagli

Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute

Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Dipartimento della Protezione Civile - DPC Centro di Competenza Nazionale di Prevenzione degli Effetti del Caldo

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO

UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO I.P. UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO QUESTO OPUSCOLO È STATO REALIZZATO PER FORNIRE UTILI CONSIGLI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI. FAVORISCI LA SUA DIFFUSIONE TRA LE FASCE DI POPOLAZIONE IN ETÀ PIÙ AVANZATA. GRAZIE.

Dettagli

Sistemi di Raffrescamento

Sistemi di Raffrescamento Sistemi di Raffrescamento GRUPPO Un ambiente di lavoro fresco è più produttivo Il calore di una giornata estiva può trasformare velocemente la vostra azienda in un ambiente di lavoro afoso, insopportabile

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA REGIONE DEL VENETO AZIENDA SOCIO SANITARIA LOCALE N. 10 VENETO ORIENTALE www.assl10.veneto.it SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA In caso di emergenza chiamare il 118 Per garantire vacanze

Dettagli

Arrivederci! 1 Unità 11 Moda per ogni stagione

Arrivederci! 1 Unità 11 Moda per ogni stagione Parliamo di moda! Indicazioni per l insegnante Obiettivi didattici parlare di moda e di vestiti dire cosa piace e cosa non piace concordanza degli aggettivi di colori con i nomi i verbi riflessivi al passato

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO 2. EMERGENZA SANITARIA 3. ALLAGAMENTO 4. TERREMOTO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE (per qualsiasi tipo di emergenza, come

Dettagli

Responsabile - Direttore Area di Coordinamento Assistenza Anziani

Responsabile - Direttore Area di Coordinamento Assistenza Anziani INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marro Anna Data di nascita 04/03/1957 Qualifica Dirigente medico II livello Amministrazione ASL AVELLINO (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Responsabile

Dettagli

ASL DELLA PROVINCIA DI BRESCIA FATTORI CLIMATICI E TUTELA DELLA POPOLAZIONE ANZIANA: PIANO DEGLI INTERVENTI PER L ANNO 2008

ASL DELLA PROVINCIA DI BRESCIA FATTORI CLIMATICI E TUTELA DELLA POPOLAZIONE ANZIANA: PIANO DEGLI INTERVENTI PER L ANNO 2008 All. A alla deliberazione n. 298 del 27.05.2008 composto da n. 16 pag. ASL DELLA PROVINCIA DI BRESCIA FATTORI CLIMATICI E TUTELA DELLA POPOLAZIONE ANZIANA: PIANO DEGLI INTERVENTI PER L ANNO 2008 Maggio

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

LAVORO D ESTATE IN CONDIZIONI DI TEMPERATURA ELEVATA IL RISCHIO DI COLPO DA CALORE. Documento a cura del Coordinamento Provinciale SPISAL di Padova

LAVORO D ESTATE IN CONDIZIONI DI TEMPERATURA ELEVATA IL RISCHIO DI COLPO DA CALORE. Documento a cura del Coordinamento Provinciale SPISAL di Padova LAVORO D ESTATE IN CONDIZIONI DI TEMPERATURA ELEVATA IL RISCHIO DI COLPO DA CALORE Documento a cura del Coordinamento Provinciale SPISAL di Padova Il rischio da calore è un emergenza estiva ma non è un

Dettagli

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE IL SISTEMA SANITARIO: un sistema adattativo complesso Un sistema complesso adattativo è un insieme di agenti individuali che hanno libertà di agire in modi non sempre

Dettagli

IDRATAZIONE. Indicazioni operative e sensibilizzazione di chi assiste quotidianamente

IDRATAZIONE. Indicazioni operative e sensibilizzazione di chi assiste quotidianamente IDRATAZIONE Indicazioni operative e sensibilizzazione di chi assiste quotidianamente 1 Obiettivo idratazione importante che la persona assuma almeno 1,5-2 litri di acqua/liquidi al dì Nei periodi di caldo

Dettagli

Le iniziative del Ministero della Salute

Le iniziative del Ministero della Salute Ondate di calore e impatto sulla salute Interventi di monitoraggio e prevenzione Le iniziative del Ministero della Salute Annamaria de Martino Direzione Generale Prevenzione Sanitaria, Roma Ondate di calore

Dettagli

DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE ESTIVO

DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE ESTIVO Pag. 1/10 PIANO PER LA GESTIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE ESTIVO Un piano a favore delle Persone con età 75 anni di età, residenti nel Comune di Ferrara, per superare i disagi legati all eccessivo

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE FASI

PIANO DI EVACUAZIONE FASI PIANO DI EVACUAZIONE Lo scopo principale del piano di evacuazione è quello di attivare comportamenti corretti di autodifesa singoli e collettivi in caso di emergenza a scuola e nel territorio, contribuendo

Dettagli

PROCEDURA. Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA DURANTE LE EMERGENZE

PROCEDURA. Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA DURANTE LE EMERGENZE Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile Stesura Bozza: Maggio 2001 (Gruppo di Lavoro S. Rocco + CRI di Lodi) 1 Verifica: 13 Ottobre 2001 PROCEDURA GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI

Dettagli

Progetto Emergenza Caldo Anziani Edizione 2005 PROTOCOLLO OPERATIVO N.Verde 800-008300

Progetto Emergenza Caldo Anziani Edizione 2005 PROTOCOLLO OPERATIVO N.Verde 800-008300 Servizio Programmazione ASSI Ufficio Anziani ASL3 Monza Progetto Emergenza Caldo Anziani Edizione 2005 PROTOCOLLO OPERATIVO N.Verde 800-008300 dal 15 giugno al 15 settembre 1 Obiettivi e linee d'azione

Dettagli

S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Pronto Soccorso svolge la sua attività al piano terra dell Ospedale San Bassiano, a sinistra della

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA

INTRODUZIONE AL TEMA Il condizionamento dell aria nelle abitazioni di prestigio, negli uffici e negli spazi commerciali INTRODUZIONE AL TEMA Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino marco.filippi@polito.it

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

2.1.2 Servizi sociali

2.1.2 Servizi sociali 2.1.2 Servizi sociali Roma Capitale, nell ambito delle proprie competenze, assicura alle persone e alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali con livelli quantitativi e qualitativi

Dettagli

Epap. Ente di previdenza e assistenza pluricategoriale. Rassegna stampa del 7 settembre 2010 TESTATA TITOLO PAGINA

Epap. Ente di previdenza e assistenza pluricategoriale. Rassegna stampa del 7 settembre 2010 TESTATA TITOLO PAGINA Epap Ente di previdenza e assistenza pluricategoriale Rassegna stampa del 7 settembre 2010 TESTATA TITOLO PAGINA Il Sole 24 Ore Italia Oggi Dalle polizze ai mutui, si allarga l'attività sociale Pensioni,

Dettagli

9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica

9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica 9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 14 marzo 2014 Ridurre i ricoveri inappropriati: l'integrazione tra emergenza-urgenza e assistenza

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PIANO DI ZONA DEI SERVIZI ALLA PERSONA 2003-2005 progetto: SOSTEGNO A MINORI AFFETTI DA PATOLOGIE GRAVI O TERMINALI E ALLE LORO FAMIGLIE Referente: dott.ssa Anna Dalla Colletta PROTOCOLLO OPERATIVO Premessa

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 agosto 2006, n. 580. Approvazione accordo integrativo regionale dei medici di medicina generale

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 agosto 2006, n. 580. Approvazione accordo integrativo regionale dei medici di medicina generale 16-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - PartiIeII-n.17 20295 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 agosto 2006, n. 580 Approvazione accordo integrativo regionale dei medici di medicina

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE PIANO OPERATIVO NAZIONALE PER LA PREVENZIONE DEGLI EFFETTI DEL CALDO SULLA SALUTE PROGRAMMA

Dettagli

Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati. Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi

Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati. Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi Organizzazione della rete Pronto Soccorso 46 di cui 4 in ospedali privati accreditati Punti di Primo Intervento 10 di cui 2 stagionali estivi Organizzazione della rete PRONTO SOCCORSO PUNTO DI PRIMO INTERVENTO

Dettagli

Ministero della Salute. Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011

Ministero della Salute. Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011 Ministero della Salute Programma Nazionale per la prevenzione degli effetti sulla salute da ondate di calore - Estate 2011 Premessa Per ondata di calore si intende una condizione meteorologica che persiste

Dettagli

ABRUZZO PESCARA PESCARA Comune di Pescara 085/61899 lun-dom dalle ore 8.00 alle ore 24.00 compreso festivi

ABRUZZO PESCARA PESCARA Comune di Pescara 085/61899 lun-dom dalle ore 8.00 alle ore 24.00 compreso festivi Numeri dedicati all'emegenza caldo attivati a livello locale. Estate Regione Provincia Comune Tipo ente Numeri utili Orario ABRUZZO PESCARA PESCARA Comune di Pescara 085/61899 lun-dom dalle ore 8.00 alle

Dettagli

Le conclusioni. Annamaria de Martino

Le conclusioni. Annamaria de Martino Corso Formazione La vulnerabilità della salute ai determinanti ambientali e climatici: rischi sanitari emergenti e strategie di adattamento CNEPS-ISS Ministero della Salute Roma 17-18 giugno2014 Le conclusioni

Dettagli

Il progetto CCM Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute

Il progetto CCM Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute Il progetto CCM Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute Francesca de Donato Dipartimento di Epidemiologia SSR Lazio\ASLRME Centro di Competenza DPC Roma, 17 dicembre

Dettagli

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente.

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Ecco una serie di consigli pratici per prevenire e affrontare i pericoli del caldo estivo. Questi consigli, validi

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

Quali disturbi provoca la disidratazione? I sintomi principali sono:

Quali disturbi provoca la disidratazione? I sintomi principali sono: Assistenza - Telesoccorso - Telemedicina Comune di Pescara Assessorato Politiche Sociali Assistenza Socio Sanitaria Onlus www.asso-onlus.it - asso@asso-onlus.it Estate 2001 Ondate di calore www.asso-onlus.it/linea_solidale_2011.htm

Dettagli

PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE ESTATE 2007

PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA ASSESSORATO ALLA SANITA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI ASSESSORATO ALL AMBIENTE PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria

Dettagli

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Valutazione del rischio Alcol dipendenza Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio, 2-00027 Roviano (RM)- info@euservice.it 81@euservice.it www.euservice.it

Dettagli

6. Che cosa indica questo pannello? a) un eventuale pericolo b) una via di evacuazione c) del materiale antincendio d) la direzione dei bagni

6. Che cosa indica questo pannello? a) un eventuale pericolo b) una via di evacuazione c) del materiale antincendio d) la direzione dei bagni 1. Il permesso di lavoro è un documento: a) che deve favorire la consultazione tra tutte le parti che hanno a che fare con il lavoro b) in cui sono stipolate le condizioni del lavoro c) che dà il permesso

Dettagli

CIRCOLARE ONDATE DI CALORE 2014

CIRCOLARE ONDATE DI CALORE 2014 )rulatet& Rl*;iONE CALABRIA CIRCOLARE ONDATE DI CALORE 2014 AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI COSENZA 372790 Prot 0137279 del 01/07/2014 Tltolo/Classe/Soltocl. 1 2 1 Direttore Sanitario Direttori Distretti

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DON ANGELI REGOLAMENTO LABORATORIO INFORMATICO SECONDARIA MICHELANGELO Parte prima Accesso al laboratorio 1.

ISTITUTO COMPRENSIVO DON ANGELI REGOLAMENTO LABORATORIO INFORMATICO SECONDARIA MICHELANGELO Parte prima Accesso al laboratorio 1. ISTITUTO COMPRENSIVO DON ANGELI REGOLAMENTO LABORATORIO INFORMATICO SECONDARIA MICHELANGELO Parte prima Accesso al laboratorio 1. L accesso al laboratorio e l uso delle attrezzature multimediali è riservato

Dettagli

Udine, 30 ottobre 2015

Udine, 30 ottobre 2015 Udine, 30 ottobre 2015 2 CONVEGNO INTERREGIONALE CARD La Prevenzione nel distretto DIREZIONI TECNICHE REGIONALI: Stato dell arte nelle Regioni del Triveneto, della realizzazione delle leggi di riforma

Dettagli

Somalia - Italia. 2. Collaborazioni Unicef, Unhcr, Unfpa, GECPD (Galkayo Education Center for Peace and Development) 3. Fonti di finanziamento

Somalia - Italia. 2. Collaborazioni Unicef, Unhcr, Unfpa, GECPD (Galkayo Education Center for Peace and Development) 3. Fonti di finanziamento BILANCIO DI MISSIONE 2012 1.Attività Tipologie Progetti nei PVS Paesi: Formazione nei PVS Informazione Sanità Sanità- sociosanitaria Sanità Somalia - Italia 2. Collaborazioni Unicef, Unhcr, Unfpa, GECPD

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI L.T.E.

PROGRAMMAZIONE DI L.T.E. PROGRAMMAZIONE DI L.T.E. (LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI ) CLASSE II Note: - le classi prime, durante l'anno scolastico, svolgeranno, a rotazione, le lezioni nei laboratori e con i docenti specifici

Dettagli

CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO

CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO Gruppo di Lavoro Federsanità ANCI Veneto e Friuli Venezia Giulia Salute e Welfare a Nordest Udine, Fondazione CRUP- 23 febbraio 2009 Dott. Daniele

Dettagli

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Urbanistica, enti locali e personale CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA SETTEMBRE 2010 Dipartimento Urbanistica e ambiente Servizio Urbanistica e tutela

Dettagli

Unità Operativa Disabilità Età Adulta

Unità Operativa Disabilità Età Adulta Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Unità Operativa Disabilità Età Adulta 1 INDICE CAPITOLO pg 1. Introduzione 3 2. Gli obiettivi di fondo della Carta dei servizi 3

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando 1 Le correnti e le maree Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze Prof. Neri Rolando Le correnti marine Le correnti marine sono spostamenti orizzontali di ingenti masse di acqua che seguono direzioni

Dettagli

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola

Informazioni sulla sicurezza nella Scuola Istituto di Istruzione Superiore Cavour Marconi Pascal Sede centrale: loc. Piscille, Via Assisana 40/d 06154 - PERUGIA Tel. 0755838322 Fax 07532371 Sede coordinata loc. Olmo, Via Trasimeno Ovest PG Tel.

Dettagli

IL SOLARE TERMICO LA PRIMA FONTE DI ENERGIA: IL SOLE

IL SOLARE TERMICO LA PRIMA FONTE DI ENERGIA: IL SOLE IL SOLARE TERMICO L Italia è una delle nazioni Europee con le caratteristiche climatiche più favorevoli all utilizzazione della radiazione solare per usi energetici. Il valore di insolazione compreso tra

Dettagli

AUTONOMIA A DOMICILIO

AUTONOMIA A DOMICILIO AUTONOMIA A DOMICILIO Soluzioni per l assistenza, la sicurezza e il comfort. AUTONOMIA A DOMICILIO Una questione sociale ed economica IL 24% della popolazione avrà più di 65 anni nel 2030 L 8% della popolazione

Dettagli

LA DIMISSIONE OSPEDALIERA PROTETTA DEL PAZIENTE "FRAGILE"

LA DIMISSIONE OSPEDALIERA PROTETTA DEL PAZIENTE FRAGILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS n. 10 Veneto Orientale LA DIMISSIONE OSPEDALIERA PROTETTA DEL PAZIENTE "FRAGILE" PREMESSE E sempre più frequente la difficoltà di dimettere dall Ospedale tempestivamente

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DI VERONA 1 SERVIZIO AUTONOMO DI PSICHIATRIA Direttore: prof.

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DI VERONA 1 SERVIZIO AUTONOMO DI PSICHIATRIA Direttore: prof. AUTONOMO DI PSICHIATRIA Servizio Psichiatrico Ospedale Civile Maggiore Piazzale Stefani n. 3726 Verona Segreteria: tel. 045-82 27 99 fax: 045-82 32 99 E-mail: psichiatrico@ulss20.verona.it Direttore: Prof.

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

guida all idratazione

guida all idratazione guida all idratazione Idratazione senza mani dal 1989 2 > Contenuto La nostra storia.................................... 03 Prestazioni al limite............................. 04-07 Studi riguardanti gli

Dettagli