CIRCOLARE N. 41 DOCENTI/STUDENTI/ATA del 28/10/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIRCOLARE N. 41 DOCENTI/STUDENTI/ATA del 28/10/2014"

Transcript

1 Istituto Tecnico Economico Statale Rosa Luxemburg Corso Caio Plinio Torino Tel Fax codice fiscale CIRCOLARE N. 41 DOCENTI/STUDENTI/ATA del 28/10/2014 Oggetto: Piano di emergenza a.s. 2014/2015. Con la presente circolare si trasmette a tutto il personale, agli studenti, ai genitori e alle persone in visita tramite affissione all albo e pubblicazione all albo online il Piano di emergenza per il corrente anno scolastico. Si ricorda che l elaborazione del Piano di emergenza contenente istruzioni particolareggiate, la sua consegna a tutta la popolazione scolastica e a quanti altri operano in Istituto, e la sua attuazione nelle situazioni di emergenza e nelle prove di evacuazione, non sono semplici adempimenti di norme di legge, per quanto doverosi, ma atti importanti della formazione alla sicurezza. Il presente piano di emergenza si configura per gli studenti, per il personale docente e ATA come ordine di servizio a cui tutti si devono attenere. Di esso viene data comunicazione mediante: - l affissione all albo dell Istituto cartaceo e online sul sito d istituto; - la collocazione di una copia nel raccoglitore delle circolari in Sala Docenti; - la collocazione di una copia negli uffici; - la collocazione di una copia al centralino; - la collocazione di una copia nel bar d Istituto; - la consegna di una copia a chi svolge i particolari compiti previsti nel Piano in qualità di Addetto al servizio di prevenzione e protezione (Proff. Gallo e Bennardo), Addetto all emergenza antincendio (Proff. Gallo, Sigg. Falotico, Faustinelli, Santacroce), Addetto al Primo soccorso (Proff. Adami e Gallo, Sigg. De Nicolo, Falotico, Faustinelli, Gennero, Granata, Santacroce); Rappresentante del lavoratori per la sicurezza (Sig. Soncin); DSGA in quanto preposto (Dott.ssa Ricaldone o in sua assenza sig.ra De Nicolo o in subordine sig.ra Gennero); - la consegna di un estratto del Piano ai docenti e al personale ATA che essendo in servizio in questo Istituto dal 1 settembre u.s. non ne hanno ricevuto copia nel precedente anno scolastico; - la consegna di un estratto del Piano da affiggere nelle aule, nei laboratori e nelle palestre. Ai Docenti, soprattutto al Coordinatore di classe, si comunica che la consegna dell estratto del Piano è finalizzata all informazione degli studenti, e quindi è opportuno illustrarlo e controllare periodicamente che resti affisso nelle aule, nei laboratori e nelle palestre. Si confida nell impegno di tutto il personale docente e ATA, fondamentale perché la cultura della sicurezza possa essere alimentata quotidianamente e diffondersi in modo capillare tra le giovani generazioni. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Maria Vittoria Bossolasco firma autografa sostituita a mezzo stampa, ex art. 3, co. 2, D.lgs. 39/93

2 L elaborazione del piano di emergenza, la consegna di istruzioni particolareggiate a tutta la popolazione scolastica e a quanti altri operano nell Istituto e l attuazione del piano nelle situazioni di emergenza e nelle prove di evacuazione non sono semplici adempimenti di norme di legge, per quanto doverosi, ma atti importanti della formazione alla sicurezza. L attuazione del piano nelle situazioni di emergenza e nelle prove di evacuazione consiste nello sfollamento veloce e ordinato di tutte le persone verso un luogo sicuro e nel loro conteggio. La partecipazione consapevole e seria alle esercitazioni di evacuazione, coerentemente alle istruzioni ricevute, è un momento fondamentale della prevenzione, indispensabile per una buona gestione delle emergenze. Coloro che durante le prove, per qualsiasi motivo, dimostrino di non aver imparato ad osservare le istruzioni ricevute, vanificano lo scopo del piano ed in occasione delle situazioni di emergenza, con il loro comportamento possono mettere a repentaglio la propria e altrui vita. Si rammenta infatti che in caso di reale emergenza se qualcuno risultasse erroneamente disperso, i Soccorritori dovrebbero rientrare nell Istituto per la ricerca, esponendosi indebitamente a gravi rischi. Il presente Piano di emergenza, si configura per gli studenti, il personale docente e ATA come ordine di servizio a cui tutti si devono attenere. Di esso viene data comunicazione mediante la collocazione di una copia nel fascicolo delle circolari e con l affissione all albo dell Istituto e all albo online sul sito d istituto. Copia viene infine consegnata ai Docenti coordinatori di classe e a chi svolge i particolari compiti ivi previsti (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, Medico competente, Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione). Solo chi ha mansioni specifiche, assegnate dalle procedure interne per i casi di emergenza, ha il compito di partecipare attivamente agli interventi. Pertanto, tutte le persone non direttamente coinvolte nelle operazioni di emergenza, dovranno attenersi alle disposizioni di carattere generale 1

3 qui di seguito elencate e a quelle particolari che verranno eventualmente impartite in relazione alle caratteristiche delle situazioni che si manifestassero. All'emissione del segnale d'allarme, costituito dal suono delle apposite sirene collocate ai piani, si deve procedere all evacuazione dall Istituto con queste modalità: 1) sospendere immediatamente l attività in corso; 2) abbandonare l aula (o il laboratorio o l ufficio) lasciando gli oggetti personali dove si trovano; 3) mantenere un comportamento calmo ed ordinato, recandosi all uscita di sicurezza più vicina, utilizzando esclusivamente i percorsi di fuga prestabiliti (indicati dalle apposite segnalazioni) fino al raggiungimento dei luoghi di raccolta che sono: 1 = lo spazio antistante l'ingresso principale; 2 = il cortile interno dell'istituto; 4) prima di abbandonare l aula, i docenti prendono il registro di classe, si accertano che non sia rimasto qualcuno nel locale e, successivamente, si mettono a capo della fila degli allievi della propria classe guidando l evacuazione. La fila è chiusa dallo studente che ne ha l incarico o dal suo sostituto, come indicato nel prospetto affisso sulla porta della classe. Chiunque si trovasse in locali comuni (sala professori, corridoi, bar ecc.) e quindi fuori dalla propria aula o dal proprio ufficio, deve recarsi immediatamente al luogo di raccolta assegnato alla propria classe o al proprio ufficio (cioè lo spazio antistante l ingresso principale oppure il cortile interno dell Istituto) e far prendere nota della propria presenza; una volta raggiunto il luogo di raccolta previsto è necessario restare uniti, in modo da facilitare l appello che verrà effettuato dai docenti sulla scorta dei dati presenti nel Registro di classe (allievi ed insegnanti radunati con la propria classe, personale di segreteria, eventuali ospiti). Il risultato dell appello sarà riportato sul modulo d evacuazione collocato al fondo del registro unitamente ai nominativi di coloro che mancano, di coloro che si sono feriti e di coloro che, pur non appartenendo alla classe, si sono uniti ad essa nell evacuazione. Detto modulo sarà staccato dal registro e, a cura del docente, consegnato al Coordinatore dell emergenza che stazionerà sulle scale dell ingresso principale. Una volta effettuate le operazioni suddette, gli insegnanti attenderanno istruzioni; 5) lasciare il luogo di raccolta solo se il Coordinatore dell emergenza ha dato l ordine di farlo; 6) non recarsi per nessun motivo negli spogliatoi o in sala insegnanti e comunque non muoversi in controcorrente per recuperare oggetti personali ritenuti indispensabili; 2

4 7) chiunque si trovi in compagnia di personale esterno, è tenuto ad accompagnarlo durante l evacuazione ad uno dei due punti di raccolta, facendo prendere nota della presenza sul modulo d evacuazione di una qualsiasi classe. SI RICORDA A TUTTI CHE DURANTE L EMERGENZA È ASSOLUTAMENTE VIETATO USARE L ASCENSORE Il personale docente o ATA che si accorga della presenza di fumo o di fiamme all interno di un locale o nel corridoio, fa prima di tutto allontanare gli studenti dal luogo in questione, dà immediatamente l allarme incendio schiacciando l apposito pulsante che attiva le sirene poste al piano e mette in moto la procedura d evacuazione delle classi ivi collocate. Subito dopo, tramite il telefono presente ai piani, informa il centralino (n. interno 100) di quanto sta avvenendo fornendo, per quanto possibile, elementi utili alla valutazione del pericolo ed in particolare: se ci sono scintille, fiamme, odore di bruciato o fumo; l entità del fenomeno e il luogo in cui questo è presente (aula, corridoio, laboratorio, servizi igienici, tromba dell ascensore, ecc.); il piano e l edificio coinvolti; se e quali classi sono evacuate; se nei locali ci sono persone bloccate o ferite. Qualora per qualsiasi motivo non sia possibile chiamare il centralino, o la Presidenza (n. interno 101) o la vice-presidenza (n. interno 102) avvisa direttamente i Vigili del Fuoco (n. esterno 115) tramite un telefono abilitato alla comunicazione esterna oppure un telefono cellulare (proprio o altrui) informando l operatore che risponde di quanto sta avvenendo e dell impossibilità di contattare il proprio centralino. Una volta avvisati i Vigili del Fuoco, riprova a contattare il centralino della scuola (n. interno 100). Il collaboratore scolastico in servizio al centralino, acquisite le prime informazioni sulla natura e l intensità del pericolo, tramite il telefono o il microfono per l emergenza informa immediatamente: A. il Coordinatore dell emergenza, cioè il Dirigente scolastico (n. interno 101) [o, in sua assenza e in ordine di priorità: il Vice-preside prof. Gallo (n. interno 102); la collaboratrice della Presidenza (n. interno 102) prof.ssa Campisi; il D.S.G.A. dott.sa Ricaldones (n. interno 103); la sua sostituta sig.ra De Nicolo (n. interno 105)], affinché scenda immediatamente al centralino per coordinare l emergenza e dare le disposizioni necessarie; 3

5 B. gli Addetti antincendio (mediante il microfono per l emergenza), affinché, dopo aver indossato i Dispositivi di Protezione Individuali (conservati nello spogliatoio situato nel retro del locale infermeria), raggiungano il punto in cui si è sviluppato l incendio; C. gli Addetti al primo soccorso (mediante il microfono d emergenza), affinché si rechino sollecitamente al centralino per essere pronti a prestare la loro opera in caso di necessità. Il Coordinatore dell emergenza, valutata la situazione, ordina al collaboratore scolastico in servizio al centralino di: 1) diffondere l ordine di evacuazione totale mediante l azionamento dell apposito pulsante che attiva le sirene ai piani, accompagnato dall invito, rivolto tramite il microfono per le emergenze, ad abbandonare immediatamente l edificio (invito ripetuto almeno tre volte); 2) chiamare i Mezzi di soccorso (Vigili del Fuoco = n. esterno 115; Ambulanza = n. esterno 118; Polizia = n. esterno 113); 3) interrompere l erogazione dell energia elettrica. Subito dopo, il Coordinatore dell emergenza prende con sé le planimetrie dell Istituto e la cartellina con i prospetti riassuntivi delle classi e degli incarichi assegnati agli studenti, sovrintende allo sfollamento dell edificio e raccoglie le schede su cui sono stati riportati i dati relativi all evacuazione delle singole classi. Tali schede (di cui si allega fac-simile), compilate e consegnate al Coordinatore dell emergenza a cura degli insegnanti, serviranno per dare le informazioni necessarie alla ricerca dei dispersi e per la cura feriti, rispettivamente, al Responsabile dei Vigili del Fuoco e al Responsabile dei soccorsi sanitari. All arrivo di questi ultimi, il Coordinatore dell emergenza si mette a disposizione fornendo tutte le informazioni necessarie e dando la massima collaborazione. Qualora la presenza di fumo o di fiamme all interno di un locale o nel corridoio sia notata da un allievo, questi avverte immediatamente un insegnante o un membro del personale ATA che provvederà ad attivare la procedura sopra descritta. Si ricorda che l uso degli idranti e degli estintori è consentito esclusivamente al personale che ha seguito i prescritti corsi di formazione e, in particolare, agli Addetti antincendio. 4

6 La stessa procedura prevista in caso d incendio deve essere attivata in caso di fuga di gas, con l accortezza di provvedere, da parte del personale che la rileva, ad aprire le finestre del locale interessato (se ciò è possibile). In ogni caso non si dovrà mai dar luogo all accensione delle luci o utilizzare strumenti che emettano scintille. Prima di tutto cercare riparo all interno di una porta ricavata in un muro portante o sotto i banchi, poiché restando al centro della stanza si può essere feriti dalla caduta di vetri, intonaco o altri oggetti. Evitare di precipitarsi fuori per le scale: sono la parte più debole dell edificio. In ogni caso è vietato usare l ascensore. Alla fine della scossa procedere all evacuazione secondo la procedura su esposta, prestando attenzione ai materiali che ingombrano il pavimento. Una volta all esterno non restare in prossimità dei muri perimetrali dell edificio, in quanto si potrebbe essere colpiti da vasi, tegole, cornicioni ed altri materiali che cadono, ma raggiungere in maniera sollecita i punti di raccolta prestabiliti (n. 1 = spazio antistante l ingresso principale; n. 2 = il cortile interno dell Istituto) e procedere come per l evacuazione in caso d incendio. L insegnante presente in aula, una volta che sia stata avviata la procedura di evacuazione con il suono della sirena: 1) interrompe qualsiasi attività in corso, compiti in classe compresi; 2) prende con sé il registro di classe al fondo del quale è contenuto il modulo di evacuazione da utilizzare, non appena raggiunto il luogo di raccolta, per la segnalazione delle persone sfollate; 3) ordina agli allievi di abbandonare immediatamente ma con calma l aula senza portare con sé nulla, iniziando dalla fila più vicina alla porta; 4) cura che gli studenti si dispongano in fila, rispettando gli incarichi loro assegnati (apri-fila, chiudi-fila e aiuto-disabili); 5) si avvia verso la porta di uscita dall aula (laboratorio, palestra), dopo aver verificato che le finestre siano chiuse e il locale sia vuoto; 5

7 6) coordina le fasi dell evacuazione: assumendo la guida della sua classe si pone alla testa degli allievi, raggiunge con calma la via di fuga prevista dal piano d emergenza seguendo il percorso indicato dall apposita segnaletica verso l uscita più vicina fino ad arrivare, una volta giunti al fondo della scale di sicurezza, nel punto di raccolta esterno prestabilito per la propria classe (1 = lo spazio antistante l ingresso principale o 2 = il cortile interno dell Istituto in zona lontana dagli alberi); 7) raggiunto il punto di raccolta fa subito l appello dei propri studenti e compila il modulo di evacuazione (riportato al fondo del registro di classe) segnalando su di esso gli studenti presenti, evacuati, dispersi e feriti, nonché le altre persone che si siano eventualmente aggregate lungo il percorso. Il modulo deve essere tempestivamente consegnato al Coordinatore dell emergenza come su individuato. I docenti provvedono inoltre a tranquillizzare eventuali studenti allarmati o in preda a panico. Si ricorda che le classi devono rispettare la precedenza di evacuazione: escono per prime le classi più prossime all uscita di sicurezza. Nel caso in cui l ordine di evacuazione raggiunga una classe che si trova nel laboratorio di chimica, il docente provvede a chiudere la leva dell alimentazione del gas e a mettere in sicurezza, negli appositi armadi, i reagenti chimici eventualmente in uso. L evacuazione dalla palestra avviene con le stesse modalità dell evacuazione dalla classe, rispettando gli incarichi assegnati agli studenti (apri-fila; chiudi-fila; aiuto-disabili) ma seguendo le vie di fuga previste per la palestra e raggiungendo il punto di raccolta ivi indicato. NOTA BENE: Qualora il docente venga raggiunto dal segnale di evacuazione mentre non effettua docenza, dovunque si trovi, segue il percorso di fuga che è lì indicato, raggiunge il punto di raccolta previsto, fa segnalare la sua presenza sul modulo di evacuazione di una delle classi ed attende fino al termine dell emergenza. Gli allievi presenti in aula, in laboratorio o in palestra, una volta che sia stata avviata la procedura di evacuazione con il suono della sirena, si comportano nel modo seguente: a) si preparano all esodo ordinatamente, accostando la sedia al banco e lasciando lo zaino/i libri/gli indumenti personali sul posto; b) mantengono la calma e senza spingere, correre, urlare si incolonnano dietro l apri-fila; c) lo studente apri-fila comincia ad uscire dall aula (dal laboratorio o dalla palestra) e, atteso il docente che ha verificato la completa evacuazione dell aula (del laboratorio o della palestra), segue 6

8 la via di esodo (indicata dai cartelli verdi con freccia direzionale presenti nei corridoi) raggiungendo il punto di raccolta esterno assegnato alla classe (al laboratorio o alla palestra); d) lo studente apri-fila tiene per mano il secondo allievo e così via fino allo studente chiudi-fila; e) lo studente chiudi-fila chiude la porta dell aula (o del laboratorio); questo indica che in aula (in laboratorio) non è rimasto nessuno. NOTA BENE Svolgono il ruolo di studente apri-fila, chiudi-fila e aiuto-disabili, allievi designati come risulta da apposito prospetto comunicato alla classe mediante circolare, affisso in aula e compilato all inizio dell anno a cura del Referente per la sicurezza (prof. Gallo). In caso di assenza dei titolari subentrano nel ruolo le riserve, analogamente designate. In caso di mancanza di quest ultime subentrano il primo e il secondo presente in ordine alfabetico (rispettivamente nel ruolo di apri-fila e di chiudi-fila) e l ultimo presente in ordine alfabetico (nel ruolo di aiuto-disabili). Ogni studente che si trovasse fuori dall aula deve unirsi alla fila più vicina e, una volta all esterno, raggiungere il punto di raccolta assegnato alla propria classe, facendo registrare sul modulo d evacuazione la propria presenza. Oltre a svolgere i particolari compiti assegnati dal piano di prevenzione e sicurezza ogni collaboratore dovrà: 1) controllare che nei bagni non vi sia nessuno; 2) chiudere le porte di compartimentazione (porte REI) ai propri piani; 3) abbandonare l'edificio; 4) segnalare al Coordinatore dell emergenza eventuali problemi e/o comportamenti scorretti. Oltre a quanto previsto al punto 2.2 del presente Piano d emergenza e sulla base delle indicazioni ricevute volta per volta dal Coordinatore delle emergenze, i collaboratori scolastici in servizio al centralino devono: a) chiamare i Vigili del Fuoco (n. esterno 115), il Soccorso sanitario (n. esterno 118), la Polizia di Stato (n. esterno 113); 7

9 b) convocare al centralino mediante il telefono interno (o in caso di suo guasto mediante gli altoparlanti d emergenza) gli Addetti antincendio e al Primo soccorso; c) in caso di fuga di gas, avvisare l addetto alla chiusura della manopola del contatore generale; d) aprire le porte dell atrio a piano terra che immettono all esterno ed i cancelli esterni; e) disattivare l interruttore generale posto nella guardiola al piano terra; f) presidiare l uscita principale controllando l evacuazione ed impedendo l accesso ad estranei. Dovrà abbandonare l'edificio senza attardarsi a spegnere i computer, seguendo la via di fuga indicata sopra la porta dei rispettivi uffici e la successiva segnaletica presente nei corridoi. Una volta raggiunto il punto di raccolta dovrà farsi registrare su uno dei moduli d evacuazione di una classe qualsiasi. In caso di allarme incendio: dovrà chiamare i Vigili del Fuoco (n. esterno 115), aprire il cancello d accesso e le porte della scuola, attendere all ingresso principale con le planimetrie della scuola, fornire tutte le informazioni che verranno richieste dai soccorritori. In caso di allarme intrusione: dovrà chiamare la Polizia di Stato (n. esterno 113) o i Carabinieri (n. esterno 112), aprire il cancello d accesso e le porte della scuola, attendere all ingresso principale con le planimetrie della scuola, fornire tutte le informazioni che verranno richieste dalle Forze dell ordine. Devono essere a conoscenza di quali sono i comportamenti che i figli devono attuare in caso di emergenza. Nelle situazioni di emergenza con evacuazione in corso essi non devono in alcun modo interferire con le operazioni di soccorso, accorrendo a scuola, cercando di entrare nell edificio ed ostacolando l accesso e la movimentazione dei Vigili del Fuoco. Se si trovano a scuola durante lo svolgimento delle lezioni ed interviene una situazione di emergenza con evacuazione, devono aggregarsi al gruppo in uscita più prossimo senza cercare di raggiungere l aula ove sono presenti i propri figli e, una volta giunti ad uno dei due punti di raccolta, farsi segnalare sul modulo di evacuazione di una classe qualsiasi. 8

10 Lo studente disabile, con difficoltà di deambulazione permanenti, fin dall inizio dell anno scolastico è inserito nelle classi le cui aule sono collocate al piano terreno, poiché detto piano è servito da uno scivolo d emergenza, appositamente predisposto, che consente di raggiungere il punto di raccolta n. 1 (= spazio antistante l ingresso dell Istituto). Sempre al piano terreno sono collocate le aule (i laboratori) per le attività speciali previste dal piano di studio personalizzato. Nell abbandonare la classe (o il laboratorio o la palestra) durante le situazioni di emergenza, questo studente deve essere assistito ed accompagnato verso il punto di raccolta (previsto dal piano di sfollamento dell aula, del laboratorio o della palestra in cui si trova) in ordine prioritario da: 1) l insegnante di sostegno, se è presente in classe; 2) l insegnante curricolare; 3) il compagno di classe designato, se l allievo disabile si trova in classe (laboratorio o palestra). Nel caso eccezionale in cui si trovi in ambiente comune, senza la presenza del docente di sostegno, l allievo suddetto viene assistito ed accompagnato dalla persona più vicina. In ogni caso l accompagnatore si adopererà a rassicurare il disabile che sarà costantemente assistito. Nell impossibilità di usare la carrozzella, dovranno provvedere all evacuazione il docente di classe e il docente di sostegno (in caso di loro assenza, gli studenti della classe incaricati dell assistenza alle persone disabili) che solleveranno l allievo e lo trasporteranno fino al luogo di raccolta prestabilito. Se quest ultimo non è raggiungibile, il disabile sarà trasportato fino al pianerottolo esterno della scala di sicurezza più vicina. Una volta sul pianerottolo, uno dei docenti (o degli studenti) che lo hanno trasportato avviserà immediatamente il Coordinatore dell emergenza affinché possa allertare i soccorritori. Compiti particolari sono previsti per il personale di cui all allegato prospetto, rispetto ai quali ha ricevuto precise disposizioni e la formazione adeguata. All operatore del 115, o del 118 o del 113 che risponde si deve comunicare: Nome e mansione di chi chiama (collaboratore scolastico/custode/dirigente scolastico, ecc.), Nome e tipo di scuola (dettagliare: Rosa Luxemburg, Istituto Tecnico Economico Statale); 9

11 Indirizzo della scuola e numero telefonico (Corso Caio Plinio 6, tel. 011/ / ); Il tipo di emergenza in corso (c è un incendio al...; c è una fuga di gas; è crollato un soffitto, ecc.);. Locale in cui si è verificata l emergenza (aula o laboratorio o palestra o corridoio, piano, ala). Le persone coinvolte ed eventuali feriti. Stadio dell evento (se in fase di sviluppo, stabilizzato, cruento, ecc..). Se vi sono fiamme oppure solo fumo; se coinvolge solo un aula, un laboratorio oppure tutto il piano o addirittura, tutta la scuola; Indicazioni particolari (materiali coinvolti, necessità di arrestare i mezzi a distanza, pericoli di esplosioni, ecc.). Indicazioni sul percorso (= siamo di fronte alla stazione ferroviaria del Lingotto. In prossimità dell incrocio di C.so Caio Plinio con via Felice Casorati. Vi si arriva da sud da via Passo Buole da nord da via Pio VII ). Per qualsiasi chiarimento a proposito del presente piano d emergenza, gli insegnanti, il personale non docente e gli studenti sono invitati a rivolgersi al prof. Gallo, Referente per la sicurezza o al Prof. Bennardo, A.S.P.P. Planimetrie degli edifici Fac-simile schede d evacuazione. Prospetto degli incarichi assegnati al personale docente e ATA durante l emergenza. Prospetto riassuntivo degli incarichi assegnati agli studenti durante l emergenza suddiviso in base al punto di raccolta. Indirizzi e numeri telefonici delle persone chiave da informare dell emergenza. Numeri telefonici e fax del Vigili del Fuoco e delle autorità da informare. Numeri telefonici degli ospedali vicini e del medico competente. Raccolta schede di sicurezza delle sostanze trattate, stoccate o che possono prodursi. Torino, 28 ottobre 2014 firma autografa sostituita a mezzo stampa,ex art. 3, co. 2, D.lgs. 39/93 10

12 A.S L elaborazione del piano di emergenza, la consegna di istruzioni particolareggiate a tutta la popolazione scolastica e a quanti altri operano nell Istituto e l attuazione del piano nelle situazioni di emergenza e nelle prove di evacuazione non sono semplici adempimenti di norme di legge, per quanto doverosi, ma atti importanti della formazione alla sicurezza. L attuazione del piano nelle situazioni di emergenza e nelle prove di evacuazione consiste nello sfollamento veloce e ordinato di tutte le persone verso un luogo sicuro e nel loro conteggio. La partecipazione consapevole e seria alle esercitazioni di evacuazione, coerentemente alle istruzioni ricevute, è un momento fondamentale della prevenzione, indispensabile per una buona gestione delle emergenze. Coloro che durante le prove, per qualsiasi motivo, dimostrino di non aver imparato ad osservare le istruzioni ricevute, vanificano lo scopo del piano ed in occasione delle situazioni di emergenza, con il loro comportamento possono mettere a repentaglio la propria e altrui vita. Si rammenta infatti che in caso di reale emergenza se qualcuno risultasse erroneamente disperso, i soccorritori dovrebbero rientrare nell Istituto per la ricerca, esponendosi indebitamente a gravi rischi. Il presente Piano di emergenza, si configura per gli studenti, il personale docente e ATA come ordine di servizio a cui tutti si devono attenere. Di esso viene data comunicazione mediante la collocazione di una copia nel fascicolo delle circolari e l affissione all albo dell Istituto cartaceo e online. Copia viene infine consegnata a chi svolge i particolari compiti ivi previsti. Solo chi ha mansioni specifiche, assegnate dalle procedure interne per i casi di emergenza, ha il compito di partecipare attivamente agli interventi. Pertanto, tutte le persone non direttamente coinvolte nelle operazioni di emergenza, dovranno attenersi alle disposizioni di carattere generale qui di seguito elencate e a quelle particolari che verranno eventualmente impartite in relazione alle caratteristiche delle situazioni che si manifestassero. 1

13 A.S All'emissione del segnale d'allarme, costituito dal suono delle apposite sirene collocate ai piani, si deve procedere all evacuazione dall Istituto con queste modalità: 1) sospendere immediatamente l attività in corso; 2) abbandonare l aula (o il laboratorio o l ufficio) lasciando gli oggetti personali dove si trovano; 3) mantenere un comportamento calmo ed ordinato, recandosi all uscita di sicurezza più vicina, utilizzando esclusivamente i percorsi di fuga prestabiliti (indicati dalle apposite segnalazioni) fino al ragiungimento dei luoghi di raccolta che sono: 1 = lo spazio antistante l'ingresso principale; 2 = il cortile interno dell'istituto; prima di abbandonare l aula, i docenti prendono il registro di classe, si accertano che non sia rimasto qualcuno nel locale e, successivamente, si mettono a capo della fila degli allievi della propria classe guidando l evacuazione. La fila è chiusa dallo studente che ne ha l incarico o dal suo sostituto, come indicato nel prospetto affisso sulla porta della classe. Chiunque si trovasse in locali comuni (sala professori, corridoi, bar ecc.) e quindi fuori dalla propria aula o dal proprio ufficio, deve recarsi immediatamente al luogo di raccolta assegnato alla propria classe o al proprio ufficio (cioè lo spazio antistante l ingresso principale oppure il cortile interno dell Istituto) e far prendere nota della propria presenza; una volta raggiunto il luogo di raccolta previsto è necessario restare uniti, in modo da facilitare l appello che verrà effettuato dai docenti sulla scorta dei dati presenti nel registro di classe (allievi ed insegnanti radunati con la propria classe, personale di segreteria, eventuali ospiti). Il risultato dell appello sarà riportato sul modulo d evacuazione collocato al fondo del registro unitamente ai nominativi di coloro che mancano, di coloro che si sono feriti e di coloro che, pur non appartenendo alla classe, si sono uniti ad essa nell evacuazione. Detto modulo sarà staccato dal registro e, a cura del docente, consegnato al Coordinatore dell emergenza che stazionerà sulle scale dell ingresso principale. Una volta effettuate le operazioni suddette, gli insegnanti attenderanno istruzioni; 4) lasciare il luogo di raccolta solo se il Coordinatore dell emergenza ha dato l ordine di farlo; 5) non recarsi per nessun motivo negli spogliatoi o in sala insegnanti e comunque non muoversi in controcorrente per recuperare oggetti personali ritenuti indispensabili; 6) chiunque si trovi in compagnia di personale esterno, è tenuto ad accompagnarlo durante l evacuazione ad uno dei due punti di raccolta, facendo prendere nota della presenza sul modulo d evacuazione di una qualsiasi classe. 2

14 A.S SI RICORDA A TUTTI CHE DURANTE L EMERGENZA È ASSOLUTAMENTE VIETATO USARE L ASCENSORE Il personale docente o ATA che si accorga della presenza di fumo o di fiamme all interno di un locale o nel corridoio, fa prima di tutto allontanare gli studenti dal luogo in questione, dà immediatamente l allarme incendio schiacciando l apposito pulsante che attiva le sirene poste al piano e mette in moto la procedura d evacuazione delle classi ivi collocate. Subito dopo, tramite il telefono presente ai piani informa il centralino (n. interno 100) di quanto sta avvenendo fornendo, per quanto possibile, particolari utili alla valutazione del pericolo ed in particolare: se ci sono scintille, fiamme, odore di bruciato o fumo; l entità del fenomeno e il luogo in cui questo è presente (aula, corridoio, laboratorio, servizi igienici, tromba dell ascensore, ecc.); il piano e l edificio coinvolti; se e quali classi sono evacuate; se nei locali ci sono persone bloccate o ferite. Qualora per qualsiasi motivo non sia possibile chiamare il centralino, o la Presidenza (n. interno 101) o la vice-presidenza (n. interno 102) avvisa direttamente i Vigili del Fuoco (n. esterno 115) tramite un telefono abilitato alla comunicazione esterna oppure un telefono cellulare (proprio o altrui) informando l operatore che risponde di quanto sta avvenendo e dell impossibilità di contattare il proprio centralino. Una volta avvisati i Vigili del Fuoco, riprova a contattare il centralino della scuola (n. interno 100). Il collaboratore scolastico in servizio al centralino, acquisite le prime informazioni sulla natura e l intensità del pericolo, tramite il telefono o il microfono per l emergenza informa immediatamente: A. il Coordinatore dell emergenza, cioè il Dirigente scolastico (n. interno 101) [o, in sua assenza e in ordine di priorità: il Vice-preside e referente per la sicurezza Prof. Gallo (n. interno 102); il 2 collaboratore di Presidenza prof.ssa Campisi (n. interno 102); il sostituto del Referente alla sicurezza prof. Bennardo; il D.S.G.A. dott.sa Ricaldone (n. interno 103); la sua sostituta sig.ra De Nicolo (n. interno 105)], affinché scenda immediatamente al centralino per coordinare l emergenza e dare le disposizioni necessarie; 3

15 A.S B. gli Addetti antincendio (mediante il microfono per l emergenza), affinché, dopo aver indossato i Dispositivi di Protezione Individuali (conservati nello spogliatoio situato nel retro del locale infermeria), raggiungano il punto in cui si è sviluppato l incendio; C. gli Addetti al primo soccorso (mediante il microfono d emergenza), affinché si rechino sollecitamente al centralino per essere pronti a prestare la loro opera in caso di necessità. Il Coordinatore dell emergenza, valutata la situazione, ordina al collaboratore scolastico in servizio al centralino di: 1. diffondere l ordine di evacuazione totale mediante l azionamento dell apposito pulsante che attiva le sirene ai piani, accompagnato dall invito, rivolto tramite il microfono per le emergenze, ad abbandonare immediatamente l edificio (invito ripetuto almeno tre volte); 2. chiamare i Mezzi di soccorso (Vigili del Fuoco = n. esterno 115; Ambulanza = n. esterno 118; Polizia = n. esterno 113); 3. interrompere l erogazione dell energia elettrica. Subito dopo, il Coordinatore dell emergenza prende con sé le planimetrie dell Istituto e la cartellina con i prospetti riassuntivi delle classi e degli incarichi assegnati agli studenti, sovraintende allo sfollamento dell edificio e raccoglie le schede su cui sono stati riportati i dati relativi all evacuazione delle singole classi. Tali schede (di cui si allega fac-simile), compilate e consegnate al Coordinatore dell emergenza a cura degli insegnanti, serviranno per dare le informazioni necessarie alla ricerca dei dispersi e per la cura feriti, rispettivamente, al Responsabile dei Vigili del Fuoco e al Responsabile dei soccorsi sanitari. All arrivo di quest ultimi, il Coordinatore dell emergenza si mette a disposizione fornendo tutte le informazioni necessarie e dando la massima collaborazione. Qualora la presenza di fumo o di fiamme all interno di un locale o nel corridoio sia notata da un allievo, questi avverte immediatamente un insegnante o un membro del personale ATA che provvederà ad attivare la procedura sopra descritta. Si ricorda che l uso degli idranti e degli estintori è consentito esclusivamente al personale che ha seguito i prescritti corsi di formazione e, in particolare, agli Addetti antincendio. 4

16 A.S La stessa procedura prevista in caso d incendio deve essere attivata in caso di fuga di gas, con l accortezza di provvedere, da parte del personale che la rileva, ad aprire le finestre del locale interessato (se ciò è possibile). In ogni caso non si dovrà mai dar luogo all accensione delle luci o utilizzare strumenti che emettano scintille. Prima di tutto cercare riparo all interno di una porta ricavata in un muro portante o sotto i banchi, poiché restando al centro della stanza si può essere feriti dalla caduta di vetri, intonaco o altri oggetti. Evitare di precipitarsi fuori per le scale: sono la parte più debole dell edificio. In ogni caso è vietato usare l ascensore. Alla fine della scossa procedere all evacuazione secondo la procedura su esposta, prestando attenzione ai materiali che ingombrano il pavimento. Una volta all esterno non restare in prossimità dei muri perimetrali dell edificio, in quanto si potrebbe essere colpiti da vasi, tegole, cornicioni ed altri materiali che cadono, ma raggiungere in maniera sollecita i punti di raccolta prestabiliti (n. 1 = spazio antistante l ingresso principale; n. 2 = il cortile interno dell Istituto) e procedere come per l evacuazione in caso d incendio. L insegnante presente in aula, una volta che sia stata avviata la procedura di evacuazione con suono della sirena: 1) interrompe qualsiasi attività in corso, compiti in classe compresi; 2) prende con sé il registro di classe al fondo del quale è contenuto il modulo di evacuazione da utilizzare, non appena raggiunto il luogo di raccolta, per la segnalazione delle persone sfollate; 3) ordina agli allievi di abbandonare immediatamente ma con calma l aula senza portare con sé nulla, iniziando dalla fila più vicina alla porta; 4) cura che gli studenti si dispongano in fila, rispettando gli incarichi loro assegnati (apri-fila, chiudifila e aiuto-disabili); 5) si avvia verso la porta di uscita dall aula (laboratorio, palestra), dopo aver verificato che le finestre siano chiuse e il locale sia vuoto; 6) coordina le fasi dell evacuazione: assumendo la guida della sua classe si pone alla testa degli allievi, raggiunge con calma la via di fuga prevista dal piano d emergenza seguendo il percorso indicato dall apposita segnaletica verso l uscita più vicina fino ad arrivare, una volta giunti al il 5

17 A.S fondo della scale di sicurezza, nel punto di raccolta esterno prestabilito per la propria classe (1 = lo spazio antistante l ingresso principale o 2 = il cortile interno dell Istituto); 7) raggiunto il punto di raccolta fa subito l appello dei propri studenti e compila il modulo di evacuazione (riportato al fondo del registro di classe) segnalando su di esso gli studenti presenti, evacuati, dispersi e feriti, nonché le altre persone che si siano eventualmente aggregate lungo il percorso. Il modulo deve essere tempestivamente consegnato al Coordinatore dell emergenza come su individuato. I docenti provvedono inoltre a tranquillizzare eventuali studenti allarmati o in preda a panico. Si ricorda che le classi devono rispettare la precedenza di evacuazione: escono per prime le classi più prossime all uscita di sicurezza. L evacuazione dalla palestra avviene con le stesse modalità dell evacuazione dalla classe, rispettando gli incarichi assegnati agli studenti (apri-fila; chiudi-fila; aiuto-disabili) ma seguendo le vie di fuga previste per la palestra e raggiungendo il punto di raccolta ivi indicato. NOTA BENE: Qualora il docente venga raggiunto dal segnale di evacuazione mentre non effettua docenza, dovunque si trovi, segue il percorso di fuga che è lì indicato, raggiunge il punto di raccolta previsto, fa segnalare la sua presenza sul modulo di evacuazione di una delle classi ed attende fino al termine dell emergenza. Gli allievi presenti in aula, in laboratorio o in palestra, una volta che sia stata avviata la procedura di evacuazione con il suono della sirena, si comportano nel modo seguente: a) si preparano all esodo ordinatamente, accostando la sedia al banco e lasciando lo zaino / i libri / gli indumenti personali sul posto; b) mantengono la calma e senza spingere, correre, urlare si incolonnano dietro l apri-fila; c) lo studente apri-fila comincia ad uscire dall aula (dal laboratorio o dalla palestra) e, atteso il docente che ha verificato la completa evacuazione dell aula (del laboratorio o della palestra), segue la via di esodo (indicata dai cartelli verdi con freccia direzionale presenti nei corridoi) raggiungendo il punto di raccolta esterno assegnato alla classe (al laboratorio o alla palestra); d) lo studente apri-fila tiene per mano il secondo allievo e così via fino allo studente chiudi-fila; e) lo studente chiudi-fila chiude la porta dell aula (o del laboratorio); questo indica che in aula (in laboratorio) non è rimasto nessuno. 6

18 A.S NOTA BENE: Svolgono il ruolo di studente apri-fila, chiudi-fila e aiuto-disabili, allievi designati come risulta da apposito prospetto comunicato alla classe mediante circolare, affisso in aula e compilato all inizio dell anno a cura del Referente per la sicurezza (prof. Bennardo). In caso di assenza dei titolari subentrano nel ruolo le riserve, analogamente designate. In caso di mancanza di quest ultime subentrano il primo e il secondo presente in ordine alfabetico (rispettivamente nel ruolo di apri-fila e di chiudi-fila) e l ultimo presente in ordine alfabetico (nel ruolo di aiuto-disabili). Ogni studente che si trovasse fuori dall aula deve unirsi alla fila più vicina e, una volta all esterno, raggiungere il punto di raccolta assegnato alla propria classe, facendo registrare sul modulo d evacuazione la propria presenza. Lo studente disabile, con difficoltà di deambulazione permanenti, fin dall inizio dell anno scolastico è inserito nelle classi le cui aule sono collocate al piano terreno, poiché detto piano è servito da uno scivolo d emergenza, appositamente predisposto, che consente di raggiungere il punto di raccolta n. 1 (= spazio antistante l ingresso dell Istituto). Sempre al piano terreno sono collocate le aule (i laboratori) per le attività speciali previste dal piano di studio personalizzato. Nell abbandonare l aula (o il laboratorio o la palestra) durante le situazioni di emergenza, questo studente deve essere assistito ed accompagnato verso il punto di raccolta (previsto dal piano di sfollamento dell aula, del laboratorio o della palestra in cui si trova) in ordine prioritario da: 1) l insegnante di sostegno, se è presente in classe; 2) l insegnante curricolare; 3) il compagno di classe designato, se l allievo disabile si trova in aula (laboratorio o palestra). Nel caso eccezionale in cui si trovi in ambiente comune, senza la presenza del docente di sostegno, l allievo suddetto viene assistito ed accompagnato dalla persona più vicina. In ogni caso l accompagnatore si adopererà a rassicurare il disabile che sarà costantemente assistito. Nell impossibilità di usare la carrozzella, dovranno provvedere all evacuazione il docente di classe e il docente di sostegno (in caso di loro assenza, gli studenti della classe incaricati dell assistenza alle persone disabili) che solleveranno l allievo e lo trasporteranno fino al luogo di raccolta prestabilito. Se quest ultimo non è raggiungibile, il disabile sarà trasportato fino al pianerottolo esterno della scala di sicurezza più vicina. Una volta sul pianerottolo, uno dei docenti (o degli studenti) che lo hanno trasportato avviserà immediatamente il Coordinatore dell emergenza affinché possa allertare i soccorritori. 7

19 A.S Per qualsiasi chiarimento a proposito del presente piano d emergenza, gli insegnanti, il personale non docente e gli studenti sono invitati a rivolgersi al prof. Gallo, Referente per la sicurezza o al Prof. Bennardo, Addetto al servizio di prevenzione e protezione. firma autografa sostituita a mezzo stampa,ex art. 3, co. 2, D.lgs. 39/93 8

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO In caso di Incendio Chi rileva o viene a conoscenza di un qualsiasi principio d incendio dovrà immediatamente avvertire il personale scolastico

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014

PIANO DI EMERGENZA. (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI. Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno. Documento aggiornato al 27/10/2014 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Scuola IIS IRIS VERSARI Via Calabria, 24 20811 Cesano Maderno Documento aggiornato al 27/10/2014 IL DATORE DI LAVORO Prof.ssa Lucia Castellana Mod Sic 01/0

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE. a.s. 2014/2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MERCALLI SEDE CENTRALE VIA ANDREA D ISERNIA n 34 80122 Napoli PIANO DI EVACUAZIONE a.s. 2014/2015 PREMESSA Nel rispetto del DMI del D.Lgs 81/2008 è stato predisposto per l'anno

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Prot. n. 55/A23 del 7/01/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLI Tel. 0817519375 FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00N Codice fiscale 80022520631 e- mail: naic8bt00n@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE PIANO DI EVACUAZIONE Il presente piano di evacuazione, inserito nel Documento di Valutazione dei rischi (affisso all'albo dell'istituto) è stato compilato a cura del D.S. Dott.ssa Cristina Grieco con la

Dettagli

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza.

Disposizioni comportamentali in caso di emergenza. TUTTI I PRESENTI NELLA SCUOLA in caso di sisma, porsi al riparo sotto i banchi o comunque ALLONTANARSI DAL CENTRO DELL AULA disponendosi lungo i muri portanti o vicino a pilastri e sotto le travi. 2) Al

Dettagli

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S.

Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 7/a Dirigente Scolastico / Collaboratore D.S. 1. Il Dirigente Scolastico (o in sua vece il collaboratore del Dirigente Scolastico), una volta valutata la necessità di abbandonare rapidamente l edificio:

Dettagli

Prot. N 7394 Al R.S.P.P. ing. Maurizio Casali Circ. N 108 A tutti i docenti Al personale A.T.A A tutti gli studenti CORSO DIURNO E SERALE

Prot. N 7394 Al R.S.P.P. ing. Maurizio Casali Circ. N 108 A tutti i docenti Al personale A.T.A A tutti gli studenti CORSO DIURNO E SERALE Torino, 19/11/2014 Prot. N 7394 Al R.S.P.P. ing. Maurizio Casali Circ. N 108 A tutti i docenti Al personale A.T.A A tutti gli studenti CORSO DIURNO E SERALE Consegna individuale Oggetto: istruzioni in

Dettagli

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO

A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO PROCEDURE OPERATIVE DA SEGUIRE DURANTE IL TERREMOTO Il terremoto è un evento naturale chiaramente avvertibile, che non ha bisogno di un particolare tipo di allertamento

Dettagli

PIANO DI GESTIONE EMERGENZA

PIANO DI GESTIONE EMERGENZA PIANO DI GESTIONE EMERGENZA (ai sensi del D.lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) Direzione Didattica 3 Circolo di Limbiate Via Renato Cartesio, 12 20051 Scuola d Infanzia Via Filippo Turati, 38 1 Indice 1. Scopo...3

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI

SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 SEGNALE DI ALLARME: ASSEGNAZIONE DEGLI INCARICHI AGLI ALLIEVI SCUOLA MEDIA STATALE GIOVANNI XXIII - ZOGNO BERGAMO ANNO SCOLASTICO 1998/99 PIANO DI EVACUAZIONE SEGNALE DI ALLARME: 1. TERREMOTO suono prolungato 2. ALLUVIONE suono breve ripetuto diverse volte 3. INCENDIO

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi. IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Sig. G. 2013 2014 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Fermi L. da Vinci Via Bonistallo 73 50053 Empoli ALLEGATO 13 Informativa agli studenti Procedure e norme in caso di emergenza data firma IL DATORE DI LAVORO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369 Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SEDE DI BARBARASCO Scuola dell Infanzia PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Revisione n.04 febbraio 2012 Piano emergenza 1 di 24 PREMESSA Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni

Dettagli

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI per l anno scolastico 2012-2013 Nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie in cui sono evidenziate

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni

ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA. Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza. Liceo Morgagni ESTRATTO DAL PIANO DI ESODO IN EMERGENZA Redatto ai sensi degli art. 15) e 36) del D.LGS. 81/08 T. U. Sicurezza Liceo Morgagni ll presente documento è da considerarsi integrazione e aggiornamento del Documento

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione.

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale "G.Parini" Via Roma - 21055 Gorla Minore (VA) Tel. e fax : 0331 601650 e-mail uffici: comprensivogorla@libero.it

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA ELEMENTARE DANTE ALIGHIERI TORREBELVICINO PIANO DI EMERGENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1- Introduzione 2- L edificio scolastico 3- Disposizione dei locali 4- Mensa scolastica 5- Emanazione ordine

Dettagli

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09

LIBRETTO INFORMATIVO - SCUOLA SICURA D.Lgs. 81/08 e D.Lgs.106/09 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO SENIGALLIA SUD - BELARDI Via Marche, 42-60019 Senigallia C.F. 83004490427 Tel. 071/7924522 Fax 071/7912480 WEB: www.senigalliasud.it

Dettagli

Liceo Statale F. Corradini

Liceo Statale F. Corradini PROCEDURA DI EVACUAZIONE NUCLEO OPERATIVO Allegato n. 5 Quando viene attivata la procedura di evacuazione, tutti i componenti del nucleo operativo devono mettersi a disposizione del capo squadra, in caso

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale Giuseppe Parini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini" Sede : Via Badoni, 2-23900 LECCO - Tel. (0341) 362430 / 362460 -Fax (0341) 365101 Cod.fisc.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014

Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 Comunicazione n. 070 Chiari 04-10-2014 AI DOCENTI AGLI STUDENTI AI GENITORI AL PERSONALE ATA Oggetto: Sintesi del PIANO DI EMERGENZA / EVACUAZIONE Il presente opuscolo costituisce una sintesi del Piano

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini SEDE CENTRALE di via XXV aprile n 86 Centro Scolastico Vigili del fuoco Ala sud Arezzo Veduta aerea Ingresso

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI PROGETTO SCUOLA SICURA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Modalità d attuazione del piano di evacuazione In molte situazioni di

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RI ER A UFFI IO S OLASTI O REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI Via P. TOGLIATTI N 1-01033 IVITA ASTELLANA (0761 513390 fax 0761

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE

PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE ISTITUTO COMPRENSIVO G.Mariti - Fauglia PIANO DI EMERGENZA ORGANIZZAZIONE E PROCEDURE Pagina 1 di 12 Revisione: 1.7 Data: 30.09.2014 Obiettivi Il presente piano tende a perseguire i seguenti obiettivi:

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008)

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI OSTELLATO (FE) Scuola dell infanzia di Migliarino Via del Parco 1 Località Migliarino comune di Fiscaglia tel./fax 0533.52686 e-mail viadelparco@libero.it PIANO DI GESTIONE

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola

LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6. Guida all Emergenza. per il personale della scuola LICEO SCIENTIFICO G. VAILATI ALLEGATO 6 Guida all Emergenza per il personale della scuola Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole 1 Definizione

Dettagli

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di:

LORO SEDI. In preparazione della prossima prova di evacuazione, che si terrà a breve, i Coordinatori di Classe sono pregati di: Circ. n. 310 Milano, 28 maggio 2015 AL PERSONALE DOCENTE AL PERSONALE ATA LORO SEDI Oggetto: D.L.vo 81/08 s.m.i. Procedura evacuazione degli edifici scolastici in caso di emergenza o di prova di evacuazione.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola)

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola) Sicurezza. Energia. Ambiente Guida all Emergenza ( per tutto il personale interno alla scuola) Consigli pratici e norme di comportamento in caso di emergenza Terremoto o Incendio nelle scuole (Agg. Settembre

Dettagli

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO.. PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE Dirigente scolastico : dott.ssa Luisa Imbriani RSPP : Ing. Davide Riccardi Docenti : Robertina

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO.

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO. C B I.C. CESCO BASEGGIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESCO BASEGGIO Via Trieste, 203-30175 VENEZIA MARGHERA Cod. Scuola VEIC87100T Cod. Fisc. 94000070279 Tel. e fax 041920530/Tel. 041920584 VEIC87100T@istruzione.it

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione:

Pag. n. 2 di 5. Il Dirigente Scolastico, o suo sostituto, emana l ordine di evacuazione: Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento 2015

INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento 2015 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE PAOLO BOSELLI ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI E SOCIO-SANITARI INDICAZIONI ESTRATTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE aggiornamento

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D.Lgs. 81/2008 - TESTO UNICO E S T R A T T O D A L P I A N O D I E M E R G E N Z A I N T E R N O S e z i o n e i n e r e n t e D O C E N T I A. T. A. - ALLI E V I Estensori

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA SCUOLA SICURA a.s. 2014-2015 Non correre Non spingere i compagni Non mangiare o bere: potresti distrarti, inoltre le briciole ti faranno scivolare Guarda bene i gradini nel salire e nello scendere Non

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI

INDIVIDUAZIONE DEGLI EVENTI PARTE PRIMA Premessa In accordo con gli obblighi normativi ed in sintonia con una nuova sensibilità nei confronti del problema del lavoro in condizioni di sicurezza, si è proceduto alla stesura di un piano

Dettagli

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola)

Guida all Emergenza. ( per tutto il personale interno alla scuola) Guida all Emergenza ( per tutto il personale interno alla scuola) Consigli pratici e norme di comportamento per gestire un emergenza terremoto o incendio nelle scuole (Agg. Novembre 2012) A cura dello

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 67. Ferrara, 15 novembre 2013

COMUNICAZIONE N. 67. Ferrara, 15 novembre 2013 Istituto Tecnico Commerciale e per Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere V. Bachelet Via Mons. Ruggero Bovelli, 7/13-44121 FERRARA Tel. 0532.20.9.346 20.32.66; Fax:0532.20.23.65; Via Azzo

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE DI EVACUAZIONE A SCUOLA D.Lgs. 81/08 e s.m.i. D.M. 10.03.1998 Rev. 01 del 24.01.2013

MANUALE DELLE PROCEDURE DI EVACUAZIONE A SCUOLA D.Lgs. 81/08 e s.m.i. D.M. 10.03.1998 Rev. 01 del 24.01.2013 BUONE NORME DI COMPORTAMENTO DA SEGUIRE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA. PROCEDURE DI EVACUAZIONE. IL PRESENTE MANUALE DEVE ESSERE CONSERVATO ALL INTERNO DI OGNI REGISTRO DI CLASSE (INSIEME AL MODULO DI EVACUAZIONE),

Dettagli

Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI

Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI 1 Piano di sicurezza / EMERGENZA I.S.S. GULLI E PENNISI SEDE LEGALE Via M. Arcidiacono ACIREALE SEDE OPERATIVA FIRME Via M. Arcidiacono ACIREALE L RSPP ESTERNO (Ing. M.P. Farinella) DATA EMISSIONE 18.11.2014

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

DOCUMENTO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA (D. L.vo N 81 del 9 aprile 2008)

DOCUMENTO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA (D. L.vo N 81 del 9 aprile 2008) ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE M. Ciliberto A. Lucifero SETTORE ECONOMICO Alfonso Lucifero C R O T O N E DOCUMENTO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA (D. L.vo N 81 del 9 aprile

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE EVACUAZIONE Direzione Didattica Statale di II Circolo C. Collodi Via Sforza, 6 57023 (Li) Tel. (0586) 620.167 Fax (0586) 620.565 e-mail : info@collodicecinamare.it liee06100b@istruzione.it segreteria@collodicecinamare.it

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

Piano gestione emergenze evacuazione

Piano gestione emergenze evacuazione ISTITUTO COMPRENSIVO GEN. PIETRO FERRARI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA 1 GRADO VIA IV NOVEMBRE, 76 54027 PONTREMOLI PROVINCIA DI MASSA CARRARA Tel. e FAX 0187 830168 Indirizzo posta elettronica:

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

Piano di sicurezza per la scuola

Piano di sicurezza per la scuola 1 19 ISTITUTO COMPRENSIVO EVEMERO DA MESSINA Cod.Mecc: MEIC872002 GANZIRRI C. F. : 97062190836 via Francesco Denaro 98165 GANZIRRI MESSINA e-mail: meic872002@istruzione.it Segreteria via F. Denaro, n 15

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DI COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO D EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI DI COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO D EMERGENZA ISTITUZIONE SCOLASTICA ISTITUTO COMPRENSIVO VERDELLINO/ZINGONIA (infanzia, primaria, potenziata e secondaria di 1 grado) PROCEDURE GENERALI DI COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO D EMERGENZA 1 PROCEDURA GENERALE

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 9 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F.

V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA (VT) 0766/856779 fax 0766/848266 vtis001002@istruzione.it C.F. M.I.U.R. - Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V.Cardarelli Strada Prov.le Porto Clementino, snc 01016 TARQUINIA

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA PRIMARIA E. DE AMICIS VIA GRAMSCI, 4 MASSA FISCAGLIA (FE) PIANO DI EMERGENZA ALUNNI E PERSONALE RELATIVAMENTE ALL'ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Classi: 2a 3a 4a 5a Alunni:

Dettagli

Il piano di emergenza e di evacuazione. Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania

Il piano di emergenza e di evacuazione. Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania Il piano di emergenza e di evacuazione Dr. Davide Varini RSPP Direzione Generale USR Campania L emergenza Cos è l emergenza? Una condizione insolita e pericolosa che può presentarsi in modi e tempi non

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

Il Rappresentante dei Lavoratori (Prof. Giuseppe Costa)

Il Rappresentante dei Lavoratori (Prof. Giuseppe Costa) PIANO DI EVACUAZIONE D.M. 26 agosto 1992 Il Dirigente Scolastico (Dott. Anna Maria Vatteroni) Il R.S.P.P. (Arch. Massimiliano Boschi) Il Rappresentante dei Lavoratori (Prof. Giuseppe Costa) 1 Istituto

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI LUIGI EINAUDI LAMEZIA TERME

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI LUIGI EINAUDI LAMEZIA TERME ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI, ALBERGHIERI E GRAFICI PUBBLICITARI LUIGI EINAUDI LAMEZIA TERME MODALITA DI EVACUAZIONE DELLA SCUOLA IN CASO DI CALAMITA Dirigente :Prof.ssa

Dettagli

SEGNALAZIONI A. sicurezzapovi@gmail.com

SEGNALAZIONI A. sicurezzapovi@gmail.com SEGNALAZIONI A sicurezzapovi@gmail.com Sicurezza: Formazione Generale degli Insegnanti FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08 (art. 37) E ACCORDO STATO-REGIONI 21/12/2011 Parte II In caso di emergenza

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE *****

PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PIANO DI EMERGENZA FASCICOLO DI CLASSE ***** PROCEDURE NORME DI COMPORTAMENTO A.S. 2008/2009 Allegato E NORME DI COMPORTAMENTO PER I RESPONSABILI DI CLASSE (DOCENTI) IN CASO DI EMERGENZA 1. In caso di

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO IGINO COCCHI Scuole: Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo Grado

ISTITUTO COMPRENSIVO IGINO COCCHI Scuole: Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo Grado ISTITUTO COMPRENSIVO IGINO COCCHI Scuole: Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo Grado (Codice Ministeriale MSIC81000T) Via Roma, 34 54016 Licciana Nardi (MS) Tel. e Fax: 0187-474011 www.iccocchilicciananardi.org

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 8 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

EMERGENZA ed EVACUAZIONE

EMERGENZA ed EVACUAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE C. MENNELLA PROCEDURA DA ATTUARSI NEI CASI DI EMERGENZA ed EVACUAZIONE DESTINATO AGLI INCARICATI ALL EMERGENZA ED EVACUAZIONE Questo libretto deve essere Consegnato ad

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA FINALITA DEL PROGETTO Creare e mantenere opportune condizioni di sicurezza all interno

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA A.S. 2014/2015

PIANO DI EMERGENZA A.S. 2014/2015 IIS SIBILLA ALERAMO SEDE VIA CANNIZZARO 16 PIANO DI EMERGENZA A.S. 2014/2015 1) PREMESSA 2) PIANO DI EMERGENZA: - procedure operative - addetti all emergenza - estintori e sostanze estinguenti - procedure

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. MAZZINI VIA S. ANDREA PORTO SANTO STEFANO, MONTE ARGENTARIO (GR) SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli