CIRCOLARE N. 41 DOCENTI/STUDENTI/ATA del 28/10/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIRCOLARE N. 41 DOCENTI/STUDENTI/ATA del 28/10/2014"

Transcript

1 Istituto Tecnico Economico Statale Rosa Luxemburg Corso Caio Plinio Torino Tel Fax codice fiscale CIRCOLARE N. 41 DOCENTI/STUDENTI/ATA del 28/10/2014 Oggetto: Piano di emergenza a.s. 2014/2015. Con la presente circolare si trasmette a tutto il personale, agli studenti, ai genitori e alle persone in visita tramite affissione all albo e pubblicazione all albo online il Piano di emergenza per il corrente anno scolastico. Si ricorda che l elaborazione del Piano di emergenza contenente istruzioni particolareggiate, la sua consegna a tutta la popolazione scolastica e a quanti altri operano in Istituto, e la sua attuazione nelle situazioni di emergenza e nelle prove di evacuazione, non sono semplici adempimenti di norme di legge, per quanto doverosi, ma atti importanti della formazione alla sicurezza. Il presente piano di emergenza si configura per gli studenti, per il personale docente e ATA come ordine di servizio a cui tutti si devono attenere. Di esso viene data comunicazione mediante: - l affissione all albo dell Istituto cartaceo e online sul sito d istituto; - la collocazione di una copia nel raccoglitore delle circolari in Sala Docenti; - la collocazione di una copia negli uffici; - la collocazione di una copia al centralino; - la collocazione di una copia nel bar d Istituto; - la consegna di una copia a chi svolge i particolari compiti previsti nel Piano in qualità di Addetto al servizio di prevenzione e protezione (Proff. Gallo e Bennardo), Addetto all emergenza antincendio (Proff. Gallo, Sigg. Falotico, Faustinelli, Santacroce), Addetto al Primo soccorso (Proff. Adami e Gallo, Sigg. De Nicolo, Falotico, Faustinelli, Gennero, Granata, Santacroce); Rappresentante del lavoratori per la sicurezza (Sig. Soncin); DSGA in quanto preposto (Dott.ssa Ricaldone o in sua assenza sig.ra De Nicolo o in subordine sig.ra Gennero); - la consegna di un estratto del Piano ai docenti e al personale ATA che essendo in servizio in questo Istituto dal 1 settembre u.s. non ne hanno ricevuto copia nel precedente anno scolastico; - la consegna di un estratto del Piano da affiggere nelle aule, nei laboratori e nelle palestre. Ai Docenti, soprattutto al Coordinatore di classe, si comunica che la consegna dell estratto del Piano è finalizzata all informazione degli studenti, e quindi è opportuno illustrarlo e controllare periodicamente che resti affisso nelle aule, nei laboratori e nelle palestre. Si confida nell impegno di tutto il personale docente e ATA, fondamentale perché la cultura della sicurezza possa essere alimentata quotidianamente e diffondersi in modo capillare tra le giovani generazioni. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Maria Vittoria Bossolasco firma autografa sostituita a mezzo stampa, ex art. 3, co. 2, D.lgs. 39/93

2 L elaborazione del piano di emergenza, la consegna di istruzioni particolareggiate a tutta la popolazione scolastica e a quanti altri operano nell Istituto e l attuazione del piano nelle situazioni di emergenza e nelle prove di evacuazione non sono semplici adempimenti di norme di legge, per quanto doverosi, ma atti importanti della formazione alla sicurezza. L attuazione del piano nelle situazioni di emergenza e nelle prove di evacuazione consiste nello sfollamento veloce e ordinato di tutte le persone verso un luogo sicuro e nel loro conteggio. La partecipazione consapevole e seria alle esercitazioni di evacuazione, coerentemente alle istruzioni ricevute, è un momento fondamentale della prevenzione, indispensabile per una buona gestione delle emergenze. Coloro che durante le prove, per qualsiasi motivo, dimostrino di non aver imparato ad osservare le istruzioni ricevute, vanificano lo scopo del piano ed in occasione delle situazioni di emergenza, con il loro comportamento possono mettere a repentaglio la propria e altrui vita. Si rammenta infatti che in caso di reale emergenza se qualcuno risultasse erroneamente disperso, i Soccorritori dovrebbero rientrare nell Istituto per la ricerca, esponendosi indebitamente a gravi rischi. Il presente Piano di emergenza, si configura per gli studenti, il personale docente e ATA come ordine di servizio a cui tutti si devono attenere. Di esso viene data comunicazione mediante la collocazione di una copia nel fascicolo delle circolari e con l affissione all albo dell Istituto e all albo online sul sito d istituto. Copia viene infine consegnata ai Docenti coordinatori di classe e a chi svolge i particolari compiti ivi previsti (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, Medico competente, Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione). Solo chi ha mansioni specifiche, assegnate dalle procedure interne per i casi di emergenza, ha il compito di partecipare attivamente agli interventi. Pertanto, tutte le persone non direttamente coinvolte nelle operazioni di emergenza, dovranno attenersi alle disposizioni di carattere generale 1

3 qui di seguito elencate e a quelle particolari che verranno eventualmente impartite in relazione alle caratteristiche delle situazioni che si manifestassero. All'emissione del segnale d'allarme, costituito dal suono delle apposite sirene collocate ai piani, si deve procedere all evacuazione dall Istituto con queste modalità: 1) sospendere immediatamente l attività in corso; 2) abbandonare l aula (o il laboratorio o l ufficio) lasciando gli oggetti personali dove si trovano; 3) mantenere un comportamento calmo ed ordinato, recandosi all uscita di sicurezza più vicina, utilizzando esclusivamente i percorsi di fuga prestabiliti (indicati dalle apposite segnalazioni) fino al raggiungimento dei luoghi di raccolta che sono: 1 = lo spazio antistante l'ingresso principale; 2 = il cortile interno dell'istituto; 4) prima di abbandonare l aula, i docenti prendono il registro di classe, si accertano che non sia rimasto qualcuno nel locale e, successivamente, si mettono a capo della fila degli allievi della propria classe guidando l evacuazione. La fila è chiusa dallo studente che ne ha l incarico o dal suo sostituto, come indicato nel prospetto affisso sulla porta della classe. Chiunque si trovasse in locali comuni (sala professori, corridoi, bar ecc.) e quindi fuori dalla propria aula o dal proprio ufficio, deve recarsi immediatamente al luogo di raccolta assegnato alla propria classe o al proprio ufficio (cioè lo spazio antistante l ingresso principale oppure il cortile interno dell Istituto) e far prendere nota della propria presenza; una volta raggiunto il luogo di raccolta previsto è necessario restare uniti, in modo da facilitare l appello che verrà effettuato dai docenti sulla scorta dei dati presenti nel Registro di classe (allievi ed insegnanti radunati con la propria classe, personale di segreteria, eventuali ospiti). Il risultato dell appello sarà riportato sul modulo d evacuazione collocato al fondo del registro unitamente ai nominativi di coloro che mancano, di coloro che si sono feriti e di coloro che, pur non appartenendo alla classe, si sono uniti ad essa nell evacuazione. Detto modulo sarà staccato dal registro e, a cura del docente, consegnato al Coordinatore dell emergenza che stazionerà sulle scale dell ingresso principale. Una volta effettuate le operazioni suddette, gli insegnanti attenderanno istruzioni; 5) lasciare il luogo di raccolta solo se il Coordinatore dell emergenza ha dato l ordine di farlo; 6) non recarsi per nessun motivo negli spogliatoi o in sala insegnanti e comunque non muoversi in controcorrente per recuperare oggetti personali ritenuti indispensabili; 2

4 7) chiunque si trovi in compagnia di personale esterno, è tenuto ad accompagnarlo durante l evacuazione ad uno dei due punti di raccolta, facendo prendere nota della presenza sul modulo d evacuazione di una qualsiasi classe. SI RICORDA A TUTTI CHE DURANTE L EMERGENZA È ASSOLUTAMENTE VIETATO USARE L ASCENSORE Il personale docente o ATA che si accorga della presenza di fumo o di fiamme all interno di un locale o nel corridoio, fa prima di tutto allontanare gli studenti dal luogo in questione, dà immediatamente l allarme incendio schiacciando l apposito pulsante che attiva le sirene poste al piano e mette in moto la procedura d evacuazione delle classi ivi collocate. Subito dopo, tramite il telefono presente ai piani, informa il centralino (n. interno 100) di quanto sta avvenendo fornendo, per quanto possibile, elementi utili alla valutazione del pericolo ed in particolare: se ci sono scintille, fiamme, odore di bruciato o fumo; l entità del fenomeno e il luogo in cui questo è presente (aula, corridoio, laboratorio, servizi igienici, tromba dell ascensore, ecc.); il piano e l edificio coinvolti; se e quali classi sono evacuate; se nei locali ci sono persone bloccate o ferite. Qualora per qualsiasi motivo non sia possibile chiamare il centralino, o la Presidenza (n. interno 101) o la vice-presidenza (n. interno 102) avvisa direttamente i Vigili del Fuoco (n. esterno 115) tramite un telefono abilitato alla comunicazione esterna oppure un telefono cellulare (proprio o altrui) informando l operatore che risponde di quanto sta avvenendo e dell impossibilità di contattare il proprio centralino. Una volta avvisati i Vigili del Fuoco, riprova a contattare il centralino della scuola (n. interno 100). Il collaboratore scolastico in servizio al centralino, acquisite le prime informazioni sulla natura e l intensità del pericolo, tramite il telefono o il microfono per l emergenza informa immediatamente: A. il Coordinatore dell emergenza, cioè il Dirigente scolastico (n. interno 101) [o, in sua assenza e in ordine di priorità: il Vice-preside prof. Gallo (n. interno 102); la collaboratrice della Presidenza (n. interno 102) prof.ssa Campisi; il D.S.G.A. dott.sa Ricaldones (n. interno 103); la sua sostituta sig.ra De Nicolo (n. interno 105)], affinché scenda immediatamente al centralino per coordinare l emergenza e dare le disposizioni necessarie; 3

5 B. gli Addetti antincendio (mediante il microfono per l emergenza), affinché, dopo aver indossato i Dispositivi di Protezione Individuali (conservati nello spogliatoio situato nel retro del locale infermeria), raggiungano il punto in cui si è sviluppato l incendio; C. gli Addetti al primo soccorso (mediante il microfono d emergenza), affinché si rechino sollecitamente al centralino per essere pronti a prestare la loro opera in caso di necessità. Il Coordinatore dell emergenza, valutata la situazione, ordina al collaboratore scolastico in servizio al centralino di: 1) diffondere l ordine di evacuazione totale mediante l azionamento dell apposito pulsante che attiva le sirene ai piani, accompagnato dall invito, rivolto tramite il microfono per le emergenze, ad abbandonare immediatamente l edificio (invito ripetuto almeno tre volte); 2) chiamare i Mezzi di soccorso (Vigili del Fuoco = n. esterno 115; Ambulanza = n. esterno 118; Polizia = n. esterno 113); 3) interrompere l erogazione dell energia elettrica. Subito dopo, il Coordinatore dell emergenza prende con sé le planimetrie dell Istituto e la cartellina con i prospetti riassuntivi delle classi e degli incarichi assegnati agli studenti, sovrintende allo sfollamento dell edificio e raccoglie le schede su cui sono stati riportati i dati relativi all evacuazione delle singole classi. Tali schede (di cui si allega fac-simile), compilate e consegnate al Coordinatore dell emergenza a cura degli insegnanti, serviranno per dare le informazioni necessarie alla ricerca dei dispersi e per la cura feriti, rispettivamente, al Responsabile dei Vigili del Fuoco e al Responsabile dei soccorsi sanitari. All arrivo di questi ultimi, il Coordinatore dell emergenza si mette a disposizione fornendo tutte le informazioni necessarie e dando la massima collaborazione. Qualora la presenza di fumo o di fiamme all interno di un locale o nel corridoio sia notata da un allievo, questi avverte immediatamente un insegnante o un membro del personale ATA che provvederà ad attivare la procedura sopra descritta. Si ricorda che l uso degli idranti e degli estintori è consentito esclusivamente al personale che ha seguito i prescritti corsi di formazione e, in particolare, agli Addetti antincendio. 4

6 La stessa procedura prevista in caso d incendio deve essere attivata in caso di fuga di gas, con l accortezza di provvedere, da parte del personale che la rileva, ad aprire le finestre del locale interessato (se ciò è possibile). In ogni caso non si dovrà mai dar luogo all accensione delle luci o utilizzare strumenti che emettano scintille. Prima di tutto cercare riparo all interno di una porta ricavata in un muro portante o sotto i banchi, poiché restando al centro della stanza si può essere feriti dalla caduta di vetri, intonaco o altri oggetti. Evitare di precipitarsi fuori per le scale: sono la parte più debole dell edificio. In ogni caso è vietato usare l ascensore. Alla fine della scossa procedere all evacuazione secondo la procedura su esposta, prestando attenzione ai materiali che ingombrano il pavimento. Una volta all esterno non restare in prossimità dei muri perimetrali dell edificio, in quanto si potrebbe essere colpiti da vasi, tegole, cornicioni ed altri materiali che cadono, ma raggiungere in maniera sollecita i punti di raccolta prestabiliti (n. 1 = spazio antistante l ingresso principale; n. 2 = il cortile interno dell Istituto) e procedere come per l evacuazione in caso d incendio. L insegnante presente in aula, una volta che sia stata avviata la procedura di evacuazione con il suono della sirena: 1) interrompe qualsiasi attività in corso, compiti in classe compresi; 2) prende con sé il registro di classe al fondo del quale è contenuto il modulo di evacuazione da utilizzare, non appena raggiunto il luogo di raccolta, per la segnalazione delle persone sfollate; 3) ordina agli allievi di abbandonare immediatamente ma con calma l aula senza portare con sé nulla, iniziando dalla fila più vicina alla porta; 4) cura che gli studenti si dispongano in fila, rispettando gli incarichi loro assegnati (apri-fila, chiudi-fila e aiuto-disabili); 5) si avvia verso la porta di uscita dall aula (laboratorio, palestra), dopo aver verificato che le finestre siano chiuse e il locale sia vuoto; 5

7 6) coordina le fasi dell evacuazione: assumendo la guida della sua classe si pone alla testa degli allievi, raggiunge con calma la via di fuga prevista dal piano d emergenza seguendo il percorso indicato dall apposita segnaletica verso l uscita più vicina fino ad arrivare, una volta giunti al fondo della scale di sicurezza, nel punto di raccolta esterno prestabilito per la propria classe (1 = lo spazio antistante l ingresso principale o 2 = il cortile interno dell Istituto in zona lontana dagli alberi); 7) raggiunto il punto di raccolta fa subito l appello dei propri studenti e compila il modulo di evacuazione (riportato al fondo del registro di classe) segnalando su di esso gli studenti presenti, evacuati, dispersi e feriti, nonché le altre persone che si siano eventualmente aggregate lungo il percorso. Il modulo deve essere tempestivamente consegnato al Coordinatore dell emergenza come su individuato. I docenti provvedono inoltre a tranquillizzare eventuali studenti allarmati o in preda a panico. Si ricorda che le classi devono rispettare la precedenza di evacuazione: escono per prime le classi più prossime all uscita di sicurezza. Nel caso in cui l ordine di evacuazione raggiunga una classe che si trova nel laboratorio di chimica, il docente provvede a chiudere la leva dell alimentazione del gas e a mettere in sicurezza, negli appositi armadi, i reagenti chimici eventualmente in uso. L evacuazione dalla palestra avviene con le stesse modalità dell evacuazione dalla classe, rispettando gli incarichi assegnati agli studenti (apri-fila; chiudi-fila; aiuto-disabili) ma seguendo le vie di fuga previste per la palestra e raggiungendo il punto di raccolta ivi indicato. NOTA BENE: Qualora il docente venga raggiunto dal segnale di evacuazione mentre non effettua docenza, dovunque si trovi, segue il percorso di fuga che è lì indicato, raggiunge il punto di raccolta previsto, fa segnalare la sua presenza sul modulo di evacuazione di una delle classi ed attende fino al termine dell emergenza. Gli allievi presenti in aula, in laboratorio o in palestra, una volta che sia stata avviata la procedura di evacuazione con il suono della sirena, si comportano nel modo seguente: a) si preparano all esodo ordinatamente, accostando la sedia al banco e lasciando lo zaino/i libri/gli indumenti personali sul posto; b) mantengono la calma e senza spingere, correre, urlare si incolonnano dietro l apri-fila; c) lo studente apri-fila comincia ad uscire dall aula (dal laboratorio o dalla palestra) e, atteso il docente che ha verificato la completa evacuazione dell aula (del laboratorio o della palestra), segue 6

8 la via di esodo (indicata dai cartelli verdi con freccia direzionale presenti nei corridoi) raggiungendo il punto di raccolta esterno assegnato alla classe (al laboratorio o alla palestra); d) lo studente apri-fila tiene per mano il secondo allievo e così via fino allo studente chiudi-fila; e) lo studente chiudi-fila chiude la porta dell aula (o del laboratorio); questo indica che in aula (in laboratorio) non è rimasto nessuno. NOTA BENE Svolgono il ruolo di studente apri-fila, chiudi-fila e aiuto-disabili, allievi designati come risulta da apposito prospetto comunicato alla classe mediante circolare, affisso in aula e compilato all inizio dell anno a cura del Referente per la sicurezza (prof. Gallo). In caso di assenza dei titolari subentrano nel ruolo le riserve, analogamente designate. In caso di mancanza di quest ultime subentrano il primo e il secondo presente in ordine alfabetico (rispettivamente nel ruolo di apri-fila e di chiudi-fila) e l ultimo presente in ordine alfabetico (nel ruolo di aiuto-disabili). Ogni studente che si trovasse fuori dall aula deve unirsi alla fila più vicina e, una volta all esterno, raggiungere il punto di raccolta assegnato alla propria classe, facendo registrare sul modulo d evacuazione la propria presenza. Oltre a svolgere i particolari compiti assegnati dal piano di prevenzione e sicurezza ogni collaboratore dovrà: 1) controllare che nei bagni non vi sia nessuno; 2) chiudere le porte di compartimentazione (porte REI) ai propri piani; 3) abbandonare l'edificio; 4) segnalare al Coordinatore dell emergenza eventuali problemi e/o comportamenti scorretti. Oltre a quanto previsto al punto 2.2 del presente Piano d emergenza e sulla base delle indicazioni ricevute volta per volta dal Coordinatore delle emergenze, i collaboratori scolastici in servizio al centralino devono: a) chiamare i Vigili del Fuoco (n. esterno 115), il Soccorso sanitario (n. esterno 118), la Polizia di Stato (n. esterno 113); 7

9 b) convocare al centralino mediante il telefono interno (o in caso di suo guasto mediante gli altoparlanti d emergenza) gli Addetti antincendio e al Primo soccorso; c) in caso di fuga di gas, avvisare l addetto alla chiusura della manopola del contatore generale; d) aprire le porte dell atrio a piano terra che immettono all esterno ed i cancelli esterni; e) disattivare l interruttore generale posto nella guardiola al piano terra; f) presidiare l uscita principale controllando l evacuazione ed impedendo l accesso ad estranei. Dovrà abbandonare l'edificio senza attardarsi a spegnere i computer, seguendo la via di fuga indicata sopra la porta dei rispettivi uffici e la successiva segnaletica presente nei corridoi. Una volta raggiunto il punto di raccolta dovrà farsi registrare su uno dei moduli d evacuazione di una classe qualsiasi. In caso di allarme incendio: dovrà chiamare i Vigili del Fuoco (n. esterno 115), aprire il cancello d accesso e le porte della scuola, attendere all ingresso principale con le planimetrie della scuola, fornire tutte le informazioni che verranno richieste dai soccorritori. In caso di allarme intrusione: dovrà chiamare la Polizia di Stato (n. esterno 113) o i Carabinieri (n. esterno 112), aprire il cancello d accesso e le porte della scuola, attendere all ingresso principale con le planimetrie della scuola, fornire tutte le informazioni che verranno richieste dalle Forze dell ordine. Devono essere a conoscenza di quali sono i comportamenti che i figli devono attuare in caso di emergenza. Nelle situazioni di emergenza con evacuazione in corso essi non devono in alcun modo interferire con le operazioni di soccorso, accorrendo a scuola, cercando di entrare nell edificio ed ostacolando l accesso e la movimentazione dei Vigili del Fuoco. Se si trovano a scuola durante lo svolgimento delle lezioni ed interviene una situazione di emergenza con evacuazione, devono aggregarsi al gruppo in uscita più prossimo senza cercare di raggiungere l aula ove sono presenti i propri figli e, una volta giunti ad uno dei due punti di raccolta, farsi segnalare sul modulo di evacuazione di una classe qualsiasi. 8

10 Lo studente disabile, con difficoltà di deambulazione permanenti, fin dall inizio dell anno scolastico è inserito nelle classi le cui aule sono collocate al piano terreno, poiché detto piano è servito da uno scivolo d emergenza, appositamente predisposto, che consente di raggiungere il punto di raccolta n. 1 (= spazio antistante l ingresso dell Istituto). Sempre al piano terreno sono collocate le aule (i laboratori) per le attività speciali previste dal piano di studio personalizzato. Nell abbandonare la classe (o il laboratorio o la palestra) durante le situazioni di emergenza, questo studente deve essere assistito ed accompagnato verso il punto di raccolta (previsto dal piano di sfollamento dell aula, del laboratorio o della palestra in cui si trova) in ordine prioritario da: 1) l insegnante di sostegno, se è presente in classe; 2) l insegnante curricolare; 3) il compagno di classe designato, se l allievo disabile si trova in classe (laboratorio o palestra). Nel caso eccezionale in cui si trovi in ambiente comune, senza la presenza del docente di sostegno, l allievo suddetto viene assistito ed accompagnato dalla persona più vicina. In ogni caso l accompagnatore si adopererà a rassicurare il disabile che sarà costantemente assistito. Nell impossibilità di usare la carrozzella, dovranno provvedere all evacuazione il docente di classe e il docente di sostegno (in caso di loro assenza, gli studenti della classe incaricati dell assistenza alle persone disabili) che solleveranno l allievo e lo trasporteranno fino al luogo di raccolta prestabilito. Se quest ultimo non è raggiungibile, il disabile sarà trasportato fino al pianerottolo esterno della scala di sicurezza più vicina. Una volta sul pianerottolo, uno dei docenti (o degli studenti) che lo hanno trasportato avviserà immediatamente il Coordinatore dell emergenza affinché possa allertare i soccorritori. Compiti particolari sono previsti per il personale di cui all allegato prospetto, rispetto ai quali ha ricevuto precise disposizioni e la formazione adeguata. All operatore del 115, o del 118 o del 113 che risponde si deve comunicare: Nome e mansione di chi chiama (collaboratore scolastico/custode/dirigente scolastico, ecc.), Nome e tipo di scuola (dettagliare: Rosa Luxemburg, Istituto Tecnico Economico Statale); 9

11 Indirizzo della scuola e numero telefonico (Corso Caio Plinio 6, tel. 011/ / ); Il tipo di emergenza in corso (c è un incendio al...; c è una fuga di gas; è crollato un soffitto, ecc.);. Locale in cui si è verificata l emergenza (aula o laboratorio o palestra o corridoio, piano, ala). Le persone coinvolte ed eventuali feriti. Stadio dell evento (se in fase di sviluppo, stabilizzato, cruento, ecc..). Se vi sono fiamme oppure solo fumo; se coinvolge solo un aula, un laboratorio oppure tutto il piano o addirittura, tutta la scuola; Indicazioni particolari (materiali coinvolti, necessità di arrestare i mezzi a distanza, pericoli di esplosioni, ecc.). Indicazioni sul percorso (= siamo di fronte alla stazione ferroviaria del Lingotto. In prossimità dell incrocio di C.so Caio Plinio con via Felice Casorati. Vi si arriva da sud da via Passo Buole da nord da via Pio VII ). Per qualsiasi chiarimento a proposito del presente piano d emergenza, gli insegnanti, il personale non docente e gli studenti sono invitati a rivolgersi al prof. Gallo, Referente per la sicurezza o al Prof. Bennardo, A.S.P.P. Planimetrie degli edifici Fac-simile schede d evacuazione. Prospetto degli incarichi assegnati al personale docente e ATA durante l emergenza. Prospetto riassuntivo degli incarichi assegnati agli studenti durante l emergenza suddiviso in base al punto di raccolta. Indirizzi e numeri telefonici delle persone chiave da informare dell emergenza. Numeri telefonici e fax del Vigili del Fuoco e delle autorità da informare. Numeri telefonici degli ospedali vicini e del medico competente. Raccolta schede di sicurezza delle sostanze trattate, stoccate o che possono prodursi. Torino, 28 ottobre 2014 firma autografa sostituita a mezzo stampa,ex art. 3, co. 2, D.lgs. 39/93 10

12 A.S L elaborazione del piano di emergenza, la consegna di istruzioni particolareggiate a tutta la popolazione scolastica e a quanti altri operano nell Istituto e l attuazione del piano nelle situazioni di emergenza e nelle prove di evacuazione non sono semplici adempimenti di norme di legge, per quanto doverosi, ma atti importanti della formazione alla sicurezza. L attuazione del piano nelle situazioni di emergenza e nelle prove di evacuazione consiste nello sfollamento veloce e ordinato di tutte le persone verso un luogo sicuro e nel loro conteggio. La partecipazione consapevole e seria alle esercitazioni di evacuazione, coerentemente alle istruzioni ricevute, è un momento fondamentale della prevenzione, indispensabile per una buona gestione delle emergenze. Coloro che durante le prove, per qualsiasi motivo, dimostrino di non aver imparato ad osservare le istruzioni ricevute, vanificano lo scopo del piano ed in occasione delle situazioni di emergenza, con il loro comportamento possono mettere a repentaglio la propria e altrui vita. Si rammenta infatti che in caso di reale emergenza se qualcuno risultasse erroneamente disperso, i soccorritori dovrebbero rientrare nell Istituto per la ricerca, esponendosi indebitamente a gravi rischi. Il presente Piano di emergenza, si configura per gli studenti, il personale docente e ATA come ordine di servizio a cui tutti si devono attenere. Di esso viene data comunicazione mediante la collocazione di una copia nel fascicolo delle circolari e l affissione all albo dell Istituto cartaceo e online. Copia viene infine consegnata a chi svolge i particolari compiti ivi previsti. Solo chi ha mansioni specifiche, assegnate dalle procedure interne per i casi di emergenza, ha il compito di partecipare attivamente agli interventi. Pertanto, tutte le persone non direttamente coinvolte nelle operazioni di emergenza, dovranno attenersi alle disposizioni di carattere generale qui di seguito elencate e a quelle particolari che verranno eventualmente impartite in relazione alle caratteristiche delle situazioni che si manifestassero. 1

13 A.S All'emissione del segnale d'allarme, costituito dal suono delle apposite sirene collocate ai piani, si deve procedere all evacuazione dall Istituto con queste modalità: 1) sospendere immediatamente l attività in corso; 2) abbandonare l aula (o il laboratorio o l ufficio) lasciando gli oggetti personali dove si trovano; 3) mantenere un comportamento calmo ed ordinato, recandosi all uscita di sicurezza più vicina, utilizzando esclusivamente i percorsi di fuga prestabiliti (indicati dalle apposite segnalazioni) fino al ragiungimento dei luoghi di raccolta che sono: 1 = lo spazio antistante l'ingresso principale; 2 = il cortile interno dell'istituto; prima di abbandonare l aula, i docenti prendono il registro di classe, si accertano che non sia rimasto qualcuno nel locale e, successivamente, si mettono a capo della fila degli allievi della propria classe guidando l evacuazione. La fila è chiusa dallo studente che ne ha l incarico o dal suo sostituto, come indicato nel prospetto affisso sulla porta della classe. Chiunque si trovasse in locali comuni (sala professori, corridoi, bar ecc.) e quindi fuori dalla propria aula o dal proprio ufficio, deve recarsi immediatamente al luogo di raccolta assegnato alla propria classe o al proprio ufficio (cioè lo spazio antistante l ingresso principale oppure il cortile interno dell Istituto) e far prendere nota della propria presenza; una volta raggiunto il luogo di raccolta previsto è necessario restare uniti, in modo da facilitare l appello che verrà effettuato dai docenti sulla scorta dei dati presenti nel registro di classe (allievi ed insegnanti radunati con la propria classe, personale di segreteria, eventuali ospiti). Il risultato dell appello sarà riportato sul modulo d evacuazione collocato al fondo del registro unitamente ai nominativi di coloro che mancano, di coloro che si sono feriti e di coloro che, pur non appartenendo alla classe, si sono uniti ad essa nell evacuazione. Detto modulo sarà staccato dal registro e, a cura del docente, consegnato al Coordinatore dell emergenza che stazionerà sulle scale dell ingresso principale. Una volta effettuate le operazioni suddette, gli insegnanti attenderanno istruzioni; 4) lasciare il luogo di raccolta solo se il Coordinatore dell emergenza ha dato l ordine di farlo; 5) non recarsi per nessun motivo negli spogliatoi o in sala insegnanti e comunque non muoversi in controcorrente per recuperare oggetti personali ritenuti indispensabili; 6) chiunque si trovi in compagnia di personale esterno, è tenuto ad accompagnarlo durante l evacuazione ad uno dei due punti di raccolta, facendo prendere nota della presenza sul modulo d evacuazione di una qualsiasi classe. 2

14 A.S SI RICORDA A TUTTI CHE DURANTE L EMERGENZA È ASSOLUTAMENTE VIETATO USARE L ASCENSORE Il personale docente o ATA che si accorga della presenza di fumo o di fiamme all interno di un locale o nel corridoio, fa prima di tutto allontanare gli studenti dal luogo in questione, dà immediatamente l allarme incendio schiacciando l apposito pulsante che attiva le sirene poste al piano e mette in moto la procedura d evacuazione delle classi ivi collocate. Subito dopo, tramite il telefono presente ai piani informa il centralino (n. interno 100) di quanto sta avvenendo fornendo, per quanto possibile, particolari utili alla valutazione del pericolo ed in particolare: se ci sono scintille, fiamme, odore di bruciato o fumo; l entità del fenomeno e il luogo in cui questo è presente (aula, corridoio, laboratorio, servizi igienici, tromba dell ascensore, ecc.); il piano e l edificio coinvolti; se e quali classi sono evacuate; se nei locali ci sono persone bloccate o ferite. Qualora per qualsiasi motivo non sia possibile chiamare il centralino, o la Presidenza (n. interno 101) o la vice-presidenza (n. interno 102) avvisa direttamente i Vigili del Fuoco (n. esterno 115) tramite un telefono abilitato alla comunicazione esterna oppure un telefono cellulare (proprio o altrui) informando l operatore che risponde di quanto sta avvenendo e dell impossibilità di contattare il proprio centralino. Una volta avvisati i Vigili del Fuoco, riprova a contattare il centralino della scuola (n. interno 100). Il collaboratore scolastico in servizio al centralino, acquisite le prime informazioni sulla natura e l intensità del pericolo, tramite il telefono o il microfono per l emergenza informa immediatamente: A. il Coordinatore dell emergenza, cioè il Dirigente scolastico (n. interno 101) [o, in sua assenza e in ordine di priorità: il Vice-preside e referente per la sicurezza Prof. Gallo (n. interno 102); il 2 collaboratore di Presidenza prof.ssa Campisi (n. interno 102); il sostituto del Referente alla sicurezza prof. Bennardo; il D.S.G.A. dott.sa Ricaldone (n. interno 103); la sua sostituta sig.ra De Nicolo (n. interno 105)], affinché scenda immediatamente al centralino per coordinare l emergenza e dare le disposizioni necessarie; 3

15 A.S B. gli Addetti antincendio (mediante il microfono per l emergenza), affinché, dopo aver indossato i Dispositivi di Protezione Individuali (conservati nello spogliatoio situato nel retro del locale infermeria), raggiungano il punto in cui si è sviluppato l incendio; C. gli Addetti al primo soccorso (mediante il microfono d emergenza), affinché si rechino sollecitamente al centralino per essere pronti a prestare la loro opera in caso di necessità. Il Coordinatore dell emergenza, valutata la situazione, ordina al collaboratore scolastico in servizio al centralino di: 1. diffondere l ordine di evacuazione totale mediante l azionamento dell apposito pulsante che attiva le sirene ai piani, accompagnato dall invito, rivolto tramite il microfono per le emergenze, ad abbandonare immediatamente l edificio (invito ripetuto almeno tre volte); 2. chiamare i Mezzi di soccorso (Vigili del Fuoco = n. esterno 115; Ambulanza = n. esterno 118; Polizia = n. esterno 113); 3. interrompere l erogazione dell energia elettrica. Subito dopo, il Coordinatore dell emergenza prende con sé le planimetrie dell Istituto e la cartellina con i prospetti riassuntivi delle classi e degli incarichi assegnati agli studenti, sovraintende allo sfollamento dell edificio e raccoglie le schede su cui sono stati riportati i dati relativi all evacuazione delle singole classi. Tali schede (di cui si allega fac-simile), compilate e consegnate al Coordinatore dell emergenza a cura degli insegnanti, serviranno per dare le informazioni necessarie alla ricerca dei dispersi e per la cura feriti, rispettivamente, al Responsabile dei Vigili del Fuoco e al Responsabile dei soccorsi sanitari. All arrivo di quest ultimi, il Coordinatore dell emergenza si mette a disposizione fornendo tutte le informazioni necessarie e dando la massima collaborazione. Qualora la presenza di fumo o di fiamme all interno di un locale o nel corridoio sia notata da un allievo, questi avverte immediatamente un insegnante o un membro del personale ATA che provvederà ad attivare la procedura sopra descritta. Si ricorda che l uso degli idranti e degli estintori è consentito esclusivamente al personale che ha seguito i prescritti corsi di formazione e, in particolare, agli Addetti antincendio. 4

16 A.S La stessa procedura prevista in caso d incendio deve essere attivata in caso di fuga di gas, con l accortezza di provvedere, da parte del personale che la rileva, ad aprire le finestre del locale interessato (se ciò è possibile). In ogni caso non si dovrà mai dar luogo all accensione delle luci o utilizzare strumenti che emettano scintille. Prima di tutto cercare riparo all interno di una porta ricavata in un muro portante o sotto i banchi, poiché restando al centro della stanza si può essere feriti dalla caduta di vetri, intonaco o altri oggetti. Evitare di precipitarsi fuori per le scale: sono la parte più debole dell edificio. In ogni caso è vietato usare l ascensore. Alla fine della scossa procedere all evacuazione secondo la procedura su esposta, prestando attenzione ai materiali che ingombrano il pavimento. Una volta all esterno non restare in prossimità dei muri perimetrali dell edificio, in quanto si potrebbe essere colpiti da vasi, tegole, cornicioni ed altri materiali che cadono, ma raggiungere in maniera sollecita i punti di raccolta prestabiliti (n. 1 = spazio antistante l ingresso principale; n. 2 = il cortile interno dell Istituto) e procedere come per l evacuazione in caso d incendio. L insegnante presente in aula, una volta che sia stata avviata la procedura di evacuazione con suono della sirena: 1) interrompe qualsiasi attività in corso, compiti in classe compresi; 2) prende con sé il registro di classe al fondo del quale è contenuto il modulo di evacuazione da utilizzare, non appena raggiunto il luogo di raccolta, per la segnalazione delle persone sfollate; 3) ordina agli allievi di abbandonare immediatamente ma con calma l aula senza portare con sé nulla, iniziando dalla fila più vicina alla porta; 4) cura che gli studenti si dispongano in fila, rispettando gli incarichi loro assegnati (apri-fila, chiudifila e aiuto-disabili); 5) si avvia verso la porta di uscita dall aula (laboratorio, palestra), dopo aver verificato che le finestre siano chiuse e il locale sia vuoto; 6) coordina le fasi dell evacuazione: assumendo la guida della sua classe si pone alla testa degli allievi, raggiunge con calma la via di fuga prevista dal piano d emergenza seguendo il percorso indicato dall apposita segnaletica verso l uscita più vicina fino ad arrivare, una volta giunti al il 5

17 A.S fondo della scale di sicurezza, nel punto di raccolta esterno prestabilito per la propria classe (1 = lo spazio antistante l ingresso principale o 2 = il cortile interno dell Istituto); 7) raggiunto il punto di raccolta fa subito l appello dei propri studenti e compila il modulo di evacuazione (riportato al fondo del registro di classe) segnalando su di esso gli studenti presenti, evacuati, dispersi e feriti, nonché le altre persone che si siano eventualmente aggregate lungo il percorso. Il modulo deve essere tempestivamente consegnato al Coordinatore dell emergenza come su individuato. I docenti provvedono inoltre a tranquillizzare eventuali studenti allarmati o in preda a panico. Si ricorda che le classi devono rispettare la precedenza di evacuazione: escono per prime le classi più prossime all uscita di sicurezza. L evacuazione dalla palestra avviene con le stesse modalità dell evacuazione dalla classe, rispettando gli incarichi assegnati agli studenti (apri-fila; chiudi-fila; aiuto-disabili) ma seguendo le vie di fuga previste per la palestra e raggiungendo il punto di raccolta ivi indicato. NOTA BENE: Qualora il docente venga raggiunto dal segnale di evacuazione mentre non effettua docenza, dovunque si trovi, segue il percorso di fuga che è lì indicato, raggiunge il punto di raccolta previsto, fa segnalare la sua presenza sul modulo di evacuazione di una delle classi ed attende fino al termine dell emergenza. Gli allievi presenti in aula, in laboratorio o in palestra, una volta che sia stata avviata la procedura di evacuazione con il suono della sirena, si comportano nel modo seguente: a) si preparano all esodo ordinatamente, accostando la sedia al banco e lasciando lo zaino / i libri / gli indumenti personali sul posto; b) mantengono la calma e senza spingere, correre, urlare si incolonnano dietro l apri-fila; c) lo studente apri-fila comincia ad uscire dall aula (dal laboratorio o dalla palestra) e, atteso il docente che ha verificato la completa evacuazione dell aula (del laboratorio o della palestra), segue la via di esodo (indicata dai cartelli verdi con freccia direzionale presenti nei corridoi) raggiungendo il punto di raccolta esterno assegnato alla classe (al laboratorio o alla palestra); d) lo studente apri-fila tiene per mano il secondo allievo e così via fino allo studente chiudi-fila; e) lo studente chiudi-fila chiude la porta dell aula (o del laboratorio); questo indica che in aula (in laboratorio) non è rimasto nessuno. 6

18 A.S NOTA BENE: Svolgono il ruolo di studente apri-fila, chiudi-fila e aiuto-disabili, allievi designati come risulta da apposito prospetto comunicato alla classe mediante circolare, affisso in aula e compilato all inizio dell anno a cura del Referente per la sicurezza (prof. Bennardo). In caso di assenza dei titolari subentrano nel ruolo le riserve, analogamente designate. In caso di mancanza di quest ultime subentrano il primo e il secondo presente in ordine alfabetico (rispettivamente nel ruolo di apri-fila e di chiudi-fila) e l ultimo presente in ordine alfabetico (nel ruolo di aiuto-disabili). Ogni studente che si trovasse fuori dall aula deve unirsi alla fila più vicina e, una volta all esterno, raggiungere il punto di raccolta assegnato alla propria classe, facendo registrare sul modulo d evacuazione la propria presenza. Lo studente disabile, con difficoltà di deambulazione permanenti, fin dall inizio dell anno scolastico è inserito nelle classi le cui aule sono collocate al piano terreno, poiché detto piano è servito da uno scivolo d emergenza, appositamente predisposto, che consente di raggiungere il punto di raccolta n. 1 (= spazio antistante l ingresso dell Istituto). Sempre al piano terreno sono collocate le aule (i laboratori) per le attività speciali previste dal piano di studio personalizzato. Nell abbandonare l aula (o il laboratorio o la palestra) durante le situazioni di emergenza, questo studente deve essere assistito ed accompagnato verso il punto di raccolta (previsto dal piano di sfollamento dell aula, del laboratorio o della palestra in cui si trova) in ordine prioritario da: 1) l insegnante di sostegno, se è presente in classe; 2) l insegnante curricolare; 3) il compagno di classe designato, se l allievo disabile si trova in aula (laboratorio o palestra). Nel caso eccezionale in cui si trovi in ambiente comune, senza la presenza del docente di sostegno, l allievo suddetto viene assistito ed accompagnato dalla persona più vicina. In ogni caso l accompagnatore si adopererà a rassicurare il disabile che sarà costantemente assistito. Nell impossibilità di usare la carrozzella, dovranno provvedere all evacuazione il docente di classe e il docente di sostegno (in caso di loro assenza, gli studenti della classe incaricati dell assistenza alle persone disabili) che solleveranno l allievo e lo trasporteranno fino al luogo di raccolta prestabilito. Se quest ultimo non è raggiungibile, il disabile sarà trasportato fino al pianerottolo esterno della scala di sicurezza più vicina. Una volta sul pianerottolo, uno dei docenti (o degli studenti) che lo hanno trasportato avviserà immediatamente il Coordinatore dell emergenza affinché possa allertare i soccorritori. 7

19 A.S Per qualsiasi chiarimento a proposito del presente piano d emergenza, gli insegnanti, il personale non docente e gli studenti sono invitati a rivolgersi al prof. Gallo, Referente per la sicurezza o al Prof. Bennardo, Addetto al servizio di prevenzione e protezione. firma autografa sostituita a mezzo stampa,ex art. 3, co. 2, D.lgs. 39/93 8

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8

I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 I.P. Sommario I NUMERI DELL EMERGENZA attivi 24 ore su 24 4 CONOSCERE I SERVIZI D EMERGENZA 6 COMPORTAMENTI GENERALI IN CASO DI EMERGENZA 8 AFFRONTARE EMERGENZE SPECIFICHE 10 NOZIONI BASE DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni LICEO GINNASIO STATALE G. d Annunzio Distretto Scolastico n 12 Via Venezia,41 65121 PESCARA - Codice Scuola PEPC010009 Fax : 085-298198 Tel. 085-4210351 - Segreteria C.F. 80005590684 E-MAIL : pepc010009@istruzione.it

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Sicurezza realizzabile. Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Nella vostra azienda è garantita la sicurezza delle persone tenute a lavorare da sole? Per persona «tenuta a lavorare da sola»

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET VERBALE n. 8 DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO dell Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet di Abbiategrasso in data 11 ottobre 2013 Il giorno 11 ottobre 2013 alle ore 18.00 nella Sala Professori dell Istituto,

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Nome modulo: ANALISI ED ILLUSTRAZIONE DEI RUOLI PREVISTI NELL ORGANIZZAZIONE

Nome modulo: ANALISI ED ILLUSTRAZIONE DEI RUOLI PREVISTI NELL ORGANIZZAZIONE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE I soggetti coinvolti nel trattamento dei dati personali, sono espressamente indicati dal Testo Unico sulla privacy, che ha provveduto anche a descriverne profilo e funzioni.

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE VIA GRAMSCI INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING (VIA SCROCCAROCCO,

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Il cavo di alimentazione è rigidamente fissato nella parte inferiore del terminale (fig.1), tale cavo deve essere connesso al trasformatore esterno (fig. ) e, questi,

Dettagli