31. Fucilazione degli insorti del 6 febbraio 1853 a Milano (9 febbraio 1853)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "31. Fucilazione degli insorti del 6 febbraio 1853 a Milano (9 febbraio 1853)"

Transcript

1 31. Fucilazione degli insorti del 6 febbraio 1853 a Milano (9 febbraio 1853) Nonostante l esilio Mazzini continuò a mantenere stretti rapporti con i circoli repubblicani italiani e più volte tentò di organizzare moti insurrezionali nella penisola; nel febbraio 1853, preoccupato dalle troppe simpatie che Casa Savoia andava acquistando in Italia pensò di risollevare le sorti del partito repubblicano organizzando un insurrezione che, partendo da Milano, avrebbe dovuto propagarsi nel Lombardo Veneto e nel centro della penisola. La data dell insurrezione fu fissata al 6 febbraio, ultima domenica del carnevale ambrosiano; gli organizzatori, infatti, contavano sul fatto che i soldati austriaci, in libera uscita, si spargessero per le osterie. Nei progetti di Mazzini e dei suoi seguaci l insurrezione avrebbe dovuto coinvolgere migliaia di cittadini e prendere d assalto contemporaneamente il castello, il palazzo reale, il fortino di Porta Tosa e le caserme. Nella realtà, solo qualche centinaio di uomini, soprattutto artigiani ed operai, male armati ed inesperti, la domenica del 6 febbraio diedero l assalto ai posti di guardia e alle caserme austriache. Gli insorti speravano che i soldati ungheresi inquadrati nell esercito austriaco si ammutinassero in nome delle loro aspirazioni all indipendenza nazionale da Vienna e collaborassero alla rivolta, ma così non fu e anche il popolo milanese restò indifferente alla sommossa. Da fuori Milano giunsero velocemente altri reparti austriaci di rinforzo che riuscirono in breve a circoscrivere la rivolta e a spegnerla prima dell alba del giorno successivo. Il tentativo insurrezionale servì unicamente a inasprire la politica repressiva delle autorità austriache. 32 I martiri di Belfiore (3 marzo 1853) Dopo la caduta di Napoleone e il ritorno degli Austriaci, Mantova divenne una delle principali roccaforti dell Impero asburgico: insieme a Peschiera, Verona e Legnago, infatti, la fortezza mantovana si inserì nel sistema difensivo asburgico conosciuto come il Quadrilatero e il castello di San Giorgio divenne uno dei carceri di massima sicurezza dell Italia del nord. L Austria, vinta la Prima guerra d indipendenza e repressi i moti del , attuò nel Lombardo Veneto una dura politica di repressione del dissenso e delle libertà, volta a scongiurare ulteriori insurrezioni, politica che, in realtà, non fece che fomentare l odio e il malcontento verso la dominazione straniera. Le differenti ideologie presenti all interno del movimento rivoluzionario riuscirono a trovare un punto d incontro nel gruppo mantovano che unì esponenti di diversa estrazione sociale e di differente appartenenza politica. I patrioti mantovani riconobbero la necessità di realizzare un unica organizzazione che si occupasse non solo della raccolta di armi e denaro, ma anche della diffusione di una coscienza civica tra la popolazione. Vero animatore del comitato fu il parroco don Enrico Tazzoli che, convinto della necessità di mantenere rapporti anche con 23

2 altre organizzazioni internazionali, strinse accordi con Mazzini, esule a Londra, per lanciare le cartelle del prestito interprovinciale mazziniano che avrebbe finanziato i moti insurrezionali. Nel gennaio del 1852, però, la congiura fu scoperta: don Enrico Tazzoli venne arrestato il 27 gennaio e al suo arresto seguirono quelli degli altri congiurati. Il processo contro i rivoluzionari proseguì fino al marzo del 1853, quando furono comminate le ultime condanne contro i cospiratori. Undici fra i congiurati furono condannati a morte e impiccati nella valletta di Belfiore, all ingresso della città: tra essi don Enrico Tazzoli e il giovane patriota bresciano Tito Speri. Per somma ingiuria, il governo austriaco vietò il seppellimento degli impiccati in terra consacrata. 33. I Piemontesi in Crimea Battaglia della Cernaia (8 settembre 1855) 34. Cavour al Congresso di Parigi (8 aprile 1856) Il declino della potenza ottomana nel corso dell Ottocento ebbe come effetto la rottura dell equilibrio delle forze in Europa: la Russia vide nella crisi dell Impero Turco l occasione di guadagnare uno sbocco sul Mediterraneo e iniziò una serie di manovre offensive occupando i principati danubiani di Moldavia e Valacchia, vassalli dell Impero ottomano. Le mire espansionistiche dello zar Nicola I, non potevano però essere viste di buon occhio dalle altre grandi potenze europee, Inghilterra e Francia, che il 28 marzo 1854 dichiararono guerra alla Russia. L Austria decise di fornire alla Turchia solo un appoggio diplomatico, la Prussia restò neutrale, lasciando la Russia senza alleati. Nel 1855 anche il Regno di Sardegna si unì all impresa, a fianco di Francia e Inghilterra: il presidente del consiglio Cavour considerava, infatti, l intervento un buon trampolino di lancio per entrare a far parte del gioco politico europeo ed inviò un corpo di spedizione capeggiato dal generale Alfonso La Marmora. Gli scontri si svolsero nei Balcani, nel Mar Baltico, nel Mar Caspio ed ebbero il loro centro sulla penisola della Crimea. Il 16 agosto 1855 l esercito sardo fu impegnato, a fianco di quello francese, nella battaglia della Cernaia (dal fiume omonimo) che vide la vittoria delle truppe franco piemontesi. Il conflitto si chiuse solo nel 1856, con la conquista di Sebastopoli, che segnò la definitiva sconfitta dell esercito russo. Le condizioni finali della pace furono concordate al Congresso di Parigi (28 febbraio 30 marzo 1856) dove, per la prima volta, l Italia poté sedere al tavolo con le grandi potenze europee. Cavour non ottenne compensi territoriali per la partecipazione al conflitto, ma un intera seduta fu dedicata a discutere il problema italiano e per la prima volta, grazie all intervento del primo ministro sabaudo, la questione italiana venne considerata a livello europeo come una situazione che richiedeva modifiche a fronte di legittime rimostranze della 24

3 popolazione. Il Congresso di Parigi servì inoltre a Cavour per rinsaldare i legami politici e le alleanze del Regno di Sardegna con Francia e Inghilterra. 35. L eccidio di Carlo Pisacane e dei suoi compagni (2 luglio 1857) Carlo Pisacane (Napoli, 22 agosto 1818 Sanza, 2 luglio 1857), nacque in una famiglia decaduta della nobiltà napoletana, fu allievo dell Accademia militare della Nunziatella di Napoli e incominciò la carriera militare nell esercito borbonico. Intorno ai trent anni, insofferente al conformismo caratteristico degli ambienti aristocratici e militari borbonici, abbandonò la carriera militare e fuggì a Marsiglia, poi a Londra e a Parigi, dove entrò in contatto con gli esuli politici italiani. Nel 1847 lasciò Parigi per arruolarsi nella legione straniera francese, ma appena seppe dei moti che stavano sconvolgendo l Italia si congedò per far ritorno in patria. Partecipò alla Prima guerra d'indipendenza e alla difesa della Repubblica romana, dove entrò in stretto contatto con Mazzini e, dopo il fallimento dell impresa, si rifugiò in esilio a Londra. Nel periodo londinese elaborò il proprio progetto politico, in cui collegava l ideale dell indipendenza nazionale alle aspirazioni di riscatto sociale e politico delle masse contadine. Allo scopo di mettere in atto le proprie convinzioni, prese contatti con altri patrioti che condividevano le stesse idee e organizzò una spedizione per portare la guerriglia nel Meridione. Il 25 giugno 1857 Pisacane s imbarcò, con altri ventiquattro rivoluzionari, sul piroscafo di linea Cagliari, della Società Rubattino, originariamente diretto a Tunisi. Dirottata l imbarcazione, sbarcò sull isola di Ponza, dove liberò dalle carceri più di trecento prigionieri, per lo più delinquenti comuni (solo undici erano effettivamente prigionieri politici) e proseguì la navigazione. Il 28 giugno approdò a Sapri, dove sperava di fomentare un insurrezione antiborbonica grazie all appoggio dei patrioti napoletani con cui aveva preso contatti precedentemente, ma i suoi appelli rimasero inascoltati. Pisacane non rinunciò all impresa e decise comunque di proseguire verso l interno: il 1 luglio, a Padula, i suoi uomini si scontrarono con i soldati borbonici e furono costretti a ripiegare verso il mare. Senza munizioni e privi di rifornimenti, il 2 luglio, a Sanza, furono attaccati da una cinquantina di persone, in gran parte contadini, convinti dalle guardie borboniche che si trattasse di ladri: Pisacane e i suoi uomini vennero così barbaramente trucidati. 36. La battaglia di Montebello (17 maggio 1849 [in realtà 20 maggio 1859]) La Battaglia di Montebello rappresentò uno scontro di secondo piano nel quadro più generale della Seconda guerra d indipendenza italiana. La battaglia, svoltasi il 20 maggio 1859 a Montebello (oggi Montebello della Battaglia, in provincia di Pavia), fu combattuta dalla cavalleria piemontese e dalla fanteria francese contro l esercito austriaco e rappresentò la prima grande vittoria dell esercito franco piemontese nella 25

4 Seconda guerra d indipendenza. La sconfitta degli austriaci, malgrado la loro superiorità numerica, confermò ai Piemontesi l inferiorità della preparazione militare delle truppe del Lombardo Veneto. 37. Garibaldi e i Cacciatori delle Alpi a Varese (24 maggio 1849 [in realtà 24 maggio 1859]) Cacciatori delle Alpi fu denominata la brigata di volontari, agli ordini di Garibaldi, che nel corso della Seconda guerra d indipendenza combatté nella Lombardia settentrionale contro l esercito austriaco: in appoggio all offensiva principale portata avanti dall esercito franco-piemontese in pianura, i Cacciatori delle Alpi operarono sulla fascia prealpina. Il 23 maggio 1859 i volontari garibaldini giunsero a Varese dove, il 26 maggio, si scontrarono con le truppe austriache guidate dal generale Urban e riuscirono a sconfiggerle, nonostante l inferiorità numerica. Il giorno successivo riportarono un'ulteriore decisiva vittoria nella battaglia di San Fermo ed occuparono Como, la città più importante della zona; a cui seguì la conquista di Bergamo e Brescia, entrambe già evacuate dagli Austriaci. Mentre il grosso degli eserciti operava in pianura, Garibaldi, con i Cacciatori delle Alpi e la 4 a Divisione Sarda del generale Cialdini, coprì l estremo lato sinistro dell armata alleata, operando in Val Camonica, Val Sabbia, Val Trompia, Valtellina e sul Garda. In particolare ai Cacciatori delle Alpi fu affidata la conquista della Valtellina. 38. Battaglia di Palestro (31 maggio 1859) La battaglia di Palestro rappresentò una delle tappe decisive del cammino di avvicinamento a Milano dell esercito franco piemontese: dopo la vittoria di Montebello, infatti, le truppe dirette a Milano, si spostarono verso Novara. Il 30 maggio i piemontesi attraversarono il fiume Sesia e si trovarono a dover affrontare, per la prima volta in territorio lombardo, l esercito austriaco, comandato dal feldmaresciallo luogotenente Friedrich Zobel. Entrati a Palestro (Pavia) il 30 maggio 1859 dopo una serie di duri scontri, i soldati di Vittorio Emanuele II, al comando del generale Cialdini, subirono un violento attacco austriaco. La resistenza fu forte e costrinse gli austriaci a retrocedere verso Robbio (Pavia). L intervento decisivo che portò alla vittoria fu condotto dal colonnello francese Chabron, alla guida del 3 Reggimento zuavi, che riuscì a impadronirsi delle batterie di cannoni austriache, per poi proseguire l attacco alla baionetta. Un ruolo determinante ebbero anche i reparti di fanti e bersaglieri guidati da Vittorio Emanuele in persona, che riuscirono nell intento di rinsaldare le posizioni conquistate ed evitare un pericoloso contrattacco austriaco. Zobel decise, infatti, di ritirarsi definitivamente. 26

5 39. La battaglia di Magenta (4 giugno 1849 [in realtà 4 giugno 1859]) Nel corso della Seconda guerra d indipendenza, la battaglia di Magenta (4 giugno 1859) fu lo scontro decisivo che aprì all esercito franco piemontese la strada per la conquista della Lombardia. La battaglia, combattuta nei pressi dell omonima cittadina, vide lo scontro tra l esercito franco-piemontese e quello austro-ungarico. L abilità tattica e la preparazione militare del generale francese Mac Mahon furono decisive ed ebbero la meglio sulle truppe austriache, condotte dal maresciallo Gyulaj, consentendo all esercito franco piemontese di riportare una decisiva vittoria. La sera del 4 giugno, dopo la vittoriosa battaglia, Napoleone III nominò Mac Mahon maresciallo di Francia e duca di Magenta. L 8 giugno, Vittorio Emanuele II e Napoleone III entrarono vincitori in Milano, sfilando sotto l Arco della Pace in Corso Sempione. Curiosità Nell anno di questa battaglia lo studioso francese Emanuele Verguin scoprì un anilina di colore rosso violaceo che volle intitolare alla vittoria dei francesi e chiamò magenta, alludendo al sangue sparso nel corso della battaglia. Questo colore è oggi conosciuto in tutto il mondo come un colore primario della quadricromia. 40. Entrata in Milano di Vittorio Emanuele II e Napoleone III (8 giugno 1859) Le vittorie di Montebello (20 maggio 1859), Palestro (31 maggio 1859) e Magenta (4 giugno 1859) aprirono all esercito franco piemontese la strada per la conquista di Milano. Il 5 giugno l esercito austriaco, sconfitto, abbandonò la capitale del Regno Lombardo Veneto, dove l 8 giugno, Napoleone III e Vittorio Emanuele II fecero il loro ingresso trionfale. Fra le acclamazioni della popolazione i due sovrani attraversarono l Arco della Pace e la piazza d armi (oggi Parco Sempione) dove era schierata la Guardia imperiale. Il 9 giugno 1859 il consiglio cittadino votò per acclamazione il documento che sanciva l annessione della Lombardia al Regno di Sardegna. 41 Lo sbarco dei Mille a Marsala (11 maggio 1860) La pace di Zurigo (10-11 novembre 1859), che pose fine alla Seconda guerra d indipendenza, obbligava gli Asburgo a cedere ai Savoia la Lombardia, con l esclusione di Mantova e Peschiera e reintegrava nei loro ruoli i sovrani di Modena, Parma e Toscana, così come i governanti papalini a Bologna. 27

6 Tutti gli stati italiani, inoltre, incluso il Veneto, ancora austriaco, avrebbero dovuto unirsi in una confederazione italiana, presieduta dal Papa. In realtà le clausole della pace furono disattese quasi in toto: la confederazione con a capo il Papa non si realizzò e i sovrani spodestati non tornarono nei loro stati. Le uniche clausole attuate della Pace di Zurigo furono quelle relative alla Lombardia, ma l obiettivo dei negoziatori piemontesi di ottenere Mantova e Peschiera fallì, lasciando le fortificazioni del Quadrilatero in mano austriaca. Il trattato di Zurigo fu superato anche a livello di diplomazia internazionale quando, il 24 marzo 1860, Cavour sottoscrisse la cessione della Savoia e di Nizza alla Francia e ottenne, in cambio, il consenso dell imperatore all annessione di Toscana ed Emilia Romagna al Regno di Sardegna. A questo punto per completare il progetto dell unificazione nazionale sotto l egida di Casa Savoia non restava che conquistare il Veneto e il Regno delle Due Sicilie. Il Governo piemontese decise di privilegiare quest ultimo, che appariva come un obiettivo più facile da conseguire, sia per l isolamento diplomatico in cui da tempo si trovava, che per l atavico malcontento della popolazione nei confronti della dominazione borbonica; l impresa fu affidata a Giuseppe Garibaldi, che già aveva dato prova delle proprie capacità nel corso della campagna in Lombardia. La sera del 5 maggio 1860, con l aperto appoggio delle autorità piemontesi, la spedizione garibaldina salpò dalla spiaggia di Quarto (Genova) a bordo di due vapori dai nomi evocativi, Lombardo e Piemonte; il generale era riuscito a raccogliere intorno a sé più di mille giovani volontari. Dopo alcuni giorni di navigazione, i garibaldini sbarcarono a Marsala l 11 maggio 1860, dando avvio all invasione del Regno delle Due Sicilie. 42. Bombardamento di Palermo all entrata di Garibaldi (maggio 1860) 43. Entrata di Garibaldi a Palermo Assalto al Ponte Ammiraglio (27 maggio 1860) Sbarcati a Marsala, i garibaldini si inoltrarono rapidamente verso l interno, in direzione di Palermo, raccogliendo lungo il percorso altri giovani volontari. Il 27 maggio, giunsero alle porte della città e si prepararono ad entrarvi. Il primo scontro con le truppe borboniche avvenne al Ponte dell Ammiraglio, presidiato dai militari borbonici: dopo un duro combattimento, i volontari garibaldini ebbero la meglio e le truppe reali abbandonarono il campo rientrando. All ingresso di Garibaldi in città anche il popolo palermitano insorse e, tra il 28 e il 30 maggio, i garibaldini e gli insorti, combattendo strada per strada, riuscirono a conquistare tutto il capoluogo. Per ostacolare l avanzata degli insorti fu dato ordine all esercito borbonico di procedere a un bombardamento indiscriminato della città: i bombardamenti, condotti dalle navi e dalle postazioni presenti presso il piano antistante Palazzo dei Normanni e il Castello a Mare, non riuscirono comunque ad arrestare l avanzata dei ribelli, ma distrussero 28

7 interi quartieri cittadini. Il 30 maggio, i borbonici, asserragliati nelle fortezze lungo le mura, chiesero l armistizio. Garibaldi, ormai padrone della città, si proclamò dittatore in nome di Vittorio Emanuele II e nominò un governo provvisorio. Il 6 giugno le truppe borboniche lasciarono definitivamente Palermo. 44. Entrata di Garibaldi in Napoli (7 settembre 1860) Dopo la conquista di Palermo (maggio 1860) l esercito garibaldino proseguì vittorioso nella conquista dell Italia meridionale e, nel mese di agosto, giunse ad attraversare lo stretto di Messina, puntando su Napoli. Di fronte all avanzata garibaldina, agevolata dalle insurrezioni nelle varie province, l esercito borbonico si disgregò senza opporre una valida resistenza. Il 6 settembre, Francesco II di Borbone, con la moglie Sofia e le truppe più fedeli, fu costretto ad abbandonare Napoli per rifugiarsi nella fortezza di Gaeta, che venne immediatamente circondata dai piemontesi. Il 7 settembre 1860 Garibaldi fece il suo ingresso nella città partenopea, accolto alla stazione ferroviaria da una folla entusiasta e plaudente: per l ultimo tratto di strada, infatti, il generale aveva preferito al proprio cavallo il più comodo treno! 45. Battaglia del Volturno Da Santa Maria a Capua (21 settembre 1860 [in realtà 21 ottobre]) Entrate a Napoli da liberatori, le truppe garibaldine proseguirono la loro marcia: tra il settembre e l ottobre 1860, nei pressi del fiume Volturno, si scontrarono più volte con l esercito borbonico. La battaglia decisiva ebbe luogo il 21 ottobre e fu una delle più importanti battaglie del Risorgimento italiano, sia per il numero dei combattenti coinvolti, che per i risultati ottenuti da Garibaldi, che riuscì ad arrestare la ripresa offensiva dell esercito borbonico. All esercito borbonico, ben armato ed equipaggiato, con buoni ufficiali e soldati, era, infatti, venuta meno l abilità dei capi, mentre i garibaldini, mal preparati e mal armati, potevano contare su comandanti capaci e di grande ascendente, a partire dallo stesso Garibaldi, che mostrò un notevole intuito tattico. I Borbonici furono costretti a ripiegare e la battaglia si risolse in una decisiva vittoria per l esercito garibaldino, supportato, negli ultimi giorni di combattimento, da un battaglione dell esercito regolare piemontese. Dopo la sconfitta sul Volturno, i resti dell esercito borbonico si rifugiarono a Gaeta, ultimo baluardo (con la cittadella di Messina e Civitella del Tronto) a difesa del Regno delle Due Sicilie. L assedio di Gaeta, iniziato dai garibaldini il 13 novembre 1860, fu concluso 29

8 dall esercito sardo il 13 febbraio 1861 e gli ultimi Borbone di Napoli furono costretti all esilio. 46. Incontro di Garibaldi con Vittorio Emanuele (26 ottobre 1860) Dopo la battaglia sul Volturno (21 ottobre 1860) giunse in soccorso ai volontari garibaldini il corpo di spedizione sardo, guidato da Vittorio Emanuele II, che, sconfitto l esercito pontificio a Castelfidardo, aveva occupato i territori papali in Umbria e nelle Marche. La spedizione dell esercito sabaudo era stata organizzata dal primo ministro Cavour, preoccupato di un eccessivo rafforzamento del potere di Garibaldi nel Meridione e lo stesso Vittorio Emanuele II era sceso lungo la penisola allo scopo di fermare il generale e impedire che la spedizione arrivasse fino alle porte di Roma. L attacco alla città papale, infatti, avrebbe provocato l intervento francese (il pontefice godeva della protezione di Napoleone III) e messo a repentaglio le conquiste effettuate fino a quel momento. L incontro tra i due avvenne a Teano, il 26 ottobre 1860; Garibaldi consegnò a Vittorio Emanuele i territori liberati dell Italia meridionale e ottenne che i volontari garibaldini entrassero nell esercito regolare sardo, dopo una selezione, con il medesimo grado rivestito nella spedizione. L incontro rappresentò l adesione del generale alla politica di Casa Savoia, deludendo le aspettative di coloro che auspicavano la fondazione di una repubblica meridionale di stampo mazziniano, che avrebbe dovuto in seguito estendersi anche ai domini papali, conquistando Roma. Lasciate le truppe, Garibaldi si ritirò a Caprera. Nel frattempo, il 13 ottobre, aveva avuto esito positivo il plebiscito per l annessione del Regno delle Due Sicilie al Regno di Sardegna. 47. Custoza Umberto e il Quadrato (24 giugno 1866) Vittorio Emanuele II di Savoia fu nominato re d Italia il 17 marzo 1861, ma il processo di unificazione nazionale non poteva ancora considerarsi concluso: Mantova, il Veneto (che allora comprendeva anche la provincia del Friuli), il Trentino e Trieste appartenevano ancora all Austria, mentre Roma era saldamente nelle mani del Papa. L occasione per tentare il recupero dei territori mancanti fu data all Italia dal conflitto che si aprì tra Prussia e Austria per la supremazia in Germania. Nell aprile del 1866, infatti, il governo italiano, guidato dal generale Alfonso La Marmora, stabilì un alleanza militare con la Prussia del cancelliere Otto von Bismarck: si era creata, un oggettiva convergenza d interessi fra i due stati che vedevano nell Impero austriaco l ostacolo ai loro disegni di unificazione nazionale. 30

9 Secondo i piani prussiani, l Italia avrebbe dovuto impegnare l Austria sul fronte meridionale, ma, in realtà, a causa della scarsa organizzazione dell esercito italiano (alla prima vera prova sul campo dopo la dichiarazione di unità) e agli errori tattici dei suoi generali, la campagna militare italiana fu disastrosa. Il primo scontro con l esercito austriaco avvenne a Custoza il 24 giugno 1866 e la battaglia, che diede inizio alla Terza guerra d indipendenza, vide la sconfitta delle truppe italiane, pur numericamente superiori. Alla battaglia di Custoza partecipò anche l erede al trono sabaudo, il principe Umberto, a capo della 16 a Divisione. Dopo la rovinosa sconfitta, nel muovere da Custoza verso Goito, la divisione guidata dal principe si trovò divisa dal grosso dell esercito e fu attaccata frontalmente da un corpo di Ulani (la cavalleria dell esercito austriaco). La fanteria italiana, disponendosi a quadrato attorno al principe, riuscì a respingere l attacco e a proteggere Umberto, evitando che cadesse prigioniero: l eventuale cattura dell erede al trono di Casa Savoia avrebbe aggiunto un ulteriore duro colpo alla sconfitta in battaglia. 48 A Lissa (20 luglio 1866) La sconfitta di Custoza (24 giugno 1866) causò un generale arresto delle operazioni sul fronte italiano, ma le importanti vittorie prussiane sul fronte tedesco, in particolare quella di Sadowa (3 luglio 1866) misero l Austria nelle condizioni di cercare un accordo che ponesse fine alla guerra. La situazione da parte italiana appariva, però, particolarmente imbarazzante, in quanto le nostre forze armate non avevano guadagnato alcun successo sul campo. L opinione pubblica, indignata per l immobilismo dell esercito e della marina italiani, iniziò a far pressioni affinché la flotta riscattasse l onore della patria, evitando l umiliazione di vedersi consegnare il Veneto dalla Prussia, anziché conquistarlo sul campo. Al fine di rimediare all insuccesso di terra con un eventuale vittoria navale, quindi, il governo ordinò all ammiraglio Carlo Persano di salpare dal porto di Ancona e di attaccare e occupare l isola di Lissa al largo delle coste dalmate. La battaglia navale che ne seguì fu una disfatta per la flotta italiana: gli errori tattici dell ammiraglio Persano portarono all affondamento di entrambe le corazzate, Palestro e Re d Italia, e segnarono la definitiva sconfitta militare italiana. La duplice disfatta, a Custoza e a Lissa, ebbe ovvie conseguenze a livello politico e diplomatico: di tutti i territori che erano obiettivo della guerra, l Italia riuscì ad ottenere solo il Veneto, che fu ceduto dall Austria alla Francia e successivamente donato dalla Francia all Italia. 49. La breccia di Porta Pia (20 settembre 1870) 50. Sul Campidoglio (20 settembre 1870) Gli avvenimenti che in Francia segnarono la fine del Secondo Impero (seguito alla sconfitta dell esercito francese, a Sedan, nella guerra franco prussiana) e la destituzione di Napoleone III, con la proclamazione della Terza Repubblica, aprirono all Italia la strada per 31

10 l annessione di Roma al Regno. Venuta meno la protezione francese sullo Stato Pontificio, infatti, il Governo italiano poté preparare l attacco, stanziando le truppe ai confini del territorio pontificio. Prima di procedere all invasione Vittorio Emanuele II tentò, comunque, la carta della mediazione, ma Pio IX rifiutò qualsiasi compromesso che comportasse il mancato riconoscimento del potere temporale della Chiesa. La mattina del 20 settembre 1870, quindi, l artiglieria dell esercito italiano, guidata dal generale Cadorna, attaccò le mura della città e riuscì ad aprire una breccia di circa trenta metri nelle fortificazioni, accanto a Porta Pia, consentendo a due battaglioni - uno di fanteria, l altro di bersaglieri - di occupare la città. Il 2 ottobre, un plebiscito sancì l annessione di Roma al Regno d Italia; l anno successivo la capitale del Regno fu trasferita da Firenze a Roma. Pio IX condannò aspramente l atto, con cui la Curia romana vedeva sottrarsi il secolare dominio su Roma; si ritirò in Vaticano, dichiarandosi prigioniero dello Stato italiano fino alla morte e intimò ai cattolici - con il celebre decreto Non expedit - di non partecipare più alla vita politica italiana. Questa situazione, indicata come Questione Romana, perdurò fino ai Patti Lateranensi tra Stato e Chiesa del

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

Risorgimento e Unità d'italia

Risorgimento e Unità d'italia Risorgimento e Unità d'italia Il Risorgimento è il periodo in cui i territori italiani ottengono nuovamente l'unità nazionale che l'italia aveva perso con la caduta dell'impero romano. Durante il Risorgimento

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Negli anni successivi al Congresso di Vienna le libertà di pensiero, parola e libera associazione erano state particolarmente limitate per mantenere

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 11 IL RISORGIMENTO A cura di Maurizio Cesca Il congresso di Vienna... 1 Le idee liberali... 2 Le società

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

L Italia tra unità e disunità

L Italia tra unità e disunità L Italia tra unità e disunità Identità e senso di appartenenza Che cosa significa sentirsi italiani? (divario tra identità nazionale e identità italiana) Miti fondativi: romanità, Risorgimento, Resistenza

Dettagli

IL RISORGIMENTO ITALIANO 1815-1870. La storia del processo di nascita e indipendenza del Regno d Italia nell anno del suo 150 Anniversario 1861-2011

IL RISORGIMENTO ITALIANO 1815-1870. La storia del processo di nascita e indipendenza del Regno d Italia nell anno del suo 150 Anniversario 1861-2011 IL RISORGIMENTO ITALIANO 1815-1870 La storia del processo di nascita e indipendenza del Regno d Italia nell anno del suo 150 Anniversario 1861-2011 1815-1848 dalla restaurazione alla giovine italia LA

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

I garibaldini fecero irruzione nella via verso la Fiera Vecchia, oggi via Garibaldi. Qualche finestra si aperse, qualche testa si sporse, ma gente

I garibaldini fecero irruzione nella via verso la Fiera Vecchia, oggi via Garibaldi. Qualche finestra si aperse, qualche testa si sporse, ma gente GARIBALDI A PALERMO Giuseppe Cesare Abba nella sua Storia dei Mille fornisce un racconto dettagliato degli incredibili giorni che segnarono la fine del dominio borbonico a Palermo. Dopo lo sbarco a Marsala

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Guerre e rivolte del XVII secolo italiano 1613-1617 / Prima guerra del Monferrato: Savoia e Venezia contro Gonzaga e Spagna; Monferrato

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

La Restaurazione dopo la Rivoluzione e Napoleone

La Restaurazione dopo la Rivoluzione e Napoleone La Restaurazione dopo la Rivoluzione e Napoleone Il Congresso di Vienna fu una conferenza tenutasi nell allora capitale dell Impero austriaco, dal 1 novembre 1814 all 8 giugno 1815. Vi parteciparono le

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870)

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Il Risorgimento : creare l'italia 1 Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Introduzione : Momento centrale della storia italiana perché è il momento della nascita ufficiale di un paese

Dettagli

Risorgimento Le guerre d indipendenza: verso l Unità d Italia La prima guerra d'indipendenza Nasce il regno d Italia

Risorgimento Le guerre d indipendenza: verso l Unità d Italia La prima guerra d'indipendenza Nasce il regno d Italia Risorgimento E il processo che portò alla formazione dello Stato italiano unitario nell'ottocento. Il Risorgimento cominciò dopo il Congresso di Vienna come reazione alla restaurazione. In Italia i patrioti

Dettagli

Napoleone, la Francia, l l Europa

Napoleone, la Francia, l l Europa L Età napoleonica Napoleone, la Francia, l l Europa Nel 1796 Napoleone intraprese la campagna d d Italia. Tra il 1796 e il 1799 l l Italia passò sotto il dominio francese. Nacquero alcune repubbliche(cisalpina,

Dettagli

11 Maggio 1860 Garibaldi e il suo esercito di volontari. 27 Maggio 1860 Garibaldi giunge a Palermo e la conquista il 30.

11 Maggio 1860 Garibaldi e il suo esercito di volontari. 27 Maggio 1860 Garibaldi giunge a Palermo e la conquista il 30. LA SPEDIZIONE DEI MILLE 1859 Crispi e Pilo cercano di organizzare un moto anti- Notte tra il 5 e il 6 Maggio Le Camicie Rosse sequestrano 25 Ottobre - Presa di Teano e Caserta - Garibaldi consegna le regioni

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

BATTAGLIONE CACCIATORI DI COMACCHIO

BATTAGLIONE CACCIATORI DI COMACCHIO BATTAGLIONE CACCIATORI DI COMACCHIO Franco Sasso 1 Il 6 gennaio 1860 il Capo di Stato Maggiore delle truppe della Lega dell Italia Centrale, colonnello Carlo Mezzacapo, inviò, dal quartier generale in

Dettagli

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

Napoleone Bonaparte. Prof. Stefano Facchini anno scolastico 2008-2009 Scuola media Marconi

Napoleone Bonaparte. Prof. Stefano Facchini anno scolastico 2008-2009 Scuola media Marconi Napoleone Bonaparte Grazie alla gloria conquistata sui campi di battaglia riesce a raggiungere il potere, fino a costituire il più vasto impero d Europa Prof. Stefano Facchini anno scolastico 2008-2009

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com CalenDiario 2011: L Italia compie 150 anni CalenDiario Nel 2011 l Italia compie 150

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

II GUERRA DI INDIPENDENZA (26/4/1859-17/3/1861)

II GUERRA DI INDIPENDENZA (26/4/1859-17/3/1861) II GUERRA DI INDIPENDENZA (26/4/1859-17/3/1861) Anche in seguito agli insuccessi dei democratici (es: fallimento della spedizione di Carlo Pisacane, 1857), il progetto politico di Cavour raccoglie sempre

Dettagli

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani Alle radici della questione balcanica 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani L impero ottomano L impero turco ottomano raggiunge la sua massima espansione

Dettagli

Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano

Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano 1 2 3 Il periodo della storia dell'italia in cui l'affermarsi di una coscienza

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale La Germania Era l'ultima tra le potenze arrivate Per poter conquistare e mantenere le proprie colonie, potenzia l'esercito e la flotta più delle altre nazioni europee, che non

Dettagli

Genio ALTRE ARMI E CORPI

Genio ALTRE ARMI E CORPI ALTRE ARMI E CORPI I Caduti varesini che militavano in altre Armi, Corpi e Servizi, oltre alla Fanteria e all Artiglieria, furono 487 così suddivisi: Genio Zappatori 73 Genio Telegrafisti 31 Genio Pontieri

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

La spedizione dei Mille

La spedizione dei Mille La spedizione dei Mille Da Quarto a Teano... Gli obiettivi raggiunti Con la seconda guerra di indipendenza, l Italia aveva ottenuto la liberazione della Lombardia, della Toscana, dell Emilia. Ancora molte

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

RISORGIMENTO! Gli Eventi

RISORGIMENTO! Gli Eventi Gli Eventi Il Risorgimento Italiano è il protagonista di questo allestimento realizzato per ricordare a cittadini e turisti, attraverso le tappe fondamentali del periodo, come siamo diventati Nazione.

Dettagli

LE SCHEDE DIDATTICHE DELLA MAESTRA MPM LE GUERRE PERSIANE

LE SCHEDE DIDATTICHE DELLA MAESTRA MPM LE GUERRE PERSIANE LE GUERRE PERSIANE Mentre le città greche si sviluppavano, i Persiani crearono un vastissimo impero sottomettendo tutti i popoli conquistati. Sparta e Atene, piuttosto di perdere la propria libertà affrontarono

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia

Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia Problemi strutturali dell economia italiana nell ottocento o squilibri nel settore agricolo (aziende moderne al nord,

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

CRONOLOGIA ESSENZIALE DEL RISORGIMENTO ITALIANO

CRONOLOGIA ESSENZIALE DEL RISORGIMENTO ITALIANO CRONOLOGIA ESSENZIALE DEL RISORGIMENTO ITALIANO Congresso di Vienna (1814-15) Al termine delle guerre napoleoniche, il Congresso di Vienna ripristinò l'assetto territoriale degli stati europei e restaurò

Dettagli

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi Il Basso Medioevo A cura del prof. Marco Migliardi Introduzione Il drammatico scontro per il diritto di nomina dei vescovi (le investiture) che oppone Papato e Impero è in realtà solo un aspetto del più

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

Nome... Cognome... Classe... Data... VERIFICA DI STORIA. 1) Indica se le seguenti affermazioni sono Vere o False

Nome... Cognome... Classe... Data... VERIFICA DI STORIA. 1) Indica se le seguenti affermazioni sono Vere o False Nome... Cognome... Classe... Data... VERIFICA DI STORIA 1) Indica se le seguenti affermazioni sono Vere o False Antichi imperi in crisi... All'inizio del Novecento: V F L'impero asburgico è governato da

Dettagli

CAPITOLO QUINTO L UNITÀ ITALIANA

CAPITOLO QUINTO L UNITÀ ITALIANA CAPITOLO QUINTO L UNITÀ ITALIANA Sommario: 1. L Italia tra reazione e liberalismo. - 2. Cavour. - 3. La guerra di Crimea. - 4. La ripresa dei moti mazziniani e l alleanza con Napoleone III. - 5. La seconda

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore La Prima guerra mondiale Lezioni d'autore Carta dell Europa al 1914, da www.silab.it/storia L Europa del secondo Ottocento Periodo di pace, dalla guerra franco-tedesca del 1870 alla guerra 1914-1918. Modifiche

Dettagli

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse La Grande guerra dinamiche e problemi 2. Le premesse Sarajevo 28 giugno 1914 La prima guerra mondiale, alla quale l Italia avrebbe partecipato dal 24 maggio 1915 con intensità crescente e verso la fine

Dettagli

UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI)

UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI) UN GIOCO STRATEGICO DI ATTACCO E DI CONQUISTA (DA 3 A 6 GIOCATORI ETA : PER GIOVANI E ADULTI) CONTENUTO Ogni scatola comprende: 1 tabellone rappresentante l Europa suddivisa in 6 Imperi e 44 Territori,

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA

PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA di Angelo Fasolo L Italia si trovò spiazzata dallo scoppio della prima guerra mondiale. La triplice alleanza, nata il 20 maggio 1882, era un patto militare di carattere esclusivamente

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati

Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati 1000-1454 ITC Custodi, gennaio 2012 1 La nascita dei comuni Le città dell Europa centrale, che erano sottoposte a un signore, a un conte o a un vescovo,

Dettagli

Pensieri e azioni del Risorgimento italiano/1 1830-1849

Pensieri e azioni del Risorgimento italiano/1 1830-1849 Pensieri e azioni del Risorgimento italiano/1 1830-1849 Il pensiero democratico - repubblicano Gli inizi di Giuseppe Mazzini Mazzini all epoca dell arresto Dopo l esito negativo dei moti del 1820-31, la

Dettagli

Pensieri e azioni del Risorgimento/2: l unità d Italia 1850-1861

Pensieri e azioni del Risorgimento/2: l unità d Italia 1850-1861 Pensieri e azioni del Risorgimento/2: l unità d Italia 1850-1861 Corrado Cagli, pannello con Vittorio Emanuele II, Cavour e Garibaldi, in Il trionfo di Mussolini, 1937 L Italia alla vigilia dell unificazione,

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

La repubblica di Weimar

La repubblica di Weimar Hitler e il nazismo La repubblica di Weimar Mentre gli eserciti degli imperi centrali stavano perdendo la guerra, in Germania vi fu una rivoluzione che portò nel novembre 1918 al crollo dell impero (il

Dettagli

1 CONCORSO FOTOGRAFICO GIUSEPPE BERTUCCI

1 CONCORSO FOTOGRAFICO GIUSEPPE BERTUCCI Comune di Bardi Prov. di Parma P.zza Vittoria 1 43032 1 CONCORSO FOTOGRAFICO GIUSEPPE BERTUCCI REGOLAMENTO 1. Il tema del concorso è obbligato ed è il seguente: Il territorio del Comune di Bardi e della

Dettagli

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Il periodo storico che viene trattato in questa unità didattica va dagli inizi del V secolo a.c. alla fine del I secolo a.c. e riguarda la Grecia, la Macedonia

Dettagli

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte GIAPPONE ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte 1913/1920 grande sviluppo industriale e urbano: occupazione mercato asiatico Con la pace: crisi economica, revanchismo.

Dettagli

STORIA 10. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI

STORIA 10. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni

Dettagli

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D'INGHILTERRA, noto anche con il nome di Riccardo Cuor di Leone nacque in Inghilterra l 8 settembre 1157, quarto figlio del re d Inghilterra ENRICO

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

Proposta di lettura statistica del database

Proposta di lettura statistica del database Proposta di lettura statistica del database Giovanni Aiassa Transiti nel Battaglione dei Cacciatori Franchi dal 1 gennaio 1859 al 31 dicembre 1861 Presentiamo dati e considerazioni che emergono dall analisi

Dettagli

IL RISORGIMENTO ITALIANO

IL RISORGIMENTO ITALIANO IL RISORGIMENTO ITALIANO Processo storico che, iniziato con i moti del 1820-21, si conclude con l unità d Italia. 17 marzo, insorge VENEZIA e proclama la Repubblica. 18 marzo, insorge MILANO. Il popolo

Dettagli

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin Le donne occuparono un ruolo molto importante durante la seconda guerra mondiale. Prima

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

dominio austriaco. Non è una nazione e non ha un unità. L unico Stato indipendente è il regno di Sardegna.

dominio austriaco. Non è una nazione e non ha un unità. L unico Stato indipendente è il regno di Sardegna. Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna»: un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

l'europa dopo il congresso di Vienna L'Italia dopo il Congresso di Vienna

l'europa dopo il congresso di Vienna L'Italia dopo il Congresso di Vienna l'europa dopo il congresso di Vienna L'Italia dopo il Congresso di Vienna Le idee del Risorgimento: i liberali e i democratici Giuseppe Mazzini Carlo Cattaneo Vincenzo Gioberti Cesare Balbo Massimo d'azeglio

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Il 28 giugno 1914, a Sarajevo, l arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono d Austria, e sua moglie Sofia furono uccisi dal nazionalista serbo Gavrilo Princip. L'imperatore

Dettagli

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 A partire dal 1935 la Germania nazista di Hitler iniziò ad attuare la sua politica espansionistica, approfittando della debolezza e delle problematiche economiche di

Dettagli

Le guerre del V secolo

Le guerre del V secolo Le guerre del V secolo I Guerra Persiana (490) II Guerra Persiana (480-479) Guerra del Peloponneso (431-404) La prima guerra persiana Fonti importanti: Erodoto Studialo nelle note Eschilo (tragediografo),

Dettagli

DAL CONGRESSO DI VIENNA ALL'ETÀ DELL'IMPERIALISMO

DAL CONGRESSO DI VIENNA ALL'ETÀ DELL'IMPERIALISMO indice 1. Dalla restaurazione alle rivoluzioni del 1848 2. L affermazione della società borghese 3. L Italia dopo l unità 1815-1848 1850-1870 1860-1870 1.1 Gli stati europei durante la restaurazione 1.2

Dettagli

СУВОРОВСКИЕ ДНИ В ИТАЛИИ GIORNATE DI SUVOROV IN ITALIA

СУВОРОВСКИЕ ДНИ В ИТАЛИИ GIORNATE DI SUVOROV IN ITALIA REGOLAMENTO per l organizzazione del progetto giovanile dedicato al 212 anniversario della Campagna italiana di A.V. Suvorov Il progetto è promosso in concomitanza dell Anno della Cultura italiana e della

Dettagli

Corso di laurea in Mediazione Linguistica Applicata - Prova estratta per l AA 2006/07

Corso di laurea in Mediazione Linguistica Applicata - Prova estratta per l AA 2006/07 Corso di laurea in Mediazione Linguistica Applicata - Prova estratta per l AA 2006/07 Prova n. 1 Scrivere nelle righe seguenti il riassunto del testo ascoltato (lunghezza minima 5 righe; massima 10 righe):

Dettagli

Umberto Montefiori ASSALTO AL MONARCA

Umberto Montefiori ASSALTO AL MONARCA Assalto al Monarca Umberto Montefiori ASSALTO AL MONARCA se non riuscimmo non fu per mancanza di valore più dell ardire poté la sorte PATRIA e ONORE Alessandro Piòla Caselli www.booksprintedizioni.it

Dettagli

Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di

Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di svolgere a Torino, prima Capitale d Italia, il 3 Raduno

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli