INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE"

Transcript

1 AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo)

2

3 Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni Obblighi del datore di lavoro Diritti del datore di lavoro Obblighi del lavoratore Diritti del lavoratore: Se l infortunio è mortale Obblighi del datore di lavoro Diritti del datore di lavoro Obblighi del lavoratore Diritti del lavoratore Se l infortunio è collettivo Obblighi del datore di lavoro Diritti del datore di lavoro Obblighi dei lavoratori infortunati Diritti dei lavoratori infortunati Infortunio con prognosi superiore a 3 giorni Obblighi del lavoratore infortunato Diritti del lavoratore infortunato Obblighi del datore di lavoro Diritti del datore di lavoro...18 QUANDO SI MANIFESTA UNA MALATTIA PROFESSIONALE Diritti e obblighi Obblighi del lavoratore tecnopatico Diritti del lavoratore tecnopatico Obblighi del datore di lavoro Diritti del datore di lavoro...25 PRESTAZIONI Prestazioni sanitarie per gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali Diritti del lavoratore Prestazioni integrative (o assistenziali) per gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali Diritti del lavoratore Prestazioni economiche INAIL L indennità giornaliera per inabilità temporanea assoluta al lavoro L indennizzo delle inabilita permanenti per danno biologico e conseguenze patrimoniali L integrazione della rendita diretta La rendita ai familiari superstiti nel caso di morte del lavoratore per infortunio o tecnopatia L assegno funerario La rendita di passaggio per i lavoratori affetti da silicosi o asbestosi L assegno per assistenza personale continuativa (a.p.c.)...36 pag 3 di 39

4 8.8 Fondo di sostegno per i familiari delle vittime di gravi infortuni sul lavoro...36 ALLEGATI pag 4 di 39

5 QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni 1.1 Obblighi del datore di lavoro - Deve annotare cronologicamente il caso sul Registro Infortuni aziendale, se l infortunio comporta l assenza dal lavoro per almeno un giorno, escluso quello dell evento (art. 53, c. 6, del D.Lgs. n. 81/2008); - deve corrispondere al lavoratore infortunato l intera retribuzione per il giorno dell infortunio, anche se è occorso durante la prima ora di lavoro (art. 73 del DPR n. 1124/1965); - deve corrispondere al lavoratore infortunato almeno il 60% della retribuzione per i tre giorni successivi di carenza dell assicurazione, salvo migliori condizioni previste dal CCNL (art. 73 del DPR n. 1124/1965); - se l infortunio, già diagnosticato guaribile entro 3 gg., si prolunga poi al 4, il termine per l inoltro della denuncia di infortunio all INAIL e alla P.S. decorre da quest ultimo giorno (art. 53 del DPR n. 1124/19659); - non c è alcun obbligo di denuncia all INAIL: l assicurazione sociale non interviene perché si tratta di un periodo che è considerato di carenza o franchigia; - non c è, ovviamente, nemmeno l obbligo di informare l autorità di Pubblica Sicurezza del luogo dove è avvenuto l infortunio. 1.2 Diritti del datore di lavoro - Queste tipologie di brevi infortuni non configurano, di norma, diritti per il datore di lavoro, nemmeno quello al parziale esonero dalla responsabilità civile che in queste fattispecie non può esservi perché l infortunio non ha, di fatto, causato danni, nemmeno al lavoratore. 1.3 Obblighi del lavoratore - L assicurato è obbligato a dare immediata notizia di qualsiasi infortunio che gli accada, anche se di lieve entità, al proprio datore di lavoro. (art. 52 del DPR 1124/1965); - il lavoratore infortunato ha l obbligo di fare avere subito al datore di lavoro, il primo certificato medico redatto dal Pronto Soccorso o dal medico che per primo l ha soccorso. pag 5 di 39

6 1.4 Diritti del lavoratore - Il lavoratore infortunato ha diritto all intera retribuzione per il giorno dell infortunio, anche se questo è occorso durante la prima ora di lavoro. (art. 73 del DPR n. 1124/1965); - ii lavoratore infortunato ha diritto ad almeno il 60% della retribuzione per i tre giorni successivi di carenza dell assicurazione, salvo migliori condizioni previste dal CCNL di categoria. (art. 73 del DPR n. 1124/1965). pag 6 di 39

7 2. Se l infortunio è mortale 2.1 Obblighi del datore di lavoro - Se l infortunio ha causato la morte del lavoratore, o comunque vi è pericolo di vita, il datore di lavoro deve anticipare la Denuncia d infortunio all INAIL entro 24 ore a mezzo telegramma, oppure a mezzo fax, , ecc.; - deve corrispondere al lavoratore l intera retribuzione per il giorno dell infortunio, anche se è occorso durante la prima ora di lavoro (art. 73 del DPR n. 1124/1965); - deve inviare copia della denuncia d infortunio alla autorità di P.S.; - per il resto, nei casi di infortuni mortali, il datore di lavoro ha poi gli stessi, identici obblighi che sono previsti per gli infortuni con prognosi superiore a 3 gg. non mortali, che sono riportati in dettaglio nella parte specifica della presente; - la DPL, cui l Autorità di P.S. del luogo dove è avvenuto l infortunio invierà la copia della denuncia d infortunio, disporrà e darà corso alla prevista Inchiesta Amministrativa d ufficio (art. 56 del DPR n. 1124/1965). 2.2 Diritti del datore di lavoro - Nel caso di infortuni mortali, come peraltro in tutti gli altri casi di infortuni con prognosi superiore a 3 gg., il datore di lavoro ha diritto al parziale esonero dalla responsabilità civile per i danni che l infortunio ha causato al lavoratore e a eventuali terzi (art. 10 del DPR n. 1124/1965); - l esonero, che può riguardare solo il datore di lavoro e mai un terzo, anche se dipendente della stessa azienda, è parziale perché opera soltanto se esistono le condizioni, ed entro i limiti che sono tassativamente previsti dalla legge; - l esonero opera anche se il datore di lavoro non ha adempiuto ai suoi obblighi assicurativi nei confronti dell INAIL, perché i ritardati o i mancati pagamenti dei premi, le evasioni o le omissioni contributive non incidono su questo aspetto ma comportano soltanto conseguenze di ordine sanzionatorio; - l esonero non opera quando il datore di lavoro o le persone dei cui operato egli deve rispondere secondo le norme del codice civile, abbiano riportato condanna definitiva, sia in sede penale che civile, per il fatto dal quale è occorso l infortunio; - in particolare il datore di lavoro non è esonerato dalla responsabilità civile ed è chiamato a rispondere con il risarcimento del danno secondo il diritto comune quando: il fatto da cui è stato causato l infortunio è un reato perseguibile d ufficio e non a querela di parte; pag. 7 di 39

8 il reato è stato accertato con una sentenza penale di condanna passata in giudicato. 2.3 Obblighi del lavoratore - L assicurato è obbligato a dare immediata notizia di qualsiasi infortunio che gli accada, anche se di lieve entità, al proprio datore di lavoro. (art. 52 del DPR 1124/1965); - poiché il lavoratore è deceduto a seguito dell infortunio, qualcun altro (sovrintendente, superiore gerarchico, compagno di lavoro, ecc.) dovrà avvisare subito il datore di lavoro dell incidente che è avvenuto e fargli avere il primo certificato medico redatto dal Pronto Soccorso o dal medico che per primo l ha soccorso. 2.4 Diritti del lavoratore - Il lavoratore ha diritto all intera retribuzione per il giorno dell infortunio che ne ha causato la morte, anche se questo è occorso durante la prima ora di lavoro (art. 73 del DPR n. 1124/1965); - tutti gli altri diritti del lavoratore deceduto a causa dello infortunio passano, per diritto soggettivo proprio e non a titolo ereditario, ai suoi superstiti aventi diritto che sono: il coniuge, (non legalmente ed effettivamente separato), e i figli (legittimi, naturali, riconosciuti o riconoscibili, adottivi, ecc.). Se non ve ne sono subentrano gli ascendenti (genitori) e i collaterali (fratelli e sorelle) (art. 85 del DPR n. 1124/1965); - i superstiti del lavoratore deceduto a seguito dell infortunio hanno diritto a ricevere dall INAIL le prestazione assicurative economiche, tra cui la rendita ai superstiti nelle misure previste dalla legge a seconda della composizione del nucleo familiare (art. 85 del DPR n. 1124/1965); - quando i superstiti aventi diritto sono gli ascendenti (genitori) questi, per ottenere dall INAIL le prestazioni assicurative, devono provare la c.d. vivenza a carico, cioè dimostrare che sono senza mezzi di sussistenza autonomi sufficienti e che al loro mantenimento concorreva in modo efficiente il defunto (art. 106 del DPR n. 1124/1965); - la rendita che l INAIL costituisce a favore dei superstiti del lavoratore deceduto a seguito dell infortunio decorre dal giorno successivo a quello della morte (art. 105 del DPR n. 1124/1965). pag. 8 di 39

9 3. Se l infortunio è collettivo 3.1 Obblighi del datore di lavoro - Sono detti infortuni collettivi quelli che vedono coinvolti, contemporaneamente, più di un lavoratore della stessa azienda; - in questi casi il datore di lavoro deve inoltrare all INAIL tante distinte Denunce d infortunio quanti sono i lavoratori coinvolti nell incidente; - corrispondere ai lavoratori l intera retribuzione per il giorno dell infortunio, anche se è occorso durante la prima ora di lavoro (art. 73 del DPR n. 1124/1965); - corrispondere ai lavoratori infortunati almeno il 60% della retribuzione per i 3 giorni successivi, salvo migliori condizioni previste dal CCNL (art. 73 del DPR n. 1124/1965); - inviare le copie di tutte le denunce d infortunio alla P.S.; - la DPL disporrà e darà corso alla prevista inchiesta amministrativa d ufficio (art. 56 del DPR n. 1124/1965). Per il resto, nei casi di infortuni collettivi, il datore di lavoro ha gli stessi, identici obblighi che sono previsti per gli infortuni con prognosi superiore a 3 gg. non collettivi. 3.2 Diritti del datore di lavoro - Nel caso di infortuni collettivi, come peraltro in tutti gli altri casi di infortuni con prognosi superiore a 3 gg., il datore di lavoro ha diritto al parziale esonero dalla responsabilità civile per i danni che l infortunio ha causato al lavoratore e a eventuali terzi (art. 10 del DPR n. 1124/1965); - l esonero, che può riguardare solo il datore di lavoro e mai un terzo, anche se dipendente della stessa azienda, è parziale perché opera soltanto se esistono le condizioni, ed entro i limiti che sono tassativamente previsti dalla legge; - l esonero opera anche se il datore di lavoro non ha adempiuto ai suoi obblighi assicurativi nei confronti dell INAIL, perché i ritardati o i mancati pagamenti dei premi, le evasioni o le omissioni contributive non incidono su questo aspetto ma comportano soltanto conseguenze di ordine sanzionatorio; - l esonero non opera quando il datore di lavoro o le persone dei cui operato egli deve rispondere secondo le norme del codice civile, abbiano riportato condanna definitiva, sia in sede penale che civile, per il fatto dal quale è occorso l infortunio; - in particolare il datore di lavoro non è esonerato dalla responsabilità civile ed è chiamato a rispondere con il risarcimento del danno secondo il diritto comune quando: pag. 9 di 39

10 il fatto da cui è stato causato l infortunio è un reato perseguibile d ufficio e non a querela di parte; il reato è stato accertato con una sentenza penale di condanna passata in giudicato. 3.3 Obblighi dei lavoratori infortunati - L assicurato è obbligato a dare immediata notizia di qualsiasi infortunio che gli accada, anche se di lieve entità, al proprio datore di lavoro. (art. 52 del DPR 1124/1965); - il lavoratore che non informa per tempo il datore di lavoro dell infortunio subito, e lo costringe quindi a inoltrare in ritardo la Denuncia d infortunio all INAIL, è punito con la perdita del diritto a ottenere le prestazioni economiche per i giorni precedenti quello in cui il datore di lavoro ha avuto notizia dell infortunio e ha ricevuto il primo certificato medico (art. 52 del DPR 1124/1965); - ognuno dei lavoratori infortunati, o chi per loro se a ciò sono impediti ha l obbligo di fare avere: subito al datore di lavoro, il primo certificato medico redatto dal Pronto Soccorso o dal medico che per primo l ha soccorso; al datore di lavoro, per l inoltro all INAIL, gli eventuali certificati di continuazione delle cure redatti dal medico di famiglia curante o da altro sanitario; al datore di lavoro, per l inoltro all INAIL, il certificato definitivo di conclusione dell infortunio redatto dal medico di famiglia curante o da altro sanitario; - è da notare che il certificato definitivo non sempre è indispensabile perché, per prassi, l INAIL è solito chiudere in automatico gli infortuni alla scadenza della prima prognosi, salvo riaprirli se e quando perviene l eventuale certificato di continuazione delle cure; - i certificati di continuazione e di chiusura degli infortuni possono essere rilasciati gratuitamente dall INAIL presentandosi a visita presso la Sede che gestisce la pratica; - l infortunato non può, senza giustificato motivo, rifiutare di sottoporsi alle cure mediche e chirurgiche che l Istituto assicuratore ritenga necessarie. (art. 87 del DPR n. 1124/1965); - ognuno dei lavoratori infortunati ha l obbligo di sottoporsi alle visite di controllo che l INAIL intende eseguire, presentandosi, a seguito di convocazione presso le Sedi territoriali dell Istituto; - non esistono i controlli domiciliari e quindi nemmeno le fasce orarie di reperibilità, ma i CCNL possono prevedere l obbligo di reperibilità nelle fasce orarie anche per le assenze dei lavoratori per infortunio o malattia professionale; pag. 10 di 39

11 - il mancato rispetto di tale obbligo però, se accertato dai medici ASL o INPS, autorizza il datore di lavoro ad applicare la sanzione disciplinare, se prevista dal CCNL, ma non comporta la perdita delle indennità INAIL da parte del lavoratore; - nel caso l infortunio è dovuto a incidente stradale, gli infortunati non possono accettare indennizzi, né conciliare o transigere con la Compagnia assicuratrice che, in virtù della polizza RC Auto, copre l automobilista responsabile del sinistro, se a ciò non è espressamente autorizzati dall INAIL; - in ogni caso l indennizzo potrà riguardare le sole voci di danno non riconosciute dall INAIL (c.d. danno differenziale); - ognuno dei lavoratori ha il dovere di sottoporsi, su invito dell INAIL entro 10 anni dalla data di costituzione della rendita, alle visite medico-legali di revisione periodica del grado di inabilità permanente (ciò potrà portare una conferma, un aumento o la riduzione del grado d invalidità precedentemente riconosciuto). Le revisioni sono al massimo 4 nei primi 4 anni, di cui la prima dopo almeno 1 anno dalla data dell infortunio e non prima di 6 mesi dalla data di costituzione della rendita; mentre le altre non prima di 1 anno da quella precedente. Dopo i primi 4 anni sono possibili solo altre 2 revisioni, da eseguire rispettivamente alla scadenza del 7 e del 10 anno dalla data di c ostituzione della rendita. 3.4 Diritti dei lavoratori infortunati - Ognuno dei lavoratori infortunati ha diritto a: essere trasportato al più vicino posto di Pronto Soccorso a cura e spese del datore di lavoro (art. 92 del DPR n. 1124/1965); percepire dal datore di lavoro l intera retribuzione per il giorno in cui è avvenuto l infortunio, anche se è accaduto durante la prima ora di lavoro (art. 73 del DPR n. 1124/1965); percepire dal datore di lavoro almeno il 60% della retribuzione per i 3 gg. successivi a quello dello infortunio, salvo eventuali, migliori condizioni previste dal CCNL di categoria (art. 73 del DPR n. 1124/1965). - Altri diritti dei lavoratori infortunati: in quanto cittadino e non quale assicurato INAIL, ha diritto a ricevere dal Servizio Sanitario Nazionale (ASL) le cure sanitarie e le prestazioni mediche, ospedaliere, chirurgiche, ecc.; ha diritto alle prestazioni assicurative anche quando l infortunio non è stato denunciato dal datore di lavoro, a condizione che la denuncia venga fatta entro 3 anni dalla data dell infortunio (art. 112 del DPR n. 1124/1965); non può, senza giustificato motivo, rifiutare di sottoporsi alle cure mediche e chirurgiche che l INAIL ritenga necessarie (art. 87 del DPR n. 1124/1965); pag. 11 di 39

12 ha il diritto di chiedere, producendo idonea certificazione medica entro 10 anni dalla costituzione della rendita, la revisione del grado di invalidità permanente nel caso di aggravamento delle sue condizioni; ha diritto di chiedere la riapertura dell infortunio nel caso di eventuali, successive ricadute dovute allo stesso evento infortunistico; ha diritto a ricevere comunque le prestazioni previdenziali nei casi dubbi (infortunio o di malattia comune) dall Ente che per primo ha avuto notizia dell evento, in virtù di apposita convenzione stipulata tra INPS e INAIL (circ. INAIL n. 38/2009); ha diritto di opporsi alle decisioni dell INAIL inoltrando ricorso (opposizione) entro 60 gg. dalla data di piena conoscenza del provvedimento dell Istituto (ad es.: disconoscimento del caso come infortunio sul lavoro o divergenze circa l entità del grado d invalidità assegnato, sia in prima istanza che in sede di revisione); ha diritto di avvalersi della consulenza e dell intervento, completamente gratuito, degli enti di Patronato che lo assistono; ognuno dei lavoratori è legittimato, ex art. 185 c.p., ad agire avverso il datore di lavoro nei confronti del quale sia stata accertata la responsabilità civile: diretta (per fatto proprio) o indiretta (per fatto imputabile a coloro che egli ha incaricato della direzione o sorveglianza del lavoro e di coloro del cui operato deve comunque rispondere ex art c.c.), per essere risarcito secondo le norme comuni, sia per i danni patrimoniali (art c.c.), sia per i danni non patrimoniali (art c.c.); tale azione deve però essere limitata alla sola quota di danno che eccede l ammontare delle prestazioni già erogate dall INAIL, vale a dire al c.d. danno differenziale (art. 10, commi 6 e 7, del DPR n. 1124/1965); l azione risarcitoria può riguardare anche eventuali voci di danno non coperte dall assicurazione INAIL, come ad es. il danno morale ex art c.c. ; non rientra nel danno differenziale il valore capitale della rendita calcolato ex art. 10, c. 8, del DPR n. 1124/1965 in base al sistema tabellare di cui all art. 39 del DPR n. 1124/1965 e successive modifiche e integrazioni (Cass., n. 3503/1986); analoga azione risarcitoria può essere esperita, sempre per il danno differenziale o per quelli non assicurati dall INAIL, dai lavoratori nei confronti del terzo riconosciuto civilmente responsabile dell infortunio; ognuno dei lavoratori infortunati ha il diritto di ricevere le prestazioni che la vigente legislazione sull assicurazione sociale gestita dall INAIL prevede, e che sono: - sanitarie; - economiche; - integrative. pag. 12 di 39

13 4. Infortunio con prognosi superiore a 3 giorni 4.1 Obblighi del lavoratore infortunato - L assicurato è obbligato a dare immediata notizia di qualsiasi infortunio che gli accada, anche se di lieve entità, al proprio datore di lavoro. (art. 52 del DPR 1124/1965); - il lavoratore che non informa per tempo il datore di lavoro dell infortunio subito, e lo costringe quindi a inoltrare in ritardo la Denuncia d infortunio all INAIL, è punito con la perdita del diritto a ottenere le prestazioni economiche per i giorni precedenti quello in cui il datore di lavoro, avuto notizia dell infortunio e ricevuto il primo certificato medico, può fare la denuncia (art. 52 del DPR 1124/1965); - Il lavoratore infortunato, o chi per lui se a ciò è impedito, ha l obbligo di fare avere al datore di lavoro: subito, il primo certificato medico redatto dal Pronto Soccorso o dal medico che per primo l ha soccorso; per l inoltro all INAIL, gli eventuali certificati di continuazione delle cure redatti dal medico di famiglia curante o da altro sanitario; per l inoltro all INAIL, il certificato definitivo di conclusione dell infortunio redatto dal medico di famiglia curante o da altro sanitario; - da notare che il certificato definitivo non sempre è indispensabile perché, per prassi, l INAIL è solito chiudere in automatico gli infortuni alla scadenza della prima prognosi, salvo riaprirli se e quando perviene l eventuale certificato di continuazione delle cure; - i certificati di continuazione e di chiusura degli infortuni possono essere rilasciati gratuitamente dall INAIL presentandosi a visita presso la Sede che gestisce la pratica; - l infortunato non può, senza giustificato motivo, rifiutare di sottoporsi alle cure mediche e chirurgiche che l Istituto assicuratore ritenga necessarie. (art. 87 del DPR n. 1124/1965); - il lavoratore infortunato ha l obbligo di sottoporsi alle visite di controllo che l INAIL intende eseguire, e a tal fine l Istituto gli invia apposite cartoline di convocazione presso le proprie Sedi territoriali; - non esistono i controlli domiciliari e quindi nemmeno le fasce orarie di reperibilità, ma i CCNL possono prevedere l obbligo di reperibilità nelle fasce orarie anche per le assenze dei lavoratori dovute a infortunio o a malattia professionale; - il mancato rispetto di tale obbligo però, se accertato dai medici ASL o INPS, autorizza il datore di lavoro ad applicare la sanzione disciplinare, eventualmente prevista dal CCNL, ma non comporta la perdita delle indennità INAIL da parte del lavoratore; pag. 13 di 39

14 - il lavoratore che simula un infortunio mai avvenuto o aggrava in modo doloso le conseguenze di un infortunio accaduto perde il diritto ad ogni prestazione assicurativa, ferme restando le ulteriori pene stabilite dalla legge per più gravi reati (art. 65 del DPR n. 1124/1965); - nei casi di infortuni sul lavoro dovuti a incidenti stradali, il lavoratore ha l obbligo di non accettare indennizzi, né di conciliare o transigere con la Compagnia assicuratrice che, in virtù della polizza RC Auto, copre l automobilista responsabile del sinistro, se non viene espressamente autorizzato a farlo dall INAIL. In ogni caso l eventuale indennizzo potrà riguardare le sole voci di danno che non sono state già riconosciute dall INAIL (c.d. danno differenziale); - il lavoratore ha il dovere di sottoporsi, su invito dell INAIL entro 10 anni dalla data di costituzione della rendita, alle visite medico-legali di revisione periodica del grado di inabilità permanente (ciò potrà portare una conferma, l aumento o la riduzione del grado d invalidità precedentemente riconosciuto). Le revisioni sono al massimo 4 nei primi 4 anni, di cui la prima dopo almeno 1 anno dalla data dell infortunio e non prima di 6 mesi dalla data di costituzione della rendita; mentre le altre non prima di 1 anno da quella precedente. Dopo i primi 4 anni sono possibili solo altre 2 revisioni, da eseguire rispettivamente alla scadenza del 7 e del 10 anno dalla data di c ostituzione della rendita. 4.2 Diritti del lavoratore infortunato Il principale diritto del lavoratore infortunato è quello di ricevere le prestazioni che la vigente legislazione sull assicurazione sociale gestita dall INAIL prevede, e che sono di carattere: - sanitario; - economico; - integrativo. Altri diritti del lavoratore infortunato: - il lavoratore ha diritto a essere trasportato al più vicino posto di Pronto Soccorso a cura e spese del datore di lavoro (art. 92 del DPR n. 1124/1965); - ha diritto a percepire dal datore di lavoro l intera retribuzione per il giorno in cui è avvenuto l infortunio, anche se è accaduto durante la prima ora di lavoro (art. 73 del DPR n. 1124/1965); - ha diritto a percepire dal datore di lavoro almeno il 60% della retribuzione per i 3 gg. successivi a quello dello infortunio, salvo eventuali, migliori condizioni previste dal CCNL di categoria (art. 73 del DPR n. 1124/1965); - ha comunque diritto alle prestazioni assicurative anche quando l infortunio non è stato denunciato dal datore di lavoro, ma a condizione che la denuncia venga fatta entro 3 anni dalla data in cui è avvenuto l infortunio (art. 112 del DPR n. 1124/1965); pag. 14 di 39

15 - ha il diritto di chiedere, producendo idonea certificazione medica entro 10 anni dalla data di costituzione della rendita, la revisione del grado di invalidità permanente nel caso di aggravamento delle sue condizioni fisiche; - ha diritto di chiedere la riapertura dell infortunio nel caso di eventuali, successive ricadute dovute allo stesso evento infortunistico; - ha diritto a ricevere comunque le prestazioni previdenziali nei casi dubbi (infortunio o di malattia comune) dall Ente che per primo ha avuto notizia dell evento, in virtù di apposita convenzione stipulata tra INPS e INAIL (circ. INAIL n. 38/2009); - in questi casi l Ente che per primo ha ricevuto il certificato medico eroga le prestazioni economiche in via provvisoria nel limite dell indennità di malattia comune secondo le modalità indicate dall INPS, fino all assunzione del caso da parte dell Istituto competente e, comunque, entro i limiti del periodo massimo indennizzabile (180 gg.); - quando è l INAIL a ricevere il certificato, segnala il caso di infortunio che ritiene dubbio all INPS entro 60 giorni, e ne informa per conoscenza sia il lavoratore che il datore di lavoro; l operazione soggiace al termine di prescrizione INAIL di 3 anni e a quello di decadenza INPS di 1 anno; - il lavoratore ha diritto di opporsi sia al rifiuto dell INAIL di corrispondergli le prestazioni, sia in merito alla loro entità, presentando ricorso (opposizione amministrativa) entro 3 anni dal ricevimento del provvedimento contestato (art. 104 del DPR n. 1124/1965); - se il ricorso riguarda questioni sanitarie e viene respinto dall INAIL, si effettua la c.d. collegiale medica tra il medico dell Istituto e quello del lavoratore. Questa procedura non è prevista da alcuna norma, ma è nata dalla consuetudine ed è una prassi ormai consolidata; - il procedimento amministrativo si esaurisce in 150 gg. che diventano 210 nel caso di revisione delle rendite (art. 111 del DPR n. 1124/1965) e, se l esito è sfavorevole o c è il silenzio dell INAIL, il lavoratore può fare ricorso giudiziario; - il lavoratore ha diritto di avvalersi della consulenza e dell intervento, completamente gratuito, degli enti di Patronato; - il lavoratore è legittimato, ex art. 185 c.p., ad agire nei confronti del datore di lavoro nei confronti del quale sia stata accertata la responsabilità civile: diretta (per fatto proprio) o indiretta (per fatto imputabile a coloro che egli ha incaricato della direzione o sorveglianza del lavoro e di coloro del cui operato deve comunque rispondere ex art c.c.), per essere risarcito secondo le norme comuni, sia per i danni patrimoniali (art c.c.), sia per i danni non patrimoniali (art c.c.); - tale azione deve però essere limitata alla sola quota di danno che eccede l ammontare delle prestazioni già erogate dall INAIL, vale a dire al c.d. danno differenziale (art. 10, commi 6 e 7, del DPR n. 1124/1965); pag. 15 di 39

16 - l azione risarcitoria del lavoratore può riguardare anche eventuali voci di danno non coperte dall assicurazione INAIL, come ad es. il danno estetico, il danno morale ex art c.c., ecc.); - analoga azione risarcitoria può essere esperita dal lavoratore nei confronti del terzo riconosciuto civilmente responsabile dell infortunio, ma sempre avuto riguardo al solo danno differenziale o a quelli non coperti dall assicurazione INAIL; - non rientra nel danno differenziale il valore capitale della rendita calcolato ai sensi dell art. 10, comma 8, del DPR n. 1124/1965 in base al sistema tabellare di cui all art. 39 dello stesso DPR n. 1124/1965 e successive modifiche e integrazioni (Cass. n. 3503/1986); - il lavoratore ha diritto alla riabilitazione, alla riqualificazione e al reinserimento socio lavorativo garantito dall INAIL a norma di legge. 4.3 Obblighi del datore di lavoro (allegato 1-Mod. 4-Prest) - Deve registrare cronologicamente entro 24 ore il caso sul Registro Infortuni aziendale, se l infortunio comporta l assenza dal lavoro per almeno un giorno, escluso quello dell evento (art. 53, c. 6, del D.lgs. n. 81/2008); - deve corrispondere al lavoratore infortunato l intera retribuzione per il giorno dell infortunio, anche se è occorso durante la prima ora di lavoro (art. 73 del DPR n. 1124/1965); - deve corrispondere al lavoratore infortunato almeno il 60% della retribuzione per i tre giorni successivi di carenza, salvo migliori condizioni previste dal CCNL (art. 73 del DPR n. 1124/1965); - di norma i CCNL prevedono situazioni di miglior favore, disponendo che il datore di lavoro eroghi anche durante il periodo di carenza l intera retribuzione, e per i giorni successivi vada ad integrare quanto erogato dall INAIL; - il datore di lavoro, nel calcolare l integrazione dovuta, deve ricordarsi di applicare la cd. lordizzazione poiché l importo dovuto dall Istituto è esente da imposizione previdenziale; - se previsto dal CCNL il datore di lavoro deve anche anticipare, per conto dell INAIL, la retribuzione all infortunato durante il periodo di inabilità temporanea al lavoro; - in questi casi il datore deve chiedere, sia con una generale, esplicita istanza indirizzata all INAIL, sia barrando caso per caso la scelta sui moduli di denuncia d infortunio, l applicazione dell art. 70 del DPR n. 1124/1965 che prevede il pagamento delle indennità per inabilità temporanea assoluta al lavoro da parte dell INAIL direttamente all azienda che le ha anticipate; - il datore di lavoro, in sede di anticipazione delle somme per conto INAIL, deve operare le ritenute fiscali e riconoscere le detrazioni di imposta spettanti al lavoratore; pag. 16 di 39

17 - il datore di lavoro deve consentire l accesso in azienda agli ispettori dell Istituto per eseguire gli accertamenti ritenuti necessari ai fini dell erogazione delle prestazioni assicurative previste per i casi di infortunio sul lavoro (art. 19 del DPR n. 1124/1965); - il datore di lavoro deve garantire il posto di lavoro ai lavoratori rimasti disabili a seguito d infortunio sul lavoro (legge n. 68/1999); - il datore di lavoro deve fare la denuncia d infortunio all INAIL entro 2 gg. da quando è venuto a conoscenza dell evento, vale a dire da quando ha ricevuto il primo certificato medico (art. 53 del DPR n. 1124/1965); - alla denuncia d infortunio, se cartacea (mod. 4-Prest), deve sempre essere allegato il primo certificato medico; - se invece la denuncia è effettuata on-line, nel Punto Cliente all interno del sito Internet dell INAIL (www.inail.it), il primo certificato medico deve essere trasmesso per posta raccomandata alla Sede INAIL competente, solo se è questa a richiederlo (art. 53 del DPR n. 1124/1965); - con la denuncia il datore di lavoro deve indicare le modalità di pagamento delle indennità INAIL, barrando le caselle presenti sul modulo: al lavoratore (presso il suo domicilio o presso l azienda) o al datore di lavoro (art. 70 del DPR n. 1124/1965); - se l infortunio, dapprima diagnosticato guaribile in 3 gg. o meno, successivamente, attraverso un ulteriore certificazione medica, supera tale prognosi, il computo dei termini per l inoltro della denuncia d infortunio all INAIL decorre dal 4 giorno successivo a quello in cui è avvenuto l infortunio; - il datore di lavoro deve effettuare, nei modi e nei termini previsti, la denuncia di infortunio per assolvere a un preciso obbligo di legge, senza peraltro fare alcuna valutazione sull indennizzabilità o meno del caso come infortunio sul lavoro, compito che la vigente normativa riserva in esclusiva all INAIL (art. 53 del DPR n. 1124/1965); - la denuncia d infortunio, se cartacea (mod. 4-Prest), deve essere consegnata o inviata per posta alla Sede INAIL competente per la località di domicilio del lavoratore infortunato; se invece la denuncia è on-line l invio alla Sede competente è automatico (art. 13 del DPR n. 1124/1965 modificato dal D.M ); - copia cartacea della denuncia d infortunio, anche quando questa è effettuata online, deve essere inviata per posta o consegnata all autorità di Pubblica Sicurezza del luogo dov è avvenuto l infortunio entro 2 gg. da quando il datore di lavoro ne è venuto a conoscenza, senza allegare alcuna certificazione medica (art. 54 del DPR n. 1124/1965); - se l infortunio è avvenuto in viaggio o all estero la copia della denuncia d infortunio deve essere inviata all autorità di Pubblica Sicurezza nella cui circoscrizione è compreso il primo luogo di fermata del lavoratore in territorio italiano: stazione ferroviaria, porto, aeroporto, ecc. (art. 54 del DPR n. 1124/1965); - se l infortunio ha una prognosi superiore a 30 gg. la DPL, cui l Autorità di P.S. del luogo dove è avvenuto l infortunio invia la copia della denuncia d infortunio, pag. 17 di 39

18 disporrà e darà corso alla prevista Inchiesta Amministrativa d ufficio (art. 56 e segg. del DPR n. 1124/1965); - l omesso o tardivo inoltro all INAIL della denuncia d infortunio comporta l irrogazione di una sanzione amministrativa che va da a (art. 53 del DPR n. 1124/1965), cui è peraltro applicabile la prevista procedura di diffida obbligatoria (art. 13 del D.lgs. n. 124/2004); - analoga sanzione da a (art. 54 del DPR n. 1124/1965), è prevista per l omesso o tardivo inoltro della copia della denuncia d infortunio all autorità di Pubblica Sicurezza del luogo dov è avvenuto l infortunio, ma non è applicabile la procedura di diffida. 4.4 Diritti del datore di lavoro (allegato 2) - Nel caso di infortuni con prognosi superiore a 3 gg., il datore di lavoro ha diritto al parziale esonero dalla responsabilità civile per i danni che l infortunio ha causato al lavoratore e a eventuali terzi (art. 10 del DPR n. 1124/1965); - l esonero, che può riguardare solo il datore di lavoro e mai un terzo, anche se dipendente della stessa azienda, è parziale perché opera soltanto se esistono le condizioni, ed entro i limiti che sono tassativamente previsti dalla legge; - l esonero opera anche se il datore di lavoro non ha adempiuto ai suoi obblighi assicurativi nei confronti dell INAIL, perché i ritardati o i mancati pagamenti dei premi, le evasioni o le omissioni contributive non incidono su questo aspetto ma comportano soltanto conseguenze di ordine Sanzionatorio; - l esonero non opera quando il datore di lavoro o le persone dei cui operato egli deve rispondere secondo le norme del codice civile, abbiano riportato condanna definitiva, sia in sede penale che civile, per il fatto dal quale è occorso l infortunio; - in particolare il datore di lavoro non è esonerato dalla responsabilità civile ed è chiamato a rispondere con il risarcimento del danno secondo il diritto comune quando: il fatto da cui è stato causato l infortunio è un reato perseguibile d ufficio e non a querela di parte; il reato è stato accertato con una sentenza penale di condanna passata in giudicato. pag. 18 di 39

19 QUANDO SI MANIFESTA UNA MALATTIA PROFESSIONALE 5. Diritti e obblighi 5.1 Obblighi del lavoratore tecnopatico - La denuncia della malattia professionale deve essere fatta dall assicurato al datore di lavoro entro il termine di giorni 15 dalla manifestazione di essa... (art. 52, comma 2, del DPR 1124/1965); - il lavoratore che non informa per tempo il datore di lavoro della malattia professionale, e lo costringe quindi a inoltrare in ritardo la Denuncia di malattia professionale all INAIL, decade dal diritto all indennizzo per il tempo antecedente la denuncia (art. 52, comma 2, del DPR 1124/1965); - il lavoratore tecnopatico, o chi per lui se a ciò è impedito, ha l obbligo di fare avere al datore di lavoro il certificato con il quale un medico (ospedaliero, curante, di famiglia, competente aziendale, o altro sanitario) ha diagnosticato una malattia che potrebbe avere origine professionale; - tali obblighi riguardano senz altro i lavoratori asseriti tecnopatici che ancora svolgono attività lavorativa; - mentre i lavoratori che non svolgono più attività lavorativa (pensionati, deceduti) possono presentare, essi stessi o i loro familiari, direttamente all INAIL la domanda di riconoscimento della malattia professionale con la certificazione medica; - in questi casi l INAIL chiede all ultimo datore di lavoro l inoltro della denuncia di malattia professionale; - importante individuare, ai fini della trattazione delle malattie professionali, il momento esatto in cui la patologia si è manifestata e, siccome di solito non è semplice, per convenzione si è stabilito che: se la patologia comporta inabilità, si considera manife-stata il primo giorno di completa assenza dal lavoro (art. 135, comma 1, T.U.); se la malattia non determina astensione dal lavoro, si considera manifestata il giorno in cui il lavoratore diventa consapevole di esserne affetto (Corte Costituzionale, sentenza n. 31/1991); - se la malattia è compresa nell elenco di cui al D.M il medico che l ha diagnosticata ha l obbligo di denunciarla alla ASL, alla DPL e all INAIL, avvalendosi della modulistica e delle istruzioni presenti nel sito Internet - l omessa comunicazione, che è un reato penale, è punita con l irrogazione della pena dell arresto o dell ammenda (art. 139 del DPR 1124/1965); - il lavoratore tecnopatico ha l obbligo di sottoporsi alle visite di controllo che l INAIL intende eseguire, e a tal fine l Istituto invia apposite cartoline di convocazione presso le proprie Sedi territoriali; pag. 19 di 39

20 - non esistono controlli domiciliari e quindi nemmeno le fasce orarie di reperibilità, ma i CCNL possono prevedere l obbligo di reperibilità nelle fasce orarie anche per le assenze dei lavoratori dovute a infortunio o a malattia professionale, quando questa causa inabilità al lavoro; - il mancato rispetto di tale obbligo però, se accertato dai medici ASL o INPS, autorizza il datore di lavoro ad applicare la sanzione disciplinare, eventualmente prevista dal CCNL, ma non comporta la perdita delle indennità INAIL da parte del lavoratore; - il lavoratore ha il dovere di sottoporsi, su invito dell INAIL entro 15 anni dalla data di costituzione della rendita, alle visite medico - legali di revisione periodica del grado di inabilità permanente; - ciò potrà portare ogni volta a una conferma, a un aumento o a una riduzione del grado d invalidità precedentemente riconosciuto che, laddove dovesse risultare inferiore al minimo indennizzabile previsto dalla legge, potrà anche comportare la revoca della rendita in godimento. La prima visita di revisione potrà essere eseguita dopo un anno dalla data di manifestazione della malattia e almeno dopo 6 mesi dalla data di costituzione della rendita; mentre le altre potranno essere effettuate non prima di un anno da quella precedente. L ultima vista dovrà essere eseguita alla scadenza dei 15 anni dalla data di decorrenza della rendita: - nei casi di Silicosi o Asbestosi le visite di revisione possono sempre essere eseguite, senza alcun limite di tempo; - nel rispetto dei tempi in precedenza indicati, se il lavoratore ritiene che le sue condizioni di salute si siano aggravate, può presentare egli stesso una richiesta di revisione accompagnata da apposita certificazione medica alla Sede INAIL di appartenenza; - le decisioni dell Istituto in proposito vengono comunicate per iscritto all interessato che, contro tali provvedimenti, può presentare, se ritiene, ricorso alla stessa Sede INAIL di appartenenza che li ha emessi. 5.2 Diritti del lavoratore tecnopatico Il principale diritto del lavoratore tecnopatico è quello di ricevere le prestazioni che la vigente legislazione sull assicurazione sociale gestita dall INAIL prevede, e che sono di carattere: - sanitario; - economico; - integrativo; - altri diritti del lavoratore tecnopatico; pag. 20 di 39

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

APPROFONDIMENTO 1. Prevenzione nei luoghi di lavoro

APPROFONDIMENTO 1. Prevenzione nei luoghi di lavoro Una panoramica dell Istituto: Cosa facciamo L INAIL - Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro - persegue una pluralità di obiettivi: ridurre, attraverso un intensa attività

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici

La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici Sintesi operative Paghe e contributi La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici a cura di Massimiliano Tavella Dottore commercialista - Cultore della materia presso la

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Vademecum infortuni sul lavoro: cosa fare e a chi rivolgersi A cura di: Comitato di redazione: Comitato Singh Mohinder

Vademecum infortuni sul lavoro: cosa fare e a chi rivolgersi A cura di: Comitato di redazione: Comitato Singh Mohinder tel. +39.06.298777 Vademecum infortuni sul lavoro: cosa fare e a chi rivolgersi è stato realizzato dal Comitato Singh Mohinder nell ambito del Progetto InformaSicurezza. Campagna di informazione e sensibilizzazione

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Pagina1 Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione utenti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili 1 a cura di Maria Patrizia Sparti, Inca Cgil - Area tutela del danno alla persona Capitolo

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli