Monterosso, fra turismo e tradizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Monterosso, fra turismo e tradizione"

Transcript

1 Antropologia culturale Monterosso, fra turismo e tradizione Francesco Bravin Omnia, patres conscripti, quae nunc vetustissima creduntur, nova fuere Tutte le cose, padri coscritti, che ora sono credute antichissime, furono cose nuove Claudio Imperatore, in Tacito, Annali, XI, 24 Monterosso al Mare, Cinque Terre, in provincia della Spezia, è una località conosciuta e rinomata dove il turismo è attualmente la risorsa principale. Ma come ha influito il turismo sulla vita dei Monterossini? Come è cambiata la vita tradizionale? e come la tradizione entra in gioco in un contesto turistico? Fra il 2006 e il 2007 ho svolto una ricerca sul campo di stampo etnografico per rispondere a queste domande, ricerca che ha costituito la mia tesi di Laurea Specialistica e che esporrò in breve in questo articolo, cercando di essere chiaro e conciso, ma esaustivo (fig. 1). PREMESSE TEORICHE Credo siano opportune alcune premesse teoriche. Mi sono accostato alla ricerca con uno spirito eclettico, senza seguire un unico paradigma in particolare, ma cercando di cogliere da ogni paradigma gli strumenti interpretativi che ritenevo più opportuni. Il paradigma evoluzionista dei primi antropologi si basava su un grave fraintendimento del concetto di evoluzione, che veniva interpretato come miglioramento, come ascesa progressiva in una scala ideale dalle culture più primitive a quelle più evolute. L evoluzione consiste piuttosto nel continuo adattamento al mutamento delle condizioni, cosa che non implica alcun miglioramento in senso assoluto. Ho dunque recuperato come strumento interpretativo il termine evoluzione nella sua accezione corretta, cioè nel senso di mutamento adattativo. Il paradigma funzionalista interpreta gli elementi culturali in base alla funzione che svolgono nella società, trascurando però di analizzare il mutamento storico. Il paradigma strutturalista interpreta la cultura come una struttura simbolica profonda che si manifesta nelle relazioni fra gli elementi culturali e sociali osservabili. Integrando questi tre punti di vista fra loro, possiamo elaborare un modello teorico in cui gli elementi culturali svolgono delle funzioni all interno delle società e sono inseriti in una struttura simbolica profonda soggetta al cambiamento storico in adattamento al mutamento delle condizioni. Un elemento culturale che svolge una certa funzione può quindi essere messo da parte se questa funzione perde utilità, salvo poi essere recuperato con una nuova funzione quando se ne presenta l opportunità. L approccio epistemologico dominante per molto tempo è stato quello positivista, mentre oggi va per la maggiore l approccio ermeneutico. L eccessiva fiducia nel dato del positivismo ha lasciato posto a un pessimismo interpretativo che rischia di portare a un isteria riflessiva inconcludente, che perde di vista il vero obiettivo della ricerca. Se dunque l interpretazione ermeneutica può essere considerata l antitesi del positivismo, pensavo fosse opportuna una sintesi che superasse i limiti di entrambi, sintesi che ho trovato nel realismo critico, elaborato dal filosofo britannico Roy Bhaskar. Con una dose di sano pragmatismo, la riflessività ermeneutica torna ad essere strumento critico, mezzo e non fine della ricerca antropologica. Date queste premesse teoriche, cioè principalmente eclettismo e realismo critico, vediamo ora i metodi e gli strumenti concreti che ho usato nel lavoro sul campo. In primo luogo l osservazione diretta degli eventi che volevo studiare e la partecipazione agli stessi. Ho anche condotto una serie di interviste 27

2 dirette a degli interlocutori privilegiati. Preferisco il termine interlocutori a quello informatori : essi non sono stati soltanto una fonte di informazioni, ma soprattutto di interpretazioni, e i nostri dialoghi erano più simili a un dibattito che a un questionario. Ho preferito evitare una caccia sistematica all informatore, privilegiando pochi incontri approfonditi. La maggior parte dei miei interlocutori sono uomini, anche se ho avuto modo di parlare con diverse donne di Monterosso. Questo sbilanciamento di genere può essere considerato un limite della presente ricerca in quanto potrebbe aver distorto la percezione dell identità monterossina in un ottica maschile. In effetti la maggior parte degli elementi dell identità monterossina che emergono dalla ricerca sono una chiara espressione maschile, ma d altra parte l identità monterossina esibita è in effetti un identità prettamente maschile, o meglio virile. Questa distorsione può essere interpretata come eredità di una struttura sociale fortemente maschilista, tipicamente mediterranea, ancora ben viva nella mentalità di molte persone (non solo Monterossini). Dato che nella formulazione dell identità monterossina e nel recupero della tradizione in chiave identitaria si fa riferimento ad elementi del passato precedente all avvento del turismo, in questo quadro riemerge anche la struttura sociale maschilista che era presente nella società di allora. La prima parte di ogni intervista era formata da semplici domande chiuse, come nome, data di nascita, occupazione, e serviva ad identificare sommariamente i soggetti intervistati. La seconda parte era invece costituita da un colloquio semi-strutturato, in cui ponevo alcune domande aperte. In questo modo ogni interlocutore era libero di evidenziare quelli che a suo avviso erano i punti più importanti. Questo metodo è risultato a volte dispersivo, perché molti interlocutori si erano fatti una propria idea di ciò che mi interessava, o mi sarebbe dovuto interessare, a proposito di Monterosso. È anche capitato che, a una mia domanda su un certo tema, l interlocutore rispondesse ma invece volevo parlarti di quest altra cosa. Nelle conversazioni con i miei interlocutori ho spesso dovuto cercare di mediare fra ciò che era pertinente per me e ciò che lo era per loro, tenendo conto di entrambi i fattori. Alcune interviste si sono svolte in condizioni curiose o in situazioni delicate, come quando mi sono trovato a raccogliere una testimonianza durante un aperitivo in un bar, oppure quando sono stato invitato a porre le mie domande durante un pranzo di famiglia o addirittura in spiaggia, con la confusione che ne consegue. La presenza del registratore si è dimostrata a volte invasiva: alcuni interlocutori hanno preferito glissare su certi punti perché c era il registratore acceso, anche quando magari si trattava di raccontare episodi avvenuti cinquant anni prima. Altri hanno chiesto esplicitamente di non essere registrati. La difficoltà maggiore è stata la definizione della mia stessa identità. Gran parte dei soggetti intervistati non avevano chiaro cosa fosse un antropologo ( topologo? ), oppure confondevano l antropologia con l archeologia e la paleontologia. Altri mi scambiavano per un giornalista. Se alcuni dunque si stupivano del fatto che mi interessassi delle tradizioni di Monterosso e non di tombe egizie, altri mi chiedevano per quale rivista scrivessi, convinti che la mia ricerca fosse una specie di reportage. Accanto a questi dati, ho delineato un profilo storico, geografico e demografico del campo. Un quadro storico adeguato consente di interpretare meglio le situazioni che si osservano sul campo, connettendole con quelle del passato ed evidenziando il mutamento. Senza queste connessioni, si rischia di appiattire l immagine etnografica del campo sul qui e ora, perdendo la percezione di molte dinamiche storiche. Una descrizione geografica consente di situare il campo in uno spazio concreto, tangibile e visitabile, con determinate caratteristiche che hanno avuto un influenza diretta sulle attività tradizionali dei suoi abitanti e che sono al centro dell interesse turistico. I dati demografici consentono di evidenziare delle tendenze demografiche, che vanno tenute in considerazione quando si interpretano gli altri dati. Dovendomi occupare di turismo e tradizione, era opportuno trovare delle definizioni appropriate di questi due concetti. Dopo aver passato in rassegna le principali definizioni che sono state date in passato, ho provato io stesso a formulare delle definizioni operative, definizioni cioè che stabilissero non tanto ciò che il turismo e la tradizione sono effettivamente, bensì ciò che io intendo nella mia ricerca quando uso questi termini. Riprendendo anche il concetto di invenzione della tradizione formulato 28

3 da Hobsbawm e Ranger, ho definito la tradizione un insieme di pratiche, norme o valori adottati da un gruppo umano da un periodo di tempo sufficientemente lungo da essere percepiti come parte integrante dell identità del gruppo stesso. In altre parole, anche un usanza recente può essere percepita come tradizione se contribuisce a fondare l identità di un gruppo. D altra parte, ogni tradizione è stata a suo tempo una novità. Le tradizioni che prendo in considerazione nella ricerca vanno dalle attività tradizionali, cioè la pesca e l agricoltura, alle tradizioni gastronomiche, espressione diretta delle prime, alle tradizioni religiose, alle feste tradizionali. Nella ricerca distinguo due categorie di visitatori, i turisti e i villeggianti. Per turista intendo il visitatore occasionale, che si ferma per un periodo limitato, una o due settimane, e soggiorna nelle strutture di ricezione turistica, come alberghi e pensioni. Uso il termine villeggiante per designare invece il visitatore regolare, che torna nel luogo di villeggiatura per più anni di seguito ed eventualmente in più occasioni durante l anno, fermandovisi per un periodo piuttosto lungo, settimane o anche mesi, e vivendo in una casa, presa in affitto o anche di sua proprietà. Diversi villeggianti sono discendenti di emigrati originari del posto, dove hanno ancora dei parenti e la casa di famiglia. La distinzione fra turista e villeggiante è sfumata e presenta alcune zone intermedie, dove si situano ad esempio i turisti che tornano nello stesso posto per più anni di seguito e col tempo finiscono per prendere casa. Molti degli attuali villeggianti di Monterosso sono infatti i discendenti dei primi turisti che negli anni 60 vi acquistarono una casa. Benché sfumata, questa distinzione non è però priva di significato, dato che turisti e villeggianti hanno un comportamento ben distinto: i turisti spendono in proporzione molto di più dei villeggianti per l alloggio, vanno spesso al ristorante, acquistano souvenir, oggetti di artigianato e prodotti locali, provano la cucina tipica, scattano fotografie, spediscono cartoline. Al contrario i villeggianti vivono in casa propria, mangiano in casa e fanno la spesa, vanno più raramente al ristorante, non comprano souvenir e non sono più di tanto interessati ai prodotti tipici, che per loro non rappresentano una novità. Un altra distinzione importante è che i turisti sono dei completi estranei e non conoscono in genere nessuno del posto, mentre i villeggianti conoscono molti locali, come negozianti, ristoratori, albergatori: l estraneità del turista in cerca di svago si contrappone alla familiarità del villeggiante in cerca di riposo. STORIA E GEOGRAFIA DI MONTEROSSO Come ho anticipato nelle premesse teoriche, credo che prima di accostarsi al campo sia necessario presentare un quadro generale della sua storia e geografia. Un orizzonte storico accurato permette di comprendere meglio le dinamiche che si osservano sul campo, alla luce di quelle che si sono verificate in passato. Senza di esso, si rischia di produrre una etnografia fotografica, un immagine statica e illusoria che appiattendosi sull hic et nunc finirebbe per perdere la percezione di qualsiasi dinamica. Se è fondamentale conoscere la storia del campo, non è meno importante conoscerne la geografia, cioè la conformazione del campo stesso. Il campo infatti non è un luogo immaginario, ma un luogo reale, concreto e visitabile, dove vivono persone reali in carne e ossa. Le caratteristiche geografiche del luogo hanno avuto un influenza diretta sulle attività tradizionali dei suoi abitanti e sono tutt ora al centro delle attenzioni turistiche. Per illustrare la storia di Monterosso, ho usato soprattutto le informazioni che un turista può trovare sulle guide turistiche, integrate da quelle fornite da alcuni siti internet, perché a queste informazioni essenziali viene dato un maggior rilievo da parte del turista e costituiscono la base per le sue interpretazioni: sono in pratica l immagine della storia di Monterosso che viene offerta al visitatore. Le tradizioni di Monterosso e gli elementi dell identità monterossina sono messi in relazione appunto con questi eventi, cui non solo le guide, ma gli stessi locali attribuiscono maggiore importanza. La fondazione di Monterosso, secondo la leggenda, risalirebbe addirittura VII secolo, quando il re longobardo Rotari avrebbe saccheggiato nel 643 la vicina frazione montana di Albereto, i cui abitanti sarebbero fuggiti a valle, verso il mare, dove avrebbero poi fondato Monterosso. Durante il Medioevo, Monterosso e le Cinque Terre furono contese fra Pisa e Genova e coinvolte nelle lotte fra Guelfi e Ghibellini, finché nel 1254 Monterosso passò definitivamente a Genova. In seguito al passaggio a 29

4 Genova, Monterosso e le Cinque Terre vivono un periodo di relativa stabilità, in cui vengono costruite le principali chiese dei cinque borghi. Nel 1407, Monterosso si dota di uno Statuto, volto ad amministrare la vita della comunità e i suoi rapporti con Genova. Il periodo di relativa pace e prosperità sotto l influenza Genovese era destinato a interrompersi nuovamente nel Cinquecento, in seguito alle incursioni dei corsari turchi, che raggiunsero l apice nel 1545 con il corsaro Draghut, che imperversava nel Tirreno. Anche se un incursione della portata di quella del 1545 non si ripeté più, pirati e corsari continuarono a funestare le coste delle Cinque Terre fino ai primi anni dell Ottocento. Sembra che a un certo punto gli stessi Monterossini si siano dati alla pirateria per ribellione all autorità genovese o quantomeno abbiano collaborato con i pirati alle spese dei vicini. Questa ribellione a Genova sarebbe stata una reazione alla chiusura della tonnara, e in generale alle condizioni di sfruttamento da parte di Genova. Sembra che dopo il periodo delle scorrerie corsare le Cinque Terre, sotto il dominio di Genova, abbiano attraversato un periodo di declino, in particolare dalla seconda metà del Seicento. Sulla scia della Rivoluzione francese e delle conquiste napoleoniche, nel 1797 il governo genovese si riveste di una patina giacobina, cosa che provoca un aspra ribellione da parte di molte popolazioni locali, fra cui gli abitanti di Monterosso. La rivolta fu infine sedata, ma nel 1805 la Repubblica Ligure cessò di esistere e i suoi territori furono annessi all Impero francese. Caduto l Impero napoleonico, per volere del Congresso di Vienna la Liguria fu annessa al Regno di Sardegna, di cui seguì le sorti fino all Unità d Italia. L Ottocento vide una fortissima crescita demografica in tutte le Cinque Terre e i primi passi verso la modernizzazione, con la costruzione dell Arsenale alla Spezia e la realizzazione della ferrovia tra Genova e la Spezia, completata nel l Arsenale e ancor più la Ferrovia costituirono un importante sviluppo per Monterosso e le Cinque Terre e aprirono sbocchi professionali prima sconosciuti, oltre a rompere l isolamento dei borghi, prima difficilmente raggiungibili via terra. Si creavano così le condizioni per il futuro sviluppo turistico, che sarebbe però giunto solo dopo la seconda guerra mondiale. La grande crescita della popolazione nell Ottocento superò le possibilità della produzione agricola e portò quindi a una forte emigrazione, in particolare verso il Sudamerica, il Sudafrica, l Australia, gli Stati Uniti. Alcuni emigranti tornarono arricchiti e costruirono splendide ville in stile liberty, ancora in gran parte presenti a Fegina, frazione di Monterosso. Se già prima della seconda guerra mondiale iniziano a stabilirsi a Monterosso i primi villeggianti, fra i quali la famiglia del poeta Montale, è dal dopoguerra che esplode il turismo. Nel 1997 viene istituita l Area Marina Protetta nelle acque prospicienti le Cinque Terre: l area comprende tutto il tratto di mare compreso fra Punta La Gatta, tra Monterosso e Levanto, e Punta Pineda, tra Riomaggiore e Portovenere. Dal 1999 è stato istituito anche il Parco Nazionale delle Cinque Terre, che promuove il turismo sostenibile, il recupero delle attività tradizionali, la produzione e la vendita di prodotti tipici. A partire dal 2005 l Area Marina Protetta è stata suddivisa in zone A, B e C, a seconda delle restrizioni alla pesca, navigazione e persino balneazione e immersione. Il Parco ha degli uffici, in ognuna delle Cinque Terre, a La Spezia e anche in alcuni paesi dell interno, che si occupano di dare informazioni turistiche, vendere biglietti ferroviari per i treni locali e biglietti per i sentieri presenti nel Parco stesso, oltre a vendere e promuovere i prodotti tipici della zona. Dopo averne brevemente delineato la storia, vediamo la geografia di Monterosso: è la più grossa e popolosa delle Cinque Terre, nonché quella situata più ad occidente, verso Genova. I paesi del litorale con cui confina sono Vernazza a est e Levanto a ovest, da cui è separata dal promontorio del Mesco. L abitato è diviso in due da un piccolo promontorio, su cui sorgono a mezza costa la Torre Aurora e sulla cima il Convento dei Cappuccini, con annesso il cimitero di Monterosso e le rovine del Castello. Il centro storico di Monterosso, o Paese Vecchio, è collegato alla parte più recente, Fegina, da un tunnel che passa sotto il promontorio e da una passeggiata che passa fra la Torre Aurora e il fianco del monte. Mentre il Paese Vecchio dà su una piccola baia e si sviluppa lungo il corso del Buranco, ora coperto, Fegina dà su una lunga spiaggia e si sviluppa principalmente seguendo il lungomare. Altri due torrenti minori passano da Fegina, entrambi coperti dalla strada. I confini ideali dell abitato di Monterosso sono a est l Hotel Porto Roca, a picco sul mare oltre il Paese Vecchio, e ad ovest il Circolo Velico, oltre 30

5 Fegina: oltre questi limiti non si trovano altre case e da qui partono i sentieri che conducono da un lato a Vernazza, dall altro a Levanto. Da Fegina e dal Paese Vecchio si dipartono due strade in salita che si incontrano in località Colla di Gritta, dove passano anche le strade per Levanto, per Borghetto e per La Spezia. Nella fase preparatoria della mia ricerca ho anche raccolto dei dati demografici: la popolazione di Monterosso è in lento calo, dato che le morti superano le nascite, anche se ammortizzato da un immigrazione superiore all emigrazione. Bisogna inoltre segnalare che sono sempre di più i lavoratori pendolari provenienti da La Spezia, in particolare stranieri, la maggior parte dei quali è originaria della Repubblica Dominicana. LE TRADIZIONI MONTEROSSINE Le rievocazioni dei miei interlocutori più anziani erano intrise di nostalgia strutturale, cioè del richiamo a un passato idealizzato, migliore, più genuino. Monterosso era un paesino con pochi abitanti, diviso da un canale, la valle, in due metà collegate da ponticelli, canale che oggi è coperto dalla strada principale del paese. In un certo senso ora la contrapposizione fra due metà si è spostata fra il Paese Vecchio e Fegina, la parte nuova di Monterosso, separate da un promontorio e collegate da un tunnel. Questo slittamento del confine è dovuto da un lato al fatto che la valle non è più riconoscibile come tale, dall altro allo sviluppo di Fegina, che da semplice frazione con poche case e qualche villa è diventata la parte del paese più importante dal punto di vista balneare, avendo spiagge molto più lunghe. Inoltre a Fegina si trovano la stazione ferroviaria e il parcheggio più ampio di Monterosso, quindi è la zona che la maggior parte dei turisti e dei villeggianti vede per prima. Le attività tradizionali a Monterosso, prima dell avvento del turismo, erano principalmente la pesca e l agricoltura. Con lo sviluppo del Dopoguerra è arrivato il turismo: dapprima la strada e poi la ferrovia, che man mano si è ingrandita, hanno portato i primi villeggianti e turisti. L afflusso di ricchezza portata dai turisti nel Dopoguerra ha permesso una nuova fase di sviluppo. Questo ha portato la generazione successiva a disertare in massa le attività tradizionali, cioè l agricoltura e la pesca, per dedicarsi ad attività più redditizie legate al turismo. Un anziano interlocutore lamentava il fatto che mentre un tempo quasi tutti facevano i pescatori e i contadini, ora i giovani non vogliono più fare i mestieri tradizionali. Egli stesso però da giovane si era imbarcato come marinaio su una nave da crociera proprio per non fare il contadino o il pescatore. Si evidenzia così una dinamica che ha radici profonde, precedenti all avvento del turismo: la fuga dalle attività tradizionali verso impieghi meno faticosi e meglio remunerati, in particolare nei servizi e sulle navi, risale a prima del turismo. Il turismo si è inserito in questa dinamica già avviata e ha notevolmente ampliato le opportunità lavorative alternative a quelle tradizionali. Le tradizioni gastronomiche di Monterosso sono strettamente legate alle attività tradizionali, pesca e agricoltura, e ai prodotti tipici che ne sono espressione diretta, in particolare le acciughe, i limoni, il vino Cinque Terre e il vino passito Sciacchetrà. Il Parco Nazionale delle Cinque Terre ha una serie di fornitori ufficiali, che gestiscono direttamente la produzione di questi prodotti tipici per conto del Parco stesso e a cui devolvono una parte dei ricavi ottenuti dalla vendita. Le tradizioni di Monterosso, sopravvissute o reinventate, sono tutte fatte risalire all epoca prima del turismo e sono viste dunque come l espressione della più autentica identità Monterossina. Le tradizioni religiose a Monterosso avevano un importanza rilevante, mentre ora sopravvivono solo in parte e alcune di esse sono state riesumate. Molte di queste tradizioni appartengono alla back region dei Monterossini e sono elementi della loro intimità culturale: in altre parole queste tradizioni forniscono ai Monterossini un senso di appartenenza, ma non sono in genere esibite nella rappresentazione dell autenticità, destinata ai turisti, caratteristica della front region. Le tradizioni che più facilmente sono passate da una region all altra, anche se non le uniche, sono in genere quelle scomparse e riesumate o reinventate, cioè tradizioni che avevano da tempo smesso di far parte della back region. Il Convento dei frati Cappuccini era un punto di riferimento importante per il paese, specialmente in occasione della festa dell Immacolata Concezione. Un evento importante e sentito ancora a Monterosso è la festa di 31

6 San Giovanni Battista, santo patrono del paese, che si tiene il 24 Giugno. La festa un tempo prevedeva dei tradizionali falò, ora sostituiti da fuochi artificiali e dal rilascio di lumini in mare. Esistevano un tempo a Monterosso due confraternite, i Bianchi e i Neri, ognuna con la propria chiesa di riferimento, rispettivamente Santa Croce e l Oratorio Mortis et Orationis. Queste confraternite esistono ancora e io stesso ho potuto osservarle di persona. I membri delle due confraternite partecipavano a tutte le processioni religiose, i primi vestiti con cappe bianche, i secondi con cappe nere. Ogni confraternita aveva, e ha tuttora, il proprio crocefisso: quella dei Bianchi con un Cristo bianco, quella dei Neri con un Cristo nero. L Oratorio dei Neri si trova nella metà del Paese a destra della valle, mentre Santa Croce nell altra, a sinistra. Sembra anche che un tempo la metà di Santa Croce fosse quella dei benestanti. Le origini delle due confraternite risalirebbero al Cinquecento e sarebbero legate alla Misericordia toscana, una sorta di Croce Rossa fondata a Firenze nel XIII secolo. La vera origine di queste confraternite andrebbe però ricercata nelle divisioni politiche fra Guelfi Bianchi e Guelfi Neri proprie della Toscana del tardo Medioevo. Confraternite simili, dunque, esistevano in Toscana fin dal Trecento e si sarebbero diffuse anche a Monterosso nel tardo Rinascimento. Le due confraternite sono state riportate in vita negli anni Ottanta e, anche se non hanno più il vigore e l importanza di un tempo, tuttora partecipano a tutte le processioni di Monterosso, ma non si occupano più di beneficenza e soccorso. (fig. 2) Due tradizioni di Monterosso in particolare hanno attirato la mia attenzione: la Festa dei Cornuti e il cosiddetto Bescantà. Entrambe queste tradizioni possono essere interpretate come forme di charivari, cioè rituali collettivi con una funzione di controllo sociale e ridistribuzione delle risorse, volti a biasimare pubblicamente chi in qualche modo aveva turbato l'equilibrio della comunità e a ripristinare questo equilibrio attraverso il pagamento di una sanzione, anche simbolica. Un altro esempio molto comune di charivari sono le cosiddette scampanate, effettuate quando un vedovo o una vedova si risposavano. È interessante notare come il biasimo per le corna vada al marito cornuto più che alla moglie infedele (e ancora meno all'amante): l'uomo è considerato responsabile della fedeltà della moglie, unica garanzia del mantenimento del lignaggio paterno in una società patriarcale. L'infedeltà di una moglie è quindi vista come una mancanza del marito, che perciò viene pubblicamente biasimato. La Festa dei Cornuti era una tradizione molto importante nella Monterosso precedente all'arrivo del turismo, legata ai festeggiamenti di San Martino (11 Novembre), data in cui si stappava il vino novello. Un comitato di uomini del paese andava in corteo sotto le finestre dei cornuti e li invitavano a scendere a festeggiare con loro, cantando una canzone caratteristica. Questa festa scomparve nel Dopoguerra, in concomitanza con l'avvento del turismo, per poi essere recuperata e reinventata nel Di anno in anno la festa si arricchisce di nuovi particolari, come elmi vichinghi in plastica e una statua femminile in legno e opportunamente dotata di corna che viene portata in corteo, su imitazione delle processioni religiose. Oggi non si fanno più i nomi dei cornuti sotto le loro finestre: il capobranco fa un discorso da un balcone che si affaccia sul vicolo San Martino in cui satireggia tutti gli episodi salienti dell'anno, non solo storie di corna, ma in generale qualsiasi evento abbia in qualche modo turbato l'equilibrio sociale. Senza mai fare i nomi, si prendono in giro non solo i cornuti, ma in generale tutti coloro che, adottando comportamenti devianti, sono stati responsabili di uno squilibrio strutturale. (fig. 3) Il Bescantà è una tradizione monterossina legata al Carnevale e che ricorda da vicino il Cantar Maggio, presente soprattutto nei paesi dell'interno e in generale nell'area dell'appennino ToscoEmiliano. Un gruppo di pescatori bisognosi, mascherati con un costume semplice ma caratteristico (vestiti stracciati, piedi nudi, fuliggine in faccia, cappello di paglia, occhiali finti fatti con fil di ferro e scorza di limone, nasse in vimini sulle spalle o in testa, un remo in mano e tutti legati con una lunga gomena) avvicinano i benestanti del paese uno ad uno e li bescantano, cioè li circondano e cantano una canzone elogiativa in cui però finiscono per chiedere esplicitamente che il bescantato paghi loro da bere. Questi dovrebbe sentirsi onorato della canzone e ricambiare pagando da bere, se però non accetta i pescatori iniziano a raccontare pubblicamente tutti i suoi scheletri nell'armadio, dando avvio a un pubblico biasimo. Anche questa tradizione si è persa nel Dopoguerra, per poi essere recuperata e 32

7 reinventata negli ultimi anni ad opera della compagnia teatrale amatoriale Amapola, formata perlopiù dagli stessi Monterossini che hanno ridato vita alle Confraternite dei Bianchi e dei Neri e alla Festa dei Cornuti. A differenza di quest'ultima, però, il Bescantà non è stato ristabilito nella sua data naturale, cioè il Carnevale: viene recitato invece come intermezzo all'interno di uno spettacolo teatrale itinerante in dialetto, che la compagnia rappresenta ogni estate a Monterosso e in vari altri paesi della zona. Lo spettacolo è costituito da una serie di scenette che evocano le rattelle, cioè i litigi per strada o alla finestra, che consistono perlopiù nel pubblico biasimo reciproco dei litiganti e che sono considerati una delle più autentiche e vive tradizioni monterossine. (fig. 4) La Festa dei Cornuti, in cui la funzione di controllo sociale attraverso il pubblico biasimo è evidente, mentre è praticamente assente quella di ridistribuzione delle risorse, è stata recuperata nella propria data tradizionale, attualizzata con l'inserimento di tematiche non necessariamente legate alle corna ed è rivolta più ai Monterossini stessi che non ai turisti (piuttosto scarsi l'11 Novembre!). Al contrario il Bescantà, in cui la funzione di controllo sociale era meno visibile rispetto a quella di ridistribuzione delle risorse, è stato recuperato come intermezzo recitato all'interno di uno spettacolo teatrale estivo in cui i turisti sono la maggior parte del pubblico, astraendolo totalmente dal proprio contesto originario e perdendo ogni legame con il Carnevale. Possiamo interpretare questa differenza alla luce del fatto che, mentre il controllo sociale è un'esigenza sempre attuale, la ridistribuzione delle risorse è diventata meno importante grazie al diffuso benessere dato dalle attività legate al turismo. La Festa dei Cornuti, che quindi mantiene la propria funzione originaria, è stata recuperata in modo più fedele e resta perlopiù nella back region dei Monterossini, lontana dallo sguardo turistico, mentre il Bescantà, che ha in gran parte perso la propria funzione originaria, viene recuperato con una nuova funzione, cioè come rappresentazione dell'identità monterossina rivolta in primo luogo proprio ai turisti, o in generale agli outsider. L'IDENTITÀ MONTEROSSINA Durante la ricerca sono emersi alcuni aspetti salienti dell'identità monterossina in coppie che potremmo definire strutturali: ogni elemento di questa identità si articola cioè in un aspetto positivo e uno negativo, che si bilanciano a vicenda. Così ad esempio il Monterossino si suppone sia un grande bevitore, ma allo stesso tempo un ubriacone, è suscettibile e rissoso, ma proprio perché è fiero e orgoglioso, è uno straordinario amatore di donne, ma -se tutti i Monterossini vanno con le donne altruiinevitabilmente cornuto. Alcuni di questi elementi si basano su stereotipi comuni ai Liguri in generale, come l'avarizia, la chiusura, la diffidenza, altri sono ricondotti alla storia di Monterosso, come lo spirito ribelle e un po' anarchico, visto come un'eredità degli antichi Liguri Apuani e che si sarebbe manifestato più volte nel corso della storia, ad esempio nelle ribellioni contro Genova e nei rapporti torbidi con i pirati. Alcune di queste caratteristiche sono esplicitamente in contrapposizione a quelle che si presume siano dei turisti: così il Monterossino è scaltro e il turista è ingenuo, il Monterossino conosce il mare e nuota benissimo, mentre il turista per niente, il Monterossino è semplice e genuino mentre il turista è sofisticato e pretenzioso. Nella definizione dell'identità monterossina entrano in gioco anche altri fattori: in primo luogo il fatto stesso di essere nati e cresciuti a Monterosso, la capacità di capire e parlare il dialetto monterossino, l'essere dei grandi bevitori e donnaioli e infine l'eredità poetica di Montale, il cui legame con Monterosso è ribadito con orgoglio. Ecco dunque che il monterossino ideale è nato e cresciuto a Monterosso, parla il Monterossino e conosce il mare, è una persona semplice e un po' rude, ma scaltra (a differenza dei forestieri, più raffinati ma un po' tonti), sembra burbero e diffidente sulle prime, ma sa di aprirsi davvero per i veri amici, è attaccato al denaro ma è generoso con chi lo merita, è un grande amatore di donne e un formidabile bevitore, un po' poeta e un po' ribelle, orgoglioso ma suscettibile. Sulla scia di Fabietti, possiamo distinguere fra identità esperita e identità esternata: la prima sarebbe costituita da quegli elementi che i soggetti sentono propri caratteristici, la seconda da quegli elementi 33

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava.

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava. Nuova edizione Copyright 1995 Prima Ristampa 1996 Seconda Ristampa 2012 Edizioni ETS Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa info@edizioniets.com - www.edizioniets.com Finito di stampare nel mese di maggio

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli