introduzione modelli costituzionali fra forma e realtà di Vito Campanelli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "introduzione modelli costituzionali fra forma e realtà di Vito Campanelli"

Transcript

1 introduzione modelli costituzionali fra forma e realtà di Vito Campanelli The first assumption is that the president and the State are the same thing, that president is State personified. The second is that powers should be commensurate with responsibilities. ( ) The third assumption, intimately related to the second, is that the president should not and cannot be bound by normal legal restrictions. Theodore Lowi, The Personal President, 1985, p. 180 L assunto di fondo è che i sistemi presidenziali conducono a un governo forte ed efficace, sia di per sé che al paragone con i sistemi parlamentari. Ma questo è un assunto che poggia su una lastra sottile di ghiaccio. Giovanni Sartori, Ingegneria costituzionale comparata, 1995, p. 102 Se si considera la modellistica costituzionale più consolidata, sembrano bastare pochi criteri definitori per stabilire le differenze fra le forme di governo. Queste appaiono imperniate o, per meglio dire, ancorate nella dicotomia che contrappone presidenzialismo e parlamentarismo 1. L elezione diretta del capo di governo e la durata fissa e indipendente del mandato del presidente e dell assemblea sono le caratteristiche di base del modello presidenziale. Alcuni osservatori aggiungono poi alla definizione minima anche la natura monocratica della struttura dell esecutivo, in cui il presidente assume una posizione di guida rispetto alla compagine dei ministri 2 (Lijphart 1994). Il governo presidenziale

2 X Il premier diviso può essere considerato, dunque, un sistema a separazione dei poteri, nel senso che il potere legislativo e quello esecutivo possiedono autonomi meccanismi e circuiti di legittimazione. Non dipendono l un l altro per quanto riguarda la loro nascita, né per la loro sopravvivenza. Ognuno di essi dispone però di poteri necessari per il funzionamento dell altro organo costituzionale, il che li costringe poi a ricercare un qualche tipo di accordo o compromesso, pena l interruzione del processo decisionale. Di contro, il sistema di governo parlamentare presenta legislativi in grado di nominare, far cadere o anche cambiare i governi. I regimi parlamentari sono detti, infatti, a fusione dei poteri perché, in modo differente dal caso precedente, l esecutivo si forma all interno del parlamento come espressione della sua maggioranza, e dipende operativamente dal suo sostegno. Una volta formato, il governo sopravvive nella misura in cui mantiene la fiducia dell assemblea. Per quanto riguarda, inoltre, i rapporti all interno della compagine ministeriale, in linea generale il principio di collegialità dell azione di governo prevale sull attribuzione di specifici poteri di coordinamento e indirizzo al primo ministro, che resta un primus inter pares. Una terza forma di governo, il semi-presidenzialismo, è stata definita solo di recente per dare conto della specificità della Quinta Repubblica francese, e ha avuto pochi referenti empirici fino a quando le nuove democrazie dell Est o in Africa non ne hanno seguito l esempio (Shugart 2007; Grassi 2008). Si tratta di un modello per molti aspetti di tipo intermedio rispetto agli altri due, in cui il capo dello Stato, eletto con voto popolare, condivide il potere esecutivo con un primo ministro, creando una sorta di struttura di potere duale 3. Per esempio è questa la lettura di Giovanni Sartori, per il quale il semi-presidenzialismo rappresenta «una soluzione mista, una forma politica a metà strada fra sistemi presidenziali e sistemi parlamentari» 4 (Sartori 1995, p. 135). Anche Maurice Duverger, nel suo noto articolo del 1980, afferma che il sistema politico semi-presidenziale è «intermedio fra i sistemi presidenziali e parlamentari» (Duverger 1980, p. 165), e in un suo più

3 Introduzione. Modelli costituzionali fra forma e realtà XI recente contributo parla di un regime «in parte presidenziale e in parte parlamentare» (Duverger 1991, p. 109). Per questo si può sostenere che la letteratura comparata si sia riferita sostanzialmente a solo due tipi puri, il presidenzialismo e il parlamentarismo, al massimo segnalandone alcune ibridazioni 5. Tuttavia, se la morfologia dei governi si lascia racchiudere in un numero così limitato di categorie, il vero problema resta la dinamica istituzionale. Il noto problema della sottodeterminazione delle forme di governo esprime l incapacità dei modelli a cogliere il reale funzionamento degli assetti istituzionali, e le loro trasformazioni nel corso del tempo. Di fatto ogni sistema politico è in bilico fra Konstitution e Verfassung, fra regole del suo funzionamento e processi che si realizzano sul piano della prassi politica 6. E soprattutto in alcune contingenze storiche la tensione dialettica fra questi due poli sembra particolarmente evidente. Negli ultimi anni, per esempio, le democrazie contemporanee hanno mostrato una comune evoluzione, anche senza riforme organiche della Carta costituzionale. Sono sembrate, infatti, «presidenzializzarsi», dettando la centralità dei capi di governo. La vicenda del governo monocratico fino a non molto tempo fa era stata relegata alla stagione predemocratica o non democratica 7. Con la crisi dei corpi collettivi in auge nel ventesimo secolo, dai partiti ai parlamenti, si è però registrato un ritorno di potere personale 8. Già alcuni decenni fa, alcuni autori iniziavano a riconoscere nella personalizzazione del potere «una delle tendenze modellistiche immanenti alla vita costituzionale contemporanea» (Elia 1970, p. 672; Mabileau 1960), collegata allo sviluppo di democrazie di investitura che valorizzano la scelta popolare sui titolari dell indirizzo politico. Brian Farrell (1971) notava per esempio che, «in quasi tutti i sistemi politici, il predominio dell esecutivo e la personalizzazione di tale predominio in un unico leader è un fatto centrale della vita politica». La stessa tendenza sembra poi oggi portata a compimento, man mano che anche le democrazie parlamentari mostrano un più pieno distacco dai parametri costitu-

4 XII Il premier diviso zionali di riferimento per l assunzione di modalità di funzionamento tipiche dei regimi presidenziali. In assenza di cambiamenti della Costituzione formale, come effetto di trasformazioni di più ampia portata e di lunga durata che coinvolgono la società e la politica moderna 9, i vertici di governo acquistano maggiori risorse potestative, sviluppando un rapporto diretto con la cittadinanza, capace di scavalcare l intermediazione dei partiti. Come, infatti, chiariscono Thomas Poguntke e Paul Webb (2005), la presidenzializzazione della politica avviene su tre arene fondamentali della vita democratica. In primo luogo si verifica l attribuzione del ruolo di conduzione delle attività di governo a una guida monocratica. Ciò discende dal fatto che il capo del governo non è più legittimato dal parlamento e può formare il suo gabinetto senza interferenze da parte di altre istituzioni. In secondo luogo, il leader raggiunge una posizione di maggiore autonomia rispetto al partito cui appartiene, che in molti casi riesce anche a controllare a sua volta 10. Infine, ogni aspetto del processo elettorale sempre più risulta centrato sulla leadership 11, il cui appeal presso la cittadinanza diventa una risorsa utile e di frequente necessaria per la vittoria. In questo modo, nell ambito delle attività di governo, dell organizzazione di partito o delle competizioni elettorali i due autori riconoscono il passaggio dal principio collegiale a quello monocratico: «the shift of political power resources and autonomy to the benefit of individual leaders and a concomitant loss of power and autonomy of collective actors like cabinets and political parties» (p. 7). Con un cambio di natura dei regimi parlamentari originariamente evolutisi all insegna della collegialità dell esecutivo, dove invece si registra «un progressivo e apparentemente irresistibile spostamento da uno schema nel quale la politica di governo e prima ancora quella elettorale erano dominate dal partito politico a uno nel quale il leader di partito tende a diventare forza politica relativamente autonoma» (Fusaro e Takahashi 2007, p. 287). Non sono pochi i casi in cui si riscontra tale tendenza, a cominciare dalle democrazie parlamentari più consolidate, e blasonate.

5 Introduzione. Modelli costituzionali fra forma e realtà XIII La Gran Bretagna sembra modificare alcuni tratti che hanno dettato la specificità della sua forma di governo. Michael Foley è il primo ad aver interpretato gli ultimi decenni di storia istituzionale inglese come un progressivo riavvicinamento al modello americano con la creazione di una vera e propria «British presidency» (Foley 1993; 2000). Da quel momento in poi molti osservatori hanno notato che, se importanti differenze istituzionali separano le due esperienze 12, tali linee di demarcazione appaiono meno rigide rispetto al passato. È questa la tesi di quanti argomentano che il governo di partito inglese «è stato sottoposto a una continua erosione in quanto le condizioni di lungo termine che lo hanno sostenuto sono state alterate a beneficio di leader sempre più potenti e autonomi» (Webb 2004, p. 347). La preminenza del leader nei processi elettorali, la riorganizzazione amministrativa degli uffici del premier, il potenziamento delle strutture di comunicazione, l indebolimento del rapporto fra primo ministro e sua maggioranza detterebbero un allontanamento da quel regime di fusione istituzionale fra governo e assemblea che l esperienza inglese aveva mostrato al mondo 13. I primi ministri inglesi, al pari dei presidenti americani, sembrano aver rivendicato una legittimazione autonoma che deriva da un nuovo rapporto diretto con i cittadini, sfruttando appieno le potenzialità del circuito mediatico (Massari 2005; Carboni 2009). Allo stesso tempo si registra una ridotta partecipazione del primo ministro nelle attività parlamentari e una più limitata capacità di indirizzare le stesse (Helms 2005). L evoluzione del party government inglese non fa però eccezione nel panorama internazionale. Una rapida ricognizione degli studi empirici che hanno analizzato il fenomeno è sufficiente a farne comprendere la diffusione. In Francia la riscrittura di alcuni articoli del testo costituzionale, e in primo luogo la disposizione che fa corrispondere la durata del mandato del presidente a quella del parlamento, è stata letta come un ulteriore segnale del rafforzamento del presidente, che diventa per cinque anni, grazie ai poteri conferitigli, una sorta di «monarque republicain» 14 (Bréchon 2010, p. 116). Da ultimo è stato evidenziato come Sar-

6 XIV Il premier diviso kozy abbia unito all ampia popolarità, e all attenta costruzione mediale della leadership, il suo attivismo dentro e fuori il paese 15. In Spagna la formazione di governi per lo più monocolori, la presenza di un assetto tendenzialmente bipartitico, la natura degli stessi partiti spagnoli, altamente centralizzata e oligarchica, con una piena identificazione con la figura del leader, sono sembrati accentuare la natura presidenzialista del sistema politico iberico (van Biezen e Hopkin 2005; Duranti 2009). Con il peso delle personalità e dei programmi individuali a sommarsi, anche in questo caso, ai fattori istituzionali, come ha mostrato in particolare il lungo ciclo del governo Zapatero, che ha visto il leader portatore di un ampio progetto di riforma (Bosco e Sánchez-Cuenca 2009). Altri studi hanno spostato, inoltre, il fuoco analitico dalle democrazie europee di più vecchia data a paesi più lontani da noi, come per esempio Israele o il Giappone (Hazan 2005; Fusaro e Takahashi 2007), confermando un processo di spostamento delle responsabilità politiche dai partiti ai presidenti. E con la chiave della presidenzializzazione sono stati anche analizzati i più recenti sviluppi registrati in Russia in riferimento alle riforme di Putin, anche se l intensificazione del carattere autocratico del sistema politico sembra ancora collocarlo in una zona di confine della democrazia (Zaznaev 2008, p. 40). In questo quadro l Italia rappresenta, per molti aspetti, un vero e proprio «idealtipo di presidenzializzazione» (Calise 2005, p. 88). Lasciato alle spalle il modello istituzionale che per la preminenza dell assemblea parlamentare sulle attività di governo è stato definito «parlamentarismo integrale» (Miglio 1984), il nostro paese, subito dopo gli eventi legati allo scandalo di Tangentopoli, riscopre la centralità del primo ministro. Già a partire dagli anni Ottanta si iniziano a scorgere cambiamenti in svariati campi, dalla riorganizzazione della presidenza dei ministri alla produzione normativa autonoma dell esecutivo, fino al sistema dei partiti e alle dinamiche elettorali; diversi processi che riscrivono in punto di prassi il ruolo e le funzioni del premier. È innegabile poi l impatto esercitato su questi sviluppi dalla discesa in campo di Silvio Berlusconi nei primi anni Novanta, quando, facendo leva su un

7 Introduzione. Modelli costituzionali fra forma e realtà XV imponente arsenale di mezzi mediatici e organizzativi, il leader è riuscito a instaurare un nuovo rapporto diretto con la cittadinanza. Da quel momento in poi sempre più le elezioni divengono «quasi dirette» 16. Anche la coalizione di centrosinistra si è poi adattata a un formato di competizione di tipo bi-personale, prima ancora che bipolare 17. Infine, l inserimento del nome del premier nella scheda elettorale nella riforma del 2005 è sembrata fornire anche una premessa formale per l elezione diretta del presidente 18 : per molti un «sopruso costituzionale», che mira a scardinare uno dei pilastri del regime parlamentare 19. La valorizzazione del presidente sembra dunque «strutturalmente connaturata» con l attuale evoluzione delle democrazie contemporanee, nello scenario di crisi degli attori collettivi e di preminenza degli organi monocratici. Ma quali sono le conseguenze della nuova centralità dei presidenti sulle attività di governo? Il meccanismo dell investitura diretta del capo dell esecutivo promette di restituire alla cittadinanza il potere di scegliere il motore dell azione politica. Tuttavia, tutto ciò non si traduce immediatamente nel pieno controllo del decision-making da parte del leader 20. Anzi, nei regimi a governo diviso, un presidente demo-eletto ma privo del sostegno della sua maggioranza può trovarsi in difficoltà nella realizzazione del proprio programma politico 21, al pari di un generale senza esercito (Sartori 1994a). È quello che, come vedremo, è accaduto nel processo di presidenzializzazione del governo italiano. L analisi di questa evoluzione, e involuzione, è divisa in due parti. La prima offre un inquadramento storico-istituzionale della transizione italiana, da regime partitocratico a sistema para-presidenziale, centrato sul predominio del leader e dell esecutivo rispetto al parlamento. Tale trasformazione trova un precedente paradigmatico nei mutamenti della presidenza americana, vero e proprio archetipo dei processi di presidenzializzazione 22. Anche nella madrepatria del presidenzialismo, infatti, si può osservare il susseguirsi di due repubbliche. Per oltre un secolo i partiti hanno controllato la selezione degli eletti e il processo di attribuzione delle cariche amministrative. Sono i partiti a tene-

8 XVI Il premier diviso re salde le redini della designazione del presidente, che rimane essenzialmente un espressione degli attori di intermediazione, e legato ai loro interessi nello svolgimento delle proprie funzioni. Il governo presidenziale si afferma solo all inizio del secolo scorso, quando i presidenti acquistano un ruolo di centralità istituzionale. L ascesa dei presidenti spezza il monopolio che i partiti detenevano sull accesso alle cariche e sulla gestione del potere. Il presidente, sulla base di un rapporto immediato con la cittadinanza, dà vita a un percorso di istituzionalizzazione del potere monocratico. D altra parte si realizza però un regime di separazione fra legislativo ed esecutivo, che come corpi autonomi e autorevoli sono votati a ingaggiare una continua battaglia per il controllo del decision-making o a trovare posizioni di compromesso. In una fase più recente tale separazione diviene poi vera e propria divisione, poiché molto spesso presidenza e Congresso si differenziano anche per colore politico. In un quadro di indebolimento dei partiti come enti collettivi, il presidente trova nuove strade per raggiungere una posizione egemone, ma perde quel controllo dell assemblea parlamentare che solo la presenza di partiti forti può assicurare. Sulla base del quadro analitico presentato nella prima parte, la seconda parte del volume si dedicherà all analisi del processo deliberativo nel nostro paese. Le riforme degli anni Novanta sembravano attribuire all esecutivo sia la responsabilità dell indirizzo politico sia gli strumenti utili per poter governare con il compatto supporto di un ampia maggioranza parlamentare. Si consolida invece la tendenza dei governi a legiferare da soli, e a forzare la volontà delle camere con procedure atipiche, ai limiti delle previsioni costituzionali. Quello dei decreti legge, per esempio, rappresenta uno dei più importanti campi di espansione normativa. Non meno rilevanti sono però le trasformazioni nell uso della legislazione delegata. A partire dagli anni Novanta avviene, infatti, una vera e propria «esplosione» delle deleghe, che diventano un mezzo efficace per realizzare i punti più importanti del programma politico di maggioranza, soprattutto nelle materie che presentano particolare complessità tecnica e spinta innovativa. Il premier trova nuove

9 Introduzione. Modelli costituzionali fra forma e realtà XVII strade di normazione, in risposta ai problemi della frammentazione e della scarsa coesione partitica in assemblea. Strade che possono, però, trasformarsi in un vicolo cieco. Come ha dovuto sperimentare, a sue spese, Silvio Berlusconi: eletto a capo di una delle più ampie coalizioni nella storia repubblicana, ma costretto a governare senza il parlamento, e contro la sua stessa maggioranza. Note 1. Nella ricca letteratura in prospettiva comparata: M.S. Shugart e J.M. Carey, Presidents and Assemblies. Constitutional Design and Electoral Dynamics, Cambridge, Cambridge University Press, 1992; J. Linz e A. Valenzuela, The Failure of Presidential Democracy: Comparative Perspectives, Baltimore, Johns Hopkins University Press, 1994; G. Sartori, Comparative Constitutional Engineering: An Inquiry into Structures, Incentives, and Outcomes, Londra, Macmillan, 1994; A. Lijphart, Patterns of Democracy: Government Forms and Performance in Thirty-Six Countries, New Haven, Yale University Press, 1999; J.A. Cheibub, Presidentialism, Parliamentarism, and Democracy, New York, Cambridge University Press, Cfr. J. Blondel, «Executives», in M. Hawkesworth e M. Kogan, Encyclopedia of Government and Politics, Londra, Routledge, 1992, p. 269: «In this model the executive is hierarchical and not collective: ministers (often named secretaries in this system) are subordinates of the president and responsible only to him or her». 3. Il conio dell espressione si deve a M. Duverger, il quale riconosceva nel sistema di governo francese instaurato da De Gaulle una forma di autorità duale, prodotta da tre circostanze: a) il presidente è eletto direttamente; b) il presidente ha considerevole autorità costituzionale; c) esiste anche un primo ministro e un gabinetto, soggetto al voto di fiducia del parlamento. In particolare, cfr. M. Duverger, «A New Political System Model: Semi-Presidential Government», European Journal of Political Research, 8(2), 1980, pp Sul funzionamento di questo tipo di governo si veda anche R. Elgie, «Semi-Presidentialism: Concepts, Consequences and Contesting Explanations», Political Studies Review, 2(3), 2004, pp Tuttavia, sulla natura mista del regime semi-presidenziale è ancora aperto il dibattito, dal momento che alcuni studiosi propendono per ritenere il semipresidenzialismo come una forma di governo autonoma. Per G. Pasquino essa è tale perché richiede «an explicit, purposive and well designed act of institutional and constitutional engineering». G. Pasquino, «Semi-Presidentialism: A Political Model at Work», European Journal of Political Research, 31, 1997, pp , p. 129.

10 XVIII Il premier diviso 5. L esigenza di superare i troppo rigidi confini dei tipi costituzionali è avvertita in contributi che presentano classificazioni più articolate. Cfr. M.S. Shugart e J.M. Carey, Presidents and Assemblies. Constitutional Design and Electoral Dynamics, op. cit., 1992; S. Mainwaring e M.S. Shugart (a cura di), Presidentialism and Democracy in Latin America, Cambridge, Cambridge University Press, In italiano si veda G. Ieraci, Teoria dei governi e democrazia: ruoli, risorse e arene istituzionali, Bologna, Il Mulino, Il riferimento primo qui è all opera di C. Schmitt, Verfassungslehre, München und Leipzig, Duncker und Humblot, La distinzione è stata poi ripresa e sviluppata nel nostro paese da C. Mortati, in particolare nel contributo La Costituzione in senso materiale, Milano, Giuffrè, L attesa affermazione del dominio della legge sul dominio degli uomini ha rappresentato la costante della storia costituzionale occidentale, e il cuore della costruzione dello Stato moderno. Di fatto però l aspirazione all impersonalità del comando è stata la principale delle promesse che la modernità non ha mantenuto alla verifica della storia. Cfr. G. Roth, Potere personale e clientelismo, Torino, Einaudi, 1990; e l introduzione al volume di P.P. Portinaro, «Personalismo senza carisma». 8. Su questo ritorno si veda la voce di M. Calise, «Personalization of Politics», in B. Badie, L. Morlino, D. Berg-Schlosser, International Encyclopedia of Political Science, Londra, Sage, Fra queste si possono ricordare l internazionalizzazione, la crescita dei compiti dello Stato, la mediatizzazione, e lo «scongelamento» dei cleavage sociopolitici che riduce la forza di mobilitazione dei partiti di massa. Cfr. J. Blondel e J. Thiébault, Political Leadership, Parties and Citizens: The Personalisation of Leadership, Londra, Routledge, Fra partiti e presidenti esiste aperta contrapposizione: «il funzionamento del governo di quanto si presidenzializza di tanto si departitizza. ( ) Nel contesto consensuale il potere del premier è affidato soprattutto alle sue capacità mediatorie tra i c.d. vetoplayers (o soggetti capaci di opporsi) mentre nelle democrazie maggioritarie, specie se aperte al processo di presidenzializzazione, la competizione tende a essere bipartitica o bipolare e consente al premier larghe zone di autonomia». L. Elia, «La presidenzializzazione della politica», Teoria politica, 12(1), 2006, pp Il declino dei processi di identificazione e sostegno nei confronti dell attore partito lascia aperta la strada per campagne elettorali centrate sui singoli candidati, come già evidenziato nei primi anni Novanta da M.P. Wattenberg, The Rise of Candidate-Centered Politics. Presidential Elections of the 1980s, Cambridge, Harvard University Press, Le differenze fra le due sponde dell oceano emergono in tutta evidenza in alcune circostanze: «in particolare, i partiti parlamentari e i gabinetti possono ritorcersi contro i leader individuali e, occasionalmente, farli cadere dall alto del loro piedistallo». Cfr. P. Webb, «La presidenzializzazione e l erosione del gover-

11 Introduzione. Modelli costituzionali fra forma e realtà XIX no di partito nei sistemi parlamentari: il caso del Regno Unito», Rivista italiana di scienza politica, 34(3), 2004, pp L espressione «fusione dei poteri» è già utilizzata nell opera The English Constitution di W. Bagehot: «Il segreto che rende efficiente la Costituzione inglese è la stretta unione, anzi la pressoché completa fusione del potere esecutivo e legislativo. La dottrina tradizionale dominante pretende che la bontà della nostra Costituzione consista nella completa separazione dell autorità legislativa da quella esecutiva; ma, in verità, la sua superiorità sta proprio nella loro eccezionale vicinanza» (Bagehot 1867, trad. it. 1995, p. 234). Un modello che ha trovato ampia attrazione ideologica anche nel nostro paese, dove si è sottolineato che «si tratta di una fusione che non indebolisce ma consolida il governo: cioè di una fusione che non diventa confusione in virtù della unicità, autorità e durata della leadership». Cfr. G. Sartori, «Dove va il Parlamento», in S. Somogyi, L. Lotti, A. Predieri, G. Sartori, Il Parlamento italiano , Napoli, Esi, 1963, p Sempre più di attualità è la formula utilizzata da Maurice Duverger nel 1974 in La monarchie républicaine ou comment les démocraties se donnent des rois, Parigi, Robert Laffont. 15. Gli osservatori francesi hanno parlato a suo proposito di «présidentialisation exacerbée». Cfr. O. Duhamel, «Vers une présidentialisation des institutions?», in P. Perrineau (a cura di), Le vote de rupture. Les élections présidentielle et législatives d avril-juin 2007, Parigi, Presses de Sciences Po, 2008, pp Nel delicato contesto della transizione italiana, il Cavaliere si è presentato agli occhi degli elettori come capo indiscusso della sua coalizione, e poi come (unico) responsabile demo-eletto delle attività di governo: «soon after the victory of centre-right coalition in 1994, Berlusconi outspokenly referred to himself as an elected premier, a stance shared by a majority of the press. The centre-left coalition ( ) was soon compelled to adjust to new rules of the game». M. Calise, Presidentialization, Italian style, op. cit., 2005, p Ilvo Diamanti, «Bipolarismo mediatico», la Repubblica, 26 novembre È questa l espressione utilizzata da Ilvo Diamanti anche nel dibattito con Angelo Panebianco intitolato «Quo Vadis Italia», nell ambito del Convegno annuale della Società Italiana di Scienza Politica, Pavia, 4-6 ottobre La legge n. 270 del 2005 faceva riferimento in maniera esplicita alla figura del «capo». All articolo 2, infatti, si stabilisce che «i partiti o i gruppi politici organizzati che si candidano a governare depositano il programma elettorale nel quale dichiarano il nome e cognome della persona da loro indicata come capo della forza politica». 19. Secondo Giovanni Sartori tale previsione appare del tutto incostituzionale dal momento che «l indicazione del capo del governo sulla scheda del voto verrebbe trasformata in un sistema diverso. Diverso perché (1) spoglia il Parlamento del diritto di scegliere e investire il premier, (2) spoglia il Parlamento del diritto di

12 XX Il premier diviso cambiarlo, e perché (3) spoglia anche il capo dello Stato di una delle sue prerogative». Cfr. Giovanni Sartori, «Il voto al premier. L ultimo sopruso», Corriere della Sera, 12 aprile Si noti come gli stessi Poguntke e Webb nelle conclusioni al loro volume del 2005 preferiscono usare l espressione «presidenzializzazione contingente» per quanto riguarda il ruolo del leader nel decision-making, che lascia constatare maggiore variabilità nei casi presi in considerazione e maggiore dipendenza rispetto alle qualità personali del leader di governo. 21. Il presidenzialismo è la forma istituzionale che pone meno incentivi alla formazione e alla stabilità delle coalizioni, e quindi con maggiore probabilità lascia riscontrare impasse decisionali. Tale giudizio vede concorde gran parte della letteratura sulle forme di governo; «presidential systems which consistently fail to provide the president with sufficient legislative support are unlikely to prosper» Cfr. M.P. Jones, Electoral Laws and the Survival of Presidential Democracies, Notre Dame, Notre Dame University Press, 1995, p. 38. Per una più recente ricerca cfr. J.A. Cheibub, A. Przeworski, S.M. Saiegh, «Government Coalitions and Legislative Success under Presidentialism and Parliamentarism», British Journal of Political Science, 34(4), 2004, pp Sulla fondazione presidenziale della repubblica americana, cfr. R.E. Neustadt, Presidential Power: The Politics of Leadership, New York, Free Press 1990[1960]; A.M. Schlesinger, The Imperial Presidency, Boston, Houghton Mifflin, 1973; R. Pious, The American Presidency, New York, Basic Books, 1979; T.J. Lowi, The Personal President. Power Invested, Promise Unfulfilled, Ithaca-New York, Cornell University Press, 1985; J.K. Tulis, The Rethorical Presidency, Princeton, Princeton University Press, E in lingua italiana S. Fabbrini, Il presidenzialismo americano. Governare gli Stati Uniti, Roma-Bari, Laterza, 1993.

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

F. MUSELLA, Il premier diviso. Italia tra presidenzialismo e parlamentarismo, Milano, Egea Università Bocconi, 2012, pp. 195.

F. MUSELLA, Il premier diviso. Italia tra presidenzialismo e parlamentarismo, Milano, Egea Università Bocconi, 2012, pp. 195. F. MUSELLA, Il premier diviso. Italia tra presidenzialismo e parlamentarismo, Milano, Egea Università Bocconi, 2012, pp. 195. er un giurista, il solo studio della modellistica costituzionale non appare

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO

Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO 1 giugno 2015 Analisi dei flussi di voto in LIGURIA 1 giugno 2015 LIGURIA i flussi di voto tra 2014 e 2015 Come si sono mossi gli elettori liguri rispetto

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo)

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Art. 1 L iscrizione 1. Tutti possono chiedere l iscrizione all ANPI, alle condizioni previste dallo Statuto

Dettagli

Regole e istituzioni, o discrezionalità?

Regole e istituzioni, o discrezionalità? Regole e istituzioni, o discrezionalità? Alberto Franco Pozzolo Università degli Studi del Molise La riforma del bilancio dello Stato, Campobasso 30 gennaio 2016 Sommario I motivi della riforma I vincoli

Dettagli

Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I

Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I CORSO DI DIRITTO COMUNITARIO IL NOTAIO TRA REGOLE NAZIONALI E EUROPEE Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I Alfredo Maria Becchetti Notaio in Roma Componente Commissione Affari

Dettagli

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051 Audizione Confindustria Disegno di legge n. 1051 Delega al Governo su Informazione e Consultazione lavoratori e definizione misure su Democrazia economica XI Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

SCHEMA BASE ASSOLUTA MONARCHIA COSTITUZIONALE PARLAMENTARE FORME DI GOVERNO

SCHEMA BASE ASSOLUTA MONARCHIA COSTITUZIONALE PARLAMENTARE FORME DI GOVERNO FORME DI GOVERNO DEFINIZIONE - Per forma di governo si intende l insieme di regole che determinano: a) la distribuzione dei poteri tra gli organi costituzionali dello Stato ( di solito Parlamento titolare

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI LA CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE DEL BILANCIO DELLO STATO Dott. Mauro Cernesi Scienza delle Finanze 1 Le funzioni del Bilancio pubblico Funzione

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Codice di responsabilità degli eletti e degli amministratori democratici

Codice di responsabilità degli eletti e degli amministratori democratici Codice di responsabilità degli eletti e degli amministratori democratici Per l efficienza delle amministrazioni pubbliche e la responsabilità dei politici verso i cittadini Gli obiettivi Uno dei cardini

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com INTERNATIONAL POLITICAL ECONOMY I DIBATTITI CONTEMPORANEI 3 LA STABILITA EGEMONICA (I)

Dettagli

COUNSELING C O A C H I N G A Z I E N D A L E

COUNSELING C O A C H I N G A Z I E N D A L E COUNSELING COACHING A Z I E N D A L E B I O G R A F I A Riccardo Della Martera è nato a Pesaro nel 1976. Si è laureato in Ingegneria delle Telecomunicazioni al Politecnico di Milano ed ha ottenuto un MBA

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE

NUCLEO DI VALUTAZIONE Gli approfondimenti di Publika NUCLEO DI VALUTAZIONE O ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SI PUÒ SCEGLIERE? A cura di Gianluca Bertagna NUCLEO O ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE A cura di Gianluca

Dettagli

Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani

Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani vademecum_dizionario 04/10/13 11:31 Pagina 1 a cura di Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani Vademecum della democrazia UN DIZIONARIO PER TUTTI Editrice AVE vademecum_dizionario 04/10/13 11:28 Pagina

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Governo e amministrazione pubblica

Governo e amministrazione pubblica Governo e amministrazione pubblica 1 2 3 Il governo della società si realizza attraverso poteri differenziati e distribuiti: potere legislativo produce leggi sui diritti e la sicurezza degli individui

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LAURICELLA. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LAURICELLA. Disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3385 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato LAURICELLA Disposizioni in materia

Dettagli

Le ristrutturazioni aziendali

Le ristrutturazioni aziendali Le ristrutturazioni aziendali Come si conduce uno studio di caso Daniele Zaccaria daniele.zaccaria@unimib.it Le strategie di gestione dei processi di ristrutturazione tendono a mutare perché sta mutando

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio In un periodo nel quale si è parlato tanto (e spesso a sproposito) di gabbie salariali

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

Macchine e capitale. (terza parte) 4 Marzo 2015. UniGramsci - Economia politica 2014-2015 1

Macchine e capitale. (terza parte) 4 Marzo 2015. UniGramsci - Economia politica 2014-2015 1 Macchine e capitale (terza parte) 4 Marzo 2015 2015 1 dalla scorsa lezione Il prolungamento della giornata oltre i suoi limiti naturali, il lavoro notturno, è un risultato del sistema di fabbrica. la parte

Dettagli

Macchine e capitale (prima parte)

Macchine e capitale (prima parte) Macchine e capitale (prima parte) 4 Febbraio 2015 1 Nascita del macchinario Connessione tra divisione del lavoro e macchine (Ch.Babbage) è di rilievo analizzare la proporzione che esiste tra lavoratori

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 768 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARLUCCI Disciplina del franchising Presentata il 6 maggio 2008 ONOREVOLI COLLEGHI! Ilfranchising,

Dettagli

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA SCENARI STRATEGIE POLITICHE PROGETTI PER LA PROVINCIA DI MACERATA Questo studio fa parte di un itinerario di

Dettagli

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU La società e le regole Gruppi e società Dalla vita quotidiana al Diritto e all Economia Il Diritto e l Economia: scienze sociali Origini

Dettagli

Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle:

Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle: Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle: 1) l assunzione di un ruolo di imprenditore politico da parte di une comico conosciuto e affermato. 2) la costruzione di un movimento a partire dal

Dettagli

Il Partito Democratico del Trentino.

Il Partito Democratico del Trentino. Il Partito Democratico del Trentino. Le idee del candidato alla segreteria Roberto Pinter Più che da dove vieni conta chi sei e dove vai. La nascita del PD è anche questo, è un progetto che guarda avanti,

Dettagli

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE

Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) INDICE Regolamento per l istituzione e l applicazione del sistema di misurazione e valutazione della performance (art.1-16 D.Lgs.150 del 2009) (Approvato con deliberazione della Giunta della Federazione n.102

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Nei prossimi anni Roma sarà chiamata a competere in un contesto internazionale ed in uno scenario dominato da alcune macrotendenze

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AMMINISTRATIVE E GESTIONALI NEGLI ENTI LOCALI

L ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ AMMINISTRATIVE E GESTIONALI NEGLI ENTI LOCALI E GESTIONALI NEGLI ENTI LOCALI 1 ultimo aggiornamento: febbraio 2002 Le leggi di riforma dell ordinamento degli Enti Locali e più in generale della Pubblica Amministrazione che si sono succedute in modo

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo Indice Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo PARTE PRIMA - La RSU 11 Capitolo I Che cosa è la RSu 13 Capitolo II Come lavora la RSu 18 Capitolo III - Il negoziato: tempi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2115 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa del senatore QUAGLIARIELLO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 27 OTTOBRE 2015 Modifiche all articolo 83 della Costituzione

Dettagli

1. Possiamo stabilire oggettivamente quale è il sistema elettorale migliore? Risposta: no

1. Possiamo stabilire oggettivamente quale è il sistema elettorale migliore? Risposta: no 1 Schema della lezione 1. Possiamo stabilire oggettivamente quale è il sistema elettorale migliore? Risposta: no 2. Possiamo dire qualcosa su quale è il sistema elettorale migliore? Risposta: si 3. Dato

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem Relazione del Presidente Dino Piacentini Assemblea Generale Aniem 26 giugno 2015 Cari amici e colleghi, anzitutto grazie. Per aver condiviso un percorso in un periodo non certo facile per le nostre imprese,

Dettagli

Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet

Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet Analisi dei blog, forum e siti che parlano di Voi su Internet extrapola ed presentano Blogmetrics Politica Online, un nuovo servizio di monitoraggio di online news da blog, forum e siti internet. OBIETTIVO

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità TESTATA: 247.LIBERO.IT TITOLO: Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità 23/11/12 Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali

Dettagli

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Anno 2004-2005 REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Dettagli

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 La crisi economica europea ha avuto importanti conseguenze sulla tutela dei diritti fondamentali a causa della riduzione

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia disegna un panorama molto variegato con differenze marcate

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

PROVINCIALI LIBERI. CONVEGNO DEL 13/14 SETTEMBRE 2013 DEI SEGRETARI COMUNALI E

PROVINCIALI LIBERI. CONVEGNO DEL 13/14 SETTEMBRE 2013 DEI SEGRETARI COMUNALI E CONVEGNO DEL 13/14 SETTEMBRE 2013 DEI SEGRETARI COMUNALI E PROVINCIALI LIBERI. Voglio aprire questo mio intervento ringraziandovi dell invito a partecipare a questa importante iniziativa. Come Sindacato

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica Lezioni sulla democrazia Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica LUISS, Roma Lezioni sulla democrazia >> >> Livorno 28.11.2014 Livorno 28.11.2014 2 1 Di cosa parleremo 1. Che cos è la democrazia

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 *

L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * di Sabino Cassese (Professore ordinario, Facoltà di Giurisprudenza, Università La Sapienza, Roma) 1 luglio 2002 Sommario 1. Premessa 2. Il nuovo

Dettagli

MARKETING, COMUNICAZIONE, DEONTOLOGIA: il biglietto da visita del libero professionista

MARKETING, COMUNICAZIONE, DEONTOLOGIA: il biglietto da visita del libero professionista MARKETING, COMUNICAZIONE, DEONTOLOGIA: il biglietto da visita del libero professionista Bologna 24 novembre 2013 Roberta Arbellia Indagine Nursind e Cergas Bocconi ottobre 2013 Infermieri forte orgoglio

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

La democrazia può fare la differenza?

La democrazia può fare la differenza? La democrazia può fare la differenza? Giovanni Carbone, Università degli Studi di Milano da: Clark Golder Golder, Principi di scienza politica, McGrawHill, 2011 Democrazia e crescita economica I regimi

Dettagli

1. Oggetto e struttura del disegno di legge

1. Oggetto e struttura del disegno di legge Delega al Governo per l attuazione dell articolo 117, secondo comma, lettera p) della Costituzione, per l istituzione delle Città metropolitane e per l ordinamento di Roma Capitale della Repubblica. Disposizioni

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 448 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d'iniziativa del senatore DANIELI Paolo COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L'11 LUGLIO 2001 Modifica dell'articolo 116 della Costituzione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DI AREA

CARTA DEI VALORI DI AREA approvata dall Assemblea di Roma l 8 giugno 2013 1. Identità e scopo 1. Siamo magistrati italiani ed europei, orgogliosi di far parte di una magistratura indipendente e autonoma, che, proprio perché tale,

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Convegno Federconsumatori Toscana. Al centro i cittadini. Equità, tutela e partecipazione nei servizi pubblici locali

Convegno Federconsumatori Toscana. Al centro i cittadini. Equità, tutela e partecipazione nei servizi pubblici locali Al centro i cittadini. Equità, tutela e partecipazione nei servizi pubblici locali Firenze, 12 aprile 2011 Auditorium Monte dei Paschi di Siena Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA Pagina

Dettagli

UN CONFRONTO CON L EUROPA

UN CONFRONTO CON L EUROPA UN CONFRONTO CON L EUROPA Per favorire una critica non inficiata da pregiudizi politico-ideologici proponiamo il confronto con gli organi di governo della scuola degli altri Paesi europei, anche se riteniamo

Dettagli

Volontariato. Sulle delibera della regione Marche che trasferisce al Centro servizi volontariato risorse per sostenere progetti delle associazioni

Volontariato. Sulle delibera della regione Marche che trasferisce al Centro servizi volontariato risorse per sostenere progetti delle associazioni Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Volontariato. Sulle delibera della regione Marche che trasferisce al Centro servizi volontariato risorse per sostenere progetti delle associazioni Quale valutazione dare

Dettagli

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino UDINE ITALY 15 Settembre 2015 La Strategia Macroregionale Alpina (EUSALP) Roberta Negriolli REGIONE LOMBARDIA Delegazione di Bruxelles

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

C. Parla con i collaboratori e poi stabilisce degli obiettivi. D. Lascia al gruppo la completa responsabilità della situazione.

C. Parla con i collaboratori e poi stabilisce degli obiettivi. D. Lascia al gruppo la completa responsabilità della situazione. QUESTIONARIO SULL EFFICACIA E FLESSIBILITA DELLA LEADERSHIP Di Paul Hersey e Kenneth Blanchard ISTRUZIONI Si presume che Lei sia coinvolto in ognuna delle seguenti 12 situazioni. Legga attentamente ogni

Dettagli

VADEMECUM UFFICIO PACE

VADEMECUM UFFICIO PACE VADEMECUM UFFICIO PACE In questi ultimi anni, in molti comuni italiani, si è andata diffondendo la pratica dell istituzione di un ufficio pace. Ma che cosa sono questi uffici? E di cosa si occupano? Attraverso

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Decentramento e federalismo

Decentramento e federalismo Decentramento e federalismo Teoria economico-finanziaria dell ottimo livello di governo. Principi: ECONOMIA PUBBLICA (6) Le giustificazioni del decentramento e del federalismo sussidiarietà; responsabilità;

Dettagli

PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA

PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA La UIL nell assumere tra i suoi obiettivi prioritari per l'anno in corso il superamento del blocco della contrattazione

Dettagli

Sarà perché la popolarità delle

Sarà perché la popolarità delle Banca etica Adulta a 15 anni Nata nel 1999, è ormai una struttura consolidata, che finanzia 7.500 progetti coniugando solidarietà e mercato di Nerina Trettel Sarà perché la popolarità delle banche continua

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

LO STATO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LO STATO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LO STATO (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) DALLA SOCIETA' ALLO STATO La nascita di uno Stato è il risultato di un lungo processo storico; nel corso dei secoli la società si

Dettagli

loredana.sciolla@unito.it

loredana.sciolla@unito.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Loredana Sciolla c/o Campus Luigi Einaudi, Lungodora Siena 100, 10153 Torino Telefono Campus Luigi

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli