DIOCESI DI CASERTA. Vedo vivere la Chiesa. Per un cristianesimo ecclesiale e solidale. Atti del Convegno settembre 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIOCESI DI CASERTA. Vedo vivere la Chiesa. Per un cristianesimo ecclesiale e solidale. Atti del Convegno 26-29 settembre 2011"

Transcript

1 DIOCESI DI CASERTA Vedo vivere la Chiesa. Per un cristianesimo ecclesiale e solidale Atti del Convegno settembre 2011 EDIZIONI SALETTA DELL UVA 1

2 Edizioni Saletta dell Uva P.zza Matteotti, Caserta Tel. e Fax Stampa Depigraf snc Via Cefarelli Caserta 2

3 PREFAZIONE di Don Sergio Adimari* La celebrazione del Convegno diocesano Vedo vivere la Chiesa. Per un cristianesimo ecclesiale e solidale trova il suo primo naturale esito nella pubblicazione degli Atti, il cui chiaro intento è quello di diffondere e rendere ancora più disponibile il lavoro svolto. Naturalmente insieme a questa pubblicazione costituiscono parte integrante anche il cammino preparatorio del pre-convegno del maggio 2011, nonché la lettera pastorale per l anno di Mons. Pietro Farina, Vedo vivere la Chiesa, da cui ha preso spunto l assise ecclesiale. Punto di partenza, nella fase preparatoria, è stato prendere in considerazione il Convegno Ecclesiale Una Chiesa di Comunione a servizio dell uomo, che la nostra Diocesi ha celebrato il Gennaio 1989 e tutto il percorso svolto in questi ventidue anni, passando attraverso le indicazioni offerte dal XII Sinodo Diocesano ( ). Nei giorni settembre 2011 il Convegno, celebrato con un ampia partecipazione, è stato svolto in due momenti di forte contenuto: il primo è stato dedicato alle Relazioni dei Vicari Episcopali - per l Area Evangelizzazione Don Valentino Picazio, per l Area Liturgia Don Claudio Nutrito e per l Area Caritas Don Antonello Giannotti. Tali relazioni sono il frutto di un ampio confronto e dibattito avuto con tutti i delegati e i gruppi di studio formatisi per l occasione e rappresentano insieme l analisi sullo stato di fatto e il percorso a lungo termine da intraprendere perché la nostra Chiesa locale si riscopra comunità di testimonianza, di discernimento e di profezia. La seconda parte ha fatto registrare gli interventi di due autorevoli esperti sulle due dimensioni che il nostro cristianesimo deve incarnare perché possa * Segretario Generale della Curia diocesana di Caserta. 3

4 riproporre con rinnovato vigore e passione evangelizzatrice la Chiesa e il mistero che la costituisce: Per un cristianesimo ecclesiale di Padre Aldino Cazzago, o.c.d., teologo e direttore dell edizione italiana di Communio e Per un cristianesimo solidale del prof. Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant Egidio, svoltosi, quest ultimo, alla presenza delle istituzioni e delle rappresentanze politiche operanti sul territorio. Negli interventi di Mons. Pietro Farina, sia di apertura sia conclusivo, è stato naturalmente colto l auspicio che l assise ecclesiale celebrata sia il rilancio, attraverso l azione singola e comunitaria dei credenti, di quel rinnovamento che la Chiesa locale deve sempre avvertire e vivere allo scopo di cercare e riconoscere ciò che lo Spirito dice alle Chiese (Ap. 2,7). La presente pubblicazione, realizzata con il contributo dei diversi relatori, a cui va naturalmente il nostro ringraziamento, è il chiaro segno di questa testimonianza di fede che la nostra Chiesa diocesana intende professare. 4

5 IL CONVEGNO ECCLESIALE: OPERA DI EVANGELIZZAZIONE, DI CELEBRAZIONE E DI TESTIMONIANZA DELLA FEDE. di Mons. Pietro Farina* Nella storia della Chiesa i Convegni Ecclesiali sono sempre stati occasioni di grande importanza per la vita delle diocesi e delle comunità e la pubblicazione dei loro Atti rappresentano la memoria di questi eventi. La trascrizione di ciò che si è detto e discusso diventa una testimonianza, che non si riduce ad essere mero documento da studiare, ma un aiuto per promuovere e attivare lo stile ecclesiale della sinodalità e il metodo pastorale del discernimento comunitario, uno stile e un metodo che come Chiesa possono caratterizzare quella corresponsabilità dei fedeli laici nella edificazione del corpo di Cristo che è la Chiesa. Nei tornanti della storia, quando emergono situazioni complesse e nuove sfide, è opportuno, se non necessario, il convenire sinodale. È questo il luogo dove lo Spirito parla alle Chiese per il discernimento e le scelte programmatiche da compiere. Siamo perciò chiamati a realizzare quel confronto della fede con gli attuali modi di pensare e di vivere, che talora chiamiamo nuova inculturazione, e a compiere quel discernimento, a cui altre volte nella storia la comunità cristiana ha dovuto far fronte, quando è passata da una cultura ad un altra. L impegno prioritario della nostra comunità cristiana, per il futuro di Caserta, presuppone da parte nostra lo sforzo di comprendere il nostro tempo, la volontà di evangelizzarlo e la docilità allo Spirito che, nella comunione ecclesiale, guida noi, a leggere i segni della sua presenza e a trarre dal tesoro della Parola di Dio nova et vetera, cose nuove e verità antiche. Solo così al mondo sarà annunziato Gesù di Nazareth, unico redentore e salvatore, perché accogliendolo nella fede, il mondo sia salvo. * Vescovo di Caserta. 5

6 La pubblicazione degli Atti del Convegno Ecclesiale Diocesano Vedo vivere la Chiesa. Per un cristianesimo ecclesiale e solidale mi offre l opportunità per ripercorrere il cammino di riflessione svolto dalla nostra Chiesa locale nei giorni settembre 2011, durante i quali ho avvertito quanto sia fondamentale per tutti che la Chiesa, quale strumento e segno di salvezza, faccia risuonare nel mondo, e nel contesto in cui si incarna, la voce di Cristo, una voce che invita insieme alla conversione e alla missione. Nella Lettera ai Romani l apostolo Paolo scrive: Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato (Rm. 10, 13). Fulcro della fede allora è il Cristo che dona la salvezza a tutti gli uomini: chi scopre veramente Cristo, chi sperimenta la sua amicizia, non può nel contempo non scoprire il senso della propria vita. E proprio in relazione a questa verità di fede aggiunge l apostolo: Ora, come potranno invocarlo senza aver prima creduto in lui? E come potranno credere, senza averne sentito parlare? E come potranno sentirne parlare senza uno che lo annunzi? E come lo annunzieranno senza essere prima inviati? (Rm. 10, 14-15). Questo susseguirsi di domande da parte dell Apostolo delle genti mi aiuta ad approfondire alcune tematiche in margine alla conclusione del Convegno diocesano e che potrebbero rappresentare spunti per l animazione pastorale della nostra Diocesi: la missione, l Anno della fede e il mondo della comunicazione. In statu missionis La missione è l anima della Chiesa e attraverso la missione la Chiesa è spinta a vivere con gli uomini per cercare con loro il vero senso della storia, rivelare il loro destino ultimo e condurli alla salvezza nel Regno di Dio. L intera Chiesa rimane sempre in statu missionis, perché è interpellata dalla parola di Gesù: «Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo ad ogni creatura» (Mc 16, 15). La Chiesa rimane in statu missionis nel prolungamento di quella missione che l eterno Figlio Gesù Cristo ha compiuto nella storia del mondo. La missione della Chiesa ha la sua sorgente inesauribile e il suo inizio incessante in Dio stesso. Mediante la Chiesa, Dio rinnova continuamente all umanità la chiamata proclamata dal profeta Isaia: Venite, saliamo sul 6

7 monte del Signore, al tempio del Dio di Giacobbe, perché ci indichi le sue vie e possiamo camminare per i suoi sentieri (Is. 2, 3). La missione della Chiesa è salvifica, perché il centro di essa è costituito dall incontro dell uomo con Cristo, che è l Uomo nuovo. La Chiesa proclama che in Cristo c è la verità dell uomo perché in Lui ogni persona può rinnovarsi profondamente nella libertà e nell amore. A tal proposito scrive Papa Bendetto XVI: Non sono le ideologie che salvano il mondo, ma soltanto il volgersi al Dio vivente, che è il nostro creatore, il garante della nostra libertà, il garante di ciò che è veramente buono e vero 1 e il Cristo è Colui che rivela il volto del Dio vivente come Padre ricco di bontà e misericordia. La novità dell annuncio che la missione comunica con la Parola, i sacramenti e la carità, introduce l uomo in quell evento pasquale che cambia l esistenza, la trasforma con la forza dello Spirito e la fa nuova. Chi accoglie Gesù Cristo e si lascia investire dall evento della sua morte e risurrezione partecipa alla sua stessa vita: non vive più per se stesso, ma vive per il Signore. Questa realtà misteriosa ma reale faceva dire all apostolo Paolo: Non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me (Gal. 2,20). Si comprende allora che la missione non si limita a suscitare la conversione e la fede, ma sorregge anche i passi successivi che conducono al battesimo, alla vita nella Chiesa e alla testimonianza nel mondo. La missione vuole avviare, far crescere e sostenere quel cammino della fede che dal suo primo inizio porta alla piena maturità di Cristo. Il Convegno diocesano è stato l espressione di questa esperienza religiosa viva alla riscoperta della dimensione ecclesiale della nostra esistenza di fede: abbiamo preso coscienza che il battesimo ricevuto in Cristo ci introduce nella realtà nuova della Chiesa, che è al servizio del Regno di Dio concretamente ed effettivamente con l annunzio che chiama alla novità di vita in Cristo, che è la speranza del mondo e tutte le nostre piccole speranze trovano sostegno e possibilità di realizzazione nella misura in cui Lo accogliamo e Lo seguiamo. 1 BENEDETTO XVI, Veglia con i Giovani (Colonia, 20 agosto 2005). 7

8 Il nostro cristianesimo pertanto non può presentarsi come ideologia o appesantita da un eccedenza di struttura rispetto allo spirito essenziale: noi dobbiamo saper parlare di una Chiesa viva, dinamica, capace di suscitare speranza là dove una coltre di oscurità sembra scendere sul nostro tempo e non permette di vedere con chiarezza la luce del giorno. Vedo vivere la Chiesa vuol significare che ho dinanzi ai miei occhi persone che vivono la loro esperienza di figli di Dio; Per un cristianesimo ecclesiale e solidale intende indicare che il sentiero di ogni credente non è isolato, individuale, ma ecclesiale, cioè cammino di una comunità che nella sua interezza, in tutte le sue componenti, si riconosce come famiglia di Dio e percorre la strada dell accoglienza e del dialogo. Nella mia lettera pastorale Vedo vivere la Chiesa affermavo che solo in una dimensione comunitaria della vita di fede possiamo ammirare la Chiesa nella sua ricchezza di ministeri e carismi, partecipare di questa ricchezza, creando dei momenti e degli spazi in cui incontrarsi come fratelli, figli dello stesso Padre, vivere momenti di lode per quanto abbiamo ricevuto in grazia e progettare insieme un futuro contrassegnato da uno stile di vita da figli di Dio. È vitale un esperienza di coralità di Chiesa per percepire la gioia di stare insieme e progettare insieme una Chiesa secondo il cuore di Cristo 2. Se questa è l autentica condizione in cui vive e opera il credente, avvertiamo allora quanto sia necessario prevedere e proporre itinerari organici e prolungati di iniziazione cristiana per dare una risposta sempre più pronta agli appelli di Dio nei tempi nuovi, una risposta che passa attraverso l adesione alla sua Chiesa. Vivere la propria fede nella Chiesa, è rispettare la natura profonda della fede stessa, che se è principalmente personale, non può non essere insieme comunitaria. Il cuore dell esperienza cristiana, a cui va ricondotta ogni azione ecclesiale è l annuncio di Gesù Cristo morto e risorto per l uomo, la cui presenza è viva e vivificante nella Chiesa in cammino con tutta l umanità, ogni fratello accanto all altro, verso il compimento della nuova Gerusalemme (Ap. 21,2). 2 P. FARINA, Vedo vivere la Chiesa Lettera Pastorale , Edizioni Saletta dell Uva, Caserta 2010, p

9 L Anno della fede Con l indizione di un Anno della Fede, che inizia l 11 ottobre 2012, nel 50 anniversario dell apertu ra del Concilio Vaticano II e si concluderà il 24 no vembre 2013, solennità di Cristo Re dell Universo, Papa Benedetto XVI ha voluto indicare con decisione la strada da per correre per una riforma della nostra vita spirituale: Riper correre la storia della nostra fede, la quale vede il mistero insondabile dell intreccio tra santità e peccato 3. All interno della Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio Porta fidei, con la qua le si indice l Anno della Fede, il Santo Padre ci ricorda la necessità di una ripresa della nostra fede in un contesto in cui la fede non solo non è presente ma viene addirittura negata. Nell omelia del 16 ottobre 2011, tenuta nella Basilica Vaticana in occasione della Santa Messa per la promozione della Nuova Evangelizzazione, il Santo Padre ci indica le ragioni di questa sua scelta: Proprio per dare rinnovato impulso alla missione di tutta la Chiesa di condurre gli uomini fuori dal deserto in cui spesso si trovano verso il luogo della vita, l amicizia con Cristo che ci dona la vita in pienezza 4. Per il nostro cammino diocesano, inoltre, c è un passo nella Lettera Apostolica che sembra così appropriato per l esigenze della nostra Chiesa: Desideriamo che questo Anno susciti in ogni credente l aspirazione a confessare la fede in pienezza e con rinnovata convinzione, con fiducia e speranza. Sarà un occasione propizia anche per intensificare la celebrazione della fede nella liturgia, e in particolare nell Eucaristia, che è il culmine verso cui tende l azione della Chiesa e insieme la fonte da cui promana tutta la sua energia. Nel contempo, auspichiamo che la testimonianza di vita dei credenti cresca nella sua credibilità. Riscoprire i contenuti della fede professata, celebrata, vissuta e pregata, e riflettere sullo stesso atto con cui si crede, è un impegno che ogni credente deve fare proprio, soprattutto in questo Anno 5. 3 BENEDETTO XVI, Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio Porta fidei, 11 ottobre 2011, n BENEDETTO XVI, Omelia Basilica Vaticana Domenica, 16 ottobre BENEDETTO XVI, Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio Porta fidei, 11 ottobre 2011, n

10 Le indicazioni di massima sono un invito alla riscoperta delle nostre radici e della nostra identità di uomini di fede. Il Convegno ecclesiale, che ci ha visti partecipi numerosi, ha dato un chiaro impulso all opera di evange - lizzazione, di celebrazione e di testimonianza della nostra fede, proclamata e testimoniata in un determinato contesto geografico, che è la nostra terra. Non ci resta che attuare tutto ciò andando alle radici della nostra scelta di vita cristiana, come ci ricorda lo stesso Santo Padre nell omelia sopra citata: I nuovi evangelizzatori sono chiamati a camminare per primi in questa Via che è Cristo, per far conoscere agli altri la bellezza del Vangelo che dona la vita. E su questa Via non si cammina mai soli, ma in compagnia: un esperienza di comunione e di fraternità che viene offerta a quanti incontriamo, per partecipare loro la nostra esperienza di Cristo e della sua Chiesa. Così, la testimonianza unita all annuncio può aprire il cuore di quanti sono in ricerca della verità, affinché possano approdare al senso della propria vita 6. E proprio dalla Lettera Apostolica potremmo desumere dei criteri per impostare tutto il nostro lavoro di preparazione per questo Anno della fede, che partendo dall esperienza del Convegno diocesano costituisce per la nostra Diocesi occasione di verifica di un cammino pastorale comune, il cui filo conduttore unitario è da ravvisare, secondo la mia intenzione, in quel pieno fervore di rinnovamento conciliare che dovrebbe animare tutto il lavoro pastorale diocesano per i prossimi cinque anni, seguendo idealmente il cammino di ripresa del magistero del Concilio Vaticano II, i cui documenti costituiscono ancora oggi un tesoro di inesauribile ricchezza per tutta la Chiesa. Questi criteri li possiamo enucleare richiamando i quattro verbi della Lettera Apostolica: confermare, comprendere, approfondire e testimoniare 7. In un tempo povero di speranza, in cui la fede non è più oggi presupposto così ovvio, confermare la fede nella logica dell Incarnazione è il cambio di direzione che una comunità deve apprestarsi a compiere per abitare il presente e farlo diventare carico di una speranza per il tempo futuro, di una speranza che non delude, perché fondata sulla roccia incrollabile che è Gesù di 6 BENEDETTO XVI, Omelia Basilica Vaticana Domenica, 16 ottobre Cfr. BENEDETTO XVI, Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio Porta fidei, 11 ottobre 2011, n

11 Nazareth. Comprendere e approfondire i contenuti della fede è plasmare la mentalità soprattutto delle nuove generazioni sulla radicale novità della risurrezione: l inesauribile ricchezza della Parola di Dio, il fondamento certo della Tradizione e la vastità di conoscenza che proviene dal Magistero della Chiesa sono patrimonio del credente, la cui fede, abbeverandosi a queste tre fonti, diventa criterio di intelligenza e di azione che cambia tutta la vita dell uomo 8. Infine testimoniare la fede mediante una carità operosa è trasmettere in maniera coerente ciò che abbiamo ricevuto. Il mondo della comunicazione Per la nostra Chiesa locale è di prioritaria importanza entrare nell universo della comunicazione; è da tempo che la Chiesa tutta ha compreso che i moderni mezzi di comunicazione non sono soltanto strumenti di comunicazione, ma anche un mondo da evangelizzare. Essi devono offrire una comunicazione autentica, possono costituire un valido aiuto per far crescere la comunione della famiglia umana e l ethos delle società, quando diventano strumenti di promozione dell universale partecipazione nella comune ricerca di ciò che è bene comune. Le nuove tecnologie d informazione possono diventare potenti strumenti di coesione o anche fattori efficaci di divisione. Essi possono generare, sul piano morale, la propagazione di ciò che è giusto e vero o di ciò che è falso e riprovevole. La massa di notizie o di contro-notizie, così come la massa di immagini può essere interessante come pure può condurre a una forte manipolazione. L informazione può diventare molto facilmente disinformazione, e la formazione una deformazione. I media possono promuovere un autentica umanizzazione, ma possono al contempo comportare una distorsione della verità. Quali sono allora i criteri che possono orientare i media in senso costruttivo? Ritengo che solo orientando alla luce di un immagine della persona e del bene comune che ne rispecchi le valenze universali, i mezzi di comunicazione sociale possono favorire lo sviluppo e la partecipazione per tutti. Le possibilità di interconnessione e di circolazione delle idee genera una cultu- 8 Ibidem. 11

12 ra della promozione e del bene. Per raggiungere simili obiettivi bisogna che essi siano espressamente animati dalla carità e siano posti al servizio della verità. La Chiesa deve essere maggiormente presente nei media al fine di renderli non soltanto strumento di diffusione del Vangelo ma anche un mezzo utile per la formazione della nostra gente. Una solida formazione dei giornalisti all etica e al rispetto della verità li aiuterà a evitare l attrattiva del sensazionale, così come la tentazione della manipolazione dell informazione e del guadagno facile. I giornalisti cristiani non devono sentire paura di manifestare la loro fede, ma anzi si avverte oggi più che mai la necessità di incoraggiare la presenza e l attività di fedeli laici competenti nel mondo delle comunicazioni pubbliche e private. Non dimentichiamo l immagine evangelica del lievito che fermenta la pasta, similitudine che giustifica l impegno di chi continua a rendere testimonianza del contributo positivo e costruttivo che l insegnamento di Cristo e della sua Chiesa apporta al mondo. La scelta fatta dalla nostra Diocesi di aprire un settimanale, L eco di Caserta, contribuisce a considerare la comunicazione come un elemento portante dell evangelizzazione e contribuisce a promuovere i valori che la Chiesa ritiene insostituibili per lo sviluppo di un territorio come il nostro. L organizzazione di una redazione diocesana, l istituzione di un premio giornalistico per le buone notizie, il collegamento con i media cattolici nazionali sono reali possibilità per Caserta di uscire da quella spirale di pessimismo e di vittimismo che certo non danno ragione delle enormi potenzialità che la città, la provincia e la Chiesa locale sanno esprimere. In questa luce prende corpo la nostra iniziativa di pubblicare gli Atti del Convegno, un sussidio per rispondere soprattutto ad esigenze metodologiche e di accompagnamento pastorale delle nostre comunità, che vogliono crescere e far maturare i carismi che in esse il Signore ha riversato per il bene e la salvezza di tutti. 12

13 RELAZIONI DEI VICARI EPISCOPALI AREA EVANGELIZZAZIONE AREA LITURGIA AREA CARITAS 13

14 14

15 AREA EVANGELIZZAZIONE 15

16 16

17 RENDERE RAGIONE DELLA FEDE CRISTIANA OGGI di Sac. Prof. Valentino Picazio* Da sempre la comunità cristiana ha cercato di rendere ragione di fronte al mondo della propria fede e speranza mostrando il vangelo di salvezza in una prospettiva di intelligibilità. L atto di fede coinvolge infatti tutto l uomo e abbisogna, per essere pienamente autentico, di un accoglienza vitale della rivelazione di Dio in Gesù Cristo che è insieme del cuore e della mente. Nel nostro tempo viviamo un epoca che non è certo abitata da grandi passioni e ideali ma si caratterizza per il suo profilo incerto, per la debolezza e il nomadismo del pensiero. Più di ieri il cristiano è chiamato a dire la speranza che è in lui, ad esplicitare le ragioni del suo credere, presentando, senza complessi, la propria fede. Come consigliato dall Apostolo Pietro lo stile dell annuncio deve essere completo e chiaro per la verità che contiene 1. a) La crisi del linguaggio della fede Il cristiano si trova oggi di fronte al muro di gomma dell indifferenza religiosa; si fa sempre più acuto il problema dei lontani; inoltre molti di quelli che sono vicini, i cosiddetti praticanti per abitudine, sembrano rimanere lontani, indisponibili a quel di più evangelico che è tipico della proposta cristiana, forse perché soddisfatti di una religione come genere di conforto. Il Vescovo ha un doppio tormento: quello degli assenti che non raggiunge e quello di coloro che, pur raggiunti, restano in qualche maniera assenti. Evidentemente è un tormento che non hanno solo i Vescovi, è di ogni prete; * Vicario Episcopale per l AREA EVANGELIZZAZIONE. 1 Cfr. 1Pietro 3,15 17

18 al fondo di ogni cristiano. Come reagire? Disponiamo noi di un linguaggio convincente, credibile, in grado di veicolare le ragioni del nostro credere? Certo vorremmo avere parole convincenti, capaci di farsi ascoltare, mentre nell aeropago di una cultura frammentata, ci si accorge che il nostro comunicare è senza rete. Il vangelo risulta credibile nel suo essere proposta disinteressata rivolta alla libertà dell uomo. Noi siamo responsabili dell annuncio e la proposta evangelica ci mette in uno stato di apostoli. b) La fuga nell irrazionale È questo uno dei paradossi del nostro tempo! Si contesta la fede in nome della ragione dichiarando che l uomo adulto può sbarazzarsi di inutili tutori. Eppure quelli che hanno lasciato la fede faticano poi spesso a ragionare e si dimostrano disposti a credere a tutto: ai maghi, agli oroscopi, agli extraterrestri, ai titoli dei giornali, alle sette sataniche, agli slogan della pubblicità. È vero che in un tempo in cui abbondano gli orfani delle ideologie molti contemporanei si sono ritrovati ad esser mendicanti di speranza e di salvezza. C è oggi fame e sete di trascendenza ma le chiese non si riempiono! c) Dall ateismo all indifferenza religiosa, al ritorno degli dei Sembra oggi in crisi l ateismo di stampo positivistico che ha riscosso fortuna nei secoli passati. Oggi siamo di fronte ad una non curanza per tutto ciò che riguarda la sfera religiosa anche se non è possibile trascurare il fatto che l indifferenza religiosa si mostra ai nostri giorni come la variabile di una generalizzata cultura dell indifferenza. A poco vale consolarsi enunciando la tesi del risveglio religioso e del ritorno del sacro. Anche Giovanni Paolo II al n. 38 della Redemptoris missio, parla del fenomeno del ritorno religioso con una certa cautela e lo definisce un aeropago da evangelizzare. Oltre all ateismo e all indifferenza religiosa si moltiplicano oggi nuove figure di non credenza che assumono una veste religiosa, disponibili comunque al 18

19 sincretismo e ad ogni genere di incrocio. In realtà è come dire religiosamente pagani. Nella società pluralista e secolarizzata ogni tipo di proposta, anche quella religiosa si trova in una situazione di mercato il che esige più che in passato dire con chiarezza la propria verità e la ragionevolezza della propria fede per non cadere nelle sabbie mobili del relativismo o di incagliarsi nelle secche del fondamentalismo. d) La testimonianza è importante, ma non basta Per molti cristiani la fede si trasmette attraverso la via maestra della testimonianza. Gli uomini a cui si annuncia il vangelo, almeno nei paesi di antica cristianità, non sono dei pagani ma generalmente dei post-cristiani (o anche non più-cristiani) che giudicano il cristianesimo come una realtà del passato anche perché incapaci di coglierne il sapore di novità. Ciò che fa difetto è il vissuto poco cristiano di molte comunità. Per cui più che dimostrare è indispensabile ritornare a mostrare con i fatti e attraverso il linguaggio dell esperienza che il cristianesimo è praticabile e che dischiude all uomo l autentica sapienza del vivere. Si rende ragione della fede attraverso il linguaggio forte, incisivo e provocatorio della testimonianza. Certo siamo convinti che un cristianesimo testimoniale capace di incarnare i valori della fede dentro la trama complessa della storia degli uomini è credibile; ma dobbiamo rivelare alcune difficoltà e possibili fraintendimenti. I valori cristiani vengono accettati nella società laica quando vengono svincolati dalla loro matrice di fede e svestiti di ogni riferimento alla trascendenza. Affrancati dall ipoteca religiosa hanno libero diritto di circolazione e sono considerati con rispettabilità nella società laica. La Chiesa viene così apprezzata per le sue opere assistenziali e caritative, per l interessamento verso gli ultimi, in poche parole quando la sua presenza si dimostra funzionale ai bisogni e ai problemi della società civile: si usa in questo caso parlare di Welfare Church. Ma in questo contesto la testimonianza mantiene ancora la sua trasparenza? Un certo vissuto della carità riesce a veicolare la verità del Vangelo di salvezza? 19

20 Ogni testimonianza deve riorientarsi e rimotivarsi abbeverandosi alle sorgenti della riflessione. Deve recuperare le ragioni per cui vale la pena spendersi. e) Dopo i contenuti della fede, le ragioni della fede Dopo la pubblicazione del Catechismo della Chiesa Cattolica (1992) che ha riportato in equilibrio uno sbilanciamento troppo a lungo sofferto tra i contenuti della fede, spesso trascurati o relativizzati, e un certo diffuso soggettivismo religioso, sembra aprirsi un nuovo e fruttuoso spazio di lavoro che investe la ricerca teologica e la proposta pastorale. L attenzione dovrebbe oggi rivolgersi alle ragioni del credere che necessitano di essere ripensate all interno delle coordinate culturali del nostro tempo. Fideismo e razionalismo sono sempre un pericolo per il cristianesimo. La non corretta coniugazione di fede e ragione condiziona inevitabilmente il rapporto fede e storia. Alla base, il problema oggi è quello del pensare la fede. Il non pensare la fede può portare facilmente ad estraniarsi dalla fede, a non coglierla nella sua duplice valenza di dono e di accoglienza libera, di dono e di responsabilità. Alla domanda cos è la fede? la maggior parte dei cristiani in maniera del tutto automatica risponde che essa è un dono; risposta certamente esatta, ma incompleta. Infatti la fede non è, di per sé innanzitutto un dono: la fede è la risposta libera al comunicarsi di Dio, che è dono 2. Il darsi della fede cioè implica sempre il compromettersi della libertà dell uomo. LA TEOLOGIA DEL POPOLO DI DIO Sin dalle origini il concetto di popolo di Dio è presente nella Bibbia e nella liturgia della Chiesa. Dal Concilio Vaticano II è diventato fondamentale 2 Cfr. C.M. MARTINI, C è ancora qualcosa in cui credere, Centro Ambrosiano - PM, Milano- Casale M., 1993, p

21 per l auto-definizione della Chiesa (Lumen Gentium) ed ha avuto una posizione chiave nella fase postconciliare. La descrizione di Chiesa come popolo di Dio si trova nel Nuovo Testamento oltre che nella Lettera agli Ebrei, in particolare nella 1 Lettera di Pietro nel contesto di un esegesi tipologica dell Antico Testamento dove il termine popolo di Dio è fondamentale per l autocoscienza di Israele. Il testo neotestamentario è usato in una paraclisi battesimale per affermare che tutti i battezzati partecipano al sacerdozio comune e alla missione comune, cioè proclamare le prodigiose opere di Dio. Tutti sono stirpe eletta, sacerdozio regale, nazione santa, il popolo che Dio si è acquistato perché proclami le opere meravigliose di lui. Talvolta si è creduto che da questa affermazione si potesse dedurre una democratizzazione della Chiesa, dove tutti sono uguali e tutti possono e debbono essere consultati e decidere sulle vicende della Chiesa. Tale interpretazione è fuorviante come mostrano alcune semplici osservazioni linguistiche. Il testo non parla tout court di qualsiasi popolo ma del popolo di Dio, cioè del popolo eletto da Dio. Il testo greco per esprimere popolo non usa il termine demos dal quale si deduce il termine democrazia, dove il popolo si riunisce in assemblea per discutere e decidere cosa si debba fare, ma usa il termine laos hagios, popolo santo e santificato, che Dio ha eletto e si assembla per udire che cosa ha progettato nel suo disegno salvifico; che si assembla non per proclamare le proprie opere ma per proclamare le opere meravigliose di Dio. Una seconda osservazione indica nella stessa direzione e completa ciò che abbiamo detto. Il testo non afferma che tutti noi siamo sacerdoti (iereis) in senso individualistico, ma parla in un senso collettivo e dice che tutti partecipano insieme allo stesso sacerdozio (ierateuma). Con questa affermazione il testo ci rimanda ad un altro concetto fondamentale per definire la Chiesa, cioè il concetto communio/koinonia che è considerato centrale non solo per l ecclesiologia, ma per l intera teologia del Concilio. La comunione non viene dal basso e non si costituisce nel raggrupparsi dei volti, ma nella partecipazione comune dei molti ad un bene comune che viene dall alto, nella partecipazione dei molti alla salvezza di Cristo nello Spirito Santo e nei sui doni. Dunque la definizione di Chiesa come Popolo di Dio va letta nel contesto di altre immagini bibliche come comunione, corpo di Cristo, tempio dello Spirito, casa di Dio. 21

22 LA TEOLOGIA DELLA PAROLA DI DIO NEL PROCESSO DI EVANGELIZZAZIONE OGGI IL METODO L interesse per la Bibbia va colto anzitutto per il suo approccio metodologico. La Bibbia non è solo un complesso di dati da studiare, ma è un metodo mediante il quale si annuncia Dio agli uomini e allo stesso tempo si scopre che è Dio stesso a «dirsi» agli uomini nella Bibbia. Pertanto sussiste una doppia direzione nella lettura credente dei testi ispirati: da una parte il lettore scopre le opere fatte da Dio e dall altra egli sperimenta che è Dio stesso a comunicarsi attraverso la storia. La questione del metodo (meta-hodon: attraverso la strada) resta fondamentale per cogliere gli aspetti attualizzanti della Bibbia per la vita spirituale e per l azione pastorale. Volendo offrire al nostro lavoro la possibilità di uno sguardo complessivo alle metodologie con cui ci si applica oggi alla Bibbia 3, si segnalano cinque approcci principali, che tengono presente anche la sintesi ragionata del documento della PONTIFICIA COMMISSIONE BIBLICA. L interpretazione della Bibbia nella Chiesa (Roma 1993) e fotografano le modalità più ricorrenti con cui ci si accosta al testo sacro e lo si propone nell azione pastorale 4. Gli approcci sono così rias- 3 Per una panoramica generale cfr. A.M. ARTOLA, Theologìa y Escritura bajo el signo de la Hermeneutica, in L. ALONSO SCHÒKEL-A.M. ARTOLA, La Palabra de Dios en la historia, Bilbao 1991, ; V. FUSCO, Un secolo di metodo storico-critico nell esegesi cattolica ( ), in Cent anni di studi biblici ( ). L interpretazione della Bibbia nella Chiesa, ; P. GRECH, Ermeneutica e teologia biblica, Roma 1986, ; IDEM, L ermeneutica biblica nel XX secolo, in Cent anni di studi biblici ( ). L interpretazione della Bibbia nella Chiesa, ; M. TÀBET, Verso una nuova fondazione dell esegesi biblica, AnTheol 6 (1992), ; IDEM, Lo studio della Sacra Scrittura, anima della Teologia: Dei Verbum 24, in Io. (ed.), La Sacra Scrittura, anima della teologia, Un quadro complessivo della problematica storica è proposto in P. GRECH-G. SEGALLA, Metodologia per uno studio della Teologia del Nuovo Testamento, 1978, ; L. PACOMIO, L esegesi cristiana oggi, Casale Monferrato 1991; A. BERTULETTI, Esegesi biblica e teologia sistematica, (l autore descrive il modello di P. Beauchamp). 4 Per una visione sintetica, cf. G. GIAVINI, La Bibbia nella vita della Chiesa. Storia di un cammino, acquisizioni, nodi problematici, esigere. Riflessi sulla catechesi, in C. BISSOLI-G. 22

23 sumibili: a) approccio «dogmatico»; b) approccio «storico-critico»; c) approccio «narrativo-esistenziale»; d) approccio «tematico-selettivo»; e) approccio globale. a) Approccio «dogmatico». Si tratta del metodo classico, impiegato soprattutto negli anni pre-conciliari, che richiama il procedimento della dimostrazione scolastica di una tesi dogmatica (lectio scholastica), da insegnare e difendere. In questo caso come è ampiamente testimoniato dalla storia dell interpretazione la Sacra Scrittura costituisce certamente la base di un procedimento corretto e positivo, ma che ha come finalità non tanto l incontro con la realtà del testo biblico, ma la formulazione di una tesi veritativa da proporre, che va oltre il testo ispirato. Questo approccio ha il merito di formulare con un linguaggio puntuale, formale, filosoficamente fondato (sul modello aristotelico-tomista), la verità su Dio, sull uomo e sulla vita, a cui i fedeli sono chiamati a credere. La conseguenza di questo procedimento non è l evangelizzazione, ma la formazione di una coscienza dogmaticamente solida, che dovrebbe avere come conseguenza la maturazione del fedele nella fede e nei costumi (etica). Si comprende come tale approccio propone la Sacra Scrittura nel senso di un testo «dimostrativo, probante», che rimane solo un momento di un processo speculativo. L idea che deriva da questa formula, è quella di considerare la Bibbia un libro da cui bisogna estrarre dei contenuti e poi «elaborare» al di là del contesto storico, le verità trascendenti per la nostra salvezza. Dal punto di vista della formazione biblica (la Bibbia in sé!), questo approccio se portato alle estreme conseguenze segna un fossato tra la conoscenza religiosa del credente e la rivelazione storica della Bibbia. b) Approccio «storico-critico». Preceduto dal recupero della dimensione letteraria del testo biblico nel periodo rinascimentale, l approccio definito storico-critico viene formalmente applicato allo studio dei testi a partire dall epoca illuministica fino ad oggi. Si comprende come lo sviluppo di questo approccio abbia determinato una gamma estesa di forme di conoscenza biblica con conseguenze diverse. Volendo porre l accento sugli aspetti che riguar- MORANTE (edd.), La Bibbia nella catechesi come e perché. Riscoprire la Bibbia per riscoprire la fede. problemi, confronti, proposte, LDC, Leumann 2004,

24 dano la nostra riflessione, occorre sottolineare come questo tipo di approccio rappresenta una svolta sostanziale rispetto all approccio dogmatico. La Bibbia non è ritenuta una semplice fonte da cui trarre delle verità di fede, ma è un testo ispirato che va accolto e interpretato all interno di un contesto storico, sotto il vaglio di una seria e fondata analisi critica. Possiamo ben dire che la Bibbia, nella sua totalità, è il soggetto e non solo l oggetto a cui dobbiamo riferirci. Questo approccio è alla base del processo di rinnovamento biblico, iniziato soprattutto alla fine dell 800 con un desiderio di tornare alle fonti della nostra fede, all annuncio primordiale del messaggio genuinamente cristiano, senza passare per le mediazioni dei sistemi filosofici e le loro complicazioni concettuali 5. Ovviamente la finalità dello studio del testo, che ha prodotto indirizzi molteplici con esiti diversi 6, ha determinato nello sviluppo del XX secolo una accresciuta sensibilità del testo della Scrittura e alle nuove prospettive della scienza 7. Da una visione limitata e mediata della Bibbia, la riscoperta del testo acquista sempre di più un interesse che va oltre la verità dogmatica, e che si rivolge al fatto storico, alla sua dimensione umana, al realismo delle forme letterarie e delle tradizioni storiche. La Bibbia è divenuta gradualmente libro a portata di tutti. La Costituzione Dei Verbum, nata proprio nel cuore di questo sviluppo storico, ha dischiuso le porte al 5 Protagonista di questa «svolta kerigmatica» fu il teologo K. Barth, precursore di quella che verrà definita «teologia dialettica», rievocando all indomani della prima guerra mondiale, l estremo bisogno di un diretto contatto con Dio e la sua Parola di speranza. Cfr. K. BARTH, Epistola ai Romani, a cura di G. Miegge, Milano 1962 (or. ted. 1918). In uno scritto programmatico, pubblicato prima della grande opera dogmatica, dal titolo Das Wort Gottes und die Theologie (Mùnchen 1925), Barth riteneva che per il prossimo futuro l unico vero impegno sarebbe stato «quello di preparare una riformulazione del principio scritturistico». Per la presentazione della posizione di K. Barth cf. H.J. KRAUS, La teologia biblica, Paideia, Brescia 1991, ; W.G. KÙMMEL, Il Nuovo Testamento, Paideia, Brescia 1992, ; L. GOPPELT, Teologia del Nuovo Testamento, 1. L opera di Gesù nel suo significato teologico, Queriniana, Brescia 1987, Cfr. La valutazione critica in PONTIFICIA COMMISSIONE BIBLICA, L interpretazione della Bibbia nella Chiesa, Vanno ricordati i volumi pubblicati negli anni 50 (nell entusiasmo delle scoperte qumraniche) i libri best-seller sul rapporto tra scienza e Bibbia, la Bibbia aveva ragione, sulle forme del creazionismo, sui racconti antichi (il diluvio, l esodo, ecc.). 24

25 testo della Scrittura e alla sua accoglienza non solo sul versante colto della ricerca, ma soprattutto nel contesto della vita spirituale e dell azione pastorale della comunità cristiana (cf. Capitolo VI: La Bibbia nella vita della Chiesa). La ricaduta di questo approccio sul versante della pastorale e della formazione è evidentemente positiva, ma non priva di rischi, come è emerso in alcuni ambienti ecclesiali 8. La questione centrale è data dalla formazione biblica dei pastori e degli operatori e della capacità di saper proporre il testo della Scrittura evitando un approccio «letteralista», o solo estetico, storicistico, o ideologico, perfino bibliolatrico 9. Se il merito di questo processo è quello di avvicinare la realtà della Bibbia all uomo del nostro tempo, il rischio è quello di fermarsi alla lettera del testo senza entrare nel messaggio teologico che Dio ha voluto consegnarci nella Sacra Scrittura. Per questa ragione l urgenza che oggi si avverte nelle nostre comunità ecclesiali rimane quella della formazione dei pastori (vescovi, presbiteri, religiosi/e) e degli operatori pastorali al fine di offrire una visione completa della Bibbia, corretta sul piano del metodo e il più possibile (completa) su quello del messaggio teologico 10. Gli sviluppi del metodo storico-critico, ormai ritenuto un punto di «non ritorno», sono diversi 11. Oltre all analisi semiotica e retorica, si è venuto affermando il metodo «narrativo», che appare più vicino alle esigenze della pastorale e della formazione catechistica dei credenti. c) Approccio «narrativo-esistenziale». È importante sottolineare questo approccio, soprattutto per le esigenze del cammino di fede nell attuale situazione dei credenti. Sintetizzando le problematiche formali nella complessa ricerca narratologica odierna, l esegesi narrativa propone un metodo di com- 8 I gruppi biblici formatisi nelle regioni dell Europa del Nord negli anni 60 non hanno prodotto una comunicazione popolare della Bibbia, ma spesso si sono ridotti ad una lettura altamente specializzata del testo, non favorendo un apertura pastorale, ma una settarizzazione e una eccessiva specializzazione per «pochi adepti». 9 Cfr. G. BIFFI, Sacra Scrittura e vita ecclesiale, Dehoniane, Bologna Si colloca in questa prospettiva il compito del Settore Apostolato Biblico nell Ufficio Catechistico Nazionale e la figura dell animatore biblico; cfr. UFFICIO CATECHISTICO NAZIONALE - SETTORE APOSTOLATO BIBLICO, L Animatore Biblico. Identità, competenze, formazione, a cura di C. Bissoli, LCD, Leumann (TO) Cfr. PONTIFICIA COMMISSIONE BIBLICA, L interpretazione della Bibbia nella Chiesa,

26 prensione e di comunicazione del messaggio biblico che corrisponde alla forma del racconto e della testimonianza, modalità fondamentale della comunicazione tra persone umane, caratteristica anche della Sacra Scrittura 12. Il documento della PCB distingue i «metodi di analisi» dalla «riflessione teologica», alla luce dei diversi percorsi narratologici che oggi vengono seguiti. Alcuni partono dallo studio dei modelli narrativi antichi. Altri si basano sull una o l altra narratologia attuale, che può avere dei punti in comune con la semiotica. Particolarmente attenta agli elementi del testo che riguardano l intreccio, i personaggi e il punto di vista del narratore, l analisi narrativa studia il modo in cui la storia viene raccontata così da coinvolgere il lettore nel mondo del racconto e nel suo sistema di valori 13. La convinzione di fondo è data dal fatto che «un testo continua ad esercitare la sua influenza nella misura in cui i lettori reali (per esempio noi stessi, alla fine del XX secolo) possono identificarsi con il lettore implicito» 14. Uno dei compiti principali dell esegesi è quello di facilitare questa identificazione che ha dei risvolti nell esperienza religiosa dei credenti. In tale prospettiva all analisi narrativa si collega un modo nuovo di valutare la portata dei testi. Mentre il metodo 12 L Antico Testamento, infatti, presenta una storia della salvezza il cui racconto efficace diventa sostanza della professione di fede, della liturgia e della catechesi (cfr. Sal 78, 3-4; Es 12, 24-27; Dt 6, 20-25; 26, 5-10). Da parte sua, la proclamazione del kerigma cristiano comprende la sequenza narrativa della vita, della morte, della risurrezione di Gesù Cristo, eventi di cui i vangeli ci offrono il racconto dettagliato. La catechesi si presenta anch essa sotto forma narrativa (cfr. lcor 11,23-25). 13 Parecchi metodi introducono una distinzione tra autore reale e autore implicito, lettore reale e lettore implicito. L autore reale è la persona che ha composto il racconto. Con autore implicito si indica l immagine di autore che il testo genera progressivamente nel corso della lettura (con la sua cultura, il suo temperamento, le sue tendenze, la sua fede, ecc.). Si chiama lettore reale ogni persona che ha accesso al testo, dai primi destinatari che l hanno letto o sentito leggere fino ai lettori o ascoltatori di oggi. Per lettore implicito si intende colui che il testo presuppone e produce, colui che è capace di effettuare le operazioni mentali e affettive richieste per entrare nel mondo del racconto e rispondervi nel modo voluto dall autore reale attraverso l autore implicito. Per una valutazione del metodo, cf. A.M. ARTOLA-J.M. SÀNCHEZ CARO, Bibbia e Parola di Dio (Introduzione allo studio della Bibbia 2), Paideia, Brescia 1994, Cfr. PONTIFICIA COMMISSIONE BIBLICA, L interpretazione della Bibbia nella Chiesa,

27 storico-critico considera piuttosto il testo come una finestra, che permette di dedicarsi a varie osservazioni su una determinata epoca (non soltanto sui fatti raccontati, ma anche sulla situazione della comunità per la quale sono stati raccontati), si sottolinea che il testo funziona anche come specchio, nel senso che presenta una certa immagine di mondo, il mondo del racconto, che esercita la sua influenza sui modi di vedere del lettore e lo porta ad adottare certi valori piuttosto che altri 15. A questo genere di studio, tipicamente letterario, si è associata la riflessione teologica, considerando le conseguenze che comporta, per l adesione di fede, la natura di racconto, e quindi di testimonianza della Sacra Scrittura e deducendo da esso un ermeneutica di tipo pratico e pastorale. Per l esegesi della Bibbia l analisi narrativa presenta un evidente utilità, perché corrisponde alla natura narrativa di un gran numero di testi biblici. Può contribuire a facilitare il passaggio, spesso difficile, dal senso del testo nel suo contesto storico, così come il metodo storicocritico cerca di definirlo, al senso che ha per il lettore di oggi. d) Approccio «tematico-selettivo». Tenendo conto delle tendenze dell attuale comunicazione globalizzata e della mediazione del linguaggio, sempre più collegato alle nuove tecniche espressive, l approccio che è stato usato nel processo formativo e catechistico del cammino di fede è quello definito «tematico-selettivo». Nel quadro della categoria ampia di «storia della salvezza», impiegata con insistenza nel contesto conciliare e post-conciliare, l attuale progetto catechistico in Italia risponde alla doppia esigenza di narrare una storia e allo stesso tempo di comunicare la dottrina, cioè offrire una serie di contenuti sapienziali e valoriali per la vita intesa in senso cristiano. La proposta che viene fatta nei nostri corsi formativi è frutto di questa media- 15 Si reagisce in questo modo contro la riduzione del testo ispirato a una serie di tesi teologiche formulate spesso secondo delle categorie e un linguaggio non scritturistici. Si richiede all esegesi narrativa di riabilitare, in contesti storici nuovi, i modi di comunicazione e di significazione propri del racconto biblico, allo scopo di aprire meglio la strada alla sua efficacia per la salvezza. Si insiste sulla necessità di «raccontare la salvezza» (aspetto informativo del racconto) e di «raccontare in vista della salvezza» (aspetto performativo ). Il racconto biblico, infatti, contiene, esplicitamente o implicitamente, secondo i casi, un appello esistenziale rivolto al lettore. 27

28 zione: una selezione di temi e di testi più direttamente connessi al profilo tematico della specifica finalità pastorale 16. Questo approccio, che è impiegato anche nel contesto della teologia biblica, favorisce un incontro adeguato con la Bibbia e la realtà del suo messaggio, ma rimane ancora parziale, collegato ad una visione frammentaria e pragmatica del libro della Scrittura. Poiché il cammino di formazione di un credente non è parziale o finalizzato ad una tappa sacramentale, ma per «per la vita cristiana», l approccio tematico-selettivo può costituire una valida introduzione al mistero di Dio e della salvezza, ma richiede una lettura globale del dato rivelato nella sua fonte biblica 17. È questo il salto di qualità che occorre propone alle nostre comu- 16 È utile verificare i percorsi biblici «nel progetto catechistico italiano» che segnano il cammino di fede nei singoli periodi della vita. In modo schematico segnaliamo il metodo e i contenuti principali dei catechismi. a) circa il metodo: Nei catechismi dei Bambini e dei Fanciulli prevale il metodo della «narratio» che comprende il racconto degli eventi della «storia della salvezza», ripetuti, celebrati nelle feste e simbolizzati nelle rappresentazioni; nel catechismo dei Ragazzi vi è la «consegna» del libro dei vangeli mediante la quale si invita a leggere direttamente la Scrittura per proclamarla, conoscerla e pregarla; nei catechismi dei Giovani 1-2 il metodo prevalente è quello storico-critico. Nel catechismo degli Adulti si unisce il metodo storico-critico mediante una «via sapienziale» che invita alla «Lectio Divina». b) circa i contenuti: Lasciate che i bambini vengano a me (fino a 6 anni) da Gesù, rivisita l AT e il NT attraverso le feste del popolo ebraico; Io sono con voi (6-8 anni) - la scoperta di Gesù attraverso i brani centrali del vangelo secondo Marco; Venite con me (8-10) farsi discepoli di Gesù secondo la via indicata nel vangelo secondo Luca; Sarete miei testimoni (11-12) il mistero detto Spirito e la sua azione secondo il vangelo di Giovanni e Atti; Vi ho chiamato amici (12-14) consegna del Vangelo di Marco e approfondimento della vita comunitaria; Io ho scelto voi (14-18) conoscenza della Bibbia: Abramo, popolo di Israele, profeti, sapienti, Gesù; Venite e vedrete (18-25) ispirazione cristocentrica e trinitaria fondata nel vangelo secondo Giovanni; La verità vi farà liberi (adulti) itinerario trinitario-cristologico del Vangelo secondo Matteo e dell A.T. 17 Cfr. AA.VV., Il rinnovamento della catechesi in Italia, Ed. LAS, Roma 1970; C. BISSOLI, La Bibbia nella catechesi, LDC, Torino 1972; A. LAEPPLE, Dalla Bibbia alla catechesi, 4 voll., Dehoniane, Bologna 1979; E. TESTA, La missione e la catechesi nella Bibbia, Paideia, Brescia 1981; G. BONATO, Bibbia e catechesi, LDC, Torino 1985; R. FABRIS, L identità del catechista alla luce della Parola di Dio, in GIC, La formazione dei catechisti, Dehoniane, Bologna 1980, ; A. ZUCCHINALI-E. GAZOTTI, Bibbia e Catechesi, in Evangelizzare 9 (1984) ; S. RIVA, Bibbia come catechesi, in Servizio della Parola 116 (1980) 9-14; 28

29 nità, in primo luogo a quanti operano nella vita ecclesiale attraverso il ministero ordinato e le diverse articolazioni pastorali. e) Approccio «globale». Per «approccio globale» si intende una proposta adeguata alle comunità cristiane, che favorisca nella gradualità dei tempi e dei contenuti una sintesi del percorso biblico-teologico attraverso la lettura di un intero libro della Sacra Scrittura, che possa animare tutte le espressioni della fede cristiana vissuta nella realtà ecclesiale, a partire dalla pedagogia dell anno liturgico. Questo approccio porta con sé una pretesa, un sogno e una profezia: passare dall idea dell animazione della pastorale mediante la Bibbia, all idea della Bibbia come anima di tutta la pastorale. Tale motivo ritorna implicitamente nei documenti dell episcopato italiano 18 e nella XII Assemblea Sinodale (Roma 2008), che ha avuto come tema «La Parola di Dio nella vita della Chiesa». Il documento della Pontificia Commissione Biblica ricorda l importanza della Pastorale biblica. Il ricorso frequente alla Bibbia nel ministero pastorale, raccomandato dalla Dei Verbum (n. 24), assume forme diverse a seconda del tipo di ermeneutica di cui si servono i pastori e che i fedeli possono comprendere. Si possono distinguere tre situazioni principali: la catechesi, la predicazione e l apostolato biblico. Uno degli scopi della catechesi dovrebbe essere quello di introdurre ad una retta comprensione della Bibbia e alla sua lettura fruttuosa, che permetta di scoprire la verità divina che essa contiene e che susciti una risposta, la più generosa possibile, al messaggio che Dio rivolge attraverso la sua Parola all umanità. La catechesi deve partire dal contesto storico della rivelazione divina per presentare personaggi e avvenimenti dell Antico Testamento e del Nuovo alla luce del disegno di Dio. Per passare dal testo biblico al suo significato di salvezza per il tempo presente, si utilizzano procedimenti ermeneutici diver- AA.VV., La Bibbia, anima della catechesi, numero monografico di Via Verità e Vita 121 (1989); AA.VV., La catechesi, numero monografico di Credere oggi 53 (1989); S. LANZA, La narrazione in catechesi, Paoline, Roma 1985; C. BISSOLI, Bibbia ed educazione, LAS, Roma 1981; IDEM, Guida alla lettura della Bibbia, LDC, Torino 1982; IDEM, La Bibbia nel percorso della catechesi, in IDEM-G. MORANTE (edd.), La Bibbia nella catechesi come e perché. Riscoprire la Bibbia per riscoprire la fede. Problemi, confronti, proposte, COMMISSIONE EPISCOPALE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE E LA CATECHESI, La Parola di Dio fruttifichi e si diffonda (2Ts 3,1), Roma

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Per voi sono Vescovo con Voi sono cristiano (S. Agostino) Parti della Lettera Prima Parte: CHIESA di LUCCA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Roma, 15 giugno 2013 p. Pasquale Castrilli OMI Schema 1. La Missione in Italia oggi 2. Il Centro d ascolto (CDA) strumento di annuncio 3. Icone bibliche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino Docenti : STRANIERI Adriana... OCCHIUTO Letizia... CONSOLI Francesca... ASSANTE Rosy... MENGONI

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Signore Gesù, tu ci inviti ad essere germe fecondo di nuovi figli per la tua Chiesa. Fa che possiamo diventare ascoltatori attenti della tua Parola

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita»

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» IL PELLEGRINAGGIO Il pellegrinaggio metafora della

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una semplice

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

Il cammino globale per diventare cristiani : in cosa consiste? Come cercare di attuarlo?! Incontro di febbraio 2014!

Il cammino globale per diventare cristiani : in cosa consiste? Come cercare di attuarlo?! Incontro di febbraio 2014! UFFICIO CATECHISTICO DIOCESANO PERCORSO FORMATIVO PER CATECHISTI E PRESBITERI INSIEME ANNO 2013/2014 ARCIDIOCESI COSENZA - BISIGNANO RELAZIONE DI PADRE CELESTE GARRAFA Incontro di febbraio 2014 Il cammino

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

INCONTRO DI FORMAZIONE NUOVI DIRETTORI DIOCESANI DELLA PASTORALE MISSIONARIA (Centri Missionari Diocesani e Pontificie Opere Missionarie) Roma, 16 18 18 giugno 2009 Dal Vangelo secondo Matteo (28,19-20)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSE 1^ L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive; Scoprire

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Diaz CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L insegnamento della Religione Cattolica si colloca nel

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria

Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria Manuale del volontario Esperienza cristiana missionaria "Chi affronta il Volontariato cristiano internazionale deve essere munito di una specifica competenza professionale e tecnica, e deve soprattutto

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti 0. I Riferimenti teologico-pastorali Rito dell Iniziazione cristiana degli Adulti (RICA), LEV 1978 Consiglio Episcopale permanente della CEI, Nota pastorale.

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Il Vescovo di Crema. Piazza Duomo, 27 26013 CREMA (CR) Telefono 0373/256565

Il Vescovo di Crema. Piazza Duomo, 27 26013 CREMA (CR) Telefono 0373/256565 Il Vescovo di Crema Alle Parrocchie di Palazzo Pignano, Cascina Caprio, Cascina Gandini, riunite in unità pastorale; al parroco, don Benedetto Tommaseo, al cappellano, don Ernesto Mariconti al consiglio

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA RELATIVE ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (DPR 11 FEB- BRAIO 2010) SCUOLA DELL INFANZIA Le attività

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli