Il diritto all educazione è rispetto dello sviluppo della persona umana e esigenza universale di diritti sociali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il diritto all educazione è rispetto dello sviluppo della persona umana e esigenza universale di diritti sociali"

Transcript

1 1 Il diritto all educazione è rispetto dello sviluppo della persona umana e esigenza universale di diritti sociali Il presente contributo mira a riportare e ad approfondire alcuni degli aspetti fondamentali che hanno caratterizzato il convegno Diritto all educazione della persona minore d età e tutela giurisdizionale che ha avuto luogo a Roma, il 18 febbraio 2011, presso l Università Lumsa, con particolare riferimento a talune relazioni. Il convegno - promosso dall associazione nazionale forense Camera minorile in cammino - ha inteso concentrare i lavori intorno al diritto all educazione dei minori così come è stato posto, all attenzione della comunità internazionale, dalla Convenzione sui diritti dell infanzia con particolare riferimento all art. 29 1, laddove come nota la prof.ssa Maria Giovanna Ruo: Il diritto all educazione richiama la responsabilità sociale e, quindi, anche alla solidarietà [ ] in questo momento storico mi sembra che il richiamare questo concetto dell educazione alla responsabilità sociale sia particolarmente importante nel percorso educativo che proponiamo ai nostri ragazzi. (Ruo M. G., 18/02/2011).. La Convenzione sui diritti dell infanzia - approvata il 20 novembre 1989 dall Assemblea generale delle Nazioni Unite e ratificata, in Italia, con la legge n. 176 del 27 maggio rappresenta l attuazione di quei richiami, già presenti nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell Uomo, circa la necessaria cura e protezione del minore. Il minore, in quanto persona carente di piena maturità fisica ed intellettuale, dovrà, necessariamente, essere tutelato - primariamente dalla famiglia, ma in generale dalla società civile costituita in uno stato di diritto - nell estrinsecarsi della sua crescita sia sul piano psicofisico che socioeconomico. Protezione e cure, così al comma 2 dell art. 3 della Convenzione, atte a garantire al minore il necessario benessere per un sviluppo armonico e sereno. Il Prof. Giacobbe, nella sua prolusione ai lavori congressuali, ricorda come nella nostra Costituzione, in netta rottura con gli schemi del passato e nell ambito specifico dell educazione, vi sia una presa in carico delle problematiche scaturenti il processo educativo dei minori che, conformante all art. 30, strutturano uno scenario laddove il bambino entra nell ordinamento giuridico quale soggetto di diritto all educazione che, al contempo, è dovere della funzione genitoriale: Il problema dell educazione dei minori, nella nostra Costituzione, ha assunto una rilevanza che non aveva prima. Tradizionalmente, il rapporto tra genitori e figli era visto in termini di esercizio della potestà e quindi di attuazione di un dovere cooperativo a tale esercizio. Oggi, dopo l art della Costituzione, il rapporto che si determina tra genitori e figli per il fatto della procreazione e, quindi, indipendentemente, dal contesto nel quale tale rapporto si realizza, se nell ambito del matrimonio o fuori dal matrimonio, assume il connotato bivalente del dirittodovere. Diritto-dovere che segna la presenza del genitore, in questo rapporto, come elemento determinante, rispetto al quale la legislazione deve intervenire con estrema cautela, ma segna, al 1 Convenzione sui diritti dell infanzia, art. 29: 1. Gli Stati parti convengono che l educazione del fanciullo deve avere come finalità: a) favorire lo sviluppo della personalità del fanciullo nonché lo sviluppo delle sue facoltà e delle sue attitudini mentali e fisiche, in tutta la loro potenzialità; b) sviluppare nel fanciullo il rispetto dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali e dei principi consacrati nella Carta delle Nazioni Unite; c) sviluppare nel fanciullo il rispetto dei suoi genitori, della sua identità, della sua lingua e dei suoi valori culturali, nonché il rispetto dei valori nazionali del paese nel quale vive, del paese di cui può essere originario e delle civiltà diverse dalla sua; d) preparare il fanciullo ad assumere le responsabilità della vita in una società libera, in uno spirito di comprensione, di pace, di tolleranza, di uguaglianza tra i sessi e di amicizia tra tutti i popoli e gruppi etnici, nazionali e religiosi e delle persone di origine autoctona; e) sviluppare nel fanciullo il rispetto dell ambiente naturale. 2. Nessuna disposizione del presente articolo o dell art.28 sarà interpretata in maniera da nuocere alla libertà delle persone fisiche o morali di creare e di dirigere istituzioni didattiche, a condizione che i principi enunciati al paragrafo 1 del presente articolo siano rispettati e che l educazione impartita in tali istituzioni sia conforme alle norme minime prescritte dallo Stato. 2 Costituzione della Repubblica Italiana, art. 30: É dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio. Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti. La legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima. La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità.

2 2 contempo, una posizione attiva del minore che si realizza nella pretesa legittimante l educazione. E non c è bisogno di dire troppe parole, per sottolineare come nella realtà dell oggi questa problematica diventa, particolarmente, rilevante per il fatto che il rapporto educativo non si esaurisce più nel rapporto tra genitori e figli ma.è condizionato da una serie di elementi esterni che rendono, estremamente, difficile tale rapporto. (Giacobbe G., 18/02/2011). La Prof.ssa Maria Giovanna Ruo denunciando l emergenza educativa e i molteplici segnali che evidenziano la problematicità del percorso educativo, ai nostri tempi, ritiene la Convenzione sui diritti dell infanzia, di cui quest anno ricorre il 20 dalla ratifica italiana, una vera miniera d oro che purtroppo è scarsamente presa in considerazione nelle procedure giuridiche. Il vero problema, evidenzia la Relatrice, è il diritto all educazione ampiamente disatteso dalla giurisprudenza e dal legislatore: Per esempio sulla funzione educativa degli asili nido che non sono solo un baby parking, ma un primo momento di socializzazione ed educazione. Idea che si ritrova anche nell ultimo Piano nazionale dell infanzia nel quale viene riscoperto l asilo nido come luogo di parcheggio [ ] La mancata considerazione del pacchetto sicurezza che ha condannato alla non scolarizzazione e alla dispersione un numero, non quantificabile, di minore e di immigrati non in regola. Il disadattamento scolastico che ci vede ai primi posti, e non solo in Europa, sono emergenze che vanno riconsiderate e sicuramente nel quadro dei principi costituzionali. (Ruo M. G., 18/02/2011). Si ritiene opportuno ricordare - in riferimento ad un passaggio, dell estratto dell intervento poc anzi riportato, circa la funzione degli asili nido nel Piano per l infanzia - che la legge 451/97 indica che a cadenza biennale venga adottato un Piano nazionale d azione per l infanzia e l adolescenza, tuttavia, ad oggi, l ultimo piano adottato risale al biennio Il III Piano biennale nazionale di azioni e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva non ha, a tutt oggi, concluso l iter parlamentare. La Commissione parlamentare per l'infanzia e l'adolescenza, lo scorso 8 febbraio, ha approvato il documento conclusivo relativo all Indagine conoscitiva sugli aspetti dell'attuazione delle politiche a favore dell'infanzia e adolescenza, passaggio necessario all esame del Piano relativo al biennio A oggi, dunque, è possibile riferirsi a un documento d indirizzo: La proposta di schema del III Piano biennale nazionale di azioni e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva redatto nel luglio 2010 dopo lunghi dibattiti, consultazioni e revisioni succedutesi dal All interno del quale, tuttavia, si ritiene, non vi siano indicazioni, a suffragio di quanto espresso dal Relatore e sopra trascritto, anzi vi si legge nella sezione azioni/interventi un proposito dal quale ben si intende la volontà di dare ulteriore formazione a tutti gli operatori della scuola nei riguardi di tematiche, particolarmente, sensibili: La promozione e gli investimenti per la formazione e sensibilizzazione di coloro che lavorano a contatto con bambini, adolescenti e famiglie, in particolare, degli operatori della scuola (a partire dall asilo nido) circa gli elementi predittivi dell abuso, il rilievo e il possibile significato dei segni fisici, le modalità di raccogliere in modo corretto alcuni indizi, la segnalazione e la denuncia, e per la preparazione di «sentinelle» particolarmente attente, che possano essere di riferimento a tutto il personale scolastico. 3. Si suppone, quindi, che il Relatore basi la sua annotazione a partire dai seguenti punti, contenuti nel Piano : Il favorire la costituzione di strutture domestiche per la cura dei bimbi più piccoli (nidi familiari, condominiali, ecc.) e di servizi integrativi per la prima infanzia e il promuovere iniziative di doposcuola, gestite dai genitori stessi, organizzati in forma cooperativa; il promuovere la più ampia flessibilità degli orari giornalieri degli asili nido; l incentivare le sinergie tra famiglie e terzo settore, favorendo lo sviluppo di forme di associazionismo familiare, da sostenere e potenziare a livello locale sostenendo la spontanea creazione di «reti di associazioni 3 Osservatorio Nazionale per l Infanzia e l Adolescenza, Proposta di schema del III Piano biennale nazionale di azioni e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva, Luglio 2010, p. 19.

3 3 familiari». 4. Questo stralcio del dpr 2 luglio 2003, di fatto, promuove l istaurarsi di organizzazioni familiari di tipo cooperativo atte alla custodia dei bambini. Si pensa, tuttavia, diversamente da quanto espresso dal Relatore, che tale spinta verso l iniziativa privata delle famiglie non significhi, necessariamente, non tener da conto gli aspetti educativi inerenti il nido infantile; semmai è da intendersi quale tentativo di risposta all endemica carenza di strutture, atte ad accogliere i piccolissimi, promuovendo, al contempo, la cooperazione tra le famiglie come momento di aggregazione sociale e soprattutto di sussidiarietà orizzontale. Quest ultima voluta dalla nostra Carta costituzionale, come sostrato dei diritti sociali della persona, e attualmente intesa sotto il più ampio paradigma, condiviso in ambito internazionale, di cittadinanza. È utile, per un ulteriore approfondimento in tema, riportare le parole dell On. Maurizio Sacconi, Ministro del lavoro e delle politiche sociali, pronunciate all interrogazione a risposta immediata presentata dall'on. Luisa Capitanio Santolini, tese a illustrare l attuale iniziativa del Governo in merito al piano per l infanzia: Tuttavia, lei sa che questo adempimento (Piano nazionale dell infanzia), relativo ad una Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia è una cornice, non comporta specifici impegni di finanza pubblica; è una cornice valoriale, progettuale pur importante ma che si colloca nel contesto di numerose azioni di Governo, a partire dal Libro bianco sul futuro del modello sociale in Italia che, non solo, ha sottolineato la necessità dell'accoglienza della nuova vita, ma anche ha voluto impostare il nostro modello sociale in termini di prevenzione del formarsi di uno stato di bisogno, agendo sul ciclo di vita in termini tali da evitare il formarsi del bisogno nelle diverse fasi e quindi a partire dalla prima infanzia. È quello il momento nel quale devono essere poste le premesse per un cosiddetto empowerment, rafforzamento dell'autosufficienza della persona, e a ciò si vuole dedicare la politica di Governo nei limiti purtroppo delle difficili condizioni di finanza pubblica. 5. Il convegno prosegue con l intervento del Prof. Daniele La Barbera incentrato sull attuale questione educativa in riferimento allo sviluppo delle tecnologie della comunicazione e dell informatica denominate, in breve, attraverso l acronimo inglese ICT (Information and communication technology): Siamo di fronte, oggi, ad una emergenza educativa. Il problema educativo risente dell interferenza nell ambito della famiglia, nei modelli familiari e pedagogici, di una serie di fattori esterni. Io credo che il principale di questi fattori - è un concetto pesante di cui mi assumo la responsabilità - è legato allo sviluppo delle tecnologie della comunicazione e dell informazione. Oggi noi parliamo dell importanza, sempre più stringente, di mettere a fuoco i problemi educativi, ma io ho l impressione che i soggetti da educare non li conosciamo più tanto bene. Vivono con stili, modalità e funzionamento della mente che sono molto diversi da quelli delle generazioni precedenti. Vivono anche in spazi, molto diversi, sono per lo più spazi virtuali, spazi condivisi a livello tecnologico, spazi d interazione e di interconnessione dove le esperienze sono smaterializzate e le emozioni sono modificate [ ]. E, quindi, i nostri modelli tradizionali non sono più adeguati a fronteggiare il cambiamento sociale e culturale. È necessario, oggi, che noi cambiamo qualcosa nel modo di intendere il percorso ed il processo educativo [ ]. Si è passati da una famiglia autorevole e autoritaria, comunque normativa, a un modello, fortemente consolidato, di famiglia affettiva e protettiva. Questa bada più a supportare, sostenere, proteggere e gratificare che non ad impartire norme, valori e ideali; quindi, a rafforzare la struttura psichica del soggetto mettendolo in grado di affrontare le difficoltà della vita. Con un misunderstanding gravissimo, a cui ha contribuito la diffusione della psicologia nel secolo scorso, vale a dire utilizzare delle misure di tipo leggermente repressivo, autoritario, coercitivo e punitivo è qualcosa di estremamente dannoso nello sviluppo psicologico del bambino. Il quale ha bisogno di vivere in piena autonomia, in piena libertà e nel pieno diritto di esprimersi senza alcuna coercizione e costrizione, senza nessun tipo di 4 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Piano nazionale di azione e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva , approvato con decreto del Presidente della Repubblica del 2 luglio 2003, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 31 ottobre 2003, n. 254, pp SACCONI M., Iniziative per la definizione del nuovo piano nazionale d'azione per l'infanzia e l'adolescenza, Interrogazione a risposta immediata in assemblea n , seduta n. 344, martedì 29 giugno 2010.

4 4 orientamento, che gli impedisca di esprimere tutta la sua creatività e originalità. (La Barbera). Mai un incomprensione più grande, denuncia il Relatore, dovuta a una divulgazione estremamente superficiale della psicologia e a una cattiva comprensione della libertà la quale, non si può mai, disgiungere dalla responsabilità. Tale situazione educativa, a tutti livelli, piuttosto impregnata di permissivismo e spontaneismo in parte dovuto, come spiega bene Luigi Pati 6, all attuale entropia sociale riscontrabile in un venir meno dell espletamento della funzione orientativa propria dell educatore, a qualsiasi titolo implicato in attività formative, a favore dell educando - rischia di complicarsi, ulteriormente, in seguito all evoluzione tecnologica. Un bambino di un anno e mezzo manovra agevolmente un telecomando, nota il Prof. La Barbera, come se avesse una precognizione dell uso della tecnologia. Molti adulti, infatti, non acquistano, quasi mai, quel tanto di tecnologia di cui effettivamente dominano l uso e solitamente i dispositivi tecnologici, che si trovano nelle loro casa, sono eccessivamente sovradimensionati rispetto alle capacità di uso, tanto che molte delle loro funzioni non verranno mai utilizzate. Se invece, ci troviamo tra i cinque e i quindici anni d età, allora sviluppiamo una straordinaria capacita mentale di orientamento senza alcun intoppo, senza ricorrere all istruzioni d uso - in ambienti tecnologici. Il nonno, lo zio e il papà è costretto a farsi spiegare le tecnologie dalle generazioni più piccole, sostiene il Relatore, le quali hanno una competenza e agilità in variegati contesti tecnologici di cui spesso gli adulti non conoscono nemmeno l esistenza e di cui, conseguentemente, non riescono a valutare gli effetti positivi o negativi. Vi è, quindi, per le nuove generazioni, un cambiamento drastico nella rappresentazione del mondo e, quindi, nel funzionamento della mente: comprensione, percezione, sentimenti, relazioni, affetti, emozioni ecc... La tecnologia in senso lato e tanto meno quella informatica non riveste, dunque, un ruolo neutrale. La persona non è sempre capace di controllarne pienamente i suoi effetti. Proprio perché le nuove tecnologie introducono a un cambiamento di interpretazione della realtà 7. Modificando nel profondo il nostro modo di vivere e di pensare neutralizzano di fatto i nostri vecchi criteri interpretativi. Postman spiegò questo cambiamento introdotto dalle nuove tecnologie utilizzando una similitudine ecologica. In un qualsiasi ecosistema A se si toglie o si aggiunge un componente non si avrà lo stesso ecosistema, più o meno il componente aggiunto o sottratto, ma tutto un altro ecosistema non più A : Il cambiamento tecnologico non aggiunge e non sottrae. È ecologico, e uso questo termine nel senso in cui lo usano gli studiosi dell ambiente. Un cambiamento importante determina un cambiamento totale. Se si portano via i bruchi da un determinato habitat, non avremmo più lo stesso ambiente con in meno i bruchi, ma avremo un nuovo ambiente in cui avremo ricostruito le condizioni per la sopravvivenza. Se si introducono i bruchi in un ambiente che ne era privo il discorso è lo stesso. L ecologia dei media funziona allo stesso modo. Una nuova tecnologia non aggiunge e non sottrae nulla: cambia tutto. 8 Ragion per cui, l evoluzione tecnologica e le corrispettive conseguenze sulla persona dovrebbero rappresentare il centro delle questioni formative 9 che concernono le nuove generazioni. Le quali appaiono del tutto disancorate dai modelli conoscitivi classici - di un passato neppure troppo remoto - scardinati progressivamente e sostituiti da un mondo di significati mediato da immagini, a più dimensioni e ad alta definizione, links e suoni che nulla condividono, per quanto colorato e raffinato possa apparire, con il migliore dei libri di testo. Come sostiene il Relatore il problema, quindi, non è tanto nell alfabetizzazione tecnologica, quasi spontanea, quanto nell alfabetizzazione emotiva, nella competenza d uso delle tecnologie e nel progressivo allentarsi della relazione educativa adulto-giovane. Quest ultima sostituita da gruppi di pari che condividono le proprie esperienze attraverso i social network preferendoli, di fatto, all incontro con l adulto. Il Prof. La Barbera, a conclusione del suo intervento, lascia i seguenti 6 Cfr. PATI L., L educazione tra crisi di autorevolezza e crisi di identità, in Pedagogia e Vita, 2, 2009, pp Cfr. POSTMAN N., Tecnopoly. La resa della cultura alla tecnologia, Torino, Bollati Boringhieri, 1992, pp POSTMAN N., Tecnopoly. La resa della cultura alla tecnologia, op. cit., 1992, p Cfr. REGA A., La responsabilità docente nella contemporaneità tecnologica, in Le Nuove Frontiere della Scuola, n. 22 Anno VIII, Febbraio 2010, pp

5 5 interrogativi: La rivoluzione digitale modifica solo le forme della comunicazione rendendola sempre più tecnologica o finisce con l influenzare anche le strutture cognitive della nostra mente e la nostra vita affettiva? Cambia il nostro modo di pensare, di sentire e di rapportarci? In particolare la velocizzatone e la delocalizzazione dei processi comunicativi quali conseguenze hanno sulla nostra cognizione psicologica del tempo, dello spazio e della relazione? Tuttavia la risposta, è nelle parti precedentemente riportate, vale a dire nel riscontro di un cambiamento importante, in corso d opera, che agisce nel nostro modo di pensare, promosso dal ruolo preponderante delle tecnologie informatiche nella nostra vita, laddove, soprattutto le nuove generazione vivono un presente dilatato all insegna dell ego hic et nunc non riuscendo a fare previsioni per il proprio futuro vivono in una empasse che li schiaccia su un presente dilatato con negl occhi l orizzonte telematico della tecnosfera. Il Prof. Paolo Morozzo della Rocca durante il suo intervento, sul tema del diritto all educazione e all identità etnica e culturale, legge alcuni passi, tratti da temi scritti da bambini, dove vengono espressi diversi pregiudizi razziali: Vico d'elsa - Firenze I elementare, Se i miei genitori fossero neri li butterei fuori di casa perché sono troppo brutti. Fossi nero mi ammazzerei. Roma - I media, Se io avessi questo papà nero mi butterei dal terzo piano, perché è meglio che mi butto che rovinarmi il mio nome. Poi mi sentirei più a disagio perché odio essere mulatto e odio avere un papà nero. In somma voglio essere bianco di natura e avere i genitori bianchi come il latte. 10. Il relatore afferma che il pensiero profondo di questi bambini non è il loro, ma degli adulti e che queste considerazioni costituiscano la prova della disapplicazione di massa, nel nostro Paese, dell art. 29 della Convenzione sui diritti dell infanzia dove, al punto d, si legge: preparare il fanciullo ad assumere le responsabilità della vita in una società libera, in uno spirito di comprensione, di pace, di tolleranza, di uguaglianza tra i sessi e di amicizia tra tutti i popoli e gruppi etnici, nazionali e religiosi e delle persone di origine autoctona.. Un compito che la nostra scuola, sostiene il Relatore, si è però impegnata a portare avanti basti vedere il punto 3 dell art. 38 del Dlgs 286/1998 istituente il Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero: La comunità scolastica accoglie le differenze linguistiche e culturali come valore da porre a fondamento del rispetto reciproco, dello scambio tra le culture e della tolleranza; a tale fine promuove e favorisce iniziative volte alla accoglienza, alla tutela della cultura e della lingua d'origine e alla realizzazione di attività interculturali comuni.. Vi è nella storia della scuola italiana, afferma il Prof. Morozzo della Rocca, una felice intuizione, nella quali rientra anche il rifiuto delle sezioni speciali per diversamenteabili, che mira più alla condivisione che alla separazione per gruppi di eguali. Oggi però, continua il Relatore, comincia a prendere il largo un pensiero che vorrebbe la scuola meno educativa e più separativa come, ad esempio, il discorso sulle classi ponte pensate in sostituzione del sostegno linguistico e in sostituzione del discorso sulle quote per classe di alunni provenienti da paesi esteri: Poche famiglie si avvedono - conclude il Relatore - che individuare il problema della scuola nella presenza in classe di bambini che vivono un dilemma culturale che li rendi fragili, vuol dire solo rubare ai propri bambini il diritto di imparare a convivere con una buona capacità di accudimento e di relazione. (Morozzo della Rocca P., ). Il Prof. Pasquale Stanzione ad apertura della sua relazione richiama alla memoria J. J. Rousseau citando l Émile: L educazione ci proviene dalla natura o dagli uomini o dalle cose. Lo sviluppo interno delle facoltà e degli organi costituisce l educazione della natura; l uso che ci viene insegnato a fare di questo sviluppo è l educazione degli uomini; e l acquisto dell esperienza personale relativa agli oggetti che cadono sotto i sensi è l educazione delle cose. 11 Ciascuno di noi è dunque formato da tre maestri, laddove il secondo, nota il Relatore, implica, necessariamente, l intervento di terze persone, di altri uomini, che coadiuvano lo svolgimento del processo educativo 10 Cfr. TABET P., La pelle giusta, Torino, Einaudi, ROUSSEAU J. J., Emilio o dell educazione, Brescia, La Scuola, 1998, p. 35

6 6 affinché si compia il passaggio dalla natura alla cultura. In questa fase i genitori rivestono un ruolo primario nei confronti della prole. Tuttavia il dovere pedagogico degli uni non può prevalere sul diritto dell autodeterminazione dell altro che, soprattutto, una volta raggiunta la maturità di giudizio può rivedere, in piena libertà, gli orientamenti, religiosi e culturali, ricevuti dall educazione genitoriale e scegliere, in autonomia, l eventuale percorso di studi: In senso generale si può asserire che la conflittualità di genitori e figli, nello svolgimento del rapporto educativo, si profila tutte le volte in cui l agire dei primi si traduca in un attentato alla dignità dei secondi o a una limitazione della loro personalità. [ ] Il punto della questione, a mio modo di vedere, consiste nel trovare la chiave di volta riposa nel contemperamento delle opposte istanze dei genitori e dei minori in un gioco degli equilibri delle libertà [ ] con sullo sfondo la considerazione prevalente dell interesse primario del minore, al di là dell arbitrio e capriccio, affinché si possa compiere l armonico sviluppo della persona e giungere a perfezione la triplice lezione del Rousseau: «Il discepolo nel quale le loro diverse lezioni si contrastano è educato male e non sarà mai d accordo con se stesso; quello, invece, nel quale esse convergono sugli stessi punti e tendono agli stessi fini, si dirige da solo al suo scopo e vive coerentemente. Solo questo è educato bene» 12 (Stanzione P., ). In conclusione il convegno Diritto all educazione della persona minore d età e tutela giurisdizionale nei suoi diversi e approfonditi interventi, tenuti da esimi relatori, ha evidenziato in generale l importanza del diritto all educazione che, come argutamente osservato dalla Prof.ssa M. G. Ruo, richiama il principio di sussidiarietà, inteso come universalizzazione dei diritti sociali, a tutela di un libero sviluppo, armonico e integrale, della persona umana. Andrea Rega Bibliografia Assemblea generale delle Nazioni Unite, Convenzione sui diritti dell infanzia e dell adolescenza, Roma, Comitato Italiano per l'unicef Onlus, Bertagna G., Chi mostrerà ai "nativi digitali" la realtà che non hanno mai visto?, 27 gennaio Chistolini S., Albori di convivenza nella società dei talenti, in Chistolini S. (a cura di), Cittadinanza e convivenza civile nella scuola europea. Saggi in onore di Luciano Corradini, Roma, Armando Editore, 2006, p Chistolini S., Libertà e cittadinanza nell immagine del pensiero. Studiare all università per insegnare a scuola, Roma, Edizioni Kappa, 2008, pp Chistolini S., La scuola raccontata dai maestri, Roma, Edizioni Kappa, 2010, pp Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Piano nazionale di azione e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva , approvato con decreto del Presidente della Repubblica del 2 luglio 2003, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 31 ottobre 2003, n Osservatorio Nazionale per l Infanzia e l Adolescenza, Proposta di schema del III Piano biennale nazionale di azioni e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva, Luglio Pati L., L educazione tra crisi di autorevolezza e crisi di identità, in Pedagogia e Vita, 2, 2009, pp Postman N., Tecnopoly. La resa della cultura alla tecnologia, Torino, Bollati Boringhieri, Rega A., La responsabilità docente nella contemporaneità tecnologica, in Le Nuove Frontiere della Scuola, n. 22 Anno VIII, Febbraio 2010, pp Rousseau J. J., Emilio o dell educazione, Brescia, La Scuola, ROUSSEAU J. J., Emilio o dell educazione, op. cit., 1998, p. 35.

7 Sacconi M., Iniziative per la definizione del nuovo piano nazionale d'azione per l'infanzia e l'adolescenza, Interrogazione a risposta immediata in assemblea n , seduta n. 344, martedì 29 giugno Tabet P., La pelle giusta, Torino, Einaudi,

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare

Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare Corso di aggiornamento Inserimento scolastico dei minori adottati o in affidamento familiare 1 incontro 11 aprile 2011 Assistente sociale Maria Grazia Pensabene Servizio politiche sociali e abitative -

Dettagli

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini.

Calendario. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini. Vorrei salire sul trenino dei colori nel mondo dove siamo tutti migliori, e molti diritti hanno i bambini, sia i grandi che i piccini. Un mondo per giocare, correre e cantare, dove ho il sorriso di chi

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

III.2. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie Lfam) 80 Ivan Pau-Lessi

III.2. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie Lfam) 80 Ivan Pau-Lessi Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della scuola media numero 19 104 III.2. Legge sul sostegno alle attività delle famiglie e di protezione dei minorenni (Legge per le famiglie Lfam) 80 Ivan Pau-Lessi

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Protocollo di Intesa distrettuale per l integrazione scolastica degli alunni migranti

Protocollo di Intesa distrettuale per l integrazione scolastica degli alunni migranti Comuni e Istituti scolastici di Campagnola Emilia, Correggio, Fabbrico Rio Saliceto, Rolo, San Martino in Rio Protocollo di Intesa distrettuale per l integrazione scolastica degli alunni migranti 23 Febbraio

Dettagli

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE In una fredda giornata d inverno un gruppo di porcospini si rifugia in una grotta e per proteggersi dal freddo si stringono vicini. Ben presto però sentono le spine reciproche e il dolore li costringe

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza MIUR PROTOCOLLO D INTESA TRA L UFFICIO DEL GARANTE DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA DELLA REGIONE

Dettagli

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 luglio 2007, in

Dettagli

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? L'attuale complessità sociale e l'affermazione di nuovi modelli socio-economici e culturali hanno portato dei notevoli cambiamenti nella scuola e nella famiglia.

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

Bambine e Bambini costruttori di pace

Bambine e Bambini costruttori di pace Istituto Comprensivo V. Tortoreto SCUOLA PRIMARIA Delia e Filippo Costantini Passo San Ginesio Bambine e Bambini costruttori di pace anno scolastico 2004-05 DATI IDENTIFICATIVI DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

Dettagli

test di autorientamento

test di autorientamento università degli studî suor orsola benincasa facoltà di scienze della formazione CORSO DI LAUREA IN Scienze dell Educazione test di autorientamento Prova a rispondere alle seguenti domande e confronta

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Primo Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare e Media Leonardo Da Vinci Via Concetto Marchesi

Dettagli

Linee guida per l'accoglienza e l'integrazione scolastica del bambino adottato

Linee guida per l'accoglienza e l'integrazione scolastica del bambino adottato Linee guida per l'accoglienza e l'integrazione scolastica del bambino adottato Premessa Il progetto "Linee guida per l'accoglienza e l'integrazione scolastica del bambino adottato" nasce dall'esigenza,

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita. Maura Gelati Università di Lecce

Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita. Maura Gelati Università di Lecce Integrazione scolastica nodo centrale del Progetto di Vita Maura Gelati Università di Lecce 1. Integrazione Oggi la legislazione italiana garantisce a tutti i soggetti in situazione di disabilità di assolvere

Dettagli

Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia

Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia Piano d azione: Garantire e tutelare il diritto all infanzia Area SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia Procedura per la

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO

PROGETTO ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo F. De Andrè San Frediano a Settimo ANNO SCOLASTICO 2015 2016 REFERENTE Prof. Maurizio Anna Maria PROGETTO CLASSI PRIME a. s. 2015/2016 REFERENTE: Prof.ssa Maurizio DESTINATARI

Dettagli

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI

MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI MINORI E DIRITTI FONDAMENTALI CLAUDIA TROISI La complessa tematica dei diritti fondamentali dei minori è stata affrontata, con particolare completezza espositiva e rigore metodologico, da Pasquale Stanzione

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella

Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella Apertura dello Sportello C.I.C. Referente scolastica-counselor prof.ssa Gerardina Gonnella In una scuola che ormai è concepita come luogo non solo deputato alla trasmissione del sapere, ma anche connesso

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

Giovani protagonisti del futuro

Giovani protagonisti del futuro 2011 Giovani protagonisti del futuro Indagine sul disagio giovanile e interventi di prevenzione Daniela Pavoncello Logo della Gioventu.jpg Logo ISFOL.jpg INDAGINE SUL DISAGIO GIOVANILE E INTERVENTI DI

Dettagli

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO I N D I C E LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO Capitolo 1: La dimensione sociale nell infanzia 1. Quadro teorico

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA

IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA Istituto Figlie di Gesù Scuola dell Infanzia Paritaria San Luigi SEZIONE PRIMAVERA Via Alle Grazie,8-54100 Massa Tel. Fax 0585-451367 IL SERVIZIO EDUCATIVO DELLA SEZIONE PRIMAVERA 1) AMBITO CULTURALE E

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Protocollo d Intesa per la tutela dei minori Rom, Sinti e Camminanti tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Opera Nomadi VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

Tempo del lavoro e tempo della festa: scuola cattolica e famiglia

Tempo del lavoro e tempo della festa: scuola cattolica e famiglia Sergio Cicatelli Tempo del lavoro e tempo della festa: scuola cattolica e famiglia Il tema centrale di questa comunicazione vuole essere la scelta della scuola, un atto fondamentale e costitutivo dell

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

LA CASA DI NONNA ITALIA

LA CASA DI NONNA ITALIA dai 9 anni SERIE BLU scuola primaria LA CASA DI NONNA ITALIA UN RACCONTO SULLA COSTITUZIONE AUTORE: P. Valente SCHEDE DIDATTICHE: P. Valente ILLUSTRAZIONI: M. Bizzi PAGINE: 128 PREZZO: 7,50 ISBN: 978-88-472-1409-5

Dettagli

CITTADINANZA e COSTITUZIONE

CITTADINANZA e COSTITUZIONE CITTADINANZA e COSTITUZIONE I Classe UdA interdisciplinare : (Ed. all Affettività ed Ed. alla Cittadinanza) Stiamo insieme -La famiglia e la scuola: norme, regole/ Freschi e puliti : regole per una corretta

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA PROTOCOLLO D'INTESA RELATIVO AL SERVIZIO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO- CULTURALE NEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI E DIREZIONI DIDATTICHE DELL UNIONE TERRE D ARGINE tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO,

Dettagli

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO

MEDIAZIONE FAMILIARE INCONTRI PROTETTI SOSTEGNO NELL AFFIDO Il servizio di mediazione e sostegno SMS, nei suoi diversi ambiti di applicazione ha come caratteristica la restituzione di responsabilità e di autodeterminazione alle parti del sistema famiglia che si

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna:

Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: Famiglie, Giovani ed opportunità, interventi sociali per l infanzia e l adolescenza in Emilia-Romagna: la legislazione di riferimento, alcune priorità di lavoro e di prospettiva Ferrara 15 gennaio 2013

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

12 Famiglie affidatarie

12 Famiglie affidatarie INTRODUZIONE Con questo volume avviamo la collana di studi e ricerche Essere, crescere volontari, dalla casa editrice La Scuola messa a disposizione dell Osservatorio sul Volontariato, nato da una concordanza

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI STRANIERI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI STRANIERI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI STRANIERI A completamento delle nuove linee guida della P.A.T. relative alla valutazione degli studenti stranieri, si forniscono alcune indicazioni in vista

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA

La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA La PROGETTUALITA nella SCUOLA dell INFANZIA 1 DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO Chiedo un luogo sicuro dove posso giocare chiedo un sorriso di chi sa amare chiedo un papà che mi abbracci forte chiedo un bacio

Dettagli

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E POLITICHE SOCIALI allegato e Gruppo di Coordinamento Provinciale dei servizi integrativi SPAZI PER BAMBINI E ADULTI QUESTIONI, RIFLESSIONI

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03

SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 SENTENZA DELLA CORTE (GRANDE SEZIONE) DEL 27 GIUGNO 2006, CAUSA C-540/03 «Politica di immigrazione Diritto al ricongiungimento familiare dei figli minori di cittadini di paesi terzi Tutela dei diritti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Inserire il Logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Seconda annualità 2014/15 Premesso che i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza sono

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Mirella Pezzin - Marinella Roviglione LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Nelle Indicazioni per il curricolo del 2007, alla sezione Centralità della persona

Dettagli

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA

2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA 2 FINALITA FORMATIVE DELLA SCUOLA PRIMARIA Il nostro impianto educativo vuol porre al centro la ricerca del sé nella scoperta della necessità dell altro. Noi siamo tutti gli altri che abbiamo incontrato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA

PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA AZIENDA SANITARIA UNITA SANITARIA LOCALE N. 4 DI MATERA COMUNE

Dettagli

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Diagnosi : sindrome da alterazione globale dello sviluppo psicologico. Seguito dall insegnante di sostegno (già dallo scorso anno) per 16 ore settimanali. Inserito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VERDELLO

ISTITUTO COMPRENSIVO VERDELLO ISTITUTO COMPRENSIVO VERDELLO PROGETTO SULLA CONTINUITA' EDUCATIVA SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI 1 GRADO PREMESSA a. s. 2007/2008 Il problema della continuità, come è noto, nasce sostanzialmente

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE E DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL TERRITORIO DI SCORDIA AZIENDA UNITÀ

Dettagli

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI DISAGIO 0 PREMESSA La scuola ha il compito di creare le condizioni che favoriscano nell alunno la costruzione di un immagine positiva di sé poiché l esperienza scolastica riveste un ruolo importante per

Dettagli

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista DISABILITA E CONTESTI a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista obiettivi e contenuti dell incontro Considerare l importanza del contesto nella professione docente e non docente L incontro delle professionalita

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica PREMESSA Il progetto continuità, nasce dall esigenza di garantire al bambinoalunno un percorso formativo organico e completo, che miri a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto,

Dettagli

Buongiorno a tutti. Vi porto l esperienza di un genitore che, insieme a sua moglie, ha deciso di iscrivere i propri figli presso una scuola con un

Buongiorno a tutti. Vi porto l esperienza di un genitore che, insieme a sua moglie, ha deciso di iscrivere i propri figli presso una scuola con un Buongiorno a tutti. Vi porto l esperienza di un genitore che, insieme a sua moglie, ha deciso di iscrivere i propri figli presso una scuola con un alta frequentazione di bambini con entrambi i genitori

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

Lascia il segno giusto.

Lascia il segno giusto. Lascia il segno giusto. 15 maggio, mani che amano. Giornata Regionale contro il maltrattamento all infanzia e all adolescenza. Per una Comunità che si prende cura. Versione 1.4-16.04.2015 Versione 1.4-16.04.2015

Dettagli

La Mediazione Culturale nella scuola

La Mediazione Culturale nella scuola La Mediazione Culturale nella scuola PANORAMA NORMATIVO A CURA DI: NORA LONARDI RES RICERCA E STUDIO, TRENTO DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI ONU- 10 DICEMBRE 1948 art. 1 : Tutti gli esseri umani

Dettagli

SCHEDA RELAZIONE FUNZIONE STRUMENTALE

SCHEDA RELAZIONE FUNZIONE STRUMENTALE SCHEDA RELAZIONE FUNZIONE STRUMENTALE (art. 37 CCNI 31/08/1999) DOCENTE: GAIMARRI Elisabetta Funzione Strumentale AREA 5 Profilo Docente incaricata per la Funzione Strumentale Area Intercultura Coordinamento

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9

1.3 Sportello Psicologico pag. 8 1.4 Accogliamo gli alunni stranieri pag. 7 1.5 Formazione, Ricerca e Sperimentazione pag. 9 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

FIMP SICILIA GIORNATA MONDIALE DELL INFANZIA. 20 novembre 2012. Rassegna Stampa a cura di

FIMP SICILIA GIORNATA MONDIALE DELL INFANZIA. 20 novembre 2012. Rassegna Stampa a cura di FIMP SICILIA GIORNATA MONDIALE DELL INFANZIA 20 novembre 2012 Rassegna Stampa a cura di RASSEGNA STAMPA Giornata Internazionale dell Infanzia L abuso psico-fisico sui minori. Unicef e Fimp: Una realtà

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 13.01.1998 Revisioni: NOTE: 1 TITOLO I FINALITA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ART. 1 - FINALITA

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre

PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre Pag. 1 di 5 Nell attuale società frammentata e sempre più complessa, di fronte all emergenza educativa, diventa urgente la necessità che tutti gli educatori si confrontino ed elaborino serie proposte educative

Dettagli

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti

Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti Attività 2014 Agenzia formativa Formarsi agli Innocenti L offerta formativa dell Istituto degli Innocenti nasce da un esperienza consolidata di gestione di servizi e attività di ricerca e formazione a

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO E TECNOLOGICO ENRICO FERMI LANCIANO A.S. 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ED INCLUSIONE SCOLASTICA Prof.ssa Mariagrazia Mastrangelo Durante

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli