Adattarsi al Cambiamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Adattarsi al Cambiamento"

Transcript

1 Adattarsi al Cambiamento Come le Agenzie per il Lavoro promuovono l adeguamento al cambiamento, un mercato del lavoro migliore e un occupazione dignitosa

2 2 adattarsi al cambiamento Executive Summary

3 adattarsi al cambiamento 3 Le Agenzie per il Lavoro (ApL) aiutano aziende e lavoratori ad adeguarsi alle trasformazioni stagionali e cicliche dell economia. Il settore fornisce soluzioni innovative e affidabili che consentono alle organizzazioni, sia pubbliche che private, di gestire le fluttuazioni stagionali della domanda e adattare di conseguenza le esigenze di forza lavoro. Le fluttuazioni cicliche, sebbene meno prevedibili, sono sempre più all ordine del giorno, come l alternanza economica tra periodi di crescita positiva e negativa. I servizi privati per l impiego sono diventati parte della soluzione per affrontare la crescente instabilità della domanda di lavoro e sostenere le organizzazioni nella fase di adattamento all impatto che i singoli cicli hanno sui livelli occupazionali. Tuttavia, la crescente incidenza delle trasformazioni strutturali negli ultimi anni ha posto all economia e al mercato del lavoro una nuova serie di sfide. La globalizzazione, l evoluzione demografica, i progressi del settore e dell informatica, la volatilità e la complessità unite ai nuovi approcci al lavoro hanno portato le economie internazionali a subire profondi cambiamenti strutturali. Dure le conseguenze per il mercato del lavoro: livelli di disoccupazione costantemente alti (fenomeno che colpisce in modo particolare la popolazione giovanile), necessità di nuove competenze per nuovi lavori, bassa mobilità lavorativa occupazionale e geografica, rischio di segmentazione dei mercati del lavoro, scarsi livelli di partecipazione al mercato (soprattutto per le donne e i lavoratori più anziani), e necessità di conciliare le diverse forme di rapporti di lavoro con condizioni di lavoro dignitose. In qualità di principali fornitori di servizi, le Agenzie per il Lavoro sono in grado di favorire l adattamento a questi cambiamenti strutturali. Grazie alla loro portata internazionale e alla conoscenza specialistica del mercato, il settore facilita la capacità di adeguamento alla trasformazione del mercato del lavoro che sta diventando sempre più complesso, instabile e imprevedibile. Lo studio del Boston Consulting Group e della Ciett rileva che la somministrazione presenta diverse caratteristiche capaci di aiutare il mercato del lavoro ad assestare e accrescere la sua efficienza, caratteristiche che, nei prossimi anni, ne faranno un prezioso partner per Governi, aziende e lavoratori. LA SOMMINISTRAZIONE CONSENTE L ADE- GUAMENTO AL CAMBIAMENTO IN UN MER- CATO DEL LAVORO SEMPRE PIÙ VOLATILE E COMPLESSO I cicli economici sono diventati più instabili, provocando una continua tensione tra la creazione e la distruzione di posti di lavoro. Favorire l adeguamento del mercato del lavoro a queste nuove dinamiche, oggi rappresenta per la società una delle più grandi sfide da affrontare. In questa nuova, complessa realtà del mercato del lavoro, il ruolo degli intermediari è determinante. Lavoratori e datori di lavoro necessitano di un intermediario per reagire con prontezza migliorando l incontro tra offerta e domanda e garantendo il mantenimento di alti livelli di partecipazione al mercato del lavoro. Partner in tempi di stabilità, le ApL consentono al mercato del lavoro di adattarsi quando l economia mostra i segni delle trasformazioni. Il settore riduce il gap temporale tra ripresa e creazione di posti di lavoro. Aiuta, inoltre, le imprese ad adeguarsi meglio e più rapidamente ai cicli economici. I servizi privati per l impiego forniscono forza lavoro effettiva che consente ai datori di lavoro di cogliere

4 4 adattarsi al cambiamento le opportunità e gestire con efficacia le oscillazioni. Offre un ampia gamma di servizi professionali che spaziano dalla consulenza e dalla selezione alla gestione delle risorse umane e all outsourcing. La ricerca dimostra che le organizzazioni capaci di combinare in modo strategico flessibilità interna e ricorso alle Agenzie per il Lavoro per guidare le oscillazioni della domanda, sembrano più capaci di gestire la crescente instabilità e reagire alle opportunità del mercato. Ai lavoratori, le ApL offrono molteplici tipologie contrattuali che rispondono alle nuove e diverse aspettative e ai nuovi approcci alle professioni. La somministrazione facilita la convergenza tra la flessibilità che molti lavoratori oggi ricercano e le tutele di cui hanno bisogno. Ciò consente la creazione di numero più ampio di posti di lavoro e permette a chi è in cerca di occupazione di trovarla rapidamente. Le ApL aiutano anche le persone ad acquisire e sviluppare le proprie capacità e competenze, contribuendo sia alla mobilità orizzontale che a quella verticale nel mercato del lavoro. Riscontri Rispetto al tasso complessivo di occupazione, la somministrazione torna a crescere alcuni mesi prima della ripresa. La somministrazione riduce il gap temporale tra ripresa e creazione di posti di lavoro. C è una relazione diretta tra la crescita del numero di somministrati e quella del Pil. Alla domanda Per quale motivo ti sei rivolto a un Agenzia per il Lavoro?, il 60% dei somministrati francesi risponde per trovare rapidamente lavoro. La maggior parte dei somministrati di Regno Unito (66%), Polonia (60%), Paesi Bassi (58%) e Belgio (52%) sono d accordo con la seguente dichiarazione: Il lavoro in somministrazione aiuta ad avere una vita più equilibrata. I SERVIZI PER L IMPIEGO PRIVATI RIDUCONO SIA LA DISOCCUPAZIONE STRUTTURALE CHE QUELLA FRIZIONALE In qualità di intermediari del mercato del lavoro capaci di accrescerne la trasparenza, i servizi privati per l impiego contribuiscono a ridurre le due dimensioni della disoccupazione: quella strutturale (con la creazione di nuovi posti di lavoro e nuove competenze) e quella frizionale (agevolando l incontro di domanda e offerta di lavoro). Il settore è un motore per la creazione di nuova occupazione e aumenta la gamma di tipologie di lavoro disponibili. Favorisce l incontro tra offerta e domanda sul posto di lavoro ed è capace di farlo su scala globale, indirizzando l emergente divario tra capacità e domanda tra aree geografiche e settori. Con un mercato del lavoro in continuo divenire, l occupazione viene creata e distrutta quotidianamente. In questo contesto dinamico, sono necessarie politiche attive per il lavoro e una forte collaborazione tra attori pubblici e privati per sostenere la crescita economica e un mercato del lavoro inclusivo. La capacità dei servizi privati per l impiego di realizzare occupazione al di là della tradizionale curva

5 adattarsi al cambiamento 5 della creazione di lavoro fa del settore un partner strategico per una gestione efficiente delle oscillazioni. Di fatto, le Agenzie per il Lavoro creano occupazione anche in presenza di livelli di crescita del Pil molto bassi e rilanciano realmente l economia. Inoltre, prevedendo forme di lavoro flessibile organizzate e regolate, la somministrazione contribuisce a eliminare le forme di lavoro più precarie: quello illegale e il sommerso. Riscontri I tassi di disoccupazione e penetrazione delle Agenzie per il lavoro seguono rotte inverse. Più alto è il tasso di penetrazione, più basso è quello di disoccupazione. La somministrazione crea occupazione. Negli Stati Uniti le Agenzie per il Lavoro hanno fornito nuovi posti di lavori nel 2010, la percentuale di crescita annuale più elevata registrata dal In Europa, dal punto più basso della crisi economica del 2009, il settore ha messo a disposizione, fino alla metà del 2011, almeno nuovi posti di lavoro, in aggiunta ai 3 milioni di lavoratori in somministrazione che hanno mantenuto la propria occupazione nel corso della crisi. Ciò si aggiunge alla performance registrata tra il 2002 e il 2007, quando sono stati realizzati 1,3 milioni di nuovi posti di lavoro. La somministrazione non sostituisce i contratti di lavoro a tempo indeterminato. Il 74% delle organizzazioni che ricorrono alla somministrazione non considera l assunzione di lavoratori a tempo indeterminato come alternativa al ricorso ai somministrati e il 62% di questi non avrebbe creato occupazione se non avesse avuto la possibilità di ricorrere alle Agenzie per il Lavoro. La somministrazione contribuisce a ridurre il lavoro sommerso. C è una correlazione inversa tra i livelli di attività economiche illegali e quelli di penetrazione delle Agenzie. In Italia, la somministrazione è stata introdotta dal Governo nel 1998 come strumento per contrastare il sommerso. In Belgio, le Agenzie svolgono un ruolo chiave nella distribuzione dei services cheque, trasformando il lavoro domestico sommerso in occupazione formale. In Australia, riconoscendo l efficienza del settore privato, il Governo ha totalmente esternalizzato i servizi per l impiego pubblici, concedendoli in gestione a privati e organizzazioni no profit. Rispetto alla situazione precedente, l attuale sistema mostra performance tre volte migliori e costi approssimativamente pari a un terzo. I SERVIZI PRIVATI PER L IMPIEGO RIDUCONO LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO DEL LA- VORO La segmentazione del mercato del lavoro è caratterizzata da scarsa partecipazione e bassa mobilità geografica e occupazionale. La funzione di tramite che svolgono le Agenzie per il Lavoro è essenziale per mantenere il mercato del lavoro inclusivo con alti livelli di partecipazione. Individuando i bisogni occupazionali e favorendone l incontro con l offerta, i servizi privati per l impiego svolgono una funzione determinante che

6 6 adattarsi al cambiamento agevola i lavoratori nel passaggio da percorsi di formazione al lavoro, dalla disoccupazione all occupazione e da un lavoro a un altro. Consentono anche il passaggio dal part-time al full-time (e viceversa) e tra i vari settori, in linea con la domanda economica. Il ruolo di agenti della transizione è particolarmente rilevante in relazione ai giovani e alle fasce deboli (minoranze etniche, donne che cercano di rientrare nel mercato del lavoro, lavoratori anziani). Questo perché i servizi privati per l impiego consentono di accedere facilmente al mercato del lavoro (assistono chi cerca lavoro nella ricerca di quello più adeguato), consentono ai datori di lavoro di assumere lavoratori appartenenti alle fasce più deboli a basso rischio (periodi di prova) e offrono accordi contrattuali che vanno incontro alle difficoltà di queste categorie (necessitano, ad esempio, di riprendere confidenza con il sistema attraverso lavori part-time o inizialmente attraverso brevi missioni). Contribuendo a ridurre il lavoro illegale e concretizzando opportunità lavorative per persone ai margini del mercato, la somministrazione gioca un ruolo chiave nel massimizzare la partecipazione al mercato stesso, contribuendo quindi a una società più inclusiva. Riscontri Circa 12 milioni di lavoratori in Europa, ogni anno, si avvalgono dei servizi delle ApL per entrare nel mercato del lavoro, cambiare occupazione, accrescere le proprie competenze o passare a posizioni a tempo indeterminato. I servizi privati per l impiego offrono un punto di partenza. In Sud Africa solo il 15% delle persone aveva un occupazione prima dell introduzione delle Agenzia per il Lavoro, successivamente il dato raggiunge il 61%. In Francia solo l 11% dei lavoratori trovavano un occupazione prima di rivolgersi a un ApL, il dato sale al 66% grazie al ricorso alla somministrazione. In Norvegia la percentuale di persone occupate passa dal 16% al 65% grazie alle Agenzie. In Svezia la partecipazione al mercato del lavoro dei somministrati cresce dal 34 all 85%. I servizi privati per l impiego aiutano i giovani a entrare e rimanere nel mercato del lavoro. Il 35% dei lavoratori in somministrazione europei ha meno di 25 anni. Le Agenzie per il Lavoro, spesso, rappresentano la prima opportunità per accedere al mercato del lavoro. Gruppi ben determinati beneficiano della somministrazione. Il 66% dei somministrati non aveva un occupazione prima di rivolgersi alle Agenzie per il Lavoro. Inoltre, i lavoratori più anziani (over 50) rappresentano una quota crescente dei lavoratori temporanei. In Francia e Belgio la percentuale di over 50 sul totale dei somministrati cresce il doppio rispetto a quella fatta registrare complessivamente dagli stessi nel mercato del lavoro. In Europa, le Agenzie per il lavoro sono considerate canali per trovare una prima occupazione (dal 92% della popolazione inglese e dal 78% di quella dei Paesi Bassi al 43% della tedesca e al 40% della italiana), e strumenti per trovare un occupazione full-time (dal 90% del

7 adattarsi al cambiamento 7 Regno Unito e dal 78% dei Paesi Bassi al 43% della Germania e al 40% dell Italia). LE AGENZIE PER IL LAVORO CONTRIBUISCONO A COMBINARE E SVILUPPARE LE COMPETENZE NECESSARIE AL MERCATO DEL LAVORO I cambiamenti demografici globali fanno registrare, in tutto il mondo, una significativa carenza di competenze, con crescente scarsità di manodopera negli USA, in Giappone e in Europa, mentre l emisfero sud si prepara a registrare più lavoratori che posti di lavoro - e spesso, lì dove c è occupazione disponibile, i lavoratori non presentano le competenze necessarie. Oltre a occuparsi delle stagionali oscillazioni delle competenze, la somministrazione favorisce il loro adattamento ai cambiamenti strutturali. Le attività dei servizi privati per l impiego non si limitano a riflettere gli spostamenti settoriali, ma aiutano anche l economia ad adattarvisi. Il settore sta aiutando i lavoratori a passare da settori in declino a quelli in cui si registra una crescita della domanda. Garantendo l accesso alla formazione professionale, il settore aiuta anche a ridurre il divario delle competenze e a formare forza lavoro più qualificata. La riqualificazione e l aggiornamento delle competenze costituiscono attività centrali del settore e sono fondamentali per lo svolgimento del ruolo di facilitatore nell incontro tra domanda e offerta nel mercato del lavoro. In qualità di intermediari per i lavoratori, le Agenzie per il Lavoro ne favoriscono il ricollocamento e garantiscono a possibilità di cambiare facilmente occupazione. La formazione professionale per i somministrati è trainata dalla domanda del mercato e organizzata in stretta collaborazione con le aziende utilizzatrici attraverso un approccio pragmatico a breve termine, indirizzandosi soprattutto ai lavoratori meno qualificati. Di conseguenza, i lavoratori temporanei possono effettuare transizioni orizzontali e verticali in tutti i settori e le aree geografiche, con vantaggi per la loro carriera. Riscontri La somministrazione adegua le competenze ai mutamenti settoriali. Negli Stati Uniti, il settore professionale (ad esempio i somministrati più qualificati) rappresenta oggi il 55% del mercato della somministrazione rispetto al 36% del 1995, riflettendo la domanda complessiva di forza lavoro più qualificata. In Francia, la percentuale di somministrati al servizio delle industrie è salita circa del 10% negli ultimi dieci anni, riflettendo e accompagnando il passaggio a un economia orientata verso i servizi. La somministrazione crea competenze. In 7 paesi europei (Belgio, Francia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Italia, Spagna e Austria), i fondi per la formazione, gestiti dalle parti sociali, sono stati istituiti per facilitare l accesso alla formazione professionale per i somministrati. Ogni anno vengono investiti più di 500 milioni di euro per programmi destinati specificamente a lavoratori in somministrazione. Nei Paesi Bassi, i somministrati ricevono decisamente più formazione dei lavoratori a tempo determinato e frequentano periodica-

8 8 adattarsi al cambiamento mente corsi di formazione per trovare nuove opportunità di lavoro. Data la considerevole rappresentanza di giovani nel contesto delle Agenzie per il Lavoro, il 70% dei lavoratori in somministrazione in formazione ha meno di 35 anni mentre solo il 50% dei lavoratori a tempo indeterminato appartenenti a questa fascia di età segue corsi formativi. I SERVIZI PRIVATI PER L IMPIEGO OFFRONO OCCUPAZIONE DIGNITOSA Per l economia mondiale la sfida è combinare la capacità di adeguamento della forza lavoro al cambiamento con la necessità di un occupazione dignitosa, come indicato nell International Labour Organisation s Decent Work Agenda. Il settore delle Agenzie per il Lavoro, organizzato e regolato, offre occupazione dignitosa e particolari vantaggi rispetto ad altre forme di lavoro flessibile, come il lavoro a chiamata, i contratti a tempo determinato e l outsourcing, che possono essere estremamente precari per i lavoratori. Poiché i somministrati sono dipendenti delle agenzie (sia temporanei che permanenti), il settore è in una posizione privilegiata per negoziare le condizioni di lavoro e occupazione. Laddove ce ne fosse bisogno, le condizioni sono negoziate con le organizzazioni sindacali, in qualità di rappresentanti dei somministrati. Pertanto, in qualità di unica tipologia di lavoro flessibile organizzata come settore a sé, la stessa industria della somministrazione ha siglato un ampio numero di contratti collettivi di lavoro con i sindacati a livello nazionale, soprattutto in Europa. Per tanto, i lavoratori sono protetti dai diritti concordati attraverso contrattazione collettiva, sia a livello settoriale che quello utente-azienda. Come tale, la somministrazione è un facilitatore di innovazione sociale. Ha promosso nuovi modi per garantire la tutela sociale dei lavoratori attraverso rapporti di lavoro diversi dai contratti a tempo indeterminato. In molti paesi, l industria ha sviluppato progetti per garantire la portabilità e la trasferibilità dei diritti dei lavoratori (assicurazione sulla salute, schemi pensionistici complementari e formazione professionale). In Europa, le Agenzie per il Lavoro sono spesso viste come l incarnazione della flexicurity, grazie alla loro capacità di combinare flessibilità e sicurezza sia per le aziende che per i lavoratori. Promuovendo la necessità di una regolamentazione adeguata dell industria e favorendo il miglioramento degli standard qualitativi, le Agenzie per il Lavoro rappresentano datori di lavoro responsabili che operano per uno sviluppo sano e sostenibile del settore. Il settore è fortemente impegnato a lavorare mano nella mano con governi e sindacati per combattere gli abusi e le pratiche illegali derivanti da Agenzie per il Lavoro inaffidabili, prive di etica e disoneste, poiché questa battaglia rappresenta un interesse comune. Riscontri L industria è impegnata a sviluppare un costruttivo dialogo sociale. In oltre 25 paesi del

9 adattarsi al cambiamento 9 mondo (18 in Europa, 7 nel resto del mondo), il ricorso alle Agenzie per il Lavoro è regolato da contratti collettivi di lavoro, negoziati sia a livello inter-settoriale, settoriale e/o di impresa utilizzatrice. Nel 2010 la giapponese Staffing Services Association (JASSA) ha firmato una dichiarazione congiunta con Rengo, la confederazione sindacale giapponese, per migliorare il trattamento dei lavoratori temporanei e promuovere pratiche eque nel settore. I contratti collettivi di lavoro hanno portato alla costituzione di fondi bilaterali, gestiti in modo congiunto dalle parti sociali in diversi paesi, che offrono ai lavoratori ulteriori garanzie attraverso la formazione (Belgio, Francia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Italia, Spagna e Austria), salute e sicurezza (Belgio, Francia, Paesi Bassi), pensioni (Francia, Olanda, Italia, Svizzera) e prestazioni sociali complementari (Belgio, Francia, Olanda, Italia). L industria lavora in stretta collaborazione con l International Labour Organisation e i sindacati internazionali (CSI, UNI Global) per promuovere l adozione di un adeguata normativa di settore nei Paesi in cui non è ancora presente, proponendo come linee guida le disposizioni della Convenzione n 181 sulle Agenzie per il Lavoro. Il settore ha sviluppato specifici strumenti per garantire che siano imposti standard qualitativi e regolamentazione (sia per legge o contrattazione collettiva). In Francia (CPPNTT), Belgio (CNT) e Paesi Bassi (SNCU & SNA), corpi bilaterali monitorano e garantiscono la conformità con l esistente normativa per le Agenzie per il Lavoro. In Belgio e in Portogallo, è stato istituito un Ombudsman per trattare i reclami dei lavoratori temporanei e occuparsi dei rimedi. In Svezia e nei Paesi Bassi, dove non esistono sistemi di licenza, vige un sistema di certificazione per controllare le condizioni con cui operano le agenzie di lavoro privato. Tra i lavoratori in somministrazione c è un alto grado di soddisfazione. In tutta Europa, una percentuale molto alta di somministrati raccomanderebbe le Agenzie per il Lavoro a familiari o amici, percentuali che vanno dall 83% del Regno Unito e il 76% della Polonia, al 74% del Belgio, al 69% della Francia, al 62% dei Paesi Bassi e al 55% dell Italia. In Francia, il 91% dei lavoratori temporanei percepisce positivamente le Agenzie per il Lavoro (più di qualsiasi altra tipologia di utenti, siano essi in cerca di occupazione, lavoratori del settore pubblico o privato o studenti): il 93% è soddisfatto del proprio lavoro, l 89% dell equilibrio vita-lavoro e il 79% del proprio stipendio. UN MERCATO DEL LAVORO EFFICIENTE NE- CESSITA DI UN ADEGUATA REGOLAMENTA- ZIONE PER LE AGENZIE PER IL LAVORO In molti Paesi, l industria della somministrazione svolge già un ruolo chiave nel facilitare l adattamento ai cambiamenti, sia stagionali, che ciclici o strutturali. Tuttavia, in molti altri, il contributo del settore è ancora ostacolato da regolamentazioni inadeguate e sbilanciate. In alcuni casi, l industria

10 10 adattarsi al cambiamento non può fare affidamento su un contesto giuridico chiaro e stabile a causa della mancanza di riconoscimento giuridico di questo specifico rapporto di lavoro trilaterale. In qualche altro caso, il settore opera ancora in un quadro normativo adottato decenni prima, in un momento in cui il mercato del lavoro era sostanzialmente diverso. Di conseguenza, i servizi privati per l impiego affrontano condizioni ormai superate - come la limitazione dei servizi e delle tipologie contrattuali che possono essere offerti, i divieti settoriali, e limitazioni ai ricorsi alla somministrazione e alle durata massima degli incarichi. Al fine di valutare come ottimizzare il contributo dei servizi per l impiego del settore privato i mercati del lavoro, il Boston Consulting Group e la Ciett hanno ideato due indicatori: - Un Indice di Efficienza della Regolamentazione, basato sulla normativa dei servizi di collocamento privato presenti nei mercati nazionali. - Un Indice di Efficienza del Mercato del Lavoro, sulla base di 6 criteri oggettivi, calcolati per ciascun paese: tasso di occupazione complessiva, tasso di occupazione anni, tasso di occupazione anni, ore annuali lavorate, tasso di partecipazione al lavoro e tasso della disoccupazione. Quando i Paesi vengono raggruppati secondo l Indice di Efficienza del Mercato del Lavoro, vi saranno chiaramente andamenti diversi a seconda delle caratteristiche del contesto. Il modello Orientato al Mercato e quello Basato sul Dialogo sociale presentano prestazioni migliori e mostrano una maggiore efficienza rispetto a quelli che operano all interno di un ambiente Determinato da un Legislatore (a causa di alcune antiquate limitazioni ai servizi e in entrata che il sistema pone alle Agenzie per il Lavoro e alla scarsa capacità delle parti sociali di definire un appropriata regolamentazione). Anche gli Emergenti mostrano alti livelli di inefficienza considerato che i quadri giuridici e i sistemi sociali sono ancora in via di sviluppo. È importante sottolineare che lo studio non cerca di promuovere una tipologia di gruppo piuttosto che un altra. Anzi riconosce che non c è una soluzione valida per tutti e suggerisce che la regolamentazione deve essere rilevante per i valori, la cultura, le priorità del mercato e la sua società. Sebbene l industria della somministrazione si sia sviluppata in modo diverso in ogni gruppo, è dimostrato che, quando adeguatamente regolamentata, è in grado di aumentare la partecipazione al mercato del lavoro creando posti di lavoro, sostenendo la riduzione di lavoro illegale, avvicinando persone appartenenti alle fasce più deboli al mercato del lavoro e consentendo maggiori opportunità e alternative di occupazione. Riscontri I paesi senza una specifica regolamentazione per le Agenzie per il Lavoro, o con regolamentazioni non aggiornate, raggiungono un livello più basso dell Indice di Efficienza della Regolamentazione (come Turchia, Argentina, Cile, Grecia, Lussemburgo, Spagna), mentre mercati più maturi, in cui si è sviluppata la regolamentazione della somministrazione, mostrano punteggi migliori (per esempio Paesi

11 adattarsi al cambiamento 11 Bassi, Svezia, USA, Danimarca, Regno Unito, Australia, Belgio, Germania, Francia). I Paesi che mostrano i punteggi più alti dell Indice di Efficienza del Mercato del Lavoro sono quelli in cui la somministrazione opera da molti anni (con la notevole eccezione della Francia). Di contro, i Paesi in cui il settore è attivo solo di recente (Cile, Europa dell Est), o non è ancora provvisto di regolamenti (Messico, Lussemburgo, Spagna, Portogallo), registrano un punteggio più basso. L efficacia del mercato del lavoro influisce notevolmente sulla competitività dei Paesi. C è una diretta correlazione tra i punteggi dell Indice di Efficienza del Mercato del Lavoro e l Indice della Competitività del World Economic Forum. GUARDANDO AVANTI Il rapporto sottolinea come il settore sia capace di sostenere Governi, aziende e lavoratori nella gestione delle convulse dinamiche del mercato del lavoro e del cambiamento, sia esso stagionale, ciclico o strutturale. Il rapporto propone diverse raccomandazioni rivolte ai policymaker internazionali, regionali e nazionali, sottolineando che il settore delle Agenzie per il Lavoro può massimizzare il suo contributo per una crescita sostenibile e giocare il suo ruolo nell offerta di soluzioni capaci di incontrare la nuova realtà economica. 1. I policymaker dovrebbero garantire una cornice normativa adeguata per il settore privato dei servizi per l impiego, consentendo così a questo di svolgere a pieno il suo ruolo. a. Nei Pesi privi di una specifica regolamentazione, dovrebbe essere adottata una cornice normativa; potrebbe essere realizzata utilizzando come modello la Convezione ILO n. 181 sulle Agenzie per il Lavoro. Le parti sociali dovrebbero essere coinvolte nella realizzazione di questa cornice. b. Nei Paesi che hanno già adottato una specifica regolamentazione, i policymaker dovrebbero regolarmente verificare le condizioni e le restrizioni previste per l attività delle Agenzie per il Lavoro, per garantire che non siano superate e inadeguate rispetto alla nuova realtà del mercato del lavoro. 2. I politicymaker dovrebbero riconoscere che le Agenzie per il Lavoro rappresentano un settore a se stante. Come tale, dovrebbe avvalersi della libertà di contrattazione collettiva e, se pertinente, negoziare con i sindacati in merito alle condizioni di lavoro e alla regolamentazione dei somministrati. 3. Adeguatamente regolate, le Agenzie per il Lavoro dovrebbero essere coinvolte dai politicymaker nella progettazione e nell implementazione di politiche attive per il lavoro in particolare attraverso lo sviluppo della collaborazione pubblico-privata. Il contributo che offrono nel facilitare le transizioni nel mercato del lavoro, nell incrementare il tasso di partecipazione al mercato, creando nuova occupazione e contrastando forme di lavoro irregolare e favorendo l occupazione dignitosa, dovrebbe essere tenuto in considerazione dalle politiche pubbliche per l occupazione.

12 12 adattarsi al cambiamento Le Agenzie per il Lavoro facilitano l adeguamento del mercato al cambiamento. Al fine di migliorare il suo contributo per la realizzazione di occupazione dignitosa e per migliorare il funzionamento del mercato del lavoro, il settore si impegna a realizzare una serie di azioni chiave. 1. Il settore si impegna a lavorare al fianco di tutti gli stakeholder pertinenti, comprese le parti sociali, per ottimizzare la regolamentazione sulla somministrazione. Si impegna a favorire la ratifica della Convenzione ILO n. 181 sulle Agenzie per il Lavoro e/o ad assicurare che i provvedimenti chiave della Convenzione siano adottati nel maggior numero di Paesi. 2. Il settore si impegna a portare avanti azioni mirate ad accrescere la governance e migliorare gli standard qualitativi dell industria della somministrazione nel mondo. Incoraggerà e sosterrà la nascita di Federazioni nazionali delle Agenzie per il Lavoro nei Paesi in cui non sono ancora presenti. Migliorerà le norme relative alla qualità e i codici di condotta e promuoverà l adozione di reclami e procedure di rimedio per gestire casi di negligenza. 3. Si impegna a diventare un promotore di opportunità professionali per i lavoratori e a rappresentare maggiormente le sfide e le opportunità dei luoghi di lavoro di oggi e le iniziative necessarie, compresa la riqualificazione, l innovazione sociale, l orientamento professionale e le transizioni efficaci per garantire a tutti un occupazione dignitosa. Per fare ciò, il settore si impegna a investire ulteriormente nella formazione del suo staff e dei lavoratori in somministrazione. 4. Il settore investirà maggiormente in comunicazione per spiegare il ruolo che la somministrazione riveste, contribuendo a rendere più efficiente il mercato del lavoro e combattendo contro il lato privo di etica e illegale dell industria. Oltre a condurre ricerche e indagini in collaborazione con i sindacati, il settore si impegna a collaborare con loro per combattere gli abusi e le pratiche illegali derivati da Agenzie per il Lavoro inaffidabili, prive di etica e disoneste, poiché le parti hanno interesse comune nel farlo. Le Agenzie prive di scrupoli danneggiano l immagine di quelle responsabili e ben organizzate, rappresentano agenti di competizione sleale e conducono a inaccettabili abusi dei lavoratori. 5. Il settore si impegna ad rafforzare il suo ruolo di intermediario del mercato del lavoro collaborando con tutti gli stakeholder per ottenere un mercato del lavoro inclusivo, funzionante e sostenibile con elevati livelli di partecipazione e un approccio coordinato nell incontro di domanda e offerta.

13 adattarsi al cambiamento 13 traduzione a cura di

14

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Produttività e mercato del lavoro Italia e Germania a confronto

Produttività e mercato del lavoro Italia e Germania a confronto Produttività e del lavoro Stefano Colli-Lanzi CEO Gi Group e Vicepresidente Assolavoro Deutsch-Italienisches Wirtschaftsforum Dienstag, 18. Juni 2013 www.gigroup.com Mercati del lavoro : alcuni indicatori*

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

LA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

LA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO Marzo 2015 LA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO LA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO Primi dati 2014 Nel 2014 gli occupati tramite Agenzia mediamente per mese sono oltre 298.556, in aumento dell 8,7% rispetto a un anno

Dettagli

Immigrazione e lavoro

Immigrazione e lavoro Immigrazione e lavoro I flussi migratori regolari e irregolari influenzano notevolmente il mercato del lavoro di una nazione. Gli immigrati costituiscono di certo una grande risorsa per l economia di un

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro di un gruppo Multistakeholder internazionale, coordinato da

Dettagli

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca.

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. Nell ultimo ventennio il mercato del lavoro del nostro Paese è stato interessato da un progressivo processo di deregolamentazione

Dettagli

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer

Le riforme adottate dalla Germania Rose Langer PER UNA CRESCITA SOSTENIBILE: L APPROCCIO WELFARE TO WORK NEL QUADRO DELLE SFIDE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Le riforme adottate dalla Germania Riforme del mercato del lavoro - Le riforme del mercato del

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale

ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) - World Employment and Social Outlook 2015. The Changing Nature of Jobs ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale La prima edizione del nuovo

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Roma, 22 Ottobre 2015. Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione. «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo»

Roma, 22 Ottobre 2015. Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione. «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo» Roma, 22 Ottobre 2015 Presentazione del Rapporto 2015 sull Economia dell Immigrazione «Stranieri in Italia, attori dello sviluppo» Il contesto internazionale ANNO EUROPEO PER LO SVILUPPO Il 2015 è dedicato

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Soluzioni per la tua crescita

Soluzioni per la tua crescita Soluzioni per la tua crescita Sviluppiamo il tuo business Una storia di successi Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di temporary management per

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane di Francesca Fazio Uno stage presso la Commissione europea? È il sogno di molti ragazzi italiani

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Progetto DiversaMente

Progetto DiversaMente Progetto DiversaMente Pillole formative sul Diversity Management Aprile 2014 1 Cosa si intende per Diversity Management? Il D.M. è una filosofia di gestione delle risorse umane che si concretizza in strumenti,

Dettagli

ReFIMED. Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo

ReFIMED. Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo ReFIMED Ricerca e finanza d impresa nel Mediterraneo Finanza agevolata Finanza ordinaria e servizi finanziari alle PMI Comunicazione e Sviluppo Commerciale Formazione Sistemi per la Qualità ReFIMED è vicina

Dettagli

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015 (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) Premessa: Le azioni positive sono misure temporanee speciali

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

COMPANY PROFILE. Adecco better work, better life

COMPANY PROFILE. Adecco better work, better life COMPANY PROFILE Adecco better work, better life Adecco è il leader in Italia e nel mondo nei servizi per la gestione delle risorse umane. Nato nel 1996 in seguito alla fusione tra Adia (Svizzera) ed Ecco

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Intervento di Nicola Catalano, ricercatore ISFOL Introduzione 1. Conosciamo tutti l importanza delle

Dettagli

A.I.N.I. Associazione Imprenditoriale della Nazionalità Italiana Udruga Poduzetnika Talijanske Narodnosti

A.I.N.I. Associazione Imprenditoriale della Nazionalità Italiana Udruga Poduzetnika Talijanske Narodnosti L AINI ( ) è un Associazione di artigiani e di piccole e medie imprese appartenenti ai diversi settori merceologici i cui proprietari sono appartenenti alla Comunità Nazionale Italiana in Croazia (CNI),

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali.

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. Oggetto: Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale rappresenta che, a seguito

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE RISORSE PON RIPARTIZIONE RISORSE PER ASSE DI INTERVENTO Asse Risorse Asse Occupazione 1.838.398.081,00 Asse

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati

Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Fondi Managed, oltre gli alti e bassi dei mercati Oltre gli schemi, verso nuove opportunità d investimento Adottare un approccio di gestione standard, che utilizza l esposizione azionaria come un indicatore

Dettagli

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa INDICE 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa 2. Una storia di successo 3. Valori che fanno la differenza Prezzo Servizio clienti Sicurezza degli acquisti Facilità e flessibilità Innovazione e tecnologia

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati www.qualityinternships.eu Preambolo Premesso che:! per i giovani il passaggio dal sistema educativo al mercato del lavoro è sempre più difficile

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013) CITTA DI CAIAZZO Provincia di Caserta Piazzetta Martiri Caiatini, n. 1 C.A.P. 81013 CAIAZZO Tel. 0823.61.57.28 Fax 0823.86.80.00 info@comune.caiazzo.ce.it www.caiazzo.gov.it PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

l imprenditoria sociale

l imprenditoria sociale L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Mercato interno e servizi L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Presidente della Commissione europea, José

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

INDAGINE ON-LINE. Settembre 2014

INDAGINE ON-LINE. Settembre 2014 INDAGINE ON-LINE Settembre 2014 Rispondenti Indagine on-line condotta fra il 10-15 settembre 2014 (23,8% dei lavoratori sono giovani 15-29 anni) Settore Merceologico * Commercio 36,9% 26,2% 25,4% 11,5%

Dettagli

DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI

DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI DAL LAVORO INTERINALE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI MANODOPERA: PRIMO MONITORAGGIO SU COSA CAMBIA PER LE AGENZIE PER IL LAVORO E PER LE IMPRESE UTILIZZATRICI. Febbraio 2006 A cura di Giovanna Altieri, Cristina

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

,/0(5&$72',&216802,/0(5&$72 '(//(25*$1,==$=,21,,7$/,$12(' (67(52(/(/252&$5$77(5,67,&+(

,/0(5&$72',&216802,/0(5&$72 '(//(25*$1,==$=,21,,7$/,$12(' (67(52(/(/252&$5$77(5,67,&+( ,/0(5&$72',&216802,/0(5&$72 '(//(25*$1,==$=,21,,7$/,$12(' (67(52(/(/252&$5$77(5,67,&+( 6(/(=,21('(,3$(6, Nella precedente ricerca si sono distinti, sulla base di indicatori quali la produzione, il consumo

Dettagli

Divided We Stand: Perché la disuguaglianza continua a crescere

Divided We Stand: Perché la disuguaglianza continua a crescere Conferenza ISTAT OCSE Roma, 24 Gennaio 2012 Divided We Stand: Perché la disuguaglianza continua a crescere Stefano Scarpetta Vice Direttore della Direzione Lavoro, Occupazione e Affari Sociali, OCSE OECD,

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE 75 i dossier www.freefoundation.com COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE NEL RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA MISSIONE IN ITALIA DEL 3-16 MAGGIO 17 maggio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

ELEMENTI DI SOCIOLOGIA II

ELEMENTI DI SOCIOLOGIA II ELEMENTI DI SOCIOLOGIA II Flessibilità del lavoro e occupazioni Le aree della flessibilità del lavoro 1. flessibilità numerica: vincoli che regolano licenziamenti e assunzioni; rapporti di lavoro a tempo

Dettagli

Il modello di welfare occupazionale in Lombardia

Il modello di welfare occupazionale in Lombardia Francesco Giubileo Il modello di welfare occupazionale in Lombardia Modello di governance dei servizi pubblici per l impiego realizzati in Lombardia i libri di EMIL ringraziamenti Per il fondamentale contributo

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

n. 183 2 novembre 2011

n. 183 2 novembre 2011 n. 183 2 novembre 2011 ATTIVITA FERROVIARIE Convocazione Responsabili Regionali Attività Ferroviarie LOGISTICA TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONI Autamarocchi conferma incontro DIPARTIMENTO DIRITTI Pari opportunità:

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

6.1 L occupazione femminile

6.1 L occupazione femminile 6.1 L occupazione femminile E oramai noto come la presenza femminile sul mercato del lavoro sia notevolmente cresciuta nell ultimo decennio. La società in trasformazione ha registrato così un importante

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO Corso di Economia Monetaria e Regolamentazione Internazionale Prof. Andrea Filippo Presbitero Federica Catalani Anastasia Zenobi a.a 2009/2010 1 Introduzione: Questo

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI PROTOCOLLO D INTESA Fra i seguenti soggetti: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SPINEA : Responsabile Settore Servizi Ai Cittadini

Dettagli

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale"

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale SENATO DELLA REPUBBLICA 11ª Commissione Permanente (Commissione Lavoro, Previdenza Sociale) A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale" 3 ottobre

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010 VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo 30 novembre 2010 Cosa si intende per accreditamento? L art. 2 del DLgs 276/2003 definisce:

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori

Una nuova asset class per investitori qualificati. Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Nuovi valori per un rapporto virtuoso tra industria, finanza e investitori Mercato delle fonti energetiche rinnovabili INVESTIMENTI CAPITALE / CREDITO? INVESTITORI QUALIFICATI PLAYER INDUSTRIALI CARATTERIZZATI

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

ProWelfare: il Welfare Occupazionale Volontario in 8 Paesi UE

ProWelfare: il Welfare Occupazionale Volontario in 8 Paesi UE PROWELFARE / ProWelfare: il Welfare Occupazionale Volontario in 8 Paesi UE Iniziano i nostri approfondimenti sulla ricerca promossa dalla Commissione Europea per mappare la situazione in diversi Stati

Dettagli