LAZIO: LA DESTRA RIMANDA IL VOTO p2-3 Polverini allontana l ipotesi urne subito. Alemanno punta a fare il rottamatore LA LUNGA ATTESA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAZIO: LA DESTRA RIMANDA IL VOTO p2-3 Polverini allontana l ipotesi urne subito. Alemanno punta a fare il rottamatore LA LUNGA ATTESA"

Transcript

1 anno IX numero 162 martedì 09 ottobre 2012 Roma, Via Cristoforo Colombo 134 Tel Pubblicità: Media Place srl - Tel LAZIO: LA DESTRA RIMANDA IL VOTO p2-3 Polverini allontana l ipotesi urne subito. Alemanno punta a fare il rottamatore LA LUNGA ATTESA Zingaretti: «Con me Regione più utile». Comune, manovre al centro Municipi, scontro sulla nuova City p12 CRONACA LA TRATTA DELLE TRANS Dalle favelas di Rio alle strade dell Eur ingannate dal sogno di una vita migliore. Decine i casi scoperti In manette 28 aguzzini p6 Voce dei territori Da Trionfale a Porta Pia parte oggi il piano per la manutenzione stradale. Trasporti limitati: rischio paralisi pagina 10 Tempo libero TROPPE ANTENNE CRESCE LA RABBIA Spuntano come funghi nei luoghi più impensabili. Oggi sono secondo i comitati gli impianti di telefonia mobile nella capitale. I cittadini chiedono lo stop con sit in e petizioni p14-15 Pino Daniele torna stasera al Parco della Musica con il tour dell ultimo album La Grande Madre pagina 19 Sport Stilettate dei biancocelesti ai pescaresi sul Muro dei tifosi. I tre punti non placano gli ultrà giallorossi pagina 20

2 martedì 9 ottobre 2012 WEB: cinquegiorni.it ISTITUZIONI ZINGARETTI Il candidato a tutto campo in un intervista su RadioRai: «Costruirò un modello di trasparenza e onestà» «Se ce la farò, la Regione sarà più utile» Quella sulla data delle elezioni è la «prima battaglia da fare» L e ostriche? «Non mi piacciono particolarmente». I Suv? «Uso i mezzi pubblici». Prova a scherzare (ma in realtà va già duro) sullo scandalo Lazio Nicola Zingaretti, intervistato ieri mattina all'interno della trasmissione "SuperMax" su Radio2 Rai. Al momento la sua è la sola candidatura alla Regione Lazio effettivamente in campo e nel "deserto" provocato dagli scandali e dalla crisi dei partiti, il presidente della Provincia di Roma inizia a prendere il largo da solo nella campagna elettorale. Se il Lazio è diventato a livello nazionale il simbolo degli sprechi e del malgoverno, Zingaretti lancia la sua sfida proprio per «cambiare tutto», come aveva detto nei giorni scorsi: «Se ce la faccio vi lascerò una regione molto più bella». Ma prima delle promesse il neo candidato traccia la sua analisi: «E' accaduto che lì è uno schifo e bisogna mandarli subito via. Lo schifo che è emerso in questi ultimi giorni - ha aggiunto - non è solo lo spreco di soldi, ma il fatto che li prendevano mentre chiudevano ospedali e servizi pubblici. E qui ci vuole una Regione che serve e che lavora». Zingaretti ricorda i suoi trent'anni di politica e il suo passato da capogruppo al Parlamento europeo per spiegare che la sua scelta non è legata a un'idea di "carriera" politica: «Io voglio dimostrare che la politica non è tutta uguale: voglio costruire in Regione un modello di trasparenza pulizia onestà al servizio dei cittadini. Potevo fare il sindaco: era forse anche più prestigioso, ma ora è più giusto mettere la faccia sulle cose più difficili». Su questo il presidente della Provincia ha voluto precisare: «Se viene Obama a Roma penso che vada a salutare il sindaco e non il presidente della Regione, ma a me hanno insegnato da piccolo che non bisogna partire dall'interesse personale ma da ciò che è utile per la comunità». Lo sguardo è però al futuro e agli obiettivi da conseguire in caso di una vittoria: Zingaretti vuole «dare un segnale di totale inversione di tendenza - ha spiegato in diretta - Dimezzare tutte le società della Regione. Sono tante sovrapposizioni che costano e non hanno motivo di esistere». Secondo Zingaretti inoltre «la Regione è fondamentale per la cosa più importante: il lavoro. Tantissimi euro utilizzati male che non arrivano all'obiettivo, come la formazione professionale, altra grande opportunità». Dunque la speranza di essere vero fattore di cambiamento: «Se ce la faccio vi lascerò una regione molto più bella e utile di quella che troverò». Adesso però il nodo da sciogliere è quello della data delle elezioni. Zingaretti sa che è la «prima grande battaglia da fare» e per spiegarlo sceglie toni fermi e argomenti concreti: «La Polverini si è dimessa da 10 giorni - è tornato a spiegare - il governo ha detto che si deve votare entro 90 giorni, e invece dicono che bisogna andare avanti così fino ad aprile: questa è una prima grande battaglia da fare».«dicono che votare subito costa 27 milioni ma restare fermi per 6 mesi, peraltro senza consiglio, ha per i cittadini un costo enorme. In democrazia quando ci si dimette si indicono le elezioni. Ecco perchè parlo di emergenza, non ho più parole». L ANNIVERSARIO Quotidiano gratuito DIRETTORE: GIULIANO LONGO DIRETTORE RESPONSABILE: CHRISTIAN POCCIA EDITORE: EDIZIONI METROPOLITANE SRL Via Cristoforo Colombo, Roma TEL: PUBBLICITÀ: MEDIA PLACE SRL Via Antonio Cantore, Roma TEL: PROGETTO GRAFICO: BEECOM SRL TEL: STAMPA: LITOSUD SRL Via C. Pesenti, Roma Via Aldo Moro, Pessano con Bornago (MI) Registrazione del Tribunale di Roma n. 155 del 23/04/2004 Trent anni fa attentato alla sinagoga Domani cerimonia con Napolitano Il 9 ottobre di trent'anni fa, il 9 ottobre 1982, un sabato mattina, era la ricorrenza ebraica Shemini' Atzeret che chiude la festa di Succot (festa delle capanne). Dopo la cerimonia per la "maggiore età religiosa", all'uscita delle famiglie alcuni attentatori lanciarono delle granate tra la folla sparando poi con mitragliatrici. Una strage che portò al ferimento di 37 persone e alla morte del piccolo Stefano Gay Tachè di soli due anni. Il trentennale dell'attentato verrà ricordato nella sinagoga di Roma il 10 ottobre per rispetto alle celebrazioni del Succot. Vi parteciperanno molti dei feriti e dei testimoni dell'attentato, oltre a Gady Gaj Tachè, fratello della piccola vittima Stefano. Presenti il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e fra gli altri Gianni Alemanno, Nicola Zingaretti, il presidente dell'unione delle Comunità ebraiche Renzo Gattegna, il presidente della Comunità ebraica di Roma Riccardo Pacifici e il rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni. Saranno proiettate per l'occasione immagini dell'attentato di 30 anni fa tratte dalle teche Rai. Del gruppo di attentatori ne venne individuato solo uno, arrestato in Grecia e successivamente estradato in Libia nonostante le richieste di estradizione avanzate dall'italia. Dal momento dell'estradizione si è persa qualsiasi traccia dell'attentatore. Una pagina oscura e dolorosa della storia recente di questa città.

3 TEL: TEL: martedì 9 ottobre ELEZIONI istituzioni Polverini ripassa la palla al governo. Solo Zingaretti pronto ad affrontare la campagna elettorale La destra rimanda la data del voto Ma vuole solo prendere tempo Mentre Alemanno vuole rifarsi un immagine e apparire come il Renzi De Noantri puntando al livello nazionale, per la Regione è Augello a proporsi R enata Polverini non molla e scarica la palla della data delle lezioni al governo, questa volta dichiarando nell'intervista di ieri al Corriere della Sera, che la Regione non ha incassato i 28 milioni necessari a celebrare il rito democratico. Non si comprende bene come potranno saltar fuori fra sei mesi, magari per il famoso election day che accorperà tutte le elezioni possibili ed immaginabili con un risparmio che comunque non potrà mai uguagliare gli sprechi pregressi di una Regione improvvisamente in bolletta. La verità è che il Rampelli Forte di un organizzazione ben diffusa sul territorio romano potrebbe essere il gruppo dei gabbiani a proporre alla Regione il suo leader Fabio Rampelli centrodestra chiede tempo per organizzarsi. La situazione è confusa e la scelta di Nicola Zingaretti per concorrere alle Regione pone problemi per il Campidoglio anche a sinistra che comunque preme per le elezioni a dicembre. Anche se l'ex presidente della provincia Enrico Gabarra non brucia dal desiderio di sostituire Nicola Zingaretti nella competizione con Alemanno, mentre l'eurodeputato Sassoli sta scaldando i muscoli. Tutti comunque sovrastati dall'ombra di primarie più che mai incerte. Addirittura il capogruppo del Pd Umberto Marroni invitava nei giorni scorsi il sindaco a dimettersi una volta approvato il bilancio, sollevando la città dalla paralisi amministrativa e dagli scandali pressoché quotidiani che coinvolgono il suo governo. Se Renata Polverini dichiara al Corriere di guardare per il suo futuro ad un centro moderato che riconfermi Monti al Governo, chi si agita molto è invece il sindaco di Roma che invoca azzeramenti del Pdl, delinea nuovi quanto confusi scenari politici per la destra, spaziando da Bari alla Sicilia dove sosterrà il candidato ex An, fra dichiarazioni, interviste e quant'altro da vero leader nazionale. Gianni si vuole ricostruire l'immagine e nel casino di quello Primarie del centrodestra per il Lazio Pdl, dopo Giro arriva anche De Lillo Mentre il bilancio di Roma Capitale stenta ad avviare una discussione degna di questo nome in Consiglio a causa di una maggioranza che non riesce o non vuole i numeri per chiudere al più presto, si affollano i candidati del Pdl, o meglio di ciò che ne resta o di ciò che ne resterà con altro simbolo, alla Regione Lazio. Così dopo l'ex sottosegretario Giro che ha ottenuto l'iniziale approvazione del capogruppo al senato Gasparri, dopo che il senatore Augello per le sue indiscusse doti ed esperienze di amministratore, forse Francesco Storace che di regione se ne intende e l'on Fabio Rampelli in campo a muso duro (vedi articolo in pagina) con il sostegno dei suoi gabbiani, ieri sulla ribalta affollata delle candidature si è affacciato anche il senatore del Pdl Stefano De Lillo. Una candidatura, lo scrive lui, per rappresentare quei valori cattolici e moderati che in verità dovrebbero essere incarnati dall'udc che probabilmente lancerà una propria candidatura autonoma. Il paradosso è che se la scelta di Zingaretti per la Regione avrebbe suscitato il gaudio di Alemanno per lo scampato pericolo, ha messo anche subbuglio in una destra che nell'incertezza di una sconfitta annunciata tenta di occupare future posizioni di potere sia pure alla opposizione. Questo affollamento, questa brama di esserci, potrebbe significare che i tempi delle lezioni regionali si fanno più stretti di quanto sostenuto da Renata Polverini, indipendentemente dalle primarie del fu Pdl che comunque riguarderebbero solo la corsa al Campidoglio. Giorgia Meloni le vuole ardentemente e non passa giorno che le invochi per la resurrezione della destra. Ma da qui a gennaio tanta acqua ha da scorrere sotto i ponti della politica che non ha ancora deciso ad esempio il nuovo sistema elettorale. gl che fu il suo partito (almeno a leggere le dichiarazioni del sindaco) vuole apparire come una sorta di Renzi de noantri, pronto a rottamare tutto e tutti fuorché se stesso. Mentre Alemanno si agita il senatore Augello, eterno mediatore fra le anime ex aennine, dichiara di non voler più usare il glorioso (si fa per dire) simbolo del Cavaliere piuttosto sputtanato, senza eccellere nè in fantasia visto che l'azzeramento del simbolo è già da tempo nella testa di Berlusconi. Insomma il gioco delle parti è questo: se Alemanno vuole emergere come leader nazionale di spezzoni pidiellini ad oggi senza guida e futuro, Augello invece si candida al governo del Lazio. Alemanno, Augello e la stessa Polverini, hanno tutti bisogno di tempo per plasmare qualcosa di politicamente credibile dalle macerie del Pdl. Con il rischio che nel frattempo la destra sistemi le sue partite in Regione ed in Comune, con assunzioni, spostamenti e promozioni, che potrebbero anche costare al contribuente più dei 28 milioni indicati dalla Polverini. Eppure nella confusione compare il convitato di pietra: il gabbiano volteggiante di Rampelli e Giorgia Meloni. La formazione più coesa e settaria degli ex aennini che pensa di proporre alla Regione il suo leader massimo, Rampelli appunto. Ma anche ai gabbiani occorre tempo. Con la differenza che Alemanno rappresenta poco più che se stesso, mentre i gabbiani hanno una base organizzativa forte soprattutto a Roma, dove comunque si gioca la partita delle regionali. Anche il centro si va muovendo dopo le dichiarazioni di Zingaretti non proprio lusinghiere nei confronti di Ciocchetti, che sino all'ultimo ha ribadito la sua coerente vocazione destrorsa a fianco di Renata Polverini, mentre l'assessore Smeriglio di Sel erigeva steccati e lanciava ultimatum contro la partecipazione dell'udc alla coalizione di sinistra, candidandosi lui al Campidoglio. Così in questi giorni si sono riuniti esponenti di Api Centristi Ormai orfani del ministro Riccardi il loro obiettivo è fare massa sperando di trovare per il Campidoglio un nome diverso da quello di Luigi Abete (senza Rutelli ritornato alla Canossa del Pd, ma con Milana compagno della candidata alle primarie della sinistra Patrizia Prestipino), dell'udc con Francesco Artemisio Carducci avversari di Ciocchetti e Croppi, che dimentico per un attimo dei referendum, scopre, insieme all'ex democristiano ed europarlamentare Salatto comunque eletto nelle liste del Pdl e passato ai finiani, la sua vocazione moderata. Obiettivo, fare massa (con scarse chance) e tirar fuori dal cilindro un nome credibile che non sia il solito Abete. Tutti orfani di quel Riccardi che non si sarebbe mai impelagato nelle vicende romane senza una investitura plebiscitaria, come Cinque Giorni aveva anticipato. Allora è solo Zingaretti ad avere fretta? L'impressione è che i cittadini (almeno quel 50/60% che dichiara di voler votare) siano stanchi di questa morta e maleodorante gora e col voto ne vogliano uscire. Arrivare a primavera potrà dare tempo alla destra di fare i suoi giochi, ma ridurrà a zero la credibilità di questa classe politica che sembra aver smarrito la percezione di quanto accade al di fuori dei suoi palazzi. Nel '92 ci furono lanci di monetine e presidi ai palazzi di Giustizia, oggi un rabbioso, sotterraneo, pericoloso e anticostituzionale disgusto. Giuliano Longo

4 martedì 9 ottobre 2012 WEB: cinquegiorni.it LA TESTIMONIANZA Riceviamo volentieri e pubblichiamo questa lettera firmata, inviata a noi e ad altre testate da un lettore istituzioni Una dipendente di Risorse Per Roma spiega la sua situazione «Anche io sono vittima di questa cultura» SCIOPERO Coop Crt, si fermano i lavoratori della Cecchignola «Oggi i lavoratori della Cooperativa Crt hanno deciso di proclamare uno sciopero a oltranza. Da stamattina sono in presidio permanente davanti ai locali della cooperativa in via della Cecchignola 181 e hanno deciso di rimanere lì fino a quando non vedranno pagate le retribuzioni e le competenze arretrate. La Coo- G entile Direttore,sono un dipendente di Risorse per Roma, società del Comune di Roma che si occupa di attività urbanistica, ingegneria, condono edilizio. Mi trovo purtroppo, non volendo fare j accuse che potrebbero minare il futuro dei miei tanti colleghi, a dover esternare il mio pensiero ad un giornale cercando di far capire la profonda umiliazione e la preoccupazione, mia e di 750 colleghi, circa le politiche di governo della società che rappresentano la medesima cultura Romana di cui abbiamo appena sentito e visto gli effetti in Regione Lazio. In effetti non è una cultura solo nostra, dal momento che da anni gli autisti di ministri diventano senatori e le igieniste dentali diventano consiglieri regionali. Tutti noi dipendenti di Risorse per Roma oggi viviamo, da un lato, sconcertati tra le previsioni di chiusura tra 12 mesi (spending review), riduzioni dello stipendio tra poco più di tre mesi, riduzioni dei buoni pasto da subito e dall altro sopportiamo assetti gestionali di tipo simil fascista o fascidioti che, come già successo, attuano azioni mobbizzanti e nei casi più gravi di minaccia e licenziamento di dipendenti provocando tra l altro alla società danni economici oltre al successivo (ovvio e prevedibile) reintegro giudiziale del dipendente. E che dire delle assunzioni, con le qualifiche più alte, fatte anche negli ultimi mesi, quindi pre e post limiti stabiliti da norme dello Stato, delle super promozioni ed attribuzioni di premi ad- personam, scollegate da qualsiasi reale aggancio con le mansioni svolte, effettuate in questi giorni, ovvero tre mesi prima della riduzione delle retribuzioni stabilita dal Governo per gli altri dipendenti, fino alle solite continue consulenze delle quali ritengo, dati e curriculum degli eletti, si potrebbe tranquillamente fare a meno. Dopo aver visto ciò che la politica con i suoi uomini ha fatto in Regione, mi chiedo se non è ora che qualcuno si preoccupi di quelle che sono la longa manus di tali enti. Ma chi dovrebbe farlo? I sindacati che conoscono per primi tutte le questioni ma che rappresentano se stessi e non i lavoratori? I consiglieri di amministrazione che negli anni puntano ed ottengono la loro propria personale stabilizzazione a valori autodeterminati e con i quali potrebbero vivere 10 famiglie e 10 cervelli? Ma non esiste un codice etico al quale gli amministratori ed i dirigenti apicali sono assoggettati e dal quale discendono specifiche responsabilità nel caso in cui i loro comportamenti rechino un danno al sano andamento della Società e per il quale possano essere rimossi? Forse non servirà a molto questa riflessione ma poi se cresce l antipolitica, chiedetevi di chi è la colpa. Forse è un cane che si morde la coda, forse non sono arrivata qui per caso neppure io, forse è normale. ma quando a fine mese, con poco più di mille euro non arrivo a pagare la spesa credo che occorra prendere seriamente in considerazione la materia che è scappata di mano a tutti e cercare di fare la propria parte per cercare di cambiare il sistema e ritornare ad una sana normalità. perativa Crt lavora in appalto per l Acea nella costruzione delle retitecnologiche e illuminazione pubblica. Già in passato aveva avuto grandi difficoltà a causa del committente che, con il meccanismo delle gare al massimoribasso, erode continuamente i margini e paga con ritardi consistenti ifornitori. Da più di un anno è cambiata la gestione della cooperativa ma per i lavoratori la musica non è cambiata. Continuano i ritardi nel pagamento degli stipendi e da mesi i lavoratori aspettano il pagamento di spettanze arretrate. Abbiamo già chiesto ad Acea di intervenire, essendo comunque responsabile in solido neiconfronti delle società in appalto. Intervenga anche la Lega delle cooperative. E una vergogna, i lavoratori devono essere pagati. La mobilitazione continuerà fino a che non verranno saldate tutte le loro competenze». IL CASO «Ex dipendenti Alitalia iscritti d ufficio al collocamento» Lo ha annunciato l assessore provinciale alle politiche del Lavoro Massimiliano Smeriglio alla vigilia dell entrata in mobilità di 3200 dipendenti della ex compagnia di bandiera già in cassa integrazione Oltre la crisi il rischio della burocrazia. E quanto ha denunciato ier l assessore provinciale alle Politiche del Lavoro, Massimiliano Smeriglio. «Il prossimo 13 ottobre decade il periodo di cassa integrazione degli ex dipendenti Alitalia e nel Lazio quasi persone saranno formalmente licenziate dall azienda ed entreranno in mobilità. Uno scenario non solo drammatico da punto di vista sociale, ma anche complesso sotto l aspetto logistico, visto che quasi di esse, residenti nel territorio della Provincia di Roma, dovranno immediatamente iscriversi ai Centri per l Impiego gestiti dall ente provinciale. La legge prevede che essi debbano entro 7 giorni iscriversi presso i Centri per poter ottenere dall Inps la prevista indennità di mobilità. Al fine di rendere tale procedura meno gravosa la Provincia ha stabilito di iscrivere d ufficio tutti gli ex dipendenti, sulla base delle liste tramesse da Alitalia, evitando quindi loro lunghe file presso gli uffici con conseguente paralisi degli stessi. Successivamente i cittadini potranno fare la richiesta all INPS secondo i normali canali da questo previsti (on line, call center , o patronati). Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito

5 TEL: TEL: LA PROPOSTA martedì 9 ottobre istituzioni Fillea Cgil chiede l attivazione di capitali pubblici e privati per la messa in sicurezza «Ristrutturare le scuole per dare ossigeno all economia» L obiettivo è quello di creare 10mila nuovi posti di lavoro I mpegnare immediatamente capitali pubblici e privati per mettere in sicurezza e in piena efficienza le scuole e creare così 10mila posti di lavoro. E' questa la richiesta che avanza la Fillea Cgil di Roma e del Lazio con un presidio, il prossimo 12 ottobre, davanti all istituto tecnico Cristoforo Colombo, in Via Panisperna 255 a partire dalle ore 7:30. «La terribile crisi che attraversa il settore dell edilizia e il difficile avvio dell'anno scolastico, segnato da incidenti e difficoltà, non può che spingerci a scendere in campo con una richiesta molto precisa» spiega Roberto Cellini, Segretario Generale della Fillea CGIL di Roma e del Lazio, e per questo «si devono trovare le risorse pubbliche e si devono costruire le condizioni per attrarre investimenti privati, al fine di realizzare la piena messa in sicurezza ed efficienza delle scuole». «Invece del solito premio di cubatura», sottolinea il dirigente sindacale della Fillea «all imprenditore che investe nella sistemazione di un plesso scolastico, si potrebbe concedere l utilizzo degli spazi dell istituto, senza per questo mettere mai in discussione la gestione pubblica della scuola». Un progetto che potrebbe aprire ulteriori spazi di vivibilità nei quartieri con servizi sociali e culturali, incubatori per associazioni ed imprese, ambulatori medici e servizi per l infanzia, come nidi, materne e ludoteche, luoghi di più ampia integrazione del frammentato tessuto urbano. «Costruire lavoro per costruire il futuro è il titolo che abbiamo voluto dare a questo appuntamento di mobilitazione» prosegue Cellini «perché senza lavoro e senza una adeguata formazione scolastica non può esserci futuro per il nostro paese. Secondo le nostre stime solo nella provincia di Roma potrebbero trovare lavoro oltre 6000 persone per le opere di sistemazione delle scuole, e nel resto del Lazio altre 4000, una quota significativa che contrasterebbe il segno negativo della crisi». Nelle scuole del Lazio, come nel resto del paese, esiste una immediata necessità fornire tutti i plessi scolastici delle adeguate strutture dedicate alla sicurezza. Molti edifici non hanno le necessarie uscite di emergenza, mancano le porte antipanico e i sistemi di vigilanza per gli incendi. Bisogna abbattere ancora molte barriere architettoniche e in troppe scuole mancano spazi adeguati per ospitare laboratori. Ma troppo spesso anche intonaci e cornicioni cadenti rappresentano un pericolo. «Da questo impietoso ritratto, ormai condiviso da tutti - conclude Cellini - nasce la necessità di un rinnovato impegno per ripensare un futuro in cui i diritti di tutti abbiano cittadinanza. Per noi, della Fillea di Roma e del Lazio, questa è solo la prima di una serie di iniziative con le quali proveremo a costruire idee per pensare un territorio migliore, equilibrato a misura di persona, dove il lavoro dell edilizia sia protagonista dello sviluppo di una nuovo paese, fuori dalla crisi, con lo sguardo rivolto al futuro ed alla grande manifestazione indetta dalla CGIL per il 20 di ottobre». RAPPORTO CNA-CRESME L edilizia riparte riqualificando la città degradata Presentato un dossier con dati e 200 fotografie scattate in tutta la capitale Il mercato non mancherebbe. Le immagini di una città che cade a pezzi lo dimostrano. È partita da una carrellata di foto scattate in ogni angolo della Capitale A colazione con i numeri, l ormai consueto appuntamento con la Cna di Roma e il CRESME che hanno presentato E.C.O (Economia, costruzioni, occupazione), pubblicazione trimestrale sull andamento del mercato delle costruzioni a Roma e provincia. Il focus, questa volta, si è concentrato sul mercato del recupero. Oltre 200 le foto scattate in una settimana dagli imprenditori che hanno documentato il degrado di centro e periferia attraverso la pagina facebook dell associazione (www. facebook.com/cna.roma). Casali abbandonati, muri scrostati, armature a vista, frontalini e infissi pericolanti e opere d arte abbandonate a sé stesse: un problema di ordine pubblico, prima ancora che di decoro urbano. Ma anche un opportunità per tante piccole e medie imprese che operano nel settore del rinnovo, che rappresenta quasi 8 miliardi di euro, circa il 75% del valore della produzione nelle costruzioni. Imprese che non possono più puntare su un mercato del nuovo ormai saturo e che, negli ultimi sei anni, si è dimezzato. Contemporaneamente, il rinnovo e la manutenzione ordinaria sono rimasti quasi sugli stessi livelli: quasi 7 miliardi nel 2006, contro gli oltre 7,8 miliardi di quest anno. A prezzi attualizzati la contrazione è del 5%: del 6% solo quest anno. Le famiglie acquistano sempre meno case - le *compravendite* sono in calo del 36% negli ultimi sette anni e del 20% quest anno e i *mutui*, nei primi otto mesi sono crollati del 31% - e preferiscono spendere per riqualificare quella che già hanno. Magari perchè vecchia, non adeguata alle normative europee, con impianti obsoleti o anche semplicemente perché non più in linea con i propri gusti. Certo è che le incertezze legate al Piano Casa e gli scarsi investimenti pubblici, hanno fatto mancare quell ossigeno che le imprese avrebbero potuto aspettarsi. In affanno anche i bandi pubblici e i restauri, complici le risorse pubbliche ridotte al lumicino. Nei primi otto mesi dell anno i bandi pubblicati per le nuove realizzazioni sono calati del 39% e del 13% per importo. Nello stesso periodo i bandi aggiudicati per le nuove realizzazioni si sono contratti per il 16% in numero, ma del 40% per gli importi.

6 martedì 9 ottobre 2012 WEB: cinquegiorni.it CRONACA La nuova tratta delle schiave OPERAZIONE FUNGO Decine di transessuali delle favelas ingannate dal sogno di una vita migliore in Italia Reclutate a Rio, sfruttate all Eur Dopo una lunga indagine che ha provato lo sfruttamento della prostituzione nelle zone Fungo, piazza dei Navigatori e Mattatoio, i carabinieri hanno potuto arrestare 28 aguzzini brasiliani e italiani responsabili del traffico di essere umani dal Sud America alle nostre strade di Elena Amadori I lluse e sfruttate. Attratte dal sogno di una vita migliore decine di transessuali brasiliane sono finite nella rete di sfruttatori senza scrupoli. Gli aguzzini, una banda criminale composta da brasiliani che occupavano i vertici dell organizzazione, e da italiani impiegati nei ruoli intermedi, reclutavano le ignare direttamente nelle favelas più povere di Rio De Janeiro da dove si attivava una vera e propria tratta di "schiave del sesso" destinate al mercato italiano. Il traffico di esseri umani veniva concordato e coordinato, in tutti gli aspetti logistici e di trasporto, con altri appartenenti all organizzazione residenti in Brasile, tramite i quali veniva gestito l intero tragitto. Dopo aver offerto loro il biglietto aereo per raggiungere l'europa, infatti, le trans raggiungevano il suolo italiano attraverso i confini di altri Paesi dell Est Europa e venivano smistate in appartamenti privati tra la capitale, la Toscana e la Campania e, infine, avviate con la forza alla prostituzione su strada. A Roma le zone gestite dal gruppo erano Eur- Fungo, Piazza Navigatori e Via Longoni-zona Mattatoio. Per convincere le trans a obbedire gli sfruttatori usavano il ricatto economico: un debito che variava dai 12mila ai 18mila euro per pagare le spese di viaggio da saldare praticando la prostituzione. A quel punto per le trans ingannate non restava che rispettare l'accordo per evitare ritorsioni verso parenti e familiari rimasti in Brasile. Inoltre le sfruttate dovevano rigorosamente rispettare gli orari in cui presentarsi in strada per prostituirsi. I responsabili della banda avevano il compito di controllare l attività di prostituzione in strada delle transessuali, oggetto di vessazioni pressoché quotidiane. Il traffico di trans è stato scoperto e sgominato dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Roam Eur che tra gennaio 2010 e giugno 2011 hanno eseguito l'attività di indagine portata a termine ieri mattina quando i militari del gruppo hanno dato esecuzione all ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 28 persone (24 in carcere e 4 agli arresti domiciliari) per il reato di associazione per delinquere finalizzata alla tratta di esseri umani, al favoreggiamento/sfruttamento della prostituzione maschile di tipo transessuale, nonché all introduzione e alla permanenza nel territorio nazionale di transessuali da destinare alla prostituzione. L ordinanza è stata emessa dal gip del Tribunale di Roma, Adele Rando, accogliendo la richiesta del pm, Barbara Zuin, nell ambito dell indagine convenzionalmente denominata Fungo. Nel corso delle indagini, erano già state tratte in arresto in flagranza 7 persone. Con quelli di ieri salgono a 62 gli arresti eseguiti nel corso degli ultimi anni. IN BREVE Fidene Insegue la compagna con una sciabola Sciabole e droga. Urla a squarciagola e la frase Vi ammazzo tutti in un appartamento al 5 piano di via Gino Cervi, a Fidene, hanno fatto scattare domenica sera una chiamata allarmata al 113. Sul posto una volante e i vigili del fuoco che hanno tentato di forzare la porta blindata. Dopo poco ne è uscito B.A., 25 anni, italiano, fatto, brandendo una sciabola insanguinata. L uomo è stato arrestato per resistenza e minaccia aggravata a pubblico ufficiale, la sua compagna è stata denunciata per gli stessi reati. Sequestrate un altra sciabola, cocaina e marijuana. Maria Grazia Stella Albano Incidente stradale Muore centauro Si allunga la scia di sangue sulle strade dei Castelli. A perdere la vita, stavolta, è stato un centauro di 36 anni di Lariano coinvolto, a bordo della sua moto Ducati, in un incidente con una Polo guidata da un 70enne. La tragedia è avvenuta domenica su un tratto (già noto alle cronache) di via Appia, all'altezza del chilometro 34 tra Genzano e Velletri. Sul posto per i rilievi (e per capire l'esatta dinamica dell'incidente) i carabinieri del nucleo radiomobile di Velletri. tp

7 TEL: TEL: martedì 9 ottobre cronaca CENTRO Servizi dei carabinieri tra Trastevere, Campo De Fiori, Termini, San Lorenzo, Parioli, Pigneto e Casilina I luoghi della movida sotto controllo Da venerdì a domenica i militari hanno passato al setaccio bar, locali, discoteche e strade. Il bilancio è di 46 arresti e 15 denunce Sequestrati 65 chili di marjiuana e 4 di hashish Condotte verifiche anche contro l abusivismo commerciale di Maria Grazia Stella M ovida sicura. E di 46 persone arrestate e di 15 denunciate a piede libero il bilancio dei servizi messi in campo dai carabinieri del gruppo di Roma agli ordini del colonnello Giuseppe La Gala durante il week-end appena trascorso. Trastevere, Campo dé Fiori, Termini, Montesacro, San Lorenzo, Trionfale, Parioli, Casilina e Pigneto le zone maggiormente interessate dall operazione. Nel corso dei controlli, che hanno preso il via venerdì fino a domenica, sono stati complessivamente sequestrati 65 chili di marijuana, tra piante ed erba già essiccata e pronta per l uso, e 4 chili di hashish. Impegnate le dieci compagnie romane che hanno effettuato 19 arresti per i reati di furto, tentato omicidio, rapina, maltrattamenti SICUREZZA in famiglia, resistenza a pubblico ufficiale e detenzione abusiva di arma da fuoco. Gli altri 27 arresti sono stati eseguiti nei confronti di pusher, finiti nella rete durante le operazioni antidroga portate a termine nelle diverse zone della Capitale. Sono stati passati al setaccio strade, locali, bar, discoteche e altri luoghi di aggregazione giovanile e sequestrate notevoli quantità di marijuana, hashish, cocaina, eroina e shaboo. Durante le attività, inoltre, diverse persone sono state identificate mentre acquistavano droga dagli spacciatori di fiducia: per questo motivo sono state segnalate all Ufficio territoriale del governo per i provvedimenti del caso. Condotte inoltre verifiche contro l abusivismo commerciale (sequestrate diverse centinaia di articoli e una ventina le persone, prevalentemente extracomunitarie, sanzionate) e per il rispetto delle norme del codice della strada. In quest ultimo caso, le principali contestazioni hanno riguardato la guida in Potenziate le unità a disposizione del commissariato Trevi Campo Marzio stato di ebbrezza e senza patente nei confronti degli automobilisti fermati per i controlli di routine. Gli arrestati sono stati giudicati con il rito direttissimo presso le aule del tribunale di Roma. Più agenti in moto nel centro storico Particolare attenzione verrà rivolta ad obiettivi della realtà cittadina considerati più a rischio: banche, uffici postali, gioiellerie, supermercati, tabaccherie, farmacie, strutture alberghiere e associazioni Potenziate le unità operative motomontate a disposizione del Commissariato Trevi Campo Marzio. Il controllo del centro storico cittadino sarà reso ancora più efficace con l utilizzo di motociclette civili accanto a quelle con i colori d istituto. Un modello operativo che consentirà agli uomini del dott. Lorenzo Suraci di garantire un miglior monitoraggio, con una presenza costante e continua sul territorio, permettendo di rafforzare il rapporto di fiducia e collaborazione con i cittadini. La dinamica del servizio ricalca l idea del poliziotto di quartiere. Il servizio sarà svolto in questo caso utilizzando le moto, mezzo più idoneo e dinamico per gli spostamenti nel centro storico. L iniziativa non vuole sostituirsi al 113 ma si propone di far confluire alla Polizia tutte quelle segnalazioni che generalmente non giungono al pronto intervento, non avendo il carattere dell emergenza. Particolare attenzione verrà rivolta ad obiettivi della realtà cittadina considerati più a rischio, quali banche, uffici postali, gioiellerie, supermercati, tabaccherie, farmacie, strutture alberghiere e associazioni varie, con un contatto diretto e personalizzato da parte degli operatori di Trevi. L iniziativa è stata concordata con l Associazione dei Commercianti della zona ed in particolare con il dottor Paolo Paolillo, presidente Associazione Regionale Romana Orafi e Delegato alla Sicurezza di Confcommercio, con i comitati di quartiere e le varie realtà che operano sul territorio. Spinaceto Cento piante di marjiuana nascoste nel parco Scoperta dalla polizia all interno del Parco campagna di Spinaceto, in via Augusto Renzini, una piantagione di marijuana, nascosta tra la fitta vegetazione e occultata da rovi e sterpaglie. L intervento è stato richiesto e coordinato dall assessorato all Ambiente, appena ricevuta la segnalazione dall associazione di volontari Oikos, e rientra nell ambito delle operazioni di controllo delle aree verdi. La zona è stata bonificata e messa in sicurezza con l ausilio degli operatori dell Ama che hanno provveduto alla rimozione di oltre 100 piante di marijuana, di altezza media 150 centimetri, poste sotto sequestro. Monte Mario Figlia aggredisce padre per i soldi della droga Alcol, droga e disperazione, questa la miscela scatenante di una violenta lite familiare (l ultima di una lunga serie) che si è consumata domenica a Monte Mario. A finire in manette una 30enne che, dopo aver chiesto invano al padre del denaro per procurarsi dello stupefacente, lo ha aggredito con violenza costringendolo a chiamare i carabinieri. Tentata estorsione, lesioni personali e maltrattamenti: queste le accuse che ora pendono sulla testa della ragazza, rinchiusa nel carcere di Rebibbia. Diego Cappelli Olgiata Addetti ascensori feriti durante una riparazione Due operai di una ditta di manutenzione di ascensori sono rimasti feriti ieri mattina durante l'operazione di riparazione in uno stabile del comprensorio Isola 15 all'olgiata. Per un problema meccanico i due sono precipitati assieme all'ascensore per almeno due piani all'interno della tromba. I due operai sono rimasti feriti. Uno di loro ha riportato la frattura di una gamba; l'altro ferite in varie parti del corpo. Entrambi ricoverati, in codice giallo, rispettivamente al policlinico Gemelli e all'ospedale Sant'Andrea. cinque

8 martedì 9 ottobre 2012 WEB: cinquegiorni.it cronaca Criminalità in periferia INFERNETTO La media nel quartiere è di tre a settimana. I residenti chiedono un presidio delle forze dell ordine Escalation di furti in villa: emergenza Appartamenti ripuliti, vetture sparite dai vialetti e scippi in strada L isolamento che caratterizza la zona attira i malintenzionati Agevolati dalla mancanza di una caserma e dalla penuria di agenti in servizio di pattugliamento F di Valeria Costantini urti in villa, macchine che spariscono dai vialetti, rapine, scippi. C è chi ormai non sporge nemmeno più denuncia dopo l ennesima visita dei ladri. I residenti dell Infernetto sono abituati a convivere con la microcriminalità. Circa quarantamila abitanti o poco più, gente che ha scelto di vivere nel quartiere residenziale del Municipio XIII di Roma, per sfuggire a smog e caos, per far crescere i propri figli in una zona ancora verde e circondata da splendide pinete. Il rovescio della medaglia sta proprio però nell isolamento e nella tranquillità in cui è immerso il rione, privo, almeno per ora, di presidi delle forze dell ordine. Da almeno dieci anni si parla di creare una caserma dei carabinieri o una postazione della polizia: i locali sono stati già individuati nello stabile della ex chiesa di San Tommaso. «I furti vanno a ondate come sempre, spiega Giosuè Mirizio di Infernetto Sicuro ma non mancano mai. In estate sono aumentati per le assenze dei proprietari, ora però si stanno ripetendo». La media è di due-tre a settimana, dicono i residenti: che si tratti di banali per quanto dannose, irruzioni diurne o di inquietanti incontri ravvicinati notturni. Spariscono anche le auto: di notte soprattutto, i cancelli si aprono e il mattino dopo scatta l immancabile denuncia. «La mia vicina si è trovata di fronte il ladro nel cuore della notte, racconta Sandra, giovane mamma residente in via Pietro Romani il tempo di capire quello che stava accadendo e, per fortuna, il malvivente se ne era andato. Ora in questa strada viviamo nella paura che possa capitare anche nelle nostre case». «Le forze dell ordine fanno il possibile e anche l impossibile per essere presenti, sottolinea Mirizio le pattuglie girano ma l organico è quello, non possono fare miracoli. L unica soluzione resta il presidio fisso che porterebbe ulteriori rinforzi nel quartiere. Si è a lungo parlato dei locali della chiesa, ma non abbiamo più avuto notizie in merito né dal Campidoglio né dalla Prefettura». Il cdq Si è a lungo parlato dei locali della chiesa da destinare a postazione di polizia, ma non abbiamo più avuto notizie in merito né dal Campidoglio né dalla Prefettura OSTIA Notificate a sindacalisti e rappresentanti dei cittadini Parteciparono al sit in per La Casa del Parto: scattate quattro denunce I manifestanti, tra i quali donne in dolce attesa e bambini, l 8 marzo scorso protestarono per la carenza di personale ostetrico ad Acqualuce, all ospedale Grassi Eur & Ostia Auto rubate e vandalizzate Brutta sorpresa per i proprietari di due auto dell Eur e di Ostia. Nel primo caso il proprietario di una Fiat Panda ha scoperto ieri intorno alle che la propria vettura, parcheggiata in viale dell Agricoltura, era stata rubata. Dopo un momento di sbigottimento, non gli è restato altro da fare se non denunciare il furto. Nel secondo caso, invece, la macchina, posteggiata in via Rutilio Namaziano, nel centro di Ostia, non era stata rubata ma vandalizzata: squarciate tutte e quattro le gomme. La proprietaria ha sporto denuncia. Maria Grazia Stella Notificate giovedì scorso quattro denunce ad altrettanti esponenti dei Cobas e di comitati di Ostia che lo scorso 8 marzo avevano partecipato al sit-in indetto dal Comitato a difesa della salute della donna e del bambino e dei servizi materno infantile. Il presidio fu organizzato per sollecitare la Asl RmD a risolvere il problema della carenza di ostetriche alla casa del parto naturale Acqualuce, che si trova all interno dell ospedale Grassi di Ostia. La mancanza di personale, pressoché cronica, impediva che le donne potessero partorire in maniera naturale, senza dover ricorrere al parto medicalizzato. Alla manifestazione, regolarmente autorizzata, parteciparono molte mamme con bambini ed anche alcune donne in dolce attesa. Dopo sei mesi, però, ecco arrivare le denunce. I quattro manifestanti appartengono al Comitato per la difesa della casa, all Assemblea delle donne, ai Cobas della Asl RmD e al Collettivo L officina. Benché l iniziativa fosse regolarmente autorizzata, i denunciati avrebbero violato l articolo 650 del codice penale relativo alla inosservanza di un provvedimento legalmente dato dall'autorità. La contestazione riguarderebbe, nello specifico, lo spostamento dei manifestanti dall esterno dell ospedale verso l interno nel cortile della Casa del parto, dove si svolse anche un incontro con il primario di ostetricia e ginecologia, Pierluigi Palazzetti. «Per un attimo abbiamo pensato di trovarci su Scherzi a parte», hanno commentato: «non pensiamo sia un caso: siamo di fronte ad un atto repressivo», hanno sottolineato. Maria Grazia Stella

9 TEL: TEL: martedì 9 ottobre ANAGNINA cronaca I carabinieri e il personale Atac hanno inseguito un 23enne in fuga perchè non aveva il biglietto Scompiglio in metro, calci al controllore Il giovane vistosi scoperto ha reagito violentemente, prima di divincolarsi dalla morsa degli operatori in banchina e darsi alla fuga. È finito in caserma con l accusa di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale I di Diego Cappelli nseguimento in perfetto stile poliziesco sulle banchine della metro A. E quello a cui hanno assistito tra lo stupore e lo sconcerto, ieri mattina, turisti e cittadini in procinto di recarsi verso il centro della capitale. La scena da film si è materializzata alla fermata Anagnina, primo snodo sotterraneo verso il cuore della città eterna, dove un 23enne iraniano ha cercato di fare il furbo, provando a prendere il treno senza biglietto. Il giovane, consapevole di essere in difetto, ha cercato di oltrepassare il posto di controllo eludendo la vigilanza ma è stato immediatamente notato dal personale Atac, che lo ha fermato prima che potesse scendere nei pressi del binario. Vistosi scoperto, il 23enne ha reagito violentemente, colpendo i controllori con calci e pugni prima di divincolarsi dalla loro morsa e darsi alla fuga. In aiuto degli uomini dell Atac sono arrivati i carabinieri, in servizio presso il terminal nell ambito dell operazione Strade sicure, e il personale dell esercito, che si sono messi prontamente all inseguimento del ragazzo. La sua libertà è durata solo pochi metri e pochi minuti: è stato infatti intercettato proprio sulla banchina di transito, mentre cercava di poter salire sulla prima carrozza disponibile. Il 23enne è stato trattenuto in caserma con l accusa di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale: i due controllori Atac che lo hanno scoperto per primi, infatti, durante la colluttazione hanno riportato alcune lesioni medicate in ospedale e giudicate guaribili in pochi giorni. Tor San Lorenzo Topi d appartamento presi con il malloppo Due cittadini cileni, rispettivamente di 20 e 25 anni, entrambi incensurati e in Italia senza fissa dimora, sono stati arrestati dai carabinieri di Marina di Tor San Lorenzo con l accusa di rapina aggravata, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Mentre svaligiavano un appartamento in via Dora Baltea, i due sono stati notati da un vicino e se la sono data a gambe. Per guadagnare metri e tempo hanno lanciato un martello che avevano in direzione dell uomo, che è stato colpito in maniera non grave, inoltre hanno rischiato di travolgere una bambina dopo aver scavalcato il muro di cinta di una delle case adiacenti. Seguendo le tracce lasciate sul terreno i militari, immediatamente allertati dai residenti, hanno individuato i fuggitivi all interno di un villino disabitato e li hanno ammanettati non senza fatica. Nel corso della perquisizione, le divise hanno trovato tutto il malloppo del colpo effettuato solo pochi minuti prima. D.C.

10 martedì 9 ottobre 2012 WEB: cinquegiorni.it VOCEDEITERRITORI Viabilità CANTIERI Al via oggi il piano di manutenzione da Trionfale a Porta Pia. Deviazioni e limitazioni dei trasporti Lavori in corso: c è il rischio paralisi Dalle 22 di giovedì alle 6 del 12 ottobre verrà chiuso il tunnell della galleria Giovanni XXIII. La linea 446 sarà deviata. Previsti rallentamenti sulle linee 907 e C6 e sulla 90 Filobus corso sottolineando le criticità che insisteranno in particolare nella zona Trionfale, galleria Giovanni XXIII e Porta Pia a causa di interventi di manutenzione stradale". Nel dettaglio da oggi fino al 7 novembre, per lavori in via San Giuseppe da Copertino, nel tratto che va da via Casale della Castelluccia a via Trionfale, le linee 907 e C6 subiranno possibili rallentamenti mentre, dalle 22 di giovedì 11 ottobre alle 6 del giorno successivo (salvo imprevisti), per lavori di manutenzione nella galleria Giovanni XXIII, verrà chiuso al traffico il tunnel da via della Pineta Sacchetti verso via Salaria. Blocco, questo, che comporterà la deviazione della linea 446. Niente filobus, infine, tra Porta Pia e la stazione Termini nei giorni 11, 12, 15 e 16 ottobre, dalle 8 alle 18: la linea 90 verrà infatti limitata al piazzale della famosa breccia per consentire lavori di manutenzione in via Titina de Filippo. Nel tratto tra Porta Pia e la stazione Termini verrà istituito un servizio di navetta sostitutivo. La denuncia Da parking tecnologico a rifugio per senzatetto P di Diego Cappelli rima gli scioperi, ora i lavori in corso. Dopo l agonia vissuta martedì scorso in occasione della mobilitazione nazionale del settore trasporti, che oltre agli immancabili disagi ha portato con sè anche fiumi di denunce e polemiche, nuove giornate da bollino nero attendono pendolari e passeggeri romani. Specialmente quelli di Roma Nord dove, a partire da dopodomani, diverse strade interessate dal passaggio di bus e tram verranno chiuse o deviate per consentire lo svolgimento di necessarie opere di manutenzione. A raccomandare alla pazienza ci ha pensato ieri l agenzia per la mobilità della capitale, che ha annunciato rallentamenti e limitazioni delle corse previste per il trasporto pubblico, da domani e per i prossimi giorni, per lavori in IN BREVE DAI MUNICIPI Testaccio Scomparsi i cestini getta carte Dopo la polemica sulla differenziata Massimiliano Valeriani, consigliere Pd ed Emiliano Pittueo assessore Ambiente Municipio Roma I tornano a denunciare irregolarità a Testaccio. «Poche settimane fa - si legge in una nota - ci è giunta la segnalazione di un gruppo di cittadini del Rione Testaccio, che denunciava la scomparsa nelle vie del rione di una diecina di cestini 'getta carte' ricomparsi poi nel Nuovo Mercato di Testaccio». Ma ieri in una nota Ama ha precisato che i «cestini sono stati rubati». INFRASTRUTTURE Cisterna-Valmontone, mancano i fondi per il collegamento dell ultimo asse La Cisterna-Valmontone rischia di rimanere un progetto fantasma. L ultimo dei tre assi stradali previsti all interno del Corridoio Intermodale Roma Latina approvato dal Cipe a inizio agosto, infatti, potrebbe non essere mai realizzato per mancanza di fondi e per un discorso di priorità inserito proprio nella delibera del Cipe, che lascerebbe in stand by la costruzione della bretella dando invece semaforo verde al collegamento A12 Roma Tor de Cenci. «Tutto ciò è gravissimo ha dichiarato Daniele Barracchia, consigliere piddino di Velletri - se non ci sarà una grossa inversione di tendenza la Cisterna Valmontone entrerà nel novero delle opere sbandierate e mai realizzate. Invito il mio partito e le istituzioni a insistere affinché l iter procedurale dettato dal Cipe venga modificato in funzione della mancanza di risorse finanziare, prevedendo in alternativa di eseguire l opera a stralci o di realizzare magari un progetto meno complesso e meno costoso, ma sempre indispensabile per tutta la zona a sud di Roma». Per chi da tempo si oppone al progetto, invece, la notizia non è poi così negativa: «Noi continuiamo a ribadire che si tratta di un opera dannosa, che spazzerebbe via importanti aree destinate all agricoltura e che non risolverebbe il problema del traffico così come potrebbe farlo il potenziamento del trasporto su ferro - dicono Moderati per Velletri, Sel e Verdi. Adesso è stato anche appurato che l opera sarebbe priva di quei requisiti minimi di redditività». dc Municipio XIII Giovani di Azione in Onda in Francia Partirà oggi la delegazione di giovani del XIII Municipio, che sarà ospite del Comune di Lille. L iniziativa rientra nel progetto Azione in Onda, promosso dall'assessorato alle Politiche Sociali e alla Scuola del XIII Municipio ed elaborato insieme ad un gruppo di giovani, che prevede uno scambio culturale e di confronto sulle buone prassi istituzionali e burocratiche. cinque Municipio VIII Piano di recupero delle periferie Ieri il municipio VIII ha espresso parere favorevole all unanimità sul toponimo di Fosso dell Osa, che fa parte dei primi 5 piani di recupero delle periferie passati in giunta capitolina. «Siamo felici che da parte di tutte le forze politiche ci sia stato un grande senso di responsabilità, che riconosce la validità del lavoro portato avanti dall amministrazione Alemanno e il grande impegno della Commissione Urbanistica, presieduta da Marco Di Cosimo - dice il presidente del Consiglio del Municipio VIII, Marco Dari. Doveva essere un opera importante capace di risolvere i problemi di parcheggio della zona Aurelio Boccea. Invece da più di sette anni la struttura di piazza dei Giureconsulti giace nella più completa incuria ed ora è diventato anche rifugio per senzatetto. Oltre ai rifiuti che di prassi vi vengono scaricati e che nessuno si assume la briga di ripulire, la discesa del parking destinato al passaggio delle auto ospita adesso coperte e cartoni, rifugio di poveri diavoli. Eppure ogni volta che i residenti dell area ci gettano lo sguardo la ferita si riapre. Cinquanta milioni di soldi pubblici. Una opera faraonica, un silos di sette piani sotterranei, con un sofisticato meccanismo idraulico di bracci. Ad.Ani. San Lorenzo Vincere le proprie paure con il teatro «Metteremo in scena la nostra vita per superare le nostre paure». Giovedì 18 ottobre dalle 20 alle 22,30 in via dei Tizii 3 (S.Lorenzo) parte il progetto dell'arte terapia per superare le paure, sotto la giuda esperta dello psicoterapeuta esperto in arte terapia, Giovanni Porta. Da anni al tradizionale lettino, classico dei film americani, ha sostituito il teatro per la terapia. «E' una tecnica estremamente efficace - spiega - permette di metterci in gioco senza rischi».

11 TEL: TEL: martedì 9 ottobre vocedeiterritori Sanità e sprechi IL CASO Il capogruppo del Pd alla Pisana Esterino Montino chiede il blocco dell operazione di via Carnera Asl RmC, nuova sede da 14 milioni A di Tiziano Pompili ncora nubi sulla sanità capitolina. Il capogruppo regionale del Pd, Esterino Montino, ha scritto una lettera aperta ai sub commissari alla sanità della Regione per chiedere di bloccare l'acquisto della sede di via Carnera deciso dalla Direzione della Asl Roma C. Un'operazione da 14 milioni di euro più una buonuscita ai titolari dell opzione di acquisto, l Immobiliare Trecento, pari a un milione e 755 mila euro. «Una scelta scellerata scrive Montino - che impegna la Asl pagare un mutuo pari a oltre un milione per 25 anni. Nel territorio della Asl Roma C esistono immobili di proprietà regionale che possono essere utilizzati per ospitare gli uffici della direzione e tra questi c è anche il Cto, ospedale dismesso in base al decreto 80 e che, proprio per questo, ha due interi piani vuoti per un totale di oltre 4000 metri quadri. La Asl continua il capogruppo del Pd - sembrerebbe avere intenzione di cederli in comodato d uso a zero euro all Inail per realizzare li un centro simile a quello che già gestisce a Budrio e finalizzato sperimentare protesi per inabili. Si acquista per 14 milioni, si cede a zero euro. Qualcosa non quadra». Secondo Montino si tratta di un'operazione poco chiara tanto che «ho gia chiesto al commissario ad acta Renata Polverini di bloccare questa operazione. Considerato che in base al decreto del Governo Monti la prossima settimana la Polverini sarà sollevata dall incarico con contestuale nomina di un tecnico esterno, mi rivolgo a voi si legge nella missiva - perche nella vostra qualità di sub commissari procediate al blocco dell operazione immobiliare in corso con acquisizione degli atti prodotti dalla Direzione generale e di tutta la documentazione relativa all affare di via Carnera, per valutarne la regolarità procedurale e la compatibilità economica». Il capogruppo Pd alla Regione ricorda che la Asl RmC è già stata teatro del caso Lady Asl anche se «non c è naturalmente alcun riferimento a quella vicenda perché le persone allora coinvolte non lavorano più nella sanita pubblica». Montino denuncia inoltre che la stessa Asl RmC ha indetto una gara da un milione e 736mila euro per un servizio di sterilizzazione e dei lavori IN BREVE DALLA PROVINCIA Colleferro Gaia, bando deserto Via a Lazio Ambiente Manca ancora l ufficialità, ma pare proprio che il bando per l acquisizione del consorzio dei rifiuti Gaia di Colleferro sia andato deserto. Lo hanno confermato ieri i sindacati, che ora attendono una convocazione dal commissario Andrea Lolli per conoscere il futuro dei circa 500 lavoratori della società. Se le indiscrezioni venissero confermate la nuova proprietà sarà interamente pubblica e assumerà, a questo punto, il nome di Lazio Ambiente. cs LA STORIA 47 euro di ticket per poter acquistare un farmaco contro l'epilessia Una famiglia chiede aiuto Lariano Petizione contro la mensa scolastica Il Movimento civico Più Lariano raccoglie ottocento firme per l emergenza mensa scolastica. «La scuola è un diritto fondamentale. Speravano di stimolare una reazione alla distratta azione dell'assessorato ai Servizi Sociali del comune di Lariano si legge in una nota. Una reazione che purtroppo nei fatti non c'è stata, se si escludono le sconsiderate e preoccupanti esternazioni dialettiche dell'assessore Starnoni, che ha solo fatto sapere di non avere avuto tempo per raccogliere dati». di realizzazione di una nuova centrale presso il S. Eugenio. «Ma l indicazione regionale scrive il piddino - prevede che si facciano gare centralizzate e che per la sterilizzazione si utilizzi la centrale del S. Camillo. La gara è stata pubblicata nonostante il parere contrario delle Regione che premeva per il rispetto delle regole, a dimostrazione che questa Giunta non era piu in grado di far rispettare le proprie direttive». Per tutti questi motivi per Montino urge un controllo ispettivo «per verificare le ragioni di scelte incomprensibili, dispendiose ed in netto contrasto con le direttive regionali». Una famiglia romana con reddito bassissimo che paga le pillole per l'epilessia 47 euro a scatola. La triste storia è stata denunciata dal consigliere del Municipio XV Marco Palma che ha sottolineato come il nucleo familiare abbia una pensione di reversibilità dello stesso importo della sociale e una pensione di invalidità. «Rispetto ad un costo di euro a scatola spiega Palma - sono costretti a pagare 47 euro di ticket per poter acquistare la medicina». Palma spiega di aver parlato coi componenti di questa famiglia, ovviamente indignati per le recenti novità emerse sul degrado del costume politico messe in relazione con le loro gravi difficoltà di tutti i giorni. «Non esiste alcun farmaco alternativo o equivalente continua Palma - e su una confezione di circa 60 pasticche con un utilizzo medio di tre pasticche al giorno lascio agli attuari regionali e nazionali i costi che le famiglie romane devono sopportare». Il consigliere municipale annuncia che invierà una nota al ministro della Sanità, alla Commissione Unica del Farmaco i cui membri sono indicati dalla Regione Lazio e dal Ministero «al fine di comprendere in che tipo di fascia questo farmaco è stato inserito, considerando la gravità di un attacco epilettico, peraltro destinato ad una persona già riconosciuta invalida». Palma, consigliere nel Municipio XV da quindici anni, conclude facendo un appello ai suoi colleghi : «Non ci sono alleanza preferibili o strategicamente più opportune, ma ci sono le esigenze dei cittadini, di quelli meno fortunati di chi siede in poltrone o poltronissime anche a spese di chi è stato meno fortunato e nel nome di quella delega ormai stracciata nella dignità hanno consentito che per un farmaco salvavita una famiglia, indipendentemente dal reddito, debba pagare la metà del prezzo». tipo Velletri Bici elettriche per la mobilità in centro Per andare in bicicletta nel centro di Velletri non serviranno più muscoli da atleta, basterà prendere una delle biciclette elettriche che scorrazzeranno per la città tra breve tempo. La Provincia di Roma ha infatti approvato il progetto Bike Sharing (bicicletta condivisa) di Velletri presentato dall assessorato all Ambiente guidato da Daniele Ognibene. Il progetto prevede la realizzazione di 6 stazioni dislocate nei punti strategici della città che vanno da piazza Garibaldi alla stazione. La denuncia «L Asl RmB approfitta del vuoto in Regione e delegittima gli infermieri» «Nella Asl Roma B si delegittima il Servizio Infermieristico e si indice un avviso interno per il conferimento di un nuovo incarico dal sapore illegittimo, con regole ambigue, declassandone il ruolo e la valenza». A denunciarlo in una nota stampa Enzo Foschi, consigliere del Pd alla regione Lazio e membro della commissione sanità della Pisana. «Si toglie la figura del direttore - continua - e subentra quella del coordinatore, con poteri certamente diversi. Anni di battaglie vengono cancellate in un colpo di spugna. I frutti avvelenati dello strano interregno in cui versa la Regione dopo le dimissioni della Polverini ecco che non tardano a maturare. Da quando si è aperta questa fase di instabilità istituzionale, infatti, c è un atmosfera da 'liberi tutti' nella sanità nel Lazio». Lavori Oftalmico ristrutturazione a metà «Tra le opere incompiute nella città spicca, clamorosamente, quella riguardante l ospedale Oftalmico, che sorge a Piazzale degli Eroi, il cui rifacimento della facciata è rimasto a metà dal 2009». A denunciarlo in una nota Giovanni Barbera, membro del comitato politico romano del Prc-Federazione della Sinistra e presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII. «Un pessimo biglietto da visita per la nostra città». Fiumicino Farmacie comunali «Sprecopoli Pdl» Quattromila euro in cause perse inflitte da Tar e Consiglio di Stato per l illegittimità del bando di affidamento delle farmacie comunali di Isola Sacra e Aranova; 500mila euro gettati al vento per una farmacia comunale mai aperta; 24mila all anno per l affitto dei locali proprio sopra la farmacia comunale dell Isola Sacra per farne dei magazzini mai utilizzati. Altri 30mila per la messa a norma degli impianti. Sono i numeri del «fallimento» delle farmacie denunciati dal Partito Democratico.

12 martedì 9 ottobre 2012 WEB: cinquegiorni.it Politica vocedeiterritori ASSETTI FUTURI L assessore Bordoni ha illustrato la sua proposta di accorpamento. Contesa sul centro storico Riforma Municipi, scontro sulla city B di Ester Trevisan DALLA PROVINCIA Sono ancora in corso le indagini per risalire alla natura dell incendio che sabato scorso, appena dopo le 23, si è propagato all interno dell ufficio tecnico comunale di via Laurentina. Le fiamme non hanno procurato conseguenze per le persone (i locali erano chiusi, ndr) ma i danni economici sono ingenti visto che il rogo ha distrutto gli uffici demanio marittimo, uso civico, ufficio abusivismo edilizio e ufficio cimiteriale arrivando a toccare in alcuni punti il solaio del primo piano. Tutta la palazzina è stata dichiarata inagibile per motivi di sicurezza in attesa di un accurata verifica strutturale che verrà effettuata dal dirigente dell area tecnica Antonello Rocca. «Attendo l esito delle indagini, ma se l origine dolosa dell incendio fosse confermata come sembra sarebbe un fatto gravissimo, inaudito, inaccettabile, sul quale andare a fondo ha dichiarato il sindaco di Ardea Luca Di Fiori -. Da parte mia e dell Amministrazione c è La nuova ipotesi Il Municipio I sarà accorpato al XVII, stessa sorte per II e III, VI e VII, IX e X. Quest ultima fusione ha avuto la meglio su quella di unire il X l XI ordoni tira dritto e procede spedito lungo la strada tracciata dal suo schema di delibera destinato, a quanto pare, a ridisegnare la geografia dei Municipi. Dopo la fumata nera di venerdì scorso in Commissione Riforme Istituzionali per Roma Capitale e la minaccia del presidente Francesco Smedile (Udc) di non convocarla più, ieri mattina l assessore con delega al Decentramento, Davide Bordoni, ha illustrato alla consulta dei minisindaci la road map che da qui alla fine del 2012 porterà alla riforma dei Municipi e alla loro riduzione da 19 a 15. Otto in particolare i Municipi interessati dalle modifiche: il I sarà accorpato al XVII, stessa sorte per II e III, VI e VII, IX e X. Quest ultima ipotesi di fusione ha avuto la meglio su quella di unire il X Municipio con l XI. Ad ascoltare le parole di Bordoni c erano dieci presidenti: Pasquale Calzetta (Municipio XII), Gianni Paris (Municipio XV), Antonella De Giusti (Municipio XVII), Gianni Giacomini (Municipio XX), Andrea Catarci (Municipio XI), Susi Fantino (Municipio IX), Giammarco Palmieri (Municipio VI), Dario Marcucci (Municipio III), Fabio Bellini (Municipio XVI), Ivano Caradonna (Municipio V) oltre a un rappresentante del Municipio II. «Disgiungere la discussione sui confini da quella sulle funzioni ha commentato a caldo Catarci - impedisce di capire quale sia il più efficiente dimensionamento degli Enti territoriali. Oltre che da una tempistica diversa, si deve ripartire dal confronto con i Municipi, avviato più che tardivamente a un mese e mezzo dalla scadenza fissata al prossimo 2 dicembre». Il presidente del Municipio XI ha dunque invitato Bordoni a rivedere la sua proposta, presentando «un testo contenente un serio potenziamento degli Enti Municipali. Altrimenti ha annunciato Catarci - ci opporremo». Pollice verso anche da parte di Susi Fantino che si è detta «contraria perchè se manca uno studio serio della città rispetto alle problematiche fondamentali, qualsiasi proposta lascia il tempo che trova. A bocce ferme, l accorpamento con il X Municipio non fa che quadruplicare i problemi. Questa cosa va rimandata». Confini territoriali a parte, la questione che preme maggiormente ai minisindaci riguarda poteri e ambiti di intervento delle future realtà cittadine. Il timore diffuso, infatti, è che la riforma si limiti semplicemente a un Fuoco all ufficio tecnico del Comune di Ardea: ipotesi dolosa Il sindaco Se il dolo venisse confermato sarebbe un fatto gravissimo, inaudito e inaccettabile massima disponibilità e fiducia nei confronti degli inquirenti e dei carabinieri che stanno portando avanti le indagini». L obiettivo minimo, in questo momento, è arrecare meno disagi possibili ai cittadini. «Abbiamo immediatamente affrontato l emergenza amministrativa continua il primo cittadino - consentendo l apertura, a partire da domani e in via temporanea, dello sportello unico per l edilizia presso la sede municipale di via Garibaldi e dell ufficio servizi cimiteriali presso i locali dell autoparco comunale. Per quanto riguarda gli altri uffici, Lavori Pubblici e Urbanistica, ci vorrà qualche giorno per renderli taglia e cuci senza incidere sulle competenze che spetteranno ai nuovi Municipi. Per scongiurare questo rischio, c è chi ha avanzato qualche ipotesi. Sul tavolo, per esempio, ci sono due proposte formulate dal presidente del XVII Municipio, Antonella De Giusti, che suggerisce di demandare ai presidenti dei Municipi i poteri in materia di Polizia Municipale, «consentendo, per esempio, la partecipazione ai comitati per l ordine e la sicurezza che si tengono in Prefettura spiega De Giusti - e i poteri sul commercio. In un secondo momento, poi, si stabilisca che gli introiti delle occupaizoni di suolo pubblico e delle sanzioni amministrative finiscano tutti nelle casse municipali, con meccanismi perequativi per cui i Municipi che incassano di più aiutano chi sta peggio». Il presidente del Municipio VI, Giammarco Palmieri, suggerisce invece «forme di autonomia di bilancio, decentramento di funzioni su controllo, territorio, pulizia e verde pubblico». Nettamente contrari a un eventuale accorpamento tra i Municipi I e XVII sono i consiglieri Augusto Caratelli e Fabrizio Sequi, mentre per il presidente della Commissione Decentramento del Municipio Roma Centro Storico, Marco Veloccia, è condivisibile soltanto l unificazione dei rioni Prati e Borgo. operativi, ma ci siamo subito attrezzati per lo spostamento a Tor San Lorenzo, nella sede dove già si trova il servizio sviluppo economico. In questo modo - conclude Di Fiori riteniamo di aver trovato una soluzione che in parte era già prevista e che temporaneamente risolve l'emergenza». Nel frattempo i più maligni parlano di fiamme intelligenti, mentre per l Idv l episodio «fa pensare, alla luce del fatto che l ufficio demanio e uso civico sono stati sottoposti ad accertamenti della guardia di finanza, che la tempistica dell incendio non sia stata casuale». Diego Cappelli IL CASO Hacker fascisti si impadroniscono del gruppo Comunisti.it Presentato esposto «Presenteremo una denuncia alla Polizia postale nei confronti degli hacker di estrema destra che si sono impadroniti in queste ore, su Facebook, del gruppo di discussione 'comunisti.it' che raccoglie oltre 6 mila persone orientate politicamente a sinistra. Gli hacker hanno 'bannato' i vecchi amministratori e hanno preso il controllo dl gruppo, modificandone l'immagine copertina e iniziando a diffondere materiale apologetico e commenti razzisti e xenofobi». A denunciarlo in una nota Giovanni Barbera, membro del comitato politico romano del Prc-Federazione della Sinistra e presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII. «Un fatto grave e inquietante - continua Barbera - che è già stato segnalato ai gestori di Facebook, ma finora non sono stati assunti provvedimenti finalizzati a oscurare tale gruppo o a bloccare gli autori di tali gravi violazioni. Chiediamo che gli autori di questo grave fatto, che, nel frattempo, continuano a diffondere i loro vergognosi messaggi, vengano individuati, bloccati e perseguiti per tutti i reati che verranno accertati». Albano Un flop la protesta contro il sindaco Marini Si è rivelato un flop la manifestazione organizzata da Movimento disoccupati e precari, Fenice e Nuova Era per protestare contro la politica dell Amministrazione Marini. Il corteo, che ha avuto uno scarso seguito, doveva sfilare lungo le vie di Albano mentre alla fine si è limitato al solo comizio di piazza Pia. Da Palazzo Savelli nessun commento nemmeno ufficioso, ma è evidente che la maggioranza comunale ne esce rafforzata. tp Lanuvio Modifica del regolamento edilizio Importante modifica del regolamento edilizio sabato scorso a Lanuvio. La Commissione Edilizia comunale sarà composta da tecnici e inferiore nel numero dei membri. Un aspetto sottolineato anche da Andrea Volpi, capogruppo di Lanuvio per la Democrazia, secondo il quale la Giunta Galieti ha compiuto «una scelta politica operata per garantire ai cittadini il giudizio imparziale di un tecnico e non quello di un cooptato dalla politica». tp

13 TEL: TEL: martedì 9 ottobre vocedeiterritori MUNICIPIO XIII Oggi Boschetto subentrerà al dimissionario Colagreco. Tensione dopo l apertura di via Mar Rosso Ostia, la maggioranza torna in bilico D di Maria Grazia Stella opo le dimissioni, tutt altro che a sorpresa, del consigliere PdL del Municipio XIII, Riccardo Colagreco, durante il Consiglio municipale di questa mattina sarà ufficializzata l elezione di Emiliano Boschetto, che subentra al collega dimissionario nella Lista civica per Rutelli. E per la maggioranza, visto che il nuovo consigliere siederà sugli scranni dell opposizione, non sarà cosa da poco. Riccardo Colagreco era infatti stato eletto nella Lista civica per Rutelli prima di passare al Gruppo misto e infine approdare al Popolo della libertà, nel Un matrimonio che si era rivelato infelice. Almeno per il consigliere veterinario che già nel mese di maggio aveva rassegnato le dimissioni da delegato alla tutela degli animali. Le ragioni? Le stesse che l hanno indotto a lasciare il Palazzo del Governatorato una decina di giorni fa. Ovvero impossibilità a svolgere l incarico per il quale sono stato eletto dai cittadini e ostruzionismo sia della mia maggioranza IL CASO Municipio XV invaso da topi «Sono diversi giorni che i dipendenti dell Ufficio Protocollo del Municipio XV di via Montalcini a Villa Bonelli proseguono nel lavorare in condizioni igienico-sanitarie vergognose, denunciando la presenza massiccia e costante di topi tra le scrivanie, i pc e gli archivi», così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV. «Spero che nelle prossime ore prosegue Santori si verifichi un intervento di derattizzazione e bonifica delle stanze al fine di restituire dignità e salubrità a uno degli uffici più importanti di questo Municipio. Presenterò un esposto ai responsabili della sicurezza». sia dell opposizione, soffocate dall inerzia. «La mia è una scelta etica, morale: non torno indietro», aveva affermato, con decisione, Colagreco. E il dopo? Adesso saranno dodici contro tredici su venticinque. Ad assicurare pieni poteri dovrebbe essere l ex consigliere PdL Riccardo Marinelli, transfuga a La destra nei mesi scorsi. Ma le cose al Municipio non sono affatto serene. E sulla maggioranza continuano a piovere contestazioni. A far traboccare la classica goccia, scatenando un vespaio di polemiche, l approvazione, giovedì scorso, di una delibera di giunta con la quale si dà il via libera al prolungamento di via Mar Rosso, a Ostia, fino a via dei Pescatori. Sulla questione interviene il consigliere IdV, Tonino Ricci. «Non capisco perché l amministrazione Vizzani, ormai ridotta a lumicino con tredici consiglieri su venticinque, che ha fallito nella totalità del suo programma elettorale che puntava a no cemento mentre in realtà non solo le cubature le ha lasciate ma anzi le ha aumentate tradendo l aspettativa dei cittadini e mandando il municipio allo sbando più totali, fallendo su tematiche quali sicurezza, lavoro, scuola, viabilità e chi ne ha più ne metta, sperperando milioni di euro per le somme urgenze e per bandi quale quello dei parcheggi, adesso si accanisca per realizzare l apertura di via Mar Rosso», dichiara il consigliere dipietrista. «E un opera inutile perché non risolve il problema del traffico - spiega. Dannosa per l ambiente perché danneggia un area protetta quale la Riserva naturale statale del litorale romano e costosa: si poteva risolvere allargando via Mar dei Coralli» - prosegue- Saremo a fianco dei cittadini e dei comitati per impedire tale scempio». Municipio VII Rossetti e Figliomeni si dimettono «Nessun dissidio interno al Pdl» I consiglieri del Pdl del Municipio VII Figliomeni e Rossetti smentiscono le ipotesi sollevate lo scorso venerdì in merito alle ragioni delle loro dimissioni. Negando la presenza di dissidi interni al partito, spiegano le ragioni che hanno portato alla decisione annunciata lo scorso venerdì, data in cui è stata respinta la mozione di sfiducia nei confronti del presidente del Municipio VII e della sua maggioranza. «Per sgomberare il campo da ogni illazione ed errate interpretazioni, -spiegano F.Figliomeni e A. Rossetti- precisiamo che il nostro gesto è stato unicamente di carattere personale giacché non ci riconosciamo più in questa politica. Nella vicenda aggiungono- della mancata approvazione della mozione di sfiducia al presidente Mastrantonio tutti gli elementi della peggior politica sono emersi nella loro gravità». Agostina Delli Compagni

14 martedì 9 ottobre 2012 WEB: cinquegiorni.it L Approfondimento Antenna selvaggia S Elettrosmog senza freni, cittadini sul piede di guerra Secondo i comitati, a Roma sono oltre 3mila i ripetitori di telefonia mobile. Da Montemario a Ostia, dall Eur a Cinecittà infuria la battaglia di Davide Lombardi puntano come funghi ovunque, incuranti di sorgere in pieno centro abitato, vicino a scuole e asili, nei pressi di parchi gioco e ospedali. E l antennopoli romana, ormai fuori controllo: secondo il coordinamento dei comitati romani contro l elettrosmog, Roma, con i suoi oltre 3mila impianti, è la capitale d Europa di ripetitori per telefonia mobile. A favorire la deregulation nel settore, un decreto dell ex ministro Gasparri, oltre all inerzia degli enti locali che non si sono dotati di un piano regolatore. Per installare un impianto, basta trovare l accordo con i proprietari dell edificio, di solito pagando un affitto di 4 o 5mila euro al mese, e presentare una Dichiarazione di inizio attività (Dia). Il Comune invia tutto al Municipio, che esprime parere non vincolante e informa la cittadinanza per darle modo di presentare le proprie obiezioni entro il termine dei 90 giorni dopo il quale scatta il meccanismo del silenzio assenso. E non sempre i Municipi sono lesti e trasparenti. Così dal boom dei cellulari a oggi, si è assistito a una proliferazione, oltre che di impianti, di comitati che si battono strenuamente contro la loro installazione. A Montemario parte nel 2003 la protesta contro le antenne e i tralicci che assediano la scuola materna Leopardi, a meno di 50 metri di distanza. Il monitoraggio dell Arpa nella zona è fermo da due anni. A Quarto Miglio, Municipio X, sono state raccolte più di 700 firme contro l installazione di un antenna della Vodafone in via Ferentano. Sorgerà in una via centrale del quartiere, su un edificio all altezza delle finestre circostanti. E soprattutto sarebbe il sesto impianto di telefonia mobile della zona spiega Stefano Crivelli del comitato di zona Quarto Miglio. Anche nei Municipi IV e XV sono molte le proteste contro l installazione selvaggia. Ma è nel XIII che troviamo una delle situazioni più disperate, seconda solo a quella di Roma Nord con le sue antenne radio vaticane. In via Capitan Casella c è un condominio che è stato ribattezzato reparto oncologico : su 11 persone che ci vivono, 6 sono state colpite da tumore o leucemia e due di loro sono morte. Si trova a una manciata di metri dalla torretta Acea, il Via Gentile Torretta Acea Radio Vaticana Municipio XIII In via Capitan Casella c è un condominio che è stato ribattezzato reparto oncologico : su 11 persone che ci vivono, 6 sono state colpite da tumore o leucemia e due di loro sono morte punto più alto di Ostia, su cui a fine anni 90 sono state installate ben 24 antenne. E il reparto oncologico non è l unica palazzina a soffrire, spiega il presidente del comitato Parco della Vittoria Alessandra Perlusz: Solo a luglio 2011 in via Capitan Casella ci sono stati 7 casi di tumori e leucemie fulminanti; anche in via del Lido ci sono vari casi, quattro in un solo palazzo. Ormai la letteratura sull argomento è nutrita, si sa che le onde elettromagnetiche fanno male. E qui l incidenza è molto alta. Oggi le antenne sulla torretta sono 9: in seguito a un accordo voluto dal sindaco Veltroni nel 2007, 15 sono state tolte, ma poco conta. L accordo prevedeva lo smantellamento di tutte le antenne entro due anni e un monitoraggio dell Arpa che non viene effettuato. Sempre a Ostia Levante sono state raccolte 600 firme contro l antenna recentemente installata in piazza Sagona, a meno di 50 metri da una scuola materna e accanto all hotel La Riva, che di antenne sul tetto ne ha già sei. I comitati trovano sponda nel consigliere comunale Gemma Azuni (Sel), che ha preso a cuore la questione e sta preparando una delibera in merito. Secondo la Azuni la procedura attuale è carente, al primo posto deve esserci la tutela della salute dei cittadini. Questi i capisaldi della sua proposta: una procedura più chiara, che inserisca la figura del Rup; controlli dell Arpa prima della Dia; coinvolgimento del Dipartimento Tutela Ambiente; costituzione di un piano regolatore; censimento degli impianti già installati e rimozione di quelli non idonei. La proposta ricalca la delibera di iniziativa popolare del coordinamento dei comitati romani contro l elettrosmog, che giace in Campidoglio dal Nel frattempo i comitati possono esultare: il Governo ha cancellato dal decreto sviluppo e dal ddl semplificazioni due norme che avrebbero acuito la deregulation, innalzando i limiti di emissione e imponendo la servitù coattiva ai proprietari degli edifici.

15 TEL: TEL: martedì 9 ottobre IN TRIBUNALE Cortei, sit-in e petizioni Adesso la parola al Tar I residenti di Casal Brunori hanno presentato ricorso e i giudici hanno ordinato lo stop temporaneo dell impianto fino al 22 novembre, giorno in cui si terrà la seconda udienza. Stessa mobilitazione a Cinecittà Est L antenna di Casal Brunori M obilitazione popolare a suon di cortei, sit-in, picchettaggi e raccolte firme, appoggio dei Municipi e ricorso al Tar. Con questa ricetta due realtà distanti come Casal Brunori e Cinecittà Est sono riuscite a mettere sotto scacco le compagnie telefoniche e a far spegnere temporaneamente gli impianti. In pieno agosto, alla chetichella, Vodafone installa una stazione radio base di telefonia mobile in via Carmelo Maestrini nonostante da mesi cittadini e comitati esprimano la loro contrarietà suggerendo siti alternativi. Abbiamo proposto di metterla sulla Cristoforo Colombo - spiegano dal comitato di quartiere Casal Brunori non la vogliamo al centro del quartiere. Sia per la salute dei cittadini che per una questione estetica e architettonica: parliamo di un impianto alto 13 metri che sorge su un palazzo di tre piani. ll sito viene attivato il 30 agosto e il giorno dopo il presidente del Municipio XII, Pasquale Calzetta, emette l ordinanza di sospensione dei lavori per 20 giorni. Poi ci pensa il Tar, che accoglie le rimostranze dei comitati e ordina lo spegnimento dell antenna fino al 22 novembre, giorno in cui si terrà la seconda udienza. L antenna di via Francesco Gentile (Municipio X), installata a due passi da un plesso scolastico che conta più di 1200 bambini fra asilo, elementari e medie, ha unito nella lotta il comitato di quartiere, Cinecittà Bene Comune e il comitato spontaneo No antenna. Anche in questo caso c è stata l ordinanza del minisindaco Medici, poi il Tar ha fermato tutto fino Via Maestrini Il comitato di quartiere: «Qui l antenna non la vogliamo e abbiamo proposto di spostarla sulla Colombo» ad aprile 2013: c è stato un errore procedurale, il Comune ha avvisato il Municipio XX e non il X. Così l impianto messo su dalla Ericsson circa un anno fa non è mai entrato in funzione e ora i cittadini chiedono che venga rimosso. Deve prevalere il principio di precauzione, qui vicino c è anche un parco dice il presidente del comitato di quartiere Cinecittà Est, Giusto Trevisiol. E Cinecittà Bene Comune conta oltre 160 antenne nel municipio X, un numero spropositato rispetto alle esigenze tecniche e di comunicazione degli utenti. d.l.

16

17 TEL: TEL: martedì 9 ottobre TEMPOLIBERO La rassegna di documentari selezionati dalla rivista da oggi al PalaExpo Internazionale corre il rischio Otto pellicole raccontano il coraggio e i pericoli di chi quotidianamente lotta per i diritti umani, l informazione e la libertà d espressione T orna al Palazzo delle Esposizioni, da oggi al 14 ottobre, il programma di documentari che la rivista Internazionale ha selezionato per il festival di giornalismo che organizza ogni anno a Ferrara. La rassegna, che dopo Roma toccherà molte altre città italiane, presenta una nuova selezione di otto recentissimi documentari da tutto il mondo, scelti nei migliori festival, su attualità, diritti umani, informazione e libertà di espressione. Il tema dominante della rassegna è quello del rischio, quello che si corre continuando a prendere posizione, informare e sfidare norme e sistemi, anche in situazioni in cui dominano violenza e censura. Rischiano la vita i redattori del settimanale Zeta che in Messico si ostinano a sbattere in prima pagina narcotrafficanti e politici corrotti, come l'ha rischiata il regista danese Mads Brügger nella sua nuova controversa inchiesta-performance, questa volta sulla diplomazia in Africa centrale. Rischiano la repressione i membri di Voina Art Group, creativi e impavidi oppositori del regime russo; rischiano il carcere gli attivisti di Anonymous che si sono schierati 9 ottobre The Brussels business Europa Ore 21 Ingresso libero 10 ottobre High tech, low life Asia Ore 21 Ingresso libero 11 ottobre The law in these parts Israele Ore 21 Ingresso libero 12 ottobre We are legion Web Ore 21 Ingresso libero 13 ottobre Reportero Messico Ore Ingresso libero 13 ottobre The ambassador Rep. Centrafricana ore 21 Ingresso libero 14 ottobre Vol spécial Immigrazione Ore Ingresso libero 14 ottobre Tomorrow Russia Ore 21 Ingresso libero contro le corporation e Scientology in nome della libertà in rete; rischiano la censura i blogger cinesi che grazie alle nuove tecnologie sfidano i mass media ufficiali e il controllo poliziesco. Rischiano gli immigrati clandestini in Svizzera di essere messi su un "volo speciale" e allontanati per sempre dalla loro nuova vita. Rischia l'unione Europea di fallire finanziariamente e culturalmente, complici le lobby che pilotano la politica comunitaria. E rischiamo tutti noi di non sapere mai abbastanza, ad esempio di come si instaura e sviluppa un sistema legale come quello grazie al quale lo stato di Israele ha giustificato e mantiene l'occupazione dei territori palestinesi. Questi otto film tornano ad aiutarci a scongiurare proprio questo rischio: quello di essere poco o male informati, di rinunciare all'approfondimento e al dissenso, in tempi di ossessivi e più che mai sospetti appelli all'unità e alla coesione ad ogni costo. L'intero programma di documentari vedrà la presenza di redattori di Internazionale, che presenteranno al pubblico le proiezioni e i temi dei film. PER ELISA Fiorito, più che Batman Banda Bassotti di Elisa Isoardi L a storia la conoscete tutti. Soldi (i nostri) utilizzati per accumulare ricchezze (le loro). Denaro pubblico speso per gli acquisti più svariati: dalle ville alle quintalate di mozzarelle di bufala fatte arrivare apposta da produttori campani, dalle cene al ristorante da ottanta persone anche se il massimo dei coperti era per quaranta, alle vacanze da trentamila euro fino ai suv acquistati per due giorni di neve a Roma (e meno male che non ha esondato il Tevere, se no noleggiavano uno yacht). Una serie infinita di ruberie e ladrocini che fanno diventare quasi ridicole le celeberrime paghette del trota Bossi. Su questo cumulo di macerie del buon senso e del buon gusto, sulla cima di questa immondizia, svettava, troneggiava, come il re di Gotham City de noantri, er Batman Franco, anzi Francone, Fiorito: centottanta chili di protervia, quasi due quintali di arroganza. Più che all uomo pipistrello, Fiorito somiglia però a Gambadilegno, coi personaggi della Banda Bassotti: stessa faccia, stessa stazza. Un personaggio ingombrante sia fisicamente che politicamente. Insomma, il suo sembra essere quasi un destino. Ma perchè colpisce così tanto la sua immagine? Il motivo è uno solo: chiunque lo abbia visto e sentito in tv non può non aver notato che in lui non esiste la benchè minima traccia di pentimento. La sua stazza fisica, il suo modo di vestire (un rigato da gangster su un ventre da numero civico) finiscono per diventare la cifra della sua stessa protervia, una specie di firma, di marchio di fabbrica: me ne frego, sembra dire, proprio come farebbe un federale fascista. La sua strafottenza lo ha portato (stando alle cronache dei giornali) a salire i gradini di Regina Coeli con il sorriso sulle labbra pronunciando una frase destinata a passare alla storia di questo finale di commedia che stiamo vivendo: Meglio il carcere che il Pdl. È per questo che c è chi è pronto a scommettere che ce lo ritroveremo presto all Isola dei Famosi. La nostra speranza, però, è che i tempi siano maturi per il cambiamento. E una buona notizia c è già. Il giorno in cui Er Batman uscirà dal carcere, se volesse mai dedicarsi al reality, dovrà pensare a qualcosa di diverso dall Isola. Il programma ormai è chiuso.

18 martedì 9 ottobre 2012 WEB: cinquegiorni.it Celestini al Vittoria PRO PATRIA La giustizia vista cogli occhi di un carcerato tempolibero A scanio Celestini inaugura la stagione del Teatro Vittoria con Pro Patria, il primo dei tre spettacoli consecutivi (a seguire, La fila Indiana e Fabbrica ) in cartellone sul palco della sala di piazza Santa Maria Liberatrice. In scena da oggi al 14 ottobre, il monologo nazionalista dell istrionico artista romano (attore, scrittore e musicista) attinge alla storia risorgimentale per trattare uno dei temi più discussi della nostra epoca: quello delle carceri, che dovrebbero tendere alla rieducazione dell individuo e al suo reinserimento ma che spesso falliscono. In una cella di due metri per due si agita un detenuto condannato all ergastolo. I suoi giorni scorrono lentamente uno uguale all altro e la lettura è l unico passatempo possibile. Il protagonista arriva così a leggere vecchi tomi polverosi gli unici ammessi dietro le sbarre - come Guerra combattuta in Italia negli anni di Carlo Pisacane, gli scritti di Mazzini, le lettere di Ciro Menotti o quelle dei fratelli Bandiera, le memorie politiche di Felice Orsini. L ergastolano inizia così a formarsi una propria coscienza politica e sociale, a capire che «quel Risorgimento di cui ha tanto sentito parlare spiega Celestini nelle note è stata una storia di lotta armata e galera, che i combattenti erano ragazzi tra i 18 e i 25 anni finiti in cella, al campo santo o, con il tempo, al governo». In un dialogo surreale con un Mazzini immaginario - che è muto e sconfitto ma non domo il carcerato si interroga sul senso e sui limiti della giustizia ripercorrendo episodi cruciali della storia italiana sin dai tempi del Risorgimento, passando per le resistenze al nazi-fascismo e le tensioni sociali degli anni Settanta. «I morti e gli ergastolani hanno una cosa in comune: non temono i processi. I morti perché non possono finire in galera. Gli ergastolani perché dalla galera non escono più», dice Celestini. Che ha deciso di raccontare la vicenda del detenuto che diventa un terrorista in carcere (a furia di dialogare con Mazzini e di riflettere sull esperienza che la meglio gioventù liberale italiana fece durante la Repubblica Romana) per toccare la coscienza più intima di ogni cittadino italiano. «Lo spettatore dovrebbe sentire che il personaggio non parla certo di sè, bensì di tutti noi». cinque Il musical da oggi al 21 ottobre al Sistina Zorro canta coi Pooh Dopo Pinocchio e Aladin, la nuova avventura di D Orazio e Facchinetti A zioni, amore e tanta musica per il nuovo musical di Stefano D Orazio, W Zorro, in scena dal 9 ottobre al Teatro Sistina. Nato da un progetto che lo stesso ex batterista dei Pooh, già autore di Pinocchio, Aladin e Mamma Mia!, accarezzava da tempo, ora il musical è pronto a fare i suo debutto per poi partire in tournée fino alla prossima primavera, raccontando in chiave di commedia musicale la leggenda dell eroe mascherato al servizio dei più deboli. Di ritorno in Messico dopo una lunga assenza, alla morte del padre, un nobile idealista e coraggioso, Diego scopre che la sua terra è stretta nella morsa della dittatura. I peones sono sempre più oppressi e il divario tra miseria e nobiltà è ormai incolmabile. L unica speranza per il popolo è il misterioso spadaccino El Zorro, l unico che si sia mai mostrato dalla loro parte. Diego scopre che dietro la maschera dell eroe si nascondeva La Versione di Barney al Belli Antonio Salines veste i panni di Barney Panofsky, uno dei personaggi più amati e odiati della letteratura contemporanea creato dalla penna del canadese Mordecai Richler ( ). In scena al Belli da stasera al 28 ottobre, La versione di Barney adattamento italiano di Massimo Vincenzi e regia di Carlo Emilio Lerici - ha ottenuto un successo mondiale culminato nel 2010 al cinema con l omonimo film. Barney, figlio di un poliziotto e produttore televisivo di successo, è un ricco ebreo canadese che, passati i sessant anni, decide apparentemente controvoglia di scrivere un autobiografia. Il motivo che lo spinge è dare la sua versione dei fatti che hanno portato alla morte dell amico Boogie e liberarsi così dall accusa di omicidio mossagli dallo scrittore Terry McIver, compagno di Barney al tempo del suo lungo soggiorno a Parigi. Nel corso della stesura delle sue memorie, tuttavia, i ricordi di Barney diventano via via confusi. E infatti malato di Alzheimer. Gli episodi del suo passato si intrecciano così con gli avvenimenti del suo presente e lo spettacolo, proprio come il romanzo, si caratterizza con una serie di flashback disordinati: i racconti delle giornate del vecchio Barney (acciaccato, abbandonato dalla moglie e alcolista irrecuperabile), si mescolano nella girandola dei ricordi d una vita ricca in realtà di avvenimenti e incontri straordinari. Fino al finale nel quale finalmente sarà resa finalmente giustizia al protagonista. suo padre e capisce che ora tocca proprio a lui raccoglierne l eredità e combattere per la giustizia (conquistando anche l amore della bella Cecilia). «Da bambino Zorro era il mio eroe, coraggioso, forte e intraprendente, ma forse me lo ero un po dimenticato racconta D Orazio, che firma le liriche di W Zorro, mentre Roby Facchinetti è autore delle musiche A settembre, complice un ennesimo trasloco, ho ritrovato in un baule il costume che aveva accompagnato i carnevali della mia infanzia, quel piccolo Zorro mi è saltato addosso quasi riconoscendomi e mi è subito venuta voglia di costruire intorno a quella sorpresa una nuova avventura». In scena ci sono l attore italofrancese Michel Altieri (già visto ne La Bella e la Bestia ), Alberta Izzo, Roberto Rossetti, Jacqueline Ferry, Maurizio Semeraro, Fabrizio Checcacci e un ensemble di dodici ballerini. Chiara Cecchini APPUNTAMENTI Sette I picciotti del Padrino Al Teatro Sette da oggi al 14 ottobre va in scena un interessante esperimento ispirato alla pellicola de Il Padrino. Horse dead (regia di Leonardo Buttaroni) approfondisce infatti la tragicomica storia dei due piccioti incaricati da Don Corleone di decapitare il pluripremiato cavallo da corsa di un regista holliwoodiano colpevole d aver rifiutato un offerta da parte del boss mafioso. La commedia in un unico atto ci mostra l evoluzione dei due personaggi che, per adempire al rischioso ed infame compito, saranno costretti ad affrontare i propri demoni. cinque Fino al 14 ottobre Via Benevento 23 Millelire La crisi economica? E tragicomica Una lettura tragicomica della crisi economica accomuna i due spettacoli in scena nella stessa sera al Millelire, da oggi al 14 ottobre. Il primo, Sotto un manto di stelle è la storia di tre personaggi che si incontrano sul terrazzo condominiale di un palazzo. Uno, persi lavoro e compagna, è lì per suicidarsi; l altra è una visionaria barbona; l ultimo è un atletico parkour. Un violento temporale porta i tre a scoprire le carte e a svelarsi l un l altro. La mano in tasca, secondo atto, racconta invece le gag di un tentato borseggio in tram. cinque Fino al 14 ottobre Via Ruggero di Lauria 22

19 TEL: TEL: martedì 9 ottobre tempolibero Presentato ieri il programma degli eventi. La cantante inaugura il nuovo My Festival La stagione dell Auditorium nel segno di Patti Smith La nuova stagione dell'auditorium Parco della Musica presentata ieri è costellata di eventi e protagonisti. Soprattutto sul fronte musicale. A Patti Smith sarà affidata la prima edizione della rassegna My Festival: concerti, allestimenti, incontri e un grandioso omaggio ad Allen Ginsberg. Contemporanea offrirà le sonorità dell'ensemble di Tonino Battista e dell Accademia di Santa Cecilia, Ryuichi Sakamoto e Alva Noto, Michele Tadini e Stef Burns, Giorgio Battistelli, Francesco Filidei e Ludovico Einaudi con Robert Lippok; mentre Roma Jazz Festival vedrà protagonisti fra gli altrii Herbie Hancock, Joe Jackson, Stefano Bollani e Irene Grandi. Tra gli ospiti della rassegna Solo, Finaz, Michele Rabbia, Roscoe Mitchell, Yaron Herman, Marc Ribot e Franco D Andrea. E poi ci sono Leonard Cohen, Cranberries, John Legend, Norah Jones, Noa, Claudio Baglioni, Gino Paoli e Danilo Rea, Negrita, Gregory Porter, Hermeto Pascoal, Paolo Fresu, Malika Ayane. All insegna dei Beatles le Lezioni di Rock di Assante e Castaldo, in occasione dei 50 anni dall uscita di Love me do. L universo di PINO DANIELE Il cantautore napoletano torna stasera al Parco della Musica con il tour dell ultimo album La Grande Madre. Un disco spirituale, che inneggia al «sangue misto della musica» TERME DI CARACALLA PARADISE LOST Gli inglesi del metal famosi oltremanica Concerto-evento per gli amanti del genere questa sera all Orion di Ciampino. Sul palco arriva la formazione gothic doom per eccellenza Paradise Lost per presentare dal vivo i brani del nuovo disco Tragic Idol, il tredicesimo lavoro in studio in carriera. Nati ad Halifax, Gran Bretagna, nel 1988 dall unione del cantante Nick U n Pino Daniele universale si appresta a tornare stasera sul palco dell Auditorium Parco della Musica con il tour dell album La Grande Madre. Un anima tutta diversa, quella del cantautore partenopeo, sottolineata già nella scelta del titolo del disco, riferito per sua stessa ammissione al «sangue misto della musica». «Per me la Grande Madre è il cordone ombelicale che ci lega ai quattro elementi del pianeta», dice Daniele. «E il codice per entrare a far parte della rinascita ed il rinnovamento dello spirito ogni qual volta le note cercano di comunicare». E ancora. «Rinnovarsi attraverso la terra, camminare a piedi nudi per sentirne l energia, la sensazione di sentire l acqua sulla pelle bagnandosi le mani, attraversare il fuoco con il suono, ascoltare il vento dell innovazione. Sentirsi parte di un universo che non ha confini». Proprio come la sua performance dal vivo, che segue tra l altro il successo ottenuto recentemente negli States, nelle tre date di New York, Boston e Washington. L ormai ex mascalzone latino alternerà i pezzi cult di un intera carriera ai dodici brani dell ultimo lavoro (fra i quali spicca anche la versione italiana di Wonderful tonight dell amico-collega Eric Clapton). Un mix meticcio di blues, neapolitan power, latin jazz, arab rock e melodie mediterranee che parla tutte le lingue del mondo. Perchè è proprio dal mondo «che parte il mio nuovo viaggio». Holmes e del chitarrista Greg Mackintosh, i nostri cinque paradossalmente non hanno mai raggiunto la popolarità che invece gli è da sempre riconosciuta oltreconfine, specie in Grecia e in Germania. L esordio ufficiale è datato 1990 con il disco omonimo (anche se invertito) Lost Paradise, molto influenzato da gruppi come Napalm Death e Obituar. Il successo con la s maiuscola non tarda ad arrivare. Appena un anno dopo, infatti, esce Shades of God, cui fa seguito immediatamente Icon che li consacra definitivamente come uno dei più importanti gruppi del genere. Nel 1995 Draconian Times vende più di un milione di copie in tutto il mondo. Seguiranno altri sette album in studio per arrivare a quest ultimo Tragic Idol, intenso e vario, che racchiude tutte le sfaccettature e le sperimentazioni heavy della band. cinque Italia Gli equivoci del grande Eduardo Piccolo Eliseo La macchina dei desideri La commedia degli equivoci del grande Eduardo approda sul palco del Teatro Italia, da oggi al 21 ottobre, con Ditegli sempre di sì, regia di Maurizio Panici. Michele, appena uscito dal manicomio, torna a casa dalla sorella Teresa, l unica a sapere della sua pazzia. Sembra guarito, non fosse che prende alla lettera qualsiasi cosa gli si dica. Si genera così una catena di fraintendimenti sin da quando Michele si convince che la sorella vuole sposare Don Giovanni, il padrone di casa. Un testo che rovescia continuamente follia e normalità. cinque Fino al 21 ottobre Via Bari 18 La macchina dei desideri, al Piccolo Eliseo da oggi al 4 novembre, è una commedia divertente che si trasforma in metafora della vita. Nel villaggio di Obetrek due commercianti costruiscono un macchinario in grado di realizzare i sogni di tutti. Ma cosa succederebbe se i desideri di ogni individuo fossero in contrasto gli uni con gli altri? E quali sarebbero le conseguenze per il villaggio se ci fossero anche quelli di un Sindaco assettato di potere e senza scrupoli? Da queste domande nasce la grottesca storia scritta da Giampiero Rappa. cinque Fino al 4 novembre Via Nazionale 183

20 martedì 9 ottobre 2012 WEB: cinquegiorni.it SPORT poi IL TWEET DEL GIORNO La buonanotte di Flavia Pennetta La tennista del Circolo Canottieri Aniene, Flavia Pennetta, ha fatto le ore piccole e lo rivela il suo tweet lasciato ad amici e tifosi intorno all una augurando la «buonanotte a tutti!» e rivelando di aver «avuto un bel fine settimana, spero che anche il vostro sia andato bene :)». Una confessione, un augurio e uno smile, e un saluto «un abbraccio notte». E poi la bella Flavia è finita serena e tranquilla nelle braccia di Morfeo. CALCIO SERIE D/F&G La squadra di Caputo centra finalmente la vittoria SCHERMA L Ostiamare in volo: cinquina al Sant Elia Ottima reazione del San Basilio Palestrina, che fa 2-2 con l Arzachena A mani vuote Fidene e Astrea. Marino ko ma dà segni di miglioramento P rende finalmente il volo l Ostiamare di Paolo Caputo che salva la propria panchina e nel larghissimo 5-2 rifilato al malcapitato Progetto Sant Elia (doppietta di Macciocca, gol di Costantini, Alfonsi e Buscia) trova i primi tre punti della stagione lasciando al Selargius, battuto in casa dalla Torre Neapolis, l ultima posizione in classifica. E stata una domenica dura per le romane la sesta di campionato, perché Fidene e Astrea sono rimaste letteralmente a mani vuote. Buono invece il punto strappato dal San Basilio Palestrina sul campo dell Arzachena: per mister Sergio Pirozzi si tratta del quinto pareggio in sei gare ma insomma il 2-2 finale (reti di Perrulli e Berardi) deve essere salutato con favore. «Una gara dai due volti commenta il direttore generale Marco Palumbo perché abbiamo disputato un discreto primo tempo nel quale siamo stati sfortunati a beccare gol all inizio, ma poi abbiamo offerto una grande reazione. Peccato aver subito il secondo gol nel nostro miglior momento: dopo però siamo letteralmente scomparsi dal campo. E andata bene, insomma, perché negli ultimi 20 minuti siamo riusciti a riprendere la partita». Sempre nel girone G la capolista Sarnese concede i primi due punti della sua straordinaria stagione facendosi imporre l 1-1 nel big match contro la Torres: ne approfittano quindi subito la già citata Torre Neapolis e anche il sempre sorprendente Sora che liquida con un secco 2-0 il Civitavecchia. Suicidio della Lupa Frascati che dunque manca la ghiotta occasione di avvicinare le prime: in vantaggio per 2-0 (Paolacci, Chiesa) e con un uomo in più alla fine del primo tempo i giallorossi di Valigi si fanno rimontare nel finale da un Budoni che era quasi alle corde (2-2 il finale). Pareggiano anche Cynthia e Anzio, un 1-1 che non fa fare grandi salti in classifica. Nel girone F, come detto, brutta la sconfitta del Fidene. Mister Chiappara, ora in bilico, attendeva dalla squadra una bella reazione di orgoglio per tornare alla vittoria ed invece al Salaria Sport Village l Olympia Agnonese passeggia quasi. Inatteso lo stop rimediato dall Astrea di Pino Ferazzoli che si inchina a San Benedetto del Tronto e rallenta in vetta anche se le capolista Maceratese e Vis Pesaro sono a soli due punti. Chi fa festa invece in casa Ferazzoli è Foto tirocchi Fabrizio, il cui San Cesareo schianta la Recanatese in trasferta (straordinaria doppietta di Tajarol e gol di Delgado) e vola nelle zone nobili della classifica. Male ancora il Marino che nonostante i rinforzi arrivati in queste ultime due settimane si deve arrendere in casa alla Jesina. Ma i segni di miglioramento si iniziano a vedere. Marco Caroni NAZIONALE I convocati di Prandelli Roma batte Lazio 4 a 1, almeno in fatto di convocazioni. Mister Prandelli in vista delle gare di qualificazione al Mondiale brasiliano del 2014, contro Armenia (12 ottobre) e Danimarca (a Milano il 16 ottobre), ha chiamato in azzurro Federico Balzaretti, Daniele De Rossi, Mattia Destro e Pablo Daniel Osvaldo della Roma; mentre sul fronte biancoceleste l unico presente a Coverciano è Antonio Candreva. Salvatori e Aspromonte: trionfo castellano a Una stella per Marta E stata Ilaria Salvatori la protagonista della tredicesima edizione di Una stella per Marta, trofeo intitolato alla memoria di Marta Russo, la sfortunata studentessa romana uccisa nel 1997 nel giardino dell Università La Sapienza di Roma. Per l appuntamento del 2012 era prevista la sfida tra le quattro stelle del fioretto azzurro, assolute protagoniste del trofeo olimpico di Londra 2012, Ilaria Salvatori, Arianna Errigo, Elisa Di Francisca e Valentina Vezzali, se non fosse che, una indisposizione dell ultimo minuto, ha costretto la Vezzali a rinunciare alla sfida. Nonostante il forfait della fiorettista più titolata, lo spettacolo non ha deluso il pubblico che ha riempito la sala dell Aranciera di San Sisto. Il trio Errigo, Salvatori, Di Francisca ha dato il via a un mini torneo all italiana dove le tre azzurre hanno combattuto, una contro l altra in piccoli assalti da cinque punti. A conquistare il trofeo è stata la romana Salvatori, atleta della Frascati Scherma, che ha battuto, in entrambi i casi per 5 stoccate a 4 sia Arianna Errigo che Elisa Di Francisca. Quest ultima, oro olimpico, si è aggiudicata il secondo posto grazie alla vittoria nel re-match della finale olimpica, sconfiggendo, sempre per 5-4, la Errigo. A precedere gli assalti delle nostre fiorettiste le gare maschili con Valerio Aspromonte, anche lui tesserato per il club di Frascati e medagliato a Londra con la Nazionale di fioretto, che ha sconfitto per il giovane campione del mondo cadetti Daniele Garozzo; mentre lo spadista Luigi Samele, bronzo olimpico con la squadra, ha regolato per Luigi Miracco. Ma non solo lo sport è stato il protagonista della giornata. L attore Leo Gullotta ha infatti letto alcuni testi vincitori del premio organizzato nelle scuole romane per sensibilizzare alla donazione di organi. (pp) IL MURO DEI TIFOSI - LAZIO Stilettate biancocelesti agli ultrà pescaresi La gara di Pescara ha rappresentato la classica passeggiata per la Lazio con il gol di Hernanes e la doppietta di Klose che hanno chiuso la pratica già nel primo tempo. Piovono gli elogi per gli autori dei gol, ma anche per Candreva (richiamato in azzurro da Prandelli). «La Lazio ha dimostrato qualità non solo tecniche, ma di grande personalità. Dovrà confermarle in partite più difficili e anche in caso di situazioni negative» sostiene Luca I tifosi biancocelesti non mancano di mandare stilettate a quelli del Pescara, vista l attesa con cui gli abruzzesi hanno preparato la partita. «Tutta la pressione con cui i tifosi del Pescara hanno caricato l ambiente si è rivelata un boomerang» dice Servatores. «Rivalità a senso unico, ma chi vi pensa» taglia corto Aquila Romana e c è spazio anche per l ironia di Federico. «Ufficiale a Pescara il passaggio dalla Vodafone alla Tre». ROMA di Tiziano Pompili I 3 punti con l Atalanta non placano gli animi I tre punti, soprattutto. La Roma vista con l Atalanta non ha certamente impressionato, ma alla fine era davvero fondamentale tornare (dopo sei mesi) alla vittoria all Olimpico. Un concetto che vale anche per molti tifosi giallorossi. Invincibile29 ammette che «abbiamo fatto una partita al di sotto della mediocrità, troppo spazio all Atalanta che meritava di uscire dal campo con un pareggio». Per GianSara «questa di Zeman è la più brutta Roma degli ultimi dieci anni. Mi chiedo perchè non si è fatto nulla per prendere Montella». I tifosi si dividono, invece, sulle drastiche scelte del tecnico boemo che ha lasciato fuori dall undici titolare De Rossi, Osvaldo e Burdisso. «Il calcio di Zeman è incomprensibile. De Rossi lo ha capito ed è stato punito» sostiene Aragorn7, mentre per Pippi59: «De Rossi sono tre anni che non fa nulla o poco e ha il contratto più pagato della serie A, ma quando vuole giocare da top player?».

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 16/06/2016 Pagina 21 PIER LUIGI TROMBETTA Dipendente in prova denuncia il titolare:

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani,

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani, CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO Cari castellani, è la prima occasione utile per sentirci con un po' più di calma dopo queste due settimane, a parte qualche post su Facebook che ha tentato di dar conto

Dettagli

29-SET-2015 pagina 1 foglio 1

29-SET-2015 pagina 1 foglio 1 29-SET-2015 pagina 1 foglio 1 26-SET-2015 pagina 1 foglio 1 25-SET-2015 pagina 1 foglio 1 / 2 25-SET-2015 pagina 1 foglio 2 / 2 27-SET-2015 pagina 1 foglio 1 / 2 27-SET-2015 pagina 1 foglio 2 / 2 27-SET-2015

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G.

COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. COMUNE DI CARMIANO CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 GENNAIO 2012 PUNTO 6 O.D.G. Realizzazione di una bretella stradale di collegamento tra la SP 13 Carmiano- Novoli e la SP 121 Carmiano-Villa Convento. Approvazione

Dettagli

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA INCHIESTA CASE SVALIGIATE: NUMERI DA BRIVIDO E DIFENDERSI È QUASI IMPOSSIBILE SONO ORGANIZZATI COME MILITARI: NESSUN ANTIFURTO LI FERMA. CONTRO DI LORO LA POLIZIA HA MESSO IN CAMPO SUPER TECNOLOGIE, MA

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

1 maggio, festa del lavoro sfruttato a Carrefour. Intervista a una lavoratrice.

1 maggio, festa del lavoro sfruttato a Carrefour. Intervista a una lavoratrice. Primo maggio, festa dei lavoratori, il Carrefour di Lucca rimane aperto. Abbiamo colto l occasione per intervistare una lavoratrice del supermercato e approfondire altri argomenti, tra cui la recente decisione

Dettagli

PUBBLICITA' E DECORO URBANO. stampa chiudi

PUBBLICITA' E DECORO URBANO. stampa chiudi stampa chiudi PUBBLICITA' E DECORO URBANO Cartelloni abusivi mai rimossi: i comitati per il decoro denunciano sindaco e assessore «Omissione d'atti d'ufficio» e «collocamento pericoloso di cose» i reati

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti delle associazioni di categoria e sindacali 22 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE»

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» RASSEGNA STAMPA MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MAFIA CAPITALE: DALLE ACLI DI ROMA APPREZZAMENTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL 3/9 "CONTRO LE MAFIE" AL TUSCOLANO

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 10/11/12 Ottobre 2015 IL CITTADINO Lodi Indagini sul concorsone, i carabinieri anche al Ced (10/10/2015) Ospedali, Rossi venga in audizione in consiglio (10/10/2015) Lettere

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

E ADESSO VI SPIEGHIAMO IL PROGRAMMA DEL PD

E ADESSO VI SPIEGHIAMO IL PROGRAMMA DEL PD SCHEDA Roma, 27 febbraio 2008 N 3 E ADESSO VI SPIEGHIAMO IL PROGRAMMA DEL PD Analisi critica, sintetica e graffiante dei dodici punti del programma del Partito Democratico Punto 3 CITTADINI E IMPRESE PIÙ

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S.

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. Tipo di attività dal 01/05/2012 al 30/04/2013 Persone controllate 52.598 Persone sottoposte ad obblighi 19.349

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Mario Orfeo 02-AGO-2011 da pag. 29 Quotidiano Roma 30-MAG-2011 Diffusione: n.d. Lettori: n.d. Direttore: Mario Orfeo da pag. 37 Quotidiano

Dettagli

«IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole

«IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole «IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole PERCHÉ UN PROGETTO DI PREVENZIONE? Perché da una delle indagini svolte recentemente in

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste Rilevazione 16 Dicembre 2013 Le notizie della settimana: i Forconi COSA RICORDANO GLI ITALIANI Le proteste in piazza/ il movimento dei

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

Via Farini, 62-00185 Roma tel. 06 48903773/48903734 - fax +39 06 62276535 - coisp@coisp.it / www.coisp.it

Via Farini, 62-00185 Roma tel. 06 48903773/48903734 - fax +39 06 62276535 - coisp@coisp.it / www.coisp.it Via Farini, 62-00185 Roma tel. 06 48903773/48903734 - fax +39 06 62276535 - coisp@coisp.it / www.coisp.it COISP COORDINAMENTO PER L INDIPENDENZA SINDACALE DELLE FORZE DI POLIZIA @COISPpolizia Immigrazione,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno

Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Ascoli Piceno PATTO PER LA SICUREZZA TRA LA PREFETTURA - UFFICIO TERRITORIALE DEL GOVERNO DI ASCOLI PICENO E IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO finalizzato alla realizzazione di iniziative per un governo complessivo

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

Pioggia battente ma con la crisi Taxi fermi ai posteggi

Pioggia battente ma con la crisi Taxi fermi ai posteggi Pioggia battente ma con la crisi Taxi fermi ai posteggi La crisi corre anche in taxi. «Pensi che in queste mattinate di maltempo, con la città allagata e la pioggia battente, abbiamo avuto anche 47 macchine

Dettagli

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie.

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. nell anno della crisi la Regione ha: promosso un patto da 520 milioni per tutelare i lavoratori e la

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA Domenica, 13 aprile 2014

COMUNE DI ANZOLA Domenica, 13 aprile 2014 COMUNE DI ANZOLA Domenica, 13 aprile 2014 Domenica, 13 aprile 2014 Cronaca 13/04/2014 Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Pagina 18 Anzola Furti... 1 Politica locale 13/04/2014 Il Resto del Carlino (ed.

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi Settembre 2013 Vita di campo Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi T re giorni nelle zone rurali visitando la comunità di João do Vale casa per casa, da mattina

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a

Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a. firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Punto n. 6 all O.d.G.: Interpellanza, a firma dei Consiglieri comunali di minoranza, su seggi elettorali a Buja. Prego. Cons. FASIOLO Rudi (senza microfono) Un altra interrogazione

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

SPECIALE 2X1000. APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre!

SPECIALE 2X1000. APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre! SPECIALE 2X1000 APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre! PASSAPAROLA! Ti ricordiamo di indicare la quota del 2x1000 Irpef in favore di Forza Italia

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

Nessuno però ha chiesto : come mai?...piuttosto in molti han preferito fare tutto da soli, sia la domanda che le risposte.

Nessuno però ha chiesto : come mai?...piuttosto in molti han preferito fare tutto da soli, sia la domanda che le risposte. Mino Costabile un semplice appassionato con un ruolo istituzionale di Grandi Responsabilità. Amici del motocross Puglia, doverosamente penso di dover fornire delle spiegazioni in merito alle posizioni

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente

CONSULTA DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE. Premessa della Dirigente Allegato n. 1 C.I. del 29.04.2014 ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA Via G. Marotti, 26 60018 MONTEMARCIANO (AN) ic.montemarciano@libero.it - www.icsmontemarciano.it Tel. 071 915239 - Fax 071 915050

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

L O.S.Po.L. pur recependo le buone intenzioni dei rappresentanti del Sindaco ha richiesto un incontro formale con il Sindaco Marino entro 15 giorni.

L O.S.Po.L. pur recependo le buone intenzioni dei rappresentanti del Sindaco ha richiesto un incontro formale con il Sindaco Marino entro 15 giorni. Lo Sciopero della Polizia Locale di Roma Capitale Oltre 1.000 vigili hanno sfilato per la città Il Deputato Europeo Roberta Angelilli inoltra al Parlamento Europeo interrogazione A testa alta gli uomini

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto...

Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto... Ecco come (non) lavorano i dipendenti municipali della Polizia Locale ed all' AMIU di Taranto... Continuano ad arrivarci in redazione fotografie, documenti, storie di ordinaria follia nella vita (in)civile

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA 6 aprile 2013 Indice rassegna - Gazzetta di Modena pag. / - Il Resto del Carlino pag. 2, 23 - Prima Pagina pag. / - Modena Qui pag. 15 Sezione: Pianura Data:

Dettagli

Di: Francesco Zanardi

Di: Francesco Zanardi Il poligono e la strada. Di: Francesco Zanardi Scena 1: un giorno del 2002. Incontro un collega nel piazzale della Questura (uno di quelli che non porta mai il colpo camerato) e mi dice: Sai quell esercizio

Dettagli

IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME

IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME IN RICORDO DI SEBASTIANO D IMME Per non dimenticare il luminoso esempio offerto dal Maresciallo Sebastiano D Immè che 15 anni fa, ha immolato se stesso sull altare del dovere. Locate Varesino (CO) 6 luglio

Dettagli

NUOVE DIVISE VECCHI SISTEMI.

NUOVE DIVISE VECCHI SISTEMI. Vita di Squadra Milano Comunicato Settimanale dedicato agli operatori U.P.G. S.P. N 04 del 21 Maggio 2013 NUOVE DIVISE VECCHI SISTEMI. E da tanti, troppi anni che il personale operativo attende le nuove

Dettagli

21 settembre 2012 PAG. 7

21 settembre 2012 PAG. 7 21 settembre 2012 PAG. 7 Il caso. La denuncia della struttura dove la donna è in cura Sfruttavano disabile «Con i soldi compri il vestito da sposa» Il raggiro dei due aguzzini arrestati di Gianluca Rotondi

Dettagli

MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 31 dicembre 2015

MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 31 dicembre 2015 MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 31 dicembre 2015 MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 31 dicembre 2015 31/12/2015 Fugge dopo l' incidente Denunciata dai carabinieri 1 31/12/2015 La storia del commercio in 56 negozi

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

I vigili di Roma come i «bobby» londinesi «Studi in accademia e sfollagente»

I vigili di Roma come i «bobby» londinesi «Studi in accademia e sfollagente» Gli agenti saranno anche davanti alle scuole I vigili di Roma come i «bobby» londinesi «Studi in accademia e sfollagente» Incontro tra il neo comandante Buttarelli e l'assessore regionale alla sicurezza

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. Presenti:

VERBALE DI RIUNIONE. Presenti: Giovedì 03 settembre 2015 ore 21:00 VERBALE DI RIUNIONE Presenti: - Carlo Di Marco - Giovanni Mazzoni - Marzia Sperandii - Rossana Puel - Stefania Segreti - Francesca Di Giacomo - Gabriella Vercelli -

Dettagli

PARTITO DEMOCRATICO ZONA ADDA - MARTESANA

PARTITO DEMOCRATICO ZONA ADDA - MARTESANA La Federazione Metropolitana ha avviato un percorso di coinvolgimento dei territori, in vista della elezione nel 2016 del Sindaco di Milano e di tanti altri Sindaci in Comuni dell area metropolitana (per

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN Progetto e realizzazione a cura di: Direzione Comunicazione - Comune di Milano Per maggiori informazioni www.comune.milano.it Infoline 02.02.02 Stampato su carta riciclata EL NOST MILAN la nostra milano

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Estratto Ricorso ex articoli 3 e 4 comma 1 Legge n. 67/2006 PER. sede legale in Roma, Via di Torre Argentina n. 76, iscritta al Registro Nazionale

Estratto Ricorso ex articoli 3 e 4 comma 1 Legge n. 67/2006 PER. sede legale in Roma, Via di Torre Argentina n. 76, iscritta al Registro Nazionale TRIBUNALE CIVILE DI ROMA Estratto Ricorso ex articoli 3 e 4 comma 1 Legge n. 67/2006 PER Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, con sede legale in Roma, Via di Torre Argentina

Dettagli

SOMMARIO DEL 19 LUGLIO 2012. Cassa a Pomigliano, colpa del mercato. Alla Fiat di Pomigliano due settimane di stop

SOMMARIO DEL 19 LUGLIO 2012. Cassa a Pomigliano, colpa del mercato. Alla Fiat di Pomigliano due settimane di stop SOMMARIO DEL 19 LUGLIO 2012 Corriere della Sera Uff.Stampa Fismic La Stampa Agi Asca Gr1/TM News Prima Pagina Cassa a Pomigliano, colpa del mercato Alla Fiat di Pomigliano due settimane di stop Fismic,

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

SINDACATO AUTONOMO DI POLIZIA SEGRETERIA PROVINCIALE

SINDACATO AUTONOMO DI POLIZIA SEGRETERIA PROVINCIALE SINDACATO AUTONOMO DI POLIZIA SEGRETERIA PROVINCIALE Via A. Diaz, 2 16129 GENOVA Tel.0105366356 FAX 010/8600173 genova@sap-nazionale.org www.sap-nazionale.org COMUNICATO STAMPA Per la sicurezza dei cittadini

Dettagli

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese

Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese Sopaf, chiusa indagine. Contestata anche la corruzione al presidente Inpgi, il giornalista Andrea Camporese A quella di truffa è arrivata anche quella per corruzione a carico del presidente dell INPGI,

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni La prima ricerca realizzata in Italia sul tema del post infortunio:

Dettagli

Emergenza rifugiati dalla Libia: ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni

Emergenza rifugiati dalla Libia: ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni 1) Emergenza rifugiati dalla Libia. Ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni di Matteo Colombo http://www.campusmultimedia.net/2013/03/27/emergenza-rifugiati-dalla-libia-ecco-cosa-non-hafunzionato-in-questi-due-anni/

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia. Amministrazione Comunale di San Martino Siccomario. Sala Luigi Calabresi, Giovedì 9 Aprile 2015

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia. Amministrazione Comunale di San Martino Siccomario. Sala Luigi Calabresi, Giovedì 9 Aprile 2015 COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia Amministrazione Comunale di San Martino Siccomario Sala Luigi Calabresi, Giovedì 9 Aprile 2015 PGT Il percorso della Variante Generale: alcuni spunti

Dettagli

LA METRONOTTE Di Paolo Mondani

LA METRONOTTE Di Paolo Mondani LA METRONOTTE Di Paolo Mondani Montali è indagato, anzi, sotto processo per? Collusione con la Banda della Magliana, riciclaggio, corruzione e intestazione fittizia di beni. MILENA GABANELLI IN STUDIO

Dettagli

CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015

CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 02/07/2015 Il Resto del Carlino Pagina 24 PEREGO ACHILLE Gli italiani tornano formichine Consumi, oggi parte il test dei saldi

Dettagli

RassegnaStampa 22/02/2014. ViaGiacintoGigante3/b80136Napoli ph/fax+390815640547

RassegnaStampa 22/02/2014. ViaGiacintoGigante3/b80136Napoli ph/fax+390815640547 RassegnaStampa 22/02/2014 ViaGiacintoGigante3/b80136Napoli ph/fax+390815640547 EVIDENZE 7 22/02/2014 IL MESSAGGERO FROSINONE ASI, PROIA ELETTO NUOVO PRESIDENTE CRONACA 8 22/02/2014 CORRIERE DELLA SERA

Dettagli