Linea metropolitana M5, Milano. Esperienze di scavo e di monitoraggio strutturale in prossimità di edifici a torre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linea metropolitana M5, Milano. Esperienze di scavo e di monitoraggio strutturale in prossimità di edifici a torre"

Transcript

1 CONGRESSO SOCIETA ITALIANA GALLERIE GALLERIE E SPAZIO SOTTERRANEO NELLO SVILUPPO DELL EUROPA Bologna, 17, 18 e 19 ottobre 2013 Linea metropolitana M5, Milano. Esperienze di scavo e di monitoraggio strutturale in prossimità di edifici a torre D.Fraccaroli (1), S.Grosina (1), A.Balossi Restelli (2), F.de Sanctis (3), P.Galvanin (3) (1) Astaldi S.p.A., Direttori di Cantiere (2) Studio ingegneria Balossi Restelli e Associati, Consulente di Astaldi per le opere di consolidamento (3) Alpina S.p.A., Progettisti gallerie di linea e stazioni tratta Monumentale - Isola ABSTRACT: Astaldi SpA ha completato a Milano la prima tratta Zara Bignami della Linea 5 della metropolitana e ne sta terminando il prolungamento alla Stazione Garibaldi, cui seguirà l estensione sino a S.Siro entro il Le strette interferenze con la Linea 2 della metropolitana, il Passante Ferroviario, la linea FS Garibaldi Greco e la stessa Stazione ferroviaria Garibaldi sono state superate mediante scavo in tradizionale, a doppia e singola canna (totale circa 1.4 km). Partendo dalla futura stazione Monumentale, la galleria a doppio binario (D = 10.3 metri, 15 m di copertura media) ha dovuto sottoattraversare un asse stradale urbano importante (Via Farini), con relativa linea tranviaria, e subito dopo due edifici di rilevante altezza. La galleria - affiancandosi al Passante Ferroviario - arriva così al Manufatto Ferrari, termine dello scavo in tradizionale. Queste importanti interferenze sono state risolte facendo ricorso a una ampia gamma di soluzioni di scavo e consolidamenti sotto monitoraggio. Per i due edifici a torre, in prossimità alla linea, le operazioni di consolidamento e scavo sono state monitorate in continuo mediante un pendolo diretto e catene livellometriche collegate in remoto ad apposito portale web, adottando un approccio allo scavo di tipo osservazionale. 1 Introduzione Il tracciato della nuova Linea 5 della metropolitana di Milano tra la stazione Monumentale (nel seguito Monumentale) ed il Manufatto Ferrari (Ferrari) si raccorda al tratto precedente - proveniente dalla stazione Garibaldi (Garibaldi) - in prossimità del manufatto stesso, sviluppandosi poi per circa 60 metri in fregio a due edifici di via Tazzoli: il complesso alberghiero denominato AC Hotel (ACH), un fabbricato in calcestruzzo armato costruito negli anni 60, e l immobile di via Tazzoli n. 3, un edificio a struttura mista calcestruzzo muratura degli anni 50. Il tratto di galleria a doppio binario (GN) oggetto della presente memoria - realizzato da Astaldi S.p.A. (Astaldi, o AST), mandataria dell ATI che sta costruendo l intera linea in project financing - riveste un ruolo strategico all interno dell opera, in quanto destinato ad asta di manovra dei treni durante la fase di esercizio del primo lotto funzionale tra Garibaldi e Bignami, prima del completamento del secondo lotto fino a San Siro. La galleria è stata scavata a foro cieco, previa realizzazione di trattamenti di consolidamento al contorno di scavo, eseguiti sia in avanzamento che da piano campagna. Le geometrie di iniezione e di scavo sono state definite in modo tale da poter mutare le strategie di lavoro in corso d opera a seconda delle indicazioni derivanti dalle attività di monitoraggio, e delle difficoltà oggettive riscontrate in fase di perforazione/iniezione, tenuto conto dei numerosi vincoli presenti tra Monumentale e manufatto Ferrari, sia in superficie che nel sottosuolo. In Figura 1 è riportata una vista di insieme delle principali interferenze presenti in superficie nella tratta in esame: a partire da Monumentale verso Garibaldi, la galleria sottopassa dapprima via Farini e la relativa linea tranviaria, successivamente si avvicina all ACH, parte in fregio e parte al di sotto del piano di fondazione, per giungere infine al Ferrari avendo prima sottopassato l edificio di via Tazzoli, 3. Le sezioni di Figura 1 mostrano la posizione della GN rispetto alle fondazioni dei due edifici ed alla galleria del Passante Ferroviario (Passante), la cui vicinanza ha condizionato la scelta del tracciato della Linea 5, in affiancamento al Passante fino a Garibaldi con distanze minime dell ordine dei 5-6 m

2 Figura 1. Tracciato della Linea Metropolitana 5 tra stazione Monumentale e Manufatto Ferrari, con sezioni in corrispondenza dell edificio di via Tazzoli e del corpo alto dell AC Hotel La ricostruzione delle caratteristiche geometriche e strutturali dei due edifici interferiti è risultata particolarmente ardua sia per la complessità degli interventi da realizzare, sia per la mancanza di documentazione originaria relativa alle strutture dei due fabbricati. Per ovviare a tale lacuna conoscitiva, sono state condotte, prima dell inizio delle attività, apposite ricerche documentali di archivio, nonché indagini sulle strutture di fondazione esistenti (carotaggi, pozzetti esplorativi e rilievi topografici), al fine di definire compiutamente il grado di interferenza tra galleria e fabbricati, sviluppare il progetto dei consolidamenti, svolgere le analisi di interazione fra opere di linea ed edifici, definire le soglie di spostamento ammissibile e quantificare il danno potenziale associato a dette soglie. L edificio ACH è quindi risultato costituito da due corpi distinti denominati A e B : - il corpo alto A è costituito da una torre di altezza pari a circa 65 m, ha due piani interrati, mentre fuori terra è costituito da 18 piani destinati alle camere, con due ulteriori solai che delimitano i vani tecnici in copertura; ricopre una superficie di circa 415 mq. La fondazione è risultata costituita da un graticcio di travi di altezza 3.20 m, armata con acciaio di tipo L.U.3 (2200 kg/cmq) precursore delle barre nervate tipo FeB 38K, il cui impiego era regolato dalla circolare 1547 del 17/05/1965; - il corpo basso B, adiacente ad A ed alto circa 8.0 m, ricopre una superficie di circa 450 mq, con due piani interrati e due fuori terra, fondati su plinti isolati di varie dimensioni, di altezza 0.8 m circa. L edificio in via Tazzoli a sua volta è costituito da 2 piani interrati / 8 piani fuori terra, in struttura mista calcestruzzo-muratura. La galleria M5 in questo tratto presenta larghezza interna al piano dei centri pari a 8.70 m ed ha il piano del ferro a quota costante m s.m.l. per tutto lo sviluppo della tratta interferente con gli edifici. Il profilo di estradosso della galleria è posizionato a circa 2.90 m di profondità rispetto al piano di fondazione della torre A dell AC Hotel, mentre si colloca a circa 8.0 m al di sotto delle fondazioni dell edificio di via Tazzoli. Da notare che quest ultimo, pur essendo di altezza minore rispetto alla torre, si trova in posizione particolarmente svantaggiosa rispetto agli scavi di GN, perché ne è sottopassato interamente ed obliquamente, con il tracciato della linea che va ad interessare lo spigolo dell edificio

3 08/08/ /03/ /09/ /10/ /11/ /12/ /01/ /02/ /03/ /04/ /05/ /06/ /07/ /08/ /09/ /10/ /11/ /01/ /02/ /03/ /04/ /05/ /06/ /07/ /08/ /09/ /10/ /11/ /01/ /02/ /03/ /04/ /05/ /06/ /07/ /08/ /09/ /10/ /10/ /11/ /01/ /02/ /02/ /03/ /04/ /05/ /05/ /07/ /07/ /08/ /09/ /10/ /11/ /12/ /01/ /02/2012 Quota della falda [m s.l.m] 2 Analisi delle problematiche di progetto ed esecutive 2.1 Innalzamento della quota di falda La messa a punto del progetto esecutivo della galleria a doppio binario nel tratto in esame ha richiesto un approfondita analisi iniziale sia delle problematiche geotecniche rilevate attraverso apposite campagne di indagini in sito, sia del rischio potenziale indotto dal sottoattraversamento degli edifici. Anche la gestione del corso d opera è stata un operazione delicata e complessa, pur se così attentamente valutata e pianificata. Le difficoltà incontrate e superate in tale studio e in fase esecutiva possono essere ricondotte a tre differenti aspetti, brevemente descritti di seguito. Nel periodo la falda nella tratta in esame (piezometri PZ9 e PZ11) si è innalzata fino alla quota di m s.l.m, ovvero oltre 2 m rispetto alla quota di inizio lavori. L andamento delle misure piezometriche, riportato in Figura 2, mostra una sostanziale stabilità della soggiacenza su tutta la tratta fino alla primavera 2008, data a partire dalla quale si registra un netto incremento delle piezometrie, con progressione pressoché lineare fino ai valori sopra menzionati. Tale innalzamento della falda e i ridotti spazi di manovra tra il piano di lavoro e la calotta di GN hanno pregiudicato la possibilità di eseguire il consolidamento al contorno del cavo mediante trattamento con jet-grouting in avanzamento, come previsto dal progetto. Di conseguenza è stato necessario rivedere la soluzione relativa ai consolidamenti e modificare le modalità di scavo, prevedendo un avanzamento con mezza sezione, considerato che la falda interessa oltre i 2/3 dell altezza di scavo complessiva MM5 PIEZOMETRI GARIBALDI - BIGNAMI P10/5M (Istria) P12/5M (Ca granda) S.I 1 (Bicocca) PZ4 ( U3 ) PZ 5 ( U3 ) PZ 6 ( U3 ) PZ 3 ( U3 ) PZ 11 (Como) PZ 9 (Ferrari) P24 Zara PZ 7 (Istria) Figura 2. Andamento delle misure piezometriche nella tratta Garibaldi- Bignami ( ) 2.2 Presenza di strati di materiale sabbioso a quote scavi di galleria Lo scavo della mezza sezione delle gallerie dal manufatto Ferrari ha messo in luce la presenza di strati di materiale prevalentemente sabbioso - con percentuali di sabbia talvolta superiori all 80% e con frazioni limose importanti; inoltre, la falda nella sua risalita già menzionata ha interessato gli strati di terreno al di sopra ed in corrispondenza della quota di appoggio delle centine, la cui composizione granulometrica è risultata spesso costituita da sabbia pressoché pulita, quasi monogranulare. I risultati delle indagini geotecniche hanno permesso di redigere un profilo stratigrafico di dettaglio e di ricostruire la posizione e l estensione delle lenti sabbiose effettivamente riscontrate nella tratta in esame; tali dati sono risultati di grande utilità per mettere a punto il sistema di consolidamento da adottare al contorno della galleria, come descritto nel successivo Analisi e quantificazione degli effetti di interazione scavo-preesistenze di superficie Il progetto esecutivo della galleria ha richiesto lo sviluppo di analisi specifiche per la definizione delle sezioni di scavo e dei relativi sistemi di consolidamento, in modo da garantire margini di sicurezza adeguati nei confronti dell integrità statica - funzionale delle preesistenze di superficie e nel sottosuolo

4 L analisi di interazione tra scavo delle gallerie e fabbricati è risultata quindi strumento decisivo per verificare l affidabilità delle soluzioni progettuali di scavo e definire le soglie dei parametri da monitorare durante lo scavo, attraverso apposita strumentazione da installare sugli edifici. Le analisi di interazione terreno struttura sono state condotte adottando sistemi via via più sofisticati. Una prima stima dei cedimenti indotti al piano campagna dallo scavo di gallerie metropolitane nel territorio comunale di Milano è stata eseguita raccogliendo talune case histories ben documentate in merito a subsidenze misurate nel corso dell esecuzione sia del Passante, sia della Linea M3. A queste si sono aggiunti i più recenti dati del monitoraggio in alcuni tratti della Variante Garibaldi della Linea M5, lavori già ultimati e a diretta conoscenza degli autori (Peri et al., 2011). Stabilito l ordine di grandezza dei cedimenti al p.c. indotti dallo scavo GN ed elaboratone un range di variabilità, in modo da definire i valori soglia di riferimento minimi e massimi, l entità del danno potenziale indotto dallo scavo è stata determinata in prima fase attraverso metodi semi-empirici sia in condizioni di campo libero (free-field), sia prendendo in conto l effetto delle rigidezze degli edifici (Figura 3). Figura 3. Esempi di analisi di primo livello Considerati i limiti di applicabilità dei metodi semi-empirici allo studio di edifici alti, si è proceduto con un ulteriore livello di analisi per la torre, avvalendosi di un modello di calcolo ad elementi finiti tridimensionale, implementato con il codice STRAUS7 (Figura 4). In questo secondo livello di analisi, l edificio è discretizzato con elementi trave (pilastri) ed elementi piastra (solai e fondazioni), mentre il terreno è schematizzato con elementi solidi tipo brick, modellazione che ha permesso di verificare in modo quantitativo gli effetti generati in fondazione e in elevazione dai possibili campi di spostamenti: - ricostruiti mediante le analisi di primo livello sopra descritte, ipotizzando un range di spostamenti possibili tarati sulla base di una raccolta dati inerenti esperienze similari di gallerie scavate in ambito urbano, sia sopra che sotto falda, in fregio ad edifici anche di notevole importanza e altezza; - analisi alle differenze finite (codice di calcolo Flac 2D - Itasca.Inc), simulando i cedimenti attesi a p.c. al variare di fasi esecutive, tipologie o intensità dei consolidamenti al contorno di scavo. Figura 4. Il modello a elementi finiti per le analisi di secondo livello - 4 -

5 Dal confronto fra i casi reali e i modelli numerici è stato possibile definire un campo probabile di spostamenti indotti dallo scavo in superfice e sull edificio, all interno del quale indagare la risposta strutturale del fabbricato e stimare l entità del danno potenziale indotto nei vari scenari di cedimento ottenuti all avanzare dello scavo, definendo in modo coerente le soglie di attenzione di allarme per il monitoraggio in corso d opera ed eventuali interventi correttivi tesi a minimizzare gli effetti dello scavo. 3 Descrizione delle soluzioni progettuali 3.1 Definizione delle sezioni di scavo 1) Nel tratto interferente con i due edifici descritti in premessa, al contorno di scavo è stata prevista la formazione di una fascia di terreno consolidato dello spessore di circa 3 4 m in calotta e 4 5 m in arco rovescio (a.r.), realizzato con iniezioni cementizie integrate. A tale guscio trattato è demandata la funzione di impermeabilizzare lo scavo nonché limitare il detensionamento dell ammasso e la formazione di una conca di subsidenza, in misura compatibile con la salvaguardia dei fabbricati soprastanti la galleria. Il rivestimento di prima fase è costituito da centine HEA 180 a passo 0.8 m e da 20 cm di spritz beton armato con rete 6 15x15. Il rivestimento definitivo in calcestruzzo armato presenta spessore di 0.8 m in chiave a.r., e da 0.7 a 1.5 m circa in chiave calotta. L incremento di spessore in calotta è determinato dalla riprofilatura scavo necessaria a creare lo spazio di manovra sopra quota falda per poter eseguire le iniezioni dal fronte in avanzamento. La geometria della sezione ottenuta è illustrata in Figura 5; sono visibili il sovraspessore di calotta e la particolare conformazione curva dei piedritti, progettata al fine di contenere durante la fase di ribasso i fenomeni di plasticizzazione al contorno dovuti alla pressione dell acqua ed ai carichi in fondazione determinati dai fabbricati. EDIFICIO VIA TAZZOLI AC HOTEL CORPO B Figura 5. Sezioni tipo di consolidamento in avanzamento e da piano strada Con riferimento alla Figura 5, il consolidamento al contorno del cavo è stato realizzato adottando due schemi di trattamento: 1) Consolidamenti in avanzamento: nel tratto interferente con la linea tranviaria di via Farini e con l edificio di via Tazzoli N.3, le operazioni di consolidamento della mezza sezione superiore sono avvenute in avanzamento per campi successivi. Una volta realizzato lo scavo di calotta, il trattamento in arco rovescio è stato eseguito dal piano di scavo della mezza sezione. In generale, il criterio seguito per i trattamenti della mezza sezione superiore sotto fabbricati prevede di avere in ogni sezione almeno tre corone sovrapposte di fori da cui eseguire le iniezioni, in modo tale da poter contare su un certo spessore di trattamento anche in caso di non apertura di qualcuna delle valvole di iniezione. La lunghezza dei campi di scavo è stata fissata in 10 m; - 5 -

6 2) Consolidamento dal piano campagna: nei tratti privi di interferenze in superficie si è proceduto con il consolidamento di tutto il contorno della galleria a partire dal piano campagna. Le geometrie di iniezione e scavo sono state elaborate in modo tale da poter variare le strategie di lavoro in corso d opera a seconda delle indicazioni derivanti dai monitoraggi o di difficoltà riscontrate in fase di perforazione/iniezione, p.es. in presenza di strutture di fondazione o provvisionali dell ACH (paratie di perimetrazione scavi edificio). Queste strutture infatti hanno costituito un serio condizionamento allo sviluppo progettuale e realizzazione di raggiere di consolidamento ottimali, pertanto in progetto si è previsto di innalzare il profilo di scavo in calotta lungo tutta la tratta, così da poter adottare la soluzione tipo 1), qualora necessario, secondo un approccio tipicamente osservazionale. 3.2 Analisi di iniettabilità dei suoli, definizione delle miscele e aspetti esecutivi delle iniezioni Esclusa la possibilità di utilizzare i trattamenti colonnari in jet grouting nelle sezioni consolidate in avanzamento, per i motivi legati all innalzamento della falda con conseguente progressivo restringimento della sezione utile, e valutati i vantaggi della tecnologia delle iniezioni per i tratti consolidati dall alto sotto i fabbricati, è stato compiuto un attento studio dell iniettabilità dei suoli. E apparso subito evidente, infatti, che solo una esecuzione a regola d arte delle stesse avrebbe consentito lo scavo della galleria nelle condizioni previste in progetto. Il terreno di Milano nei primi m di profondità (al di sotto dei primi metri di riporto superficiale) è caratterizzato da ghiaie sabbiose con intercalazioni di materiale decisamente sabbioso, talvolta con frazione limosa non trascurabile. Le miscele previste in progetto, cementizia fine e silicatica, hanno un limite indicativo di penetrabilità rappresentato rispettivamente dalle due curve granulometriche 2 e 3 di Figura 6, in cui sono riportate anche le granulometrie di alcuni campioni di terreno interessati dallo scavo della galleria. La curva 1 è invece tipica di una miscela cementizia con cemento normale, adatta a trattare terreni ghiaiosi con scarsa frazione di materiale sabbioso o più fine. Affinché un terreno possa essere consolidato efficacemente con un tipo di miscela, è necessario che la sua curva granulometrica si trovi a sinistra della curva di penetrabilità della miscela esaminata almeno con il 90% del materiale che lo compone. Il restante 10% di materiale può essere più fine. Il terreno da trattare nel caso in esame ha in generale un fuso granulometrico che ricade tra le curve 2 e 3, per cui si procede con iniezioni di prima fase con miscela cementizia fine per riempire i vuoti maggiori dovuti alla parte di ghiaia comunque rilevante. La miscela silicatica integra in seconda fase l iniezione precedente andando a trattare i vuoti più fini entro le frazioni sabbiose. Vista la presenza di terreni con percentuali di frazione limosa prossima ai limiti di iniettabilità, lo sviluppo del progetto esecutivo di consolidamento è stato effettuato prevedendo gli accorgimenti descritti di seguito: a) il maggior grado di finezza del terreno ha imposto una riduzione del raggio di azione efficace del trattamento, con riduzione dei quantitativi specifi di miscela iniettati; in tal modo si aumenta l omogeneità del trattamento e si riducono i rischi di rottura del terreno e di sollevamento, maggiori quando si devono iniettare quantità maggiori di miscela attraverso una stessa valvola; b) il terreno più fine ha richiesto l iniezione di maggiori quantitativi di miscela silicatica più penetrante, con contemporanea diminuzione di miscela cementizia; c) i parametri operativi di iniezione, cioè portata e pressione, sono stati mantenuti entro campi di valori tali da garantire la riuscita del trattamento, ciò che in genere comporta un aumento dei tempi di iniezione. La portata istantanea è stata limitata a 400 lt/h per iniettore, sia per la miscela cementizia che per la silicatica. Evitando un pompaggio veloce si riduce il rischio di formazione di un onda di sovrappressione che tende a rompere il terreno e a disperdere la miscela lontano dalle zone di interesse. Inoltre, ci si cautela anche rispetto alla formazione di macchie di miscela in pressione liquida che agiscono come martinetti, provocando sollevamenti non tollerabili specie sotto o in fregio agli edifici. Un buon risultato in termini di omogeneità del trattamento si ottiene controllando attentamente la pressione di rifiuto, ovvero la pressione da non superare per evitare di innescare la rottura nel terreno che porta le conseguenze appena descritte (Balossi Restelli, 1981); d) affinchè il trattamento sia efficace, i parametri reologici delle miscele, in particolare la silicatica, devono essere attentamente analizzati durante tutta la fase di iniezione. Sulla miscela silicatica sono state effettuate numerose prove, allo scopo di verificare che la viscosità iniziale ( 8 cp) e la stabilità (lavorabilità) rimanessero entro valori accettabili per un periodo di tempo sufficiente a permettere la miscelazione dei componenti all impianto centrale, l invio agli iniettori al fronte di lavoro e l iniezione della miscela nelle valvole (50 60 min con viscosità 12 cp). Il parametro critico è la temperatura dei materiali da miscelare, influenzata dalla temperatura ambiente. Sono stati intensificati i controlli dei parametri di viscosità e del tempo di presa (nonché sul peso della miscela), per interventi tempestivi sui dosaggi in funzione delle condizioni di temperatura reali

7 percentuale inferiore a D 100% ghiaia sabbia limo argilla % 80% 70% 60% 50% 2 3 G2 - CAMPIONE-E (da m a m) G2 - CAMPIONE-B (da m a m) G2 - CAMPIONE-F (da m a m) G2 - CAMPIONE-A (da m a m) G2 - CAMPIONE-G (da m a m) 40% 30% 20% 10% 1 0% diametro dei grani D Figura 6. Curve granulometriche e analisi di iniettabilità su campioni di terreno interessati dallo scavo Le operazioni di consolidamento del contorno della galleria (Figura 7) si sono svolte sia dal piano strada, sfruttando le aree antistanti l hotel, sede della tranvia interrotta per la costruzione della limitrofa stazione Garibaldi, sia in avanzamento, dal fronte di scavo sotto via Farini e l edificio di via Tazzoli. In Figura 7, sul fronte di scavo a mezza sezione al di sotto dell ACH, è evidente la presenza dello strato sabbioso-limoso molto fine in corrispondenza delle reni di calotta, sede dell appoggio delle centine. Strato sabbioso-limoso in corrispondenza delle reni della galleria Figura 7. Consolidamenti al contorno di scavo: -- a) panoramica dell area di cantiere per le iniezioni dal piano strada davanti all AC Hotel -- b) fronte di scavo della mezza sezione al di sotto dell AC Hotel (in evidenza lo strato sabbioso-limoso in corrispondenza delle reni di calotta) 4 Metodo osservazionale e piano di monitoraggio 4.1 La scelta del metodo osservazionale L insieme delle analisi di tipo geologico e geotecnico e di iniettabilità dei suoli, unite alla modellazione analitica e numerica del problema di interazione tra scavo e strutture di superficie, descritte nei paragrafi precedenti, ha portato a scegliere un approccio osservazionale ed ha permesso di: - definire le sezioni tipo di scavo e le modalità di avanzamento, ma anche l entità del danno potenziale indotto sui fabbricati nei vari scenari di cedimento all avanzare dello scavo; - elaborare le soglie di attenzione e di allarme da utilizzare quale riferimento per valutare l efficacia delle soluzioni progettuali; - predisporre in progetto gli eventuali interventi correttivi per minimizzare gli effetti sulle preesistenze; - definire le modalità operative con cui effettuare il monitoraggio; - scegliere la strumentazione da utilizzare, nonché definire i protocolli di gestione dei dati

8 E subito apparso evidente, infatti, come a fronte della complessità degli interventi necessari per la realizzazione delle opere M5, e delle oggettive limitazioni nella base conoscitiva delle preesistenze, non esistessero metodologie di progetto e di calcolo in grado di effettuare una predizione degli effetti di interazione assolutamente certa: in simili casi il metodo osservazionale costituisce l unico strumento efficace per la validazione delle analisi condotte e la messa a punto in corso d opera delle strategie alternative di iniezione/scavo. Naturalmente le soglie di spostamento definite in sede di progetto sono state considerate come valori di primo tentativo che, in funzione delle successive determinazioni sperimentali, sono state aggiornati al procedere dello scavo secondo una logica, appunto, di tipo osservazionale, così come definita nel D.M. 08 al Architettura del piano di monitoraggio I principi sui quali si è articolato il sistema di monitoraggio sono i seguenti: - i due edifici sono stati monitorati con livellazione ottico-manuale, e per l ACH anche in continuo con strumentazione elettronica (Figura 8), in modo da quantificare i cedimenti assoluti e differenziali, nonché le rotazioni rigide subite dai corpi di fabbrica. Data la posizione reciproca del tracciato della linea M5 e dei fabbricati, non è stato possibile installare strumentazione anche nel terreno (p.es. tubi inclinometrici) per lettura di deformazioni e spostamenti sul lato galleria interferente con gli edifici; - all interno della galleria di linea M5, durante le operazioni di scavo sono state effettuate misure di convergenza al contorno del cavo e livellazioni topografiche su caposaldi ancorati alle centine, per mettere in relazione le letture dei movimenti dei fabbricati con le convergenze all interno del cavo. Il sistema di monitoraggio messo a punto per i due fabbricati è stato inserito all interno di un più ampio piano di controllo che interessa numerosi edifici ed infrastrutture nell intorno dell asse della galleria di metropolitana e della stazione Monumentale. 4.3 Strumentazione installata I caposaldi per le livellazioni di precisione, costituiti da un chiodo in acciaio inox o alluminio reso solidale alle strutture portanti e protetti con adeguati pozzetti, sono stati installati a piano strada intorno al perimetro dell ACH e dell edificio di via Tazzoli, in modo da consentirne una lettura agevole. Figura 8. Sistema di monitoraggio AC Hotel ed edificio di via Tazzoli Per il monitoraggio in continuo dei possibili cedimenti differenziali e delle rotazioni rigide sono state installate catene livellometriche idrauliche. Per l ACH sono state previste due catene indipendenti (una per il corpo basso del fabbricato ed una per la torre ) all interno del 2 piano interrato adibito a parcheggi. I cedimenti differenziali tra le tazze generano variazioni del livello del liquido contenuto allo interno, misurate tramite celle di carico dotate di trasduttore elettrico di elevata precisione (risoluzione pari a 0,01mm), montato sotto la tazza ed all interno della scatola protettiva che racchiude l insieme

9 Per il controllo della verticalità della torre, è stato installato un pendolo diretto lungo la scala di emergenza esterna, protetto mediante idonea incamiciatura fissata sul muro portante esterno della scala stessa, così da evitare disturbi legati per esempio a correnti d aria (Amagliani et al., 1991). Un apposita centralina meteo alla sommità dell edificio ha permesso di rilevare in continuo i dati di temperatura dell aria e il vento. 4.4 Quantificazione dei valori soglia Le soglie di attenzione e di allarme (Tabella 1) sono state elaborate sulla base delle analisi di interazione descritte al 2.3, definendo i valori di riferimento sia per le operazioni di iniezione, sia per quelle di scavo. Inoltre sono state definite delle soglie di pericolo, cui è stata associata un apposita procedura di intervento, messa a punto a garanzia della proprietà dell albergo. STRUMENTO Tabella 1. Valori delle soglie di attenzione e di allarme Torre AC Hotel PARAMETRO PRECISIONE ATTESA VALORI DI SOGLIA ATTENZIONE ALLARME PERICOLO Caposaldi a p.c. Cedimenti assoluti 0.1mm ±10 mm ±20mm -- Caposaldi su edificio Tazze livellometriche Pendolo Cedimenti assoluti/ Differenziali Cedimenti differenziali Spostamenti indotti da rotazioni 0.1mm ±5 mm /L 1/2000 ±15 mm /L 1/1000 ±30 mm /L 1/300 <0.4% f.s. /L 1/2000 /L 1/1000 /L 1/ mm ±5 mm ±25mm ±50 mm In via cautelativa, considerata l importanza degli edifici, la delicatezza di alcuni elementi di finitura (quali ad esempio le pareti ventilate esterne), ed i margini di incertezza relativi alle strutture portanti, si è associata la soglia di allarme al valore di cedimento verticale 15 mm. Per il corpo basso dell hotel sono state adottate le stesse soglie indicate per il corpo a torre, sulla scorta delle analisi condotte e considerato che il corpo B sarebbe stato interessato per primo dallo scavo della galleria, e quindi sarebbe stato possibile utilizzarlo come banco di prova, sia per la messa a punto del sistema di iniezione e avanzamento, sia per la valutazione della corretta rispondenza alle ipotesi di progetto. 4.5 Protocollo di gestione dei dati In assenza di anomalie nelle letture o di evoluzione delle stesse verso i valori di allarme, le misure topografiche manuali sono state impostate con cadenza bi-settimanale. Al contrario, la strumentazione in continuo ha permesso di acquisire letture con cadenza ogni 30 minuti, adeguatamente ridondante ai fini pratici. I dati del monitoraggio in continuo sono stati resi disponibili su apposito portale accessibile via Web e i valori delle soglie di attenzione e di allarme sono stati associati a specifici codici di allarme, diramabili all occorrenza in tempo reale alla Direzione di Cantiere e alla Direzione Lavori. 5 Criticità e controllo delle previsioni progettuali in corso d opera L innalzamento della quota di falda, la presenza di materiale sabbioso-limoso fine ed i cedimenti misurati a carico dell edificio di via Tazzoli n. 3 durante lo scavo di calotta hanno comportato particolare prudenza nell esecuzione dei trattamenti di consolidamento in arco rovescio, rendendo opportuna l adozione delle seguenti procedure: a) l analisi giornaliera dei rapporti di iniezione, contenenti le pressioni e i quantitativi di miscela iniettati, con particolare riferimento agli assorbimenti di terza passata silicatica, per esecuzione sistematica di fori integrativi di iniezione, qualora il controllo evidenziasse assorbimenti di miscela inferiori agli obiettivi prefissati. In tal modo sono state individuate le zone di a.r., probabilmente interessate da strati di sabbie monogranulari fini, da integrare con ulteriori iniezioni chimiche attraverso detti fori per colmare i vuoti residui ed assicurare consolidamento uniforme e buona impermeabilizzazione; b) frequenti verifiche in cantiere per controllare le caratteristiche della miscela (in termini di viscosità e peso di volume), in modo tale da poter intervenire tempestivamente sulla taratura sia delle modalità di iniezione, sia dei quantitativi di miscela iniettati; c) realizzazione dal piano della mezza sezione di quattro tamponi aggiuntivi, ed integrazione dei consolidamenti in a.r. su tutta la tratta con colonne sino al piano di imposta delle raggere

10 28/12/10 11/01/11 25/01/11 08/02/11 22/02/11 08/03/11 22/03/11 05/04/11 19/04/11 03/05/11 17/05/11 31/05/11 14/06/11 28/06/11 12/07/11 26/07/11 09/08/11 23/08/11 06/09/11 20/09/11 04/10/11 18/10/11 01/11/11 15/11/11 29/11/11 13/12/11 27/12/11 10/01/12 24/01/12 07/02/12 21/02/12 06/03/12 20/03/12 03/04/12 17/04/12 01/05/12 15/05/12 29/05/12 12/06/12 26/06/12 10/07/12 24/07/12 Spostamenti [mm] Scavo calotta da 048 a 038 Scavo calotta da 038 a 028 Scavo calotta da 028 a Scavo calotta da a +002 Inizio scavo ribasso progr Fine scavo ribasso progr. 000 Tutto ciò ha permesso di limitare ulteriormente le venute d acqua all interno del cavo e di consolidare il fronte impedendone il rilascio, così da ridurre il più possibile i cedimenti dei fabbricati interferiti. PUNTI: Iniezioni in avanzamento II^ tratta Iniezioni in avanzamento III^ tratta Iniezioni in avanzamento IV^ tratta + Iniezioni arco rovescio R1 R18 Iniezioni a.r. R19 R31 + Integrazione a.r. ragg. addiz. R1b R18b Inizio scavo AC Hotel Figura 9. Diagramma dei movimenti dei capisaldi solidali all edificio di via Tazzoli Dal diagramma di Figura 9, che rappresenta gli spostamenti dei capisaldi solidali all edificio di via Tazzoli (depurati delle letture anomale del caposaldo 208) è possibile osservare che: - l iniezione in avanzamento della calotta ha provocato sollevamenti massimi di circa 3 mm; - la fase di scavo di calotta ha indotto cedimenti massimi intorno ai 5 6 mm (con un massimo di 8 mm allo spigolo fabbricato, caposaldo 206), ancora compatibili con la soglia di allarme prefissata; - una volta terminata la fase di iniezione dell a.r., eseguita mettendo in opera tutti gli accorgimenti elencati in precedenza, lo scavo di ribasso non ha comportato ulteriori significativi cedimenti. In corrispondenza dell ACH, talune difficoltà sono state inizialmente riscontrate sotto il corpo B ove, per il peso ridotto del fabbricato e la presenza di strati di terreni fini, si sono osservati pronunciati sollevamenti fin dalle prime fasi di iniezione. Sono state quindi elaborate alcune contromisure, tra cui: a) la diminuzione del numero degli iniettori (massimo 2 agenti contemporaneamente) e delle portate iniettate in corrispondenza delle zone più critiche e, dove necessario, la sospensione temporanea delle lavorazioni in zone particolarmente sensibili ; b) la limitazione delle percentuali di miscela cementizia di seconda passata, lasciando invariati i quantitativi delle miscele silicatiche più permeanti e quindi più idonee a contenere i sollevamenti del piano campagna e del fabbricato; c) la modifica, a seconda delle necessità e della risposta della strumentazione di monitoraggio, della sequenza di iniezione, al fine di andare a sollecitare il meno possibile il terreno al di sotto di tale corpo più basso e leggero della struttura. Inoltre, considerati i risultati soddisfacenti ottenuti per l edificio di via Tazzoli 3, l innalzamento della quota di falda ha consigliato - per le stesse ragioni - di predisporre ed effettuare anche per la tratta interferente con l ACH una serie di integrazioni ai consolidamenti previsti nel progetto iniziale, tra cui: 1) la realizzazione, da piano campagna, di quattro tamponi in arco rovescio, per limitare l ingresso di acqua dal fronte durante le fasi di scavo e di un tampone massivo di iniezione a fine lotto, per poter sospendere temporaneamente in sicurezza lo scavo; 2) integrazione dei consolidamenti con colonne continue in attraversamento della sezione di scavo della galleria (anche alternate)

11 21/06/11 05/07/11 19/07/11 02/08/11 16/08/11 30/08/11 13/09/11 27/09/11 11/10/11 25/10/11 08/11/11 22/11/11 06/12/11 20/12/11 03/01/12 17/01/12 31/01/12 14/02/12 28/02/12 13/03/12 27/03/12 10/04/12 24/04/12 08/05/12 22/05/12 05/06/12 19/06/12 03/07/12 17/07/12 31/07/12 14/08/12 28/08/12 11/09/12 25/09/12 09/10/12 23/10/12 06/11/12 Spostamenti [mm] Termine getto calotta Punti in superficie: II^ passata cementizia R37 R76 + III^ passata chimica R37 R40 III^ passata chimica raggere R41 R76 Scavo calotta Pr Scavo di ribasso Pr ,0 16,0 15,0 14,0 13,0 12,0 11,0 10,0 9,0 8, ,0 6,0 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0,0-1,0-2,0 Figura 10. Diagramma dei movimenti dei capisaldi superficiali e solidali all AC Hotel Per quanto riguarda l AC Hotel nel suo complesso, osservando il diagramma in Figura 10, che riporta l andamento dei capisaldi topografici e lato scavo, si può dedurre che: - i sollevamenti in fase di iniezione sono stati contenuti mediamente entro i 5 6 mm sul corpo torre A, più alto (caposaldi 108,109), mentre sul corpo B (caposaldi 110,162,163) hanno raggiunto mediamente 14 mm; il solo caposaldo di spigolo 111 ha raggiunto i 17 mm, superando la soglia di allarme senza tuttavia generare alcun tipo di danno, neppure estetico, sulla struttura; - i cedimenti dovuti al successivo scavo sono risultati inferiori ai precedenti, mediamente intorno ai 3 4 mm sulla torre e ai 6 7 mm sul corpo basso, in linea con le previsioni progettuali. L entità dei cedimenti ottenuti è stata confermata anche dai risultati del monitoraggio del sistema assestimetrico. Infine, l andamento delle misure effettuate con il pendolo ha dimostrato in modo certo l avvenuta stabilizzazione del corpo A; in Figura 11 si osserva che l inclinazione di detta torre si è evoluta durante le fasi di iniezione e scavo, per tornare a fine lavori quasi nella stessa posizione di partenza. Figura 11. Inclinazione del pendolo durante il progredire degli interventi

12 6 Conclusioni Sulla base delle evidenze del monitoraggio, e con le integrazioni ai trattamenti di iniezione sopra descritti, grazie anche alla perizia dei vari operatori coinvolti ed alla stretta collaborazione con gli specialisti si è potuto procedere allo scavo della galleria in modo celere ed in sicurezza, in assenza di venute d acqua significative, salvaguardando così l integrità degli edifici interferenti, assai sensibili. Al termine dei lavori è inoltre possibile affermare che il modello di previsione progettuale e la corretta esecuzione degli interventi hanno trovato ottime rispondenze sia nei valori di cedimento misurati che nella rotazione rigida delle strutture. Infine, l analisi del complesso delle misure effettuate mostra l avvenuta stabilizzazione degli edifici dopo la realizzazione del rivestimento definitivo della galleria. In situazioni così particolari è necessario un controllo continuativo delle operazioni per poter adeguare la gestione delle operazioni stesse in funzione di quanto il terreno trattato stesso comunica: basilare, e non sempre facile, risulta la percezione di questi segnali che arrivano dai dati tratti dal monitoraggio, integrati con quelli segnalati dalle reazioni del terreno tramite il costante controllo dei quantitativi e pressioni nel corso delle iniezioni delle differenti miscele impiegate. 7 Ringraziamenti Si ringrazia l ing. Maria Antonietta De Palma per la collaborazione in cantiere e nell elaborazione dei dati. Per Astaldi, un particolare ringraziamento va all intera struttura coinvolta, citando qui per tutti il Direttore Tecnico C. Magnante, i Direttori di Cantiere (S. Grosina, G. Lomio) ed i capi cantiere, Geom. M. Delle Vedove e Geom. M. De Angelis, per la competente ed attenta gestione delle operazioni e l interlocuzione continua di collaborazione con progettisti e specialisti, nonché il Geom. A. Negri con i suoi collaboratori topografi, il cui apporto ha reso possibile il successo dell intervento e questo articolo. 8 Bibliografia Amagliani U., Balossi Restelli A Movimenti di un grattacielo interessato dallo scavo di una grossa stazione metropolitana nella città di Milano. Proceedings of the International Conference on Soil and Rock Improvement in Underground Works, Milan, vol. 1, Balossi Restelli A Iniezioni in terreni sciolti. X Ciclo di Conferenze di Meccanica dei Terreni e Ingegneria delle Fondazioni, Metodi di Miglioramento dei Terreni, Politecnico di Torino, Turin. Canetta G., Cavagna B., Nicolini E., Nova R Analisi degli spostamenti indotti dalle fasi di scavo di una galleria metropolitana. Rivista Italiana di Geotecnica, vol. 3-4/97, Nicolini E., Nova R Modelling of a tunnel excavation in a non-cohesive soil improved with cement mix injections. Computer and Geotechnics, vol. 27/2000, Peri G., Galvanin P., Socci A., de Sanctis F Metropolitana di Milano Linea 5: Progetto e monitoraggio di due attraversamenti in sotterraneo di Linee ferroviarie esistenti. Atti XXIV Convegno nazionale di geotecnica, Naples, vol. 2,

Nella tratta relativa al Lotto 5, sono presenti due gallerie naturali: - galleria Monte Domini - galleria Sappanico. Galleria Monte Domini

Nella tratta relativa al Lotto 5, sono presenti due gallerie naturali: - galleria Monte Domini - galleria Sappanico. Galleria Monte Domini Nella tratta relativa al Lotto 5, sono presenti due gallerie naturali: - galleria Monte Domini - galleria Sappanico Galleria Monte Domini Le tratte in sotterraneo della galleria Monte Domini risultano

Dettagli

Anas SpA. Anas SpA. Direzione Centrale Progettazione. Camera di Commercio Como. Ministero Infrastrutture e Trasporti. Direzione Centrale Progettazione

Anas SpA. Anas SpA. Direzione Centrale Progettazione. Camera di Commercio Como. Ministero Infrastrutture e Trasporti. Direzione Centrale Progettazione Anas SpA Direzione Centrale Progettazione Ministero Infrastrutture e Trasporti RegioneLombardia Provincia di Como Camera di Commercio Como Anas SpA Direzione Centrale Progettazione INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano

Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano Cantieri complessi nelle metropoli: il nuovo edificio di Via Cambi a Milano Ing. Danilo Campagna, danilo.campagna@mscassociati.it Ing. Alessandro Aronica, alessandro.aronica@mscassociati.it Se in passato

Dettagli

CONGELAMENTO. www.pacchiosi.com ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS. Roma (ITALY)

CONGELAMENTO. www.pacchiosi.com ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS. Roma (ITALY) www.pacchiosi.com ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS Roma (ITALY) ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS CONSOLIDAMENTO ED IMPERMEABILIZZAZIONE DEI TERRENI CON LA TECNICA DEL PROGETTO: Demolizione e ricostruzione

Dettagli

METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO REALIZZAZIONE DELLE OPERE CIVILI DEL LOTTO 1 PORTA NUOVA-MARCONI LINEA 1 TRATTA PORTA NUOVA-LINGOTTO METODO PELIZZA

METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO REALIZZAZIONE DELLE OPERE CIVILI DEL LOTTO 1 PORTA NUOVA-MARCONI LINEA 1 TRATTA PORTA NUOVA-LINGOTTO METODO PELIZZA METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO REALIZZAZIONE DELLE OPERE CIVILI DEL LOTTO 1 PORTA NUOVA-MARCONI LINEA 1 TRATTA PORTA NUOVA-LINGOTTO METODO PELIZZA Prof. Ing. Sebastiano Pelizza Politecnico di Torino

Dettagli

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it 1. PREMESSA Nelle operazioni di recupero e di manutenzione straordinaria capita sempre più spesso che un edificio abbia problemi di fondazioni tali da rendere necessario un loro consolidamento. Negli ultimi

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo PALO tipo SP Il Soil Displacement (SP) è una metodologia di esecuzione del palo di fondazione eseguita senza asportazione di terreno, quindi alternativa ai pali battuti, vibroinfissi e trivellati. La tecnologia

Dettagli

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione La società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. E importante rispondere a tutte le domande

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA DMW ( Deep Mixing Wall ) - monoelica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera FONDAZIONI ETEROGENEE 1.04 Edificio uso magazzino costituito da un mantello cilindrico periferico in calcestruzzo armato precompresso e da un silo centrale. Fondazioni del mantello mediante pali e con

Dettagli

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture.

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. In particolare vengono progettati e realizzati interventi di ingegneria strutturale quali:

Dettagli

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO...

1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 GLI EDIFICI... 2 3 LE STRUTTURE ATTUALI E GLI ACERTAMENTI EFFETTUATI... 2 4 GLI INTERVENTI PREVISTI IN PROGETTO... 3 5 I CRITERI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 4 6 LE FASI REALIZZATIVE...

Dettagli

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1 PROVE DI CARICO 1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1.1.1 L attrezzatura Le prove di carico sono eseguite utilizzando l apparecchiatura denominata Collaudatore GS progettata

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON La muratura armata rappresenta un sistema costruttivo relativamente nuovo ed ancora non molto conosciuto e le richieste di chiarimenti sulle modalità di

Dettagli

Tecnologia made in Italy

Tecnologia made in Italy cemento & calcestruzzo Zoom su un progetto internazionale Tecnologia made in Italy Marco Costa L impresa Pizzarotti partecipa alla realizzazione, a Marsiglia, di un importante terminal per la ricezione

Dettagli

Le opere di sostegno dei fronti di scavo

Le opere di sostegno dei fronti di scavo a cura dello Studio Associato Pilati Le opere di sostegno dei fronti di scavo Inauguriamo una collaborazione editoriale con lo Studio Associato Pilati di Costabissara (Vi). Al centro degli interventi,

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra

Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni LABORATORIO DI COSTRUZIONI DELL ARCHITETTURA II MODULO DI GEOTECNICA E FONDAZIONI Docente: Ing. Giuseppe Scasserra Dipartimento di Ingegneria Strutturale

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA SMW ( Soil Mixing Wall ) - trielica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

- Livello elettronico di precisione - Stazione informatizzata robotizzata di altissima precisione

- Livello elettronico di precisione - Stazione informatizzata robotizzata di altissima precisione PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEL MONITORAGGIO TOPOGRAFICO E GEOTECNICO DEL COSTRUENDO NUOVO CENTRO CONGRESSI ITALIA LA NUVOLA DI FUKSAS NEL QUARTIERE EUR DI ROMA II parte Ing. RICCI Paolo * Geom. BRILLANTE

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

METROPOLITANA DI ROMA

METROPOLITANA DI ROMA ROMA METROPOLITANE METROPOLITANA DI ROMA LINEA C TRE CASI DI STUDIO RETE METROPOLITANA DI ROMA RETE METROPOLITANA DI ROMA TRACCIATO FONDAMENTALE CLODIO/MAZZINI MONTECOMPATRI PANTANO LUNGHEZZA LINEA 25,5

Dettagli

La presente relazione ha lo scopo di descrivere la struttura portante dell'edificio oggetto

La presente relazione ha lo scopo di descrivere la struttura portante dell'edificio oggetto 1. Premessa La presente relazione ha lo scopo di descrivere la struttura portante dell'edificio oggetto del Progetto definitivo del Piano Particolareggiato del Porto e variante connessa al P.U.C. Ed alla

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

RELEO S.r.l. Sede Operativa: Via Ravenna, 562 Fossanova San Marco 44124 Ferrara Tel. +39 0532 740625 www.releo.it commerciale@releo.

RELEO S.r.l. Sede Operativa: Via Ravenna, 562 Fossanova San Marco 44124 Ferrara Tel. +39 0532 740625 www.releo.it commerciale@releo. RELEO S.r.l. Vai al sistema GEOPIER Vai al sistema IMPACT RELEO S.r.l. Il Sistema Geopier, attraverso l utilizzo di colonne di ghiaia compattata, è un valido ed efficace metodo di consolidamento di terreni

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

Top-down e Sistema REP

Top-down e Sistema REP Case History - La stazione metropolitana Garibaldi MM5 di Milano Innovazione e tecnologia al servizio della cantierizzazione Top-down e Sistema REP Tecnostrutture svolge un ruolo determinante nella realizzazione

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN VIA BARABINO IN COMUNE DI SANREMO. PIANO DI MONITORAGGIO PRELIMINARE.

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN VIA BARABINO IN COMUNE DI SANREMO. PIANO DI MONITORAGGIO PRELIMINARE. Studio di Ingegneria Civile Dott. Ing. Massimo Carli Studio di Geologia Tecnica Dott. Geol. Roberto Castellano Via Matteotti n 18, 18014 Ospedaletti (IM) Via Manzoni n 75, 18038 Sanremo (IM) Tel. 0184/689368

Dettagli

Progetto di un sistema di monitoraggio geotecnico e topografico.

Progetto di un sistema di monitoraggio geotecnico e topografico. PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEL MONITORAGGIO TOPOGRAFICO E GEOTECNICO DEL COSTRUENDO NUOVO CENTRO CONGRESSI ITALIA - LA NUVOLA DI FUKSAS NEL QUARTIERE EUR DI ROMA I parte Ing. RICCI Paolo * Geom. BRILLANTE

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

8.1. INCREMENTO DELLA DISTANZA TRA L'EDIFICIO E L'INFRASTRUTTURA

8.1. INCREMENTO DELLA DISTANZA TRA L'EDIFICIO E L'INFRASTRUTTURA 8. MISURE DI MITIGAZIONE I possibili interventi adottabili per la riduzione degli effetti delle vibrazioni sugli edifici e sulle attività umane possono essere schematicamente suddivisi in: Incremento della

Dettagli

CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE.

CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE. www.systab.it CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE. Le crepe nei muri sono un sintomo da non trascurare, spesso legato ad un cedimento del terreno

Dettagli

TREVI PER L EDILIZIA PRIVATA Dal mondo, al vostro mondo.

TREVI PER L EDILIZIA PRIVATA Dal mondo, al vostro mondo. TREVI PER L EDILIZIA PRIVATA Dal mondo, al vostro mondo. UNA STORIA COMINCIATAIL GRUPPO 50 ANNI FA Da oltre 50 anni, il GRUPPO TREVI è universalmente riconosciuto leader di riferimento nel settore dell

Dettagli

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI

NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI ARCHITETTONICO NUOVA TIPOLOGIA ANTISISMICA DI EDIFICI INDUSTRIALI STRUTTURALE Pagina 1 di 9 Sommario SOLUZIONE TIPO :... 3 VANTAGGI RISPETTO AL SISTEMA USUALE DI CAPANNONI PREFABBRICATI :... 6 SCELTA TIPOLOGIA

Dettagli

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche D: Opere speciali Nelle opere speciali rientrano tutte quelle tipologie di opere che non appartengono specificatamente a categorie di intervento quali sistemazioni d alveo o di versante. Sono particolari

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN VITO

COMUNE DI MONTE SAN VITO COMUNE DI MONTE SAN VITO PROGETTO DEFINITIVO DEL NUOVO COLOMBARIO CIMITERIALE IN AMPLIAMENTO DELL ESISTENTE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE RELAZIONE GENERALE SITO EDIFICIO: Monte San Vito presso il Cimitero

Dettagli

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E La presente relazione si riferisce al progetto dell intervento pubblico in attuazione Programmi Urbani Complessi - PUC2 Sistemazione

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

FONDAZIONI SUPERFICIALI

FONDAZIONI SUPERFICIALI FONDAZIONI SUPERFICIALI Una fondazione superficiale trasmette i carichi della struttura agli strati di terreno in prossimità del piano campagna. In generale il terreno può sopportare tensioni molto minori

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Attidium: l area archeologica diviene luogo di fruibilità turistica Importo dell opera 133.000,00 Importo del cofinanziamento

Dettagli

Metropolitana di Napoli Linea 1 Tratta Dante Centro Direzionale Nord

Metropolitana di Napoli Linea 1 Tratta Dante Centro Direzionale Nord INFORMAZIONI DI BASE Tipologia: gallerie in area urbana Gallerie di linea: Lunghezza: 3900 x 2 m Diametro: 6,75 m Sezione di scavo: 185 m 2 Copertura: 5 45 m Gallerie di stazione: Lunghezza: 900 m Diametro:

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

TECNOLOGIE SOLES NON INVASIVE AL SERVIZIO DELLA REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI INTERRATI IN AMBIENTE URBANO

TECNOLOGIE SOLES NON INVASIVE AL SERVIZIO DELLA REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI INTERRATI IN AMBIENTE URBANO TECNOLOGIE SOLES NON INVASIVE AL SERVIZIO DELLA REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI INTERRATI IN AMBIENTE URBANO Relatori: Ing. Roberto Zago, (Presidente Soles) Dott. Geol. Francesco Alberti, (Consulente Soles)

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15

PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 QUADERNO I Sistemi di fondazione PALI E MICROPALI Scheda N : PALI TRIVELLATI CLASSICI 15 1 Pali trivellati semplici La trivellazione è eseguita senza tubazione di sostegno delle pareti o con tubazione

Dettagli

PROVE PER LA DETERMINAZIONE DEI MODULI DI DEFORMAZIONE M d E M d M PROVA DI CARICO A DOPPIO CICLO CON PIASTRA CIRCOLARE<

PROVE PER LA DETERMINAZIONE DEI MODULI DI DEFORMAZIONE M d E M d M PROVA DI CARICO A DOPPIO CICLO CON PIASTRA CIRCOLARE< 2.5.17 PROVA SU PIASTRA Md Pag. 1 di 4 PROVE PER LA DETERMINAZIONE DEI MODULI DI DEFORMAZIONE M d E M d M PROVA DI CARICO A DOPPIO CICLO CON PIASTRA CIRCOLARE< 1. Scopo Lo scopo della prova è quello di

Dettagli

Quadri fessurativi in situazioni particolari

Quadri fessurativi in situazioni particolari Seminario di Aggiornamento Professionale DIAGNOSI E MONITORAGGIO DEI DISSESTI DEGLI EDIFICI Matera 3 ottobre 2009 Quadri fessurativi in situazioni particolari Prof. Ing. Geol. Vincenzo Simeone Professore

Dettagli

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine Committente: Comune di Flero Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine ------------------------------------------------------------------

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II

Università degli studi di Napoli Federico II Università degli studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle scienze di base Corso di Laurea Triennale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed

Dettagli

Prof. Stefano Lonati 23/09/2013. Tipologie. Prof. Stefano Lonati. Prof. Stefano Lonati LE FONDAZIONI

Prof. Stefano Lonati 23/09/2013. Tipologie. Prof. Stefano Lonati. Prof. Stefano Lonati LE FONDAZIONI 23/09/2013 Tipologie LE FONDAZIONI? 1 23/09/2013 FUNZIONE DELLE FONDAZIONI Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi agenti sull edificio. Il sedime

Dettagli

versus strutture intelaiate in c.a.

versus strutture intelaiate in c.a. Costruire oggi: muratura portante versus strutture intelaiate in c.a. DI M. Boscolo Bielo Godega di S. Urbano (TV) L analisi dei costi per la realizzazione di un edificio per il terziario a Godega di S.

Dettagli

Realizzazione di una autorimessa interrata in piazza Meda. Milano.

Realizzazione di una autorimessa interrata in piazza Meda. Milano. Realizzazione di una autorimessa interrata in piazza Meda. Milano. SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI EDIFICI ADIACENTI GLI SCAVI CON ELETTROLIVELLE DI PRECISIONE Novembre 2008 Luglio 2009 ADVANCED G EOTECHNICAL

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno RISPOSTA A DOMANDA N. 2 RELAZIONE Generalità La presente relazione illustra gli aspetti geotecnici e delle fondazioni relativi alle strutture delle seguenti opere: EDIFICIO SERVIZI BUNKER PROTEXIMETRICO

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE

TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Como / Collegio dei Geometri della Provincia di Como / Ordine degli Architetti della Provincia di Como / Ordine

Dettagli

www.romolodifrancesco.it

www.romolodifrancesco.it PREMESSA Il caso trattato è relativo ad un progetto di consolidamento di un edificio residenziale sito nel comune di Giulianova (TE), in funzione del dissesto palesato riconducibile anche a cedimenti delle

Dettagli

Appoggi per l edilizia Kilcher

Appoggi per l edilizia Kilcher Appoggi per l edilizia Kilcher Deforma Limitgliss Teflon Con l installazione degli appoggi Kilcher è possibile evitare la formazione di crepe nelle costruzioni dovute a deformazioni e torsioni angolari

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Ingegneria PRIMA PROVA SCRITTA DEL 23 NOVEMBRE 2011 Tema n. 1 Il candidato illustri i tipi edilizi residenziali. Si discutano inoltre le principali relazioni tra tipologie edilizie e morfologie urbane. Si richiede,

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2 D.M. 11.03.1988: [ ] la progettazione deve essere basata sulla caratterizzazione geotecnica dei terreni di fondazione, ottenuta a mezzo di rilievi, indagini e prove [ ] NTC2008: [ ] Le scelte progettuali

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO PER IL CONSOLIDAMENTO DEGLI ADDOSSATI DELL ALA SUD DEL CIMITERO DELLA VILLETTA MONITORAGGIO STRUTTURALE

PROGETTO ESECUTIVO PER IL CONSOLIDAMENTO DEGLI ADDOSSATI DELL ALA SUD DEL CIMITERO DELLA VILLETTA MONITORAGGIO STRUTTURALE COMUNE DI PARMA SETTORE SERVIZIO MANUTENZIONE E PATRIMONIO PROGETTO ESECUTIVO PER IL CONSOLIDAMENTO DEGLI ADDOSSATI DELL ALA SUD DEL CIMITERO DELLA VILLETTA MONITORAGGIO STRUTTURALE - Parma 1 marzo 2007

Dettagli

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE

MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE MISURAZIONE E QUANTIFICAZIONE DELLE OPERE Al termine della fase di classificazione (o suddivisione in capitoli), è possibile redigere l elenco delle voci (o articoli) che rappresentano la lavorazione da

Dettagli

PROVE DI CARICO SU PIASTRA (Plate Load Test PLT)

PROVE DI CARICO SU PIASTRA (Plate Load Test PLT) Il progetto stradale principi e casi pratici 24 ottobre 2012 PROVE DI CARICO SU PIASTRA (Plate Load Test PLT) Dott. Geol. Diego Italiano Laboratorio ALTAIR s.r.l. 1 INDICE Introduzione Normativa Obiettivi

Dettagli

Consolidamento e impermeabilizzazione con betoncino additivato

Consolidamento e impermeabilizzazione con betoncino additivato Consolidamento e impermeabilizzazione con betoncino additivato Mordagà Mirko, Ingegnere, Docente a contratto presso DESTEC - Dipartimento di Ingegneria dell Energia, dei Sistemi del Territorio e delle

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno delle strutture portanti. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi

Dettagli

Torre Isozaki. 1 di 7

Torre Isozaki. 1 di 7 Torre Isozaki Location: Milano, ex polo urbano della Fiera Developer: CityLife S.p.A. Architetti: Arata Isozaki, con Andrea Maffei Destinazione: uffici Tenant: Gruppo Allianz General contractor: Colombo

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

Ancoraggi autoperforanti Micropali e tiranti

Ancoraggi autoperforanti Micropali e tiranti w w w. s o i l n a i l i n g. i t Consolidamento frane e terreni Soil Nailing / Pareti Chiodate Bonifiche montane Ancoraggi autoperforanti Micropali e tiranti INTERVENTI di controllo e miglioramento statico

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...

CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale... CERTIFICATO DI COLLAUDO delle strutture in conglomerato cementizio armato (Legge 5.11.1971, n. 1086 - Legge 2.2.1974, n. 64 - Legge Regionale...) Il progetto architettonico delle opere in collaudo per

Dettagli

CONSIDERAZIONI GENERALI

CONSIDERAZIONI GENERALI CONSIDERAZIONI GENERALI FUNZIONI DELLE FONDAZIONI La funzione delle fondazioni è quella di trasferire i carichi provenienti dalla struttura in elevazione al terreno sul quale l edificio poggia. La scelta

Dettagli

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI - MIGLIORAMENTO SISMICO; - VERIFICA GLOBALE DEGLI EDIFICI; - DETTAGLI STRUTTURALI; 01/10/2012 relatore DELDOSSI Ing. Angelo Amm.re DELDOSSI S.R.L. PREMESSA

Dettagli

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI INTERNAZIONAL AIRPORT NAPOLI CAPODICHINO NEW TERMINAL PASSENGER DESIGN OF STEEL

Dettagli

STRUMENTAZIONE GEOTECNICA DI MONITORAGGIO. ovvero Strumentazione geotecnica tradizionale utilizzata per il monitoraggio dei movimenti franosi

STRUMENTAZIONE GEOTECNICA DI MONITORAGGIO. ovvero Strumentazione geotecnica tradizionale utilizzata per il monitoraggio dei movimenti franosi 5 maggio 2005 - Corso di Laboratorio Monitoraggio Frane STRUMENTAZIONE GEOTECNICA DI MONITORAGGIO ovvero Strumentazione geotecnica tradizionale utilizzata per il monitoraggio dei movimenti franosi FINALITA

Dettagli

Ampliamento della Galleria Monte Domini. Nuove tecnologie per lo scavo in presenza di traffico

Ampliamento della Galleria Monte Domini. Nuove tecnologie per lo scavo in presenza di traffico Ampliamento della Galleria Monte Domini. Nuove tecnologie per lo scavo in presenza di traffico Relatore : ing. Francesco Mazzeo Società: Ghella S.p.A. 4 Luglio 2013 Scuola di Ingegneria e Architettura

Dettagli

2. L inquadramento normativo e i requisiti dell acqua

2. L inquadramento normativo e i requisiti dell acqua 1. Premessa Nell area industriale dello spezzino si presentano condizioni ottimali per sviluppare un processo di recupero e riutilizzo delle acque reflue depurate, dal momento che l impianto di trattamento

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

ACQUARIO DI ROMA ROMA EUR, Via Cristoforo Colombo Mare Nostrum s.r.l. INDICE. 1) L OPERA. pag. 2. 2) LA TECNICA DI COSTRUZIONE. pag.

ACQUARIO DI ROMA ROMA EUR, Via Cristoforo Colombo Mare Nostrum s.r.l. INDICE. 1) L OPERA. pag. 2. 2) LA TECNICA DI COSTRUZIONE. pag. INDICE 1) L OPERA. pag. 2 2) LA TECNICA DI COSTRUZIONE. pag. 3 3) LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE.. pag. 5 4) LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... pag. 7 5) IL PROFILO STRATIGRAFICO. pag. 8 6) LA FALDA... pag. 14

Dettagli

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio 1 Cenni introduttivi ed Analisi dei carichi.... 2 1.1 Descrizione Tipologica...2 1.2 Schematizzazione strutturale...4 1.3 Analisi

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

C10. REDAZIONE DEI PROGETTI STRUTTURALI ESECUTIVI E DELLE RELAZIONI DI CALCOLO

C10. REDAZIONE DEI PROGETTI STRUTTURALI ESECUTIVI E DELLE RELAZIONI DI CALCOLO C10. REDAZIONE DEI PROGETTI STRUTTURALI ESECUTIVI E DELLE RELAZIONI DI CALCOLO Le norme di cui al Cap.10, disciplinando la redazione dei progetti esecutivi delle strutture, contengono anche criteri guida

Dettagli

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Il controllo della progettazione: i compiti del collaudatore. Forum della Tecnica delle

Dettagli

COMUNE DI LEGNANO (MI) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO in attuazione al P.G.T. di Legnano Ambito di trasformazione n.

COMUNE DI LEGNANO (MI) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO in attuazione al P.G.T. di Legnano Ambito di trasformazione n. COMUNE DI LEGNANO (MI) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO in attuazione al P.G.T. di Legnano Ambito di trasformazione n. 3 "Ex Fonderie" EDIFICIO "EX FONDERIE" via Firenze, via Rossini via XX settembre

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

Sapienza - Università degli Studi di Roma

Sapienza - Università degli Studi di Roma TEMA N. 1 - Ingegneria Elettrotecnica/Energetica Macchine Elettriche Impianti Elettrici Un trasformatore trifase ha potenza nominale 100 kva, frequenza nominale 50Hz, rapporto di trasformazione 10 kv/400

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 2 3. STRUTTURA GEOLOGICA DEL SITO pag. 2 4. PROGETTO DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE pag. 3 5. RISULTATI PROVE DI LABORATORIO / IN SITO pag. 4 6.

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO SPECIALISTICA OPERE INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE

Dettagli