s A L u T e i n f o r M A d i e TA, v i TA M i n e e g i n n A s T i c A c o n T r o L e omaggio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "s A L u T e i n f o r M A d i e TA, v i TA M i n e e g i n n A s T i c A c o n T r o L e omaggio"

Transcript

1 n. Lrc n. Lrc n. Lrc A n n o i v n u M e r o 2 d i c e M B r e i n f o r M A omaggio s A L u T e AZIENDA CERTIFICATA ISO 9001:00 Periodico di informazione medico-scientifica dello Studio di Radiologia Medica Amato s.r.l. d i e TA, v i TA M i n e e g i n n A s T i c A c o n T r o L e o s s A f r A g i L i Circa 75 milioni di persone in Europa, Stati Uniti e Giappone sono malate di osteoporosi. Una malattia che colpisce le donne over-cinquanta ma non risparmia gli uomini, ed è subdola perché non dà segnali e v i d e n t i, se non alla prima f r a t t u r a quando è già troppo tardi. Per questo il ruolo della prevenzione, sin da giovanissimi, è fondamentale. Il patrimonio di calcio delle nostre ossa, infatti, va costruito sin da bambini, anche perché il picco di massa ossea si ottiene entro i anni. Tre i cardini della prevenzione: alimentazione corretta con l apporto indicato di calcio per ogni fascia della vita, attività fisica costante, livello ottimale di vitamina D. E fondamentale un buon apporto di calcio, e le fonti privilegiate sono latte, yogurt e formaggi, e acque ricche di calcio. Con un suggerimento in più per gli adulti: scegliere latte o yogurt scremati per evitare di ingrassare, e limitare fumo, alcool e caffeina, nemici dell osso. Molto importante anche l attività fisica, purchè sia regolare. Basta una bella camminata di mezz ora 4-5 volte alla settimana. In ultimo, la vitamina D che si forma per azione della luce del sole. E sufficiente esporre quotidianamente alla luce del sole pochi c e n t i m e t r i q u a d r a t i di pelle. Particolare attenzione va posta durante la gravidanza e l allattamento, quando le esigenze di calcio sono aumentate per far fronte alle necessità del nascituro e del lattante, per cui questo calcio va rimpiazzato con una dieta adeguata. La moc (mineralometria ossea computerizzata) è l esame diagnostico più rilevante per quantificare in modo accurato e preciso la massa ossea e predire quindi il rischio di frattura; non è invasivo e rappresenta, oggi, la metodica più autorevole nella diagnosi dell osteoporosi, associando una ridottissima dose di radiazione ad una eccellente documentazione della regione in esame con una notevole rapidità d indagine. damien hirst a l i m e n t i r i c c h i d i c a l c i o Il calcio è contenuto soprattutto nei latticini, in alcuni crostacei e pesci (aragoste, sardine e salmone), nei legumi, nei broccoli, nelle uova e nelle mandorle. Il fabbisogno giornaliero, per l adulto, è stimabile intorno agli mg. Per le donne overcinquanta può oscillare tra i mg. Per le gestanti 1200 mg. 1 tazza Latte intero o scremato...300mg 1/2 tazza Formaggio cremoso...77mg 30 gr. Mozzarella...207mg 30 gr. Formaggio Svizzero...272mg 1/2 tazza Ricotta...334mg 1/2 tazza Gelato...88mg 1 tazza Yogurt alla Frutta...343mg 1 tazza Yogurt intero o scremato...415mg 1/2 tazza Budino al cioccolato...133mg 1 tazza Legumi...90mg 90 gr. Salmone, con la lisca...180mg 90 gr. Sardine, con la lisca...325mg 90 gr. Gamberi...98mg 1/2 tazza Cavolfi ore, cotto...179mg 1/2 tazza Cavolo verde, cotto...90mg 1 tazza Broccoli...72mg in QuesTo numero: pag. 2: Tumore del testicolo: ecografia ed elastosonografia per la diagnosi pag. 3: Dieta a basso contenuto di sale per la salute e il benessere pag. 4: L Uro-TC per la diagnosi delle neoplasie vescicali pag. 5: Mal di schiena, attenzione alla postura pag. 7: La videofluoroscopia nello studio del paziente disfagico

2 2 Lo studio di radiologia AMATo di san MArceLLino La Società è nata nel 1983 come piccola Struttura convenzionata per l erogazione di prestazioni sanitarie nel campo della Diagnostica per Immagini. Oggi svolge l attività, arricchendo la struttura di nuove metodiche diagnostiche: Tac, Risonanza Magnetica ed Ecografia e radiologia digitale. La struttura, convenzionata presso il S.S.N., rispetta ampiamente i requisiti minimi richiesti ed effettua mediamente oltre le 100 prestazioni giornaliere divise per branca. In particolare vengono eseguiti i seguenti esami diagnostici: Tomografia computerizzata multislice; Angio TC; Risonanza magnetica; AngioRM; Radiologia digitale; Ecografia (internistica, ginecologica, osteoarticolare, urologica); ecc. Ecocardiografia; Ecocolordoppler; Ecografia con contrasto; Elastosonografia. Come attrezzature possiede n 1 TC multistrato, n 1 R.M. ad alto campo, n 2 sale diagnostiche completamente attrezzate per l esecuzione di tutte le tipologie di esami radiologici e n 3 sale ecografiche munite di ecografi di ultima generazione Toshiba e Hitachi installati nuovi nel 2007 e 2008, un apparecchiatura per eseguire esami MOC-metodo DEXA. Lo Studio di Radiologia Medica si avvale di personale di provata esperienza e competenza: lo staff è composto da medici specialisti, tecnici di radiologia medica e personale amministrativo ed ausiliari. Al fine di ottenere un ulteriore consolidamento strutturale, mirato al raggiungimento dell eccellenza nei servizi offerti, a partire dal 2001, l Azienda ha operato una revisione del sistema organizzativo interno, implementando un Sistema di Gestione per la Qualità conforme alla normativa internazionale UNI EN ISO 9001:00. info e prenotazioni: tel. 081/ tel./fax.081/ TuMore del TesTicoLo Dott. Dino D Andrea Ecografia con doppler con integrazione elastosonografica per la diagnosi Secondo la rete di sorveglianza epidemiologica degli Stati Uniti, negli ultimi 30 anni c è stato un aumento della frequenza di tumore testicolare di circa il 45%, ma la mortalità è diminuita del 70%, a testimonianza dei significativi progressi raggiunti nella terapia di questo specifico tumore: nel 1970, il 90% dei pazienti con cancro testicolare moriva, mentre dagli anni 90, grazie all introduzione di nuovi farmaci, la situazione si è invertita, e oggi il 90% degli uomini con cancro diffuso possono essere curati. fattori di rischio e sintomi Tra questi, il principale è il criptorchidismo, cioè la mancata discesa nello scroto di uno dei testicoli che resta nell addome o nell inguine. Questa condizione aumenta le probabilità di trasformazione maligna delle cellule fino a 40 volte rispetto alla popolazione generale, con un rischio variabile a seconda della sede del criptorchidismo, più elevata elevata se il testicolo è nell addome e più bassa se è nell inguine; le probabilità si riducono ulteriormente se l anomalia viene corretta chirurgicamente prima dei sei anni di età. Un altro importante fattore di rischio è la sindrome di Klinefelter, un difetto dei cromosomi. Infine, gli uomini che hanno avuto un tumore al testicolo hanno dal 2 al 5% di probabilità di sviluppare lo stesso tumore nell altro testicolo nei 25 anni successivi alla diagnosi. Di solito il tumore esordisce con un nodulo, un aumento di volume, un gonfiore o un senso di pesantezza del testicolo. Per questo è importante che gli uomini imparino a fare l autoesame del testicolo (così come le donne fanno l autoesame del seno) palpando l organo di tanto in tanto per scoprire in tempo eventuali anomalie. Anche la brusca comparsa di un dolore acuto al testicolo è tipico di questo tumore, assieme a un rapido aumento del volume che può essere provocato da una emorragia all interno del tumore. Viceversa, anche il rimpicciolimento del testicolo può essere un segnale di esordio della malattia. Infine, è importante che i genitori facciano controllare i bambini dal pediatra di fiducia, poiché una correzione dell eventuale discesa incompleta del testicolo entro il primo anno di vita riduce il rischio di cancro e facilita la diagnosi precoce del tumore. La diagnosi del tumore viene effettuata tramite una ecografia con Doppler con integrazione elastosonografica. L Elastografia, che prevede l ecografia dello scroto e il dosaggio di alcuni marcatori (alfa-fetoproteina e beta- HCG), cioè sostanze presenti nel sangue prodotte dalle cellule tumorali o indotte dalla presenza del tumore, è una nuova metodica, che si prefigge di effettuare caratterizzazione tessutale, è quindi corretto parlare di una vera e propria innovazione diagnostica. Questa metodica sfrutta due nozioni basilari da un punto di vista clinico: l esistenza di significative differenze nelle proprietà meccaniche delle varie componenti tessutali ed il cambiamento della rigidità del tessuto, presente in numerose patologie, che è elemento importante per la rilevazione e la caratterizzazione di una lesione. La differenziazione dei tessuti viene poi rappresentata per mezzo di di diversi colori, che rappresentano la differente elasticità delle strutture sotto analisi; a tale scopo, utilizzando la sonda ecografica, si applica una pressione assiale ai tessuti, come per eseguire una palpazione. Questa nuova metodica integrativa dell esame ecografico con Doppler consente la diagnosi precoce di piccoli tumori testicolari, permettendo una corretta valutazione e differenziazione dalle infiammazioni croniche. tumore a cellule germinali

3 3 d i e TA i p o s o d i c A p e r L A s A L u T e e i L B e n e s s e r e L eccesso di sodio è tra le principali cause dell ipertensione, della cellulite e delle adiposità localizzate. Esistono alimenti ricchissimi di questa sostanza che dovrebbero essere quindi consumati raramente: i salumi, su tutti. Il principale segreto per una cucina iposodica con gusto consiste nell esaltare la naturale sapidità dei cibi combinandoli con ingredienti o aromi a base di sostanze aspre o amare o con spezie leggermente piccanti. I pomodori, ad esempio, con la loro componente acidula sono eccellenti per insaporire preparazioni in umido quali spezzatini o brasati. Una piccola quantità di limone renderà più grata un insalata o della carne ai ferri. L aceto di vino o l aceto balsamico aggiungeranno sapore alle verdure lessate o in umido. Eccovi quindi di seguito delle facilissime ricette gustose, ma soprattutto salutari per il nostro organismo. m i n e s t r o n e d i c e c i e s p i n a c i Ingredienti per porzione: 100g di ceci secchi, 100g di spinaci, 1 spicchio d aglio, olio extravergine Lascia a mollo i ceci per una notte. Scalda l olio con l aglio; elimina l aglio e aggiungi i ceci, falli insaporire e poi aggiungi gli spinaci. Aggiungi dell acqua e lascia sbbollire per un ora. Con il frullatore ad immersione riduci in purè un quarto del contenuto. Servi ponendo sul fondo del piatto una fetta di pane integrale tostato, e completa con un fi lo d olio extravergine. m e L a n z a n e c o n fa r r o Ingredienti per 2 persone: 2 melenzane, 200 gr. di farro, 1 peperone, 2 pomodori, basilico, olio extravergine. Cuoci il farro per almeno 30 minuti, cucina al vapore con la cipolla il peperone ed i pomodori. Dividi le melanzane in due metà e riempila con il farro e le verdure. Inforna a 180 gradi per circa 30 minuti. s t u z z i c h i n i d i c a r n e o p e s c e Cuoci i tranci di pesce o le fette di tacchino nel forno o sulla piastra. Una volta freddi, condiscili con una salsina preparata con olio, limone, prezzemolo e cipolla. f e t t u c c i n e a i f i n o c c h i e G a m b e r e t t i Cuoci la zucca nel forno ed i fi nocchi in padella, che vanno fatti brasare tagliati a julienne, a fuoco lento con dell olio extravergine ed una presina di aromi; a fi ne cottura dei fi nocchi aggiungi i gamberi a pezzetti e falli cuocere un minuto. Finisci i fi nocchi con una spruzzata di succo di limone. Cuoci le fettuccine, una volta scolate, condisci con un fi lo d olio extravergine e una noce di burro, metti sul fondo del piatto i fi nocchi con i gamberi, e disponi sopra le fettuccine un fi lo d olio. il centro salus di frignano Il centro Salus, accreditato con S.S.N è una struttura che opera dal 1997, principalmente nel settore della riabilitazione di bambini ed adulti con handicap fi sici, motori, neuromotori e sensoriali, fornendo anche prestazioni di terapia fi sica per patologie complesse. Il centro adotta una struttura organizzativa funzionale dove le prestazioni vengono erogate in locali adeguati con attrezzature appropriate, dove svolgono la loro attività terapisti della riabilitazione, logopedisti, psicomotricisti e psicologi-psicoterapeutici di provata esperienza. Il centro Salus eroga diversi tipi di prestazione: fisiokinesiterapia che riguarda in particolare le terapie strumentali e manuali; neuropsicomotricità che si occupa in prevalenza del recupero di patologie neuropsichiatriche di origine lesionale, di disturbi dell apprendimento; Logopedia che si occupa dei disturbi del linguaggio, della comunicazione e dell apprendimento; terapia psicologica e di sostegno per la risoluzione delle patologie legate alla distorsione della sfera psico-affettiva o affettiva relazionale dell infanzia e dell adolescenza. Il paziente può accedere ai trattamenti riabilitativi in regime di accreditamento previa prescrizione specialistica del medico prescrittore dell Asl. Il centro si propone di adottare i principi richiamati nella direttiva del Consiglio dei Ministri del 27/01/1994 e quindi l uguaglianza e l imparzialità: l erogazione delle prestazioni deve essere uguale per tutti; la continuità; i servizi devono essere erogati con regolarità; l effi cienza e l effi cacia nel senso che gli utenti hanno il diritto di avere prestazioni effi caci che determino riscontri positivi sulla salute.

4 4 L u r o - T C p e r l a d i a g n o s i d e l l e n e o p l a s i e r e n o - v e s c i c a l i Dott. Dino D Andrea L ematuria rappresenta spesso l unico sintomo delle neoplasie renali e della vescica, presente nell 80% dei casi. L ematuria macroscopica (sangue nelle urine) è in rapporto alla minzione prevalentemente terminale; può essere totale od iniziale, qualora la malattia si manifesti nelle localizzazioni pericervicali della vescica. L intensità è variabile; può presentarsi in modo monosintomatico o associata a disuria, pollachiuria, stranguria e ritenzione; tali sintomi di accompagnamento sono prevalentemente provocati da coaguli endovescicali. Da tale quadro polimorfo consegue la necessità di indagare in modo esaustivo tutti gli episodi di ematuria macroscopica. L ematuria microscopica, rilevabile esclusivamente con esami di laboratorio e presente almeno saltuariamente in tutte le neoplasie vescicali è, peraltro, un alterazione comune ad altri quadri patologici. È necessario indagare questa situazione nei gruppi di individui a rischio per età, abitudini di vita o attività lavorativa, escluse altre motivazioni patologiche. Altri sintomi sono legati alla sede di insorgenza. Nelle neoplasie a sede trigonale con coinvolgimento degli osti ureterali, in caso di ostruzione acuta, si possono manifestare quadri di colica renale o, nelle ostruzioni a più lento esordio, dolori gravativi a livello lombare; nelle sedi pericervicali, oltre a possibili ematurie macroscopiche iniziali, anche disuria con ritenzioni complete d urina. Un quadro particolare è fornito dai carcinomi in situ, che spesso esordiscono esclusivamente con sintomatologia irritativa simil-cistitica (disuria, stranguria, pollachiuria). Esistono, più raramente, sintomi legati al grado di progressione della malattia, ovvero infiltrazione degli organi viciniori, prostata, retto e vagina o provocati da localizzazioni a distanza, linfonodali, polmonari, ossee ed epatiche. Gli esami diagnostici procedono dai meno invasivi ai più invasivi. Il rilievo di sospetta neoplasia vescicale si effettua solitamente con l ecografia sovrapubica; la diagnosi di certezza è comunque istologica. Si ritiene che, in soggetto con ematuria macroscopica monosintomatica, l ecografia abbia un accuratezza complessiva, nel rilievo di lesione neoplastica della vescica, compresa tra l 80 ed il 95% con elevata specificità. Le apparecchiature ecografiche attualmente sul mercato sono in genere tecnologicamente adeguate per lo studio della patologia vescicale. Il corretto grado di replezione vescicale al momento dell esame è fondamentale: infatti, mentre è risaputo che un basso grado di replezione impedisce un buono studio dell organo, non a tutti è noto che una replezione eccessiva può comportare errori nel rilievo di lesione, in parte per il disagio da parte del soggetto esaminato, ma soprattutto per la difficoltà ad esplorare tutta la parete vescicale e per la possibilità che forme neoplastiche scarsamente aggettanti risultino spianate dalla pressione endovescicale. In tal caso è opportuno eseguire l esame a diversi gradi di replezione, mediante progressivo svuotamento. Esistono inoltre delle sedi in cui il rilievo di lesione può essere difficoltoso, cioè a livello della cupola e, in alcuni soggetti obesi e con addome prominente, le pareti laterali. Nei soggetti con grossi noduli di ipertrofia aggettante in vescica, possono essere di rilievo problematico le lesioni del basso-fondo vescicale e quelle localizzate sulla mucosa sollevata dai noduli di ipertrofia i quali se a morfologia irregolare possono essere confusi con aggetto da forma uroteliale. A fronte di un motivato sospetto clinico (macroematuria monosintomatica e/o citologia positiva) ed ecografia negativa, solitamente l approfondimento diagnostico è costituito dalla TC. La Tomografia Computerizzata Multislices permette uno studio panoramico e multiplanare dei reni e della vescica, mediante l utilizzo del mezzo di contrasto endovenoso, per mezzo del quale si possono rilevare neoplasie anche di dimensioni estremamente piccole, a patto che si eseguano sulla vescica scansioni estremamente precoci, cioè tipiche della fase arteriosa (circa 60 secondi dall iniezione). È opportuno dunque predisporre di protocolli TC che prevedano l acquisizione della vescica nelle fasi precoci dell iniezione del mezzo di contrasto. La TC permette inoltre di eseguire rapidamente esami diagnostici per lo studio della parete vescicale e delle cavità renali, di ottenere ricostruzioni multiplanari in post-processing e di studiare contemporaneamente l intera via escretrice. A cosa serve? La urotc è una metodica di studio che sostituisce a tutti gli effetti il vecchio esame urografico ed ha un posto importante nello studio delle neoplasie uroteliali. Consiste nell esecuzione di un normale esame TC dell addome secondo il protocollo per le neoplasie vescicali, cioè sfruttando la fase precoce di impregnazione per lo studio della vescica (e successivamente utilizzare la fase di eliminazione che in condizioni normali avviene dai 5 ai 10 minuti dopo l iniezione del mezzo di contrasto per ottenere un esame urografico convenzionale, la cosiddetta IVP, intravenous pielography o pielografia di eliminazione). L esame urografico convenzionale della fase tardiva della TC può essere eseguito spostando il paziente su un apparecchio radiologico convenzionale oppure nella tecnologia multidetettore, sfruttando la possibilità delle ricostruzioni elettroniche multiplanari in grado di dare un risultato iconografico del tutto sovrapponibile all esame urografico. Le caratteristiche dell esame TC condotto con apparecchiature multidetettore consentono, oltre alla ricostruzione elettronica multiplanare, anche altri tipi di studio qualora si possegga il software adeguato.

5 5 Mal di schiena, attenzione alla postura L a c o l o n n a v e r t e b r a l e La colonna vertebrale presenta tre curve naturali (lordosi cervicale, cifosi toracica e lordosi lombare). Una corretta postura deve seguire le naturali curve della colonna, per evitare di caricare in maniera scorretta i muscoli. Occorre fare attenzione che la posizione sia corretta, sia in piedi che in posizione seduta: non bisogna curvare le spalle per evitare la riduzione dell elasticità dei muscoli toracici, né ritrarle eccessivamente per evitare la sporgenza dell addome. si NO E s e r c i z i p e r l a s c h i e n a Disteso sulla schiena, con ginocchia piegate e pianta dei piedi appoggiata a terra, tirare indietro un ginocchio aiutandosi con entrambe le mani, fino al contatto con il torace. Mantenere la posizione per 30 secondi. Ritornare alla posizione iniziale e ripetere l esercizio con l altro ginocchio. Poggiato su mani e ginocchia, incurvare la schiena portando l addome lentamente verso il pavimento; inarcare poi la schiena come a spingere l addome verso il soffitto. S e d e r s i c o r r e t ta m e n t e a l l a s c r i va n i a Tenere la colonna vertebrale eretta e a contatto completo con lo schienale Poggiare i piedi su una superficie piana, con l ausilio di un poggiapiedi Poggiare i polsi su superfici smussate, per evitare il contatto ripetuto con angoli S o l l e va r e c o r r e t ta m e n t e i p e s i Per sollevare un oggetto pesante, è necessario poggiare un ginocchio sul pavimento, mantenere il corpo vicino all oggetto, poggiare il peso sull altro ginocchio ed alzarsi utilizzando i muscoli delle gambe Una diversa soluzione prevede la posizione accovacciata con i piedi paralleli, con l oggetto da sollevare posto fra le ginocchia ed alzarsi utilizzando i muscoli delle gambe I l C e n t r o C D M d i M o n d r a g o n e La struttura, presente sul territorio da oltre 30 anni, è convenzionata con il servizio sanitario nazionale (S.S.N.) per l erogazione di prestazioni sanitarie nel campo della diagnostica per immagini. Nel corso degli anni la struttura si è ampliata effettuando oltre agli esami radiologici anche prestazioni ecografiche. Presso la struttura si eseguono i seguenti esami: Radiologia Mammografia Ecografia (internistica, ostetrica, delle anche, della prostata, muscolotendinea, ecc.) Ecocardiografia Ecocolordoppler v i a V e n e z i a, M o n d r a g o n e i n f o e p r e n o ta z i o n i : /

6 6 La Risonanza Magnetica in Medicina dello Sport Dott. Marcello Zappia Negli ultimi anni, con i progressi effettuati in medicina dello sport, si è sviluppata la necessità di ottenere diagnosi sempre più precise al fine di attuare una corretta scelta terapeutica e ridurre al minimo i tempi di recupero dell atleta. Fino agli inizi degli anni 80 la medicina disponeva di poche possibilità per lo studio delle strutture muscolo-scheletriche e l intervento chirurgico rappresentava l unica modalità per la visualizzazione diretta delle conseguenze del trauma sportivo. Oggi, invece, la RM rende possibile la diagnosi specifica e non invasiva delle lesioni causate dal trauma o dal gesto atletico, attraverso la valutazione diretta di menischi, legamenti, tendini, cartilagine, ossa, muscoli etc. Rispetto ad altre tecniche, la Risonanza Magnetica presenta un accuratezza diagnostica più elevata e rende possibile il riconoscimento di minime alterazioni come fratture da stress, lesioni cartilaginee o come le modificazioni molecolari degli ematomi muscolari. Pertanto questa metodica risulta di notevole aiuto sia al medico sportivo nella valutazione dei tempi di recupero, evitando eventuali danni provocati dal prematuro ritorno all allenamento, sia al chirurgo, fornendo informazioni di sede, tipo e grado della lesione ed evidenziando eventuali lesioni secondarie. La RM, inoltre, non utilizza radiazioni ionizzanti, fattore che contribuisce a conferire a questa metodica il ruolo di gold standard per la diagnosi di gran parte delle patologie medico-sportive. L a V i d e o f l u o r o s c o p i a n e l l o s t u d i o d e l l a d i s f a g i a Dott. Alfonso Reginelli La deglutizione è un meccanismo fisiologico complesso, durante il quale il bolo alimentare transita dalla bocca al canale digestivo attraverso la via aero-digestiva superiore ed in particolare attraverso il faringe. La deglutizione viene generalmente distinta in tre fasi, delle quali la fase orale è sottoposta al controllo volontario, mentre le fasi faringea ed esofagea sono involontarie. La disfagia è un sintomo sotteso da differenti quadri patologici, in cui si verifica un alterazione del meccanismo deglutitorio, che può estrinsecarsi a vari livelli. I quadri disfagici vengono catalogati in relazione al livello in cui si verifica l alterazione funzionale, così da distinguere disfagie orofaringee e disfagie faringoesofagee. La differenziazione del livello anatomico della disfagia non riveste una semplice categorizzazione, ma è indispensabile in quanto alla diversità di presentazione clinica corrisponde un differente approccio metodologico diagnostico, e ad una precisa definizione del substrato anatomo-funzionale responsabile del sintomo, corrisponde un diverso approccio terapeutico. I pazienti affetti da disfagia orofaringea si presentano all osservazione clinica con sintomi caratterizzati da difficoltà nella fase iniziale della deglutizione, tosse, senso di soffocamento legato alla aspirazione di materiale alimentare nelle vie aeree, rigurgito nasale e scialorrea. Quando invece il problema anatomo-funzionale si localizza in sedi più distali, disfagia faringo-esofagea, il paziente avverte difficoltà nella fase terminale della deglutizione con sensazione di cibo arrestato nella parte bassa del faringe o nel torace, dolore retrosternale, odinofagia, pirosi. Il corretto inquadramento diagnostico della disfagia e dei rispettivi aspetti eziopatogenetici necessita di un approccio multidisciplinare in cui è indispensabile una stretta sinergia tra radiologo, gastroenterologo, logopedista e, in casi particolarmente complessi, neurologo, otorinolaringoiatra, geriatra o pediatra. La diagnostica strumentale della disfagia si avvale di differenti tecniche di studio sia di tipo morfologico che funzionale, tra cui si annoverano la Videofluoroscopia, la Videoendoscopia, l Ultrasonografia, la Manometria e l Elettromiografia. La Videofluoroscopia è una variante del bolo di bario che fornisce un analisi videoregistrata di tutte le fasi del processo di deglutizione, utilizzando cibi di diversa consistenza. È particolarmente indicata per l identificazione della fisiopatologia dei disturbi della deglutizione, in particolare delle anomalie della cavità orale e dell esofago, nonché per l individuazione e il trattamento dell aspirazione. Alcuni studi basati sul confronto tra la videofluoroscopia e gli esami clinici al letto del paziente effettuati da patologi del linguaggio, dimostrano che durante gli esami clinici persino i professionisti più esperti spesso non riescono a rilevare l aspirazione in un ampio numero di pazienti. Le informazioni ottenute dalla valutazione clinica costituiscono la guida alle scelte terapeutiche rieducative, come adattamenti dietetici e tecniche riabilitative logopediche dirette ed indirette, necessitano però di verifica attenta e nel tempo tramite indagini di tipo strumentale. Risonanza Magnetica La Risonanza Magnetica è una moderna tecnica diagnostica che permette di ottenere immagini dettagliate del corpo umano, mediante l uso di un campo magnetico e di radiofrequenze, senza l impiego di raggi X. È un indagine sicura e del tutto innocua per l organismo umano. L assenza di radiazioni ionizzanti, infatti, la rende particolarmente adatta anche per la ripetizione di esami a breve distanza di tempo. Grazie alla sua estrema precisione diagnostica e all assenza di effetti collaterali, si è conquistata un ruolo di primaria importanza nella diagnosi di condizioni patologiche che interessano organi e tessuti del corpo. È utile nell ottenere immagini dettagliate del cervello e della colonna vertebrale, riesce a fornire ottime informazioni anche in campo traumatologico, oncologico, ortopedico, cardiologico e gastroenterologico. Non sono necessarie preparazioni particolari per l esame base o per la somministrazione endovenosa di mezzo di contrasto. L indagine ha una durata variabile; mediamente la permanenza all interno della macchina è di circa minuti.

7 7 L i m p o r ta n z a d e l l a d i a g n o s i p r e c o c e n e l r i ta r d o p s i c o m o t o r i o Dott. Aniello De Vito Le malattie genetiche sono causate da anomalie quantitative e/o qualitative del patrimonio genico, iniziano all epoca del concepimento e sono presenti, anche se spesso non evidenti, alla nascita. Le anomalie del genoma determinano a livello biochimico un alterata concentrazione di enzimi con conseguente disfunzione di vie metaboliche, proteine di membrana e varie funzioni cellulari. Tutto questo può determinare, già durante la gravidanza, un ritardo di accrescimento di alcuni distretti rispetto ad altri con disarmonie di sviluppo e dismorfie. L insieme dei segni dismorfici costituisce spesso un pattern caratteristico che rende il neonato somigliante a soggetti con la stessa anomalia piuttosto che ai suoi familiari, e può far sospettare una malattia genetica. Le patologie genetiche possono colpire ogni organo ed apparato. Il più colpito è il sistema nervoso centrale, quasi sempre interessato nelle malattie cromosomiche e coinvolto in circa 1/3 in quelle monogeniche.i disturbi mentali risultano dall anomalia metabolica che altera con diversi processi lo sviluppo cerebrale e soprattutto la mielinogenesi e la formazione delle connessioni sinaptiche. Il deficit mentale può essere di vario grado ed associarsi a disturbi del comportamento o a particolari atteggiamenti psichici, possono riscontrarsi anomalie cromosomiche nel 10-30% con maggiore frequenza di trisomia 21 e X fragile. Per molte di queste malattie sono state individuate analisi biochimiche che permettono di effettuare uno screening neonatale. Più frequentemente si praticano quelle per la Fenilchetonuria, la galattosemia, la malattia da sciroppo d acero, l omocistinuria, e l ipotiroidismo congenito. Gli scopi di uno screening sono primari (prevenire i danni irreversibili), secondari (evitare danni ulteriori), terziari (consulenza genetica per evitarne altre). Alla nascita i sintomi clinici aspecifici che fanno sospettare un anomalia cromosomica sono: deficit di accrescimento pre e post natale, dismorfie e anomalie dei dermatoglifi, danni neurologici, etc. In molti casi la tempestività della diagnosi permette un intervento terapeutico efficace. Nei primi anni di vita molte malattie genetiche si manifestano con un generico ed aspecifico ritardo di sviluppo psicomotorio ed in seguito si organizza nella forma nosograficamente ben definita, il ritardo mentale. Chi lavora nella riabilitazione, conoscendo l evoluzione e la prognosi, può stilare un adeguato programma riabilitativo a lungo termine, preparando anche la famiglia all accettazione della perdita. Modello Operativo Il pediatra deve avere il ruolo di medico della salute del bambino (deve cioè verificare che il piccolo sia in buona salute e non solo curare la malattia), intesa nel suo insieme. Deve quindi verificare anche lo sviluppo neuromotorio e psicointellettivo del bambino, nell ambito dei periodici bilanci di salute, utilizzando mezzi idonei ad effettuare uno screening rapido ma significativo (termometro delle mamme). La mielinizzazione e lo sviluppo cerebrale del neonato avviene in modo imponente in epoca fetale e nei primi 3 4 mesi, poi decresce fino alla fine del primo anno ed oltre tale età si nota un grande calo di produzione di mielinizzazione cerebrale. Fondamentali, quindi i primi tre mesi di vita, in caso di sofferenza o danno cerebrale, per riordinare lo sviluppo di quanto fosse già presente al momento del danno e per ordinare correttamente quanto dello sviluppo è ancora in via di formazione. Si può dire che una corretta riabilitazione è in grado di modellare lo sviluppo cerebrale attraverso un esperienza guidata positiva del bambino fino alla normalità delle risposte neuro e psicomotorie secondo i parametri fisiologici noti (anche se molto variabili da caso a caso, ma sempre però ben distinti dai patologici), quindi la necessità di un intervento precoce ed adeguato per evitare la mal-informazione dal proprio corpo e dalla propria esperienza!. La terapia psicomotoria può essere un valido supporto per bambini che presentino difficoltà nello sviluppo affettivo-relazionale e motorio o nel comportamento. L obiettivo è quello di instaurare, o restaurare, la comunicazione e l identità del bambino favorendone così un maggiore benessere. Viene utilizzata ad esempio in caso di ritardo dello sviluppo psicomotorio, inibizione, iperattività, disturbo generalizzato dello sviluppo (psicosi, autismo, ), disturbo dell attenzione, ADHD, disturbo relazionale e delle condotte sociali, disturbo d ansia generalizzato, disturbo dell umore. L intervento terapeutico prende l avvio da ciò che il bambino è, dalle sue possibilità limitate, di comunicare e di affermarsi; il movimento, liberato in un contesto spaziale e relazionale rassicurante, permette al bambino di appropriarsi di una dimensione di piacere che favorisce l integrazione di un immagine positiva di sé e lo aiuta ad aprirsi alla comunicazione con il mondo esterno. C h i p u ò b e n e f i c i a r e d e l l a t e r a p i a p s i c o m o t o r i a? La Terapia psicomotoria si rivolge ai bambini che presentano: disturbi nello sviluppo motorio (per esempio nella motricità globale e fine, di postura, del tono muscolare ); disturbi nel comportamento di gioco e di lavoro (per esempio nella spinta motivazionale, di attenzione e concentrazione, di costanza ); disturbi nelle funzioni percettive (per esempio nell assimilazione ed elaborazione delle informazioni percettive ); disturbi nello sviluppo psico-sociale (per esempio mancanza di fiducia in se stessi, nelle capacità di autovalutazione, nell autonomia, nelle capacità d iniziativa propria, nelle capacità di autocontrollo, nelle capacità di relazionarsi, nelle competenze sociali ); disturbi e problemi nell ambito sociale (per esempio alla scuola dell infanzia, alla scuola elementare, per cambiamenti nella struttura familiare, per isolamento, per abbandono e trascuratezza ); altri disturbi dello sviluppo.

8 da napoli: Raggiungere l A1 Napoli-Roma, direzione Roma. Dopo 10 km prendere l uscita Acerra-Afragola direzione Afragola. Seguire il cartello Giugliano-Lago Patria dopo 8 km prendere l uscita Caserta SS265. Proseguire per Caserta, uscire ad Aversa nord, svoltare a sinistra proseguire per circa 1 Km, al semaforo svoltare a destra per via Ex-Alifana, continuare per 200 metri, all incrocio svoltare a sinistra in via Matteotti dove è situato il centro di Radiologia Amato o a destra dove è situato il Centro Salus. da caserta ss265: Uscire ad Aversa Nord svoltare a sinistra, proseguire per circa 1Km, al semaforo svoltare a destra per via Ex-Alifana, continuare per 200 metri, all incrocio svoltare a sinistra in via Matteotti dove è situato il centro di Radiologia Amato o a destra dove è situato il Centro Salus. dalla nola-villa LiTerno: Uscire a Giugliano-Marcianise direzione Giugliano proseguire fino ad Aversa nord svoltare a sinistra, proseguire per circa 1Km, al semaforo svoltare a destra per via Ex-Alifana, continuare per 200 metri, all incrocio svoltare a sinistra in via Matteotti dove è situato il centro di Radiologia Amato o a destra dove è situato il Centro Salus. Lo studio di radiologia MedicA AMATo svolge i seguenti esami diagnostici: RISONANZA MAGNETICA AD ALTO CAMPO TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA MULTISCLICE ANGIO RM Per prenotazioni MOC - METODO DEXA DENTALSCAN telefonare allo: MAMMOGRAFIA RADIOLOGIA DIGITALE ECOGRAFIA (internistica, ginecologica, osteoarticolare, urologia) ecc. ECOCARDIOGRAFIA ECOCOLORDOPPLER ECO PROSTATA TRANS RETTALE ECOGRAFIA CON CONTRASTO ELASTOSONOGRAFIA 081/ il centro salus offre Le seguenti prestazioni sanitarie : FISIOKINESITERAPIA Per prenotazioni NEUROPSICOMOTRICITA telefonare allo: LOGOPEDIA TERAPIA PSICOLOGICA 081/ Il nostro impegno è contribuire alla vostra salute Direttore Editoriale avv. agostino basco Direttore responsabile dott.ssa Loredana Guida Comitato scientifi co dott. alfredo d andrea dott. marcello zappia Foto di edoardo ciardiello Redazione via G. matteotti, san marcellino Giornale realizzato da: 328/ Supplemento al n.1/07 di Città del sole Reg. n.112/06 tribunale di S.M.Capua Vetere

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea

Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea Associazione Italiana per l Educazione Demografica Sezione di Roma L osteoporosi È una condizione dello scheletro caratterizzata

Dettagli

Il vostro bambino e lo Screening Neonatale

Il vostro bambino e lo Screening Neonatale Il vostro bambino e lo Screening Neonatale Guida per i Genitori A cura di: Centro Fibrosi Cistica e Centro Malattie Metaboliche AOU A. Meyer, Firenze Cari genitori, la Regione Toscana, secondo un programma

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi Ossi duri... si diventa Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi CHE COS E L OSTEOPOROSI? L osteoporosi è una malattia dell apparato scheletrico che comporta una bassa densità minerale, un deterioramento

Dettagli

Incontinenza urinaria nella donna

Incontinenza urinaria nella donna Focus on Incontinenza urinaria nella donna Ritrovare la serenità superando i pregiudizi Bios International Holding La capillare rete di strutture di Bios International opera da anni nel campo della diagnostica

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

se pensi alla tua salute, pensi a Domus Medica.

se pensi alla tua salute, pensi a Domus Medica. se pensi alla tua salute, pensi a Domus Medica. un approccio umanistico: la persona al centro. DOMUS MEDICA è una Struttura Sanitaria Privata polispecialistica accreditata per la medicina dello sport di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH

www.goherb.eu PERSONAL WELLNESS COACH L evoluzione della nutrizione negli ultimi decenni accompagna effetti nutrizionali positivi ma anche negativi! Gli scienziati hanno constatato una diminuzione della DENSITÁ delle vitamine e i minerali

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

Disturbi emotivi: la risposta dell'omeopatia

Disturbi emotivi: la risposta dell'omeopatia Disturbi emotivi: la risposta dell'omeopatia Disturbi emotivi: la risposta dell omeopatia. In Europa ne soffre una persona su cinque (dati emersi recentemente dal progetto Emotionalaction, coordinato dall

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE Cardiologia Il servizio di Cardiologia si rivolge ai pazienti che presentano le principali forme di patologia cardiologica e cardiovascolare, attraverso

Dettagli

25 Maggio 2013. Giornata Mondiale della TIROIDE. TIROIDE: meglio prevenire che curare

25 Maggio 2013. Giornata Mondiale della TIROIDE. TIROIDE: meglio prevenire che curare 25 Maggio 2013 Giornata Mondiale della TIROIDE Durante la settimana che va dal 20 al 24 maggio 2013 di fronte a PALAZZO MORONI Via del Municipio,1 - Sede Comunale dalle ore 9,00 alle 17,00 Un Equipe Medica

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

PREVENZIONE SECONDARIA

PREVENZIONE SECONDARIA PREVENZIONE PREVENZIONE SECONDARIA 1 LIVELLO DELLA PREVENZIONE SECONDARIA Con il termine di screening, si intende un esame sistematico condotto con mezzi clinici, strumentali o laboratoristici nella popolazione

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

IL TUMORE DELLA PROSTATA

IL TUMORE DELLA PROSTATA IL TUMORE DELLA PROSTATA Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cos è il cancro della prostata? Cancro significa crescita incontrollata di cellule

Dettagli

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Il tumore della mammella è il più frequente nella popolazione femminile. E asintomatico per un lungo periodo di tempo; la tempestività della diagnosi e della terapia

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

CONSULTORIO FAMILIARE VENOSA PROGETTO VENERE

CONSULTORIO FAMILIARE VENOSA PROGETTO VENERE CONSULTORIO FAMILIARE VENOSA PROGETTO VENERE Screening senologico INTRODUZIONE Il Progetto Venere nasce quale attenzione alla salute della donna in tutte le sue fasi ed età ed è il prosieguo di una collaborazione

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Questo testo intende fornire in maniera semplice utili informazioni su un tema di particolare importanza

Dettagli

ANATOMIA RENI, URETERI, VESCICA

ANATOMIA RENI, URETERI, VESCICA ANATOMIA RENI, URETERI, VESCICA ANATOMIA VESCICA E URETRA ANATOMIA PENE E SCROTO FISIOLOGIA DELLA MINZIONE CENTRI NERVOSI DELLA MINZIONE Area Frontale - Centro pontino + + www Anamnesi Esame obiettivo

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta LA RADIOTERAPIA E un metodo di cura conosciuto da più di 100 anni che prevede l utilizzo di radiazioni

Dettagli

Neurologia. Applicazioni della Risonanza Magnetica. dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG)

Neurologia. Applicazioni della Risonanza Magnetica. dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG) Applicazioni della Risonanza Magnetica dott. Mario Ricciardi DVM, MS (DICG) Neurologia La risonanza magnetica (RM) è oggi l'esame d elezione per l imaging del sistema nervoso centrale e periferico. L alta

Dettagli

CENTRO IDROKIN. V.le XXIV maggio, 11 TREVIGLIO BENESSERE IN GRAVIDANZA

CENTRO IDROKIN. V.le XXIV maggio, 11 TREVIGLIO BENESSERE IN GRAVIDANZA BENESSERE IN GRAVIDANZA La gravidanza è l evento più bello che una donna possa affrontare. Il lavoro corporeo in gravidanza rappresenta una sorta di viaggio, di esplorazione e riscoperta di sé. È occasione

Dettagli

CHECK UP PROSTATA (Valutazione e prevenzione di patologie prostatiche) LA PROSTATA IL PSA TOTALE CONSIGLI UTILI LA RIPETIZIONE DEL TEST IMPORTANTE

CHECK UP PROSTATA (Valutazione e prevenzione di patologie prostatiche) LA PROSTATA IL PSA TOTALE CONSIGLI UTILI LA RIPETIZIONE DEL TEST IMPORTANTE Paziente: Mario Rossi Cod. Prodotto: 00000 Codice Accettazione: 00000 CCV: 000 Data: 24/12/2015 CHECK UP PROSTATA (Valutazione e prevenzione di patologie prostatiche) LA PROSTATA IL PSA TOTALE CONSIGLI

Dettagli

Ecografia Ginecologica 30 giugno 2007 Ordine dei Medici della Provincia di Bari dott. Luigi Scaringello

Ecografia Ginecologica 30 giugno 2007 Ordine dei Medici della Provincia di Bari dott. Luigi Scaringello Ecografia Ginecologica 30 giugno 2007 Ordine dei Medici della Provincia di Bari dott. Luigi Scaringello spec.ostetrico-ginecologo luigi.scaringello@virgilio.it www.sessuologiaonline.com Clinica LA MADONNINA

Dettagli

CENTRO FISIOTERAPICO E RIABILITATIVO

CENTRO FISIOTERAPICO E RIABILITATIVO La postura di un individuo è frutto del vissuto della persona stessa, determinato da stress, traumi fisici ed emotivi, posture professionali scorrette ripetute e mantenute nel tempo, respirazione scorretta,

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

Per minimizzare i rischi potenziali di lesioni da posizioni fisiche non confortevoli, è importante adottare una postura corretta.

Per minimizzare i rischi potenziali di lesioni da posizioni fisiche non confortevoli, è importante adottare una postura corretta. Lo stress Fattori di stress: Scarsa conoscenza del software e dell hardware; mancanza di informazioni sulla progettazione, sull organizzazione e sui e sui risultati del lavoro; mancanza di una propria

Dettagli

La TC. e il mezzo di. contrasto

La TC. e il mezzo di. contrasto Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 La TC e il mezzo di contrasto INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV AL6-0 03/10/2011 INDICE Che cosa è la TAC o meglio la TC? 4 Tutti possono essere

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Sindromi da dolore agli arti

Sindromi da dolore agli arti www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Sindromi da dolore agli arti Versione 2016 10. Osteocondrosi (sinonimi: osteonecrosi, necrosi avascolare) 10.1 Che cos è? La parola "osteocondrosi" significa

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

IL TUMORE DEL TESTICOLO

IL TUMORE DEL TESTICOLO IL TUMORE DEL TESTICOLO Cos è il tumore del testicolo? Il cancro del testicolo è una forma rara di tumore maschile, in cui le cellule tumorali si formano a partire dai tessuti di uno o di entrambi i testicoli.

Dettagli

Nozioni generali. Principali forme di trattamento

Nozioni generali. Principali forme di trattamento tano essere di vitale importanza per il benessere psicofisico del paziente, pertanto vale sempre la pena impegnarsi, anche quando la sindrome non venga diagnosticata subito dopo la nascita. Principali

Dettagli

SCREENING NEONATALE RISPARMIO PER IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE?

SCREENING NEONATALE RISPARMIO PER IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE? SCREENING NEONATALE GENETICO RISPARMIO PER IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE? Pietro Chiurazzi Istituto di Genetica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia Università Cattolica Associazione Culturale Giuseppe

Dettagli

La terapia dello scompenso cardiaco Pace-maker, defibrillatori, cuore artificiale, trapianto di cuore. Dr. Franco Adriano Zecchillo

La terapia dello scompenso cardiaco Pace-maker, defibrillatori, cuore artificiale, trapianto di cuore. Dr. Franco Adriano Zecchillo La terapia dello scompenso cardiaco Pace-maker, defibrillatori, cuore artificiale, trapianto di cuore Dr. Franco Adriano Zecchillo Il primo trattamento per la cura dello scompenso cardiaco è.. MODIFICHE

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

Ipovisione in età evolutiva: servizi in una rete regionale integrata Bosisio Parini, 20 gennaio 2012

Ipovisione in età evolutiva: servizi in una rete regionale integrata Bosisio Parini, 20 gennaio 2012 Ipovisione in età evolutiva: servizi in una rete regionale integrata Bosisio Parini, 20 gennaio 2012 Il contributo diagnostico-riabilitativo nella presa in Dipartimento di carico Scienze Chirurgiche del

Dettagli

Ecografia Addominale

Ecografia Addominale AGENZIA REGIONALE DELLA SANITÀ PROGRAMMA LISTE DI ATTESA A R S Sistema di accesso alle prestazioni di specialistica ambulatoriale organizzato per priorità clinica Ecografia Addominale SETTEMBRE 2008 PREMESSA

Dettagli

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO www.slidetube.it INTRODUZIONE Le prestazioni della TC precedentemente illustrate non sono ben rispondenti

Dettagli

Salute Infanzia e Adolescenza

Salute Infanzia e Adolescenza Salute Infanzia e Adolescenza Modena 11 ottobre 2005 Migliorare il contesto ambientale, sociale e di cura Paola Pace Pediatra di Libera Scelta in Associazione LA SALUTE È non solo assenza di malattia,

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

Tu sei nel cuore di Fondo Est!

Tu sei nel cuore di Fondo Est! Tu sei nel cuore di Fondo Est! Prevenzione della Sindrome Metabolica 1 Fondo EST in collaborazione con Unisalute ti invita a partecipare alla campagna TU SEI NEL CUORE DI FONDO EST. Si tratta di uno screening

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

La Cervicalgia Cause

La Cervicalgia Cause La Cervicalgia Il termine cervicalgia definisce un generico dolore al collo che si protrae per un periodo di tempo variabile, spesso anche molto lungo. Si tratta di un disturbo muscolo-scheletrico estremamente

Dettagli

Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica. www.gstmonline.it

Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica. www.gstmonline.it Scuola Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica www.gstmonline.it La Scuola di Formazione Specialistica in Fisioterapia Ortokinetica GSTM è un percorso quadriennale in Terapia Manuale e Fisioterapia

Dettagli

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18 METODI, STRUMENTI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ Padova, 2006 IL MOBBING E LE MOLESTIE NEI LUOGHI DI LAVORO Padova, 20 e 21 aprile 2006 Euro 250* Crediti ECM: 20 LA GESTIONE

Dettagli

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS Pag. 1/4 Cognome Nome Nato/a il N.B. Il presente modulo informativo deve essere firmato per presa visione e riconsegnato al sanitario che propone/esegue la procedura di seguito descritta. Questo modulo

Dettagli

Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR

Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR Prof. Paolo Randaccio Dott.ssa Antonella Fais Dott. Giovanni Angelo Porcu Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica,

Dettagli

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Stefano Folzani Responsabile f.f. Servizio di Radiologia Ospedale di Suzzara Dott. Gianluca Castellarin Responsabile Ortopedia III Ospedale

Dettagli

SEZIONE RADIODIAGNOSTICA. casa di cura san rossore

SEZIONE RADIODIAGNOSTICA. casa di cura san rossore SEZIONE RADIODIAGNOSTICA casa di cura san rossore casa di cura san rossore apparecchiature: - ECOGRAFIA, ECOCOLORDOPPLER - RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE - RISON MAGN ARTICOLARE - TAC MULTISLIDE 64 - DIAGNOSTICA

Dettagli

LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi

LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi Ospedale Niguarda CàGranda Milano Ester Pileio INFERMIERA Silvia Zigiotto INFERMIERA Una delle attivitàvitali

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

LA CURA EDUCAZIONE E RIEDUCAZIONE POSTURALE, RIABILITAZIONE FUNZIONALE E PREVENTIVA TORNARE IN SALUTE O STAR BENE SENZA INTERVENTO

LA CURA EDUCAZIONE E RIEDUCAZIONE POSTURALE, RIABILITAZIONE FUNZIONALE E PREVENTIVA TORNARE IN SALUTE O STAR BENE SENZA INTERVENTO SCOLIOSI? STOP AL BUSTO! DOLORE ALLA SPALLA? STOP ALL' INTERVENTO! DOLORE ALLA SCHIENA, ALLE SPALLE, TUNNEL CARPALE, ARTRITE ARTROSI DELLE PICCOLE E GRANDI ARTICOLAZIONI, LOMBALGIA, CERVICALGIA, DORSALGIA,

Dettagli

meditel Centro Medico Polispecialistico

meditel Centro Medico Polispecialistico meditel Centro Medico Polispecialistico ILProgetto Un vantaggio per LaDonna che accede a percorsi a lei dedicati, nella sicurezza di una struttura qualificata e supportata a livello ospedaliero. IlTerritorio

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

L EVOLUZIONE DI UN ESAME COMPLETO DELL APPARATO SCHELETRICO

L EVOLUZIONE DI UN ESAME COMPLETO DELL APPARATO SCHELETRICO L EVOLUZIONE DI UN ESAME COMPLETO DELL APPARATO SCHELETRICO Sistema brevettato - certificato CE Iscritto nel Repertorio dei dispositivi Medici del Ministero della Salute ESAME BIOMETRICO POSTURALE 3D RADIATION

Dettagli

Dalla vescica le urine raggiungono l'esterno attraverso un condotto denominato uretra.

Dalla vescica le urine raggiungono l'esterno attraverso un condotto denominato uretra. Il tumore vescicale L'apparato urinario è costituito da : reni, ureteri, vescica e uretra. I reni sono due organi situati nella regione lombare, classicamente descritti come di forma "a fagiolo", deputati

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Ecografia vescicale. Anatomia ecografica normale e quadri patologici

Ecografia vescicale. Anatomia ecografica normale e quadri patologici Ecografia vescicale Anatomia ecografica normale e quadri patologici Maurizio De Maria, Andrea Mogorovich, Girolamo Morelli Urologia Universitaria, Università di Pisa Dir. Prof. C. Selli L'Ecografia Multidisciplinare

Dettagli

CORSO DI IMAGING RADIOLOGICO IN AMBITO RIABILITATIVO

CORSO DI IMAGING RADIOLOGICO IN AMBITO RIABILITATIVO CORSO DI IMAGING RADIOLOGICO IN AMBITO RIABILITATIVO Docente: Dott. Mauro Branchini, medico-radiologo presso il Policlinico S.Orsola-Malpighi di Bologna, Unità Operativa: Radiologia Pronto-Soccorso Il

Dettagli

LA PERLA. Difficoltà: livello 1 FIG. 1

LA PERLA. Difficoltà: livello 1 FIG. 1 Difficoltà: livello 1 LA PERLA FIG. 1 Descrizione Scopo e benefici La perla è uno degli esercizi invisibili più facili, perché non richiede una percezione delle diverse parti della muscolatura pelvica.

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

Cosa dovete sapere sulla gotta

Cosa dovete sapere sulla gotta Quelli con l arcobaleno In breve gli aspetti importanti sollevare questa pagina. Cosa dovete sapere sulla gotta Quelli con l arcobaleno Informazioni per i pazienti «Gotta» Informazioni per i pazienti «Gotta»

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS. Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO

IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS. Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO Centro Accoglienza e Servizi CAS Il CAS è responsabile del percorso di presa in carico del paziente oncologico attraverso figure

Dettagli

Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA.

Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA. Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA. La Scuola di specializzazione in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica afferisce all Area Chirurgica Classe delle Chirurgie

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

Biopsie prostatiche e vescicali. Dr. Gianesini Giuseppe SC Urologia, AO Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese

Biopsie prostatiche e vescicali. Dr. Gianesini Giuseppe SC Urologia, AO Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Biopsie prostatiche e vescicali Dr. Gianesini Giuseppe SC Urologia, AO Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Ca prostata Ca prostata è il tumore più rappresentato nella popolazione maschile

Dettagli

SEZIONE RADIODIAGNOSTICA. casa di cura san rossore

SEZIONE RADIODIAGNOSTICA. casa di cura san rossore SEZIONE RADIODIAGNOSTICA casa di cura san rossore casa di cura san rossore risonanza magnetica La nuova apparecchiatura consente lo studio delle strutture vascolari e l esecuzione di indagini funzionali

Dettagli

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso www.brunolumbroso.it IL GLAUCOMA Prof. Bruno Lumbroso CHE COS'É IL GLAUCOMA? Il glaucoma é una malattia oculare causata dall'aumento

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATIVO: L ESOFAGO DI BARRETT

PROTOCOLLO INFORMATIVO: L ESOFAGO DI BARRETT Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico ENDOSCOPIA DIGESTIVA AD ALTA TECNOLOGIA Responsabile dott. Giorgio Battaglia PROTOCOLLO INFORMATIVO: L

Dettagli

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino.

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino. NON BERE BEVANDE ALCOLICHE IN GRAVIDANZA ED IN ALLATTAMENTO U.O. Consultorio Familiare Distretto n 1 e n 2 Ostetrica t CRISTINA FILIPPI Ostetrica BIANCA PIVA 1 Non bere bevande alcoliche in gravidanza

Dettagli

LA SINDROME DI DOWN LA STORIA

LA SINDROME DI DOWN LA STORIA LA SINDROME DI DOWN LA STORIA La sindrome di Down, che è detta anche trisomia 21 o mongoloidismo, è una malattia causata dalla presenza di una terza copia del cromosoma 21; è la più comune anomalia cromosomica

Dettagli

Facilitare il sollevamento e i trasferimenti. Ft Coord P. Borrega

Facilitare il sollevamento e i trasferimenti. Ft Coord P. Borrega Facilitare il sollevamento e i trasferimenti del soggetto disabile Ft Coord P. Borrega Definizione Prevenire i danni da lavori pesanti I lavori pesanti sono una o più operazioni lavorative, che isolate

Dettagli

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

La palpazione del rene è possibile solo in individui magri o quando il rene è deformato in modo grave dalla patologia

La palpazione del rene è possibile solo in individui magri o quando il rene è deformato in modo grave dalla patologia PALPAZIONE della regione lombare La palpazione del rene è possibile solo in individui magri o quando il rene è deformato in modo grave dalla patologia La palpazione della regione lombare renale deve ricercare

Dettagli

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA.

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. La Scuola di specializzazione in Genetica medica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe dei Servizi

Dettagli

Progetto Comes, sostegno all handicap

Progetto Comes, sostegno all handicap TITOLO Progetto Comes, sostegno all handicap TEMPI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Destinatari Minori disabili (fascia d età 3/14 anni) frequentanti la scuola dell obbligo, affetti da patologie varie: ipoacusia,

Dettagli

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica: l alternativa alla chirurgia Negli ultimi venti anni la Radiologia Interventistica si è guadagnato il prezioso ruolo

Dettagli

Aspetti scientifici del ferro cosa si sa e cosa no

Aspetti scientifici del ferro cosa si sa e cosa no L'organizzazione settoriale dell'economia svizzera della carne Proviande società cooperativa Finkenhubelweg 11 Casella postale CH-3001 Berna +41(0)31 309 41 11 +41(0)31 309 41 99 info@proviande.ch www.carnesvizzera.ch

Dettagli

Gentile signora, Giovanni Bissoni Assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna

Gentile signora, Giovanni Bissoni Assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna Gentile signora, dal 1 gennaio 2010 in Emilia Romagna il programma di screening per la diagnosi precoce dei tumori della mammella è esteso a tutte le donne dai 45 ai 74 anni. La Giunta regionale ha preso

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli