Contratto Lavori di Rete Pincipali variazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contratto Lavori di Rete 2013-2015 Pincipali variazioni"

Transcript

1 Contratto Lavori di Rete Pincipali variazioni 1

2 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni 29/01/ AGENDA DELL INCONTRO Introduzione: 09:30 09:45 Nuovo Processo di Assegnazione NTW 09:45 11:15 Discussione: 11:15 11:30 COFFEE BREAK: 11:30 11:45 Capitolato 11:45 12:45 Discussione: 12:45 13:00 PRANZO: 13:00 14:00 Nuovo VENDOR RATING: 14:00 15:30 Discussione Finale: 15:30 16:30 2

3 Indice: Generalità Creation Penali Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Oggetto del contratto Luogo di esecuzione Durata del contratto Prezzi Utilizzo di Impresa sostitutiva Modifica dell elenco delle aree di centrale Subappalto Bonus Principali variazioni di processo. 3

4 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni INTRODUZIONE 4

5 IL NUOVO CONTRATTO : IL CAMBIAMENTO!!! 5

6 Introduzione. Contratto Lavori di Rete Principali variazioni PRESTO E BENE.!!! NESSUN ALIBI. L IMPRESA PUO ESSERE SOSTITUITA!!! L importanza di una buona PIANIFICAZIONE L importanza di una buona Progettazione e Supporto alla Realizzazione I materiali e la nuova gestione Gli strumenti di verifica delle prestazioni (TEI & IVVR) L attenzione alle Tecniche Innovative L attenzione alle Banche Dati Il rispetto della normativa sul DLGS81/08 La nuova impresa LDL. 6

7 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni GENERALITA 7

8 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Oggetto del contratto. Formalizzazione di un unico articolato contrattuale per attività di CREATION, ASSURANCE e DELIVERY. Geografia unica e vincolata per i tre ambiti di attività. Su SAP conservazione di tre riferimenti distinti. Superati ed assorbiti i contratti Lottizzazioni, 2Mbit/s, NGN. 8

9 Generalità. Luogo di esecuzione. La geografia dei cantieri Impresa recepita nei contratti per Assurance, Creation e Delivery ha visto per AOA SUD le seguenti novità: ingresso in NA-O di Sielte Contratto Lavori di Rete Principali variazioni ingresso in PU-N di Cogepa ingresso in BAS del consorzio LDL ingresso in SIC-C del consorzio LDL 9

10 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Luogo di esecuzione. Allo scopo di evidenziare le variazioni introdotte, la tabella seguente riporta la nuova ripartizione delle centrali per AOL: 10

11 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Durata del contratto. Per tutte le Imprese la durata è triennale (scadenza al 31/12/2015) con possibilità di proroga per un ulteriore biennio. Fa eccezione il Consorzio ELLEDIELLE per il quale la durata è annuale con scadenza al 31/12/2013 con possibilità di proroga per un ulteriore biennio. La stipula del contratto per una durata di 3+2 anni è legata alla volontà di consentire alle Imprese adeguati investimenti (ad. es. legati all acquisto di attrezzatture per l effettuazione di scavo con tecniche innovative). 11

12 Generalità. Prezzi. Valorizzazione delle attività sulla base dei rispettivi Capitolati d Appalto e Fattori di Valorizzazione. Consorzio LDL: riconosciuto un FdV, sia per Delivery che per Creation, inferiore a quello delle altre imprese. SIRTI: per il solo 2013 i fattori di valorizzazione sono leggermente superiori per poi riallinearsi alle altre imprese nel 2014 e Impresa F G H K L M N S U F.O. e Apparati Consorzio LDL 0,240 0,250 0,262 0,276 0,289 0,304 0,319 0,335 0,362 0,224 SIRTI Spa Contratto Lavori di Rete Principali variazioni FdV Delivery Fattori di Valorizzazione Creation 0,262 0,269 0,282 0,297 0,311 0,327 0,344 0,36 0,389 0,242 0,260 0,267 0,279 0,294 0,308 0,323 0,340 0,357 0,385 0,239 Le altre Imprese 0,260 0,267 0,279 0,294 0,308 0,323 0,340 0,357 0,385 0,239 Contratto ,265 0,272 0,285 0,3 0,314 0,33 0,347 0,364 0,393 0,244 DELTA -2% -2% -2% -2% -2% -2% -2% -2% -2% -2% 12

13 Generalità. Utilizzo di Impresa sostitutiva (1/2). Telecom ha la facoltà di assegnare l esecuzione di attività ad un impresa sostitutiva con conseguente variazione temporanea dell importo contrattuale. Quando Qualora si riscontrasse un livello di performance assicurato dall Impresa tale da compromettere gravemente il grado di servizio offerto ai Clienti o il conseguimento del Piano Lavori Telecom. Per quali attività Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Assurance, Delivery, Creation o per una o più di esse. 13

14 La remunerazione L importo relativo alle attività assegnate all impresa sostitutiva non verrà riconosciuto all Impresa per l intero periodo della sostituzione e sarà calcolato, per le attività di Delivery e Creation valorizzando le attività assegnate attraverso l applicazione dei rispettivi capitolati d appalto; per l attività di Assurance in funzione della tipologia delle attività assegnate e della durata della sostituzione. Le modalità La richiesta di attivazione della sostituzione, corredata di tutti gli elementi a supporto, deve essere inviata da AOA a OA.G la quale provvederà a richiedere ad SR.IP la necessaria formalizzazione. L Impresa sostitutiva Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Utilizzo di Impresa sostitutiva (2/2). Sarà individuata nell ambito delle Imprese di cantiere limitrofe (anche extra AOL). 14

15 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Telecom ha la facoltà di modificare in modo definitivo l elenco delle aree di centrale assegnate all Impresa con conseguente variazione dell importo contrattuale. Ciò può essere effettuato al verificarsi delle seguenti condizioni: Valore del Total Enterprise Index Interruzione di attività Valore delle penali 15

16 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Total Enterprise Index Se il valore del TEI Complessivo in una AOL/Impresa è inferiore a 40 per un trimestre (gennaio-marzo, aprile-giugno, lugliosettembre, ottobre-dicembre), Telecom comunicherà all Impresa il risultato negativo. Qualora a seguito del trimestre successivo, il valore progressivo del semestre (gennaio-giugno, aprile-settembre, luglio-dicembre, ottobre-marzo) del TEI Complessivo nella stessa AOL /Impresa oggetto del warning risulti ancora inferiore a 40, Telecom potrà eliminare dall elenco delle aree di centrale oggetto del Contratto, tutte o quota parte delle aree di centrale dell AOL in cui tale evenienza è accaduta. 16

17 Total Enterprise Index Che cosa è il TEI? Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Quale ulteriore strumento per la verifica del lavorato Impresa nel perimetro del contratto Standard, è stato introdotto il Total Enterprise Index di seguito indicato con l acronimo TEI, ovvero un indice sintetico di valutazione composto da 5 componenti che sono funzione dei principali KPI di Delivery, Assurance, Creation, Maintenance nonché di una sezione denominata Satisfaction dove sono riportati i giudizi di soddisfazione espressi dalle AOAxx.AOLxx. L obiettivo del TEI è dare una valutazione di sintesi tra 0 e 100 che, con l ausilio della logica semaforica, misuri l efficienza e l efficacia del lavorato dell impresa, nonché la rispondenza dei comportamenti di quest ultima alle prestazioni attese sulla base delle priorità di ciascuna AOA.AOL. 17

18 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Total Enterprise Index Di seguito sono riportate le 5 componenti e il relativo peso che concorre al calcolo del TEI complessivo: TEI Creation peso 26 TEI Delivery peso 19 TEI Assurance peso 23 TEI Maintenance peso 17 TEI Satisfaction peso 15 Ciascuna componente è l insieme di una serie di KPI aventi ciascuno un proprio peso. 18

19 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Total Enterprise Index Nella tabella seguente sono riassunti gli indicatori di Creation unitamente al peso che hanno all interno della componente, le soglie di minimo massimo e riferimento. 19

20 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Total Enterprise Index Inoltre nella componente Satisfaction viene valutata anche la performance Impresa legata ad alcuni KPI, calcolati in AOA SUD, che sono di seguito elencati: 20

21 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Interruzione di attività Qualora l Impresa interrompa la realizzazione di un attività o si rifiuti di eseguirla per ragioni afferenti alle condizioni economiche, Telecom potrà eliminare dall elenco delle aree di centrale oggetto del Contratto, tutte o quota parte delle aree di centrale dell AOL in cui tale evenienza è accaduta. E importante sottolineare, al fine di garantire una corretta gestione delle attività, che l eventuale rifiuto ad effettuare lavori su una singola centrale non comporta la perdita di quella centrale ma di quota parte o tutte le aree di centrale dell AOL in cui tale evenienza è accaduta. 21

22 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Valore delle penali Qualora il valore delle penali applicate all Impresa in una singola AOL nel corso di un anno sia superiore ad una percentuale del benestariato nell anno, Telecom si riserva la facoltà di eliminare dall elenco delle aree di centrale oggetto del Contratto tutte le aree di centrale dell AOL in cui tale evenienza è accaduta. La soglia percentuale di riferimento è pari al 6% per tutti i cantieri ad eccezione dei seguenti per i quali è pari a 8%: CEIT Consorzio LDL SIELTE SIELTE cantiere Calabria cantiere Basilicata cantiere Calabria cantiere Basilicata 22

23 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Subappalto (1/3). Diversamente dal Contratto nella quale per tutte le attività era sancita una percentuale subappaltabile pari al 25% dell importo contrattuale nel vigente Contratto i valori sono stati differenziati per le diverse attività come di seguito indicato: Attività di Assurance Attività di Delivery Attività di Creation 25% dell importo contrattuale 15% dell importo contrattuale 35% dell importo contrattuale Tali percentuali saranno applicate anche come massimo subappaltabile per AOL. La verifica delle quantità subappaltate a totale Impresa sarà a cura AOA mentre per AOL potrà avvenire a cura DG. 23

24 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Subappalto (2/3). Entro il 31 gennaio di ciascun anno di validità del contratto, le Imprese dovranno fornire un elenco dei subappaltatori che vorranno utilizzare nello stesso anno. Per il primo trimestre del 2013 (entro ) l elenco potrà essere modificato/integrato a discrezione dell Impresa che ne deve dare tempestiva comunicazione a SR. Dopo il , per tutta la durata del contratto, le variazioni potranno essere effettuate solo alla fine del trimestre successivo. Non saranno rilasciate autorizzazioni per subappaltatori non presenti in elenco l invio del suddetto elenco non costituisce autorizzazione al subappalto. 24

25 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Subappalto (3/3). Dal 1 marzo 2013 improrogabilmente non sarà più consentito richiedere autorizzazioni di tipo occasionale sulle categorie merceologiche: A perforazione orizzontale A posa subacquea cavi in rame e fibra ottica A giunzione terminazione collaudo cavi fibra ottica A giunzione terminazione e collaudo cavi in rame. Dal 1 luglio 2013 non sarà più consentito richiedere autorizzazioni di tipo occasionale a prescindere dalla Categoria merceologica. 25

26 Generalità. Bonus. Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Tecniche di scavo innovative Al fine di incentivare l impiego di tecniche di scavo innovative è stato introdotto un Bonus costituito dall incremento dei compensi per gli scavi innovativi di una quota pari al 15%. A tale scopo vengono definite: Tecniche di scavo Innovative Esecuzione di NO-DIG > 80 mm 200 mm Esecuzione di NO-DIG 80 mm Scavo mediante la tecnica della minitrincea Scavo mediante la tecnica della minitrincea ridotta Tecniche di scavo Tradizionali Disfacimento di pavimentazione, scavo e rinterro con materiale di risulta e/o inerte Disfacimento di pavimentazione, scavo e rinterro eseguito con miscele betonabili Scavo in terreno sterrato e rinterro con materiale di risulta e/o inerte Posa di manto di usura in conglomerato bituminoso fine Posa di manto di usura in asfalto colato Maggiorazione per scarificazione su piccoli interventi di ripristino Scarificazione di pavimentazioni stradali 26

27 Generalità. Bonus. Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Tecniche di scavo innovative Il Bonus viene riconosciuto per tutte le Network approvate nell anno X. Compenso Bonus Totale VdC (punti) (punti) (punti) Esecuzione di NO-DIG > 80 mm 200 mm Esecuzione di NO-DIG 80 mm Scavo mediante la tecnica della minitrincea Scavo mediante la tecnica della minitrincea ridotta Punti caricati su SAP Nell anno X+1 verranno elaborati tutti i RL consuntivati nell anno X e saranno quantificate e valorizzate le VdC per tutte le Network approvate dal 1/01/2013 ed afferenti ai contratti che prevedono il Bonus per impiego di tecniche di scavo innovative. 27

28 Generalità. Bonus. Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Tecniche di scavo innovative Se il rapporto seguente risulta almeno pari al 40,00%, sia con riferimento all attività totale dell Impresa, sia in relazione alle attività svolte su ognuna delle 4 AOA, (questo al fine di garantire un comportamento omogeneo nelle diverse AOA) il Bonus economico riconosciuto nel corso dell anno X viene confermato. Consuntivo in euro Tecniche Innovative Consuntivo in euro Tecniche Innovative + Tecniche Tradizionali In caso diverso Telecom Italia procederà al recupero del Bonus erogato nell anno X, per tutti i contratti che hanno previsto il Bonus stesso, attraverso l emissione di apposita nota di credito. 28

29 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni CREATION 29

30 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Creation. Definizione di tempi standard di realizzazione. Sono state individuate le seguenti classi d intervento in funzione dell importo della network (somma MOI + materiali Telecom), della disponibilità o meno dei permessi al momento dell approvazione della network e del soggetto deputato alla gestione dei permessi: Classi di intervento (Importo Network) Tempi massimi di lavorazione con permessi a cura TI già ottenuti (giorni solari) Tempi massimi di lavorazione con permessi a cura TI non ottenuti (giorni solari) Tempi massimi di lavorazione con permessi a cura Impresa (giorni solari) a b c 1 fino a da a da a maggiore di

31 Al momento della approvazione della network, pertanto, deve essere obbligatoriamente data l informazione relativa ai permessi: Permessi a cura Impresa Presenza nel preventivo di una o più VDC relative ai permessi a cura Impresa. Permessi a cura TI Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Creation. Definizione di tempi standard di realizzazione. => Data FL = Data Sistema + colonna C Valorizzazione della nuova caratteristica Permessi a Cura TI con il valore permesso non ottenuto : => Data FL = Data Sistema + colonna B Permessi già ottenuti o non necessari Valorizzazione della nuova caratteristica Permessi a Cura TI con il valore permesso ottenuto : => Data FL = Data Sistema + colonna A 31

32 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Creation. Definizione di tempi standard di realizzazione. Le VDC relative ai permessi a cura Impresa sono le seguenti: RCCRE RCCRE PERMESSO ENTE APERTURA CHIUSINI PERMESSO ENTE OPERE CIVILI FINO 100 M In caso di assenza nel preventivo delle VDC di cui sopra, la nuova caratteristica Permessi a Cura TI dovrà essere obbligatoriamente valorizzata nella classificazione della network ; in caso contrario non sarà possibile procedere al rilascio della network (messaggio di errore Network non rilasciabile inserire indicaz. permessi ). Al rilascio delle Network, la data fine lavori prevista sarà calcolata ed impostata in automatico e comunicata tramite Portale Fornitori alle Imprese, e non sarà più possibile modificarla. I giorni sono sempre da intendersi come giorni solari. Qualora la data fine lavori calcolata ricada in un giorno festivo questa sarà automaticamente posticipata al primo giorno lavorativo successivo. 32

33 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Creation. Definizione di tempi standard di realizzazione. SAP provvede all inserimento in automatico della Data Fine Lavori Prevista per le emesse a fronte dei contratti di network creation su tipi progetto: 13 GOL progetti RAV 23 GOL progetti IAV 60 - Tipo OLIA Negativi Rete NRT 61 - Tipo OLIA Bonifica Programmata Rete BPR 62 - Tipo OLIA Progetto ON-GOING ONG 63 - Tipo OLIA Progetto ON-GOING Extended ONE 65 - Piccoli Interventi di Rete per COS (PIR) 66 Riparazione Coppie Guaste (CPG) 67 - Spostamento Infrastrutt. per Manut.(SPM) 33

34 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Creation. Definizione di tempi standard di realizzazione. Il superamento di tale data determina l applicazione di penali per ritardata consegna. La posticipazione della data di fine lavori prevista può essere effettuata su richiesta Impresa, solo per giustificati motivi e solo da utente con adeguato livello di responsabilità (Responsabile AOL o Responsabile AD) attraverso una nuova transazione denominata ZGVPRE (è possibile sia anticipare che posticipare la data). E opportuno sottolineare che tutte le posticipazioni della Data Fine Lavori Prevista saranno monitorate anche al fine di verificare se occorre modificare i valori indicati. Le attività di ripristino del manto stradale dovranno essere appaltate su Network distinte. 34

35 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Creation. Principali variazioni di processo. Introduzione della possibilità di appalto della richiesta permessi di scavo agli Enti VDC Descrizione Punti PERMESSO ENTE APERTURA CHIUSINI PERMESSO ENTE OPERE CIVILI FINO 100 M MAGG PER ENTE OP CIV SUCC AI PRIMI 100 M OTTENIMENTO NULLA OSTA DOCUMENTAZIONE PERMESSO ENTE APERTURA CHIUSINI DOCUMENTAZIONE PERMESSO ENTE OPERE CIVILI FINO 100 M DOCUMENTAZIONE PERMESSO ENTE OP CIV SUCC AI PRIMI 100 M 167 * # * Voci di capitolato per appalto richiesta permessi completa # Voci di capitolato per appalto solo predisposizione della richiesta permessi 35

36 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Creation. Principali variazioni di processo. Introduzione dell obbligo di comunicazione della data di inizio delle opere civili Al fine di poter garantire l effettuazione di specifiche verifiche sui lavori di scavo, ripristino, ecc. tale informazione, dovrà essere riportata all interno del documento CIL prima comunicazione nel campo denominato Descrizione lavori da effettuare/motivo sospensione. Introduzione della possibilità di appalto di attività di supporto alla progettazione VDC Descrizione Punti CARICAMENTO NGN PROGETTO ESECUTIVO REALIZZATO X TRATTA DI SBRACCIO CARICAMENTO NGN PROGETTO ESECUTIVO REALIZZATO X TRATTA ANELLO AGGIORNAMENTO SCHEMATICA DI CANALIZZAZIONE LIV BASE E RETE X TRATTA MAGGIORAZIONE CARICAMENTO NGN ARRETRATO CARTOGRAFICO ANELLO OTTICO X ANELLO

37 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni PENALI 37

38 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Penali. Assurance, Delivery e Creation. Di seguito si elencano le penali comuni a tutti i contratti: Penale sulla verifica chiusura delle terminazioni esterne (armadio, colonnina, ecc): sarà applicata una penale pari a 500,00 (cinquecento/00) ogni qualvolta, a seguito delle suddette verifiche effettuate entro 4 ore dall ultimazione dell intervento dell impresa, l armadietto oggetto di lavorazione venga trovato aperto o comunque non correttamente chiuso. Penale sul processo di subappalto: (dichiarazione preventiva dell utilizzo di subappalto, esposizione della tessera e presenza del crono programma, utilizzo del distacco temporaneo di personale): sarà applicata una penale pari 3.000,00 (tremila/00) per ogni caso riscontrato. Penale sulla violazione della procedura di ACCESSO AI SITI TELECOM ITALIA : sarà applicata una penale pari a 500,00 (cinquecento/00) per ogni violazione riscontrata. 38

39 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Penali. Assurance, Delivery e Creation. Penale per contestazione formale: per ogni lettera di contestazione afferente a reclami scritti da parte di Enti proprietari delle sedi di posa in relazione a inadempienze o cattive lavorazioni pervenuti a Telecom Italia sarà applicata una penale pari a 500,00 (cinquecento/00). Penale per errata richiesta di sostituzione Pali: prevista nei casi in cui TI verifichi, preventivamente alla sostituzione, che il numero dei pali per i quali e necessaria la sostituzione e minore a quanto segnalato dall Impresa. L entita e le modalita applicativa della penale sarà definita nel corso del

40 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Penali. Assurance, Delivery e Creation. Penale per errata programmazione delle richieste di minicavi in ambito call-off: prevista nei casi in cui l Impresa emetta una richiesta di materiale tale per cui si dovesse registrare una giacenza presso il magazzino Impresa superiore a 30 giorni solari. L entità e la modalità applicativa della penale sarà definita nel corso del Penale per insufficiente valutazione di IVR globale: nell ambito del Vendor Rating, sarà applicata una penale all Impresa a seguito di una valutazione semestrale dell IVR globale inferiore al valore di

41 Penali. Creation. Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Di seguito si elencano le penali relative alla sola componente Creation: Penale sulla qualità realizzativa: penale applicata in fase di verifica IVVR. Penale sul rapporto lavori: penale applicata in fase di verifica IVVR. Per ritardata ultimazione delle prestazioni: si passa dal 2% al 4% del valore della NTW per ogni giorno di ritardo e non vi è più il limite max del 20%. Per ritardata consegna della rapportazione delle opere eseguite, della relativa documentazione cartografica, delle operazioni di aggiornamento delle banche dati: si passa dall 1% al 2% del valore della NTW per ogni giorno di ritardo e non vi è più il limite max del 10%. 41

42 Penali. Creation. Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Di seguito si elencano le penali relative alla sola componente Creation: Penali sulla non conformità dei materiali di fornitura impresa: penale applicata in fase di verifica Controllo Qualità. Penale per insufficiente valutazione di IVRc3: a seguito controllo di laboratorio sui materiali di fornitura impresa non compresi nell allegato 2 Listino materiali di fornitura Impresa del Contratto sarà applicata una penale all Impresa a seguito di una valutazione semestrale dell IVRc3 inferiore al valore di

43 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni CAPITOLATO 43

44 Principali variazioni fra il precedente Capitolato 2010 ed il vigente Capitolato 2013 INSERITI NUOVI CAPITOLI Impianti in rete ottica per Stazioni Radio Base (SRB) Raccordi in fibra ottica di edificio Predisposizione del tratto verticale con cavo multifibra interno all edificio Realizzazione dello sbraccio orizzontale del Cliente interno all edificio Realizzazione del raccordo del Cliente in cavetto ottico singolo interno all edificio Realizzazione del raccordo del Cliente in cavetto ottico singolo esterno all edificio Installazione apparato ONU Impianti in rete in rame per Stazioni Radio Base (SRB) Realizzazione impianto per servizio HSDPA Realizzazione impianto per backhauling Node B Generalità sulla realizzazione degli impianti Installazione degli apparati in centrale e SRB per backhauling Node B Permessi a Enti Pubblici

45 5.1 Opere civili MODIFICHE Il peso del materiale da smaltire per gli scavi di tipo non tradizionale (es.: minitrincea) è determinato dal prodotto delle dimensioni nominali dello scavo riportate sulle Norme della Società per il peso specifico convenzionale del materiale da smaltire (PS = 1700 kg/m3). Gli oneri eccedenti la quota di 0,3 /q.le per lo smaltimento in discarica o in centri di recupero dei rifiuti devono essere valorizzati considerando: l effettivo peso del materiale smaltito rilevato dal Formulario di Identificazione Rifiuti (FIR); il peso convenzionale determinato con l applicazione dei criteri sopra riportati alle opere di scavo appaltate dalla Società L importo da riconoscere deve essere il minore tra i due e deve essere corrisposto all Impresa mediante l applicazione del codice RCEXTRA.DISCA Opere di scavo Nota 1: Qualsiasi intervento di scavo di lunghezza inferiore a 13 m deve essere compensato con una lunghezza convenzionale pari a 13 m. All interno della stessa Network più interventi di scavo, non continui tra loro e non appartenenti alla stessa tratta, ed ognuno di lunghezza inferiore a 13 m devono essere contabilizzati singolarmente. Nell applicazione della quota convenzionale a scavi di tipo misto (ad esempio sterrato più pavimentato) deve essere applicata la sola Voce riferita al tipo di scavo prevalente. 45

46 5.1 Opere civili MODIFICHE Esecuzione di NO-DIG > 80 mm 200 mm al m Esecuzione di NO-DIG 80 mm al m 99 Nota 1: La si applica per la lunghezza minima della perforazione di 50 m misurati sulla superficie. Nota 2: La si applica per la lunghezza minima della perforazione di 75 m misurati sulla superficie. Nota 3: La posa di tubi di diametro maggiore di 200 mm e di tubi diversi da quelli in polietilene PN10 deve essere trattata a parte Nota 4: Nell ambito della stessa Network, tutte le lunghezze delle perforazioni comprese in un raggio di 500 m in linea d aria devono essere sommate. Scavo con tecnica della minitrincea di dimensioni massime 10x40 cm Scavo mediante la tecnica della minitrincea al m 78 Nota 1: Nell ambito della stessa Network la voce si applica per un minimo di 75 m. Scavo con tecnica della minitrincea ridotta di dimensioni massime 5x50 cm Scavo mediante la tecnica della minitrincea ridotta al m 90 RISULTA CANCELLATO IL NO DIG LEGGERO 46

47 5.1.2 Ripristini MODIFICHE Posa di manto di usura in conglomerato bituminoso fine al m² 28 Nota 1: Qualsiasi intervento singolo che interessi una superficie inferiore ai 25 m2 deve essere convenzionalmente compensato per una superficie di 25 m2 a cui aggiungere la voce che remunera gli oneri per l eventuale scarificazione. Rientra nell applicazione di questa quota convenzionale anche l esecuzione dei ripristini, di qualunque estensione superficiale, a seguito di interventi riconducibili all applicazione delle Note 4 e 5 alle Voci da a Posa di manto di usura in asfalto colato al m² 34 Nota 1: Qualsiasi intervento singolo che interessi una superficie inferiore ai 25 m² deve essere convenzionalmente compensato per una superficie di 25 m². Rientra nell applicazione di questa quota convenzionale anche l esecuzione dei ripristini, di qualunque estensione superficiale, a seguito di interventi riconducibili all applicazione delle Note 4 e 5 alle Voci da a Posa di cubetti al m² Posa di selci e basoli per lastricati al m² 108 INSERITA NUOVA VDC Maggiorazione per scarificazione su piccoli interventi di ripristino cad. 313 Nota 1: All interno della stessa Network più interventi, ciascuno di superficie superiore ai 25 m², la cui somma è inferiore a 200 m², devono essere compensati, convenzionalmente, come un unico intervento pari a 200 m². Nota 2: La voce si applica per gli interventi definiti alla nota 1 della voce

48 5.2.2 Posa di pozzetti MODIFICHE Posa di pozzetto modulare in calcestruzzo 40x40 cm cad. 241 Nota 1: La Voce si applica convenzionalmente anche per la sostituzione del pozzetto o del solo chiusino (coperchio e telaio). Nota 2: La Voce si applica anche per la posa del pozzetto 20x20 cm Nota 3: Lo scavo per la posa dell infrastruttura di collegamento tra l impianto di terra nel pozzetto 20x20 cm e l apparato per FTTCab, deve essere remunerato applicando la voce o o per una lunghezza di 2 m senza applicazione di quote minime Costruzione in opera o posa di basamento prefabbricato per cabinet stradali fino a 0,5 m³ cad Costruzione in opera di basamento per cabinet stradali maggiore di 0,5 m³ e fino a 0,8 m³ cad Posa in opera di basamento prefabbricato per cabinet stradali maggiore di 0,5 m³ e fino a 0,8 m³ cad

49 5.2.4 Sottoequipaggiamento dei tubi Sottoequipaggiamento di un tubo esistente con minitubo o fender successivo e contestuale al primo al m 0,35 Nota 1: Le voci si applicano anche per il sottoequipaggiamento di minitubi in canalette esistenti Posa dei cavi in rame Posa sotterranea di cavi fino a 400 cp al m Posa sotterranea di cavi oltre 400 cp al m Giunzione Giunzione di conduttori, in giunti con coppie terminate, per coppia cad 4, Chiusura dei giunti con potenzialita nominale da 51 a 200 coppie cad Terminazioni esterne Posa di armadi 1200 coppie Nota 2: La posa e la fornitura del kit di bloccaggio del fondo armadio è remunerata con le voci 05150, e Posa di colonnine Nota 2: La voce si applica anche per l installazione di colonnine per FTTCab. 49

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013 S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE LE RETI DI BANDA LARGA

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE LE RETI DI BANDA LARGA Regolamento recante la disciplina tecnica e le specifiche delle opere destinate ad ospitare le reti di banda larga REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI PER COSTRUZIONE E MANUTENZIONE RETI ACQUA, RETI FOGNARIE E IMPIANTI DI ALLACCIAMENTO UTENZA Distretto Operativo OPER / COORD / SUP EDIZIONE 02 / 2012 SOCIETÀ ACQUE POTABILI p.a. C.so

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV)

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) Allegato A TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) (Versione integrata con le modifiche apportate con le deliberazioni ARG/com

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB La nostra tecnologia. Il vostro successo. Pompe n Valvole n Service Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB 02 Introduzione Rapidi, affidabili e competenti da oltre 140

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli