Contratto Lavori di Rete Pincipali variazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contratto Lavori di Rete 2013-2015 Pincipali variazioni"

Transcript

1 Contratto Lavori di Rete Pincipali variazioni 1

2 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni 29/01/ AGENDA DELL INCONTRO Introduzione: 09:30 09:45 Nuovo Processo di Assegnazione NTW 09:45 11:15 Discussione: 11:15 11:30 COFFEE BREAK: 11:30 11:45 Capitolato 11:45 12:45 Discussione: 12:45 13:00 PRANZO: 13:00 14:00 Nuovo VENDOR RATING: 14:00 15:30 Discussione Finale: 15:30 16:30 2

3 Indice: Generalità Creation Penali Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Oggetto del contratto Luogo di esecuzione Durata del contratto Prezzi Utilizzo di Impresa sostitutiva Modifica dell elenco delle aree di centrale Subappalto Bonus Principali variazioni di processo. 3

4 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni INTRODUZIONE 4

5 IL NUOVO CONTRATTO : IL CAMBIAMENTO!!! 5

6 Introduzione. Contratto Lavori di Rete Principali variazioni PRESTO E BENE.!!! NESSUN ALIBI. L IMPRESA PUO ESSERE SOSTITUITA!!! L importanza di una buona PIANIFICAZIONE L importanza di una buona Progettazione e Supporto alla Realizzazione I materiali e la nuova gestione Gli strumenti di verifica delle prestazioni (TEI & IVVR) L attenzione alle Tecniche Innovative L attenzione alle Banche Dati Il rispetto della normativa sul DLGS81/08 La nuova impresa LDL. 6

7 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni GENERALITA 7

8 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Oggetto del contratto. Formalizzazione di un unico articolato contrattuale per attività di CREATION, ASSURANCE e DELIVERY. Geografia unica e vincolata per i tre ambiti di attività. Su SAP conservazione di tre riferimenti distinti. Superati ed assorbiti i contratti Lottizzazioni, 2Mbit/s, NGN. 8

9 Generalità. Luogo di esecuzione. La geografia dei cantieri Impresa recepita nei contratti per Assurance, Creation e Delivery ha visto per AOA SUD le seguenti novità: ingresso in NA-O di Sielte Contratto Lavori di Rete Principali variazioni ingresso in PU-N di Cogepa ingresso in BAS del consorzio LDL ingresso in SIC-C del consorzio LDL 9

10 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Luogo di esecuzione. Allo scopo di evidenziare le variazioni introdotte, la tabella seguente riporta la nuova ripartizione delle centrali per AOL: 10

11 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Durata del contratto. Per tutte le Imprese la durata è triennale (scadenza al 31/12/2015) con possibilità di proroga per un ulteriore biennio. Fa eccezione il Consorzio ELLEDIELLE per il quale la durata è annuale con scadenza al 31/12/2013 con possibilità di proroga per un ulteriore biennio. La stipula del contratto per una durata di 3+2 anni è legata alla volontà di consentire alle Imprese adeguati investimenti (ad. es. legati all acquisto di attrezzatture per l effettuazione di scavo con tecniche innovative). 11

12 Generalità. Prezzi. Valorizzazione delle attività sulla base dei rispettivi Capitolati d Appalto e Fattori di Valorizzazione. Consorzio LDL: riconosciuto un FdV, sia per Delivery che per Creation, inferiore a quello delle altre imprese. SIRTI: per il solo 2013 i fattori di valorizzazione sono leggermente superiori per poi riallinearsi alle altre imprese nel 2014 e Impresa F G H K L M N S U F.O. e Apparati Consorzio LDL 0,240 0,250 0,262 0,276 0,289 0,304 0,319 0,335 0,362 0,224 SIRTI Spa Contratto Lavori di Rete Principali variazioni FdV Delivery Fattori di Valorizzazione Creation 0,262 0,269 0,282 0,297 0,311 0,327 0,344 0,36 0,389 0,242 0,260 0,267 0,279 0,294 0,308 0,323 0,340 0,357 0,385 0,239 Le altre Imprese 0,260 0,267 0,279 0,294 0,308 0,323 0,340 0,357 0,385 0,239 Contratto ,265 0,272 0,285 0,3 0,314 0,33 0,347 0,364 0,393 0,244 DELTA -2% -2% -2% -2% -2% -2% -2% -2% -2% -2% 12

13 Generalità. Utilizzo di Impresa sostitutiva (1/2). Telecom ha la facoltà di assegnare l esecuzione di attività ad un impresa sostitutiva con conseguente variazione temporanea dell importo contrattuale. Quando Qualora si riscontrasse un livello di performance assicurato dall Impresa tale da compromettere gravemente il grado di servizio offerto ai Clienti o il conseguimento del Piano Lavori Telecom. Per quali attività Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Assurance, Delivery, Creation o per una o più di esse. 13

14 La remunerazione L importo relativo alle attività assegnate all impresa sostitutiva non verrà riconosciuto all Impresa per l intero periodo della sostituzione e sarà calcolato, per le attività di Delivery e Creation valorizzando le attività assegnate attraverso l applicazione dei rispettivi capitolati d appalto; per l attività di Assurance in funzione della tipologia delle attività assegnate e della durata della sostituzione. Le modalità La richiesta di attivazione della sostituzione, corredata di tutti gli elementi a supporto, deve essere inviata da AOA a OA.G la quale provvederà a richiedere ad SR.IP la necessaria formalizzazione. L Impresa sostitutiva Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Utilizzo di Impresa sostitutiva (2/2). Sarà individuata nell ambito delle Imprese di cantiere limitrofe (anche extra AOL). 14

15 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Telecom ha la facoltà di modificare in modo definitivo l elenco delle aree di centrale assegnate all Impresa con conseguente variazione dell importo contrattuale. Ciò può essere effettuato al verificarsi delle seguenti condizioni: Valore del Total Enterprise Index Interruzione di attività Valore delle penali 15

16 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Total Enterprise Index Se il valore del TEI Complessivo in una AOL/Impresa è inferiore a 40 per un trimestre (gennaio-marzo, aprile-giugno, lugliosettembre, ottobre-dicembre), Telecom comunicherà all Impresa il risultato negativo. Qualora a seguito del trimestre successivo, il valore progressivo del semestre (gennaio-giugno, aprile-settembre, luglio-dicembre, ottobre-marzo) del TEI Complessivo nella stessa AOL /Impresa oggetto del warning risulti ancora inferiore a 40, Telecom potrà eliminare dall elenco delle aree di centrale oggetto del Contratto, tutte o quota parte delle aree di centrale dell AOL in cui tale evenienza è accaduta. 16

17 Total Enterprise Index Che cosa è il TEI? Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Quale ulteriore strumento per la verifica del lavorato Impresa nel perimetro del contratto Standard, è stato introdotto il Total Enterprise Index di seguito indicato con l acronimo TEI, ovvero un indice sintetico di valutazione composto da 5 componenti che sono funzione dei principali KPI di Delivery, Assurance, Creation, Maintenance nonché di una sezione denominata Satisfaction dove sono riportati i giudizi di soddisfazione espressi dalle AOAxx.AOLxx. L obiettivo del TEI è dare una valutazione di sintesi tra 0 e 100 che, con l ausilio della logica semaforica, misuri l efficienza e l efficacia del lavorato dell impresa, nonché la rispondenza dei comportamenti di quest ultima alle prestazioni attese sulla base delle priorità di ciascuna AOA.AOL. 17

18 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Total Enterprise Index Di seguito sono riportate le 5 componenti e il relativo peso che concorre al calcolo del TEI complessivo: TEI Creation peso 26 TEI Delivery peso 19 TEI Assurance peso 23 TEI Maintenance peso 17 TEI Satisfaction peso 15 Ciascuna componente è l insieme di una serie di KPI aventi ciascuno un proprio peso. 18

19 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Total Enterprise Index Nella tabella seguente sono riassunti gli indicatori di Creation unitamente al peso che hanno all interno della componente, le soglie di minimo massimo e riferimento. 19

20 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Total Enterprise Index Inoltre nella componente Satisfaction viene valutata anche la performance Impresa legata ad alcuni KPI, calcolati in AOA SUD, che sono di seguito elencati: 20

21 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Interruzione di attività Qualora l Impresa interrompa la realizzazione di un attività o si rifiuti di eseguirla per ragioni afferenti alle condizioni economiche, Telecom potrà eliminare dall elenco delle aree di centrale oggetto del Contratto, tutte o quota parte delle aree di centrale dell AOL in cui tale evenienza è accaduta. E importante sottolineare, al fine di garantire una corretta gestione delle attività, che l eventuale rifiuto ad effettuare lavori su una singola centrale non comporta la perdita di quella centrale ma di quota parte o tutte le aree di centrale dell AOL in cui tale evenienza è accaduta. 21

22 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Modifica dell elenco delle aree di centrale. Valore delle penali Qualora il valore delle penali applicate all Impresa in una singola AOL nel corso di un anno sia superiore ad una percentuale del benestariato nell anno, Telecom si riserva la facoltà di eliminare dall elenco delle aree di centrale oggetto del Contratto tutte le aree di centrale dell AOL in cui tale evenienza è accaduta. La soglia percentuale di riferimento è pari al 6% per tutti i cantieri ad eccezione dei seguenti per i quali è pari a 8%: CEIT Consorzio LDL SIELTE SIELTE cantiere Calabria cantiere Basilicata cantiere Calabria cantiere Basilicata 22

23 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Subappalto (1/3). Diversamente dal Contratto nella quale per tutte le attività era sancita una percentuale subappaltabile pari al 25% dell importo contrattuale nel vigente Contratto i valori sono stati differenziati per le diverse attività come di seguito indicato: Attività di Assurance Attività di Delivery Attività di Creation 25% dell importo contrattuale 15% dell importo contrattuale 35% dell importo contrattuale Tali percentuali saranno applicate anche come massimo subappaltabile per AOL. La verifica delle quantità subappaltate a totale Impresa sarà a cura AOA mentre per AOL potrà avvenire a cura DG. 23

24 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Subappalto (2/3). Entro il 31 gennaio di ciascun anno di validità del contratto, le Imprese dovranno fornire un elenco dei subappaltatori che vorranno utilizzare nello stesso anno. Per il primo trimestre del 2013 (entro ) l elenco potrà essere modificato/integrato a discrezione dell Impresa che ne deve dare tempestiva comunicazione a SR. Dopo il , per tutta la durata del contratto, le variazioni potranno essere effettuate solo alla fine del trimestre successivo. Non saranno rilasciate autorizzazioni per subappaltatori non presenti in elenco l invio del suddetto elenco non costituisce autorizzazione al subappalto. 24

25 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Generalità. Subappalto (3/3). Dal 1 marzo 2013 improrogabilmente non sarà più consentito richiedere autorizzazioni di tipo occasionale sulle categorie merceologiche: A perforazione orizzontale A posa subacquea cavi in rame e fibra ottica A giunzione terminazione collaudo cavi fibra ottica A giunzione terminazione e collaudo cavi in rame. Dal 1 luglio 2013 non sarà più consentito richiedere autorizzazioni di tipo occasionale a prescindere dalla Categoria merceologica. 25

26 Generalità. Bonus. Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Tecniche di scavo innovative Al fine di incentivare l impiego di tecniche di scavo innovative è stato introdotto un Bonus costituito dall incremento dei compensi per gli scavi innovativi di una quota pari al 15%. A tale scopo vengono definite: Tecniche di scavo Innovative Esecuzione di NO-DIG > 80 mm 200 mm Esecuzione di NO-DIG 80 mm Scavo mediante la tecnica della minitrincea Scavo mediante la tecnica della minitrincea ridotta Tecniche di scavo Tradizionali Disfacimento di pavimentazione, scavo e rinterro con materiale di risulta e/o inerte Disfacimento di pavimentazione, scavo e rinterro eseguito con miscele betonabili Scavo in terreno sterrato e rinterro con materiale di risulta e/o inerte Posa di manto di usura in conglomerato bituminoso fine Posa di manto di usura in asfalto colato Maggiorazione per scarificazione su piccoli interventi di ripristino Scarificazione di pavimentazioni stradali 26

27 Generalità. Bonus. Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Tecniche di scavo innovative Il Bonus viene riconosciuto per tutte le Network approvate nell anno X. Compenso Bonus Totale VdC (punti) (punti) (punti) Esecuzione di NO-DIG > 80 mm 200 mm Esecuzione di NO-DIG 80 mm Scavo mediante la tecnica della minitrincea Scavo mediante la tecnica della minitrincea ridotta Punti caricati su SAP Nell anno X+1 verranno elaborati tutti i RL consuntivati nell anno X e saranno quantificate e valorizzate le VdC per tutte le Network approvate dal 1/01/2013 ed afferenti ai contratti che prevedono il Bonus per impiego di tecniche di scavo innovative. 27

28 Generalità. Bonus. Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Tecniche di scavo innovative Se il rapporto seguente risulta almeno pari al 40,00%, sia con riferimento all attività totale dell Impresa, sia in relazione alle attività svolte su ognuna delle 4 AOA, (questo al fine di garantire un comportamento omogeneo nelle diverse AOA) il Bonus economico riconosciuto nel corso dell anno X viene confermato. Consuntivo in euro Tecniche Innovative Consuntivo in euro Tecniche Innovative + Tecniche Tradizionali In caso diverso Telecom Italia procederà al recupero del Bonus erogato nell anno X, per tutti i contratti che hanno previsto il Bonus stesso, attraverso l emissione di apposita nota di credito. 28

29 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni CREATION 29

30 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Creation. Definizione di tempi standard di realizzazione. Sono state individuate le seguenti classi d intervento in funzione dell importo della network (somma MOI + materiali Telecom), della disponibilità o meno dei permessi al momento dell approvazione della network e del soggetto deputato alla gestione dei permessi: Classi di intervento (Importo Network) Tempi massimi di lavorazione con permessi a cura TI già ottenuti (giorni solari) Tempi massimi di lavorazione con permessi a cura TI non ottenuti (giorni solari) Tempi massimi di lavorazione con permessi a cura Impresa (giorni solari) a b c 1 fino a da a da a maggiore di

31 Al momento della approvazione della network, pertanto, deve essere obbligatoriamente data l informazione relativa ai permessi: Permessi a cura Impresa Presenza nel preventivo di una o più VDC relative ai permessi a cura Impresa. Permessi a cura TI Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Creation. Definizione di tempi standard di realizzazione. => Data FL = Data Sistema + colonna C Valorizzazione della nuova caratteristica Permessi a Cura TI con il valore permesso non ottenuto : => Data FL = Data Sistema + colonna B Permessi già ottenuti o non necessari Valorizzazione della nuova caratteristica Permessi a Cura TI con il valore permesso ottenuto : => Data FL = Data Sistema + colonna A 31

32 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Creation. Definizione di tempi standard di realizzazione. Le VDC relative ai permessi a cura Impresa sono le seguenti: RCCRE RCCRE PERMESSO ENTE APERTURA CHIUSINI PERMESSO ENTE OPERE CIVILI FINO 100 M In caso di assenza nel preventivo delle VDC di cui sopra, la nuova caratteristica Permessi a Cura TI dovrà essere obbligatoriamente valorizzata nella classificazione della network ; in caso contrario non sarà possibile procedere al rilascio della network (messaggio di errore Network non rilasciabile inserire indicaz. permessi ). Al rilascio delle Network, la data fine lavori prevista sarà calcolata ed impostata in automatico e comunicata tramite Portale Fornitori alle Imprese, e non sarà più possibile modificarla. I giorni sono sempre da intendersi come giorni solari. Qualora la data fine lavori calcolata ricada in un giorno festivo questa sarà automaticamente posticipata al primo giorno lavorativo successivo. 32

33 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Creation. Definizione di tempi standard di realizzazione. SAP provvede all inserimento in automatico della Data Fine Lavori Prevista per le emesse a fronte dei contratti di network creation su tipi progetto: 13 GOL progetti RAV 23 GOL progetti IAV 60 - Tipo OLIA Negativi Rete NRT 61 - Tipo OLIA Bonifica Programmata Rete BPR 62 - Tipo OLIA Progetto ON-GOING ONG 63 - Tipo OLIA Progetto ON-GOING Extended ONE 65 - Piccoli Interventi di Rete per COS (PIR) 66 Riparazione Coppie Guaste (CPG) 67 - Spostamento Infrastrutt. per Manut.(SPM) 33

34 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Creation. Definizione di tempi standard di realizzazione. Il superamento di tale data determina l applicazione di penali per ritardata consegna. La posticipazione della data di fine lavori prevista può essere effettuata su richiesta Impresa, solo per giustificati motivi e solo da utente con adeguato livello di responsabilità (Responsabile AOL o Responsabile AD) attraverso una nuova transazione denominata ZGVPRE (è possibile sia anticipare che posticipare la data). E opportuno sottolineare che tutte le posticipazioni della Data Fine Lavori Prevista saranno monitorate anche al fine di verificare se occorre modificare i valori indicati. Le attività di ripristino del manto stradale dovranno essere appaltate su Network distinte. 34

35 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Creation. Principali variazioni di processo. Introduzione della possibilità di appalto della richiesta permessi di scavo agli Enti VDC Descrizione Punti PERMESSO ENTE APERTURA CHIUSINI PERMESSO ENTE OPERE CIVILI FINO 100 M MAGG PER ENTE OP CIV SUCC AI PRIMI 100 M OTTENIMENTO NULLA OSTA DOCUMENTAZIONE PERMESSO ENTE APERTURA CHIUSINI DOCUMENTAZIONE PERMESSO ENTE OPERE CIVILI FINO 100 M DOCUMENTAZIONE PERMESSO ENTE OP CIV SUCC AI PRIMI 100 M 167 * # * Voci di capitolato per appalto richiesta permessi completa # Voci di capitolato per appalto solo predisposizione della richiesta permessi 35

36 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Creation. Principali variazioni di processo. Introduzione dell obbligo di comunicazione della data di inizio delle opere civili Al fine di poter garantire l effettuazione di specifiche verifiche sui lavori di scavo, ripristino, ecc. tale informazione, dovrà essere riportata all interno del documento CIL prima comunicazione nel campo denominato Descrizione lavori da effettuare/motivo sospensione. Introduzione della possibilità di appalto di attività di supporto alla progettazione VDC Descrizione Punti CARICAMENTO NGN PROGETTO ESECUTIVO REALIZZATO X TRATTA DI SBRACCIO CARICAMENTO NGN PROGETTO ESECUTIVO REALIZZATO X TRATTA ANELLO AGGIORNAMENTO SCHEMATICA DI CANALIZZAZIONE LIV BASE E RETE X TRATTA MAGGIORAZIONE CARICAMENTO NGN ARRETRATO CARTOGRAFICO ANELLO OTTICO X ANELLO

37 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni PENALI 37

38 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Penali. Assurance, Delivery e Creation. Di seguito si elencano le penali comuni a tutti i contratti: Penale sulla verifica chiusura delle terminazioni esterne (armadio, colonnina, ecc): sarà applicata una penale pari a 500,00 (cinquecento/00) ogni qualvolta, a seguito delle suddette verifiche effettuate entro 4 ore dall ultimazione dell intervento dell impresa, l armadietto oggetto di lavorazione venga trovato aperto o comunque non correttamente chiuso. Penale sul processo di subappalto: (dichiarazione preventiva dell utilizzo di subappalto, esposizione della tessera e presenza del crono programma, utilizzo del distacco temporaneo di personale): sarà applicata una penale pari 3.000,00 (tremila/00) per ogni caso riscontrato. Penale sulla violazione della procedura di ACCESSO AI SITI TELECOM ITALIA : sarà applicata una penale pari a 500,00 (cinquecento/00) per ogni violazione riscontrata. 38

39 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Penali. Assurance, Delivery e Creation. Penale per contestazione formale: per ogni lettera di contestazione afferente a reclami scritti da parte di Enti proprietari delle sedi di posa in relazione a inadempienze o cattive lavorazioni pervenuti a Telecom Italia sarà applicata una penale pari a 500,00 (cinquecento/00). Penale per errata richiesta di sostituzione Pali: prevista nei casi in cui TI verifichi, preventivamente alla sostituzione, che il numero dei pali per i quali e necessaria la sostituzione e minore a quanto segnalato dall Impresa. L entita e le modalita applicativa della penale sarà definita nel corso del

40 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Penali. Assurance, Delivery e Creation. Penale per errata programmazione delle richieste di minicavi in ambito call-off: prevista nei casi in cui l Impresa emetta una richiesta di materiale tale per cui si dovesse registrare una giacenza presso il magazzino Impresa superiore a 30 giorni solari. L entità e la modalità applicativa della penale sarà definita nel corso del Penale per insufficiente valutazione di IVR globale: nell ambito del Vendor Rating, sarà applicata una penale all Impresa a seguito di una valutazione semestrale dell IVR globale inferiore al valore di

41 Penali. Creation. Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Di seguito si elencano le penali relative alla sola componente Creation: Penale sulla qualità realizzativa: penale applicata in fase di verifica IVVR. Penale sul rapporto lavori: penale applicata in fase di verifica IVVR. Per ritardata ultimazione delle prestazioni: si passa dal 2% al 4% del valore della NTW per ogni giorno di ritardo e non vi è più il limite max del 20%. Per ritardata consegna della rapportazione delle opere eseguite, della relativa documentazione cartografica, delle operazioni di aggiornamento delle banche dati: si passa dall 1% al 2% del valore della NTW per ogni giorno di ritardo e non vi è più il limite max del 10%. 41

42 Penali. Creation. Contratto Lavori di Rete Principali variazioni Di seguito si elencano le penali relative alla sola componente Creation: Penali sulla non conformità dei materiali di fornitura impresa: penale applicata in fase di verifica Controllo Qualità. Penale per insufficiente valutazione di IVRc3: a seguito controllo di laboratorio sui materiali di fornitura impresa non compresi nell allegato 2 Listino materiali di fornitura Impresa del Contratto sarà applicata una penale all Impresa a seguito di una valutazione semestrale dell IVRc3 inferiore al valore di

43 Contratto Lavori di Rete Principali variazioni CAPITOLATO 43

44 Principali variazioni fra il precedente Capitolato 2010 ed il vigente Capitolato 2013 INSERITI NUOVI CAPITOLI Impianti in rete ottica per Stazioni Radio Base (SRB) Raccordi in fibra ottica di edificio Predisposizione del tratto verticale con cavo multifibra interno all edificio Realizzazione dello sbraccio orizzontale del Cliente interno all edificio Realizzazione del raccordo del Cliente in cavetto ottico singolo interno all edificio Realizzazione del raccordo del Cliente in cavetto ottico singolo esterno all edificio Installazione apparato ONU Impianti in rete in rame per Stazioni Radio Base (SRB) Realizzazione impianto per servizio HSDPA Realizzazione impianto per backhauling Node B Generalità sulla realizzazione degli impianti Installazione degli apparati in centrale e SRB per backhauling Node B Permessi a Enti Pubblici

45 5.1 Opere civili MODIFICHE Il peso del materiale da smaltire per gli scavi di tipo non tradizionale (es.: minitrincea) è determinato dal prodotto delle dimensioni nominali dello scavo riportate sulle Norme della Società per il peso specifico convenzionale del materiale da smaltire (PS = 1700 kg/m3). Gli oneri eccedenti la quota di 0,3 /q.le per lo smaltimento in discarica o in centri di recupero dei rifiuti devono essere valorizzati considerando: l effettivo peso del materiale smaltito rilevato dal Formulario di Identificazione Rifiuti (FIR); il peso convenzionale determinato con l applicazione dei criteri sopra riportati alle opere di scavo appaltate dalla Società L importo da riconoscere deve essere il minore tra i due e deve essere corrisposto all Impresa mediante l applicazione del codice RCEXTRA.DISCA Opere di scavo Nota 1: Qualsiasi intervento di scavo di lunghezza inferiore a 13 m deve essere compensato con una lunghezza convenzionale pari a 13 m. All interno della stessa Network più interventi di scavo, non continui tra loro e non appartenenti alla stessa tratta, ed ognuno di lunghezza inferiore a 13 m devono essere contabilizzati singolarmente. Nell applicazione della quota convenzionale a scavi di tipo misto (ad esempio sterrato più pavimentato) deve essere applicata la sola Voce riferita al tipo di scavo prevalente. 45

46 5.1 Opere civili MODIFICHE Esecuzione di NO-DIG > 80 mm 200 mm al m Esecuzione di NO-DIG 80 mm al m 99 Nota 1: La si applica per la lunghezza minima della perforazione di 50 m misurati sulla superficie. Nota 2: La si applica per la lunghezza minima della perforazione di 75 m misurati sulla superficie. Nota 3: La posa di tubi di diametro maggiore di 200 mm e di tubi diversi da quelli in polietilene PN10 deve essere trattata a parte Nota 4: Nell ambito della stessa Network, tutte le lunghezze delle perforazioni comprese in un raggio di 500 m in linea d aria devono essere sommate. Scavo con tecnica della minitrincea di dimensioni massime 10x40 cm Scavo mediante la tecnica della minitrincea al m 78 Nota 1: Nell ambito della stessa Network la voce si applica per un minimo di 75 m. Scavo con tecnica della minitrincea ridotta di dimensioni massime 5x50 cm Scavo mediante la tecnica della minitrincea ridotta al m 90 RISULTA CANCELLATO IL NO DIG LEGGERO 46

47 5.1.2 Ripristini MODIFICHE Posa di manto di usura in conglomerato bituminoso fine al m² 28 Nota 1: Qualsiasi intervento singolo che interessi una superficie inferiore ai 25 m2 deve essere convenzionalmente compensato per una superficie di 25 m2 a cui aggiungere la voce che remunera gli oneri per l eventuale scarificazione. Rientra nell applicazione di questa quota convenzionale anche l esecuzione dei ripristini, di qualunque estensione superficiale, a seguito di interventi riconducibili all applicazione delle Note 4 e 5 alle Voci da a Posa di manto di usura in asfalto colato al m² 34 Nota 1: Qualsiasi intervento singolo che interessi una superficie inferiore ai 25 m² deve essere convenzionalmente compensato per una superficie di 25 m². Rientra nell applicazione di questa quota convenzionale anche l esecuzione dei ripristini, di qualunque estensione superficiale, a seguito di interventi riconducibili all applicazione delle Note 4 e 5 alle Voci da a Posa di cubetti al m² Posa di selci e basoli per lastricati al m² 108 INSERITA NUOVA VDC Maggiorazione per scarificazione su piccoli interventi di ripristino cad. 313 Nota 1: All interno della stessa Network più interventi, ciascuno di superficie superiore ai 25 m², la cui somma è inferiore a 200 m², devono essere compensati, convenzionalmente, come un unico intervento pari a 200 m². Nota 2: La voce si applica per gli interventi definiti alla nota 1 della voce

48 5.2.2 Posa di pozzetti MODIFICHE Posa di pozzetto modulare in calcestruzzo 40x40 cm cad. 241 Nota 1: La Voce si applica convenzionalmente anche per la sostituzione del pozzetto o del solo chiusino (coperchio e telaio). Nota 2: La Voce si applica anche per la posa del pozzetto 20x20 cm Nota 3: Lo scavo per la posa dell infrastruttura di collegamento tra l impianto di terra nel pozzetto 20x20 cm e l apparato per FTTCab, deve essere remunerato applicando la voce o o per una lunghezza di 2 m senza applicazione di quote minime Costruzione in opera o posa di basamento prefabbricato per cabinet stradali fino a 0,5 m³ cad Costruzione in opera di basamento per cabinet stradali maggiore di 0,5 m³ e fino a 0,8 m³ cad Posa in opera di basamento prefabbricato per cabinet stradali maggiore di 0,5 m³ e fino a 0,8 m³ cad

49 5.2.4 Sottoequipaggiamento dei tubi Sottoequipaggiamento di un tubo esistente con minitubo o fender successivo e contestuale al primo al m 0,35 Nota 1: Le voci si applicano anche per il sottoequipaggiamento di minitubi in canalette esistenti Posa dei cavi in rame Posa sotterranea di cavi fino a 400 cp al m Posa sotterranea di cavi oltre 400 cp al m Giunzione Giunzione di conduttori, in giunti con coppie terminate, per coppia cad 4, Chiusura dei giunti con potenzialita nominale da 51 a 200 coppie cad Terminazioni esterne Posa di armadi 1200 coppie Nota 2: La posa e la fornitura del kit di bloccaggio del fondo armadio è remunerata con le voci 05150, e Posa di colonnine Nota 2: La voce si applica anche per l installazione di colonnine per FTTCab. 49

Relazione Tecnica Analisi Avanzamento Gruppo di Impegni n. 5 Situazione al 30 giugno 2011

Relazione Tecnica Analisi Avanzamento Gruppo di Impegni n. 5 Situazione al 30 giugno 2011 Relazione Tecnica Analisi Avanzamento Gruppo di Impegni n. 5 Situazione al 30 giugno 2011 Analisi Tecnica Avanzamento Gruppo di di Impegni nn.5 n.5 1 e 6 1 I TARGET 2011 Processo di assurance Assicurare

Dettagli

La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica

La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica goffredo.cerquozzi@tin.it 31 gennaio 2008 Villa Mondragone Monte Porzio Catone RETE IN RAME Centrale borchia cavetto di raccordo armadio di distribuzione altri

Dettagli

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA.

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA. NT-3 Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA Abstract Questo documento contiene le modalità di collaudo tecnico degli impianti in fibra ottica di Infratel. Tale documento sarà il riferimento

Dettagli

FRANCESCO CECERA OPEN ACCESS, OG.NC.E

FRANCESCO CECERA OPEN ACCESS, OG.NC.E GRUPPO TELECOM ITALIA Giornata di studio Tecniche impiantistiche e tecnologie ottiche per l accesso di nuova generazione FRANCESCO CECERA OPEN ACCESS, OG.NC.E Le infrastrutture tt esterne Si tratta della

Dettagli

CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia

CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA OPEN ACCESS CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia Dotti Massimiliano Modena, 12 Febbario 2014 Technology Open Access Access Op Area 37 2 Come la Rivoluzione

Dettagli

ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI. Lottizzazione " Loc. Ciapanella

ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI. Lottizzazione  Loc. Ciapanella AOL TS / ADO TOS-SUD Titolo elaborato: ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI nome lottizzazione: Lottizzazione " Loc. Ciapanella CODICE DOCUMENTO NOME FILE PNL011332

Dettagli

per Italia Digitale Versione 3.1 28 Ottobre 2010

per Italia Digitale Versione 3.1 28 Ottobre 2010 Infrastrutture a Banda Ultra Larga per Italia Digitale Tavolo Tecnico Operatori Governo per la condivisione del Modello di intervento per lo sviluppo dell Infrastruttura per le Reti di Accesso di Nuova

Dettagli

OFFERTA TELECOM ITALIA DI INFRASTRUTTURE DI POSA PER LO SVILUPPO DI RETI FTTX

OFFERTA TELECOM ITALIA DI INFRASTRUTTURE DI POSA PER LO SVILUPPO DI RETI FTTX OFFERTA TELECOM ITALIA DI INFRASTRUTTURE DI POSA PER LO SVILUPPO DI RETI FTTX Impegni 9.1 e 9.2 Versione 1.0 Emessa il 30 giugno 2009 INDICE 1 Premessa... 3 2 Normativa di riferimento... 3 2.1 Normativa

Dettagli

Prescrizioni Telecom per autorizzazione alla cantierizzazione nel Comune dell Aquila

Prescrizioni Telecom per autorizzazione alla cantierizzazione nel Comune dell Aquila Prescrizioni Telecom per autorizzazione alla cantierizzazione nel Comune dell Aquila Premessa Il presente documento descrive le prescrizioni minime per Telecom Italia SpA necessarie alla cantierizzazione

Dettagli

OFFERTA PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI D USO SU FIBRE OTTICHE SPENTE IN RETE LOCALE DI ACCESSO

OFFERTA PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI D USO SU FIBRE OTTICHE SPENTE IN RETE LOCALE DI ACCESSO OFFERTA PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI D USO SU FIBRE OTTICHE SPENTE IN RETE LOCALE DI ACCESSO pagina 1 INDICE 1 PREMESSA... 4 2 DEFINIZIONI... 5 3 SERVIZI OFFERTI... 8 4 AMBITO DI APPLICAZIONE E DESTINATARI

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI PARTE I - LAVORI A) Voci comprese nel prezzario regionale delle Opere pubbliche

ELENCO PREZZI UNITARI PARTE I - LAVORI A) Voci comprese nel prezzario regionale delle Opere pubbliche D.0001.0001.0015 D.0001.0002.0030 D.0001.0002.0040 ELENCO PREZZI UNITARI PARTE I - LAVORI A) Voci comprese nel prezzario regionale delle Opere pubbliche D.0001.0001.0013 DEMOLIZIONE E ASPORTAZIONE PARZIALE

Dettagli

ELENCO PREZZI PER LA REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI TRATTE DI RETE IN FIBRA OTTICA

ELENCO PREZZI PER LA REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI TRATTE DI RETE IN FIBRA OTTICA ELENCO PREZZI PER LA REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI TRATTE DI RETE IN FIBRA OTTICA Pagina 1 di 78 INDICE 1 SCOPO... 3 2 APPLICAZIONE... 3 3 GENERALITA SUI COMPENSI... 3 4 PROGETTAZIONE... 3 4.1 PROGETTAZIONE

Dettagli

Offerta di Riferimento di Telecom Italia 2015. Servizi di Accesso NGAN

Offerta di Riferimento di Telecom Italia 2015. Servizi di Accesso NGAN Offerta di Riferimento di 2015 Offerta di Riferimento di 2015 Infrastrutture di posa locali Tratte di adduzione Fibre ottiche primarie e secondarie Segmenti di terminazione in fibra ottica (Mercato 4)

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DELLA RETE DI ACCESSO. ing. Goffredo Cerquozzi

LA PROGETTAZIONE DELLA RETE DI ACCESSO. ing. Goffredo Cerquozzi LA PROGETTAZIONE DELLA RETE DI ACCESSO ing. Goffredo Cerquozzi INDICE Generalità sulla rete di accesso La progettazione della rete in rame La progettazione della rete in fibra ottica Cenni sulla realizzazione

Dettagli

Una rete di telecomunicazioni è

Una rete di telecomunicazioni è La rete di telecomunicazioni a Venezia di GIOVANNI PITTINO Una rete di telecomunicazioni è costituita da una ragnatela di cavi di fili di rame o di vetro che, partendo da centri nodali nei quali è concentrata

Dettagli

Relazione Tecnica Analisi Avanzamento Gruppo di Impegni n. 5 Situazione al 30 settembre 2010. Analisi Tecnica Avanzamento Gruppo di Impegni n.

Relazione Tecnica Analisi Avanzamento Gruppo di Impegni n. 5 Situazione al 30 settembre 2010. Analisi Tecnica Avanzamento Gruppo di Impegni n. Relazione Tecnica Analisi Gruppo di Impegni n. 5 Situazione al 30 settembre 2010 Analisi Tecnica Gruppo di Impegni n.5 1 I TARGET 2010 Processo di assurance Assicurare la continuità del servizio per i

Dettagli

Service Level Agreement. di Telecom Italia. Servizi di Colocazione. (Mercato 4)

Service Level Agreement. di Telecom Italia. Servizi di Colocazione. (Mercato 4) Service Level Agreement di 2015: Servizi di Colocazione Service Level Agreement di 2015 Servizi di Colocazione (Mercato 4) (sottoposta ad AGCom per approvazione) 31 ottobre 2014 1 / 24 Service Level Agreement

Dettagli

SERVICE LEVEL AGREEMENT SERVIZI DI ACCESSO DISAGGREGATO ALL INGROSSO ALLE RETI E SOTTORETI METALLICHE DI TELECOM ITALIA 2013 (MERCATO 4)

SERVICE LEVEL AGREEMENT SERVIZI DI ACCESSO DISAGGREGATO ALL INGROSSO ALLE RETI E SOTTORETI METALLICHE DI TELECOM ITALIA 2013 (MERCATO 4) SERVICE LEVEL AGREEMENT SERVIZI DI ACCESSO DISAGGREGATO ALL INGROSSO ALLE RETI E SOTTORETI METALLICHE DI TELECOM ITALIA 2013 (MERCATO 4) (sottoposta ad AGCom per approvazione) 31 OTTOBRE 2012 Tutti i diritti

Dettagli

L Aquila La nuova rete di TIM

L Aquila La nuova rete di TIM GRUPPO TELECOM ITALIA L Aquila, 22-23 Marzo 2016 Auditorium del Parco L Aquila La nuova rete di TIM Responsabile Creation Abruzzo e Molise La Nuova Rete de L Aquila Razionalizzazione dei Servizi Il progetto

Dettagli

Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche. Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA

Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche. Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA La missione di Infratel Infratel Italia SpA Estendere le

Dettagli

Allegato 1 al Contratto

Allegato 1 al Contratto CONCESSIONE DI DIRITTI D USO SU RISORSE DELLA RETE PUBBLICA REGIONALE (RPR) ai sensi della D.G.R. n.1373 del 18 luglio 2014 Allegato 1 al Contratto PROCEDURE, TEMPISTICHE, SLA, PENALI 1 INDICE 1. PREMESSA

Dettagli

NORMA TECNICA RESTITUZIONE CARTOGRAFICA PLANIMETRIE DELLE INFRASTRUTTURE DI POSA PER LA RETE DI GIUNZIONE E DISTRIBUZIONE.

NORMA TECNICA RESTITUZIONE CARTOGRAFICA PLANIMETRIE DELLE INFRASTRUTTURE DI POSA PER LA RETE DI GIUNZIONE E DISTRIBUZIONE. NORMA TECNICA RESTITUZIONE CARTOGRAFICA PLANIMETRIE DELLE INFRASTRUTTURE DI POSA PER LA RETE DI GIUNZIONE E DISTRIBUZIONE. Compilato: A. Chiarandini Rivisto: F. Fabbro Autorizzato: D. Licursi Versione:

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

ELENCO COMPENSI PER L APPALTO DI ATTIVITÀ SU GRUPPI DI MISURA E PRESE DELLA DISTRIBUZIONE, DI NORMA, IN PRESENZA DI TENSIONE

ELENCO COMPENSI PER L APPALTO DI ATTIVITÀ SU GRUPPI DI MISURA E PRESE DELLA DISTRIBUZIONE, DI NORMA, IN PRESENZA DI TENSIONE ELENCO COMPENSI PER L APPALTO DI ATTIVITÀ SU GRUPPI DI MISURA E PRESE DELLA DISTRIBUZIONE, DI NORMA, IN PRESENZA DI TENSIONE Roma - Edizione NOVEMBRE 2000 ELENCO COMPENSI PER L APPALTO DI ATTIVITÀ SU GRUPPI

Dettagli

AREA PROPOSTA PER LA SPERIMENTAZIONE

AREA PROPOSTA PER LA SPERIMENTAZIONE AREA PROPOSTA PER LA SPERIMENTAZIONE Le aree proposte per la sperimentazione dal comune di Concorezzo e dalla regione Lombardia sono quattro: area dogana area 1 maggio area sud area zona Monza confinante

Dettagli

Comune di Scicli. Pagina 1. (Provincia Regionale di Ragusa) denominato libero consorzio Comunale ANALISI PREZZI

Comune di Scicli. Pagina 1. (Provincia Regionale di Ragusa) denominato libero consorzio Comunale ANALISI PREZZI Comune di Scicli (Provincia Regionale di Ragusa) denominato libero consorzio Comunale ANALISI PREZZI 1 A.N.1 2 A.N.2 3 A.N. 3 diametro variabile da mm. 25 - mm- 75 e/o in acciaio mm. 3/4" - 2", eseguita

Dettagli

Offerta di Riferimento di Telecom Italia 2015. Servizio di Accesso NGAN. (Mercato 4)

Offerta di Riferimento di Telecom Italia 2015. Servizio di Accesso NGAN. (Mercato 4) Offerta di Riferimento di 2015 (Mercato 4) (sottoposta ad AGCom per approvazione) 31 ottobre 2014 1 / 23 INDICE 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 5 1.1 Normativa comunitaria... 5 1.2 Normativa nazionale...

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni DIPARTIMENTO PER LE COMUNICAZIONI Un modello semplificato di costo per la rete di accesso passiva in fibra ottica NGAN Alessandro Paci

Dettagli

Prezzo, Iva esclusa, comprensivo della parte relativa alla sicurezza ( A ) Costo relativo alla sicurezza (parte del prezzo A) Quantità Stimata ( K )

Prezzo, Iva esclusa, comprensivo della parte relativa alla sicurezza ( A ) Costo relativo alla sicurezza (parte del prezzo A) Quantità Stimata ( K ) Codice Voce Descrizione Prezzo, Iva esclusa, comprensivo della parte relativa alla sicurezza ( A ) Costo relativo alla sicurezza (parte del prezzo A) Quantità Stimata ( K ) Totale in Iva esclusa = A x

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2015 INDICE INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO PREZZI... 5 2.1 ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA (A01-A40)... 5 2.2 DISATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2

SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2 Ed. 4.0 - I1/10 SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2 I.1 TEMPI MEDI DI ESECUZIONE DELLE FASI REALIZZATIVE DELLA SOLUZIONE DI CONNESSIONE IN ALTA TENSIONE 2 I.2 COSTI UNITARI PER TIPOLOGIA DI

Dettagli

CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO " OLGIATE OLONA

CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO  OLGIATE OLONA CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO " OLGIATE OLONA Art. Descrizione u.m. Qt. / Unità / Totale 1,00 OPERE DI ALLESTIMENTO CANTIERE 1,01 Oneri relativi

Dettagli

Regione Sardegna. Progetto SICS2

Regione Sardegna. Progetto SICS2 Regione Sardegna Progetto SICS2 Progetto di copertura Broadband in riferimento alla Delibera n. 37/4 del 25/09/2007 e successivo Bando di Gara del 24/10/2007 Pag 1 Le dimensioni del progetto Centrali Km

Dettagli

ALLEGATO E RETE TELECOM: Relazione tecnica

ALLEGATO E RETE TELECOM: Relazione tecnica A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

Terremoto a L Aquila

Terremoto a L Aquila GRUPPO TELECOM ITALIA ICT: risposte concrete ai bisogni di un mondo globale Torino, 21 ottobre 2010 Marco Burzio Salvatore Spanò Greco Parleremo di: L emergenza Il G8 Il progetto C.A.S.E. Marco Burzio;

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

COMUNE DI QUALIANO PROVINCIA DI NAPOLI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE

COMUNE DI QUALIANO PROVINCIA DI NAPOLI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto la manutenzione ordinaria e straordinaria dell impianto di illuminazione pubblica di tutto il territorio comunale, ivi compreso le linee elettriche

Dettagli

1. PREMESSA... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE E DESTINATARI DELL OFFERTA... 4 4. PROCEDURA DI ASSEGNAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE...

1. PREMESSA... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE E DESTINATARI DELL OFFERTA... 4 4. PROCEDURA DI ASSEGNAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE... OFFERTA PUBBLICA DI INFRASTRUTTURE PER LO SVILUPPO DI RETI DI TELECOMUNICAZIONI ULTRABROADBAND REL.1.00 13/06/2012 Contenuti 1. PREMESSA... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE E DESTINATARI

Dettagli

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016 INDICE ELENCO PREZZI PER ATTIVITA E SERVIZI NON COMPRESI NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE 2016... 1 INDICE... 2 1 PREMESSA... 4 2 ELENCO

Dettagli

Comune di BERBENNO DI VALTELLINA. Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N.

Comune di BERBENNO DI VALTELLINA. Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N. Comune di BERBENNO DI VALTELLINA Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N.1 Data, Marzo 2014 ALLEGATO A CONSISTENZA 1. CABINE DI DECOMPRESSIONE

Dettagli

COMUNE DI COLLESALVETTI

COMUNE DI COLLESALVETTI COMUNE DI COLLESALVETTI PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO VICARELLO SUD PROPRIETA : SOC. FONTE ALLEGRA ED ALTRI A) STRADE E PARCHEGGI 1) Preparazione dei piani di posa con rullatura del terreno. mq 3.700,00

Dettagli

L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA

L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA SISTEMI AGRO-ENERGETICI E ADATTAMENTI LOCALI Udine, 29-30 novembre 2007 L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA Massimo Vignuda Energy Division Green Energy Solution 1 Premessa La rete di distribuzione nasce

Dettagli

Capitolato Tecnico Fornitura e posa in opera di Connessioni in fibra ottica fra sedi dell Ateneo in modalità Dark Fiber

Capitolato Tecnico Fornitura e posa in opera di Connessioni in fibra ottica fra sedi dell Ateneo in modalità Dark Fiber Capitolato Tecnico Fornitura e posa in opera di Connessioni in fibra ottica fra sedi dell Ateneo in modalità Dark Fiber 1. Oggetto della fornitura L appalto in questione ha per oggetto la realizzazione

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area Osteria San Biagio Casalecchio di Reno OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno Unità Descrizione dei Lavori di misura 1 Struttura stradale della nuova Via Bolsenda comprendente: - Scavo di sbancamento eseguito

Dettagli

S COSTI DELLA SICUREZZA S.10 DELIMITAZIONI AREA CANTIERE S.10.10 DELIMITAZIONI ELEMENTARI AREA CANTIERE Codice Descrizione U.m.

S COSTI DELLA SICUREZZA S.10 DELIMITAZIONI AREA CANTIERE S.10.10 DELIMITAZIONI ELEMENTARI AREA CANTIERE Codice Descrizione U.m. Provincia autonoma di Trento 1669 Elenco Prezzi Provinciale 2009 S.10 DELIMITAZIONI AREA CANTIERE S.10.10 DELIMITAZIONI ELEMENTARI AREA CANTIERE S COSTI DELLA SICUREZZA S.10 DELIMITAZIONI AREA CANTIERE

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli

LE RETI OTTICHE PASSIVE

LE RETI OTTICHE PASSIVE LE RETI OTTICHE PASSIVE Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia INDICE La rete di accesso Le reti ottiche passive Gli Standard

Dettagli

REGOLAMENTO SCAVI SU STRADE COMUNALI

REGOLAMENTO SCAVI SU STRADE COMUNALI Comune di Licata Dipartimento 5 Lavori Pubblici - Servizi Tecnologici ed Operativi e Programmazione OO.PP. Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n 3 del 23/02/2010 REGOLAMENTO SCAVI SU STRADE

Dettagli

Il progetto di realizzazione di una dorsale in fibra ottica in Provincia di Belluno

Il progetto di realizzazione di una dorsale in fibra ottica in Provincia di Belluno Il progetto di realizzazione di una dorsale in fibra ottica in Provincia di Belluno Andrea Marchi Provincia di Belluno Unità di Progetto Reti e Infrastrutture Tecnologiche Sedico, Villa Patt - 18 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E RETI INTERNET A BANDA ULTRALARGA (FTTH)

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E RETI INTERNET A BANDA ULTRALARGA (FTTH) U.O. Sistemi Tecnologici-Open Data-Energia U. O. Mobilità e Infrastrutture REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E RETI INTERNET A BANDA ULTRALARGA (FTTH) Approvato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

GUIDA PER LE CONNESSIONI ALLA RETE ELETTRICA DI DEVAL

GUIDA PER LE CONNESSIONI ALLA RETE ELETTRICA DI DEVAL Pag. 1 di 8 SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE I.1 TEMPI MEDI DI ESECUZIONE DELLE FASI REALIZZATIVE DELLA SOLUZIONE DI CONNESSIONE IN ALTA TENSIONE... 2 I.2 COSTI UNITARI PER TIPOLOGIA DI IMPIANTO...

Dettagli

Prescrizioni speciali per impianti di cablaggio strutturato Versione 2 del 19 Novembre 2012 pagina 1 di 5

Prescrizioni speciali per impianti di cablaggio strutturato Versione 2 del 19 Novembre 2012 pagina 1 di 5 pagina 1 di 5 1. Informazione importante Le seguenti prescrizioni speciali fanno parte integrante del capitolato di appalto e devono essere completate, dove richiesto, da parte dell Assuntore. E compito

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI CO-LOCAZIONE DI TELECOM ITALIA 2003

OFFERTA SERVIZI DI CO-LOCAZIONE DI TELECOM ITALIA 2003 OFFERTA SERVIZI DI CO-LOCAZIONE DI TELECOM ITALIA 2003 19 SETTEMBRE 2003 Offerta servizi di co-locazione di 2003 INDICE 1 SERVIZI DI CO-LOCAZIONE... 4 2 DATA DI PUBBLICAZIONE... 6 3 SERVIZIO DI CO-LOCAZIONE

Dettagli

Lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza di strade comunali diverse. Computo metrico estimativo COMUNE DI VEDELAGO

Lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza di strade comunali diverse. Computo metrico estimativo COMUNE DI VEDELAGO COMUNE DI VEDELAGO SETTORE LAVORI PUBBLICI 1078-2015 Lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza di strade comunali diverse Computo metrico estimativo 30 ottobre 2015 Il progettista geom.

Dettagli

LO STANDARD EIA/TIA 569

LO STANDARD EIA/TIA 569 LO STANDARD EIA/TIA 569 Pier Luca Montessoro www.montessoro.it Pietro Nicoletti www.studioreti.it ET569-1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5

! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5 , 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 ! # # % & (() # +, ++. /012 3!4, 5 3!4 3 #, 5, 3!4 # ++ 6, 7 8 + 9 8 % 9!( :, 9!(: ; 9 6 &7! + 8 % 9 (( :, + ; 9 6 7!, 9 6 5 : 7 3?3# 7 8 8 + 8 7!( < 9 +

Dettagli

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE/STAFF Settore 3: Viabilità - Programmazione Territoriale - TPL/trasporti - Ambiente - Protezione civile DETERMINAZIONE n. 972 DEL 01/06/2016 OGGETTO: Sp.19 Olivola località

Dettagli

Newsletter Attività Organo di vigilanza Luglio-Settembre 2013

Newsletter Attività Organo di vigilanza Luglio-Settembre 2013 Newsletter Attività Organo di vigilanza Luglio-Settembre 2013 Quadro di sintesi Nel corso del terzo trimestre del 2013, l Organo di vigilanza (OdV) ha proseguito le analisi in merito alle Segnalazioni

Dettagli

mandataria di una associazione temporanea di imprese costituita tra le seguenti imprese: Denominazione o ragione sociale Forma Giuridica Sede Legale

mandataria di una associazione temporanea di imprese costituita tra le seguenti imprese: Denominazione o ragione sociale Forma Giuridica Sede Legale Spettabile Comune di Viareggio Piazza Nieri e Paolini 55049 VIAREGGIO (LU) OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L INDIVIDUAZIONE DI UN SOGGETTO AVENTE LA QUALITÀ DI SOCIO PRIVATO DELLA MO.VER S.P.A., AL QUALE

Dettagli

Impianto multiservizio e regolamentazione simmetrica dell accesso

Impianto multiservizio e regolamentazione simmetrica dell accesso Impianto multiservizio e regolamentazione simmetrica dell accesso Umberto Iolli Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Staff del Commissario Antonio Preto Bologna, 14 ottobre 2015 Sommario Focus

Dettagli

Fiber To The Home: soluzioni innovative non invasive per il cablaggio degli edifici

Fiber To The Home: soluzioni innovative non invasive per il cablaggio degli edifici GRUPPO TELECOM ITALIA Giornata di studio Tecniche impiantistiche e tecnologie ottiche per l accesso di nuova generazione Milano, 8 Luglio 2009 Fiber To The Home: soluzioni innovative non invasive per il

Dettagli

Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato

Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato Dopo circa un mese di prove, dalla fine di gennaio è in esercizio l impianto di prelievo del percolato presente nei corpi delle

Dettagli

Provincia di Rieti Comune di Collalto Sabino IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA NOMINALE 910,80 KWp

Provincia di Rieti Comune di Collalto Sabino IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA NOMINALE 910,80 KWp Provincia di Rieti Comune di Collalto Sabino IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI POTENZA NOMINALE 910,80 KWp PIANO DI DISMISSIONE DELL IMPIANTO Progetto di ripristino 1. Piano di dismissione impianto fotovoltaico

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI CO-LOCAZIONE DI TELECOM ITALIA 2001

OFFERTA SERVIZI DI CO-LOCAZIONE DI TELECOM ITALIA 2001 OFFERTA SERVIZI DI CO-LOCAZIONE DI TELECOM ITALIA 2001 3 APRILE 2002 Offerta servizi di co-locazione di 2001 INDICE 1 SERVIZIO DI CO-LOCAZIONE... 4 2 DATA DI PUBBLICAZIONE E VALIDITÀ... 5 3 CRITERI CONTABILI...

Dettagli

Comune di Fano Località Rosciano REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 993.6 KWP COLLEGATO ALLA RETE ELETTRICA DI MEDIA TENSIONE

Comune di Fano Località Rosciano REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 993.6 KWP COLLEGATO ALLA RETE ELETTRICA DI MEDIA TENSIONE Sommario 1 PREMESSA 2 2 ANALISI DEGLI SCENARI 2 3 ANALISI DELLE OPERAZIONI 2 4 PREVISIONE DEI MEZZI DA UTILIZZARE 5 5 TEMPI 5 6 COSTI DELLO SMONTAGGIO 6 1 PREMESSA La presente relazione concerne il Piano

Dettagli

OFFERTA ERMES OPERATORI LISTINO. dei prezzi applicati per la concessione agli operatori di comunicazione elettronica

OFFERTA ERMES OPERATORI LISTINO. dei prezzi applicati per la concessione agli operatori di comunicazione elettronica OFFERTA ERMES OPERATORI LISTINO dei prezzi applicati per la concessione agli operatori di comunicazione elettronica di risorse della Rete Pubblica Regionale (RPR) INDICE INFORMAZIONI PRELIMINARI... 1 ART.

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA Settore Tecnico e Unico delle Progettazioni e delle Manutenzioni

PROVINCIA DI MANTOVA Settore Tecnico e Unico delle Progettazioni e delle Manutenzioni PROVINCIA DI MANTOVA Settore Tecnico e Unico delle Progettazioni e delle Manutenzioni SERVIZIO PROGETTAZIONI STRADALI, PONTI, STRUTTURE COMPLESSE, PORTO OGGETTO: 2 LOTTO DELLA TANGENZIALE DI ROVERBELLA

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO QUALITA

PIANO DI CONTROLLO QUALITA PIANO DI CONTROLLO QUALITA Generalità Il presente documento costituisce il Piano di Controllo della Qualità (nel seguito PCQ) per le attività relative ai lavori di: Pompaggio acque di fognatura al depuratore

Dettagli

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria Rete Fognaria Pag. 1 LAVORI A MISURA 4 E01.010) RINTERRI Rinterro con materiale di risulta proveniente da scavo, compreso l'avvicinamento dei [...] il costipamento prescritto. Compreso ogni onere per rete

Dettagli

NT1 Norma Tecnica per la costruzione di reti di telecomunicazioni in fibra ottica per Infratel NT-1

NT1 Norma Tecnica per la costruzione di reti di telecomunicazioni in fibra ottica per Infratel NT-1 NT1 Norma Tecnica per la costruzione di reti di telecomunicazioni in fibra ottica 21/12/2011 II-DON-756 4.0 NT-1 NORMA TECNICA PER LA COSTRUZIONE DI RETI DI TELECOMUNICAZIONI IN FIBRA OTTICA PER INFRATEL

Dettagli

COMUNE di MONTEVECCHIA (Lc) LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO TVCC E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RICONOSCIMENTO TARGHE PIANO DI MANUTENZIONE

COMUNE di MONTEVECCHIA (Lc) LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO TVCC E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RICONOSCIMENTO TARGHE PIANO DI MANUTENZIONE COMUNE di MONTEVECCHIA (Lc) LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO TVCC E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RICONOSCIMENTO TARGHE PIANO DI MANUTENZIONE 15 giugno 2015 Pagina 1 di 8 1) OGGETTO DEL PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

NT-4. Norma Tecnica DI MISURAZIONE DI CAVI IN FIBRE OTTICHE. Abstract

NT-4. Norma Tecnica DI MISURAZIONE DI CAVI IN FIBRE OTTICHE. Abstract NT-4 Norma Tecnica DI MISURAZIONE DI CAVI IN FIBRE OTTICHE Abstract Questo documento definisce le misure da effettuare per la verifica tecnica delle tratte di rete in fibra ottica al fine di verificarne

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

OFFERTA A PREZZI UNITARI

OFFERTA A PREZZI UNITARI Comune di PERGINE VALSUGANA Provincia di TRENTO OGGETTO: ESTENSIONE della RETE DI TELERISCALDAMENTO verso la ZONA INDUSTRIALE di PERGINE VALSUGANA COMMITTENTE: VALSUGANA ENERGIA S.p.A. in sigla VALE S.p.A.

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA

REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA Regolamento azienda elettrica Pagina 1 di 12 Indice 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Basi legali... 4 1.3 Applicazione...

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Tratto di ciclabile monodirezionale esistente in sede stradale

Tratto di ciclabile monodirezionale esistente in sede stradale Tratto di ciclabile monodirezionale esistente in sede stradale Separata dal flusso viario, da migliorare con interventi localizzati e mirati sulla segnaletica orizzontale e verticale, posa di manto bituminoso

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

DELIBERA N. 9/13/CIR

DELIBERA N. 9/13/CIR DELIBERA N. 9/13/CIR APPROVAZIONE DELL OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA PER L ANNO 2012 RELATIVA AI SERVIZI DI ACCESSO NGAN (INFRASTRUTTURE DI POSA LOCALI, TRATTE DI ADDUZIONE, FIBRE OTTICHE PRIMARIE

Dettagli

Prezzo 01 - Rotatoria

Prezzo 01 - Rotatoria LAVORI A CORPO 1 Prezzo 01 - Rotatoria Prezzo per la realizzazione della rotatoria del diametro di 45.20 mt. in ambito extraurbano all'incrocio tra la Via Vittorio Veneto e la strada provinciale Sestu

Dettagli

DOMANDA n.3 La consegna delle certificazioni inerenti l abilitazione in abito ferroviario vanno presentati a seguito aggiudicazione?

DOMANDA n.3 La consegna delle certificazioni inerenti l abilitazione in abito ferroviario vanno presentati a seguito aggiudicazione? DOMANDA n.1 Al punto 3 del modello di offerta tecnica si fa riferimento all inserimento di massimo 8 curricula vitae in formato europeo. A cosa si riferisce tale richiesta? RISPOSTA n.1 Tenuto presente

Dettagli

&2081(',9,*(9$12 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO

&2081(',9,*(9$12 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO &2081(',9,*(9$12 5(*2/$0(1723(5/$&21&(66,21('(/62772682/23(5/$&26758=,21(', 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO (Finalità) 1. Il presente regolamento disciplina la realizzazione di

Dettagli

OFFERTA PUBBLICA DI INFRASTRUTTURE PER LO SVILUPPO DI RETI DI TELECOMUNICAZIONI ULTRABROADBAND. Release 2.0

OFFERTA PUBBLICA DI INFRASTRUTTURE PER LO SVILUPPO DI RETI DI TELECOMUNICAZIONI ULTRABROADBAND. Release 2.0 OFFERTA PUBBLICA DI INFRASTRUTTURE PER LO SVILUPPO DI RETI DI TELECOMUNICAZIONI ULTRABROADBAND Release 2.0 approvata con verbale dell Assemblea dei soci di CentralCom SpA del 29/04/2015 1 1. PREMESSA In

Dettagli

DELIBERA N. 385/11/CONS

DELIBERA N. 385/11/CONS DELIBERA N. 385/11/CONS CONDIZIONI ECONOMICHE PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ACCESSO ALLA RETE TELEFONICA PUBBLICA IN POSTAZIONE FISSA IN OTTEMPERANZA AGLI OBBLIGHI DI SERVIZIO UNIVERSALE L AUTORITA

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO ELENCO PREZZI DI CONVENZIONE PER ESECUZIONE LAVORI ATTIVAZIONE IMPIANTO ANNO 1988 REVISIONE DAL 1994 COMUNE DI VIGGIANO Periodo di validità: I corrispettivi indicati nel

Dettagli

RELAZIONE TECNICA CAVIDOTTO PER FIBRA OTTICA

RELAZIONE TECNICA CAVIDOTTO PER FIBRA OTTICA CAVIDOTTO PER LA POSA DI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA, CON PARTICOLARE RIGUARDO AL CABLAGGIO IN FIBRA OTTICA, PER LA DORSALE DI COLLEGAMENTO DELLE SEDI COMUNALI DI SAN VITTORE OLONA RELAZIONE TECNICA CAVIDOTTO

Dettagli

SETTORE TECNICO LAVORI PUBBLICI SEZIONE FABBRICATI E IMPIANTI

SETTORE TECNICO LAVORI PUBBLICI SEZIONE FABBRICATI E IMPIANTI (PROVINCIA DI TORINO) SETTORE TECNICO LAVORI PUBBLICI SEZIONE FABBRICATI E IMPIANTI RIQUALIFICAZIONE AREA MERCATALE PIAZZA TORELLO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Collegno, lì 14.10. IL PROGETTISTA COLLABORATORI

Dettagli

I. OPERE OGGETTO DELLA 1 a PERIZIA DI VARIANTE E SUPPLETIVA

I. OPERE OGGETTO DELLA 1 a PERIZIA DI VARIANTE E SUPPLETIVA I. OPERE OGGETTO DELLA 1 a PERIZIA DI VARIANTE E SUPPLETIVA Le opere oggetto della presente 1 a Perizia di Variante e Suppletiva comportano delle variazioni dell importo contrattuale in aumento, ammesse

Dettagli

Fibre Ottiche. FORMAZIONE PROFESSIONALE SCHEDA CORSO TITOLO DEL CORSO: Digital forenser

Fibre Ottiche. FORMAZIONE PROFESSIONALE SCHEDA CORSO TITOLO DEL CORSO: Digital forenser Fibre Ottiche Informazioni generali Descrizione sintetica Contesto Formativo Obiettivi formativi Titolo del corso: Fibre Ottiche Durata: 40 ore Data inizio: da definire in base al numero di partecipanti

Dettagli

Le disposizioni integrative/interpretative dei decreti 29 maggio 2008

Le disposizioni integrative/interpretative dei decreti 29 maggio 2008 Le disposizioni integrative/interpretative dei decreti 29 maggio 2008 Claudio Baratta - ISPRA Roma 19 aprile 2012 1 Decreti 29 maggio 2008 Decreto del Direttore Generale del Ministero dell'ambiente e della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI INFRASTRUTTURE (CAVIDOTTI, POZZETTI, CHIUSINI, ECC.) ATTI AD OSPITARE CAVI IN FIBRA OTTICA.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI INFRASTRUTTURE (CAVIDOTTI, POZZETTI, CHIUSINI, ECC.) ATTI AD OSPITARE CAVI IN FIBRA OTTICA. CITTA DI VERBANIA Provincia del Verbano Cusio Ossola REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI INFRASTRUTTURE (CAVIDOTTI, POZZETTI, CHIUSINI, ECC.) ATTI AD OSPITARE CAVI IN FIBRA OTTICA. approvato con deliberazione

Dettagli

VDA BroadBusiness - Ulteriori Lotti Funzionali

VDA BroadBusiness - Ulteriori Lotti Funzionali VDA BroadBusiness - Ulteriori Lotti Funzionali ALLEGATO GESTIONE RIFIUTI PROGETTO DEFINITIVO Ed. Rev Data IL TECNICO PROGETTISTA 01 00 28/04/2014 Doc.N. All.Rifiuti Ed. 01 Rev 00 Cl. Data 28/04/2014 Pag

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

Consac Gestioni Idriche s.p.a.

Consac Gestioni Idriche s.p.a. 3. PREZZARIO LAVORI PER INTERVENTI DI RIPARAZIONE DELLE RETI IDRICHE Agg.to gennaio 2014 Sommario GESTITE DA Consac Gestioni Idriche s.p.a. AVVERTENZE GENERALI... 1 1 - Noli -scavi trasporti rinterri ripristini

Dettagli

COMUNE. Piano di manutezione

COMUNE. Piano di manutezione COMUNE Piano di manutezione 1 Sommario 1 INTRODUZIONE pag. 2 2 ANAGRAFICA DELL OPERA pag. 3 3 SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMMOBILE pag. 4 4 IL PIANO DI MANUTENZIONE pag. 5 5 INDIVIDUAZIONE CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE

Dettagli