Impianti Industriali 1 (Ingegneria Gestionale - A.A. 04/05)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impianti Industriali 1 (Ingegneria Gestionale - A.A. 04/05)"

Transcript

1 Impianti Industriali 1 (Ingegneria Gestionale - A.A. 04/05) sito ufficiale del corso: it/impiantigestionaleimpiantigestionale Ing. assimiliano Schiraldi Dipartimento di Ingegneria eccanica (2 piano edificio Ingegneria Industriale) Tel Introduzione ai Sistemi Produttivi

2 Sistema Produttivo Sistema Produttivo: complesso di risorse materiali e/o immateriali (macchine, apparecchiature, persone, tecnologie, conoscenze) che concorre a dare luogo ad altre risorse materiali e/o immateriali (beni e/o servizi) di maggior valore, attraverso la realizzazione del processo primario (produttivo) e dei processi secondari (di supporto). Esempi di sistemi produttivi - Impianti manifatturieri -Università -Ospedali -Banche -Ristoranti -Trasporti Sistema Produttivo Dimensione economica Capitale Dimensione tecnica aterie prime Semilavorati Componenti Energia anodopera Tecnologia Know-how Organizzazione Prodotti Profitto

3 I prodotti Produzione = Trasformazione Chimica Temporale Spaziale Fisica (forma, colore, peso, dimensione, volume ) Classificazione tipologica dei prodotti 1) beni materiali e immateriali (servizi) 2) beni di consumo, intermedi, strumentali 3) beni durevoli e di consumo immediato 4) commodities e prodotti differenziabili 5) beni di prima necessità e beni di lusso 6) beni a consumo costante e beni stagionali Beni materiali ed immateriali Assicurazioni Pubblicità Aspetto immateriale del prodotto Progettazione Ristorazione Cosmetico Automotive Produzione acciaio service manufacturing

4 Produttori di beni e di servizi Classificazione delle Imprese di Produzione

5 Classificazione delle imprese di produzione Dimensione della classificazione: settore industriale tipologia di beni dimensioni dell impresa natura del processo grado di integrazione del ciclo produttivo composizione organica del capitale diagramma tecnologico odo di rispondere alla DOANDA del mercato odo di realizzare il VOLUE di produzione odo di realizzare il PRODOTTO finale I settori industriali Tripartizione Fisher-Clark Settore primario produzione agricola, zootecnica, forestale, ittica, di beni naturali in genere Settore secondario produzione per trasformazione di materie prime e beni intermedi, industria metallurgica, siderurgica, meccanica, tessile, alimentare, elettronica, chimica, lavorazione dei minerali Settore terziario produzione di servizi (trasporti, comunicazioni, credito, assicurazioni, servizi sanitari), attività commerciali, turistiche, ricreative, ecc. Terziario avanzato produzione di servizi ad alto contenuto di prestazioni di intelletto: servizi di ingegneria, di informatica, di consulenza, di ricerca, servizi speciali nell area del credito (parabancario: leasing, derivati complessi, ecc.)

6 Tipologie di beni 1. produzione di materiali (grezzi indefiniti) per successivi impieghi industriali (produzione di materie prime per l industria manifatturiera) 2. produzione di parti standard e speciali (componenti semplici, sottogruppi, gruppi) destinati ad impiego nella produzione di manufatti complessi 3. produzione di manufatti complessi, realizzata attraverso la combinazione di parti provenienti da produzioni di livello 2 con altre fabbricate autonomamente mediante lavorazioni effettuate su materiali provenienti da produzioni di livello 1 Dimensioni dell impresa piccola, media, grande industria parametri di riferimento capacita produttiva numero di addetti entità degli investimenti fatturato annuo il valore dei parametri cambia con: il settore di appartenenza (manifatturiero, chimico,..) il grado di meccanizzazione e automazione

7 Processo Produttivo Sequenza logica di azioni elementari (attività) concatenate con la finalità di TRASFORARE risorse in prodotti (beni o servizi) la TRASFORAZIONE avviene grazie ad una successione di attività: Lavorazioni (incluso collaudi e controlli) Trasporti ed immagazzinamenti Attività di supporto ed ausiliarie Sistema Produttivo Ristretto ed Allargato zona a ONTE FORNITORI AZIENDA zona a VALLE CLIENTI reparto a ONTE reparto 1 reparto 2 reparto a VALLE reparto N

8 Natura del processo Processi di produzione di materie grezze e semilavorati primari Processi metallurgici -Laminazione (lamiera in coils, profilati per impieghi nell edilizia, ecc) -Estrusione (elementi metallici lunghi, tipicamente per impieghi termotecnici o per applicazioni varie nell oggettistica di arredamento, ecc) -Trafilatura (produzione di cavi metallici, ecc) -Riempimento di forme (pani di ghisa, di acciaio, di alluminio, di leghe leggere, ecc) Processi meccanici -Lavorazioni del legno (produzione di segati, tavolati, multistrati, agglomerati, truciolati, ecc.) processi dell industria tessile (filatura del cotone, della lana, delle fibre sintetiche), produzione di carta e cartone, lavorazione primarie dell industria alimentare, ecc. Processi chimici -Processi di raffinazione, distillazione, ecc. per l ottenimento di materiali allo stato liquido (benzine, vernici, oli lubrificanti, alcool, ecc.), allo stato gassoso (acetilene, altri gas tecnici), allo stato granulare (gomma, PVC, PE, ABS, Nylon, resine, tecnopolimeri vari), ecc. Processi misti -Chimico-meccanici (produzione di vetro, materiali compositi come tecnopolimeri armati con fibre vetro, di carbonio), elettro-chimici, ecc. Natura del processo Processi di produzione di componenti ed oggettistica realizzata a disegno odalità di formatura - formatura per distacco (asportazione di materiale) - formatura per deformazione plastica - formatura per riempimento (a gravità o a pressione) - formatura per giunzione - formatura di finitura Processo lavorazioni alle macchine utensili (tornitura, fresatura, ecc.), elettroerosione (fresatura chimica), taglio al laser, ecc stampaggio di lamiera, imbutitura, piegatura, tranciatura, fucinatura getti di fonderia, pressofusioni, sinterizzazione, stampaggio di materie plastiche saldatura, accoppiamenti forzati, aggraffatura, ecc trattamenti termici, chimici e meccanici: tempra, bonifica, trattamenti galvanici, pallinatura, sabbiatura, lappatura, ecc

9 Grado di integrazione del ciclo produttivo integrazione verticale: estensione del dominio del processo produttivo verso monte o verso valle (dalla materia prima al prodotto finito) VANTAGGI Aumento del valore aggiunto d impresa Controllo più efficace di consegne e qualità Erezione di barriere all entrata e protezione delle conoscenze strategiche igliore programmabilità inori costi di intermediazione RISCHI Appesantimento del processo con l aggiunta di fasi economicamente poco interessanti Sbilanciamento della capacità produttiva Irrigidimento della struttura Incremento del BEP Rinuncia a collaborazioni proficue Composizione organica del capitale alta intensità di capitale (capital intensive) alta intensità di lavoro (labour intensive) parametro: capitale fisso/numero di addetti la composizione organica del capitale varia molto da settore a settore (es. officina meccanica 10 4 /addetto e industria siderurgica 10 5 /addetto) l automazione porta ad un incremento del rapporto capitale /lavoro

10 Diagramma tecnologico processi monolinea Cemento, ghisa, processi sintetici o convergenti (assemblaggi) Elettrodomestici, automobili, processi analitici o divergenti processi a cicli misti o intrecciati Derivati del petrolio, ecc obili modulari, prodotti personalizzati.. Diagramma tecnologico

11 Classificazione delle imprese di produzione odo di rispondere alla DOANDA (mercato) Produzione PER AGAZZINO Produzione SU COESSA Produzioni PER PROCESSO Produzioni ANIFATTURIERE Produzione UNITARIA odo di realizzare il PRODOTTO (tecnologia) Produzione A LOTTI Produzione CONTINUA odo di realizzare il VOLUE (gestione) odo di realizzare il volume (asse gestionale) produzioni unitarie la variabilità dei cicli di produzione è molto elevata e l attività produttiva è organizzata per ottenere le quantità richieste dai singoli ordini (es. edilizia industriale, opere pubbliche, ecc.) produzioni a lotti i cicli sono meno variabili nel tempo, i prodotti vengono realizzati per lotti di dimensioni anche superiori ai fabbisogni immediati per ottimizzare la produzione; Grandi lotti: prodotti richiesti in grandi quantità per periodi di tempo sufficientemente estesi (abbigliamento, calzaturiero, ) Piccoli lotti: produzione diversificata di piccola serie a basso o medio grado di ripetitività (produzione di beni strumentali, ) produzioni continue i cicli restano costanti nel tempo anche per periodi estesi, si ha quindi la produzione ininterrotta di un prodotto dalle caratteristiche omogenee nel tempo (es. industria siderurgica, petrolchimica, alimentare non stagionale, ecc.)

12 odo di realizzare prodotto Produzione per processo (asse tecnologico) stadi di trasformazione tra loro contigui e inseparabili, a monte e a valle dei quali il prodotto in lavorazione non ha una autonoma identità; gli elementi che costituiscono il bene finale non possono essere facilmente identificati; flusso ininterrotto dei materiali da trasformare; è caratterizzata da un ciclo tecnologico ben definito e vincolato, per cui si parla di produzione a ciclo tecnologico obbligato (es. cementifici, cartiere, pastifici, acciaierie, raffinerie, ecc) può essere monoprodotto o multiprodotto, per prodotti simili che seguono lo stesso ciclo obbligato generalmente è caratterizzato da un elevato grado di automazione rigida (elevato grado di specializzazione) odo di realizzare prodotto (asse tecnologico) Produzione per parti o manifatturiere - il bene è costituito da vari componenti discreti, spesso di diversa natura: generalmente si distinguono due fasi: - fabbricazione: trasformazione dei singoli componenti (lavorazioni meccaniche, trattamenti termici, verniciatura,..) - montaggio (manuale o automatico): operazioni che portano alla realizzazione del prodotto finale mediante assemblaggio dei componenti - il materiale in lavorazione ha una sua ben definita identità; - la singola fase di trasformazione può essere anche interrotta e poi ripresa senza compromettere la qualità del prodotto; quindi a monte e a valle dei singoli centri operativi, possono realizzarsi accumuli di prodotto semilavorato (buffer interoperazionali); - le produzioni manifatturiere possono svilupparsi a flusso intermittente (produzione a lotti; es: calzaturifici, abbigliamento, mobilifici) oppure a flusso teso (produzione continua; es: autoveicoli, elettrodomestici, elettronica civile, ecc ). - Per alti volumi necessita di un elevato grado di automazione flessibile

13 odo di rispondere alla domanda (asse del mercato) produzione a magazzino (su previsione) l azienda realizza, prima delle ordinazioni, volumi elevati di prodotti, che colloca in magazzino da cui servire i clienti criticità: gestione delle scorte di PF, pericolo di invenduto produzione su commessa (su ordine) l azienda attende la ricezione di un ordine del cliente per avviare le attività necessarie alla produzione criticità: gestione della capacità produttiva e dei tempi commesse ripetitive: l azienda lavora su catalogo o comunque su una gamma di prodotti ben definiti; vengono definiti anticipatamente tutte le caratteristiche progettuali e tecnologiche del prodotto commesse singole: l azienda riceve ordini diversi per singoli prodotti o per lotti di piccole dimensioni per i quali elabora il processo produttivo, che può comprendere anche progettazione o sviluppo dei cicli di lavorazione odo di rispondere alla domanda Tempo di attraversamento (asse del mercato) T=0 T=0 ake-to-stock produzione per magazzino (commodities, alimentari, beni di largo consumo in genere) tempo di consegna secondo contratto Area PUSH Area PULL Assemble-to-Order ake-to-order produzione mista (mobili componibili, macchine agricole, gruppi meccanici, ecc) produzione standard per commessa (automobili utilitarie, elettrodomestici, componentistica ricorrente per l industria manifatturiera, ecc.) Purchase-to-Order produzione personalizzate per commessa (manufatti convenzionali, contenenti optional non ricorrenti) Progettazione Approvvigion. Fabbricazione Assemblaggio Engineer-to-Order produzione speciali non ricorrenti effettuate in base a nuovo progetto (grandi cantieri navali, nautica di lusso, macchinari speciali per industrie)

14 Scelta del processo di fabbricazione: la matrice prodotto-processo processo Scelta del processo di fabbricazione è determinata da parametri caratteristici del prodotto: Quantità da fabbricare Standardizzazione dei pezzi Ripetitività dei cicli e delle singole operazioni di lavoro Difficoltà di lavorazione caratterizza il sistema produttivo in termini di: Fattori economici: investimenti fissi, capitale di esercizio, costi unitari di fabbricazione, Fattori tecnici: Flessibilità degli impianti, efficienza di produzione, qualificazione manodopera,

15 La matrice volume-varietà varietà Ripetitività del prodotto Grado di varietà della produzione Produzione unica (per progetto) Produzioni a lotti piccoli (JOB-SHOP) Produzioni a grandi lotti (linea spezzata) Produzione in linea a flusso teso (FLOW-SHOP) Processo CONTINUO Grado di versatilità delle risorse produttive Volume di produzione La matrice volume-varietà varietà (inquadramento di tipologie di produzione) Grado di varietà della produzione Industria cinematografica, Ingegneria impiantistica Grandi infrastrutture, Cantieristica navale, Edilizia civile, Ripetitività del prodotto Produzioni di macchinario, stampi e attrezzi vari per l industria, nautica da diporto, produzioni artigiane obili componibili, calzature, abbigliamento, farmaceutica, chimica fine Autoveicoli, elettrodomestici, foto-ottica elettronica civile Petrolchimica, chimica di base, industria alimentare non stagionale processi metallurgici, produzione cartaria cementifici, ecc. Volume di produzione Grado di versatilità delle risorse produttive

16 Tipologie di processo PROCESSI SPECIALI PER PROGETTO - Prodotto unico ad alta complessità in relazione alle risorse necessarie - Apparato produttivo eventualmente configurato per lo specifico prodotto unico da realizzare, anche attraverso acquisizione adhoc di beni strumentali (acquisto in proprietà, noleggio, leasing, comodato d uso, ecc.) - Produzione cinematografica, grandi opere infrastrutturali (ponti e strade, acquedotti e dighe, reti fognarie, porti e aeroporti, ecc), grandi edifici, complessi industriali e commerciali, ecc. Tipologie di processo PROCESSI INTERITTENTI PER PICCOLI LOTTI - ezzi produttivi versatili e rapidamente riconfigurabili - Produzione make-to-order e perfino purchase-to-order - Produzioni di piccola e piccolissima serie: attrezzature speciali per l industria (stampi, conchiglie per fusioni, componenti di primo equipaggiamento e di ricambio per macchine ed impianti), abbigliamento e accessori di lusso, produzione orafa industriale, produzioni prototipiche, ecc.

17 Tipologie di processo PROCESSI INTERITTENTI PER GRANDI LOTTI - Produzioni di tipo standard o speciale, realizzate con fabbricazione e assemblaggio di componenti comuni a prodotti diversi, e quindi lavorati o approvvigionati in grandi volumi - ezzi produttivi flessibili, da riattrezzare in relazione al modello e al formato lanciato in produzione - Produzione mista push-pull (assemble-to-order e perfino make-to-order ) - Prodotti appartenenti a macrofamiglie merceologiche: arredi componibili, calzature, piccoli elettrodomestici, componentistica standard e speciale per la grande industria manifatturiera (autoveicoli, elettrodomestici, elettronica civile, ecc), maglieria ed elementi di abbigliamento, oggettistica per impiego domestico, ecc. Tipologie di processo PROCESSI IN LINEA A FLUSSO TESO - Produzioni di tipo standard a bassa diversificazione - ezzi produttivi di alta e medio-alta flessibilità, anche autoconfigurati - Produzione mista push-pull (assemble-to-order e perfino make-to-order) - Prodotti appartenenti ad una unica famiglia merceologica: televisori, frigoriferi, lavatrici, automobili, prodotti alimentari gelati e surgelati, detersivi per uso domestico, cosmetici, ecc.

18 Tipologie di processo PROCESSI CONTINUI - Prodotto unico o limitata varietà produttiva - Sistemi produttivi capital intensive, produzioni di relativamente basso valore aggiunto, necessità di alta saturazione degli impianti per beneficiare di economie di scala - Generalmente produzione con pura logica push, basata su previsione della domanda - Alta rigidità (i.e. scarsa convertibilità) dell impianto - Assenza di scorte intermedie e generalmente alta giacenza di prodotto finito - Produzione di commodities destinate a competere sul prezzo Alta Flessibilità Bassa Efficienza Alto Costo unitario La matrice prodotto-processo processo Job Shop Bassissimi Volumi o Esemplare Unico Bassi Volumi olti modelli Prod. Artigianali (officina meccanica, alta moda, ) PRODOTTO Alti Volumi Pochi odelli Altissimi Volumi PROCESSO Intermittente Piccoli Lotti Intermittente Grandi Lotti acchine utensili, impianti, abbigliamento Automobili, Calzature Elettrodomestici Prod. Elettronici Bassa Flessibilità Alta Efficienza Basso Costo unitario Flusso Continuo Fattori Critici Prod. chimici alimentari petroliferi Differenziazione Flessibilità Prezzo Volumi

19 Alta Flessibilità Bassa Efficienza Alto Costo unitario Scelta del processo ottimale Bassissimi Volumi o Esemplare Unico PRODOTTO Bassi Volumi olti modelli Alti Volumi Pochi odelli Altissimi Volumi PROCESSO Job Shop Intermittente Piccoli Lotti Intermittente Grandi Lotti RINUNCIA A PRODUTTIVITÀ PIÙ ELEVATA Flessibilità Eccessiva Efficienza Insufficiente Costo unitario eccessivo EXTRA COSTI DI INUTILIZZO RISORSE Flessibilità Insufficiente Efficienza Eccessiva Invest. fissi eccessivi Flusso Continuo Bassa Flessibilità Alta Efficienza Basso Costo unitario Automazione della produzione Rende possibile il controllo automatico del movimento e della lavorazione dei pezzi. Rigida: ha come obiettivo la costante ripetizione di un ciclo o di un programma fisso, non consente quindi alcuna variante di prodotto o di processo (salvo mutamento intero ciclo con elevati costi) Flessibile: ha come obiettivo quello di consentire in tempi molto ristretti il passaggio da un operazione all altra sullo stesso pezzo o lo svolgimento della stessa operazione su pezzi diversi spesso senza costi di conversione

20 Livelli di automazione nei sistemi produttivi acchine utensili convenzio nali acchine a controllo numerico standard Centri di lavoro FS Trasporto del pezzo /C Carico e fissaggio pezzo C Selezione e cambio utensile C C Scelta parametri di lavorazione C C C Controllo dell operazione C C C Sequenza utensili C Scarico del pezzo C : Operazione anuale C: Operazione Computerizzata Effetto dell automazione flessibile Alta Flessibilità Bassa Efficienza Alto Costo unitario PROCESSO Bassa Flessibilità Alta Efficienza Basso Costo unitario Job Shop Intermittente Piccoli Lotti Intermittente Grandi Lotti Flusso Continuo Bassissimi Volumi o Esemplare Unico PRODOTTO Bassi Volumi olti modelli Alti Volumi Pochi odelli Aumenta la capacità di Aumenta la capacità di risposta ai mutamenti della risposta ai mutamenti della domanda mantenendo bassi i domanda mantenendo bassi i costi unitari medi costi unitari medi Altissimi Volumi Riduce i costi mantenendo Riduce i costi mantenendo alta la capacità di alta la capacità di personalizzazione dei prodotti personalizzazione dei prodotti I I processi processi intermittenti intermittenti con con molti molti prodotti prodotti non non standardizzati standardizzati acquistano acquistano in in produttività produttività (perché (perché aumentano aumentano la la ripetitività) ripetitività) senza senza perdere perdere in in flessibilità flessibilità (mantengono (mantengono numerose numerose varianti) varianti) I I processi processi continui continui con con pochi pochi prodotti prodotti standardizzati standardizzati acquistano acquistano in in flessibilità flessibilità (possono (possono ammettere ammettere numerose numerose varianti) varianti) senza senza perdere perdere produttività produttività (mantengono (mantengono la la ripetitività). ripetitività).

21 Processo e Prodotto Processo e Impianto

22 Processo e Impianto Processi e adattabilità (flessibilità)

23 Alcuni dati Imprese per dimensione (dati ISTAT 2001)

24 Imprese per dimensione (dati ISTAT 2001)

25

Introduzionee principali classificazioni

Introduzionee principali classificazioni Introduzionee principali classificazioni Roberto Pinto Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione (DIGIP) Università di Bergamo Di cosa parliamo in questo corso? Il termine

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PRODURRE

IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL CICLO TECNOLOGICO E I PROCESSI PRIMARI E SECONDARI Ing. Produzione Industriale - Tecnologia Meccanica Processi primari e secondari - 1 IL CICLO TECNOLOGICO Il ciclo tecnologico

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo Dispensa Definizione di Sistema Produttivo 1) Introduzione ai Sistemi Produttivi 1.1 Definizione di Sistema Produttivo In questa prima sezione si vuole dare una visione generale del sistema produttivo,

Dettagli

FEAII Impianti Industriali

FEAII Impianti Industriali Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria di Milano FEAII Impianti Industriali L impianto e l impresa industriale Contenuto Definizione di impianto La classificazione degli impianti di produzione

Dettagli

ID Azienda: Altre lavorazioni: Materiali: Mercati: Settori di clienti: Fatturato: Certificazioni: 100 VI-Italia

ID Azienda: Altre lavorazioni: Materiali: Mercati: Settori di clienti: Fatturato: Certificazioni: 100 VI-Italia 100 VI-Italia Stampi per iniezione di materie plastiche Stampi in genere Lavorazioni meccaniche di precisione Elettroerosione a filo Acciai speciali, Acciai temprati, EUROPA ORIENTALE Apparecchi medicali

Dettagli

C.D.S. IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO

C.D.S. IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO PROGRAMMA DELL INSEGNAMENTO DI TECNOLOGIA E IGIENE DEL I ANNO DI CORSO, II SEMESTRE IGIENE DEL Interazioni tra lavoro e salute: malattia professionale, malattia da causa di lavoro e infortunio lavorativo.

Dettagli

ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU)

ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) ALLEGATO 2 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) 1. MATERIALI SPECIALI METALLURGICI 2. MICRO E NANOTECNOLOGIE 3. MECCANICA AVANZATA 4. MECCATRONICA Le tabelle seguenti

Dettagli

SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU)

SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) 164 Supplemento ordinario n. 3 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 43 del 24 settembre 08 SETTORI CHE AFFERISCONO AI CLUSTER DEL DISTRETTO TECNOLOGICO DELL UMBRIA (DTU) Allegato 2 1. MATERIALI

Dettagli

Strategie Funzionali di Manufacturing

Strategie Funzionali di Manufacturing Strategie Funzionali di Manufacturing Metodologie Best Practices Processi Produttivi Le tre classificazioni 1 Strategie per il Manufacturing La strategie di manufacturing sono il collegamento tra strategia

Dettagli

Meccanica degli Azionamenti

Meccanica degli Azionamenti Università degli Studi di Brescia Laurea in Ingegneria dell Automazione Industriale Parte I Introduzione all automazione industriale I.1 Automazione e Flessibilità Automazione Automazione: Impiego di mezzi

Dettagli

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE

La funzione di produzione LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione Prof. Arturo Capasso LA FUNZIONE DI PRODUZIONE La funzione di produzione si occupa della trasformazione fisica dei prodotti e delle attività accessorie necessarie per rendere

Dettagli

Capitolo XIV. La gestione della produzione

Capitolo XIV. La gestione della produzione Capitolo XIV La gestione della produzione La funzione di produzione Approvvigionamenti La funzione di produzione riguarda il processo di trasformazione dei beni, ossia l insieme l di operazioni mediante

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh).

PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh). PROVINCIA DI PISTOIA. CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA PER SETTORE MERCEOLOGICO. SERIE STORICA 1998-2008. Valori assoluti (milioni di KWh). AGRICOLTURA 16,3 17,4 17,0 17,5 18,2 20,2 20,8 22,9 23,2 22,8 23,4

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD32U ATTIVITÀ 25.40.00 FABBRICAZIONE DI ARMI E MUNIZIONI ATTIVITÀ 25.62.00 LAVORI DI MECCANICA GENERALE

STUDIO DI SETTORE UD32U ATTIVITÀ 25.40.00 FABBRICAZIONE DI ARMI E MUNIZIONI ATTIVITÀ 25.62.00 LAVORI DI MECCANICA GENERALE STUDIO DI SETTORE UD32U ATTIVITÀ 25.40.00 FABBRICAZIONE DI ARMI E MUNIZIONI ATTIVITÀ 25.62.00 LAVORI DI MECCANICA GENERALE ATTIVITÀ 25.73.12 FABBRICAZIONE DI PARTI INTERCAMBIABILI PER MACCHINE UTENSILI

Dettagli

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 2 1.1.1 Precisione nelle trasformazioni 5 1.2 Attributi geometrici dei

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD32U ATTIVITÀ 25.40.00 FABBRICAZIONE DI ARMI E MUNIZIONI ATTIVITÀ 25.62.00 LAVORI DI MECCANICA GENERALE ATTIVITÀ 25.73.12 FABBRICAZIONE DI PARTI INTERCAMBIABILI PER MACCHINE UTENSILI

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Capitolo 14. Industria

Capitolo 14. Industria Capitolo 14 Industria 14. Industria Questo capitolo raccoglie informazioni sul settore dell industria in senso stretto, escluse cioè le costruzioni per le quali si rinvia all apposito capitolo. Un primo

Dettagli

ciclo non obbligato tanti input/output prodotti differenziati (ad es tanti fornitori, + complessità)

ciclo non obbligato tanti input/output prodotti differenziati (ad es tanti fornitori, + complessità) Impianti di processo Definizione: MP PF tramite trasformazioni fisico/chimiche Caratteristiche: automazione investimenti elevati ( ciclo continuo) ciclo tecnologico obbligato rischio di impatti ambientali

Dettagli

SIDERURGIA - FABBRICAZIONE DI FERRO, ACCIAIO E FERROLEGHE STIRATURA A FREDDO DI BARRE LAMINAZIONE A FREDDO DI NASTRI TRAFILATURA A FREDDO

SIDERURGIA - FABBRICAZIONE DI FERRO, ACCIAIO E FERROLEGHE STIRATURA A FREDDO DI BARRE LAMINAZIONE A FREDDO DI NASTRI TRAFILATURA A FREDDO STUDIO DI SETTORE WD36U ATTIVITÀ 24.10.00 SIDERURGIA - FABBRICAZIONE DI FERRO, ACCIAIO E FERROLEGHE ATTIVITÀ 24.31.00 STIRATURA A FREDDO DI BARRE ATTIVITÀ 24.32.00 LAMINAZIONE A FREDDO DI NASTRI ATTIVITÀ

Dettagli

Tipologie di Sistemi di Produzione manifatturiera 11

Tipologie di Sistemi di Produzione manifatturiera 11 Schema generale di flusso logistico SVILUPPO PRODOTTO ACQUISTO MAGAZZINO PROGETTI PROGETTAZIONE APPROVVIGIONAMENTO MAGAZZINO MATERIE PRIME FABBRICAZIONE CLIENTE FINALE MAGAZZINO COMPONENTI ASSEMBLAGGIO

Dettagli

Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria di Milano. Introduzione ai sistemi produttivi Caratteristiche, pregi e difetti delle varie soluzioni

Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria di Milano. Introduzione ai sistemi produttivi Caratteristiche, pregi e difetti delle varie soluzioni olitecnico di ilano IV Facoltà di Ingegneria di ilano FEAII Impianti Industriali Introduzione ai sistemi produttivi Caratteristiche, pregi e difetti delle varie soluzioni Caratteristiche e prestazioni

Dettagli

GESTIONE DEI PROCESSI PRODUTTIVI

GESTIONE DEI PROCESSI PRODUTTIVI GESTIONE DEI PROCESSI PRODUTTIVI Docente F. Veniali Tutor A. Gisario, I. Libri ORARIO Lezioni: Martedì 8:30-10:55 Aula 1 Mercoledì10:10-11:50 Question time: Sabato 26 Ottobre, 29 Novembre Martedì 16 Dicembre

Dettagli

ID Azienda: Altre lavorazioni: Materiali: Mercati: Settori di clienti: Fatturato: Certificazioni: 3055 UD-Italia

ID Azienda: Altre lavorazioni: Materiali: Mercati: Settori di clienti: Fatturato: Certificazioni: 3055 UD-Italia 3055 UD-Italia Carpenteria in genere Assemblaggio di apparecchiature, macchinari e impianti in genere Saldatura in genere Costruzioni di apparecchiature, macchinari e impianti conto terzi Acciaio inox,

Dettagli

Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione

Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione Ciclo di vita di un sistema produttivo La forma delle cose che verranno Il ciclo di vita di un prodotto La progettazione di un prodotto, e di conseguenza

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD20U ATTIVITÀ DEI MANISCALCHI ATTIVITÀ 01.62.01 FABBRICAZIONE DI PANNELLI STRATIFICATI IN ATTIVITÀ 24.33.01

STUDIO DI SETTORE UD20U ATTIVITÀ DEI MANISCALCHI ATTIVITÀ 01.62.01 FABBRICAZIONE DI PANNELLI STRATIFICATI IN ATTIVITÀ 24.33.01 STUDIO DI SETTORE UD20U ATTIVITÀ 01.62.01 ATTIVITÀ DEI MANISCALCHI ATTIVITÀ 24.33.01 ATTIVITÀ 25.11.00 ATTIVITÀ 25.21.00 ATTIVITÀ 25.29.00 ATTIVITÀ 25.30.00 ATTIVITÀ 25.50.00 ATTIVITÀ 25.61.00 FABBRICAZIONE

Dettagli

funzionale tecnologica di collaudo quote di grandezza quote di posizione in serie in parallelo combinata con quote sovrapposte in coordinate

funzionale tecnologica di collaudo quote di grandezza quote di posizione in serie in parallelo combinata con quote sovrapposte in coordinate QUOTATURA PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi CLASSIFICAZIONE punto di vista geometrico quote di grandezza quote di posizione quote di accoppiamento disposizione: sistemi di quotatura in serie in parallelo combinata

Dettagli

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti Indice PREFAZIONE RINGRAZIAMENTI DELL EDITORE GUIDA ALLA LETTURA XIII XIV XV 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1 1.1.1 Precisione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI

CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI CLASSIFICAZIONE PER SEZIONI E DIVISIONI 51 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI. LAZIO Tavole statistiche INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE AZIENDE COMMERCIALI LAZIO Tavole statistiche Risultati del II trimestre 2015 e previsioni per il III trimestre 2015 Indice delle tavole Tavola 1 Tavola 2 Tavola 3 Tavola 4

Dettagli

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007

Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Allegato 2 - Individuazione macrocategorie di rischio e corrispondenze ATECO 2002_2007 Rischio BASSO (Datore di lavoro R.S.P.P. 16 ore - Formazione per i Dipendenti 4 ore modulo generale + 4 ore modulo

Dettagli

3.7 Consumi energetici

3.7 Consumi energetici 3.7 Consumi energetici L impiego principale dell energia da parte dei cittadini nel territorio provinciale avviene: 1) per usi domestici e produttivi (agricoltura, industria, terziario) - Energia elettrica

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 10. OPERATORE DEL LEGNO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati

Dettagli

Compositi Expo 13 ottobre 2010 Modena. Con il contributo dello Studio Maestrelli

Compositi Expo 13 ottobre 2010 Modena. Con il contributo dello Studio Maestrelli Compositi Expo 13 ottobre 2010 Modena DOMANDA N 1 CERTIFICARE LA PRODUZIONE: PERCHÉ? DOMANDA N 2 CERTIFICARE: COSA SIGNIFICA? DOMANDA N 3 CERTIFICARE: A PRIORI O COME CONSEGUENZA? DOMANDA N 4 CERTIFICARE:

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP

ISTRUZIONI PER INDIVIDUARE LA DURATA DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI, DIRIGENTI, PREPOSTI E DATORI DI LAVORO CHE SVOLGONO IL RUOLO DI RSPP G.QUATTRO SERVIZI S.R.L. via San Rocco, 7 35028 Piove di Sacco (PD) C.F e P.IVA 0348078 02 81 N R.E.A. PD 315121 www.gquattroservizi.it Tel. 049970 127 3 Fax 049 97 117 28 E-mail: info@gquattroservizi.it

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA; PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE; IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni Meccaniche

Dettagli

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST. Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST. Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Brescia, 26 febbraio 2007 L INSERIMENTO DELLE MEDIE

Dettagli

Lavorazioni Meccaniche

Lavorazioni Meccaniche Short Master Lavorazioni Meccaniche 1 Edizione Modena, 18 marzo - 15 aprile 2015 Destinatari Area Industriale e Ricerca e Sviluppo (Manufacturing, Engineering, Pre Series Planning e Progettazione) in collaborazione

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

La più vasta scelta di prodotti e soluzioni per il vostro team.

La più vasta scelta di prodotti e soluzioni per il vostro team. La più vasta scelta di prodotti e soluzioni per il vostro team. Un solo nome per tutte le soluzioni Frigerio da ben 90 anni fornisce materiali e attrezzature a chi opera nella Svizzera italiana nei settori

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 giugno 2015 Aprile 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Ad aprile il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una diminuzione dello 0,6% rispetto a marzo, con variazioni

Dettagli

Gruppo CRP: Via C. Della Chiesa, 21-41126 Modena - Italy - Tel. +39 059 821135 www.crp-group.com - info@crp-group.com

Gruppo CRP: Via C. Della Chiesa, 21-41126 Modena - Italy - Tel. +39 059 821135 www.crp-group.com - info@crp-group.com Gruppo CRP: Via C. Della Chiesa, 21-41126 Modena - Italy - Tel. +39 059 821135 IL GRUPPO CRP Il Gruppo CRP ha sede a Modena, nel distretto industriale della MotorValley italiana, famoso in tutto il mondo

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI

CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTIVI Prof. Vincenzo Duraccio Cap. 1 Definizione di Impianto industriale Si definisce impianto industriale,ovvero sistema produttivo, un insieme di elementi di qualsiasi

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

integrated mechanical team

integrated mechanical team i m t integrated mechanical team STAMPERIA BOSATRA 1934 plastics technology IMT è un gruppo di 5 aziende situate nel nord Italia a pochi km da Milano, forti di un esperienza maturata in decenni di attività

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

SISTEMI DI PRODUZIONE

SISTEMI DI PRODUZIONE SISTEMI DI PRODUZIONE 1/49 Tipologia di sistemi produttivi Volume Sistema rigido Sistema flessibile Varietà parti 2/49 Modelli di Sistemi di produzione Sono basati sulla ripetitività delle operazioni di

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO

LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO Nuovo prodotto Progettazione Programmazione CICLO Operazione Descrizione nnonnononoonono noninininiluludodo Produzione ITI San Zeno (Vr) 1 CICLO 1 Il ciclo nel processo

Dettagli

Disegno di Macchine. Lezione n 1 Introduzione al Corso. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing.

Disegno di Macchine. Lezione n 1 Introduzione al Corso. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 1 Introduzione al Corso Ruolo del Disegno Nell ambito dell ingegneria industriale ed in particolar

Dettagli

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA MATRICE DELLE COMPETENZE DI SCIENZE E TECNOLIE APPLICATE INDIRIZZO DI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) 1. Individuare le proprietà

Dettagli

Il partner industriale

Il partner industriale Il partner industriale Progettazione e produzione di macchine ad elevata automazione per il packaging primario e secondario di prodotti alimentari e farmaceutici 3700 collaboratori 24 siti produttivi Clienti

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi 2 Processo di trasformazione di base per un azienda manifatturiera Organizzazione Risorse umane Contabilità R&S Marketing

Dettagli

LEADER NELLA LAVORAZIONE DELLA LAMIERA

LEADER NELLA LAVORAZIONE DELLA LAMIERA LEADER NELLA LAVORAZIONE DELLA LAMIERA DAL 1956 IL GRUPPO LEADER IN ITALIA NELLA LAVORAZIONE DELLA LAMIERA ESPERIENZA, CAPACITA PRODUTTIVA, ORIENTAMENTO AL FUTURO. UNA CAPACITÀ PRODUTTIVA INTEGRATA Il

Dettagli

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS MOTIS Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE PERSONALE - ACQUISTI PROGETTAZIONE DIREZIONE MAGAZZINO MATERIA PRIMA INGRESSO

Dettagli

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA 156 Introduzione ai processi di produzione metalmeccanica I processi di produzione metalmeccanica si possono classificare nelle tre grandi famiglie di seguito indicate.

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD36U ATTIVITÀ 24.10.00 SIDERURGIA - FABBRICAZIONE DI FERRO, ACCIAIO E FERROLEGHE ATTIVITÀ 24.31.00 STIRATURA A FREDDO DI BARRE ATTIVITÀ 24.32.00 LAMINAZIONE A FREDDO DI NASTRI ATTIVITÀ

Dettagli

METALMECCANICI ARTIGIANI

METALMECCANICI ARTIGIANI METALMECCANICI ARTIGIANI AGGIORNAMENTI c.c.n.l.: ex contingenza: ccril : gennaio 2010 novembre 1991 settembre 2000 Operai OPERAI PAGA BASE INDENNITA' CONTING. E.D.R. 2 CATEGORIA B 4,96520 0,25075 3,00168

Dettagli

Tavola 21.1 - Situazione impianti di produzione energia elettrica in Puglia al 31 dicembre 2003

Tavola 21.1 - Situazione impianti di produzione energia elettrica in Puglia al 31 dicembre 2003 Tavola 21.1 - Situazione impianti di produzione energia elettrica in Puglia al 31 dicembre 2003 Idroelettrici Termoelettrici Impianti lorda (MW) netta (MW) Producibilità media annua (GWh) Impianti Sezioni

Dettagli

Aeronautica Privata. Arredamento. Funiviario

Aeronautica Privata. Arredamento. Funiviario AdHoc Aeronautica Privata Arredamento Funiviario Grandi Formati Illuminazione Nautica Ristorazione Dal 1966 Trasparenze che si vedono... Limp srl, azienda specializzata in componenti termoplastici, di

Dettagli

COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI

COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI PROCESSI INDUSTRIALI E NEGLI EDIFICI Prof.ing. Giovanni Petrecca Ordinario di Energetica Elettrica Dipartimento di Ingegneria Elettrica Università di Pavia PIANO

Dettagli

Programmazione modulare di Tecnologia Meccanica Classe: 5^ Meccanica e Meccatronica Tempo previsto: 132 h/annuali

Programmazione modulare di Tecnologia Meccanica Classe: 5^ Meccanica e Meccatronica Tempo previsto: 132 h/annuali ITI M. FARADAY A.S. 201-2015 Programmazione modulare di Tecnologia Meccanica Classe: 5^ Meccanica e Meccatronica Tempo previsto: 132 h/annuali Prof. Giordano Cecchetti Prof. Salvatore Di Novo 1 N modulo

Dettagli

FONDERIE LEGHE ALLUMINIO E BRONZO

FONDERIE LEGHE ALLUMINIO E BRONZO FONDERIE LEGHE ALLUMINIO E BRONZO SILCOMETAL è una fonderia di leghe di alluminio e bronzo per conto terzi. Si è costituita nel novembre 2009 subentrando alla NOVA FONDAL srl (attività di famiglia esistente

Dettagli

La demografia delle imprese

La demografia delle imprese La demografia delle imprese Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) alla fine dei trimestri 2011. Iscrizioni e cessazioni trimestrali nel 2011 SEZIONE E DIVISIONE DI

Dettagli

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3

C28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 302 258-6 302 258 2 3 Tav 1.1 Imprese registrate e attive per divisioni di attività economica (ATECO 2007) I e II trimestre 2012. Iscrizioni e cessazioni trimestrali Provincia di CREMONA Fonte: Infocamere, Stockview, 2012 SEZIONE

Dettagli

58 tecnologie meccaniche Febbraio 2013 www.techmec.it

58 tecnologie meccaniche Febbraio 2013 www.techmec.it Fornire supporto alle aziende lungo l intero processo manifatturiero è il core business di Protesa. La società imolese, forte di un esperienza tecnologica e organizzativa maturata all interno del Gruppo

Dettagli

Il ciclo di lavorazione

Il ciclo di lavorazione INTRODUZIONE AI CICLI DI LAVORAZIONE Rif. Bibliografico: Giusti-Santochi TECNOLOGIA MECCANICA e studi di fabbricazione Capitolo 9 1 Il ciclo di lavorazione DEFINIZIONE: Si dice CICLO DI LAVORAZIONE tutto

Dettagli

CLASSE 3 AM M [Stesura a.s. 2014-15]

CLASSE 3 AM M [Stesura a.s. 2014-15] PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE Monte ore annuo 165 Libro di Testo vol1 Pandolfo Degli Espositi Ed. Calderini Microstruttura dei metalli, proprietà tecnologiche, meccaniche. SETTEMBRE Proprietà

Dettagli

PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN A.S. 2014/15 Innovazione e ciclo di vita di un prodotto La progettazione di un prodotto e di conseguenza il suo processo produttivo dipende dalla

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD36U ATTIVITÀ 24.10.00 SIDERURGIA - FABBRICAZIONE DI FERRO, ATTIVITÀ 24.31.00 STIRATURA A FREDDO DI BARRE

STUDIO DI SETTORE UD36U ATTIVITÀ 24.10.00 SIDERURGIA - FABBRICAZIONE DI FERRO, ATTIVITÀ 24.31.00 STIRATURA A FREDDO DI BARRE STUDIO DI SETTORE UD36U ATTIVITÀ 24.10.00 SIDERURGIA - FABBRICAZIONE DI FERRO, ACCIAIO E FERROLEGHE ATTIVITÀ 24.31.00 STIRATURA A FREDDO DI BARRE ATTIVITÀ 24.32.00 LAMINAZIONE A FREDDO DI NASTRI ATTIVITÀ

Dettagli

Allegato L 6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OGGETTI D'ARTE, DI CULTO E DI DECORAZIONE, CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA

Allegato L 6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OGGETTI D'ARTE, DI CULTO E DI DECORAZIONE, CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA Settori del commercio (Sezione G), secondo la classificazione delle attività ATECO 2002, ammessi alle agevolazioni ai sensi della normativa comunitaria. G 50 10 G 50 30 G 50 50 G 51 12 0 COMMERCIO DI AUTOVEICOLI

Dettagli

Il software facile per il serramento

Il software facile per il serramento Il software facile per il serramento Caratteristiche Progettazione guidata per tipologie a 3/4/5 lati oppure curvi Gestione profili in Alluminio, PVC, Allumino-Legno - Acciaio Visualizzazione di nodi e

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 LEGNO ED ARREDO Processo Fabbricazione di mobili artigianale e in serie, restauro e tappezzeria Sequenza

Dettagli

LEADER NELLA LAVORAZIONE DELLA LAMIERA

LEADER NELLA LAVORAZIONE DELLA LAMIERA LEADER NELLA LAVORAZIONE DELLA LAMIERA DAL 1956 IL GRUPPO LEADER IN ITALIA NELLA LAVORAZIONE DELLA LAMIERA ESPERIENZA, CAPACITA PRODUTTIVA, ORIENTAMENTO AL FUTURO. Il Gruppo Boschetti, specializzato nella

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Nautica da diporto

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD20U ATTIVITÀ 01.62.01 ATTIVITÀ DEI MANISCALCHI ATTIVITÀ 24.33.01 FABBRICAZIONE DI PANNELLI STRATIFICATI IN ACCIAIO ATTIVITÀ 25.11.00 FABBRICAZIONE DI STRUTTURE METALLICHE E PARTI ASSEMBLATE

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Lavorazione di metalli

Dettagli

AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI ED AFFINI, ODONTOTECHICI ARTIGIANATO

AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI ED AFFINI, ODONTOTECHICI ARTIGIANATO AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI ED AFFINI, ODONTOTECHICI ARTIGIANATO SETTORE METALMECCANICA ED INSTALLAZIONE DI IMPIANTI AGGIORNAMENTI c.c.n.l.: gennaio 2012 ccril : settembre

Dettagli

SETTORI DI APPLICAZIONE

SETTORI DI APPLICAZIONE SETTORI DI APPLICAZIONE TECNOLOGIA DI FUSIONE Le richieste che arrivano dal settore della pressofusione sono sempre più esigenti in termini di assenza di porosità, riduzione del peso, alta resistenza e

Dettagli

WINSTORE. Magazzino automatico

WINSTORE. Magazzino automatico WINSTORE Magazzino automatico Quando competitività significa riorganizzare la propria produzione Made In Biesse 2 Il mercato chiede un cambiamento nei processi produttivi che consenta di accettare il maggior

Dettagli

Lavorazioni e Disegno

Lavorazioni e Disegno Lavorazioni e Disegno 1 Assiemi meccanici Ogni particolare, ogni singolo pezzo è realizzato con: materiale diverso; tecnologia (o tecnologie) differenti. Il disegno delle parti ne deve tenere conto 2 Classificazione

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - FALEGNAME - Il falegname

Dettagli

Linea guida per le verifiche ISO 14001 nelle aziende che operano nella lavorazione di metalli (EA17) rev 1 del 30/11/2008

Linea guida per le verifiche ISO 14001 nelle aziende che operano nella lavorazione di metalli (EA17) rev 1 del 30/11/2008 Nella presente linea guida vengono fornite indicazioni utili per la conduzione di audit nel settore EA 17 fabbricazione di prodotti in metallo anche trattati e rivestiti secondo la norma UNI EN ISO 14001.

Dettagli

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa

TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa TREND Tecnologia ed innovazione per il Risparmio e l efficienza ENergetica Diffusa Il progetto Trend: prime analisi sull efficacia dello strumento e sul patrimonio di dati acquisito Stefania Ghidorzi Cestec

Dettagli

CATEGORIE E-MAIL BTB ADDRESSVITT

CATEGORIE E-MAIL BTB ADDRESSVITT CATEGORIE E-MAIL BTB ADDRESSVITT AMMINISTRAZIONE PUBBLICA COMUNI-ENTI PUBBLICI 17.221 TOTALE 17.221 COMMERCIO, DETTAGLIO ABBIGLIAMENTO, COMMERCIO 14.575 AGRICOLTURA-ZOOTECNIA-FLORICOLTURA, COMMERCIO 6.991

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD20U ATTIVITÀ 01.62.01 ATTIVITÀ DEI MANISCALCHI ATTIVITÀ 24.33.01 FABBRICAZIONE DI PANNELLI STRATIFICATI IN ACCIAIO ATTIVITÀ 25.11.00 FABBRICAZIONE DI STRUTTURE METALLICHE E PARTI ASSEMBLATE

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO

ITIS OTHOCA ORISTANO ITIS OTHOCA ORISTANO CARATTERISTICHE DEI PROCESSI PRODUTTIVI LAY-OUT IMPIANTI PARTE 1 Il ciclo di produzione La progettazione e il processo produttivo di un prodotto segue un ciclo di vita che qualunque

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio. - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica RAPPORTO 2010 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di commercio - Allegato statistico - A cura dell Ufficio Studi e Statistica La demografia delle imprese Imprese registrate e attive

Dettagli

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto.

NOTA: i pezzi di uno stesso lotto sono fra di loro intercambiabili, ma non è detto che siano intercambiabili con i pezzi di un altro lotto. 1 T I P I D I P R O D U Z I O N E Per PRODUZIONE s intende l insieme delle lavorazioni, dei controlli, dei montaggi necessari alla realizzazione di un particolare o di un complessivo. La produzione può

Dettagli

MATRIX. Med Matrix, un partner affidabile pronto ad ogni sfida! COMPANY PROFILE

MATRIX. Med Matrix, un partner affidabile pronto ad ogni sfida! COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE Med Matrix, un partner affidabile pronto ad ogni sfida! Da sempre, il nostro primo obiettivo è offrirvi il massimo della qualità e il miglior servizio! MATRIX LAVORAZIONE LAMIERE LAVORAZIONE

Dettagli

Corso di Economia e gestione delle imprese

Corso di Economia e gestione delle imprese Corso di Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 Ciclo di direzione e Gestione Strategica Strategia globale Strategia competitiva Ciclo di direzione 2 1 Strategie di sviluppo e settori

Dettagli

Confronto tra tecnologie additive laser e processi tradizionali nella produzione di componenti aerospaziali

Confronto tra tecnologie additive laser e processi tradizionali nella produzione di componenti aerospaziali Advanced Manufacturing Technologies Research Group Confronto tra tecnologie additive laser e processi tradizionali nella produzione di componenti aerospaziali Prof. Luca Iuliano Eleonora Atzeni, Paolo

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Bolzano. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Bolzano Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 settembre 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni

Dettagli