SIDRIA-2a FASE - MANTOVA Studio Italiani sui Disturbi Respiratori nell Infanzia e l Ambiente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SIDRIA-2a FASE - MANTOVA Studio Italiani sui Disturbi Respiratori nell Infanzia e l Ambiente"

Transcript

1 REGIONE LOMBARDIA AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MANTOVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO DI MEDICINA PREVENTIVA DELLE COMUNITA Via Trento, Mantova - Tel Fax SIDRIA-2a FASE - MANTOVA Studio Italiani sui Disturbi Respiratori nell Infanzia e l Ambiente -Epidemiologia e prevenzione dell'asma e delle allergie in età pediatrica- RISULTATI DESCRITTIVI Volume2: Scuole Medie (Classe III) - MAGGIO

2 SIDRIA-2 a FASE - MANTOVA -Epidemiologia e prevenzione dell'asma e delle allergie in età pediatrica- Progetto finanziato dal Ministero della Sanità Coordinamento, progettazione e realizzazione dello studio: Gabriele Giannella Fiorella Talassi Servizio Medicina Preventiva delle Comunità ASL della Provincia di Mantova Personale sanitario del Servizio di Medicina Preventiva delle Comunità dell ASL di Mantova che ha collaborato alla rilevazione dei dati nelle scuole: Elena Bianchera Lidia Cuoghi Maria Dall acqua Daniela Foglia Antonella Pasolini Chiara Prati Personale amministrativo del Servizio di Medicina Preventiva delle Comunità dell ASL di Mantova che ha collaborato all imputazione dei dati: Rosa Corradelli Alice Redaelli Si ringraziano: l Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia che ha autorizzato l indagine; Dirigenti Scolastici ed Insegnanti delle scuole per avere aderito e collaborato ad una buona realizzazione dello studio, favorendo un elevata rispondenza; tutti i bambini e genitori delle scuole coinvolte nell indagine; 2

3 il gruppo di lavoro nazionale, i responsabili regionali degli altri centri partecipanti ed in particolare Claudia Galassi, responsabile italiana del progetto SIDRIA-2 a fase. Hanno curato la preparazione di questo volume: Fiorella Talassi. Federica Alessi, Gabriele Giannella Per eventuali chiarimenti o informazioni aggiuntive è possibile contattare il Servizio Medicina Preventiva delle Comunità (tel , ). Inoltre tutti i dati sul centro di Mantova ritenuti informativi sono stati inviati al Centro che si occupa specificatamente di comunicazione e diffusione dei risultati, al fine di aggiornare il sito e sono quindi consultabili a quell indirizzo. 3

4 INDICE DESCRIZIONE DELLO STUDIO OBIETTIVI DELLO STUDIO METODI E STRUMENTI DI LAVORO CENTRI PARTECIPANTI IN ITALIA LE SCUOLE MEDIE ESTRATTE NEL COMUNEDI TORINO RISULTATI QUESTIONARIO GENITORI 1. LA RISPONDENZA DEI GENITORI 2. CARATTERISTICHE DEI RISPONDENTI PER ASL 2.1 La madre 2.2 Il padre 3. STATO DI SALUTE DEI RAGAZZI 3.1 Asma e disturbi respiratori 3.2 Ricorso ai servizi sanitari e trattamento di asma e disturbi respiratori 3.3 Disturbi nasali e della pelle 4. ALTRE INFORMAZIONI SUI RAGAZZI 5. CARATTERISTICHE ABITATIVE ED ESPOSIZIONE A TRAFFICO AUTOVEICOLARE 6. VARIAZIONE DELLA FREQUENZA DEI PRINCIPALI DISTURBI RESPIRATORI TRA IL (SIDRIA 1) E IL 2002 (SIDRIA 2) RISULTATI QUESTIONARIO RAGAZZI 7. LA RISPONDENZA DEI RAGAZZI 8. SALUTE RIFERITA DAI RAGAZZI 8.1 Asma e disturbi respiratori 8.2 Disturbi nasali e della pelle 8.3 Esposizione dei ragazzi al fumo Pag. 4

5 DESCRIZIONE DELLO STUDIO L asma bronchiale influisce pesantemente sulla qualità della vita attraverso una limitazione delle attività del vivere quotidiano, perdita di giorni di scuola e di lavoro, un inidoneità nei confronti di alcune specifiche attività, un ricorso frequente a prestazioni di pronto soccorso o a periodi di ricovero in ospedale. L asma bronchiale presenta una prevalenza nella popolazione in età pediatrica in Italia stimabile intorno al 10%, ed ha un costo rilevante per la comunità; peraltro, i costi indiretti della malattia sono più rilevanti dei costi diretti imputabili alle spese per la cura e l assistenza sanitaria. La letteratura scientifica internazionale ha segnalato un aumento della frequenza della patologia asmatica dell infanzia negli ultimi 2-3 decenni. L indeterminatezza delle informazioni disponibili sulla frequenza della patologia asmatica e allergica in età pediatrica aveva indotto vari gruppi di ricercatori ad avviare, all inizio degli anni 90, uno studio multicentrico internazionale sull asma, la rinite e l eczema denominato International Study of Asthma and Allergies in Childhood - ISAAC cui avevano partecipato 156 Centri di 56 Paesi. Lo studio mirava a stimare la prevalenza dell asma, della rinite e dell eczema nella popolazione infantile di diversi Paesi del mondo, per consentire il confronto tra Paesi diversi e tra diverse zone geografiche di uno stesso paese, stabilire valori di riferimento utili per il futuro e delineare un quadro di fondo per ricerche eziologiche. In sintesi, è stata stimata una prevalenza di asma fra i Paesi partecipanti pari al 10% e 11% rispettivamente nei bambini di 6-7 anni e nei ragazzi di anni. I risultati evidenziavano l esistenza di un ampia variabilità fra i Paesi, con valori compresi tra 1,4-4,2% (es. in Albania, Austria, Belgio, Germania, India, Polonia) e 26,5 27,1% (in Australia, Costarica e Nuova Zelanda). La variabilità osservata fra i Paesi era molto più elevata di quella osservata fra diverse aree di uno stesso Paese. La notevole eterogeneità geografica della malattia, osservata anche per gli altri disturbi allergici studiati (rinite allergica ed eczema) suggerisce un probabile ruolo eziologico dei fattori ambientali, intesi in senso lato, nello sviluppo delle patologie in questione. L Italia ha aderito al progetto ISAAC con una ricerca più complessa denominata Studi Italiani sui Disturbi Respiratori nell Infanzia e l Ambiente SIDRIA, realizzata negli anni Al progetto SIDRIA hanno collaborato strutture di sanità pubblica e di epidemiologia regionali e di Aziende Sanitarie Locali (ASL), istituti di ricerca, istituti universitari, strutture dedicate al controllo ambientale, tutte raccolte in un Gruppo collaborativo. Gli studi sono stati condotti su oltre alunni delle scuole elementari e medie in 10 centri dell Italia settentrionale e centrale. I risultati del progetto SIDRIA sono stati pubblicati in numerose riviste scientifiche, consultabili anche sul sito internet 5

6 In Italia, nei bambini di 6-7 anni partecipanti allo studio SIDRIA, la prevalenza di asma bronchiale è risultata essere il 9%, con una modesta variabilità fra i centri (4,6% Cremona 11,1% Roma); analoga la frequenza osservata nei ragazzi di anni (media 9%, intervallo: 6,2% Cremona 10,9% Empoli). Nel complesso l Italia si colloca nella fascia mediobassa delle prevalenze osservate nel mondo con lo studio ISAAC. Nella predisposizione all asma svolgono un ruolo rilevante la familiarità e lo stato atopico, ovvero la propensione a produrre elevate quantità di anticorpi in risposta a stimoli allergenici. Allo sviluppo dell asma, tuttavia, contribuiscono in modo significativo anche l abitudine al fumo dei genitori (in più del 50% delle situazioni esaminate almeno un genitore fumava) e l esposizione a inquinanti atmosferici, soprattutto a quelli prodotti dal traffico pesante (in circa il 10% delle abitazioni prese in considerazione era riferito un frequente passaggio di camion nella strada verso cui erano rivolte le finestre). Le analisi non hanno evidenziato associazioni fra lo stato socioeconomico della famiglia (valutato in base al livello di scolarità paterna) e la prevalenza dei sintomi asmatici. Si era invece osservata una maggior tendenza all ospedalizzazione dei bambini affetti da asma al ridursi della scolarità paterna: più che a un peggiore stato di salute dei bambini delle classe meno abbienti, il dato sembra attribuibile a una diversa capacità di uso dei servizi sanitari, imputabile a una minore attenzione ricevuta dal medico curante e/o a una maggiore difficoltà nella "gestione" del bambino asmatico nelle famiglie meno abbienti. Sicuramente si era rilevata una maggiore percentuale di esposti a fumo passivo e di positivi a catarro, tosse e bronchite. Per approfondire la ricerca sui fattori causali dell asma e delle malattie allergiche, e in particolare sul ruolo delle esposizioni ambientali a inquinanti tipici del traffico veicolare e delle infezioni virali e batteriche della prima infanzia, è stato condotto un secondo studio SIDRIA-2 cui hanno partecipato a livello nazionale 12 Centri per la raccolta dei dati e 8 Centri di riferimento per il supporto a specifici aspetti del programma. Il progetto ha avuto inizio ufficiale il 14 luglio 2001 ed è in parte finanziato dal Ministero della salute. 6

7 OBIETTIVI DELLO STUDIO Lo studio SIDRIA-2 a fase si propone in particolare di: descrivere le modifiche temporali nella prevalenza dell asma, della rinite allergica e della dermatite atopica, nonché nella frequenza di esposizione a fattori di rischio per le stesse (ad esempio il fumo passivo e l esposizione a inquinanti indoor e outdoor) nei centri che hanno partecipato alla prima fase dello studio SIDRIA; descrivere la prevalenza delle condizioni allergiche e dei fattori di rischio in aree dell Italia meridionale non indagate dalla prima fase dello studio SIDRIA; valutare l associazione tra possibili fattori di rischio (o fattori protettivi) - indagati attraverso questionari standardizzati - e lo sviluppo dell asma e delle allergie; descrivere a livello di popolazione il ricorso ai servizi sanitari per il controllo della patologia asmatica e allergica e le caratteristiche dei processi assistenziali anche in relazione alle condizioni socioeconomiche delle famiglie; METODI E STRUMENTI DI LAVORO Lo studio costituisce l applicazione in Italia della fase III dello studio ISAAC ed è stato condotto su un campione di bambini della 1a e 2a classe della scuola elementare e in ragazzi della 3a classe della scuola media inferiore in 12 centri italiani (Torino, Emilia-Romagna, Milano, Mantova, Trento, Firenze, Siena, Roma, Colleferro, Bari, Cosenza, Palermo). Ogni centro ha partecipato con almeno bambini e adolescenti per un totale complessivo di circa soggetti. A Mantova il campione ha interessato 15 scuole elementari (N=1396) e 15 scuole medie (N=1140). Il Provveditorato degli Studi di Mantova ha approvato il progetto invitando tutte le scuole campionate a partecipare all indagine. La fase di rilevazione dei dati è avvenuta nel periodo tra gennaio e marzo Informazioni standardizzate sui disturbi respiratori e sull esposizione a diversi fattori di rischio sono state raccolte attraverso un questionario compilato da tutti i genitori coerente con il protocollo della fase III dello studio ISAAC. La ricerca si avvale, oltre che dei dati derivati dai questionari compilati dai genitori degli alunni delle classi selezionate, anche di informazioni ricavate da uno specifico questionario, somministrato in classe ai ragazzi delle scuole medie. In questo rapporto sono illustrate le distribuzioni relative ad alcune domande del questionario compilato dai genitori e, separatamente, le distribuzioni relative all analisi del questionario fatto compilare ai ragazzi in classe. 7

8 CENTRI PARTECIPANTI IN ITALIA TN TO MI MN Emilia Romagna FI SI Roma BA CS PA Torino: Unità di Epidemiologia dei Tumori - ASO San Giovanni Battista di Torino - CPO Piemonte; Area di Epidemiologia Ambientale ARPA Piemonte; Unità di Pneumologia ASL4 CPA Torino; Dipartimenti Materno Infantili ASL1-4. Milano: Servizio di Epidemiologia - ASL Città di Milano Milano; Centro di Allergologia e Broncopneumologia Clinica Pediatrica I Istituto di Pediatria - Istituti Clinici di Perfezionamento Milano; Agenzia Regionale di Protezione Ambientale, sezione di Milano Mantova: Servizio di Medicina Preventiva -ASL di Mantova - Mantova Trento: Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari (APSS) Osservatorio Epidemiologico Trentino - Trento Emilia Romagna: Agenzia Sanitaria Regionale dell Emilia Romagna Bologna; Assessorato alla Sanità della Regione Emilia Romagna Bologna; Aziende Sanitarie Locali dell Emilia Romagna; Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia Romagna Siena: Istituto di Malattie dell Apparato Respiratorio dell Università di Siena - Siena Firenze: Dipartimento di Sanità Pubblica dell Università di Firenze; Dipartimento di Statistica G. Parenti dell Università di Firenze; U.O. Epidemiologia Analitica e Ambientale - Occupazionale, Centro per lo Studio e la Prevenzione Oncologica, Istituto Scientifico della Regione Toscana; U.O. Tutela della Qualità dell Aria, Dipartimento di Firenze, ARPAT; Gruppo di Epidemiologia Ambientale Polmonare, Ist. Fisiologia Clinica CNR - Pisa Roma: Dipartimento di Epidemiologia ASL Roma/E Roma; Dipartimento di Prevenzione ASL Roma/G Tivoli (RM); Servizio di Fisiopatologia Respiratoria - Università Cattolica del Sacro Cuore Roma; Agenzia di Sanità Pubblica Lazio Roma; Laboratorio di Biochimica Clinica - Istituto Superiore di Sanità Roma; Servizi Materno-infantili e Dipartimenti di Prevenzione ASL di Roma Bari: Dipartimento di Biomedicina dell Età Evolutiva Sezione di Pediatria Preventiva Clinica Pediatrica III - Università di Bari - Bari Cosenza: Unità Operativa di Medicina Preventiva - Area Pediatria, ASL di Cosenza; Istituto di Clinica Pediatrica - I Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università di Roma "La Sapienza" - Roma Palermo: Unità Operativa di 3^ Pediatria ad indirizzo allergologico e pneumologico Azienda di Rilievo Nazionale ad Alta Specializzazione (ARNAS) Ospedale Civico e Benfratelli, G. Di Cristina e M. Ascoli - Palermo. 8

9 L'obiettivo del campionamento era quello di arruolare almeno 1000 bambini della popolazione di alunni delle classi III medie, secondo una procedura che ne garantisse la rappresentatività. Sono state quindi prima campionate le scuole e successivamente arruolati tutti i ragazzi che frequentavano le classi indicate. In totale a Mantova sono state campionate 15 scuole medie, distribuite in maniera omogenea nel territorio provinciale. LE SCUOLE MEDIE ESTRATTE NELLA PROVINCIA DI MANTOVA Scuola Media Indirizzo Comune Schiantarelli Via Schiantarelli, 7 Asola G. Mameli P.zza 8 marzo S. Giorgio Beschi Via Gridonia Gonzaga, 8 Castiglione delle Stiviere Media di Cavriana Via Bonfiglio, 39 Cavriana G. Verdi Via Marconi, 19 Gazzuolo Media di Sabbioneta P.zza D Armi, 8 Sabbioneta Don Fortunati P.zza Marconi, 1 Guidizzolo G. Bertazzolo Via Conciliazione, 75 Mantova L.B. Alberti M.Sacchi P.zza Seminario, 4 Mantova G. Marconi Via Parini, 1 Marmirolo Media di Piubega Via Roma, 36 Piubega Martiri di Belfiore Via S. Allende Quistello L. Benati Via Trento e Trieste, 2 Roverbella G. Pascoli Via P. Caleffi, 1/b Suzzara G. Bazzani Via Savonarola, 2 Virgilio 9

10 RISULTATI QUESTIONARIO GENITORI Guida alla lettura delle tabelle La tabella 1 riporta i risultati sulla rispondenza al questionario per ciascuna scuola; nelle tabelle successive (2- ) i dati sono riferiti ai soli rispondenti. La figura 1 riporta la distribuzione percentuale della rispondenza per scuola. Nelle tabelle sono riportati i numeri assoluti, le percentuali calcolate sul totale dei rispondenti e, laddove calcolati, gli intervalli di confidenza al 95%. Le percentuali riportate nelle tabelle sono sempre calcolate sul totale dei rispondenti al questionario, tranne che nella sezione 3.2, nella quale le percentuali sono state calcolate solo su coloro che hanno dichiarato asma nella vita. Non tutti i questionari sono stati compilati completamente, pertanto in questi casi per alcune domande la somma delle percentuali delle risposte ottenute non raggiunge il 100%. Tutte le statistiche presentate possono essere interpretate come rappresentative dell'intera popolazione scolastica della stessa età del campione a livello mantovano. 10

11 1. LA RISPONDENZA DEI GENITORI Complessivamente 1051 sono stati i questionari restituiti dai genitori dei ragazzi, pari ad una rispondenza del 92.2% (Tab. 1.1). Di questi, sono stati inclusi nell analisi 1038 questionari, in quanto 13 di essi riportavano soltanto le notizie anagrafiche o comunque non contenevano una risposta alle tre domande ritenute principali: presenza di sibili, presenza di disturbi nasali, presenza di disturbi cutanei. Tab Distribuzione della rispondenza per scuola Scuola Totale Questionari Rispondenza alunni compilati % Schiantarelli Asola ,6 G. Mameli S.Giorgio Beschi Castiglione delle Stiviere Media di Cavriana ,2 G. Verdi Gazzuolo Media di Sabbioneta ,3 Don Fortunati Guidizzolo ,5 G. Bertazzolo Mantova ,5 L.B. Alberti M.Sacchi Mantova ,9 G. Marconi Marmirolo Media di Piubega Martiri di Belfiore Quistello ,7 L. Benati Roverbella ,1 G. Pascoli Suzzara ,8 G. Bazzani - Virgilio ,3 Totale ,2 Fig. 1 Distribuzione percentuale della rispondenza dei genitori per scuola Asola S.Giorgio Castiglione delle Stiviere Cavriana Gazzuolo Sabbioneta Guidizzolo Mn-Bertazzolo Mn-Alberti Marmirolo Piubega Quistello Roverbella Suzzara Virgilio 11

12 2. CARATTERISTICHE DEI RISPONDENTI PER ASL Tab. 2.1 Alcune caratteristiche dei genitori N % COMPILATORI QUESTIONARIO MADRE ,1 PADRE 41 3,9 ENTRAMBI ,8 ALTRO 8 0,8 MADRE NATURALE ,4 ACQUISITA 15 1,4 PADRE NATURALE ,3 ACQUISITO 28 2,7 Come evidenziato dalla tabella 2.1, la maggior parte dei questionari è stata compilata dalla madre; nel 37.8% da entrambi i genitori. Le tabelle e descrivono le caratteristiche dei genitori dei ragazzi rispondenti allo studio. L età media delle madri è di 42.5 anni, mentre i padri hanno un età media di 45 anni. L 85.6% delle madri e l 84.9% dei padri sono nati in Italia; complessivamente le madri straniere sono il 7.4% contro il 4.6% dei padri. Praticamente sovrapponibile è la scolarità dei genitori, con una leggera prevalenza di madri in possesso di diploma di scuola media superiore; comunque, il titolo di studio del padre è la licenza elementare e la laurea rispettivamente nel 12.2% e nel 11.1% dei rispondenti, mentre per la madre il titolo di studio è nel 10.2% delle rispondenti la licenza elementare e nel 9.4% la laurea. Il 90.3% dei padri ed il 61.7% delle madri hanno dichiarato di possedere un lavoro; nei padri la categoria professionale prevalente è operaio/bracciante (31.9%), seguita da libero professionista/lavoratore in proprio (29.2%) e da impiegato/funzionario (19.4%); nelle madri, invece, prevale la categoria impiegata/funzionaria (31.3%), seguita da operaia/bracciante (24.8%). 12

13 2.1 La Madre Tab Distribuzione per età, paese di nascita, condizione professionale e occupazione della madre N % ETÀ Media 42,5 (Minima-Massima) PAESE DI NASCITA Italia ,6 Europa 41 3,9 Asia 11 1,1 Africa 16 1,5 Sud America 9 0,9 TITOLO DI STUDIO Nessuno 18 1,7 Licenza elementare ,2 Diploma Media inferiore Diploma Media superiore ,3 Laurea 98 9,4 Altro 18 1,7 CONDIZIONE PROFESSIONALE Casalinga ,6 Disoccupata 19 1,8 Occupata ,7 Ritirata dal lavoro 27 2,6 In altra condizione 4 0,4 CATEGORIA PROFESSIONALE Dirigente/Imprenditrice 29 2,8 Impiegata/Funzionaria ,3 Operaia/Bracciante ,8 Libera prof./ Lav. in proprio , Il Padre Tab Distribuzione per età, paese di nascita, condizione professionale e occupazione del padre N % ETÀ Media 45 (Minima-Massima) PAESE DI NASCITA Italia ,9 Europa 24 2,3 Asia 7 0,7 Africa 13 1,2 Sud America 4 0,4 TITOLO DI STUDIO Nessuno 20 1,9 Licenza elementare ,2 Diploma Media inferiore ,4 Diploma Media superiore ,4 Laurea ,1 Altro 3 0,3 CONDIZIONE PROFESSIONALE Disoccupato 13 1,2 Occupato ,3 Ritirato dal lavoro 37 3,6 In altra condizione 4 0,4 CATEGORIA PROFESSIONALE Dirigente/Imprenditore ,5 Impiegato/Funzionario ,4 Operaio/Bracciante ,9 Libero prof./ Lav. in proprio ,2 13

14 3. STATO DI SALUTE DEI RAGAZZI 3.1 Asma e disturbi respiratori LE DOMANDE DEL QUESTIONARIO: a) Suo figlio ha mai avuto l'asma? b) "Suo figlio soffre ancora di asma?" c) Suo figlio, respirando, ha avuto fischi o sibili nel torace almeno una volta nella sua vita? d) "Suo figlio, respirando, ha avuto fischi o sibili nel torace negli ultimi 12 mesi?" e) "Negli ultimi 12 mesi suo figlio, respirando, ha avuto sibili nel torace durante o dopo un esercizio fisico?" f) "Suo figlio ha avuto attacchi di difficoltà di respiro con fischi o sibili almeno una volta nella sua vita?" g) "Negli ultimi 12 mesi suo figlio ha avuto attacchi di difficoltà di respiro con fischi o sibili?" h) "Suo figlio ha tosse nella maggior parte dei giorni (4 o più alla settimana) al di fuori dei comuni raffreddori?" i) "Suo figlio ha catarro nella maggior parte dei giorni (4 o più alla settimana) al di fuori dei comuni raffreddori?" Tab Distribuzione di asma e principali sintomi respiratori N % I.C.95% Asma nella vita(a) 84 8,1 6,7 9,5 negli ultimi 12 mesi(b) 35 41,7 Fischi o sibili nel torace nella vita(c) ,5 17,3 21,6 negli ultimi 12 mesi(d) 63 6,1 4,3 7,8 Sibili durante o dopo un esercizio fisico(e) 58 5,6 3,9 7,2 Dispnea con fischi/sibili nella vita(f) ,6 13,5 15,8 negli ultimi 12 mesi(g) 51 4,9 3,5 6,4 Tosse negli ultimi 12 mesi(h) 84 8,1 Catarro negli ultimi 12 mesi(i) 92 8,8 Familiarità per asma: padre 43 4,1 madre 51 4,9 14

15 Fig. 2 - Distribuzione percentuale dei principali sintomi asmatici e bronchitici sul totale dei rispondenti. 45,0 40,0 35,0 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 Asma (vita) Asma (ultimi 12 mesi) Fischi o sibili nel torace (vita) Fischi o sibili nel torace (ultimi 12 mesi) Sibili durante o dopo esercizio fisico Dispnea con fischi/sibili (vita) Dispnea con fischi/sibili (ultimi 12 mesi) Tosse (ultimi 12 mesi) Catarro (ultimi 12 mesi) Attraverso il questionario sono stati rilevati numerosi disturbi respiratori di tipo asmatico (Tab ) presenti nel corso della vita o naturalmente presenti (sintomi correnti ovvero nei 12 mesi precedenti l'intervista). Il 19.5% dei ragazzi sul totale dei rispondenti è stato affetto, almeno una volta nella vita, da disturbi respiratori quali fischi o sibili nel torace, mentre nel 6.1% dei casi sono stati riferiti anche negli ultimi 12 mesi (sintomi correnti). Attacchi di difficoltà di respiro con fischi e sibili nel torace (ovvero un sintomo molto specifico di asma bronchiale) sono stati riferiti, almeno una volta nella vita, per il 14.6 dei ragazzi, mentre sono un sintomo corrente (ultimi 12 mesi) nel 4.9%; la prevalenza di sibili durante o dopo un esercizio fisico è risultata, invece, del 5.6%. La frequenza di asma riportata nel questionario e basata sulla domanda Suo figlio ha mai avuto l asma? è dell 8.1%; per 35 ragazzi (pari al 41.7% di coloro che hanno avuto asma nella vita) è stata dichiarata la presenza della malattia anche nell ultimo anno precedente l intervista. 15

16 Il 4% circa dei bambini ha almeno un genitore che soffre o ha sofferto di asma durante la vita: questo dato potrà essere successivamente analizzato per valutare il ruolo della familiarità in questa malattia. La prevalenza dei sintomi bronchitici (al di fuori dei comuni raffreddori) per più di un mese all anno risulta essere dell 8.1% per quanto riguarda la tosse e dell 8.8% per il catarro. 3.2 Ricorso ai servizi sanitari e trattamento di asma e disturbi respiratori LE DOMANDE DEL QUESTIONARIO: a) Suo figlio, almeno una volta nella sua vita, è stato ricoverato in ospedale a causa dell'asma? b) Suo figlio è stato ricoverato in ospedale a causa dell'asma negli ultimi 12 mesi? c) In generale, quanto direbbe che sono stati tenuti sotto controllo i sintomi dell'asma di suo figlio negli ultimi 12 mesi? d) Negli ultimi 12 mesi, suo figlio ha usato medicine per i sibili o l'asma (compresse, bombolette spray, aerosol o altri rimedi)? e) Qual è la figura professionale che segue, o che seguiva, principalmente suo figlio per il problema dell asma? Tab Ricorso ai servizi e trattamento per asma N % (a) Ricovero in ospedale per asma (nella vita) Sì, 1 volta 14 16,7 Sì, 2 volte 4 4,8 Sì, 3 o più volte 4 4,8 (b) Ricovero in ospedale per asma (ultimi 12 mesi) 0 0 (c) Controllo dei sintomi Ben controllati 33 39,3 Abbastanza controllati 18 21,4 Scarsamente controllati 5 5,9 Non controllati 7 8,3 (d) Medicine per asma (ultimi 12 mesi) No 43 51,2 Sì 36 42,9 (e) Medico di riferimento per la cura dell asma Medico di base 12 14,3 Pediatra di base o altro ped ,1 Pneumologo 11 13,1 Allergologo 25 29,8 16

17 La tabella riporta le prevalenze relative al ricorso ai servizi ed al trattamento per asma, calcolate solo sul campione di ragazzi i cui genitori hanno risposto affermativamente alla domanda Suo figlio ha mai avuto l asma?. L 82.2% degli intervistati ha dichiarato di aver ricoverato in ospedale, una o più volte, il proprio figlio durante la vita, ma nessuno ha dichiarato di averlo fatto nei dodici mesi precedenti la somministrazione del questionario. Ricovero per asma nella vita Sì, 3 o più volte 5% Sì, 2 volte 5% Sì, 1 volta 17% No, mai 73% Più della metà dei genitori (60.7%) dichiara che i sintomi asmatici del proprio figlio sono bene o abbastanza bene controllati, mentre il 14.2% ritiene che siano scarsamente controllati o non controllati affatto. Controllo dei sintomi asmatici (ultimi 12 mesi) Non controllati 11% Scarsamente controllati 8% Ben controllati 52% Abbastanza controllati 29% 17

18 Il 42.9% dei ragazzi asmatici ha fatto uso di farmaci specifici negli ultimi dodici mesi; analisi più approfondite consentiranno di valutare se si tratti di una terapia assunta regolarmente dai ragazzi (terapia di fondo) o solo saltuariamente in occasione degli attacchi di asma e soprattutto di confermare l appropriatezza del trattamento. La figura professionale che ha seguito i ragazzi oggetto di studio è stata nel 38.1% dei casi il pediatra (sia di base che specialista), seguito dall allergologo (29.8%), dal medico di famiglia (14.3%) ed infine dal pneumologo (13.1%). Medico di riferimento per l'asma Medico di base 15% Allergologo 31% Pneumologo 14% Pediatra di base o altro ped. 40% 18

19 3.3 Disturbi nasali e della pelle LE DOMANDE DEL QUESTIONARIO: a) Suo figlio è stato infastidito, almeno una volta nella sua vita, da frequenti starnuti naso che cola o naso chiuso, al di fuori dei comuni raffreddori o dell influenza? b) Negli ultimi 12 mesi suo figlio è stato infastidito da frequenti starnuti o naso che cola o naso chiuso, al di fuori dei comuni raffreddori o dell influenza? c) Negli ultimi 12 mesi questi problemi nasali sono stati accompagnati da prurito e lacrimazione agli occhi? d) Suo figlio ha mai avuto il raffreddore primaverile (raffreddore da pollini)? e) Suo figlio ha mai avuto il raffreddore allergico da cause diverse dal polline? f) Suo figlio ha avuto, almeno una volta nella sua vita, un arrossamento con prurito in una o più zone della pelle, che compariva e scompariva per almeno 6 mesi? g) Suo figlio ha avuto questo arrossamento della pelle con prurito almeno una volta negli ultimi 12 mesi? h) Suo figlio ha mai avuto l eczema? Tab Distribuzione dei principali disturbi nasali e della pelle N % I.C.95% Disturbi nasali al di fuori dei comuni raffreddori nella vita(a) ,5 23,0 32,1 negli ultimi 12 mesi(b) ,7 15,2 22,2 Disturbi nasali con prurito e lacrimazione occhi (c) negli ultimi 12 mesi 100 9,6 7,1 12,2 Raffreddore primaverile (d) ,8 11,3 16,2 Raffreddore allergico (e) ,5 9,5 13,5 Arrossamento della pelle con prurito persistente nella vita(f) ,9 14,0 19,9 negli ultimi 12 mesi(g) 92 8,9 7,9 9,9 Eczema (h) ,8 9,1 12,5 19

20 Fig. 4 - Distribuzione percentuale dei principali disturbi nasali e della pelle sul totale dei rispondenti Rinite (nella vita) Rinite (ultimi 12 mesi) Rinite con prurito e lacrimazione Raffreddore primaverile Raffreddore allergico Arrossamento con prurito (vita) Arrossamento con prurito (ultimi 12 mesi) Eczema Il 27.5% dei ragazzi è stato infastidito da disturbi nasali al di fuori dei comuni raffreddori o dell influenza, almeno una volta nella vita, mentre per il 18.7% degli stessi è un sintomo corrente. La prevalenza di disturbi nasali accompagnati da sintomi oculari (prurito e lacrimazione), tipici della rinite allergica, verificatisi negli ultimi 12 mesi, è pari a 9.6%. 143 ragazzi (13.8%) hanno avuto un raffreddore primaverile (raffreddore da pollini) almeno una volta nella vita, mentre 119 (11.5%) una rinite allergica da cause diverse dal polline. La prevalenza di sintomi cutanei riferibili ad eczema (prurito con arrossamento cutaneo in alcune zone tipiche della pelle) nella vita è del 16.9%; per l 8.9% dei ragazzi (equivalenti ad oltre il 50% di coloro che hanno dichiarato di avere avuto sintomi nella vita) tale sintomatologia si configura come attuale, essendo presente anche nei 12 mesi precedenti la rilevazione. Risulta, invece, aver sofferto di eczema (o dermatite atopica), almeno una volta nella vita, il 10.8% dei ragazzi. La discordanza fra le risposte fornite alla domanda Suo figlio ha mai sofferto di eczema? ed alle domande circa i sintomi riconducibili ad eczema, con una netta prevalenza di 20

21 risposte affermative alla seconda domanda, suggerisce che vi sia una tendenza, da parte dei pediatri e medici di famiglia, a preferire al termine eczema l equivalente dermatite atopica nella diagnosi di tale sintomatologia. L interesse dello studio per disturbi allergici, di tipo rinitico e della pelle, deriva dall ipotesi che esistano meccanismi e cause comuni legate al sistema immunitario. 21

22 4. ALTRE INFORMAZIONI SUI RAGAZZI Frequenza dei fattori di rischio per l asma L asma bronchiale riconosce molteplici fattori di rischio, legati sia a caratteristiche personali che ad esposizioni ambientali. I fattori di rischio per l asma possono essere distinti in: - fattori predisponenti, capaci di aumentare la suscettibilità individuale alla malattia, in particolare lo stato atopico, cioè la tendenza alla produzione di quantità elevate di anticorpi (IgE) in risposta all esposizione a fattori ambientali; - fattori causali, che sensibilizzano le vie aeree e causano l insorgenza della malattia; di questi fanno parte i c.d. allergeni, che possono essere presenti negli ambienti interni (acari domestici nella polvere di casa, allergeni animali presenti nei gatti o nei cani, muffe e lieviti presenti in zone umide e scarsamente ventilate delle pareti domestiche), negli ambienti esterni (allergeni dei pollini provenienti principalmente dagli alberi, dai prati e dalle erbe infestanti) e negli ambienti professionali (sostanze chimiche presenti in molte lavorazioni); - fattori contribuenti, in grado di aumentare la probabilità di sviluppo della malattia se associati ad un fattore causale; rientrano fra quest ultimi l esposizione ad inquinanti dell ambiente domestico ed esterno. Esistono, inoltre, fattori scatenanti triggers in grado di aggravare l asma, ovvero di determinarne esacerbazioni, quando la malattia è già presente e le vie aeree sono particolarmente labili. Gli stessi fattori causali già citati (in particolare allergeni ed agenti professionali), nonché l esercizio fisico, l esposizione ad aria fredda e a gas irritanti, i cambiamenti climatici, possono essere fattori scatenanti di un attacco asmatico. Nel complesso, comunque, nonostante la rapida produzione di nuove conoscenze, l individuazione dei fattori capaci di indurre l asma in individui geneticamente suscettibili è ancora modesta, mentre sono relativamente più noti i determinanti delle crisi e dell aggravamento in soggetti già asmatici (infezioni, allergeni, irritanti inalatori, stress fisici ed emotivi). Nelle tabelle seguenti (4.1, 4.2, 4.3 e 4.4) sono state evidenziate alcune informazioni sui ragazzi, che possono avere un ruolo nell eziologia dell asma. Fattori di rischio nei primi due anni di vita Sono stati innanzitutto indagati attraverso il questionario alcuni fattori dei primi due anni di vita del ragazzo che dalla letteratura sono stati associati alla frequenza di malattie allergiche, in particolare dell asma. 22

23 Tab. 4.1 Distribuzione di alcuni fattori di rischio nei primi 2 anni di vita N % Allattamento materno No ,5 Per 3 mesi o meno ,7 Per più di 3 mesi ,8 Frequenza asilo nido Malattie nei primi due anni di vita Bronchite ,7 Bronchite asmatiforme 64 6,2 Polmonite/broncopolmonite 28 2,7 Bronchiolite 26 2,5 È stato indagato l allattamento con latte materno in quanto in letteratura sono riportati dati contrastanti riguardo ad un suo ruolo come fattore protettivo per le malattie allergiche. Il 72.5% dei soggetti del campione è stato allattato con latte materno e di questi più della metà per oltre tre mesi. Ancora, sono state raccolte informazioni sulla frequenza dell asilo nido, variabile che rappresenta un proxy dell esposizione del bambino a fattori infettivi, in quanto i bambini che frequentano gli asili nido contraggono più precocemente e con maggior frequenza malattie respiratorie infettive. La proporzione di soggetti che ha frequentato l asilo nido non risulta comunque particolarmente elevata nella Provincia di Mantova (19%). È stata considerata quindi la frequenza delle patologie respiratorie nell infanzia. Infatti, l insorgenza di frequenti infezioni delle vie aeree durante i primi anni di vita sembra avere un effetto protettivo nello sviluppo di atopia ed asma, mentre una bassa frequenza di infezioni respiratorie nella prima infanzia predisporrebbe il sistema immunitario verso una maggiore risposta atopica (ipotesi igienista, secondo la quale il miglioramento delle condizioni igieniche e la ridotta frequenza di infezioni si associano ad un aumentata prevalenza dell atopia nei Paesi Occidentali). La bronchite risulta una malattia molto frequente nei primi due anni di vita nei ragazzi del campione (59.7%); anche l occorrenza di bronchite asmatiforme nei primi due anni non è un evento raro (il 6.2% dei ragazzi ne è risultato affetto). Altri fattori di rischio per l asma L attività sportiva, specie se eseguita regolarmente, potenzia lo sviluppo corporeo e la capacità toracica. Si ipotizza che l attività fisica sia protettiva per lo sviluppo di asma, mentre è l opposto, chiaramente, per la sedentarietà. Praticare attività fisica in generale è un evenienza abbastanza diffusa fra i ragazzi della Provincia: il 63.3% di loro pratica regolarmente sport almeno due volte alla settimana ed il 14% pratica nuoto per periodi molto lunghi durante l anno. 23

24 Tab. 4.2: - L attività fisica dei ragazzi No Attività fisica Occasionale ,1 Almeno 2 volte/settimana ,3 Mai ,7 Attività fisica In passato ,8 in piscina Si, per meno di 6 mesi l'anno ,6 Si, per più di 6 mesi l'anno 35 3,4 La ricerca scientifica ha ipotizzato un ruolo dei fattori nutrizionali per l asma e le allergie. In particolare, è stato indicato un possibile ruolo protettivo degli agenti antiossidanti (vitamine) e si è osservata un associazione fra il basso contenuto di vitamina C nella dieta ed una riduzione della funzionalità polmonare, sia nei bambini che negli adulti. Quindi, il consumo di frutta fresca, ricca in vitamina C, anche se in piccole quantità, può ridurre la frequenza di sintomi asmatici. I ragazzi partecipanti allo studio sembrano essere buoni consumatori di frutta fresca: complessivamente, infatti, l 84.2% di essi mangia frutta più volte durante la settimana ed il 78.2% consuma anche spremute di frutta. Fra i condimenti utilizzati per cucinare, la preferenza è per l olio di oliva. Tab. 4.3 L'alimentazione dei ragazzi N % Consumo di frutta in generale Mai/occasionalmente ,8 1-2 volte a settimana ,8 3-4 volte a settimana ,9 5 o più volte a settimana ,5 Consumo di merendine/cioccolato Mai/occasionalmente ,2 1-2 volte a settimana ,6 3-4 volte a settimana ,6 5 o più volte a settimana ,2 Consumo di spremute/succhi di frutta Mai/occasionalmente ,9 1-2 volte a settimana volte a settimana ,8 5 o più volte a settimana ,3 Consumo di bevande gassate Mai/occasionalmente ,3 1-2 volte a settimana ,2 3-4 volte a settimana ,7 5 o più volte a settimana ,1 Condimento utilizzato per cucinare Olio di semi 78 7,5 Olio di oliva ,6 Burro 39 3,8 Margarina 8 0,8 24

25 Abitudine al fumo dei genitori L esposizione a fumo di sigaretta rappresenta un importante fattore contribuente lo sviluppo dell asma. È stato stimato che l abitudine al fumo dei genitori sia responsabile di circa il 15% dei casi di asma tra i bambini e dell 11% dei sibili respiratori riferiti dai ragazzi; alcuni studi hanno evidenziato che i bambini con genitori fumatori hanno, soprattutto durante i primi due anni di vita e se è la madre a fumare, un aumentato rischio di sviluppare malattie respiratorie, sintomi asmatici (tosse e wheezing), asma bronchiale e riacutizzazioni asmatiche. Il fumo di sigaretta rappresenta dunque uno dei fattori di rischio ambientali più importanti per la patologia respiratoria nell età della crescita; oltre al rischio per la salute, l abitudine al fumo dei genitori può condizionare quella dei figli. Nel campione studiato, risultano fumatori attuali il 26.7% delle madri ed il 32.7% dei padri. La letteratura scientifica riporta anche che l abitudine al fumo di sigaretta della madre ha un effetto più grande di quello del padre; il rischio per i bambini di sviluppare l asma risulta molto maggiore quando l esposizione avviene in utero, ovvero se la madre ha fumato durante la gravidanza. Il 10.7% delle madri intervistate ha dichiarato di aver fumato durante la gravidanza del bambino ed il 17.1% di averlo fatto anche durante il primo anno di vita del ragazzo. Tab. 4.4 Distribuzione dell'esposizione dei ragazzi al fumo della madre e del padre N % I.C.95% MADRE Non fumatrice Ex fumatrice ,5 Fumatrice ,7 N medio sigarette/giorno 10,2 (1 40) Fumo in gravidanza ,7 9,1 12,3 Fumo durante il primo anno di vita del bambino ,1 13,9 20,2 PADRE Non fumatore ,1 Ex fumatore ,4 Fumatore ,7 N medio sigarette/giorno 15,2 (1 40) Numero medio di fumatori in casa 1,4 (1 5) 25

26 5. CARATTERISTICHE ABITATIVE ED ESPOSIZIONE A TRAFFICO VEICOLARE I fattori di rischio ambientali possono agire sia come fattori contribuenti alla comparsa dell asma sia come fattori aggravanti della malattia già in atto. Infatti, il rischio di sviluppare una sensibilizzazione verso un determinato allergene è tanto maggiore quanto più elevata è la sua concentrazione nell ambiente così come la ripetuta esposizione all allergene in questione determina un maggior numero di sintomi respiratori nei soggetti già sensibili. Ciò vale sia per gli allergeni presenti nell ambiente domestico (ad es. gli acari della polvere) sia per gli allergeni degli ambienti esterni (ad es. i pollini). Fattori di rischio negli ambienti confinati (indoor) Attraverso il questionario rivolto ai genitori è stata indagata l esposizione ad alcuni inquinanti dell ambiente domestico. Tra gli inquinanti indoor sono stati considerati in particolare i combustibili per il riscaldamento e quelli usati per cucinare, nonché alcune caratteristiche dell abitazione. Dalla letteratura risulta, infatti, un eccesso di rischio in bambini la cui abitazione è riscaldata con impianto autonomo. Tale eccesso è riconducibile al tipo di combustibile utilizzato per il riscaldamento: il gasolio, la legna, il carbone e l uso frequente del caminetto sono risultati essere costantemente associati ad una più alta frequenza di disturbi respiratori, e ciò probabilmente a causa dell alto potenziale inquinante di questi combustibili (polveri fini, ossidi di zolfo e azoto). Alcuni studi hanno messo in evidenza una relazione fra sintomi respiratori, alterazioni della funzionalità respiratoria e uso di gas per cucinare. Infine, si è osservato che la presenza di macchie di umidità o muffa nella stanza dove dorme il ragazzo aumenta il rischio di sintomi asmatici. La presenza di animali domestici è indagata in quanto essi rilasciano allergeni attraverso le secrezioni (saliva), le escrezioni (urine e feci) ed i detriti epidermici; in particolare l esposizione entro i primi due anni di vita sottopone l organismo a possibili fonti di allergeni in un epoca di immaturità del sistema immunitario. La maggior parte delle abitazioni rispondenti al questionario è riscaldata con il gas metano (78.6%) e nel 25.7% di esse è presente uno scaldabagno. La presenza nelle case di animali domestici non sembra essere molto frequente: il 10.8% dei ragazzi ha convissuto con un gatto o con un cane nel primo anno di vita, mentre convive attualmente con uno di essi circa il 20% dei ragazzi. 26

27 Tab. 5.1 Caratteristiche delle abitazioni e presenza di animali domestici. N % Presenza di macchie di muffa/umidità Nel primo anno di vita 100 9,6 Attualmente Tipo di riscaldamento Elettricità 23 2,2 Gas ,6 Gasolio/Kerosene ,4 Teleriscaldamento 54 5,2 Legna/carbone ,8 Presenza boiler a gas ,7 Presenza del cane nell abitazione Mai ,7 Nel primo anno di vita ,8 Negli ultimi 12 mesi ,2 Altro periodo ,2 Presenza del gatto nell abitazione Mai ,6 Nel primo anno di vita ,8 Negli ultimi 12 mesi ,6 Altro periodo ,6 L inquinamento atmosferico urbano Attraverso il questionario sono state raccolte alcune informazioni relative al traffico veicolare nella zona di abitazione del ragazzo. La letteratura riporta, infatti, che la prossimità della casa ad una strada con intenso traffico pesante (camion) aumenta il rischio nei ragazzi di manifestare disturbi respiratori sia attuali che nei primi anni di vita. L inquinamento atmosferico da traffico, in particolare quello da veicoli pesanti, rappresenta un potenziale fattore di rischio per la salute dei bambini, aumentando il rischio di molti disturbi respiratori, particolarmente nei centri con elevato livello di urbanizzazione. L esposizione è legata sia all ubicazione delle abitazioni in aree a traffico moderato o intenso, sia alla loro collocazione al di sotto del quarto piano, con conseguente diffusione degli inquinanti atmosferici urbani all interno dell abitazione. Il 55.3% dei ragazzi del nostro campione risiede in zone di campagna, in strade poco trafficate (41.1%), in cui i mezzi pesanti passano frequentemente o continuamente nel 16.1% dei rispondenti e le automobili circolano con le stesse modalità nel 49.5% dei rispondenti stessi. 27

28 Tab. 5.2 Caratteristiche della zona abitativa ed esposizione dei ragazzi a traffico veicolare N % Zona abitativa Campagna ,3 Periferia di città ,7 Centro città ,5 Piano dell abitazione Seminterrato/terreno , , ,5 Oltre il ,2 Caratteristiche della zona di abitazione Senza traffico ,2 Con poco traffico ,1 Con traffico moderato ,8 Con traffico intenso 98 9,4 Passaggio camion Mai o raramente ,1 Ogni tanto ,1 Frequentemente ,1 Di continuo 52 5 Passaggio automobili Mai o raramente 89 8,6 Ogni tanto ,7 Frequentemente ,2 Di continuo ,3 28

29 RISULTATI QUESTIONARIO RAGAZZI La ricerca si avvale, oltre che dei dati derivati dai questionari compilati dai genitori degli alunni delle classi selezionate, anche di informazioni ricavate da uno specifico questionario, somministrato in classe ai ragazzi. L utilizzo di un questionario standardizzato, nell ambito del protocollo del progetto ISAAC International Study of Asthma and Allergies in Childhood, permetterà il confronto tra diverse zone geografiche di uno stesso paese e tra Paesi diversi riguardo ai sintomi respiratori riportati in prima persona dai soggetti. Il questionario comprende domande analoghe al questionario dei genitori su asma e sibili, rinite ed eczema, tosse e catarro e sull esposizione a fumo passivo ed attivo. In relazione alla sintomatologia si riportano le risposte date dai ragazzi relative ai disturbi negli ultimi dodici mesi. Diversi studi trasversali hanno riportato una differenza nelle risposte date alle stesse domande da genitori e ragazzi, discrepanza rivelata anche nella precedente e nella attuale fase del Progetto Sidria. La rispondenza è risultata molto alta, pari al. 97.7%, grazie alla disponibilità degli alunni a rispondere alle domande e alla capacità degli operatori scolastici di coinvolgerli e motivarli. La tabella 6.1 riporta i risultati sulla rispondenza al questionario dei ragazzi per ciascuna scuola; nelle tabelle successive i dati sono riferiti ai soli rispondenti. La figura 5 riporta la distribuzione percentuale della rispondenza per scuola. Nelle tabelle sono riportati i numeri assoluti, le percentuali calcolate sul totale dei rispondenti e, laddove calcolati, gli intervalli di confidenza al 95%. Non tutti i questionari erano completamente compilati e pertanto per alcune domande la somma delle percentuali delle risposte ottenute non raggiunge il 100%. Tutte le statistiche presentate possono essere interpretata come rappresentative dell intera popolazione scolastica della stessa età del campione a livello mantovano. 29

30 6. LA RISPONDENZA DEI RAGAZZI Ha risposto al questionario somministrato in classe la quasi totalità dei ragazzi frequentanti le scuole selezionate, secondo la distribuzione di rispondenza riportata nella tabella 6.1. Tab Distribuzione della rispondenza dei ragazzi per scuola alunni questionari compilati % Schiantarelli Asola ,5 G.Mameli S.Giorgio Beschi Castiglione delle Stiviere Media di Cavriana G. Verdi Gazzuolo Media di Sabbioneta ,6 Don Fortunati Guidizzolo ,2 G. Bertazzolo Mantova ,4 L.B. Alberti M.Sacchi Mantova ,8 G. Marconi Marmirolo Media di Piubega Martiri di Belfiore Quistelli ,7 L. Benati Roverbella ,5 G. Pascoli Suzzara ,7 G. Bazzani - Virgilio ,3 Totale ,7 Fig. 5 Distribuzione percentuale della rispondenza dei ragazzi per scuola Asola S.Giorgio Castiglione delle Stiviere Cavriana Gazzuolo Sabbioneta Guidizzolo Mn-Bertazzolo Mn-Alberti Marmirolo Piubega Quistello Roverbella Suzzara Virgilio 30

31 Il campione dei ragazzi rispondenti al questionario ha nella maggior parte (79.5%) un età compresa fra i 12 e i 13 anni, con una leggera prevalenza del sesso maschile (52.0% contro 48.0% delle femmine) ed è composto per il 91.3% da ragazzi nati in Italia. Tab. 6.2 Distribuzione per età, sesso ed area di nascita dei ragazzi N % Età anni , anni ,5 Genere Maschio Femmina Area di nascitaitalia ,3 Europa 39 3,5 Asia 8 0,7 Africa 23 2,1 Sud America 17 1,5 31

32 7. SALUTE RIFERITA DAI RAGAZZI 7.1 Asma e disturbi respiratori LE DOMANDE DEL QUESTIONARIO: a) Hai mai avuto l'asma? b) "Soffri ancora di asma?" c) Respirando, hai avuto fischi o sibili nel torace almeno una volta nella tua vita? d) "Respirando, hai avuto fischi o sibili nel torace negli ultimi 12 mesi?" e) "Negli ultimi 12 mesi respirando, hai avuto sibili nel torace durante o dopo un esercizio fisico?" f) "Hai avuto attacchi di difficoltà di respiro con fischi o sibili almeno una volta nella tua vita?" g) "E successo negli ultimi 12 mesi?" h) "Hai tosse nella maggior parte dei giorni (4 o più alla settimana) al di fuori dei comuni raffreddori?" i) "Hai catarro nella maggior parte dei giorni (4 o più alla settimana) al di fuori dei comuni raffreddori?" Tab Distribuzione di asma e principali sintomi respiratori N % I.C.95% Asma nella vita(a) ,1 (8,8 13,4) negli ultimi 12 mesi(b) 51 41,1 Fischi o sibili nel torace nella vita(c) (15,4 24,7) negli ultimi 12 mesi(d) 105 9,4 (6,1 12,8) Sibili durante o dopo un esercizio fisico(e) ,6 (9,9 17,4) Dispnea con fischi/sibili nella vita(f) ,2 (18,0 28,4) negli ultimi 12 mesi(g) 105 9,4 (6,1 12,8) Tosse negli ultimi 12 mesi(h) 60 5,4 Catarro negli ultimi 12 mesi(i) 77 6,9 32

33 Fig. 6 - Distribuzione percentuale dei principali sintomi asmatici e bronchitici sul totale dei rispondenti Asma (vita) Asma (ultimi 12 mesi) Fischi o sibili nel torace (vita) Fischi o sibili nel torace (ultimi 12 mesi) Sibili durante o dopo esercizio fisico Dispnea con fischi/sibili (vita) Dispnea con fischi/sibili (ultimi 12 mesi) Tosse (ultimi 12 mesi) Catarro (ultimi 12 mesi) L 11.1% dei ragazzi frequentanti la 3 classe della scuola media ha dichiarato di aver sofferto di asma nella vita; di questi, il 41.1% dichiara di essere tuttora affetto dalla malattia. L esperienza della presenza di fischi o sibili nel torace almeno una volta nella vita è stata riferita dal 20% dei ragazzi intervistati, mentre il 13.6% di loro ha sperimentato la presenza, respirando, di sibili nel torace durante o dopo un esercizio fisico ed il 23.2% ha avuto attacchi di dispnea con fischi e sibili. I sintomi bronchitici al di fuori dei comuni raffreddori, per più di un mese all anno, sono stati riferiti dal 5.4% dei ragazzi, per quanto riguarda la tosse e dal 6.9% per quanto riguarda il catarro. 33

34 7.2 Disturbi nasali e della pelle LE DOMANDE DEL QUESTIONARIO: a) Sei stato infastidito, almeno una volta nella vita, da frequenti starnuti o naso che cola naso chiuso, al di fuori dei comuni raffreddori o dell influenza? b) Negli ultimi 12 mesi sei stato infastidito da frequenti starnuti o naso che cola naso chiuso, al di fuori dei comuni raffreddori o dell influenza? c) Negli ultimi 12 mesi questi problemi nasali sono stati accompagnati da prurito e lacrimazione agli occhi? d) Hai mai avuto il raffreddore primaverile (raffreddore da pollini)? e) Hai mai avuto il raffreddore allergico da cause diverse dal polline? f) Hai avuto, almeno una volta nella tua vita, un arrossamento con prurito in una o più zone della pelle, che compariva e scompariva per almeno 6 mesi? g) Hai avuto questo arrossamento della pelle con prurito almeno una volta negli ultimi 12 mesi? h) Hai mai avuto l eczema? Tab Distribuzione dei principali disturbi nasali e della pelle N % I.C.95% Disturbi nasali al di fuori dei comuni raffreddori nella vita(a) ,8 (42,0 53,5) negli ultimi 12 mesi(b) ,4 (30,2 40,6) Disturbi nasali con prurito e lacrimazione occhi (c) negli ultimi 12 mesi ,9 (13,9 22,0) Raffreddore primaverile (d) ,8 (19,7 25,9) Raffreddore allergico (e) ,1 (14,8 19,4) Arrossamento della pelle con prurito persistente nella vita(f) (13,5 20,5) negli ultimi 12 mesi(g) 109 9,8 (6,9 12,7) Eczema (h) 77 6,9 (4,8 9,0) 34

SIDRIA-2 a FASE - MANTOVA Studio Italiani sui Disturbi Respiratori nell Infanzia e l Ambiente

SIDRIA-2 a FASE - MANTOVA Studio Italiani sui Disturbi Respiratori nell Infanzia e l Ambiente REGIONE LOMBARDIA AZIENDA SANITARIA LOCALE PROVINCIA DI MANTOVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO DI MEDICINA PREVENTIVA DELLE COMUNITA Via Trento, 6-46100 Mantova - Tel. 0376 334604 - Fax 0376 334174

Dettagli

LA SALUTE DEL BAMBINO E L AMBIENTE

LA SALUTE DEL BAMBINO E L AMBIENTE LA SALUTE DEL BAMBINO E L AMBIENTE CODICE / (da compilarsi a cura del centro di coordinamento) 1 1 Il codice deve essere formato da una lettera che identifica la zona/comune di rilevazione e da cifre che

Dettagli

Protocollo dello studio

Protocollo dello studio Protocollo dello studio Indagine su disturbi e malattie respiratorie e fattori ad essi correlati nella popolazione infantile residente nell area di S. Polo e nel resto del comune di Brescia Premessa A

Dettagli

LA SALUTE DEI BAMBINI E L AMBIENTE

LA SALUTE DEI BAMBINI E L AMBIENTE PROVINCIA DI FERRARA PROVINCIA DI ROVIGO LA SALUTE DEI BAMBINI E L AMBIENTE STUDIO EPIDEMIOLOGICO SULLA CONDIZIONE RESPIRATORIA NEI BAMBINI E L'AMBIENTE DELLE PROVINCE DI FERRARA E ROVIGO A cura di: AUSL

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

sonoallergico.it CURA LE ALLERGIE RESPIRATORIE, SCOPRI L IMMUNOTERAPIA CON ALLERGENI

sonoallergico.it CURA LE ALLERGIE RESPIRATORIE, SCOPRI L IMMUNOTERAPIA CON ALLERGENI sonoallergico.it CURA LE ALLERGIE RESPIRATORIE, SCOPRI L IMMUNOTERAPIA CON ALLERGENI LE ALLERGIE RESPIRATORIE Cosa sono e come si manifestano LA REAZIONE ALLERGICA Le allergie sono una reazione eccessiva

Dettagli

Comune di Viadana Azienda Sanitaria Locale di Mantova

Comune di Viadana Azienda Sanitaria Locale di Mantova Comune di Viadana Azienda Sanitaria Locale di Mantova QUESTIONARIO PER I GENITORI Gentili Genitori, il presente questionario è simile a quello che già avete compilato nel 2006, anche se semplificato e

Dettagli

L asma non va in vacanza

L asma non va in vacanza L asma non va in vacanza Non dimenticare di controllare ASMA e RINITE allergica anche d estate A cura della Merck Sharp & Dohme (Italia) S.p.A.Via G. Fabbroni, 6-00191 Roma www.msd-italia.it www.univadis.it

Dettagli

Asma e Rinite Allergica: per un controllo bilanciato

Asma e Rinite Allergica: per un controllo bilanciato PROGETTO ARIA ITALIA GESTIONE DELLA RINITE ALLERGICA E DEL SUO IMPATTO SULL ASMA ALLERGIC RHINITIS IMPACT ON AND ITS AST H MA TM Asma e Rinite Allergica: per un controllo bilanciato in collaborazione con

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

PROGETTO INDOOR SCHOOL

PROGETTO INDOOR SCHOOL Esposizione ad inquinanti indoor: linee guida per la valutazione dei fattori di rischio in ambiente scolastico e definizione delle misure per la tutela della salute respiratoria degli scolari e degli adolescenti

Dettagli

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit

Organizzazione ed erogazione delle cure e audit Organizzazione ed erogazione delle cure e audit LG SIGN 9 M.Mercuri 21/11/2010 IL CONTROLLO MEDICO E L EDUCAZIONE DEL PAZIENTE Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale di Mantova

Azienda Sanitaria Locale di Mantova Azienda Sanitaria Locale di Mantova QUESTIONARIO PER I GENITORI Gentili genitori, nel questionario vengono chieste informazioni sulla SALUTE DI VOSTRO FIGLIO o DI VOSTRA FIGLIA. Vi sono, inoltre, domande

Dettagli

INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI

INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI INDAGINE COMPARTO PANIFICATORI PASTICCERI Collaborazione ASL Como- UOOML Desio - Centro di allergologia Ospedale S.Raffaele Milano Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro ASL Como Direttore M.Rita

Dettagli

Servizio Epidemiologico 4/11/2011

Servizio Epidemiologico 4/11/2011 4/11/2011 Indagine su disturbi e malattie respiratorie e fattori ad essi correlati nella popolazione infantile residente nell area di S. Polo e nel resto del comune di Brescia PREMESSA Nell area di San

Dettagli

RICOVERI OSPEDALIERI PER ASMA DEI BAMBINI RESIDENTI NEL COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA

RICOVERI OSPEDALIERI PER ASMA DEI BAMBINI RESIDENTI NEL COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA Dipartimento di Ancona Servizio Epidemiologia Ambientale Via C. Colombo, 106-60127 Ancona - Tel. 07128732760 - Fax 07128732761 e-mail: Epidemiologia.AmbientaleAN@ambiente.marche.it RICOVERI OSPEDALIERI

Dettagli

RISULTATI DEL QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE ALLERGIE RESPIRATORIE SOMMINISTRATO IN OCCASIONE DELLA I GIORNATA DEL POLLINE E DELLE POLLINOSI

RISULTATI DEL QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE ALLERGIE RESPIRATORIE SOMMINISTRATO IN OCCASIONE DELLA I GIORNATA DEL POLLINE E DELLE POLLINOSI RISULTATI DEL QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE ALLERGIE RESPIRATORIE SOMMINISTRATO IN OCCASIONE DELLA I GIORNATA DEL POLLINE E DELLE POLLINOSI (Elaborazione a cura della dott.ssa Filomena Lo sasso dirigente

Dettagli

LA SALUTE DEI BAMBINI E L AMBIENTE Fase 2 Studio epidemiologico sulla condizione respiratoria nei bambini delle Province di Ferrara e Rovigo RISULTATI

LA SALUTE DEI BAMBINI E L AMBIENTE Fase 2 Studio epidemiologico sulla condizione respiratoria nei bambini delle Province di Ferrara e Rovigo RISULTATI Provincia di Ferrara Provincia di Rovigo LA SALUTE DEI BAMBINI E L AMBIENTE Fase 2 Studio epidemiologico sulla condizione respiratoria nei bambini delle Province di Ferrara e Rovigo RISULTATI Claudio Sartini

Dettagli

SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE

SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE SALERNO 27 GIUGNO 2006. PRESENTAZIONE DI UNA ESPERIENZA IN EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PROGETTO ASMA: PERCORSI EDUCATIVI IN ETA PEDIATRICA SVOLTO NEL TRIENNIO SCOLASTICO

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie

Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie PROGETTO INDOOR SCHOOL Esposizione ad inquinanti indoor: linee guida per la valutazione dei fattori di rischio in ambiente scolastico e definizione delle misure per la tutela della salute respiratoria

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili.

ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili. ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili. MED Utile nella protezione delle mucose nasali in caso di congestioni rino-faringee. Think Green. Live Green. Cos è l allergia. L allergia è un disturbo del sistema

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Gli indicatori di salute e performance scolastica

Gli indicatori di salute e performance scolastica Gli indicatori di salute e performance scolastica Questionari alunni, genitori e insegnanti e test clinici del progetto CCM Indoor-School Dr. Istituto di Fisiologia Clinica, CNR - Pisa Indoor-School Esposizione

Dettagli

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 Introduzione A seguito dei risultati ottenuti con lo studio di mortalità nel quartiere S. Polo del comune

Dettagli

Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Botticino, Nuvolera, Nuvolento, Paitone, Serle, Rezzato e Mazzano

Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Botticino, Nuvolera, Nuvolento, Paitone, Serle, Rezzato e Mazzano Mortalità e prevalenza delle patologie cardiovascolari e respiratorie nei comuni di Botticino, Nuvolera, Nuvolento, Paitone, Serle, Rezzato e Mazzano Ottobre 2012 A cura dell U.O. Tecniche Epidemiologiche

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica

Desensibilizzazione. o Immunoterapia Allergene specifica La Desensibilizzazione o Immunoterapia Allergene specifica Le allergie interessano il 25% della popolazione italiana e raggiungeranno 1 persona su 2 entro il 2010 La ragione di questo aumento è in parte

Dettagli

Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di

Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di Introduzione - Le modificazioni ambientali e le alterazioni degli stili di vita verificatesi negli ultimi decenni hanno favorito il moltiplicarsi di reazioni allergiche nella popolazione mondiale. Nell

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Epidemiologia generale

Epidemiologia generale Epidemiologia Da un punto di vista etimologico, epidemiologia è una parola di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione» Epidemiologia generale Disciplina che ha come

Dettagli

Mio figlio ha l eczema?

Mio figlio ha l eczema? FONDATION Mio figlio ha l eczema? Informazioni fornite ai genitori e utili per gli insegnanti Dott. Jacques ROBERT Pediatra - Allergologo A cura della FONDAZIONE PER LA DERMATITE ATOPICA Capire l eczema

Dettagli

Le strutture residenziali per minori in Sardegna

Le strutture residenziali per minori in Sardegna Le strutture residenziali per minori in Sardegna Le comunità presenti in Sardegna Le comunità intervistate I minori presenti I minori dimessi dal 2003 al 2005 I minori di prossima dimissione Nei mesi di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Salute e ambiente: l esperienza del Dipartimento Sanità Pubblica. Sezione ARPA di Ferrara

Salute e ambiente: l esperienza del Dipartimento Sanità Pubblica. Sezione ARPA di Ferrara Dipartimento Sanità Pubblica Salute e ambiente: l esperienza del Dipartimento Sanità Pubblica e della Sezione ARPA di Ferrara Mantova, 19 marzo 2004 Giovanni Garasto Servizio Sistemi ambientali Sezione

Dettagli

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE Monitoraggio degli effetti dell inquinamento atmosferico sui bambini a supporto delle politiche di sanità pubblica Monitoring Air Pollution Effects on Children for supporting

Dettagli

Le determinanti dell allattamento. Alcuni risultati dall Indagine campionaria sulle nascite

Le determinanti dell allattamento. Alcuni risultati dall Indagine campionaria sulle nascite Le determinanti dell allattamento. Alcuni risultati dall Indagine campionaria sulle nascite Cinzia Castagnaro e Sabrina Prati Convegno Gravidanza, parto e allattamento. I dati del territorio Venezia, 3

Dettagli

Convegno APeC 30.1.2004 Ferrara. Posizione nel sonno. Dove si va. Luca Ronfani. Centro per la Salute del Bambino/ONLUS, Trieste

Convegno APeC 30.1.2004 Ferrara. Posizione nel sonno. Dove si va. Luca Ronfani. Centro per la Salute del Bambino/ONLUS, Trieste Convegno APeC 30.1.2004 Ferrara Posizione nel sonno. Dove si va Luca Ronfani. Centro per la Salute del Bambino/ONLUS, Trieste La posizione nel sonno rappresenta il singolo fattore di rischio più forte

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

ALLERGIE IN PRIMAVERA LA RINITE ALLERGICA

ALLERGIE IN PRIMAVERA LA RINITE ALLERGICA Dipartimento di Area Medica per Intensità di Cure Resp. Dott. Livio Simioni La primavera è la stagione della rinascita ma anche delle allergie ALLERGIE IN PRIMAVERA LA RINITE ALLERGICA Dott. Pietro Tartaro

Dettagli

diventare asma? Può una rinite Versione italiana Dallo starnuto al respiro sibilante?

diventare asma? Può una rinite Versione italiana Dallo starnuto al respiro sibilante? Può una rinite diventare asma? Versione italiana Dallo starnuto al respiro sibilante? Quello che i pazienti allergici dovrebbero sapere sul legame tra rinite allergica e asma Per una migliore gestione

Dettagli

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Atlante della salute nelle province metropolitane Migliore e peggiore performance provincia per provincia Torino: la provincia con i tassi di dimissione ospedaliera

Dettagli

Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie

Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie ASMA BRONCHIALE Cosa è l asma? L asma è una frequente patologia cronica che dura tutta la vita caratterizzata dall infiammazione e dal restringimento delle vie 2 aeree. Il restringimento è intermittente

Dettagli

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

Workshop Inquinamento atmosferico interno e salute nelle scuole italiane

Workshop Inquinamento atmosferico interno e salute nelle scuole italiane Workshop Inquinamento atmosferico interno e salute nelle scuole italiane Auditorium Biagio D Alba febbraio La salubrità ambientale nella scuola percepita dagli scolari, dai genitori e dagli insegnanti

Dettagli

Disuguaglianze e fattori comportamentali delle donne che non eseguono gli screening di prevenzione oncologica

Disuguaglianze e fattori comportamentali delle donne che non eseguono gli screening di prevenzione oncologica Disuguaglianze e fattori comportamentali delle donne che non eseguono gli screening di prevenzione oncologica Giuliano Carrozzi, Letizia Sampaolo, Nicoletta Bertozzi 3, Lara Bolognesi, Marco Zappa 4, Paolo

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Comunicazione del rischio Sentiero docenti

Comunicazione del rischio Sentiero docenti Convegno Gli allergeni negli alimenti Roma 25 settembre 2013 Comunicazione del rischio Sentiero docenti Giulia Mascarello WP8 Strategie di comunicazione sui fattori di rischio di allergie alimentari U.O.

Dettagli

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Relazione conclusiva AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA in collaborazione con SEZIONE PR OVINCIALE DI NOVARA ONLUS L ASL NO, in quanto parte del SSN, ha tra i propri compiti

Dettagli

IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO ESTIVO A SCALA REGIONALE

IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO ESTIVO A SCALA REGIONALE IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO ESTIVO A SCALA REGIONALE PREMESSA Gli effetti sanitari del verificarsi di condizioni bioclimatiche disagevoli costituiscono un importante problema di salute

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Madre adolescente: due minori a rischio. Scheda di sintesi del progetto

Madre adolescente: due minori a rischio. Scheda di sintesi del progetto Madre adolescente: due minori a rischio Scheda di sintesi del progetto 1 Il progetto Madre adolescente: due minori a rischio. Sostegno alla genitorialità in adolescenza per la tutela dei minori è promosso

Dettagli

Fitofarmaci e Ambiente Roma 12,13 maggio 2010

Fitofarmaci e Ambiente Roma 12,13 maggio 2010 Dispersione ambientale del chlorpyrifos: valutazione della popolazione non professionalmente esposta e Francesco Pizzo, U.O. Prevenzione Ambientale Lavoro - APSS, Trento. Dario Uber, U.O. Prevenzione e

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3076 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori CARELLA, BOCO, BORTOLOTTO, CORTIANA, DE LUCA Athos, LUBRANO DI RICCO, MANCONI,

Dettagli

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile

Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Convegno Carte in Tavola Due anni di CCM e di Sanità Pubblica Piano Regionale della Campania contro l Obesità infantile Renato Pizzuti Gaetano Sicuranza Assessorato alla Sanità Agenzia Regionale Sanitaria

Dettagli

Il fumo di sigaretta. Salvatore Barberi. Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

Il fumo di sigaretta. Salvatore Barberi. Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano Il fumo di sigaretta Salvatore Barberi Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano Gli Italiani secondo l abitudine al fumo (Analisi secondo il sesso) Prevalenza del fumo di

Dettagli

Il progetto 6 + 1. (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile

Il progetto 6 + 1. (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile Il progetto 6 + 1 (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile Ministero della Sanità: Programma speciale ex art. 12, comma 2,

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

Premessa. 1 Tutte le tabelle presentate nella relazione relative al contesto demografico fanno riferimento ai dati ISTAT rilevabili nel sito

Premessa. 1 Tutte le tabelle presentate nella relazione relative al contesto demografico fanno riferimento ai dati ISTAT rilevabili nel sito L autore Premessa A P 1 Tutte le tabelle presentate nella relazione relative al contesto demografico fanno riferimento ai dati ISTAT rilevabili nel sito http://demo.istat.it/altridati/indicatori/index.html;

Dettagli

Progetto sui comportamenti a rischio di IST:

Progetto sui comportamenti a rischio di IST: Progetto sui comportamenti a rischio di IST: studio nel Centro fiorentino Cipriani F., Silvestri C., Alice B. Osservatorio di Epidemiologia - ARS Toscana www.ars.toscana.it francesco.cipriani@ars.toscana.it

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

I diplomati e lo studio Anno 2007

I diplomati e lo studio Anno 2007 12 novembre 2009 I diplomati e lo studio Anno 2007 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673 2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673 3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

Paolo Ricci, Linda Guarda Osservatorio Epidemiologico -ASL Mantova

Paolo Ricci, Linda Guarda Osservatorio Epidemiologico -ASL Mantova L utilizzo dei flussi sanitari correnti afferenti al Registro Tumori per la valutazione dell impatto sulla salute prodotto dai siti contaminati nella popolazione residente. L esperienza di Mantova Paolo

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale. Il Registro del diabete tipo 1 in età pediatrica in Sardegna

Osservatorio Epidemiologico Regionale. Il Registro del diabete tipo 1 in età pediatrica in Sardegna Direzione generale della Sanità Servizio Sistema informativo, Osservatorio epidemiologico umano, controllo di qualità e gestione del rischio Osservatorio Epidemiologico Regionale Il Registro del diabete

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

Progetto toscano indoor su inquinanti fisici e chimici nelle scuole

Progetto toscano indoor su inquinanti fisici e chimici nelle scuole Progetto toscano indoor su inquinanti fisici e chimici nelle scuole La Vecchia R, Miligi L., Balocchini E., Bianchimani V., Cercenà P., Benvenuti A, Aprea C., Cassinelli C., Cenni I., Sciarra G, Pinto

Dettagli

Bologna 76% Urbino 14,8% Milano 2,0% Ferrara 1,8% Ancona 1,5% Altri atenei 4,6%

Bologna 76% Urbino 14,8% Milano 2,0% Ferrara 1,8% Ancona 1,5% Altri atenei 4,6% L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Il monitoraggio degli studenti riminesi iscritti a corsi di laurea, scuole di specializzazione

Dettagli

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO

Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO Evento Fad Ecm GLI STILI DI VITA NELLE MALATTIE CRONICHE: BPCO DATA INIZIO 18 DICEMBRE 2015-DATA FINE 18 DICEMBRE 2016 Destinatari dell iniziativa: Il corso Ecm fad è destinato a 1.500 utenti Target di

Dettagli

Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione. Castenaso e Granarolo dell Emilia

Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione. Castenaso e Granarolo dell Emilia Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione ubicato nei comuni di Castenaso e Granarolo dell Emilia Il contributo dell Azienda USL di Bologna Dr. Paolo Pandolfi Dipartimento

Dettagli

Il Radar dei distretti Il profilo socio-demografico

Il Radar dei distretti Il profilo socio-demografico Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia A cura di: Nascetti Simona, Zenesini Corrado, Collina Natalina, Pandolfi Paolo Dopo alcuni anni dall attivazione del sistema di sorveglianza PASSI

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Domande e risposte 30 novembre 2010. Informazioni sulla tosse nei bambini sotto i 2 anni d età: perché i mucolitici non devono più essere utilizzati?

Domande e risposte 30 novembre 2010. Informazioni sulla tosse nei bambini sotto i 2 anni d età: perché i mucolitici non devono più essere utilizzati? Domande e risposte 30 novembre 2010 Informazioni sulla tosse nei bambini sotto i 2 anni d età: perché i mucolitici non devono più essere utilizzati? In sintesi: La tosse è un sintomo comune nei bambini

Dettagli

LAVORO PRECARIO E SALUTE

LAVORO PRECARIO E SALUTE LAVORO PRECARIO E SALUTE BOLOGNA GIUGNO 2005 L indagine è stata condotta attraverso l invio di un questionario postale a 4.020 lavoratori che costituiscono un campione rappresentativo della popolazione

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti L insufficienza renale cronica (IRC), raggiungendo lo stadio di uremia terminale, determina la necessità di ricorrere al trattamento

Dettagli

INFEZIONE DA HIV e AIDS

INFEZIONE DA HIV e AIDS Dipartimento di Prevenzione Medica Notifica, sorveglianza e controllo delle malattie infettive INFEZIONE DA HIV e AIDS (elaborazione dati dal programma informatizzato Regione Lombardia Mainf e portale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori

NOVITà. Indicazione pediatrica. Guida per i genitori NOVITà Indicazione pediatrica Guida per i genitori Che cos è la vaccinazione antiallergica? 3 n Rinocongiuntivite allergica: una condizione diffusa 3 n La vaccinazione antiallergica 4 Che cos è GRAZAX?

Dettagli

Sezione F. Conclusioni generali

Sezione F. Conclusioni generali Sezione F Conclusioni generali CONCLUSIONI L indagine è stata condotta nell area geotermica toscana, che interessa 16 comuni e 43.400 abitanti, distribuiti nell area Nord o Tradizionale ed in quella Sud

Dettagli

Monitoraggio della prevalenza dell allattamento al seno in Emilia Romagna, 1999-2008.

Monitoraggio della prevalenza dell allattamento al seno in Emilia Romagna, 1999-2008. Monitoraggio della prevalenza dell allattamento al seno in Emilia Romagna, 1999-2008. Regione Emilia Romagna Associazione Pediatria di Comunità (APeC) A cura di: Chiara Cuoghi Pediatria di Comunità - Azienda

Dettagli

Elaborazione dati: Simone Becciolini Si ringraziano per la collaborazione Coordinamento: Donata Marangio Claudia Martelli e Maurizio Ferrini

Elaborazione dati: Simone Becciolini Si ringraziano per la collaborazione Coordinamento: Donata Marangio Claudia Martelli e Maurizio Ferrini QUESTIONARIO VALUTAZIONE SODDISFAZIONE Elaborazione dati: Simone Becciolini Si ringraziano per la collaborazione Coordinamento: Donata Marangio Claudia Martelli e Maurizio Ferrini MAM 03 - Maggio 2007

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai attualità Indagine Istat: condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari di Maurizio Neri, Consigliere L indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari fa parte di un sistema integrato

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

Asma : cos è. Fattori scatenanti : Allergeni, inquinamento ambientale, fumo, virus, infezioni, polveri sottili, attività fisica

Asma : cos è. Fattori scatenanti : Allergeni, inquinamento ambientale, fumo, virus, infezioni, polveri sottili, attività fisica Asma : cos è L'asma è una malattia infiammatoria cronica del polmone. Nei soggetti predisposti l Asma provoca episodi ricorrenti di respiro sibilante, difficoltà respiratoria, senso di costrizione toracica

Dettagli

Venezia 27 Maggio 2010. Dott. Amedeo Lattanzi

Venezia 27 Maggio 2010. Dott. Amedeo Lattanzi Venezia 27 Maggio 2010 Dott. Amedeo Lattanzi Partendo dal presupposto che la maggior parte dei cancri cervicali, nei paesi industrializzati, interessa donne non in screening o a ridotta partecipazione,

Dettagli

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano Clementina, 82 anni VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: Martino COSA È NECESSARIO Giancarla CONOSCERE Milena Ivano Vaccinazione antinfluenzale cosa è necessario conoscere. 2 La vaccinazione antinfluenzale è il

Dettagli

I DETERMINANTI DELL INFORTUNISTICA STRADALE TRA I GIOVANI TOSCANI

I DETERMINANTI DELL INFORTUNISTICA STRADALE TRA I GIOVANI TOSCANI La salute ai tempi della crisi XXXVI Congresso Annuale AIE Bari, 29 ottobre 2012 I DETERMINANTI DELL INFORTUNISTICA STRADALE TRA I GIOVANI TOSCANI Innocenti F, Voller F Settore Servizi Sociali Integrati

Dettagli