A. R. I. ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI RADIOCOMUNICAZIONI DI EMERGENZA. Sezione di Milano. COORDINAMENTO MILANO e PROVINCIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A. R. I. ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI RADIOCOMUNICAZIONI DI EMERGENZA. Sezione di Milano. COORDINAMENTO MILANO e PROVINCIA"

Transcript

1 A. R. I. ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI RADIOCOMUNICAZIONI DI EMERGENZA Sezione di Milano COORDINAMENTO MILANO e PROVINCIA PIANO DI ATTUAZIONE DELLA MAGLIA DI COLLEGAMENTI RADIO SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI MILANO Edizione 1/2009 1

2 L'A.R.I. Associazione Radioamatori Italiani attraverso i suoi soci radioamatori volontari provenienti dalle diverse Sezioni ARI distribuite sul territorio della Provincia di Milano: ELENCO ISCRITTI ARI RE NELLA PROVINCIA DI MILANO AL 31 DICEMBRFE I2DKJ DALLA MARIGA Moreno 34 IK2NBC LOALDI Nazaro 2 IN3OWY BONETTI Antonio 35 IK2RJW CAZZANIGA Ermanno 3 I2XLF PEREGO Serafino 36 IZ2AEQ CEREDA Elio 4 IZ2EWM REDUZZI Francesco 37 IK2THS LEONE Norberto 5 IZ2DNZ SERIO Ettore 38 IW2HCB MOSCHINI Stefano 6 I2KAJ TRAPANI Tommaso 39 IW2IEC PINZONE Calogero 7 IZ2MGU CAROZZI Luca 40 I2JSN SALVI Gian Maria 8 IZ2NAW CIPRIANO Domenico 41 IW2HBE TUZZA Giorgio 9 IZ2LSJ D'INCA' Stefano 42 IW2BCF CAUSIN Roberto 10 IW2HUR MOSCONI Andrea 43 I2EDU TRABATTONI Ettore 11 IK2MDX ROSSI Angelo 44 IK2MLR PAMPADO Maurizio 12 IW2OEV RIMOLDI Luciano 45 IK2MLS SONA Paolo 13 IK2WFE DI MARCO Alfonso 46 IK2IKP GRECCHI Massimo 14 IK2LDM DESOLEI Riccardo 47 IW2HGL SALVATORI Diego 15 IK2DUW PASSARELLA Antonello 48 IK2RZN PRAVETTONI Maurizio 16 IW2OGR ZOIA Giovanni 49 IZ2FNS SPANO' Onofrio 17 IW2JMB VANZATI Fabio 50 IK2OFR MAZZANTI Massimo 18 IW2OAZ ESPOSITO Antonio 51 IW2LNB ALLEGRETTO Andrea 19 IW2HFU LONGO Pasqualino 52 IW2CZG MIGLIAVACCA Luca 20 IW2FUK BONGIORNO Gerlando 53 I2YNA DENARO Paolo 21 IK2UJO MODOLIN Franco 54 I2JZQ CERVINI Cesare 22 IK2OAZ FINAZZI Rita Luisa 55 IW2NOX LA TORRE Leonardo 23 IW2NPA VILLA Paolo 56 IW2FTQ AUDISIO Franco 24 IW2NPB ZENI Roberto 57 I2DJP DELLA GIOVANNA Lino 25 IW2NEI TORRISI Manuel 58 I2YNJ BARINDELLI Michele 26 IW2NTF FRACASSI Andrea 59 IW2IIP PELLEGRINO Francesco 27 IK2BSJ BOAGA Stefano 60 IW2GTN FURLANI Davide 28 IZ2FOO FIDANZI Alberto 61 IK2SGF DE FAZIO Raffaele 29 IK2RNA JACQUEMET Marco 62 IZ2BHS CALTAGIRONE Antonino 30 IK2HEZ SCARSELLI Silvetro 63 IZ2LPC DELLA VALLE Stefano 31 IK2GAO DAL FIUME Alberto 64 IK2RXU LANDINO Giovanni 32 IK2OFO PIROVANO Roberto 65 IK2RTH DE MARCHI Luciano 33 IW2NEK FERDANI Alberto 66 IZ2ABP CAMPESATI Ezio n 9 della Sezione di Cernusco S/Naviglio; n. 1 della Sezione di Cinisello Balsamo; n 10 della Sezione di Limbiate; n. 4 della Sezione di Lissone; n.10 della Sezione di Magenta; n. 22 della Sezione di Milano; n. 7 della Sezione di Monza; n. 3 della Sezione di San Donato; 2

3 Essi costituiscono la struttura A.R.I. - R.E. provinciale.(già C.E.R. Corpo Emergenza Radioamatori dal 1964 sino al 1993). ed operano su territorio quasi totalmente pianeggiate per cui le operazioni richieste si effettuano normalmente su frequenza diretta. Inoltre, la copertura territoriale dei ponti ripetitori installati su alcuni palazzi cittadini sono gestiti dalla Sezione del capoluogo, di Cernusco S/N e Magenta e sono attivabili da tutto il territorio della provincia di Milano ma soprattutto servono per i collegamenti con le altre Provincie della Regione Lombardia. Essi sono: 1) R sub 71,9 (Milano) 2) RU sub 71,9 (Milano) 3) (Milano) 4) RU sub (Cernusco) 5) R sub (Cernusco) 6) RU12a , sub 71.9 (Magenta) Inoltre la Sezione di Milano ha disponibile un ripetitore R5 mobile pronto per essere installato su un automezzo della Provincia di Milano ed inviarlo dove si rendesse necessario e tra breve disporrà di una valigetta Toti predisposta a trasponder per lo stesso impiego. Le frequenze normalmente in uso in ambito provinciale sono: 1. In VHF 145,450 MHz; 2. in UHF 431,200 MHz; e nazionale sono: 3. in HF 7,045 MHz 4. in HF - 3,643.5 MHz Responsabili ARI-RE per il triennio 2007/2009 Presidente della Sezione di Milano: iz2gil Villa Gilberto. Responsabile R.E. provinciale: i2jsn Salvi Gian Maria Vice Cooordinatori, anche per la Sezione di Milano, IK2MLR Pampado Maurizio e IK2MLS Sona Paolo 3

4 Compiti dell ARI-RE in Lombardia In tutte le Province della Lombardia ed in particolare nella nostra, i ruoli ufficiali deil ARI- RE devono essere così riassunti : A) Impegni desunti da documenti del Ministero Interni (Tele n 1524/05/S/Prot.Civ.Minint) firmato Gomez y Paloma, risalente a molti anni fa. B) Impegni desunti dalla convenzione in atto fra CRLomb. e la Regione Lombardia. Nel primo caso (A),, come si evince dallo schema allegato, si tratta della Rete delle Prefetture Italiane e delle reti periferiche che devono essere messe in atto in emergenza a livello di ogni provincia Italiana. In caso di emergenza gli operatori ARI-RE devono attivare la rete radio alternativa di emergenza utilizzando le apparecchiature radio amatoriali presenti nella Prefettura di Milano e le stazioni radio dei COM (Cento Operativo Misto) interessati dall emergenza per predisporre il collegamento radio alternativo con la Prefettura stessa (CCS, Centro Coordinamento Soccorsi). Nello stesso documento si chiarisce il ruolo della FIR-CB che consiste nel collegamento fra i COM di una provincia e i COC /UCL (Centro Operativo Comunale/Unità di Crisi Locale ) della stessa provincia. 4

5 Nel secondo caso (B) in ottemperanza a quanto previsto dalla convenzione con la Regione Lombardia (a livello operativo ), in situazioni di emergenza sul territorio regionale operatori ARI-RE devono attivare entro i termini temporali stabiliti la stazione radio della regione in Milano per assicurare i collegamenti alternativi di emergenza con la Prefettura di Milano (CCS) e con le altre Prefetture lombarde interessate dall evento emergenziale. In caso di emergenza il Funzionario di turno della Regione Lombardia convoca il responsabile provinciale ARI-RE (Presidente della Sezione Capoluogo o Delegato) e lo incarica di attivare le Stazione radio necessarie all emergenza in atto. Ricevuto l incarico si attiva per inviare sul posto gli operatori necessari tra i disponibili. Essi, raggiunte le varie postazioni stabiliscono i collegamenti radio tra le varie postazioni utilizzando le frequenze e le apparecchiature radioamatoriali disponibili.. 5

6 Lo schema seguente chiarisce graficamente la nuova situazione : COM COM Prefettura 1 Enti vari Città di Milano COM Prefettura 2 Regione Lombardia COM Prefettura n Collegamenti alternativi previsti dalla convenzione regionale I due grafici (caso A e caso B) in effetti si integrano e la rete alternativa d emergenza che viene dispiegata in caso di necessità in Lombardia permette l effettiva chiusura del circuito di comando e controllo a tutti i livelli : I messaggi che vengono generati da un COM/COC/UCL possono pervenire sia al CCS di competenza che alla Sala Regionale di P.C. e viceversa. Quanto sopra riassume i compiti ufficiali dell ARI RE compiti che prevedono collegamenti d emergenza alternativi di tipo territoriale, in pratica collegamenti fra punti fissi ben definiti. Sembrerebbero quindi non di nostra competenza interventi sul campo ; in effetti in molti casi sono necessari interventi di equipaggi mobili per installare ripetitori e transponder in località particolari, destinati a permettere i collegamenti istituzionali sopra descritti da e verso zone impervie o non raggiungibili in diretta dalle stazioni dei CCS/COM/Regione Lombardia. 6

7 Anche in una città come Milano in alcuni casi è necessario l impiego di un mezzo mobile attrezzato (CTM Centro Trasmissioni Mobile ) per gestire particolari sottomaglie in luoghi particolari (ad esempio stazioni delle metropolitane ). In alcune situazioni recenti,avvenute in occasione di esercitazioni, è stato necessario attivare presidi di Radioamatori dell ARI-RE in punti particolari chiamati PCA (Posto di Comando Avanzato) che rappresentano la longa manus del CCS sul territorio in emergenza con compiti essenzialmente tecnici.in essi dovrebbero operare forze dipendenti dal CCS come ad esempio i Vigili del Fuoco ecc. Ne sono un esempio i Cancelli, punti ove è previsto l intervento delle Forze di Polizia Stradale con il compito di regolare e controllare il traffico della zona. Per maggiore chiarezza,allego due ulteriori schemi delle reti di telecomunicazioni di emergenza previste dal Dipartimento di P.C., e tutt ora validi, desunti da un recente documento emanato dal Dipartimento stesso che confermano, ad anni di distanza, quanto previsto dalla circolare di Gomez y Paloma citata in precedenza ( Caso A ) : Quanto sopra è stato desunto dalla recente linea guida redatta dal Coordinatore Regionale ARI-RE ed approvata dal Comitato Regionale ARI per la Lombardia. Il Coordinatore ARI-RE Per la Provincia di Milano Salvi Gian Maria i2jsn 7

8 8

9 9

VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE

VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE Piano Trasmissioni Integrato Documento preparato dal Gruppo di lavoro TLC 22/10/12 1 Scenario dell evento Comando volontariato PCA 22/10/12 2 TELECOMUNICAZIONI PREVISTE

Dettagli

ESERCITAZIONE Basilicata 2012

ESERCITAZIONE Basilicata 2012 ESERCITAZIONE Basilicata 2012 Si è svolta il 15 dicembre la fase esercitativa di "Basilicata 2012", che ha previsto la simulazione di un terremoto di magnitudo 6.5 nella Val D Agri con effetti anche nelle

Dettagli

IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI

IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI Gruppo di Lavoro 4 Telecomunicazioni Po 2007 Esercitazione Regionale Emilia - Romagna Reggio Emilia 28 29 30 Settembre 2007 IMPIANTO DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI Ughi Gilberto PREMESSA Il presente

Dettagli

VISITA DEL SOMMO PONTEFICE BENEDETTO XVI

VISITA DEL SOMMO PONTEFICE BENEDETTO XVI VISITA DEL SOMMO PONTEFICE BENEDETTO XVI VENEZIA 7 e 8 maggio 2011 SCHEMI DELLA RETE RADIO, FONIA E VIDEO, REALIZZATA DALLA SEZIONE ARI DI VENEZIA SONO STATE IMPIEGATE PER QUESTA ATTIVITA APPARECCHIATURE

Dettagli

TRITONE 2004 ESERCITAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE DI SOCCORSO AD UNA NAVE INCENDIATA NELLE ACQUE PORTUALI

TRITONE 2004 ESERCITAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE DI SOCCORSO AD UNA NAVE INCENDIATA NELLE ACQUE PORTUALI ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI FILIAZIONE ITALIANA DELLA IARU eretta in Ente Morale con DPR 368 del 10-1- 1950 Sezione di Venezia (Pier Filippo Grimani) Sede: S.Croce,1996 C.P. 227-30100 Venezia tel

Dettagli

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE

Terralba, 31 gennaio 2014 IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESIDENZA IL MODELLO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE Ing. Maria Antonietta Raimondo Servizio Pianificazione e gestione delle emergenze Legge n. 225 del 1992 > Istituzione del

Dettagli

12 mesi di ARI-RE Brescia Relazione attività 2011

12 mesi di ARI-RE Brescia Relazione attività 2011 Associazione Radioamatori Italiani Gruppo ARI-RE sezione di Brescia VIA MAIERA 21-25123 BRESCIA CASELLA POSTALE 230 12 mesi di ARI-RE Brescia Relazione attività 2011 Nel mese di Febbraio abbiamo partecipato

Dettagli

ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE

ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE 2^ SESSIONE Settore Gestione Viabilità e Protezione Civile Servizio Protezione Civile ANNO FORMATIVO 2008 DI PROTEZIONE CIVILE Programma-calendario del corso di base per volontari di Associazioni e Gruppi

Dettagli

La protezione civile questa sconosciuta

La protezione civile questa sconosciuta * La protezione civile questa sconosciuta Legge 24 febbraio 1992 n. 225 Art. 1 (Servizio nazionale della protezione civile) È istituito il Servizio nazionale della protezione civile al fine di tutelare

Dettagli

ALLEGATO 5 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO 5 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO 5 TIPOLOGIE E CARATTERISTICHE DELLE STRUTTURE DEL SISTEMA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE a)aree DI AMMASSAMENTO ( AA ) Le Aree di Ammassamento debbono: essere adatte all'ammassamento di materiali

Dettagli

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali

Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011. Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali Il SERVIZIO NAZIONALE DI PROTEZIONE CIVILE 15 NOVEMBRE 2011 Dott. Elvezio Galanti Direttore Ufficio Relazioni Istituzionali elvezio.galanti@protezionecivile.it prima del terremoto del 1980 DPR n 66 1981

Dettagli

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Segreteria Normalità Emergenza Logistica Mezzi Materiali Specialità

Dettagli

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE 1 COSA SONO? Le radiocomunicazioni, sono comunicazioni effettuate utilizzando onde radio, cioè onde elettromagnetiche

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato ai sensi del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009 DECRETA ART. 1 La Direzione di Comando e Controllo (DI.COMA.C) è integrata dalla seguenti funzioni di supporto: Infrastrutture e Strutture post-emergenziali Coordinamento Enti Locali Relazioni Internazionali

Dettagli

DOG FRIEND 2013 POZZUOLO DEL FRIULI 30 APRILE - 3/4 MAGGIO 2013. emergencies

DOG FRIEND 2013 POZZUOLO DEL FRIULI 30 APRILE - 3/4 MAGGIO 2013. emergencies A-PDF Page Cut DEMO: Purchase from www.a-pdf.com to remove the watermark eventi speciali REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI POZZUOLO DEL FRIULI DOG FRIEND 2013 POZZUOLO

Dettagli

CIB Comunità dell Isola Bergamasca

CIB Comunità dell Isola Bergamasca CIB Comunità dell Isola Bergamasca 2 Corso base per volontari di Protezione Civile Livello Base Madone 10 aprile 30 maggio 2012 Corso riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione Civile come conforme

Dettagli

Rete Satellitare per le telecomunicazioni di emergenza SkyPlexNetE TM

Rete Satellitare per le telecomunicazioni di emergenza SkyPlexNetE TM Rete Satellitare per le telecomunicazioni di emergenza SkyPlexNetE TM La rete SkyplexNetE TM, fornita e gestita da Telespazio, rappresenta la cosidetta Dorsale Satellitare Nazionale per le comunicazioni

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PIACENZA -SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE- STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PIACENZA -SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE- STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI PIACENZA -SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE- STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE CENTRI OPERATIVI MISTI (FIORENZUOLA, MONTICELLI, SARMATO, PIANELLO, COMUNITA MONTANA NURE ARDA, COMUNITA

Dettagli

la cittadella della Protezione Civile

la cittadella della Protezione Civile 34 edizione Riccione 24-25-26 settembre 2015 Palazzo dei Congressi la cittadella della Protezione Civile Premessa La Polizia Locale è parte del sistema di Protezione Civile e spesso di due servizi istituzionali

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile MODELLO D INTERVENTO B/6.5 Rischio antropico e residuo Paralisi traffico automobilistico collegato alla chiusura della viabilità autostradale EVENTO PREVEDIBILE E NON La Paralisi del traffico automobilistico

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI VOLTURARA IRPINA ATTIVAZIONI IMMEDIATE DOPO UN EVENTO SALA OPERATIVA Presso la Casa comunale Se questi locali risultassero inagibili la sala operativa sarà allestita

Dettagli

Radiocomunicazioni Emergenza. Corso Operatori ARI-RE

Radiocomunicazioni Emergenza. Corso Operatori ARI-RE Radiocomunicazioni Emergenza Corso Operatori ARI-RE RE Obiettivi Preparare gli operatori e coordinatori ARI-RE alle attività di Radiocomunicazioni di Emergenza - conoscenze di base - reti e maglie di emergenza

Dettagli

Colonna Mobile Regionale ARI

Colonna Mobile Regionale ARI Colonna Mobile Regionale ARI Operatività Mezzi Compiti Dotazioni (Work in progress) 1 Requisiti di intervento Intervento programmato postumo a emergenze maggiori : CMR Tre FASI : 1 * Scouting da parte

Dettagli

Progetto Dorsale WiFi D-Star Lombardia

Progetto Dorsale WiFi D-Star Lombardia Progetto Dorsale WiFi D-Star Lombardia Relazione triennio 2008 2010 Per prima cosa vorrei ringraziare tutti coloro che hanno collaborato attivamente al progetto ed a coloro che ci hanno creduto e ci credono

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

ORDINANZA PRESIDENZIALE N 5 del 25/01/2013

ORDINANZA PRESIDENZIALE N 5 del 25/01/2013 ORDINANZA PRESIDENZIALE N 5 del 25/01/2013 OGGETTO: Nomina Delegati Tecnici Obiettivi Strategici e referenti di attività e progetti IL PRESIDENTE LOCALE VISTO lo Statuto della Croce Rossa Italiana, approvato

Dettagli

IL TERRITORIO COMUNALE

IL TERRITORIO COMUNALE IL TERRITORIO COMUNALE Comune di: SCAFA (breve descrizione del territorio comunale, eventuale suddivisione in frazioni,principali rischi del territorio.) Il paese, che sorge in una zona pressoché pianeggiante

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI QUADRELLE (AV)

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI QUADRELLE (AV) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE DI QUADRELLE (AV) ATTIVAZIONI IMMEDIATE DOPO UN EVENTO SALA OPERATIVA Presso la sede comunale in via Municipio, n. 10 Se questi locali risultassero inagibili la sala

Dettagli

PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015

PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015 PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015 Agosto 2015: previsioni di traffico nella direttrice Milano - Trieste Autostrade A4 da Padova Est a Venezia Est e A57 Tangenziale di Mestre Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì

Dettagli

e p.c. Alle Direzioni Regionali dei Vigili del Fuoco di Ancona Padova Bologna - Milano L Aquila

e p.c. Alle Direzioni Regionali dei Vigili del Fuoco di Ancona Padova Bologna - Milano L Aquila DIPARTIMENTO DEL VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE Ai Comandi Provinciali dei Vigili del Ancona Pesaro Reggio Emilia Venezia Vicenza

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE CENTRALE E TERRITORIALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE E MAXI EMERGENZE

REGOLAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE CENTRALE E TERRITORIALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE E MAXI EMERGENZE REGOLAMENTO DELL ORGANIZZAZIONE CENTRALE E TERRITORIALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE E MAXI EMERGENZE (delibera del Comitato Centrale C.R.I. del 29 aprile 2006 n.39) Articolo

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012. b) controllare l efficienza dell apparato operativo nell organizzazione dei primi soccorsi;

Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012. b) controllare l efficienza dell apparato operativo nell organizzazione dei primi soccorsi; Comune di Santa Lucia di Piave Provincia di Treviso Regione del Veneto Servizio Emergenza Radio 1 - T E M A Documento di Impianto Esercitazione Santa Lucia 2012 Evento Sismico e intervento alluvionale.

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

RADIOCOMUNICAZIONI IN AMBITO DI CROCE ROSSA:

RADIOCOMUNICAZIONI IN AMBITO DI CROCE ROSSA: RADIOCOMUNICAZIONI IN AMBITO DI CROCE ROSSA: RICORDA : Una comunicazione radio deve essere: Rapida, Univoca, Efficace. Soprattutto in caso di emergenza e/o calamità di qualsiasi tipo. TIPI DI APPARATI

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DEL PERSONALE

BOLLETTINO UFFICIALE DEL PERSONALE PER USO D UFFICIO MINISTERO DELL INTERNO Roma, 02 ottobre 2010 - SUPPLEMENTO STRAORDINARIO N. 1/31 BOLLETTINO UFFICIALE DEL PERSONALE RETTIFICHE DELLA GRADUATORIA DI MERITO DEL CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI

Dettagli

Associazione Radioamatori Italiani Radiocomunicazioni d Emergenza

Associazione Radioamatori Italiani Radiocomunicazioni d Emergenza Associazione Radioamatori Italiani Radiocomunicazioni d Emergenza PIANO OPERATIVO REGIONALE RADIOCOMUNICAZIONI ALTERNATIVE D EMERGENZA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Edizione 2012 1 PREMESSA Questo

Dettagli

OGGETTO: Emergenza sisma Abruzzo 2009. Riperimetrazione zona rossa di L Aquila.

OGGETTO: Emergenza sisma Abruzzo 2009. Riperimetrazione zona rossa di L Aquila. ORDINANZA 814 Prot. n 42760 del 25 ottobre 2010 OGGETTO: Emergenza sisma Abruzzo 2009. Riperimetrazione zona rossa di L Aquila. PREMESSO Che il territorio del Comune dell Aquila, insieme a quello di altri

Dettagli

I sistemi Wi-Fi per i radioamatori. Luca Ferrara, IKØYYY

I sistemi Wi-Fi per i radioamatori. Luca Ferrara, IKØYYY I sistemi Wi-Fi per i radioamatori Luca Ferrara, IKØYYY Sommario Leggi e Regolamenti Frequenze di esercizio Potenze di emissione Progetto di rete radioamatoriale Nostra proposta per il futuro Leggi e Regolamenti

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE VOLONTARI 2014

PROGETTO FORMAZIONE VOLONTARI 2014 Nucleo di Volontariato e di Protezione Civile A.N.C. Provinciale di CASERTA Via Roma 194 81030 TEVEROLA (CE) TEL FAX 081-19243275 C.F. 90033010613 e-mail: nucleopc@anc-teverola.it Iscr. Albo Regionale

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE ED EMERGENZA COMUNALE STRUTTURA E FUNZIONI DEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE (C.O.C.) Comune di: ATESSA Comune di: ATESSA PREMESSA Il Sindaco in qualità di autorità di protezione civile, per la direzione ed il coordinamento del servizio di soccorso e assistenza alla popolazione, si avvale della struttura

Dettagli

Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti.

Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti. Protocollo applicativo della Convenzione per il Servizio Intercomunale di Protezione Civile dei Comuni di Jesolo, Eraclea, Cavallino-Treporti. A seguito della Convenzione Intercomunale dell 11 Giugno 2009,

Dettagli

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Parma All. 1 MESSAGGIO DI PREALLARME

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Parma All. 1 MESSAGGIO DI PREALLARME All. 1 MESSAGGIO DI PREALLARME PRIORITÀ ALTA DATA ORARIO: DA: PREFETTURA DI A: AMMINISTRAZIONI, ORGANI ED ENTI DI CUI ALL UNITO ELENCO MESSAGGIO N. ALLE ORE. IN LOCALITÀ. SI E VERIFICATO (INDICARE TIPO

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12. N. 273 del Reg. Decreti del 07/05/2013 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.2012 OGGETTO: Servizio

Dettagli

OBIETTIVI: Sevizio Protezione civile della Provincia di Varese; Il ruolo della Sala Operativa Unificata (SOU);

OBIETTIVI: Sevizio Protezione civile della Provincia di Varese; Il ruolo della Sala Operativa Unificata (SOU); Corso per i componenti della Unità di Crisi Regionale 02 Aprile 2014 PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI VARESE Dirigente Dott. Angelo Gorla Funzionario Ing. Maria Laura Zorzit OBIETTIVI: Sevizio Protezione

Dettagli

lamberti spa PIANO DI EMERGENZA Aziende a rischio di incidente rilevante: emergenza, pianificazione e informazione Varese, 28 Gennaio 2005

lamberti spa PIANO DI EMERGENZA Aziende a rischio di incidente rilevante: emergenza, pianificazione e informazione Varese, 28 Gennaio 2005 lamberti spa chemical specialties Aziende a rischio di incidente rilevante: emergenza, pianificazione e informazione Varese, 28 Gennaio 2005 PIANO DI EMERGENZA Il Gruppo Lamberti Lamberti s.p.a. è un azienda

Dettagli

Sezione Provinciale di Salerno

Sezione Provinciale di Salerno E.R.A. Sezione Provinciale di Salerno Esercitazione di Protezione Civile con l utilizzo del sistema APRS (Automatic Position Reporting System) per la radiolocalizzazione di obiettivi sul territorio attraverso

Dettagli

10. FUNZIONI DI SUPPORTO

10. FUNZIONI DI SUPPORTO 10. FUNZIONI DI SUPPORTO La pianificazione dell emergenza basata sulla direttiva del Dipartimento di Protezione Civile Metoto Augustus prevede che, al verificarsi di un evento calamitoso si organizzino

Dettagli

CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30

CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30 CONFERENZA STAMPA giovedì 27 Marzo 2012 ore 11.30 Esercitazioni Provinciali 13 novembre 2010 Provincia ESERCITAZIONI PROVINCIALE PROTEZIONE CIVILE E ANTINCENDIO BOSCHIVO Scenari di rischio incendi boschivi

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano COMUNE DI SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano ΣΤΡΥΤΤΥΡΑ ΟΡΓΑΝΙΖΖΑΤΙςΑ Sistema di comando e controllo La struttura organizzativa attraverso la quale si esercita la direzione unitaria dei servizi di

Dettagli

Direzione Generale. Roma, 20/10/2014

Direzione Generale. Roma, 20/10/2014 Direzione Generale Roma, 20/10/2014 Circolare n. 127 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Pubblico tributo per chi si adopera per il prossimo

Pubblico tributo per chi si adopera per il prossimo Pubblico tributo per chi si adopera per il prossimo Venerdì 20 settembre in piazza Città di Lombardia si è svolta l'edizione 2013 della Giornata della gratitudine, cerimonia di premiazione degli operatori

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12. N. 822 del Reg. Decreti del 30/12/2014 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.2012 OGGETTO: Attuazione

Dettagli

Deliberazione della Giunta comunale N. 184 del 10.07.2012

Deliberazione della Giunta comunale N. 184 del 10.07.2012 Deliberazione della Giunta comunale N. 184 del 10.07.2012 CONVENZIONE BIENNALE, ANNI 2012/2013, TRA: 1. COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI; 2. NUCLEO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI

Dettagli

0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1

0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1 0. IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO 1 La gestione dell emergenze che hanno carattere nazionale viene attuata attraverso una predefinita catena di comando e controllo al vertice della quale si colloca

Dettagli

IL VOLONTARIATO IL RUOLO DEL VOLONTARIATO NEL SERVIZIO NAZIONALE

IL VOLONTARIATO IL RUOLO DEL VOLONTARIATO NEL SERVIZIO NAZIONALE 18 IL VOLONTARIATO Il volontariato di Protezione Civile è nato sotto la spinta delle grandi emergenze che hanno colpito l'italia negli ultimi 50 anni: l'alluvione di Firenze del 1966 e i terremoti del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Lunedì 3 aprile 2006 Verbale n. 4 Pag. verbale:1 In data 3 aprile 2006 alle ore 13.30 presso la saletta riunioni del Dipartimento di Fisica dell Università degli Studi di Udine, sita in Via delle Scienze

Dettagli

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 1 COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE L anno duemiladieci in Modena il giorno sette del mese di giugno ( 07/06/2010 ) alle ore 14:40, regolarmente convocato, si è riunito il Consiglio

Dettagli

40 30 30 20 La protezione civile ieri, oggi e domani

40 30 30 20 La protezione civile ieri, oggi e domani BOZZA DI PROGRAMMA VIII edizione Codice Rosso Il comune nel sistema della protezione civile Fiera di Ancona, 7-9 giugno 2012 40 30 30 20 La protezione civile ieri, oggi e domani 40 1972 40 anni dal terremoto

Dettagli

GISE Lombardia & LombardIMA 2010

GISE Lombardia & LombardIMA 2010 Convegno GISE Lombardia & LombardIMA 2010 MILANO, 1 DICEMBRE 2010 CENTRO CONGRESSI PALAZZO DELLE STELLINE 08.30 Introduzione Emanuela Piccaluga (Milano), Roberto Zanini (Mantova) PROGRAMMA DEL CORSO I

Dettagli

Esperienze di esercitazioni e prova di incendio nella galleria Morgex Nord

Esperienze di esercitazioni e prova di incendio nella galleria Morgex Nord «GALLERIE STRADALI: GESTIONE DELLA SICUREZZA E RUOLO DI ESERCITAZIONI, SPERIMENTAZIONI E FORMAZIONE» POLITECNICO DI MILANO, 8 OTTOBRE 2013 Esperienze di esercitazioni e prova di incendio nella galleria

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ESTERNO (Art. 20 D.Lgs. 334/99)

PIANO DI EMERGENZA ESTERNO (Art. 20 D.Lgs. 334/99) P r e f e t t u r a d i T o r i n o - P r o t e z i o n e C i v i l e R e v. 2 / 0 P i a n o d i E m e r g e n z a E s t e r n o s t a b i l i m e n t o G r u p p o T r o m b i n i L u s e r n a S. G i

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

CONVENZIONE TRA L AZIENDA UNITA SANITARIA DI FORLI ED IL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI FORLI -CESENA, PER LO STAZIONAMENTO DI

CONVENZIONE TRA L AZIENDA UNITA SANITARIA DI FORLI ED IL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI FORLI -CESENA, PER LO STAZIONAMENTO DI CONVENZIONE TRA L AZIENDA UNITA SANITARIA DI FORLI ED IL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI FORLI -CESENA, PER LO STAZIONAMENTO DI MEZZI DELLA CENTRALE OPERATIVA 118 PRESSO IL COMANDO DI FORLI

Dettagli

i Sordi si Muovono in Sicurezza

i Sordi si Muovono in Sicurezza Prefettura di Forlì-Cesena Questura di Forlì-Cesena Arma dei Carabinieri Comando Prov.le di Forlì-Cesena Ente Nazionale Sordi Sezione Provinciale di Forlì-Cesena i Sordi si Muovono in Sicurezza Il servizio

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello)

Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) CROCE ROSSA ITALIANA PROGETTO FORMATIVO Corso specializzazione per soccorritori/operatori CRI in protezione civile (1 Livello) SECONDO LE LINEE GUIDA DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE E DELLA CROCE

Dettagli

MOVIMENTI DIRIGENTI. Q.CA Cognome Nome da a

MOVIMENTI DIRIGENTI. Q.CA Cognome Nome da a DS GIULIANO Sandro PER GLI AFFARI GENERALI SERVIZIO ASSISTENZA ED ATTIVITA' SOCIALI DS GRAZIOSO FUSCO Errico VENEZIA BOLOGNA DS VETRO Tiziano FUORI RUOLO PRESSO LA PROTEZIONE CIVILE NEO DS BONACCORSO Gaetano

Dettagli

8. PONTI RADIO RIPETITORI ARI - FRIULI VENEZIA GIULIA

8. PONTI RADIO RIPETITORI ARI - FRIULI VENEZIA GIULIA 8. PONTI RADIO RIPETITORI ARI - FRIULI VENEZIA GIULIA Tutti questi impianti, regolarmente autorizzati dal Ministero delle Comunicazioni, sono a disposizione dell ARI Radiocomunicazioni Emergenza per traffico

Dettagli

Servizio Associato di Protezione Civile

Servizio Associato di Protezione Civile Comunità Montana Valli Orco e Soana Servizio Associato di Protezione Civile Guida operativa del Servizio Associato di Protezione Civile Presentazione Gli eventi alluvionali di Settembre 1993, di Ottobre

Dettagli

Comune di Calcinate. Associazione Gruppo Volontari di Protezione civile USFIM

Comune di Calcinate. Associazione Gruppo Volontari di Protezione civile USFIM Comune di in collaborazione con Associazione Gruppo Volontari di Protezione civile USFIM federata a FIR-CB Nazionale con il patrocinio e il contributo del Comune di ed il patrocinio della Provincia di

Dettagli

in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano

in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano L Assessorato alla Protezione Civile della Provincia di Lodi in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano XI Corso base

Dettagli

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI statuto e regolamento Premessa Il presente regolamento annulla e sostituisce tutti i precedenti. La premessa fa parte integrante del regolamento.

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE ORGANIZZAZIONE E RISORSE IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE ORGANIZZAZIONE E RISORSE IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO Per le attuazioni delle procedure previste dal regolamento, si fa riferimento all utilizzo del software di protezione civile a corredo di questo manuale, e parte fondamentale

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE. Indicazioni Procedurali: INCENDIO

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE. Indicazioni Procedurali: INCENDIO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Piano di Protezione Civile Comunale PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Indicazioni Procedurali: INCENDIO Comune di Volpago del Montello Indicazioni

Dettagli

Operazione Twist : le esercitazioni della Protezione Civile sul rischio maremoto.

Operazione Twist : le esercitazioni della Protezione Civile sul rischio maremoto. Operazione Twist : le esercitazioni della Protezione Civile sul rischio maremoto. Alle ore 9,30 del 24 ottobre 2013, iniziano le esercitazioni internazionali e le azioni previste dalla campagna Maremoto,

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 153 DEL 06.09.2011 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: DISTRETTO DIFFUSO DEL COMMERCIO 'VILLE E TORRI DELL' ISOLA' FINANZIAMENTO

Dettagli

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO

INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Area Affari Generali Servizio Società Partecipate INCARICHI DI AMMINISTRAZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI CONFERITI DAL COMUNE DI DESIO Di seguito si riportano i dati relativi alle partecipazioni in società

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese ALLEGATO 7 Procedura interna del COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese PIANO DI GESTIONE DELLA VIABILITA PER IL PIANO DI EMERGENZA ESTERNA DEL SITO INDUSTRIALE AUTOSPED S.r.l. Santa Giustina

Dettagli

Progetto Formativo Scuola Sicura Insieme a cura del Servizio di Protezione Civile comunale di Sesto Fiorentino

Progetto Formativo Scuola Sicura Insieme a cura del Servizio di Protezione Civile comunale di Sesto Fiorentino Progetto Formativo Scuola Sicura Insieme a cura del Servizio di Protezione Civile comunale di Sesto Fiorentino Luogo dell Evento: Parco degli Etruschi (compreso nell area tra via Gramsci, Cimitero Maggiore,

Dettagli

Gli Uffici/Enti che possono intervenire nelle ricerche di persone scomparse con le proprie risorse disponibili:

Gli Uffici/Enti che possono intervenire nelle ricerche di persone scomparse con le proprie risorse disponibili: BOZZA DI TESTO C3.7 Ricerca persone scomparse Nelle operazioni di ricerca di persone scomparse nel territorio regionale, in ambito di pianura come pure nel territorio collinare e montano, ed in particolare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LE ATTIVITA DI PRESIDIO TERRITORIALE IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LE ATTIVITA DI PRESIDIO TERRITORIALE IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LE ATTIVITA DI PRESIDIO TERRITORIALE IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS TRA La Provincia di Carbonia Iglesias, rappresentata dal Presidente

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE Art. 1. ISTITUZIONE DEL SERVIZIO È istituito il Servizio Comunale di Protezione Civile, con il compito di dare attuazione alle leggi nazionali e regionali in materia di Protezione

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO

COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO del Gruppo Comunale di Protezione Civile per il piano operativo di intervento sul territorio.

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PRESIDENTE REGIONALE N. 17 DEL 25 FEBBRAIO 2016 3 CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ISTRUTTORI PSTI CRI

DETERMINAZIONE DEL PRESIDENTE REGIONALE N. 17 DEL 25 FEBBRAIO 2016 3 CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ISTRUTTORI PSTI CRI Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lombardia Il Presidente DETERMINAZIONE DEL PRESIDENTE REGIONALE N. 17 DEL 25 FEBBRAIO 2016 3 CORSO DI AGGIORNAMENTO PER ISTRUTTORI PSTI CRI IL PRESIDENTE REGIONALE

Dettagli

ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO (sede in Comune di Sirolo) - cod. 42204. VERBALE delle deliberazioni del CONSIGLIO DIRETTIVO Copia

ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO (sede in Comune di Sirolo) - cod. 42204. VERBALE delle deliberazioni del CONSIGLIO DIRETTIVO Copia ENTE PARCO REGIONALE DEL CONERO (sede in Comune di Sirolo) - cod. 42204 VERBALE delle deliberazioni del CONSIGLIO DIRETTIVO Copia n. 40 del 27.02.2013 OGGETTO: Nomina Consulta del Parco ai sensi dell Art.2

Dettagli

COMUNE DI SINAGRA COPIA. Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: PIANO RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA - AGGIORNAMENTO - APPROVAZIONE.

COMUNE DI SINAGRA COPIA. Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: PIANO RISCHIO INCENDI DI INTERFACCIA - AGGIORNAMENTO - APPROVAZIONE. COMUNE DI SINAGRA Piazza San Teodoro, 1 ~ 98069 Sinagra Telefono: 0941-594016 Fax: 0941-594372 Provincia di Messina COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale N. 17 del Reg. OGGETTO: PIANO RISCHIO INCENDI

Dettagli

Gruppo Volontari del Soccorso UMANITÀ NEUTRALITÀ IMPARZIALITÀ INDIPENDENZA VOLONTARIATO UNITÀ UNIVERSALITÀ

Gruppo Volontari del Soccorso UMANITÀ NEUTRALITÀ IMPARZIALITÀ INDIPENDENZA VOLONTARIATO UNITÀ UNIVERSALITÀ C r o c e R o s s a I t a l i a n a Comitato Locale Chiavari (GE) Gruppo Volontari del Soccorso UMANITÀ NEUTRALITÀ IMPARZIALITÀ INDIPENDENZA VOLONTARIATO UNITÀ UNIVERSALITÀ per vacanze e Volontariato in

Dettagli

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO

SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO SEZIONE CONEGLIANO VITTORIO VENETO Elaborata a cura del U.N.U.C.I. Gruppo Provinciale Protezione Civile Ten. F. MESSINA Non dobbiamo mai dare per scontato che a risolvere i nostri problemi siano sempre

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE

REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PESANTI IN AUTOSTRADA IN PRESENZA DI NEVE 1.Premessa Gli interventi finalizzati alla gestione delle emergenze che interessano il sistema viario autostradale

Dettagli

IL CONSIGLIO IX LEGISLATURA ATTI: 004944

IL CONSIGLIO IX LEGISLATURA ATTI: 004944 IL CONSIGLIO IX LEGISLATURA ATTI: 004944 SEDUTA DEL 5 LUGLIO 2011 DELIBERAZIONE N. IX/0215 Presidenza del Vice Presidente PENATI Segretari: consiglieri PONZONI e SPREAFICO Consiglieri in carica: ALBONI

Dettagli

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI CALTANISETTA

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI CALTANISETTA TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI Prot. N. Caltanissetta, 01-04-2015 UOR: Segreteria RUO - Quattrocchi FUNZIONE: >» MACRO ATTIVITÀ': X ATTIVITÀ':-d ALLA PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA DI ALL'ORDINE DEGLI

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli