This page is intentionally left blank for double-sided printing. IPA ADRIATIC Program. Adriatic Model Forest Project

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "This page is intentionally left blank for double-sided printing. IPA ADRIATIC Program. Adriatic Model Forest Project"

Transcript

1

2 2

3 This page is intentionally left blank for double-sided printing. IPA ADRIATIC Program Adriatic Model Forest Project 3

4 Partner: Municipality of Ferrara Model Forest Implementation Plan Index: 0. Introduction Partnership principle Landscape principle Commitment to sustainability principle Governance principle Program of activities principle Networking principle Conclusions Allegato 1 Sviluppo del Piano Strategico di una Foresta Modello.22 4

5 INTRODUCTION The main objective of the AMF project is the creation of a new Model Forest in Dalmatia, by using the proved five steps methodology of the Mediterranean Model Forest Network Secretariat. Through this learning process all the AMF partners have furthered their knowledge about the concept and can start up more local Model Forest initiatives and/or facilitate processes in their countries / regions. In this sense, the main expected project product is an Implementation Plan about the establishment of a Model Forest in each partner s territory, after the end of the AMF Project. Specifically the partners, through the Implementation Plans and following the six IMFN principle and attributes, should analyze its forest regional context, linked with their territorial governance and regional policies, as well as the interest and diversity of the other governance solutions in the rest of the partner s territories. This way, partners are supposed to be able to elaborate a Plan for the local implementation of a Model Forest, following the realized methodology during the Project s WP4 (Pilot Site in Dalmatia). The execution of the Implementation Plans is a post result at mid/long term, after the end of the project. This document wants to helpto prepare the Implementation Plans, as a summary of the main aspects that have to be developed (compilation ofinformation and analysis). The document is divided following the 6 IMFN principles, in order to have a complete framework of the potential development of a Model Forest in the proposed landscape. 5

6 MAIN ASPECTS Who are the stakeholders / groups that have been involved in your Model Forest initiative until now? The groups of stakeholders involved up to now is quite wide and they include farmers, farm holidays, beekeepers, teachers, public officials, environmental associations, fishermen, garden planner, landscape managers, people fond of nature, students, winegrowers. Why were these groups identified? What are their strengths? The resulting groups are the output of a larger number of stakeholder invited, not the result of selection, but people who participated voluntary. The main strength is the participation of mainly the private sector, in the meanwhile these could be too much unbalanced toward private sector and become a weakness. What do / could they bring to the Model Forest? From the five steps methodology worksheet one of the most surprising result is that the stakeholder believe that a local Model Forest in the Municipality if Ferrara could be a model to export. Since it would involve territory with a low percentage of forest, but with the potential linked to innovative sector such as Carbon credit market open to private sector and also Payment for Ecosystem Services (PES). In both cases this would lead to a new market for the Agricultural sector which is one the main characteristic of the territory. Are there any stakeholders or sectors missing that are considered useful to join the MF partnership and why? From the meeting with the Stakeholder the missing sectors considered useful were: Province Police, State Forestry Corp, Po river Authority (AIPO), Club and sport associations (friends of the bike, riding schools, etc...), other environmental association WWF, Lipu), Regional Government and its technical services, Coastal defence Authority, Tourism enterprises, Farmers associations, Chamber of Commerce, ATC, Parks, didactic farms, economic associations (such as Confcommercio, Confindustria, etc..), some management authorities, ProLoco, Schools, research institutes. 6

7 How are you planning on engaging the missing stakeholders in the Model Forest development process (and later)?. According the methodology the missing sectors were identified by stakeholders participating to local meeting, and the engaging should be planned mainly by the group starting the association. Anyhow at each new local meeting the invitation has been extended at the missing sectors, therefore some of the stakeholders initially listed as missing sectors participated at least at one local meeting. The invitation were made through , newsletter of the Municipality, Facebook page of the Natural History Museum of Ferrara and of the Idea Center, plus traditional press releases. ADDITIONAL COMMENTS(about the factors to consider in identifying potential stakeholders in your Country/Region).(facultative) Influence: include those who can bring about change and those who may be affected by decisions but have no power; Responsibility: Examine a potential stakeholder s responsibilities regulatory and financial; Representation: Consider the different values and uses of the landscape that the Model Forest should represent; Review the legitimacy: refer to the extent a stakeholder truly represents its interests. Think about the future activities of your Model Forest: are there some entities that are really necessary to join your expected results? Remember that the initial partnership of the Model Forest has to remain open. Probably the public sector, at some administrative level should be engaged, currently Municipalities are clustering together and Province level is in an going process of transformation and/or disappearing. In this framework to define which administrative level is more appropriate is not clear. Please, explain if you already organized some local meetings. Municipality of Ferrara already organized 7 local meetings, the main strength is the participation of mainly the private sector, in the meanwhile these could be too much unbalanced toward private sector and become a weakness. Furthermore in Italy the political situation is in a phase of extremely rapid and deep changes, some of the local Authorities probably will be modified in term of organization and functions administration these modification need to be considered in the future, anyhow the public sector appears to have a role not to be underestimated. Main Indicators/Characteristics: 7

8 - Please make some lists: you can share the stakeholders in various groups such as public sector, private sector, entrepreneurs, associations, policy makers and so on Private sector: farmers, farm holidays, beekeepers, environmental associations, fishermen, garden planner, landscape managers, people fond of nature, students, winegrowers. Public sector: State Forestry Corp, Teachers (but not representing officially the school) public officials, Association: 2 types of association participated, this group is growing.. - Number of associations: number of associations in the territory and number of associations involved in the MF process (percentage of associations that are going to bepart of the Model Forest related to the total number of associations in the territory). In the very last local meeting organized, 2 nd of December 2014, was stressed that using the five steps methodology one of the result common at all the local meeting is the wish of better quality of life and better quality of the territory, which are of course deeply linked. The stakeholders present at the meeting identified as strategy to improve the participation, the existing associations of the territory, since the total number is probably among 10-20, with different missions, but the Model Forest initiative have wide and common intent which could gather at least part of the existing associations. One further suggestion is to use of social network and a direct language not necessarily linked to Model Forest at the beginning just to lure people at participating at local meetings. - Implicated sectors (from total sectors): % level of impact of the Model process in the territory. The province has been divided in three areas, western, Central and Easter part, in order to avoid limitation for stakeholder not eager to move, as a matter of fact from eastern to western part of the Province it takes more than one hour driving. The local meeting in western part of the Province was held in Porporana, in central part was held in Copparo, and in eastern part was held in Bosco Mesola. The last three meetings, on the total of seven, were held in Ferrara. Thanks to this facilitation it is possible to estimate a coverage at least of 80% of the territory. The city of Ferrara at the end was chosen for common meeting since it has a central position. 8

9 - Relation between the public entities and the private entities: this will give us and idea of the level of The groups of stakeholders involved up to now are 9,4 % public, 90,6% private implication of each sector. More (please if you have more ideas about useful indicators, please share with the rest of the partners). 9

10 MAIN ASPECTS What are the main attributes and characteristics of your proposed Model Forest? (please include a cartography). Province of Ferrara. Area: km² Main characteristics: a plain created by the floods of the Po and Reno rivers, a mainly agricultural landscape with some forested and wetland remnants. The main forest is about 1000 ha large. The Ferrara Province is located at the upper right corner of the Emilia- Romagna Region, in the map below, and is totally plain, it represent the only Province in the Region without mountain or hill. In the second map are represented the distribution of protected areas, Natura 2000 sites, Natural reserves and Regional Parks. 10

11 In the map below the distribution of the different wooded area is overlaid on the satellite picture of the Province. How is the area representative of a larger area or region? Ferrara Province is representative of the Po plain area and of the Po delta area. 11

12 What are the rationale / reasons for choosing this area? The area has been initially choose to represent a variety of landscapes, functions and activities, anyhow it will not be necessarily the final area of the Model Forest, the final decision is up to the stakeholders. ADDITIONAL COMMENTS (facultative) A realistic, credible, attractive future for your area: Why realistic? Based in reality to be meaningful to the stakeholders. Why credible? Must be believable to stakeholders to be relevant. Why attractive? Stakeholders must want to be part of the future envisioned for the Model Forest. What kind of future? It is not where you are now but where you want the Model Forest to be. How ambitious? Should be extraordinary and challenging. Why uniqueness? Highlights what is unique about your Model Forest landscape. Indicators/Characteristics: - Forested land: % of forest surface of the Model Forest. The forest area about 2% of the surface of Ferrara Province. - Other indicators about the different land uses in the territory. - Percentage Private/Public property. - Total size of the first Model Forest perimeter in relation of the total surface of the Region/Country. - Number of inhabitants/ha: density of population in the Model Forest. - Percentage of poverty: it will help to define the Model Forest needs about this issue. - Type of forest: in percentage of the total surface of the Model Forest or of the forested area of the Model Forest. - Biodiversity index:biological richness of the Model Forest. - Productivity of wood (type, quantity...) and of non-wood forest products (type,quantity, number of cooperatives, level of development of the market, socialinfluence, local/regional/national/international markets...). - Land use: percentage of the different uses of the territory. 12

13 - Management plans: are there any management plans? (Agriculture/forestry). - Certification: percentage surface under any type of certification. - Level of protection: are there any figures of protection of the territory, are thereany national parks? 13

14 MAIN ASPECTS In the Mediterranean region, the Model Forests generates economic and social advantages, benefiting local populations in an equitable way. Its priority objective, at the same level as the conservation of forest resources, is the fight against poverty through social, economic and cultural promotion of local populations. It contributes to protect landscapes against fire accidents, improve the living frame of inhabitants through a better access to the natural resources, protect and valorize the natural and cultural heritage, develop new activities benefiting to local populations in terms of income generation and employment. - Determine the main issues and challenges facing the Model Forest stakeholders, especially concerning the sustainable management of the landscape; Ferrara Municipality and Province are characterized by intensive agriculture, about most of the areas are privately owned by small farmer (22 ha as average). Last but not least the Province is 82% UAA (Utilised agriculture area) and with conventional and high impact agriculture techniques, which should be reduced. - Assesse constraints and opportunities that may affect how your Model Forest develops and operates; The main constrains could be linked to the low level of public owned land (State or other level of Public Authorities) this lead to the necessity to a strong involvement of private sector in particular agricultural sector and the opportunity is to find a connection to some kind of economic revenue leading to a change in part of the UAA (Utilised agriculture area). - Which are the foundation of the identified activities and developing programs? The developing program is the result of the five steps methodology, therefore the foundation is the will of the stakeholders. 14

15 - What are the barriers to achieve the vision identified for your Model Forest? The vision was not stated but from the first results is strongly oriented toward a better quality of life and a better quality of the territory, both are very high goal to achieve, probably the main barrier is the involvement of a very large part of the population and also key people into the Public sector at different level, from Municipality to Region. ADDITIONAL COMMENTS (facultative) Indicators/Characteristics: - Surface affected by erosive processes: level of degradation of the territory, risk that can affect the sustainability of the territory; - Human activities in the territory: types and impact. This can help to identify the risks that can affect the sustainability. Has already stressed the main activities are related to agriculture, the analysis of Corine Land Cover at first level clearly show that about 82% of the area is covered by Agricultural areas. - Incomes-outcomes/ha (per activities: ecotourism, forestry, etc ). 15

16 MAIN ASPECTS The Model Forest as a legal entity ensures the implementation of the governance principle, with all its attributes, as defined by the International Model Forest Network. There are certain positively aspects of the governance principle as it are presented through the Model Forest. It is useful to promote the spirit of collectiveness and a continuous consultation and participative solidarity. More than this, good governance assures a better contribution and management of the selected territory and a more integrated development. So, one of the most important early steps in developing a Model Forest is to clearly define an appropriate governance, creating a new independent legal body. Do you agree? Please explain why. Please specify if, in your opinion, it would be possible, in your Country, to create a Model Forest without creating a new legal body. - Which are the most used solutions in your Country to put in place a new initiative such as the Model Forest? Associations; Cooperative consortium; Foundation, Committee. The different form are all present, the Association is probably the most common. - Will it be a legally registered organization? Please explain if you are considering options such as non-governmental organization, association, federation, cooperative, consortium, foundation etc. The stakeholder did not yet decided, the various options were presented but no decision made at this point of the process, which still is the first phase. - Please explain the advantages and the inconvenient for every possible solution. Cooperative, consortium a body that should be charged with the true management of the landscape: probably, not possible. The foundation should be a good thing, but it requires a big financial effort in the beginning and in the following. So, it could be not truly independent but prone to the will of the main sponsors. Probably, a foundation has big tax advantages seen the high number of them 16

17 Association minor impact but also minor level of financial resources. Committee the most simple solution easy to manage. ADDITIONAL COMMENTS(facultative) Governance of a Model Forest is representative, participative, transparent and accountable. So, in your opinion which is the best solution (between the proposed alternatives) in order to respect this set of principle? How do you expect that your model forest is organized? Does it work by consensus? A Model Forest has no authority over land management from tenure holders but still has an impact. How do you plan to involve the political/technical responsible officially and have an impact in the landscape management? How will you organize your model forest? What levels of governance will be created? How will decisions be made in your Model Forest? How would you like to schedule the Model Forest Meetings (frequency of meetings)? How should work the communication between partners? Indicators/Characteristics: - Correspondence between Model Forest members and local actors in the territory. This will show the level of impact of the Model Forest in the territory. - Legal Entity: type of legal entity. - Percentage of representatively of public/private/social actors inthe selected Model Forest governance structure. 17

18 MAIN ASPECTS A multiannual work plan links your strategic directions and implementation strategy to the day-to-day activities of your Model Forest. The program of activities contains detailed planning and specific budgets for each activity. - Determine the main fields and/or key themes of interest of your Model Forest stakeholders; The result of local meeting always stressed the importance of quality of life and quality of the territory, anyhow the association and consequently a multiannual work plan, is not yet implemented.. - Explain how you plan to reach the achievement of these activities. During the workshop of 27 of February 2015 a small core group of stakeholder which participated at least at 2/3 of local meeting decide a next local meeting at the end of March. Municipality of Ferrara can partially continue to support the stakeholder. - Identify the barriers to implementing such as sustainable developments in the Model Forest; Up to now the main barrier is the discontinuity into the process, since at the of IPA project the support of Municipality of Ferrara to stakeholder will be less intensive. - Assesse the constraints and the opportunities that may affect how your Model Forest develops and operates; N/A ADDITIONAL COMMENTS(facultative) Form the foundation for identifying the main activities and developing programs of your future Model Forest. Indicators/Characteristics: - Defined and reachable program of activities - Number of research activities and projects being developed in the Model Forestarea. 18

19 - Traditional knowledge: is there an inventory? Are there activities about sharing/preserving/communication the traditional knowledge? - Innovative activities being developed in the Model Forest area. - Number of actors of the territory implicated in the activities: in the organizationand in the realization. Good to define to the percentage of the total number ofactors of the territory. - Influence of the activities in the different collectives of the territory: women,children, unemployed, etc. - The rate of elimination of activity and competence needs. - Institutional development and utilization of forests for the number of activities. - Production of non-wood products/public seminars to educate. 19

20 MAIN ASPECTS How do you plan to contribute to local/national capacity building in the sustainable management of natural resources? The association is not yet implemented therefore these aspects have not yet planned. How will your Model Forest exchange experiences and lessons learned with other Model Forests and other organizations? The main way should be participating to the network events and meetings ADDITIONAL COMMENTS(facultative) Be ambitious! How could you be extraordinary and challenging at the local/national/mediterranean/international level? Be unique! Highlight what is unique about your Model Forest. Indicators/Characteristics: - Number of meetings, documents and results of networking until now; - Number of local initiatives: the Model Forest local group is participating to the Network initiatives? (such as the project meeting / Med Forum); - Number of Model Forest local stakeholders participating in cooperation projects; - Communication activities, participation and visibility of the network activity: are the local stakeholders following the network site, newsletter, Facebook page or any other communication channel? 20

21 CONCLUSIONS Feel free to develop this part as you wish, highlighting what are the key challenges, issues and obstacles you are facing in your country / region in establishing a Model Forest. What strategies are you planning to put in place to overcome these challenges and issues and what kind of assistance / support are you looking for from the MMFN and IMFN Secretariats. The main challenge is the coordination of local groups which live in different part of the Province and are not eager to move, furthermore not all the people who participated have skill in using communication technology such as , audio-videoconference, social network. In the last part of the process stakeholder suggested to use, as communication strategy, the different association already operating on the territory. The necessary assistance would the availability of funds since stakeholder are probably not enough involved to plan to start an association. The support from the secretariat could be the presence of people officially involved into the network, since during a local meeting in which was announced the official presence of representative from Mediterranean Model Forest the participation was quite high. In general, what are your plans for moving forward with Model Forest development and strategic plan preparation (e.g., timeframe,activities, key milestones, working groups). The plan is to organize a core group which should start to promote by itself the Model Forest initiative and in a progressive way be the real organizer of the MF. 21

22 Allegato 1 Sviluppo del Piano Strategico di una Foresta Modello (Traduzione della scheda di B. Bonnell) Datebook Comune di Ferrara Ravalle Porporana Copparo Bosco Mesola Ferrara Ferrara Perchè sviluppare una foresta modello? Scelta del sito Condividere un progetto Identificare i partecipanti Identificazione delle sfide e degli ostacoli Identificazione delle tematiche che si vorrebbero sviluppare Governance della Foresta Modello Prossimi passi e tappe 22

23 Sviluppo del Piano Strategico di una Foresta Modello Foglio 1 Perchè sviluppare una foresta modello? 1. Quali sono le vostre aspettative relativamente una Foresta Modello nella vostra provincia? La conservazione delle valenze del territorio e valorizzazione ulteriore quando è possibile Creare regole e normative per la conservazione del territorio Manutenzione e controlli dell ambiente Censimento dei beni demaniali e comunali disponibili per il miglioramento ambientale, riducendo boschetti in affitto (ad es. pioppicoltura) a favore del rimboschimento. Completamento conoscenze sulla rete ecologica provinciale, Sensibilizzazione degli agricoltori verso una gestione concertata degli spazi pubblici e privati Conservazione della cultura dell acqua che è propria del nostro territorio Fruibilità da parte del cittadino e riscoperta della conoscenza e della tutela dell ambiente Mantenimento dell esistente e risanamento ambientale Ragionare in termini complessivi a scala provinciale connettendo le singole realtà naturalistiche Progetti di restauro ambientale paesaggistico sostenendo così la biodiversità Definizione di percorsi ecosostenibili: ciclabili, sentieristica, per agevolare una fruizione che rispetti l ambiente Adottare una serie di regole che favoriscono la valorizzazione dell ambiente in tutte le sue componenti e prevedendo eventuali arricchimenti. Partecipazione di tutte le associazioni e dei cittadini che condividono il Progetto Ambientale E la necessità di un paesaggio vivibile. Consapevolezza della ricchezza del nostro territorio Scambio di esperienze turismo modello dotato di un reale potere di decisione creare un maggior controllo e rispetto della legalità parte istiruzionale piu presente salvaguardare ambiente animali e piante foresta e ambiente non sfruttata ma tutelata valorizzata e protetta migliorare qualita vita della comunita sviluppo compatibile in ambito turistico ed agricolo vivere di più la natura nella nostra quotidianità 23

24 2. Come immaginate che una foresta modello possa aiutare la vostra provincia? Turismo, scuola, qualità della vita, posti di lavoro, produttività, ricreativi Qualità dell aria, dell acqua, delle produzioni agricole e del paesaggio Sviluppo di nuovi modelli di crescita culturale ed economica, recupero della nostra identità, visibilità per entrare in contatto con esperienze simili e favorirle. Fungere da elemento sinergico con altre provincie Può tenere insieme culturalmente e socialmente un territorio, può favorire lo sviluppo di processi didattici e di conoscenza, può permettere di sviluppare progetti locali di economia sostenibile legati al rispetto dell ambiente migliorando la qualità della vita delle persone E un miglioramento globale per tutte le attività naturali ed umane. Facendo conoscere in modo più capillare il territorio potrà migliorare la qualità della vita dei cittadini e potrà far convogliare in un obiettivo comune tutte le potenzialità del territorio. Buona educazione e senso civico Valorizzare il nostro territorio Ottimizzare la fruizione delle nostre risorse Turismo Modello pilota da poter replicare Aiuta a scoprire la bellezza della natura e la conoscenza ed il rispetto dell ambiente Dal punto di vista paesaggistico diventa un punto di riferimento per il turismo e qualità di vita della comunità 3. Quali esperienze e/o conoscenze sulla vostra Foresta modello possono contribuire al Network internazionale delle foreste modello del mediterraneo?cosa può far diventare la vostra Foresta Modello un membro di valore di questa rete? Rara ed unica nel patrimonio nazionale la situazione di equilibrio uomo-terra-acqua; caratteristiche del territorio vicino al grande fiume Po; situazione storica di grande importanza; fauna e flora caratteristiche (particolari tipi di insetti locali e avifauna delle zone umide) Zona a minore industrializzazione rispetto alle aree adiacente e quindi di più facile rinaturalizzazione Riappropriazione di quanto è andato perso per via della antropizzazione. Il nostro modello può diventare esempio da seguire per dimostrare come potrebbe essere la coesistenza fra ambiente naturale e attività antropica La sua tipicità è fondamentale: con le foreste allagate e la importante presenza di zone umide Valorizzare le singolarità e peculiarità ambientali del nostro territorio e della sua cultura. Attraverso progetti conoscitivi ed educativi del nostro territorio: paesaggi rurali e storico-culturali, territorio fortemente determinato dal rapporto terra ed acqua, le tradizioni legate al mondo contadino. Conoscenza del territorio Unicità del territorio ( Po, cervo nobile della Mesola, Boscone ecc. ecc.) Prodotti locali (radicchio, asparago, Vitigno Fortana ) Peculiarità storica del nostro territorio come valore da portare ad altri territori, centralità della azione umana all interno del sistema ecologico e territoriale Boscone> modello da proporre agli altri perché è ricco di bellezza 24

25 Sviluppo del Piano Strategico di una Foresta Modello Foglio 2 Scelta del Sito 1. Quali sono gli attributi che caratterizzano le foreste, le risorse naturali, il paesaggio e la gente della vostra provincia? Lotta fra uomo e acqua che è minaccia e risorsa dell ambiente circostante: planiziale, fluviale, terra fertile, argini e spazi a perdita d occhio, nebbia e umidità, fiumi, canali, maceri, valli e mare, paesaggio rurale costellato da manufatti legati alla bonifica, percorso da fiumi e canali ricco di zone umide e vallive e di emergenze architettoniche di importante valenza storica. Tradizioni culinarie tipiche e prodotti come gli insaccati e il pane Carattere dei ferraresi: tenace e legato al proprio territorio, conservatore e chiuso come solitamente sono i contadini. Visionarietà che sconfina nella poesia (Ariosto, Tasso e Antonioni) Il territorio un tempo era più presidiato per via della maggiore presenza di agricoltori. Una maggiore valorizzazione della campagna e dei boschi darebbe anche maggiore sicurezza contro i rischi ambientali Le foreste relitte mantengono vivo il ricordo del paesaggio estense accanto alle Delizie e ai percorsi cicloturistici ed enogastronomici Diffusione di specie latifoglie con produzione di funghi ipogei ed epigei. Sfruttamento/gestione di tutte le risorse forestali da parte di attività umane, economiche e ludiche. Il paesaggio agrario è troppo semplificato in termini ambientali. E necessario stimolare la parte maggioritaria della popolazione ad accettare l espansione delle aree boscate. I corsi d acqua, edifici e ville storiche, aree boscate, paesaggio rurale, risaie, idrovore e manufatti della Bonifica, le valli. Bosco della Mesola ( Cervo ) (Leccio) [UNICO] Varietà, fertilità, abbondanza Alba e il tramonto sull acqua Varietà ( biodiversità) Privi di iniziativa, diffidenti e pettegoli Boschi golenali particolarità Pinete (macchia mediterranea) Valli e lagune Acqua e terra in equilibrio Paesaggio della bonifica idrovore Paesaggio storico e rurale particolarità delle delizie estensi Comunità divise tra di loro, chiusura Comunità marinare e vallive (Goro e Comacchio), comunità particolari Bunker percorso storico e culturale Mentalità Chiusa Fitta rete di canali di scolo ed irrigazione delle acque Gente laboriosa e solidale in particolar modo Bosco Mesola, e sempre aperta alle innovazioni quella di Bosco Mesola 25

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects PRESENTATION Innovation plays a key role within the European political agenda and impacts

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual.

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual. MANUALE CASALINI M10 A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even people who come from the same brand

Dettagli

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment Interreg IIIB CADSES Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment POLY.DEV. Seminario Progetti INTERREG III Sala Verde, Palazzo Leopardi - 8 novembre

Dettagli

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION PSS Worldwide is one of the most important diver training agencies in the world. It was created thanks to the passion of a few dedicated diving instructors

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

MANAGEMENT MISSION, far crescere i collaboratori

MANAGEMENT MISSION, far crescere i collaboratori Trasformare le persone da esecutori a deleg-abili rappresenta uno dei compiti più complessi per un responsabile aziendale, ma è anche un opportunità unica per valorizzare il patrimonio di competenze aziendali

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario.

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario. Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario Nunzia Cito Le metodologie e gli strumenti per la presentazione ed il monitoraggio

Dettagli