Carta delle pietre ornamentali (BD_PIOR)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carta delle pietre ornamentali (BD_PIOR)"

Transcript

1 Carta delle pietre ornamentali (BD_PIOR) Enti realizzatori

2 1. Carta delle Pietre Ornamentali La carta delle pietre ornamentali della Regione Toscana alla scala 1/ individua nel territorio gli affioramenti dei materiali lapidei (marmi,graniti,pietre) evidenziando le varietà merceologiche coltivate e le relative formazioni geologiche produttive, l ubicazione delle cave attive ed inattive e le discariche di cava eventualmente presenti. La geometria degli affioramenti di pietre ornamentali è basata sul continuum territoriale geologico alla scala 1/ della Regione Toscana. Ogni pietra ornamentale compare nella legenda con una sigla di due lettere e con il proprio nome commerciale che la individua con immediatezza presso gli addetti ai lavori. Ad esempio: Pietra Serena, Giallo Siena, Rosso Collemandina, Marmo Cipollino. Le carte delle pietre ornamentali allegate al presente progetto sono n. 70. La guida per l individuazione nel territorio regionale degli affioramenti oggetto di escavazione nel passato ed attualmente in atto è stata fornita dal documento della Regione Toscana denominato P.R.A.E.R. (Piano Regionale delle Attività Estrattive di Recupero delle Aree Escavate e di Riutilizzo dei Residui Recuperabili, approvato con deliberazione del Consiglio Regionale n. 27 del 27 febbraio 2007), con particolare riferimento all allegato B ( Settore II, Materiali Ornamentali) e all allegato F (Materiali Storici). Fa eccezione il territorio delle Alpi Apuane non contemplato dal suddetto documento che è stato qui trattato sulla base di quanto realizzato da parte di UNISI CGT riguardo alla Carta giacimentologica dei marmi delle Alpi Apuane a scala 1: e della sua informatizzazione, di cui il LaMMA ha seguito la pubblicazione Web. I materiali storici sono stati coltivati in passato per uso ornamentale, la loro conoscenza riveste particolare importanza sia nel collocamento delle pietre toscane nell edilizia e nell arte sia per il restauro monumentale. In generale i materiali storici hanno attualmente scarso interesse estrattivo, di alcuni di questi sono state comunque individuate e cartografate le aree di cava. Si definiscono Ornamentali tutti quei materiali litoidi escavati sia in blocchi squadrati o informi sia in lastre grezze, utilizzati per la produzione di lastre lavorate e affini quali marmi, cipollini, arenarie, graniti, alabastri, ardesie, calcari, travertini, tufi, basalti, porfidi, oficalciti ecc., di cui alla lettera b, art. 2 della L.R. 78/1998. La distribuzione oggettiva dei materiali lapidei d interesse estrattivo è circoscritta nel territorio ed in coerenza di quanto indicato nel documento PRAER viene qui denominata Risorsa. Le aree di giacimento sono intese invece quelle individuate sulla base delle aree di risorsa depurate dai vincoli ostativi accertati sul territorio. Occorre sottolineare che il termine risorsa estrattiva teoricamente si estende a tutte le formazioni geologiche che possono essere impiegate come materiali ornamentali. In accordo con il documento PRAER si sottolinea che all atto pratico è difficile che una formazione geologica presenti caratteristiche ornamentali e chimico-fisico-meccaniche tali da renderla d interesse commerciale in tutta la sua estensione territoriale, ma occorre individuare quelle zone dove ornamentazione e caratteristiche mineralogiche consentono di ritenere quel materiale una varietà merceologica. Per esempio, tutta la formazione del Macigno potrebbe essere considerata "risorsa estrattiva, ma in realtà le condizioni per ottenere da questa roccia una Pietra Serena sfruttabile come pietra ornamentale sono limitate. Con questa tipologia d approccio sono state realizzate le carte tematiche delle Pietre Ornamentali prodotte nell ambito di questo progetto. Alla luce delle precedenti considerazioni nella legenda delle carte delle pietre ornamentali allegate l area di Risorsa è stata così definita: area di potenziale interesse estrattivo individuata nel documento P.R.A.E.R. (approvato con deliberazione del 2

3 Consiglio Regionale n. 27 del 27 febbraio 2007). Da notare che tali aree in vari casi non sono coerenti con l assetto e la geometria della formazione geologica produttiva. Il criterio utilizzato per il raggruppamento dei vari materiali nella legenda delle pietre ornamentali è di tipo litologico e genetico. Sono state individuate due grandi classi litologiche in cui rientrano la quasi totalità delle pietre ornamentali affioranti nella Regione Toscana: arenarie e calcari (nel caso delle rocce sedimentarie); metarenarie e metacalcari (nel caso delle rocce metamorfiche). Fanno eccezione: le rocce solfatiche rappresentate unicamente dal gesso alabastrino, coltivato nelle Province di Pisa e Siena caratterizzate da una complessa genesi e coltivate in Provincia di Firenze e Prato. Costituiscono un gruppo a parte le pietre ornamentali di origine magmatica che annoverano i Graniti dell Elba e due tipologie di materiali vulcanici e le brecce ofiolitiche associate alle unità tettoniche Liguri. Vengono di seguito descritte alcune caratteristiche, note storiche e impieghi delle varie tipologie di pietre ornamentali coltivate nel territorio della Regione Toscana. 3

4 2 Arenarie Le arenarie affiorano diffusamente nel territorio della Regione Toscana prevalentemente in corrispondenza del crinale appenninico. Sono numerose le formazioni geologiche esclusivamente o prevalentemente caratterizzate da questo litotipo, come ad esempio il Macigno, le Arenarie di Monte Modino, le Arenarie del Gottero, le Arenarie del Cervarola, la Pietraforte. Tali materiali vengono utilizzati come pietre ornamentali nell edilizia e nei manufatti quando lo spessore delle bancate arenacee, le caratteristiche chimico fisiche ed estetiche sono tali da consentirne vantaggiose attività commerciali. Fra le arenarie utilizzate come pietre ornamentali nella Regione Toscana la Pietra Serena è certamente il materiale più noto. Numerose cave furono aperte nel territorio limitrofo alla città di Firenze fin dal periodo etrusco-romano, con un grande sviluppo nel Rinascimento, per innumerevoli realizzazioni di architettura ed edilizia del capoluogo granducale, tra cui si possono ricordare il Porticato degli Uffizi, le chiese di S. Lorenzo e di S. Spirito e molti altri. Le cave originarie, oggi tutte dimesse, si ritrovano nelle due principali località di Monte Ceceri, nei pressi di Fiesole e nelle cave della località della Gonfolina, nei pressi di Montelupo Fiorentino, ed inoltre nei pressi di Settignano aperte a partire dal XV secolo, furono poi riservate ai richiedenti da parte del granduca di Toscana con lo sviluppo di una importante tradizione di scalpellini. Altre zone di minore interesse in cui è stata estratta la Pietra Serena si trovano in provincia di Grosseto (Scarlino), a Carmignano presso Prato, a Larciano e Vellano presso Pistoia, Cortona e Battifolle presso Arezzo. Le cave nella zona della Gonfolina sono ubicate nella porzione superiore della formazione del Macigno appartenete all unità tettonica della Falda Toscana, mentre per l area delle cave di Fiesole è stato riconosciuto un passaggio stratigrafico verso le Arenarie di Monte Modino, caratterizzato da strati arenacei di spessore variabile tra 1 e 5 metri, separati da livelli argillitici submetrici. Nella provincia di Lucca la formazione del Macigno è coltivata e commercializzata come Pietra di Matraia località situata nel versante del M.te Gromigno. Il comparto estrattivo della Pietra Serene di Firenzuola è ubicato nella provincia di Firenze e costituisce uno dei settori estrattivi più importanti della Toscana dopo le Alpi Apuane, situate nel comune omonimo. Dal punto di vista geologico le cave ricadono tutte nella formazione Marnoso Arenacea appartenente all unità tettonica Umbro-Marchigiana e caratterizzata da alternanze di marne siltose e arenarie a cemento calcareo. Innumerevoli sono le realizzazioni effettuate con questo materiale tra cui si possono citare le pavimentazioni e arredi dell Università Bocconi di Milano e dell Apple Retail Store di New York, del Palazzo Samsung a Seul (Corea) e delle pavimentazioni delle principali piazze di Trieste e Genova. La formazione delle Arenarie di Manciano è estratta in alcune cave (attualmente attive) nel territorio del comune di Manciano in provincia di Grosseto con produzione annuale di circa tonnellate. Dal punto di vista geologico la formazione è costituita da un arenaria calcarea-feldspatico-quarzosa, con alto tenore in carbonato di calcio, con colore variabile dal grigio (Grigio Perla) al bruno-giallastro con zonature (Pietra Dorata) fino a marrone. Il materiale presenta buone caratteristiche fisico-meccaniche che ne rendono adatto l uso architettonico anche per esterni. Numerose realizzazioni anche internazionali hanno reso l impiego della pietra di Santafiora, anche nella nuova edilizia e architettura fiorentina e di altre città (Università di Firenze, Palazzo di Giustizia e Teatro della Compagnia, Sede centrale Gucci, Casinò di Campione d Italia, Palazzo De Cecco di Pescara). 4

5 Altra tipologia di arenarie utilizzate come pietre ornamentali è la Pietraforte costituita da arenarie con relativamente alto tenore in carbonati, a grana fine, con frequenti vene di calcite, laminazioni convolute e tipica colorazione ocra superficiale. Nell edilizia del capoluogo toscano sono presenti importanti realizzazioni tra le quali si segnalano: Palazzo Pitti, Palazzo Strozzi, Palazzo Vecchio, Orsanmichele, Biblioteca Nazionale, Ponte alla Carraia,Palazzo Bargello, Stazione di S.Maria Novella. Numerose cave storiche oggi dimesse si ritrovano nell area fiorentina (es. in località Boboli e Monteripaldi) mentre le attuali cave si trovano nel territorio di Pontassieve e Rignano sull Arno, Reggello e Greve in Chianti. Affioramenti sfruttati per cave di Pietraforte si ritrovano anche nella provincia di Grosseto (Santa Fiora, Arcidosso) e nelle aree di Poppi (Casentino). In provincia di Massa Carrara sono commercializzate le Arenarie della Lunigiana o Pietra della Lunigiana: Arenarie di Fivizzano e di Pontremoli. La diffusa presenza di affioramenti di arenaria in Lunigiana ha fatto sì che dell'impiego di questa pietra nel corso dei secoli si trovino molteplici attestazioni, sia nell'edilizia che in manufatti. La forte emigrazione e le trasformazioni economiche del Novecento, con il conseguente abbandono dell'attività agricola, hanno profondamente modificato il paesaggio nel quale la vegetazione spontanea ha invaso ogni ambito, cancellando i segni della presenza dell uomo e tra gli altri anche quelli dell' estrazione della pietra. Degne di nota sono le arenarie metamorfiche della formazione dello Pseudomacigno, coltivate nella zona meridionale delle Alpi Apuane, costituito a una alternanza di livelli di metarenarie e di metasiltiti. La porzione arenacea, denominata Pietra del Cardoso, viene estratta in banchi compatti di colore grigio chiaro fino a grigio scuro. Le metasiltiti sono caratterizzate da colore nero-grigio scuro e sono conosciute con il nome di Ardesia Apuana. Le cave sono tutte comprese nel territorio del comune di Stazzema e sono attualmente 8 con una forza lavoro di circa addetti e una produzione complessiva di circa tonnellate annue. La Pietra del Cardoso costituisce un materiale ornamentale di buon pregio con caratteristiche fisico meccaniche superiori a quelle delle corrispondenti arenarie toscane non metamorfiche della tipologia della Pietra Serena. Le ardesie delle Alpi Apuane, attualmente non coltivate, costituiscono l equivalente metamorfico della Lavagna estratta da molti secoli dalla località omonima della Liguria orientale. La Pietra di Guamo viene estratta dalle Quarziti bianco-rosa affioranti nei Monti Pisani, nei Comuni di San Giuliano, di Lucca, di Calci, di Buti e di Capannori. Molti edifici medioevali e di epoca successiva, in Pisa e Lucca, hanno la struttura portante e molti elementi architettonici realizzati con quarziti. Le cave di quarziti sono situate sul versante Nord dei Monti Pisani, tra Guamo e Pieve di Compito, da dove proviene la maggior parte della pietra utilizzata nell'area di Lucca. Si tratta della Pietra di Guamo o Pietra Bigia, quarzite di colore uniforme generalmente grigio, talvolta con tonalità rossastre. 5

6 3 Calcari Nella Regione Toscana la maggiore produzione di rocce calcaree come pietre ornamentali è attribuibile ai rinomatissimi marmi apuani, coltivati nelle provincie di Massa - Carrara e Lucca, dove l estrazione di pietre ornamentali è caratterizzata da una storia secolare, con produzione di una grande varietà di marmi che non trova eguali altrove. L escavazione del marmo in questa zona è passata nel tempo, dal punto di vista occupazionale, da un attività decisamente di massa ad un attività più ristretta. Il numero degli addetti, stimabile agli inizi del 900 intorno alle 9000 unità, è sceso al disotto delle 1000 unità nei giorni nostri. Parallelamente la produzione di marmo è aumentata in modo vertiginoso: agli inizi degli anni 80 viene superato di ton/anno e a metà degli anni ton/anno. Ancor più accentuata è la crescita della produttività, essendo passata dalle 70 ton/anno per addetto del dopo guerra a le oltre 1000 ton/anno per addetto attuali. Nelle Alpi Apuane all interno delle sequenze metasedimentarie che caratterizzano l Unità di Massa e l Autoctono auct. sono presenti, a differenti livelli stratigrafici marmi, metabrecce e calcescisti dai quali viene estratta una vasta gamma di pietre ornamentali. Nell Autoctono auct. litologie marmoree (marmi e metabrecce mono o poligeniche) caratterizzano sia formazioni triassiche (Formazione di Vinca, Brecce di Seravezza, Marmi a Megalodonti) che formazioni del Lias inferiore (Marmi Dolomitici, Marmi e Marmo Zerbino). Marmi impuri, metabrecce poligeniche e calcescisti si trovano in diverse formazioni del Dogger e del Cretaceo (Calcescisti, Formazione di Arnetola e Cipollini). Nell Unità di Massa litologie marmoree caratterizzano invece la formazione dei Marmi a Crinoidi del Trias medio. I marmi apuani sono comunemente considerati un materiale naturale isotropo di composizione monomineralica (CaCO3 > 98%,) caratterizzata, dal punto di vista microstrutturale, da una struttura granoblastica poligonale. Allo scopo di definire una legenda delle varietà merceologiche di marmo utilizzabile a scala dell intero bacino marmifero apuano, è stata qui considerata una varietà merceologica come una unità litostratigrafica informale che rappresenta un corpo roccioso distinguibile e separabile da quelli adiacenti in funzione di una generale omogeneità litologica e anche per la presenza di altri caratteri peculiari, quali per esempio la loro utilità o interesse economico. Una varietà merceologica di marmo può essere quindi completamente descritta e separata da quelle adiacenti in base a caratteri che sono, da un lato, strettamente litologici (es: metacalcare, metabreccia, calcescisto, ecc.), dall altro propriamente commerciali-estetici (es: colore e disegno), a prescindere dal suo significato stratigrafico. Questo ha come diretta conseguenza che la stessa tipologia di marmo può essere riconosciuta e cartografata in differenti posizioni stratigrafiche all interno della successione metamorfica apuana. I caratteri litologici presi in considerazione per definire le varietà merceologiche sono frutto di osservazioni a scala dell affioramento e analisi al microscopio ottico e riguardano: i) il litotipo predominante (es: marmo, marmo impuro, metabreccia mono - o poligenica, calcescisto etc ); ii) la struttura della roccia (es: roccia omogenea o anisotropa); iii) la dimensione media dei cristalli di calcite (grana fine < 150 µ m, grana media µm, grana grossa > 350 µm); iv) la composizione mineralogica; v) nel caso di metabrecce, il rapporto tra clasti e matrice (tessiture casto sostenute o matrice sostenute). I parametri estetici presi in considerazione sono invece rappresentati dal colore e dal disegno. Il colore risulta spesso un fattore discriminante e, nei marmi, è in genere dovuto alla presenza di microcristalli di ematite (colorazione dal rosa al rosso vivo), ossidi di manganese (dal rosso scuro al viola), idrossidi di ferro (dall arancione al giallo), clorite (toni del verde) ecc., omogeneamente diffusi 6

7 all interno della roccia o concentrati nella matrice. Il disegno è definito dalla dimensione, forma, orientazione e disposizione relativa degli elementi che sostituiscono il materiale (es: forma dei clasti di una metabreccia, disposizione spaziale delle venature). In base ai criteri sopra esposti sono 14 le unità litostratigrafiche informali che rappresentano le diverse varietà merceologiche presenti all interno del bacino marmifero delle Alpi Apuane. Le 14 varietà merceologiche sono state suddivise, in base alle loro caratteristiche generali, in 5 gruppi: marmi brecciati, marmi bianchi, marmi grigi e venati, marmi cipollini e marmi storici. Nella legenda allegata sono descritte le caratteristiche delle seguenti varietà dei marmi apuani: marmi brecciati (Arabescato, Brecce rosse, Calacatta e Fantastico), marmi bianchi (Ordinario, Statuario e Bianco), marmi grigi e venati (grigio, venato e zebrino), marmi cipollini, marmi storici (Brecce di Seravezza, Nero di Colonnata, Rosso Rubino) e marmi n.c. relative ad aree con varietà merceologiche non determinate per inacessibilità dei luoghi o aree storicamente non interessate da importante attività estrattiva. La cartografia proposta relativa ai marmi apuani fa riferimento al precedente progetto realizzato dal Centro di GeoTecnologie denominato Carta giacimentologica dei marmi delle Alpi Apuane a scala 1: e della sua informatizzazione. A completare l elenco dei marmi toscani sono stati considerati i marmi gialli coltivati presso la Montagnola senese (varietà marmi di Gallena e giallo Siena) e i marmi di Campiglia Marittima caratterizzati da una genesi da ricondurre a processi di metamorfismo di contatto. Degni di nota sono anche i calcari non metamorfici utilizzati come pietre ornamentali quali Travertini coltivati nelle provincie di Siena e Grosseto, e i vari rossi quali ad esempio Rosso Collemandina, Rosso di Castelpoggio. In alcuni casi si tratta di materiali storici non più coltivati e dei quali sono stati commercializzati solo poche tonnellate di pietra, di seguito ne vengono descritte alcune tipologie tra le più conosciute; solo alcune sono state cartografate nelle carte delle pietre ornamentali. Le cave del Rosso Collemandina sono situate in provincia di Lucca, a pochi chilometri di distanza da Castelnuovo Garfagnana. Le cave attualmente attive, sia a cielo aperto che in sotterraneo, si ritrovano nelle vicinanze del paesino di Sassorosso, ubicato lungo la strada provinciale per il Passo delle Radici, costruito in gran parte con la pietra rossa locale. Le cave sono state aperte nella formazione del Rosso Ammonitico appartenente all unità tettonica della Falda Toscana. Il materiale fu coltivato almeno fino dal XIII secolo anche per gli arredi, intarsi e rivestimenti del duomo di Lucca. Il Calcare denominato Portasanta di Gavorrano è coltivato in località Caldana presso il paese di Gavorrano in provincia di Grosseto. Si tratta delle più importanti cave di questi litotipi in Toscana, ed hanno fornito numerose realizzazioni soprattutto per l edilizia religiosa e gli arredi di Firenze e di Siena, fornendo un materiale pregiato presso vari monumenti quali il Duomo di Siena, la galleria della Specola e la galleria Palatina a Firenze. Il materiale divenne importante nel rinascimento come materiale sostitutivo del marmo antico Portasanta dell isola di Chio in Grecia, che fornì i portali della Porta Santa in Vaticano. Le cave furono aperte almeno dal 1543 e la fine delle attività è conosciuta nel periodo I siti di cava principali sono due, che sfruttavano livelli di calcari rosati e grigi, con brecce autoclastiche, inquadrabili in prossimità del contatto stratigrafico tra Calcari massicci e Rosso ammonitici dell unità tettonica della Falda Toscana. Dell industria del marmo Rosso di Castelpoggio, paese situato tra Carrara e Fosdinovo in provincia di Massa-Carrara, le prime notizie appaiono nella prima metà del XVI sec. Una prima attribuzione sicura a questo 7

8 materiale è stata fatta sui pannelli e rivestimenti delle nicchie per una statua di S.Agostino nella Chiesa della SS.Annunziata della città di Pontremoli, in alta Lunigiana. La realizzazione fu compiuta dallo scultore di Carrara Pietro Aprile nel 1526 con precedenti attribuzioni a Jacopo Sansovino o al Tribolo. Costituiscono una curiosità i calcari rosati denominati marmi Rosso Amiata le cui prime vicende storiche conosciute sull'attività di escavazione dei marmi rossi di Roccalbegna iniziano nel 1930 circa con la costituzione di una società "Anonima Marmifera Amiatina" con sede ad Arcidosso, che iniziò la coltivazione del giacimento di calcare Rosso Ammonitico in livelli verticali di circa 30 metri, presenti nell'area degli speroni rocciosi calcarei di Poggio al Sasso, a sud del paese di Roccalbegna e alla confluenza tra l'omonimo fiume e il Fosso Rigo. Con il nome di Pietra Volterrana o Pietra di Montaione ci si riferisce a calcareniti ricementate coltivate e utilizzate nella zona di Montaione in Provincia di Pisa dove appartenenti alla formazione delle Sabbie Plioceniche. Potenti bancate affiorano nella località Bosco, a sud di Montaione, dov è stato individuato un affioramento che è preso come riferimento per l'escavazione saltuaria di questo materiale da utilizzare per il recupero e la manutenzione dei nuclei storici della zona. I travertini sono pietre ornamentali molto diffuse estratte nella Toscana centro meridionale nelle Provincie di Siena e Grosseto. Si tratta di rocce di origine chimica e chimico-detritica che si formano per sedimentazione di carbonato di calcio da acque, termali o fredde, sature. Il deposito avviene sotto forma di una melma dalla quale deriva per solidificazione la pietra compatta. La presenza nella roccia di cavità vacuolari più o meno piccole è dovuta principalmente a tre fattori: alla presenza di vegetazione o residui di quest ultimi sul luogo di deposito, al chimismo delle acque circolanti e alla riprecipitazione di carbonato di calcio. Lo spessore dei banchi di travertino è assai variabile e dipende dalla continuità della disposizione carbonatica nel tempo. Il bacino estrattivo di Rapolano Terme, in provincia di Siena, rappresenta il più importante giacimento di travertini italiani dopo quelli delle Acque Albule di Tivoli nel Lazio. Il Travertino di Rapolano terme è caratterizzato da colore beige avorio a plaghe con tonalità più o meno intense con locali aree grigio scure. Può essere costituito anche da alternanze di lamine da micrometriche a centimetri che con andamento sub parallelo di colore variabile tra bianco avorio, il giallo arancio ed il bruno (varietà Travertino di Rapolano nocciolato venato). Esiste infine una varietà denominata Travertino di Rapolano scuro di colore brunastro con plaghe più o meno scure, localmente tendenti al bianco avorio. Le attività di coltivazione dei travertini, nota almeno dal XIV sec. ma con reperti di età etrusco-romana e con primi documenti ufficiali risalenti al 1597, è iniziata a livello industriale negli anni 20 del XX sec. Le due aree principali di estrazione dei travertini sono la zona dell abitato di S.Andrea e delle terme di Rapolano, dove furono lavorate le cave più antiche, oggi quasi tutte inattive e le nuove aree estrattive delle Querciolaie e cave Oliviera. A partire dagli anni 90 del secolo scorso l attività estrattiva delle cave di Rapolano ha avuto un forte incremento di interesse a causa della variabilità delle colorazioni dei travertini, che consentono, soprattutto nella lavorazione in falda, una grande disponibilità di varietà commerciali. Il bacino estrattivo dei travertini di Montemerano e situato nel comune di Manciano, in provincia di Grosseto. Il giacimento è stato scoperto attorno al 1930 ed è stato sfruttato a livello industriale a partire dalle attività della società Montecatini, successivamente rilevata dalle aziende minerarie di stato AMMI, poi IMEG, soprattutto durante gli anni 1970 e

9 La varietà del Travertino di Montemerano bianco Maremma è costituito da lamine da millimetriche a centimetri che ad andamento sub parallelo, localmente ondulate, di colore variabile da beige a bianco avorio e bruno. Presso San Casciano dei Bagni è estratta una varietà caratterizzata da una porosità diffusa di colore beige rosato di aspetto eterogeneo con locali concentrazioni di minerali opachi e di clasti anche subcentimetrici. Il travertino è utilizzato per rivestimenti e pavimentazioni di interni ed esterni; o impiegato per soglie, balaustre, colonne ed altri elementi architettonici, per l'oggettistica di arredo e nell'ornato. Molte realizzazioni internazionali del periodo IMEG e successivi sono note con questi materiali (Palazzo presidenziale del Camerun, Sede del Sultanato del Brunei, Pasadena Tower, Grady Memorial Hospital di Pasadena, Biocenter di Copenhagen). 9

10 4 Alabastri Dal punto di vista mineralogico l alabastro è una varietà microcristallina di gesso. I microcristalli di gesso sono isorientati e consentono il trasferimento della luce da cui il termine di Pietra della Luce. L alabastro ha proprietà fisico meccaniche che lo collocano tra i materiali teneri (II grado della scala di Mohs) ciò che lo rende, insieme alla tessitura cristallina, facilmente lavorabile. Il gesso cristallizza nel sistema monoclino in cristalli limpidi e allungati, si sfalda in lamine sottilissime leggermente flessibili, ma non elastiche; è trasparente con trasparenza vitrea, spesso madreperlacea sulle superfici di sfaldatura. Dal punto di vista commerciale sono conosciuti quattro tipologie di alabastri: il così detto Scaglione, alabastro traslucido proveniente dalle cave di Castellina Marittima; la Pietra a Marmo, bianca e opaca; il Bardiglio; caratterizzato dalla presenza di venature scure a seconda delle impurità contenute e l Agata, di colore tra il rosso e il marrone dovuto alla presenza di ossidi di ferro e manganese. Gli alabastri in Toscana sono principalmente rappresentati dai giacimenti del senese (Radicondoli, Chiusdino) ed in quelli del Volterrano, in provincia di Pisa (Volterra, Pomarance, Montecatini Val di Cecina, Bibbona). L alabastro generalmente si presenta in blocchi ovoidali incassati in una matrice argilloso-gessosa. che vengono estratti scalzandoli dalla roccia e liberandoli dal guscio che li riveste. Le alabastrini, anche dette in modo improprio "onici", presentano colori assai variabili che vanno dal nocciola chiaro, al marrone, al rossastro, al nero ed assumono con la lucidatura un aspetto assai caratteristico. Possono essere segati anche in lastre di pochi millimetri per applicazioni su supporti di travertino o di altri materiali che ne fanno da base per lavori a mosaico. Vengono anche utilizzate per lavori di pregio, tavoli, anfore, suppellettili, manufatti di arredo. 10

11 5 Rocce magmatiche Tra le rocce magmatiche coltivate nel territorio della Regione Toscana troviamo rappresentate le rocce intrusive (ad esempio Granito dell Elba), le rocce effusive prevalentemente di natura lavica (ad esempio Peperino del Mote Amiata) e le rocce verdi appartenenti al complesso ofiolitico ligure. Il granito dell'isola d'elba che costituisce l ossatura del Monte Capanne, è una roccia ignea intrusiva riferibile ad una granodiorite formata da plagioclasio andesitico nettamente prevalente, e da ortose, quarzo e biotite. La coltivazione del "granito" elbano, è avvenuta prevalentemente nel versante Sud del Monte Capanne, presso S. Ilario, S. Piero, Seccheto e Pomonte, nella fascia mediana della cupola granodioritica. La pietra si presente cristallina a grana medio piccola, di colore bianco con uniforme punteggiatura nera che conferisce alla roccia un aspetto così detto sale e pepe. Le rocce vulcaniche del M. Amiata hanno un aspetto massiccio con strutture fluidali spesso caratterizzate da intensa fratturazione; queste caratteristiche permettono una facile lavorabilità che viene impiegata per la produzione di bozze e conci da costruzione. L'escavazione si è sempre concentrata nei lembi più bassi delle colate tardive sia per la maggior facilità di lavorazione delle vulcaniti sia per la loro abbondanza. L'area del cono vulcanico del Monte Amiata è compresa nei comuni di Arcidosso, Castel del Piano, Abbadia S. Salvatore, Piancastagnaio, Seggiano e S.Fiora. Gli affioramenti di rocce vulcaniche (rioliti) presso Roccatederighi, Roccastrada e Torricella si presentano in affioramenti discontinui, spesso alterati. Generalmente la durezza della roccia probabilmente ne ha limitato l'impiego in epoche antiche; l'uso in bozze e conci da costruzione è da riferire all avvento degli esplosivi. La denominazione di Verde di Prato e storicamente assegnato alle rocce verdi (ofioliti) costituite dalle Serpentiniti del Dominio Ligure Interno, associate a gabbri e basalti, incluse nella Formazione del Monte Morello e affioranti nell area di Figline e del Monte Ferrato, nei dintorni di Prato. Lo sfruttamento con numerose cave delle serpentiniti ha avuto inizio nel medioevo con notizie dal XI secolo, per la realizzazione di conci murari, lastre da rivestimento e arredi religiosi delle chiese e cattedrali di Prato, di Pistoia, Pisa e della cattedrale di S. Maria del Fiore a Firenze. Materiale fratturato ma piuttosto compatto per utilizzi in conci, e stato distinto in varie qualità denominate ranocchiaia, marmo Nero di Prato, Pietra Nera di Paragone, mentre i gabbri,cavati per scopi di edilizia come inerti, furono denominati granitone. Le attività estrattive moderne, effettuate su 3-4 cave a cielo aperto, è proseguita fino agli anni 70 del secolo scorso. In molte altre località della Toscana con affioramenti di serpentiniti e oficalciti sono state tentate escavazioni per pietre ornamentali. Tra le aree più significative possono essere citate quelle di alcune cave della località Gabbro, in provincia di Livorno, attive fino al 1980 (Verde Etrusco) ; nella zona di Vallerano di Murlo (Siena) alcune cave hanno fornito produzioni limitate di blocchi e conci per i rivestimenti e arredi del Duomo di Siena. Nell area dei Monti Rognosi in provincia di Arezzo (nel comune di Anghiari) sono note limitate produzioni di oficalciti rosso-verdi denominate Rosso di San Sepolcro. Segue Tabella riassuntiva delle tavole della Carta delle Pietre Ornamentali: 11

12 Numero progressivo delle Carte tematiche, Comune interessato, Pietra ornamentale e sigla corrispondente. 12

13 N tav. Comune Pietra ornamentale Sigla Tav 1 Pontremoli ARENARIA DI FIVIZZANO, ARENARIA DI PONTREMOLI, PIETRA DI LUNIGIANA ap Tav 2 Fivizzano ARENARIA DI FIVIZZANO, ARENARIA DI PONTREMOLI, PIETRA DI LUNIGIANA ap Tav 3 Camporgiano ARENARIA DI FIVIZZANO, ARENARIA DI PONTREMOLI, PIETRA DI LUNIGIANA ap Tav 4 Villa Collemandina ROSSO COLLEMANDINA, R. ANTICO DI MONSUMMANO, R. DI SASSETTA, R.LUCESE, R. AMIATA, R. DI MONTIERI rc Tav 5 Fosciandora ROSSO DI CASTELPOGGIO, ROSSO DI MONTERANTOLI, ROSSO MONSUMMANO rm Tav 6 Sambuca Pistoiese (1) PIETRA SERENA ps Tav 7 Firenzuola (1) PIETRA DI FIRENZUOLA pz Tav 8 Firenzuola (2) PIETRA SERENA ps Tav 9 Firenzuola Palazzuolo sul Senio (1) PIETRA DI FIRENZUOLA pz Tav 10 Firenzuola Palazzuolo sul Senio (2) PIETRA DI FIRENZUOLA pz Tav 11 Palazzuolo sul Senio _ Marradi PIETRA DI FIRENZUOLA pz Tav 12 Sambuca Pistoiese (2) PIETRA SERENA ps Tav 13 Pescia PIETRA SERENA ps Tav 14 Capannori (1) PIETRA DI MATRAIA pm Tav 15 Pontassieve PIETRA DI SANTA BRIGIDA pb Tav 16 Capannori (2) PIETRA DI GUAMO pg Tav 17 Sestino PIETRA SERENA ps Tav 18 Reggello PIETRAFORTE - PIETRA SERENA pf - ps Tav 19 Loro Ciuffenna PIETRA SERENA ps Tav 20 Greve in Chianti PIETRAFORTE - PIETRA SERENA pf - ps Tav 21 Montaione PIETRA VOLTERRANA, PIETRA DI MONTAIONE pv Tav 22 Volterra (1) GESSO ALABASTRINO ga Tav 23 Santaluce GESSO ALABASTRINO ga Tav 24 Montecatini Val di cecina GESSO ALABASTRINO ga Tav 25 Pomarance GESSO ALABASTRINO ga Tav 26 Volterra (2) GESSO ALABASTRINO ga Tav 27 Bibbona GESSO ALABASTRINO ga Tav 28 Casole d'elsa _ Radicondoli GESSO ALABASTRINO ga Tav 29 Casole d'elsa MARMI DI GALLENA gl Tav 30 Sovicille (1) MARMI DI GALLENA - GIALLO SIENA gl - gs Tav 31 Sovicille (2) MARMI DI GALLENA - GIALLO SIENA gl - gs Tav 32 Rapolano _ Asciano (1) TRAVERTINO DI RAPOLANO TERME tr Tav 33 Rapolano _ Asciano (2) TRAVERTINO DI RAPOLANO TERME tr Tav 34 Montieri _ Chiusdino GESSO ALABASTRINO ga Tav 35 Chiusdino GESSO ALABASTRINO ga Tav 36 Roccastrada RIOLITE ri Tav 37 Castagneto Carducci MARMI DI CAMPIGLIA MARITTIMA cm 13

14 Tav 38 Suvereto MARMI NOISETTE FLEURY, GRIGIO FIOR DI BOSCO, PORTASANTA DI GAVORRANO nf Tav 39 San Caciano dei Bagni TRAVERTINO SCABAS, TRAVERTINO ROSA ts Tav 40 Castel del Piano _ Arcidosso PEPERINO th Tav 41 Manciano (1) TRAVERTINO DI MONTEMERANO tm Tav 42 Manciano (2) TRAVERTINO DI MONTEMERANO tm Tav 43 Manciano (3) PIETRA DORATA, PIETRA DI SANTA FIORA, GRIGIO PERLA pd Tav 44 Marciana GRANITO DELL ISOLA D ELBA gi Tav 45 Campo nell'elba GRANITO DELL ISOLA D ELBA gi Tav 46 Minucciano MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 47 Fivizzano MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 48 Vagli MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 49 Minucciano _ Massa MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 50 Carrara _ Fivizzano MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 51 Molazzana _ Vergemoli MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 52 Vagli _ Stazzema _ Careggine MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 53 Carrara _ Massa MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 54 Massa (1) MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 55 Stazzema MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 56 Montignoso _ Seravezza MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 57 Massa (2) MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 58 Stazzema _ Vergemoli MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 59 Stazzema PIETRA DEL CARDOSO - ARDESIA APUANA cd - aa Tav 60 Pietrasanta _ Stazzema MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 61 Seravezza _ Pietrasanta MARMI APUANI s.l. or - st - ecc. Tav 62 Scarlino PIETRA SERENA ps Tav 63 Montemurlo _ Prato VERDE PRATO, VERDE ETRUSCO, ROSSO DI SAN SEPOLCRO vp Tav 64 Livorno _ Collesalvetti _ Rosignano VERDE PRATO, VERDE ETRUSCO, ROSSO DI SAN SEPOLCRO vp Tav 65 Anghiari VERDE PRATO, VERDE ETRUSCO, ROSSO DI SAN SEPOLCRO vp Tav 66 Monsummano _ Terme ROSSO DI CASTELPOGGIO, ROSSO DI MONTERANTOLI, ROSSO MONSUMMANO rm Tav 67 Fosdinovo _ Carrara ROSSO DI CASTELPOGGIO, ROSSO DI MONTERANTOLI, ROSSO MONSUMMANO rm Tav 68 Gavorrano MARMI NOISETTE FLEURY, GRIGIO FIOR DI BOSCO, PORTASANTA DI GAVORRANO nf Tav 69 Camaiore ROSSO COLLEMANDINA, R. ANTICO DI MONSUMMANO, R. DI SASSETTA, R.LUCESE, R. AMIATA, R. DI MONTIERI rc Tav 70 Roccalbegna _ Semproniano ROSSO COLLEMANDINA, R. ANTICO DI MONSUMMANO, R. DI SASSETTA, R.LUCESE, R. AMIATA, R. DI MONTIERI rc 14

ANBI - Associazione Nazionale, Bonifiche, Irrigazioni e Miglioramenti Fondiari

ANBI - Associazione Nazionale, Bonifiche, Irrigazioni e Miglioramenti Fondiari Elenco Destinatari LIVELLO REGIONALE REGIONE TOSCANA Direzione Generale Presidenza Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e Cambiamenti Climatici Direzione Generale Governo del Territorio Settore

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLE ATTIVITA ESTRATTIVE DI RECUPERO DELLE AREE ESCAVATE E DI RIUTILIZZO DEI RESIDUI RECUPERABILI (PRAER) Documento Preliminare

PIANO REGIONALE DELLE ATTIVITA ESTRATTIVE DI RECUPERO DELLE AREE ESCAVATE E DI RIUTILIZZO DEI RESIDUI RECUPERABILI (PRAER) Documento Preliminare GIUNTA REGIONALE Dipartimento Politiche Territoriali e Ambientali Area Infrastrutture PIANO REGIONALE DELLE ATTIVITA ESTRATTIVE DI RECUPERO DELLE AREE ESCAVATE E DI RIUTILIZZO DEI RESIDUI RECUPERABILI

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA Regione Toscana: informativa alla clientela per la sospensione delle rate dei mutui nei comuni alluvionati OCDPC n. 157 05/03/2014 Informativa alla Clientela per la sospensione delle

Dettagli

Elenco dei comuni appartenenti alla conferenza territoriale n. 1, denominata "Toscana Nord"

Elenco dei comuni appartenenti alla conferenza territoriale n. 1, denominata Toscana Nord Elenco dei comuni appartenenti alla conferenza territoriale n. 1, denominata "Toscana Nord" Abetone Aulla Bagni Di Bagnone Barga Borgo A Mozzano Camaiore Camporgiano Careggine Carrara Casola In Lunigiana

Dettagli

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre MATERIALI LAPIDEI 1. Caratteristiche e proprietà delle pietre - Classificazione e terminologia - Proprietà principali delle pietre e loro influenza sul tipo di impiego 2. Estrazione e lavorazione dei materiali

Dettagli

REGOLAMENTO 58R DEL 22 OTTBRE 2012 ED AGGIORNAMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA, DEL. GRT N 878 DEL 08 OTTOBRE 2012

REGOLAMENTO 58R DEL 22 OTTBRE 2012 ED AGGIORNAMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA, DEL. GRT N 878 DEL 08 OTTOBRE 2012 GENIO CIVILE DI AREA VASTA FIRENZE, PRATO, PISTOIA ED AREZZO. COORDINAMENTO REGIONALE PREVENZIONE SISMICA. REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE TERRITORIALI ED AMBIENTALI E PER LA MOBILITA

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

LE VARIETÁ COMMERCIALI

LE VARIETÁ COMMERCIALI LE VARIETÁ COMMERCIALI PIETRE ORNAMENTALI ITALIANE I MARMI ANTICHI IN ITALIA L Italia da sempre rappresenta il paese culturalmente ed economicamente più importante nel campo delle pietre ornamentali in

Dettagli

LA CARTA DELLE PIETRE ORNAMENTALI DELLA REGIONE TOSCANA: ESEMPIO DI UTILIZZO APPLICATIVO DEL CONTINUUM GEOLOGICO REGIONALE

LA CARTA DELLE PIETRE ORNAMENTALI DELLA REGIONE TOSCANA: ESEMPIO DI UTILIZZO APPLICATIVO DEL CONTINUUM GEOLOGICO REGIONALE LA CARTA DELLE PIETRE ORNAMENTALI DELLA REGIONE TOSCANA: ESEMPIO DI UTILIZZO APPLICATIVO DEL CONTINUUM GEOLOGICO REGIONALE GIOVANNI MASSA (*), SERGIO MANCINI (*), LAILA GIANNETTI (*), DEBORA GRAZIOSI (*),

Dettagli

Province di Firenze, Arezzo, Lucca, Massa Carrara, Pistoia e Prato

Province di Firenze, Arezzo, Lucca, Massa Carrara, Pistoia e Prato Giugno 2015 Informiamo che in seguito alle eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nelle Province di Firenze, Arezzo, Lucca, Massa Carrara, Pistoia e Prato il giorno 5 marzo 2015, la Presidenza

Dettagli

Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito

Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito Sergio Mancini geologo - Università di Siena Nell entroterra della provincia di La

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

Eventi Alluvionali Verificatisi Nella Regione Toscana Il 20, 21 E 24 Ottobre 2013.

Eventi Alluvionali Verificatisi Nella Regione Toscana Il 20, 21 E 24 Ottobre 2013. Eventi Alluvionali Verificatisi Nella Regione Toscana Il 20, 21 E 24 Ottobre 2013. In attuazione della delibera del Consiglio dei Ministri del 15 novembre 2013 che ha dichiarato lo stato di emergenza per

Dettagli

Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI. prof. ing. Vincenzo Sapienza

Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI. prof. ing. Vincenzo Sapienza Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI prof. ing. Vincenzo Sapienza CICLO LITOLOGICO COMPOSIZIONE CHIMICA DELLE ROCCE Gli elementi più diffusi nelle rocce,

Dettagli

SOCIETÀ DELLA SALUTE l evoluzione dei servizi territoriali in Toscana

SOCIETÀ DELLA SALUTE l evoluzione dei servizi territoriali in Toscana SOCIETÀ DELLA SALUTE l evoluzione dei servizi territoriali in Toscana Mettere insieme soggetti e competenze per avvicinare i servizi alle persone. Realizzazione e stampa Centro stampa Giunta Regione Toscana

Dettagli

OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico 2013-14 alla Società

OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico 2013-14 alla Società Firenze, 18 settembre 2013 OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico alla Società Consortile Energia Toscana. Esito gara. Il giorno 14 Agosto 2013, si è formalmente chiusa

Dettagli

ELENCO CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL GRT 431/06

ELENCO CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL GRT 431/06 AREZZO Stia 2 Pratovecchio 2 Poppi 2 Bibbiena 2 Chiusi della Verna 2 Castel San Niccolo' 2 Montemignaio 2 Sestino 2 Pieve Santo Stefano 2 Badia Tedalda 2 Ortignano Raggiolo 2 Caprese Michelangelo 2 Chitignano

Dettagli

( # ) &(( * +, $ )' -! " # $. ( # / 0 &'$ (( * + 1 $2 0 0($. 0$3 0 ( (( 4 0!" # "$% &$ & ' # %#" " '' "5 5 ( $$6$3 ( $11$ " 4 0 $.

( # ) &(( * +, $ )' -!  # $. ( # / 0 &'$ (( * + 1 $2 0 0($. 0$3 0 ( (( 4 0! # $% &$ & ' # %#  '' 5 5 ( $$6$3 ( $11$  4 0 $. ! " # %&' ( # ) &(( * +, )' -! " #. ( # / 0 &' (( * + 1 2 0 0(. 03 0 ( (( 4 0!" # "% & & ' # %#" " '' ()*)))* "5 5 ( 63 ( 11 " 4 0. 7 4 7 ( + ' ",,*))) " 8 5 (( #. # 6 " - "5 9 " 4 9 " " - ":7 8 + " 5

Dettagli

STORIA DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA DELLA REGIONE TOSCANA

STORIA DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA DELLA REGIONE TOSCANA STORIA DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA DELLA REGIONE TOSCANA PROVINCIA DI AREZZO 1927 1937 1962 1982 2003 2006 ANGHIARI classificato in zona 2 declassificato non classificato riclassificato in zona 2 zona

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL TERRITORIO DELLA REGIONE TOSCANA 2014

AGGIORNAMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL TERRITORIO DELLA REGIONE TOSCANA 2014 AGGIORNAMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL TERRITORIO DELLA REGIONE TOSCANA 2014 ELENCO DEI COMUNI TOSCANI CON INDICAZIONE DELLA ZONA SISMICA DI APPARTENENZA (in grassetto i nuovi comuni istituiti

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLE ATTIVITA ESTRATTIVE DI RECUPERO DELLE AREE ESCAVATE E DI RIUTILIZZO DEI RESIDUI RECUPERABILI (PRAER) Documento Preliminare

PIANO REGIONALE DELLE ATTIVITA ESTRATTIVE DI RECUPERO DELLE AREE ESCAVATE E DI RIUTILIZZO DEI RESIDUI RECUPERABILI (PRAER) Documento Preliminare GIUNTA REGIONALE Dipartimento Politiche Territoriali e Ambientali Area Infrastrutture PIANO REGIONALE DELLE ATTIVITA ESTRATTIVE DI RECUPERO DELLE AREE ESCAVATE E DI RIUTILIZZO DEI RESIDUI RECUPERABILI

Dettagli

La formazione del Piano di Gestione delle acque. Elenco dei portatori d'interesse (stakeholders)

La formazione del Piano di Gestione delle acque. Elenco dei portatori d'interesse (stakeholders) La formazione del Piano di Gestione delle acque Elenco dei portatori d'interesse (stakeholders) Enti pubblici MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Direzione generale per la

Dettagli

LE PIETRE VERDI IN ITALIA

LE PIETRE VERDI IN ITALIA LE PIETRE VERDI IN ITALIA Generalità Nella Legge 257/92 era previsto (art.10) che le Regioni realizzassero il censimento dei siti interessati dalle attività di estrazione dell amianto. Nelle successive

Dettagli

Zonizzazione del territorio. Per l'individuazione delle zone e degli agglomerati si è fatto riferimento ai confini amministrativi a livello comunale.

Zonizzazione del territorio. Per l'individuazione delle zone e degli agglomerati si è fatto riferimento ai confini amministrativi a livello comunale. Allegato 1 Zonizzazione del territorio Il territorio regionale è stata suddiviso in zone e agglomerati secondo l art. 3 del D.Lgs. 155/2010 nel rispetto dei criteri di cui all appendice I dello stesso

Dettagli

I materiali estratti e lavorati da Toscana Pietra sono pietre arenarie, calcaree e altre tipiche della

I materiali estratti e lavorati da Toscana Pietra sono pietre arenarie, calcaree e altre tipiche della profilo aziendale i la storia La storia di Toscana Pietra inizia nel 1969 quando dopo anni di esperienza nell estrazione di pietra arenaria e calcarea, il signor Urbano Sercecchi fondò un azienda in grado

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

EVENTI ALLUVIONALI VERIFICATISI NELLA REGIONE TOSCANA IL 20, 21 E 24 OTTOBRE 2013.

EVENTI ALLUVIONALI VERIFICATISI NELLA REGIONE TOSCANA IL 20, 21 E 24 OTTOBRE 2013. EVENTI ALLUVIONALI VERIFICATISI NELLA REGIONE TOSCANA IL 20, 21 E 24 OTTOBRE 2013. In attuazione della delibera del Consiglio dei Ministri del 15 novembre 2013 che ha dichiarato lo stato di emergenza per

Dettagli

COMUNE di EMPOLI. Servizio Edilizia Privata. Comune di Bagno a Ripoli. comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it. Comune di Barberino di Mugello

COMUNE di EMPOLI. Servizio Edilizia Privata. Comune di Bagno a Ripoli. comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it. Comune di Barberino di Mugello COMUNE di EMPOLI Servizio Edilizia Privata Empoli, 07/07/2015 A: Comune di Bagno a Ripoli comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it Comune di Barberino di Mugello barberino-di-mugello@postacert.toscana.it

Dettagli

Ristrutturazione Vigneti

Ristrutturazione Vigneti Ristrutturazione Vigneti newsletter Agenzia regionale toscana per le erogazioni in agricoltura n. 5 - novembre 2004 OCM Vitivinicolo Regolamento CE n. 1493/1999 Riepilogo per provincia. (dati campagna

Dettagli

Laboratorio integrato di Rilievo e Restauro Modulo Restauro

Laboratorio integrato di Rilievo e Restauro Modulo Restauro UNIVERSITA DEGLI STUDI DICAGLIARI FACOLTA DI ARCHITETTURA Corso di Laurea magistrale in Architettura_LM4 a.a. 2013-2014 Laboratorio integrato di Rilievo e Restauro Modulo Restauro QUESTIONI DI RESTAURO

Dettagli

ALLEGATO A COMUNI IL CUI TERRITORIO E CLASSIFICATO INTERAMENTE O PARZIALMENTE MONTANO (Fonte: sistema informativo regionale)

ALLEGATO A COMUNI IL CUI TERRITORIO E CLASSIFICATO INTERAMENTE O PARZIALMENTE MONTANO (Fonte: sistema informativo regionale) ALLEGATO A COMUNI IL CUI TERRITORIO E CLASSIFICATO INTERAMENTE O PARZIALMENTE MONTANO (Fonte: sistema informativo regionale) La classificazione del territorio ai fini regionali, di seguito rappresentata

Dettagli

Dal 1977 specialisti nel Travertino, Marmi e Lapidei.

Dal 1977 specialisti nel Travertino, Marmi e Lapidei. ACQUASANTA MARMI s.r.l Dal 1977 specialisti nel Travertino, Marmi e Lapidei. ACQUASANTA MARMI s.r.l Nel territorio ascolano ed in particolare ad Acquasanta Terme ha sede la nostra ditta. Questi luoghi

Dettagli

5.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 DELIBERAZIONE 26 novembre 2012, n. 1019

5.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 DELIBERAZIONE 26 novembre 2012, n. 1019 5.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 DELIBERAZIONE 26 novembre 2012, n. 1019 Indagine regionale sul gas radon negli ambienti di vita e di lavoro. Individuazione delle aree ad

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

Organo Nome Cognome Inizio Carica Fine Carica. Approvazione Bilancio 2014 Vice Presidente CDA Bruno Pecchi 13 luglio 2012 3 esercizi

Organo Nome Cognome Inizio Carica Fine Carica. Approvazione Bilancio 2014 Vice Presidente CDA Bruno Pecchi 13 luglio 2012 3 esercizi FIDI Toscana S.p.a. ANAGRAFICA Nome: Codice ATECO: 64.99.6 Forma Giuridica: S.p.a. Tipologia: Attività: Indirizzo: Città: FIDI Toscana S.p.a. Società Partecipate Esercizio del credito, raccolta del risparmio,

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

Risorse idriche di ATO 5 Toscana Costa. Antonio Muti Claudio Benucci Settore Geologia Idrogeologia Asa SpA

Risorse idriche di ATO 5 Toscana Costa. Antonio Muti Claudio Benucci Settore Geologia Idrogeologia Asa SpA Risorse idriche di ATO 5 Toscana Costa Antonio Muti Claudio Benucci Settore Geologia Idrogeologia Asa SpA TOSCANA NORD MEDIO VALDARNO BASSO VALDARNO TOSCANA COSTA ALTO VALDARNO TOSCANA OMBRONE ATO 5 Toscana

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.5.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13. il seguente Regolamento: Capo I Oggetto

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.5.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13. il seguente Regolamento: Capo I Oggetto SEZIONE I 12.5.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI il seguente Regolamento: Capo I Oggetto 3 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 maggio 2006,

Dettagli

Ciampi C.*, Giusti B.*, Corongiu M.**, Lucchesi F.*, Sassoli U.***

Ciampi C.*, Giusti B.*, Corongiu M.**, Lucchesi F.*, Sassoli U.*** Ciampi C.*, Giusti B.*, Corongiu M.**, Lucchesi F.*, Sassoli U.*** * Dipartimento di Architettura, Laboratorio di Cartografia, Università di Firenze ** LaMMA, Laboratorio di Monitoraggio e Modellistica

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

EMERGENZA ECCEZIONALI AVVERSITA ATMOSFERICHE TOSCANA VENTO FORTE NEL GIORNO 5 MARZO 2015

EMERGENZA ECCEZIONALI AVVERSITA ATMOSFERICHE TOSCANA VENTO FORTE NEL GIORNO 5 MARZO 2015 EMERGENZA ECCEZIONALI AVVERSITA ATMOSFERICHE TOSCANA VENTO FORTE NEL GIORNO 5 MARZO 2015 In attuazione della delibera del Consiglio dei Ministri del 29 aprile 2015 che ha dichiarato lo stato di emergenza

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Luca Martelli Regione Emilia Romagna Servizio geologico, sismico e dei suoli LA CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE A DIFFERENTE RISCHIO

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. FIRENZE a cura dell Ufficio Statistiche e Studi

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. FIRENZE a cura dell Ufficio Statistiche e Studi NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Statistiche e Studi data di pubblicazione: 28 novembre periodo di riferimento: primo semestre

Dettagli

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali.

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali. CLASSEN Gruppe Werner-von-Siemens-Straße 18 20 D-56759 Kaisersesch Tel.: +49 (0) 2653 9800 Fax: +49 (0) 2653 980299 Internet: www.classen.de E-Mail: info@classen.de A causa della tecnica di stampa i colori

Dettagli

Una presentazione di Alessandra I. e Alessandro L.

Una presentazione di Alessandra I. e Alessandro L. Una presentazione di Alessandra I. e Alessandro L. Territorio e Ambiente Questa regione è ricca di colline ricoperte di ulivi e ha piccole pianure che si estendono sopratutto lungo le coste del mar Mediterraneo:

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

CHIARA V. 07/05/2014

CHIARA V. 07/05/2014 CLASSE 2.0 LA TOSCANA GIRO D ITALIA CHIARA V. 07/05/2014 La Toscana. Il territorio: La Toscana Regione amministrativa dell'italia centrale; si affaccia a ovest sul mar Tirreno e confina per breve tratto

Dettagli

LAVORAZIONE PIETRE NATURALI. pavimentazioni e rivestimenti commerciali

LAVORAZIONE PIETRE NATURALI. pavimentazioni e rivestimenti commerciali LAVORAZIONE PIETRE NATURALI pavimentazioni e rivestimenti commerciali L Azienda Italbeola operativa dagli anni 90, si è specializzata nella lavorazione delle pietre naturali. In particola si occupa della

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD04A ATTIVITÀ 08.12.00 ATTIVITÀ 08.99.09 ATTIVITÀ 09.90.01

STUDIO DI SETTORE UD04A ATTIVITÀ 08.12.00 ATTIVITÀ 08.99.09 ATTIVITÀ 09.90.01 STUDIO DI SETTORE UD04A ATTIVITÀ 08.11.00 ESTRAZIONE DI PIETRE ORNAMENTALI E DA COSTRUZIONE, CALCARE, PIETRA DA GESSO, CRETA E ARDESIA ATTIVITÀ 08.12.00 ESTRAZIONE DI GHIAIA, SABBIA; ESTRAZIONE DI ARGILLE

Dettagli

AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO

AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO DOCUMENTO TECNICO N 1/2009 AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO PREMESSA Con la costituzione del Coordinamento del Distretto del porfido e della pietra trentina si è attivato il coordinamento del settore

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

29/09/2014 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA. Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo

29/09/2014 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA. Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 1 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI

Dettagli

CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI

CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.d.A. DI AGEC N 117 DEL 30 AGOSTO 2005 COME PREVISTO

Dettagli

800 425 425 S.O.U.P (Sala Operativa Unificata Permanente della Regione Toscana)

800 425 425 S.O.U.P (Sala Operativa Unificata Permanente della Regione Toscana) Se avvisti un incendio di bosco chiama subito uno dei seguenti numeri: 800 425 425 S.O.U.P (Sala Operativa Unificata Permanente della Regione Toscana) 1515 CORPO FORESTALE DELLO STATO 115 CORPO NAZIONALE

Dettagli

La situazione dei Comuni toscani e le attività di ARPAT

La situazione dei Comuni toscani e le attività di ARPAT ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana Direzione Generale Via Porpora, 22 55100 FIRENZE I Piani Comunali di Classificazione Acustica: La situazione dei Comuni toscani e le attività

Dettagli

Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale

Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale FOTOAEREE Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale chiamata camera aerofotogrammetrica, fino a coprire con un mosaico di strisce di fotogrammi (strisciata), l area oggetto di

Dettagli

1) OBIETTIVI 2) RISORSE E ZONE DI SPERIMENTAZIONE

1) OBIETTIVI 2) RISORSE E ZONE DI SPERIMENTAZIONE ALLEGATO A) Bando per l erogazione di prestiti sociali d onore 1) OBIETTIVI La Deliberazione del C.R. n. 108 del 27.07.04, prevede la riserva di un Fondo per l erogazione di prestiti sociali d onore a

Dettagli

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale Dati litologici Vengono distinti il substrato e le formazioni superficiali. Per formazioni superficiali si intendono i depositi direttamente collegati con l evoluzione del rilievo attualmente osservabile,

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

I marmi delle Alpi Apuane

I marmi delle Alpi Apuane I marmi delle Alpi Apuane CARMIGNANI L.*, CONTI P.*, FANTOZZI P.*, MANCINI S.*, MASSA G.*, MOLLI G.**, VASELLI L.* *Centro di GeoTecnologie, Università di Siena **Dipartimento di Scienze della Terra, Università

Dettagli

ELENCO PROGETTI PER FINANZIAMENTO IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIA DI AREZZO ANNO 2014 L.R.72/2000

ELENCO PROGETTI PER FINANZIAMENTO IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIA DI AREZZO ANNO 2014 L.R.72/2000 ELENCO PROGETTI PER FINANZIAMENTO IMPIANTI SPORTIVI PROVINCIA DI AREZZO ANNO 2014 L.R.72/2000 N. Comune Progetto 1 San Giovanni Costruzione copertura metallica sulla tribuna spettatori annessa Valdarno

Dettagli

La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche

La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche Fabio Fratini Malte antiche e malte da restauro: leganti, aggregati, impasti Aosta 14 dicembre 2007 Fabio Fratini CNR-ICVBC Firenze

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

09/10/2014 MURATURE IN PIETRA

09/10/2014 MURATURE IN PIETRA MURATURE IN PIETRA 11 PREMESSA Le principali qualità della pietra, come il peso elevato, la durezza, la resistenza al fuoco, hanno permesso di ottenere costruzioni solide e durevoli. Di conseguenza, questo

Dettagli

All. C4 Analisi consumi e fabbisogno settore civile. Provincia di Firenze. P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale

All. C4 Analisi consumi e fabbisogno settore civile. Provincia di Firenze. P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale All. C4 Analisi consumi e fabbisogno settore civile Provincia di Firenze P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale Allegato C4 Analisi consumi e fabbisogni del settore civile Università degli Studi

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE CAVE (L.R. 3/11/1998 n. 78, art. 26, D.G.R. n. 106 del 16.2.2004 e D.D. n. 1894 del 6.4.2004) Seduta del 15 maggio 2007

NUCLEO DI VALUTAZIONE CAVE (L.R. 3/11/1998 n. 78, art. 26, D.G.R. n. 106 del 16.2.2004 e D.D. n. 1894 del 6.4.2004) Seduta del 15 maggio 2007 (Allegato A) NUCLEO DI VALUTAZIONE CAVE (L.R. 3/11/1998 n. 78, art. 26, D.G.R. n. 106 del 16.2.2004 e D.D. n. 1894 del 6.4.2004) Seduta del 15 maggio 2007 Oggetto: L.R. 3/11/1998, n. 78, art. 15, comma

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

CLASSIFICAZIONE COMMERCIALE E PETROGRAFICA DELLE ROCCE

CLASSIFICAZIONE COMMERCIALE E PETROGRAFICA DELLE ROCCE CLASSIFICAZIONE COMMERCIALE E PETROGRAFICA DELLE ROCCE LA CLASSIFICAZIONE COMMERCIALE (considera criteri quali la lucidabilità la lavorabilità ecc. ) GRANITI - rocce resistenti di natura silicatica lucidabili

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

ESTRAZIONE DI GHIAIA, SABBIA; ESTRAZIONE DI ARGILLE E CAOLINO

ESTRAZIONE DI GHIAIA, SABBIA; ESTRAZIONE DI ARGILLE E CAOLINO STUDIO DI SETTORE WD04A ATTIVITÀ 08.11.00 ESTRAZIONE DI PIETRE ORNAMENTALI E DA COSTRUZIONE, CALCARE, PIETRA DA GESSO, CRETA E ARDESIA ATTIVITÀ 08.12.00 ESTRAZIONE DI GHIAIA, SABBIA; ESTRAZIONE DI ARGILLE

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi dell

Dettagli

INQUADRAMENTO GENERALE DELL AREA DI STUDIO E DESCRIZIONE DELL APPLICAZIONE

INQUADRAMENTO GENERALE DELL AREA DI STUDIO E DESCRIZIONE DELL APPLICAZIONE INQUADRAMENTO GENERALE 5 INQUADRAMENTO GENERALE DELL AREA DI STUDIO E DESCRIZIONE DELL APPLICAZIONE La possibilità di applicare e di approfondire, sotto il profilo della ricerca, alcuni dei concetti teorici

Dettagli

informagiovani: facciamo il PUnTo in ToSCana

informagiovani: facciamo il PUnTo in ToSCana informagiovani: FACCIAMO IL PUNTO IN TOSCANA La pubblicazione è stata realizzata nel mese di gennaio 2012 dalla struttura di Anci Toscana INDICE INFORMAGIOVANI IN TOSCANA p. 5 Dati generali p. 6 dati SUL

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

RIFIUTI URBANI INFOGRAFICHE SU DATI REGIONE TOSCANA

RIFIUTI URBANI INFOGRAFICHE SU DATI REGIONE TOSCANA RIFIUTI URBANI INFOGRAFICHE SU DATI REGIONE TOSCANA Dati diffusi dall Agenzia Regionale Recupero Risorse il 14/1/213 - www.arrr.it RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE ANNUA IN TONNELLATE Andamento della produzione

Dettagli

Tabella 2-a. Luoghi di Lavoro - Parametri statistici della distribuzione della concentrazione di radon nei Comuni della Provincia di Arezzo

Tabella 2-a. Luoghi di Lavoro - Parametri statistici della distribuzione della concentrazione di radon nei Comuni della Provincia di Arezzo Tabella 2-a. Luoghi di Lavoro - Parametri statistici della distribuzione della concentrazione di radon nei Comuni della Provincia di Arezzo Anghiari 2 42 40 0% 0% Arezzo 15 48 28 7% 7% Badia Tedalda 3

Dettagli

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm Pagina 1 di 7 LE ROCCE The rocks Premessa Rocce dell'austria Classificazione delle Rocce Rocce del Friuli Venezia Giulia Rocce sedimentarie Codice Iagine di roccia Classe Grana / Forma Principali minerali

Dettagli

AlberigiMarco. Articoli da regalo, giardino e per l edilizia

AlberigiMarco. Articoli da regalo, giardino e per l edilizia 1 TETTO DI RECUPERO 2 Alberigi Marco ELEMENTI PER COLONNE 3 Articoli da regalo e giardino AlberigiMarco PAVIMENTO IN PIETRA A SPACCO NATURALE ANTICATO 4 Alberigi Marco PIETRA DA RIVESTIMENTO SP. 3 5 COPERTINA

Dettagli

Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica

Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica Secondo la Normativa sismica (OPCM) n. 3274 del 20/03/2003 Franco Iacobelli Ecco uno strumento operativo per la progettazione e il calcolo

Dettagli

1) OBIETTIVI 2) RISORSE E ZONE DI SPERIMENTAZIONE

1) OBIETTIVI 2) RISORSE E ZONE DI SPERIMENTAZIONE ALLEGATO A) Bando per l erogazione di prestiti sociali d onore 1) OBIETTIVI La Deliberazione del C.R. n. 108 del 27.07.04, prevede la riserva di un Fondo per l erogazione di prestiti sociali d onore a

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta 1:25.000 dell'i.g.m.i. denominata "Torretta Granitola" IV S.E. del foglio n 265 della Carta d'italia.

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 REGIONE N. 1 REGIONE N. 2 Comuni di: FIRENZUOLA, LONDA, MARRADI, PALAZZUOLO SUL SENIO, SAN GODENZO Comuni di: PELAGO, REGGELLO BOSCO CEDUO 1816,00 SI 1743,00

Dettagli

Realizzazione di nuove reti in fibra ottica per la connettività in Banda Larga Stato Avanzamento Lavori al 27/01/2015. Pagina 1

Realizzazione di nuove reti in fibra ottica per la connettività in Banda Larga Stato Avanzamento Lavori al 27/01/2015. Pagina 1 Realizzazione di nuove reti in fibra ottica per la connettività in Banda Larga Stato Avanzamento Lavori al 27/01/2015 n. Provincia Comune Località Stato lavori Fibra Ottica 1 Arezzo Cavriglia CAVRIGLIA

Dettagli

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico PALERMO 1 Percentuale edifici in muratura 34% 2 Materiali: Tipi Tufo Calcareo (calcarenite): domina nei terreni su cui si è sviluppato l abitato e rappresenta da sempre la pietra più utilizzata a Palermo.

Dettagli

BERARDENGA MONTERIGGIONI

BERARDENGA MONTERIGGIONI ! Comune Reddito Imponibile Procapite LAJATICO 29.739 FORTE DEI MARMI 25.756 FIESOLE 25.458 SIENA 24.393 BAGNO A RIPOLI 23.951 FIRENZE 23.624 PISA 23.458 VAGLIA 23.080 IMPRUNETA 22.813 CASTELNUOVO BERARDENGA

Dettagli

SEZIONE I. CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni 18.11.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46

SEZIONE I. CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni 18.11.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46 SEZIONE I CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni 18.11.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46 DELIBERAZIONE 27 ottobre 2009, n. 67 11 Considerato che con la somma complessiva di 8.000.000,00

Dettagli

PSEUDOMACIGNO RANGO ETÀ REGIONE. Formazione Oligocene Superiore Toscana FOGLIO AL 100.000 FOGLIO AL 50.000 SIGLA 96, 104, 105 249, 250, 260 PSM

PSEUDOMACIGNO RANGO ETÀ REGIONE. Formazione Oligocene Superiore Toscana FOGLIO AL 100.000 FOGLIO AL 50.000 SIGLA 96, 104, 105 249, 250, 260 PSM CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - CATALOGO DELLE FORMAZIONI 235 PSEUDOMACIGNO RANGO ETÀ REGIONE Formazione Oligocene Superiore Toscana FOGLIO AL 100.000 FOGLIO AL 50.000 SIGLA 96, 104, 105 249, 250,

Dettagli

FIDI TOSCANA S.P.A. Sede. Piazza della Repubblica, 6 50123 Firenze tel. 055.23841 fax 055.212805 e-mail mail@fiditoscana.it www.fiditoscana.

FIDI TOSCANA S.P.A. Sede. Piazza della Repubblica, 6 50123 Firenze tel. 055.23841 fax 055.212805 e-mail mail@fiditoscana.it www.fiditoscana. FIDI TOSCANA S.P.A. Sede Piazza della Repubblica, 6 50123 Firenze tel. 055.23841 fax 055.212805 e-mail mail@fiditoscana.it www.fiditoscana.it Codice fiscale 01062640485 Numero REA 253507 Data di costituzione:

Dettagli

Provincia Località Zona climatica Altitudine

Provincia Località Zona climatica Altitudine Premi ctrl+f per cercare il tuo comune AREZZO ANGHIARI E 429 AREZZO E 296 BADIA TEDALDA E 700 BIBBIENA E 425 BUCINE D 207 CAPOLONA E 263 CAPRESE MICHELANGELO E 653 CASTEL FOCOGNANO E 310 CASTEL SAN NICCOLÌ

Dettagli

9.12.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 DELIBERAZIONE 24 novembre 2015, n. 1131

9.12.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 DELIBERAZIONE 24 novembre 2015, n. 1131 9.12.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 DELIBERAZIONE 24 novembre 2015, n. 1131 Approvazione Indirizzi per la costituzione del catalogo regionale dell offerta formativa pubblica

Dettagli

Realizzazione di nuove reti in fibra ottica per la connettività in Banda Larga Modello A Stato Avanzamento Lavori al 23 giugno 2016.

Realizzazione di nuove reti in fibra ottica per la connettività in Banda Larga Modello A Stato Avanzamento Lavori al 23 giugno 2016. Realizzazione di nuove reti in fibra ottica per la connettività in Banda Larga Modello A Stato Avanzamento Lavori al 23 giugno 2016 n. Provincia Comune Località 1 Arezzo Cavriglia Cavriglia 2 Arezzo Pian

Dettagli

DOTT. ARCH. ELISABETTA BIANCHINI

DOTT. ARCH. ELISABETTA BIANCHINI CURRICULUM VITAE DOTT. ARCH. ELISABETTA BIANCHINI INFORMAZIONI PERSONALI Nome BIANCHINI ELISABETTA Indirizzo Telefono 3317317555 Fax E-mail PEC PIAZZA UMBERTO I N 1, 55032 CASTELNUOVO DI GARFAGNANA (LU)

Dettagli

DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA

DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA Art. 1 Denominazione Il marchio Marmo di Carrara con le sottodenominazioni alternativamente inscindibili Estratto nel Distretto di Carrara o Estratto e lavorato nel Distretto

Dettagli

La Cava di pietra Moltrasina

La Cava di pietra Moltrasina - La vera pietra Moltrasina del lago di Como - - Estrazione diretta dalla nostra cava di Faggeto Lario - - Direttamente dalla materia prima al prodotto finito - La Cava di pietra Moltrasina La pietra Moltrasina

Dettagli

1 - INDUSTRIA ESTRATTIVA

1 - INDUSTRIA ESTRATTIVA 1 - INDUSTRIA ESTRATTIVA 1A - PROGETTAZIONE BPB ITALIA S.p.A Società appartenente gruppo multinazionale BPB Industries - UK Progetto messa in sicurezza e parziale ripristino della cava dismessa di pietra

Dettagli

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali IL DEGRADO DELLE ROCCE Molti tipi di rocce utilizzate nei manufatti. Si distinguono: per natura geologica (sedimentarie, magmatiche, metamorfiche); per composizione (carbonatiche, silicatiche); per struttura

Dettagli

Toscana. Sostenibile & Competitiva. Piattaforma Turismo

Toscana. Sostenibile & Competitiva. Piattaforma Turismo Toscana Sostenibile & Competitiva Piattaforma Turismo Una Piattaforma informatica come strumento per la costruzione della Rete Toscana delle Destinazioni turistiche di Eccellenza E una piattaforma informativa

Dettagli

FIDI TOSCANA S.P.A. Sede

FIDI TOSCANA S.P.A. Sede FIDI TOSCANA S.P.A. Sede Viale Giuseppe Mazzini, 46 50132 Firenze tel. 055.23841 fax 055.212805 Indirizzo e-mail Indirizzo P.E.C. Indirizzo Internet Codice fiscale e P.I. 01062640485 Numero REA FI - 253507

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli