Indice di Giugno 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice di Giugno 2015"

Transcript

1 Indice di Giugno 2015 Approfondimento Le nuove mosse della Cina Le valute digitali Nuovi sviluppi sulle monete digitali Analisi dei mercati # I grandi temi finanziari del momento # il rialzo dei rendimenti o # Rendimenti BUND e BTP # la crisi greca # la crescita economica USA o # mercati : SP500 o # mercati: DAX o # mercati : FTSEMIB o # mercati : Shanghai o # mercati : Petrolio o # mercati : Rame # Conclusioni Il Laboratorio o Come interpretare le prestazioni di un Trading System parte prima I parametri principali La forza dei filtri o Sequel: verifica dello RSI2P nel mese di aprile e maggio Trend e reversal: la nostra view sui mercati I nostri indicatori Eulero e Volatility Cone sui mercati o SP500 o VIX o Dax o FTSEMIB o CAC o Eurodollaro o Oil o Copper o Tnote Usa o BUND o BTP o Bond Emerging o Bond HY Parla con gli autori di Trend Mercati I lettori di Trend Mercati hanno la possibilità di interagire con gli autori del report cliccando sul seguente link: Richiedi la tua username e password per accedere gratuitamente L area di discussione è privata, per poterne usufruire è necessario inviare una richiesta all indirizzo specificando semplicemente il vostro nome e cognome. Vi verranno inviate una username ed una password personalizzate ed uniche, con le quali potrete accedere. Se volete, potete segnalare voi stessi la username e la password che preferite. Pag. 1

2 1 - Approfondimento Negli ultimi mesi, sotto l occhio dei migliori analisti geopolitici, è passata la forte politica internazionale giocata dalla Cina per emergere nel contesto globale come uno dei principali motori della crescita. Già i numeri del colosso cinese dimostrano l importanza di questa economia, ma sicuramente le autorità asiatiche vogliono molto di più Le nuove mosse della Cina Il recente lancio dell AIIB, cioè di una banca infrastrutturale in aperta competizione con l Asia Development Bank di matrice USA e Giapponese a cui hanno aderito anche molti paesi europei, ha tutte le caratteristiche per fondare un colonialismo degli investimenti da parte della Cina, strumento necessario a trasformare la propria valuta in una valuta di scambi internazionale. La strategia adottata in questo caso, così come quella adottata dalla Cina anche con lo sviluppo della cosidetta One Belt One Road (cioè dello sviluppo infrastrutturale nelle due direttrici, terrestre e marina verso il continente euroasiatico per migliorare i commerci della Cina), è di grandi proclami seguiti da piccoli passi di sviluppo, strategia sicuramente più aggressiva rispetto a quelle adottate nel precedente decennio, ma tipiche di una cultura millenaria. Al momento la mosse adottate dalla Cina sul proprio avanzamento a status di superpotenza economica si potrebbe riassumere in forti tuoni ma piccoli rovesci di pioggia. Ma le cose potrebbero cambiare quando l importanza delle mosse diventa fondamentale. In particolare, la Cina ha chiesto ufficialmente di inserire il Renminbi nei diritti speciali di prelievo del Fondo Monetario Internazionale, cioè della moneta di scambio internazionale creata per sostituire l oro e mai poi pienamente utilizzata per ovvi motivi di controllo monetario. La revisione del paniere valutario che da il valore dei DSP verrà effettuato a novembre di quest anno, e la Cina ha ufficialmente chiesto il suo inserimento. La percentuale che si stima di ingresso sarebbe intorno al 13/14% del paniere, quindi significativamente sotto USA e Euro, ma sopra la Sterlina e il Giappone: posizione che la Cina reclama da tempo. Gli effetti monetari e geopolitici di questa situazione potrebbero essere esplosivi, sebbene gli esperti al momento non si esprimono sul potenziale di ingresso, visti i parametri che devono essere rispettati per poter entrare nel novero delle nazioni con valute di riserva. Però lo scopo di una internazionalizzazione del Renminbi sono evidenti e si possono sintetizzare in questi punti: 1)Prestigio Globale 2)Minor costo di finanziamento per le imprese Cinesi 3)Espansione della multipolarità del mondo economico/finanziario 4)Possibile strumento di scambio per le commodities 5)Utilizzo della valuta Cinese come valuta di riserva 6)Stimolo per ulteriori liberalizzazione del mercato finanziario 7)Liberalizzazione degli interessi e quindi fine della repressione finanziaria. Obiettivi micro e macro di enorme portata per la Cina, ed un cambiamento epocale sul mercato dei cambi simile all arrivo dell euro: ma nel contesto attuale ancora più significativo del cambiamento di egemonia economica. Certamente le potenze attuali, Stati Uniti soprattutto ma anche Europa, non possono non essere preoccupati dell ascesa del gigante cinese: il controllo e l espansione monetaria non Pag. 2

3 deve essere più guidata da una solo paese/moneta ma deve essere frutto di un equilibrio di forze, anche se diventa ancora più difficile da governare. Attualmente il controllo del sistema dei pagamenti mondiali e il creatore di moneta per eccellenza e la capacità di moltiplicazione della stessa è di fatto ancora quasi totalmente in mano agli USA : i modesti tentativi di sostituirsi ad essa sono stati deboli (Euro) o immaturi (Bitcoin), ma la sfida posta dall ascesa della valuta cinese e dalla digitalizzazione della moneta nei prossimi anni potrà essere sempre più significativa Le valute digitali Se infatti la sfida della valuta Cinese è una sfida che si è gia vista nel passato passare dall oro alla Sterlina per finire al dollaro americano, la sfida che le valute digitali possono creare alle autorità monetarie globali non devono essere sottovalutate perchè possono diventare un game changer importante. Questo avverrà se superano alcune sfide e riescono a conquistare la fiducia degli operatori, nonostante la certa opposizione delle autorità monetarie istituzionali, che rischierebbero di perdere il controllo della moneta e del suo potenziale effetto moltiplicativo dato dal sistema finanziario tradizionale. In un recente meeting della Fed di Atlanta l argomento è stato affrontato in un interessante speech del Professor Kroszner dell Università di Chicago. Per Kroszner, nonostante il modello di business di Bitcoin e piattaforme similari sia interessante, le stesse non hanno di fatto creato problemi alle banche centrali ed alle banche commerciali sia come agenti di controllo monetario sia come moltiplicatori della moneta. La mancanza di un controllo centrale, la fragilità delle infrastrutture tecnologiche, la battaglia spietata fatta da diverse banche centrali che avevano in gioco la loro stessa credibilità, la mancanza di fiducia complessiva nel sistema Bitcoin instillata anche dalle stesse autorità monetarie, ne hanno di fatto messo in dubbio la capacità di essere una valuta stabile e rispettata sui mercati finanziari: ciò si dimostra anche con una volatilità del cambio nettamente superiore a quelle dei cambi principali. Di fatto Bitcoin nell ultimo anno, braccata soprattutto dalla banca centrale cinese, è diventata uno strumento per i Cinesi alfine di trasferire all estero riserve valutarie nonostante la ferma opposizione della PBOC. Pag. 3

4 Pag. 4

5 E quindi nonostante la sempre più marcata spinta alla digitalizzazione della moneta, con paesi che vorrebbero abolire il contante e eminenti economisti (Rogoff fra gli altri) che ne chiedono l abolizione, con l idea di evitare il più possibile fenomeni di riciclaggio e corruzione, realizzando di fatto un controllo totale della massa monetaria ed un intervento più diretto su fenomeni quali trappola della liquidità e/o di repressione finanziaria Nuovi sviluppi sulle monete digitali Finita quindi l era della moneta digitale? A nostro parere nel medio periodo esiste la pressione per avere monete non più sotto il controllo di un singolo stato, e quindi anche probabilmente meno manipolate di quanto sono state in questi ultimi anni. Stiamo vivendo un periodo con una strisciante currency war ed una corsa svalutativa che da un lato premia l esportazione e i debitori, dall altro penalizza i creditori già alle prese con rendimenti degli asset sempre più risicati; e con il lento ma inesorabile declino del dollaro a fare da corollario a questa fase C è quindi la concreta possibilità che nuove monete digitali si affaccino sui mercati cercando di bypassare la scarsa credibilità costruita in questi anni da Bitcoin. In particolare due progetti che, per un modo o per l altro hanno anche una matrice italiana, potrebbero segnare una fase evolutiva meno casuale del Bitcoin, e potrebbero garantire in un certo senso una maggiore stabilità verso gli operatori. Da una parte l erede della dinastia Giori, famosissimi sviluppatori delle macchine da stampa delle banconote, sta sviluppando un processo di smaterializzazione delle banconote per risparmiare la stampa delle banconote pur mantenendo la presenza della banconota virtuale; un sistema comunque convenzionale e che non mette a rischio l egemonia delle banche centrali che potrebbero ancora controllare le banconote emesse. Un progetto più innovativo ma anche più destabilizzante viene dalla società quotata sul mercato canadese e recentemente rinominata Bitgold. La società, che ha il cuore dello sviluppo e della sicurezza tecnologica a Milano, permette di Pag. 5

6 scambiare oltre 100 valute in gold e viceversa in tempi rapidissimi. Posizionandosi sul mercato delle piccole transazioni per divenire mezzo di conservazione di valore a tutti i livelli del globo, e pur ammettendo il valore della fiat money, rischia di diventare un mezzo efficace di conservazione del valore degli asset, soprattutto in fase di destabilizzazione finanziaria di singoli paesi o anche a livello globale: infatti riunisce l efficacia della velocità del bit, con il valore stabile e duraturo di un metallo prezioso. Ovviamente il nostro non è un consiglio all acquisto, ma è evidente che se una simile moneta digitale, in una fase di transazione del peso di potere delle singole valute, acquisisce la fiducia degli operatori, può creare dei problemi alla gestione della moneta da parte delle banche centrali, riducendo l effetto moltiplicatore delle banche ma anche favorendo dei rapidi e distruttivi run the bank in paesi o mercati coinvolti in fasi di crisi acuta. A nostro avviso non può certo sostituirsi alla moneta in circolazione per l ovvio problema delle riserve aurifere, ma può avere effetti importanti sia sul mercato dell oro sia sui mercati dei cambi. Sarà soprattutto da monitorare quando tensioni finanziarie dovessero emergere con più forza. Qui di seguito i punti chiave che danno alla piattaforma di Bitgold una superiore sicurezza operativa e anche permette di lavorare in un contesto di legalità superiore alle piattaforme precedenti di Bitcoin (anche se anche su quel versante ci sono interessanti sviluppi). Pag. 6

7 2 - Situazione dei mercati Nell ultima periodo della nuova debolezza è emersa sui mercati finanziari, debolezza che si è dimostrata prima sui mercati obbligazionari con i prezzi dei bond statali, soprattutto quelli considerati più sicuri, colpiti da ribassi di prezzo/salita di rendimenti significative. In questo contesto anche i mercati azionari hanno patito e nonostante una fase di recupero, hanno in queste ultime sedute ricominciato ad indebolirsi. Anche questa volta la debolezza non ha penalizzato i trend in atto dei mercati azionari mentre sui mercati obbligazionari bisogna essere più cauti soprattutto nella parte a lunga. Alla fine tireremo le somme di questi mercati ma cominciamo dagli elementi catalizzatori attuali I grandi temi finanziari del momento Evidentemente sui mercati finanziari ci sono tre questioni che necessitano di essere affrontate, e quindi possono premiare ora un comportamento ora un altro degli operatori. Le tre questioni si possono riassumere in questo modo: 1)Rialzo complessivo dei rendimenti dei mercati obbligazionari statali ad elevato rating che si sono trascinati dietro in parte anche altre componenti. 2)Crisi della Grecia e sue possibili risoluzioni 3)Andamento dell economia USA il rialzo dei rendimenti Cominciamo dal primo punto che è anche il più spinoso. Da febbraio 2015 ad oggi abbiamo visto un rialzo complessivo, soprattutto della componente a lungo del mercato obbligazionario mondiale. La coincidenza con l inizio del QE europeo non sembra causale; da sempre l annuncio e poi l implementazione dei QE made in USA aveva sempre causato un rialzo dei rendimenti obbligazionari quantomeno USA. Nel caso europeo l effetto è stato inizialmente diversificato, con i paesi dell area ad usufruire di un carry che comprimeva ulteriormente i rendimenti: effetto poco gradito alle autorità monetarie degli altri paesi come gli USA, che vedevano la loro valuta rafforzarsi. Il violento scrollone inziale ha permesso di eliminare buona parte di questo carry, e dopo una pausa di consolidamento da noi segnalata, il secondo scrollone con l aumento della volatilità sui cambi ha causato a nostro avviso la fine di ipotesi carry attaccate al QE all europea: si è avuto l effetto di riportare i livelli dei tassi su livelli più consoni alle realtà economiche e di innalzare le aspettative inflazionistiche di medio e lungo periodo, innalzando quindi giustamente i rendimenti correlati. Certo è che il movimento è stato molto violento, per cui dei danni in portafogli e posizioni speculative ci possono essere stati ed anche rilevanti, e potrebbero poi realizzarsi buchi di bilancio imprevisti. Probabilmente questi movimenti sono collegati anche alla chiusura di posizione aperte ai tempi dell LTRO sui titoli governativi, e che vengono ora chiuse con lauti gain complessivi. Pag. 7

8 2.3 - Rendimenti BUND e BTP Dal punto di vista tecnico il bund ha segnalato un cambio di trend importante, nonostante appunto l influenza delle varie operazioni che non possono essere negate: ma la violenza del movimento attuale ne configura il disegno come un movimento di contro trend. Solo dopo la fase di consolidamento si potrà dire se questo movimento ha trovato dei livelli importanti di consolidamento, che noi comunque vediamo per il rendimento ancora un poco sopra i livelli attuali (anche per allineare i fattori di crescita dell area con i rendimenti dell area e nei confronti anche della altre realtà economiche). Pag. 8

9 Rendimento bund: Il decennale italiano ha avuto un andamento similare in queste ultime settimane al bund tedesco, anche se la volatilità dei prezzi è stata leggermente inferiore. In ogni caso ha raggiunto una fascia di resistenze statiche e dinamiche importanti che se perforate potrebbero costringere il movimento del rendimento su livelli che poi diventerebbe troppo interessante rispetto alla crescita economica del paese rischiando quindi di attrarre nuovamente investitori e capitali. Rendimento decennale italiano Pag. 9

10 2.4 - La crisi greca Il secondo punto, e cioè la crisi della Grecia, ha raggiunto un punto apicale con il mancato pagamento di un tranche di debito dell IMF (Fondo Monetario Internazionale) in questa lunga querelle tra lo stato ellenico ed il cosidetto Gruppo di Bruxelles, composto in realtà dalla Troika (IMF BCE e Commissione Europea + ESM). La questione, che allo stato attuale è puramente politica e di per sé avrebbe pochi effetti sui mercati finanziari direttamente, ha in realtà un importanza chiave per la coesione dell area e quindi per il futuro economico monetario e finanziario dell europa e dell euro così come li conosciamo ora. Ricordiamoci che Tsipras ha il mandato elettorale di trovare il miglior accordo possibile per la Grecia ma non di fare uscire la Grecia dall euro, nonostante alcune componenti minoritarie del suo partito spingano in quella direzione. Attualmente i greci sembrano soddisfatti della strategia portata avanti da Tsipras (vedi il grafico dei sondaggi politici greci). Il documento del Gruppo di Bruxelles e quello greco divergono ancora su molti punti nonostante si sia cercato di avvicinarli. Per il 2015 la Grecia vuole poter impostare un surplus di bilancio al netto della spesa per interessi intorno alle 0,6% del PIL contro l 1% che gli viene chiesto. Tsipras non vuole rialzare l IVA su alcuni beni essenziali come l elettricità, mentre propone una tassa sui profitti delle grandi imprese, che non è richiesta dai creditori. La maggiori differenze comunque restano o sul nodo pensionistico, con una richiesta di tagli di 2 miliardi nel 2015 che Tsipras invece porta a soli 80 milioni, o sulle dimensioni delle privatizzazioni, o sulla necessità di nuovi programmi sociali e o sulla necessità di tagliare i dipendenti statali. Ora con il mancato pagamento dell IMF si iniziano a contare i trenta giorni di moratoria prima di una possibile dichiarazione di insolvenza, che però potrebbe non far scattare il default salvo che l EFSF non intervenga a proposito. Pag. 10

11 Il 15 giugno comunque sarà un altra data importante per le decisioni sulla nuova tranche d aiuti già rinviata una volta. Qua un grafico che porta alle possibili conseguenze di un perdurante mancato pagamento dei prestiti IMF: Certamente la mossa di Tsipras vuole dividere in realtà il gruppo di Bruxelles e mettere da una parte l IMF tra i cattivi, visto anche che già il precedente salvataggio era stato osteggiato da diversi componenti dell IMF (in particolare Emergenti e Svizzera che vedevano il salvataggio della Grecia come un salvataggio della zona euro viste le banche esposte al debito greco), mentre vuol dall altra parte costringere la UE ad assumere una posizione più morbida nei propri confronti. Certamente un default della Grecia potrebbe non essere una tragedia, ma una Grexit avrebbe implicazione importanti nella struttura stessa della UE e diverebbe un fattore destabilizzante nelle prossime campagne elettorali delle singole nazioni la crescita economica USA Il terzo punto riguarda invece la crescita economica degli Stati Uniti. Pag. 11

12 In presenza di un dollaro forte e di un rialzo dei rendimenti e di un petrolio debole, i dati macroeconomici USA hanno subito un marcato rallentamento che di fatto ha messo in stallo i mercati azionari statunitensi.(notare l indice manifatturiero texano tra l altro). Certamente una parte la gioca anche l aspettativa di rialzo dei tassi della FED, che il rallentamento macro ha di fatto ritardato nelle aspettative di mercato. Poichè però la FED è data driven, il nervosismo degli operatori comincia a crescere mano a mano che la finestra 2015 comincia a restringersi. La FED ha detto in diverse occasioni che ritiene questa pausa momentanea, e quindi ritiene che l economia accelererà nella seconda metà del 2015: ed è una realtà che in quello scenario il rialzo dei tassi sarà inevitabile, anche se la pendenza del rialzo dovrebbe essere molto meno accentuato di quanto si pensava solo qualche mese fa. Pag. 12

13 Il rialzo dei tassi fa pensare a minore liquidità e quindi ad un potenziale rallentamento dei mercati azionari, nonostante il credito sia ora in una fase di crescita robusta. E questa è una delle cause per cui alcuni elementi dei mercati azionari si sono negativizzati, ed hanno portato alle ultime sedute nervose. A nostro avviso tecnicamente il deterioramento non è stato ancora robusto, ma l avvicinamento del rialzo dei tassi, e mercati con valutazioni importanti di P/E, devono far pensare che si potrebbe sviluppare nel corso delle prossime settimane una correzione un pò più robusta di quelle effettuate fino ad ora nel Diciamolo sinceramente, anche nel recente passato si sono sviluppate condizioni per un correzione che non si è realizzata: ma a nostro modo di vedere la potenziale risoluzione della crisi greca e un recupero dei dati USA insieme potrebbero in realtà fare da elemento catalizzatore per una correzione dei mercati azionari, in quanto si esaurirebbero buona parte degli elementi negativi che hanno di fatto a turno frenato questo rialzo ed impedito allo stesso di determinare una bolla definitiva sui mercati azionari nonostante, lo ripetiamo, le valutazioni elevate sui mercati. La presenza di un paio di catalizzatori positivi a formare la causa di una correzione dei valori è a nostro parere un tipico comportamento dei mercati azionari mercati: SP500 Inoltre sul mercato USA c è il sentiment degli investitori in condizioni particolari: infatti il livello degli investitori neutrali dell AAII è sul 48%, cioè quasi la metà dei rispondenti al sondaggio, segno che una buona parte degli operatori non vede movimenti significativi all orizzonte ma non crede in un crollo: e questo è associato ad un basso livello di opinioni rialziste. Queste letture sono solitamente rialziste; in particolare c è molta positività sui mercati con un alto livello di neutrali, e a nostro parere sono proprio i tre elementi citati all inizio dell articolo Pag. 13

14 che sposteranno le considerazione degli operatori, che poi saranno la causa della correzione. e quindi porteranno agli eccessi rialzisti In particolare poi con gli indicatori di momentum e di partecipazione che segnalano un rientro dagli eccessi di positività il contesto USA, si predispone per una nuova gamba rialzista: ciò avverrà soprattutto, ripetiamolo, se le condizioni macro miglioreranno, anche se questo potrebbe indicare poi un avvicinamento del rialzo dei tassi che in presenza di un sentiment ancora più positivo potrebbe portare ad una correzione più seria, creata da un movimento a cascata tra dati e aspettative. Perchè si realizzi tutto questo, l indice USA necessita di un recupero dai livelli attuali che si allontani da un importante supporto statico e possibilmente recuperi i supporti persi, magari con una nuova spinta del settore biotech che è di nuovo al test dei massimi. (che deve però superare). Questa è una condizione spartiacque del movimento attuale. Andamento indice S&P500 Pag. 14

15 2.7 - mercati: DAX Gli indici europei hanno invece mostrato una debolezza un pò più accentuata, che ne ha perforato i supporti dinamici ma non quelli statici. Probabilmente anche se in maniera meno radicale che nel 2011/2012, le conseguenze di una Grexit pesano almeno parzialmente sugli indici. Il Dax si approccia agli punti che sono secondo noi uno spartiacque chiave per il futuro andamento dell indice. Andamento del DAX Pag. 15

16 2.8 - mercati: FTSEMIB L indice italico invece ha nell area un area di notevole importanza. Indice FTSEMib mercati: Shanghai Sul restante andamento dei mercati azionari non possiamo non andare a vedere la crescita parabolica dell indice Cinese, indice leader di rialzi dell ultimo anno senza rivali di sorta. Le oscillazioni prima giornaliere e dopo intraday devono far recedere qualunque investitore prudente dall assumere posizioni su un mercato, che rischia evidentemente di raggiungere le stelle e stornare in tempi molto rapidi. Lo osserviamo come si può osservare una stella supergigante blu, molto calda ma solitamente dalla vita breve. Notare l ultima candela ad Hanging che non è mai una buona configurazione. Pag. 16

17 mercati: Petrolio Terminiamo questo excursus dei mercati con due materie prime che hanno un certo peso complessivo sull andamento del economia. Il primo è il già molte volte trattato petrolio, che dopo la fase di recupero seguita alla pesante correzione del 2014/2015 sta consolidando i guadagni del periodo precedente. A nostro avviso la fase di consolidamento potrebbe continuare ancora per un certo periodo, soprattutto se il dollaro dovesse ricominciare a rafforzarsi, visto che il calo produttivo dello shale dovrebbe manifestarsi con più compiutezza nei prossimi mesi nonostante la strenua difesa della produzione made in USA. Andamento WTI mercati: Rame Per ultimo diamo un occhiata al rame, materia prima per eccellenza e indicatore dell economia globale. Certamente i tempi di una domanda a qualunque prezzo della Cina sta terminando, ma la domanda di rame, in una situazione globale di crescita robusta, dovrebbe andare bene. Invece in queste ultime settimane, nonostante gli stimoli cinesi ed un recupero ancorchè parziale del dollaro, il rame ha tecnicamente subito una importante battuta di arresto. Certamente per tutte le commodities industriali il boom dell offerta ha di fatto creato un eccesso della stessa, che necessiterà di un certo tempo per essere riassorbita. L allarme di BHP Billiton di questa settimana sull oversupply ha sicuramente influenzato il prezzo, ed il prossimo andamento del dollaro avrà il suo peso. Andamento Rame Pag. 17

18 Conclusioni: In questo numero abbiamo indicato i tre catalizzatori dei mercati; riteniamo che una risoluzione in senso positivo (che al momento è lo scenario più probabile) potrebbe spostare il sentiment degli operatori verso una positività più marcata, che unita ad aspettative di rialzo dei tassi USA e quindi ad una contrazione della liquidità potrebbe fare da catalizzatore per una correzione, successiva ad una nuova spinta rialzista. A nostro avviso l elemento più rischioso è un rialzo dei tassi rapido e violento, che continui il movimento attuale su livelli di rendimento più alti; la distruzione di liquidità e ricchezza sarebbe ben più elevato di qualunque correzione azionaria, viste le dimensioni di quel mercato. Nel caso invece che i tre catalizzatori dei mercati presentassero nuove negatività, come dati macro USA non brillanti o comunque che confermano la debolezza precedente ed una soluzione della crisi Greca che tarda ulteriormente e il rialzo dei tassi che prosegue con violenza, allora la negatività di breve potrebbe approfondirsi subito e portare alla correzione che lo scenario positivo sposta invece di diverse settimane. Pag. 18

19 3 - Il Laboratorio Come interpretare le prestazioni di un Trading System Negli scorsi numeri abbiamo mostrato delle formule Mean Reverting, anche perché ci sembrava che fosse il momento adatto sui mercati per sfruttare le caratteristiche di queste strategie. Ma i mercati cambiano, e noi dobbiamo adattarci: e dato che in questo momento è meglio fermarsi e riflettere, approfittiamo per affrontare un discorso importante: la valutazione della bontà di una strategia. In questo numero guardiamo le basi della teoria, per mettere in evidenza quali siano i parametri più importanti per noi; nel prossimo numero discuteremo dei sistemi di analisi e verifica un po più evoluti, che con semplici calcoli permettono di fare ipotesi sulle prestazioni future del sistema e quindi, cosa più importante di tutte, definire una regola per decidere quando un sistema non funziona più I parametri standard I programmi di gestione dei trading systems offrono una tabella che più o meno è standardizzata su alcune variabili: prima guardiamo quali siano e poi le applichiamo ad un sistema per verificarlo sia nella sua bontà assoluta sia nella sua versione modificata Qui di seguito lo schema di Amibroker, lo stesso schema che abbiamo usato negli scorsi numeri: Statistics All trades Long trades Initial capital Ending capital Net Profit Net Profit % Exposure % Net Risk Adjusted Return % Annual Return % Risk Adjusted Return % 8.97 % 8.97 % All trades ( %) Avg. Profit/Loss Avg. Profit/Loss % 1.84 % 1.84 % Avg. Bars Held Winners 10 (38.46 %) 10 (38.46 %) Total Profit Avg. Profit Avg. Profit % 8.52 % 8.52 % Avg. Bars Held Max. Consecutive 4 4 Largest win # bars in largest win Losers 16 (61.54 %) 16 (61.54 %) Total Loss Avg. Loss Avg. Loss % % % Avg. Bars Held Max. Consecutive 6 6 Largest loss # bars in largest loss 6 6 Max. trade drawdown Max. trade % drawdown % % Max. system drawdown Max. system % drawdown % % Recovery Factor CAR/MaxDD RAR/MaxDD Profit Factor Payoff Ratio Standard Error Risk-Reward Ratio Ulcer Index Ulcer Performance Index Sharpe Ratio of trades K-Ratio Il sistema esaminato è un semplicissimo trendfollower solo long sul DAX, un esempio minimale di inizio di valutazione di una idea di trading: lo chiameremo ST100, semplice trendfollower 100 periodi BUY se il Close> SMA(100), con un filtro che la media deve essere perforata almeno tre volte consecutivamente, per evitare la maggior parte dei fasi segnali; CLOSE se close < SMA(100) Un solo contratto, opera in Open del giorno seguente a quello dei segnali Pag. 19

20 Analisi di 2500 barre daily, circa 10 anni di borsa aperta, capitale Ipotesi 1 punto = 1 Definire il tempo, qui 10 anni, è importante: è molto diverso operare con un sistema che opera ogni giorno o invece avere la pazienza di attendere l occasione giusta magari per mesi per poi entrare in un trade che dura pochi giorni; ad esempio lo RSI2 di Connors visto lo scorso mese richiede proprio questo tipo di disciplina, controllare ogni giorno i segnali per operare solo due/tre volte in un anno. In 10 anni la resa del sistema è stata di 3.192, un 32% circa che non è da intendere come composto perché non c è reinvestimento degli utili dato che il contratto è sempre e solo uno. Sul Money Management parleremo nei numeri futuri, qui facciamo solo la differenziazione tra Risk Management, che riguarda le regole di entrata e uscita e gli stops e i filtri, e il Money management che si occupa della quantità di capitale da investire o se vogliamo dal numero dei contratti. Mettere sempre e solo un contratto è come sterilizzare l apporto del Money management, che in genere è positivo ma che è meglio gestire dopo aver valutato la bontà del sistema di base. Exposure % Il secondo valore da analizzare la la Exposure, che è dato dal numero di barre con il sistema aperto sul totale delle barre: è utile per capire quanto tempo dura l esposizione del capitale e i sistemi trendfollower sono più presenti dei sistemi ad esempio Mean Reverting, basti vedere il Connors RSI2 per apprezzare la differenza. L utilità è anche per capire se il capitale sia disponibile per un impiego alternativo, che potrebbe essere ad esempio liquidità o anche un altro Trading System che però dovrebbe essere attivo solo quando il nostro ST100 è fermo: occorrerebbe una analisi di correlazione tra i due sistemi. Indicativamente, potrebbe essere che i sistemi Trendfollowing e mean revertion operino in periodi diversi, e quindi lo stesso capitale potrebbe essere impiegato nei due sistemi creando un portafoglio di trading systems che sfrutta i momenti di pausa di ciascun metodo per aumentare il profitto totale. Annual Return %: il rendimento composto in %, che permette i confronto ad esempio con investimenti alternativi a reinvestimento degli utili Risk Adjusted Return %: misura il rendimento del capitale investito in proporzione al tempo impiegato: questo parametro era altissimo per i sistemi di ConnorsRSI, sopra il 300%, sia per il buon rendimento ma soprattutto per il denominatore molto piccolo: infatti i sistemi Mean Revertion restano pochi giorni a mercato e fanno pochi trade in un anno. All trades: quantità di operazioni, è un indicatore non solo della frequenza ma anche della robustezza statistica del sistema: nel nostro caso sono un po poche, solo 26 in 10 anni, ma qui si deve considerare la robustezza logica di fondo dell idea e la non-ottimizzazione dei parametri Avg. Profit/Loss: indicatore chiave, che deve essere ovviamente non solo positivo ma anche deve avere un valore tale da compensare commissioni e slippage Avg. Bars Held: importante per la valutazione dell impegno di capitale ma soprattutto psicologico del trader, con durate lunghe si aumenta il rischio ma soprattutto si mette a prova la pazienza dell operatore: nei sistemi trendfollower tende ad avere valori elevati, con l effetto collaterale di vedere facilmente I guadagni accumulati nel primo periodo che vengono lentamente o peggio ancora bruscamente ridotti negli ultimi giorni di trade aperto. Max. trade drawdown - Max. system drawdown - Recovery Factor: parametri essenziali; occorre fare qui una breve analisi del concetto di Drawdown per capirne l utilità. I tre valori cercano di rappresentare la ampiezza delle perdite che può generare il sistema, prendendo la perdita massima di un singolo trade e quella cumulata, intesa come sommatoria delle perdite prima che il sistema raggiunga un minimo e ricominci a guadagnare, e il recovery period è il tempo ta il drawdown e il momento del recupero. Il grafico qui sotto sintetizza bene i concetti : qui il primo drawdown è al periodo due, Pag. 20

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio)

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio) Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura 9 maggio) VALUTE: - L Euro/Dollaro dopo i massimi annuali (1,3995) ha corretto con decisione- ha chiuso a 1,3762 - Il cambio Usd/Yen è in

Dettagli

PRESENTAZIONE DI MANGUSTA-PRO E PHANTOM di Enrico Malverti

PRESENTAZIONE DI MANGUSTA-PRO E PHANTOM di Enrico Malverti PRESENTAZIONE DI MANGUSTA-PRO E PHANTOM di Enrico Malverti MANGUSTA PRO Mangusta Pro è un algoritmo matematico proprietario derivato dal trading system Mangusta, vincitore del campionato Top Trading Systems

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 7 agosto)

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 7 agosto) (9-ago-2015) Iniziamo con un breve quadro Intermarket: Valute: Eur/Usd (1,0963) è in fase di incertezza anche se sta tentando una ripresa dai minimi del 21 luglio- Usd/Yen (124,229) resta forte ed in ripresa

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale VALUTE: - L Euro/Dollaro si è rafforzato facendo un massimo a 1,3969- ha chiuso a 1,3911 - Il cambio Usd/Yen è in decisa discesa dai massimi del 7 marzo- ha

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 15 maggio)

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 15 maggio) Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 15 maggio) VALUTE: - L Euro/Dollaro resta in rialzo dai minimi del 13 aprile- ha chiuso a 1,1447 - Il cambio Usd/Yen resta elevato, ma

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

Commento di fine anno

Commento di fine anno Commento di fine anno Si è concluso il primo decennio del primo secolo del terzo millennio. Che anno è stato per i metalli non ferrosi? E come sarà quello che sta per entrare? Come più in generale si può

Dettagli

SmartHedge Report: Q3 2014

SmartHedge Report: Q3 2014 SmartHedge Report: Q3 2014 Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) USD: fine del QE e rafforzamento del dollaro? Entro fine settembre la Federal

Dettagli

Partiamo dall Eurostoxx future e vediamo il Ciclo Trimestrale partito il 24 giugno (dati ad 1 ora):

Partiamo dall Eurostoxx future e vediamo il Ciclo Trimestrale partito il 24 giugno (dati ad 1 ora): Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale - l Euro/Dollaro resta forte ed ha chiuso come la scorsa settimana intorno a 1,352 - l Oro ha leggermente recuperato chiudendo a 1338 dollari, resta comunque

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 19 dicembre)

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 19 dicembre) Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 19 dicembre) VALUTE: - L Euro/Dollaro resta in tendenza ribassista ed ha fatto nuovi minimi annuali- ha chiuso a 1,223 - Il cambio Usd/Yen

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 24 ottobre)

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 24 ottobre) Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 24 ottobre) VALUTE: - L Euro/Dollaro resta mediamente debole, ma dai minimi del 3 ottobre è in recupero- ha chiuso a 1,267 - Il cambio

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 10 luglio)

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 10 luglio) (12-lug-2015) Facciamo prima un breve quadro Intermarket: Valute: L Eur/Usd (1,1157) resta in fase di indecisione- l Usd/Yen (122,75) è in correzione dal 5 giugno. Commodities: il Crb Index (218,25) è

Dettagli

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 24 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale - l Euro/Dollaro si è indebolito ed ha chiuso sotto l importante soglia psicologica di 1,35 - l Oro ha arrestato il recupero dopo i minimi del 31 dicembre

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 6 giugno 2011 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Analisi settimanale N4 Settimana 16-20 Ottobre

Analisi settimanale N4 Settimana 16-20 Ottobre Analisi settimanale N4 Settimana 16-20 Ottobre MERCATO AZIONARIO- SP500 Il minimo della settimana del 14 settembre ( quella del top) è stato violato nella settimana appena trascorsa. Ovviamente NON leggiamo

Dettagli

- La Volatilità Implicita in Usa (Vix) è anch essa scesa- valore 15%.

- La Volatilità Implicita in Usa (Vix) è anch essa scesa- valore 15%. Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale VALUTE: - L Euro/Dollaro ha corretto con decisione- ha chiuso a 1,3794 - Il cambio Usd/Yen è in fase di incertezza- ha chiuso a 102,264 COMMODITIES: - l Indice

Dettagli

Analisi dell oro. Dal 1980 al 2008

Analisi dell oro. Dal 1980 al 2008 Analisi dell oro Dal 1980 al 2008 La fase discendente dei prezzi dell oro iniziata nel 1979 si conclude nell agosto del 1999, dopo 20 anni quando tocca il suo minimo ventennale a quota 252. Dopo un tentativo

Dettagli

Vediamo un analisi della situazione Ciclica su Bund ed Euro/Dollaro (prezzi chiusura del 16 gennaio)

Vediamo un analisi della situazione Ciclica su Bund ed Euro/Dollaro (prezzi chiusura del 16 gennaio) Vediamo un analisi della situazione Ciclica su Bund ed Euro/Dollaro (prezzi chiusura del 16 gennaio) Prima un breve cenno alla situazione Macroeconomica che interessa questi 2 mercati- Anche qui ha pesato

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Iniziamo dal Ciclo Trimestrale sull Eurostoxx future partito il 26 febbraio (dati a 1 ora):

Iniziamo dal Ciclo Trimestrale sull Eurostoxx future partito il 26 febbraio (dati a 1 ora): Iniziamo dal Ciclo Trimestrale sull Eurostoxx future partito il 26 febbraio (dati a 1 ora): Questa settimana l Eurostoxx ha avuto un ulteriore rialzo con nuovi massimi annuali a 2787 e chiusura in forza

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

8-ott-2014. Chiusura Borse Asia/Pacifico (ore 09:00):

8-ott-2014. Chiusura Borse Asia/Pacifico (ore 09:00): 8-ott-2014 Chiusura Borse Asia/Pacifico (ore 09:00): Giappone (Nikkei225): -1,19% Australia (Asx All Ordinaries): -0,82% Hong Kong (Hang Seng): -0,67% Cina (Shangai) +0,77% Singapore (Straits Times) -0,46%

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Iniziamo con l Analisi Ciclica sull S&P500 future (dati a 1 ora):

Iniziamo con l Analisi Ciclica sull S&P500 future (dati a 1 ora): Iniziamo con l Analisi Ciclica sull S&P500 future (dati a 1 ora): Ricordo che non sempre i cicli sull S&P500 coincidono con quelli dei mercati Europei- attualmente i cicli sono in fase, anche se con forze

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Per la nostra analisi iniziamo con il solito sguardo Intermarket (dati ad 1 ora a partire da fine dicembre- aggiornati alle 09:10 di oggi 6 marzo):

Per la nostra analisi iniziamo con il solito sguardo Intermarket (dati ad 1 ora a partire da fine dicembre- aggiornati alle 09:10 di oggi 6 marzo): Chiusura Borse Asia/Pacifico - Australia (Asx All Ordinaries): +0,84% - Giappone (Nikkei225): +2,13% - Hong Kong (Hang Seng): +0,96% - Cina (Shangai): +0,90% - Korea (Kospi):+0,20% - India (Bse Sensex):

Dettagli

Per ora i prezzi dei mercati Asiatici danno un Sentiment Neutrale per l apertura dell Europa.

Per ora i prezzi dei mercati Asiatici danno un Sentiment Neutrale per l apertura dell Europa. 24-nov-2015 Oggi sarò impegnato in un convegno e pertanto posso solo fare il solito report prima dell apertura dei mercati. Poiché scrivo i livelli di trading a mercati chiusi, questi sono da considerarsi

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 3 marzo A cura dell

Dettagli

Chiusura Borse Asia/Pacifico (ore 9)

Chiusura Borse Asia/Pacifico (ore 9) Chiusura Borse Asia/Pacifico (ore 9) Australia (Asx All Ordinaries): -1,03% Giappone (Nikkei225): -1,51% Hong Kong (Hang Seng): -1,57% Cina (Shangai) -0,11% Korea (Kospi) -0,07% India (Bse Sensex): -1,05%

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Dalla crisi finanziaria alla crisi economica: Non si arresta il crollo dei prezzi dei non ferrosi

Dalla crisi finanziaria alla crisi economica: Non si arresta il crollo dei prezzi dei non ferrosi COMMENTO GENERALE DEI METALLI NON FERROSI LME ANALISI E TENDENZE ANALISI DEL 13-10-2008 I dati utilizzati sono relativi alla prima seduta del LME di Londra e sono espressi in $/tonn. Dalla crisi finanziaria

Dettagli

Iniziamo con alcune considerazioni e di carattere generale.

Iniziamo con alcune considerazioni e di carattere generale. Iniziamo con alcune considerazioni e di carattere generale. -Perché i titoli bancari scendono così tanto? Alle varie spiegazioni che trovate sui vari giornali aggiungo che quando non si sa quanto moneta

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE I segnali di ripresa del ciclo internazionale si sono rafforzati in maniera significativa nel corso dell estate. Gli effetti stimolativi della politica economica americana hanno

Dettagli

www.moneyriskanalysis.com

www.moneyriskanalysis.com Questa settimana mi limito a riepilogare l analisi quantitativa e a commentare alcuni grafici. Del resto la trimestrali pubblicata la scorsa settimana è ricca di considerazioni e analisi utili a pianificare

Dettagli

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi l indice dell attività nazionale elaborato dalla Fed di Chicago.

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi l indice dell attività nazionale elaborato dalla Fed di Chicago. Morning Call 24 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di Borsa di Shanghai: andamento I temi del giorno Proseguono le tensioni sui mercati: questa mattina Shanghai segna un -8,7% e il Nikkei segue con

Dettagli

Come orari con Eventi importanti per oggi ricordo:

Come orari con Eventi importanti per oggi ricordo: Come orari con Eventi importanti per oggi ricordo: ore 10:00: IFO (Fiducia Imprenditori) Germania per dicembre ore 14:30: Permessi Edilizi Usa a novembre Fornisco questi orari poiché nelle loro vicinanze

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale - l Euro/Dollaro si è ripreso chiudendo poco sotto quota 1,35 - l Oro resta mediamente debole e sotto 1300 dollari (ha chiuso come venerdì scorso a 1289) -

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

Come orari con Eventi (da me selezionati) che ritengo importanti per oggi:

Come orari con Eventi (da me selezionati) che ritengo importanti per oggi: 25-nov-2014 Poiché la giornata la passerà ad un Convegno devo fare uscire il report prima dell apertura dei mercati. Inevitabilmente l affidabilità dei Segnali Operativi che scrivo più sotto sarà inferiore

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 10 ottobre)

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 10 ottobre) Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 10 ottobre) VALUTE: - L Euro/Dollaro resta debole, anche se dai minimi del 3 ottobre sta tentando un recupero- ha chiuso a 1,2623 - Il

Dettagli

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 24 luglio)

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 24 luglio) (26-lug-2015) Facciamo prima un breve quadro Intermarket: Valute: Eur/Usd (1,0977) resta in fase di debolezza dai massimi del 18 giugno, ma sta tentando un recupero- Usd/Yen (123,826) è in ripresa dall

Dettagli

SEGUICI SU http://www.parisfx.wordpress.com EUR/USD USD/JPY EUR/JPY GBP/USD. www.optionsxo.com CESARE@OPTIONSXO.COM

SEGUICI SU http://www.parisfx.wordpress.com EUR/USD USD/JPY EUR/JPY GBP/USD. www.optionsxo.com CESARE@OPTIONSXO.COM SEGUICI SU http://www.parisfx.wordpress.com EUR/USD dopo i nuovi minimi in area 1.28 ¼ il mercato ha messo a segno dei rimbalzi correttivi durante la notte, giunti ora ad un ritracciamento pari al 38.2%

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie)

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2011 A cura dell ufficio Ricerca e

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

Osservare il Giappone

Osservare il Giappone Osservare il Giappone Troppo scontato parlare di Renzi e della politica italiana. Cerco di guardare più avanti. Parliamo quindi di Giappone. Qualcosa nel Sol Levante non sta funzionando. L Abenomics al

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale - l Euro/Dollaro si è rafforzato ulteriormente ed ha chiuso intorno a 1,373 - l Oro è salito ulteriormente ed ha chiuso intorno a 1326 dollari - l Indice delle

Dettagli

VIEW WEEKLY del 8 giugno 2014

VIEW WEEKLY del 8 giugno 2014 VIEW WEEKLY del 8 giugno 2014 NOVITA Prima di iniziare a descrivere quanto è accaduto in settimana e valutare alcune opportunità, volevo parlarvi delle novità di Money Risk Analysis. Questo sito ha preso

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Analisi settimanale N5 Settimana 22-26 Ottobre

Analisi settimanale N5 Settimana 22-26 Ottobre Analisi settimanale N5 Settimana 22-26 Ottobre MERCATO AZIONARIO- SP500 La settimana appena trascorsa è stata caratterizzata da un rally che una volta raggiunta la circonferenza tracciata sul grafico weekly

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 31 luglio)

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 31 luglio) (2-ago-2015) Facciamo prima un breve quadro Intermarket: Valute: Eur/Usd (1,0984) sta tentando una ripresa dai minimi del 21 luglio- Usd/Yen (123,879) è in ripresa dall 8 luglio. Commodities: Crb Index

Dettagli

relatore: Pietro Paciello 22 febbraio 2012 www.uptrend.it Email: pietro.paciello@gmail.com

relatore: Pietro Paciello 22 febbraio 2012 www.uptrend.it Email: pietro.paciello@gmail.com relatore: Pietro Paciello 22 febbraio 2012 www.uptrend.it Email: pietro.paciello@gmail.com COME OPERARE CON SUCCESSO SUL FOREX Sistemi automatizzati, regole comportamentali, analisi intermarket e money

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 5 maggio 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Ed eccoci all aggiornamento per stamattina.

Ed eccoci all aggiornamento per stamattina. Ed eccoci all aggiornamento per stamattina. La Fed ieri ha tranquillizzato i mercato dicendo che terrà i tassi bassi fino al 2013. La conseguenza è stata che il T-note è schizzato a 131 il suo massimo

Dettagli

GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI. 06 Maggio 2016

GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI. 06 Maggio 2016 GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI 06 Maggio 2016 PANORAMICA MACRO Principali Lunedì +/- Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì indici / currency 02/05/2016 03/05/2016-04/05/2016-05/05/2016-06/05/2016

Dettagli

La chiamate deflazione?

La chiamate deflazione? La chiamate deflazione? Cosa gradite per colazione? Un bel caffè o una tazza di latte? E per pranzo? Una bella bistecca alla fiorentina? Mi raccomando poi, prima di coricarvi a letto non alzate tanto il

Dettagli

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: inflazione in ripresa in Italia, +0,2% a/a l indice nazionale e +0,5% a/a quello

Dettagli

Le Correlazioni Finanziarie

Le Correlazioni Finanziarie Le Correlazioni Finanziarie Per correlazione s intende la relazione che intercorre tra due variabili. In finanza è utile per definire il legame che ci può essere (o non essere) tra due entità. Se si riesce

Dettagli

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio?

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? 14 marzo, 2011 Dovrebbe essere sufficiente dire che il più grande fondo obbligazionario mondiale, Pimco, ha deciso di uscire dal mercato

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 4 settembre 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo.

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo. Morning Call 21 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di volatilità sul Dax: andamento I temi del giorno Mercati nervosi: nuove elezioni in Grecia, economia cinese in rallentamento, valute dei Paesi emergenti

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II

SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II Dopo il grande rush che ha visto i principali mercati raggiungere e superare i precedenti massimi storici, è iniziata l attesa fase di correzione degli indici. Ad

Dettagli

Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime?

Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime? Che cosa sta cercando di dirci il Mercato delle Materie Prime? 11 Aprile, 2011 L aumentare della Violenza fa Salire il Prezzo del Petrolio Le continue e crescenti crisi tra le nazioni produttrici di petrolio

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

22-gen-2015. Chiusura Borse Asia/Pacifico (ore 09:00):

22-gen-2015. Chiusura Borse Asia/Pacifico (ore 09:00): 22-gen-2015 Chiusura Borse Asia/Pacifico (ore 09:00): Giappone (Nikkei225): +0,28% Australia (Asx All Ordinaries): +0,43% Hong Kong (Hang Seng): +0,60% Cina (Shangai) +0,59% Singapore (Straits Times) +0,54%

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Numero 7 del 4 febbraio 2013. Edito da Borsari Casa Editrice

Numero 7 del 4 febbraio 2013. Edito da Borsari Casa Editrice Numero 7 del 4 febbraio 2013 Edito da Borsari Casa Editrice Disclaimer: l intento di BorsariTrade è quello di analizzare i mercati nei loro movimenti passati e attuali, innanzitutto per capire come cambia

Dettagli

Mid-Month Update POSIZIONE CICLICA DI MEDIO-BREVE E IMPLICAZIONI

Mid-Month Update POSIZIONE CICLICA DI MEDIO-BREVE E IMPLICAZIONI INDICE Giugno 2013 Mid-Month Update POSIZIONE CICLICA DI MEDIO-BREVE E IMPLICAZIONI - Linee guida - Snapshot - Posizione ciclica - S&P500 - BRIC e EMG Bonds - Relazione tassi a 5y USA e S&P - Hindenburg

Dettagli

Trascrizione Videochat ANIMA del 24 settembre 2015

Trascrizione Videochat ANIMA del 24 settembre 2015 Trascrizione Videochat ANIMA del 24 settembre 2015 Lo strumento che ANIMA utilizza per comunicare con la massima chiarezza e trasparenza ai propri clienti e partner commerciali Partecipano: Luca Felli

Dettagli

La crescita accelera nella seconda metà del 2013

La crescita accelera nella seconda metà del 2013 Approfondimento mensile sulla situazione attuale e sui probabili sviluppi dei mercati globali 21 agosto 2013 Analisi dei Mercati L outlook di mercato è positivo, grazie ai solidi indicatori economici e

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 12 maggio 2016 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Dopo la revisione al ribasso apportata alle stime

Dettagli

Portafogli Modello Giugno 2014

Portafogli Modello Giugno 2014 Portafogli Modello Giugno 2014 Investment Advisory 10 Giugno 2014 Milano Indice Commento Generale (p. 3) Portafoglio Obbligazionario (p. 4) Portafoglio Bilanciato (p. 6) Portafoglio Azionario (p. 8) Ranking

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

La Federal Reserve. L analisi settimanale del 4.04.2011 è fornita da etoro. Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.

La Federal Reserve. L analisi settimanale del 4.04.2011 è fornita da etoro. Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro. La Federal Reserve Sta per cambiare politica? 4 aprile 2011 Il doppio Mandato della Federal Reserve- Dal 1978, la Federal Reserve è stata incaricata dal Congresso statunitense del doppio mandato di promuovere

Dettagli