Prendiamo un po d aria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prendiamo un po d aria"

Transcript

1 Il Giardino della Scienza SE ASCONA In collaborazione con Comune di Ascona Prendiamo un po d aria L aria non si vede ma spinge, frena, gonfia, muove, solleva, schiaccia, si dilata, soffia e abbiamo preparato una serie di esperimenti per mostrarlo. L aria non si vede: l aria è presente (quasi) ovunque attorno a noi 1 Cosa contiene una bottiglia di plastica? Un po d acqua e poi? E se la schiacciamo? Si deforma? No, se non svitiamo il tappo! La bottiglia contiene l aria. Domande: nelle nostre tasche c è dell aria? Cosa significa sottovuoto? Hai già visto dei cibi sottovuoto? Sviluppi: l aria di cosa è fatta? E presente ovunque con la stessa densità? (pensiamo alla differenza tra montagna e pianura) 1

2 2 Vortex bottle connector Perché l acqua non scende dalla bottiglia superiore o lo fa molto lentamente? L aria presente nella bottiglia inferiore e la proprietà dell acqua di formare delle gocce (forza di coesione) impediscono all acqua di scendere. Se facciamo ruotare la bottiglia in modo che la base faccia da perno, l acqua che aderisce alle pareti (forza di adesione) si muoverà a una velocità maggiore di quella al centro e formerà un vortice. Si crea un buco nell acqua che svuoterà rapidamente la bottiglia. Con liquidi come l olio o l acqua e sapone (o se l acqua è da un po nella bottiglia) il comportamento è diverso, c è sempre un po di liquido che passa attraverso il foro verso il basso. L aria aspira: la fontana di Erone, l imbuto e il Windtube 3 Come si forma la fontana di Erone? Nella fontana di Erone, l acqua scende dalla bottiglia superiore piena attraverso una delle cannucce e l aria scorre velocemente in alto attraverso l altra. Si genera una depressione che risucchia l acqua attraverso dei fori, nascosti dal tappo di plastica, ed esce dall estremità superiore formando la fontanella. Fountain connection 4 Come mai la pallina di polistirolo si solleva soffiando nel tubo? L aria in movimento, creata con il soffio, genera una depressione che risucchia la pallina di polistirolo, questa è spinta verso l alto dalla pressione atmosferica esercitata dall aria che la circonda. 5 Come mai il cono di carta si solleva soffiando nel collo della bottiglia? L aria in movimento (creata con il soffio) crea anche qui una depressione che risucchia il cono di carta, questo è spinta verso l alto dalla pressione atmosferica presente nell aria che lo circonda. 6 Windtube Il Windtube è un lungo sacchetto di plastica. Perché si riempie meglio soffiando da una certa distanza invece che soffiando direttamente con la bocca a contatto con l imboccatura? Soffiando uno spiffero a bocca socchiusa nel Windtube da una certa distanza, si forma una depressione che viene compensata dall aria circostante a pressione atmosferica. Il sacco si riempie quindi di aria proveniente dall ambiente e non dai polmoni di chi soffia. 2

3 L aria spinge: il Diavoletto di Cartesio 7 Come mai schiacciando le pareti della bottiglia, il diavoletto di Cartesio (o il calamaro) scende mentre lasciando le pareti, questo risale? Cartesian devil Schiacciando le pareti della bottiglia si comprime l aria nell alto della bottiglia e la pressione si trasmette all acqua che entra all interno dalla coda/pipetta rendendo più pesante il Diavoletto/calamaro e quindi facendolo scendere (principio di Archimede). Al contrario, liberando le pareti della bottiglia, la pressione dell aria diminuisce, l acqua ritrova spazio nella bottiglia e quindi esce dalla coda/pipetta rendendo il Diavoletto/calamaro più leggero. L aria occupa spazio 8 Perché è impossibile gonfiare una palloncino all interno di una bottiglia? La presenza dell aria all interno della bottiglia non lascia spazio per gonfiare il palloncino, mentre se al fondo della bottiglia si pratica un foro, l aria può uscire dal buco permettendo al palloncino di gonfiarsi. L aria si dilata e si contrae: bottiglia e palloncino con acqua calda 9 Come si comporta l aria se la riscaldiamo, e se la raffreddiamo? Mettendo la bottiglia nel catino con acqua bollente, l aria presente nella bottiglia si scalda, si espande ovvero tende ad occupare più spazio e quindi sale verso il palloncino gonfiandolo. Immergendo la bottiglia nell acqua fredda, invece, l aria presente nella bottiglia si raffredda, si contrae sgonfiando il palloncino. L aria solleva: pallina e pallone 10 La spinta dell aria sostiene il peso della pallina. L aria crea una specie di tubo nel quale la pallina si solleva. Rimane nel tubo perché l aria soffiata che scorre sopra superficie curva della pallina è più veloce dell aria che passa al di sotto, la pallina perciò riceve una pressione maggiore dal di sotto che la sostiene. 3

4 11 Piegando il Phön, la pallina rimane sollevata grazie all equilibrio che si crea tra il peso della pallina e la forza dovuta alla pressione differenza di pressione tra i due lati della pallina. L aria che fluisce sopra la pallina è più veloce dell aria che fluisce sotto e si crea la differenza di pressione che spinge verso l alto. 12 Se il flusso d aria è sufficiente, si riesce a tenere sollevato anche un pallone gonfiabile. L aria su può lanciare: l Airzooka 13 Quando lanciamo aria con l Airzooka contro un bersaglio mobile (una tenda o una pianta) ne vediamo l effetto dopo un certo tempo. Perché? L Airzooka sembra non lanciare nulla ma in realtà lancia dell aria che si rende visibile quando colpisce un bersaglio mobile come una tenda o dei capelli. Quest aria impiega qualche secondo prima di raggiungere la tenda. La risposta quindi non è immediata. Questo significa che non si tratta di aria che sposta altra aria come in un onda sonora bensì dello stesso pacchetto di aria che, impiegando qualche secondo, raggiunge la superficie desiderata. Questi pacchetti d aria prendono la forma dell interno dell Airzooka. Questi sono visibili utilizzando la macchina del fumo e hanno la forma di un anello. Airzooka L aria pesa: le ventose 14 Cos è una ventosa? È un oggetto a forma di coppa di gomma, o di altro materiale, capace di aderire alle superfici lisce. Schiacciando la ventosa sulla superficie liscia, tutta l aria al di sotto, esce. La pressione atmosferica, dovuta al peso dell aria sopra di noi, agisce sulla ventosa impedendo a quest ultima di staccarsi. La forza necessaria per staccarla è proporzionale 4

5 Pressure Pullers alla superficie della ventosa. 15 Schiacciando la pallina, la ventosa aderisce alla superficie liscia, la molla si contrae e solo dopo un po riesce a vincere la forza della ventosa saltando in aria. Per il grillo sono le zampe a fungere da molla. L aria fa strani scherzi: due palloncini 16 Perché, quando gonfiamo un palloncino, risulta più faticoso soffiare all inizio, quando il palloncino è ancora completamente sgonfio, che quando il palloncino è già in parte gonfiato? L esperimento rende evidente come, aprendo i rubinetti, l aria presente nel palloncino piccolo si sposta verso il palloncino più grande. Questo è dovuto alla pressione esercitata dalla parete del palloncino, che in questo caso risulta maggiore nel palloncino piccolo. Two balloon surprise La stessa cosa capita gonfiando un palloncino. All inizio la forza esercitata dalle pareti del palloncino è tale da far fatica a soffiare l aria all interno, poi questa diminuisce e soffiare diventa meno faticoso. L aria fa muovere: auto ad aria, razzi 17 L aria può sprigionare una forza tale da mettere in movimento delle macchinine. L impulso, massa d aria che esce velocemente, dovuto all aria compressa nel palloncino è tale da spingere la macchinina nel senso opposto. 18 L elastico situato nel tubo, una volta caricato, si srotola facendo girare l elica. Le pale dell elica muovono indietro l aria con una tale forza da provocare il movimento in avanti della macchinina. 19 Come funziona un razzo ad aria? Pump rocket Spingendo la parte posteriore, l aria presente nel tubo viene compressa esercitando una forza tale da vincere l attrito del razzo con il tubo, permettendogli così di partire. La parte anteriore del razzo staccandosi compie una traiettoria chiamata parabola prima di raggiungere il pavimento. 5

6 20 Finale con i palloncini sonori! L aria che esce fa vibrare la parte terminale del palloncino emettendo un fischio. Il loro moto è del tutto caotico e casuale. Rocket balloons Costruzione del razzetto ad aria Materiale :. 1 palloncino. 1 cannuccia pieghevole. 1 cannuccia dal diametro leggermente più grande della cannuccia pieghevole (cannuccia grossa). 1 pezzetto di spugna (cubetto di 2 * 2 * 2 cm). plastilina. talco. collo di una bottiglia PET Procedimento: 1. Con l ausilio di un collo di bottiglia PET, far scivolare prima del talco e poi il pezzetto di spugna nel palloncino. 2. Tagliare la cannuccia pieghevole 1/3 del lato lungo della cannuccia pieghevole. 3. Creare una anello di plastilina attorno alla cannuccia pieghevole a una distanza di 1 cm dalla piegatura sul lato corto. 4. Inserire il lato corto della cannuccia nel palloncino. 5. Usare l anello di plastilina per chiudere ermeticamente il palloncino e soffiare dal lato lungo della cannuccia nel palloncino per accertarsi che non ci siano perdite di aria. 6. Tagliare un pezzo di ca 5-6 cm di cannuccia più grossa. 7. Coprire ermeticamente un lato del pezzo di cannuccia grossa con della plastilina. 8. Inserire il lato corto della cannuccia pieghevole nel pezzo di cannuccia grossa. Ora tutto è pronto per il primo lancio! Figure 1-8 6

7 Costruzione di una girandola (da Divertiamoci con la scienza di Brenda Walpole Ed. De Agostini ragazzi) Materiale : cartoncino sottile o carta robusta 1 cappuccio di una bottiglia di detersivo liquido 1 bastoncino 1 chiodo lungo 38 mm Procedimento: 1. Riportare la forma sottostante sul cartoncino. Tracciare le linee e i cerchi. Figura 1 : 2. Tagliare il cartoncino lungo le righe tratteggiate e praticare i fori dove indicato. 3. Ripiegare i 4 angoli e incollarli fra loro. 4. Fissare il cappuccio della bottiglia di detersivo al centro della girandola e spingere l estremità piccola finché esce dall altra parte della girandola. 5. Infilare il chiodo al centro del cappuccio e piantarlo nel bastoncino con il martello. Figura 2: 7

8 6. Soffiare verso la girandola 7. Funziona meglio se si soffia di fronte o di lato? Cosa succede La girandola gira e gira meglio se si soffia di lato. Perché : L aria soffiata raggiunge le pale della girandola facendola girare. Questa gira meglio se si soffia di lato perché l aria raggiunge meglio l interno delle pale e quindi lavora con più forza. Dove trovare il materiale per gli esperimenti 2, 3, 6, 7, 13, 14, 15, 16, 19, 20 Educational Innovations 17, 18 Opitec Altri esperimenti: negozi Do It, bottiglie di PET, palloncini, materiale scolastico Prendiamo un po d aria visto dai bambini della scuola dell infanzia di Intragna Testo e foto: Agata Filippini e Giorgio Häusermann Per informazioni: Giorgio Häusermann 8

Quanta scienza in. una siringa?

Quanta scienza in. una siringa? S.M.S Puecher Colombo Via G. Pizzigoni n 9 20156 Milano Tel. 0239215302 e-mail: colomboscuola@tiscali.it Quanta scienza in. una siringa? Classe: 3^A (sede Colombo) Anno scolastico: 2002/2003 Insegnante:

Dettagli

L ARIA. Possiamo poi anche fare insieme queste riflessioni Vedere l aria

L ARIA. Possiamo poi anche fare insieme queste riflessioni Vedere l aria L ARIA 1. LA PRESENZA DELL ARIA Con questo primo gruppo di esperienze vogliamo far percepire agli alunni la presenza dell aria, elemento difficile da vedere ma del quale possiamo avere informazioni attraverso

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

LABORATORI SULL ARIA E SULLA PRESSIONE ATMOSFERICA (ALL.

LABORATORI SULL ARIA E SULLA PRESSIONE ATMOSFERICA (ALL. L'ARIA L'aria è una cosa leggera che ricopre tutta la terra come copre la buccia la pera ma nessuno la vede o l'afferra E' una specie di fumo lucente e anche se non si vede con gli occhi, la respira col

Dettagli

Alla scoperta dell acqua intorno a noi Un possibile percorso 1. Alla scoperta dell acqua intorno a noi (I) Un possibile percorso 2

Alla scoperta dell acqua intorno a noi Un possibile percorso 1. Alla scoperta dell acqua intorno a noi (I) Un possibile percorso 2 I s t i t u t o T e c n i c o I n d u s t r i a l e S t a t a l e L i c e o S c i e n t i f i c o T e c n o l o g i c o E t t o r e M o l i n a r i Via Crescenzago, 110-20132 Milano - t e l. : ( 0 2 )

Dettagli

di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011

di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011 di Svetlana Prodan Classe 3A Scuola media Colombo a.s. 2010-2011 Schema di una relazione Titolo Scopo dell esperimento Materiale occorrente Previsione di ciò che succede Istruzioni o descrizioni Osservazioni

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

TEORIA CINETICA DEI GAS

TEORIA CINETICA DEI GAS TEORIA CINETICA DEI GAS La teoria cinetica dei gas è corrispondente con, e infatti prevede, le proprietà dei gas. Nella materia gassosa, gli atomi o le molecole sono separati da grandi distanze e sono

Dettagli

Esperimenti con l aria

Esperimenti con l aria Esperimenti con l aria 1. Gonfia un palloncino e svuotalo in un contenitore pieno di acqua. Dal palloncino escono bolle di aria. 2. Immergi una bottiglia vuota capovolta in un contenitore pieno di acqua.

Dettagli

Forma Pressione Peso Combustione Aria calda e fredda Volo. A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins.

Forma Pressione Peso Combustione Aria calda e fredda Volo. A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins. Forma Pressione Peso Combustione Aria calda e fredda Volo A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins. Cristina Andrini Dove si trova l'aria? Una vaschetta Acqua Un bicchiere Un foglio di carta

Dettagli

Che cosa è la materia?

Che cosa è la materia? Che cosa è la materia? Tutti gli oggetti e le sostanze che ci stanno intorno sono costituite da materia. Ma che cosa è la materia? Il banco, la cattedra occupano uno spazio nell aula a causa del loro volume,

Dettagli

Esperimenti Informazioni per il PD

Esperimenti Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/9 Compito Obiettivo Gli alunni affrontano in maniera sperimentale i temi della trasmissione, della resistenza al rotolamento e della resistenza aerodinamica. Si tratta di temi

Dettagli

MATERIALI: -pentola con acqua -cucchiaio di ferro e di legno

MATERIALI: -pentola con acqua -cucchiaio di ferro e di legno PROPAGAZIONE DEL CALORE CONDUZIONE CONVEZIONE IRRAGGIAMENTO EFFETTI DEL CALORE DILATAZIONE TERMICA nei SOLIDI CAMBIAMENTI DI STATO CUBICA LINEARE nei LIQUIDI nei GAS di Davide M. MATERIALI: -pentola con

Dettagli

FENOMENI DI SUPERFICIE 1 Un possibile percorso: LA TENSIONE SUPERFICIALE Scheda esperienza 1

FENOMENI DI SUPERFICIE 1 Un possibile percorso: LA TENSIONE SUPERFICIALE Scheda esperienza 1 PIANO ISS P r e s i d i o M I L A N O I s t i t u t o T e c n i c o I n d u s t r i a l e S t a t a l e L i c e o S c i e n t i f i c o T e c n o l o g i c o E t t o r e M o l i n a r i Via Crescenzago,

Dettagli

ATTIVITÀ L ACQUA ESERCITA UNA FORZA

ATTIVITÀ L ACQUA ESERCITA UNA FORZA ATTIVITÀ L ACQUA ESERCITA UNA FORZA Obiettivi Gli oggetti galleggiano perché l acqua esercita su di essi una spinta: la spinta di Archimede. Difficoltà Difficile Tempo di esecuzione 1 ora Elenco materiali

Dettagli

Aeroplani ed effetto Coanda

Aeroplani ed effetto Coanda tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video Aeroplani ed effetto Coanda prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARITI Corso della Repubblica, 125 Fauglia (PI) LABORATORI DEI SAPERI SCIENTIFICI 2013-2014 DIARIO DEL GRUPPO

ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARITI Corso della Repubblica, 125 Fauglia (PI) LABORATORI DEI SAPERI SCIENTIFICI 2013-2014 DIARIO DEL GRUPPO ISTITUTO COMPRENSIVO G.MARITI Corso della Repubblica, 125 Fauglia (PI) LABORATORI DEI SAPERI SCIENTIFICI 2013-2014 SCUOLA: Secondaria di I grado Benci " Santa Luce CLASSE/SEZIONE :1 F INSEGNANTE: ORLANDINI

Dettagli

Spettacolo Scientifico_Ludico/Teatrale

Spettacolo Scientifico_Ludico/Teatrale Spettacolo Scientifico_Ludico/Teatrale _ Il CIRCO delle SCIENZE _ Il 9 dicembre 2014, le classi della Scuola Secondaria di 1 grado dell Istituto Comprensivo A. R. Chiarelli hanno partecipato allo Spettacolo

Dettagli

LA MONTAGNA NELLA SCUOLA - 6 MARZO 2001 L'ARIA. schede di lavoro a cura di Marica Perini - Dipartimento di Fisica di Trento

LA MONTAGNA NELLA SCUOLA - 6 MARZO 2001 L'ARIA. schede di lavoro a cura di Marica Perini - Dipartimento di Fisica di Trento LA MONTAGNA NELLA SCUOLA - 6 MARZO 2001 L'ARIA schede di lavoro a cura di Marica Perini - Dipartimento di Fisica di Trento Di seguito sono presentati alcuni esperimenti realizzabili con materiale povero

Dettagli

L'ACQUA TRASCINA TUTTO SCUOLA INFANZIA

L'ACQUA TRASCINA TUTTO SCUOLA INFANZIA L'ACQUA TRASCINA TUTTO SCUOLA INFANZIA COSA OCCORRE Sassi, ghiaia, argilla, sabbia, acqua, un grosso barattolo. COME PROCEDERE Lo scopo di questo esperimento è di mostrare ai bambini come l'acqua, durante

Dettagli

BOX DI ESPERIMENTI 1.0

BOX DI ESPERIMENTI 1.0 BOX DI ESPERIMENTI 1.0 Materiali, istruzioni, e spiegazioni per la realizzazione di 20 esperimenti scientifici Italiano Gratuito per scopi educativi Richiedi la licenza >> Autore: Saso Zigon Consulente:

Dettagli

Siringhe e Legge di Boyle

Siringhe e Legge di Boyle tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video Siringhe e Legge di Boyle prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR per la

Dettagli

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia?

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia? Questionario 1) Due palline metalliche hanno le stesse dimensioni, ma una pesa il doppio dell altra. Le due palline vengono lasciate cadere contemporaneamente dal tetto di un edificio di due piani. Il

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE MASTER IN DIDATTICA DELLE SCIENZE LUIDI IN EQUILIBRIO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE MASTER IN DIDATTICA DELLE SCIENZE LUIDI IN EQUILIBRIO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE MASTER IN DIDATTICA DELLE SCIENZE LUIDI IN EQUILIBRIO COMPRESSIBILITA ESOTERMA NEI LIQUIDI LEGGE DI BOYLE NEI GAS IL TORCHIO IDRAULICO COMPRIMIBILITA FORZA DISTRIBUITA SULLA

Dettagli

Lo spazio percorso in 45 secondi da un treno in moto con velocità costante di 130 km/h è: a) 2.04 km b) 6.31 km c) 428 m d) 1.

Lo spazio percorso in 45 secondi da un treno in moto con velocità costante di 130 km/h è: a) 2.04 km b) 6.31 km c) 428 m d) 1. L accelerazione iniziale di un ascensore in salita è 5.3 m/s 2. La forza di contatto normale del pavimento su un individuo di massa 68 kg è: a) 2.11 10 4 N b) 150 N c) 1.03 10 3 N Un proiettile viene lanciato

Dettagli

L ARIA Brevi indicazioni didattiche

L ARIA Brevi indicazioni didattiche L ARIA Brevi indicazioni didattiche Il percorso didattico è incentrato sulla sperimentazione e l osservazione, pertanto procuriamoci tutto il materiale necessario: contenitori in vetro, bicchiere, cartolina,

Dettagli

E LE CANDELE A COSA SERVONO?

E LE CANDELE A COSA SERVONO? Con un phon Spingendo le eliche con la mano Con un ventilatore Soffiando Girando il perno Con il vento Spingendo i personaggi cl. cl. 3 e e Goldoni ins. ins. E.De Biasi Tolgo le eliche, tengo il perno

Dettagli

Elettricità (+) o (-)

Elettricità (+) o (-) tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video Elettricità (+) o (-) prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR per la diffusione

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Risultati questionario Forze

Risultati questionario Forze Risultati questionario Forze Media: 7.2 ± 3.3 Coeff. Alpha: 0.82 Frequenza risposte corrette Difficoltà domande 18 16 14 12 10 8 6 4 2 0 25% 42% 75% 92% 100% % corrette 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30%

Dettagli

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni

I VULCANI. testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica. La conoscenza dei fenomeni I VULCANI testo facilitato per alunni di scuola secondaria di primo grado ad un livello A2 di competenza linguistica La conoscenza dei fenomeni Prima di iniziare Sai cosa sono i fenomeni? Esempi di fenomeno:

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI

PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI LA DILATAZIONE TERMICA NEI SOLIDI I ESPERIENZA OCCORRENTE: sbarra metallica

Dettagli

La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile.

La tensione superficiale dà l'impressione che l'acqua abbia una sorte di pelle elastica e sottile. LA TENSIONE SUPERFICIALE Osserviamo l acqua che sgocciola da un rubinetto chiuso male. Ogni goccia che si forma rimane attaccata al rubinetto per un istante, prima di cedere alla gravità e di cadere in

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

Come funziona la radio? Informazioni agli insegnanti

Come funziona la radio? Informazioni agli insegnanti Informazioni agli insegnanti 1/7 Compito Gli alunni guardano un filmato e danno prova del loro apprendimento rispondendo alle domande della scheda di lavoro. Obiettivo Gli alunni imparano come nasce e

Dettagli

h) Elementi di aerodinamica delle vele

h) Elementi di aerodinamica delle vele h) Elementi di aerodinamica delle vele L effetto del vento su un piano Poniamo un piano all azione del vento come indicato nella figura 1. Esso si sposterà sottovento muovendosi parallelamente a se stesso.

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto IN LABORATORIO 8 Maggio 26 Istruzioni per l allestimento della prova Materiale riservato per i docenti LA DENSITÀ DELL OLIO Presentazione

Dettagli

MASSA VOLUMICA o DENSITA

MASSA VOLUMICA o DENSITA MASSA VOLUMICA o DENSITA Massa volumica di una sostanza: è la massa di sostanza, espressa in kg, che occupa un volume pari a 1 m 3 1 m 3 di aria ha la massa di 1,2 kg 1 m 3 di acqua ha la massa di 1000

Dettagli

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Pressione EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Cos è la pressione? La pressione è una grandezza che lega tra di loro l intensità della forza e l aerea della superficie su cui viene esercitata

Dettagli

Istruzione di montaggio per kit di taratura idraulica Per forcelle a cartuccia

Istruzione di montaggio per kit di taratura idraulica Per forcelle a cartuccia Istruzione di montaggio per kit di taratura idraulica Per forcelle a cartuccia La forcella è un componente molto importante della moto e ha una grande influenza sulla stabilità del veicolo. Leggere attentamente

Dettagli

CON CHE SI GIOCAVA....UNA VOLTA

CON CHE SI GIOCAVA....UNA VOLTA CON CHE SI GIOCAVA....UNA VOLTA Tutto l occorrente per il laboratorio è a disposizione sui tavoli comprese le istruzioni per la realizzazione dei giochi. I gruppi sono tre e ognuno creerà i giochi di una

Dettagli

Capitolo 3. Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare.

Capitolo 3. Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare. Realizzazione meccanica Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare. - 37 - 3.1 Reperibilità dei pezzi La prima

Dettagli

Smorzamento Degli Ammortizzatori

Smorzamento Degli Ammortizzatori Smorzamento Degli Ammortizzatori Lo smorzamento governa la resistenza al movimento degli ammortizzatori, per mezzo di un pistone interno che si muove a bagno d olio quando l ammortizzatore si comprime

Dettagli

Progetto: Facciamo scienza...sperimentando Scuola Primaria di Cogollo a.s. 2012/2013. 1 esperienza: Cromatografia estrazione clorofilla e carotenoidi

Progetto: Facciamo scienza...sperimentando Scuola Primaria di Cogollo a.s. 2012/2013. 1 esperienza: Cromatografia estrazione clorofilla e carotenoidi a.s. 2012/2013 1 esperienza: Cromatografia estrazione clorofilla e carotenoidi Materiale necessario: - foglie di diverso tipo - beute - cilindro graduato - pipette - imbuto beuta cilindro graduato - mortaio

Dettagli

EQUILIBRIO DEI FLUIDI

EQUILIBRIO DEI FLUIDI ISTITUTO PROVINCIALE DI CULTURA E LINGUE NINNI CASSARÀ EQUILIBRIO DEI FLUIDI CLASSI III A, III B E IV A Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it SOLIDI, LIQUIDI E GAS La divisione della materia nei suoi tre

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Alcune proprietà dell aria

Alcune proprietà dell aria SCIENZE La Terra L aria, come già sai, è composta sostanzialmente di gas, ed è invisibile, tanto che normalmente non ci accorgiamo della sua presenza e finiamo per considerarla qualcosa di astratto. Ma

Dettagli

Esperienza con la macchina. termica

Esperienza con la macchina. termica Esperienza con la macchina termica Macchina termica Il pistone in grafite scorre all interno del cilindro in pyrex in condizioni di quasi assenza di attrito. il sistema pistone-cilindro non garantisce

Dettagli

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua.

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua. QUESITO 1 Il grafico rappresenta l andamento della velocità di una palla al passare del tempo. Dalle tre situazioni seguenti quali possono essere state rappresentate nel grafico? I- La palla rotola giù

Dettagli

EDUCAZIONE SCIENTIFICA

EDUCAZIONE SCIENTIFICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO SCUOLA DELL INFANZIA EDUCAZIONE SCIENTIFICA Destinatari: bambini anni 3 4-5 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO SCUOLE DELL INFANZIA DI: Campagnola Cr.,

Dettagli

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GRUPPO 5ANNI SEZ.G SCUOLA DELL INFANZIA C.PERRAULT Ins.Virando Maura e Susanna SITUAZIONE:SPAZIO UTILIZZATO: ANGOLO ATTIVITA TRANQUILLE PICCOLO GRUPPO OMOGENEO: 5ANNI

Dettagli

LEGGE DI STEVINO. La pressione non dipende dalla superficie della base del recipiente

LEGGE DI STEVINO. La pressione non dipende dalla superficie della base del recipiente LA PRESSIONE NEI LIQUIDI DOVUTA ALLA FORZA PESO In condizioni di equilibrio la superficie libera di un liquido pesante deve essere piana ed orizzontale. Liquido di densitàρ Ogni strato orizzontale di liquido

Dettagli

COME TI SOSTITUISCO L'OLIO DEI FRENI

COME TI SOSTITUISCO L'OLIO DEI FRENI COME TI SOSTITUISCO L'OLIO DEI FRENI GUIDA PER CHI VUOLE CIMENTARSI NELL'ARTE DEL FAI DA TE Iniziamo con gli strumenti del mestiere Come detto più volte, è fondamentale utilizzare attrezzi di buona qualità:

Dettagli

ESPERIMENTO : 1 Prendete il chiodo, il tappo di sughero, la candela e un oggetto di pongo presenti nel kit, immergeteli in una bacinella d acqua.

ESPERIMENTO : 1 Prendete il chiodo, il tappo di sughero, la candela e un oggetto di pongo presenti nel kit, immergeteli in una bacinella d acqua. Chiara Incerpi IIA Vi ringraziamo per aver scelto il nostro kit. Qui imparerete il segreto del galleggiamento attraverso una serie di esperimenti che potrete eseguire con i diversi materiali. ESPERIMENTO

Dettagli

Il frullato rosa pag. 1

Il frullato rosa pag. 1 COSTRUIRE: elenco comandi Il frullato rosa pag. 1 Occorrente - 4 cestini di fragole - 2 banane - 2 tazze di latte - 2 vasetti di yogurt naturale - 3 cucchiai di zucchero - mezzo limone - il frullatore

Dettagli

CAMBIO LIQUIDO E PULIZIA CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO: by Antsrp

CAMBIO LIQUIDO E PULIZIA CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO: by Antsrp CAMBIO LIQUIDO E PULIZIA CIRCUITO DI RAFFREDDAMENTO: by Antsrp In questa guida viene spiegato come sostituire il liquido refrigerante del circuito di raffreddamento della Ibiza (anche se il procedimento

Dettagli

ESPERIENZA 1 MATERIALE - UNA BACINELLA, UN BARATTOLO DI VETRO, UN TAPPO DI SUGHERO, ACQUA, CARTA E PENNA.

ESPERIENZA 1 MATERIALE - UNA BACINELLA, UN BARATTOLO DI VETRO, UN TAPPO DI SUGHERO, ACQUA, CARTA E PENNA. Prof. Fucini Marco ESPERIMENTO 1 ESPERIMENTO 2 ESPERIMENTO 3 ESPERIMENTO 4 ESPERIMENTO 5 ESPERIMENTO 6 ESPERIMENTO 7 ESPERIMENTO 8 ESPERIMENTO 9 ESPERIMENTO 10 ESPERIMENTO 11 ESPERIMENTO 12 ESPERIMENTO

Dettagli

Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo.

Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo. Introduzione Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo. riassunto Cosa determina il moto? Forza - Spinta di un

Dettagli

GAS. I gas si assomigliano tutti

GAS. I gas si assomigliano tutti I gas si assomigliano tutti Aeriforme liquido solido GAS Descrizione macroscopica e microscopica degli stati di aggregazione della materia Fornendo energia al sistema, le forze di attrazione tra le particelle

Dettagli

Prodotto da CRISTINA&FRANCESCA

Prodotto da CRISTINA&FRANCESCA Prodotto da CRISTINA&FRANCESCA Vibrazioni e suoni Ricevitori di suoni e rumori Le nostre idee iniziali Propagazione di suoni e rumori Rumori dentro e fuori dal nostro corpo Produzione di rumori Per produrre

Dettagli

STIMOLAZIONI DIRETTE E GIOCHI ORGANIZZATI POSSIBILMENTE IN GRUPPO

STIMOLAZIONI DIRETTE E GIOCHI ORGANIZZATI POSSIBILMENTE IN GRUPPO COUNSELING ALLA FAMIGLIA COUNSELING AL NIDO E ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPEDEUTICA STIMOLAZIONI DIRETTE E GIOCHI ORGANIZZATI POSSIBILMENTE IN GRUPPO INTERVISTA ALLA FAMIGLIA INERENTE LA GIORNATA DEL

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto IN LABORATORIO 6 Maggio 2010 Istruzioni per l allestimento della prova Materiale riservato per i docenti UNA BILANCIA MOLTO SENSIBILE Presentazione

Dettagli

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m);

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m); 1 L ENERGIA holbox/shutterstock 1. IL LAVORO Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J (1 N) (1 m); inoltre, la formula (5) del capitolo «I princìpi della

Dettagli

Caffettiere a confronto Alcune precisazioni e sviluppi dell attività

Caffettiere a confronto Alcune precisazioni e sviluppi dell attività Caffettiere a confronto Alcune precisazioni e sviluppi dell attività A ciascun gruppo è stata consegnata una caffettiera con libertà di aprirla e smontarla. Le caffettiere erano diverse per forma e dimensioni.

Dettagli

vari contenitori di capacità 1 l tarati un litro d acqua dentro una bacinella

vari contenitori di capacità 1 l tarati un litro d acqua dentro una bacinella di Beatrice MATERIALI: vari contenitori di capacità 1 l tarati un litro d acqua dentro una bacinella Verso l acqua della bacinella in vari contenitori. La travaso ogni volta. OSSERVAZIONI: L acqua nel

Dettagli

COSTRUIRE Le schede di lavoro

COSTRUIRE Le schede di lavoro A. Mastromarco, A scuola: giocare, costruire, fare per... imparare l italiano con il metodo TPR! 0 Ill frullllato rosa Completa il comando: collega con una freccia e poi scrivi sui puntini la parola che

Dettagli

Operazioni di igiene e manutenzione

Operazioni di igiene e manutenzione OPERAZIONI DI IGIENE Operazioni di igiene dei visi del manichino Laerdal Si consiglia di fornire un singolo viso del manichino a ciascuno studente per eliminare la necessità di decontaminazione tra uno

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Piscineitalia.it. Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello

Piscineitalia.it. Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello 1 Raccomandazioni Si raccomanda di preforare sempre prima di avvitare, in modo da evitare che il legno si rompa. Nella tabella

Dettagli

Le sospensioni 22 R.T.A. 152. di Gianpaolo Riva

Le sospensioni 22 R.T.A. 152. di Gianpaolo Riva Le sospensioni di Gianpaolo Riva Sono elementi nascosti alla vista dell automobilista. Assicurano comfort e tenuta di strada e perciò la loro funzione è indispensabile e fondamentale per la sicurezza attiva.

Dettagli

IL PRINCIPIO DI PASCAL. Osservazioni da cui trae spunto la proposta di lavoro e descrizione sintetica degli obiettivi didattici

IL PRINCIPIO DI PASCAL. Osservazioni da cui trae spunto la proposta di lavoro e descrizione sintetica degli obiettivi didattici IL PRINCIPIO DI PASCAL Fascia d età 13-15 anni Osservazioni da cui trae spunto la proposta di lavoro e descrizione sintetica degli obiettivi didattici La letteratura segnala difficoltà in studenti della

Dettagli

La Fisica in Casa. di Carlo Cosmelli. Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza carlo.cosmelli@roma1.infn.it

La Fisica in Casa. di Carlo Cosmelli. Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza carlo.cosmelli@roma1.infn.it La Fisica in Casa di Carlo Cosmelli Dipartimento di Fisica, Università La Sapienza carlo.cosmelli@roma1.infn.it Esperimento #3 La bottiglia sopra la candela. Argomenti: Combustione, Ossigeno nell aria,

Dettagli

Filtrazione semplice con imbuto.

Filtrazione semplice con imbuto. Filtrazione semplice con imbuto. Se si dispone di carta da filtro in fogli quadrati di 60 cm di lato, occorre tagliarli in 16 parti. Prendere una quadrato di carta da filtro di 15 cm di lato e piegarlo

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Scientifico statale Innocenzo XII Anzio (Roma) PROGRAMMA SVOLTO (a.s. 2013/14) Classe PRIMA sez

Dettagli

ATTREZZATURA DI LABORATORIO

ATTREZZATURA DI LABORATORIO ATTREZZATURA DI LABORATORIO IN GENERALE RICORDIAMO CHE 1) il vetro pyrex non reagisce chimicamente con altre sostanze tranne che con l acido fluoridrico se riscaldato non si spacca 2) gli strumenti in

Dettagli

Possiamo vedere in azione questo principio nell impianto frenante delle automobili, o nei ponti idraulici delle officine.

Possiamo vedere in azione questo principio nell impianto frenante delle automobili, o nei ponti idraulici delle officine. La pressione Pressione: intensità della forza F che agisce perpendicolarmente alla superficie S. La formula diretta è: Nota bene che: 1. la pressione è una grandezza scalare, F p = S 2. la forza è espressa

Dettagli

La Pasqua: lavoretti. Come si fa! Un biglietto per Pasqua. Cosa ci serve

La Pasqua: lavoretti. Come si fa! Un biglietto per Pasqua. Cosa ci serve La Pasqua: lavoretti Un biglietto per Pasqua fogli da disegno tempera arancione pennarelli spugnette e piatti di plastica pennello fogli di gomma colorati (rosso, giallo e bianco) occhietti mobili per

Dettagli

La propulsione Informazioni per il PD

La propulsione Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/10 Compito Come funziona un automobile? Gli alunni studiano i diversi tipi di propulsione (motore) dell auto e imparano qual è la differenza tra un motore diesel e uno a benzina.

Dettagli

Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA. 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni

Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA. 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni 12 3.1 Peso dell aria I corpi solidi hanno un loro peso, ma anche i corpi gassosi e quindi l aria,

Dettagli

Realizzazione di un sistema di aria canalizzata perimetrale, per la mansarda

Realizzazione di un sistema di aria canalizzata perimetrale, per la mansarda Realizzazione di un sistema di aria canalizzata perimetrale, per la mansarda Il sistema, realizzato su un Mobilvetta Bussola, può essere utilizzato anche su altri mezzi che hanno la mansarda configurata

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

PROGETTO I.de.M. Laboratorio fisica

PROGETTO I.de.M. Laboratorio fisica PROGETTO I.de.M. Laboratorio fisica Il Progetto I.de.M è un progetto nazionale voluto dal Ministero della Pubblica Istruzione riguardante tutta la Toscana e comprendente tre scuole secondarie di 1 grado

Dettagli

GIOCHI D ACQUA ESTATE RAGAZZI

GIOCHI D ACQUA ESTATE RAGAZZI GIOCHI D ACQUA ESTATE RAGAZZI La sorgente dell acqua sacra Tipo gioco 30 palloncini gonfiati con acqua e sapone 4 sacchi neri robusti da rompere N bottiglie uguali N bicchieri uguali 2 secchi contenenti

Dettagli

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo PREVENZIONE PROTEZIONE individuazione ed eliminazione dei pericoli alla fonte adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo 2 NORME GENERALI DI

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio Accessori Collegamento di tubi Logano G5 con Logalux LT300 Logano G5/GB5 con bruciatore e Logalux LT300 Per l installatore Leggere attentamente prima del montaggio. 6066600-0/00

Dettagli

Le pompe (Febbraio 2009)

Le pompe (Febbraio 2009) Le pompe (Febbraio 2009) Sommario Premessa 2 Classificazione e campi d impiego delle pompe 3 Prevalenza della pompa 4 Portata della pompa 6 Potenza della pompa 6 Cavitazione 6 Perdite di carico 6 Curve

Dettagli

MISURE CON IL MANOMETRO E DETERMINAZIONE DI DENSITA RELATIVE

MISURE CON IL MANOMETRO E DETERMINAZIONE DI DENSITA RELATIVE MISURE CON IL MANOMETRO E DETERMINAZIONE DI DENSITA RELATIVE Materiali -Manometro: tubo a U fissato verticalmente ad un sostegno, con un braccio libero e l altro collegato ad un tubo flessibile di plastica

Dettagli

Custodia per cellulare

Custodia per cellulare Istruzioni Necessario: Macchina da cucire 2 pezzi di stoffa (4,5" x 13") (11,4 cm x 33 cm) 1 pezzo di imbottitura adesiva 2,5" (6,4 cm) di elastico sottile 1 bottone colorato Forbici Spilli Modelli forniti

Dettagli

PROGETTO ARIA. Di seguito riportiamo alcuni dei momenti del progetto nella classe piccoli e successivamente nella classe medi-grandi.

PROGETTO ARIA. Di seguito riportiamo alcuni dei momenti del progetto nella classe piccoli e successivamente nella classe medi-grandi. PROGETTO ARIA Tra i progetti didattici dell anno scolastico 2010-2011 centrale è stato il progetto aria. Abbiamo scelto di affrontare questa tematica in continuità con i precedenti anni scolastici in cui

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA ESPERIMENTI PER LA PRIMA MEDIA

PROGETTO CONTINUITA ESPERIMENTI PER LA PRIMA MEDIA PROGETTO CONTINUITA ESPERIMENTI PER LA PRIMA MEDIA Gli alunni della classe 1^ sec C, dopo aver studiato a casa gli argomenti relativi all opuscolo elaborato Esperimenti per la prima media utilizzando materiali

Dettagli

Gruppo Freno a Disco MILLENNIUM

Gruppo Freno a Disco MILLENNIUM Gruppo Freno a Disco MILLENNIUM Manutenzione Sistema 11 17-19 idraulico Bassano Grimeca S.p.A. Via Remigia, 42 40068 S. Lazzaro di Savena (Bologna) Italy tel. +39-0516255195 fax. +39-0516256321 www.grimeca.it

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

Trasformazione Sevylor Hudson a Vela con parte del kit di Blumarino. Visione d'insieme della canoa attrezzata

Trasformazione Sevylor Hudson a Vela con parte del kit di Blumarino. Visione d'insieme della canoa attrezzata Visione d'insieme della canoa attrezzata 1 Fissaggio della scassa dell'albero In ogni punto in cui i tubi di alluminio sono stati forati per il passaggio delle viti di fissaggio, all'interno sono presenti

Dettagli

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela La combustione Percorso didattico realizzato dalla classe II D Istituto d Istruzione secondaria di I grado S Francesco d Assisi Francavilla Fontana (Br) Docente: prof.ssa Lobello Carmela Perché la combustione?

Dettagli

NOTA SULLA SICUREZZA PERSONALE:

NOTA SULLA SICUREZZA PERSONALE: Sostituzione liquido refrigerante XP500 TMAX (tutte le versioni). IMPORTANTE: Il liquido refrigerante va sostituito completamente ogni 3 anni in quanto, nel tempo, diminuiscono le sue caratteristiche di

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Immagine tratta dal libro TECNOLOGIA del prof. Gianni Arduino

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Immagine tratta dal libro TECNOLOGIA del prof. Gianni Arduino IMPIANTO IDRICO-SANITARIO Per la serie impianti indispensabili per le abitazioni, parliamo di impianto idrico-sanitario, ossia di quell impianto che rifornisce le abitazioni di acqua potabile. Purtroppo

Dettagli

Manutenzione. maintenance it 03-05

Manutenzione. maintenance it 03-05 Manutenzione 21 Regolazione della pressione del giunto porta 2 Sostituzione delle pulegge e dei cavi del contrappeso Sostituzione del giunto porta, del vetro o delle guide della porta 4 Sostituzione della

Dettagli

Metodi di Applicazione per i Film Autoadesivi Avery Dennison emissione: 02/2015

Metodi di Applicazione per i Film Autoadesivi Avery Dennison emissione: 02/2015 Metodi di Applicazione per i Film Autoadesivi Avery Dennison emissione: 02/2015 I film autoadesivi Avery Dennison sono disponibili con una vasta gamma di caratteristiche per numerose applicazioni diverse.

Dettagli

Sedia portantina Utila - modello ALS 300

Sedia portantina Utila - modello ALS 300 Sedia portantina Utila - modello ALS 300 Utila Gerätebau GmbH & Co.KG Zobelweg 9 53842 Troisdorf - Spich Telefono 0224 / 94830 Fax 0224 / 948325 www.utila.de - info@utila.de Utila Gerätebau GmbH & Co.KG

Dettagli